COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015"

Transcript

1 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla fine di marzo registra un calo del 3,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. MARCHE, PRIMI SEGNALI DI CRESCITA PER IL SISTEMA PRODUTTIVO LA MECCANICA TRAINA LA RIPRESA. BENE ANCHE ELETTRONICA E MOBILE Di Battista Malgrado la produzione industriale di S.p.A. e s.r.l. marchigiane registri ancora una frenata, i nostri dati sull intero comparto manifatturiero, comprese le oltre 98 mila imprese individuali, registrano nel primo trimestre 2015 una crescita della produzione del 2,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente mentre il fatturato è aumentato del 4,5% Venti di ripresa. Sono quelli che soffiano sul sistema produttivo marchigiano. Ad annunciarlo il presidente di Unioncamere Marche Graziano Di Battista, che ha presentato i dati della Giuria della Congiuntura, l indagine trimestrale del sistema camerale regionale. Malgrado la produzione industriale di S.p.A. e s.r.l. marchigiane registri ancora una frenata commenta Di Battista i nostri dati sull intero comparto manifatturiero, comprese le oltre 98 mila imprese individuali, registrano nel primo trimestre 2015 una crescita della produzione del 2,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente mentre il fatturato è aumentato del 4,5 per cento, grazie soprattutto a quello estero (+8,7 per cento) con il fatturato interno che è salito soltanto del 2,7 per cento. In crescita anche gli ordinativi del 2,2 per cento. Risalgono anche le settimane di produzione assicurata (5,6). Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla fine di marzo registra un calo del 3,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Questo significa che gli imprenditori marchigiani prima di effettuare nuove assunzioni attendono che la crescita si stabilizzi anche nei prossimi trimestri dell anno. A conferma di un clima che sta cambiando e tende a volgere al bello, si hanno le previsioni degli imprenditori per la fine di giugno. Per la prima volta dopo più di tre anni, le imprese che prevedono di aumentare ulteriormente la produzione sono più di quelle che si aspettano una flessione (31 contro 24 per cento) mentre 34 imprese su 100 pensano di incrementare il fatturato e il 26 per cento teme un calo. In crescita anche le imprese che si aspettano di aumentare gli ordinativi interni (30 per cento) ed esteri (38 per cento) mentre un impresa su quattro si aspetta di ridurli. Le uniche cattive notizie arrivano per chi è in cerca di un lavoro. Secondo la Giura della Congiuntura di Unioncamere Marche, solo sei imprese su cento penano di aumentare il numero dei dipendenti entro l estate mentre il 13 per cento pesa ad una ulteriore riduzione e l 81 per cento manterrà inalterata l attuale forza lavoro aziendale. Nei prossimi mesi afferma Di Battista occorre consolidare la ripresa e porre le condizioni per un aumento dei posti di lavoro anche nel sistema manifatturiero marchigiano e non solo nel terziario come è avvenuto tra gennaio e marzo. Per questo è necessario che la futura Giunta della Regione Marche sostenga gli investimenti delle imprese in ricerca e innovazione, favorisca l accesso delle imprese ai mercati esteri e ponga le piccole e medie imprese al centro delle politiche formative e del lavoro. Guardando ai settori di attività, secondo l indagine di Unioncamere Marche, è la meccanica a trainare la ripresa, con aumenti a due cifre di produzione (10,6), fatturato (10,9) e ordinativi (12,1). Bene anche l elettronica con un aumento della produzione del 4,4 per cento e del fatturato del 17,7 per cento. In 1

2 ripresa il mobile con la produzione in crescita del 3,2 per cento e il fatturato dell 1,3 per cento. Più limitata la crescita delle industrie metallifere (produzione +1,1 e fatturato +2,2). Male le imprese del sistema moda con l abbigliamento che perde il 4,3 per cento della produzione e il 4,8 del fatturato mentre il calzaturiero registra una riduzione della produzione dell 1,2 e del fatturato del 4,7 per cento. Lievi oscillazioni della produzione per alimentari (-0,6) e aziende chimiche, petrolifere e della plastica (-0,2). Per quanto riguarda l andamento dei sistemi produttivi sul territorio va registrato l aumento di produzione (5,6) e fatturato (+5,8) nel pesarese, grazie alla ripresa del mobile. Bene anche Ancona grazie alla meccanica, con la produzione in crescita del 2,2 e il fatturato del 9,1 per cento. Positivi anche i dati di Ascoli Piceno (produzione 1,4 e fatturato 3,3) mentre nel fermano è aumentata al produzione (1,7) ma non il fatturato (-0,4). Negativi i dati della provincia di Macerata con la produzione che è scesa dell 1,5 e il fatturato del 3,2 per cento. Infine la cassa integrazione. Complessivamente nel confronto tra i primi tre mesi del 2015 e del 2014 si è dimezzata (da 14,5 a 7,4 milioni di ore). Calano sia quella ordinaria sia quella straordinaria e quella in deroga. Nell industria marchigiana la cassa integrazione è diminuita del 37 per cento mentre nell artigianato è crollata del 63,6 per cento, nel commercio del 71,3 per cento e in edilizia del 41 per cento. 2

3 10 giugno 2015 Marche, cresce la produzione Ma cala ancora l'occupazione ANCONA - Crescita della produzione nel primo trimestre del 2015 ma l'occupazione è ancora in calo. «Malgrado la produzione industriale di S.p.A. e s.r.l. marchigiane registri ancora una frenata, i nostri dati sull'intero comparto manifatturiero, comprese le oltre 98 mila imprese individuali, registrano nel primo trimestre 2015 una crescita della produzione del 2,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente mentre il fatturato è aumentato del 4,5%, grazie soprattutto a quello estero (+8,7%)». Così il presidente di Unioncamere Graziano Di Battista presentando i dati della Giuria della congiuntura, l'indagine trimestrale del sistema camerale regionale. Unico elemento negativo l'occupazione, che registra un calo del 3,2%. A conferma di un clima che sta cambiando e tende a volgere al bello, si hanno le previsioni degli imprenditori per la fine di giugno. Per la prima volta dopo più di tre anni, le imprese che prevedono di aumentare ulteriormente la produzione sono più di quelle che si aspettano una flessione (31 contro 24%) mentre 34 imprese su 100 pensano di incrementare il fatturato e il 26% teme un calo. Le uniche cattive notizie arrivano per chi è in cerca di un lavoro. Solo sei imprese su cento pensano di aumentare il numero dei dipendenti entro l'estate mentre il 13% pensa a una ulteriore riduzione e l'81% manterrà inalterata l'attuale forza lavoro aziendale. A trainare la ripresa è la meccanica, con aumenti a due cifre di produzione (10,6), fatturato (10,9) e ordinativi (12,1). Bene anche l'elettronica (+4,4% produzione e 17,7% fatturato). In ripresa il mobile, con la produzione in crescita del 3,2% e il fatturato dell'1,3%. Più limitata la crescita delle industrie metallifere. Male le imprese del sistema moda: l'abbigliamento perde il 4,3% della produzione e il 4,8 del fatturato mentre il calzaturiero registra una riduzione della produzione dell'1,2 e del fatturato del 4,7%. 3

4 10 giugno 2015 Marche, primi segnali di crescita per il sistema produttivo La meccanica traina la ripresa; bene anche elettronica e mobile Venti di ripresa. Sono quelli che soffiano sul sistema produttivo marchigiano. Ad annunciarlo il presidente di Unioncamere Marche Graziano Di Battista, che ha presentato i dati della Giuria della Congiuntura, l indagine trimestrale del sistema camerale regionale. Malgrado la produzione industriale di S.p.A. e s.r.l. marchigiane registri ancora una frenata commenta Di Battista i nostri dati sull intero comparto manifatturiero, comprese le oltre 98 mila imprese individuali, registrano nel primo trimestre 2015 una crescita della produzione del 2,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente mentre il fatturato è aumentato del 4,5 per cento, grazie soprattutto a quello estero (+8,7 per cento) con il fatturato interno che è salito soltanto del 2,7 per cento. In crescita anche gli ordinativi del 2,2 per cento. Risalgono anche le settimane di produzione assicurata (5,6). Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla fine di marzo registra un calo del 3,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Questo significa che gli imprenditori marchigiani prima di effettuare nuove assunzioni attendono che la crescita si stabilizzi anche nei prossimi trimestri dell anno. A conferma di un clima che sta cambiando e tende a volgere al bello, si hanno le previsioni degli imprenditori per la fine di giugno. Per la prima volta dopo più di tre anni, le imprese che prevedono di aumentare ulteriormente la produzione sono più di quelle che si aspettano una flessione (31 contro 24 per cento) mentre 34 imprese su 100 pensano di incrementare il fatturato e il 26 per cento teme un calo. In crescita anche le imprese che si aspettano di aumentare gli ordinativi interni (30 per cento) ed esteri (38 per cento) mentre un impresa su quattro si aspetta di ridurli. Le uniche cattive notizie arrivano per chi è in cerca di un lavoro. Secondo la Giura della Congiuntura di Unioncamere Marche, solo sei imprese su cento penano di aumentare il numero dei dipendenti entro l estate mentre il 13 per cento pesa ad una ulteriore riduzione e l 81 per cento manterrà inalterata l attuale forza lavoro aziendale. Nei prossimi mesi afferma Di Battista occorre consolidare la ripresa e porre le condizioni per un aumento dei posti di lavoro anche nel sistema manifatturiero marchigiano e non solo nel terziario come è avvenuto tra gennaio e marzo. Per questo è necessario che la futura Giunta della Regione Marche sostenga gli investimenti delle imprese in ricerca e innovazione, favorisca l accesso delle imprese ai mercati esteri e ponga le piccole e medie imprese al centro delle politiche formative e del lavoro. Guardando ai settori di attività, secondo l indagine di Unioncamere Marche, è la meccanica a trainare la ripresa, con aumenti a due cifre di produzione (10,6), fatturato (10,9) e ordinativi (12,1). Bene anche l elettronica con un aumento della produzione del 4,4 per cento e del fatturato del 17,7 per cento. In 4

5 ripresa il mobile con la produzione in crescita del 3,2 per cento e il fatturato dell 1,3 per cento. Più limitata la crescita delle industrie metallifere (produzione +1,1 e fatturato +2,2). Male le imprese del sistema moda con l abbigliamento che perde il 4,3 per cento della produzione e il 4,8 del fatturato mentre il calzaturiero registra una riduzione della produzione dell 1,2 e del fatturato del 4,7 per cento. Lievi oscillazioni della produzione per alimentari (-0,6) e aziende chimiche, petrolifere e della plastica (-0,2). Per quanto riguarda l andamento dei sistemi produttivi sul territorio va registrato l aumento di produzione (5,6) e fatturato (+5,8) nel pesarese, grazie alla ripresa del mobile. Bene anche Ancona grazie alla meccanica, con la produzione in crescita del 2,2 e il fatturato del 9,1 per cento. Positivi anche i dati di Ascoli Piceno (produzione 1,4 e fatturato 3,3) mentre nel fermano è aumentata al produzione (1,7) ma non il fatturato (-0,4). Negativi i dati della provincia di Macerata con la produzione che è scesa dell 1,5 e il fatturato del 3,2 per cento. Infine la cassa integrazione. Complessivamente nel confronto tra i primi tre mesi del 2015 e del 2014 si è dimezzata (da 14,5 a 7,4 milioni di ore). Calano sia quella ordinaria sia quella straordinaria e quella in deroga. Nell industria marchigiana la cassa integrazione è diminuita del 37 per cento mentre nell artigianato è crollata del 63,6 per cento, nel commercio del 71,3 per cento e in edilizia del 41 per cento. 5

6 10 giugno 2015 Marche, primi segni di crescita La meccanica traina la ripresa MARCHE - Venti di ripresa soffiano sul sistema produttivo marchigiano. Ad annunciarlo il presidente di Unioncamere Marche Graziano Di Battista, che ha presentato i dati della Giuria della Congiuntura, l indagine trimestrale del sistema camerale regionale. Malgrado la produzione industriale di S.p.A. e s.r.l. marchigiane registri ancora una frenata commenta Di Battista i nostri dati sull intero comparto manifatturiero, comprese le oltre 98 mila imprese individuali, registrano nel primo trimestre 2015 una crescita della produzione del 2,5 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente mentre il fatturato è aumentato del 4,5 per cento, grazie soprattutto a quello estero (+8,7 per cento) con il fatturato interno che è salito soltanto del 2,7 per cento. In crescita anche gli ordinativi del 2,2 per cento. Risalgono anche le settimane di produzione assicurata (5,6). Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla fine di marzo registra un calo del 3,2 per cento rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Questo significa che gli imprenditori marchigiani prima di effettuare nuove assunzioni attendono che la crescita si stabilizzi anche nei prossimi trimestri dell anno. A conferma di un clima che sta cambiando e tende a volgere al bello, si hanno le Graziano Di Battista previsioni degli imprenditori per la fine di giugno. Per la prima volta dopo più di tre anni, le imprese che prevedono di aumentare ulteriormente la produzione sono più di quelle che si aspettano una flessione (31 contro 24 per cento) mentre 34 imprese su 100 pensano di incrementare il fatturato e il 26 per cento teme un calo. In crescita anche le imprese che si aspettano di aumentare gli ordinativi interni (30 per cento) ed esteri (38 per cento) mentre un impresa su quattro si aspetta di ridurli. Le uniche cattive notizie arrivano per chi è in cerca di un lavoro. Secondo la Giura della Congiuntura di Unioncamere Marche, solo sei imprese su cento penano di aumentare il numero dei dipendenti entro l estate mentre il 13 per cento pesa ad una ulteriore riduzione e l 81 per cento manterrà inalterata l attuale forza lavoro aziendale. Nei prossimi mesi afferma Di Battista occorre consolidare la ripresa e porre le condizioni per un aumento dei posti di lavoro anche nel sistema manifatturiero marchigiano e non solo nel terziario come è avvenuto tra gennaio e marzo. Per questo è necessario che la futura Giunta della Regione Marche sostenga gli investimenti delle imprese in ricerca e innovazione, favorisca l accesso delle imprese ai mercati esteri e ponga le piccole e medie imprese al centro delle politiche formative e del lavoro. Guardando ai settori di attività, secondo l indagine di Unioncamere Marche, è la meccanica a trainare la ripresa, con aumenti a due cifre di produzione (10,6), fatturato (10,9) e ordinativi (12,1). Bene anche l elettronica con un aumento della produzione del 4,4 per cento e del fatturato del 17,7 per cento. In ripresa il mobile con la produzione in crescita del 3,2 per cento e il fatturato dell 1,3 per cento. Più limitata la crescita delle industrie metallifere (produzione +1,1 e fatturato +2,2). Male le imprese del 6

7 sistema moda con l abbigliamento che perde il 4,3 per cento della produzione e il 4,8 del fatturato mentre il calzaturiero registra una riduzione della produzione dell 1,2 e del fatturato del 4,7 per cento. Lievi oscillazioni della produzione per alimentari (-0,6) e aziende chimiche, petrolifere e della plastica (- 0,2). Per quanto riguarda l andamento dei sistemi produttivi sul territorio va registrato l aumento di produzione (5,6) e fatturato (+5,8) nel pesarese, grazie alla ripresa del mobile. Bene anche Ancona grazie alla meccanica, con la produzione in crescita del 2,2 e il fatturato del 9,1 per cento. Positivi anche i dati di Ascoli Piceno (produzione 1,4 e fatturato 3,3) mentre nel fermano è aumentata al produzione (1,7) ma non il fatturato (-0,4). Negativi i dati della provincia di Macerata con la produzione che è scesa dell 1,5 e il fatturato del 3,2 per cento. Infine la cassa integrazione. Complessivamente nel confronto tra i primi tre mesi del 2015 e del 2014 si è dimezzata (da 14,5 a 7,4 milioni di ore). Calano sia quella ordinaria sia quella straordinaria e quella in deroga. Nell industria marchigiana la cassa integrazione è diminuita del 37 per cento mentre nell artigianato è crollata del 63,6 per cento, nel commercio del 71,3 per cento e in edilizia del 41 per cento. 7

8 10 giugno 2015 Le notizie dalla regione Marche Marche,in crescita il sistema produttivo,a capo la meccanica Primi segnali di ripresa si rilevano sul sistema produttivo marchigiano,ad affermarlo Graziano Di Battista,presidente Unioncamere Marche. Dati di crescita emergono dall'indagine trimestrale del sistema camerale regionale "Giuria della Congiuntura". I dati sull'intero comparto manifatturiero registrano una crescita della produzione del 2,5 per cento, mentre il fatturato aumenta del 4,5 per cento, rispetto all'anno precedente. Sull'onda delle prime avvisaglie di crescita, le imprese che prevedono di incrementare la produzione e il fatturato sono più di quelle che si aspettano una flessione ( produzione 31 contro 24 per cento; fatturato 34 contro 26 per cento). Ancora brutte notizie per chi cerca lavoro, l'occupazione è in calo da gennaio e le imprese non contano di ampliare l'organico aziendale. centro piccole e medie imprese. Di Battista ribadisce la necessità di finanziare ricerca e innovazione delle imprese da parte della regione e porre al Il settore che traina la ripresa è la meccanica, aumenta sia produzione che fatturato del 10 per cento circa. Bene anche elettronica (produzione +4,4;fatturato +17,7) e mobile nel pesarese. 8

9 11 giugno

10 10

11 11 giugno

12 11 giugno 2015 Export, si ferma anche il settore alimentare ECONOMIA - Per lungo tempo è stato uno dei settori che meglio ha retto l urto dei lunghi anni di difficoltà economica. Ora la crisi sembra riguardare anche il settore alimentare. Cna analizza i dati Unioncamere Marche che parlano chiaro: anche il comparto alimentare si ferma dopo la forte crescita che si è concentrata negli ultimi anni. Nel dettaglio, i dati fanno registrare nella regione una sostanziale stabilità della produzione (-0,6%) e dei fatturati (+0,3), ma il dato più preoccupante arriva dalle esportazioni che registrano un crollo con un 6,7% (il terzo settore ad andare peggio dopo il TAC nel suo complesso). Inoltre, a rabbuiare l orizzonte del comparto, ci sono gli ordinativi per l estero che calano di un 3,3%, a rimarcare che la tendenza in atto sembra non volersi fermare. Il segnale positivo viene unicamente dal mercato interno con un +1,5% che sembrerebbe rilevare una inversione di tendenza, inversione sperata e attesa da tempo. Il risultato finale è un calo dell occupazione del comparto pari al 2,7%: una vera e propria retromarcia per un settore che invece, sotto questo punto di vista, è stato importante negli anni della crisi. Il crollo delle esportazioni sembra spiegabile solo alla luce delle sanzioni che l UE sta applicando alla Russia per la questione Ucraina commenta Andrea Cantori, responsabile Cna Alimentare della provincia di Ancona Questa riflessione è confermata dal fatto che gli unici due settori che perdono in maniera rilevante sul fronte esportazioni sono proprio TAC e Alimentare, cioè i due comparti regionali fortemente legati al mercato russo. E evidente, quindi, che la questione Ucraina oggi è fondamentale per la nostra regione e per tutta l economia italiana (siamo il 4 partner commerciale della Russia) e deve vedere un maggiore impegno del nostro Paese nei confronti di una soluzione dei contrasti che non può essere solo affidata alle sanzioni economiche, ma deve vedere il ritorno della politica in campo. 12

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Premio all Imprenditoria Immigrata. in Italia

Premio all Imprenditoria Immigrata. in Italia MoneyGram Award, Premio all Imprenditoria Immigrata in Italia *** Roma, marzo 2013 INDICE MoneyGram Award, Premio all Imprenditoria Immigrata in Italia Pag. 1 I vincitori della scorsa edizione Pag. 6 Contact:

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità?

Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità? 1 Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità? Problema 2 Una somma di denaro, che aumenta ogni anno del

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

LETTERE. ex ravasi LETTERE. sost4cer_alvino MATEMATICA. sost4cer_alvino E. MUSICA. BARZAGHI. E.FISICA CIONI CE Palestra RELIG CAVALLINI

LETTERE. ex ravasi LETTERE. sost4cer_alvino MATEMATICA. sost4cer_alvino E. MUSICA. BARZAGHI. E.FISICA CIONI CE Palestra RELIG CAVALLINI ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE 23/09/2014 09:09 - Pagina 1 1E 1F ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE 23/09/2014 09:09 - Pagina 2 1G,,,, 1H,,, ISTITUTO COMPRENSIVO C. BATTISTI COGLIATE

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Il personaggio del mese Piergiorgio Cariaggi. Il personaggio del mese Fiorella Tombolini. Numero 5-2012

Il personaggio del mese Piergiorgio Cariaggi. Il personaggio del mese Fiorella Tombolini. Numero 5-2012 Poste Italiane Spa - Sped. in abbonamento postale -70% - Commerciale Business - Ancona anno 2008 Il personaggio del mese Fiorella Tombolini Numero 5-2012 CN/AN093/2008 Il personaggio del mese Piergiorgio

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

La condizione giovanile ai tempi della crisi

La condizione giovanile ai tempi della crisi La condizione giovanile ai tempi della crisi Firenze, Marzo 2013 RICONOSCIMENTI Il presente documento è stato realizzato da un gruppo di lavoro coordinato da Nicola Sciclone. Hanno collaborato: Gabriele

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI

ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA NELL EVOLUZIONE DEI CONTESTI REGIONALI E PROVINCIALI PONTEDERA FEBBRAIO 2013 0 0. INDICE PREMESSA pag. 02 L ANDAMENTO DEMOGRAFICO TOSCANO pag. 04 L ECONOMIA PROVINCIALE

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013 (approvato dalla Giunta Regionale con delibera n. 65 del 10-11 febbraio 2009) Indice Premessa pag. 3 1. Il quadro congiunturale

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro Rapporto Finale Roma, febbraio 2014 INDICE Executive Summary 1 Parte prima I risultati dell indagine sulle imprese 11 1.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013 1 ottobre 2013 Il lavoro è stato svolto da un gruppo di lavoro REF Ricerche sulla base delle indicazioni e sotto la

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Bruxelles, 21 novembre 2001

Bruxelles, 21 novembre 2001 Bruxelles, 21 novembre 2001 A seguito di un indagine avviata nel maggio 1999 la Commissione europea ha appurato che 13 imprese europee e non europee hanno preso parte a cartelli volti ad eliminare la concorrenza

Dettagli