) : ; CARPI PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ") : 059-662701 348-6947501 ; 03089210367 CARPI 01-09-11. PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI"

Transcript

1 1 ENERGIA DAI BOSCHI s.r.l. Via chiesa n Cortile di CARPI ( MO ) Tel. e Fax : Marco Bertelli e.mail ; P.IVA CARPI PROPOSTE DI INVESTIMENTO NELL AMBITO DELLE ENERGIE RINNOVABILI La società ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. con il presente documento intende sottoporre alla gentile attenzione di investitori ed operatori del settore le seguenti opportunità di investimento: 1) Realizzazione di minicentrali a gassificazione di biomassa ad elevato rendimento a basso costo ed elevata efficienza con annessa progettazione e consulenza per realizzare una filiera per il rifornimento della biomassa occorrente. 2) Impianto fotovoltaico a concentrazione con moduli standard, specchi piani a concentrazione ed inseguitore solare monoassiale con incremento produttivo del % ed accesso agli incentivi superiori del capitolo 4 del CONTO ENERGIA dedicati al FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE. 1) CENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA; riguardo alla realizzazione di minicentrali a biomassa con un sistema di gassificazione allego la seguente presentazione che illustra i particolari più importanti di questa tecnologia. REALIZZAZIONE DI MINICENTRALI A GASSIFICAZIONE DI BIOMASSA LEGNOSA La società ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. in collaborazione con la società SATE S.r.l. è in grado di realizzare piccole centraline a gassificazione da , fino a KWe funzionanti a cippato con una tecnologia che è ancora più redditizia dei grandi impianti da 500 o KWe con sistemi a combustione o con impianti a biogas. Infatti se pensiamo alla enorme mole di residui agroforestali e cippato che si può recuperare e produrre a basso costo in moltissime parti d Italia ci rendiamo conto che con questa tecnologia abbiamo la possibilità di trasformare una materia prima molto diffusa e di facile produzione, in energia elettrica che si può vendere sulla rete ENEL in modo molto remunerativo. Partendo dalla descrizione di una piccola centralina di soli 50 Kwe di potenza installata, ecco alcuni dati emblematici di questa tecnologia: 1) ogni centralina occupa solo mq per il gassificatore ed il motore e mq per lo stoccaggio del cippato, quindi si può collocare in un piccolo capannone o anche sotto ad una piccola tettoia con almeno tre lati chiusi ed uno apribile a piacimento. 1

2 2 2) Ogni centralina è in grado di funzionare almeno giorni per ogni anno producendo circa 400 MWh di energia elettrica che si possono vendere sulla rete ENEL a 280 per MWh prodotto, dando un fatturato annuo di circa euro. 3) Il consumo di biomassa annuo sarà di circa ton di cippato, a seconda del suo potere calorifico e dell umidità e si potrebbe fare un punto di raccolta gratuita convogliando la biomassa di scarto di vari contesti agroforestali e civili. 4) Tradotto in termini logistici, tale quantità di materia prima, corrisponde a circa 1 camion rimorchio da 30 ton ogni 26 giorni e lo stoccaggio di circa 6 mesi di materiale corrisponde ad un volume di circa 700 metri cubi che si potrebbero stoccare in un mucchio alto 5 metri sotto ad una tettoia di 140 mq, o in un mucchio all aperto coperto da telo impermeabile di pari volume. 5) Visto che la potenza dell impianto non supera i 50 KWe non è richiesta una cabina di connessione e quindi si risparmiano i costi di tale cabina; ma vista la richiesta di poco spazio per collocare gli impianti ed il cippato si può dire tranquillamente che molte aziende agricole e vivaistiche potrebbero installare un impianto del genere senza dover costruire alcun fabbricato e potrebbero semplicemente adattare le strutture esistenti valorizzando meglio lo spazio disponibile. 6) Attualmente le centraline di questa tecnologia in funzione già da parecchie migliaia di ore funzionano con cippato di legna e anche con residui pagliosi di cereali, tipo stocchi di mais e paglia di frumento e sansa di olive preventivamente miscelati. ESEMPIO DI RICAVI ANNUI DI UNA CENTRALINA DA 50 KWe che lavora per 350 giorni all anno: 1) Vendita di 420 MWh per 280 cad. = euro del calore residuo per teleriscaldamento di 10 case di costi totali = ; se da questo utile lordo tolgo un 5 % di tasse, ottengo un utile netto annuo di pari a 1.263,50 per ogni KWe installato, cioè un utile netto mensile di Occorre notare che un utile netto del genere per ogni KWe installato è molto superiore a quello ottenibile dagli impianti a biogas ( es: 1000 KWe a biogas danno un utile netto annuo di = per ogni KWe installato; e anche le centrali a combustione di KWe che hanno un utile netto di circa hanno un utile netto per ogni KWe installato di soli 600 ). 2) Se poi rapportiamo la resa di queste piccole centraline ad un contesto agroforestale dove per garantire il loro funzionamento uso biomassa prodotta in azienda allora avrò una garanzia di approvvigionamento della biomassa ed una resa certa: Impianto funzionante a : PAGLIA STOCCHI CIPPATO DI LEGNO CIPPATO DI FRUMENTO DI MAIS DA BOSCHI MONTANI DI LEGNO DA NUOVI BOSCHI N ettari occorrenti 55 ha 34 ha 1,5 ha ( ogni anno x 20 anni) 6 ha Ton annue occorrenti 325 ton 350 ton ton 400 ton Utile netto per ettaro Utile netto per ton impiegata , ,93 2

3 3 Ecco di seguito una tabella dei costi e ricavi di una centralina da 50 KWe e di una centralina da 200 KWe realizzata con 4 gassificatori in serie. COSTI per 1 CENTRALINA da 50 KWe a gassificazione di biomassa legnosa con utilizzo del calore residuo per teleriscaldamento di 10 appartamenti BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 7 ettari; e dal 6 anno in poi da 6 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno 400 COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 6 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 50 KWe /anno Acquisto di 1,3 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Acqua, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetto alla centralina a tempo parziale TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centraline a gassificazione da 50 KWe Capannone di 60 mq + 1 tettoia x stoccaggio cippato da 100 mq Costo per realizzazione di 6 ha di nuovi boschi Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costo macchinari per esbosco e gestione boschi Totale centrale + altri investimenti EQUITY DELL INVESTITORE DEL 20 % FINANZIAMENTO BANCARIO DELL 80 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per una centralina da 50 KWe Vendita energia elettrica dal gassificatore MWh 420 / MWh Vendita calore residuo per teleriscaldamento 346MWt 40 /MWh TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ettaro investito( 13 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 157,93 Pay back anni 4,22 Rendimento del denaro usato per l investimento 23,68 Pay back equity / U.N. anni 1,37 Rendimento del denaro usato per l equity 72,61% 3

4 4 Dalla tabella precedente si evince che il denaro usato per l anticipo ha un tempo di ritorno di 1,37 anni con un rendimento del denaro del 72,61 %, che fanno di questa impresa economica uno degli investimenti migliori nell ambito agricolo. Se si programmasse la realizzazione di un sistema di FASCE BOSCATE FRANGIVENTO, ECOLOGICHE E DA BIOMASSA ( vedi disegno e foto seguenti ) sul 5-10 % del territorio agricolo si riuscirebbe a produrre una notevole quantità di biomassa legnosa e si avrebbe anche un aumento delle produzioni agricole alimentari ed un riequilibrio ecologico e microclimatico del territorio. ECCO COME SI PRESENTA UNO DEI 3-4 GASSIFICATORI DA KWe A FIANCO DEL QUALE SI DEVE COLLOCARE IL MOTORE GM AD INIEZIONE ELETTRONICA E IL SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO E FILTRAGGIO EMISSIONI CHE OCCUPA CIRCA LO STESSO SPAZIO, DA ABBINARE ASSIEME PER REALIZZARE UNA CENTRALINA A GASSIFICAZIONE DA 200 KWe. 4

5 5 Vista l elevata richiesta di queste piccole centraline ( abbiamo già prenotazioni per oltre 38 centraline nel giro di un mese) e visto che la nostra organizzazione ne può realizzare circa 20 ogni 60 giorni, chiunque è interessato deve immediatamente prenotare con il versamento di un anticipo di euro che servono per l iter autorizzativi, la progettazione, l esecuzione del finanziamento bancario e la prenotazione dei macchinari. CENTRALINE DA 200 KWe AD ELEVATO RENDIMENTO Oltre alle centraline da 50 KWe la soc. ENERGIA DAI BOSCHI S.r.l. è in grado di realizzare anche centraline da 200 KWe, o tramite la messa in serie di 4 gassificatori da 50 KWe o con un solo gassificatore da 200 KWe. Il nostro consiglio è quello di usare 2 o 4 gassificatori in serie con uno o due motori, utilizzando una tecnologia che raggiunge i C con la possibilità di usare qualsiasi matrice di biomassa con un ottimo rendimento ed un bassissimo residuo di ceneri ( circa l 1 % ). ECCO DI SEGUITO LA TABELLA DEI COSTI E RICAVI DI UNA CENTRALINA DA 200 KWe abbinata alla produzione di pellet. 5

6 6 COSTI per con 2 4 gassificatori da KWe in serie per una CENTRALINA da 200 KWe con utilizzo del calore residuo per produzione di TON per anno di pellet BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 110 ettari; e dal 6 anno in poi da 82 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 82 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 200 KWe /anno Acquisto di 22 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Acqua, energia elettrica, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetti alla centralina, biomassa, produzione pellet TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centralina a gassificazione da 200 KWe Capannone di 300 mq + 3 tettoie x stoccaggio cippato da 250 mq Costi impianto di produzione pellet da 0,5 ton / ora Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costo macchinari per esbosco e gestione boschi Costo realizzazione di 82 ha di nuovi boschi Totale centrale + altri investimenti EQUITY DELL INVESTITORE DEL 20 % FINANZIAMENTO BANCARIO DELL 80 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per centralina da 200 KWe Produzione energia elettrica da gassificatori MWh / MWh Vendita di pellet in sacchi da 15 kg ton 200 / ton TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ogni KWe installato / anno 1.504,80 Utile netto per ettaro investito( 192 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 45,60 Pay back anni 4,52 Rendimento del denaro usato per l investimento 22,11 Pay back equity / U.N. anni 1,53 Rendimento del denaro usato per l equity 65,14 % 6

7 7 VALORIZZAZIONE DELLA SANSA DI SPREMITURA DELLE OLIVE A FINI ENERGETICI NELLA REGIONE CAMPANIA La valorizzazione a fini energetici dei residui della spremitura delle olive, ovvero la cosiddetta sansa, può essere fatta con successo a patto di avere le seguenti condizioni: 1) si deve usare la nostra tecnologia di gassificazione che raggiunge altissime temperature ( C ) e che in base a ciò è l unica che è in grado di rompere le molecole carboniose dei residui oleosi senza avere l inconveniente di sottoprodotti a base di furani, catrami ed altre sostanze tossiche ed inquinanti la cui eliminazione diverrebbe molto pericolosa e dispendiosa. 2) Si deve realizzare un impianto di gassificazione costituito da 3 serie di reattori alimentati con una ben precisa miscela di diverse matrici di biomassa. 3) Nel caso di dover valorizzare e smaltire ton per anno di sansa dovremo mettere in serie 3 sistemi di gassificazione da 200 KWe, ognuno costituito da 4 gassificatori da 50 KWe, per un totale di 600 KWe di potenza installata. 4) Ogni gassificatore da 50 KWe consuma circa 400 ton di biomassa al % di umidità ogni anno e per avere un ottimale processo di gassificazione della sansa, rispetto alle 400 ton dovremo avere una percentuale di sansa e di cippato di legno nelle proporzioni seguenti: % di sansa + nocciolino di sansa con umidità del %; - 30 % di cippato di ramaglie di potatura degli olivi, con umidità del % ; % di cippato di legno di quercia, faggio, castagno, olmi, con umidità del % ; 5) Viste le problematiche ambientali che comunque può comportare lo smaltimento della sansa con questo sistema di gassificazione, sia il gassificatore che il motore saranno dotati di sistemi suppletivi di purificazione del syngas e di abbattimento dei fumi per ottenere un sistema energetico a bassissimo impatto ambientale perfettamente in regola rispetto alle normative che decretano i limiti di emissioni di impianti del genere. I consumi di biomassa di un impianto da 600 KWe che deve smaltire ton / anno di sansa di olive sono di conseguenza i seguenti: ton di sansa secca al % di umidità, la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando il calore residuo del sistema di gassificazione; ton di cippato di ramaglie di potatura di olivi la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando il calore residuo del sistema di gassificazione tramite opportuni macchinari che fanno delle piccole balle di ramaglie che si possono accumulare all aperto o sotto a delle tettoie e che poi prima dell uso si possono triturare con un apposito trituratore ton di cippato di piante forestali la cui essiccazione sarà ottenuta utilizzando 7

8 8 il calore residuo del sistema di gassificazione, e che potranno derivare inizialmente da boschi montani maturi e con piani di taglio approvabili dalla forestale poi dal 6 anno in poi dal taglio di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI realizzati ad hoc. Ecco una tabella dei costi e ricavi di una centralina con anche i capannoni. COSTI per UNA CENTRALINA da 600 KWe a gassificazione di biomassa legnosa con utilizzo del calore residuo per essiccazione della sansa e del cippato. BIOMASSA Autoprodotta da Propri Boschi già esistenti per 5 anni su 55 ettari; e dal 6 anno in poi da 42 ha di NUOVI BOSCHI SUPERPRODUTTIVI costituiti da olmi ed arbusti misti in grado di produrre mediamente 80 ton/ ha per anno; dalle ramaglie di potatura provenienti da 600 ha di oliveti e da ton di sansa. Giorni di funzionamento h/anno 350 Ore di funzionamento al giorno h/giorno 24 Ore di funzionamento all'anno h/anno Consumo medio annuo di biomassa x gli impianti t/anno COSTI DI GESTIONE Gestione e Manutenzione di 42 ettari di nuovi boschi /anno Manutenzione della centralina da 600 KWe /anno Acquisto annuo di 11 ha di boschi esistenti ogni anno per i primi 5 anni /anno Costi di manutenzione dei macchinari forestali /anno Acqua, energia elettrica, nafta x raccolta biomassa /anno Costi assicurativi, consulenze, materiali di consumo / anno Addetti alla centralina e alla raccolta della biomassa TOTALE COSTI DI GESTIONE ANNUI /anno COSTI DI INVESTIMENTO: Realizzazione 1 centralina a gassificazione da 600 KWe Capannone di 400 mq + 1 tettoia x stoccaggio cippato e sansa da mq Costo progettazione e consulenza e iter autorizzzativi Costi di rimboschimento di 42 ha x boschi superprodutti Costo macchinari per esbosco e gestione boschi e raccolta potature degli olivi Totale centrale + altri investimenti Finanziamento regionale a fondo perduto del 34,80 % FINANZIAMENTO BANCARIO DEL 65,20 % TOTALE COSTI ANNUI DELLA RATA AMMORTAMENTO DI 12 ANNI = EURO RICAVI annui per una centralina a gassificazione da 600 KWe Produzione energia elettrica da gassificatori MWh / MWh TOTALE RICAVI / anno Totale costi annui / anno Utile lordo annuo / anno Tasse annue al 5% / anno Utile netto annuo = U.N. /anno Utile netto per ettaro investito( 97 ha tot.) / anno Utile netto per ton impiegata / ton 108,64 Pay back anni 4,39 Rendimento del denaro usato per l investimento 22,76 8

9 9 Dalla tabella precedente si evince che il del denaro usato per l investimento proviene per il 34,80 a fondo perduto dalla regione e per il 65,20 dalla banca; ha un tempo di ritorno di 4,39 anni con un rendimento del denaro del 22,76 %, che fanno di questa impresa economica uno degli investimenti sicuramente bancabili e migliori nell ambito agricolo. Vista la notevole richiesta di impianti del genere chi è interessato alla realizzazione deve mettersi in contatto urgente con Marco Bertelli per eventuali ulteriori chiarimenti e per programmare la realizzazione dell impianto, considerando che comunque occorrerà definire e sottoscrivere un contratto di consulenza e progettazione e uno di fornitura chiavi in mano della centralina. 2)IMPIANTO FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE SUPERPRPRODUTTIVO FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE AD ELEVATO RENDIMENTO : FVSP TR1 Un altro investimento alla portata di molte aziende agricole e di vari investitori che si può realizzare molto velocemente è quello riguardante la realizzazione di un impianto fotovoltaico a concentrazione da 200 KWp. Con un impianto di tale potenza si possono installare 62 inseguitori solari monoassiali del tipo TR1 che occupano circa 121 mq cad., dotati di specchi piani che concentrano molta luce solare su dei pannelli fotovoltaici certificati e garantiti, aventi un efficienza del modulo del 14,5-15 %. Con tale sistema la produzione di energia elettrica aumenta del % rispetto a quella ottenibile da pannelli fotovoltaici standard su postazione fissa e tanto per dare un riferimento di massima al Nord Italia si arriva a produrre tra e KWh / KWp per anno; nell Italia centrale si riesce a produrre da a KWh / KWp per anno; e nell Italia del Sud si riesce a produrre da a KWh / KWp per anno. Il prezzo di vendita dell energia prodotta con questo nostro sistema è molto elevato non solo per tutto il 2011 ma anche per il 2012, 2013 e 2014, dato che questo sistema appartiene alla categoria FOTOVOLTAICO A CONCENTRAZIONE. Per esempio per il primo semestre del 2012 abbiamo un prezzo di 477,20 euro per ogni MWh prodotto e quindi nel caso di aziende agricole con impianti del genere avremmo il seguente ricavo medio : 200 KWp al Nord Italia = euro di costi = di utile netto.( = 493,61 / KWp/anno) 200 KWp al Centro Italia = euro di costi = utile netto.( = 696,42 / KWp/anno) 200 KWp al Sud Italia = euro di costi = di utile netto.(= 863,44 / KWp/anno) Anche per questo impianto da 200 KWp di fotovoltaico a concentrazione che ha un costo di circa euro IVA compresa, siamo in grado di fornire il finanziamento leasing all 80 % e 9

10 10 l imprenditore si deve sobbarcare solo un anticipo di euro che poi potrà recuperare in meno di due anni con gli utili netti derivanti dall impianto. ECCO UN ESEMPIO DI UN IMPIANTO DA 500 KWp situato vicino ad una azienda agricola su un terreno marginale il cui terreno sottostante si può far pascolare da pecore, capre, pollame ecc. Viste le elevate richieste di installazione di questa tecnologia di FOTOVOLTAICO SUPERPRODUTTIVO stiamo programmando la realizzazione di alcune decine di MWp tra fine 2011 e fine Entro metà settembre 2011 avremo anche un primo impianto dimostrativo nell Italia del nord per mettere a confronto il rendimento di questa tecnologia con altre tecnologie. Con la casa madre di questa tecnologia abbiamo ipotizzato anche la realizzazione entro la fine del 2011 ed inizio del 2012 di una grossa nel Nord Italia per la realizzazione di tutto il sistema FVSP TR1 comprensivo della produzione di nuovi moduli di silicio mono e policristallino; dell incapsulamento delle celle con il sistema HTR ; dell assemblaggio di nuovi moduli fotovoltaici da Wp per metro quadro; della realizzazione degli inseguitori solari TR1 e anche dei TR2 e TR3 ancora più produttivi. Si potrebbe partire con la realizzazione di una fabbrica da 5-10 MWp per poi passare ad una da MWp entro il

11 11 Il mercato di questa tecnologia fotovoltaica vista l elevatissima capacità produttiva e le innumerevoli applicazioni è praticamente tutto il mondo. Chiunque fosse interessato ad entrare in società e ad investire in questo enorme business è pregato di rivolgersi a Bertelli Marco cell CARATTERISTICHE TECNICHE DEL FOTOVOLTAICO SUPERPRODUTTIVO CON TECNOLOGIA HTR Le caratteristiche superiori di questa tecnologia di fotovoltaico superproduttivo sono applicabili immediatamente con moduli standard incapsulati con film EVA, se si adotta l inseguitore TR1 che ha un grado di aumento della radiazione solare di 1,6 volte e non comporta un aumento eccessivo della temperatura del modulo, ma se si adottano gli inseguitori TR2 e TR3 che hanno un numero maggiore di specchi e un incremento maggiore della concentrazione della radiazione solare, allora non si possono più usare i moduli standard ma si devono usare moduli con il sistema di incapsulamento delle celle HTR che consente un ottimo funzionamento anche con superiori livelli di temperatura e radiazione solare. Quindi un confronto tra la tecnologia HTR e la tecnologia standard, si basa sul fatto che mentre i moduli standard utilizzano come materiale per l incapsulamento delle celle un film plastico EVA, le celle dei moduli fotovoltaici innovativi utilizzano il sistema di incapsulamento HTR che migliora notevolmente la resistenza alle alte temperature e le prestazioni del modulo. Inoltre questi nuovi moduli sono inseriti su speciali inseguitori solari dotati di specchi concentratori che aumentano notevolmente la produttività di ogni KWp installato. Tanto per presentare alcuni dati che differenziano il solito film EVA e il sistema HTR ecco di seguito una tabella che illustra le differenze sostanziali tra i due sistemi di incapsulamento delle celle e le prestazioni che ne derivano: CARATTERISTICHE EVA HTR SYSTEM Intervallo operativo in rapporto alla temperatura C C Vita utile della cella 25 anni 40 anni Energia consumata per produrre un modulo FV 49 kwh 4,5 kwh Resistenza ai raggi ultravioletti bassa alta Trasparenza alla radiazione solare 8% 90% Influenza sul surriscaldamento del pannello FV elevata bassa Inerzia alla degradazione chimica elevata bassa Vita utile del modulo oltre i mt sul livello del mare in presenza di elevata radiazione UV 3-5 anni anni Adattamento della forma del modulo a forme personalizzate scarsa elevata Vita utile del modulo con un sistema di specchi concentratori + tracker anni oltre 20 anni Rendimento massimo degli inseguitori applicabili a questa % % tecnologia 11

12 12 Se quindi confrontiamo il rendimento di un MWp realizzato in campo con un sistema di inseguitore solare monoassiale con le due tecnologie, quella con celle incapsulate con film EVA ( FV EVA) e quella con celle incapsulate sistema HTR FVSP, possiamo constatare le seguenti differenze produttive nelle diverse località prese in considerazione considerando che con la tecnologia FVSP possiamo applicare 3 diversi sistemi di inseguimento e di concentrazione tra cui poter scegliere; Legenda: FV = fotovoltaico standard; EVA = incapsulamento con film EVA; TR POLAR = moduli inseriti su inseguitore solare monoassiale ch aumenta la resa del 33%; FVSP = incapsulamento delle celle fotovoltaiche con sistema HTR; TR 1 = inseguitore monoassiale 1 + specchi concentratori che aumentano la resa del %; TR 2 = inseguitore monoassiale 2 + specchi concentratori che aumentano la resa del 105 %; TR 3 = inseguitore monoassiale 3 + specchi concentratori e moduli bifacciali che aumentano la resa del 185 %; Località FV EVA FV EVATR FVSPTR 1 (60-80% +) FVSPTR 2 ( 105% +) FVSPTR 3 ( 185% +) Postaz. Fissa con inseguitore FV EVA TR1(50-65%+) TR POLAR(33%+) Bolzano 900 kwh kwh kwh kwh kwh Mantova -Padova kwh kwh kwh kwh kwh Roma kwh kwh kwh kwh kwh Basilicata kwh kwh kwh kwh kwh Cagliari kwh kwh kwh kwh kwh Agrigento kwh kwh kwh kwh kwh Nord Africa kwh kwh kwh kwh kwh Nel caso evidenziato in giallo che si riferisce alla regione Basilicata possiamo renderci conto che il nuovo fotovoltaico con sistema HTR inserito su un inseguitore TR2, dotato di doppi specchi concentratori avente un aumento produttivo del 105 % in più rispetto al fotovoltaico standard su postazione fissa, è in grado di aumentare la produzione annua di ben kwh rispetto alla postazione fissa del FV EVA e di kwh rispetto al FV EVA TR POLAR. Nel caso invece di un impianto con la nostra tecnologia installato nel Nord Africa arriviamo a dei livelli produttivi e ad una affidabilità e vita produttiva di questo impianto fotovoltaico a concentrazione, assolutamente non ottenibili con altri sistemi. Quindi si aprono enormi prospettive di vendere questa tecnologia anche a vari investitori Arabi che vorrebbero un sistema in grado di produrre e resistere alle loro condizioni climatiche ma non lo hanno ancora trovato. Questa tecnologia è già pronta ed industrializzata e occorre solo ordinarla. 12

13 13 ECCO ALCUNE FOTO DEL TR 1, CON ALCUNE TIPOLOGIE DIVERSE, CHE CONSENTE UN AUMENTO PRODUTTIVO DEL % IN PIU RISPETTO AL FOTOVOLTAICO STANDARD SU POSTAZIONE FISSA. QUI SOTTO SEGUONO LE FOTO DEL TRACKER POLAR SENZA SPECCHI CHE AUMENTA DEL 33% IL RENDIMENTO DEI MODULI MA RIMANE UN SISTEMA FOTOVOLTAICO STANDARD CON INCENTIVI PIU BASSI DEL SISTEMA A CONCENTRAZIONE TIPICI DEL TR1 RAPPRESENATO DALLE FOTO SOPRA. 13

14 14 Ecco il confronto produttivo di due impianti da 1 MWp cad tutti e due su inseguitore monoassiale in Basilicata. MODULI standard MODULI STANDARD Incentivi previsti per questa su TRACKER POLAR +33% SU TRACKER % tecnologia al ,90 / MWh 431,00 / MWh Costo dell impianto Ivato Ivato Anticipo del 20 % del titolare Finanziamento bancario Rata annua per ammortamento Costi di manutenzione annui del FV Costi assicurativi annui Costi diritto di superficie annui TOTALE COSTI ANNUI Produzione annua in MWh MWh MWh Ricavo annuo per MWh

15 15 Utile lordo annuo Tasse annue Utile netto annuo Tempo di ritorno dell investimento 7,52 anni 4,97 anni Rendimento del denaro investito 13,29 % 20,09 % Maggiore guadagno annuo Tempo di ritorno dell anticipo del 20 % in relazione all utile netto 4,39 anni 1,84 anni Rendimento del denaro usato per l anticipo 22,77 % 54,17 % Utile netto totale nei primi 12 anni di ammortamento Guadagno in più nei 12 anni Utile netto dal 13 al 20 anno Utile netto alla fine dei 20 anni ( N.B. questo calcolo è approssimativo visto il variare del costo dell energia e il decadimento produttivo dei moduli nei 20 anni) Utile netto medio nell arco di 20 anni euro euro Maggior guadagno medio annuo Maggior guadagno in 20anni euro euro Chiunque è interessato a realizzare impianti fotovoltaici superproduttivi con questa tecnologia può mettersi in contatto con noi per ordinativi da 50 KWp in su e di conseguenza gli manderemo un preventivo ed una bozza di contratto per la realizzazione di un impianto chiavi in mano comprensivo anche dei costi dell iter autorizzativo. Cordiali saluti Marco Bertelli. 15

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA... 4 2 LE RINNOVABILI ELETTRICHE... 4 2.1 Impianti connessi alla rete... 4 2.2 Impianti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare.

Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare. Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare. CERTIFICATO CONTRO L AMMONIACA ANTI-PID DIRETTAMENTE DAL COSTRUTTORE VERIFICATO EL ALTA RESA BASSA DE- GRADAZIONE PROTEZIONE CONTRO HOT-SPOT

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Le fonti di energia rinnovabili nella casa Q uesto opuscolo è stato realizzato nell ambito del programma SICENEA, finanziato dall Assessorato Industria della Regione

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Costi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Rapporto commissionato da AEEG al Politecnico di Milano - Dipartimento di Energia DICEMBRE 2010 Hanno collaborato alla realizzazione del rapporto:

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Investire nel sole REDDITO DAL SOLE

Investire nel sole REDDITO DAL SOLE IMPIANTI fotovoltaici Rendita produttiva con energia solare Investire nel sole > Investimento sicuro > Elevata redditività > Attiva tutela dell ambiente > Risparmio di risorse REDDITO DAL SOLE L energia

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli