Comune di Settala Provincia di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Settala Provincia di Milano"

Transcript

1 Comune di Settala Provincia di Milano C.C. Nro 22 del COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. L anno duemilaquindici, addì trentuno del mese di marzo, nella consueta sala delle adunanze e nel rispetto delle formalità prescritte dalla normativa vigente in materia, è stato convocato il Consiglio Comunale, in grado di Prima Convocazione e in Sessione Ordinaria Il Consiglio Comunale inizia i propri lavori alle ore 20:30 circa. Accertate le presenze, risultano: Carlo Andrea P Belloni Marco P Crotti Emanuela P Ferretti Claudio Maurizio P Verdone Teresa P Mercanti Alessandra P Broccoli Yuri P Tagliaferri Alessio P Aiello Enzo P Brancato Antonio P Rivadossi Patrizio P Rebuzzini Maria Elena P Pennetta Walter P Nro Presenti: 13 Nro Assenti: 0 Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE, Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA. Il Presidente della seduta, Sig. Carlo Andrea, constatata la validità del numero legale, pone in discussione l argomento segnato in oggetto.

2 DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 22 IN DATA OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. Il punto all ordine del giorno viene illustrato, trattato, discusso e votato secondo quanto risulta dall estratto della trascrizione integrale della seduta allegato al presente atto e contraddistinto con il N. 1. La trascrizione è stata effettuata da impresa specializzata nel settore. Successivamente, IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la proposta di deliberazione di Consiglio Comunale N. 18 in data 04 Marzo 2015, redatta dal Settore Economico-Finanziario, avente ad oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. ; Ritenuto di provvedere in merito; Visto l art. 42 del D.L. vo N. 267/2000; Dato atto che sono stati acquisiti, ai sensi dell art. 49 I comma e 147 bis I comma - del D.L.vo N. 267/2000, i pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile sulla proposta della presente deliberazione, espressi nel documento allegato al presente provvedimento e contraddistinto con il N. 2; Acquisito altresì il parere favorevole del Revisore Unico dei Conti in ordine alla proposta della presente deliberazione, espresso nel documento allegato al presente provvedimento e contraddistinto con il N. 2-bis; Con la seguente votazione in forma palese: Consiglieri presenti: N. 13; Consiglieri votanti: N. 13; Consiglieri astenuti: nessuno; Voti favorevoli: N. 9; Voti contrari: N. 4 (Alessandra Mercanti, Alessio Tagliaferri, Antonio Brancato, Maria Elena Rebuzzini); Quindi, sulla base della votazione e su conforme proclamazione del Sindaco,

3 DELIBERA Per le ragioni in narrativa esplicitate, di approvare la proposta di deliberazione N. 18 in data 04 Marzo 2015 (allegata al presente provvedimento e contraddistinta con il N. 3), avente ad oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE.. Successivamente, IL CONSIGLIO COMUNALE Stante l urgenza di provvedere; Visto l art comma IV - del D.L.vo N. 267/2000; Con la seguente votazione in forma palese: Consiglieri presenti: N. 13; Consiglieri votanti: N. 13; Consiglieri astenuti: nessuno; Voti favorevoli: N. 9; Voti contrari: N. 4 (Alessandra Mercanti, Alessio Tagliaferri, Antonio Brancato, Maria Elena Rebuzzini); DELIBERA Di rendere il presente atto immediatamente eseguibile.

4 ALLEGATO N. 1 ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 IN DATA SINDACO Prego ragioniere. RAG. PROVENZI Qui non c'è molto da aggiungere a quello che già avete anticipato per problemi di equilibri di bilancio l'amministrazione ha deciso di aumentare l'aliquota deliberata lo scorso anno. Portandola dallo 06 allo 08 per cento sui redditi delle persone fisiche, residenti a Settala. Conseguentemente occorre modificare due articoli di riferimento del regolamento, l'aliquota viene portata dallo 06 allo 08, e rimane ferma l'esenzione per i redditi fino a 15 mila Euro. Il maggiore gettito che l'incremento dell'aliquota ci permette di iscrivere a bilancio è pari a 140 mila Euro, quindi l'importo stanziato e accertato lo scorso anno da 425 mila Euro passa a 565 mila Euro. Non c'è altro da aggiungere. SINDACO Prego, richieste di intervento sul punto? Consigliere Tagliaferri, prego. CONS. TAGLIAFERRI Grazie. Non ci ripetiamo, sono le cose che ci siamo già detti sia all'interno di questo Consiglio sia che abbiamo già affrontato l'anno scorso quando è stata messa l'aliquota comunale, temevamo l'anno scorso quanto è accaduto nel senso per come stanno le cose, per come sono andate in questi anni sicuramente un giorno arriveremo a una aliquota comunale IRPEF, al massimo e quindi questo non ci può che dispiacere, è una cosa contro cui abbiamo lottato e che non possiamo che ribadire. L'aliquota massima poi bisogna valutare il fatto che a nostro parere l'asticella per le esenzioni è troppo bassa, quindi e nessuno può godere di questo tipo di esenzioni, quindi tutti i lavoratori avranno questa aliquota massima comunale, e poi è retroattiva, giusto? Quindi tutti i lavoratori hanno già questa tassazione da gennaio, ecco, quindi è un discorso che avevamo già fatto e secondo le peggiori previsioni più normali noi avevamo detto se è stata messa allo 06 un giorno purtroppo verrà messa al massimo e questo è avvenuto. SINDACO Altre richieste di intervento? Prego. Ma giusto due precisazioni rispetto a quello che ha detto il Consigliere Tagliaferri in poi, comunque torneremo a parlarne credo nel punto successivo che riguarda il bilancio di previsione.

5 Lo 06, 08 beh, lo 06 è stato introdotto due anni fa, l'anno scorso l'abbiamo confermato perché gli equilibri di bilancio ce l'hanno concesso. Quest'anno purtroppo non è stato così, poi vi darò il quadro nel punto successivo di tutte le voci che hanno determinato anche questa scelta che per noi è stata obbligatoria, o comunque è stata una scelta rispetto a altre. Porterà nelle casse come ha ricordato il ragioniere 140 mila Euro, poi per quanto riguarda l'esenzione, beh, dai dati che abbiamo noi, è vero non sono quelli aggiornati al 2014, però brutto dirlo, ma purtroppo la popolazione di Settala non è certo una popolazione che gode di agi particolari. Da quello che abbiamo come dati sui 4 mila e 309 contribuenti, è vero è un dato di qualche anno fa, ma sicuramente il tenore di vita si è abbassato non si è alzato. Sino ai 15 mila abbiamo circa un migliaio di persone, come dichiaranti per cui vuole dire che è un 25 per cento buono dei dichiaranti, che vanno esenti, ora se questo è poco va bene, è una valutazione oggettiva, ci sta, sono... cioè scusa soggettiva, ognuno la vede a modo suo. Tenuto conto che se teniamo come parametro di riferimenti 30 mila lordi, sto parlando di lordi eh? Come guadagno medio di un cittadino di Settala, eh, beh, tre quarti della popolazione è sotto. Tre quarti, è vero, anche perché abbiamo dovuto rivedere al ribasso le nostre previsioni di incasso relativamente all'addizionale, intendiamoci, non le facciamo noi eh. È il Ministero dell'economia e la finanza che indica quello che è la presunzione di incasso introducendo l'addizionale. E ci siamo resi conto che quello che prevedeva il Ministero è anche più basso della più bassa previsione che ci avevano fornito, perché, perché la vita oggi è diventata più complessa e quindi le persone guadagnano meno, perdono il lavoro, insomma, i problemi sociali e economici li conosciamo tutti. Garantire quindi su dati vecchi, probabilmente saranno aumentati, magari sono diminuiti con onestà devo dire che il dato non ce l'ho al 2014, sicuramente un terzo della popolazione o meglio dei contribuenti andrà esente. Il resto subirà l'aumento, poi tra le varie imposte, tasse, tariffe, chiamiamole come vogliamo, soldi che chiediamo ai cittadini, quella della addizionale permettete il termine improprio legato a una tassa, è la più equa. Okay? Cioè tra le varie cose che si possono imporre ai cittadini questa è quella che rispecchia in maniera più lineare l'andamento di una comunità, perché è legata al reddito, chi più ha più contribuisce. E tra le varie scelte piuttosto che colpire la casa, piuttosto che colpire sulla tassa... non si poteva eh,

6 per carità, se potevamo alzavo ancora l'imu, e qualcuno dirà che se avessimo potuto l'avremmo fatto. Provocazione, questa è quella più equa. Perché, perché in un momento difficile si chiede un sacrificio a tutti. Poi ci confronteremo se era necessario o meno nel punto successivo. La nostra scelta è stata questa che è una ridistribuzione di un peso sull'intera comunità. Poi se ci sono altre richieste di intervento prego. Consigliere Mercanti prego. CONS. MERCANTI Noi sull'addizionale ne abbiamo discusso anche questo è un tema su cui abbiamo discusso molto, e che fosse la tassa più equa tra virgolette da applicare in un situazione di difficoltà economica dell'ente lo abbiamo sempre sostenuto, anche in tempi non sospetti quando si potevano fare altri tipi di scelte e non sono state fatte e si è andati invece nella direzione di tassare comunque gli immobili. Ne discutevamo già da qualche anno no? Della addizionale IRPEF, sicuramente è un po' la filosofia che noi stiamo cercando di fare passare, quella della applicazione dell'addizionale IRPEF cioè in un momento di effettiva crisi economica chi più ha più deve contribuire all'andamento della comunità, e al sostentamento del proprio Comune, questo è un dato di fatto. Poi si apre tutto il dibattito rispetto alla dichiarazioni, perché sicuramente noi non saremo un Comune con un tessuto sociale particolarmente solido, questo sono d'accordo. Però che il 25 per cento, non lo conoscevo questo dato, che il 25 per cento dichiari di guadagnare meno di 1100 Euro, 1200 Euro netti al mese, mi lascia un pochino così insomma ho qualche perplessità, però il 25 per cento ci può stare, adesso non... è un dato, bisogna, si apre tutto quel tema dei controlli che è un tema sicuramente importante che tutti conosciamo in diversi settori anche sui servizi sociali, insomma è un tema che abbiamo già affrontato no? La questione della verifica delle dichiarazioni contributive. Quello che ci lascia un po' così è la fascia di esenzione, l'abbiamo detto anche l'anno scorso, anche confrontandoci con realtà a noi vicine, le scelte stanno andando nella direzione di applicare le addizionali e ormai siamo arrivati al massimo da molte parti effettivamente, però ci sono fasce di applicazione progressive, si tende a applicare da a una aliquota, da a un'altra aliquota e oltre a una certa cifra l'aliquota massima. Ora io capisco che questo tipo di scelta potrebbe comportare una riduzione dell'introito, se oggi l'addizionale conta 70 mila Euro a punto, probabilmente una scelta di questo tipo potrebbe farci, anzi sicuramente ci farebbe perdere per strada una parte degli oneri che incameriamo, però sarebbe

7 una scelta di equità sociale perché effettivamente 15 mila Euro è una soglia che è molto vicina alla sopravvivenza, adesso 800 Euro al mese che i pensionati piuttosto che gli operai, cioè è il guadagno però fanno una vita di stenti e sacrifici perché vivere con 800 Euro al mese è tutto altro, oggi nella nostra società è tutto altro che facile, quindi significa che se uno guadagna 1200 Euro al mese paga l'addizionale IRPEF al massimo. Perché più o meno siamo intorno a questo ordine no? E anche 1100 ecco appunto e anche 1100 Euro non sono uno stipendio da ricchi, quindi la nostra considerazione era relativa alla fascia di esenzione, non all'imposta per la quale abbiamo sempre detto che insomma era la tassa effettivamente più equa. Noi chiediamo per quest'anno ormai è andata così, però in proiezione, in prospettiva piuttosto che diminuire l'imposta, piuttosto che tornare indietro laddove si può, piuttosto che diminuire l'imposta alzare le esenzioni perché quella è una scelta di equità sociale vera, la scelta di aumentarla allo 08 è dovuta alle necessità di bilancio, e quindi insomma non stiamo a discutere... rispetto alla scelta della tassazione sulle attività credo che questa sia una scelta più corretta perché chi il posto di lavoro non ce l'ha, non la paga. E quindi è una scelta di equità vera, chi guadagna 100 mila Euro l'anno paga per 100 mila, il problema è la fascia di esenzione che secondo noi, ma secondo conteggi minimi, è bassa. E poi una provocazione, ma giusto per così discuterne, su uno stipendio di 1200 Euro al mese, ci piacerebbe, io non lo so proprio fare, sono a zero in matematica, quanto incide l'addizionale, quindi su uno stipendio diciamo lo 08 per mille più o meno quanto è, all'anno. Okay, 96 Euro all'anno. Ipotizziamo, la lanciamo come... quindi significa più o meno 8-9 Euro al mese. Più o meno. Ora il famoso trasporto scolastico che tanto ci scandalizza e che tanto ci fa discutere e che tanto sembra andare a toccare la sensibilità di qualcuno, probabilmente quella famiglia a cui avremmo chiesto 10 Euro al mese per trasportargli il bambino e paradosso, avessimo fatto la scelta di non aumentare o di non applicare l'addizionale IRPEF, avrebbe speso meno, perché ipotizziamo di chiedergli 10 Euro al mese per i 9 mesi di trasporto scolastico, più o meno, 90 Euro. Siamo lì, certo che siamo lì, il problema vero (intervento fuori microfono) va beh, 10 Euro secondo me... rispetto alle iscrizioni che c'erano state quando avevi messo il pagamento avresti dimezzato il costo del trasporto perché il costo del trasporto oggi è molto alto perché la richiesta è molto alta e quindi significa che bisogna coprire un determinato servizio. È sempre il famoso discorso della valutazione costi benefici e soprattutto dare una risposta a una esigenza vera, reale, concreta, cioè voglio solo dire che nel momento in cui tu fai una scelta di non

8 applicare, di non fare pagare il trasporto, ma poi metti l'addizionale IRPEF, di fatto quella famiglia 100 Euro l'anno li spende comunque, ce li ha comunque come costo vero. Anzi, anzi se sono fortunati pagano 100 Euro il marito e 100 Euro la moglie, quindi pagano 200 Euro. Se sono fortunati. Perché significa che lavorano tutti e due e guadagnano tutti e due 1200 Euro al mese e quindi questa è una fortuna. Magari scelte di... adesso parlavo del trasporto, ma ti prego non fermarti al trasporto, è un ragionamento complessivo sul recupero dei servizi a domanda individuale, probabilmente scelte che vanno in una certa direzione poi alla fine dell'anno per la famiglia possono comportare dei risparmi perché se io oggi spendo, ripeto 200 Euro perché lavoriamo in due, se tu mi fai pagare il trasporto e mi aumenti, non lo so il costo del pasto, probabilmente spendo comunque meno, è chiaro che è una scelta nel momento in cui i soldi mancano, ripeto, meglio l'addizionale IRPEF e ragionare sulle detrazioni, però è una provocazione per comunque ragionare tutti sull'impatto che poi questa tassazione di fatto ha sulle famiglie che è una tassazione reale e che noi va beh, quest'anno colpiamo uno e l'altro perché un pochino aumentano anche i servizi a domanda individuale. Due in particolare, la mensa. Però ecco secondo me bisogna ragionare su questo aspetto. SINDACO Assessore Lupi, prego. ASS. LUPI Molto brevemente, intanto cioè adesso sentendo l'intervento della Consigliere Mercanti, i servizi a domanda individuale in generale si rivolgono alle famiglie, a un certo numero di famiglie. Giustamente l'hai detto, l'addizionale IRPEF è più equa nel carico fiscale. E quindi parlare di addizionale IRPEF, anziché aumentare l'addizionale recuperare su determinati servizi, tu nei servizi coinvolgi un numero ristretto di famiglie. Perché la platea dei dichiaranti se noi guardiamo, il dato ultimo a disposizione del 2011 sono 4309 dichiaranti in Settala. Mentre i servizi a domanda individuale sono, il numero delle famiglie è molto, molto più ristretto. Al di là di questo noi applichiamo l'addizionale IRPEF dal 2013, per la prima volta. Fino a quando non l'abbiamo applicata noi nei ragionamenti della tassazione si affrontava l'argomento e si diceva: l'addizionale per un punto per mille vale 92 mila Euro, esentando sempre 15 mila Euro di imponibile.

9 E quindi una certa fascia di popolazione esentata. Quando siamo al momento di applicarla scopriamo, ma questi 92 mila Euro che dicevo, sono confermati dai dati anche del 2011, perché guardiamo le fasce di reddito, il numero delle fasce di reddito l'imponibile complessivo dovrebbe risultare 92 mila Euro, almeno. Scopriamo invece che il Ministero ci risponde che dal 2013 perché nella previsione iniziale avevamo messo una previsione maggiore, dal 2013 dice: no, il vostro punto vale 70 e qualcosa, circa 70 mila Euro. E quindi capite che sono 20 e passa mila Euro di differenza. Ora io mi chiedo, mi chiedo, o il reddito dei settalesi è un dato in picchiata dal 2013 oppure c'è qualcosa che non quadra. Io chiederò di nuovo al ragioniere, all'ufficio perché faccia richiesta di chiarimenti ulteriori, perché se i dati che abbiamo a disposizione quelli che si leggono in internet sono dati ufficiali, l'ultimo è del 2011, fra l'altro si scopre che il reddito medio di Settala è bassino, è uno dei più bassi della provincia di Milano. E siamo di 2 mila Euro sotto la media di quello regionale. Questo come reddito pro capite. Siamo leggermente superiori al reddito medio nazionale ma di Euro. Quindi capite che io vi sto dando dei dati dove il punto per mille di addizionale varrebbe 92 mila Euro. Invece scopriamo dall'anno scorso, l'anno scorso dai dati ufficiali del Ministero, che il nostro punto di addizionale vale 70 e poco più mille Euro, ecco perché prevediamo giustamente prudenzialmente perché c'è un dato comunicatoci dal Ministero, e ci atteniamo a quello. Prevediamo 545 mila... 8 per mila Euro. Ecco questo è un dato che dovrebbe fare riflettere e complessivamente sarà curioso vedere poi e indagheremo anche in maniera più approfondita perché i dati complessivi di reddito non corrispondono al reale introito di addizionale. SINDACO Altre richieste di intervento, prego. Sì Consigliere Mercanti. CONS. MERCANTI Sì, no è assolutamente un discorso reale, quello che faceva Tarcisio prima, è chiaro che è così, ma quando noi facevamo il ragionamento prima delle attività produttive e noi abbiamo sul nostro territorio, avevamo sul nostro territorio tante attività produttive che, questo è un dato diciamo vecchio, perché è un dato più o meno del 2005, ma occupavano circa il 15 per cento della forza lavoro del territorio, questo è un dato fermo al 2005, quindi è chiaro, non bisogna prenderlo come

10 dato, però nel momento in cui le aziende chiudono e chiudono perché... chiudono cioè basta fare un giro sul nostro territorio, e le aziende chiudono, ne abbiamo avuti due o tre casi eclatanti qualche anno fa di sistemazione di ridimensionamento del personale, mi viene in mente la Ingram, mi vengono in mente alcune aziende comunque importanti del nostro... mi viene in mente l'indena che comunque ha fatto una riorganizzazione del personale, è chiaro che poi nel momento in cui perdi il lavoro, perdi il lavoro e sicuramente, io non sono qui a dire che è colpa solo della tassazione locale, cioè non sto dicendo che la Ingram ha lasciato a casa 30 persone, 20 persone di Settala perché noi gli abbiamo messo l'imu sul capannone, non sto facendo un ragionamento così di basso livello, vi prego, lì non ci arrivo. Però complessivamente le piccole e le medie imprese, io ci ritorno perché veramente credo che sia il problema e il nodo di questo bilancio, le piccole e le medie imprese che assumono un dipendente di Settala, che hanno l'impiegata, che hanno l'operaio, che hanno il mulettista, che abita qui, e che si trovano un aumento della tassazione e l'imu gli incide mila Euro sul bilancio della propria azienda, fa una scelta di tipo diverso, una persona qui, una persona là, cioè se noi avevamo il 15 per cento di occupati dalle nostre aziende e oggi siamo nella situazione che ci disegna prima Tarcisio e dobbiamo farcela una domanda. E probabilmente dovremmo nel nostro bilancio secondo me, questa è una posizione mia, fare una scelta che in prospettiva porti dei benefici, che magari nel breve può sembrare difficoltosa da affrontare perché significa andare a toccare servizi consolidati, fare una scelta di tassazione alle persone fisiche diversa, cioè significa fare delle scelte politiche diverse da quelle che abbiamo fatto fino adesso. Ma che nel lungo periodo ci porta a recuperare quei 20 mila Euro che diceva Tarcisio perché nel momento in cui la gente è occupata, l'addizionale IRPEF te la paga, nel momento in cui non è occupata, non te la paga, e è solamente la piccola e la media... io sono convinta di questo, anche a livello nazionale, io sono convinta che sia solo la piccola e media impresa che può fare ripartire questo paese. Se cominciamo a fare il governo, non noi, ma se il governo comincia a fare una politica di agevolazione alle piccole e alle medie imprese al di là dell'esenzione dei contributi per chi assume per i primi due anni che non è quello il problema vero, il problema è complessivo perché quando l'energia costa tantissimo e quindi illuminare un capannone costa come illuminare lo stadio di San Siro eh, beh, probabilmente qualche problema c'è, il costo dell'energia, i trasporti, tutto quello che insomma conosciamo, è inutile che stiamo qui a discuterne. Però noi nel nostro piccolo secondo me qualcosa possiamo fare, perché può sembrare che in un certo momento ti manchino mila Euro ma poi in prospettiva tu se riesci a occupare gente

11 del territorio quelle risorse le recuperi e il dato che diceva Tarcisio secondo me non può essere letto in maniera scollegata da quello che abbiamo visto prima relativo alle attività produttive, perché se l'occupazione cala, le aziende chiudono ripeto, non fatemi dire non è solo colpa dell'imu al massimo, non è questo il problema, però anche noi ci abbiamo messo la nostra zeppetta, probabilmente un aiuto di tipo diverso avrebbe contribuito magari a cercare per le attività di tirare avanti un anno o due in una situazione sicuramente di crisi e di difficoltà. SINDACO Altre richieste di interventi? Giusto una parola su quello che è stato detto, benissimo, più o meno siamo al punto dove eravamo circa un'oretta fa, okay. Ci può stare quello che è stato detto dalla Consigliere Mercanti e la posizione dell'opposizione, però qui manca un tassello che è fondamentale, l'autonomia economica e finanziaria del Comune. Perché se un Comune non parlo di Settala, in generale, tutti le migliaia di Comuni che ci sono sparsi in Italia avessero la capacità di gestire le loro risorse in autonomia, quelle provengono dal territorio, badiamo bene, non quelle, non quegli enti che magari dipendono ancora dallo Stato, ormai credo che ce ne siano veramente pochi, Settala sicuramente non è uno di questi. Faremmo tranquillamente a meno di quei pochi trasferimenti, sono rimasti neanche 30 mila Euro che lo Stato ci gira, ma va bene, eh, cioè per carità. Ma se noi avessimo quella autonomia e non ci trovassimo ogni anno a dovere rincorrere mancate risorse di questo, raccolte su questo territorio, da dovere ridistribuire allo Stato per tutti i motivi che conosciamo, indebitamento pubblico e quanto altro, forse si potrebbe pensare a un ragionamento come quello fatto dall'opposizione. Ma la realtà è questa. Allora diventa una scelta di dove andare a parare. Non diventa una scelta su che cosa vuoi investire perché è una forma mentis completamente diversa. Noi qui non stiamo pensando dove investiamo le risorse dell'ente per favorire questa o quella classe sociale o questa o quella attività, questo o quel gruppo. Noi dobbiamo semplicemente oggi lavorare, sembra brutto dirlo, in difesa, dire oggi lo status quo di Settala è questo, cerchiamo di non appesantire dove possiamo le imprese, un esempio è stato fatto, sulla Tari, l'abbiamo fatto. Vogliamo diminuire l'imu, però colpiamo le persone fisiche. Nel frattempo che si riprende l'economia che poi è macroeconomia, non microeconomia, ci saranno altre sofferenze da dovere compensare sul tessuto sociale quindi è un equilibrio molto delicato. Si dice: investiamo nel favorire la diminuzione della tassazione sulle imprese, d'accordissimo, togliamo quella che è la quota che viene al Comune, sono 560 mila Euro, una sciocchezza. 500 mila bisogna recuperarli da qualche altra parte. Allora discutiamo di servizi, non parliamo del solito trasporto.

12 Teniamone fuori altri. Però quei servizi sono fondamentali per quelle persone che oggi in difficoltà economiche non hanno la capacità di sopravvivere allora tu trovi un equilibrio, dove vuoi intervieni e è quello che é stato fatto, e poi ne discutiamo dopo. Su questo bilancio di previsione, noi ci siamo trovati anche quest'anno, nonostante che si pensava e ogni anno lo si dice eh, per carità, dovere di cronaca, come si suole dire, è l'anno peggiore. Mi manca un milione, un milione e due, e dove lo andiamo a trovare se poi pensiamo di ridurre quella tassazione che oggi c'è già, e su cui ne facciamo conto sperando come hai detto che paghino, che facciano il loro dovere, che sopravvivano, persone e aziende. Altrimenti non ne usciamo più. Ora cambierà l'autonomia degli enti? E noi torneremo a fare il nostro mestiere, e torneremo a fare il nostro mestiere. Le tasse le abbiamo introdotte? Mai, e questo credo che ormai la gente lo conosca e sia chiaro, perché abbiamo creato buchi, debiti fuori bilancio, perché abbiamo fatto degli investimenti a rate. Sono sempre risorse che dobbiamo racimolare per conto terzi, se vogliamo dire così. E questo non è cambiato quest'anno, poi adesso ci entriamo nel merito. Per cui anche volere dire tassazione con fasce diverse e manca anche un introito lì. Perché fare le fasce cuba detto volgarmente, un introito inferiore per le casse comunali. Ma se noi consideriamo quella che è la natura del nostro tessuto sociale, della nostra comunità, servizi diventano ancora più fondamentali, perché lo si è detto, abbiamo un tessuto sociale economicamente verso il basso, e sono le fasce più esposte che necessitano maggiormente di servizi, se noi tagliamo ancora su quello, è vero che non ci sarà il lavoro perché le imprese chiuderanno però a queste persone dovremo dare anche delle risposte. È lì che è l'equilibrio di cui parlavo prima. Avessimo un tessuto sociale ricco, certo che potremmo fare ragionamenti differenti, non c'è, tre quarti della nostra popolazione contribuente e poi ci mettiamo i minori a carico è sotto una determinata soglia, allora di queste persone dobbiamo occuparci come anche delle imprese, per carità. Modificare determinate aliquote su altri vuole dire poi ripercuoterle su qualche altra classe sociale, su qualche altra fascia sociale. Quando diceva la Consigliera Mercanti ragionando, parliamo della mensa, vogliamo fare il recupero a 100, vogliamo recuperare sul trasporto metà di quello che può costare, si parla di fare un... quest'anno a esempio avessimo voluto introdurre anche il costo del trasporto, quattro mesi, perché parte a settembre, che benefici hai, semmai si parte, mai lo avremo. Perché poi l'introduzione di una aliquota su un servizio il beneficio arriva nell'anno dopo perché è l'anno pieno.

13 Vogliamo mettere come hai detto 10 Euro? Noi abbiamo 260 oggi studenti che si muovono con i nostri mezzi. Scusa? 278, precisazione, ho sbagliato, ricordavo quando facevo l'assessore, 278 studenti, a 10 Euro è facile fare il conto per dieci mesi. Oggi il servizio costa 205 mila Euro, okay. Un 10 per cento lo recuperiamo, no, no, lo recuperiamo per carità e però questo non avrebbe scongiurato l'aumento dell'addizionale e quindi queste famiglie si sarebbero trovate l'aumento della mensa di cui parcheremo, addizionale comunque a carico e in più il trasporto, poi tra un anno avremo recuperato mezzo punto di addizionale e però attenzione, quali sono le fasce più esposte della nostra comunità, famiglie con figli? Anziani? E questa è una scelta anche di equità. Introdurlo può essere giusto. E sui servizi a domanda individuale va fatta una riflessione e l'abbiamo iniziata. Anche confrontandoci con voi su alcuni. Però attenzione, il fatto di introdurla o di aumentare determinate tariffe sicuramente quest'anno non avrebbe impegnato l'aumento dell'addizionale perché non sarebbero tornati i conti, l'anno prossimo, oddio, se facciamo i conti a 200 studenti perché poi non tutti si iscriveranno quando diventerà a pagamento, 200 studenti per recuperare solo 100 mila Euro, sono 50 Euro al mese eh, neanche quello? Ne costa 200. E no, sbagli impostazione, (intervento fuori microfono) non ti costa più 205, ti costerà 100. A meno che non licenziamo anche i dipendenti, va beh, allora per carità, io 100 li metto sempre in conto, sono i nostri dipendenti con i mezzi. Recupererò, si abbasserà il costo del servizio, lo riduciamo, però 50 Euro bisogna che per fare quadrare i conti, se vogliamo un recupero efficiente, facciamo 20 Euro, facciamo 20 Euro. Di quanto l'abbassiamo. Ma comunque il trasporto è necessario. Per cui ne recupereremo mila, e ma non si abbasserà di 100 mila il servizio. Per cui quell'aumento ci sarà, e a queste persone chiederemo anche un contributo, per cui togliere, esentando parte dell'addizionale si ripercuoterà sulla gestione dei servizi, è lì che ci vuole l'equilibrio. Ora, io ho una idea e l'ho sempre fatta presente in tutte le sedi e anche quando ci siamo confrontati, la politica dei servizi a domanda individuale è una politica tariffaria che non può essere fatta nel breve periodo, ma necessita di vari step, si sta partendo oggi, uno l'abbiamo toccato, a malincuore però l'abbiamo dovuto fare e l'abbiamo fatto e abbiamo avuto il coraggio come si chiariva prima. Un altro abbiamo iniziato a lavorarci e a breve pensiamo di chiudere, che sono i due più costosi,

14 nido e mensa, trasporto e ci arriveremo, ma le famiglie se vengono gravate di colpo di 100 Euro al mese in più di costi, senza che porti beneficio per tagliare tasse da qualche altra parte diventa un rischio sociale eh. Poi nel lungo periodo funziona ma è graduale. Questo è l'opinione e è la linea che ha seguito questa maggioranza. Ma poi faccio l'introduzione al bilancio e ci confronteremo anche su questo. Ho divagato e chiedo scusa. No perdonatemi. Scusate, perché (intervento fuori microfono) sì, se c'è qualche altro intervento prego. C'è qualche altro... (intervento fuori microfono) è colpa mia, perdonatemi. (intervento fuori microfono) Assessore Verdone, Consigliere Mercanti dai, che siamo ancora a metà Consiglio. Ci sono altri interventi? Ho detto basta a tutti e due. (intervento fuori microfono) Teresa per cortesia, sì, va bene, se ci sono altri interventi... è colpa di Pennetta del Consigliere. Ci sono altri interventi? No. Metto in votazione il punto, chi è favorevole è pregato di alzare la mano. La maggioranza. Chi è contrario? 4 voti dell'opposizione. L'immediata eseguibilità chi è favorevole? Chi è contrario? L'opposizione. A questo punto passiamo al punto... okay, scusatemi.

15 COMUNE di SETTALA PROVINCIA DI MILANO Via Giuseppe Verdi N. 8/c Settala (MI) Tel. 02/ r.a. - fax 02/ Cod. Fisc Part. I.V.A ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 22 IN DATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI C.C. N. 18 IN DATA OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. PARERI AI SENSI DELL ART. 49, COMMA I, E 147 BIS, COMMA I, D.L.VO N. 267/2000 PARERE IN ORDINE ALLA REGOLARITA' TECNICA: - Si esprime parere Favorevole in ordine alla proposta in oggetto. Settala, li Il Responsabile del Settore PROVENZI IVANO PARERE IN ORDINE ALLA REGOLARITA' CONTABILE: - Si esprime parere Favorevole in ordine alla proposta in oggetto. Settala, li Il Responsabile del Settore PROVENZI IVANO

16 ALLEGATO N. 3 ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 22 IN DATA COMUNE di SETTALA PROVINCIA DI MILANO Via Giuseppe Verdi N. 8/c Settala (MI) Tel. 02/ r.a. - fax 02/ Cod. Fisc Part. I.V.A PROPOSTA DI DELIBERAZIONE N. 18 IN DATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE AVENTE AD OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE, ALIQUOTA E SOGLIA DI ESENZIONE PER L'ANNO CONTESTUALE E CORRELATA RIVISITAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. Premesso che: con decreto legislativo del 28 settembre 1998, n. 360 e successive modifiche, è stata istituita a decorrere del 1 gennaio 1999, l'addizionale provinciale e comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche; con deliberazione di C.C. n.22 del ad oggetto Approvazione regolamento e istituzione dell addizionale comunale all IRPEF è stata istituita ed è stato approvato il correlato regolamento, nell'ambito della potestà regolamentare prevista dall'art. 52 del D.Lgs n. 446, per l'applicazione dell'aliquota dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF); con deliberazione di C.C. n. 50 del ad oggetto Addizionale Comunale all Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche. Conferma aliquota e soglia di esenzione per l anno 2014 è stata confermata anche per l anno 2014 l aliquota e la soglia di esenzione dell addizionale già in vigore nel 2013, così come approvate con deliberazione di C.C. n. 51 del ; Dato atto che per l anno 2015 si ritiene necessario, incrementare l aliquota dell addizionale Comunale IRPEF nella misura dallo 0,6% allo 0,8%, mantenendo una soglia di esenzione per i redditi annui non superiori ad ,00, al fine di finanziare le spese correnti previste nel Bilancio 2015 e reperire le risorse necessarie per continuare a garantire i servizi fino ad oggi offerti, evitando una sostanziale paralisi delle attività gestionale, con conseguenti gravi danni nei confronti dell Ente stesso e della comunità amministrata, rispettando contestualmente le regole di finanza pubblica sugli equilibri di bilancio e sul patto di stabilità; Ritenuto pertanto opportuno, alla luce di quanto sopra esposto, procedere alla rivisitazione del vigente Regolamento per la disciplina dell Addizionale Comunale all IRPEF, approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del , modificando gli artt. 3 e 4 relativi alla determinazione dell'imposta e decorrenza dell aliquota dell addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) incrementandola, a partire dal 1 gennaio 2015, dallo 0,6% allo 0,8%, confermando la soglia di esenzione stabilita per redditi annui non superiori a ,00; Rilevato che ai sensi dell'art. 27, comma 8, della Legge n. 448/2001 il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali, compresa l'aliquota dell'addizionale comunale all'irpef e le tariffe dei servizi pubblici, nonché per approvare i regolamenti relativi alle entrate degli Enti Locali, è stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del Bilancio di Previsione e che

17 comunque questi avranno effetto, anche se approvati successivamente a tale data, dal 1 gennaio dell'anno di riferimento; Richiamato l articolo 13, comma 15, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, conv. in legge n. 214/2011, il quale testualmente recita: A decorrere dall'anno d'imposta 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Ministero dell'economia e delle finanze, Dipartimento delle finanze, entro il termine di cui all'articolo 52, comma 2, del decreto legislativo n. 446 del 1997, e comunque entro trenta giorni dalla data di scadenza del termine previsto per l'approvazione del bilancio di previsione ; Visto il nuovo schema di Regolamento per la disciplina dell Addizionale Comunale all IRPEF allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale (All. A ); Vista la nota del Ministero dell economia e delle finanze prot. n in data 6 aprile 2012, con la quale è stata resa nota l attivazione, a decorrere dal 16 aprile 2012, della nuova procedura di trasmissione telematica dei regolamenti e delle delibere di approvazione delle aliquote attraverso il portale ; Visto il Decreto del Ministero dell Interno del con il quale è stato differito al 31 marzo 2015 il termine per l approvazione del bilancio annuale di previsione 2015 degli enti locali; Su proposta della Giunta Comunale; Richiamato l'art. 42 del T.U. n. 267/2000 ordinamento EE.LL.;. Si propone che il Consiglio Comunale DELIBERI 1. di approvare l'unito Regolamento (All A ) per l'applicazione dell'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche (che sostituisce il precedente approvato con atto di C.C. n. 51 del ), con il quale si modifica la precedente versione dell art. 3 Determinazione dell'imposta e soglia di esenzione e dell art. 4 Decorrenza, determinando l'aliquota dell'addizionale comunale nella misura dello 0,8% (anziché 0,6%) a partire dal 1 gennaio 2015; 2. di confermare inoltre la soglia di esenzione per i redditi annui non superiori ad ,00, così come attualmente previsto dal Regolamento relativo all addizionale comunale all IRPEF come da ultima modifica di cui alla delibera di Consiglio Comunale n. 51 del ; 3. di far rinvio per quanto concerne la disciplina della presente addizionale all articolo 1 del Decreto Legislativo 28 settembre 1998, n.360, concernente l istituzione dell addizionale comunale all IRPEF e successive modificazioni ed integrazioni; 4. di dare atto che, ai sensi dell'art. 4, comma 1-quinquies, della Legge n. 44 del e dell'art. 13, comma 15, del D.L. n. 201/2011 convertito dalla Legge 214/2011 e successive modificazioni, la presente deliberazione Regolamentare di modifica, per l'anno 2015, dell'addizionale comunale all'irpef deve essere inviata entro il termine di 30 gg. dalla data

18 di approvazione della deliberazione, al Ministero dell'economia e delle Finanze, Dipartimento delle Finanze, ai fini della pubblicazione sul proprio sito informatico; 5. di prevedere per l'anno 2015, nel rispetto degli equilibri di bilancio l'entrata complessiva di euro ,00 alla risorsa CAP 186 "Addizionale comunale all'irpef del Bilancio di Previsione 2015; Si propone altresì di dichiarare l immediata eseguibilità del provvedimento di cui trattasi, ai sensi di quanto stabilito dall art. 134 comma IV del D.L.vo N. 267/2000. Settala, li IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (Trovati rag. Giacomo) IL RESPONSABILE DEL SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO (Provenzi rag. Ivano)

19 Letto, approvato e sottoscritto: Il SINDACO Il SEGRETARIO COMUNALE F.to Carlo Andrea F.to Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA Il sottoscritto SEGRETARIO COMUNALE, sulla base degli atti e delle procedure d ufficio, ATTESTA - che la presente deliberazione, in data odierna, viene pubblicata in copia all Albo Pretorio on line di questo Ente con Registro Pubblicazione N. 243, per rimanervi pubblicata 15 giorni consecutivi, dal al , così come prescritto dall art. 124 I comma del D.L.vo 18/08/2000, N che la presente deliberazione diverrà esecutiva ad ogni effetto ai sensi dell art. 134, comma III, del D.L.vo 18/08/2000, N. 267, trascorsi 10 giorni decorrenti dal giorno successivo dal completamento del periodo di pubblicazione dell atto all Albo Pretorio on line. CERTIFICA - che la presente deliberazione, ai sensi dell art. 134, comma IV, del D.L.vo 18/08/2000, N. 267: [ ] non è immediatamente eseguibile. [X] è divenuta eseguibile avendo il Consiglio Comunale dichiarato l immediata eseguibilità dell atto. Settala, Il SEGRETARIO COMUNALE F.to Dott.ssa SARAGO' FRANCESCA

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 XVII legislatura Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 "Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 6 marzo 2014, n. 16, recante disposizioni urgenti in materia di finanza locale,

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI COMUNICAZIONI INTERROGAZIONI INTERPELLANZE. L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di settembre alle ore 21:00 nella Sala delle adunanze

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066)

DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (11G0066) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, 117 e 119 della Costituzione;

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli