REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5"

Transcript

1 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui l rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi.

2 Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe dell Cs Lvori Pulii Infrstrutture Tenologie immterili Siurezz Strdle Mitigzione rishio sismio e geologio Siurezz in edilizi, senz se e senz m WEB

3 Art. (Oggetto) 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Il presente regolmento i sensi dell rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) stilise: le presrizioni tenihe in relzione lle misure di prevenzione e protezione di ui ll rtiolo 5, omm, letter ) dell l.r. 6/0 e l doumentzione di ui ll rtiolo 5, omm, letter ) dell medesim l.r. 6/0, nonhé le modlità di presentzione dell stess; Art. (Amito di pplizione) le modlità e le presrizioni di ogni ttività nell mito dell edilizi he espone le persone l rishio di dut d un quot post d ltezz superiore due metri rispetto d un pino stile, l fine di prevenire i rishi di infortunio. Il presente regolmento si ppli: negli interventi he interessno le operture di edifii di nuov ostruzione o esistenti, di qulsisi tipologi e destinzione d uso, si di proprietà privt he puli; negli interventi he interessno edifii, di nuov ostruzione o esistenti, venti fite ventilte, ontinue e fite venti superfii finestrte pri o superiore l sessnt per ento del totle di isun fit; negli interventi di piol entità sulle operture e/o sulle fite he rigurdno mnutenzioni ordinrie, opere di riprzione, rinnovmento e sostituzione delle finiture degli edifii e quelle neessrie d integrre o mntenere in effiienz gli impinti tenologii esistenti, nonhé nei soprlluoghi sulle operture e sulle fite. Il presente regolmento non si ppli d interventi su: operture pine o fld inlint, reltive lle nuove ostruzioni o edifii esistenti, poste d un ltezz inferiore due metri, lolti prtire dl punto più elevto dell opertur, rispetto d un pino stile, sempre he l re di possiile dut si lier d ingomri stili di qulsisi genere; operture pine o fld inlint dotte di prpetto perimetrle ontinuo e ompleto lto lmeno 00 entimetri on idonee rtteristihe strutturli in relzione ll inlinzione dell opertur, osì ome stilito dll speifi normtiv teni vigente; fite sulle quli si svolgono lvori medinte ponteggi e opere provvisionli norm del Titolo IV, Cpo II, Sezioni IV, V e VI del dereto legisltivo 9 prile 008, n.8 (Attuzione dell rtiolo dell legge gosto 007, n., in mteri di tutel dell slute e dell siurezz nei luoghi di lvoro);

4 d fite sulle quli si svolgono lvori medinte pittforme eree o ponti moili sviluppili. Il presente regolmento si ppli omunque gli interventi di ui l presente regolmento su friti he presentno nhe un solo przile supermento del limite indito ll rtiolo, omm, letter ), di un sol fld o prte dell opertur. 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Art. (Definizioni) Ai fini del presente regolmento si intende per: d e f g h esso: punto, rggiungiile medinte un perorso, in grdo di onsentire il trsferimento in siurezz di un opertore e di eventuli mterili ed utensili d lvoro; norggio strutturle: elemento o elementi fissti in modo permnente d un struttur, ui si può pplire un dispositivo di norggio. Tli norggi strutturli non omportno umento dei rihi, vrizione del omportmento delle strutture e umento dell lsse d uso, pertnto l instllzione degli stessi ostituise intervento privo di rilevnz per l puli inolumità i fini sismii i sensi dell rtiolo 7, omm, letter ) dell legge regionle 7 gennio 00, n.5 (Disiplin delle modlità di vigilnz e ontrollo su opere e ostruzioni in zone sismihe); pprestmenti: opere provvisionli neessrie i fini dell tutel dell slute e dell siurezz dei lvortori, ome ponteggi, trttelli, ponti su vlletti, implti, prpetti, ndtoie, psserelle di ui ll Allegto XV del D.lgs. 8/008; ommittente: soggetto per onto del qule l inter oper è relizzt, indipendentemente d eventuli frzionmenti dell su relizzzione; opertur: delimitzione superiore dell involuro edilizio finlizzt ll protezione dello stesso dgli genti tmosferii, ostituit d un struttur portnte e d un mnto di opertur. L opertur ssume differenti denominzioni in relzione si l mterile usto per l struttur o per il mnto superfiile, si ll onfigurzione strutturle ome tetto, terrzz, upol, shed; dispositivo di norggio: l elemento o l serie di elementi o omponenti ontenente uno o più punti di norggio destinto d essere utilizzto per il ollegmento di omponenti di un sistem di protezione individule ontro le dute dll lto in onformità ll speifi normtiv teni vigente; dispositivo di protezione individule ontro le dute dll lto: il dispositivo, nonhé ogni omplemento o essorio, tto d ssiurre un person d un dispositivo di norggio in modo d prevenire o rrestre in ondizioni di siurezz un dut dll lto; dispositivo di protezione ollettiv ontro le dute dll lto non permnente: dispositivi ed usili di rttere ollettivo vente funzione di impedire l dut dll lto del lvortore dlle superfii di lvoro, pine ed inlinte, e/o di ridurre il livello di energi trsmesso l lvortore nell urto ontro il sistem stesso nelle superfii di lvoro inlinte, d llestire per il tempo neessrio ll effettuzione di lvori in quot;

5 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. i j k l m n o p q r dispositivo di protezione ollettiv ontro le dute dll lto permnente: dispositivi ed usili di rttere ollettivo in dotzione fiss ll oper he onsente di fr operre più lvortori ontempornemente quli prpetti permnenti e reti di protezione; fit ontinu: fit estern non portnte, indipendente dll osstur strutturle dell edifiio e generlmente fisst dvnti ll test dei soli e dei muri trsversli. Un fit ontinu inlude teli, pnnelli, superfii vetrte, sigillture, sistemi di fissggio, giunti, memrne di tenut; fit ventilt: fit shermo vnzto in ui l interpedine tr il rivestimento e l prete è progettt in modo tle he l ri in ess presente poss fluire per effetto mino in modo nturle e/o in modo rtifiilmente ontrollto, seond delle neessità stgionli e/o giornliere, l fine di migliorrne le prestzioni termoenergetihe omplessive. Tle fit è ompost d un struttur slzo in ui il prmento esterno viene fissto ll struttur priniple trmite pposite stffe e sistemi di norggio; gnio di siurezz: elemento d ostruzione per ssiurre le persone e per fissre rihi onformi qunto previsto dll speifi normtiv teni vigente; line di norggio: line flessiile o rigid tr norggio di estremità, ll qule può essere pplito l dispositivo di protezione individule medinte un onnettore o un dispositivo di norggio sorrevole; mnutenzione: ominzione di tutte le zioni tenihe ed mministrtive, inluse le zioni di supervisione, volte mntenere o riportre un entità in uno stto in ui poss eseguire l funzione rihiest; perorso di esso: il trgitto he un opertore deve perorrere, in ondizioni di siurezz, internmente od esternmente ll edifiio per rggiungere l esso in quot; pino di mminmento fisso: omponente esterno permnente per l esso ostituito d un pittform dell dimensione minim di entimetri 0 per entimetri 5 he onsente l lvortore di trnsitre in siurezz per effetture le mnutenzioni oppure per rggiungere il punto oggetto di mnutenzione prtire dl punto di esso; possono essere utilizzti per superre slzi, vuoti e/o frgilità dell opertur oppure, se instllti in suessione, per ollegre dislivelli di quot; sistem di rresto dut: dispositivo di protezione individule ontro le dute dll lto omprendente un dispositivo di pres per il orpo, un sottosistem di ollegmento ed un dispositivo di norggio, destinti d rrestre le dute; sistem di rresto dut: dispositivo di protezione individule ontro le dute dll lto omprendente un dispositivo di pres per il orpo, un sottosistem di ollegmento ed un dispositivo di norggio, destinti d rrestre le dute;

6 Art. (Elorto Tenio) 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Ai sensi dell rtiolo 5, omm dell l.r.6/0, i progetti reltivi d interventi edilizi soggetti permesso di ostruire o segnlzione ertifit di inizio ttività (SCIA) rigurdnti le operture o le fite ventilte, ontinue o on mpie superfii finestrte di edifii nuovi o esistenti sono integrti d un elorto tenio delle operture e delle fite. L elorto tenio di ui l omm è redtto nhe in so di interventi di ui ll rtiolo, omm, lettere ) e ) rigurdnti l instllzione, l trsformzione, l mplimento e l strordinri mnutenzione di: impinti di produzione, trsformzione, trsporto, distriuzione, utilizzzione dell energi elettri, ompresi impinti d fonti di energi rinnovili; impinti di protezione ontro le srihe tmosferihe; impinti di risldmento, limtizzzione, ondizionmento, refrigerzione di qulsisi ntur o speie, ompresi impinti d fonti di energi rinnovili, omprese le opere di evuzione dei prodotti dell omustione e delle ondense. L elorto tenio di ui l omm ontiene: elorti grfii omprendenti plnimetri in sl degut dell opertur e/o prospetto dell fit, nell qule sono inditi: 5 6 le rtteristihe e l uizione dei perorsi, degli essi, degli elementi protettivi per il trnsito e l eseuzione dei lvori sulle operture e/o sulle fite; le rtteristihe fisihe e dei mterili delle operture e/o delle fite; l distriuzione degli impinti tenologii e le reltive linee di dduzione nhe non visiili presenti; il punto di esso; l presenz di eventuli dispositivi per l esso; l presenz di eventuli dispositivi di norggio e/o di dispositivi di protezione ollettiv, on l speifizione per isuno di essi dell lsse di pprtenenz ed il numero mssimo di utilizztori ontempornei; relzione teni illustrtiv delle soluzioni progettuli, nell qule è evidenzito in modo puntule il rispetto delle misure preventive e protettive nonhé le motivzioni he hnno portto ll selt dei sistemi di protezione fissi in dotzione l frito, ritenuti più idonei l lvoro d svolgere; nel so di dozione di misure preventive e protettive di tipo moile o provvisorio l relzione deve espliitre le motivzioni he impedisono l dozione di misure di tipo permnente, nonhé le rtteristihe delle soluzioni lterntive previste nel progetto; 5

7 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. d e f g h i j k relzione di lolo, redtt d un professionist ilitto, ontenente l verifi dell resistenz degli elementi strutturli dell opertur e/o dell fit lle zioni trsmesse dgli norggi strutturli in so di entrt in funzione dei dispositivi, nonhé verifi di resistenz del reltivo norggio strutturle; dihirzione res d un professionist ilitto in merito ll resistenz degli elementi strutturli dell opertur e/o dell fit lle zioni trsmesse per effetto di mnutenzioni ed i rihi di eserizio minimi in grdo di sostenere si il peso delle persone he degli eventuli mterili depositti, onformi quelli inditi nel dereto gennio 008 del Ministero delle Infrstrutture (Approvzione delle nuove norme tenihe per le ostruzioni); progetto omprensivo di opi, nhe in sl ridott, dell rtellonisti identifitiv, d porre presso l esso ll opertur e/o ll fit, d ui risulti l oligo ll uso dei sistemi, dispositivi e pprestmenti; ertifizione del produttore dei dispositivi di norggio ontro le dute dll lto instllti sull opertur e/o sull fit e dei dispositivi di protezione ollettiv e o dei dispositivi di norggio instllti, seondo le norme UNI vigenti; ertifizione del produttore dei dispositivi di norggio ontro le dute dll lto instllti sull opertur e/o sull fit e dei dispositivi di protezione ollettiv e o dei dispositivi di norggio instllti, seondo le norme UNI vigenti; mnule ompleto di doumentzione fotogrfi delle misure di siurezz poste in essere in onformità qunto previsto negli elorti grfii di progetto, ontenente l rolt di tutti i mnuli d uso dei dispositivi di protezione ollettiv e/o dei dispositivi di norggio instllti nonhé del mnule d uso e mnutenzione degli impinti tenologii instllti in opertur qule l impinto fotovoltio; progrmm di mnutenzione dei dispositivi instllti per l esso ll opertur e/o ll fit e dei dispositivi protezione ollettiv e/o dei dispositivi di norggio instllti; dihirzione del direttore dei lvori di onformità lle misure preventive e protettive delle opere eseguite sulle operture e sulle fite, nonhé dell vvenut esposizione dell rtellonisti identifitiv; registro dei ontrolli delle ttrezzture instllte presso l immoile, ove sono nnotte le notizie reltive ll prim instllzione, le speifihe dihirzioni di onformità oltre d pposite istruzioni d uso e/o i liretti di mnutenzione ed uso. L Giunt regionle, on proprio tto, definise il sistem unio per l inserimento on-line dell elorto tenio dell opertur e/o delle fite in so di interventi di ui i ommi e e l simologi degli elorti grfii di ui l omm, letter ). 6

8 Art. 5 (Adempimenti reltivi ll elorto tenio delle operture e delle fite) 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. 5 L elorto tenio delle operture e/o delle fite he integr i progetti edilizi soggetti permessi di ostruire o SCIA rigurdnti le operture o le fite ventilte, ontinue o on mpie superfii finestrte di edifii nuovi o esistenti è redtto, in fse di progettzione, dl oordintore per l progettzione o, nei si in ui tle figur non si previst, dl progettist dell intervento e deve ontenere i doumenti di ui ll rtiolo, omm, lettere ), ), ), d) e e). L elorto tenio he integr i progetti di ui l omm è depositto presso lo Sportello unio ttività produttive edilizi (SUAPE) ompetente, ll tto di presentzione dell istnz di permesso di ostruire o dell SCIA di ui gli rtioli 7, ommi e e, ommi e dell legge regionle 8 ferio 00, n. (Norme per l ttività edilizi). L elorto tenio dell opertur e/o delle fite reltivo gli interventi di ui ll rtiolo, omm è redtto d professionist ilitto e onsegnto l ommittente e l proprietrio o ll mministrtore di ondominio. L elorto tenio dell opertur e/o delle fite ostituise prte integrnte del fsiolo di ui ll rtiolo 9, omm letter ) del D.lgs. 8/008. Qulor non sussiste l oligo di predisposizione del fsiolo l elorto tenio ostituise doumento utonomo. A fine lvori l elorto tenio dell opertur e/o delle fite: è ggiornto reltivmente i doumenti di ui ll rtiolo, omm, lettere ), ), ), d) e e); è integrto on i doumenti di ui ll rtiolo, omm, lettere f), g), h), i), j) e k) L elorto tenio dell opertur e/o delle fite è ggiornto e integrto i sensi del omm 5 dl oordintore dell siurezz in fse di eseuzione dei lvori ovvero dl direttore dei lvori nei si nei quli tle figur non si previst. In so di suessivi interventi di ui ll rtiolo, ommi e su edifii già dotti di elorto tenio dell opertur e/o delle fite lo stesso deve essere ggiornto. All fine dei lvori il direttore dei lvori onsegn l elorto tenio dell opertur e/o delle fite: l ommittente e l proprietrio dell edifiio o ll mministrtore del ondominio o ltro soggetto vente titolo; l SUAPE ompetente nei si di ui l omm. Il ommittente e il proprietrio dell edifiio o l mministrtore del ondominio o ltro soggetto vente titolo verifino l orrett esposizione dei rtelli onformi qunto previsto dl mnule di ui ll rtiolo, omm, letter g). 7

9 0 Il ommittente e il proprietrio dell edifiio o l mministrtore del ondominio o ltro soggetto vente titolo verifino l orrett esposizione dei rtelli onformi qunto previsto dl mnule di ui ll rtiolo, omm, letter g). 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. L mministrtore di ondominio o il proprietrio tiene e ggiorn il registro dei ontrolli di ui ll rtiolo, omm, letter k). In tle registro sono inoltre nnotti gli interventi effettuti nhe seguito di ondizioni in ui i dispositivi sino stti stressti e l onseguente nuov ertifizione del sistem o prte del sistem modifito. Art. 6 (Adempimenti per interventi su operture e/o sulle fite) Per gli interventi di piol entità di ui ll rtiolo, omm, letter ), nonhé per gli interventi di ui ll rtiolo, ommi e l elorto tenio dell opertur e/o delle fite, se preedentemente redtto, è onsegnto dl ommittente l dtore di lvoro dell impres eseutrie o l lvortore utonomo l fine di eseguire i lvori in onformità ll elorto tenio stesso. In tl so: il ommittente quisise opi dell dihirzione he l utilizztore dei dispositivi ntidut h rievuto l formzione onforme gli stndrd formtivi di ui ll rtiolo dell l.r.6/0. il dtore di lvoro dell impres eseutrie o il lvortore utonomo rilsi l ommittente un dihirzione di pres visione dell elorto tenio di ui ll rtiolo e dei luoghi. Per gli interventi di piol entità di ui ll rtiolo, omm, letter ), nonhé per gli interventi di ui ll rtiolo, ommi e, se non è stto preedentemente redtto l elorto tenio dell opertur e/o delle fite, il dtore di lvoro dell impres eseutrie o il lvortore utonomo rilsi l ommittente pposit dihirzione ontenente l impegno svolgere le neessrie ttività in quot utilizzndo le misure di siurezz più idonee llo stto dei luoghi. Nel so in ui il ommittente ffidi d un lvortore utonomo l eseuzione di interventi di ui ll rtiolo, omm, letter ), nonhé per gli interventi di ui ll rtiolo, ommi e, è ur del ommittente stesso ssiurre, ll oorrenz, l ttivzione del soorso. L Giunt regionle, on proprio tto, pprov i modelli per le dihirzioni di ui i ommi e. Art. 7 (Presrizioni generli per l progettzione) Nell progettzione ed eseuzione dei lvori di ui ll rtiolo, omm, lettere ) e ) sono predisposte misure preventive e protettive tli d eliminre il rishio di dut dll lto, prevedendo deguti sistemi di protezione permnenti per i lvortori he operno sulle operture e/o sulle fite, in modo d grntire he i suessivi interventi di mnutenzione sulle stesse o omunque omportnti l esso, il trnsito o l eseuzione delle opere, vvengno in ondizioni di siurezz. 8

10 Le misure preventive e protettive di ui l omm sono finlizzte mettere in siurezz: il perorso di esso in quot; l esso in quot; il trnsito e l eseuzione dei lvori in quot. 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi I perorsi di esso, gli essi, il trnsito e l eseuzione degli interventi di mnutenzione di ui ll rtiolo, omm, letter ) sono grntiti ttrverso instllzioni o dispositivi di protezione permnenti. Nell progettzione dell elorto tenio per gli interventi di ui ll rtiolo, omm deve essere vlutto, oltre l rishio di dut dll lto, il rishio derivnte d srihe tmosferihe e d presenz di orrente o tensione dell impinto. Nell progettzione di impinti fotovoltii d instllre sulle operture sono previsti ppositi perorsi siuri tr le stringhe l fine di grntire un trnsito in siurezz durnte l mnutenzione dei pnnelli. Qulor non si possiile dottre dispositivi di norggio e\o dispositivi di protezione permnenti, nell elorto tenio di ui ll rtiolo devono essere indite le eventuli ree interdette e speifite le motivzioni in se lle quli tli dispositivi risultno non relizzili, nonhé i dispositivi di protezione ontro le dute dll lto non permnenti previsti in sostituzione. Per l selt del sistem ntidut più deguto deve essere vlutto il tirnte d ri di ui ll rtiolo, omm, letter r). Qulor nell progettzione si mmett l rresto dut d un opertur e\o fit medinte il sistem di rresto dut di ui ll rtiolo, omm, letter q) è neessrio prevedere le ondizioni he permettono il reupero in ondizioni di siurezz d prte dei soorritori. L vlutzione del tirnte d ri è direttmente onseguente ll distnz di rresto del sistem utilizzto, ioè ll distnz vertile misurt dl punto di inizio dut ll posizione finle di equilirio dopo l rresto. 0 Il tirnte d ri si lol tenendo onto: d e dell posizione di prtenz del dispositivo ntidut e dell eventule flessione dell line vit di norggio; dell lunghezz del dispositivo di ollegmento e del suo llungmento sotto rio; dell estensione del sistem di ssorimento di energi; dell ltezz dell tto dell imrtur rispetto l piede dell person ssunt onvenzionlmente pri l vlore di 50 entimetri; dell ltezz dell tto dell imrtur rispetto l piede dell person ssunt onvenzionlmente pri l vlore di 50 entimetri; 9

11 Il vlore del tirnte d ri deve essere onfrontto on l minim distnz lier di dut e ioè l distnz misurt in vertile dl punto di dut l punto dove un opertore può impttre. Art. 8 (Perorso di esso in quot) 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. 5 I perorsi di esso in quot di ui ll rtiolo 7, omm, letter ) possono essere interni o esterni e tli d onsentire il pssggio di opertori, dei loro utensili d lvoro e di mterili in ondizioni di siurezz. Lungo l intero sviluppo dei perorsi di esso in quot si deve: segnlre e proteggere gli ostoli fissi he per rgioni tenihe non possono essere eliminti, in modo d non ostituire periolo; grntire un illuminzione di lmeno venti lux; prevedere un dimensionmento in relzione i rihi di eserizio, tenendo onto dei prevediili ingomri di mterili ed utensili d trsportre, on un lrghezz non inferiore 60 entimetri per il solo trnsito dell opertore. I perorsi di esso orizzontli devono vere i lti prospiienti il vuoto protetti ontro il rishio di dut dll lto. I perorsi di esso vertili devono essere prioritrimente relizzti on sle fisse grdini sviluppo rettilineo. In presenz di vinoli ostruttivi possono essere utilizzte sle fisse, sle retrttili, sle porttili onformi ll speifi normtiv teni vigente Nel so di perorsi di esso non permnenti devono essere individuti posizioni e spzi in grdo di ospitre le soluzioni preselte. In questo so i perorsi devono essere relizzti trmite: sle opportunmente vinolte ll zon di sro; pprehi di sollevmento ertifiti nhe per il trsferimento di persone in quot; pprestmenti. Art. 9 (Aesso in quot) L opertur è dott lmeno di un esso in quot di ui ll rtiolo 7, omm, letter ) individuto, interno od esterno, in grdo di grntire il pssggio ed il trsferimento di un opertore e di mterili ed utensili in ondizioni di siurezz. L esso interno deve possedere, in prtiolre, le seguenti rtteristihe: 0

12 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui ll rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. d ove si ostituito d un pertur vertile, l stess deve vere un lrghezz minim di 70 entimetri ed un ltezz minim di 0 entimetri; ove si ostituito d un pertur orizzontle od inlint, l stess deve essere dimensiont sui prevediili ingomri di mterili ed utensili d trsportre; se di form rettngolre, il lto inferiore liero di pssggio deve essere lmeno 70 entimetri e omunque di superfiie non inferiore 0,50 metri qudrti; i serrmenti delle perture di esso non devono presentre prti tglienti o elementi sporgenti ed il sistem di pertur dell nt deve essere gevole e siuro; nell zon di esso ll opertur e/o ll fit deve essere ppost idone rtellonisti identifitiv, d ui risulti l oligo di utilizzo di sistemi di rresto dell dut, l identifizione e l posizione dei dispositivi di protezione fissi ui norrsi e le modlità di norggio. Art. 0 (Trnsito ed eseuzione dei lvori in quot) Il trnsito in quot di ui ll rtiolo 7, omm, letter ) deve grntire, prtire dl punto di esso, il pssggio e l sost in siurezz per gli interventi di ui ll rtiolo, omm, letter ) medinte elementi protettivi, quli: d e f g prpetti; linee di norggio; dispositivi di norggio; psserelle, pini di mminmento fissi, slini pospiede o ndtoie per il trnsito di persone e mterili reti di siurezz; implti; gni di siurezz. L impiego di gni di siurezz è onsentito solo per revi spostmenti o qulor le linee di norggio non risultino instllili per le rtteristihe del edifiio. Art. (Norm trnsitori) Ai sensi dell rtiolo 9, omm dell l.r. 6/0, i omuni deguno le proprie disposizioni qunto previsto nelle presenti norme regolmentri entro dodii mesi dll dt di pulizione del presente regolmento stesso. Trsorso inutilmente tle termine trovno dirett pplizione le presenti norme regolmentri stesse.

13 Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe dell Cs Lvori Pulii Infrstrutture Tenologie immterili Siurezz Strdle Mitigzione rishio sismio e geologio Siurezz in edilizi, senz se e senz m

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO Il sottosritto rihiedente l ssegnzione dell lloggio: Cognome e nome Codie Fisle Stto di nsit Comune di nsit Dt di nsit Provini di residenz

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 Segnli di siurezz per fontnelle e doe di emergenz per l deontminzione UNI 7546/3. Symols for sfety signs-eyes wshing - emergeny shower. 332 Normtive

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

Comune di Tortolì Provincia dell Ogliastra

Comune di Tortolì Provincia dell Ogliastra Comune di Tortolì Provini dell Oglistr PIANO URBANISTICO COMUNALE IN ADEGUAMENTO AL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE E AL PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Sindo Dott. Domenio Lerede Assessore ll Urnisti Mssimo

Dettagli

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali Modulo L ttività nri I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno he si pprestno llo studio delle rtteristihe fondmentli dell ttività delle ziende di redito. Al fine di inqudrre il ontesto dell

Dettagli

Veneziane e tende tecniche

Veneziane e tende tecniche DECORAZIONE 04 Montre Venezine e tende tenihe 1 Gli ttrezzi LIVELLA A BOLLA RIGHELLO METRO TRAPANO VITI E TASSELLI MATITA CACCIAVITE SEGA PER METALLO TAGLIALAMELLE PER VENEZIANE FORBICI PER TENDE A RULLO

Dettagli

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza ino delle Alienzioni e delle Vlorizzzioni Immobiliri Vrinte Art.58 L. 133/2008 Immobile di vi Bgnoli ex suol elementre di Bgnoli ed re di pertinenz Aree in Zon Industrile Relzione r Vigente e Vrinte Uiio

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

PROVE DI CARICO SU SOLAIO

PROVE DI CARICO SU SOLAIO .5. PROVE DI CARICO SU SOAIO Pg. di PROVE DI CARICO SU SOAIO. Sopo prov intende testre le strutture orizzontli, in termini di resistenz e di rispost elsti, sottoponendole lle mssime solleitzioni possiili

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica Convenzione del Consiglio d Europ sull ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Mos, 28/X/2011 1 Premess Gli Stti memri del Consiglio d Europ e gli ltri firmtri

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

ELENCO PREZZI SEGNALI ED ACCESSORI PER IL MONTAGGIO

ELENCO PREZZI SEGNALI ED ACCESSORI PER IL MONTAGGIO ELENCO PREZZI A1 SEGNALI ED ACCESSORI PER IL MONTAGGIO DESCRIZIONE DIMENSIONI Dishi relizzti in lmier di lluminio spessore 25/10, pelliol "pezzo unio" on figure ome d C.d.S., ompleti rifrngenz lsse 1 di

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro PGT Pino di Governo del Territorio 212 4.5 Il Pro dello Sport del Lmbro e il PLIS dell Medi Vlle del Lmbro Tngenile Est Nuovo pro Cresengo pro Vill Fini Nviglio dell Mrtesn pro Prdisi Lmbro pro dell Mrtesn

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLS 78 M/P-1730 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 03-2010/11 602042 0 150m 24 V DC 300 Hz Alloggimento rousto di metllo on lente in vetro, grdo di protezione IP

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA E DELLE ANALISI DELLA CLE

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA E DELLE ANALISI DELLA CLE Commissione Teni per il supporto e il monitorggio degli studi di Mirozonzione Sismi (rtiolo 5, omm 7 dell OPCM 13 novemre 2010, n. 3907) LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Progetti Integrati di Sviluppo Locale

Progetti Integrati di Sviluppo Locale Unione Europe Repuli itlin Regione Clri Provinile di Ctnzro GAL REVENTINO Comune di Pltni PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013 Progetti Integrti di Sviluppo Lole SISTEMI TURISTICI LOCALI/DESTINAZIONE

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLSR 8 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 08-2014/08 602066-01 A 2 LS 14m 10-30 V DC 200 Hz Fotoellul rrier di siurezz on lue ross visiile, fino ll t. 2 seondo

Dettagli

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri Coientzione 50 mm Cnne fumrie in cciio Inox Cnne fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri INDICE 1 Elemento diritto mm 500... pg. 3 2 Elemento diritto mm 1000... pg. 3 3 Elemento

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO Eseritzioni svolte 2010 Suol Duemil 1 Eseritzione n. 2 Aspetti eonomii e lusole el ontrtto i omprvenit Risultti ttesi Spere: gli spetti tenii, giuriii e eonomii el ontrtto i omprvenit. Sper fre: eterminre

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE PERIODO DI VALIDITA' I corrispettivi indicti nel presente prezzrio si intendono vlidi nel periodo dl 1 Gennio 2009 l 31 Dicemre 2009

Dettagli

Scheda Tecnica D 11 Controsoffitti Knauf

Scheda Tecnica D 11 Controsoffitti Knauf Shed Teni D 11 Controsoffitti Knuf D 111 Orditur metlli singol D 112 Orditur metlli doppi D 113 Orditur metlli doppi non sovrppost D 114 Orditur metlli doppi on profilo stto D 116 Orditur per grndi lui

Dettagli

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali Lezione Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico I rumori in s vi dnno fstidio? È possiile porvi rimedio L inquinmento ustio è un prolem he tlor oinvolge le nostre itzioni. Vedimo ome eliminrlo qundo il rumore non pss ttrverso infissi insuffiienti, m

Dettagli

Quali documenti di circolazione occorrono per un veicolo che effettua un trasporto eccezionale?

Quali documenti di circolazione occorrono per un veicolo che effettua un trasporto eccezionale? Provini di Chieti Sessione d esme per l nno 2012 per il onseguimento dell ttestto di idoneità professionle ll eserizio dell ttività di onsulenz per l irolzione dei mezzi di trsporto. Quesiti rispost multipl

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM Guid di instllzione rpid Inizio ADS-2100 Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitinmpgn.it Edizioni L Informtore Agrrio Tutti i diritti riservti, norm dell Legge sul Diritto d Autore e le sue suessive modifizioni. Ogni utilizzo di quest oper per usi diversi d quello personle

Dettagli

13. Caratterizzazione sperimentale

13. Caratterizzazione sperimentale B. Zurello rogettzione meni on mterili non onvenzionli 13.1. Generlità 13. Crtterizzzione sperimentle Nell progettzione on mterili ompositi è prssi piuttosto onsolidt vlutre le rtteristihe dell singol

Dettagli

PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA. Materiali ed opere compiute dal 1959 NUOVE COSTRUZIONI AGOSTO 2012

PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA. Materiali ed opere compiute dal 1959 NUOVE COSTRUZIONI AGOSTO 2012 Mterili e opere ompiute l 1959 AGOSTO 2012 PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA NUOVE COSTRUZIONI Sistem Qulità Azienle ertifito ISO 9001:2008 OC OPERE COMPIUTE PROCEDURE PER EDILIZIA E URBANISTICA t. 03 f.to

Dettagli

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario Modulo Il merto dei pitli e l Bors vlori I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno; essi, dopo ver ppreso quli differenti forme giuridihe un impres può ssumere e, on riferimento lle soietà

Dettagli

STIMA INCIDENZA MANODOPERA

STIMA INCIDENZA MANODOPERA Comune di Vill di Brino Provini di Csert pg. 1 STIMA INCIDENZA MANODOPERA OGGETTO: Lvori di effiientmento energetio e relizzzione di un impinto fotovoltio presso l Suol Medi S. R. Clderisi di Vi T. Tsso

Dettagli

Trasformatori amperometrici e Shunt

Trasformatori amperometrici e Shunt Trsformtori mperometrii e Shunt L presente sezione present un vst gmm di trsformtori mperometrii T e Shunt dediti ll misur di orrente C e CC, d utilizzre in inmento i misurtori, nlizztori, onttori presentti

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Gruppo Imr ISTRUZIONI DI MONTAGGIO collettori sul tetto Figur 1 - I collettori DB possono essere montti fcilmente con il sistem di montggio per l sovrpposizione ll fld d due persone, senz necessità di

Dettagli

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2 S NZI NI S L NO - 2 LEGEND :. NUOV S NZINI. INGRESSO PRINIPLE. INGRESSO ENTRO DIURNO E NOTTURNO D. PRHEGGI E. INGRESSO VEIOLRE UTORIMESS F. ORTE G. GIRDINO OMUNE H. GIRDINO PROTETTO D + 0.00 H + 6.50 G

Dettagli

Anticipata via fax il Settimo Torinese, 21/01/2009

Anticipata via fax il Settimo Torinese, 21/01/2009 VI RESCI - SETTIMO TORINESE VERLI E RPPORTI DI VISITE SUI CNTIERI DEL COORDINTORE PER L'ESECUZIONE nticipt vi fx il Settimo Torinese, 1/2009 Spett.le Impres RDE COSTRUZIONI S.r.l. Vi Pive 108 10014 Cluso

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Rooti industrile Motori mgneti permnenti Prof. Polo Roo (polo.roo@polimi.it) Generzione di oppi L legge di Lorentz i die he un ri elettri q in moto on veloità v in un mpo mgnetio di intensità B è soggett

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "VOLTERRA - ELIA" 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN)

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VOLTERRA - ELIA 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN) Eserizio finnzirio 2010 Mod. H (rt. 18,. 2) ENTRATE Voe Progrmmzione definitiv ertte risosse rimste d risuotere e = - 01 Avnzo di mministrzione utilizzto 01 Avnzo Non vinolto 02 Avnzo Vinolto 02 Finnzimento

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets Lezione 1 Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI COME FACCIO A RISPARMIARE ENERGIA? COME FACCIO AD AVERE AGEVOLAZIONI? COME UTILIZZARE LE ENERGIE ALTERNATIVE? INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA Decreto

Dettagli

Copyright by Allestimenti Palladio snc

Copyright by Allestimenti Palladio snc I principli tipi d interventi mmessi ll detrzione Irpef del 36% Ecco un elenco esemplifictivo d interventi mmissibili fruire dell detrzione Irpef. In ogni cso, deve essere verifict l conformità lle normtive

Dettagli

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008 Attività di di FORMAZIONE tecnici comunli Disposizioni inerenti ll efficienz energetic in edilizi Regione Lombrdi DGR 8745 del 22 dic 2008 BANDO CARIPLO Audit Energetico degli edifici comunli AUDIT AUDITEECERTIFICAZIONE

Dettagli

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Serie dei Trttti Europei - n 125 Convenzione europe per l protezione degli nimli d ompgni Strsurgo, 13 novemre 1987 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012 TABELLA DEGLI ANNO 0 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05).

Dettagli

Come si può attivare il contribuente prima di adire al contenzioso avverso l atto di accertamento?

Come si può attivare il contribuente prima di adire al contenzioso avverso l atto di accertamento? Provini di Chieti Sessione d esme per l nno 2012 per il onseguimento dell ttestto di idoneità professionle ll eserizio dell ttività di onsulenz per l irolzione dei mezzi di trsporto. Quesiti rispost multipl

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro)

Scale con rampe diritte. Scala rettilinea a una rampa. Scala rettilinea a due rampe. Scala destra a una rampa a chiocciola (con un quarto di giro) 0.0 Scle di legno 9 0.0 Scle di legno Le scle servono superre le differenze di ltezz. Nelle cse unifmiliri sono sovente costruite in legno. Un scl è definit tle se formt d lmeno tre sclini consecutivi,

Dettagli

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/-

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- VIosPEoALE S^n.(GBr\R,,r,,1,,:r, ;,;;,; rr, r'-'-rr, "r,-^no -37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- KR/p Foglio n. 1 di 4 OGGETTO: decreto 19 mrzo 2015 - ggiornmento dell regol tecnic di prevenzione

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

morte e i prodotti aziendali conservati per un futuro reimpiego

morte e i prodotti aziendali conservati per un futuro reimpiego QUESITI DI ESTIMO ppunti 13 TEST DI VERIFICA 1 Che os si intende per vlore nello perto di un fondo rustio? Il vlore del fondo omprese le sorte Il vlore del fondo senz le sorte Il vlore del fondo omprese

Dettagli

CONDUTTANZA ELETTRICA DI UN ELETTROLITA IN SOLUZIONE (TEORIA)

CONDUTTANZA ELETTRICA DI UN ELETTROLITA IN SOLUZIONE (TEORIA) CONDUTTANZA ELETTICA DI UN ELETTOLITA IN SOLUZIONE (TEOIA) Se si ppli un differenz di potenzile elettrio fr due elettrodi iersi in un soluzione ioni, si verifi un igrzione risultnte di ioni in direzione

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014 TABELLA DEGLI ANNO 04 criteri di ppliczione (estrtto rt. 5ter, lett. "" del Regolmento Edilizio vigente) Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA 6 In cos consiste

Dettagli

Scala di sicurezza, Palazzo della Ragione, Milano

Scala di sicurezza, Palazzo della Ragione, Milano Scl di sicurezz, Plzzo dell Rgione, Milno Er importnte che l scl fosse progettt in modo d essere legger, trsprente e visivmente utonom rispetto l contesto storico. In seguito ll intervento di conservzione

Dettagli

Accordo europeo concernente le persone partecipanti alle procedure davanti alla Corte europea dei Diritti dell Uomo

Accordo europeo concernente le persone partecipanti alle procedure davanti alla Corte europea dei Diritti dell Uomo Serie dei Trttti Europei - n 161 Aordo europeo onernente le persone prteipnti lle proedure dvnti ll Corte europe dei Diritti dell Uomo Strsurgo, 5 mrzo 1996 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell

Dettagli

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento Allegto 3 Eleno BAT e esempio interventi effiientmento LINEE GUIDA per l onuzione ell ignosi energeti nel settore rtrio Pg. 1 i 6 Riepilogo BAT sul onsumo e sull effiienz energetii estrtte ll DECISIONE

Dettagli

Elenco Prezzi Lavori di: Ristrutturazione Locali Comunali di Via Fratelli Rosselli, Archivio

Elenco Prezzi Lavori di: Ristrutturazione Locali Comunali di Via Fratelli Rosselli, Archivio Eleno Prezzi Lvori di: Ristrutturzione Loli Comunli di Vi Frtelli Rosselli, Arhivio N Art/Tr Desrizione rtiolo Unit' di misur Unitrio 1 48 C.09.010.080. o 2 49 C.09.010.130. 3 50 C.09.010.140. e 4 104

Dettagli

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità)

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità) Decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, Attuzione dell direttiv 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizi integrto con il Decreto legisltivo 29 dicembre 2006, n. 311, Disposizioni correttive ed

Dettagli

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione.

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione. Aquer LINEA Aquer Soluzioni modulri di griglie di drenggio e ventilzione. L'mbiente urbno è prte integrnte dell nostr società modern. Questo h portto d un incremento delle zone edificte crtterizzte d superfici

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Larghezza 910 mm. Grafi9 ARMADI A 3 VANI

Larghezza 910 mm. Grafi9 ARMADI A 3 VANI 9 103 Grfi 9 Lrghezz 910 L serie è crtterizzt d un lrghezz estern di 910 (892 utile interno). 6 ltezze di ingomro disponiili d 490 1840. Tutte le esecuzioni sono disponiili in due profondità: 330 e 460.

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prov n. 1 LEGER TEST Descrizione L prov si svolge su un percorso delimitto d due coni, posti ll distnz di 20 mt l uno dll ltro. Il cndidto deve percorrere spol l distnz tr i due coni, pssndo dll velocità

Dettagli

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE - Progettzione impinti recupero e smltimento rifiuti - Consulenz mbientle - Sviluppo prtiche utorizztive - Prtiche Albo Gestori Rifiuti - Perizie Tecniche utomezzi - Consulenz A.D.R., Sicurezz sul lvoro,

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI prtners rgionieri commercilisti economisti d impres vldgno (vi) vi l. festri,15 tel. 0445/406758/408999 - fx 0445/408485 dueville (vi) - vi g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

operazioni con vettori

operazioni con vettori omposizione e somposizione + = operzioni on vettori = + = + Se un vettore può essere dto dll omposizione di due o più vettori, questi vettori omponenti possono essere selti lungo direzioni ortogonli fr

Dettagli

La costituzione d azienda

La costituzione d azienda L costituzione d ziend Esercizio1 In dt 15/01/X si costituisce, per volontà dei soci Alf e Bet, l Eridice S.p.A. Il cpitle socile, costituito d 40.000 zioni ordinrie d 10 euro nominli ciscun, viene sottoscritto

Dettagli

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e dell Rier Eserizio finnzirio 2014 Pgin n. 1 Desrizione Progrm mzione definitiv impegnte 01 Personle 138.826,94 41.707,73 41.707,73 0,00 97.119,21 0,00 0,00

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA Agire in modo utonomo e responsile CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

sicurezza sul lavoro safety at work R R Segnali di sicurezza per fontanelle e docce di emergenza per la decontaminazione UNI 7546/3

sicurezza sul lavoro safety at work R R Segnali di sicurezza per fontanelle e docce di emergenza per la decontaminazione UNI 7546/3 siurezz sul lvoro sfety t work R 290 30 R 290 31 Segnli di siurezz per fontnelle e doe di emergenz per l deontminzione UNI 7546/3 Symols for sfety signs-eyes wshing - emergeny shower 219 Normtive in mteri

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Testo coordinto D.Lgs. 192/2005 DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192: "Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi" Coordinto con il Decreto Legisltivo 29 dicembre

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 9.4.2013 Gzzett uffiile dell Unione europe L 100/1 II (Atti non legisltivi) DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 26 mrzo 2013 he stilise le onlusioni sulle migliori tenihe disponiili

Dettagli

APPUNTI DI GEOMETRIA ANALITICA

APPUNTI DI GEOMETRIA ANALITICA Prof. Luigi Ci 1 nno solstio 13-14 PPUNTI DI GEOMETRI NLITIC Rett orientt Un rett r si die orientt qundo: 1. È fissto un punto di riferimento, detto origine;. Dei due possiili versi in ui un punto si può

Dettagli

IL CONTRATTO RISTORATIVO

IL CONTRATTO RISTORATIVO IL CONTRATTO RISTORATIVO ATTIVITÀ E LABORATORIO i Pol LOBINA PREMESSA L rtiolo nlizz l ntur giurii el ontrtto i ristorzione osì ome viene elinet l Coie el onsumo e è orreto un primo test i verifi sui ontrtti.

Dettagli

stops vibrations SWISS TECHNOLOGY

stops vibrations SWISS TECHNOLOGY stops virtions I T C A T A O G O SWISS TECHNOOGY Un progr e onvine in tutto! AZIENDA Airo Srepfer innovzione nell teni del livellmento e dello smorzmento Il nome Airo Srepfer è un grnzi di qulità d più

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA' "A"

CENTRO DI RESPONSABILITA' A PREENTIO FINANZIARIO GESTIONALE PLURIENNALE ES. 2015 2016 2017 CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA Residui ttivi presunti ll fine dell'nno in dell'nno in per l'nno 2015 Previsioni di css per l'nno 2015

Dettagli

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici ALLEGATO A) Disciplinre del Fondo per l Progettzione degli Interventi Strtegici 1. Finlità del fondo Al fine di rzionlizzre e ccelerre l spes per investimenti pubblici, con prticolre rigurdo ll relizzzione

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici di Alessndro Siviero doente di Eonomi, mrketing e omunizione Strumenti APRILE/MAGGIO 00 Verifi del modulo: Il mrketing dei prodotti turistii Metodi di verifi e l pproio dello studente Nell rtiolo Il mrketing

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Municipio Piazza del Popolo 1 - Ravenna

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Municipio Piazza del Popolo 1 - Ravenna Progr.Num. 697/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno luneì 15 el mese i giugno ell' nno 2015 si è riunit nell resienz i l Giunt regionle on l'intervento ei Signori: Muniipio Pizz el Popolo

Dettagli

INDICE. Funzionamento

INDICE. Funzionamento L seguente dihirzione è vlid se l trghett indinte il numero di serie del fuoriordo re il mrhio CE nell ngolo inferiore sinistro: Questo motore fuoriordo frito dll Merury Mrine presso l sede di Fond du

Dettagli