Declinazioni e azioni per la campagna sulla legalità. Focus su corruzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Declinazioni e azioni per la campagna sulla legalità. Focus su corruzione"

Transcript

1 Declinazioni e azioni per la campagna sulla legalità. Focus su corruzione 1 Definizione della corruzione Organizzazioni non governative ed esperti accademici sono concordi nel dire che per corruzione pubblica si intende l'abuso dei poteri da parte di un pubblico ufficiale al fine di ottenere guadagni personali o per i suoi complici. La corruzione pubblica nella legge italiana attuale Il Titolo II del Codice Penale italiano descrive i vari reati riconducibili a una condotta corrotta dei pubblici ufficiali. Questi possono essere suddivisi in 6 categorie principali: Peculato, ovvero appropriazione indebita di risorse pubbliche, concussione, cioè l'uso, da parte di un pubblico ufficiale, del proprio potere per costringere o indurre qualcuno a consegnargli del denaro corruzione, l'accettazione di somme non dovute in cambio di favori, abuso d'ufficio, cioè l'uso dei propri poteri per favorire i propri interessi (senza scambio di denaro), malversazione e truffe ai danni dello Stato o dell'unione Europea, entro cui si considerano i reati che hanno come scopo il sottrarre denaro alle istituzioni attraverso il proprio ruolo nella loro gestione e turbativa di gare e concorsi pubblici Non è raro che nello stesso piano criminale siano commessi più reati contemporaneamente Esiste anche la corruzione tra privati, introdotta abbastanza di recente, che tuttavia limita molto il campo dei possibili soggetti attivi. Sono infatti allo studio delle definizioni più estensive di tale reato. Pur esistendo tali reati, tuttavia, gli inquisiti per corruzione, nel 2011, ci dice sempre Eurobarometro, sono stati meno di un migliaio, i condannati circa 300, tra i quali oltre il 98% a condanne inferiori ai due anni. 2 Costi della corruzione Secondo i calcoli di World Bank finiscono in corruzione circa miliardi di dollari, tra il 3 e 4% del Pil Mondiale. E' a partire da questo calcolo che si è azzardata la cifra di 60 miliardi per definire il costo della corruzione italiana. Eurobarometro ha inoltre misurato l'indice di percezione di corruzione, una misura calcolata ogni anno per quasi 200 Paesi dall'associazione no-profit Transparency International. L'indice è elaborato usando informazioni provenienti da questionari riempiti dai esperti e professionisti attivi in un determinato Stato. I questionari contengono domande sulla quantità di tangenti che i politici intascano o sulla trasparenza nell'uso dei fondi pubblici, per esempio. Più alto è l'indice, meno corrotto è percepito il Paese. Nell'ultimo rapporto, relativo al 2011, l'italia ha un indice di 3.9, che ci porta ben sotto quasi tutti le altre nazioni industrializzate, 69 in classifica. Il valore sta però ad indicare solo che l'italia è percepita come un paese altamente corrotto da chi ha fornito i dati per costruire l'indice. Questo indice tuttavia non è senza conseguenze, visto che World Bank stessa ci dice che ogni peggioramento di un punto dell'indice di corruzione determina una riduzione del PIL pari allo 0,39% e riduce la produttività del 4%. In questo senso, dal 2001 al 2011 si potrebbe stimare in circa 10 miliardi annui la perdita di PIL dovuta alla (percezione della) corruzione. Per rendersi conto dell'entità della corruzione nel nostro paese può essere utile confrontare i costi di alcune opere pubbliche italiane con quelli degli altri paesi. Per fare un esempio, un chilometro di ferrovia ad alta velocità costa oltre 45 milioni in Italia, contro i 10 della Francia o i 9 della Spagna. Il fatto che i dati non siano precisi (ma c'è da aspettarselo, visto l'argomento di cui si sta trattando, non certo di facile misurazione, in quanto nascosto per natura) non toglie che da vari indizi possiamo comunque stabilire che la corruzione in Italia sia molto elevata, superiore a quella presente in altri paesi, e che, a prescindere dalle risorse che toglie, è un handicap per il sistema, perché distorce la competizione tra le aziende, aumenta il costo dei lavori pubblici a carico della collettività, fiacca l'etica pubblica e produce danni ambientali. Ma soprattutto fornisce una autonarrazione del paese che spinge alla furbizia anziché all'onestà, verso un assalto alla diligenza anziché verso la correttezza, modificando anche la percezione morale di altri comportamenti antisociali. In fondo, visti gli scandali milionari sui tanti appalti, sarà mica colpevole non fare una fattura di 100 euro? La corruzione è spesso descritta nei film e nei romanzi più popolari, ed è considerata endemica, se non addirittura normale (addirittura un proverbio romano recita Chi amministra, amminestra ) e produce una distorsione dei ruoli decisori e politici, raddoppiando le possibilità corruttive, con richieste che non provengono

2 solo dalla politica o dall'amministrazione, ma che spesso partono, come fosse normalità, dal cittadino stesso. 3 Danni culturali Soprattutto la corruzione diffusa e così insita nella società, nella politica e nell'economia fornisce una autonarrazione del paese che spinge alla furbizia anziché all'onestà, verso un assalto alla diligenza anziché verso la correttezza, modificando anche la percezione morale di altri comportamenti antisociali. In fondo, visti gli scandali milionari sui tanti appalti, sarà mica colpevole non fare una fattura di 100 euro? La corruzione è spesso descritta nei film e nei romanzi più popolari, ed è considerata endemica, se non addirittura normale (un proverbio romano recita Chi amministra, amminestra ) e produce una distorsione dei ruoli decisori e politici, raddoppiando le possibilità corruttive, con richieste che non provengono solo dalla politica o dall'amministrazione, ma che spesso partono, come fosse normalità, dal cittadino stesso. 4 Danni per l'ambiente La corruzione in Italia è spesso legata al degrado ambientale. Spesso è il rilascio di concessioni illegittime a seguito di corruzione la precondizione per cui si consumano reati quali il traffico illecito di rifiuti o l'abusivismo edilizio, la gestione fuori norma delle discariche anche legali e la realizzazione di opere pubbliche che magari vengono fatte con materiali di qualità inferiore proprio per recuperare il costo della tangente. Dal gennaio 2010 al settembre 2012 sono state arrestate persone in inchieste relative a episodi di corruzione connessi ad attività dal forte impatto ambientale 5 Coinvolgimento della politica Nella legislatura sono stati 90 i parlamentari indagati, condannati o arrestati per reati legati alla corruzione latamente intesa. 59 del PDL, 13 del PD, 8 dell'udc. Ancora maggiori sono i numeri degli amministratori locali, quindi spesso eletti con il sistema delle preferenze.

3

4

5

6

7 6- I temi della nostra iniziativa. Oltre ai temi già affrontati nelle schede relative a Evasione Fiscale- Appalti- Corruzione nella Sanità, in termini generali la nostra iniziativa sindacale riguarda soprattutto tre aspetti - La riforma della Legge attuale con l'introduzione del Reato di Autoriciclaggio e la reintroduzione del Reato di Falso in Bilancio. Su questo tema abbiamo ritrovato con CISL e UIL un orientamento comune che abbiamo formalizzato con il recente comunicato congiunto, firmato anche da Libera, proprio su questi due temi e sul tentativo del Governo di annacquare il testo che era stato a suo tempo definito dal Ministro Orlando. In questo contesto la nostra battaglia riguarda anche altri aspetti assai importanti quali la revisione normativa dei TEMPI DELLA PRESCRIZIONE, del CONFLITTO DI INTERESSI, del REATO DI CORRUZIONE FRA PRIVATI. - Il rilancio di un confronto con le Pubbliche Amministrazioni a partire dalla applicazione della norma dei Piani Anticorruzione tentando di farli diventare una occasione di confronto sui temi della trasparenza e della Organizzazione del Lavoro, piuttosto, come sta accadendo nella stragrande maggioranza dei casi, di un fatto meramente burocratico. - Rilanciare con Avviso Pubblico ( l'associazione dei comuni che hanno assunto il codice etico come riferimento della propria azione amministrativa) una stagione congiunta di iniziative specifiche sul territorio e a livello nazionale.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Pag. 1 a 44 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI PARTE II - REATI CORRUTTIVI EX L.190/12 E P.N.A. In vigore

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI Art. 1 Requisiti di ordine generale 1. Al fine di prevenire infiltrazioni di tipo mafioso o comunque riconducibili alla

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 RELAZIONE Corruzione, sicurezza

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PROTOCOLLO REATI CONTRO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati contro la Pubblica

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015

Modelli ex d.lgs. 231/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012. Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 Modelli ex d.lgs. 21/01 e Modelli di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012 Massimo Malena & Associati 20 maggio 2015 L impatto immediato e diretto della L. 190/2012 sul d.lgs. 21/01 La Legge 190

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo

Codice di Comportamento Sportivo Codice di Comportamento Sportivo Garante del Comportamento Sportivo Stadio Olimpico Curva Sud Gate 23 00135 - ROMA e-mail: garante@coni.it Deliberato dal Consiglio Nazionale nella riunione del 30 ottobre

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM)

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) IL DIRIGENTE DEL II SETTORE PREMESSO CHE l Organo di Revisione dell Ente cessa dal proprio incarico il 14 novembre

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione (Periodo di riferimento 2015 2017) PREMESSA Il 28 novembre 2012 è entrata in vigore la Legge n.190 del 6 novembre 2012 (c.d. Legge Anticorruzione ),

Dettagli

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014 AUDIT INFORMATICO PER PREVENIRE I REATI INFORMATICI (ART. 24 BIS D.LGS. 231/01) E ANNULLARE LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA NEL RISPETTO DEL CODICE DELLA PRIVACY (D.LGS. 196/03) E DELLO STATUTO

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE Triennio 2014/2016 1 Art. 1 Finalità Il presente piano, nell ambito delle analoghe regolamentazioni poste in essere dal socio unico- Comune di Cerveteri,

Dettagli

AVVISO DI GARA INVITO A PARTECIPARE

AVVISO DI GARA INVITO A PARTECIPARE Varese, 06/05/2014 INVITO A PARTECIPARE 1. 2. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA Sito web : www.eurscva.eu Profilo committente: www.eursc.eu

Dettagli

Società Gestione Farmacie s.r.l.

Società Gestione Farmacie s.r.l. Società Gestione Farmacie s.r.l. Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017 Sommario 1. Il concetto di corruzione e il Piano Triennale di prevenzione della corruzione... 3 2. Il Responsabile

Dettagli

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO C P ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO Ai sensi della legge 190 /2102 e degli art. 24 e 25 del d. lgs31/2001 CP Ticino Malpensa Revisione 03 del 18/11 2014 ANALISI DEI RISCHI REATO CP Ticino Malpensa

Dettagli

REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE

REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE "MARINTEC adotta un approccio con tolleranza zero contro la corruzione. Siamo impegnati a condurre la nostra attività in modo onesto ed etico. Abbiamo adottato questo regolamento

Dettagli

Disposizioni per la prevenzione e la repressione dll della corruzione e dell illegalità nella PA GLI ARTICOLI DI INTERESSE PER GLI EE.LL.

Disposizioni per la prevenzione e la repressione dll della corruzione e dell illegalità nella PA GLI ARTICOLI DI INTERESSE PER GLI EE.LL. SPECIALE ANTICORRUZIONE Disposizioni per la prevenzione e la repressione dll della corruzione e dell illegalità nella PA GLI ARTICOLI DI INTERESSE PER GLI EE.LL. AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Art.

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION Brussels, 3.2.2014 COM(2014) 38 final REPORT FROM THE COMMISSION TO THE COUNCIL AND THE EUROPEAN PARLIAMENT EU ANTI-CORRUPTION

EUROPEAN COMMISSION Brussels, 3.2.2014 COM(2014) 38 final REPORT FROM THE COMMISSION TO THE COUNCIL AND THE EUROPEAN PARLIAMENT EU ANTI-CORRUPTION EUROPEAN COMMISSION Brussels, 3.2.2014 COM(2014) 38 final REPORT FROM THE COMMISSION TO THE COUNCIL AND THE EUROPEAN PARLIAMENT EU ANTI-CORRUPTION REPORT IT IT ITALIA 1. INTRODUZIONE TARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Premessa Indice 1. Normativa 2. Oggetto e finalità del piano 3. Definizione di corruzione

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE. Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300. Info: www.comune.siniscola.nu.

PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE. Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300. Info: www.comune.siniscola.nu. COMUNE DI SINISCOLA PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300 Info: www.comune.siniscola.nu.it PROT. N. 6191 DEL 25/03/2014 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Fondazione Cinema per Roma Piano di Prevenzione della Corruzione

Fondazione Cinema per Roma Piano di Prevenzione della Corruzione Fondazione Cinema per Roma Piano di Prevenzione della Corruzione 1 Aggiornamento Roma 31 gennaio 2014 Indice Premessa Normativa Pag. 3 Struttura del Piano di Prevenzione della Corruzione Pag. 6 L organizzazione

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA Alla Provincia Regionale di Palermo Direzione Gare e Contratti Via Maqueda, 100 90133 PALERMO Oggetto: fornitura in

Dettagli

L opuscolo (in formato pdf) lo potete scaricare all indirizzo: http://www.ispesl.it/organigramma/documenti/potenza/capirelasicurezza.

L opuscolo (in formato pdf) lo potete scaricare all indirizzo: http://www.ispesl.it/organigramma/documenti/potenza/capirelasicurezza. Tratto e riformulato dall opuscolo CAPIRE LA SICUREZZA: CENTO DOMANDE, CENTO RISPOSTE realizzato da Domenico Mannelli del Dipartimento di Basilicata dell ISPESL (Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN AMMINISTRAZIONE E ORGANIZZAZIONE CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO L EVASIONE FISCALE DI:CLAUDIO ISONI (MATR:27893) ANNO ACCADEMICO

Dettagli

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELL AREA METROPOLITANA DI TORINO Sede legale: Viale C. Emanuele II, 256 10078 Venaria Reale (TO) - P.I. 01699930010 - tel. 011 4993311 fax 011 4594352 PIANO PROVVISORIO

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE LEGGE 6 NOVEMBRE 2012 N. 190 Relazione anno 2013 a cura del Segretario Generale e del Responsabile del Servizio Integrità Il Consiglio Comunale, con deliberazione n.

Dettagli

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari In Diritto24 www.diritto24.com SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari codice penale Reati in generale Principio di legalità e principio

Dettagli

Per tutto ciò che fa riferimento ai contenuti e agli obiettivi del progetto IRENE si faccia riferimento allo Statuto di RETE IRENE a cui si rimanda.

Per tutto ciò che fa riferimento ai contenuti e agli obiettivi del progetto IRENE si faccia riferimento allo Statuto di RETE IRENE a cui si rimanda. Codice etico RETE IRENE Premessa Il Codice Etico di RETE IRENE, approvato dal Comitato di Gestione con delibera del 18 Giugno 2013, identifica un nucleo di valori quale riferimento costante dell agire

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2016 - 2017 1 CONTENUTI Premessa Pag. 3 1. Oggetto e finalità Pag. 4 2. Contesto organizzativo Pag. 4 3. Individuazione delle aree di rischio e azioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

Servizio Studi Direttore: (...) Segreteria tel. 6706_2451

Servizio Studi Direttore: (...) Segreteria tel. 6706_2451 XVII legislatura Testo a fronte delle disposizioni del Testo unificato adottato dalla Commissione Giustizia per i disegni di legge nn. 19, 657, 711, 846, 847, 851, 868, in data 14 maggio 2014, con le corrispondenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TRANFA AVV. ALESSIO Indirizzo //////////////////////// Telefono //////////////////////// Fax ////////////////////////

Dettagli

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10 Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018 Pag. 1 a 10 Sommario Premessa... 3 ORGANIZZAZIONE... 5 1 - REFERENTI... 6 2 - AREE DI RISCHIO... 7 3 MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO... 9 4 - TRASPARENZA...

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

Corso completo per la prova scritta dell Esame di Avvocato

Corso completo per la prova scritta dell Esame di Avvocato 42 Corso completo per la prova scritta dell Esame di Avvocato Merita un cenno, infine, il momento consumativo del reato di cui all art. 316 ter c.p. In proposito, Cass. 19-2-2013, n. 12625 ha affermato

Dettagli

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 Attività sensibile: GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE Reati associabili: Malversazione, indebita percezione (artt. 316-bis,

Dettagli

AVVISO DI GARA. Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA. Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare

AVVISO DI GARA. Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA. Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare Varese, 13/11/2015 1. 2. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Scuola Europea di Varese Via Montello, 118 I-21100 Varese ITALIA Sito web : www.eurscva.eu Profilo committente: www.eursc.eu Commissione gare gare@var-eursc.org

Dettagli

Addendum Italiano Executive summary

Addendum Italiano Executive summary PwC s 2014 Global Economic Crime Survey Addendum Italiano Executive summary febbraio 2014 Executive Summary The highlights La diffusione del fenomeno delle frodi economico finanziarie in Italia Dall edizione

Dettagli

Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal

Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal Ministero dell Economia e delle Finanze 1 1. Premessa

Dettagli

La prevenzione partecipata: La determinazione ANAC 8/2015 e il Ruolo della Pubblica Amministrazione

La prevenzione partecipata: La determinazione ANAC 8/2015 e il Ruolo della Pubblica Amministrazione PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO La prevenzione

Dettagli

ALLEGATO. sull ITALIA. della RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. Relazione dell Unione sulla lotta alla corruzione

ALLEGATO. sull ITALIA. della RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. Relazione dell Unione sulla lotta alla corruzione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.2.2014 COM(2014) 38 final ANNEX 12 ALLEGATO sull ITALIA della RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione dell Unione sulla lotta alla corruzione

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI

UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI Pagina 1 di 9 UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI Pagina 2 di 9 INDICE 1.0 SCOPO... 4 2.0 AMBITO... 4 3.0 DEFINIZIONI... 4 4.0 PRATICHE DI IMPIEGO... 5 4.1 LAVORO FORZATO... 5 4.2 LAVORO MINORILE...

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

LA CRESCITA ECONOMICA E SOCIALE. Illegalità, etica e morale

LA CRESCITA ECONOMICA E SOCIALE. Illegalità, etica e morale LA CRESCITA ECONOMICA E SOCIALE Illegalità, etica e morale L illegalità nel business: sistema gius1zia e percezione delle aziende a confronto Fabrizio Santaloia, Partner PwC Forensics XXXVI Congresso Nazionale

Dettagli

Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare

Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare In vista delle Elezioni 2013 e della prossima Legislatura, Cittadinanzattiva abbraccia con convinzione la prospettiva europea. L Europa chiede, allo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER RACCOGLIERE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

AVVISO PUBBLICO PER RACCOGLIERE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO PER RACCOGLIERE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PSR 2014-2020 Misura 19 - Supporto allo sviluppo locale LEADER Sottomisura 19.1 Costi di preparazione della Strategia di sviluppo locale CUP:

Dettagli

LA SOCIETÀ E COMPLIANCE DAILY CONTROL

LA SOCIETÀ E COMPLIANCE DAILY CONTROL LA SOCIETÀ E COMPLIANCE DAILY CONTROL SGR CONSULTING SA è una società svizzera indipendente con sede a Lugano, attiva nelle tematiche compliance, antiriciclaggio e whistleblowing in numerosi paesi europei.

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

LE FALSE COMUNICAZONI SOCIALI

LE FALSE COMUNICAZONI SOCIALI LE FALSE COMUNICAZONI SOCIALI 1 COME ERAVAMO: PREMESSA Si definisce falso in bilancio o frode contabile, in diritto societario, la compilazione di false comunicazioni sociali ovvero una rendicontazione

Dettagli

Entusiasmo? «Più flessibilità e maggiore sicurezza.» Helvetia Assicurazione cauzioni. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Più flessibilità e maggiore sicurezza.» Helvetia Assicurazione cauzioni. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Più flessibilità e maggiore sicurezza.» Helvetia Assicurazione cauzioni. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/6 Helvetia Assicurazione cauzioni

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

FAC SIMILE DICHIARAZIONI AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI PULIZIA AZIENDALI E ATTIVITÀ ACCESSORIE SUDDIVISI IN TRE SEPARATI LOTTI

FAC SIMILE DICHIARAZIONI AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI PULIZIA AZIENDALI E ATTIVITÀ ACCESSORIE SUDDIVISI IN TRE SEPARATI LOTTI AZIENDA MOBILITÀ E TRASPORTI S.p.A. di GENOVA FAC SIMILE ZIONI AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI PULIZIA AZIENDALI E ATTIVITÀ ACCESSORIE SUDDIVISI IN TRE SEPARATI LOTTI 1/9 BANDO PUNTO III).1.4 - ZIONE LETTERE

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Piano per la formazione del personale dell Università degli Studi di Firenze nell ambito della prevenzione della corruzione Anni 2013-2015 PIANO PER LA FORMAZIONE DEL

Dettagli

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO Gli enti pubblici stipulano contratti per garantire l'esecuzione di lavori e la prestazione di servizi. Questi contratti, stipulati con uno o più operatori per un dato prezzo,

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI Antonino GIGLIA COME SI SCRIVE IL PARERE GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Paolo ABBATE Anna DIFALCO Sergio DI GERLANDO - Franz DONATI - Paola MARINO SOMMARIO

Dettagli

Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo

Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.bxm.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.02 Giu 23 2011 Lettera al Comparto Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo Ogni giorno nel nostro Paese migliaia di cittadini

Dettagli

Corruzione e Sprechi in sanità

Corruzione e Sprechi in sanità Corruzione e Sprechi in sanità IL QUADRO NORMATIVO Tradate Giovedì 8 maggio 2014 Dott.ssa Federica Sardella Foro di Milano federica@studiolegalesardella.com Il Decreto Legislativo 229/99 Benché successivamente

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PUBBLICO INCANTO E DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA Alla Provincia Regionale di Palermo Direzione Gare e Contratti Via Maqueda, 100 90133 PALERMO Oggetto: acquisizione

Dettagli

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Spett.le Conerobus S.p.a. Via Bocconi, 35 60125 Ancona Oggetto: Domanda di iscrizione

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

Codice di Comportamento

Codice di Comportamento Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 3 maggio 2005 e successivamente modificato con deliberazione n. 12 del 2 marzo 2009 Indice Premessa 1 Codice Etico 2 Regolamento gare

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (2015-2017) Componenti: a) N. 15 Consiglieri componenti

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ai sensi art.1, VIII e IX comma, Legge 6 novembre 2012 n. 190. Adottato con deliberazione di G.C. N. 94/2013

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito.

Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito. Prot. 27896 Roma, 20 dicembre 2012 Raccomandata a.r. Oggetto: Procedura negoziata per conto corrente fruttifero non vincolato. Lettera d invito. Si invita Codesto Istituto, a presentare la propria migliore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE B: REATI SOCIETARI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC Periodo di riferimento: 2014/2016 (allegato alla deliberazione del n. 7/2014) INDICE PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE

FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE FORMAZIONE CATALOGO CORSI ONLINE CORSI ONLINE SICUREZZA SUL LAVORO CORSI ONLINE SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE SICUREZZA BASE GENERALE Durata: 4 ore Il modulo è dedicato alla presentazione dei concetti

Dettagli

ETICA E TRASPARENZA nella PA

ETICA E TRASPARENZA nella PA ETICA E TRASPARENZA nella PA Avv. Prof. Ernesto Belisario http://blog.ernestobelisario.eu Palermo, 18 maggio 2011 Associazione Italiana per l Open Government www.datagov.it PREMESSA "L idea della partecipazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Decreto Legislativo n 231 del 8 giugno 2001 ed aggiornamenti Responsabilità amministrativa delle Società Rev Data Descrizione Redatto Approvato 3 11.01.10

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l.

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l. TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI N. 1559 UNI EN ISO 9001:2008 PLENUM Consulting Group S.r.l. Via San Quintino, 26/A 10121 TORINO -ITALY Tel +39 011 812 47 05 Fax +39 011 812 70 70 E-mail: plenum@plenum.it

Dettagli

Importo complessivo appaltato 213.594,33. Importo soggetto a ribasso 213.594,33

Importo complessivo appaltato 213.594,33. Importo soggetto a ribasso 213.594,33 Modello A (da inserire nella busta A) Oggetto: Richiesta di ammissione alla gara d appalto con procedura aperta inerente l affidamento del Progetto Multimedia Info Point - Progetto per il miglioramento

Dettagli

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio Gianluca Esposito* Senior Counsel Fondo Monetario Internazionale

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE PREMESSA Oggetto del piano Il Responsabile della prevenzione

Dettagli