Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie"

Transcript

1 Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali in cui allocare lo stock di ricchezza. I tassi di interesse svolgono un ruolo fondamentale in entrame le scelte. Accantonare parte del Y disponiile corrente per soddisfare 3 esigenze principali:. mantenere C staile nel tempo, C corrente per C futuro, o indeitarsi risparmio negativo per C presente a scapito di quello futuro;. disporre di risorse utilizzaili per fronteggiare eventi imprevisti risparmio precauzionale in alternativa a polizze assicurative; 3. lasciare eredità ai discendenti individui non egoisti. Si risparmia oggi se la minore utilità odierna è più che compensata da un maggiore utilità futura attesa. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina

2 La scelta dipende da 3 elementi interconnessi: i. reddito corrente e futuro; ii. tasso di interesse, che stailisce di quanto aumenta il reddito futuro per effetto del risparmio; iii. tasso di sconto, che esprime la valutazione individuale dell utilità derivante dal consumo futuro rispetto a quello corrente quanto più l agente è impaziente di consumare, tanto minore è la valutazione del enessere derivante dal consumo futuro. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina

3 Scelte di risparmio e tasso di interesse La famiglia mira a mantenere nell arco della vita un flusso di C più staile del flusso dei redditi hp: sms tra consumo corrente e consumo futuro decrescente. Esempio: orizzonte di periodi; F attività finanziarie F > 0, o deito F < 0; r tasso di interesse reale; esiste un mercato del credito; t = 0: la famiglia non ha attività finanziarie F 0 = 0; t = la famiglia muore e non lascia eredità: F = 0 Nel periodo ottiene il reddito Y, consuma C e risparmia S = Y C. Questa somma viene investita nel mercato dei prestiti al tasso di mercato r. La ricchezza del periodo, F, è: F = r F 0 S = ry C Nel periodo la famiglia ottiene Y, consuma C e risparmia S = Y C. Ricchezza che porteree al periodo 3 è: F = r F S = r F Y C = 0 da cui: F = C Y G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 3

4 Sostituendo nella prima equazione definizione di ricchezza al tempo : C Y C = Y i r r o, alternativamente: C = Y rc ry ii i Il valore attuale del consumo nei due periodi è uguale al valore attuale della ricchezza complessiva, pari al valore scontato dei redditi dei due periodi. ii Insieme delle possiili cominazioni di consumo C, C dei due periodi compatiili con il vincolo di ilancio intertemporale [retta nel piano C, C con pendenza pari a r e passante per il punto Y, Y : se tutto il reddito del primo periodo viene consumato, C = Y, anche nel secondo periodo il consumo è necessariamente uguale al reddito, C = Y ]. Cominazione preferita: sms tra C presente e C futuro uguaglia r, saggio marginale al quale il Y presente si trasforma in Y futuro nel mercato dei prestiti. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 4

5 La famiglia può consumare in un periodo un ammontare superiore alle risorse di quel periodo, ma nel corso di tutta la vita non può consumare più del reddito complessivamente disponiile. Esempio: Equilirio iniziale: E 0 fig. a. Dato che la pendenza del vincolo di ilancio intertemporale è pari a r, un aumento di r rende la retta più ripida, facendola ruotare sul punto delle dotazioni Y, Y, e sposta il punto di equilirio nel punto E, dove aumenta il consumo del secondo periodo e si riduce quello del primo: un aumento del tasso di interesse determina un aumento del risparmio corrente e una riduzione di quello futuro. L effetto non è certo: l aumento del tasso di interesse può dar luogo ad un effetto opposto. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 5

6 Effetto di sostituzione spostamento lungo la curva di indifferenza originaria da E 0, dove la pendenza del vincolo di ilancio è determinata da r originario, a B dove è stailita dal maggiore r favorisce le decisioni di risparmio. Effetto reddito dallo spostamento da B ad E è amiguo. Per alcuni soggetti fig. a, questo spostamento produce una riduzione dei consumi aumento dei risparmi, ma un risultato opposto vale per altri tipi di agenti fig.. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 6

7 Un aumento di r agisce diversamente secondo la posizione finanziaria: migliora la posizione dei soggetti che detengono attività finanziarie creditori netti, perché è possiile avere un maggior consumo futuro a parità di consumo corrente effetto reddito negativo per il risparmio, fig. ; peggiora quella dei soggetti indeitati deitori netti perché devono necessariamente ridurre il consumo presente se vogliono mantenere inalterato il consumo futuro effetto positivo per il risparmio, fig. a. Se, nell aggregato, l effetto di reddito delle due categorie di famiglie si elide, l effetto finale sul risparmio è soltanto quello, positivo, generato dalla sostituzione di reddito corrente con reddito futuro. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 7

8 Scelte di risparmio e reddito Reddito permanente: media di un flusso di redditi di più lungo periodo, che smorza le variazioni del reddito nel tempo, a cui le famiglie fanno riferimento per stailizzare e regolare i loro consumi nel tempo. Teoria del ciclo vitale: le decisioni di C dipendono dal Y corrente e dalle prospettive di Y futuro, ma il Y corrente varia nel corso della vita: da giovani è modesto e ci si indeita, per rimorsare nei periodi futuri quando il maggior Y consente di ottenere flussi positivi di S. Il S nei periodi di attività lavorativa per fronteggiare C e spese impreviste del periodo di pensionamento dipende in modo negativo da altre forme di sostegno del reddito previdenza pulica, e in modo positivo dalla proailità di interruzione imprevista dell attività lavorativa. Rilevanza aspettative sui redditi futuri. Se aspettative incerte e scelte di S difficili: istituzioni sistemi di sicurezza sociale, sussidi di disoccupazione, rapporti i lavoro staili favoriscono la pianificazione intertemporale di C e garantiscono stailità di S nel tempo. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 8

9 Altre teorie: tanto più significativa è la redistriuzione operata dai sistemi pensionistici, tanto meno i lavoratori sono incentivati a risparmiare, con effetti negativi sull accumulazione di capitale e sul reddito; se i genitori sanno che la propria previdenza verrà pagata dai figli, risparmieranno di più nel corso della vita lavorativa, per lasciare maggiori eredità che aiutino i giovani ad affrontare i futuri esorsi. Non c è convergenza di opinioni sugli effetti del welfare state sul risparmio, sull accumulazione e sulla crescita. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 9

10 La teoria delle scelte di portafoglio Se i rischi dei diversi titoli non sono strettamente correlati, rischio di attività diverse non aumenta con la stessa intensità, non è razionale decidere su una attività alla volta: intervenire sulla struttura del portafoglio cominazione di attività in cui ripartire la ricchezza. L investitore deve: i individuare le cominazioni delle attività patrimoniali più efficienti, ossia che offrono il rendimento massimo per un dato livello di rischio che offrono il livello di rischio minimo per un dato rendimento; ii scegliere, in ase alla propria propensione al rischio, il portafoglio efficiente che fornisce la cominazione ottima rendimento-rischio. Teoria delle scelte di portafoglio: procedura che permette di individuare l investimento finanziario ottimo e di spiegare perché gli individui, anche se avversi al rischio, investono parte della propria ricchezza in titoli rischiosi. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 0

11 La frontiera dei portafogli efficienti La diversificazione del portafoglio è tanto più efficiente quanto minore è la correlazione positiva tra i diversi titoli. E massima quando la correlazione negativa è perfetta: al risultato negativo di un titolo se ne contrappone uno positivo e della stessa intensità di un altro titolo. La cominazione di titoli correlati negativamente individua portafogli dotati di maggior rendimento e minore variailità. Se si aumenta la quota dei titoli a più alto rendimento e rischio, il rendimento complessivo del portafoglio aumenta senza che lo stesso avvenga necessariamente per il rischio, perché gli eventi futuri che determinano perdite su un titolo generano guadagni su altri titoli. Un portafoglio diversificato in modo opportuno può presentare una minore variailità dei risultati di un portafoglio costituito da titoli meno rischiosi: comunque, al crescere della quota di titoli rischiosi, il rischio del portafoglio tende sicuramente, da un certo punto in poi il punto F, a crescere. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina

12 Fig. Insieme delle migliori opportunità a disposizione: frontiera rendimento-rischio, o frontiera dei portafogli efficienti. Tratti inclinati positivamente: a maggiore rendimento corrisponde maggiore rischio; tratti inclinati negativamente non appartengono alla frontiera perché, a parità di rischio, esiste un altro portafoglio al quale corrisponde un maggior rendimento atteso. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina

13 W: stock di ricchezza iniziale di un individuo che può essere allocato tra due titoli, B e B che garantisce un maggior rendimento atteso ma è più rischioso. I due titoli hanno distriuzioni N ~ r, e N ~ r,, con r > r e >. Vincolo delle risorse: W = B B. Quote dei titoli sulla ricchezza totale: B /WB /W = =, con =. Rendimento atteso del portafoglio: somma dei rendimenti attesi dei due titoli moltiplicati per le rispettive quote: ER = r r = r r = r r r Rischio del portafoglio: radice quadrata della varianza del portafoglio, varianza del rendimento quota del portafogli investita nel titolo,, più varianza del rendimento quota del portafogli investita nel titolo,, più due volte la covarianza, pari a ˆ ρ ; ρˆ è il coefficiente di correlazione lineare tra i rendimenti. ˆ ρ = ˆ R = ρ G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 3

14 ER e R funzione di. Dati r, r,,, e ρˆ, si determina la frontiera rendimento-rischio: relazione tra rischio e rendimento atteso del portafoglio. L andamento della curva dipende dal segno e dal valore del coefficiente di correlazione. Figura : frontiere di portafogli efficienti per ρˆ =, ρˆ = 0, ρˆ = - la tratteggiata è disegnata per ρˆ compreso tra zero e -. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 4

15 La domanda di moneta come fondo di valore Confronto tra un titolo rischioso ma stesso risultato con una composizione di titoli rischiosi e una attività liquida moneta con rendimento r M conosciuto con certezza e = 0. = m: quota di W non trattenuta in forma monetaria Rendimento atteso: ER = mr M r = r M r = r M r r M Rischio: R = = dipende solo da Da cui: = R/. Sostituendo nella prima: r r M E R = r R M Frontiera rendimento-rischio lineare: segmento che congiunge il punto 0, r M di rischio nullo con il punto, r di rischio massimo. Se r M = 0: retta passante per l origine e relativa all intervallo 0, : r E R = R Rendimento portafoglio moneta-titolo tanto > quanto < è. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 5

16 Differenti tipologie di investitori: avverso al rischio: per mantenere lo stesso livello di utilità, è disposto ad accettare un maggiore rischio soltanto se viene compensato da un maggior rendimento, con incrementi via via crescenti sms tra reddito e rischio maggiore di zero e crescente: curve di indifferenza crescenti e concave; tuffatori: per accettare il maggiore rischio sono disposti ad accettare un maggior rendimento, ma con incrementi via via decrescenti sms positivo ma decrescente: curve di indifferenza crescenti e convesse; amanti del rischio: sono disposti ad accettare il maggior rischio anche in presenza di una riduzione del rendimento sms negativo: curve di indifferenza decrescenti. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 6

17 Equilirio: cominazione sulla frontiera dei portafogli efficienti che max utilità. E 0 : portafoglio ottimo costituito da di titoli rischiosi e - di moneta. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 7

18 Si accetta rifiuta un portafoglio efficiente più rischioso se il suo rendimento compensa non compensa il maggior rischio in cui si incorre. L equilirio si realizza per quella quota dell investimento rischioso la cui maggior utilità dovuta al maggior rendimento corrisponde esattamente alla minor utilità dovuta al maggior rischio. Portafoglio ottimo: cominazione rendimento-rischio per la quale il sms dell agente è uguale al saggio marginale di trasformazione tra rendimento e rischio risultante dalla frontiera dei portafogli efficienti pendenza frontiera: max rendimento per dato rischio min rischio per dato rendimento. Aumento del rendimento atteso riduzione del rischio del titolo: rotazione verso l alto della frontiera rendimento-rischio che determina per curve di indifferenza normali un aumento della quota di titoli rischiosi e una riduzione della moneta punto E : un aumento del tasso d interesse riduce la domanda di moneta. La riduzione del rischio determina una maggiore disponiilità a detenere titoli più redditizi ruota retta quadrante inferiore. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 8

19 Detenere moneta infruttifera può essere conveniente in presenza di incertezza: riduce la variailità dei rendimenti e permette a investitori avversi al rischio di ampliare la gamma dei portafogli possiili, anche con titoli molto rischiosi. Valutazione varia con il grado di sostituiilità tra i diversi tipi di attività patrimoniali reali, finanziarie e monetarie. Alto grado di sostituiilità tra moneta e altre attività finanziarie e asso grado di sostituiilità tra queste e attività reali: al variare delle attese sul futuro, o delle condizioni monetarie, gli investitori modificano con rapidità la composizione moneta-titoli e con minore prontezza la quota di attività reali sul totale; impatto più immediato sui mercati monetari e finanziari; Moneta attività particolare perché è l unica a svolgere la funzione di mezzo di pagamento: assa sostituiilità con le altre attività patrimoniali, finanziare e/o reali. Camiamenti nelle condizioni monetarie hanno effetti quasi esclusivamente sulla spesa monetaria, mentre variazioni nelle condizioni finanziarie si esauriscono in un riassestamento tra attività finanziarie e attività reali, ampiamente sostituiili. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 9

20 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 0 Allocazione di portafoglio con soli titoli rischiosi Due titoli rischiosi. ˆ = ρ rendimenti dei titoli perfettamente correlati in senso positivo: = = = R Quota del titolo più rischioso: = R. Frontiera rendimento-rischio lineare: = R r r r R E per < R < Segmento nel piano [R, ER] che collega i punti, r e, r : AB nella fig.. ˆ = ρ rendimenti dei titoli perfettamente correlati in senso negativo:

21 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina R = = = = ±[ [ ] Due valori per :, = R, = R La frontiera rendimento-rischio è data da: = R r r r R E per 0 < R < i = R r r r R E per 0 < R < ii per assicurare > 0 Due segmenti AE e EB della frontiera rendimento-rischio che passano per i punti, r e, r.

22 . per tutti i valori di R compresi nell intervallo 0,, il valore di ER fornito dalla i è sempre maggiore di quello fornito dalla ii;. al crescere di R, nella i ER aumenta mentre nella ii diminuisce. Se < ρˆ < rendimenti dei titoli non sono perfettamente correlati: si dimostra che la frontiera rendimento-rischio è una funzione non lineare nella variaile R che passa per i punti, r e, r ed è inscritta nello spazio delimitato dalle due curve definite per ρˆ = e per ρˆ = nel grafico è rappresentata quella relativa a ρˆ =0. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina

23 Le valutazioni personali preferenze e informazioni influenzano la posizione di equilirio. Nuove informazioni: la frontiera si sposta verso l alto a sinistra se aumenta il rendimento atteso, o si riduce la valutazione del rischio l investitore diventa più ottimista nei confronti del futuro; anche le sue preferenze potreero camiare, rendendolo meno avverso al rischio: si detiene una quota maggiore di titoli più rischiosi. Il portafoglio ottimo esprime le quantità desiderate dall investitore sulla ase di un dato insieme informativo: domanda per le diverse attività patrimoniali. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a. 04 5; Lezione 5 Pagina 3

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie 5. Tasso d Interesse, Scelte di Risparmio e Composizione della Ricchezza Le scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo 0 Obbiettivi Analisi dei fondamenti microeconomici di Funzione

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5)

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) Scelta intertemporale n periodi di tempo Flusso e Stock Calcolo del valore attuale e del valore futuro (2 periodi) Vincolo di bilancio intertemporale Scelta intertemporale

Dettagli

La domanda di moneta

La domanda di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria La domanda di moneta (terza parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it La teoria keynesiana (preferenza

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA SURPLUS del CONSUMATORE E utile poter disporre di una misura monetaria

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5)

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) DUE ESEMPI SULL UTILIZZO DEL MODELLO DI SCELTA RAZIONALE AI FINI DELLA POLITICA ECONOMICA La politica economica influenza

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Separazione in due fondi Security Market Line CAPM

Separazione in due fondi Security Market Line CAPM Separazione in due fondi Security Market Line CAPM Eduardo Rossi Economia dei mercati monetari e finanziari A.A. 2002/2003 1 Separazione in due fondi Un vettore di rendimenti er può essere separato in

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Decisioni di consumo Dalla domanda al benessere Effetti di una variazione di prezzo Quando

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli