Ventidue idee per vendere di più

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ventidue idee per vendere di più"

Transcript

1 Luciano Biondo Ventidue idee per vendere di più (Dizionario della Vendita) MEZZ ORAMANAGER FREEWARE Versione maggio 2002 versione a stampa stampata da Luciano Biondo via Sanzio 32 Milano in data 3 maggio 2002

2 Copyright Luciano Biondo Via Raffaello Sanzio 32, Milano TEL.: (+39) FAX: (+39) URL: FREEWARE QUESTO FILE, BENCHE SOGGETTO A COPYRIGHT, PER CONCESSIONE DELL AUTORE, PUÒ ESSERE RIPRODOTTO E DISTRIBUITO LIBERAMENTE, IN FORMA ELETTRONICA (ANCHE IN COMPILATION) O STAMPATO SU CARTA, PURCHE IN FORMA COMPLETA E NON MODIFICATA (PER ES. NON SONO CONSENTITE TRADUZIONI IN ALTRE LINGUE) E PURCHE NON A SCOPO DI LUCRO. Diverse utilizzazioni richiedono autorizzazione scritta, che peraltro viene concessa in molti casi. Questo file è stato posto originariamente in Internet nel sito: dove è prelevabile gratis, previa registrazione. Chi l avesse ottenuto per altra via è pregato di registrarsi sul sito: (entrare nella sezione: contatto cercare il paragrafo registrazione) e sarà avvisato a mezzo quando verranno pubblicate nuove opere gratuite. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 2

3 Presentazione Ci sono molti modi per vendere molto. Ci sono molti modi per perdere una vendita. Tu, di quale dei due argomenti sei esperto? Se sei un venditore (o un capo area o un direttore marketing) serio e obiettivo, probabilmente riconoscerai di aver sperimentato sia modi del primo tipo, sia modi del secondo. E analoghe esperienze hanno fatto tanti altri tuoi colleghi. Questo piccolo libro cerca di condensare tanti successi e tante sconfitte in ventidue brevi concetti, riflettendo sui quali è possibile, per ogni commerciale, aumentare i primi e diminuire le seconde. Per cui riteniamo che la mezz ora necessaria per prenderne visione risulterà per tutti un tempo speso bene. Le ventidue considerazioni (dovevano essere ventuno, ognuna avente un titolo iniziante con una differente lettera dell alfabeto, ma per errore ne fu redatta una in più) erano già state pubblicate, a puntate, col titolo di Dizionario della Vendita, per gli iscritti di marketing_aid. Questo è un servizio gratuito di invio di su temi di interesse lavorativo. Se vuoi iscriverti anche tu, basta inviare una completamente vuota a: VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 3

4 La collana Mezz oramanager Non mi sentirei me stesso se non facessi qualcosa per gli altri Oliviero Garavaglia La collana Mezz oramanager è una raccolta di brevi trattati rivolti al manager che voglia documentarsi sui principali temi della sua professione. La lunghezza di ogni volume è tale che tutto il testo possa essere letto in trenta minuti al massimo: molto adatta per rendere produttivo il tempo di un breve viaggio in aereo. La collana Mezz oramanager è distribuita con la formula del Freeware, che ne consente la libera riproduzione e distribuzione (purché in forma non modificata), ma non la traduzione né il commercio a scopo di lucro (per il quale è necessaria autorizzazione scritta del detentore dei diritti, che è specificato su ciascuna opera). I testi sono nel formato standard.pdf e possono essere letti e stampati su qualunque tipo di computer con l apposito programma gratuito Acrobat Reader, distribuito da Adobe. Aidea Sas, società di formazione e consulenza specializzata in motivazione, comunicazione e vendita, seleziona i volumi della collana e li rende disponibili nel proprio sito internet e in alcuni altri siti convenzionati. Grazie alla formula del Freeware, potete copiare i testi da qualunque amico o collega che già li possieda. Se volete essere tra i primi ad averli, li troverete su internet nel sito: VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 4

5 Dedicato a quelli che vorrebbero comprare ma trovano un venditore che rende loro la cosa difficile... VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 5

6 Indice A come Approccio B come Bartali C come Certificazione D come Domande E come Emozioni F come Fasi G come Guadagno H come Hotel I come Immagini Fondamentali L come Lunedì L come Lunga, Larga e Limitata M come Mistery Shopping N come Novellino O come Occasione P come Professionalità Q come Qualità R come Rete S come Soddisfazione del Cliente T come Telematica U come USP V come Venditore Z come Zero Budget VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 6

7 A come Approccio Tutti i corsi di vendita sottolineano l utilità di una fase preliminare, nella trattativa di vendita, solitamente chiamata approccio, il cui scopo è quello di rompere il ghiaccio. La tecnica fondamentale per ottenere questo risultato è di far parlare il cliente di qualunque argomento che non sia lavoro. Quello che non viene sufficientemente evidenziato è che questa fase non serve solo a creare un clima disteso. Essa è infatti utilissima per analizzare alcune caratteristiche psicologiche del cliente, per esempio: 1) il tipo di pensiero usato (pratico, logico o creativo) che influenza la trattativa determinando il tipo di immagine fondamentale (prodotto, soluzione, strumento assecondante) percepito dal cliente. (Nota: se questi vocaboli non vi sono familiari, leggete il volume Cinematica della Genialità, della collana Mezz oramanager, oppure Gilda Venditrice Geniale prelevabili gratis dal sito 2) il tipo di emotività che traspare dalla comunicazione non verbale; 3) lo stile di vita in cui l acquisto andrà inquadrato (fondamentale se il cliente è utilizzatore o consumatore); 4) il livello di sincerità, percepibile con tecniche di confronto fra comunicazione verbale e non verbale. Un venditore che fosse in grado di fare un analisi approfondita ed esatta del suo cliente nei pochi minuti dell approccio farebbe probabilmente lo psicanalista e non il venditore. Ma ricavare qualche modesta informazione relativamente ai punti sopra indicati è possibile per chiunque, ed è utilissimo per la trattativa che seguirà. Alcuni sostengono che la difficoltà maggiore non sia costituita dalle metodologie di analisi (imparabili in corsi brevi), ma dalla poca voglia che il venditore medio ha di far parlare il cliente e di ascoltarlo con attenzione... VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 7

8 B come Bartali Dice una nota canzone: Quanta strada nei miei sandali... quanta ne avrà fatta Bartali... Per molti direttori vendita, vecchio stampo, il ruolo dei venditori è lo stesso di Bartali: testa bassa e pedalare. Nessuno, ovviamente, nega l utilità di fare molte visite: ma preoccuparsi di avere una strategia, quando si contatta un cliente, è più importante ancora. Per avere una buona strategia, il primo passo è una scheda cliente in cui annotare come minimo: - che cosa il cliente ha fatto; - che cosa il cliente ha detto nel descrivere i suoi progetti per il futuro; - che cosa il venditore ha promesso e deve ricordarsi di mantenere. Registrando questi dati, diventa subito più facile mantenere un contatto efficace col cliente. Senza registrarli, costruire una strategia (degna di questo nome) è assolutamente impossibile. Il secondo passo per costruire una strategia è l avere uno strumento di interpretazione di ciò che il cliente ha fatto o ha detto. Per questo, occorre una formazione buona e continuativa. Il terzo passo è quello di prendere delle decisioni riguardo a: 1) quale risultato voglio ottenere complessivamente; 2) quale sotto-risultato voglio ottenere nella prossima visita. 3) chi devo contattare e quando nell organizzazione del cliente. Per esempio: se questa è una grande azienda, almeno 15 ruoli (alcuni corsi di vendita li condensano nell acrostico Posso E Tu) - quindi, tipicamente, 15 persone - vanno identificati e tenuti in considerazione. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 8

9 Il momento migliore per prendere le decisioni ai punti 2 e 3 è, di solito, subito dopo essere usciti da una visita al cliente. Ovviamente, poiché le decisioni riguardano la visita successiva e quindi andranno ricordate quando sarà il momento della prossima visita, le decisioni andranno annotate sulla scheda cliente. L alternativa, è fare come Bartali: tanta strada e, come risultato, tante volte, solo la polvere nei miei sandali. Aidea Sas di Luciano Biondo & C. è una società di consulenza specializzata in motivazione, comunicazione e vendita. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 9

10 C come Certificazione Oggi è sempre più importante la componente servizio. Molto spesso, i prodotti di due ditte concorrenti sono pressoché identici, e i relativi prezzi perfettamente allineati. Ciò che fa la differenza per l utente diventa quindi il servizio. Dopo aver dato giusta enfasi ai servizi di consegna e a a quelli di assistenza post-vendita, le aziende si sono accorte che una parte rilevante del servizio fornito al cliente è prodotto dal venditore durante la trattativa di vendita. Infatti, acquistare è un lavoro, che comporta costi, tempo, fatica (fisica e mentale) e rischi: un buon venditore può ridurre tutti questi fattori scomodi di un buon ordine di grandezza, fornendo un consistente valore aggiunto al cliente. Considerando che il settore vendite incide sul fatturato per una percentuale che va tipicamente dal 10 al 20%, i venditori, per non essere soppiantati da altre forme distributive, devono creare un servizio al cliente che abbia almeno pari valore. Anche le norme ISO 9000, nella nuova versione Vision 2000 andate recentemente in vigore, impongono di curare il servizio di vendita e di assicurarlo al cliente. Per erogare un buon servizio di vendita, in cui il venditore fornisca una consulenza di valore paragonabile con quella di un libero professionista, occorrono due cose: la volontà/serietà della ditta fornitrice (che non deve usare il venditore solo per vendere ad ogni costo, come in passato è stato troppo spesso la regola) e la capacità del venditore di erogare un servizio di concreto valore. In Italia, la capacità del venditore di erogare servizio può essere certificata, a garanzia sia del cliente sia della ditta mandante, dal Cepas (www.cepas.it), Ente Certificatore di cui sono soci Camera di Commercio, Fita Confindustria, UNI, ecc. Informazioni dettagliate in merito sono presenti su Internet alla pagina: VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 10

11 D come Domande Nella vendita, le domande al cliente sono fondamentali per raggiungere diversi scopi: far parlare il cliente di argomenti non di affari nell approccio; scoprire le esigenze del cliente nella fase di intervista; controllare la comprensione e l accettazione del cliente nella presentazione dell offerta; in alcune tecniche di superamento obiezioni (per es.: controdomandare, ampliare, ridurre); in alcune tecniche di chiusura (per es.: doppia proposta positiva). Non c è corso di tecnica di vendita, anche il più scalcinato, che non tratti l argomento delle domande, e che non illustri la distinzione fra domande chiuse (quelle che impongono la scelta alternative predeterminate, per esempio fra sì e no) e quelle aperte. E, forse, non è rimasto più nemmeno un venditore, per quanto assunto da poco, cui non sia stato raccomandato di fare domande al cliente. Nondimeno, quasi tutte le volte che ho affiancato un venditore sul campo (e mi è capitato di farlo per molte aziende diverse, di settori merceologici svariati) la capacità del venditore di porgere effettivamente opportune domande al cliente mi è parsa piuttosto limitata, e in qualche caso addirittura totalmente assente. Le uniche domande che la gran parte dei venditori sa gestire bene sono quelle relative alla fase di approccio, ma non sono molti i venditori che, se non forzati dalle raccomandazioni di un affiancatore fisicamente presente, dedicano alla fase di approccio la dovuta attenzione. Le carenze maggiori sono nella scoperta delle esigenze. La maggior parte dei venditori salta a piè pari ogni tentativo di indagine, dimostrando di non essersi affatto convinti, durante la formazione, dell utilità di raccogliere informazioni. Se specificamente invitati a fare domande, sanno farne solo VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 11

12 relativamente a ciò che il cliente ha fatto e fa, a come è strutturato, qualche volta a come si è organizzato e da chi il cliente compra. Queste domande, però, sono di tipo preliminare in una corretta trattativa, e sono quindi (se non sviluppate) di scarsa utilità, specie con un cliente ampiamente conosciuto. Invece, si registra quasi sempre una totale incapacità a far parlare il cliente dei suoi progetti, dei suoi desideri, dei suoi sogni, delle sue speranze (non parliamo poi di una strategia di domande, articolata su più visite, tesa a far sì che il sogno del cliente si sviluppi pian piano in un progetto attivo che preveda molti acquisti). Di chi la colpa di queste carenze? I direttori vendite, (quasi) sempre troppo attenti solo al fatturato immediato e troppo spesso con pesanti carenze culturali, e i formatori, (quasi) sempre poco disposti a mettere in discussione l efficacia reale dei loro insegnamenti, sono pesantemente sul banco degli imputati, insieme ovviamente con i venditori, spesso troppo chiusi ai corretti suggerimenti che provengono dall esterno. Tre categorie di lavoratori che, in base ai risultati che si vedono, fanno comunque troppo poca formazione. Aidea Sas di Luciano Biondo & C. prepara i venditori alla certificazione Cepas, erogando i corsi di formazione necessari e fornendo assistenza pratica. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 12

13 E come Emozioni Per lungo tempo si è considerata malefica una vendita basata sulle emozioni, perché avrebbe lasciato terra bruciata. Ma, come nella famosa favola in cui l uva è acerba, tale credenza potrebbe essere stata causata dal fatto che troppi venditori non sanno gestire minimamente una trattativa basata sulle emozioni. In ogni caso, il mercato è giunto in troppi settori (almeno dalle nostre latitudini) in una situazione diffusa di non-bisogno, e, in tale situazione, l acquisto diviene (volenti o nolenti) unicamente un fatto emotivo. Ciò ha costretto molti a rivedere le proprie idee sulle emozioni. La scienza ha dimostrato che esistono, nel nostro corpo, più organi pensanti, alcuni dei quali sono responsabili dell intelligenza emotiva mentre altri sono responsabili di quella razionale. Le due intelligenze si alternano nell attività di pensiero, come le due gambe si alternano in quella di camminare: l azione di una porta a uno squilibrio che costringe l altra ad intervenire, ed è così che si va avanti. Entrambe le intelligenze hanno pari dignità e sono necessarie per la nostra sopravvivenza. Volendo distinguere ad ogni costo, comunque, l intelligenza fondamentale è quella emotiva, e non quella razionale: lo prova il fatto che la prima può bloccare completamente la seconda, mentre non è possibile l inverso. L intelligenza emotiva era stata studiata molto meno di quella razionale, in passato, ma oggi le cose si vanno modificando. Tuttavia, gli studi relativi sono recenti e il know-how pratico che ne è nato è ancora poco diffuso. Un piccolo trattato in merito (Le Emozioni: che cosa sono e come si usano), pubblicato nella collana Mezz oramanager, è prelevabile gratis dal sito: VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 13

14 Nella vendita, due sono le vie per sfruttare i fattori emotivi allo scopo di incrementare i guadagni. La prima via, più ovvia, consiste nella capacità di influenzare la parte emotiva del cliente esattamente come, da tempo, siamo abituati a cercare di influenzare la sua parte razionale. Le tecniche sono, naturalmente, assai diverse, e ancora in stato embrionale, anche se già utilizzabili con forte profitto. La seconda via, della quale sono state già attuate molte realizzazioni, consiste nell aggiungere valore al prodotto offerto, mediante emozioni: in altre parole, oltre a dare al cliente prodotto e servizio, gli si fanno provare emozioni per lui piacevoli: ciò aumenta la cifra che il cliente trova giusto spendere per il prodotto ( valore percepito ) rendendo più facile la vendita oppure consentendo di praticare, a pari probabilità di concludere, un prezzo più alto. Molte campagne pubblicitari, che sono ampiamente sotto i nostri occhi, hanno appunto lo scopo di aggiungere valore emotivo (anche se parecchie contengono errori pacchiani che dimostrano che gli autori giocano con le emozioni senza conoscerne la teoria, come uno stregone che metta le mani su un camion di medicinali moderni di cui non conosca gli effetti collaterali), ma con costi molto elevati. Analogo risultato si può ottenere, molto spesso, con più economici strumenti di marketing o anche solo perfezionando le capacità del venditore. Sia la prima, sia la seconda via (naturalmente con le dovute varianti) sono senz altro praticabili sia nella vendita al consumer, sia nella vendita business to business. Aidea Sas di Luciano Biondo & C. compie ricerca scientifica nel campo dell'intelligenza emotiva: per questo è sempre all'avanguardia nel campo. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 14

15 G come Guadagno Nella maggior parte delle aziende, alla funzione commerciale viene richiesto di realizzare un certo fatturato. Anche se, ipoteticamente, si parla sempre di fatturato a prezzo di listino, poi, nella pratica, gran parte di quel fatturato viene realizzato ricorrendo a sconti più o meno grandi. Si chiama margine di contribuzione la differenza fra il prezzo di vendita e il costo di produzione del prodotto. Il margine è cosa diversa dal profitto, perché non tiene conto dei costi diversi da quelli di produzione: per esempio, le spese generali. Il guadagno è tanto più elevato quanto sono elevati il fatturato e il margine. E curioso che in poche aziende il singolo venditore sia chiaramente responsabilizzato sul margine. Ma ancor più curioso è che in moltissime aziende nessuno è davvero responsabilizzato sul margine: perché il direttore vendite è sì autorizzato a decidere sconti, ma la gestione contabile non calcola i margini che l azienda realizza su ciascun cliente (e talora non calcola neppure i margini che l azienda realizza su ciascun tipo prodotto), cosicché il povero direttore vendite deve decidere al buio e quindi irresponsabilmente. In realtà, l operato di ciascun venditore influisce sul margine di contribuzione non meno di quanto influisca sul fatturato. La trattativa sul prezzo non è un tiro alla fune in cui vince chi ha la voce più grossa, e nemmeno un adeguamento a ciò che fa la concorrenza, ma è funzione di due fattori: - la capacità di documentare quanta e quale componente servizio è inclusa nel prezzo stesso; - la capacità del venditore di costruire un Immagine Fondamentale conveniente presso il singolo cliente (lavorando sulla tecnica di comunicazione e sugli aspetti emotivi). VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 15

16 Per quanto riguarda il secondo punto, si veda il paragrafo: I come Immagini Fondamentali. Per quanto riguarda il Servizio, il venditore deve riuscire a documentare che la sua attività e quella dell azienda fanno risparmiare tempo, fatica, rischi, quantificando il risparmio (si veda anche: C come Certificazione ). Il venditore deve essere addestrato a svolgere queste funzioni, ed essere valutato non solo sul fatturato, ma anche sul margine procurato. Troppe aziende però non si sono ancora poste il problema, figuriamoci l averne avviato la soluzione e gli strumenti di controllo. Così troppo spesso un buon fatturato non riesce ad essere fonte di un adeguato guadagno. Aidea Sas di Luciano Biondo & C. aiuta le aziende a sviluppare fatturato e margine e fornmisce innovativi strumenti di controllo. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 16

17 H come Hotel Per i venditori, specie quelli a provvigione, gli hotel suscitano tristi ricordi: viaggi lunghi, spese supplementari, impossibilità di passare la serata in famiglia. Gli hotel non sono però solo l edificio dove passare la notte: sono uno strumento di lavoro, un luogo dove, con un po di intraprendenza, anche il singolo venditore può affittare una sala e convogliarvi un certo numero di clienti. I vantaggi che si possono ottenere da una simile iniziativa sono più d uno: innanzitutto il risparmio di tempo, perché si può spiegare la stessa cosa a più clienti contemporaneamente; poi la possibilità di essere più efficaci, perché si possono usare strumenti (per esempio, proiezioni di filmati o dimostrazione di oggetti) che è complesso portare da ciascun cliente; infine si può creare, tramite un accorto uso della dinamica di gruppo, una situazione emotiva molto favorevole. Certo, non è facile far uscire il cliente dalla sua azienda per partecipare ad una riunione: negli ultimi anni, hanno smesso di funzionare i due principali motivi di richiamo che avevano funzionato fino ad allora: - l utilità effettiva della riunione; - il buffet gratuito. Se il diminuito richiamo del buffet è positivo perché figlio di una maggiore disponibilità di mezzi a tutti i livelli, è quasi incredibile e davvero triste il fatto che quasi nessuno faccia degli sforzi per valutare l utilità della riunione e decidere di partecipare (quando la valutazione è positiva), lasciandosi invece trascinare dalle cose urgenti (e spesso non importanti) che affliggono l agenda di ognuno. Per far funzionare la riunione, ottenendo partecipazione, oggi vi sono tre strade. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 17

18 Una è trasformare la riunione in un evento, cioè qualcosa che sia percepito come irripetibile. Spesso la partecipazione di persone famose è adatta, anche se le personalità invitate hanno poco o nulla a che vedere col business in questione. Per esempio, per riempire le aule della famosa Università Bocconi si sono chiamati noti cabarettisti a tenere lezioni di economia; gli allenatori di calcio (persone che hanno bisogno di lavorare tutto il giorno per tenere unite 25 persone, e anche così il più delle volte non ci riescono) vanno a tenere conferenze presso le Unioni Industriali sulle tecniche manageriali di conduzione e motivazione. L altra strada è il divertimento. La riunione deve essere percepita come occasione per divertirsi, che viene selezionata (rispetto ad altre possibilità di divertimento) perché, passando essa per una riunione di lavoro, uno non si sente in colpa ad andarvi lasciando l ufficio e le cose urgenti. La terza possibilità è far parlare non il venditore, ma i clienti. Il cliente invitato a tenere un intervento, di solito presenzia e porta un paio di amici, contribuendo a riempire la sala. Il venditore abile può realizzare molti affari anche in questa situazione, limitandosi a brevi ma intelligenti commenti fra un intervento e l altro. Aidea Sas di Luciano Biondo & C. è probabilmente la società di consulenza italiana con la maggiore esòerienza nella formazione dei venditori. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 18

19 I come Immagini Fondamentali Qualunque sia il prodotto o il servizio che proponete al mercato, esso può essere interpretato dal cliente in tre modi diversi, detti Immagini Fondamentali : Prodotto, Soluzione, Strumento Assecondante. Questa triplice possibilità è causata dal fatto che esistono tre diversi sistemi operativi che permettono al nostro cervello di funzionare, ed ogni persona è in grado di usarli tutti e tre, alternandoli nel tempo. Secondo il sistema operativo in uso, ne consegue una ben precisa immagine fondamentale. Chi sta usando il Pensiero Pratico, può esaminare l oggetto proposto esclusivamente interpretandolo come prodotto. Chi sta usando il Pensiero Logico, lo può vedere esclusivamente come soluzione. Chi sta usando il Pensiero Creativo, lo interpreta come Strumento Assecondante (per approfondire il funzionamento dei tre Tipi di Pensiero, si veda il breve volume gratuito Cinematica della Genialità nella collana Mezz oramanager). Prodotto significa un qualcosa che è già noto, almeno a grandi linee, e di cui, sempre almeno a grandi linee, sono note le modalità d uso. Il fatto che deve trattarsi di qualcosa di noto crea non pochi problemi se la proposta è fortemente innovativa: infatti, il cervello, quando è in Pensiero Pratico, non è in grado di percepire le differenze rispetto al noto se non in limiti assai ristretti, così il cliente percepisce solo le parti non innovative della proposta, di conseguenza talvolta si convince che le caratteristiche nuove semplicemente non esistono. In compenso, quando l articolo proposto non è innovativo, l immagine Prodotto è particolarmente agevole da vendere e da comprare. Soluzione è qualcosa che diminuisce un costo o una scomodità. Non è assolutamente necessario (anzi, nella vendita risulta spesso addirittura controproducente) che il cliente sappia in che cosa consiste la soluzione, l im- VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 19

20 portante è che egli sia convinto che funzionerà. La vendita di una Soluzione richiede un venditore molto preparato, quasi mai i venditori che asseriscono di vendere soluzioni lo fanno davvero (si limitano invece a suggerire un prodotto adatto, ma ciò è vendita di Prodotto, sebbene evoluta). Strumento Assecondante è un articolo cui sono collegate delle particolari emozioni, dette egoemozioni. Il cliente acquista le emozioni assecondate, non l oggetto. E importante capire che non tutte le emozioni vanno bene : le egoemozioni sono emozioni privilegiate nella vendita perché (al contrario delle alloemozioni e ancor più delle iperemozioni) non hanno controindicazioni commerciali. Le tre Immagini Fondamentali sono importantissime perché, per il cliente, esse non sono tre varianti di una stessa proposta, ma costituiscono proposte radicalmente diverse. Così succedono due fatti strani: 1) il cliente, nel corso di una stessa visita, può rifiutare di acquistare un oggetto percepito con l immagine fondamentale x, ma essere disponibile ad acquistare lo stesso oggetto percependolo con l immagine fondamentale y. Il fatto che l oggetto fisico dell acquisto sia lo stesso nei due casi è del tutto irrilevante. Il venditore che impara a sfruttare questo fatto triplica le probabilità di vendita; 2) Il cliente è disposto a pagare un prezzo diverso per il medesimo oggetto, secondo l Immagine Fondamentale percepita. Su questo aspetto si basano molte efficaci strategie per il miglioramento del margine di contribuzione. Le tre Immagini Fondamentali sono conseguenza del nostro pensiero razionale. Se consideriamo anche il pensiero emotivo (anch esso tripartito) si originano nove possibilità, che corrispondono ai principali stili d acquisto. La mappa completa di tutti i possibili stili di acquisto si ottiene poi considerando due ulteriori variabili: la tendenza al positivo o al negativo e l energia bassa o alta. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 20

21 L come Lunedì Il lunedì è un giorno in cui molti clienti non gradiscono di essere visitati da personale commerciale, per cui, in numerose aziende, in questa giornata, i venditori sono convocati in sede per la cosiddetta riunione del lunedì. Le attività che vengono svolte in tali circostanze sono un indice significativo delle capacità manageriali dei direttori vendite. In molte aziende, la riunione, programmata per le nove, si risolve in una chiacchierata di poco conto che comincia dopo le undici e finisce prima di pranzo, nel corso della quale vengono ricordati i prodotti da spingere e si risponde a qualche domanda sui nostri prezzi (sempre troppo alti, secondo i venditori) e i prezzi della concorrenza (sempre troppo bassi, secondo la medesima fonte), in genere... senza dare alcuna risposta (che non sia la mera enunciazione di un opinione diversa). Dalle nove alle undici i venditori hanno agio di arrivare in ritardo (molto educativo), di raccontare le ultime barzellette e possono sbrigare qualche pratica burocratica con l amministrazione. Perché si fa così? In alcune di queste aziende c è un direttore vendite piccolo piccolo che non si sente tale se non vede la truppa schierata al suo servizio. In altre, il direttore vendite è terribilmente disorganizzato, tanto è vero che, dopo aver fatto perdere a tutti la mattinata, appena dopo pranzo si ricorda di avere cose importanti da comunicare a quasi tutti i venditori, naturalmente in colloqui individuali, in modo che siano molti quelli che perdono anche il pomeriggio, mentre attendono. In altre aziende la direzione è di livello più professionale, e nella riunione del lunedì si ribadiscono gli obiettivi di vendita, si assegna un piano visita settimanale e si motiva la truppa al meglio delle proprie possibilità. Sono poche, però, le aziende dove la riunione ha lo scopo che dovrebbero VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 21

22 avere quasi tutte le riunioni con la forza vendita al completo, cioè aumentare le capacità professionali dei venditori. In una riunione ben programmata, si dovrebbe imparare a pianificare le visite, a presentare i prodotti, a comprendere più efficacemente le esigenze del cliente, a prevenire le obiezioni, a influire sul valore percepito dal cliente, a dare un reale servizio al cliente in modo da creare valore aggiunto. Troppi direttori vendite danno per scontato che i venditori siano già capaci di fare tutto questo. Ma sarà poi vero che ci credono? Aidea Sas di Luciano Biondo & C. offre una gamma estremamente vasta di interventi formativi per venditori di ogni settore e di ogni livello. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 22

23 L come Lunga, Larga e Limitata Lunga, larga e limitata: di che cosa stiamo parlando? Ma è chiaro, della vostra zona di vendita. Se il direttore vendite rimprovera perché il fatturato è scarso, l area è sempre troppo limitata, e contiene troppo pochi clienti potenziali. Ma se il capo sollecita a fare più visite, ecco che di colpo la zona diventa lunga e larga, non è possibile fare una visita in più, masignorcapoleihaideadiquantotempocivogliacoltrafficodioggi? Qualunque sia l area effettiva che il venditore deve coprire, essa è la risorsa che egli ha a disposizione, e, per sfruttarla al meglio, bisogna che egli si dia una organizzazione efficiente. Il venditore organizzato non improvvisa, la mattina quando si sveglia, ma si programma un itinerario studiato a tavolino, tenendo conto dell ubicazione dei suoi clienti, in modo da minimizzare i chilometri. Per farlo, si prende l elenco dei clienti attuali e di quelli potenziali che si è deciso di contattare. Subito dopo bisogna decidere ogni quanto tempo si devono contattare i clienti più importanti, e chiamiamo tempo base di giro questo tempo. Per esempio, supponiamo che, per il venditore Firmafacile, il tempo base di giro sia di due settimane (è un caso frequente). A questo punto ci si munisce di carta geografica, e si controlla che, nel tempo base di giro, si possano contattare tutti i clienti più importanti. Firmafacile dovrà verificare che sia possibile stabilire dieci percorsi ragionevoli (uno per giorno, fino a riempire le due settimane), con i quali riuscire a visitare tutti i clienti più importanti. Anzi, sarà bene prudente tenersi un giorno di riserva per tener conto di qualche urgenza imprevedibile, per cui Firmafacile dovrà stabilire nove (e non dieci) percorsi, con i quali riuscirà a visitare tutti i clienti più importanti in nove giornate. VENTIDUE IDEE PER VENDERE DI PIU' - PAGINA 23

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o HDR n e t w o r k Come costruire un Organizzazione di Network Marketing di successo Parte I m a n u a l e o p e r a t i v o M a t e r i a l e a d u s o e s c l u s i v o D e i Co P a r t n e r H D R SOMMARIO

Dettagli