PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI. I calcoli di Dairy Economics. Michele Campiotti"

Transcript

1 PER ORIENTARE LE SCELTE AZIENDALI CON I NUMERI Sistemi pratici di calcolo per fare più reddito in stalla Il Sata ha sperimentato su 62 aziende un semplice strumento informatico, «Dairy Economics», per orientare le scelte dell imprenditore e migliorare la redditività aziendale. I risultati sono stati ottimi in riferimento alle decisioni: introduzione della terza mungitura, messa in asciutta e sostituzione della bovina, acquisto di nuove quote latte Michele Campiotti Dalla collaborazione tra il Servizio assistenza tecnica allevamenti (Sata) e Greg Bethard (G&R Dairy Consulting - Virginia - Usa) è nato un interessante e utile approccio alla valutazione economica delle scelte tecniche nell azienda da latte. L obiettivo era quello di proporre uno strumento aziendale a tutti gli allevatori Sata che li aiutasse nello sforzo di cambiamento della mentalità di gestione dell azienda che il Sata da anni si impegna a diffondere agli allevatori. È ormai nota la situazione degli allevamenti italiani (riassunta nella tabella 1): al 2002 era attivo in Italia solo un terzo degli allevamenti da latte in produzione nel 1988, passando da circa a circa Questo, in realtà, senza portare a grosse variazioni sulla produzione totale commercializzata. Tale trend permane anche dopo il Anzi le più recenti prospettive dettate dalle nuove regole europee (disaccoppiamento) non fanno certo presumere un inversione di tendenza. L attuale situazione è il risultato di un periodo difficile e complesso che da anni interessa il settore lattierocaseario italiano; lo scenario poi si è ulteriormente aggravato nell ultimo anno a causa dell andamento stagionale avverso alle colture che ha portato a un drammatico aumento dei costi delle materie prime riducendo drasticamente o annullando i margini di utile della produzione di latte. Risulta pertanto decisivo trovare nuove vie per aumentare l efficienza degli allevamenti e una di queste consiste proprio nel poter valutare sotto il profilo economico le decisioni dell imprenditore. Il limite legato alla non conoscenza di tutti gli elementi che entrano in gioco e sono influenzati dalle decisioni imprenditoriali è tipico della complessità gestionale dell allevamento da latte, ma deve essere ridotto al minimo per ottenere risultati di rilievo dal punto di vista dell efficienza aziendale. Il gruppo di lavoro gestionale del Tabella 1 - Produzione commercializzata di latte vaccino in Italia ( 1 ) Allevamenti Produzione commercializzata Produzione per allevamento n. var. (%).000 t var. (%) t var. (%) , , , ,1 117,0 9, , ,4 129,6 10, , ,2 139,5 7, , ,3 157,9 13, , ,7 172,3 9,1 ( 1 ) Consegne + vendite. Sata ha creato e testato su 62 allevamenti della Lombardia un nuovo strumento denominato Dairy Economics. Si tratta di un foglio di lavoro elettronico che permette la registrazione di alcuni dati aziendali importanti dal punto di vista economico e facilita la valutazione dell efficienza della propria azienda e delle proprie scelte operative. I calcoli di Dairy Economics I primi dati da registrare quotidianamente in Dairy Economics riguardano la razione e i costi alimentari, parte rilevante dei costi aziendali. Dairy Economics prevede due sezioni relative ai costi della razione: per vacche in lattazione (figura 1) e in asciutta. Vanno registrati la razione e le relative quantità e i costi delle materie prime o mangimi, per determinare il costo della razione, ma soprattutto il costo per chilogrammo di sostanza secca della razione, che rappresenta, a parità di tenori proteici ed energetici, il vero metro di valutazione dei costi di razionamento. Esso consente di mettersi al riparo da pericolose valutazioni totalmente fuorvianti dei costi alimentari che sono spesso occasione di discussione tra allevatori e mangimisti. Quantità e valore della produzione, costi e ingestione della razione. Il primo dato da registrare riguarda il numero di vacche munte giorno per giorno e il numero di quante erano in cura e il cui latte pertanto non è stato commercializzato (figura 2). Il secondo dato giornaliero è relativo alla produzione espressa come litri di latte venduti. La terza informazione, importantissima, riguarda l ingestione di sostanza secca. È necessario cioè registrare la quantità di unifeed scaricato e l avanzo raccolto prima 27

2 dello scarico successivo. Quest ultima informazione forse è l unica che non tutte le aziende sono abituate a registrare, mentre è raccomandabile che in tutte le aziende diventi una routine la registrazione della quantità di alimento avanzato dal bestiame, perché permette di prendere coscienza della reale ingestione dando indicazioni utilissime e in tempo reale sull andamento aziendale. Gli altri dati della tabella sono altrettanto importanti e vengono calcolati dal foglio elettronico a eccezione di quello riferito alla sostanza secca dell unifeed, che può essere stimato a partire dai dati analitici della razione o, meglio ancora, mediante un microonde, o una stufa per quelle aziende che ne sono dotate. L ultimo dato da inserire in questa pagina è il prezzo di vendita del latte, informazione determinante per chiudere il cerchio delle valutazioni economiche. Da queste poche informazioni è già possibile ottenere interessanti considerazioni tecnico-economiche. Rapporto tra sostanza secca ingerita (s.s.i.) e latte venduto Partendo dall ingestione di sostanza secca per vacca e dal latte venduto per vacca (figura 3) è possibile calcolare quotidianamente un indice di efficienza: il rapporto tra la sostanza secca ingerita e il latte venduto, che risponde al desiderio di ogni allevatore di conoscere quanto latte produce il chilogrammo di sostanza secca somministrato alla vacca. Un indice che descrive cioè la conversione di alimenti di input in prodotto vendibile. La disponibilità giornaliera di questo dato è senz altro uno strumento molto prezioso. Entrate al netto dei costi alimentari «Entrate al netto dei costi alimentari» è la traduzione italiana del concetto anglosassone Income over feed cost (Iofc), che si ottiene detraendo al ricavo totale del latte i costi alimentari sostenuti per quella produzione; può essere espresso sia per vacca sia per l intera stalla. L Iofc medio per vacca delle 62 aziende lombarde analizzate dal Sata evidenzia una notevole variazione tra i due estremi (da 3,24 a 11,76 euro/ vacca/giorno; il valore medio è invece di 6,24 euro/vacca/giorno) pari a circa 8 euro/vacca/giorno. Questo è sufficiente per capire che non tutte le realtà aziendali sono uguali ed è assolutamente necessario sviscerare la problematica con strumenti e criteri utili a capire cosa è necessario per Figura 1 - Dairy Economics: costi alimentari Figura 2 - Dairy Economics: dati giornalieri da registrare migliorare il proprio allevamento. Le principali variabili che influenzano l Iofc sono: il costo alimentare, che evidentemente deve essere minimizzato; l indice di conversione della sostanza secca in latte, che deve essere massimizzato; l ingestione totale di sostanza secca, che va massimizzata; il prezzo del latte, che è una componente decisiva per il risultato finale. Anche quest ultima componente andrebbe massimizzata, ma purtroppo delle Figura 3 - Dairy Economics: i primi indici tecnico-economici (*) Sostanza secca ingerita. quattro variabili citate è quella sulla quale il singolo allevatore difficilmente può incidere. La gestione oculata e cosciente di queste quattro variabili permette di perseguire quelli che Iofn Fetrow (docente dell Università del Minnesota - Usa), uno dei più grandi esperti nel settore, già nel 2001 aveva simpaticamente definito i tre principali obiettivi dell azienda da latte: aumentare al massimo il latte venduto; contenere i costi il più possibile; mai andare contro al punto 1. L obiettivo dell azienda da latte quindi non è ridurre i costi innanzitutto, bensì aumentare la differenza tra costi e ricavi. Osservazione semplice ma assolutamente non scontata in tantissime aziende nelle quali nei momenti difficili, che sono quelli in cui queste regole diventano determinanti, presi dal panico gli allevatori somministrano, per esempio, meno unifeed alle vacche, o disinvestono sugli strumenti di gestione aziendale o sul benessere animale: oggi i settori, a mio parere, più redditizi. In questi 28

3 Grafico 1 - Iofc aziendale per classi di prezzo latte Iofc/vacca/giorno (euro) Media 6,24 Dev. Standard 1,67 CV (%) 26,8 Grafico 2 - Costo razione per vacche in lattazione Costo razione (euro kg/s.s.) 0,26 0,24 0,22 0,20 0,18 0,16 0,14 0,12 0,10 Media (euro/kg s.s.) 0,20 Dev. Standard 0,017 CV (%) 8,5 Grafico 3 - Costo alimentare per quintale di latte prodotto Costo (euro/100 kg latte) Media 15,31 Dev. Standard 2,19 CV (%) 14,3 Obiettivo casi si considerano solo i problemi dei costi, ma si ignorano quelli dei ricavi. Tornando al campione analizzato, sono stati riscontrati anche prezzi del latte sensibilmente diversi. Alcune aziende conferivano a cooperative del Mantovano che spuntavano prezzi molto interessanti, intorno a 0,5 euro/litro. Il prezzo medio del campione è di 0,374 euro/litro con il 40% delle aziende intorno a 0,35 euro/litro. Il grafico 1 presenta i dati relativi all Iofc delle stesse aziende raggruppate però per classe di prezzo di vendita del latte: in rosso quelle con prezzi al di sotto di 0,36 euro/litro, in verde quelle tra 0,36 e 0,40, e in giallo i fortunati, che vendono sopra 0,40 euro/litro. Evidentemente il prezzo del latte è la variabile determinante la redditività aziendale, ma non è sempre così. Infatti vi sono aziende «verdi» e persino «gialle» che pur avendo il prezzo del latte alto non riescono a essere tra le prime in termini di Iofc. Infine tra le aziende più efficienti ci sono alcune aziende «rosse», a denotare il consistente effetto gestionale, talvolta determinante per il buon risultato finale. Il grafico 2 riporta i costi alimentari per tutte le aziende espressi per chilogrammo di sostanza secca sia per le vacche in lattazione sia per quelle in asciutta. Le variazioni del costo della razione tra gli allevamenti sono notevoli e più accentuate nel caso degli animali in asciutta dove, ancora troppo spesso, l alimentazione è gestita al risparmio. Un altro aspetto da rilevare riguarda gli allevamenti con prezzo del latte maggiore alla media che sovente evidenziano costi razione superiori: ciò può essere dovuto a disciplinari di produzione (divieto d uso degli insilati) o talvolta a una minore attenzione nella gestione dei costi visto che il prezzo del latte è alto. Un altro indice utile per mantenere sotto controllo i costi alimentari è il rapporto tra questi ultimi e i quintali di latte prodotto (costo alimentare per quintale di latte) (grafico 3). La maggiore efficienza in questo caso è appannaggio delle aziende «rosse», costrette dal basso prezzo del latte a produrre al minimo costo. Un altro dato interessante è la percentuale di vacche il cui latte, per motivi diversi, non viene venduto. È utile ricordare che tutti i dati che sono stati raccolti sono medie mensili e quindi dati che rispecchiano abbastanza fedelmente la tendenza aziendale. Eppure vi sono aziende che per l intero mese non mungono oltre l 8% delle vacche contro un valore medio del campione pari al 2,7% e il 18% delle aziende che 29

4 Figura 4 - Dairy Economics: Iofc marginale non mungono una percentuale minima di capi ( 1%). L 8% di vacche non munte rappresenta un inefficienza pericolosa per la redditività dell allevamento: il valore ottimale dovrebbe restare intorno al 2-3%. Grande interesse ha anche il parametro relativo alla percentuale di unifeed avanzato dagli animali. I dati hanno dimostrato che sono ancora troppe le aziende in cui gli «avanzi» sono nulli o trascurabili (solo nel 19% degli allevamenti gli avanzi superano il 2% della razione distribuita). L avanzo in greppia deve sempre essere presente: un avanzo del 3-5% costituisce l unico indice efficace a dimostrare che le vacche hanno mangiato tutto quello che potevano mangiare. Per quanto riguarda i dati delle medie mensili dell ingestione di sostanza secca vale la pena rilevare la forte variazione esistente tra le aziende (valore minimo registrato 17,11 kg; massimo 25,8; media 21,23; quasi il 76% delle aziende è compresa tra valori di ingestione della s.s. tra 20 e 25,85 kg evidenziando una variazione dei valori del 20% circa) a testimoniare che tutte le aziende dovrebbero regolarmente monitorare tale parametro per poter conoscere esattamente quanto ingeriscono i loro animali. Il grafico 4 mostra il rapporto tra il latte prodotto e la sostanza secca ingerita (s.s.i.) per tutte le aziende della prova. Anche in questo caso la variazione tra gli allevamenti è notevole (12,7%) a dimostrazione che i rendimenti della s.s.i. possono essere molto diversi: da circa 1 a quasi 1,7 kg di latte per ogni chilogrammo di s.s.i. L azienda in grado si ottimizzare questo parametro, che deve essere sempre monitorato, è senza dubbio caratterizzata da un elevato grado di efficienza. L obiettivo da raggiungere è latte prodotto/ kg s.s.i. pari a 1,4. Iofc marginale Esprime la variazione dei ricavi all aumentare di una unità (1 litro) della produzione di latte. Il latte marginale è pertanto quel litro di produzione aggiunto a quelli prodotti sino a quel momento. Grafico 4 - Rapporto latte/s.s.i. in ordine di Iofc per vacca/giorno Latte/s.s.i. 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 1,3 1,2 1,1 1,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 Media 1,33 Dev. Standard 0,17 CV (%) 12,7 Grafico 5 - Iofc marginale Iofc (euro/l) 0,55 0,50 0,45 0,40 0,35 0,30 0,25 0,20 0,15 0,10 Media 0,29 Dev. Standard 0,04 CV (%) 14,5 Obiettivo La figura 4 rappresenta una pagina del foglio elettronico Dairy Economics che valuta per tutte le aziende il valore del litro di latte marginale: 0,29 euro. Tale valore risulta detraendo dal valore del latte, assunto nell esempio pari a 0,36 euro/litro, il costo di alimentazione: 0,079 euro. La vacca, per produrre 1 litro di latte in più, consuma, indipendentemente dalla produzione di partenza, 0,41 kg di sostanza secca che costano, sempre nell esempio preso in esame, 0,192 euro/kg. La spesa alimentare sarà quindi pari a 0,079 euro. Tutti gli altri costi sono già spesati dalla normale produzione di latte. Producendo quel litro di latte in più quindi andrò ad aumentare solo le spese alimentari. Si tratta in definitiva di aumentare il fatturato con un aumento di costi proporzionalmente minori a quelli del fatturato sviluppato sino a quel punto, per migliorare l efficienza complessiva dell azienda. Il ragionamento può seguire anche questa altra strada: qualsiasi intervento che porti a produrre 1 litro di latte in più a un costo inferiore a 0,29 euro (valore del latte marginale nell esempio citato) conviene. Quindi, in sostanza, il valore del latte marginale misura anche la possibilità di investimento che posso sostenere per tentare di migliorare l economia aziendale. Nel grafico 5 si può vedere il valore del latte marginale misurato nelle aziende del campione. Esso risulta molto variabile e, ancor più dell Iofc totale, legato al prezzo del latte, risultando infatti dalla combinazione di due sole variabili: il prezzo del latte e il costo alimentare. È importante capire che più il prezzo del latte è alto più il valore del latte marginale è alto e quindi conveniente, ma più il prezzo del latte è basso, più, nonostante il valore del latte marginale si riduca, diventa decisivo saper approfittare di questa marginalità. Per capire a fondo il concetto di Iofc 30

5 Grafico 6 - Limite di convenienza della terza mungitura Limite di convenienza (kg latte) 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0 marginale bisogna mettere in luce le differenze esistenti tra le variabili che influenzano l Iofc totale e quello marginale. Entrambi i parametri sono influenzati dai costi alimentari, mentre il rapporto latte/s.s.i. influenza solo l Iofc totale in funzione della sua variabilità (1-1,7). Nel caso dell Iofc marginale, tale rapporto è invece presunto fisso e nel caso specifico pari a 2,44 (valore derivante dal rapporto tra il latte prodotto 1 litro e la s.s.i. per produrlo 0,4 kg), un valore molto alto legato al fatto che non si tiene conto dell ingestione necessaria al mantenimento Media 1,65 Dev. Standard 0,40 CV (%) 24,1 dell animale, già soddisfatta dalla s.s.i. ingerita per sostenere la produzione normale. QUANDO CONVIENE LA TERZA MUNGITURA La valutazione può essere effettuata utilizzando i dati aziendali già raccolti con Dairy Economics e alcune informazioni aggiuntive relative alle spese della terza mungitura stimate pari al 50% dei costi relativi alla normale mungitura giornaliera. Questi ultimi sono rappresentati dai costi relativi alla manodopera (2,5 ore nell esempio riportato) e al materiale d uso (disinfettanti, energia elettrica, utilizzo guaine, ecc). In questo modo in realtà si sovrastima il costo della terza mungitura, tuttavia l approssimazione è buona. La convenienza alla terza mungitura, tenendo conto che essa dovrebbe, in base alle esperienze e alle indicazioni bibliografiche, portare a un aumento del 10% della produzione lattea, può essere espressa come guadagno monetario annuo netto (spiegare cos è) oppure come punto di pareggio, vale a dire come quantità minima di latte che deve essere prodotta per pareggiare i costi della mungitura. La quantità di latte necessaria a pagare le spese della terza mungitura varia, a seconda del prezzo del latte, da circa 1 litro a circa 2,5 litro/capo, con un coefficiente di variazione pertanto molto elevato (24,1%) (grafico 6). L opportunità della terza mungitura va quindi valutata azienda per azienda. Oltre a valutazioni di ordine economico, vanno considerate le questioni aziendali di tipo tecnico e organizzativo (routine di mungitura, efficienza degli impianti, tempi complessivi della mungitura, qualità del latte, ecc.) decisive ai fini del buon successo dell operazione. Tuttavia, in base all esperienza maturata, è possibile in ogni realtà aziendale raggiungere la convenienza della terza mungitura, una pratica che resta tra gli interventi più accessibili per aumentare l efficienza aziendale. Per riassumere, pare doveroso ribadire che il procedimento di valutazione alla convenienza qui utilizzato si basa essenzialmente sul concetto della marginalità del latte. Dividendo il maggior costo (non alimentare) della terza mungitura per l aumento di litri di latte a essa connessi, ottengo l incidenza dei costi per litro di latte. Quindi, detraendo al valore del latte marginale tali costi, ottengo il guadagno marginale per litro di latte. Oppure dividendo il totale della spesa della terza mungitura, esclusi i costi di alimentazione, per il valore del latte marginale è possibile ottenere il punto di pareggio espresso in litri di latte. I due criteri di valutazione esposti possono essere applicati a qualsiasi altro investimento volto ad aumentare la produzione (ad esempio, ventilazione, boccette, ecc.). È TEMPO DI ASCIUGARE LA VACCA La valutazione del momento opportuno per asciugare la vacca può essere effettuata utilizzando i soli dati già disponibili su Dairy Economics (figura 5). Presupposto di questa valutazione è che non ci siano altre vac- 31

6 che che possono sostituire quella in esame e prossima all asciutta. Il foglio elettronico calcola la differenza tra il costo della razione in lattazione e quello dell asciutta e valuta quanti litri di latte la vacca deve produrre per ripagare tale differenza. In poche parole definisce quantitativamente la produzione al di sotto della quale risulta conveniente asciugare la vacca: nel campione questa quantità varia da 3 a 8 litri di latte a seconda del prezzo del latte. All aumentare del prezzo il punto di pareggio scende, perché bastano meno litri per ripagare la differenza di costo di alimentazione. La valutazione economica ovviamente non tiene conto dei rischi connessi a un asciutta troppo lunga della bovina. IL LIMITE DI SOSTITUZIONE DELLA BOVINA Con questo stesso criterio è possibile anche stabilire a quale produzione, in termini di litri, conviene eliminare un animale. Dairy Economics (figura 6) valuta a partire dal prezzo del latte e dal costo della razione delle vacche in lattazione qual è il valore minimo di produzione necessario a ripagare i costi alimentari. Nel campione esso è risultato mediamente pari a 11,4 litri con una variabilità compresa tra 8 e 16 litri. Anche qui più alto è il prezzo del latte più il punto di pareggio si abbassa. Nella figura 7 Dairy Economics consente di calcolare la convenienza alla sostituzione anziché all eliminazione della vacca. Per la verità l alternativa che l allevatore si trova a dover affrontare non è quella dell eliminazione di un animale poco produttivo e non gravido, lasciando il posto vuoto in stalla, ma al contrario quella della sostituzione con una nuova manza. Bisogna ricordare infatti che ogni posto vacca comporta dei costi fissi, che per forza devono essere riempiti. Per ottimizzare l efficienza aziendale è necessario che in ogni posto disponibile ci sia una bovina in piena produzione o perlomeno con produttività media. Ipotizzando in euro il costo di una nuova manza (ciascuno di questi valori può essere variato a piacimento nel foglio elettronico) e in circa 300 euro il valore della vacca verso la fine della lattazione (oltre i 200 giorni) e Figura 5 - Dairy Economics: convenienza a mettere in asicutta le vacche Figura 6 - Dairy Economics: convenienza all eliminazione delle vacche Figura 7 - Dairy Economics: convenienza a sostituire le vacche con una nuova manza della carriera produttiva, il costo della sostituzione è di euro. A questo punto è necessario valutare per quanti giorni presumibilmente sarà possibile mungere la nuova manza, per calcolare un costo giornaliero di sostituzione. Anche questo è un punto molto importante che è estremamente legato al livello di gestione aziendale presente nell allevamento. Se la gestione aziendale è sufficientemente accurata, i problemi sui parti saranno contenuti, le eliminazioni sotto i 100 giorni trascurabili e pertanto è plausibile supporre per la nuova manza oltre tre lattazioni (700 giorni). Se la gestione dell allevamento è scarsa, le lattazioni si ridurranno significativamente. Stimando la produzione attesa dalla manza pari alla media di stalla (32 kg) e avendo il valore del latte marginale (0,29 euro/litro), è facile arrivare a calcolare quanti litri dovrà produrre la manza per ripagare la sostituzione della vacca. Il punto di pareggio, inteso come produzione di latte al di sotto della quale conviene sostituire la vecchia vacca con la manza, si ottiene detraendo dalla produzione prevista i litri di latte che essa deve produrre per ripagare la sostituzione. Il punto di pareggio nella sostituzione degli animali di tutte le 62 aziende del campione, pur avendo simulato valori di acquisto e periodo di mungitura simili per ogni azienda, presenta un elevata variabilità: da 14 a 29 litri! Il latte in più prodotto dalla nuova manza rispetto alla vecchia vacca ripaga l investimento dell acquisto della manza stessa. In questo genere di calcoli è buona norma tenere un margine di sicurezza per il rischio sanitario nell acquisto dei nuovi capi. Il concetto di unità produttiva (slot) porta a una rivoluzione nel modo di pensare alla propria stalla. Capita spesso di sentire che gli allevatori, volendo aumentare il numero dei capi, riducano al minimo le eliminazioni. Questo modo di pensare descrive un doppio errore di valutazione: i posti in più creati in azienda non vanno riempiti con vacche che avrebbero eliminato perché si tratta di unità produttive non a regime e i posti vengono riempiti in un modo lento. La spesa per le nuove strutture è già stata sostenuta e quindi sta già gravando sul bilancio aziendale: è bene che l investimento inizi quanto prima a produrre ricavi! Per quanto riguarda la rimonta è necessario distinguere tra rimonta, obbligata sostituzione di vacche relativamente fresche dovuta a una qualche emergenza e rimonta pianificata di capi poco produttivi e non abbastanza redditizi per occupare un posto in stalla. Nel primo caso, la rimonta rappresenta senz altro un imprevisto e un onere, nel secondo invece potrebbe rivelarsi conveniente dal punto di vista economico. Probabilmente oggi molti allevamenti sono caratterizzati da una quota di rimonta troppo bassa, cioè non si preoccupano sufficientemente dell efficienza delle singole unità produttive. Seguendo queste valutazioni, nella figura 8 viene riportata un altra pagina di Dairy Economics, che consente di valutare la convenienza alla sostituzione di un gruppo di animali. Questo strumento è utile da utilizzare una volta al mese, dopo il controllo funzionale, evidenziando quante e quali vacche con più di 200 giorni di lattazione e non gravide sono al di sotto del punto di pareggio a latte in riferimento alla scelta di sostituzione. Il foglio elettronico calcola la convenienza della sostituzione di tutto il gruppo contando anche la rata di acquisto, in 24 mesi, delle manze necessarie a sostituire l intero gruppo di vacche inefficienti. 32

7 Figura 8 - Dairy Economics: convenienza alla sostituzione di gruppo di vacche Figura 9 - Dairy economics: convenienza all acquisto di quote latte per la terza mungitura non è conveniente e non basta nemmeno a pagare le spese di mungitura. Conclusioni (*) Sostanza secca ingerita. CONVENIENZA ALL ACQUISTO DI QUOTE LATTE L ultima problematica affrontata dal Dairy Economics è quella dell acquisto della quota latte utilizzando il concetto di latte marginale. Il calcolo deve rispondere alla questione relativa al tempo necessario a pagare l acquisto della quota latte mediante il valore del latte marginale prodotto. Ipotizzando di acquistare quote latte a 0,80 euro/litro (Iva compresa) e di pagare il 6% di interesse sul prestito per l acquisto della quota, è possibile ripagare l investimento in tre anni utilizzando tutto il valore del latte marginale. In realtà l esempio è teorico perché la produzione di latte è correlata ad alcune spese, come minimo quelle di alimentazione. In figura 9 è proposto un esempio più realistico: un azienda interessata a passare alle tre mungiture e che pertanto deve acquistare quote latte. L esigenza principale dell imprenditore sarà di sapere in quanto tempo potrà ripagare l investimento. La risposta si ottiene calcolando l incidenza delle spese non alimentari da sostenere a fronte della terza mungitura per ogni litro di latte in più prodotto e detraendole dal valore del latte marginale: con il valore rimanente è possibile calcolare il tempo di recupero dell investimento (nell esempio 55 mesi). I mesi che le aziende del campione impiegherebbero a ripagare la quota utilizzando tutto il valore del latte marginale sono mediamente 36,6 mentre utilizzando il latte marginale al netto delle spese per la terza mungitura tale valore passa mediamente a 82,9 mesi. Anche su questa grandezza il campione ha evidenziato una grande variabilità da 14 a 42 mesi nel primo caso, mentre nel secondo per molte aziende i tempi vanno da un minimo di 23 mesi a un massimo tanto dilatato da rendere impossibile l investimento. Questo perché in alcune aziende la terza mungitura La variabilità dei dati rilevata nelle diverse situazioni sottolinea l importanza di calcolare questi indici in ogni azienda. È evidente che non è possibile generalizzare delle indicazioni, ma è necessario avere strumenti che facilitino le valutazioni delle scelte in ogni singola azienda, e avere dei tecnici in grado di utilizzare questi strumenti con la stessa familiarità con cui elaborano una razione alimentare. Questo tipo di valutazioni infatti diventa sempre più decisivo per la sopravvivenza degli allevamenti. Passare dalla sensazione alla valutazione oggettiva delle possibili scelte è un passo in avanti enorme per l allevamento da latte: dilazioni non sono più possibili. Il Dairy Economics del Sata è un semplice ed efficace tentativo di divulgare tra tecnici e allevatori questa mentalità, che nella gestione aziendale dell allevamento moderno può veramente fare la differenza. Un ringraziamento particolare a Greg Bethard (G&R Dairy Consulting - Virginia - Usa) che condividendo la sua esperienza, maturata nella grandi aziende americane del Kansas, ha convinto il Sata a lavorare su questi strumenti, rivelatisi estremamente utili anche nei periodi di maggiore difficoltà della zootecnia da latte americana. Michele Campiotti Tecnico specialista gestione aziendale Sata Servizio tecnico Apa Bergamo 33

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule Proporzionalità Problemi del tre semplice - Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule. Il Saulo e la Bea non hanno ancora deciso quale scala installare.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli