Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE"

Transcript

1 DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

2 DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Beneficiari Soggetti che percepiscono i seguenti redditi 1) Reddito da lavoro dipendente; 2) Indennità di mobilità; 3) Cassa integrazione guadagni; 4) Indennità di disoccupazione; 5) Borse di studio non esenti IRPEF; 6) Reddito da lavoro dipendente prodotto da soggetti non residenti alla condizione che tale reddito sia tassato in Italia; 7) Reddito da lavoro dipendente prodotto all estero da soggetti residenti alla condizione che tale reddito sia tassato in Italia; 8) Compensi percepiti cooperativi; dai lavoratori soci di 9) Somme o sussidio per fini addestramento professionale; di studio o 10) Redditi da CO.CO.CO. e CO.CO.PRO. ; 11) Remunerazioni dei sacerdoti; 12) Compensi per lavori socialmente utili in conformità a specifiche disposizioni normative; 13) Le prestazioni pensionistiche di cui al d. lgs. N. 124/1993 (pensioni complementari); 14) Gli interessi e le rivalutazioni monetarie riconosciuti dal giudice ai sensi dell art. 429, ultimo comma, del c.p.c. (Bonus 80 ) Soggetti esclusi 1) i contribuenti al cui reddito complessivo non concorrono i redditi specificati nella colonna Beneficiari ; 2) i contribuenti che non hanno un imposta lorda generata da redditi specificati nella colonna Beneficiari, superiore alle detrazioni per lavoro dipendente e assimilati, spettanti in base all art. 13, comma 1, del TUIR (cosiddetti incapienti) ¹ ² ; 3) i contribuenti che, pur avendo un imposta lorda capiente, sono titolari di un reddito complessivo superiore a euro Per le note ¹ ² vedi slides successive 2

3 Significato Incapiente nota ¹ slide numero 2 Nota ¹ Chi sono gli incapienti? (regola generale): gli incapienti sono i contribuenti che non detengono un determinato importo (reddito o imposta) capace di contenerne un secondo (onere deducibile o detrazione d imposta). In campo fiscale, in genere, il termine si riferisce ai casi in cui un contribuente avrebbe diritto a una detrazione superiore all imposta che deve pagare; si dice allora che la detrazione non trova Capienza nell imposta, da ciò deriva il termine incapiente. In generale in questa ipotesi la parte eccedente della detrazione non viene fruita dal contribuente incapiente e va perduta. Esempio: Contribuente con reddito e detrazioni di seguito indicati Reddito = euro Imposta lorda = euro Detrazioni = euro = euro (in questa ipotesi, essendo, il valore delle detrazioni maggiore del valore dell imposta il contribuente è definito incapiente e perde la parte eccedente pari a 100 euro, poiché nel sistema fiscale italiano non è prevista l IRPEF negativa) 3

4 Nota ² Significato Incapiente nota ² slide numero 2 Chi sono gli incapienti ai fini del diritto a fruire del credito di 80 euro?: I contribuenti titolari dei redditi indicati nella slide n. 2, che generano un imposta lorda, di ammontare inferiore/uguale alle detrazioni da lavoro dipendente loro spettanti in base al comma 1 dell art. 13 del TUIR. Esempio: Contribuente con reddito e detrazioni di seguito indicati Reddito = euro Imposta lorda = euro Detrazioni produzione reddito = 1.873euro = zero euro (in questa ipotesi il contribuente non ha diritto al bonus di 80 euro in quanto la differenza tra l imposta lorda e la detrazione non è maggiore di zero, come esplicitamente previsto dalla normativa vigente) 4

5 Chi sono i soggetti tenuti al riconoscimento del Bonus di 80 euro? I soggetti tenuti al riconoscimento del Bonus sono i sostituti d imposta tenuti ad applicare la ritenuta a titolo di acconto dell imposta (IRPEF) dovuta sui redditi di lavoro dipendente e assimilati di cui alla slide n. 2 colonna beneficiari, e cioè: - gli enti e le società indicati nell art. 73, comma 1, del TUIR; - le società e associazioni indicate nell art. 5 del TUIR; - le persone fisiche che esercitano attività di imprese commerciali, ai sensi dell art. 55 del TUIR; - le imprese agricole; - le persone fisiche che esercitano arti e professioni; - il curatore fallimentare; - il commissario liquidatore; - il condominio; - le amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo; - le amministrazioni della Camera dei deputati, del Senato e della Corte costituzionale, nonché della Presidenza della Repubblica e degli organi legislativi delle regioni a statuto speciale. 5

6 Chi sono i soggetti non tenuti al riconoscimento del Bonus di 80 euro? I soggetti che non sono tenuti al riconoscimento del Bonus di 80 euro sono i datori di lavoro che per esplicita previsione normativa non devono applicare la ritenuta a titolo di acconto dell imposta (IRPEF) dovuta sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, e cioè, i datori di lavoro persone fisiche che hanno alle loro dipendenze i lavoratori domestici: 1) colf; 2) Badanti; 3) Baby Sitter; 4) Giardinieri; 5) Autisti ecc.. I soggetti di cui sopra fruiranno del Bonus di 80 euro presentando la dichiarazione dei redditi (730 ovvero UNICO) nell anno fiscale

7 A quali adempimenti devono ottemperare i sostituti d imposta?/1 a) I sostituti d imposta devono determinare la spettanza del Bonus di 80 euro sulla base dei dati reddituali a loro disposizione; b) I dati reddituali di cui bisogna tenere conto sono quelli che il sostituto d imposta corrisponderà durante l anno al dipendente nonché in base ai dati reddituali che il lavoratore comunicherà allo stesso sostituto relativi ad altri rapporti di lavoro; c) I sostituti d imposta devono riconoscere il bonus in via automatica, ciò significa che i beneficiari non devono effettuare nessuna richiesta esplicita per fruire del bonus di 80 euro; d) Il sostituto d imposta, ove ricorrono i presupposti del diritto al Bonus a favore dei lavoratori dipendenti deve rapportare il Bonus al periodo di lavoro nell anno espresso in giorni ; e) Il sostituto d imposta al fine di erogare il Bonus, utilizza l ammontare complessivo delle ritenute relative all IRPEF, alle addizionali regionali e comunali nonchè le ritenute relative all imposta sostitutiva sui premi di produttività e alla ritenuta relativa al contributo di solidarietà. In caso di incapienza del monte ritenute prima dette, si utilizzano i contributi previdenziali per il medesimo periodo di paga; f) Il sostituto d imposta per gli importi non versati all Agenzia delle Entrate ovvero all INPS per effetto delle disposizioni di cui alla lettera e) dovranno essere indicati nel modello 770 da presentare nell anno fiscale 2015; g) Il sostituto d imposta dovrà indicare il Bonus riconosciuto nella certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente e assimilati (CUD 2015, redditi 2014). 7

8 A quali adempimenti devono ottemperare i sostituti d imposta?/2 h) Considerata la data di entrata in vigore del decreto, i sostituti d imposta riconosceranno il credito spettante ai beneficiari a partire dalle retribuzioni erogate nel mese di maggio; i) Nella particolare ipotesi in cui non sia possibile erogare il Bonus nel mese di maggio, per ragioni esclusivamente tecniche legate alle procedure di pagamento delle retribuzioni, i sostituti riconosceranno il credito a partire dalle retribuzioni erogate nel successivo mese di giugno, ferma restando la ripartizione dell intero importo del credito spettante tra le retribuzioni dell anno 2014; l) Il credito, per espressa previsione del comma 4, dell art. 1 del decreto in esame, è riconosciuto ripartendolo fra le retribuzioni erogate successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto, a partire dal primo periodo di paga utile. 8

9 Come si determina il Reddito Complessivo ai fini della fruizione del Bonus? a) Ai fini della fruizione del BONUS, il reddito complessivo rilevante ai fini in esame è assunto al netto del reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze; b) Al fine della verifica del limite di euro devono essere considerati nella determinazione del reddito complessivo anche i redditi assoggettati a cedolare secca (canone di locazione anche quelli a canone convenzionato); c) Non bisogna invece tenere conto dei redditi assoggettati all imposta sostitutiva per gli incrementi di produttività per la verifica del limite di euro; d) Per i lavoratori c.d. frontalieri, l art. 1, comma 175, della legge n. 147 del 2013 prevede che A decorrere dal 1º gennaio 2014, il reddito da lavoro dipendente prestato all'estero in zona di frontiera o in altri paesi limitrofi al territorio nazionale, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, da soggetti residenti nel territorio dello Stato italiano, concorre a formare il reddito complessivo per l'importo eccedente euro.. Per detti lavoratori, la verifica della spettanza del credito e la determinazione del relativo importo in relazione al reddito complessivo va effettuata tenendo conto del reddito di lavoro dipendente eccedente l importo di euro; e) Lavoratori marittimi imbarcati su navi iscritte nel registro internazionale Il Bonus di 80 euro non abbatte l importo delle ritenute ai fini dell agevolazione di cui all art. 4, comma 1, della legge n. 30 del Ciò in quanto il calcolo delle ritenute da applicare sui redditi di lavoro corrisposti dai sostituti d imposta rimane immutato rispetto alla situazione preesistente al decreto, lasciando immutato anche il corrispondente credito d imposta per le imprese marittime commisurate alle ritenute sui redditi di lavoro dipendente corrisposti ai marinai. 9

10 Quali verifiche tecniche deve effettuare il sostituto d imposta per il riconoscimento del Bonus? 1) Verificare che alla formazione del reddito complessivo concorre almeno una tipologia dei redditi indicati nella slide n. 2 colonna beneficiari; 2) Verificare che il contribuente sia titolare di un reddito complessivo per l anno fiscale 2014 non superiore a euro; 3) Verificare che la differenza tra l imposta lorda e la detrazione di cui all art. 13, comma 1, del Tuir (detrazione produzione reddito) sia maggiore di zero; 4) Non deve essere rilevante ai fini del riconoscimento del Bonus, la circostanza che l imposta lorda sia ridotta o azzerata da detrazioni diverse da quelle indicate al punto 3), quali ad esempio le detrazioni per carichi di famiglia previste dall art. 12 del Tuir; 10

11 Quale importo deve riconoscere il sostituto d imposta al contribuente? 1) 640 euro rapportati al periodo di lavoro dell anno 2014, se il reddito complessivo non è superiore a euro; 2) 640 euro rapportati al periodo di lavoro dell anno 2014, se il reddito complessivo è superiore a euro ma non a euro. Il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di euro, diminuito del reddito complessivo, e l importo di euro. ; 3) Zero euro al raggiungimento del reddito complessivo pari a euro; 4) Zero euro nell ipotesi che la differenza tra l imposta lorda e la detrazione di cui all art. 13, comma 1, del Tuir (detrazione produzione reddito) non sia maggiore di zero. 11

12 Come si determina il periodo di lavoro utile ai fini del riconoscimento del valore del Bonus da erogare nel periodo di paga? /1 Il computo del periodo di lavoro corrisponde a 365gg. Nei seguenti rapporti di lavoro e alle condizioni di seguito descritte: Rapporti di lavoro 1) Tempo indeterminato full-time non inferiore all anno fiscale trattato (2014); 2) Part-time con articolazione orario di lavoro verticale /orizzontale non inferiore all anno fiscale trattato (2014); 3) Tempo determinato non inferiore all anno fiscale trattato (2014): Condizioni il periodo di lavoro nell'anno fiscale trattato (2014) corrisponde al numero dei giorni compresi nel periodo di durata del rapporto di lavoro per i quali il lavoratore ha diritto alle detrazioni per lavoro dipendente. Si tratta del numero di giorni che hanno dato diritto al reddito di lavoro dipendente soggetto a tassazione, a fronte del quale è concessa la detrazione. In tale numero di giorni vanno in ogni caso compresi le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi contrattualmente o per legge previsti. Vanno invece sottratti i giorni per i quali non spetta alcun reddito, neppure sotto forma di retribuzione differita, quali le mensilità aggiuntive etc. (ad esempio, in caso di assenza per aspettativa senza corresponsione di retribuzione). Nessuna riduzione delle detrazioni va effettuata in caso di particolari modalità di articolazione dell'orario di lavoro, quali il part-time verticale o orizzontale, né in presenza di giornate di sciopero. 12

13 Come si determina il periodo di lavoro utile ai fini del riconoscimento del valore del Bonus da erogare nel periodo di paga? /2 Il computo del periodo di lavoro corrisponde a meno di 365gg. Nei seguenti rapporti di lavoro e alle condizioni di seguito descritte: Rapporti di lavoro 1) Tempo indeterminato full-time non inferiore all anno fiscale trattato (2014) con aspettativa senza retribuzione; Esempio: lavoratore dipendente che richiede aspettativa senza retribuzione per tutto il mese di Luglio. In tale ipotesi il computo del periodo di lavoro corrisponde a: 365 gg 31gg di luglio = 334 2) Tempo indeterminato full-time con interruzione del rapporto di lavoro nell anno fiscale trattato (2014); Esempio: lavoratore dipendente che risolve il rapporto di lavoro il 15 del mese di Luglio. In tale ipotesi il computo del periodo di lavoro corrisponde a: 31gg gennaio + 28gg febbraio + 31gg marzo + 30gg aprile + 31gg maggio + 30gg giugno + 15gg di luglio = 196gg 3) Tempo determinato inferiore all anno fiscale trattato (2014); Esempio: lavoratore dipendente con contratto della durata dal 01 maggio al il 15 del mese di Luglio. In tale ipotesi il computo del periodo di lavoro corrisponde a: 31gg maggio + 30gg giugno + 15gg di luglio = 76gg Condizioni Analogo criterio di quello indicato nella slide n.12, deve essere adottato per i contratti a tempo determinato, per i quali, partendo dal numero dei giorni compresi nel periodo di durata del rapporto, vanno sottratti eventualmente i giorni per i quali non compete il diritto alla retribuzione. 13

14 Casi particolari calcolo periodo di lavoro/1 Rapporti di lavoro contestuali - si precisa che, in presenza di più redditi di lavoro dipendente, nell'individuare il numero di giorni per i quali spettano le detrazioni, quelli compresi in periodi contemporanei vanno computati una volta soltanto. Esempio: contribuente titolare di due contratti part-time a tempo determinato con orario articolato di 4 ore al mattino dal lunedì al venerdì compresi, per un primo contratto che copre il periodo dal 01/01/2014 al 30/06/2014 e 4 ore al pomeriggio dal lunedì al venerdì compresi, per un secondo contratto che copre il periodo dal 01/06/2014 al 31/07/2014 Periodo lavoro primo contratto 01/01/ /06/2014 = 181gg; Periodo lavoro secondo contratto 01/06/ /07/2014 = 61gg; Periodo di lavoro da prendere in considerazione ai fini delle detrazioni corrisponde a 212gg. Invece che 242gg. Poiché il mese di giugno corrisponde ad un periodo di attività contemporanea e si deve contare una sola volta. 14

15 Casi particolari calcolo periodo di lavoro/2 Rapporti di lavoro con prestazione a giornata Nei casi di contratti di lavoro dipendente a tempo determinato che prevedono prestazioni a giornata (ad es. per i lavoratori edili, i braccianti agricoli, ecc.) la detrazione spettante per le festività, i giorni di riposo settimanale ed i giorni non lavorativi compresi nel periodo che intercorre tra la data di inizio e quella di fine di tali rapporti di lavoro deve essere determinata proporzionalmente al rapporto esistente tra le giornate effettivamente lavorate e quelle previste come lavorative dai contratti collettivi nazionali di lavoro e dai contratti integrativi territoriali applicabili per i contratti a tempo indeterminato delle medesime categorie. Il risultato del rapporto, se decimale, va arrotondato alla unità successiva. Calcolo periodo Esempio: ipotizziamo un rapporto di lavoro iniziato il 01 febbraio 2014 e terminato il 31 marzo 2014, per complessivi 59 giorni nei quali vi sono 41 giornate lavorabili e 20 effettivamente lavorate, il calcolo dei giorni di detrazione per le festività, i giorni di riposo settimanale ed i giorni non lavorativi, corrispondono complessivamente a 18, al fine di determinare la quota di queste ultime da aggiungere alle giornate effettivamente lavorate, bisogna applicare le modalità di seguito descritte: Calcolo periodo utile relativo ai giorni di festività, giorni di riposo settimanale, giorni non lavorativi 18 x (20/41) = 8,82 arrotondato a 9gg. Calcolo periodo utile complessivo ai fini delle detrazioni 20 giornate effettivamente lavorate + 9gg. =29gg. (periodo utile complessivo) 15

16 Casi particolari calcolo periodo di lavoro/3 Computo periodo di lavoro in caso di indennità e somme erogate dall INPS o altri ENTI In caso di indennità o somme erogate dall Inps o da altri enti le detrazioni per lavoro dipendente spettano nell anno in cui si dichiarano i relativi redditi. In tali casi, vanno indicati come periodo i giorni che hanno dato diritto a tali indennità, anche se relativi ad anni precedenti. Computo periodo di lavoro in caso di erogazione dell indennità speciale in agricoltura Per l indennità speciale in agricoltura il numero da indicare come periodo di lavoro è quello dei giorni nei quali il contribuente è rimasto disoccupato e non di quelli che devono essere obbligatoriamente lavorati per conseguire il diritto alla predetta indennità. 16

17 Casi particolari calcolo periodo di lavoro/4 Borse di studio - Borse di studio erogate per il rendimento scolastico o accademico: in tale ipotesi il periodo da prendere in considerazione corrisponde a 365gg. Nulla rileva se il periodo dedicato allo studio è relativo ad anni precedenti, poiché il diritto alle detrazioni si concretizza con il momento della tassazione dell erogazione stessa per esplicita previsione normativa. - Borse di studio erogate per la frequenza di un particolare corso: in tale ipotesi il periodo da prendere in considerazione corrisponde a durata del corso, poiché l erogazione è legata al periodo di frequenza obbligatoria prevista. Esempio: corso che si svolge nel periodo tra il 01/01/2014 al 30/06/2014 con frequenza tutti i giorni dal lunedì al venerdì compresi. Il periodo corrisponde alla seguente somma: 31gg. Gennaio + 28gg. Febbraio + 31gg marzo + 30gg. Aprile + 31gg. Maggio + 30gg. Giugno = 181gg. 17

18 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /1 Lavoratori impiegati per l intero anno Reddito non superiore a euro; - Credito spettante corrisponde a 640 euro; - Inizio erogazione mese di maggio 2014; - Fine erogazione mese di dicembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 245gg. Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 640 x 31/245 = 80,98 tale importo deve essere erogato per i mesi di maggio, luglio, agosto, ottobre, dicembre; 640 x 30/245 = 78,37 tale importo deve essere erogato per i mesi di giugno, settembre, novembre; In tale ipotesi il sostituto d imposta può scegliere di erogare in luogo degli importi succitati, 80 euro al mese degli 8 mesi che vanno da maggio a dicembre

19 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /2 Lavoratori impiegati per l intero anno Reddito non superiore a euro; - Credito spettante corrisponde a 640 euro; - Inizio erogazione mese di giugno 2014; - Fine erogazione mese di dicembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 214gg. Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 640 x 31/214 = 92,71 tale importo deve essere erogato per i mesi di, luglio, agosto, ottobre, dicembre; 640 x 30/214 = 89,72 tale importo deve essere erogato per i mesi di giugno, settembre, novembre; In tale ipotesi il sostituto d imposta può scegliere di erogare in luogo degli importi succitati 91,43 euro al mese dei 7 mesi che vanno da giugno a dicembre

20 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /3 Lavoratori impiegati per l intero anno Reddito compreso tra e , pari a euro; - Credito spettante corrisponde a 640 euro x [( )/2.000] = 384 euro; - Inizio erogazione mese di maggio 2014; - Fine erogazione mese di dicembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 245gg. Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 384 x 31/245 = 48,59 tale importo deve essere erogato per i mesi di maggio, luglio, agosto, ottobre, dicembre; 384 x 30/245 = 47,02 tale importo deve essere erogato per i mesi di giugno, settembre, novembre; In tale ipotesi il sostituto d imposta può scegliere di erogare in luogo degli importi succitati 48 euro al mese degli 8 mesi che vanno da maggio a dicembre

21 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /4 Lavoratori impiegati per l intero anno Reddito compreso tra e , pari a euro; - Credito spettante corrisponde a 640 euro x [( )/2.000] = 384 euro; - Inizio erogazione mese di giugno 2014; - Fine erogazione mese di dicembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 214gg. Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 384 x 31/214 = 55,63 tale importo deve essere erogato per i mesi di luglio, agosto, ottobre, dicembre; 384 x 30/214 = 53,83 tale importo deve essere erogato per i mesi di giugno, settembre, novembre; In tale ipotesi il sostituto d imposta può scegliere di erogare in luogo degli importi succitati 54,86 euro al mese degli 7 mesi che vanno da giugno a dicembre

22 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /5 Lavoratori impiegati per tempo determinato inferiore all anno Reddito non superiore a euro; - Inizio rapporto di lavoro 15 maggio 2014; - Fine rapporto di lavoro 15 settembre Inizio erogazione mese di maggio 2014; - Fine erogazione mese di settembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del corrisponde a 124gg. - Credito spettante corrisponde a 640 euro x 124/365 = 217,42; Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 217,42 x 17/124 = 29,81 tale importo deve essere erogato per i 17gg. Del mese di maggio; 217,42 x 30/124 = 52,60 tale importo deve essere erogato per il mese di giugno; 217,42 x 31/124 = 54,36 tale importo deve essere erogato per il mese di luglio ed agosto; 217,42 x 15/124 = 26,30 tale importo deve essere erogato per i 15gg. Del mese di settembre; 22

23 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /6 Lavoratori impiegati per tempo determinato inferiore all anno - Reddito pari a euro; - Inizio rapporto di lavoro 15 febbraio 2014; - Fine rapporto di lavoro 15 novembre Inizio erogazione mese di maggio 2014; - Fine erogazione mese di novembre 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 274gg. - Credito spettante corrisponde a 640 euro x [( )/2.000] = 256 euro x 274/365 = 192,18; Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 192,18x 14/274 = 9,82 tale importo deve essere erogato per i 14gg. Del mese di febbraio; 192,18 x 30/274 = 21,04 tale importo deve essere erogato per il mese di aprile, giugno, settembre; 192,18 x 31/274 = 21,74 tale importo deve essere erogato per il mese di marzo, luglio, agosto, ottobre; 192,18 x 15/274 = 10,52 tale importo deve essere erogato per i 15gg. Del mese di novembre; 23

24 Calcolo del Bonus da riconoscere e da erogare in ciascun periodo di paga /7 Lavoratore che cessa un primo rapporto di lavoro a tempo determinato e successivamente ne apre un secondo a tempo indeterminato con le modalità di seguito indicate Primo rapporto di lavoro - Inizio rapporto di lavoro 01 gennaio 2014; - Fine rapporto di lavoro 30 aprile Periodo di diritto al credito corrisponde a 120gg. - Credito spettante primo rapporto di lavoro corrisponde a 640 euro x 120/365 = 210,41; Secondo rapporto di lavoro - Inizio rapporto di lavoro 03 giugno 2014; - Periodo di diritto all erogazione del credito corrisponde a 212gg. - Credito spettante secondo rapporto di lavoro corrisponde a 640 euro x 212/365 = 371,73 euro; - Credito spettante che il secondo datore di lavoro deve tenere conto corrisponde alla somma di 210, ,43 = 582,14 - Inizio erogazione mese di giugno 2014; - Fine erogazione mese di dicembre 2014; - Reddito complessivo corrispondente alla somma dei due rapporti di lavoro è pari a euro; Calcolo credito per ciascun periodo di paga da maggio a dicembre 582,14 x 28/212 = 76,89 tale importo deve essere erogato per i 28gg. Del mese di giugno; 582,14 x 30/212 = 82,38 tale importo deve essere erogato per il mese di settembre, novembre; 582,14 x 31/212 = 85,12 tale importo deve essere erogato per il mese di luglio, agosto, ottobre, dicembre; 24

25 Ricalcolo condizioni di spettanza del credito in caso di variazione della retribuzione annua nel corso del 2014/1 la variazione del reddito può avvenire in aumento, ad esempio per effetto di una promozione o di un aumento dell orario di lavoro che comporta l erogazione di un reddito dentro, uguale o superiore ai limiti previsti dal decreto in esame Esempio n. 1A : Variazione reddito in aumento da a euro Calcolo prima dell aumento: Reddito = euro Imposta lorda = x 23% = euro Detrazione = x( )/ = Imposta lorda detrazione = = zero (Bonus non spettante per effetto dell azzeramento dell imposta lorda) Ricalcolo condizioni dopo l aumento: Reddito = euro Imposta lorda = x23% =2.300 Detrazione = x( ) / = Imposta lorda detrazione = = 510 (Bonus spettante in quanto la differenza tra l imposta lorda e la detrazione è maggiore di zero) la variazione del reddito di cui all esempio n. 1A comporta la maturazione a favore del lavoratore del diritto in precedenza non spettante, al credito in quanto l imposta lorda diventa capiente rispetto alla detrazione per lavoro dipendente e assimilato, il sostituto deve riconoscere il credito in via automatica a partire dal primo periodo di paga utile o, in mancanza, in sede di conguaglio di fine anno o di fine rapporto. La variazione del reddito può avvenire in diminuzione per effetto di una riduzione dell orario di lavoro, che comporta l erogazione di un reddito dentro i limiti previsti dal decreto in esame. Esempio n. 1B : Variazione reddito in diminuzione da a euro Calcolo prima della diminuzione: Reddito = euro Imposta lorda = x23% =2.300 Detrazione = x( ) / = Imposta lorda detrazione = = 510 (Bonus spettante in quanto la differenza tra l imposta lorda e la detrazione è maggiore di zero) Ricalcolo condizioni dopo la diminuzione: Reddito = euro Imposta lorda = x 23% = euro Detrazione = x( )/ = Imposta lorda detrazione = = zero (Bonus non spettante per effetto dell azzeramento dell imposta lorda) la variazione del reddito di cui all esempio n. 1B comporta la perdita per il lavoratore del diritto in precedenza spettante, in quanto l imposta lorda diventa non capiente rispetto alla detrazione per lavoro dipendente e assimilato, il sostituto deve recuperare l eventuale credito già erogato nei periodi di paga successivi anche prima del conguaglio di fine anno o di fine rapporto. 25

26 Ricalcolo condizioni di spettanza del credito in caso di variazione della retribuzione annua nel corso del 2014/2 la variazione del reddito può avvenire in aumento, ad esempio per effetto di una promozione o di un aumento dell orario di lavoro che comporta l erogazione di un reddito dentro, uguale o superiore ai limiti previsti dal decreto in esame Esempio n. 1C : Variazione reddito in aumento da a euro Calcolo prima dell aumento: Reddito = euro Imposta lorda = ( x 23% ) + (9.000 x 27%) = 5.880euro Detrazione = x( )/ = Imposta lorda detrazione = = (Bonus spettante prima della variazione del reddito corrisponde a 640 euro) Ricalcolo condizioni dopo l aumento: Reddito = euro Imposta lorda = ( x23%) + ( x 27%) = Detrazione = x( ) / = Imposta lorda detrazione = = Bonus spettante corrisponde al risultato della formula sotto indicata: 640 x ( ) / = 320 euro Bonus spettante. la variazione del reddito di cui all esempio n. 1C comporta la maturazione a favore del lavoratore di un importo del Bonus minore rispetto al precedente. Il sostituto deve riconoscere il minore importo in via automatica ed effettuare la compensazione a partire dal primo periodo di paga utile o, in mancanza, in sede di conguaglio di fine anno o di fine rapporto. La variazione del reddito può avvenire in diminuzione per effetto di una riduzione dell orario di lavoro, che comporta l erogazione di un reddito dentro i limiti previsti dal decreto in esame. Esempio n. 1D : Variazione reddito in diminuzione da a euro Calcolo prima della diminuzione: Reddito = euro Imposta lorda = ( x23%) + ( x 27%) = Detrazione = x( ) / = Imposta lorda detrazione = = Bonus spettante corrisponde al risultato della formula sotto indicata: 640 x ( ) / = 320 euro Bonus spettante. Ricalcolo condizioni dopo la diminuzione: Reddito = euro Imposta lorda = ( x 23% ) + (9.000 x 27%) = 5.880euro Detrazione = x( )/ = Imposta lorda detrazione = = (Bonus spettante dopo la variazione del reddito corrisponde a 640 euro) la variazione del reddito di cui all esempio n. 1D comporta la maturazione a favore del lavoratore di un importo del Bonus maggiore rispetto al precedente. Il sostituto deve riconoscere il maggiore importo in via automatica ed effettuare la compensazione a partire dal primo periodo di paga utile o, in mancanza, in sede di conguaglio di fine anno o di fine rapporto. 26

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli