Comune di Settala Provincia di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Settala Provincia di Milano"

Transcript

1 Comune di Settala Provincia di Milano C.C. Nro 22 del COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. L anno duemilaquindici, addì trentuno del mese di marzo, nella consueta sala delle adunanze e nel rispetto delle formalità prescritte dalla normativa vigente in materia, è stato convocato il Consiglio Comunale, in grado di Prima Convocazione e in Sessione Ordinaria Il Consiglio Comunale inizia i propri lavori alle ore 20:30 circa. Accertate le presenze, risultano: Carlo Andrea P Belloni Marco P Crotti Emanuela P Ferretti Claudio Maurizio P Verdone Teresa P Mercanti Alessandra P Broccoli Yuri P Tagliaferri Alessio P Aiello Enzo P Brancato Antonio P Rivadossi Patrizio P Rebuzzini Maria Elena P Pennetta Walter P Nro Presenti: 13 Nro Assenti: 0 Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE, Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA. Il Presidente della seduta, Sig. Carlo Andrea, constatata la validità del numero legale, pone in discussione l argomento segnato in oggetto.

2 DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 22 IN DATA OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. Il punto all ordine del giorno viene illustrato, trattato, discusso e votato secondo quanto risulta dall estratto della trascrizione integrale della seduta allegato al presente atto e contraddistinto con il N. 1. La trascrizione è stata effettuata da impresa specializzata nel settore. Successivamente, IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la proposta di deliberazione di Consiglio Comunale N. 18 in data 04 Marzo 2015, redatta dal Settore Economico-Finanziario, avente ad oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. ; Ritenuto di provvedere in merito; Visto l art. 42 del D.L. vo N. 267/2000; Dato atto che sono stati acquisiti, ai sensi dell art. 49 I comma e 147 bis I comma - del D.L.vo N. 267/2000, i pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile sulla proposta della presente deliberazione, espressi nel documento allegato al presente provvedimento e contraddistinto con il N. 2; Acquisito altresì il parere favorevole del Revisore Unico dei Conti in ordine alla proposta della presente deliberazione, espresso nel documento allegato al presente provvedimento e contraddistinto con il N. 2-bis; Con la seguente votazione in forma palese: Consiglieri presenti: N. 13; Consiglieri votanti: N. 13; Consiglieri astenuti: nessuno; Voti favorevoli: N. 9; Voti contrari: N. 4 (Alessandra Mercanti, Alessio Tagliaferri, Antonio Brancato, Maria Elena Rebuzzini); Quindi, sulla base della votazione e su conforme proclamazione del Sindaco,

3 DELIBERA Per le ragioni in narrativa esplicitate, di approvare la proposta di deliberazione N. 18 in data 04 Marzo 2015 (allegata al presente provvedimento e contraddistinta con il N. 3), avente ad oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE.. Successivamente, IL CONSIGLIO COMUNALE Stante l urgenza di provvedere; Visto l art comma IV - del D.L.vo N. 267/2000; Con la seguente votazione in forma palese: Consiglieri presenti: N. 13; Consiglieri votanti: N. 13; Consiglieri astenuti: nessuno; Voti favorevoli: N. 9; Voti contrari: N. 4 (Alessandra Mercanti, Alessio Tagliaferri, Antonio Brancato, Maria Elena Rebuzzini); DELIBERA Di rendere il presente atto immediatamente eseguibile.

4 ALLEGATO N. 1 ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 IN DATA SINDACO Prego ragioniere. RAG. PROVENZI Qui non c'è molto da aggiungere a quello che già avete anticipato per problemi di equilibri di bilancio l'amministrazione ha deciso di aumentare l'aliquota deliberata lo scorso anno. Portandola dallo 06 allo 08 per cento sui redditi delle persone fisiche, residenti a Settala. Conseguentemente occorre modificare due articoli di riferimento del regolamento, l'aliquota viene portata dallo 06 allo 08, e rimane ferma l'esenzione per i redditi fino a 15 mila Euro. Il maggiore gettito che l'incremento dell'aliquota ci permette di iscrivere a bilancio è pari a 140 mila Euro, quindi l'importo stanziato e accertato lo scorso anno da 425 mila Euro passa a 565 mila Euro. Non c'è altro da aggiungere. SINDACO Prego, richieste di intervento sul punto? Consigliere Tagliaferri, prego. CONS. TAGLIAFERRI Grazie. Non ci ripetiamo, sono le cose che ci siamo già detti sia all'interno di questo Consiglio sia che abbiamo già affrontato l'anno scorso quando è stata messa l'aliquota comunale, temevamo l'anno scorso quanto è accaduto nel senso per come stanno le cose, per come sono andate in questi anni sicuramente un giorno arriveremo a una aliquota comunale IRPEF, al massimo e quindi questo non ci può che dispiacere, è una cosa contro cui abbiamo lottato e che non possiamo che ribadire. L'aliquota massima poi bisogna valutare il fatto che a nostro parere l'asticella per le esenzioni è troppo bassa, quindi e nessuno può godere di questo tipo di esenzioni, quindi tutti i lavoratori avranno questa aliquota massima comunale, e poi è retroattiva, giusto? Quindi tutti i lavoratori hanno già questa tassazione da gennaio, ecco, quindi è un discorso che avevamo già fatto e secondo le peggiori previsioni più normali noi avevamo detto se è stata messa allo 06 un giorno purtroppo verrà messa al massimo e questo è avvenuto. SINDACO Altre richieste di intervento? Prego. Ma giusto due precisazioni rispetto a quello che ha detto il Consigliere Tagliaferri in poi, comunque torneremo a parlarne credo nel punto successivo che riguarda il bilancio di previsione.

5 Lo 06, 08 beh, lo 06 è stato introdotto due anni fa, l'anno scorso l'abbiamo confermato perché gli equilibri di bilancio ce l'hanno concesso. Quest'anno purtroppo non è stato così, poi vi darò il quadro nel punto successivo di tutte le voci che hanno determinato anche questa scelta che per noi è stata obbligatoria, o comunque è stata una scelta rispetto a altre. Porterà nelle casse come ha ricordato il ragioniere 140 mila Euro, poi per quanto riguarda l'esenzione, beh, dai dati che abbiamo noi, è vero non sono quelli aggiornati al 2014, però brutto dirlo, ma purtroppo la popolazione di Settala non è certo una popolazione che gode di agi particolari. Da quello che abbiamo come dati sui 4 mila e 309 contribuenti, è vero è un dato di qualche anno fa, ma sicuramente il tenore di vita si è abbassato non si è alzato. Sino ai 15 mila abbiamo circa un migliaio di persone, come dichiaranti per cui vuole dire che è un 25 per cento buono dei dichiaranti, che vanno esenti, ora se questo è poco va bene, è una valutazione oggettiva, ci sta, sono... cioè scusa soggettiva, ognuno la vede a modo suo. Tenuto conto che se teniamo come parametro di riferimenti 30 mila lordi, sto parlando di lordi eh? Come guadagno medio di un cittadino di Settala, eh, beh, tre quarti della popolazione è sotto. Tre quarti, è vero, anche perché abbiamo dovuto rivedere al ribasso le nostre previsioni di incasso relativamente all'addizionale, intendiamoci, non le facciamo noi eh. È il Ministero dell'economia e la finanza che indica quello che è la presunzione di incasso introducendo l'addizionale. E ci siamo resi conto che quello che prevedeva il Ministero è anche più basso della più bassa previsione che ci avevano fornito, perché, perché la vita oggi è diventata più complessa e quindi le persone guadagnano meno, perdono il lavoro, insomma, i problemi sociali e economici li conosciamo tutti. Garantire quindi su dati vecchi, probabilmente saranno aumentati, magari sono diminuiti con onestà devo dire che il dato non ce l'ho al 2014, sicuramente un terzo della popolazione o meglio dei contribuenti andrà esente. Il resto subirà l'aumento, poi tra le varie imposte, tasse, tariffe, chiamiamole come vogliamo, soldi che chiediamo ai cittadini, quella della addizionale permettete il termine improprio legato a una tassa, è la più equa. Okay? Cioè tra le varie cose che si possono imporre ai cittadini questa è quella che rispecchia in maniera più lineare l'andamento di una comunità, perché è legata al reddito, chi più ha più contribuisce. E tra le varie scelte piuttosto che colpire la casa, piuttosto che colpire sulla tassa... non si poteva eh,

6 per carità, se potevamo alzavo ancora l'imu, e qualcuno dirà che se avessimo potuto l'avremmo fatto. Provocazione, questa è quella più equa. Perché, perché in un momento difficile si chiede un sacrificio a tutti. Poi ci confronteremo se era necessario o meno nel punto successivo. La nostra scelta è stata questa che è una ridistribuzione di un peso sull'intera comunità. Poi se ci sono altre richieste di intervento prego. Consigliere Mercanti prego. CONS. MERCANTI Noi sull'addizionale ne abbiamo discusso anche questo è un tema su cui abbiamo discusso molto, e che fosse la tassa più equa tra virgolette da applicare in un situazione di difficoltà economica dell'ente lo abbiamo sempre sostenuto, anche in tempi non sospetti quando si potevano fare altri tipi di scelte e non sono state fatte e si è andati invece nella direzione di tassare comunque gli immobili. Ne discutevamo già da qualche anno no? Della addizionale IRPEF, sicuramente è un po' la filosofia che noi stiamo cercando di fare passare, quella della applicazione dell'addizionale IRPEF cioè in un momento di effettiva crisi economica chi più ha più deve contribuire all'andamento della comunità, e al sostentamento del proprio Comune, questo è un dato di fatto. Poi si apre tutto il dibattito rispetto alla dichiarazioni, perché sicuramente noi non saremo un Comune con un tessuto sociale particolarmente solido, questo sono d'accordo. Però che il 25 per cento, non lo conoscevo questo dato, che il 25 per cento dichiari di guadagnare meno di 1100 Euro, 1200 Euro netti al mese, mi lascia un pochino così insomma ho qualche perplessità, però il 25 per cento ci può stare, adesso non... è un dato, bisogna, si apre tutto quel tema dei controlli che è un tema sicuramente importante che tutti conosciamo in diversi settori anche sui servizi sociali, insomma è un tema che abbiamo già affrontato no? La questione della verifica delle dichiarazioni contributive. Quello che ci lascia un po' così è la fascia di esenzione, l'abbiamo detto anche l'anno scorso, anche confrontandoci con realtà a noi vicine, le scelte stanno andando nella direzione di applicare le addizionali e ormai siamo arrivati al massimo da molte parti effettivamente, però ci sono fasce di applicazione progressive, si tende a applicare da a una aliquota, da a un'altra aliquota e oltre a una certa cifra l'aliquota massima. Ora io capisco che questo tipo di scelta potrebbe comportare una riduzione dell'introito, se oggi l'addizionale conta 70 mila Euro a punto, probabilmente una scelta di questo tipo potrebbe farci, anzi sicuramente ci farebbe perdere per strada una parte degli oneri che incameriamo, però sarebbe

7 una scelta di equità sociale perché effettivamente 15 mila Euro è una soglia che è molto vicina alla sopravvivenza, adesso 800 Euro al mese che i pensionati piuttosto che gli operai, cioè è il guadagno però fanno una vita di stenti e sacrifici perché vivere con 800 Euro al mese è tutto altro, oggi nella nostra società è tutto altro che facile, quindi significa che se uno guadagna 1200 Euro al mese paga l'addizionale IRPEF al massimo. Perché più o meno siamo intorno a questo ordine no? E anche 1100 ecco appunto e anche 1100 Euro non sono uno stipendio da ricchi, quindi la nostra considerazione era relativa alla fascia di esenzione, non all'imposta per la quale abbiamo sempre detto che insomma era la tassa effettivamente più equa. Noi chiediamo per quest'anno ormai è andata così, però in proiezione, in prospettiva piuttosto che diminuire l'imposta, piuttosto che tornare indietro laddove si può, piuttosto che diminuire l'imposta alzare le esenzioni perché quella è una scelta di equità sociale vera, la scelta di aumentarla allo 08 è dovuta alle necessità di bilancio, e quindi insomma non stiamo a discutere... rispetto alla scelta della tassazione sulle attività credo che questa sia una scelta più corretta perché chi il posto di lavoro non ce l'ha, non la paga. E quindi è una scelta di equità vera, chi guadagna 100 mila Euro l'anno paga per 100 mila, il problema è la fascia di esenzione che secondo noi, ma secondo conteggi minimi, è bassa. E poi una provocazione, ma giusto per così discuterne, su uno stipendio di 1200 Euro al mese, ci piacerebbe, io non lo so proprio fare, sono a zero in matematica, quanto incide l'addizionale, quindi su uno stipendio diciamo lo 08 per mille più o meno quanto è, all'anno. Okay, 96 Euro all'anno. Ipotizziamo, la lanciamo come... quindi significa più o meno 8-9 Euro al mese. Più o meno. Ora il famoso trasporto scolastico che tanto ci scandalizza e che tanto ci fa discutere e che tanto sembra andare a toccare la sensibilità di qualcuno, probabilmente quella famiglia a cui avremmo chiesto 10 Euro al mese per trasportargli il bambino e paradosso, avessimo fatto la scelta di non aumentare o di non applicare l'addizionale IRPEF, avrebbe speso meno, perché ipotizziamo di chiedergli 10 Euro al mese per i 9 mesi di trasporto scolastico, più o meno, 90 Euro. Siamo lì, certo che siamo lì, il problema vero (intervento fuori microfono) va beh, 10 Euro secondo me... rispetto alle iscrizioni che c'erano state quando avevi messo il pagamento avresti dimezzato il costo del trasporto perché il costo del trasporto oggi è molto alto perché la richiesta è molto alta e quindi significa che bisogna coprire un determinato servizio. È sempre il famoso discorso della valutazione costi benefici e soprattutto dare una risposta a una esigenza vera, reale, concreta, cioè voglio solo dire che nel momento in cui tu fai una scelta di non

8 applicare, di non fare pagare il trasporto, ma poi metti l'addizionale IRPEF, di fatto quella famiglia 100 Euro l'anno li spende comunque, ce li ha comunque come costo vero. Anzi, anzi se sono fortunati pagano 100 Euro il marito e 100 Euro la moglie, quindi pagano 200 Euro. Se sono fortunati. Perché significa che lavorano tutti e due e guadagnano tutti e due 1200 Euro al mese e quindi questa è una fortuna. Magari scelte di... adesso parlavo del trasporto, ma ti prego non fermarti al trasporto, è un ragionamento complessivo sul recupero dei servizi a domanda individuale, probabilmente scelte che vanno in una certa direzione poi alla fine dell'anno per la famiglia possono comportare dei risparmi perché se io oggi spendo, ripeto 200 Euro perché lavoriamo in due, se tu mi fai pagare il trasporto e mi aumenti, non lo so il costo del pasto, probabilmente spendo comunque meno, è chiaro che è una scelta nel momento in cui i soldi mancano, ripeto, meglio l'addizionale IRPEF e ragionare sulle detrazioni, però è una provocazione per comunque ragionare tutti sull'impatto che poi questa tassazione di fatto ha sulle famiglie che è una tassazione reale e che noi va beh, quest'anno colpiamo uno e l'altro perché un pochino aumentano anche i servizi a domanda individuale. Due in particolare, la mensa. Però ecco secondo me bisogna ragionare su questo aspetto. SINDACO Assessore Lupi, prego. ASS. LUPI Molto brevemente, intanto cioè adesso sentendo l'intervento della Consigliere Mercanti, i servizi a domanda individuale in generale si rivolgono alle famiglie, a un certo numero di famiglie. Giustamente l'hai detto, l'addizionale IRPEF è più equa nel carico fiscale. E quindi parlare di addizionale IRPEF, anziché aumentare l'addizionale recuperare su determinati servizi, tu nei servizi coinvolgi un numero ristretto di famiglie. Perché la platea dei dichiaranti se noi guardiamo, il dato ultimo a disposizione del 2011 sono 4309 dichiaranti in Settala. Mentre i servizi a domanda individuale sono, il numero delle famiglie è molto, molto più ristretto. Al di là di questo noi applichiamo l'addizionale IRPEF dal 2013, per la prima volta. Fino a quando non l'abbiamo applicata noi nei ragionamenti della tassazione si affrontava l'argomento e si diceva: l'addizionale per un punto per mille vale 92 mila Euro, esentando sempre 15 mila Euro di imponibile.

9 E quindi una certa fascia di popolazione esentata. Quando siamo al momento di applicarla scopriamo, ma questi 92 mila Euro che dicevo, sono confermati dai dati anche del 2011, perché guardiamo le fasce di reddito, il numero delle fasce di reddito l'imponibile complessivo dovrebbe risultare 92 mila Euro, almeno. Scopriamo invece che il Ministero ci risponde che dal 2013 perché nella previsione iniziale avevamo messo una previsione maggiore, dal 2013 dice: no, il vostro punto vale 70 e qualcosa, circa 70 mila Euro. E quindi capite che sono 20 e passa mila Euro di differenza. Ora io mi chiedo, mi chiedo, o il reddito dei settalesi è un dato in picchiata dal 2013 oppure c'è qualcosa che non quadra. Io chiederò di nuovo al ragioniere, all'ufficio perché faccia richiesta di chiarimenti ulteriori, perché se i dati che abbiamo a disposizione quelli che si leggono in internet sono dati ufficiali, l'ultimo è del 2011, fra l'altro si scopre che il reddito medio di Settala è bassino, è uno dei più bassi della provincia di Milano. E siamo di 2 mila Euro sotto la media di quello regionale. Questo come reddito pro capite. Siamo leggermente superiori al reddito medio nazionale ma di Euro. Quindi capite che io vi sto dando dei dati dove il punto per mille di addizionale varrebbe 92 mila Euro. Invece scopriamo dall'anno scorso, l'anno scorso dai dati ufficiali del Ministero, che il nostro punto di addizionale vale 70 e poco più mille Euro, ecco perché prevediamo giustamente prudenzialmente perché c'è un dato comunicatoci dal Ministero, e ci atteniamo a quello. Prevediamo 545 mila... 8 per mila Euro. Ecco questo è un dato che dovrebbe fare riflettere e complessivamente sarà curioso vedere poi e indagheremo anche in maniera più approfondita perché i dati complessivi di reddito non corrispondono al reale introito di addizionale. SINDACO Altre richieste di intervento, prego. Sì Consigliere Mercanti. CONS. MERCANTI Sì, no è assolutamente un discorso reale, quello che faceva Tarcisio prima, è chiaro che è così, ma quando noi facevamo il ragionamento prima delle attività produttive e noi abbiamo sul nostro territorio, avevamo sul nostro territorio tante attività produttive che, questo è un dato diciamo vecchio, perché è un dato più o meno del 2005, ma occupavano circa il 15 per cento della forza lavoro del territorio, questo è un dato fermo al 2005, quindi è chiaro, non bisogna prenderlo come

10 dato, però nel momento in cui le aziende chiudono e chiudono perché... chiudono cioè basta fare un giro sul nostro territorio, e le aziende chiudono, ne abbiamo avuti due o tre casi eclatanti qualche anno fa di sistemazione di ridimensionamento del personale, mi viene in mente la Ingram, mi vengono in mente alcune aziende comunque importanti del nostro... mi viene in mente l'indena che comunque ha fatto una riorganizzazione del personale, è chiaro che poi nel momento in cui perdi il lavoro, perdi il lavoro e sicuramente, io non sono qui a dire che è colpa solo della tassazione locale, cioè non sto dicendo che la Ingram ha lasciato a casa 30 persone, 20 persone di Settala perché noi gli abbiamo messo l'imu sul capannone, non sto facendo un ragionamento così di basso livello, vi prego, lì non ci arrivo. Però complessivamente le piccole e le medie imprese, io ci ritorno perché veramente credo che sia il problema e il nodo di questo bilancio, le piccole e le medie imprese che assumono un dipendente di Settala, che hanno l'impiegata, che hanno l'operaio, che hanno il mulettista, che abita qui, e che si trovano un aumento della tassazione e l'imu gli incide mila Euro sul bilancio della propria azienda, fa una scelta di tipo diverso, una persona qui, una persona là, cioè se noi avevamo il 15 per cento di occupati dalle nostre aziende e oggi siamo nella situazione che ci disegna prima Tarcisio e dobbiamo farcela una domanda. E probabilmente dovremmo nel nostro bilancio secondo me, questa è una posizione mia, fare una scelta che in prospettiva porti dei benefici, che magari nel breve può sembrare difficoltosa da affrontare perché significa andare a toccare servizi consolidati, fare una scelta di tassazione alle persone fisiche diversa, cioè significa fare delle scelte politiche diverse da quelle che abbiamo fatto fino adesso. Ma che nel lungo periodo ci porta a recuperare quei 20 mila Euro che diceva Tarcisio perché nel momento in cui la gente è occupata, l'addizionale IRPEF te la paga, nel momento in cui non è occupata, non te la paga, e è solamente la piccola e la media... io sono convinta di questo, anche a livello nazionale, io sono convinta che sia solo la piccola e media impresa che può fare ripartire questo paese. Se cominciamo a fare il governo, non noi, ma se il governo comincia a fare una politica di agevolazione alle piccole e alle medie imprese al di là dell'esenzione dei contributi per chi assume per i primi due anni che non è quello il problema vero, il problema è complessivo perché quando l'energia costa tantissimo e quindi illuminare un capannone costa come illuminare lo stadio di San Siro eh, beh, probabilmente qualche problema c'è, il costo dell'energia, i trasporti, tutto quello che insomma conosciamo, è inutile che stiamo qui a discuterne. Però noi nel nostro piccolo secondo me qualcosa possiamo fare, perché può sembrare che in un certo momento ti manchino mila Euro ma poi in prospettiva tu se riesci a occupare gente

11 del territorio quelle risorse le recuperi e il dato che diceva Tarcisio secondo me non può essere letto in maniera scollegata da quello che abbiamo visto prima relativo alle attività produttive, perché se l'occupazione cala, le aziende chiudono ripeto, non fatemi dire non è solo colpa dell'imu al massimo, non è questo il problema, però anche noi ci abbiamo messo la nostra zeppetta, probabilmente un aiuto di tipo diverso avrebbe contribuito magari a cercare per le attività di tirare avanti un anno o due in una situazione sicuramente di crisi e di difficoltà. SINDACO Altre richieste di interventi? Giusto una parola su quello che è stato detto, benissimo, più o meno siamo al punto dove eravamo circa un'oretta fa, okay. Ci può stare quello che è stato detto dalla Consigliere Mercanti e la posizione dell'opposizione, però qui manca un tassello che è fondamentale, l'autonomia economica e finanziaria del Comune. Perché se un Comune non parlo di Settala, in generale, tutti le migliaia di Comuni che ci sono sparsi in Italia avessero la capacità di gestire le loro risorse in autonomia, quelle provengono dal territorio, badiamo bene, non quelle, non quegli enti che magari dipendono ancora dallo Stato, ormai credo che ce ne siano veramente pochi, Settala sicuramente non è uno di questi. Faremmo tranquillamente a meno di quei pochi trasferimenti, sono rimasti neanche 30 mila Euro che lo Stato ci gira, ma va bene, eh, cioè per carità. Ma se noi avessimo quella autonomia e non ci trovassimo ogni anno a dovere rincorrere mancate risorse di questo, raccolte su questo territorio, da dovere ridistribuire allo Stato per tutti i motivi che conosciamo, indebitamento pubblico e quanto altro, forse si potrebbe pensare a un ragionamento come quello fatto dall'opposizione. Ma la realtà è questa. Allora diventa una scelta di dove andare a parare. Non diventa una scelta su che cosa vuoi investire perché è una forma mentis completamente diversa. Noi qui non stiamo pensando dove investiamo le risorse dell'ente per favorire questa o quella classe sociale o questa o quella attività, questo o quel gruppo. Noi dobbiamo semplicemente oggi lavorare, sembra brutto dirlo, in difesa, dire oggi lo status quo di Settala è questo, cerchiamo di non appesantire dove possiamo le imprese, un esempio è stato fatto, sulla Tari, l'abbiamo fatto. Vogliamo diminuire l'imu, però colpiamo le persone fisiche. Nel frattempo che si riprende l'economia che poi è macroeconomia, non microeconomia, ci saranno altre sofferenze da dovere compensare sul tessuto sociale quindi è un equilibrio molto delicato. Si dice: investiamo nel favorire la diminuzione della tassazione sulle imprese, d'accordissimo, togliamo quella che è la quota che viene al Comune, sono 560 mila Euro, una sciocchezza. 500 mila bisogna recuperarli da qualche altra parte. Allora discutiamo di servizi, non parliamo del solito trasporto.

12 Teniamone fuori altri. Però quei servizi sono fondamentali per quelle persone che oggi in difficoltà economiche non hanno la capacità di sopravvivere allora tu trovi un equilibrio, dove vuoi intervieni e è quello che é stato fatto, e poi ne discutiamo dopo. Su questo bilancio di previsione, noi ci siamo trovati anche quest'anno, nonostante che si pensava e ogni anno lo si dice eh, per carità, dovere di cronaca, come si suole dire, è l'anno peggiore. Mi manca un milione, un milione e due, e dove lo andiamo a trovare se poi pensiamo di ridurre quella tassazione che oggi c'è già, e su cui ne facciamo conto sperando come hai detto che paghino, che facciano il loro dovere, che sopravvivano, persone e aziende. Altrimenti non ne usciamo più. Ora cambierà l'autonomia degli enti? E noi torneremo a fare il nostro mestiere, e torneremo a fare il nostro mestiere. Le tasse le abbiamo introdotte? Mai, e questo credo che ormai la gente lo conosca e sia chiaro, perché abbiamo creato buchi, debiti fuori bilancio, perché abbiamo fatto degli investimenti a rate. Sono sempre risorse che dobbiamo racimolare per conto terzi, se vogliamo dire così. E questo non è cambiato quest'anno, poi adesso ci entriamo nel merito. Per cui anche volere dire tassazione con fasce diverse e manca anche un introito lì. Perché fare le fasce cuba detto volgarmente, un introito inferiore per le casse comunali. Ma se noi consideriamo quella che è la natura del nostro tessuto sociale, della nostra comunità, servizi diventano ancora più fondamentali, perché lo si è detto, abbiamo un tessuto sociale economicamente verso il basso, e sono le fasce più esposte che necessitano maggiormente di servizi, se noi tagliamo ancora su quello, è vero che non ci sarà il lavoro perché le imprese chiuderanno però a queste persone dovremo dare anche delle risposte. È lì che è l'equilibrio di cui parlavo prima. Avessimo un tessuto sociale ricco, certo che potremmo fare ragionamenti differenti, non c'è, tre quarti della nostra popolazione contribuente e poi ci mettiamo i minori a carico è sotto una determinata soglia, allora di queste persone dobbiamo occuparci come anche delle imprese, per carità. Modificare determinate aliquote su altri vuole dire poi ripercuoterle su qualche altra classe sociale, su qualche altra fascia sociale. Quando diceva la Consigliera Mercanti ragionando, parliamo della mensa, vogliamo fare il recupero a 100, vogliamo recuperare sul trasporto metà di quello che può costare, si parla di fare un... quest'anno a esempio avessimo voluto introdurre anche il costo del trasporto, quattro mesi, perché parte a settembre, che benefici hai, semmai si parte, mai lo avremo. Perché poi l'introduzione di una aliquota su un servizio il beneficio arriva nell'anno dopo perché è l'anno pieno.

13 Vogliamo mettere come hai detto 10 Euro? Noi abbiamo 260 oggi studenti che si muovono con i nostri mezzi. Scusa? 278, precisazione, ho sbagliato, ricordavo quando facevo l'assessore, 278 studenti, a 10 Euro è facile fare il conto per dieci mesi. Oggi il servizio costa 205 mila Euro, okay. Un 10 per cento lo recuperiamo, no, no, lo recuperiamo per carità e però questo non avrebbe scongiurato l'aumento dell'addizionale e quindi queste famiglie si sarebbero trovate l'aumento della mensa di cui parcheremo, addizionale comunque a carico e in più il trasporto, poi tra un anno avremo recuperato mezzo punto di addizionale e però attenzione, quali sono le fasce più esposte della nostra comunità, famiglie con figli? Anziani? E questa è una scelta anche di equità. Introdurlo può essere giusto. E sui servizi a domanda individuale va fatta una riflessione e l'abbiamo iniziata. Anche confrontandoci con voi su alcuni. Però attenzione, il fatto di introdurla o di aumentare determinate tariffe sicuramente quest'anno non avrebbe impegnato l'aumento dell'addizionale perché non sarebbero tornati i conti, l'anno prossimo, oddio, se facciamo i conti a 200 studenti perché poi non tutti si iscriveranno quando diventerà a pagamento, 200 studenti per recuperare solo 100 mila Euro, sono 50 Euro al mese eh, neanche quello? Ne costa 200. E no, sbagli impostazione, (intervento fuori microfono) non ti costa più 205, ti costerà 100. A meno che non licenziamo anche i dipendenti, va beh, allora per carità, io 100 li metto sempre in conto, sono i nostri dipendenti con i mezzi. Recupererò, si abbasserà il costo del servizio, lo riduciamo, però 50 Euro bisogna che per fare quadrare i conti, se vogliamo un recupero efficiente, facciamo 20 Euro, facciamo 20 Euro. Di quanto l'abbassiamo. Ma comunque il trasporto è necessario. Per cui ne recupereremo mila, e ma non si abbasserà di 100 mila il servizio. Per cui quell'aumento ci sarà, e a queste persone chiederemo anche un contributo, per cui togliere, esentando parte dell'addizionale si ripercuoterà sulla gestione dei servizi, è lì che ci vuole l'equilibrio. Ora, io ho una idea e l'ho sempre fatta presente in tutte le sedi e anche quando ci siamo confrontati, la politica dei servizi a domanda individuale è una politica tariffaria che non può essere fatta nel breve periodo, ma necessita di vari step, si sta partendo oggi, uno l'abbiamo toccato, a malincuore però l'abbiamo dovuto fare e l'abbiamo fatto e abbiamo avuto il coraggio come si chiariva prima. Un altro abbiamo iniziato a lavorarci e a breve pensiamo di chiudere, che sono i due più costosi,

14 nido e mensa, trasporto e ci arriveremo, ma le famiglie se vengono gravate di colpo di 100 Euro al mese in più di costi, senza che porti beneficio per tagliare tasse da qualche altra parte diventa un rischio sociale eh. Poi nel lungo periodo funziona ma è graduale. Questo è l'opinione e è la linea che ha seguito questa maggioranza. Ma poi faccio l'introduzione al bilancio e ci confronteremo anche su questo. Ho divagato e chiedo scusa. No perdonatemi. Scusate, perché (intervento fuori microfono) sì, se c'è qualche altro intervento prego. C'è qualche altro... (intervento fuori microfono) è colpa mia, perdonatemi. (intervento fuori microfono) Assessore Verdone, Consigliere Mercanti dai, che siamo ancora a metà Consiglio. Ci sono altri interventi? Ho detto basta a tutti e due. (intervento fuori microfono) Teresa per cortesia, sì, va bene, se ci sono altri interventi... è colpa di Pennetta del Consigliere. Ci sono altri interventi? No. Metto in votazione il punto, chi è favorevole è pregato di alzare la mano. La maggioranza. Chi è contrario? 4 voti dell'opposizione. L'immediata eseguibilità chi è favorevole? Chi è contrario? L'opposizione. A questo punto passiamo al punto... okay, scusatemi.

15 COMUNE di SETTALA PROVINCIA DI MILANO Via Giuseppe Verdi N. 8/c Settala (MI) Tel. 02/ r.a. - fax 02/ Cod. Fisc Part. I.V.A ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 22 IN DATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI C.C. N. 18 IN DATA OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. PARERI AI SENSI DELL ART. 49, COMMA I, E 147 BIS, COMMA I, D.L.VO N. 267/2000 PARERE IN ORDINE ALLA REGOLARITA' TECNICA: - Si esprime parere Favorevole in ordine alla proposta in oggetto. Settala, li Il Responsabile del Settore PROVENZI IVANO PARERE IN ORDINE ALLA REGOLARITA' CONTABILE: - Si esprime parere Favorevole in ordine alla proposta in oggetto. Settala, li Il Responsabile del Settore PROVENZI IVANO

16 ALLEGATO N. 3 ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 22 IN DATA COMUNE di SETTALA PROVINCIA DI MILANO Via Giuseppe Verdi N. 8/c Settala (MI) Tel. 02/ r.a. - fax 02/ Cod. Fisc Part. I.V.A PROPOSTA DI DELIBERAZIONE N. 18 IN DATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE AVENTE AD OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. Premesso che: con decreto legislativo del 28 settembre 1998, n. 360 e successive modifiche, è stata istituita a decorrere del 1 gennaio 1999, l'addizionale provinciale e comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche; con deliberazione di C.C. n.22 del ad oggetto Approvazione regolamento e istituzione dell addizionale comunale all IRPEF è stata istituita ed è stato approvato il correlato regolamento, nell'ambito della potestà regolamentare prevista dall'art. 52 del D.Lgs n. 446, per l'applicazione dell'aliquota dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF); con deliberazione di C.C. n. 50 del ad oggetto Addizionale Comunale all Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche. Conferma aliquota e soglia di esenzione per l anno 2014 è stata confermata anche per l anno 2014 l aliquota e la soglia di esenzione dell addizionale già in vigore nel 2013, così come approvate con deliberazione di C.C. n. 51 del ; Dato atto che per l anno 2015 si ritiene necessario, incrementare l aliquota dell addizionale Comunale IRPEF nella misura dallo 0,6% allo 0,8%, mantenendo una soglia di esenzione per i redditi annui non superiori ad ,00, al fine di finanziare le spese correnti previste nel Bilancio 2015 e reperire le risorse necessarie per continuare a garantire i servizi fino ad oggi offerti, evitando una sostanziale paralisi delle attività gestionale, con conseguenti gravi danni nei confronti dell Ente stesso e della comunità amministrata, rispettando contestualmente le regole di finanza pubblica sugli equilibri di bilancio e sul patto di stabilità; Ritenuto pertanto opportuno, alla luce di quanto sopra esposto, procedere alla rivisitazione del vigente Regolamento per la disciplina dell Addizionale Comunale all IRPEF, approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del , modificando gli artt. 3 e 4 relativi alla determinazione dell'imposta e decorrenza dell aliquota dell addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) incrementandola, a partire dal 1 gennaio 2015, dallo 0,6% allo 0,8%, confermando la soglia di esenzione stabilita per redditi annui non superiori a ,00; Rilevato che ai sensi dell'art. 27, comma 8, della Legge n. 448/2001 il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali, compresa l'aliquota dell'addizionale comunale all'irpef e le tariffe dei servizi pubblici, nonché per approvare i regolamenti relativi alle entrate degli Enti Locali, è stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del Bilancio di Previsione e che

17 comunque questi avranno effetto, anche se approvati successivamente a tale data, dal 1 gennaio dell'anno di riferimento; Richiamato l articolo 13, comma 15, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, conv. in legge n. 214/2011, il quale testualmente recita: A decorrere dall'anno d'imposta 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Ministero dell'economia e delle finanze, Dipartimento delle finanze, entro il termine di cui all'articolo 52, comma 2, del decreto legislativo n. 446 del 1997, e comunque entro trenta giorni dalla data di scadenza del termine previsto per l'approvazione del bilancio di previsione ; Visto il nuovo schema di Regolamento per la disciplina dell Addizionale Comunale all IRPEF allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale (All. A ); Vista la nota del Ministero dell economia e delle finanze prot. n in data 6 aprile 2012, con la quale è stata resa nota l attivazione, a decorrere dal 16 aprile 2012, della nuova procedura di trasmissione telematica dei regolamenti e delle delibere di approvazione delle aliquote attraverso il portale ; Visto il Decreto del Ministero dell Interno del con il quale è stato differito al 31 marzo 2015 il termine per l approvazione del bilancio annuale di previsione 2015 degli enti locali; Su proposta della Giunta Comunale; Richiamato l'art. 42 del T.U. n. 267/2000 ordinamento EE.LL.;. Si propone che il Consiglio Comunale DELIBERI 1. di approvare l'unito Regolamento (All A ) per l'applicazione dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche (che sostituisce il precedente approvato con atto di C.C. n. 51 del ), con il quale si modifica la precedente versione dell art. 3 Determinazione dell'imposta e soglia di esenzione e dell art. 4 Decorrenza, determinando l'aliquota dell'addizionale comunale nella misura dello 0,8% (anziché 0,6%) a partire dal 1 gennaio 2015; 2. di confermare inoltre la soglia di esenzione per i redditi annui non superiori ad ,00, così come attualmente previsto dal Regolamento relativo all addizionale comunale all IRPEF come da ultima modifica di cui alla delibera di Consiglio Comunale n. 51 del ; 3. di far rinvio per quanto concerne la disciplina della presente addizionale all articolo 1 del Decreto Legislativo 28 settembre 1998, n.360, concernente l istituzione dell addizionale comunale all IRPEF e successive modificazioni ed integrazioni; 4. di dare atto che, ai sensi dell'art. 4, comma 1-quinquies, della Legge n. 44 del e dell'art. 13, comma 15, del D.L. n. 201/2011 convertito dalla Legge 214/2011 e successive modificazioni, la presente deliberazione Regolamentare di modifica, per l'anno 2015, dell'addizionale comunale all'irpef deve essere inviata entro il termine di 30 gg. dalla data

18 di approvazione della deliberazione, al Ministero dell'economia e delle Finanze, Dipartimento delle Finanze, ai fini della pubblicazione sul proprio sito informatico; 5. di prevedere per l'anno 2015, nel rispetto degli equilibri di bilancio l'entrata complessiva di euro ,00 alla risorsa CAP 186 "Addizionale comunale all'irpef del Bilancio di Previsione 2015; Si propone altresì di dichiarare l immediata eseguibilità del provvedimento di cui trattasi, ai sensi di quanto stabilito dall art. 134 comma IV del D.L.vo N. 267/2000. Settala, li IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (Trovati rag. Giacomo) IL RESPONSABILE DEL SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO (Provenzi rag. Ivano)

19 Letto, approvato e sottoscritto: Il SINDACO Il SEGRETARIO COMUNALE F.to Carlo Andrea F.to Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA Il sottoscritto SEGRETARIO COMUNALE, sulla base degli atti e delle procedure d ufficio, ATTESTA - che la presente deliberazione, in data odierna, viene pubblicata in copia all Albo Pretorio on line di questo Ente con Registro Pubblicazione N. 243, per rimanervi pubblicata 15 giorni consecutivi, dal al , così come prescritto dall art. 124 I comma del D.L.vo 18/08/2000, N che la presente deliberazione diverrà esecutiva ad ogni effetto ai sensi dell art. 134, comma III, del D.L.vo 18/08/2000, N. 267, trascorsi 10 giorni decorrenti dal giorno successivo dal completamento del periodo di pubblicazione dell atto all Albo Pretorio on line. CERTIFICA - che la presente deliberazione, ai sensi dell art. 134, comma IV, del D.L.vo 18/08/2000, N. 267: [ ] non è immediatamente eseguibile. [X] è divenuta eseguibile avendo il Consiglio Comunale dichiarato l immediata eseguibilità dell atto. Settala, Il SEGRETARIO COMUNALE F.to Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA

COMUNE DI SAN POLO D ENZA

COMUNE DI SAN POLO D ENZA COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio nell Emilia COPIA DELIBERAZIONE N. 40 Del 31/07/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTA DELL ADDIZIONALE COMUNALE

Dettagli

DELIBERA C.C. N. 15 DEL 29.07.2014 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTA ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF - ANNO 2014.

DELIBERA C.C. N. 15 DEL 29.07.2014 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTA ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF - ANNO 2014. DELIBERA C.C. N. 15 DEL 29.07.2014 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTA ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF - ANNO 2014. Il Sindaco- Presidente introduce l argomento in oggetto sottolineando che, trovandosi l Amministrazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015 COMUNE DI ALEZIO Provincia di LECCE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N. 27 Del 30/07/2015 Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015

Dettagli

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino cod. 41049 COPIA DELIBERAZIONE di CONSIGLIO Comunale n. 25 del 23-06-2015 Oggetto: Conferma aliquote e detrazioni per l' applicazione dell' Imposta Municipale

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino)

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) COPIA COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 19 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE RELATIVE ALLA ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF - ANNO 2014. L anno

Dettagli

Comune di Vessalico PROVINCIA DI IMPERIA

Comune di Vessalico PROVINCIA DI IMPERIA Comune di Vessalico PROVINCIA DI IMPERIA VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 15 OGGETTO: Determinazione Aliquota Addizionale Comunale Irpef anno 2015 Nell anno DUEMILAQUINDICI addì TRENTA del mese di LUGLIO

Dettagli

COMUNE DI TORREANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI TORREANO PROVINCIA DI UDINE COPIA N. 16 del Reg. delib. COMUNE DI TORREANO PROVINCIA DI UDINE Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza ordinaria di 1^ convocazione OGGETTO: Determinazione aliquota addizionale IRPEF

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE Comune di Bellinzago Lombardo Provincia di Milano Codice Ente 10904 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 Del 14-04-2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE, DETRAZIONI E SCADENZE RELATIVE ALLA TASI COMPONENTE

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 39 del 09/09/2014 OGGETTO: CONFERMA PER L'ANNO 2014 DELLE ALIQUOTE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL GRAN SASSO D'ITALIA

COMUNE DI ISOLA DEL GRAN SASSO D'ITALIA COMUNE DI ISOLA DEL GRAN SASSO D'ITALIA Provincia di Teramo COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 Oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE I.R.P.E.F. APPROVAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014. DEL 05/09/2014

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 20 del 10-09-2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 20 del 10-09-2014 Letto, approvato e sottoscritto. In originale: Il Presidente f.to Marco Angelo CORZETTO f.to Dr. Pietrantonio DI MONTE COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUOGOSANO Provincia di Avellino

COMUNE DI LUOGOSANO Provincia di Avellino COMUNE DI LUOGOSANO Provincia di Avellino COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.9 DEL 01-07-2014, lì 12-07-2014 Il Segretario Comunale

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI Sede : Piazza Roma, 1 47855 GEMMANO (RN) - Tel (0541) 854060-854080 - fax 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 - Codice Fiscale n. 82005670409 COPIA di deliberazione

Dettagli

C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza)

C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) C O M U N E D I L A G O N E G R O (Provincia di Potenza) Codice ente Protocollo n. COPIA DELIBERAZIONE N. 13 in data: 08.08.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di 1^ convocazione-seduta Pubblica DELIBERA 23 DEL 31/07/2014 ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF - DETERMINAZIONE ALIQUOTA PER L'ANNO 2014.

Dettagli

COMUNE DI CASTELMAURO Provincia di CAMPOBASSO

COMUNE DI CASTELMAURO Provincia di CAMPOBASSO COMUNE DI CASTELMAURO Provincia di CAMPOBASSO COPIA N 12 DEL REGISTRO DELIBERAZIONI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SEDUTA Ordinaria DI Prima CONVOCAZIONE Oggetto: CONFERMA ALIQUOTE TASI

Dettagli

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA.

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Il SINDACO introduce il presente argomento all o.d.g. e relaziona nel merito. Egli riferisce: Negli

Dettagli

COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena

COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena COMUNE DI SARSINA Provincia di Forlì - Cesena C O P I A DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 40 Data 30/07/2015 Prot. N. 6892 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF - DETERMINAZIONE ALIQUOTA ANNO 2015

Dettagli

C O M U N E D I M O N G U Z Z O

C O M U N E D I M O N G U Z Z O C O M U N E D I M O N G U Z Z O Provincia di Como DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. Ente 10609 Numero 23 del 30-07-2015 ORIGINALE Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014 CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONGLIO COMUNALE N. 19 del 08/09/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU AN 2014 L anno duemilaquattordici addì

Dettagli

COMUNE DI POGGIO MIRTETO Provincia di Rieti

COMUNE DI POGGIO MIRTETO Provincia di Rieti COMUNE DI POGGIO MIRTETO Provincia di Rieti COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 33 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI TASI PER L ANNO 2014 DEL 08/09/2014 L anno

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'ALIQUOTA ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF - ANNO 2014. L'anno Duemilaquattordici il giorno Trentuno del mese di Luglio

Dettagli

COMUNE DI PONTEDASSIO

COMUNE DI PONTEDASSIO COMUNE DI PONTEDASSIO Provincia di Imperia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE X ORIGINALE COPIA CONFORME Delibera n. 19 anno 2014. OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE DEL LA COMPONENTE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Codice Ente CO-35032 COPIA DELIBERAZIONE N. 37 in data: 17.07.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUI REDDITI

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTECAROTTO Provincia di Ancona COMUNE DI Provincia di Ancona COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 40 DEL 28-07-14 OGGETTO: REGOLAMENTO ADDIZIONALE COMUNALE ALL' I.R.P.E.F. - CONFERMA ALIQUOTE L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 34 in data 30/09/2014 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di prima convocazione - Seduta Pubblica Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione nr. 4 del 8/4/2014 OGGETTO: Approvazione Aliquota TASI. L anno DUEMILAQUATTORDICI addì OTTO del mese di

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Via Gioia, 1 82030 San Salvatore Telesino (BN) tel. 0824.881111 fax 0824.881216 e-mail: telesino@tin.it COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GUIDIZZOLO PROVINCIA DI MANTOVA

COMUNE DI GUIDIZZOLO PROVINCIA DI MANTOVA ORIGINALE COMUNE DI GUIDIZZOLO PROVINCIA DI MANTOVA Delibera n 16 In data 09/06/2014 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria di 1 convocazione-seduta Pubblica Oggetto: APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova

COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova COPIA Delibera n 13 in data 20/05/2014 Prot. n 3350 COMUNE DI GAZZO Provincia di Padova. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 17 del 29 Luglio 2015 OGGETTO:ADDIZIONALE COMUNALE PER L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE.

Dettagli

COMUNE DI LUISAGO. Provincia di Como ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI LUISAGO. Provincia di Como ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI LUISAGO Provincia di Como ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2015

Dettagli

Comune di San Pietro in Gu

Comune di San Pietro in Gu Comune di San Pietro in Gu Originale Provincia di Padova Prot. N. Deliberazione N 2 del 11/04/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA DI SALA

COMUNE DI SANTA MARIA DI SALA COPIA Deliberazione N. 19 in data 02-04-2014 COMUNE DI SANTA MARIA DI SALA - PROVINCIA DI VENEZIA - Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE E DETRAZIONI DA

Dettagli

Comune di Cupra Marittima

Comune di Cupra Marittima Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 6 DEL 30-04-2014 Oggetto: COMUNALE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA IUC (IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI SPESSA PROVINCIA DI PAVIA VIA ROMA 9 27010 Tel. 0382.79032 Fax 0382.729702 E-mail: info@comune.spessa.pv.it C.F. 00475620183 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.9 DEL 30-04-2015 OGGETTO: Determinazione

Dettagli

VERBALE DI C O N S I G L I O C O M U N A L E SESSIONE CONVOCAZIONE SEDUTA STRAORDINARIA 1^ PUBBLICA

VERBALE DI C O N S I G L I O C O M U N A L E SESSIONE CONVOCAZIONE SEDUTA STRAORDINARIA 1^ PUBBLICA Copia \ COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE N. 27 Registro Deliberazioni. (Provincia di Avellino) VERBALE DI C O N S I G L I O C O M U N A L E SESSIONE CONVOCAZIONE SEDUTA STRAORDINARIA 1^ PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI DUNO PROVINCIA DI VARESE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DA APPLICARE AL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CASTO Provincia di Brescia COPIA Delibera n. 20 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO ECONOMICO FINANZIARIO SERVIZI INDIVISIBILI E TARIFFE TASI ANNO 2014 ESAME ED APPROVAZIONE.

Dettagli

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti Deliberazione Originale del Consiglio Comunale N. 14 Del Registro OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA ( I.M.U.) - ANNO 2015 - CONFERMA ALIQUOTE. Data

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 27 del 08/07/2015 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/8

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/8 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/8 O G G E T T O Conferma per l'anno 2014 dell'aliquota dell'addizionale comunale

Dettagli

COMUNE DI MARANO VICENTINO (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI MARANO VICENTINO (Provincia di Vicenza) COMUNE DI MARANO VICENTINO (Provincia di Vicenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 35 adunanze. COPIA L anno duemilaquattordici il giorno trentuno del mese di luglio nella solita

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N.11 del 20/05/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N.11 del 20/05/2014 Originale COMUNE DI ROSTA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.11 del 20/05/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa) COMUNE DI ORCIANO PISANO (Provincia di Pisa) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Numero 12 del 19/05/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELLA COMPONENTE TASI (TRIBUTI SERVIZI

Dettagli

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE di PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino cod. 41049 COPIA DELIBERAZIONE di CONSIGLIO Comunale n. 24 del 23-06-2015 Oggetto: Conferma aliquota e detrazione componente TASI Tributo Servizi Indivisibili

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 34 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: COMPARTECIPAZIONE DELL'ADDIZIONALE

Dettagli

di deliberazione del

di deliberazione del COMUNE DI CAPUA PROVINCIA DI CASERTA Medaglia d Oro al Valor Civile di deliberazione del Numero Data O g g e t t o 19 23.05.2014 Determinazione aliquote e detrazioni per l applicazione della I.U.C. Capitolo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 67 DEL 07/07/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 67 DEL 07/07/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 67 DEL 07/07/2014 Oggetto: ADDIZIONALE ALL'IRPEF ANNO 2014 al CO.RE.CO. di Treviso in data di iniziativa della

Dettagli

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 27 DEL 29-04-15 OGGETTO: ANNO 2015 - IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO

Dettagli

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia DELIBERA N. 30 del 28.07.2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA - PRIMA CONVOCAZIONE COPIA OGGETTO: ADDIZIONALE

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia N. 26 Registro Deliberazioni COPIA COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta di Prima Convocazione OGGETTO CONFERMA ALIQUOTA ADDIZIONALE COMUNALE

Dettagli

COPIA C O M U N E D I T R E M E Z Z I N A Provincia di Como

COPIA C O M U N E D I T R E M E Z Z I N A Provincia di Como Fatto, letto e sottoscritto Il Presidente F.to Fabio Leoni Delibera di C.C. n. 24 del 29.06.2015 Il Segretario Comunale F.to Laura Avitabile COPIA C O M U N E D I T R E M E Z Z I N A Provincia di Como

Dettagli

Comune di TORRICELLA PELIGNA Provincia di Chieti

Comune di TORRICELLA PELIGNA Provincia di Chieti Comune di TORRICELLA PELIGNA Provincia di Chieti Deliberazione del Consiglio Comunale N. 42 del Reg. Data: 30.09.2012 OGGETTO: Imposta Municipale Propria (IMU). Variazioni aliquote (e detrazioni d imposta)

Dettagli

COMUNE DI TRAPPETO PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI TRAPPETO PROVINCIA DI PALERMO Di quanto sopra è redatto il presente verbale che, letto e confermato, viene sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to IL CONSIGLIERE ANZIANO IL SEGRETARIO COMUNALE f.to f.to REFERTO DI PUBBLICAZIONE Reg.Pubbl.

Dettagli

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente TASI (Tributo Servizi Indivisibili) Anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 131 DEL 29/07/2014 SEDUTA PUBBLICA OGGETTO

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 131 DEL 29/07/2014 SEDUTA PUBBLICA OGGETTO Comune di Campi Bisenzio Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 131 DEL 29/07/2014 SEDUTA PUBBLICA OGGETTO Addizionale Comunale IRPEF. Determinazione aliquote e soglia di esenzione

Dettagli

COMUNE DI BORGARELLO

COMUNE DI BORGARELLO COMUNE DI BORGARELLO PROVINCIA DI PAVIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Originale N 10 del 30-03-2015 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTE IMU ANNO 2015 L'anno duemilaquindici, addì trenta del mese

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni per l'applicazione dell'imposta municipale unica (IMU).

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni per l'applicazione dell'imposta municipale unica (IMU). VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 9 del 30/04/2014 OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni per l'applicazione dell'imposta municipale unica (IMU). L'anno DUEMILAQUATTORDICI,

Dettagli

COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA

COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 del Reg. OGGETTO: Imposta MUnicipale propria (IMU) Conferma aliquote per l anno

Dettagli

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova

COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova COMUNE DI SOLFERINO Provincia di Mantova N. 25 R.D. N. 2842 P.G. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (IMU) ANNO 2015: ALIQUOTE E DETRAZIONI. L anno duemilaquindici

Dettagli

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 19 Del 30-07-15 Oggetto: MODIFICA REGOLAMENTO IUC. L'anno duemilaquindici il giorno trenta del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 DEL 2/07/2013 OGGETTO : DETERMINAZIONE TARIFFE TARES ANNO 2013 L anno duemilatredici, addì due, del mese

Dettagli

CITTA di AVIGLIANA. Provincia di TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

CITTA di AVIGLIANA. Provincia di TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CITTA di AVIGLIANA Provincia di TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ESTRATTO N. 53 OGGETTO: ESERCIZIO FINANZIARIO 2014. TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). APPROVAZIONE TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI BOZZOLO (Provincia di Mantova)

COMUNE DI BOZZOLO (Provincia di Mantova) ORIGINALE COMUNE DI BOZZOLO (Provincia di Mantova) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza seconda di ordinaria convocazione N. 16 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI PER L APPLICAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.14

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.14 C o p i a A l b o VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.14 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI "TASI" 2014 L anno DUEMILAQUATTORDICI addì SETTE del mese di APRILE alle ore VENTI e

Dettagli

COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo

COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo Codice Ente: 10200 COMUNE DI SELVINO Provincia di Bergamo COPIA DELIBERAZIONE N. 21 in data 30/07/2014 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI COMPONENTE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 7 del 20/02/2015 ORIGINALE COMUNE DI CIGOGNOLA PROVINCIA DI PAVIA Tel. (0385) 284152-284153 - Fax 284153 Cod. Fisc. 84000590186 e P. IVA: 00475090189 C.A.P. 27040 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Delibera n 4 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF ANNO 2014: APPROVAZIONE DELLA RELATIVA ALIQUOTA. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano Tel 0534/38003 Fax 0534/37666

COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano Tel 0534/38003 Fax 0534/37666 COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano Tel 0534/38003 Fax 0534/37666 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 DEL 27/07/2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI BORGO PACE PROVINCIA DI PESARO E URBINO Codice ISTAT 041006

COMUNE DI BORGO PACE PROVINCIA DI PESARO E URBINO Codice ISTAT 041006 COMUNE DI BORGO PACE PROVINCIA DI PESARO E URBINO Codice ISTAT 041006 DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 29 del Registro del 01-09-14 OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU PER L'ANNO 2014

Dettagli

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 17 SEDUTA DEL OGGETTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamato l articolo 52, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997,

Dettagli

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A Numero 15 Del 05-08-14 Oggetto: Determinazione aliquote IMU - anno 2014. L'anno

Dettagli

Comune di Golasecca CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.14 DEL 14/05/2014

Comune di Golasecca CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.14 DEL 14/05/2014 Copia Comune di Golasecca PROVINCIA DI VARESE CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.14 DEL 14/05/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELL'ACCONTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) PER L'ANNO 2014 L anno

Dettagli

COMUNE DI VILLA D'OGNA

COMUNE DI VILLA D'OGNA COMUNE DI VILLA D'OGNA Provincia di Bergamo Codice Ente 10245 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Straordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica Sigla Numero Data C.C. 34 30-07-2014

Dettagli

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE INDIVISIBILI E TARIFFE TASI ANNO 2015 ESAME ED APPROVAZIONE

COMUNE DI CASTO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE INDIVISIBILI E TARIFFE TASI ANNO 2015 ESAME ED APPROVAZIONE COMUNE DI CASTO Provincia di Brescia COPIA Delibera n. 10 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: OGGETTO: PIANO ECONOMICO FINANZIARIO SERVIZI INDIVISIBILI E TARIFFE TASI ANNO 2015 ESAME

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI BUSANO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 16 del 20/07/2015 OGGETTO: TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)- CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2015 L anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI PERTENGO. Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO. Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI PERTENGO. Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO. Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Regione Piemonte Copia Provincia di Vercelli COMUNE DI PERTENGO Via A. Burocco, 28 13030 PERTENGO Deliberazione n.13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Municipale Propria

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 23 del 9 settembre 2014 OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 del Registro delle Deliberazioni Data 19/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DEL TRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI GROPPARELLO Provincia di Piacenza

COMUNE DI GROPPARELLO Provincia di Piacenza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. ATTO 18 ANNO 2015 SEDUTA DEL 28/07/2015 ORE 20:00 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA - IMU DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2015 ADUNANZA DI Prima SEDUTA pubblica

Dettagli

C O M U N E D I C A S A Z Z A PROVINCIA DI BERGAMO

C O M U N E D I C A S A Z Z A PROVINCIA DI BERGAMO C O M U N E D I C A S A Z Z A PROVINCIA DI BERGAMO P.zza della Pieve, 2-24060 Casazza - BG 035 81 60 60-035 81 26 88 - info@comune.casazza.bg.it P.Iva 00329540165 - C.f. 80016780167 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma

COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma COPIA COMUNE DI VICOVARO Provincia di Roma VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 23 del 10-03-2015 OGGETTO: D. Lgs. 15 novembre 1993, n. 507. Determinazione delle tariffe per l'applicazione

Dettagli

Comune di Marsicovetere

Comune di Marsicovetere Comune di Marsicovetere PROVINCIA DI POTENZA - DELIBERAZIONE COPIA DEL CONGLIO COMUNALE N. 13 DEL 31/03/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE TA (TRIBUTO SERVIZI INDIVIBILI) - ANNO 2015 L anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova Piazza IV Novembre 2 Telefono 010 931215 Fax 010 931628

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova Piazza IV Novembre 2 Telefono 010 931215 Fax 010 931628 COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova Piazza IV Novembre 2 Telefono 010 931215 Fax 010 931628 Adunanza del 23 giugno 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.. 17 Oggetto: Bilancio 2014

Dettagli

Comune di Petriano. (Provincia di Pesaro e Urbino) CONSIGLIO COMUNALE ********* COPIA DI DELIBERAZIONE

Comune di Petriano. (Provincia di Pesaro e Urbino) CONSIGLIO COMUNALE ********* COPIA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE ********* COPIA DI DELIBERAZIONE Numero 25 Data 27-09- 2014 Oggetto: I.M.U. (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA) APPROVAZIONE ALIQUOTE PER ANNO 2014 L'anno duemilaquattordici il giorno ventisette

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO DELIBERAZIONE N. 5 ORIGINALE COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONFERMA TARIFFE IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese

C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese C O M U N E D I C U V I O Provincia di Varese DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 20 del 28-07-14 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014.

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 42 del 09/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI proposta n 8198 OGGETTO APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI SINDACO Anche qui, cercando di non ripetere sempre le stesse cose, l aliquota della Tasi è costruita per andare a colpire esclusivamente la prima casa

Dettagli

COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano

COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano COMUNE DI ASSAGO Provincia di Milano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 29 Data 15/07/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2015. L anno 2015,il

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 04/08/2015

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 04/08/2015 CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ONLINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332 576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI FRANCOLISE PROVINCIA DI CASERTA COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 del Reg. Data 28/08/2014 OGGETTO: Addizionale comunale all Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).

Dettagli

C O M U N E D I A L L U M I E R E

C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO Battilocchio Augusto Dottoressa Trojsi Francesca ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Nibbiano P R O V I N C I A P I A C E N Z A DELIBERAZIONE N 23 ADUNANZA DEL 25-07-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente IMU anno 2014. L anno duemilaquattordici addì nove del

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 11 del 16.05.2014 Premesso che: a) in attuazione della legge 5 maggio 2009, n. 42, con il decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 sono state approvate le disposizioni in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2015.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2015. COPIA COMUNE di PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d'arte Deliberazione n. 17 del 30/04/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di prima convocazione - seduta Pubblica

Dettagli

C O M U N E D I S U C C I V O ( P R O V I N C I A D I C A S E R T A) A F F A R I G E N E R A L I

C O M U N E D I S U C C I V O ( P R O V I N C I A D I C A S E R T A) A F F A R I G E N E R A L I C O M U N E D I S U C C I V O ( P R O V I N C I A D I C A S E R T A) A F F A R I G E N E R A L I COPIA ** DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 202 ** Oggetto n. 39 del 4 ottobre 202 MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como

COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE Codice Ente n. 10669 DELIBERAZIONE NUMERO 23 DEL 27-11-13 PROT. N. Oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'I.R.P.E.F.

Dettagli