3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)"

Transcript

1 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro flessibile Requisiti del contratto di lavoro a tempo parziale La forma scritta Indicazione della durata della prestazione e della sua collocazione temporale Clausole elastiche (o flessibili) Il rapporto di lavoro a tempo parziale Il lavoro supplementare e straordinario La trasformazione del part time in tempo pieno La trasformazione del tempo pieno in part time Obblighi di informazione Lavoro intermittente e lavoro ripartito: due tipologie di lavoro atipico concettualmente affini al part time Job on call (lavoro intermittente) Casi in cui è ammesso il lavoro intermittente Forma del contratto di lavoro intermittente Indennità di disponibilità Job sharing (lavoro ripartito) Forma del contratto di lavoro ripartito Disciplina del rapporto di lavoro ripartito Part time: definizione e fonti normative Il contratto di lavoro a tempo parziale, comunemente detto part time, è un contratto di lavoro subordinato caratterizzato da un orario lavorativo ridotto, vale a dire inferiore a quello normale, così come fissato dai contratti collettivi 1. A seconda che la riduzione di orario si articoli in riferimento alla singola giornata lavorativa o a periodi di tempo più lunghi (la settimana, il mese, l anno) si può distinguere il part time in orizzontale, verticale o misto. Più in particolare si ha part time: a) orizzontale, quando l orario giornaliero risulta inferiore a quello normale; b) verticale, quando l orario giornaliero è uguale a quello normale, ma il lavoratore esplica la propria attività per periodi limitati di tempo nel corso della settimana, del mese o dell anno; c) misto, quando le due precedenti modalità di riduzione dell orario lavorativo si combinano fra loro. Ai contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali è comunque rimessa, per ognuna di tali forme, la possibilità di determinare condizioni e modalità della prestazione lavorativa. I soli contratti collettivi nazionali possono, altresì, prevedere, 1 Il C.c.n.l. dei metalmeccanici indica la durata massima del lavoro ordinario in 40 ore settimanali. Si noti che lo stesso limite di quaranta 40 ore settimanali è statuito dalla legge come limite invalicabile per il lavoro ordinario. 1

2 per specifiche figure o livelli professionali, modalità particolari di attuazione delle discipline di carattere generale. La disciplina del part time è dettata dal decreto legislativo del 25 febbraio 2000 n 61, così come modificato dal d. lgs. n 100/2001 e dal d. lgs. 276/ Con il decreto legislativo del 2000, il legislatore italiano dava attuazione alla direttiva CE n 81 del ed abrogava la precedente normativa, contenuta dalla legge n 863 del Quest ultima, si badi bene, resta tutt ora in vigore per i vecchi rapporti, sorti anteriormente alla data della sua abrogazione (marzo 2000). Le riforme che si sono succedute nel tempo, da ultima la riforma Biagi, hanno progressivamente liberalizzato l istituto. Fortunatamente, però, l abbassamento delle tutele legislative è in larga parte compensato da una normativa contrattuale ampia ed efficace. E doveroso osservare infine che, nell ordinamento italiano e comunitario, il part time gode di un indubbio favore 4 ; ciò è facilmente spiegabile se si considera che esso risponde non solo alle aspettative dei datori di lavoro, ma anche alle esigenze di alcune fasce della popolazione, anzitutto femminili e giovanili, che sono disponibili a prestare la propria opera preferibilmente per un lasso di tempo ridotto. 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro flessibile In linea di principio, il lavoro a tempo parziale è compatibile con le altre forme di lavoro flessibile. Più in particolare il part time è sicuramente compatibile con l assunzione a tempo determinato, nonché con i contratti di formazione lavoro ed apprendistato. Per quanto concerne, invece, la compatibilità del part time con la somministrazione di lavoro, occorre distinguere due ipotesi: nel caso di somministrazione a tempo determinato, il lavoro a tempo parziale è ammissibile solo qualora il contratto collettivo nazionale dell impresa utilizzatrice lo preveda espressamente; nel caso di somministrazione a tempo indeterminato, il lavoro a tempo parziale è sempre consentito Requisiti del contratto di lavoro a tempo parziale Il contratto di lavoro a tempo parziale deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere puntuale indicazione della durata della prestazione lavorativa e della 2 Il d. lgs. n 276/2003 ha dato attuazione alla legge delega n 30 del 2003, meglio nota come legge Biagi. 3 La direttiva 97/81/CE, sul lavoro a tempo parziale, a sua volta recepisce un accordo intervenuto a livello europeo fra le parti sociali: l UNICE, la CEEP e la CES. La direttiva europea fissa alcuni principi fondamentali per la tutela dei lavoratori a tempo parziale, quale quello di non discriminazione rispetto ai lavoratori a tempo pieno; inoltre persegue lo scopo di favorire la diffusione del part time in tutti gli stati membri, considerando tale tipologia di lavoro flessibile un utile mezzo per il raggiungimento della piena occupazione. 4 Consistenti incentivi, soprattutto contributivi, sono stati introdotti nel tempo per favorire la diffusione del part time. Tali incentivi dovranno essere sottoposti a revisione nel prossimo futuro. Al riguardo, il 4 comma dell art. 5 del d. lgs. n 61/2000 dispone che: Gli incentivi economici all'utilizzo del lavoro a tempo parziale, anche a tempo determinato, saranno definiti, compatibilmente con la disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato, nell'ambito della riforma del sistema degli incentivi all'occupazione. 5 Per la differenza fra somministrazione a tempo determinato e somministrazione a tempo indeterminato, vedi Manuale del sindacalista UILM sulla somministrazione di lavoro. 2

3 collocazione temporale dell orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno, così come indicato dall articolo 2 del decreto legislativo n 61 del Ciascuna di queste prescrizioni normative abbisogna, però, di alcune specificazioni, al fine di precisarne l effettiva portata e di chiarirne gli effetti. 2.1 La forma scritta Come accennato, l art. 2 prevede che il contratto di lavoro a tempo parziale sia stipulato in forma scritta. L uso della forma scritta è, però, richiesto esclusivamente a fini di prova. Ciò significa che la scrittura non è considerata un requisito necessario di esistenza del contratto, piuttosto è un mezzo di prova (quasi indispensabile) dello stesso. In pratica, in mancanza di scrittura il lavoratore può ottenere la costituzione giudiziale di un rapporto di lavoro a tempo pieno 6, a meno che: a) il datore di lavoro dimostri l esistenza di un accordo fra le parti per lo svolgimento di un lavoro part time attraverso la confessione del lavoratore o il giuramento; b) il datore di lavoro dimostri l esistenza del contratto di lavoro part time attraverso testimonianze, ma ciò sarà ammissibile solo se egli abbia perduto senza colpa il documento. 2.2 Indicazione della durata della prestazione e della sua collocazione temporale Il secondo comma dell art. 2 stabilisce che: il contratto di lavoro a tempo parziale deve contenere puntuale indicazione della durata della prestazione lavorativa e della collocazione temporale dell orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all anno. L obbligo di stabilire, nell atto di assunzione, sia la durata complessiva sia gli orari della prestazione lavorativa, ha lo scopo di consentire al lavoratore a tempo parziale di svolgere un ulteriore attività, nonché di disporre liberamente del proprio tempo di vita 7. Nonostante l importanza dei diritti, costituzionalmente rilevanti, che l art. 2 è chiamato a tutelare, la norma in questione riceve un discutibile ridimensionamento dall apparato sanzionatorio predisposto in caso di violazione e, soprattutto, dalle eccezioni previste dalla stessa legge. Per quanto concerne le sanzioni: 1) Se, nel contratto di assunzione, manca l indicazione della durata complessiva della prestazione lavorativa, il lavoratore può richiedere la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo pieno 8. Per il periodo anteriore alla sentenza il 6 In ogni caso, il rapporto di lavoro a tempo pieno sarà costituito, ad opera del giudice, a partire dalla data dell accertamento giudiziale: al lavoratore, dunque, non spetterà il pagamento delle retribuzioni mancanti per il periodo precedente alla sentenza, per quel periodo cioè in cui egli ha svolto la prestazione di lavoro a tempo parziale, pur avendo diritto ad un lavoro a tempo pieno. 7 La Corte Costituzionale aveva stabilito la necessità di tutelare le suddette esigenze del lavoratore nella sentenza n 210/1992. Si ribadiva in quella sede che il lavoratore aveva diritto ad una retribuzione sufficiente e che questo diritto poteva essere garantito solo dalla possibilità di trovare un ulteriore occupazione. 8 La costituzione del rapporto a tempo pieno avrà effetto a partire dalla data del relativo accertamento giudiziale (vedi nota 3). 3

4 lavoratore ha, inoltre, diritto alla corresponsione di un ulteriore emolumento a titolo di risarcimento del danno, da liquidarsi con valutazione equitativa. In questo caso la sanzione appare adeguata. 2) Se, nel contratto di assunzione, manca l indicazione della collocazione temporale dell orario lavorativo, il giudice provvede a determinare le modalità temporali di svolgimento della prestazione a tempo parziale con riferimento alle previsioni dei contratti collettivi o, in mancanza, con valutazione equitativa, tenendo conto in particolare delle esigenze del lavoratore interessato, nonché di quelle del datore di lavoro. Il lavoratore ha, inoltre, diritto alla corresponsione di un ulteriore emolumento a titolo di risarcimento del danno, da liquidarsi con valutazione equitativa. In questo caso la sanzione appare inadeguata. 3) In luogo del ricorso all autorità giudiziaria, in questi casi è prevista la possibilità del ricorso alle procedure di conciliazione ed eventualmente di arbitrato previste dai contratti collettivi nazionali di lavoro. 2.3 Clausole elastiche (o flessibili) Abbiamo visto che l art. 2 impone l obbligo di fissare, nell atto di assunzione, la durata della prestazione lavorativa e la collocazione temporale dell orario. Ebbene è lo stesso articolo a prevedere, poco dopo, la possibilità che tale obbligo sia derogato: è il caso delle c.d. clausole elastiche, disciplinate compiutamente dall art. 3, comma 7 e successivi. Le clausole elastiche sono quelle clausole, che attribuiscono al datore di lavoro il potere di: a) variare unilateralmente la collocazione temporale dell orario di lavoro, inizialmente concordato col lavoratore; b) aumentare l orario complessivo di lavoro, nel caso di part time verticale o misto (è quindi escluso tale potere nel part time orizzontale). Esse sono state ammesse dalla riforma del , seppur con alcuni limiti. In verità la disciplina legislativa appare, al riguardo, alquanto macchinosa. Passiamo ad illustrarla sinteticamente: 1) Le clausole elastiche possono essere sottoscritte dal datore e dal prestatore di lavoro sia all atto dell assunzione sia in un momento successivo. In ogni caso, il lavoratore deve prestare il proprio consenso attraverso uno specifico patto scritto reso, su richiesta del lavoratore, con l'assistenza di un componente della rappresentanza sindacale aziendale indicato dal lavoratore medesimo. 2) L'eventuale rifiuto del lavoratore di sottoscrivere clausole elastiche non integra gli estremi del giustificato motivo di licenziamento 10. 3) Il datore di lavoro, quando esercita il suo potere di variare in aumento la durata della prestazione lavorativa, nonché di modificare la collocazione temporale 9 In precedenza la presenza delle clausole elastiche poteva essere prevista solo dai contratti collettivi. 10 L art. 3, 9 comma parla di eventuale rifiuto, senza specificare se si tratta del rifiuto di sottoscrivere le clausole elastiche o del rifiuto di darvi esecuzione. Un interpretazione letterale sembrerebbe propendere per la prima ipotesi, ma la seconda tesi interpretativa risulterebbe di maggiore garanzia per il lavoratore. 4

5 della stessa, deve dare al lavoratore un preavviso, fatte salve le intese tra le parti, di almeno due giorni lavorativi e deve corrispondere al lavoratore il diritto a specifiche compensazioni, nella misura ovvero nelle forme fissate dai contratti collettivi 11. 4) La legge rinvia alla contrattazione collettiva, affinché essa determini: a) condizioni e modalità in relazione alle quali il datore di lavoro può modificare la collocazione temporale della prestazione lavorativa; b) condizioni e modalità in relazioni alle quali il datore di lavoro può variare in aumento la durata della prestazione lavorativa; c) i limiti massimi di variabilità in aumento della durata della prestazione lavorativa. L assenza di contrattazione collettiva è utile rammentarlo non impedisce in alcun modo al datore di lavoro di inserire nel contratto di assunzione clausole elastiche e, quindi, di avvalersene nel corso del rapporto lavorativo Il rapporto di lavoro a tempo parziale La norma fondamentale di tutela del lavoratore a tempo parziale è posta dall art. 4, 1 comma, secondo il quale: il lavoratore a tempo parziale non deve ricevere un trattamento meno favorevole rispetto al lavoratore a tempo pieno comparabile, intendendosi per tale quello inquadrato nello stesso livello in forza dei criteri di classificazione stabiliti dai contratti collettivi. Si tratta del principio, espresso anche dalla direttiva comunitaria, di non discriminazione. Naturalmente, però, i trattamenti economici spettanti al lavoratore a tempo parziale andranno riproporzionati in ragione della ridotta durata della prestazione lavorativa, salva diversa e più favorevole previsione negoziale, individuale o collettiva. In tema di assegni familiari, però, l art. 9, 2 comma stabilisce espressamente che: Gli assegni per il nucleo familiare spettano ai lavoratori a tempo parziale per l'intera misura settimanale in presenza di una prestazione lavorativa settimanale di durata non inferiore al minimo di ventiquattro ore. A tal fine sono cumulate le ore prestate in diversi rapporti di lavoro. In caso contrario spettano tanti assegni giornalieri quante sono le giornate di lavoro effettivamente prestate, qualunque sia il numero delle ore lavorate nella giornata. Qualora non si possa individuare l'attività principale ( ) gli assegni per il nucleo familiare sono corrisposti direttamente dall'inps. 11 Non si evince chiaramente che cosa accade se i contratti collettivi, cui la legge rinvia, non intervengono a determinare la misura compensazioni: certamente il datore di lavoro può procedere all esercizio del suo potere di variare l orario lavorativo, anche in assenza di contratti collettivi; ragionevolmente egli è comunque obbligato a corrispondere al lavoratore le compensazioni suddette; resta irrisolto il problema della quantificazione di queste ultime. 12 In altri termini, il rinvio alla contrattazione collettiva non implica affatto la necessità che essa intervenga a disciplinare le modalità di esercizio del potere datoriale di modificazione dell orario di lavoro; piuttosto la contrattazione collettiva è indicata come una opportuna eventualità. Prevedibilmente, però, risulterà difficile costringere le parti datoriali ad un negoziato in materia, poiché la legge concede loro un ampia libertà, cui difficilmente rinunzieranno. 5

6 Infine si noti che, ai fini dell'accertamento della consistenza dell'organico, i lavoratori a tempo parziale sono computati nel numero complessivo dei dipendenti in proporzione all'orario svolto. 3.1 Il lavoro supplementare e straordinario La legge intende per lavoro supplementare quello svolto dal lavoratore a tempo parziale oltre l'orario di lavoro concordato, ma entro il limite del tempo pieno. Il lavoro supplementare è previsto nel solo caso di part time orizzontale 13. Esso potrà essere richiesto dal datore di lavoro al lavoratore a tempo parziale soltanto: a) se il lavoratore vi acconsente; b) se i contratti collettivi lo prevedono: è compito dei contratti collettivi, infatti, stabilire sia il numero massimo delle ore di lavoro supplementare effettuabili, sia le causali che giustifichino il ricorso ad esso, nonché le conseguenze del superamento delle ore di lavoro supplementare consentite 14. In ogni caso, puntualizza l art 3 al 3 comma, il rifiuto da parte del lavoratore non può integrare ( ) gli estremi del giustificato motivo di licenziamento. Infine è stabilito che le ore di lavoro supplementare sono retribuite come ore ordinarie, salva la facoltà per i contratti collettivi di prevedere una maggiorazione. Per quanto concerne il lavoro straordinario, esso è consentito solo nel part time verticale o misto, conformemente alla normativa vigente per i rapporti a tempo pieno. 3.2 La trasformazione del part time in tempo pieno La legge non prevede più un diritto di precedenza del lavoratore part time in caso di assunzioni di personale a tempo pieno, ma prevede che tale diritto di precedenza possa essere concordato autonomamente dalle parti. In proposito, interviene il C.c.n.l. dei metalmeccanici, disponendo che: tale diritto di precedenza spetta ai lavoratori part time in caso di assunzione di personale a tempo pieno ( ), a parità di mansioni, fatte salve le esigenze tecnico-organizzative. Per la fattispecie in questione, il legislatore ha cura di specificare che, se il diritto di precedenza verrà violato, il lavoratore non avrà diritto all assunzione a tempo pieno per opera del giudice, bensì potrà ottenere unicamente il risarcimento del danno in misura corrispondente alla differenza fra l'importo della retribuzione percepita e quella che gli sarebbe stata corrisposta a seguito del passaggio al tempo pieno nei sei mesi successivi a detto passaggio. Infine l art. 5 stabilisce che il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo parziale in un rapporto di lavoro a tempo pieno, non costituisce giustificato motivo di licenziamento. 13 Non potrebbe essere altrimenti: nel lavoro verticale si avrebbe, infatti, necessariamente straordinario, poiché l orario nella singola giornata lavorativa è pari a quello del tempo pieno. Nonostante il dato letterale della legge, entro i limiti di compatibilità, il lavoro supplementare può essere ammesso anche nel part time misto. 14 In proposito, il C.c.n.l. dei metalmeccanici prevede che il ricorso al lavoro supplementare è consentito in riferimento a specifiche esigenze organizzative e produttive, previa comunicazione alla RSU e salvo comprovati impedimenti individuali. La quantità massima di lavoro supplementare ammissibile è pari al 50% della prestazione concordata, computato su base mensile. 6

7 3.3 La trasformazione del tempo pieno in part time La trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale è ammessa solo se risulta da atto scritto e se è convalidata dalla direzione provinciale del lavoro competente per territorio. Il rifiuto del lavoratore alla trasformazione del rapporto non può mai essere punito con il licenziamento. Se, invece, è il lavoratore a richiedere la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno in part time, il datore di lavoro secondo la legge è semplicemente tenuto a prendere in considerazione la domanda, a meno che il lavoratore sia affetto da patologie oncologiche, che riducano la sua capacità lavorativa 15. Anche qui, però, interviene il C.c.n.l. a colmare le lacune legislative. Più in particolare, il C.c.n.l. stabilisce che, nei limiti del 3% del personale in forza a tempo pieno (o del 2% nelle aziende fino a 100 dipendenti), valuterà positivamente, in funzione della fungibilità 16 del lavoratore interessato, la richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale nei seguenti casi: a) necessità di assistere genitori, coniuge o convivente, figli e altri familiari conviventi gravemente ammalati o portatori di handicap o che accedano a programmi terapeutici e di riabilitazione per tossicodipendenti, sempre che non vi sia alcuna possibilità alternativa di assistenza; b) necessità di accudire i figli fino al compimento dei sette anni; c) necessità di studio per il conseguimento della scuola dell obbligo, del titolo di studio di secondo grado o del diploma universitario o di laurea. Al di fuori delle ipotesi elencate, nel limite massimo del 4% del personale in forza a tempo pieno, l azienda valuterà positivamente la richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro, tenuto conto delle esigenze tecnico produttive. Il suo diniego dovrà in ogni caso essere motivato alla RSU, nel caso in cui questa ne faccia richiesta Obblighi di informazione La legge impone ai centri per l impiego, alle agenzie private di collocamento ed ai datori di lavoro precisi obblighi di informazione. In particolare, il datore di lavoro: A) E tenuto a dare comunicazione dell'assunzione a tempo parziale alla Direzione provinciale del lavoro competente per territorio mediante invio di copia del contratto entro trenta giorni dalla stipulazione dello stesso. Fatte salve eventuali più favorevoli previsioni dei contratti collettivi ( ), il datore di lavoro è altresì tenuto ad informare le rappresentanze sindacali aziendali, ove esistenti, con cadenza annuale, sull'andamento delle assunzioni a tempo parziale, la relativa tipologia ed il ricorso al lavoro supplementare. 15 La diminuzione della capacità lavorativa deve essere accertata da una commissione medica istituita presso l unità sanitaria locale territorialmente competente. Resta ferma, inoltre, la facoltà del dipendente di ripristinare il rapporto di lavoro a tempo pieno, nel momento in cui sia pienamente recuperata la capacità lavorativa. 16 Nel caso in cui detta percentuale sia superata o l azienda reputi il lavoratore infungibile, sarà comunque svolto un confronto con la RSU per trovare un idonea soluzione. 17 In caso di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno in part time, lo stesso potrà avere anche una durata predeterminata, che di norma andrà da 6 a 24 mesi. La relativa comunicazione all interessato sarà fornita entro 45 giorni dalla richiesta. 7

8 B) In caso di assunzione di personale a tempo parziale, è tenuto a darne tempestiva informazione al personale già dipendente con rapporto a tempo pieno occupato in unità produttive site nello stesso ambito comunale, anche mediante comunicazione scritta in luogo accessibile a tutti nei locali dell'impresa, ed a prendere in considerazione le eventuali domande di trasformazione a tempo parziale del rapporto dei dipendenti a tempo pieno. I contratti collettivi ( ) possono provvedere ad individuare criteri applicativi con riguardo a tale disposizione. 4. Lavoro intermittente e lavoro ripartito: due tipologie di lavoro atipico concettualmente affini al part time La scelta di trattare il lavoro intermittente ed il lavoro ripartito in appendice al part time, nasce dalla considerazione che queste due tipologie di lavoro atipico, pur nella loro originalità, presuppongono necessariamente di innestarsi sull istituto del lavoro a tempo parziale. In ciascuno di questi tipi contrattuali, infatti, la prestazione lavorativa risulta ridotta rispetto all orario normale di lavoro. In ogni caso, è alquanto difficile immaginare una vasta diffusione del Job on call e del Job sharing nella nostra realtà industriale. Probabilmente queste figure saranno utilizzate solo in settori specifici ed in occasioni del tutto peculiari. Solo il tempo, comunque, potrà chiarire del tutto l effettiva portata di questi due tipi di lavoro flessibile, data la loro sostanziale originalità. 5. Job on call (lavoro intermittente) Il lavoro intermittente, altrimenti noto come Job on call, è stato introdotto nel nostro ordinamento dalla riforma Biagi, ossia dal decreto legislativo n 276 del Il contratto di lavoro intermittente è un contratto di lavoro subordinato, che consente al datore di lavoro di chiamare all occorrenza il lavoratore e di usufruire delle sue prestazioni in modo discontinuo ed irregolare. Benché l art. 33 del suddetto decreto dica che il lavoratore si pone a disposizione del datore di lavoro, l obbligo per il lavoratore di rispondere alla chiamata è solo eventuale. Al riguardo possiamo distinguere due differenti tipi di lavoro intermittente: A) Il lavoro intermittente con garanzia di disponibilità da parte del lavoratore: in questo caso il lavoratore è tenuto a rispondere alla chiamata ed, in cambio, riceve un indennità di disponibilità. B) Il lavoro intermittente senza garanzia di disponibilità da parte del lavoratore: in questa seconda fattispecie il lavoratore è libero di rispondere o meno alla chiamata, ma non riceverà alcuna indennità di disponibilità 18. Il lavoro intermittente può essere sia a tempo determinato sia a tempo indeterminato. In ogni caso, durante i periodi lavorati, il lavoratore intermittente deve ricevere un 18 Il lavoro intermittente senza garanzia di disponibilità ha suscitato in taluni forti perplessità: si dubita, difatti, della sua effettiva utilità pratica, nonché della sua precisa qualificazione giuridica. 8

9 trattamento economico e normativo complessivamente non inferiore a quello dei lavoratori di pari livello, a parità di mansioni svolte. Naturalmente, però, i trattamenti economici da corrispondere ai lavoratori intermittenti andranno riproporzionati, in ragione della effettiva durata della prestazione lavorativa. Per il periodo in cui il lavoratore resta in attesa della chiamata, il lavoratore intermittente non è, invece, titolare di alcun diritto riconosciuto ai lavoratori subordinati, né matura alcun trattamento economico e normativo, salvo l'eventuale indennità di disponibilità. Per quanto riguarda la determinazione dell organico dell impresa, il lavoratore intermittente è computato in proporzione all'orario di lavoro effettivamente svolto nell'arco di ciascun semestre. Si ricordi, infine, che: fatte salve previsioni più favorevoli dei contratti collettivi, il datore di lavoro è altresì tenuto a informare con cadenza annuale le rappresentanze sindacali unitarie sull'andamento del ricorso al contratto di lavoro intermittente. 5.1 Casi in cui è ammesso il lavoro intermittente L art. 34 dispone che il lavoro intermittente è ammesso esclusivamente per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale ovvero per periodi predeterminati nell arco della settimana, del mese o dell anno ai sensi dell articolo 37. L ultima parte della norma compie un rinvio, peraltro non molto chiaro, ad un successivo articolo il 37 appunto che concerne la disciplina dell indennità. In ogni caso da tale rinvio si può desumere che, più precisamente, il lavoro intermittente sia consentito per prestazioni lavorative da compiere nei fine settimana nonché nei periodi delle ferie estive o delle vacanze natalizie e pasquali. In via sperimentale, inoltre, il contratto di lavoro intermittente può essere concluso (al di fuori delle ipotesi individuate dai contratti collettivi o dal Ministero del lavoro) anche per prestazioni rese da soggetti in stato di disoccupazione con meno di 25 anni di età ovvero da lavoratori con più di 45 anni di età che siano stati espulsi dal ciclo produttivo o siano iscritti alle liste di mobilità e di collocamento. Il ricorso al lavoro intermittente è, comunque, vietato: a) per la sostituzione di lavoratori in sciopero; b) salva diversa disposizione degli accordi sindacali, presso unità produttive nelle quali si sia proceduto, entro i sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi, che abbiano riguardato lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro intermittente ovvero presso unità produttive nelle quali sia operante una sospensione dei rapporti o una riduzione dell'orario, con diritto al trattamento di integrazione salariale, che interessino lavoratori adibiti alle mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro intermittente; c) da parte delle imprese che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi. L utilizzazione del Job on call è sempre preclusa alle pubbliche amministrazioni. 9

10 5.2 Forma del contratto di lavoro intermittente Il contratto di lavoro intermittente deve essere stipulato in forma scritta 19. Inoltre, secondo quanto disposto dall art. 35, il contratto deve riportare i seguenti elementi 20 : a) indicazione della durata e delle ipotesi che consentono la stipulazione del contratto di lavoro intermittente; b) luogo e la modalità della disponibilità, eventualmente garantita dal lavoratore, e del relativo preavviso di chiamata del lavoratore che in ogni caso non può essere inferiore a un giorno lavorativo; c) il trattamento economico e normativo spettante al lavoratore per la prestazione eseguita e la relativa indennità di disponibilità, ove prevista; d) indicazione delle forme e modalità, con cui il datore di lavoro è legittimato a richiedere l'esecuzione della prestazione di lavoro, nonché delle modalità di rilevazione della prestazione; e) i tempi e le modalità di pagamento della retribuzione e della indennità di disponibilità; f) le eventuali misure di sicurezza specifiche necessarie in relazione al tipo di attività dedotta in contratto. 5.3 Indennità di disponibilità Nel caso in cui il lavoratore resti a disposizione del datore di lavoro, impegnandosi a rispondere alla chiamata, per i periodi di attesa deve essergli corrisposta un indennità. Gli articoli 36 e 37 stabiliscono in proposito che: 1) La misura della indennità mensile di disponibilità è concordata nel contratto di assunzione. 2) La misura minima di detta indennità è stabilita dai contratti collettivi e comunque non è inferiore alla misura prevista, ovvero aggiornata periodicamente, con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sentite le associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. E intervenuto in proposito il D.M. del 10/3/2004, che ha fissato l ammontare dell indennità nella misura minima del 20% della retribuzione del contratto collettivo applicabile al lavoratore intermittente. 3) Sulla indennità di disponibilità i contributi sono versati per il loro effettivo ammontare, anche in deroga alla vigente normativa in materia di minimale contributivo. 4) L'indennità di disponibilità è esclusa dal computo di ogni istituto di legge o di contratto collettivo. 5) In caso di malattia o di altro evento che renda temporaneamente impossibile rispondere alla chiamata, il lavoratore non matura il diritto alla indennità di disponibilità La forma scritta è richiesta a fini di prova e non già per l esistenza del contratto. Per alcuni chiarimenti in proposito, vedi quanto esposto nel paragrafo 2.1 (forma scritta del contratto di lavoro a tempo parziale). 20 Nell indicare gli elementi elencati, le parti devono recepire le indicazioni contenute nei contratti collettivi, ove previste. 10

11 6) Il rifiuto ingiustificato di rispondere alla chiamata può comportare la risoluzione del contratto, la restituzione della quota di indennità di disponibilità riferita al periodo successivo all'ingiustificato rifiuto, nonché un congruo risarcimento del danno nella misura fissata dai contratti collettivi o, in mancanza, dal contratto di lavoro. 7) Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, è stabilita la misura della retribuzione convenzionale in riferimento alla quale i lavoratori possono versare la differenza contributiva per i periodi in cui abbiano percepito una retribuzione inferiore rispetto a quella convenzionale ovvero abbiano usufruito della indennità di disponibilità fino a concorrenza della medesima misura. 8) Nel caso di lavoro intermittente per prestazioni da rendersi il fine settimana, nonché nei periodi delle ferie estive o delle vacanze natalizie e pasquali l'indennità di disponibilità è corrisposta al prestatore di lavoro solo in caso di effettiva chiamata da parte del datore di lavoro 22. Non è chiaro, in base alla lettera della legge, se la natura del compenso sia retributiva o meramente indennitaria, ma possiamo ragionevolmente propendere per quest ultima ipotesi interpretativa. 6. Job sharing (lavoro ripartito) Il lavoro ripartito, comunemente detto Job sharing, rappresenta in un certo senso una variante del part time. Esso è stato disciplinato compiutamente, per la prima volta, dal decreto legislativo n 276 del 2003, c.d. riforma Biagi, ma la giurisprudenza e la prassi negoziale avevano già riconosciuto la validità dell istituto nel nostro ordinamento 23. L utilizzazione del Job sharing è preclusa dalla legge alle pubbliche amministrazioni. L art 41, al 1 comma, definisce il contratto di lavoro ripartito come quello speciale contratto di lavoro mediante il quale due lavoratori assumono in solido l'adempimento di una unica e identica obbligazione lavorativa. In parole povere, con il contratto di lavoro ripartito due lavoratori dividono un unico posto di lavoro: nel regolare i rapporti fra loro i lavoratori sono liberi di organizzarsi come meglio credono, ma, nei confronti del datore di lavoro, ciascuno dei due lavoratori è tenuto a garantire la corretta esecuzione dell intera prestazione lavorativa 24. Questo assetto di 21 Qualora il lavoratore non provveda ad informare tempestivamente il datore di lavoro, perde il diritto alla indennità di disponibilità per un periodo di quindici giorni, salva diversa previsione del contratto individuale. Ma l intera norma in questione suscita dubbi di legittimità costituzionale. 22 Ulteriori periodi predeterminati possono esser previsti dai contratti collettivi stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale. 23 In verità, una prima disciplina del Job sharing fu delineata dal Ministero del lavoro, con la circolare n 43/ Diretta conseguenza di ciò è che il lavoratore risponde non solo delle proprio operato, ma anche delle manchevolezze del proprio collega. 11

12 base può essere, però, variamente modificato da intese fra le parti, nonché dai contratti collettivi 25. Il fatto che ciascuno dei due lavoratori risponda, verso il datore di lavoro, della corretta esecuzione dell intera prestazione lavorativa, comporta alcune conseguenze di grande rilievo: 1) Se uno dei lavoratori è impossibilitato a svolgere la prestazione, ad esempio perché malato, l altro lavoratore è tenuto a sostituirlo. Inoltre, se i lavoratori dispongono di ampia discrezionalità nel determinare sostituzioni tra di loro e nel modificare la collocazione temporale dell'orario di lavoro 26, il datore di lavoro è esonerato dal pagamento del trattamento retributivo e previdenziale. 2) Salvo diversa intesa tra le parti, le dimissioni o il licenziamento di uno dei lavoratori comportano l'estinzione dell'intero vincolo contrattuale (quindi il licenziamento si estende anche all altro lavoratore). Tale disposizione non trova applicazione se, su richiesta del datore di lavoro, l'altro prestatore di lavoro si renda disponibile ad adempiere l'obbligazione lavorativa, integralmente o parzialmente, nel qual caso il contratto di lavoro ripartito si trasforma in un normale contratto di lavoro subordinato. 3) La responsabilità di un lavoratore (sia disciplinare sia risarcitoria 27 ) si estende anche all altro lavoratore (incolpevole) Forma del contratto di lavoro ripartito Il contratto di lavoro ripartito deve essere concluso in forma scritta 29, al fine di permettere la prova di alcuni elementi indicati dall art. 42, 1 comma: a) la misura percentuale e la collocazione temporale del lavoro giornaliero, settimanale, mensile o annuale che si prevede venga svolto da ciascuno dei lavoratori, ferma restando la possibilità per gli stessi lavoratori di determinare discrezionalmente, in qualsiasi momento, la sostituzione tra di loro ovvero la modificazione consensuale della distribuzione dell'orario di lavoro; b) il luogo di lavoro, nonché il trattamento economico e normativo spettante a ciascun lavoratore; c) le eventuali misure di sicurezza specifiche necessarie in relazione al tipo di attività dedotta in contratto. Si tenga presente che, ai fini della possibilità di certificare le assenze, i lavoratori sono tenuti a informare preventivamente il datore di lavoro, con cadenza almeno settimanale, in merito all'orario di lavoro di ciascuno dei soggetti coobbligati. 25 Deve essere comunque tenuto fermo il vincolo della solidarietà: esso può essere per così dire attenuato, ma mai eliminato del tutto. 26 Rammentiamo che: l ampia discrezionalità dei lavoratori nel regolare i rapporti interni è la norma; detta discrezionalità può essere ridimensionata solo da intese tra le parti contraenti o da previsioni dei contratti collettivi. 27 La responsabilità risarcitoria sorge allor quando un lavoratore causa un danno ingiusto al datore di lavoro: costui potrà chiedere il risarcimento del danno sia al lavoratore colpevole sia al collega (incolpevole). Naturalmente il collega (incolpevole) potrà poi rivalersi sul lavoratore colpevole. 28 Sull esenzione della responsabilità disciplinare sono stati avanzati, in verità, dubbi in dottrina. La lettera della legge peraltro non consente una soluzione certa del problema. 29 La forma scritta è, quindi, richiesta a fini di prova e non già come condizione di esistenza del contratto. Per alcuni chiarimenti in materia, vedi il paragrafo 2.1 (forma del contratto part time). 12

13 6.2 Disciplina del rapporto di lavoro ripartito Al lavoro ripartito è applicabile la normativa generale del lavoro subordinato, sempre che compatibile con la particolare natura del rapporto di lavoro ripartito 30. La legge, inoltre, esorta la contrattazione collettiva ad intervenire, per regolamentare più dettagliatamente l istituto. A tutela dei lavoratori ripartiti è comunque posta la norma anti-discriminatoria, secondo la quale: il lavoratore ripartito deve ricevere, per i periodi lavorati, un trattamento economico e normativo complessivamente non meno favorevole rispetto al lavoratore di pari livello, a parità di mansioni svolte. Naturalmente, però, il trattamento economico andrà commisurato, come nel part time, alla durata della prestazione effettivamente eseguita da ciascun lavoratore. Ai fini dell applicazione delle disposizioni previdenziali, infine, i lavoratori contitolari del contratto di lavoro ripartito sono assimilati ai lavoratori a tempo parziale, con l unica particolarità che il calcolo delle prestazioni e dei contributi andrà effettuato non preventivamente ma mese per mese, salvo conguaglio a fine anno a seguito dell'effettivo svolgimento della prestazione lavorativa. 30 Abbiamo, per altro, visto nel corso della trattazione che il job sharing presenta non poche peculiarità e che tali peculiarità escludono l applicazione della normativa generale del lavoro subordinato. 13

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Chistoni Paola Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni). L articolo 33 lo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Circolare N.161 del 1 dicembre 2011. Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente

Circolare N.161 del 1 dicembre 2011. Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Circolare N.161 del 1 dicembre 2011 Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Gentile cliente con la presente

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013

GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013 GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013 Premessa generale NORMATIVA DI RIFERIMENTO ANTE RIFORMA FORNERO

Dettagli

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS CIRCOLARE A.F. N. 172 del 6 Novembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE

JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE JOBS ACT APPRENDISTATO E SOMMINISTRAZIONE A cura di Avv. Prof. Gabriele Fava Presidente Studio Legale FAVA&ASSOCIATI www.favalex.it 1 Introduzione L apprendistato è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

Lavoro intermittente

Lavoro intermittente Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Tel. 06 5964901 Fax 06 5405012 Email fondazionestudi@consulentidellavoro.it PEC fondazionestudi@consulentidellavoropec.it Iscritta al n. 77/2001 del Registro delle

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro Ai gentili clienti Loro sedi La nuova riforma del lavoro Premessa Con la riforma del lavoro, il legislatore ha modificato profondamente (se non riscritto) la disciplina dei rapporti di lavoro. Al fine

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.65 del 30 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contratto di apprendistato: con l approvazione del Jobs Act si applica anche ai disoccupati Gentile cliente, con la

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde!

Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! Gli avvocati dei lavoratori e delle imprese su collaborazioni, contratti a termine e ius variandi: en garde! DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Art. 19 comma 1 Apposizione del termine e durata massima

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

Pag. (Articoli estratti)... 175

Pag. (Articoli estratti)... 175 Normativa 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947 ed entrata in vigore l 1-1-1948 (Articoli

Dettagli

Lavoro a chiamata e voucher

Lavoro a chiamata e voucher Lavoro a chiamata e voucher Ipotesi di ricorso al lavoro a chiamata: causali oggettive a) per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ACCESSO ALL ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 23 febbraio 2015) Dal 2007 sono assunta con contratto a tempo indeterminato presso con un incarico di dirigente medico di primo livello. Ho tre

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it Dipartimento Sindacale e Consulenza del lavoro Torino, 24 agosto 2011 CIRCOLARE 36/11 Alle Imprese Industriali dei Servizi di Pulizia LORO SEDI OGGETTO: Rinnovo c.c.n.l. pulizia e servizi integrati industria

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria?

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria? La disciplina del trattamento di fine rapporto 175 erogato il TFR. Egli riceverà invece una pensione integrativa di quella pubblica-obbligatoria alla maturazione dei requisiti pensionistici nel regime

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto)

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Art 20 (Condizioni di liceità) 1. Il contratto di somministrazione di lavoro può essere concluso da ogni soggetto, di seguito denominato utilizzatore,

Dettagli

Circolare Informativa n 16/2014

Circolare Informativa n 16/2014 Circolare Informativa n 16/2014 Cassa integrazione e compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa Casi di decadenza Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag. 3 1) Comunicazione preventiva pag. 3 2)

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 18 Le Circolari della Fondazione Studi n. 18 del 30/07/2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI: NOVITA IN TEMA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE

Dettagli

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità.

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità. JOBS ACT - PUBBLICAZIONE IN GU DEI DECRETI LEGISLATIVI IN MATERIA DI "RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E DISCIPLINA DELLE MANSIONI " E "CONCILIAZIONE VITA LAVORO" Sono stati pubblicati nella Gazzetta

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

> All Agenzia del lavoro

> All Agenzia del lavoro Prot. n.p. 25955 Cagliari, 24 GIUGNO 2005 > Alla Presidenza della Regione - Ufficio di Gabinetto - Direzioni Generali - Ufficio Ispettivo > Agli Assessorati regionali - Uffici di Gabinetto - Direzioni

Dettagli

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale.

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale. Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. Art. 1 Campo di applicazione.

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare

Apprendistato: opportunità da non sottovalutare A cura del dottor Erminio Di Nora Apprendistato: opportunità da non sottovalutare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, dal 1 gennaio 2012 è stata modificata la misura dei contributi

Dettagli

IL LAVORO RIPARTITO. Di Roberta Caragnano

IL LAVORO RIPARTITO. Di Roberta Caragnano IL LAVORO RIPARTITO Di Roberta Caragnano a) Caratteri generali dell istituto Gli artt. 41-45 del D.Lgs. 276/03 delineano il nuovo istituto del lavoro ripartito che sostanzialmente è quello di un contratto

Dettagli

Legge 29 maggio 1982, n. 297

Legge 29 maggio 1982, n. 297 Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica («Gazzetta Ufficiale» 31 maggio 1982, n. 147) Art. 1 Modifiche di disposizioni del codice civile

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione) 28/01/2016 DISEGNO DI LEGGE Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato Titolo I Tutela

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Somministrazione di lavoro

Somministrazione di lavoro Somministrazione di lavoro di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Di recente il Ministero del Lavoro è intervenuto più volte sul tema della somministrazione, prima con le circolari n. 12 e

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli