Giovanni F, Bignami. EURUSSIA può conquistare Marte p. 173

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni F, Bignami. EURUSSIA può conquistare Marte p. 173"

Transcript

1 Giovanni F, Bignami EURUSSIA può conquistare Marte p. 173 Non tutti sanno che l onda d urto della caduta del Muro di Berlino spostò l inclinazione orbitale della Stazione Spaziale Internazionale (SSI). Non letteralmente, si capisce, ma a causa sia delle difficoltà della NASA in quegli anni, sia della fama di eccellenza del programma spaziale sovietico. Il tutto condito con geopolitica-foglia-di-fico. E una storia di ieri, interessante in se e utile per capire cosa fare (e non fare) nella politica spaziale dell Europa di domani. Anche perché, dopo il programma Apollo, la SSI è il più grande progetto spaziale dell umanità (soprattutto americana, ma anche europea), con un valore totale finora di più di 100 miliardi di euro. Finito il programma lunare, e svanita, insieme a Von Braun, la possibilità di un razzo nucleare per Marte, l idea di una grande stazione orbitante fu concepita negli anni della guerra fredda, quando le due superpotenze andavano nello spazio in modo rigorosamente indipendente, quasi ostile. Una stazione orbitante USA avrebbe proprio dovuto servire a seppellire l impero del male sovietico sotto il peso della tecnologia statunitense. Aveva cominciato Nixon nel 1975, col programma Shuttle, partito nel 1981 e studiato per portare in orbita, a pezzi, una struttura permanente, appunto una Stazione Spaziale. I falchi di Reagan le avevano poi dato un nome, Freedom, e un orbita inclinata sull equatore di 28, cioè la latitudine di Cape Canaveral, base di partenza dello Shuttle. Ma la NASA si rese subito conto di aver davanti una mission impossible con le sue sole risorse. Durante gli anni 80 e i primi 90, Freedom rimase solo un (costosissimo) progetto di carta e nulla di permanente andò mai sull orbita di 28. Nel frattempo i compagni sovietici, trinariciuti o no, la loro stazione in orbita se l erano fatta. Senza fronzoli, come il loro pragmatico programma spaziale. Fin dal 1986 la stazione Mir era in orbita, come evoluzione della spartanissima pre-stazione Saliut, volata in ben 4 modelli a partire dal 1971.

2 La Mir (in russo, sia pace sia mondo ) fu lanciata con il Proton, gioiello della missilistica di Serghiei Karaliòv, l eroe segreto dello Sputnik. Partì dal cosmodromo dello Sputnik e di Gagarin, cioè Baikonur, in Kazachstan, a 51 latitudine nord. I lanci continuarono fino alla fine 91, quando gli ultimi cosmonauti, partiti sovietici, riuscirono a tornare a terra, ma erano diventati russi. Il programma fu un successo, ma, oltre a parlare russo, era su un orbita inclinata di 51. A questo punto, non solo il muro di Berlino era caduto, ma tutto il mondo era cambiato. Alla NASA non parve vero di poter (finalmente) lavorare con i russi, cosa che da anni più o meno segretamente sognavano. La politica balzò sulla ghiotta occasione. Al Gore e V. Chernomyrdin, nel 1993, firmarono l accordo per fare insieme una SSI. A valle del risultato politico, venne il primo problema tecnico. Per cambiare l inclinazione di un orbita all altra bisogna spendere energia, cioè bruciare una massa di carburante maggiore, magari molto maggiore, di quella necessaria per l orbita originaria. Per di più, la meccanica celeste dice che è più facile aumentare l inclinazione dell orbita (per esempio, da 28 a 51 ) che diminuirla. Insomma, si può passare dall orbita Cape Canaveral all orbita Baikonur, ma il viceversa è inefficiente. L inevitabile scotto da pagare, volendo collaborare con i russi, fu quello di costruire la SSI sull orbita a 51. I lanciatori russi avrebbero avuto la vita facile da Baikonur, lo Shuttle avrebbe dovuto spendere più energia, ma si poteva fare. Ne valeva la pena, pur di avere rapidamente la SSI. Anche se non c era più la vera ragione per farla, cioè l impero del male da distruggere (dettaglio rapidamente scopato sotto il tappeto). Il primo pezzo di SSI, il modulo russo Zaria ( alba in russo), fu lanciato da Baikonur nel I piani, come sempre ottimistici, prevedevano il completamento dell assemblaggio in orbita nel Purtroppo la realtà è ben diversa: la SSI sarà completata, se tutto va bene, l anno prossimo, cioè con ben sette anni di ritardo su un piano previsto di dieci ( 93-03). Non è un successo. Alla fine, dal 98 al 2010, per fare la SSI ci saranno voluti un centinaio di lanci, divisi tra automatici ed abitati. I primi sono finora totalmente russi, soprattutto con il veicolo cargo Progress (36 voli alla SSI fino ad oggi), i secondi saranno divisi circa a metà tra Shuttle (che porta anche molto carico, 28 voli ad oggi) e i veicoli abitati russi Soiuz e TMA, che invece quasi non portano carico. Insomma, senza i russi non avremmo la SSI, anche se per una parte dei lanci russi, soprattutto i più recenti, la NASA ha pagato il conto. Naturalmente, dobbiamo ricordare la partecipazione alla SSI di molte altre nazioni, 16 in totale, in particolare dell Italia e della ESA. L Italia è stata in prima fila nel contribuire alla SSI fin dagli anni 90, sia con elementi strutturali sia con strumentazione scientifica. Una frazione importante del volume abitabile della SSI, per esempio, è stato fatto dagli stabilimenti di Torino della ThalesAlenia Space. Come sempre, i nostri ingegneri e tecnici hanno fatto un lavoro perfetto. La ESA, con partecipazione italiana, ha anch essa contribuito parti importanti della SSI. In particolare, ha costruito il laboratorio Columbus (un cilindro di quasi 7 m. di lunghezza per 4.5 m. di diametro), attualmente attaccato alla SSI, dove vivono e lavorano i nostri astronauti. Forse più importante ancora è stato, per ESA, l invio nel 2008 alla SSI di un Automatic Transfer Vehicle (ATV Jules Verne ). E un cargo di media capacità, per ora non è qualificato al trasporto umano. Anche se nell economia globale della SSI conta poco, farlo ha qualificato l Europa, e la sua base di lancio a Kourou (Guyana Francese): per la prima volta la SSI è stata raggiunta partendo da uno spazioporto diverso da Cape Canaveral o Baikonur. Tra poco, anche i giapponesi, che hanno in

3 orbita sulla SSI il loro grosso laboratorio Kibo (portato dallo Shuttle), prevedono un loro veicolo di trasporto. Ma è ancora da qualificare. Ma, una volta faticosamente costruita, a cosa davvero sarà servito fare la SSI? Quanto la potremo davvero usare? E per farci cosa, esattamente? Domande difficili. La SSI non ha più nulla del significato strategico per la quale era stata immaginata, perché non c è più l impero del male sovietico. Non ha neppure significato militare (anche solo pacifico), sia per il testo dell attuale accordo di costruzione, sia per la sua natura internazionale. Ha forse un significato scientifico? Modesto, anche se non nullo. Comunque non tale da giustificare la enorme spesa, come invece avevano cercato di farci credere da Reagan in poi, provocando la giusta reazione della comunità scientifica mondiale. Per lo meno non con i miei soldi si disse allora e si dice oggi. Deve essere chiaro, cioè, che un giusto investimento per lo sfruttamento scientifico della SSI visto il fait accompli, va fatto. Ma deve essere anche chiaro che la spesa per la SSI non può essere giustificata dalla scienza, né, tanto meno, alla scienza venir messa in conto. La SSI è invece servita, questo sì, come allenamento per il volo umano nello spazio. Finora è stata visitata da parecchie decine di astronauti di molte nazioni diverse, compresi tre italiani. Si tratta però di volo umano a bassa quota, sopra la atmosfera ed in assenza di gravità ma all interno del campo magnetico terrestre. L orbita a 300 km. blocca il flusso di radiazione cosmica che colpisce veicoli e astronauti che lascino la Terra. La differenza è importante, perché la vera difficoltà del volo umano interplanetario, soprattutto di lunga durata, verrà proprio dalla esposizione alle radiazioni cosmiche ionizzanti sia dal Sole sia dallo spazio profondo. Ma, soprattutto, la SSI sarà servita a costruire se stessa. Cioè a insegnare a USA, Russia, Europa e Giappone a sviluppare tantissima tecnologia innovativa, a stimolare una nuova metodica industriale e di collaborazione a livello mondiale. Per di più, è stato un ottimo investimento economico. E costata al contribuente americano 100 miliardi di dollari, cioè, ricordiamolo, la metà di quello che è appena stato speso, in un colpo solo, per salvare la banca di quelli che giocavano sui mutui delle case, la AIG. L Italia ha investito più di miliardo di euro: non tantissimo, ma certo una percentuale significativa del budget della ASI (creata giusto nel 1998). A fronte di questi investimenti, la SSI ha prodotto ricchezza, cioè ricadute, lavoro, sviluppo etc. per almeno tre volte tanto. Questo è dimostrato da studi indipendenti e credibili ed è un punto da ritenere per il futuro. Proprio del futuro dello spazio in Europa e in Russia dobbiamo però adesso preoccuparci. E qui le cose si complicano, perché le idee della comunità spaziale mondiale, NASA in testa, sono poche ma confuse. E un fatto che la SSI, completata l anno prossimo, appena nata starà già morendo. La NASA, infatti, chiude il programma Shuttle tra poco, nel settembre Da allora, per andare sulla SSI ci saranno praticamente solo i due vecchi (ma sempre buoni) veicoli russi: Soyuz per gli astronauti (solo tre, e molto scomodi ) e Progress per cargo, con però meno della metà del carico di uno Shuttle. Anche nella amministrazione Obama, l impressione di sganciamento USA dal futuro della SSI è netta. A partire dal 2016 la NASA non pensa già più di essere coinvolta nella SSI, che perciò tra meno di dieci anni da oggi dovrà essere (costosamente) de-orbitata. Né potremmo pensare di partire dalla SSI per la Luna o per Marte. La Luna e tutti pianeti orbitano vicino ad un piano (detto dell eclittica) che è inclinato di 23 sull equatore. La fretta, il bisogno pratico di aiuto e anche la genuina voglia di fare un grande progetto spaziale con i russi appena caduto il muro, hanno fatto andare gli USA contro la logica spietata della dinamica planetaria. Adesso, la comunità spaziale mondiale ne paga le conseguenze, su diversi piani.

4 Primo, appunto, non potremmo usare la SSI come base per l esplorazione umana della Luna e/o di Marte. E sull orbita sbagliata e non ha la struttura adatta: costruita come un laboratorio, non può diventare un cantiere navale spaziale. Invece proprio di un cantiere in orbita il mondo avrebbe adesso bisogno. Secondo, e non meno importante, dopo la SSI non esistono piani a medio-lungo termine di collaborazione spaziale con i russi. E, ripetiamolo, la SSI finisce domani sulla scala dei tempi dei progetti spaziali. E dopo, cosa faranno i russi? Riprenderanno ad andare da soli? E noi, vogliamo buttar via le loro risorse e la loro immensa esperienza? Sarebbe sbagliato. Questa sembra essere l idea della NASA che, per ritornare sulla Luna, propone il progetto Constellation, a causa delle cui dimensioni deve, da subito, abbandonare la SSI. E, finora, un progetto ancorato allo spirito isolazionista di Bush: a parole si dice di volere una collaborazione con Europei e russi, di fatto relegati in ruoli del tutto marginali ed insoddisfacenti. Constellation, in realtà, non interessa al di fuori degli USA. Definito dall ex amministratore della NASA Mike Griffin come Apollo on steroids, è un altra impresa fine solo a se stessa, o al massimo per essere sulla Luna ad accogliere i Cinesi. Dal punto di vista della comunità scientifica, che ha ripetutamente analizzato la cosa con buona volontà, la scienza che si potrà fare sulla Luna non giustifica neanche lontanamente la spesa. Amaramente, si dice che l unica cosa positiva di Constellation è che farà sembrare noccioline (peanuts) il costo della SSI. Né si può seriamente pensare a fantascientifiche miniere lunari, tanto meno al famigerato elio 3, una vergognosa bufala. E per quanto riguarda una base abitata, essa sarebbe interamente sotterranea (per via delle radiazioni), e fine a se stessa. Per farla e mantenerla, sarebbe necessario un lancio tipo Apollo alla settimana, per anni, con un costo inimmaginabile. Per di più, con una probabilità molto alta di incidenti mortali, oggi non tollerabili: non c è più l ex-nazista Von Braun, che fece prendere ai suoi astronauti rischi oggi impensabili. Infine, partire dalla Luna per Marte sarebbe un clamoroso spreco di energia. Lo vede chiunque pensi ai motori e carburante per la frenata all atterraggio sulla Luna (che non ha atmosfera, quindi niente paracadute) ed per la susseguente accelerazione, necessaria per lasciare la Luna stessa. A me, personalmente, Mike Griffin, disse, piuttosto seccato, di non aver mai detto o pensato uno schema del genere, implicitamente scaricandone la responsabilità all ufficio del presidente Bush. Ma quando posi la stessa domanda a John Marburger, consigliere scientifico della Casa Bianca, mi disse, letteralmente, che era stato un errore dello speechwriter del presidente. Impariamo che la volontà populista di vendere un progetto difficile da giustificare fa fare errori catastrofici. Paradossalmente, invece, lo spazio post-ssi, con gli USA che vanno sostanzialmente da soli sulla Luna, apre una nuova grande possibilità di collaborazione tra l Europa e i russi. E uno scenario a visione lunga, basato sulla costruzione di un cantiere navale sull orbita giusta, quella adatta al viaggio interplanetario (compresa la Luna), cioè vicina all equatore. Ripetiamo che l Europa ha un eccellente spazioporto a Kourou, nella Guyana francese, a 5 di latitudine nord. Da Kourou decolla uno dei razzi migliori e più potenti del mondo, Ariane 5. La sua capacità di trasporto, in orbita bassa, è già paragonabile a quella dello Shuttle, e destinata a migliorare. Con uno sforzo modesto, potrebbe essere qualificato per il volo umano. In più, da Kourou partirà il razzo russo Soyuz (omonimo della navicella), collaudatissimo e relativamente poco costoso. Insieme con i russi, da Kourou sarebbe certamente possibile costruire una semplice infrastruttura orbitante, destinata al montaggio di navi spaziali per Luna e spazio profondo. I russi hanno già

5 veicoli per il trasporto di equipaggi, sono pronti per costruirne una seconda generazione e la ESA ha un ottimo ATV, già testato, che potrebbe essere completato per il trasporto umano. In parallelo allo sviluppo del cantiere in orbita, la collaborazione Europa- Russia (ma con la partecipazione di chiunque fosse interessato, primi fra tutti gli USA) potrebbe sviluppare il motore a propulsione nucleare necessario per il trasporto spaziale fino a Marte. Qui l Italia, grazie ad una idea di Carlo Rubbia, finora solo parzialmente sviluppata da ASI, si trova in una posizione privilegiata. Con un efficiente sistema di trasporto di persone e materiale e con una infrastruttura in orbita equatoriale bassa sarà possibile iniziare il montaggio di una nave spaziale nucleare, portata da terra in segmenti inerti, in perfetta sicurezza e rispetto dell ambiente. Europa e Russia, insieme, potrebbero così fare da traino all unico progetto spaziale di grande calibro del 21 secolo. E una idea enorme, che rivela progressivamente la sua complessità solo a chi la studia a fondo. Il costo? Minimo 500 miliardi di euro (massimo un trilione), spalmato diciamo su 50 anni. Va al di là di Europa e Russia, che, per farlo da sole, dovrebbero raddoppiare il loro budget spaziale. Nella visione di cui sopra, invece, farebbero solo da catalizzatori, a far coagulare un progetto globale. Diviso per il numero di abitanti del pianeta, sarebbero 100 euro ciascuno da versare in 50 anni. E tanto? È poco? Penso al trilione dello stimulus, inventato dal nulla per contrastare una crisi finanziaria assurda e artificiale. Penso invece che da un trilione nello spazio avremmo un ritorno di almeno triplo in lavoro e tecnologia. E per di più, alla fine, saremo stati su Marte. Abbiamo parlato della storia della SSI, un passato che non tornerà mai più, e poi del futuro della esplorazione umana dello spazio profondo, cioè della sfida più difficile per la ricerca spaziale. E senz altro quella dove l Europa ha più da guadagnare da un futuro con con la Russia. Ma è solo una delle dimensioni possibili in una collaborazione spaziale Europa-Russia. Tradizionalmente, le altre grandi dimensioni dei programmi spaziali sono scientifiche e applicative. Sui programmi scientifici è, da sempre, facile collaborare. Gli scienziati parlano la stessa lingua, pensano allo stesso modo e sanno tutti pungolare le rispettive industrie a inventare cose un po strane e forse inutili oggi, ma economicamente interessanti domani. Lo sforzo di collaborazione estovest nella scienza spaziale, poi, vanta una grande tradizione, favorita dalle Nazioni Unite fin dai tempi dello Sputnik, in piena guerra gelidissima. Dal 1959, infatti, esiste il COSPAR (Committee on Space Research), una organizzazione mondiale che continua ad avere molto successo nel superare le difficoltà politiche e nel costruire collaborazione spaziale. Tra Europa e Russia abbiamo da tempo una tradizione consolidata in astronomia, nello studio del sistema solare, in biomedicina e molto altro. Personalmente, ho cominciato a fare astronomia dallo spazio con Mosca nel 1981, sopravvivendo felicemente al cupo periodo Briezniev-Andropov-Cernienka fino alla attuale deregulation putiniana, dominata da cash on the barrel. Certamente, ESA avrebbe molto da guadagnare dall accogliere la Russia tra i suoi membri cominciando dai programmi scientifici. Magari partendo dallo stato di paese osservatore, come è attualmente il Canada. Uno dei grandi programmi scientifici ESA in corso, il progetto Integral (dove l Italia ha una posizione di grande rilievo), fu lanciato nel 2002 dal razzo russo Proton, che portò in orbita il telescopio gamma da 4 tonnellate in cambio di partecipazione russa alla scienza della missione. Ovvio che la flotta dei lanciatori russi, per affidabilità e prezzi, sia di grande interesse. Si tratta di curarne la commercializzazione senza penalizzare l industria europea. La filiera francese CNES-

6 Arianespace-STARSEM è riuscita a farlo ed a posizionare la ESA in modo privilegiato, o almeno ha cominciato in quella direzione. Ecco un altra, formidabile ragione di collaborazione. E per una apertura di negoziati sull ingresso graduale della Russia in ESa anche nel campo dei lanciatori. I programmi spaziali applicativi vanno da quelli di osservazione della Terra (che possono anche essere scientifici), alle trasmissioni, al posizionamento-navigazione etc., fino ai veri e propri sistemi integrati spazio-suolo, oggi i più interessanti. In questo campo la collaborazione è molto più difficile, per gli importanti interessi commerciali (e talvolta politico-militari) in gioco. L Europa (EU+ESA) finalmente costruisce GALILEO, il suo sistema di navigazione satellitare indipendente, dopo una lunga battaglia con gli USA, che non volevano mollare il loro monopolio occidentale del GPS. I russi hanno un loro sistema, GLONASS, già operativo. Bisognerebbe cercare un accordo difficile, in un campo reso aggressivo dalle società di gestione e offerta di servizi in competizione serrata all interno dell Europa. Per di più, si tratta di un campo nel quale l Europa ha, poco da imparare dalla esperienza spaziale russa. E chiaro, insomma, che una collaborazione Europa-Russia sui programmi di applicazioni, e quindi il vero ingresso della Russia in ESA, potrà avvenire solo in un secondo tempo. Ma è anche chiaro che esplorazione umana, scienza e lanciatori sono già argomenti per aprire un serio negoziato con la Russia nell immediato futuro. Una ottima occasione, purtroppo, è appena stata persa. L Italia aveva la presidenza della ultima conferenza ministeriale della ESA, tenutasi nel novembre scorso a L Aia. Un privilegio che all Italia mancava da 35 anni, ottenuto da ASI nell interregno governativo del febbraio-marzo Il Ministro che poi si trovò ad andare all Aia avrebbe dovuto sfruttare questa sua posizione privilegiata per lanciare lo studio concreto di collaborazione ESA-Russia, un idea innovativa e ricca di sviluppi industriali. Magari sottolineando che i Russi, anche se in grave crisi demografica, sono un importante paese europeo, che vede il suo futuro unicamente in un legame più stretto con l Europa, soprattutto dopo la fine dell impero sovietico. Ricordo una mia visita ufficiale in Russia. Avevo portato con me, inevitabilmente, il capo delle relazioni esterne con i paesi extra-europei, solo per scoprire che proprio questo aveva seriamente preoccupato i russi, che me lo avevano discretamente fatto capire. Fu una lezione importante, mi sembra, purtroppo, andata perduta. L ASI attuale si è appiattita, per volere del governo Berlusconi, sul ruolo di mero finanziatore di Finmeccanica. Non mostra una visione sufficiente per andare al di là di programmi nazionali, dejà vu ma di sicuro incasso, per provare invece a trainare una virtuosa collaborazione Europa-Russia su programmi di grande respiro. All Europa, soprattutto alla UE, invece, è già ben chiaro che un piano a lungo termine per investimenti spaziali che rendano, ma che facciano anche sognare, è proprio la ricetta necessaria non solo per uscire dalla crisi, ma anche per tenere il passo a livello mondiale nella civiltà della conoscenza e della innovazione tecnologica.

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

L EUROPA NELLO SPAZIO O UNO SPAZIO PER L EUROPA? GIOVANNI FABRIZIO BIGNAMI GABRIELLA ARRIGO

L EUROPA NELLO SPAZIO O UNO SPAZIO PER L EUROPA? GIOVANNI FABRIZIO BIGNAMI GABRIELLA ARRIGO ARTICOLI E SAGGI L EUROPA NELLO SPAZIO O UNO SPAZIO PER L EUROPA? GIOVANNI FABRIZIO BIGNAMI GABRIELLA ARRIGO 1. Lo spazio come strumento di politica estera.- A qualcuno sembrerà strano che un articolo

Dettagli

Qualche cenno al Sole

Qualche cenno al Sole Qualche cenno al Sole Corso di Astronomia Daniele Gasparri Lezione 7, 27/01/2012: La conquista dello spazio - L uomo sulla Luna - L esplorazione del sistema solare - Curiosità 1 Una domanda di tanto tempo

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio RUSSIA E OLTRE - RELAZIONI ECONOMICHE ED EQUILIBRI POLITICI RUSSIA: HIGH TECH ED ENERGIA, LE STRATEGIE E LE REGOLE Pavia 9 Ottobre 2009 Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio L. Zucconi Amministratore

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

La Guerra Fredda. La Guerra Fredda

La Guerra Fredda. La Guerra Fredda La Guerra Fredda Alla fine della 2 Guerra Mondiale due potenze spiccano nel mondo: USA Democrazia Capitalismo concorrenziale Libertà di impresa Vasto apparato tecn.-milit. Vasta rete di relazioni internazionali

Dettagli

Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE

Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE (Pubblicato su Rivista GRAFFITI-on-line.com, nel 2011 Nel periodo della guerra fredda, il faccia a faccia fra Washington e Mosca si sviluppa ugualmente anche nello

Dettagli

STORIA DELL ASTRONAUTICA

STORIA DELL ASTRONAUTICA STORIA DELL ASTRONAUTICA La preistoria La propulsione a reazione è un idea già rudimentalmente applicata da Erone che ad Alessandria attorno al II secolo a.c. realizzò l' eliopila, una sfera riempita di

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Bozza provvisoria non corretta

Bozza provvisoria non corretta Bozza provvisoria non corretta FABIO MUSSI, Ministro dell università e della ricerca. Ringrazio il presidente Capezzone, tutti i partecipanti e, da ultimo, per il suo intervento, l onorevole Airaghi. Vorrei

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Alex Lombardi MANUALE NBC ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Alex Lombardi MANUALE NBC INTRODUZIONE

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

The Space Economy at a Glance 2011. Uno sguardo sull Economia dello Spazio 2011. Summary in Italian. Sintesi in italiano

The Space Economy at a Glance 2011. Uno sguardo sull Economia dello Spazio 2011. Summary in Italian. Sintesi in italiano The Space Economy at a Glance 2011 Summary in Italian Uno sguardo sull Economia dello Spazio 2011 Sintesi in italiano Le applicazioni spaziali sono ormai divenute parte integrante del nostro quotidiano.

Dettagli

Passaparola - Il redditometro e lo Stato fiscale - Beppe Scienza

Passaparola - Il redditometro e lo Stato fiscale - Beppe Scienza Passaparola - Il redditometro e lo Stato fiscale - Beppe Scienza beppegrillo.it 21/1/2013 Probabilmente c'è stato anche qualche errore di comunicazione da parte del fisco, perché effettivamente la cosa

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione

La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione JCOM 2 (2), June 2003 La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione Elisabetta Tommasi Unità "Osservazione dell'universo", Agenzia Spaziale Italiana Questo lavoro analizza l immagine

Dettagli

La missione di Paolo Nespoli Spedizioni 26/27

La missione di Paolo Nespoli Spedizioni 26/27 La missione di Paolo Nespoli Spedizioni 26/27 Conferenza stampa Directorate of Human Spaceflight ESTEC, Paesi Bassi Press paper ITALIAN.indd 1 28/9/10 11:03:36 LA MISSIONE Per l astronauta Paolo Nespoli

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

LA NUOVA STRATEGIA DECENNALE DELL AGENZIA SPAZIALE ITALIANA

LA NUOVA STRATEGIA DECENNALE DELL AGENZIA SPAZIALE ITALIANA LA NUOVA STRATEGIA DECENNALE DELL AGENZIA SPAZIALE ITALIANA ENRICO SAGGESE GABRIELLA ARRIGO Premessa.- È ormai sufficientemente chiaro alle nostre Istituzioni, siano esse politiche o amministrative, così

Dettagli

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 di Sabrina Giannini MILENA GABANELLI IN STUDIO Un mese e mezzo fa ci eravamo occupati della concorrenza sleale che sta mettendo in ginocchio molte imprese

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SUI RIENTRI INCONTROLLATI

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SUI RIENTRI INCONTROLLATI RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SUI RIENTRI INCONTROLLATI LUCIANO ANSELMO & CARMEN PARDINI 1 VERSIONE DEL 5 MAGGIO 2015 Dove può rientrare la Progress-M 27M? In linea di principio, i frammenti solidi

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

IL POLO DELLA DISCORDIA

IL POLO DELLA DISCORDIA IL POLO DELLA DISCORDIA Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Cliente. Buongiorno. Sono venuto a ritirare i biglietti per il «Viaggio Avventura» al Polo Nord. Agente di viaggio. (Silenzio imbarazzato.)

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera

VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera 68 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/ 2013 Volare. Sogno utopistico dell uomo da secoli, missione primaria oggi di chi, da pilota in Aeronautica Militare, svolge

Dettagli

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a MASSIMO CAPUANO Amministratore Delegato della Borsa Italiana Mi appresto a un compito difficile: riuscire a concludere un dibattito così interessante in questa vostra prima giornata di convegno, a un ora

Dettagli

La Torino Lione esiste già, perché farne un altra?

La Torino Lione esiste già, perché farne un altra? Un doppione inutile La Torino Lione esiste già, perché farne un altra? Tra Francia e Italia esiste ed è attiva una ferrovia elettrificata a doppio binario, continuamente ammodernata negli anni con ingenti

Dettagli

Entro il 2003, la Lockheed Martin produrrà il VentureStar (http://www.venturestar.com),

Entro il 2003, la Lockheed Martin produrrà il VentureStar (http://www.venturestar.com), Il globo sul quale abitiamo si sta rimpicciolendo a vista d occhio: le informazioni si diffondono fulmineamente da un capo all altro del pianeta annullando barriere culturali e sociali un tempo ritenute

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta)

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) ore 8.50-9.00 Sintesi della lezione numero 1 La discussione avvenuta nella lezione precedente ha messo in

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato EXOMARS: la missione su Marte ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato avanti in collaborazione con la NASA. La missione è volta a dimostrare fattibilità di alcune

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 Carissimi Capi Reparto, anche quest anno siamo qui a proporvi una grande opportunità per le nostre squadriglie, una appassionante e irrinunciabile sfida sul piano della competenza

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Imparare a disimparare

Imparare a disimparare Imparare a disimparare Quello che abbiamo imparato finora non è più adatto a un contesto economico e un mercato profondamente cambiati. È ora di far emergere nuove modalità di pensiero, azione e condivisione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Politica spaziale europea. (presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Politica spaziale europea. (presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 21.1.2003 COM(2003) 17 definitivo LIBRO VERDE Politica spaziale europea (presentato dalla Commissione) LIBRO VERDE Politica spaziale europea Documento preparato

Dettagli

* NOVA * N. 678-30 LUGLIO 2014 ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI LANCIATO L ATV-5 GEORGES LEMAÎTRE

* NOVA * N. 678-30 LUGLIO 2014 ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI LANCIATO L ATV-5 GEORGES LEMAÎTRE * NOVA * N. 678-30 LUGLIO 2014 ASSOCIAZIONE ASTROFILI SEGUSINI LANCIATO L ATV-5 GEORGES LEMAÎTRE Il logo del quinto ATV (Automated Transfert Vehicle) dell ESA e, a destra, un immagine di Georges Lemaître.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L esplorazione della Terra

L esplorazione della Terra L esplorazione della Terra Tutti prima o poi nella vita abbiamo almeno una volta alzato gli occhi al cielo e cercato di immaginare cosa ci sia lassù, oltre il sottile involucro che protegge le nostre fragili

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

Facebook Advertising

Facebook Advertising Facebook Advertising Starter Kit Una videolezione per partire in grande e ottenere risultati sin da subito. L'HOST DI QUESTA LEZIONE Paolo guadagna con le proprie passioni. Il suo primo lavoro è stato

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Le evoluzioni della politica spaziale italiana: le applicazioni spaziali per i cittadini e le imprese

Le evoluzioni della politica spaziale italiana: le applicazioni spaziali per i cittadini e le imprese DANIELE CAPEZZONE, Presidente della X Commissione, Attività produttive, commercio e turismo, delegato al coordinamento delle attività del Comitato VAST. Ringraziamo Gilles Maquet per questo intervento.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

SPACE APPLICATION AREA. 16 a Edizione 19-20-21 Marzo 2009 Fiera Roma

SPACE APPLICATION AREA. 16 a Edizione 19-20-21 Marzo 2009 Fiera Roma SPACE APPLICATION AREA 16 a Edizione 19-20-21 Marzo 2009 Fiera Roma Il contesto L Italia è il terzo contribuente di ESA (European Space Agency) con 370 milioni di Euro investiti nel 2007 su un budget di

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre

Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre Rubbia: le alternative? Ne vedo almeno tre ENERGIE 1 a cura di Vittorio Borelli e Donato Speroni No al catastrofismo, ma attenzione alla crescita demografica: nel 2050 saremo nove miliardi di persone.

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Post tecnico, oggi: parliamo degli strani gommoni dei migranti provenienti dalla Libia. Di Nuke The Whales, il 17 agosto 2015

Post tecnico, oggi: parliamo degli strani gommoni dei migranti provenienti dalla Libia. Di Nuke The Whales, il 17 agosto 2015 Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA @COISPpolizia Post tecnico,

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA.

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. I UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. Un codice binario è un stringa di numeri che, indipendente dalla sua lunghezza, presenta una successione

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Ciao, riprendiamo oggi a studiare le stelle. L ultima volta abbiamo parlato della loro luminosità, e abbiamo scoperto che la luminosità

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA Il Planetario di Padova offre alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di fare varie attività ed esperienze scientifiche, di

Dettagli

Sommario. Ho perso il filo!...26. RILEVATORI DI FUMO Vietato fumare!...30. TERMOMETRI A INFRAROSSI Oggi ho l orecchio caldo...34

Sommario. Ho perso il filo!...26. RILEVATORI DI FUMO Vietato fumare!...30. TERMOMETRI A INFRAROSSI Oggi ho l orecchio caldo...34 Sommario 6 Astrotest... 8 Allacciamo le cinture!...10 1 LENTI E TELESCOPI Con il naso all insù...12 2 RAZZI E VEICOLI SPAZIALI Terra chiama Marte, rispondi Marte......16 Jules Verne sapeva già tutto...20

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

- 1 reference coded [1,06% Coverage]

<Documents\bo_min_1_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [1,06% Coverage] - 1 reference coded [1,06% Coverage] Reference 1-1,06% Coverage Ti lega il computer? Sì. Io l ho sempre detto. Io ho una visione personale. Anche quelli che vanno a cercare

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Il moto dei satelliti, Keplero, Newton e la gravità

Il moto dei satelliti, Keplero, Newton e la gravità Michele Iori 2 G Ricerca di fisica Il moto dei satelliti, Keplero, Newton e la gravità Da Aristotele allo spazio Fino al 1600 la fisica terrestre era considerata diversa da quella celeste. Si credeva,

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER

FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER FUNZIONAMENTO TECNICO DI BANNERS BROKER Come qualificare pannelli dopo averli acquistati e come qualificarli dopo il secondo ciclo gratis offerto dal pacchetto originario. DESCRIZIONE: PANNELLO Ecco come

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) Il piano di guerra tedesco: Hitler aveva già pronto il suo piano militare dopo aver invaso la

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli