) : ; CARPI PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ") : 059-662701 348-6947501 ; 03089210367 CARPI 01-09-11. PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI"

Transcript

1 1 ENERGIA DAI BOSCHI s.r.l. Via chiesa n Cortile di CARPI ( MO ) Tel. e Fax : Marco Bertelli e.mail ; P.IVA CARPI PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI La società ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. con il presente documento intende sottoporre alla gentile attenzione di investitori ed operatori del settore le seguenti opportunità di investimento: 1) Realizzazione di minicentrali a gassificazione di biomassa ad elevato rendimento a basso costo ed elevata efficienza con annessa progettazione e consulenza per realizzare una filiera per il rifornimento della biomassa occorrente. 2) Impianto fotovoltaico a concentrazione con moduli standard, specchi piani a concentrazione ed inseguitore solare monoassiale con incremento produttivo del % ed accesso agli incentivi superiori del capitolo 4 del CONTO ENERGIA dedicati al FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE. 1) CENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA; riguardo alla realizzazione di minicentrali a biomassa con un sistema di gassificazione allego la seguente presentazione che illustra i particolari più importanti di questa tecnologia. REALIZZAZIONE DI MINICENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA LEGNOSA La società ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. in collaborazione con la società SATE S.r.l. è in grado di realizzare piccole centraline a gassificazione da , fino a KWe funzionanti a cippato con una tecnologia che è ancora più redditizia dei grandi impianti da 500 o KWe con sistemi a combustione o con impianti a biogas. Infatti se pensiamo alla enorme mole di residui agroforestali e cippato che si può recuperare e produrre a basso costo in moltissime parti d Italia ci rendiamo conto che con questa tecnologia abbiamo la possibilità di trasformare una materia prima molto diffusa e di facile produzione, in energia elettrica che si può vendere sulla rete ENEL in modo molto remunerativo. Partendo dalla descrizione di una piccola centralina di soli 50 Kwe di potenza installata, ecco alcuni dati emblematici di questa tecnologia: 1) ogni centralina occupa solo mq per il gassificatore ed il motore e mq per lo stoccaggio del cippato, quindi si può collocare in un piccolo capannone o anche sotto ad una piccola tettoia con almeno tre lati chiusi ed uno apribile a piacimento. 1

2 2 2) Ogni centralina è in grado di funzionare almeno giorni per ogni anno producendo circa 400 MWh di energia elettrica che si possono vendere sulla rete ENEL a 280 per MWh prodotto, dando un fatturato annuo di circa euro. 3) Il consumo di biomassa annuo sarà di circa ton di cippato, a seconda del suo potere calorifico e dell umidità e si potrebbe fare un punto di raccolta gratuita convogliando la biomassa di scarto di vari contesti agroforestali e civili. 4) Tradotto in termini logistici, tale quantità di materia prima, corrisponde a circa 1 camion rimorchio da 30 ton ogni 26 giorni e lo stoccaggio di circa 6 mesi di materiale corrisponde ad un volume di circa 700 metri cubi che si potrebbero stoccare in un mucchio alto 5 metri sotto ad una tettoia di 140 mq, o in un mucchio all aperto coperto da telo impermeabile di pari volume. 5) Visto che la potenza dell impianto non supera i 50 KWe non è richiesta una cabina di connessione e quindi si risparmiano i costi di tale cabina; ma vista la richiesta di poco spazio per collocare gli impianti ed il cippato si può dire tranquillamente che molte aziende agricole e vivaistiche potrebbero installare un impianto del genere senza dover costruire alcun fabbricato e potrebbero semplicemente adattare le strutture esistenti valorizzando meglio lo spazio disponibile. 6) Attualmente le centraline di questa tecnologia in funzione già da parecchie migliaia di ore funzionano con cippato di legna e anche con residui pagliosi di cereali, tipo stocchi di mais e paglia di frumento e sansa di olive preventivamente miscelati. ESEMPIO DI RICAVI ANNUI DI UNA CENTRALINA DA 50 KWe che lavora per 350 giorni all anno: 1) Vendita di 420 MWh per 280 cad. = euro del calore residuo per teleriscaldamento di 10 case di costi totali = ; se da questo utile lordo tolgo un 5 % di tasse, ottengo un utile netto annuo di pari a 1.263,50 per ogni KWe installato, cioè un utile netto mensile di Occorre notare che un utile netto del genere per ogni KWe installato è molto superiore a quello ottenibile dagli impianti a biogas ( es: 1000 KWe a biogas danno un utile netto annuo di = per ogni KWe installato; e anche le centrali a combustione di KWe che hanno un utile netto di circa hanno un utile netto per ogni KWe installato di soli 600 ). 2) Se poi rapportiamo la resa di queste piccole centraline ad un contesto agroforestale dove per garantire il loro funzionamento uso biomassa prodotta in azienda allora avrò una garanzia di approvvigionamento della biomassa ed una resa certa: Impianto funzionante a : PAGLIA STOCCHI CIPPATO DI LEGNO CIPPATO DI FRUMENTO DI MAIS DA BOSCHI MONTANI DI LEGNO DA NUOVI BOSCHI N ettari occorrenti 55 ha 34 ha 1,5 ha ( ogni anno x 20 anni) 6 ha Ton annue occorrenti 325 ton 350 ton ton 400 ton Utile netto per ettaro Utile netto per ton impiegata , ,93 2

3 3 Ecco di seguito una tabella dei costi e ricavi di una centralina da 50 KWe e di una centralina da 200 KWe realizzata con 4 gassificatori in serie. COSTI per 1 CENTRALINA da 50 KWe a gassificazione di biomassa legnosa con utilizzo del calore residuo per teleriscaldamento di 10 appartamenti BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 7 ettari; e dal 6 anno in poi da 6 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno 400 COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 6 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 50 KWe /anno Acquisto di 1,3 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Acqua, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetto alla centralina a tempo parziale TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centraline a gassificazione da 50 KWe Capannone di 60 mq + 1 tettoia x stoccaggio cippato da 100 mq Costo per realizzazione di 6 ha di nuovi boschi Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costo macchinari per esbosco e gestione boschi Totale centrale + altri investimenti EQUITY DELL INVESTITORE DEL 20 % FINANZIAMENTO BANCARIO DELL 80 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per una centralina da 50 KWe Vendita energia elettrica dal gassificatore MWh 420 / MWh Vendita calore residuo per teleriscaldamento 346MWt 40 /MWh TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ettaro investito( 13 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 157,93 Pay back anni 4,22 Rendimento del denaro usato per l investimento 23,68 Pay back equity / U.N. anni 1,37 Rendimento del denaro usato per l equity 72,61% 3

4 4 Dalla tabella precedente si evince che il denaro usato per l anticipo ha un tempo di ritorno di 1,37 anni con un rendimento del denaro del 72,61 %, che fanno di questa impresa economica uno degli investimenti migliori nell ambito agricolo. Se si programmasse la realizzazione di un sistema di FASCE BOSCATE FRANGIVENTO, ECOLOGICHE E DA BIOMASSA ( vedi disegno e foto seguenti ) sul 5-10 % del territorio agricolo si riuscirebbe a produrre una notevole quantità di biomassa legnosa e si avrebbe anche un aumento delle produzioni agricole alimentari ed un riequilibrio ecologico e microclimatico del territorio. ECCO COME SI PRESENTA UNO DEI 3-4 GASSIFICATORI DA KWe A FIANCO DEL QUALE SI DEVE COLLOCARE IL MOTORE GM AD INIEZIONE ELETTRONICA E IL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO E FILTRAGGIO EMISSIONI CHE OCCUPA CIRCA LO STESSO SPAZIO, DA ABBINARE ASSIEME PER REALIZZARE UNA CENTRALINA A GASSIFICAZIONE DA 200 KWe. 4

5 5 Vista l elevata richiesta di queste piccole centraline ( abbiamo già prenotazioni per oltre 38 centraline nel giro di un mese) e visto che la nostra organizzazione ne può realizzare circa 20 ogni 60 giorni, chiunque è interessato deve immediatamente prenotare con il versamento di un anticipo di euro che servono per l iter autorizzativi, la progettazione, l esecuzione del finanziamento bancario e la prenotazione dei macchinari. CENTRALINE DA 200 KWe AD ELEVATO RENDIMENTO Oltre alle centraline da 50 KWe la soc. ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. è in grado di realizzare anche centraline da 200 KWe, o tramite la messa in serie di 4 gassificatori da 50 KWe o con un solo gassificatore da 200 KWe. Il nostro consiglio è quello di usare 2 o 4 gassificatori in serie con uno o due motori, utilizzando una tecnologia che raggiunge i C con la possibilità di usare qualsiasi matrice di biomassa con un ottimo rendimento ed un bassissimo residuo di ceneri ( circa l 1 % ). ECCO DI SEGUITO LA TABELLA DEI COSTI E RICAVI DI UNA CENTRALINA DA 200 KWe abbinata alla produzione di pellet. 5

6 6 COSTI per con 2 4 gassificatori da KWe in serie per una CENTRALINA da 200 KWe con utilizzo del calore residuo per produzione di TON per anno di pellet BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 110 ettari; e dal 6 anno in poi da 82 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 82 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 200 KWe /anno Acquisto di 22 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Acqua, energia elettrica, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetti alla centralina, biomassa, produzione pellet TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centralina a gassificazione da 200 KWe Capannone di 300 mq + 3 tettoie x stoccaggio cippato da 250 mq Costi impianto di produzione pellet da 0,5 ton / ora Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costo macchinari per esbosco e gestione boschi Costo realizzazione di 82 ha di nuovi boschi Totale centrale + altri investimenti EQUITY DELL INVESTITORE DEL 20 % FINANZIAMENTO BANCARIO DELL 80 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per centralina da 200 KWe Produzione energia elettrica da gassificatori MWh / MWh Vendita di pellet in sacchi da 15 kg ton 200 / ton TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ogni KWe installato / anno 1.504,80 Utile netto per ettaro investito( 192 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 45,60 Pay back anni 4,52 Rendimento del denaro usato per l investimento 22,11 Pay back equity / U.N. anni 1,53 Rendimento del denaro usato per l equity 65,14 % 6

7 7 VALORIZZAZIONE DELLA SANSA DI SPREMITURA DELLE OLIVE A FINI ENERGETICI NELLA REGIONE CAMPANIA La valorizzazione a fini energetici dei residui della spremitura delle olive, ovvero la cosiddetta sansa, può essere fatta con successo a patto di avere le seguenti condizioni: 1) si deve usare la nostra tecnologia di gassificazione che raggiunge altissime temperature ( C ) e che in base a ciò è l unica che è in grado di rompere le molecole carboniose dei residui oleosi senza avere l inconveniente di sottoprodotti a base di furani, catrami ed altre sostanze tossiche ed inquinanti la cui eliminazione diverrebbe molto pericolosa e dispendiosa. 2) Si deve realizzare un impianto di gassificazione costituito da 3 serie di reattori alimentati con una ben precisa miscela di diverse matrici di biomassa. 3) Nel caso di dover valorizzare e smaltire ton per anno di sansa dovremo mettere in serie 3 sistemi di gassificazione da 200 KWe, ognuno costituito da 4 gassificatori da 50 KWe, per un totale di 600 KWe di potenza installata. 4) Ogni gassificatore da 50 KWe consuma circa 400 ton di biomassa al % di umidità ogni anno e per avere un ottimale processo di gassificazione della sansa, rispetto alle 400 ton dovremo avere una percentuale di sansa e di cippato di legno nelle proporzioni seguenti: % di sansa + nocciolino di sansa con umidità del %; - 30 % di cippato di ramaglie di potatura degli olivi, con umidità del % ; % di cippato di legno di quercia, faggio, castagno, olmi, con umidità del % ; 5) Viste le problematiche ambientali che comunque può comportare lo smaltimento della sansa con questo sistema di gassificazione, sia il gassificatore che il motore saranno dotati di sistemi suppletivi di purificazione del syngas e di abbattimento dei fumi per ottenere un sistema energetico a bassissimo impatto ambientale perfettamente in regola rispetto alle normative che decretano i limiti di emissioni di impianti del genere. I consumi di biomassa di un impianto da 600 KWe che deve smaltire ton / anno di sansa di olive sono di conseguenza i seguenti: ton di sansa secca al % di umidità, la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando il calore residuo del sistema di gassificazione; ton di cippato di ramaglie di potatura di olivi la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando il calore residuo del sistema di gassificazione tramite opportuni macchinari che fanno delle piccole balle di ramaglie che si possono accumulare all aperto o sotto a delle tettoie e che poi prima dell uso si possono triturare con un apposito trituratore ton di cippato di piante forestali la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando 7

8 8 il calore residuo del sistema di gassificazione, e che potranno derivare inizialmente da boschi montani maturi e con piani di taglio approvabili dalla forestale poi dal 6 anno in poi dal taglio di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI realizzati ad hoc. Ecco una tabella dei costi e ricavi di una centralina con anche i capannoni. COSTI per UNA CENTRALINA da 600 KWe a gassificazione di biomassa legnosa con utilizzo del calore residuo per essiccazione della sansa e del cippato. BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 55 ettari; e dal 6 anno in poi da 42 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno; dalle ramaglie di potatura provenienti da 600 ha di oliveti e da ton di sansa. Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 42 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 600 KWe /anno Acquisto annuo di 11 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Costi di manutenzione dei macchinari forestali /anno Acqua, energia elettrica, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetti alla centralina e alla raccolta della biomassa TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centralina a gassificazione da 600 KWe Capannone di 400 mq + 1 tettoia x stoccaggio cippato e sansa da mq Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costi di rimboschimento di 42 ha x boschi superprodutti Costo macchinari per esbosco e gestione boschi e raccolta potature degli olivi Totale centrale + altri investimenti Finanziamento regionale a fondo perduto del 34,80 % FINANZIAMENTO BANCARIO DEL 65,20 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per una centralina a gassificazione da 600 KWe Produzione energia elettrica da gassificatori MWh / MWh TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ettaro investito( 97 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 108,64 Pay back anni 4,39 Rendimento del denaro usato per l investimento 22,76 8

9 9 Dalla tabella precedente si evince che il del denaro usato per l investimento proviene per il 34,80 a fondo perduto dalla regione e per il 65,20 dalla banca; ha un tempo di ritorno di 4,39 anni con un rendimento del denaro del 22,76 %, che fanno di questa impresa economica uno degli investimenti sicuramente bancabili e migliori nell ambito agricolo. Vista la notevole richiesta di impianti del genere chi è interessato alla realizzazione deve mettersi in contatto urgente con Marco Bertelli per eventuali ulteriori chiarimenti e per programmare la realizzazione dell impianto, considerando che comunque occorrerà definire e sottoscrivere un contratto di consulenza e progettazione e uno di fornitura chiavi in mano della centralina. 2)IMPIANTO FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE SUPERPRPRODUTTIVO FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE AD ELEVATO RENDIMENTO : FVSP TR1 Un altro investimento alla portata di molte aziende agricole e di vari investitori che si può realizzare molto velocemente è quello riguardante la realizzazione di un impianto fotovoltaico a concentrazione da 200 KWp. Con un impianto di tale potenza si possono installare 62 inseguitori solari monoassiali del tipo TR1 che occupano circa 121 mq cad., dotati di specchi piani che concentrano molta luce solare su dei pannelli fotovoltaici certificati e garantiti, aventi un efficienza del modulo del 14,5-15 %. Con tale sistema la produzione di energia elettrica aumenta del % rispetto a quella ottenibile da pannelli fotovoltaici standard su postazione fissa e tanto per dare un riferimento di massima al Nord Italia si arriva a produrre tra e KWh / KWp per anno; nell Italia centrale si riesce a produrre da a KWh / KWp per anno; e nell Italia del Sud si riesce a produrre da a KWh / KWp per anno. Il prezzo di vendita dell energia prodotta con questo nostro sistema è molto elevato non solo per tutto il 2011 ma anche per il 2012, 2013 e 2014, dato che questo sistema appartiene alla categoria FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE. Per esempio per il primo semestre del 2012 abbiamo un prezzo di 477,20 euro per ogni MWh prodotto e quindi nel caso di aziende agricole con impianti del genere avremmo il seguente ricavo medio : 200 KWp al Nord Italia = euro di costi = di utile netto.( = 493,61 / KWp/anno) 200 KWp al Centro Italia = euro di costi = utile netto.( = 696,42 / KWp/anno) 200 KWp al Sud Italia = euro di costi = di utile netto.(= 863,44 / KWp/anno) Anche per questo impianto da 200 KWp di fotovoltaico a concentrazione che ha un costo di circa euro IVA compresa, siamo in grado di fornire il finanziamento leasing all 80 % e 9

10 10 l imprenditore si deve sobbarcare solo un anticipo di euro che poi potrà recuperare in meno di due anni con gli utili netti derivanti dall impianto. ECCO UN ESEMPIO DI UN IMPIANTO DA 500 KWp situato vicino ad una azienda agricola su un terreno marginale il cui terreno sottostante si può far pascolare da pecore, capre, pollame ecc. Viste le elevate richieste di installazione di questa tecnologia di FOTOVOLTAICO SUPERPRODUTTIVO stiamo programmando la realizzazione di alcune decine di MWp tra fine 2011 e fine Entro metà settembre 2011 avremo anche un primo impianto dimostrativo nell Italia del nord per mettere a confronto il rendimento di questa tecnologia con altre tecnologie. Con la casa madre di questa tecnologia abbiamo ipotizzato anche la realizzazione entro la fine del 2011 ed inizio del 2012 di una grossa nel Nord Italia per la realizzazione di tutto il sistema FVSP TR1 comprensivo della produzione di nuovi moduli di silicio mono e policristallino; dell incapsulamento delle celle con il sistema HTR ; dell assemblaggio di nuovi moduli fotovoltaici da Wp per metro quadro; della realizzazione degli inseguitori solari TR1 e anche dei TR2 e TR3 ancora più produttivi. Si potrebbe partire con la realizzazione di una fabbrica da 5-10 MWp per poi passare ad una da MWp entro il

11 11 Il mercato di questa tecnologia fotovoltaica vista l elevatissima capacità produttiva e le innumerevoli applicazioni è praticamente tutto il mondo. Chiunque fosse interessato ad entrare in società e ad investire in questo enorme business è pregato di rivolgersi a Bertelli Marco cell CARATTERISTICHE TECNICHE DEL FOTOVOLTAICO SUPERPRODUTTIVO CON TECNOLOGIA HTR Le caratteristiche superiori di questa tecnologia di fotovoltaico superproduttivo sono applicabili immediatamente con moduli standard incapsulati con film EVA, se si adotta l inseguitore TR1 che ha un grado di aumento della radiazione solare di 1,6 volte e non comporta un aumento eccessivo della temperatura del modulo, ma se si adottano gli inseguitori TR2 e TR3 che hanno un numero maggiore di specchi e un incremento maggiore della concentrazione della radiazione solare, allora non si possono più usare i moduli standard ma si devono usare moduli con il sistema di incapsulamento delle celle HTR che consente un ottimo funzionamento anche con superiori livelli di temperatura e radiazione solare. Quindi un confronto tra la tecnologia HTR e la tecnologia standard, si basa sul fatto che mentre i moduli standard utilizzano come materiale per l incapsulamento delle celle un film plastico EVA, le celle dei moduli fotovoltaici innovativi utilizzano il sistema di incapsulamento HTR che migliora notevolmente la resistenza alle alte temperature e le prestazioni del modulo. Inoltre questi nuovi moduli sono inseriti su speciali inseguitori solari dotati di specchi concentratori che aumentano notevolmente la produttività di ogni KWp installato. Tanto per presentare alcuni dati che differenziano il solito film EVA e il sistema HTR ecco di seguito una tabella che illustra le differenze sostanziali tra i due sistemi di incapsulamento delle celle e le prestazioni che ne derivano: CARATTERISTICHE EVA HTR SYSTEM Intervallo operativo in rapporto alla temperatura C C Vita utile della cella 25 anni 40 anni Energia consumata per produrre un modulo FV 49 kwh 4,5 kwh Resistenza ai raggi ultravioletti bassa alta Trasparenza alla radiazione solare 8% 90% Influenza sul surriscaldamento del pannello FV elevata bassa Inerzia alla degradazione chimica elevata bassa Vita utile del modulo oltre i mt sul livello del mare in presenza di elevata radiazione UV 3-5 anni anni Adattamento della forma del modulo a forme personalizzate scarsa elevata Vita utile del modulo con un sistema di specchi concentratori + tracker anni oltre 20 anni Rendimento massimo degli inseguitori applicabili a questa % % tecnologia 11

12 12 Se quindi confrontiamo il rendimento di un MWp realizzato in campo con un sistema di inseguitore solare monoassiale con le due tecnologie, quella con celle incapsulate con film EVA ( FV EVA) e quella con celle incapsulate sistema HTR FVSP, possiamo constatare le seguenti differenze produttive nelle diverse località prese in considerazione considerando che con la tecnologia FVSP possiamo applicare 3 diversi sistemi di inseguimento e di concentrazione tra cui poter scegliere; Legenda: FV = fotovoltaico standard; EVA = incapsulamento con film EVA; TR POLAR = moduli inseriti su inseguitore solare monoassiale ch aumenta la resa del 33%; FVSP = incapsulamento delle celle fotovoltaiche con sistema HTR; TR 1 = inseguitore monoassiale 1 + specchi concentratori che aumentano la resa del %; TR 2 = inseguitore monoassiale 2 + specchi concentratori che aumentano la resa del 105 %; TR 3 = inseguitore monoassiale 3 + specchi concentratori e moduli bifacciali che aumentano la resa del 185 %; Località FV EVA FV EVATR FVSPTR 1 (60-80% +) FVSPTR 2 ( 105% +) FVSPTR 3 ( 185% +) Postaz. Fissa con inseguitore FV EVA TR1(50-65%+) TR POLAR(33%+) Bolzano 900 kwh kwh kwh kwh kwh Mantova -Padova kwh kwh kwh kwh kwh Roma kwh kwh kwh kwh kwh Basilicata kwh kwh kwh kwh kwh Cagliari kwh kwh kwh kwh kwh Agrigento kwh kwh kwh kwh kwh Nord Africa kwh kwh kwh kwh kwh Nel caso evidenziato in giallo che si riferisce alla regione Basilicata possiamo renderci conto che il nuovo fotovoltaico con sistema HTR inserito su un inseguitore TR2, dotato di doppi specchi concentratori avente un aumento produttivo del 105 % in più rispetto al fotovoltaico standard su postazione fissa, è in grado di aumentare la produzione annua di ben kwh rispetto alla postazione fissa del FV EVA e di kwh rispetto al FV EVA TR POLAR. Nel caso invece di un impianto con la nostra tecnologia installato nel Nord Africa arriviamo a dei livelli produttivi e ad una affidabilità e vita produttiva di questo impianto fotovoltaico a concentrazione, assolutamente non ottenibili con altri sistemi. Quindi si aprono enormi prospettive di vendere questa tecnologia anche a vari investitori Arabi che vorrebbero un sistema in grado di produrre e resistere alle loro condizioni climatiche ma non lo hanno ancora trovato. Questa tecnologia è già pronta ed industrializzata e occorre solo ordinarla. 12

13 13 ECCO ALCUNE FOTO DEL TR 1, CON ALCUNE TIPOLOGIE DIVERSE, CHE CONSENTE UN AUMENTO PRODUTTIVO DEL % IN PIU RISPETTO AL FOTOVOLTAICO STANDARD SU POSTAZIONE FISSA. QUI SOTTO SEGUONO LE FOTO DEL TRACKER POLAR SENZA SPECCHI CHE AUMENTA DEL 33% IL RENDIMENTO DEI MODULI MA RIMANE UN SISTEMA FOTOVOLTAICO STANDARD CON INCENTIVI PIU BASSI DEL SISTEMA A CONCENTRAZIONE TIPICI DEL TR1 RAPPRESENATO DALLE FOTO SOPRA. 13

14 14 Ecco il confronto produttivo di due impianti da 1 MWp cad tutti e due su inseguitore monoassiale in Basilicata. MODULI standard MODULI STANDARD Incentivi previsti per questa su TRACKER POLAR +33% SU TRACKER % tecnologia al ,90 / MWh 431,00 / MWh Costo dell impianto Ivato Ivato Anticipo del 20 % del titolare Finanziamento bancario Rata annua per ammortamento Costi di manutenzione annui del FV Costi assicurativi annui Costi diritto di superficie annui TOTALE COSTI ANNUI Produzione annua in MWh MWh MWh Ricavo annuo per MWh

15 15 Utile lordo annuo Tasse annue Utile netto annuo Tempo di ritorno dell investimento 7,52 anni 4,97 anni Rendimento del denaro investito 13,29 % 20,09 % Maggiore guadagno annuo Tempo di ritorno dell anticipo del 20 % in relazione all utile netto 4,39 anni 1,84 anni Rendimento del denaro usato per l anticipo 22,77 % 54,17 % Utile netto totale nei primi 12 anni di ammortamento Guadagno in più nei 12 anni Utile netto dal 13 al 20 anno Utile netto alla fine dei 20 anni ( N.B. questo calcolo è approssimativo visto il variare del costo dell energia e il decadimento produttivo dei moduli nei 20 anni) Utile netto medio nell arco di 20 anni euro euro Maggior guadagno medio annuo Maggior guadagno in 20anni euro euro Chiunque è interessato a realizzare impianti fotovoltaici superproduttivi con questa tecnologia può mettersi in contatto con noi per ordinativi da 50 KWp in su e di conseguenza gli manderemo un preventivo ed una bozza di contratto per la realizzazione di un impianto chiavi in mano comprensivo anche dei costi dell iter autorizzativo. Cordiali saluti Marco Bertelli. 15

PROGETTO REALIZZAZIONE CENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA AGROFORESTALE POLICOMBUSTIBILI.

PROGETTO REALIZZAZIONE CENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA AGROFORESTALE POLICOMBUSTIBILI. BERTELLI MARCO e collaboratori cell. 348-6947501, 327-9910567 Email: energiadaiboschi@alice.it, beltramigius@gmail.com Carpi 18-11-15. PROGETTO REALIZZAZIONE CENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA AGROFORESTALE

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010

ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 ESPERIENZA DI UN IMPIANTO A LEGNO CIPPATO CON GASSIFICAZIONE REALIZZATO A CORREGGIO (RE) Ing. Davide Vezzani Direttore EN.COR srl 9 giugno 2010 IL PROGRAMMA ENERGETICO COMUNALE Al fine di intervenire in

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Tavolo tecnico 23-04-2010 Azienda Agraria Sperimentale "Stuard" Ing. Filippo Marini La cogenerazione da cippato di legno Allo stato attuale le tecnologie

Dettagli

ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE

ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE Lunedì 18 settembre 2006 AGROENERGIE PER LO SVILUPPO RURALE: SCENARI A CONFRONTO ANALISI DEI COSTI DELL ENERGIA IN FUNZIONE DEL COMBUSTIBILE Ing. Gaetano Cavalli Ing. Gaetano Cavalli 1 BIOMASSA E CO 2

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 30/40/50 kwe + 60/80/100 kwt PER CONTATTI E INFORMAZIONI: Società Cooperativa a r.l. - C.F./P. IVA 03527850360 Via Primo Manni,1/3 41026 Pavullo nel Frignano(MO) www.garibaldini.info 4.4 ambiente ed efficienza energetica e-mail: comagri@garibaldini.info

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA DI

L EFFICIENZA ENERGETICA DI EcoSynGas 2 L EFFICIENZA ENERGETICA DI Soluzione EcoSynGas Indice 1. La Soluzione Sintesi... 4 Sviluppo del progetto... 5 Campi d applicazione... 6 Biomasse impiegabili... 7 2. La tecnologia Gassificatore

Dettagli

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE

COMBUSTIBLE ECOLOGICO 100% - NOCCIOLINO NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE PRESENTAZIONE Il NOCCIOLINO DI OLIVA VERGINE è un prodotto naturale, ottenuto solo ed esclusivamente con procedimenti meccanici durante la lavorazione delle olive. Durante la

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori

Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori Valorizzazione del cippato con il calore dei biodigestori Prof. Remigio Berruto DISAFA, Università di Torino Ing. Antonio Debenedetti Debenedetti Floricoltura s.s. Convegno nazionale Asproflor 11 Gennaio

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling

Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Sistemi energetici di piccola taglia, gassificazione e uso di motori Stirling Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS Ing. Filippo Marini La

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE

MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE MODELLO DI GESTIONE STRATEGICA DELLE BIOMASSE Convegno Fonti rinnovabili: modelli di business e sviluppo territoriale Energy Days - RENDE (CS) 16.10.2008 Relatore Guido Castelluccio Direttore Generale

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE GENGAS Un azienda giovane, dinamica, fortemente innovativa che, investendo in Ricerca & Sviluppo, ha messo a punto performanti tecnologie altamente

Dettagli

Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento

Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento CALDAIE CON BRUCIATORE A GASSIFICAZIONE Per uso civile, industriale, agricolo per teleriscaldamento Principio di funzionamento Le caldaie a gassificazione; sono particolarmente adatte per impianti di media

Dettagli

Le biomasse nei consumi domestici

Le biomasse nei consumi domestici Le biomasse nei consumi domestici Marino Berton Con la collaborazione di Valter Francescato ed Eliseo Antonini Energia e Biomasse Legnose Offerta di energia primaria nel mondo - Anno 2003 - Fonte IEA Renewables

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI CONOSCERE LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI ARGOMENTI TRATTATI - Il solare termico - Il fotovoltaico - Le biomasse legnose - Casi concreti di impianti a biomasse legnose IL SOLARE TERMICO Il pannello solare

Dettagli

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa

Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Uno Sviluppo Energetico Sostenibile per la Provincia di Oristano Stato Attuale e Prospettive nella Produzione di Energia da Biomassa Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas Dott. Massimiliano Livi Bioenergie: Perché l uso delle biomasse legnose? Negli ultimi 50 anni la superficie boschiva è raddoppiata, raggiungendo

Dettagli

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica

Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica Bio Fuel Forest Progetto di filiera a Km zero dalla coltivazione di biomassa alla produzione di energia elettrica www.biofuelforest.org Premessa La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta

Dettagli

ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA

ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA Renzo Persona Dottore Agronomo- Prof. Ord. di Estimo Rurale Generale e Magistrale presso l Università degli Studi di Padova Convegno del 18 febbraio 2010 ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

l Energia che guadagna

l Energia che guadagna l Energia che guadagna l Energia dalla natura CONART ENERGIA Energia a sviluppo sostenibile Conart Energia - divisione del gruppo Conart - è un network di imprese, con sede principale nel centro Italia,

Dettagli

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA

GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la PIROGASSIFICAZIONE da BIOMASSA LIGNO-CELLULOSICA Divisione di GET ITALIA Srl. Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) Tel. (+39) 011.0436131 - Fax (+39) 011.3710305 info@getenergy.it - www.getenergy.it GENERAZIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: la LIGNO-CELLULOSICA

Dettagli

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE PER LO SVILUPPO DI UN ATTIVITA ECOSOSTENIBILE NELL OTTICA DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA DI

L EFFICIENZA ENERGETICA DI TurboSynGas 2 L EFFICIENZA ENERGETICA DI Soluzione TurboSynGas Indice 1. La Soluzione Sintesi... 4 Sviluppo del progetto... 5 Campi d applicazione... 6 Biomasse impiegabili... 7 2. La tecnologia Turbina...

Dettagli

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa all esecuzione dell impianto in oggetto.

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa all esecuzione dell impianto in oggetto. Via Rubiera, 44 42018 San Martino in Rio (RE) P.Iva: 01218040358 Tel: (+39) 0522 698449 e-mail: info@ecosource-re.it Spett. i OGGETTO: Proposta di esecuzione di 1 impianto fotovoltaico da realizzare sulla

Dettagli

Forme di legna per energia

Forme di legna per energia Forme di legna per energia Categorie di legna per energia (norma CH) Legno naturale (proveniente dal bosco o dalle segherie) Scarti di legno (resti dell industria di lavorazione del legno) Legno vecchio

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO

LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO Prof. Franco Cotana 1, ing. Gianluca Cavalaglio 1 1 Centro di Ricerca sulle Biomasse, Via M. Iorio 8, Tel. 075.500.42.09 cotana@crbnet.it, cavalaglio@crbnet.it

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Ing. Augusto Bianchini DIEM - Università degli Studi di Bologna

Dettagli

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili Riduzione dei consumi energetici (efficienza energetica) Consumi e produzione energetica Aumento della produzione

Dettagli

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa alla esecuzione dell impianto in oggetto.

Con la presente siamo a sottoporvi la ns. migliore offerta economica relativa alla esecuzione dell impianto in oggetto. Via Rubiera, 44 42018 San Martino in Rio (RE) P.Iva: 01218040358 Tel: (+39) 0522 698449 e-mail: info@ecosource-re.it Spett. San Martino in Rio, 26 Gennaio 2012 OGGETTO: Offerta per l esecuzione di 1 impianti

Dettagli

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI La in collaborazione con la propone la REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Un impianto fotovoltaico è un sistema tecnologicamente avanzato per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica

Dettagli

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt

Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Soluzione per Micro Co-generazione 50 kwe + 100 kwt Sistema Integrato di produzione di energia elettrica e calore dagli scarti agroforestali, residui organici di allevamento e rifiuti. SITIE Greenplant

Dettagli

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM M7135,

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO

NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO NUOVE TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI CALORE DAL LEGNO La combustione del legno E la reazione chimica di ossidazione del legno che cede la propria energia liberando rapidamente calore. Il processo di combustione

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Sardinia Bio Energy. Attività. Sardinia Bio Energy

Sardinia Bio Energy. Attività. Sardinia Bio Energy Il Gruppo possiede e gestisce la centrale elettrica in Sardegna nel comune di Serramanna alimentata a fonti rinnovabili dalla potenza elettrica nominale di 13,3 Mw e potenza termica di 49,5 Mw. La centrale

Dettagli

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA

IL PETROLIO DI CASA NOSTRA IL PETROLIO DI CASA NOSTRA Le fonti dienergiadabiomassasono costituite dalle sostanze di origine animale e vegetale, non fossili, che possono essere usate come combustibili per la produzione di energia.

Dettagli

Environment Park. ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente

Environment Park. ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente ENVIRONMENT PARK Parco Scientifico e Tecnologico per l Ambiente Biomasse lignocellulosiche e filiere energetiche partecipate Massimo DA VIA Bomporto (MO) 24 novembre 2006 Environment Park Parco tecnologico

Dettagli

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI

CENTRO PER L ENERGIA L LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI CENTRO PER L ENERGIA L DA LEGNO E BIOMASSE RINNOVABILI FILIERA PELLETS IMPIANTI TECNOLOGICI INNOVATIVI AD ALTA EFFICIENZA Per la produzione di ENERGIA RINNOVABILE PRODOTTI RETE ELETTRICA ENEL ENERGIA TERMICA

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA

Le biomasse. Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Le biomasse Criticità e prospettive Aldo Abenavoli ITABIA Biomasse: Definizioni LA DEFINIZIONE DI BIOMASSE SECONDO LA DIRETTIVA SULLE FER La proposta di direttiva sulle fonti rinnovabili considera come

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso Lazio 18 ottobre 2013 Sala Tirreno, Regione Lazio - Roma Biomasse forestali: storie di successo Marino Berton presidente

Dettagli

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET

IMPIANTO PER PRODURRE PELLET IMPIANTO PER PRODURRE PELLET Informazioni sull investimento su un impianto di produzione pellet I primi passi per decidere se e come fare un impianto di produzione pellet. International Baltic Sia 31/01/2010

Dettagli

Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa

Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa Terza Conferenza nazionale Ass. sulle rinnovabili termiche Il potenziale del teleriscaldamento a biomassa ROMA 30-31 Maggio 2012 Walter Righini Presidente FIPER 78 Centrale di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra

La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra La casa ecologica:una sfida possibile 28 feb 2008 Bioedilizia e pannelli solari: meno difficile di quel che sembra 1. Fotovoltaico cos è 2. Tipologie di celle fotovoltaiche 3. Fotovoltaico: possibilità

Dettagli

Produzione Gassificatori. PROGETTO ReGas System. Proprietà riservata di: DOTT. ROBERTO TORRI e SIG. ANDREA ERA

Produzione Gassificatori. PROGETTO ReGas System. Proprietà riservata di: DOTT. ROBERTO TORRI e SIG. ANDREA ERA PROGETTO ReGas System 1. La Società/ L Idea La costituenda società ReGas System sarà un azienda dedicata alla produzione di impianti di produzione ad energia rinnovabile, in particolare il core business

Dettagli

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM

Dettagli

Soluzione parcheggio fotovoltaico

Soluzione parcheggio fotovoltaico Soluzione parcheggio fotovoltaico 1/3 Le aree adibite a produzione industriale hanno normalmente, anche per il rispetto dei vincoli urbanistici, notevoli aree scoperte attorno alla struttura coperta (capannone

Dettagli

Centrale fotovoltaica ad inseguimento

Centrale fotovoltaica ad inseguimento Centrale fotovoltaica ad inseguimento SISTEMA AUTOMATICO DI ORIENTAMENTO CON INSEGUITORE SOLARE informazioni e preventivi sul sito http://www.energia-alternativa-rinnovabile.it/ Costi di produzione e mercato

Dettagli

IL MOMENTO PER INVESTIRE NEL FOTOVOLTAICO E ADESSO!

IL MOMENTO PER INVESTIRE NEL FOTOVOLTAICO E ADESSO! IL MOMENTO PER INVESTIRE NEL FOTOVOLTAICO E ADESSO! ENERGY MARKER di IMC HOLDING CONSULENTE ENERGETICO delle FAMIGLIE ITALIANE - FOTOVOLTAICO - SOLARE TERMICO - MINI EOLICO - MOBILITA ELETTRICA - EFFICIENZA

Dettagli

Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia. Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo

Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia. Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo Linee di credito finalizzate alla filiera biomassa-energia Paola Rusconi Specialista Desk Energy Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo Greenergy Expo 2010 - Milano, 17 novembre 2010 Agenda Il Gruppo

Dettagli

riduzione dell azoto contenuto nel digestato

riduzione dell azoto contenuto nel digestato BIOGAS $ $ CONVENIENZA E LIVELLO DI RISCHIO DEGLI INVESTIMENTI NEL BIOGAS ZOOTECNICO Redditività dei piccoli impianti, studio del caso da 99 kw Una ridotta taglia di potenza e un alimentazione composta

Dettagli

ΦΙΛΙΕΡΑ ΟΛΕΑΓΙΝΟΣΕ. Studio Vincenti. Studio di Agronomia ed Ingegneria fondato nel 1885

ΦΙΛΙΕΡΑ ΟΛΕΑΓΙΝΟΣΕ. Studio Vincenti. Studio di Agronomia ed Ingegneria fondato nel 1885 ΦΙΛΙΕΡΑ ΟΛΕΑΓΙΝΟΣΕ Studio Vincenti Studio di Agronomia ed Ingegneria fondato nel 1885 - OLEAGINOSE PER PRODUZIONE ENERGIA ELETTRICA, TERMICA E FARINE VEGETALI Coltivazione Produttività t/ha % olio estraibile

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici LEGNO ENERGIA Per il riscaldamento degli edifici Next Energy Milano 4 marzo 2004 Marino Berton Presidente dell Associazione Italiana Energia dal Legno Attuale composizione delle fonti energetiche in Europa

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni L impianto fotovoltaico di Zeta Polimeri Luciano Filippi Indice 1. Chi è Making ME Energy 2. L impianto Zeta Polimeri 3. Obiettivi e soluzioni 4.

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO un po di numeri In Piemonte la superficie boscata è di 900.000 ettari; I numeri potenziali della

Dettagli

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica dr. Sergio Finato Assessore all Ambiente e Territorio del Comune di Cavalese Tesero, sabato 21 luglio 2012 1 LE BIOMASSE LEGNOSE

Dettagli

La gassificazione delle biomasse legnose: una possibile alternativa alla semplice combustione. L. Tomasi

La gassificazione delle biomasse legnose: una possibile alternativa alla semplice combustione. L. Tomasi La gassificazione delle biomasse legnose: una possibile alternativa alla semplice combustione L. Tomasi Impianto di gassificazione di piccola taglia 2 Impianto di gassificazione di piccola taglia Potenza

Dettagli

Workshop. Nuove macchine agricole per la produzione di biomassa e biocombustibili: il caso dell agripellet e delle potature di vite

Workshop. Nuove macchine agricole per la produzione di biomassa e biocombustibili: il caso dell agripellet e delle potature di vite Workshop Nuove macchine agricole per la produzione di biomassa e biocombustibili: il caso dell agripellet e delle potature di vite Organizzato da Costruzioni Nazzareno S.r.l. in collaborazione con Prof.

Dettagli

PROGETTO IMPATTO ZERO

PROGETTO IMPATTO ZERO PROGETTO IMPATTO ZERO Caratteristiche Generali del Progetto Notevole impiego e riqualificazione professionale Totalmente ecologico Iniziative di grande rilievo Diversificato e innovativo Integrato Coordinato

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Istruzione per l immissione dei dati

Istruzione per l immissione dei dati Istruzione per l immissione dei dati I dati da inserire si riferiscono all anno solare scorso. Si prega di inserire i dati in modo corretto e scrupoloso. I dati pervenuti all ufficio verranno inseriti

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Biomasse forestali tra istituzioni e impresa Roma 18 ottobre 2013 Regione Lazio Dr. Vanessa Gallo FIPER FIPER in

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO GUARDARE AL FUTURO, OGGI. LA SOCIETÀ BIOGENERA, CON SEDE A CALENZANO, FORNISCE RISCALDAMENTO, ACQUA CALDA SANITARIA E RAFFRESCAMENTO A EDIFICI PUBBLICI E NUOVE COSTRUZIONI,

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

Fotovoltaico o solare a concentrazione?

Fotovoltaico o solare a concentrazione? Fotovoltaico o solare a concentrazione? Confronto tecnico-economico-finanziario tra due tecnologie solari per la produzione di energia elettrica Silvano Vergura, Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica,

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte A

Energia dalle Biomasse - Parte A Tecnologie delle Energie Rinnovabili dalle Biomasse - Parte A Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cco@dimeca.unica.it

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici La ESCo del Sole nuove energie per risparmiare Impianti fotovoltaici Tecnologie per produrre energia rinnovabile Scheda - Impianti solari fotovoltaici (PV)* L impianto solare fotovoltaico Vi è una differenza

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

NSE START. Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE. Nota descrittiva

NSE START. Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE. Nota descrittiva Ottobre 2010 NSE START Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE Nota descrittiva LA SOLUZIONE NSE INDUSTRY La NSE Solution per i rifiuti industriali si rivolge sia direttamente

Dettagli

Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura

Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento

Dettagli

Valutazione economica ed energetica della filiera proposta

Valutazione economica ed energetica della filiera proposta Energia da biomassa in agricoltura Valutazione economica ed energetica della filiera proposta Marco Manzone Convegno 31 ottobre 2014 Le energie rinnovabili Eco sostenibilità Remunerabilità Valutazione

Dettagli

PROGETTO Relazione descrittiva

PROGETTO Relazione descrittiva PARCHEGGI PISCINA E CIMITERO COMUNE DI PEGOGNAGA PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA PROGETTO Relazione descrittiva PER LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA 97,92 kwp CADAUNO DATA 12 aprile

Dettagli