Relazione dr.pier luigi Caffese al Convegno AEEG sulla regolazione dei servizi idrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione dr.pier luigi Caffese al Convegno AEEG sulla regolazione dei servizi idrici"

Transcript

1 Relazione dr.pier luigi Caffese al Convegno AEEG sulla regolazione dei servizi idrici L'infrastruttura acqua è la vera energia EU-27.Cominciamo dall'italia?i soldi si trovano,manca la volontà di cambiare.fluctuat nec mergitur.i progetti, anche se ostacolati o contrariati,si possono condurre in porto.per inciso è il motto della città di Parigi, che porta nello stemma una nave sballottata dalle onde.ecco il nostro brand. Bortoni chiede 60 miliardi per il piano acqua.caffese chiede 45 miliardi per un piano acqua-energia che non dipenda piu' dal meteo ma che preveda in automatico anche la desalinizzazione fatta con l'hydro ed il vento offshore integrati.un piano acqua per giovani in 5 anni e 125 miliardi di ricavi annuali,ponendo mano ed aggregando i Consorzi Bonifiche. 1.L'Agenda Monti e l'agenda del Sole-Acqua.Dico la verità,l'agenda Monti è poca concreta direi sta to clouds, sulle nuvole.l'agenda Sole-Acqua è piu' concreta,si sporca le mani anche con molta infrastruttura per 100 anni e molta industria a latere che è l'unica a garantirci vera occupazione.i francesi mettono sulle infrastrutture 290 miliardi in 10 anni e 90 miliardi vanno solo all'acqua. 2.L'infrastruttura acqua vale 700 miliardi annui(water value). L'infrastruttura migliore per l'italia non è una autostrada a pedaggio(anche se sono favorevole a pedaggiare quelle Anas gratis),l'infrastruttura migliore per l'italia di domani è l'acqua,si quella a cui i Governi guardano poco in Italia ed in Eu-27.Eppure è la nostra salvezza con 1,6 milioni di giovani da occupare in 10 anni e in 5 anni.miracolo dell'acqua? No,dietro la filiera acqua ci sono i migliori progettisti al mondo.siamo pochi, ma ognuno ha innovato e possiamo dire che il 50% del mix italiano di energia puo' venire fuori dall'industria dell'acqua.ma dovete chiudere gli occhi ed immaginare un paese che mette un po' di vento in mare aperto.una parte dell'energia mare vento è usata per desalinizzare acqua di mare,una parte è usata per l'hydro modulare che è un idroelettrico di pompaggio-turbinaggio, detto phs o step nel mondo.porto masse d'acqua nel Po e faccio energia per 300 Km.2.Dopo bilancio il sistema con i laghi subalpini o alpini e se mi danno i fondi collego il Po al Nord Europa vie d'acqua.noi progettisti d'acqua sappiamo produrre energia a meno di 30 euro al MWh cheè la metà del gas importato.poi sappiamo usare questa immensa energia d'acqua per 2 cosette che fanno rivoltare Scaroni nel sonno.produciamo syngas o biometano sintetico ad un costo inferiore a quello importato da Putin e poi "dulcis linquimus arva"(non abbandoniamo gli amati campi-virgilio e Manzoni-Promessi Sposi) produciamo biofuels ad 1 euro litro 100% biomassa(basta questo particolare a sviluppare i jobs EU-27).Scaroni è indietro perchè il suo ecofin è 90% metano e solo 10% biomassa.e' un blended ma il furbo Scaroni lo fa passare per biofuel-biodiesel e pretende incentivi anche se si plafona come prezzo a 2 euro litro,mentre io plafono il mio biofuel htse a 1 euro litro e l'etanolo del Clini che ha ricevuto i fondi EU-27 a 4 euro litro ed io che progetto ad 1 euro litro,prendo solo calci nel sedere.poi i geni che vogliono le trivellazioni,credono ingenui che quellla benzina o gas costi meno,non è vero fa aumentare i prezzi per la storia del pozzo marginale in mare o profondo.non c'è petroliere al mondo che non ami i pozzi fondi in mare che fanno scattare in alto il paniere del Brent.Ingenui! 3.L'ossimoro del gas pulito importato.il gas,lo shale gas,lo landfill gas,lo LNG non sono puliti,producono tanto smog e non producono posti di lavoro,anzi li distruggono.cosa serve investire in costose infrastrutture fisse fossili che non si ammortizzano perchè oggi funzionano al 30% e sono oggetto di tangenti(nigeria,libia,russia,astana,tunisia con Saipem)Il gas si pulisce solo con il CARMA ma io e Scaroni su questa tecnologia siamo all'opposto.oettinger che è molto favorevole all'hydro modulare lo vorrebbe abbinare a centrali gas importato per pompaggio ma io ho detto perchè non syngas che costa meno e non inquina? 4.L'acqua è la vera energia EU-27.Cominciamo dall'italia?le Regioni vogliono una energia cara o vogliono una energia a costi bassi?5.chiesi ad un Dirigente della CCSE(Cassa Elettrica) se finanziava in collaborazione con CDP il piano acqua di 4,5 miliardi annui per 10 anni.al Nord il piano Po costa sui 2,0 miliardi annui e la UE-27 potrebbe finanziare una parte del piano acqua ed una parte del mio piano idrovie o vie d'acqua per collegarci al Nord Europa da Genova.I piani sono al MISE.Adesso rivolgo una richiesta ufficiale che al Nord potrà passare per le 8 Regioni coinvolte nel piano Po.Per Centro e sud-isole ci sono

2 specifici piani,uno al Centro che coinvolge Arno e Tevere e leverebbe la CO2 a Civitivacchia(Centrali Enel) perchè utilizza un lago di mare ed hydro per i 2 fiumi.il Progetto Stretto di Messina e Sulcis sono progetti specifici anchìessi basati sull'hydro marino o miei laghi di mare in sinergia con il vento in mare. 5.Alla Regioni e Comuni.L'Europa ci darebbe anche un finanziamento ma le leggi prevedono che sia la Regione o dei singoli Comuni a chiederlo.avete il piano idroelettrico,avete un piano aria con smog, perchè siete pro-gas,non possiamo superare la Vs.vision andando su un piano acqua antismog o chiedo troppo alla Regione o al Comune? Che poi l'acqua sia un evento mondiale lo dice l'expo,lo dice Leonardo con i navigli ed i mulini ad acqua.agli amici del Po.Dobbiamo organizzare a nuovo Governo insediato, l'evento:dove volete ed invitare l'europa. 6.L'acqua è la vera energia EU-27.Cominciamo dall'italia? Vorrei che i media si aprissero al mondo che avanza ed all'acqua in energia.lo so l'eni ha 400 milioni di buget comunicazione e non possiamo scrivergli contro.guardi che quello che scrivo l'ho imparato all'eni- Montedison che mi fece girare il mondo,feci affari con il gas ed altro ma oggi mi devo chiedere se l'italia puo' ancora pagarsi un'energia da ricchi.a proposito dell'agenda Monti sull'energia c'è poco, ed aspettare la fine del dibattito SEN ritarda i posti ai giovani.in Francia hanno concluso il dibattito con il 20% in meno di nucleare,poco gas importato e tanto hydro che la' chiamano step a 30 euro il MWh,caso strano lo stesso costo mio che tutti i media mi contestano ma io tengo la barra dritta perchè sono convinto che l'acqua,il mare ed il vento in mare,salveranno l'italia dal caro energia.forse abbiamo dato l'energia italiana in mano ai fossili terrestri,bastava chiamare gli uomini di marina che sanno di vento,di mare,di acqua,di pesci.di alghe e di turbine,tante, il vero futuro industriale di Ansaldo Energia &Soci.All'Europa: 7.L'acqua è la vera energia EU-27.Cominciamo dall'italia? 7.1.Elementi di riflessione e di dibattito in vista dell'integrazione delle rinnovabili stoccate in una strategia energetica europea che deve vedere l'italia come protagonista del piu' innovativo piano acqua al mondo.il test dell'italia è fondamentale per l'energia decarbonizzata Europea.Oettinger conosce benissimo la situazione italiana dove si vuole perseguire una politica sul gas importato in mano ai petrolieri che condanna l'eu-27 e l'italia al caro energia.il dibattito mondiale ha detto chiaramente che il gas è conveniente solo per chi ha scoperto grandi giacimenti su enormi estensioni come lo shale gas negli Usa,ma non è conveniente per chi deve importarlo perchè i costi delle infrastrutture gas oggi sono difficilmente ammortizzabili.il dibattito francese appena chiuso ha consentito di ridurre il nucleare del 20%,sostituendolo con l'hydro modulare(step in francese,phs in inglese,wasser Kraft in tedesco). Riassumo la tabella francese del dibattito francese sul costo energia al MWh nel Termico Nucleare Hydro 30 -onwind 80 -offwind pv biomasse Fonte:DR green Cross France et Territoire pp.7 su 30 dicembre 2012.B.Dessus,Sortir du nuclear en 20 ans,a' quelle conditions et a' quelle couts,global Chance Lo offshore wind cost si puo' ridurre usando turbine da 10 MW o aereatori da 30 MW, che devono essere locati solo in mare a 10 mg almeno. 7.2.L'hydro modulare su strutture esistenti,nuove ed in mare. Lemperiere in Francia Caffese in Italia,Steffen in Germania,Mortessen in Danimarca sono i grandi innovatori delle rinnovabili perchè le concepiscono sempre sinergizzate all'energy storage.vento in mare ed hydro sono il miglior matrimonio mondiale.oggi secondo i nostri progetti,possiamo diminuire la superfice dello offshore wind,stoccandolo nello hydro modulare o step.c'è chi lo fa a costi cari come lo alpine phs della Svizzera- Austria-Francia e c'è chi ha ridotto drasticamente i costi come il sottoscritto che chiede il finanziamento EU.27 per il primo test phs tridimensionale al mondo che si basa su 3 livelli.

3 8.L'hydro tridimensionale. 1.il primo livello,il piu' basso,è il mare che sia Mediterraneo o del Nord o Baltico non conta dove metto anche 4000 turbine offwind da 10 MW l'una:costo 3 miliardi 2.il 2 livello è un buon fiume in Italia uso il Po ma potrei usare anche le waterways europeee. Il Po con 5 dighe di 7 m.puo' stoccare per 300 km.2.considerando 100 m.di dislivello medio sul mare ho uno storage di 300x 10 GW al km.2 cioe' 3000 GW. 3.il 3 livello in Italia sono i laghi subalpine che hanno una funzione di bilanciamento e di produzione energia in continuo 4 il sistema prevede un bilanciamento automatico d'acqua desalinizzata con l'energia del vento e dell'hydro modulare ed un controbilanciamento invertendo le turbine per piene.in questo modo svincolo l'hydro modulare dal meteo e dalle piogge che è il difetto del revamping.non considero gli accumuli all'italiana che ritengo un furto tariffato/legale o una rendita perpetua da tariffa. 5 il sistema prevede la protezione e la pulitura delle biomasse nei fiumi,anzi ne produce di ulteriori quantità che vengono convogliate in bioraffinerie sulle rive(il trasporto è per battello fluviale).nelle zone con acqua mista si allevano salicornie e pesci che si utilizzano anche per biofuel. Il costo dell'energia idroelettrica è di 30 euro al MWh di media ma Caffese ha costi inferiori che arrivano sino a 8 euro al MWh.La vita media delle dighe è di 100 anni. Il progetto completo italiano costa 45 miliardi,4,5 miliardi per 10 anni.chiedo alla EU-27 un finanziamento test di 180 milioni per il piano Po come test dove mi avvalgo di strutture esistenti,inserendo solo delle turbine pumped.il mio sistema puo' prevedere anche un solare diverso dallo ft/pv che dipende sempre dalla latitudine(linear concentrator,point focus dish concentrator,point focus fresnellens concentrator che usiamo nella Navy).Tutti noi usiamo la elettrolisi per passare dai GW di hydro al syngas e poi HTSE per usare meno biomassa ma piu' energia per biofuels.ci sarebbe anche la strada del CARMA dove possiamo utilizzare tutti i gas che volete sinergizzati con vento ed hydro ma la usiamo negli Usa dove il dibattito con i petrolieri è facile,non in Eu-27 dove i petrolieri sono pochi interessati a pulire il gas estratto o importato. 9.CHE IL NUOVO GOVERNO ITALIA RIPRENDA L'ACQUA.LE VIE D'ACQUA, L'ENERGIA IN MANO.Perchè non c'è occupazione industriale in EU-27 ed in Italia.Get post-keynes ideas or water ideas in our motor.un Governo in prorogatio dovrebbe impostare la strada al nuovo Governo perchè se oggi chiedessi a Monti,Bersani,Berlusconi di approvare il piano acqua mi impilerebbero.ma è nei periodi difficili che si vede la stoffa dello statista o del progettista energetico.mi sono rivoltato all'idea che la SEN con il gas(che poi è il piano Eni-Assominiere)dominasse un costo energia a euro Mwh con il gas importato.ho progettato un sistema complesso di hydro modulare che riduce a 30 euro al MWh.Questo costo è confermato dalla discussione ufficiale sulla SEN francese che ieri ho inviato al MISE,ma il Governo è orientato a far produrre energia cara di origine termica perchè non capisce la mia energia gravitaria d'acqua ed in queste conclusioni tecniche non è supportato da Enea(che odia l'acqua) ed Aipo che non capirà mai per ignoranza congenita il piano Po e chi vorrebbe navigare 12 mesi sul Po sappia a chi inviare gli strali.ma Barca puo' chiedere fondi all'eu-27 per l'acqua,le vie d'acqua o waterways,una energia pulita che non recita l'ossimoro del metano..pulito.leggevo le 10 idee del Sole 24 Ore per il paese ma sull'occupazione è etereo ed ora con 3 mesi tra elezioni e nuovo Governo,tra dibattiti fumosi e discussioni poco concrete, non creiamo un solo posto di lavoro.ecco 6 consigli che si possono avviare, facendo lavorare meglio i Ministeri MISE e Coesione per 1,6 milioni di jobs giovani-donne: 9.1.si metta finalmente il segna posti on line al Mise e si diano contributi solo sui piani industria,azzerendo contributi inutili all'industria,dove nei piani si devono scrivere i posti di lavoro 9.2.Barca insista con la Commissione EU-27 per farsi finanziare via Banche e CDP il piano acqua che è vitale per riprendere l'occupazione e l'industria(4,5 miliardi per 10 anni da BEI-CDP):se l'eu-27 non ci sentisse, diamo ragione all'antieuropa della Lega,Tremonti e Cavaliere. 9.3.Si convochi la conferenza Stato Regioni e si mettano assieme i piani regionali occupazione e si diano fondi legati ai target(almeno 5 miliardi presi tassando i messaggi o le musiche-film gratis).poi si levi il divieto assurdo al passaggio internet via cavi elettrici( se ricordo fu fatto per favorire De Benedetti,allora Omnitel,oggi Vodafone).Si possa ricevere internet e tv o per rete elettrica o tlc o rete idrica dove possibile.

4 9.4.Si Convochi l'anci e si discuta il piano acqua per singoli bacini in modo da aggregare le utilities esistenti.le utilities che presentino un indebitamento non ammortizzabile in 3-5 anni devono essere aggregate e si dia un incentivo se presentano piani di sviluppo,azzerando il board.si rivedano gli stipendi del board perchè Enti che non investono il 50% delle spese di funzionamento devono essere aggregati e gli stipendi non devono superare euro annui,levando benefit ed auto blu. 9.5.Si dia il via a cooperative comunali,per distretto,per bacino intese a valorizzare i prodotti delle dop comunali in tutti i settori,con particolare riferimento agli allevamenti animali e pesci per garantire agli italiani prodotti sani al minor costo possibile.queste cooperative devono vendere ai Supermercati locali e deve fissarsi una quota per un corner obbligatorio di prodotti dop locali.si passi alla gestione delle foreste e biomasse relative su base cooperativa per gli impeghi classici e moderni energetici. 9.6.Si definisca con Confindustria il piano alte temperature sulla base dello studio svedese da me inviato al MISE ed un piano serio della filiera mare(porti,energia,pesca da allevamenti,..). 9.7.Le previsioni jobs sono in 5 anni: jobs in energia rinnovabile e piano acqua jobs in agribusiness jobs in Municipal DOP Trading jobs piano rifiuti plasma jobs piano mare totale jobs che si possono far partire subito con le leggi attuali,preparando la pappa fatta al futuro Governo che dovra' solo migliorare la SEN energia perchè qualcuno dovrà capire che investendo in gas o vecchio ft l'italia non avrà mai sviluppo e nuova occupazione.il piano gas e trivellazioni Eni-Assominiere è un piano con poca occupazione ed energia cara che non risolve per niente il problema di ridurre della metà il costo del MWh elettrico,del syngas e del biofuel,nonche' dei rifiuti. 10.Il piano acqua al Nord è il piano Po.Abbiate il coraggio di convocare a Rovigo-Padova dove volete le 8 Regioni interessate allargate a Austria,Germania,Svizzera,Francia e chiedete con forza all'eu-27 il 50% dei 15 miliardi necessari per far del Po la via d'acqua sud-nord,basta collegare ticino al Rodano e adige-inn- Donau.I progetti ci sono e valgono 800 GW di energia da idroelettrico pompaggio ripompaggio per fasi.il mio progetto tridimensionale di hydro modulare per via d'acqua e Po.Ho innovato il vechio idroelettrico italiano perch+ ho dimostrato a tutti la inutilità degli accumuli e del revamping vecchie centrali.ma sull'hydro modulare applicato al Po e vie d'acqua non mi capisce nessuno,governo incluso.il Po ha per lunghi mesi poca acqua ed allora metto delle turbine vento da 10 MW ciascuna in mare diciamo che 20 GW li metto nel mar Ligure e 20 GW in Adriatico lontano a 10 miglia.la capacità produttiva è di 40 GW ma in effetti la produzione è di 10 GW.Una parte mi serve per desalinizzare il mare,una parte per le turbine di pompaggio sull'appennino ligure che ributtano acqua desalinizzata nel po.in caso di piena le turbine girano all'inverso.abbiamo acqua stoccata per 300 Km.2 di Po e non sarebbe male fare le 5 dighe con chiuse già previste.sapete che se considerano la differenza media di livello tra mare(il lago basso ma eterno) ed il Po sui 100 m(in effetti avremmo di piu' perchè il valico medio appenninnico e' 500 m) avremmo 10 GW per km.2 di acqua stoccata nel Po che significa 3000 GW a cui levo un 20% per autoconsumo chiese e pompaggi e rimango con 2600 GW con i quali ammortizzo i 15 miliardi del piano vie d'acqua.poi bilancio l'acqua del Po e sotto del mare con gli invasi subalpini e quelli costruibili lungo l'adige,val di Fumo,...Se moltiplicate la produzione in GW per il costo medio di 30 euro a MWh capite perchè l'acqua in energia è la prima e vera fonte di energia in Italia. 11.L'ossimoro dell'energia italiana ed EU-27. L'acqua con il vento sono le migliori risorse energetiche.l'ossimoro della energia italiana ed Europea è l'idroelettrico che non sa stoccare il vento o il sole.l'ossimoro è una figura retorica consistente nell'accostare nella medesima locuzione parole che esprimono concetti contrari tipo infrastrutture fossili pulite,gas naturale pulito,shale gas o fracturing pulito,trivellazioni pulite che sono simili a lucida pazzia,ghiaccio bollette,convergenze parallele.l'ossimoro è credere che gli stranieri possano investire 90 miliardi in infrastrutture fossili in Italia e garantirci un ambiente senza smog.tutta la Sen italiana è piena di ossimori perchè coniugare import di gas naturale,shale gas,lng con riduzione smog è un ossimoro.l'acqua e l'idroelettrico,il vento in mare, non sono ossimori perchè intrinsicamente e tecnologicamente puliti.a breve scrivero' un manuale energetico della Marina per far

5 capire che cosa sono le energia dal mare e dall'acqua che sono osi' misconosciute da non impiegare nella nuova energia 10 milioni di europei e in Italia.Quanto costa un piano di rilancio dell'idroelettrico non tradizionale: -in EU-27:50 miliardi annui per 10 anni:totale 500 miliardi per 10 milioni jobs -In Italia:4,5 miliardi annui per 10 anni:totale 45 miliardi per jobs 11.L'acqua con il vento sono le migliori risorse energetiche.la Lombardia ha uno studio sull'hydro modulare che non ha messo in pratica perchè non vede la sinergia MW da hydro modulare-syngas-biofuel tramite particolari elettrolisi.l'obiezione che mi faceva l'assessore che la Lombardia non vuole il vento è superata dal fatto che il miglior vento è quello in mare,leggi ligure per la vicina Lombardia,e le migliori turbine sono da 10 MW l'una e si devono mettere solo in mare.la Lombardia insistendo sul metano si riempie di smog e tutti i piani aria pulita saltano e questo è il motivo per cui ci vuole una visione d'insieme con un Assessorato Antismog e dello Sviluppo Durevole come in Francia,Germania,Danimarca.Solo la AEEG monitorando i sistemi idrici dovrebbe come la FERC USA approvare piani acqua-hydro con urgenza.l'acqua con il vento sono le migliori risorse energetiche del paese.il Governo attuale e futuro non possono fare a meno dell'acqua e della sua energia se vogliono far sviluppare l'italia.adesso devo convincere gli esperti tecnici del MISE,dell'Enea,e di tutti i Comuni che mi rivolgono spesso quesiti tecnici.dai MW elettrici si passa a syngas e biofuel tramite particolari elettrolisi. 12.Come è possibile arrivare a produrre a 30 euro al MWh con l'acqua o mare in sinergia con il vento? Progettiamo un sistema offwind-hydro modulare con molto vento(sistema tedesco): -costruisco uno o piu' laghi per 65 km.2 di superfice -metto questi laghi/invasi sui 215 m.e l'altezza media tra bacino superiore ed inferiore sia di 200. Ricordo che l'altezza media appenninica varia tra 600 m e 300m. -l'altezza dell'acqua stoccata a 200 m.sia di 50 m. -0,05 kmx 65 km.2 mi darebbe 3,25 km.3-1km3 a 200 m.vale 500 GWh significa che: -3,25 km3 a 200 metri mi danno 1625 GWh -desidero che l'impianto vento-hydro sia autonomo per mancanza vento di 2 gg,cioe' 48 ore Gwh/48 h d'autonomia senza vento mi danno 34 GW - questi 34 GW significano che possono assistere un parco eolico di 34x 4=135 GW -considero un coefficiente medio italiano del 25% che significa che bisogna installare 136 GW di vento in mare per produrre 34 GW -se metto turbine da 10 MW l'una bisogna installarne se metto turbine da 5 MW,bisogna installarne ed aumentano i costi -costo del sistema hydro modulare: 10 miliardi -costo del parco eolico:3 miliardi per ogni 40 GW:per 135 GW costa 14 miliardi -costo totale hydro modulare+offwind= 24 miliardi -ipotizzando un fattore di capacità del 25%,ho: -136 GWx8760 orex0,25= GWh annui - 24 miliardi di costo divisi 10 anni danno 2,4 miliardi GWh annui mi costerebbero 2,4 miliardi annui intorno agli 8 euro al MWh.Mi tengo un margine tra 8 e 30 euro perchè il mix vento costruibile sarà inferiore in Italia a 135 GW e sono ottimista se mil lasceranno costruire in Italia 5 parchi eolici da 8 GW per arrivare a 40 GW e per questo devo ampliare l'hydro modulare con i 5 progetti che coprono il paese.per sicurezza ho guardato altri dati francesi dell'ing.lemperiere che sono piu' cari perchè usa turbine da 5 MW ed il costo di stoccaggio è

6 eccessivo,intorno a 1,5 euro a W, ed arriva alla conclusione di 63 euro al MWh che è eguale al costo italiano del gas sui 60 euro al MWh.Faccio notare che i circa 300 TWh che produco con l'hydro sono piu' del 60% della produzione nazionale.se avessi fatto il clamoroso errore di costruire 136 GW con il nucleare EPR ci volevano 15 centrali EPR da 1,5 GW l'una che mi sarebbero costate 15x 9 miliardi l'una=135 miliardi.se questi 300 TWh li facessi con il solare ft a 300 euro al MW dovrei spendere o dare contributi per 900 miliardi. 13.Sistema italiano acqua di Caffese.E' un sistema che privilegia l'hydro modulare e con 5 progetti dal costo di 45 miliardi,puo' arrivare a produrre 600 GW,con un costo medio di 30 euro al MWh.Progetto acqua Comuni energia a 30 euro al MWh : giovani attendono che il Governo decida.l'anci con la Conferenza Regioni hanno l'occasione storica di produrre una energia che costi meno, ma non possiamo partire da una mia start up.parlavo con l'assessore competente del Comune di Milano in occasione delle premiazioni alle start up di mee talents e mi ha consigliato di predisporre una start up per il piano acqua con i Comuni ed i 3000 Enti che si interessano di acqua.ho risposto che non è un investimento piccolo da start up,ma un grande investimento da 45 miliardi dove è facile trovare i prestiti all'estero se i Comuni-Regioni invece di pensare ognuno al suo feudo acqua,pensassero ad un progetto acqua che viene pagato dall'energia.i passaggi sono un po' complicati perchè nessuno immagina che dall'acqua si passi ad una energia idroelettrica moltiplicata per 720 fasi(2 al giorno),che dai GW elettrici si passi al syngas e dal syngas al biofuel usando le biomasse povere italiane che stanno in riva ai fiumi,lagune,mare.il 50% della prevenzione è pagata dal sistema hydro modulare che coinvolge i grandi fiumi ma anche i comunirisparmiano perchè questo sistema è l'unico che immette acqua anche desalinizzata e qui è importante anche mettere un po' di turbine in mare lontano dalle coste che danno l'energia di partenza anche per dasalinizzare.l'esempio banale sono i rifiuti e le biomasse da pulire nei fiumi:se metto poche centrali plasma con bioraffineria risolvo il problema per sempre perchè le centrali plasma sono a moduli,ad es 6 moduli da 3000 T.complessive giorno costa 500 milioni,non ha diossina,produce syngas e biofuel ed è landfill Killer perchè fa chiudere le discariche.si ammortizza in 5 anni.il Governo attuale o il prossimo Governo dovranno fare una scelta fondamentale perchè avendo 3 milioni di disoccupati e 3 di precari,l'energia puo' essere il vero volano dello sviluppo.ma bisogna saper scegliere tra: 13.1.piano gas Eni-Assominiere che presuppone solo occupati in trivellazioni,140 miliardi di investimenti in infrastrutture fossili che non si ammortizzano data la sovracapacità gas,5 miliardi annui di ricavi da trivellazioni con 15 miliardi di costi ed 80-5=75 miliardi di importazioni fossili annue con costi di 60 euro al MWh da gas e 2 euro litro blended Eni-UOP 10% biomassa-90% metano 13.2.piano acqua-hydro modulare di Caffese P.L. che costa 45 miliardi ma fa ricavare 125 miliardi annui per giovani da occuppare ed il biofuel ad 1 euro litro alla pompa 13.3.il piano gas Eni-Assominiere ha 15 miliardi di industria 13.4.il piano Caffese ha 45 miliardi di industria e rilancia una Ansaldo da 20 miliardi annui Caffese porterebbe in Ansaldo tecnologia mondiale da n.1,quale: -ship zero emissions con propulsione ibrida da turbine syngas abbinate propulsione elettrica -turbine pompaggio con interazioni rotor stator e turbine pump di svariate dimensioni per fiumi,invasi,mare -offshore wind turbines da 10 MW e con applicazioni aereogeneratori da 30 GW -nuove turbine syngas -alte temperature biofuels,bioh -reattori nucleari 4 gen LFR piombo per l'estero con applicazioni biofuels HTSE -laghi di mare con turbine pompaggio adatte acqua mare -energia dal mare con apposite turbine. Ho letto il piano Assominiere di dicembre 2012 che contiene affermazioni false perchè dire che l'italia ha piu' riserve oil/gas di altri paesi è un falso.non risulta ne dai dati russi,ne dai dati ufficiali AIE e se si tratta di stime interne devono dimostrarle ufficialmente a tutti.la Germania ha piu' riserve ma programma rinnovabili.stoccaggi e vento per 110 GW.Magari l'italia mi desse 110 GW che diverebbero 550 GW con l'acqua del mio piano che a 30 euro al MWh darebbero 150 miliardi annui senza trivellare.le uniche

7 trivellazioni che mi piacciono sono quelle geotermiche a 4000 m.per darmi un vapore utilissimo nelle mie alte temperature elettrolisi vapore.assominiere deve studiare meglio!keynes love water.k adorerebbe il mio piano acqua/syngas/biofuels e tanta Occupazione Energia :coordiniamoci con l'eu-27:scegliamo acqua,vento,syngas.il Corsera è un giornale autorevole che da spazio ogni giorno all'energia.ma oltre a quella fossile cosi' ben spiegata da Mucchetti ed Agnoli, esiste una energia che i media italiani vedono molto poco,che non va in tv come direbbe il cavaliere,ma esiste nei progetti europei ed è l'energia dall'acqua e dal mare.ecco questa energia occuperebbe giovani,mentre la vecchia fossile comincia a costarci troppo ed è il simbolo piu' eclattante del nostro declino industriale perchè importiamo con costose infrastrutture fossili che ci dissanguano.non mi interessa sapere se vincerà Scaroni con il gas o vincero' io con l'acqua e il mare,mi interessa solo che giovani trovino lavoro in 5 anni e 3,6 milioni in 20 anni con la nuova energia che dipende dall'acqua piu' di quanto si percepisca oggi.cominciamo con un nel mix e vedrete che i 3 milioni di disoccupati e 3 milioni di precari che abbiamo,diminuiranno poco all'inizio, ma del 50% a processi finiti.la AEEG ha l'acqua da supervisionare ma un serio piano acqua integra perfettamente l'energia d'acquache non è piu' il vecchio hydro,vecchi accumuli,vecchi revamping ma turbine di pompaggio con interazioni di rotor stator e bilanciamento tridimensionale che regalo per grandi volumi.l'enea siamo alla frutta, perchè non contemplano l'acqua al Keynes love water.k adorerebbe il mio piano acqua/syngas/biofuels e tanta Occupazione Energia :coordiniamoci con l'eu-27:scegliamo acqua,vento,syngas.water and SEA IS THE KEY EU- 27:Reshaping the future of energy jobs.energy plans of many countries anticipate an increased use of phs hydro or modular hydro to produce electric power(medium cost 30 euro MWh, but Caffese arrive 5-20 euro MWH using sea water).water power increase use of syngas or biomethane for energy supply,not only power but heat productionas well as transport sector.existing infrastructure of natural gas storage,supply and application provides a good platform to facilitate transfer to syngas utilization on a larger scale.one key element of innovative syngas system is the upgrade of the biomass-derived syngas originating from different sources via methanation process for further injection into the gas grid,now only natural gas import grid.the main renewables energy sources are provided by large hydro power stations.africa countries have the possibility to increase large power hydro,eu-27 countries have the possibility to increase large hydro power via: -marine lakes with a dam m( Caffese,Lemperiere,Steffen) 600 GW marine phs -phs hydro rivers,alpine hydro(ch,austria,germany,norway,lavtia,england,holland,..) -sinergies water system and waste system(loch Ness-Scotia,Germany) -waterways South EU-27 to North and East Countries via Donau(Caffese Project)-800 GW phs. Pumped Storage Power Plants introduce rotor stator interaction in pump turbines.the growing demand for clean and secure energy supply,the strong development of new renewable energy sources and the liberalisation of the energy market are reshaping the future of the energy.in this new contest,pumped storage power plants are expected to play a major role since they provide a flexible way and low cost to store and generate electricity.water accumulation and battery is a high cost storing energy and revamping without desalinisation water and pump turbines are high cost and depend from meteo.caffese introduces offshore wind power to sea water desalisation and rotor stator interaction in pump turbines and tridimensional bilancing level reservoirs(sea-po River-subalpine lakes or new waterways and the central server for data storage and secure communication software were installed) Syngas is not a dream.deusches Biomass Forschungs Zentrum and Riga Tecnical University-Institute of Energy Systems andenvironment confirm the production syngas via phs-biomass and relation between temperature,pressure and the efficiency of the methanation process makes it possible to optimize the process under various biomass synthesized gas input conditions.isothermal methanation process model,the carbon monoxide and hydrogen conversation to methane show good results. 14.L'Italia ha bisogno di un un piano acqua ed hydro modulare.in energia, l'italia non è fortunata come gli Usa che ha trovato molto shale gas o come la Norvegia o la Svezia che per lo scioglimento dei ghiacciai hanno immense risorse di acqua e di conseguenza di hydro modulare, che puo' fornire l'energy storage a tutto il vento del mare del Nord.L'Italia ha 3 milioni di disoccupati e 3 milioni di precari ed allora deve soccorrere l'ingegno italiano e mettere l'acqua ed il piano acqua ed hydro modulare come obiettivo primario per posti in 5 anni e 3,6 milioni di posti al 2032 con un aumento di pil di 125 miliardi annui, che significa

8 comprare meno all'estero gas naturale e sostituirlo con syngas prodotto usando piu' energia elettrica da hydro modulare e piu' biomassa che solo il piano acqua puo' garantire.qualsiasi Governo Italiano dovrà fare una scelta cruciale tra gas importato e tradotto in centrale significa 60 euro al MWh o syngas da hydro modulare che tradotto in centrale significa 45 euro al MWh,sapendo che l'hydro modulare è l'unica vera fonte in grado di abbassare i costi al MWh,oltre che garantire il bilanciamento del grid che offro gratis su grandi volumi.keynes adorerebbe il mio piano acqua/syngas/biofuels e tanta Occupazione Energia :coordiniamoci con l'eu-27:scegliamo acqua,vento,syngas.i love Keynes,ma l'italia non ama Keynes.Ama il Principe di Niccolo Machiavelli,quello del particolare.keynes mi audirebbe,occupazione Energia :coordiniamoci con l'eu-27:scegliamo acqua,vento,syngas.la via piu' breve per sviluppare l'occupazione in Italia è la modifica al modello energetico che da 40 anni non produce sviluppo per il caro energia, dovuto al gas naturale al 90%.Cambiando il modello ed arrivando ad un cioe' 50% fossile e 50% rinnovabile/ibrido, potremmo in pochi mesi raggiungere risultanti piu' che interessanti.ne discussi con Tremonti ma lui era per lo sviluppo zero costi mentre il mio piano acqua -hydro modulare comporta 4,5 miliardi anni che in 10 anni sono 45 miliardi ed avvia uno sviluppo di occupati per 125 miliardi di ricavi annui. Il primo incentivo energetico del Governo immediato potrebbe essere l'incentivo legato ai piani occupazione(vedi formula DOE gia' inviata al MISE).Sia il Mise che Oettinger sono a conoscenza del mio piano ma Oettinger l'ha apprezzato mentre il Mise ha l'enea che non considera l'acqua nel modello previsivo.ieri il Ministro Passera ha confermato che bisogna ridurre il costo elettrico da 200 euro al MWh(l'industria paga 220 euro al MWh)ma piu' di levare 40 euro di a3 non fa,mentre il mio bistrattato hydro modulare produce a 30 euro al MWh contro i 60 euro del metano(dato Enel).Ora come farà il MISE a ridurre se il costo gas è il doppio del mio hydro.difatti hanno capito l'antifona gli idroelettrici vecchia scuola che vogliono raddoppiare per guadagnare bene in tariffa,ma non girano nuova acqua o mare desalinizzato che è il plus del mio piano che non dipenderebbe piu' dal meteo ne da Putin come gas perchè dai MW elettrici,passare al syngas per me è un gioco da ragazzi,per l'eni è complicato ma i tedeschi,danesi,francesi non seguono le direttive Eni e se lo producono offshore wind to syngas,io vorrei water or sea water to syngas sinergizzando bene il piano acqua di AEEG ed il piano prevenzione del Clini.Si puo' fare? Certo e guardate che miracolo abbiamo in occupazione: giovani al lavoro perchè per la mia energia elementare non ho bisogno dei grandi ingegneri di Scaroni. Previsioni Energia Italia al Impieghi dovuti all'efficacia energetica e sviluppo rinnovabili. -miglioramento efficacia energetica di cui: -abitazioni residenziali riscaldamento e ventilazione caldaie condensazione sistemi elettromanager lampade,led,fluocompatte trasporti ferrovia infrastrutture ferroviarie tramways bus biciclette urbane elettriche veicoli particolari energie rinnovabili-ibride di cui: -piano acqua e hydro(caffese) solare termico fotovoltaico

9 -eolico foreste pompe calore biocarburanti geotermia syngas-biogas propulsione navale syngas ed ibrida intelligent grid ibrido-rinnovabile aviation altri (energie del mare,... ) agribusiness(biomassa+pesci+concimi) Fonte:Report Caffese P.L. su previsione ADEME-IEA-Governo Tedesco.Non abbiamo analizzato le previsioni Enea perchè manca l'acqua.in questi mesi Oettinger,Commissario Europeo all'energia, ha rilasciato numerose interviste e comunicazioni sull'energia ed alcune di queste sono vitali per l'italia perchè l'italia puo' rivolgersi alla EU-27 per finanziare il piano acqua,hydro modulare,offshore wind e waterways o vie d'acqua.se insistesse sullo hub gas credo che non avrebbe finanziamenti e dovrebbe dipendere da investimenti fossili esteri che aumenterebbero,per ammortizzare i loro investimenti,le tariffe esistenti creando quel meccanismo perverso che pur in presenza di discesa del pil ed occupazione,le tariffe energetiche e gli stipendi dei Ceo fossili aumentano, mentre calano i ricavi e per salvarsi le utilities chiedono aumenti in tariffa su servizi come l'energy storage elettrico o gas(piano gas storage pianura Padana-Basilicata su giacimenti vuoti metano). 1.il costo italiano dell'energia a 200 euro al MWh e 220 euro l'industria è troppo caro ed urge prendere decisioni per una forte riduzione del costo a MWh e del gas al 90%. 2.lo stoccaggio elettrico,ormai è ineludibile, e lo stoccaggio che costa meno di tutti per grandi quantità è il phs in inglese,step in francese,hydro modulare come lo chiama Caffese in Italia per differenziarlo dagli accumuli d'acqua e dal revamping di vecchie centrali che sono un costo tariffario ma non un vantaggio 3.i costi delle infrastrutture fossili vanno attentamente soppesati con i costi delle infrastrutture rinnovabiliibride che hanno un costo inferiore ed una durata(lifetime) superiore che nell'hydro modulare arriva a 100 anni e se ben progettato previene la rovina dell'ambiente. 4.i paesi che hanno grande disponibilità di gas potrebbero usarlo sia per phs in certe ore(si parla di notturne o periodi di eccesso produzione) ma il confronto deve effettuarsi anche con il costo del syngas o gas rinnovabile che i tedeschi e tutto il Nord Europa producono dal vento in mare,mentre Caffese in Italia ha trovato varie soluzioni per produrlo dall'acqua ed in centrale syngas il costo medio sarebbe di 45 euro al MWh. 5.nel contempo si invitava ad una analisi costi benefici su shale gas e LNG ed invitava a studi attenti sullo stoccaggio del gas importato per non favorire speculazioni e non far estrarre troppo in fretta il gas esistente per stoccare poi nel giacimento vuoto nuovo gas importato(progetto Padania e Basilicata in Italia). 6.In Francia Hollande ha avviato il 25% di riduzione del nucleare entro il 2025.Il nucleare è sostituito dalle rinnovabili vento,mare,step,solare,biomasse ed il nucleare di IV gen.servirà per bioh e biofuel HTSE(CESA).Caffese che fece le prime applicazioni nel 2006 su LFR piombo,ora applica la elettrolisi HTSE partendo sia dall'acqua che dal vento o vapore geotermico profondo. -Che cosa significa lo stoccaggio di elettricità per via rinnovabile?caffese nel 2005 aveva verificato matematicamente che 40 GW di vento nel mar ligure,si trasformavano in 200 GW stoccando il vento e dasalinizzando l'acqua che portava via Appennino( m) di energia gravitaria al Po che concepiva come lago intermedio di 300 Km.2 con la costruzione di dighe basse per lo stoccaggio dell'acqua e la navigazione 12 mesi annui.il grande ingegnere francese Lemperire confermo' i dati di Caffese e passo'alla progettazione di step che assisteva sempre l'eolico in mare con i cosidetti laghi di mare o invasi vicini alle

10 coste.steffen in Germania progettava nuovi invasi phs e norvegesi-svedesi-filandesi si accorgevano che per i ghiacciai che si scioglievano avevano enormi disponibilità di acqua che poteva stoccare tutto il vento del Nord e poi l'energia ritornava in Eu con cavidotti di alta potenza(ma il costo è elevato). -Perchè la gestione dell'acqua e la desalinizzazione diventa fondamentale?caffese in italia ragionava in modo diverso,memore del fallimento Desertec di cui aveva individuato gli errori di puntare sul sole invece che sul vento molto piu' interessante e poi trasmettere syngas per gasdotti esistenti invece che per reti elettriche aeree dispersive.al Nord e Centro Italia Caffese optava per vento in mare assistito dall'hydro modulare Po al nord,arno-tevere al centro,mentre nel Sud ed Isole optava per laghi di mare che avrebbero garantito energia,acqua,pesci perenni al Sud. -Perchè le waterways Eu-27 possono diventare un volano di phs.caffese nel suo progetto waterways Po che parte dal Ticino ed arriva al Rodano e Reno e l'atro progetto via Adige,Inn,Doane che collegava il Sud EU- 27 al Nord e paesi Est costa 15 miliardi ma darebbe 800 GW di phs che durerebbe secoli.se chiedono è meglio investire 100 miliardi in EU grid o 15 miliardi in waterway cioe' acqua,direi che questi 15 miliardi rendono molto dipiu' dei 100 miliardi nel grid. -Perchè lo syngas diventa piu' importante del gas importato.qui sta il nodo vero dell'energia in EU-27?Io sono per un gas pulito e lo syngas è pulito,mentre non lo sono sia lo shale gas che il gas naturale(con l'alta componente metano che è la piu' pericolosa) che lo shale che è il piu' inquinante di tutti(il gassificatore Shell che pulisce è pronto solo nel 2018 e sino ad allora lo dovremmo bloccare).ci sarebbe una strada intermedia che ho sempre suggerito ai petrolieri, cioe' di usare il CARMA, che è una elettrolisi molto particolare che conosciamo noi esperti di alte temperature perchè vogliamo far produrre nell'eu-27 biofuels HTSE che sono la chance vera per occuppare 10 miloni di jobs in EU-27 ed In italia cosi' suddivisi: -miglioramento dell'efficacia energetica energie rinnovabili agricoltura legata alle energie rinnovabili-biomasse-pesce totale: L'esperto della Merkel è per l'acqua,noi ci dimentichiamo dell'acqua e siamo per il gas importato ma Scaroni non vuole niente..richiesta ufficiale per un piano acqua Italia collegato al piano hydro modularesyngas-biofuels htse.il piano acqua ed hydro prevedono anche cambiamenti nelle tariffe feed-in tariff rinnovabili e biomasse che in Germania e Francia funzionano molto bene e sviluppano l'occupazione,senza che lo Stato si sveni.il Report è pronto e disponibile su richiesta.lo spread in energia tra quella tedesca e la nostra c'è,si vede e non facciamo niente per migliorarlo.i tedeschi stanno diminuendo moltissimo l'utilizzo di gas naturale e LNG e cominciano a mettere nel grid gas sia il biogas che l'rgas.il primo deriva da biomasse e rifiuti,il 2 da rinnovabili(vento,hydro,solare,geotermico).ma tutti hanno capito e, fui il primo a dirlo perchè lo studiai per il Po, che l'errore tedesco è stato di non aver stoccato subito il vento nell'hydro ed ora devono correre ai ripari.noi siamo vergini perchè di vento in mare con turbine da 10 MW l'una non ne abbiamo e l'hydro italiano dopo il Vajont è stato in coma profondo,tanto che l'enea se lo vuole dimenticare.ma dopo 10 anni che dico a tutti che bisogna ripensare all'acqua ed all'hydro,da una parte Bortoni della AEEG vuole 65 miliardi e Clini altri 40 per protezione fiumi.ma che i 2 si parlino, per diminuire i costi,produrre una energia che costi 30 euro al MWh e dare acqua continua al sistema desalinizzando il mare non se ne parla proprio.io non sono come Scaroni che fa finta di non chiedere niente al Governo.Io chiedo ufficialmente il piano acqua con l'hydro e chiedo di produrre syngas per via hydro e per questo chiedo di concepire una SuperAnsaldo n.1 al mondo in rinnovabili-ibride.e se dimostro che il mio syngas costa meno del gas di Putin o arabi,il Governo deve venirmi incontro e non far spendere soldi agli italiani per hubs e gasdotti che oggi non coprono i costi se non riaumentando le tariffe come vogliono le utilities indebitate.in questi giorni Der Spiegel intervista il massimo consulente tedesco della Merkel in energia KAI Konrad Ideas e gli chiede:ma Lei che farebbe per l'inquinamento e l'energia? Io,risponde serio il CoDirettore del mitico Planck M. Institute, farei dighe,higher dixes,per produrre energia idroelettrica moderna perchè il sole è caro ed il vento va stoccato comunque nell'hydro.pensate all'italia dove ad un Convegno in Bocconi sulla Sen,i mitici dell'ufficio studi Enea mi hanno tolto l'hydro cioe' l'acqua, dicendomi che l'hydro non serve e che la volonta' del Governo era di levarlo.cioe' noi leviamo l'energia rinnovabile n.1 al mondo per stare dietro al gas che importiamo al 90% dall'estero.ecco il nostro spread vero in energia.ecco perchè Der Spiegel vende copie ed i nostri media arrancano perchè la gente si è stufata di interviste gasdirette che magnificano sempre il gas o

11 l'eni che sono all'origine della nostra debacle industriale ed occupazionale(crf. mio messaggio al MISE con allegato l'articolo in inglese su Der Spiegel).Sul Corsera non ho mai visto una intervista sull'acqua e sull'hydro ma milioni di interviste sul gas.i tedeschi si presentano a Doha con progetti seri per l'africa e l'eu-27,noi ci presentiamo a Doha senza niente.un po d'acqua alla Bortoni,avulsa dall'energia.un po' di protezione modello Clini,avulsa dall'energia e senza un piano serio syngas-biofuels-biomasse.il piano hydro modulare per l'italia ci sarebbe ma piuttosto di illustrarlo il Clini si tufferebbe tra i pescecani di Doha.La priorità dell'energy storage in EU-27 ed in Italia.Decidere subito per le emergenze energia-acqua.la priorità dell'energy storage in EU-27 ed in Italia.Decidere subito per le emergenze energia-acqua.l'energia dell'acqua si integra con quella del mare ma la Lombardia non ha mare dicono.allora perchè non andare in Liguria? L'aria pulita in Lombardia e la riduzione dello smog allo 80% passa dall'acqua e dal mare.ma è dura che l'assessore comprenda! Priorità sull'energy storage nel mondo,in Eu-27 ed in Italia.Dai continui emendamenti che propongono in Italia Bubbico,Mercatali,Vicari in Parlamento, per utilizzare la bolletta elettrica-gas come bancomat, emerge un quadro desolante delle nostre conoscenze energetiche che definerei ignoranza guidata per favorire le lobbies che tengono in scacco il paese sull'energia e lo sviluppo.tutto il mondo fa studi seri sull'energy storage, e noi stiamo a discutere di come levare i certicati verdi alle centrali gas o continuare a dare soldi al ft, che è l'energia piu' cara che ci siamo messi in cantiere.bisogna cominciare a dire no, ed approvare piani: 1.approvare con urgenza un piano di energy storage,bloccando le infrastrutture fossili inutili,e dotando l'energia europea ed italiana di sicuri antidoti contro le emergenze. 2.non levare,cioe' confermare i certificati verdi alle centrali gas e rivedere con urgenza i board delle Società con Ceo fossili-gas perchè è evidente che abbiamo pagato extracosti gas che qualcuno ha intascato e difatti sono stati fatti arbitrati che hanno dato torto alle Società venditrici di gas importato sia naturale che LNG 3.imporre alle rinnovabili e soprattutto al solare ft o pv, l'energy storage 4.approvare un piano urgente sull'acqua magari partisse dall'eu-27 includendo anche le waterways 5.approvare un piano urgentissimo sul syngas,sostitutivo del gas importato a livello EU-27 6.approvare con Confindustria e Sindacati un piano di reindustrializzazione che preveda le alte temperature 7.avviare il piano di New Bioenergy che è legato all'agricoltura, tramite la nuova tariffa tedesca 2012 della EEG Act perchè questa tariffa è molto valida per il rilancio serio della bioenergia(chi non avesse la feed-in tariff tedesca 2012, la puo' richiedere.si devono decidere gli antidoti emergenze e l'energia che costa meno con piano acqua e prevenzione: 30 euro al MWh da hydro modulare.l'energia italiana deve dotarsi con urgenza di antidoti contro le emergenze.lo scorso anno ci fu l'emergenza Putin, che non ci dava il gas che fece scattare le centrali ad olio, che vengono ancora sovvenzionate.quest' anno ci sarà una crisi per il gas in quanto il piano Eni gas è contrastato da tutti,inclusa la Commissione Europea, e poi dopo Report di domenica verra' criticato il vertice Eni ed un buon numero di Dirigenti perchè su enormi contratti gas c'è sempre chi ne approfitta per utili personali.dato che da anni mi batto contro il 90% del mix gas,da italiano conoscitore di energia mondiale, riferisco al Governo che deve prendere decisioni urgenti sulla sostituzione sia del Board coinvolto che del gas importato perchè sorgeranno problemi enormi con Russia,Libia,Algeria(vicenda Saipem).Per sostituire il gas importato l'unica soluzione è di cominciare a produrre syngas dall'hydro modulare che è molto diverso dall'idroelettrico classico, di cui l'associazione dei Produttori Idroelettrici chiederà il raddoppio ma al massimo è di 80 GW contro i 600 GW del mio piano.i produttori attuali sono spinti dalla tariffa attuale che è favorevole,mentre il mio piano prevede sia l'elettricità che il syngas da cui si ricava anche il biofuel.ma senza un syngas competitivo come costo,possiamo dare addio all'industria manufatturiera ed i vertici Confindustria pur da me avvertiti minimizzano il sempre il problema.l'ansaldo Energia non è solo un problema di tenere una buona industria in mani italiane, e' una strategia di riconvertire un modello energetico da importazioni gas in un modello in cui elettricità e syngas si fanno in casa e non possiamo aspettare i tempi della approvazione SEN,troppo lunghi, ma dobbiamo agire con urgenza senza far manciare centrali oil,che sarebbe un regalo all'enel dati gli alti costi e l'inquinamento.1.1.perchè l'energy storage è fondamentale. Dobbiamo analizzare la seguente tabella basata su rigorosi studi tedeschi(db Research),francesi ed Usa. Anno Quota rinnovabili Capacità di bilanciamento TW di energia richiesta in % sul mix richiesta in GW

12 % GW % % % Gli investimenti necessari sono dell'ordine di 25 miliardi in stoccaggi entro il 2022 e 30 miliardi entro il 2030 e 50 miliardi entro il Solare fotovoltaico o ft o pv.solo lo 0,4% del ft è usato per consumo in proprio oggi ma al 2022 il 20% sarà consumato in proprio ed il 35% nel Capacità bilanciamento rinnovabili.oggi la capacità di bilanciamento delle rinnovabili si aggira su 7-8 GW ma al 2022 dovrà essere aumentata del 50% e del 70% nel Surplus energy.ritengo che la domanda di energy storage per il surplus sia oggi sui 15 GW,arrivando come minimo a 3,5 TWh neel 2022 e 40 TWh nel Cosa fare?no accumuli,si al piano acqua-hydro modulare.i dati internazionali traslati all'italia dimostrano l'assoluta necessità degli stoccaggi che non si risovono con gli accumuli d'acqua su cui vogliono investire 5 miliardi ma non si conosce la capacità complessiva.questo dato è importante perchè vogliono inserirli in tariffa e per me è una rendita pagata a chi li costruisce,senza risovere i veri problemi della riduzione del costo energia. 1.5 Richiesta di Federpern al Mise e AEEG di raddoppiare la produzione idroelettrica italiana.dopo 10 anni che dico al MISE e Confindustria di andare sull'acqua,federpern vedendo i miei progetti vuole raddoppiare l'attuale produzione con uno scopo molto diverso dal mio:guadagnare bene sulla tariffa in vigore,sul minihydro e sugli accumuli.mi devono spiegare con che acqua fanno il raddoppio senza un serio piano acqua come il mio che arriva a mettere acqua desalinizzata nei 5 progetti che presento.il progetto Federpen non tiene conto del centro-sud-isole dove l'hydro è inconsistente e difatti io lo risolvo con i laghi di mare.dopo a me non interessa la tariffa hydro attuale per guadagnarci,a me interessa diminuire il costo al MWh e ridurlo sui 30 euro al MWh.Dopo mi interessa avere una base seria per produrre syngas e biofuels 100% biomasse.qui il Governo deve porre mano al riordino delle oltre 3000 utilities che si occupano di acqua e riorganizzare in uno i vari Consorzi bonifiche in mano alla peggior politica clintelare senza vision energia.il Governo deve decidere l'energia che costa meno con piano acqua e prevenzione: 30 euro al MWh da hydro modulare ma posso scendere con il mare a 5-10 euro al MWh.Noto che il il MISE ha incontrato Federpern che presenta un piano di raddoppio della produzione idrica da 40 GW ad 80 GW,ma non conosco i costi che penso altissimi perchè dipendono dal meteo mentre il mio piano da 600 GW è indipendente dal meteo perchè in equilibrio permanente con la desalinizzazione che faccio con le mie turbine offshore wind da 10 MW l'una(ne bastano per 40 GW di potenza made in Ansaldo) e che poi contribuiscono allo stoccaggio nel Po e altri fiumi al centro e laghi di mare al Sud.Per questo motivo hydro modulare bilancia sempre in automatico il grid e non trovo necessario tariffarlo come per gli accumuli.vedo solo che i big non sanno nemmeno copiare.ma la differenza sostanziale è che produco dai 600 GW syngas e biofuel che servono all'italia molto piu' delle trivellazioni.negli Usa stanno sorgendo Consorzi per bacino imbrifero ed io ne ho indicato 5 che sinergizzano il vento e le biomasse,impegnandosi a pulire i fiumi ed a pagare le opere di sistemazione o protezione ambientale(su cui Clini vuole 40 miliardi),progettando sempre con la tecnologia svizzera tedesca dell'ecole Politecnique de Lausanne,la n.1 in Eu-27,usata persino da tedeschi ed arabi.il mio piano costa 45 miliardi in 10 anni per 5 progetti detti Clean Hubs e 125 miliardi di ricavi annui a regime.vediamo tutti costi richiesti ai vari Ministri e Authority. -Clini chiede 40 miliardi per prevenzione ambiente. -Bortoni chiede 65 miliardi per un piano acqua moderno.i francesi spendono 90 miliardi ma c'è l'energia. -Federpen chiede il raddoppio dell'idroelettrico attuale -Enel,Assoelettrica,Terna chiedono gli accumuli acqua per bilanciare il grid -Molte Associazioni Confindustria come Anima,Anie chiedono rinnovabili moderne al 50% del mix

13 -Io chiedo al Governo via CDP-Banche europee 45 miliardi,cioe' 4,5 miliardi per 10 annni per produrre hydro modulare,syngas,biofuels per 125 miliardi annui e posti ai giovani.il mio piano sinergizza i 2 precedenti è riduce lo smog dello 80%.In piu' avvia l'industria moderna decarbonizzata perchè ha le alte temperature indispensabili per una industria al top. -L'Enea dice che nel modello previsivo al 2050 non ha messo l'acqua.come arrivano al 38% di rinnovabili(io chiedo il 50%) è un segreto eneano da sprovveduti. -Incavolato, ho mandato il modello danese che ha l'acqua al 1 posto ma l'enea non legge bene l'inglese o danese,anzi non risponde con nasino insu' -L'Eni voleva 140 miliardi di infrastrutture fossili e 90 erano pagate da stranieri ma oggi il suo piano è poco credibile ed il piano di stoccaggio gas in Basilicata lo ritengo una speculazione che non abbassa il costo energia.nell'hydro mettono sul piatto 5,5 miliardi di accumuli che sono poi tariffabili per loro profitti,mentre io li regalo -Passera parla di revamping ma una cosa è il revamping di Chu(si veda la memoria del DOE oggi inviata da me al Mise),una altra cosa è il revamping italiano o rifacimentovecchie centrali, che cade come una pera perchè non mettono nuova acqua che in futuro sarà sempre piu' scarsa quella da pioggia e bisogna cominciare a desalinizzare.tutto il mondo lo fa e con il vento. -Superansaldo, io mi batto per un Ansaldo da 20 miliardi annui,altri non hanno strategie di medio periodo. Leggendo la matassa ingarbugliata dei Soci Ansaldo quelli che hanno firmato di dare il potere al Fondo Usa sono degli incompetenti ed oggi vedo la strada spianata a Siemens per errori dei Ceo. Ansaldo.Siemens abbandona il solare per wind ed hydro.il Governo italiano fa l'opposto e nel SEN trascura l'hydro modulare.perchè?il Secolo XIX dice che il Governo non sa decidere su Finmeccanica-Ansaldo.Presto fatto, si pensioni Orsi coivolto in tangenti e si metta Zampini al suo posto.poi con FSI e privati si faccia partire SuperAnsaldo con un nuovo Ceo che sappia pilotarla verso i grandi mercati esteri ma nel contempo sia il volano del vento e dell'hydro italiano,come Siemens in Germania.E' giusto non vendere Ansaldo ai tedeschi perchè per loro sarebbe un doppione da chiudere prima e dopo,mentre le turbine vento ed hydro le sappiamo fare benissimo in Italia ed a Genova.Se mi vogliono come Ceo pilotero' il piano hydro modulareoffshore wind in italia per produrre enormi quantitativi di energia elettrica-syngas sostitutivo metano e biofuel.il nucleare di IV gen LFR è un progetto che mi riservo per l'estero, ma concepisco solo una SuperAnsaldo da 22 miliardi di ricavi annui come i competitors mondiali e sono aperto ad imbarcare tutti purchè non vengano a comandare in Ansaldo che sa benissimo cosa fare per l'energia ibrida del futuro senza divisioni sul tipo di risorse fossili,re,stoccaggi,ma ottimizzando quello che esiste con il grid.i Comuni e le utilities sull'energia sono indietro e dicono spesso cavolate.la redazione ecodallecittà nel commentare il SEN fa affermazioni non veritiere,quali: -la Germania levando il nucleare non ha energia.ma quando mai? se hanno messo 200 miliardi in rinnovabili e 110 GW di vento su 550 GW totali, che se l'avessi io in Italia lo moltiplico per 5 con il mio leverage arrivando con l'hydro modulare a 550 GW.Magari avessimo una con palle(balls) come la Merkel! -la mobilità Enel con auto elettriche interessa i cretini che sperperano soldi.l'auto elettrica non funzionerà mai in Italia per l'alto costo di base energia che per Enel è 60 euro al MWh con il gas e se verificasse il costo a2a è ancora piu' caro,credo 150 euro al MWh.Cioe' il costo elettrico Enel è caro e quello delle utilities, tutte superindebitate per il gas, ancora piu' caro -negli Usa abbiamo fatto un test su 50 milioni di veicoli tra una rete biofuel-bioh ed una rete elettrica.sa chi ha vinto? I distributori biofuel o bioidrogeno che poi usano la stessa tecnologia ma la prendiamo lo HTSE biofuel dal nucleare,in italia ci vuole l'hydro modulare che è acqua o mare. -il gas importato che manca o che si sostituisce al gas russo esiste e si chiama syngas,ma per produrlo ci vuole sempre l'hydro modulare o il nucleare di IV gen LFr,tutte cose che in Italia sappiamo fare bene -rifiuti plasma waste danno syngas,la centrale costa 500 milioni per 3000 t/g.le progetto nel mondo,non in Italia.Chiedo ai Comuni.Perchè non il plasma chiamato landfill killer,uccisore di discariche? -ho inviato la lettera a Confindustria Energia per far capire chi vuole lo sviluppo e chi no.siemens abbandona il solare per wind ed hydro.il Governo italiano fa l'opposto e nel SEN trascura l'hydro.caro Presidente Confindustria Energia e Confindustria Genova e Veneto,Confindustria è sempre stata una ottima scuola per

14 chi sa fare piani energetici a livello governativo o Stato.La differenza tra me, che non mi lascio suggestionare dagli sfavillanti successi Eni in trivellazioni mondiali, e molti uffici studi Confindustria-Eni-Enea-consulenti Assolombarda Energy Labs è che non hanno vision internazionale,ragionano sempre 20 anni indietro,mentre io propongo piano per risparmiare soldi e sprechi.se l'eni leggesse il Mit,oltre a comprarlo in consulenza,si sarebbe accorto in tempo che il solare è troppo caro e favoleggiare ricerche sul solare è solo procrastinare nel tempo.dopo dire che i biofuels non ci sono come disse il Ceo Pirelli Tronchetti e l'eni a Venezia è ancora peggio.personalmente questa guerra di posizione tra Eni fossile e Caffese per ibrido e rinnovabili poco care, non mi piace perchè l'eni potrà vincere ma è una vittoria di Pirro.Oggi Siemens ha spiazzato via i convincimenti Eni, dicendo che abbandona il solare per andare sul vento e sull'hydro.questo perchè i tedeschi hanno un Governo saggio che li supporta molto bene e sanno che il vento è economico mentre il solare è caro.ma l'hydro è migliore sui euro al MWh e se l'eni mi dimostra che con il gas arriva a questo livello chapeau.in fondo chiedo al Governo di bloccare il gas importato al 50% sostituito da syngas fatto con l'hydro modulare.che ci perde l'eni?ma se l'eni si ostina a dire che il mio hydro modulare non serve,che i miei biofuel HTSE non esistono,allora faro' intervenire l'eu-27 su capacity payments e la tassa sicurezza di Scaroni per contratti mal fatti ed ad ogni contributo o fondo dato ad infrastrutture fossili dovrà corrispondere analogo stanziamemento in ibrido-rinnovabili che non sono il ft di Clini o il solare CP dell'enel a metano,sono un sistema ibrido di energia ottimizzante per arrivare a produrre base 30 euro al MWh o benzina senza smog ad 1 euro litro.dopo il Governo ci puo' mettere la tassa che vuole ma non sono piu' ostaggio di nessuno e caccio la parola emergenze sempre ventilata dai petrolieri con l'aiuto oggi di Clini,ieri del CIP 6 della DC nel Devoto Oli.Siemens abbandona il solare per wind ed hydro.il Governo italiano fa l'opposto e nel SEN trascura l'hydro.-perchè la Siemens abbandona il solare e punta su vento ed hydro?(corsera pp.29).i tedeschi sono impazziti,dice un sito pro ft-solare.quelli che stoltamente diedero soldi al Desertec come Terna,Intesa,Unicredito,imprecano contro Siemens.Ma il piano energia tedesco è un piano serio come tutti quelli del Nord Eu-27 e gode dei Fondi Eu sulle rinnovabili.da noi invece il Governo abbagliato dai 150 progetti dell'eni preme per diminuire leggermente il fossile,oggi al 90% e cian cianin detto in genovese al 65%.Il dato del Governo allo 86% non è veritiero perchè c'è evasione o nero che non finisce nei dati ufficiali.siemens che è tedesca mi da ragione,ma nel contempo da torto al Governo ed Eni che dice che il solare è il futuro,mentre non è vero e vengono sbugiardati da Siemens e Mit.Terna e GSE che si battono per il solare MED bruciano soldi(terna è nel Desertec,progetto da 400 miliardi fallito perchè senza Siemens non si farà mai).falliti i progetti solari,inceppati quelli grossi vento, perchè non si valorizza l'hydro modulare?che paura ha il Governo di puntare massiciamente sull'hydro modulare?l'acqua è roba del Governo.Che poi dall'hydro si passi a produrre syngas e da questo Rgas e biofuels è un po' complicato spiegarlo e mi metto a disposizione del MISe e AEEg per un Corso rapido di energia ibrida a tutti i livelli,anzi terrò il corso in inglese.-e' ora di smetterla con le finte emergenze che fanno fare soldi ai fossili e ft.il Governo ha commesso un errore dando l'integrazione all'oil in centrale per emergenza e sta commettendo l'errore grossolano di far investire stranieri nel fossile e nelle trivellazioni.certo Rosneft oggi è piu' grossa di Exxon e si puo' pappare Eni-Erg-Saras ma che convenienza abbiamo a farci imporre 50 anni di prezzi alti?un altro errore è dare i soldi sicurezza-contratti a l/t,la tassa Scaroni e riconoscere il capacity payments a chichessia.significa dare ragione a chi non sa far contratti e chi investe male.se vogliono passino a far funzionare le centrali metano a syngas e poi se non serve l'elettricità si produce biofuel.-l'emergenza smog è l'unica che il Governo non considera(la UE ci multa,le Regioni se ne fregano al Miniambiente sleeping,ci penseranno i giudici).ho detto al prof. Mattioli che è un pavido a proporre il ,dico al Governo che se mi ascolta in 5 anni leviamo l'80% della Co2 industriale e sul syngas al posto del metano e sul biofuel al posto delle benzine fossili dipende solo da quanto hydro modulare e syngas mi lascia produrre con l'acqua e poi con il vento ed il plasma waste.vedrete che qualche giudice, come è successo oggi per il terremoto dell'aquila,condannerà esperti e Direttori MISE-Miniambiente perchè le tecnologie pulite attuali permettono di abbattere dello 80% la Co2 ed inquinanti ma se non applichiamo il reuse CO2 a tutte le fonti CO2 non ne usciamo fuori(dimenticando per strada il CCS che non serve,e' un bruciasoldi). -Questo benedetto syngas perchè non cominciamo a produrlo?che ostacolo c'è?se l'eni non lo vuole il Governo fa dimettere il board Eni dato che ha il 30% indirettamente,ma per produrre syngas occorre un piano di hydro modulare,vento in mare e plasma waste o rifiuti.per ora escludiamo il solare ft ed il CP si fa con syngas senza metano.esigo che si parta da Mantova e poi al Sud.Se il Governo ha dei dubbi,vola negli Usa,parla con Chu e chiede:il progetto Caffese è da pazzi o si puo' fare? -Ansaldo e Siemens.La differenza è lunare.siemens tedesca ha dietro un Governo che ordina ma sa farla esportare nel mondo.ansaldo in Finmeccanica era un pesce fuor d'acqua,oggi con l'intervento del FSI e

15 privati molto bravi,puo' diventare leader mondiale in energia ibrida e superare in tecnologia i maestri Siemens che la volevano fagocitare per levare un concorrente.ansaldo sa far turbine offshore windfloating,turbine wind gas,turbine syngas,centrali plasma waste,turbine pumped,deve solo migliorare in HTSE biofuel-bioh e qui posso portare i miei progetti sia di rinnovabili che di nucleare LFR 4 gen piombo. Piano energetico italiano e fondi UE-27: la sfida è investire in reti non fossili e tecnologie ibride. I fossili approvano il piano SEN perchè non abbatte il costo energia e buttano la comunicazione su sicurezza(tassa Scaroni contratti lungo termine) e scoperte all'estero di giacimenti ma di flop in R&S per energie meno care,biofuels,sistemi clean o antismog, solare CP Eni-Enel con metano,soldi buttati da Terna nel Desertec,non ne parla mai nessuno.i giacimenti all'estero sono ottimi per il bilancio Eni ma a noi italiani ci interessa un biofuel ad 1 euro litro,il syngas 30% in meno,l'energia elettrica 50% in meno.non ci interessano i gasdotti russi ne gli hubs portuali sprecasoldi,ne il capacity payments.non ci interessa la visione di Terna dei collegamenti sbagliati Nord e rinnovabili al Sud.Vieterei le linee aeree perchè le elpipes sono piu' convenienti ed interrate non rovinano l'ambiente.le trivellazioni che il Governo vuole è la classica fuga in avanti,dato che l'eni/enel/a2a non sanno fare energia ibrida e biofuels estraggo il fossile.capisco fossimo nel Golfo del Mexico ma da noi i giacimenti sono 1/10 dei tedeschi che invece optano per syngas da vento e Audi che produce windfuels.questa è serietà:non giocare con il fossile anche trivellato che distrugge il mare e poi ci da tanto smog che nessuno vuol levare(crf mia Lombardia dove fanno il contrario di quello che bisogna fare).vedete se date ad un banchiere in mano l'energia italiana,cerca soldi da chi ha riserve e fondi sovrani,cosi ci godiamo per 50 anni lo smog pagando caro smog ed energia.se date in mano il progetto energia ad indipendenti progettisti energetici come fece la Merkel,vi fanno risparmiare 800 miliardi che sono 40 miliardi annui di minore importazione fossile per 20 anni.lo Stato puo spendere 180 miliardi ma importerebbe sempre per 1600 miliardi meno quelli trivellati che sono 100 miliardi,cioe' il fossile costa a noi 1500 miliardi.se vi sembra poco! Vogliamo discutere in modo serio ed approfondito del piano energia e dare sviluppo con posti in 5 anni?lo sviluppo con reti fossili basate sull'import non si avrà mai,anche trivellando,lo sviluppo si ottiene con l'energia ibrida da rinnovabili ma stoccate che il nord-europa produce da anni base vento,io uso l'acqua che già abbiamo ma per fasi che significa rivoluzionare una vecchia energia con tecnologie nuove.risultato:10-20 euro al MWh quando le centrali gas non possono scendere sotto 60 euro al MWh e le bollette italiane sono plafonate a 90 euro al MWh.Questa è la strada maestra,un po' tedesca ma tanta inventiva italiana.poi l'acqua non è di tizio,caio ma dello Stato e lo abbiamo confermato in un referendum.fermiamo il declino con tanta acqua,biomassa povera ed un pizzico di vento in mare a 40 miglia che non vede nessuno con turbine flottanti da 10 MW l'una.tutte tecnologie fattibili da una grande Ansaldo come lo era ai tempi d'oro che faceva navi,motori,cannoni che ci fecero vincere la Grande Guerra.Al posto dei cannoni,basta saper fare turbine vento o pompaggio,la linfa della nuova energia made in Italy che limita lo strapotere dei Putin-Arabi e da chi compra caro da loro.consiglio ai redattori un viaggio a Bremehaven ed uno in Danimarca a vedere lo windgas ed all'audi lo windfuel,cose che sappiamo fare anche con l'acqua o sorpresa..il mio mare.sul Desertec la Terna ha buttato soldi nostri ma anche 2 banche hanno buttato soldi(intesa-unicredit) e per questo dico che i piani energetici dei banchieri spesso sono errati,perchè accecati dai progetti Eni,Siemens che mi invito' persino al Desertec ed io dissi 4 anni fa,che erano matti.come oggi lo dico all'eni sul solare.le mosse di Eni ed Enel favorevoli al Sen.L'Eni chiede la sicurezza contratti gas a lungo termine e nel caso il Governo desse questi fondi chiedo un analogo trattamento per syngas che offro a prezzi inferiori al gas importato.le centrali a gas chiedono il capacity payments che non va dato ma va detto chiaro che possono rifornirsi di syngas a prezzi piu' bassi con contratti analoghi a quelli in corso senza revisioni prezzi per aumento oil.l'eni presenta sul sito Agienergia 150 progetti che servono alla sua vision Internazionale ma non servono per niente a ridurre il costo energia alto.il richiamare sempre Mattei significa solo che non si capisce che il metano quasi gratis che importava Mattei è finito,oggi si strapaga e difatti Scaroni batte cassa per farsi pagare la sicurezza dei contratti mal fatti.ma la miglior sicurezza è farsi il syngas in casa,cosa che la Merkel ha capito bene,ma Scaroni no e pretende che noi italiani paghiamo a Lui sicurezza e profitti immensi.se diamo retta a Scaroni Genova muore,ansaldo muore,mezza Assolombarda Energia muore e rimane Lui da solo che si comprerà a2a con 4,6 miliardi di debiti perchè non gli paga il gas che usa e scialacqua. Progetti di energia ibrida per ridurre della metà il costo energia al MWh:da 60 euro a 30 euro.se l'eni vanta 150 progetti nel mondo,io posso lanciarne 300 in Italia e 50 miei progetti simili sono stati approvati nel mondo,tra cui le navi rigassificatrici sostitutive hubs ed i bioporti.mi manca la Società dalla quale lanciarle e per questo mi batto per una SuperAnsaldo chefaccia questi progetti ibridi/ rinnovabili large mass e non il progettino rinnovabili alla Clini,dato che io stocco da anni le rinnovabili,lui disperde fondi sia in ft,cp e

16 biomasse dove senza HTSe non si va da nessuna parte.vorrei chiarire al MISE e Cipe che ogni euro speso in infrastrutture fossili deve essere controbilanciato da stanziamenti in ibrido-rinnovabile per arrivare a diminuire a 22 miliardi l'import gas,rimpiazzandolo con R gas o syngas.nel momento in cui il Governo approvasse investimenti Cipe per infrastrutture fossili chiedo la verifica immediata dell'occupazione in Italia con controlli Inps perchè il rapporto di occupazione delle rinnovabili è 20 volte superiore al fossile.vorrei chiarire sin d'ora che eventuali fondi italiani saranno da me sempre considerati prestiti da restituire magari investendo in agribusinness a latere. 16.Piano energetico: la sfida è investire in reti non fossili e tecnologie ibride. 1.Piano energetico:la sfida è investire in reti non fossili e tecnologie ibride.rispondendo all'articolo-analisi di Giovanni Valentini su Affari&Finanza di Repubblica del a pp.9,sintetizzo anche la mia risposta al questionario del MISE sul piano che ho cercato invano di inviare varie volte;sempre respinte dal cervello elettronico MISE per i motivi piu' strani, non accetta nemmeno il file pdf che tutto il mondo accetta(lho inviato il file hybrid energy) per sendnow adobe e sono nelle mani di solerte segretarie che lo dovrebbero salvare entro 7 gg per metterlo in rete MISE. -abbiamo un eccesso di investimenti in reti fossili tanto che il gas chiede la sicurezza moneterizzata sui contratti mal fatti(scaroni-eni)ed il capacity payments sulle centrali gas(tutti da Enel a Sorgenia).Tutti ricorrono ad arbitrati contro Qatar gas ed Eni,eccetto le utilities che sono indebitate di 50 miliardi(a2a ha 4,6 miliardi di debiti dovuti alla politica suicida di import gas e centrali metano) -l'unica infrastruttura fossile che manca all'italia sono le flotte di gasiere(ma si noleggiano) e 10 navi rigassificatrici al posto di 10 hubs(risparmiamo 27 miliardi) -lo LNG per chi sa comprare bene costa il 50% in meno dei prezzi porto Italia -l'import si diminuisce in due 2 anni passando dal 44% di import gas al 22%,dimezzando l'import.questo gas si sostituisce con il syngas prodotto in Italia -lo syngas si produce con una rete di hydro modulare già esistente come hydro classico che ha un potenziale enorme di GWh attuali moltiplicabili per 720(2 fasi giorno) e levando l'autoconsumo per pompaggi che è solo il 17%.Sono 700 miliardi annui di valore che impieghiamo sia per produrre elettricità,che syngas che gira nella rete gas Snam e poi puo' trasformarsi in biofuel con FTS -il Nord Eu-27 ed i tedeschi-danesi usano il vento per produrre syngas,io ho perfezionato il progetto tedesco con l'hydro modulare che ha il vantaggio di darmi elettricità,syngas,biofuel,acqua desalinizzata ed ossigeno per allevamenti pesci-alghe -l'agricoltura moderna usa il vento per produrre concimi azotati,io uso l'acqua con la quale produco molto pesce ed alghe -le tecnonologie perdenti sono legate alle raffinerie e alla sintesi del metano(in inglese gas reforming) per fuel o chimica fossile dove perdiamo posti che il Governo compensa con i delle trivellazioni -le trivellazioni valgono 5 miliardi annui contro i miei 700 miliardi dell'hydro modulare ed i 20 miliardi degli allevamenti pesci ed alghe -il Governo sostiene che con le trivellazioni riduciamo del 20% l'import fossile, diciamo 16 miliardi su 80 miliardi di media 10 anni,mentre io sostengo che con un mix riduciamo l'import di 40 miliardi per arrivare ad un 40% fossile e 60% rinovabili+ibrido(dato dal 38% del Governo a cui sommo il 22% del syngas).questo 60% vale posti entro 5 anni e 3,6 milioni a 20 anni,mentre il piano del Governo ha una disoccupazione di posti( persi in raffineria/chimica fossile di trivellazioni) -tutte le raffinerie dovrebbero convertirsi in bioraffinerie e dobbiamo fare attenzione ad investimenti esteri,tipo Rosneft o Gasprom in raffinerie fossili o centrali gas -tutte le centrali gas-oil che chiedono il capacity payments si devono trasformare in centrali syngas che viene ceduto dal Consorzio ad un prezzo inferiore a quello russo. -le tecnonologie ibride su cui investire sono vento in mare con turbine flottanti da 10 MW l'una,l'hydro modulare fluviale e marino,il solare CP ma usando il syngas nel molten salt e non il metano come oggi

17 -HTSE biomassa 100% non food per biofuels-bioh ad 1 euro litro.non ci interessa la 2-3 generazione perche' siamo alla 5 con high temperature steam electrolysis -concimi azotati fatti da RE ed alimenti animali feeds da rinnovabili(acqua-vento-sole CP) con largo uso di ossigeno e di piante marine o salmastre tipo salicornia eccezionale per allevamenti ed aviation fuel -introduzione di concetti di energia hybrid o ibrida.se Valentini conoscesse l'energia ibrida non direbbe le solite sciocchezze sul nucleare perchè oggi i veri progettisti usano il nucleare di IV generazione,noi italiani lo LFR piombo,che ci facilitano la strada sullo HTSE biofuels perchè si entra con oltre 900 indispensabili nel mondo moderno per raffinazioni pulite,per acciaio e carboni puliti.i francesi stessi si sono accorti che lo EPR era caro,per me era un furto ben congegnato da Scajola-Saglia e Soci perchè una centrale EPR che costa 9 miliardi produce appena 1,5 GW.Se vuole i 600 GW del mio piano hydro che costa 20 miliardi in tutto,si dovevano costruire 400 centrali per 3600 miliardi.dato questo costo alto perchè l'edf vendeva il nucleare all'ingrosso sui 42 euro al MWh,mentre con il mio hydro produco tra euro al MWh.Il nucleare si usa oggi di IV gen autofertilizzante(cioe' una carica dura anni) ed il progetto LFR costa 2 miliardi al prototipo ma il Governo-Saglia ci nego' i fondi.stia attento che stiamo dando a Sogin molti soldi in piu' perchè molti rifiuti come quelli radiologici non devono andare alla Sogin ma in centrali plasma da 500 milioni l'una(sogin ha richiesto 9 miliardi al Governo e ne bastano 2) Eccesso di infrastrutture fossili,capacity payments,vecchie rinnovabili sono l'errore del piano energetico 2020.Clavarino di Assocarboni dice una cosa che non sta in cielo ne terra:si usa normalmente il mix 60% nucleare e carbone.in Francia non è cosi' perchè il 60% è solo nucleare.dopo Clavarino dovrebbe conoscere meglio quanto costa produrre energia dal carbone perchè il carbone non è per niente a buon mercato.il range di costo varia da 50 euro a 100 euro al MWh e parliamo di paesi come gli Usa che hanno miniere e puliscono il carbone con sistemi sofisticati come il CCC che vorrei mettere nelle centrali carbone attuali di Carbonsulcis,Porto Tolle e Civitavecchia.Guardi che le rinnovabili in Italia sono bassissime(10%) e poi non stoccandole sono care e difatti con il mio hydro modulare arrivo nel range che è 1/5 dell'attuale costo dell'energia dal carbone.dopo Clavarino non è nemmeno furbo perchè si guadagna molto di piu' a produrre biofuel o BIOH base carbone e difatti il MIT negli Usa progetta energia ibrida abbinando nucleare al carbone che è un grande concetto di applicazioni dell'energia ibrida perchè per idrogeno è conveniente il carbone, ma pulito.da noi il nucleare è vietato ed usiamo centrali carbone con il CCS carbone come vuole l'enea alla Carbonsulcis,questo è spreco di denaro.certo l'europa finanzia il CCS ma il plafond è andato ai porti del Nord e Marsiglia che poi si sono accorti che costava troppo portare le navi con Co2 e nasconderla in mare,sotto il fondo.difatti il Senato Usa oggi da fondi solo per reuse e CCC carbone che è una tecnologia criogena di pulizia carbone che fa guadagnare il 40%,cioe' se produciamo a 100 euro al MWh,scenderei a 60 euro al MWh che è il costo attuale del metano.mi faccia dare dal suo cliente Enel, le sue centrali carbone e vedrà come funziona bene il reuse CO2.Oggi l'italia ha bisogno di una energia elettrica poco cara che puo' venire solo dall'hydro modulare o volgare acqua con un po' di vento in mare.il carbone lo userei meglio per produrre biofuel e se vuole in abbinamento con l'acciaio per pulire tutti e due con il famoso HTSE che sono le alte temperature elettrolisi vapore che negli Usa impiegano abbinata al nucleare sia per biofuels che alluminio-acciaio(si veda Arcelor Mittal in Francia che usa carbone-materioli ferrosi ma pulisce il tutto con il nucleare).all'italia conviene andare sul carbone? No per la produzione elettrica,si ma cool coal per biofuelcon reuse co2 che significa dire no al CCS geo che è solo un mangiasoldi(porto Tolle,Sulcis,Brindisi?).1.Le idee sbagliate degli stranieri che vogliono investire in Italia.Consiglio a tutti di leggersi l'intervista di oggi del Corsera al Ceo GDF-Suez(pp.28 a firma Francesca Basso).L'energia in Italia è piu' cara che in Francia e Germania ma il nodo sono le connessioni di rete.allora aboliamo Terna che non sa darci queste connessioni?suez e Terna sbagliano tutte e due perchè oggi le rinnovabili si stoccano dove si producono senza mettere linee aeree dalla Sicilia o Puglia al Nord.Stoccare le rinnovabili del sud significa usare quella energia per pompaggi ripompaggi via hydro modulare ed usare l'elettricità prodotta in eccessso sulla domanda locale convertendola in syngas che puo' viaggiare sul gas grid Snam ed essere convertito in biofuel nelle raffinerie.sui contratti gas di lungo termine c'è il piu' clamoroso degli errori.dato che questi contratti garantiscono la sicurezza energetica del paese vanno sostenuti, perchè garantiscono la stabilità del prezzo,peccato che sia sempre in alto.secondo Voi la sicurezza energetica del paese è meglio farla producendo il 50% del gas importato in Italia con le rinnovabili che danno lo R gas ad un prezzo costante per 10 anni perchè usiamo acqua-vento-ammortamenti di impianti che durano 100 anni come digheinvasi ed una manutenzione ordinaria di turbine e condotte che agevola l'industria tipo Ansaldo, oppure continuiamo ad importare a prezzi crescenti, chiedendo allo Stato "il riconoscimento Scaroni per sicurezza" e

18 peggio il capacity payments.la EU-27 Energia è contraria al riconoscimento Scaroni di sicurezza e dice che chi opta per il capacity payments non sa progettare ed è ostaggio di lobbies. 2.Capacity payments.leggiamo la versione inglese della Comunicazione della Commissione EU al parlamento,stati,sindacati.(documento del giugno 2012 pp.7 EN)"Some Members States,however,fear that investment in power generation capacity will not be adequate.as a result,they have developed"capacity payments",where governments determine the required levels of generation capacity.such an approach may encourage investments,but il also separates investment decisions from market price signals...and that frustate the introduction of new forms of flexibilty".dato che il capacity payments gas metano mi inficia la flessibilità dell'hydro modulare che trasformo in syngas, che costa meno, e che è una vera sicurezza nazionale, contro l'insicurezza dell'import gas che Scaroni vuol far prezzare,chiedo formalmente al Governo un arbitrato per avviare una produzione syngas pari al 50% dell'import gas da Russia o paesi arabi e nello stesso tempo la estendo al gas da deeep drilling che il Governo vuol favorire per ridurre l'import.costa meno il syngas o il gas da trivellazioni o il gas di Putin? 3.Riduzione dell'import fossile gas-oil trasformato in fuels. Il Governo nel piano energia dice una cosa molto saggia di ridurre l'import fossile ma il Governo lo riduce del 20% annuo sostituendolo con un altro fossile da trivellazioni che costa ancora piu' caro,mentre io voglio sostituire il 50% e non il 20% con un sostitutivo da rinnovabili del gas fossile detto syngas o Rgas che costa meno e percio' devo chiamare il Governo ad un 2 arbitrato di valutazione di convenienza economica.perchè non si fa.sostituiamo il syngas di Caffese al metano di Putin e l'eni o utilities lo compreranno ad un prezzo fisso per 5 anni senza ancorarlo al petrolio,come si fa oggi.non ci perde nessuno e ci guadagna l'italia.certo le infrastrutture ibride-rinnovabili che mancano bisogna pur farle.i privati non hanno interesse,qui è lo Stato che deve intervenire come nel Nord Eu-27.Ansaldo puo' essere il braccio esecutivo riassorbendo anche lavoratori Fincantieri in Cassa I. 17.Eccesso di infrastrutture energetiche fossili e mancanza di infrastrutture rinnovabili di massa. La Comunità Europea dice"however,the economic crisis has made investors cautious about energy sector.in Europe's liberalised energy markets,the grouth of renewable energy depends on private sector investments in infrastructure,manufacturing and logistics also requires related investment-in testing facilities,cable HVCD production,factories(biorefinery)and ship to build offshore wind installation.in parallelto a rigorous implementation and enforcement of the Renewable energy Directive(Directive 2009/28/EC),clarity on term policy is needed to ensure that the necessary investment is made."il Governo con il piano energia al 2020 vara non 10 ma 40 anni di infrastrutture energetiche fossili che per 60 miliardi non servono all'italia(30 di hubs,15 di trivellazioni,15 tra gasdotti e capacity payment gas),dimenticando l'unica fossile che serve e cioe' 10 navi rigassificatrici LNG che costano 3 miliardi. 18.Cosa sono le infrastrutture ibride-rinnovabili.per l'energia ibrida e le rinnovabili di massa nel SEN non si vara una infrastruttura che sia una e dire che bisogna spendere per i nodi rete di Terna è un concetto superato perchè oggi si stoccano le rinnovabili vicino ai posti di produzione e non esiste solo la connessione elettrica alla Terna cioe' con tralicci aerei ma abbiamo varie possibilità: -mettere lo syngas nel grid gas o rete Snam, stoccando o trasferendo in bioraffineria nostro Rgas e non quello russo -stoccare biofuels prodotto con syngas e l'ottimale è il biofuel HTSE che usa biomassa locale -stoccare qualsiasi rinnovabile nell'hydro modulare cioe' dare l'energia elettrica per le turbine di pompaggioripompaggio 2 volte al giorno ed ovre manca l'acqua si supplisce con laghi di mare -l'energia elettrica prodotta con l'hydro modulare costa da 10 euro a 20 euro al MWh e per ho messo nel mio piano 30 euro al MWh che è la meta' del costo di 60 euro a MWh del gas metano.se faccio girare le turbine metano con il syngas produco lo stesso a 30 euro al MWh. -mettere dei tratti sotterannei di elpipes(potenza sino a 30 GW) su dorsali autostradali. CIPE approvazione SEN 6 settimane di consultazioni piano energia,poi Cipe per valutazione progetti.non mi piace la fretta di far passare il piano al CIPE con poca discussione perchè investendo male in infrstrutture fossili,le ripercussioni le abbiamo non su 10 anni ma 40 anni.una volta che Suez,Edison EDF,Rosnet,Gazprom... si sono insediate in Italia hanno solo interesse a tener alto il costo dell'energia in

19 Italia.Trovo un colpo da maestro il dire che approvando in fretta il piano energetico 90 miliardi di investimenti privati sono disponibili,ma voi credete che chi viene in Italia abbia l'interesse ad abbassare il costo energia?che le trivellazioni lo facciano abbassare,per me va ancora piu' in alto?ci vuole un Governo che ragioni per l'interesse vero di abbassare il costo energia ma non a parole ma fatti concreti,diminuendo l'import gas fossile del 50% e sostituendolo con syngas dove mancano adeguate infrastruuture di massa.incentivare singole rinnovabili non serve a niente,anzi è costosissimo,bisogna incentivare un sistema di energia ibrida con un unico obiettivo 30 euro al MWh per l'elettricità,1 euro al litro alla pompa la benzina rinnovabile,lo 80% in meno di smog e CO2.Altrimenti ci garantiamo il declino.sono stati inviati dei miei commenti al MISE sul Sen e progetti in corso per far capire la rivoluzione nell'energia, che in Italia si affronta sempre in ritardo con vecchie e superate infrastrutture fossili,mentre mancano quelle ibriderinnovabili che fanno fare il salto verso lo sviluppo(ci giochiamo posti in 5 anni e 3,6 milioni in 20 anni).come gli hubs ormai superati rimpiazzabili con navi rigassificatrici che molti o non discutono o non fanno vedere.perchè?che Bono non le sappia costruire è certo,che io voglia costruirle con Ansaldo- Fincantieri è certo, perchè Shell mi darebbe ragione e forse ne ordinerebbe qualcuna.sono 27 miliardi di risparmi su 30.Elenco dei progetti per infrastrutture energia cantierabili con il target di posti,125 miliardi di fatturato annuo nei biocarburanti-bioh cosidetti HTSE,50% di riduzione dell'import fossile soprattutto gas che viene rimpiazzato con syngas o R gas da rinnovabili ad un costo inferiore al gas importato.il target per l'hydro modulare e l'energia ibrida è di 30 euro al MWh che è la meta' del costo attuale metano di 60 euro al MWh.Avviando 5 miliardi di hydro modulare su rete hydro nazionale abbiamo un value di 700 miliardi dati da GWh attuali moltiplicati per 720 fasi(2 al giorno)= GWh.Elenco infrastrutture energetiche da sottoporre al CIPE per un piano energetico con mix 50-50(50% fossile,50% ibrido-rinnovabile):ripeto le infrastrutture fossili ci sono,i gasdotti sono superati,mancano solo le navi rigassificatrici ed una flotta gasiere che Snam puo' prendere a nolo.mancano solo infrastrutture large mass per ibrido-rinnovabili mentre le strutture attuali per rinnovabili risentono del grave errore di non averle stoccate subito per diminuire i costi altissimi di rinnovabili quali il ft solare od il vento mal impostato su piccole ed inutili turbine.l'hydro piccolo o minihydro non serve,serve un grande progetto nazionale di hydro nazionale a 2 fasi giorno ed ove mancasse l'acqua la desalizziamo dal mare cosi il Po ha acaqua sempre e le turbine pumped potendo invertire la rotazione levano l'acqua in caso di esondazioni.senza stoccaggi large mass,sale il costo Terna dei collegamenti grid mentre oggi la tendenza mondiale è di stoccare dove si produce energia rinnovabile.l'energia italiana sconta il grave gap di concepire l'hydro come accumuli(concetto etrusco) mentre oggi si ragiona per fasi che significa produrre energia in continuo abbassando l'autoconsumo per pompaggi.io lavoro nel mondo con autoconsumo 17% e vendo 83%,Terna al Senato ha detto che li concepisce con autoconsumo 100% che li ha resi ridicoli nel mondo. 19.Nuova SEN. 1.piano nazionale hydro modulare per 28,8 milioni di GWh costo 5 miliardi(da affidare ad Ansaldo Energia)target 300 fiumi-invasi costi:3 miliardi per turbine pumped,2 miliardi per condutture pvc rinforzato 2.piano nazionale di conversione raffinerie in bioraffinerie con target 80% Co2 in reuse.costo 5 miliardiin discussione con Confindustria Energia 3.piano nazionale di conversione e chiusura discariche con passaggio a plasma waste.ogni centrale plasma costa 500 milioni e tratta 3000 t/giorno inclusi abesto,rifiuti ospedalieri e radiologici da non dare a Sogin,terra contaminata discariche.prevedo 3 centrali per un costo di 1,5 miliardi.solo Ansaldo è in grado di costruire centrali plasma insieme a brevetti USA del Doe 4.poche navi rigassificatrici al posto di 17 hubs LNG.Costo 0,3 miliardi a nave miliardi contro 30 miliardi di hubs portuali inutili.risparmio di 27 miliardi 5.Progetto Nord 40 GW di vento in mare(ligure Adriatico) che vengono concepiti come innesco all'hydro modulare del Po per 200 GW e costruzione di una bioraffineria a Mantova ed una seconda nel Veneto( o Marghera o Porto Tolle per lavorare CO2 centrale a carbone Enel Porto Tolle.Il costo del progetto è di 20 miliardi. 6.Progetto European Waterways che costa 15 miliardi ed è fattibile solo con 7 miliardi di Fondi Europei ed 8 miliardi italiani.il progetto prevede il collegamento duplice per via d'acqua tra il Po-Ticino-Rodano entrando ad Ovest nel circuito francese waterways ed il circuito Nord Est che prevede un collegamento Po-Mincio- Lago Garda-Adige-Inn-Donau con la rete dei paesi est e germania al Nord e costruzione di porti merci e boat turismo(pennichette) a Milano-Cremona-Mantova-Peschiera-Trento-Bolzano-Brixen e due rami al Nord

20 verso Inn-Donau ad ovest Rienza-Drava-Donau.Il piano vie d'acqua è collegato ad 800 GW di hydro modulare per l'acqua pompata e ripompata tra i vari invasi con costruzione di invasi con conche leonardesche.il progetto è fermo alla Commissione Eu-27 perchè ci vuole un Accordo Internazionale. 7.Progetto Centro Italia.E' previsto un piano simile a quello del Po che utilizzi un lago di mare a nord delle centrali Enel di Civitavecchia e hydro modulare nel Tevere 5 miliardi a carico Stato e 5 miliardi a carico Enel.Tutta la Co2 delle centrali enel a carbone è inviata in bioraffineria per reuse onde trasformala in biofuels. 8.Progetto Taranto,Sicilia,Sardegna.Sono 3 progetti per un totale di 12 miliardi(4 miliardi a progetto) ma risolvono il problema ILVA taranto con HTSE alte temperature e lo stesso dicasi per carbonsulcis dove usando carbone,la CO2 è trasformata in biofuels.per la Sicilia i progetti sono relativi a Gela,Priolo e Termini Imerese.Tutti i progetti prevedono il reuse co2 che viene ridotta come lo smog dell' 80%.Tutti i progetti biofuels prevedono un trattamento di biomasse non food intese come scarti o biomasse a costi bassi come canne,salicornia,residui forestali.per le foreste è previsto anche un piano nazionale per 5 miliardi che usa sia le bioraffinerie che le centrali plasma per syngas.i progetti sono costruiti per mettere in rete gas il 50% del gas importato sostituendolo con Rgas da fonti rinnovabili,incluse biomasse e rifiuti.dato che nel processo chimico si crea una grande disponibilità di O2 sono previsti allevamenti alghe-pesci per 20 miliardi annui,concependo la pesca non solo come pesca sevaggia ma stanziale tutto l'anno in laghi sicuri di acqua,mare e lagune salmastre.con i processi Siemens per acciaio pulito,il costo è 1 miliardo,3-4 miliardi introducendo un sistema HTSE con molto hydro modulare abbinato al vento -Il piano biofuels HTSE costa convertendo molte raffinerie in bioraffinerie sui 20 miliardi ed include un offshore wind farm di 40 GW che costa 3 miliardi. -Con le navi rigassificatrici spendiamo 3 miliardi ma ne risparmiamo 27 miliardi perchè oggi è troppo caro costruire hub portuali(confermato da relatori inglesi di Oxford al Convegno Bocconi sul Gas). -Avviamo contemporaneamente la produzione di Rgas che immettiamo nel grid gas ed introduciamo il bilanciamento guidato da i 3 gas che si immettono in rete risolvendo l'emergenza nazionale gas.se Putin non ci invia il gas possiamo usare vento,acqua,mare per produrlo sacrificando o il biofuel o l'energia elettrica sino a che non ottimizziamo tutto il sistema hydro modulare combinato con 3 laghi mare che sono essenziali al Sud.E' ovvio che desalinizziamo acqua di mare e non avremo puiu' siccità ne inondazione perchè le turbine pompaggio lavorano all'inverso per spingere via l'acqua basta collegare il Po al mar ligure. dr.pier luigi Caffese Milano

ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA

ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA La crisi profonda che stiamo vivendo e l importanza dell energia per la competitività ci spingono sempre più a trovare soluzioni per ridurre

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA ITALIA, PENSI DI AVERE GLI E FACTOR? Milano, 14 dicembre 2015 GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA Agostino Re Rebaudengo Presidente assorinnovabili ASSORINNOVABILI

Dettagli

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Gianfilippo Mancini Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia Convegno Assocarboni 28 marzo 2014 Evoluzione domanda e parco Italia

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

Pacchetto Unione dell Energia

Pacchetto Unione dell Energia Pacchetto Unione dell Energia Audizione presso le Commissioni riunite del Senato 10ª (Attività produttive, commercio e turismo) e 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Aldo Chiarini Amministratore

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012 Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato Roma, 03 Ottobre 2012 A oltre 20 anni dall ultimo Piano Energetico Nazionale 1987

Dettagli

AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE

AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE Sede legale: Palazzo Baleani Corso Vittorio Emanuele II, 244 00186 Roma Segreteria operativa: Via Ottaviano, 42 00192 Roma Tel. +39 06 39750799 E-mail: info@assonucleare.it

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3

8,5 7,9 7,3 6,3 5,7 5,1 5,2 4,2 2,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010-1,3 Panoramica del settore delle energie rinnovabili in Romania La Romania si trova nel centro geografico d'europa (nel sud-ovest del centro Europa). Il paese ha 21,5 milioni di abitanti e si estende su una

Dettagli

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it Indice 1. Le rinnovabili nel settore elettrico tra integrazione e nuove sfide 2.

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

Fonti Rinnovabili: limiti e prospettive

Fonti Rinnovabili: limiti e prospettive Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Energetica Fonti Rinnovabili: limiti e prospettive 7-8 Novembre 2006 L'Energia per il futuro: Nucleare e Fonti Rinnovabili Indice Il contributo delle Rinnovabili L

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale. Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale?

ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale. Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale? ASSPECT Associazione per la Promozione della Cultura Industriale Energia e Ambiente: solo un problema o anche una grande opportunità industriale? 12/06/2013 Ing. Gian Carlo Vaccari 3 Premessa Non si parla

Dettagli

SIAMO LIMITATI?! Sistemi aperti e sistemi chiusi: dal cowboy. 6 Novembre 2012 ITIS Marconi, Gorgonzola

SIAMO LIMITATI?! Sistemi aperti e sistemi chiusi: dal cowboy. 6 Novembre 2012 ITIS Marconi, Gorgonzola SIAMO LIMITATI?! Sistemi aperti e sistemi chiusi: dal cowboy 6 Novembre 2012 ITIS Marconi, Gorgonzola 1 Sommario Uomo & ambiente Sviluppo sostenibile Sistema aperto e chiuso Cowboy VS Astronauta Ecosistema

Dettagli

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 GIOCO A SQUADRE Si guadagna 1 punto rispondendo correttamente alla propria domanda Si perde 1 punto rispondendo in modo errato alla propria domanda Sono concessi

Dettagli

info@consorzioingauno.it

info@consorzioingauno.it Chi siamo Cosa facciamo Brevi cenni sull energia fotovoltaica Parlano di noi Chi siamo Siamo un gruppo di cittadini del Ponente ligure che, dopo mesi di approfonditi studi e ricerche, ha deciso di impegnarsi

Dettagli

Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive. Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem

Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive. Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem Italia Rinnovabile verso l Europa 2020 situazione e prospettive Pierluigi Adami, coord scientifico Esecutivo nazionale Ecodem Gli obiettivi della Direttiva RED La direttiva 2009/28/CE sulle Energie Rinnovabili

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese Dalla FORSU al Biometano D. Mainero Acea Pinerolese Sommario Biometano indirizzi di politica europea evoluzione della normativa tecnica Sviluppo in UE Il quadro normativo italiano Il biometano in rete

Dettagli

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030 Introduzione In Italia la produzione di energia elettrica avviene in gran parte grazie all utilizzo di fonti non rinnovabili e, in misura minore, con fonti rinnovabili che per loro natura hanno un minor

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Progetto grafico e ricerche di: Carmine Filippelli IV A/Geometri Supervisione del Prof./Ing. : Francesco Bernardini 1 L energia: L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. L unità di misura

Dettagli

PROGETTO TIROL-ADRIA D

PROGETTO TIROL-ADRIA D [9] PROGETTO TIROL-ADRIA D 4 LINEE DI TRASMISSIONE DI CORRENTE ELETTRICA E DI DATI 4.1 Il baldacchino FV sopra corsi d'acqua canali, fiumi, autostrade e strade offre condizioni ideali non solo per la produzione

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano

Dettagli

Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un. prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e

Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un. prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e 1 Scopo della guida Fino a pochi anni fa chi voleva approfondire la valutazione di un prodotto si riferiva spesso all esperienza diretta di parenti, amici e conoscenti che lo avessero già sperimentato,

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE SCHEDA PAESE: SLOVENIA Settembre 2009 INDICE Il bilancio energetico ed il ruolo delle

Dettagli

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 In Italia crediamo che Rinnovabili prevenzione Con le rinnovabili che hanno prodotto il 100%

Dettagli

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che ENERGIA RAPPORTI Fondazione EnergyLab Energia Nucleare in Italia. Come Proseguire il Percorso gennaio 2011... pag.3 A che punto è il nostro Paese nel suo cammino verso un ritorno al nucleare? Una risposta

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 I temi scelti Il risparmio e l efficienza energetica applicati agli stabilimenti industriali; L utilizzo intelligente

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI

LE ENERGIE RINNOVABILI LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso erroneamente definite come energie che rispettano l ambiente. Ci sono diversi tipi

Dettagli

Il sostenibile peso delle rinnovabili

Il sostenibile peso delle rinnovabili Il sostenibile peso delle rinnovabili G IANNI SILVESTRINI D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O K Y O T O C L U B P R E S I D E N T E C O O R D I N A M E N T O F R E E 2 1 S E T T E M B R E 2 0 1 5 M

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

ATMOS Investire lungo la filiera: Dare sostenibilità alla creazione di valore nelle rinnovabili

ATMOS Investire lungo la filiera: Dare sostenibilità alla creazione di valore nelle rinnovabili ATMOS Investire lungo la filiera: Dare sostenibilità alla creazione di valore nelle rinnovabili 21 Maggio 2009 Workshop Green Economy Agenda Gli incentivi come driver di crescita per le rinnovabili che

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

ENERGY [R]EVOLUTION ITALY

ENERGY [R]EVOLUTION ITALY ENERGY [R]EVOLUTION ITALY - IL NUOVO RAPPORTO 2013 - PREMESSA Questa seconda edizione del rapporto Energy [R]evolution Italia arriva a quattro anni di distanza dalla prima versione e in un momento di profonde

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

LA ROVINOSA STUPIDAGGINE DELLE PALE EOLICHE di Guido Pegna

LA ROVINOSA STUPIDAGGINE DELLE PALE EOLICHE di Guido Pegna LA ROVINOSA STUPIDAGGINE DELLE PALE EOLICHE di Guido Pegna Senza che ce ne accorgessimo, in modo strisciante la Sardegna è diventata un unico grande parco eolico, il più grande d Italia. La potenza eolica

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

Relazione conclusiva

Relazione conclusiva Relazione conclusiva di DYLAN BERRO * Il futuro dell energia sta nella batteria A.A. 2015 * Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli Studi di Roma La Sapienza ; dylan.92@hotmail.it 1. Premessa

Dettagli

Medicina Democratica

Medicina Democratica -- Rivista - Articoli della Rivista -- Articoli della Rivista Impatto ambientale causato dalla liberalizzazione della enegia elettrica in Italia II.Produzione e consumi di energia elettrica in Italia 15

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

NOTE sulla situazione delle energie rinnovabili in Italia ed in Campania

NOTE sulla situazione delle energie rinnovabili in Italia ed in Campania NOTE sulla situazione delle energie rinnovabili in Italia ed in Campania Per lungo tempo (fino a circa i primi anni '60) la produzione energetica italiana è stata in larga parte rinnovabile, grazie in

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa

Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa Le fonti di energia pulita, rinnovabile ed alternativa FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Solare Eolica Idrica Biomasse Geotermica BIOMASSE Biomasse sono sostanze di origine biologica : materiali e residui di

Dettagli

Fotovoltaico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com

Fotovoltaico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com Fotovoltaico Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com Sì SENZA INCENTIVI, MI CONVIENE ANCORA SCEGLIERE IL FOTOVOLTAICO? ACCUMULI O GUADAGNI E SE PRODUCO TROPPA ENERGIA? È QUESTO

Dettagli

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il futuro dell energia Paolo Gambino Università degli Studi di Torino

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il futuro dell energia Paolo Gambino Università degli Studi di Torino EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il futuro dell energia Paolo Gambino Università degli Studi di Torino Documento di livello: A IL FUTURO DELL ENERGIA QUALE ENERGIA PER IL

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005 Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Dettagli

L Italia rinnovabile e la Direttiva UE: situazione e prospettive al 2020

L Italia rinnovabile e la Direttiva UE: situazione e prospettive al 2020 L Italia rinnovabile e la Direttiva UE: situazione e prospettive al 2020 di Pierluigi Adami, esecuti vo Ecodem Contenuto: Gli obiettivi della Direttiva RED La Strategia Energetica Nazionale La situazione

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: OLTRE IL COSTO DEGLI INCENTIVI La voce.info. di Marzio Galeotti

ENERGIA RINNOVABILE: OLTRE IL COSTO DEGLI INCENTIVI La voce.info. di Marzio Galeotti ENERGIA RINNOVABILE: OLTRE IL COSTO DEGLI INCENTIVI La voce.info di Marzio Galeotti I due decreti che ridefiniscono il sistema degli incentivi alle rinnovabili elettriche sono nati sotto una cattiva stella:

Dettagli

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Franco Donatini Resp. Rinnovabili Politiche di Ricerca e Sviluppo Enel I&I S.p.A Ravenna, 1 ottobre 2010 Il problema epocale La sfida del cambio climatico

Dettagli

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO C'È VENTO DI CAMBIAMENTO classe 4^E liceo scientifico A. Pesenti, Cascina Alice e Riccardo sono due amici che si incontrano al parco. Riccardo sta leggendo il giornale in cui ritiene non ci sia niente

Dettagli

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile Fonti rinnovabili e nucleare: nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile del sistema elettrico italiano Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano 9 ottobre 2009 - Palazzo Mezzanotte

Dettagli

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata?

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Considerazioni tratte dal Rapporto IEA World Energy Outlook del 2011 di A. Federico e E. Pettinao, Coordinamento Osservatorio CCS Lo scenario IEA

Dettagli

La riconversione energetica in atto

La riconversione energetica in atto La riconversione energetica in atto Arturo Lorenzoni Treviso, 18 maggio 2011 Scoprire il nucleare L andamento della popolazione Fonte: C. Carraro La distribuzione della popolazione I consumi elettrici

Dettagli

L'accumulo di energia per le nuove reti elettriche

L'accumulo di energia per le nuove reti elettriche Nel mondo è in corso un processo di ammodernamento e di evoluzione delle reti e del sistema elettrico. In questa fase l uso di sistemi di accumulo è importante per migliorare le capacità operative della

Dettagli

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Sommario Bioenergia nel mondo Panoramica europea Situazione italiana Considerazioni conclusive Bioenergie: una realtà

Dettagli

Roadmap verso un'economia a basse emissioni di carbonio nel 2050

Roadmap verso un'economia a basse emissioni di carbonio nel 2050 dipartimento di chimica e chimica industriale I seminari del DCCI Venerdì 27 giugno 2014 - ore 14.30 Dott. Walter Vassallo Centro Italiano di Eccellenza per la Logistica Integrata Università degli Studi

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico

La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico La variazione del mix produttivo italiano e gli effetti sul mercato elettrico Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Mix

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli