il regno degli animali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il regno degli animali"

Transcript

1 il regno degli animali Perché studiamo gli animali? Perché, per quanto possa sembrare strano, anche l uomo appartiene al regno animale. Perché gli animali ci forniscono nutrimento, in particolare le proteine, indispensabili per crescere. Perché gli animali ci fanno compagnia e spesso hanno atteggiamenti simili ai nostri: studiando i loro comportamenti possiamo capire anche i nostri. 218 scienza e tecnologia TECNO/scienZE Comprendere le applicazioni pratiche delle conoscenze scientifiche. il rapporto tra uomo e animali Gli animali convivono con l uomo da millenni. L uomo ha sempre tratto da essi non solo gli alimenti, come la carne e il latte, ma anche alcuni materiali: gli uomini primitivi si vestivano di pelli di animali, in seguito si diffuse la lavorazione del cuoio e della lana per produrre indumenti, scarpe, borse Ma anche le ossa e altri organi degli animali erano usati già anticamente: pensa agli otri per portare l acqua, ai pettini di osso, alle preziose vesti porpora, il cui colore era ottenuto da molluschi. Anche nel lavoro e nel trasporto l uomo si è fatto aiutare dagli animali: asini, cavalli, buoi, muli, cammelli Ancora oggi l uomo utilizza le risorse animali: nella ricerca medica e scientifica, per esempio, ha fatto grandi progressi grazie allo studio degli animali.

2 scienze Gli animali invertebrati Tutti gli animali compiono le principali funzioni vitali e sono eterotrofi, cioè si cibano di altri viventi, perché non sono in grado di produrre da sé il proprio nutrimento. Nonostante questi aspetti comuni, tuttavia, il regno animale è molto vario ed è composto da tante specie diverse. Gli scienziati classificano gli animali in due grandi gruppi: vertebrati e invertebrati. I vertebrati hanno uno scheletro interno e la colonna vertebrale, cioè una struttura ossea che li sostiene, gli invertebrati invece non ce l hanno. Gli invertebrati sono gli animali più antichi, sono numerosissimi e vivono in tutti gli ambienti: nell acqua, sulla terra, nell aria. Questi animali hanno caratteristiche molto diverse, perciò si dividono a loro volta in alcuni gruppi. GLI INVERTEBRATI PIÙ SEMPLICI PORIFERI Sono le spugne, gli animali più semplici. Hanno il corpo a forma di sacco e vivono in grandi gruppi, attaccati alle rocce dei fondali marini. Attraverso i loro numerosi pori filtrano l acqua e assorbono le sostanze nutritive. CELENTERATI Fanno parte di questo gruppo le meduse, gli anemoni di mare e i coralli. Il corpo della medusa è molle, a forma di ombrello e dotato di tentacoli velenosi, che le servono sia per difendersi e catturare le prede, sia per muoversi, quando non è trascinata dalle correnti marine. ECHINODERMI Le stelle e i ricci di mare sono echinodermi. Gli animali di questo gruppo hanno una pelle spinosa che usano per difendersi: i ricci di mare sono ricoperti da aculei e le stelle marine hanno piccole spine. MOLLUSCHI Sono animali molli, come dice il nome. Alcuni sono protetti da una conchiglia, come le vongole. Altri, come le seppie, possiedono una struttura rigida dentro al corpo. è un mollusco anche il polpo che, come quasi tutti i molluschi, vive in acqua. Sono molluschi terrestri soltanto la lumaca e la chiocciola. ANELLIDI Sono anellidi i vermi sia acquatici sia terrestri, come il lombrico. Il loro corpo è formato da tanti piccoli anelli, che si accorciano e distendono per permettere all animale di spostarsi. Gli anellidi hanno due aperture: da una entra il nutrimento, dall altra escono i rifiuti. 219

3 il regno degli animali ALTRI INVERTEBRATI: GLI ARTROPODI Gli artropodi rappresentano il gruppo più numeroso e diffuso degli invertebrati. Questi animali hanno zampe articolate e il loro corpo è protetto da una corazza rigida, l esoscheletro, cioè una specie di scheletro esterno, che durante la crescita viene sostituito attraverso la muta. Alcuni artropodi vivono nell acqua, altri sulla terra, altri ancora nell aria. Poiché sono molto diversi tra loro, gli artropodi sono stati divisi in tre gruppi: aracnidi, crostacei e insetti. 1 1 I ragni e gli scorpioni sono aracnidi, possiedono quattro paia di zampe e vivono sulla terra. 2 I crostacei vivono soprattutto nell acqua. I granchi, che appartengono a questo gruppo, afferrano le prede con le zampe anteriori, le chele. Un altro crostaceo, il gambero, ha invece un appendice caudale, cioè una parte appuntita di corazza, che gli permette di andare all indietro. 3 Gli artropodi più diffusi sono gli insetti: rientrano in questa categoria le mosche, le zanzare, le cavallette, le libellule, le farfalle Tutti questi animali hanno tre paia di zampe; il loro corpo è costituito da tre parti: capo, torace e addome. Alcuni possiedono le ali e il pungiglione. Alcuni insetti, come le api, le vespe e le formiche, vivono in società molto organizzate. Se uno di questi insetti si trovasse da solo, non sopravviverebbe. 3 Le formiche vivono in società organizzate, in cui ognuna ha un compito. 2 LA MUTA L esoscheletro è una specie di corazza rigida che non può deformarsi o cambiare dimensione. Quando l animale cresce, sotto la corazza se ne forma un altra più grande: a questo punto, l esoscheletro vecchio viene abbandonato e quello nuovo prende il suo posto. La muta può ripetersi più volte nel corso della vita dell animale. 220

4 scienze LA METAMORFOSI della farfalla Nel corso del loro sviluppo, molti insetti subiscono una metamorfosi, cioè una trasformazione. La metamorfosi più nota e spettacolare è quella della farfalla. 1 La farfalla depone numerose uova. Da ogni uovo schiuso esce un piccolo bruco, detto anche larva. 2 Dopo essersi nutrita a lungo, la larva si chiude in un bozzolo: qui l insetto cresce e si trasforma gradualmente in una crisalide. fare fare per IMPARARE Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). Tutti gli animali sono eterotrofi. v f Gli invertebrati non hanno la colonna vertebrale, ma hanno lo scheletro. v f Le spugne appartengono al gruppo dei poriferi. v f Quasi tutti i molluschi vivono in acqua. v f I vermi fanno parte del gruppo dei vermidi. v f Gli artropodi hanno un superscheletro che si tolgono quando vogliono. v f laboratorio Realizza l esperienza che ti proponiamo con l aiuto di un adulto e completa le frasi. IL terrario Per I lombrichi Occorrente: una bottiglia di plastica, forbici, terriccio, sabbia, ghiaia, foglie e fili d erba, alcuni lombrichi, acqua, un panno. Procedimento: taglia la bottiglia un po sotto il collo e versaci dentro a strati il terriccio e la sabbia, poi cattura alcuni lombrichi e deponili nella bottiglia; infine, metti sulla superficie foglie e fili d erba e copri il tutto con un po di ghiaia. Innaffia la bottiglia ogni giorno e coprila con un panno: i lombrichi hanno bisogno di umidità e ombra. Dopo circa dieci giorni osserva che cosa è avvenuto. Che cosa noti? I lombrichi hanno scavato numerose e hanno... il terreno. Che cosa è successo? I lombrichi mescolano il terreno. Grazie al loro lavoro esso diventa più fertile, poiché l aria e... vi penetrano più facilmente e le foglie morte vengono portate in... 3 Quando è diventato adulto, l insetto buca il bozzolo ed esce. La metamorfosi è avvenuta: la larva è diventata una farfalla! 221

5 il regno degli animali Gli animali vertebrati Lo scheletro di vertebrato. I vertebrati hanno uno scheletro interno, cioè una struttura rigida formata dalle ossa che sostiene il loro corpo. La parte più importante dello scheletro è la colonna vertebrale, composta da una catena di ossa a forma di anello, chiamate vertebre. I vertebrati sono stati classificati in cinque gruppi: i pesci, gli anfibi, i rettili, gli uccelli e i mammiferi. Tutti gli uccelli e alcuni pesci, anfibi e rettili sono ovipari, cioè i loro piccoli nascono dalle uova. I mammiferi invece sono vivipari, poiché i loro piccoli si sviluppano nel corpo della madre. Ogni gruppo si è adattato a un ambiente: i pesci all acqua, gli anfibi e i rettili all acqua e al suolo, gli uccelli e i mammiferi sono diffusi in tutti gli ambienti. I PESCI I pesci vivono in ambienti acquatici. La caratteristica forma affusolata permette loro di muoversi più velocemente in acqua. Tale movimento è facilitato anche dalle squame, che sono ricoperte da una sostanza viscida. Per cambiare direzione, i pesci usano le pinne e per andare avanti si servono della coda. Quando il pesce nuota, l acqua entra dalla bocca ed esce dalle branchie, ai lati della testa: è durante questo passaggio che l animale assorbe l ossigeno disciolto nell acqua. Molti pesci sono ovipari, cioè si riproducono deponendo uova. Ma esistono anche pesci ovovivipari: le loro uova si dischiudono nel corpo della madre, che dà alla luce animali già formati. ingresso dell'acqua branchie uscita dell acqua Lo squalo è un pesce ovoviviparo. fare per IMPARARE Completa la tabella con le informazioni più importanti sui pesci. ambiente corpo respirazione movimento riproduzione Hanno il corpo affusolato e ricoperto di squame. Attraverso le branchie assorbono l ossigeno nell acqua. Nuotano usando le pinne e la coda. 222

6 scienze Gli anfibi Gli anfibi trascorrono la prima parte della loro vita in acqua e in seguito possono spostarsi sulla terra: il nome anfibi significa infatti doppia vita. Quando passano dall acqua alla terra, molti anfibi compiono una metamorfosi: sviluppano i polmoni e ad alcuni spuntano anche le zampe. Infatti alla nascita gli anfibi assorbono ossigeno dall acqua attraverso le branchie (come i pesci), ma crescendo si trasformano e da adulti respirano come noi, con i polmoni. I loro organi, però, sono molto piccoli e quindi devono respirare anche attraverso la pelle, che ha bisogno di rimanere sempre bagnata. Per questo motivo vivono in prossimità di laghi e corsi d acqua, dove depongono anche le uova. La maggior parte degli anfibi è ovipara, ma esistono anche anfibi ovovivipari. La salamandra è un anfibio con la coda. LA METAMORFOSI DELLA RANA La rana nel corso della sua vita compie una metamorfosi. 1 In primavera, la rana adulta depone nell acqua dolce dello stagno numerose uova. 2 Dalle uova fecondate nascono i girini, che respirano con le branchie. In seguito, sul corpo del girino si sviluppano prima le zampe posteriori, poi quelle anteriori. 3 La coda si accorcia fino a scomparire e cominciano a funzionare i polmoni. Così la rana adulta è pronta a lasciare l acqua. fare per IMPARARE Completa la tabella con le informazioni più importanti sugli anfibi. ambiente corpo respirazione movimento riproduzione Vivono prima in acqua, poi sia in acqua sia sulla terra. Alla nascita con le branchie, da adulti con i polmoni e la pelle. Da adulti molti anfibi sviluppano le zampe, per muoversi anche sulla terra. 223

7 il regno degli animali I RETTILI Fanno parte di questo gruppo animali molto diversi tra loro: dalle lucertole ai serpenti, sino alle tartarughe e ai coccodrilli. Il loro corpo è coperto da squame (pensa alle lucertole) o da placche ossee (come la tartaruga). Alcuni rettili hanno quattro zampe tozze e robuste per camminare sulla terra o nuotare, altri, invece, non hanno zampe e si muovono strisciando. Le tartarughe d acqua sono onnivore, quelle di terra sono perlopiù erbivore. Il coccodrillo vive lungo i fiumi e nelle zone paludose delle aree equatoriali. I rettili sono perlopiù terrestri, ma alcuni vivono anche in ambienti acquatici, come il gruppo degli anfibi; a differenza degli anfibi, però, i rettili respirano soltanto con i polmoni e depongono le uova sulla terraferma. La maggior parte di essi è infatti ovipara. Questi animali sono eterotermi: ciò vuol dire che non hanno una temperatura interna stabile, quindi la loro temperatura dipende da quella esterna (per questo si dice che sono a sangue freddo ). il metodo per IMPARARE Ricerco. Vai in biblioteca e ricerca sui libri e su internet quali altri gruppi di animali, oltre ai rettili, sono eterotermi. Poi arricchisci le tabelle che hai completato anche con questa informazione. fare per IMPARARE Se il cobra è in pericolo apre le ali vicino alla testa per avere un aspetto minaccioso. Completa la tabella con le informazioni più importanti sui rettili. ambiente corpo respirazione movimento riproduzione Alcuni vivono sulla terraferma, altri nell acqua. Alcuni camminano con le zampe, altri nuotano, altri ancora strisciano. 224

8 scienze contributo GLI UCCELLI Quasi tutti gli uccelli volano, poiché i loro arti anteriori sono ali e le loro ossa sono cave, quindi leggere. Gli uccelli sono gli unici vertebrati ricoperti di penne, che nelle ali e nella coda sono più rigide per facilitare il volo. Le piume, invece, tengono il loro corpo caldo: infatti gli uccelli sono animali omeotermi, cioè mantengono costante la temperatura del loro corpo (sono a sangue caldo ). Tutti gli uccelli hanno il becco e le zampe: la loro forma dipende dall ambiente in cui vivono e dal cibo che mangiano. Alcuni di questi animali, infatti, possono passare la maggior parte della loro vita in acqua o sulla terraferma e spesso non sono adatti al volo (pensa ai pinguini o agli struzzi). Tutti gli uccelli respirano con i polmoni e sono ovipari. Per la cova delle uova, molti uccelli costruiscono un nido con fili d erba, paglia, piume, foglie o altri materiali. Questi animali vivono in ogni parte del mondo, ma alcuni di essi, durante la stagione invernale, migrano verso i paesi più caldi. Molte specie di uccelli sono oggi in pericolo: se ti confronti con i tuoi nonni, scoprirai che molti tipi di uccelli, un tempo diffusi, oggi si incontrano raramente. Questo avviene perché il loro ambiente è stato alterato dall inquinamento atmosferico e sonoro e dai disboscamenti. il mio cittadini oggi Quali comportamenti potresti adottare per aiutare gli uccelli? Il colibrì è il più piccolo uccello esistente. Sia il maschio sia la femmina del pinguino covano l uovo, scambiandoselo tra loro. fare per IMPARARE Completa la tabella con le informazioni più importanti sugli uccelli. ambiente corpo respirazione movimento riproduzione Tutti possono muoversi sulla terra; la maggior parte vola e alcuni sanno nuotare. 225

9 il regno degli animali I MAMMIFERI I mammiferi, il gruppo cui appartiene anche l uomo, sono stati gli ultimi animali, insieme agli uccelli, a comparire sulla Terra. Essi vivono soprattutto sul suolo, ma alcuni si sono adattati all aria (come i pipistrelli) o all acqua (come i delfini e le balene). Tutti i mammiferi respirano con i polmoni e quasi tutti sono vivipari. I loro piccoli, infatti, si sviluppano nel corpo della madre e quando nascono sono già formati. Tuttavia non sono subito autonomi, ma dipendono dalla madre, poiché essa li nutre con il latte prodotto dalle sue mammelle, da cui deriva la parola mammiferi. Questi animali hanno una pelle spessa, in alcuni casi ricoperta da una folta pelliccia, che impedisce al loro calore interno di disperdersi. I mammiferi, infatti, come gli uccelli, sono omeotermi, cioè hanno la temperatura del corpo costante. Il pipistrello è uno dei pochi mammiferi che vola. Non ha le penne, come gli uccelli, ma delle vere e proprie mani enormi con una pelle sottilissima. I delfini, pur vivendo in acqua, respirano con i polmoni come tutti i mammiferi. Essi incamerano molta aria e restano sott acqua a lungo. I loro arti sono simili a pinne. L ornitorinco è un mammifero primitivo dell Australia. Nuota e ha una specie di becco. È uno dei pochi mammiferi ovipari. fare per IMPARARE Completa la tabella con le informazioni più importanti sui mammiferi. ambiente corpo respirazione movimento riproduzione 226

10 scienze la mia MAPPA su... Completa la mappa e ricopiala sul quaderno, poi usala per ripassare. pp Invertebrati: sono chiamati così perché non hanno... animali Vertebrati: possiedono la colonna... I gruppi degli invertebrati sono: I poriferi, anche chiamati... I celenterati: fanno parte di questo gruppo le......, gli anemoni di mare e i coralli. I molluschi, che possono avere una... esterna o un osso interno. Gli echinodermi, che sono ricoperti di... Gli anellidi, cioè i... Gli artropodi, che hanno un esoscheletro; si dividono in aracnidi, crostacei e... p. 226 I mammiferi hanno i polmoni e sono diffusi soprattutto sulla..., ma anche nell acqua e nell aria. Sono quasi tutti vivipari e devono il loro nome alle... che usano per allattare. p. 222 I pesci vivono in..., respirano attraverso le branchie e sono quasi tutti ovipari. Nuotano usando le... p. 223 Gli anfibi nascono in acqua e da adulti si muovono anche sulla... Molti subiscono una metamorfosi in cui si formano i... per respirare. Esistono anfibi ovipari e ovovivipari. p. 225 Tutti gli uccelli hanno le... e sono ovipari. Non tutti..., infatti alcuni nuotano e camminano. Hanno il corpo coperto di... e respirano con i polmoni. p. 224 I rettili sono animali terrestri, ma alcuni vivono anche in acqua. Respirano con i... sin dalla nascita. Possono essere ricoperti di... o di placche ossee. La maggior parte di essi è ovipara. Sviluppare le competenze Imparare a imparare: organizzare le conoscenze. 227

11 il regno degli animali La vita in un ecosistema La Terra è come un puzzle: le foreste, i deserti, gli oceani e i fiumi, cioè i diversi ambienti naturali che la compongono, sono alcuni dei suoi tasselli. Ogni popolazione di viventi di uno stesso tipo è presente in un luogo ben preciso, che è considerato il suo habitat. I gruppi di viventi e l ambiente che li ospita formano insieme un ecosistema, cioè una rete di relazioni. Un ecosistema può comprendere, per esempio, i ricci, le farfalle, gli alberi e il fiume del bosco in cui tutte queste popolazioni convivono. Si tratta quindi di un organizzazione complessa composta da: esseri viventi che si sono adattati a quell ambiente; fattori ambientali, determinati dagli elementi inorganici, come l acqua, l aria, il suolo, la luce solare e la temperatura. In un ecosistema i viventi hanno bisogno di specifiche condizioni ambientali e nessuna popolazione può fare a meno delle altre. Ogni organismo, infatti, fa parte di una catena alimentare. L habitat dell elefante africano è la savana, in cui può trovare cibo e acqua. LE CATENE ALIMENTARI Il ruolo di un vivente all interno di un ecosistema può essere di produttore, consumatore o decompositore. A ogni ruolo corrisponde un preciso anello nella catena alimentare. Vediamo il caso di uno stagno. Le piante sono produttori, perché elaborano il proprio nutrimento partendo da sostanze inorganiche (acqua, sali minerali, anidride carbonica). Gli erbivori sono consumatori primari, perché si nutrono di produttori, cioè delle piante. Nel caso dello stagno, le farfalle sono consumatori primari. L anello successivo a tutti i consumatori è quello dei decompositori, come funghi e batteri, che trasformano le sostanze di rifiuto dei consumatori in materia inorganica, utile per le piante. I carnivori sono invece consumatori secondari, poiché si alimentano di altri animali. Nello stagno, la rana che mangia le farfalle è un consumatore secondario. I consumatori possono essere molti e così la catena si allunga e complica. 228

12 cittadini oggi ECOSISTEMI A RISCHIO L uomo, con le sue attività, ha alterato gli equilibri di molti ecosistemi. È importante invece proteggere l ambiente che ci circonda e la sua biodiversità, cioè i diversi gruppi di viventi. La scienza che studia gli equilibri degli ecosistemi e si occupa della loro conservazione è l ecologia. o mio co ut il La salute di un ecosistema dipende dall equilibrio tra le popolazioni di organismi che lo compongono. Pensa a un bosco: se diminuiscono i lupi, ci saranno più prede, come i cervi; ma, aumentando i cervi, verranno mangiate più piante e gli altri erbivori rischieranno la morte per mancanza di cibo. Una minaccia per gli ecosistemi è l inquinamento, che può alterare l acqua, l aria o il suolo di un ambiente, causando l estinzione di un anello della nt ib r catena alimentare e l alterazione degli equilibri. Anche la deforestazione, praticata per introdurre una coltivazione intensiva o per costruire strade e città, è un fattore pericolosissimo per l equilibrio degli ecosistemi. Le future generazioni dovranno impegnarsi a non intervenire sugli ecosistemi, rallentando il più possibile i processi di cambiamento e mettendo in atto strategie ecologiche più efficaci. I ndica con una X i comportamenti che costituiscono una minaccia per l ambiente. Poi rispondi. Che cosa puoi fare per difendere l ambiente? competenze sociali e civiche Rispettare e apprezzare il valore dell ambiente naturale; promuovere azioni finalizzate al miglioramento del proprio contesto /11/13 10:38

13 LAB SCIENZE scienze so e so fare 1 Schematizzo. Scrivi ciò che sai sui cinque regni dei viventi e mettili in ordine dal meno complesso al più complesso usando i numeri da 1 a 5. funghi animali protisti piante 1 monere Ricerco. Individua tra le piante che vedi tutti i giorni una pianta semplice, una gimnosperma e una angiosperma, poi disegna qui la foglia di ciascuna pianta. Scrivi infine i nomi delle piante aiutandoti con i libri e con internet. PIANTA SEMPLICE GIMNOSPERMA ANGIOSPERMA disegno nome Schematizzo. Completa lo schema sulle parti della pianta e le loro funzioni, poi verbalizza. acqua SALI MINERALI linfa grezza... radici linfa elaborata anidride carbonica luce 230

14 scienze 4 Classifico. Individua il gruppo di cui fanno parte gli animali rappresentati. spugna medusa vongola stella marina lombrico grillo Distinguo. Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). Tutti i vertebrati hanno lo scheletro. Gli anfibi allattano i loro piccoli. Gli arti anteriori degli uccelli sono le ali. I pesci respirano prima con le branchie, poi con i polmoni. Tutti i rettili si muovono strisciando. I mammiferi allattano i loro piccoli. v f v f v f v f v f v f 6 Distinguo. Indica almeno tre comportamenti che possono alterare gli equilibri ambientali e tre comportamenti che li conservano. comportamenti corretti comportamenti sbagliati TORNA A Pagina 207: ora sai RISPondere alle domande-chiave? discutine in classe. Sviluppare le competenze 1, 3: produrre schemi; esporre in modo appropriato quanto appreso; 2: sviluppare curiosità verso il mondo naturale; trovare informazioni da varie fonti; 4, 5: riconoscere le caratteristiche dei diversi tipi di viventi; 6: avere atteggiamenti di cura per l ambiente. 231

15 Mi basteranno 30 euro? i problemi Quanto peserà lo zaino se lo riempio con tutti questi libri? Quanti chilometri mancano al traguardo? Perché risolvere problemi è un abilità che ci serve nella vita di tutti i giorni. Quanti anni hai? PERCHÉ studiamo come RisoLVERE I PROBLEmi? Sono nata nel Se Marco pesa 5 kg più di Luca, e Mario, che è più pesante di Luca di 8 kg, pesa 39 kg, quanto pesa Marco? Perché cercare di risolvere situazioni complesse stimola le nostre capacità logiche. Stai per imparare quali sono gli elementi che caratterizzano un problema aritmetico; quali fasi devi seguire per sentirti tranquillo e sicuro nella soluzione di un problema; come leggere un problema per riconoscere dati e domande nascosti, dati inutili, mancanti o assurdi; come utilizzare i diagrammi. Traguardi di competenze Descrivere il procedimento risolutivo di un problema. Formulare ipotesi di risoluzione. Riconoscere strategie di risoluzione diverse. Obiettivi di apprendimento Individuare situazioni problematiche in ambiti di esperienza e studio. Rappresentare un problema con grafici e tabelle. Risolvere un problema. 258

16 matematica Affrontare i problemi Nella realtà... Quant è? MA P PA Sul tuo libro di matematica Laura ha portato suo figlio a comprare dei vestiti: Giacomo ha scelto una maglietta da 25 euro e un paio di pantaloni da 37 euro. Laura ha comprato anche uno zainetto da 15 euro. Quanto spende in tutto Laura? dati domanda testo I problemi aritmetici presentano un testo che di solito illustra la situazione e contiene delle informazioni numeriche, cioè i dati, e una o più richieste, spesso sotto forma di domanda. Per rispondere alle domande bisogna eseguire una o più operazioni utilizzando i dati. Quando devi risolvere un problema, è importante procedere con metodo, seguendo queste fasi. 1. Leggi bene il testo e immagina la situazione. A volte può essere utile realizzare uno schizzo. 2. Sottolinea in colori diversi i dati e la richiesta/ domanda. 3. Elenca i dati in ordine e descrivili brevemente. 25 = costo della maglietta 37 = costo =.. 4. Rifletti e scegli quali operazioni eseguire. addizione sottrazione moltiplicazione divisione fare per IMPARARE 5. Esegui i calcoli e verificali con la prova. 6. Valuta se il risultato che hai ottenuto è ragionevole: per esempio, il risultato non può essere minore del prezzo più operazione = alto (37). In questo caso occorre controllare se hai scelto l operazione giusta e se hai eseguito il calcolo correttamente. 7. Scrivi la risposta, che deve contenere una o più informazioni numeriche (a seconda del numero delle richieste). Laura spende in tutto... euro. 1. Sottolinea in colori diversi i dati e le richieste di ogni problema, poi risolvi sul quaderno seguendo le fasi presentate sopra. prova a. La maestra della 4 a B detta ai suoi 23 alunni l avviso per la visita al Museo di Scienze Naturali: Per la visita al Museo, ogni bambino dovrà portare 5 euro per il trasporto, 8 euro per la visita guidata e 3 euro per il pranzo. Quanti euro dovranno portare i bambini in tutto? b. Michele compra 28 figurine di calciatori e 35 di animali per la sua collezione. Quante figurine compra in tutto? A casa si accorge che 17 sono doppie. Quante sono le figurine che può attaccare sull album? 259

17 i problemi Dati e domande I dati nascosti MA P PA Nei problemi di solito i dati sono numeri. A volte, però, i dati si nascondono all interno di parole da trasformare in un numero. Dario riceve 2 euro al giorno di mancia dalla nonna. Quanto riceve in una settimana? e matematica realtà Alcuni dati nascosti settimana 7 giorni mese 30 giorni (a meno che non sia indicato di quale mese si tratta) anno 365 giorni paio o coppia 2 dozzina 12 doppio x 2 triplo x 3 metà : 2 I dati inutili Filippo vuole comprare 2 coppette medie di gelato, ma non sa se ha abbastanza denaro. Qual è l unico dato che gli serve per sapere quanto spende? Perché? Sia nella vita pratica sia a scuola, è importante saper riconoscere i dati che ci servono per risolvere una situazione problematica, altrimenti rischiamo di sbagliare l intero procedimento. Nel problema qui sotto c è un dato inutile, cercalo e sottolinealo. Abbiamo svolto un indagine sui mezzi utilizzati per recarsi a scuola dagli alunni delle 4 classi quarte della scuola Verdi. Gli alunni sono in tutto 96. Di questi, 13 arrivano a scuola in bicicletta, 23 in auto, 40 in autobus e i rimanenti a piedi. Quanti alunni si recano a scuola a piedi? Perché è un dato inutile? I dati mancanti Quando ti accorgi che in un problema manca un dato, rileggi con attenzione: potresti non esserti accorto di un dato nascosto oppure potresti aver copiato male il testo. Se il dato manca proprio, il problema non si può risolvere. Ginevra ha deciso di preparare una pasta fredda: compera 2 scatole di tonno a 2 euro l una, un pacco di pasta e una confezione di pomodorini da 3 euro. Quanto spede in tutto Ginevra per il suo piatto? Hai tutti i dati che ti servono? Sì, perché... No, perché

18 matematica Le domande nascoste A volte nei problemi ci sono domande che non sono scritte, ma che sono molto importanti, perché se non rispondi a quelle richieste non puoi risolvere il problema. Un pasticciere prepara 450 biscotti alle mandorle, 325 con i canditi e 125 con la marmellata. Li sistema in scatole da 12 biscotti. Quante scatole riempie? A quale domanda nascosta devi rispondere per poter risolvere il problema? Quanti biscotti sistema in ogni scatola? Quanti sono in tutto i biscotti? Di che tipo sono i biscotti più numerosi? fare per IMPARARE MA P PA 1. Sottolinea i dati nascosti da trasformare in numero, risolvi a mente e scrivi il risultato. a. In una settimana di vacanza Piero ha speso 280 euro. Quanto ha speso al giorno? b. Il papà di Guido sta per partire: il suo viaggio durerà 3 mesi. Quanti giorni starà via il papà di Guido? c. Lucia ha comprato 2 dozzine di quaderni e ha speso 24 euro. Quanto le è costato ogni quaderno? 2. Sottolinea i dati inutili, poi risolvi senza tenerne conto con il calcolo mentale e scrivi il risultato. a. I 12 iscritti alla corsa campestre si allenano ogni giorno per 2 ore al giorno. Quante ore di allenamento avrà accumulato ciascuno in 2 settimane? b. Giorgia deve studiare in 9 giorni 63 pagine di scienze e risolvere 4 problemi. Quante pagine dovrà studiare ogni giorno? c. Oggi nel teatro della scuola c erano 120 bambini di 9 anni e 100 bambini di 10 anni. Quanti bambini hanno assistito allo spettacolo? 3. Sul quaderno inventa e scrivi i dati mancanti, infine risolvi i problemi. a. Marco ha 100 euro nel portafoglio e decide di comprare un maglione di lana. Quanti euro gli rimangono dopo l acquisto? b. Barbara vuole regalare i 120 braccialetti che ha fatto alle sue amiche. Quanti braccialetti riceverà ciascuna amica? c. Margherita dispone 6 bambole su ciascuno degli scaffali della libreria. Quante bambole riesce a sistemare? 4. Sul quaderno scrivi le domande nascoste, poi risolvi i problemi. a. Il panettiere Mirco oggi ha fatto 365 panini all olio, 250 integrali, 87 al sesamo e 125 al burro. A fine giornata gli rimangono 32 panini. Quanti panini ha venduto in tutto? b. La ditta Grandi Album produce figurine. Ogni giorno imbusta figurine in bustine da 5. Spedisce subito alle edicole vicine 110 bustine e le rimanenti le porta in magazzino, per spedirle in un secondo momento ai clienti più lontani. Quante sono le figurine che vengono messe in magazzino ogni giorno? 261

19 i problemi Rappresentare la soluzione MA P PA Un aereo parte da New York, diretto a Roma, con 528 passeggeri. A Parigi scendono 176 passeggeri, a Milano ne scendono 52. Nessun passeggero sale durante i due scali. Con quanti passeggeri arriva a Roma l aereo? Sottolinea i dati e la richiesta. C è una domanda nascosta? Se sì, scrivila.... Ora scegli come procedere. Primo procedimento: operazioni in riga e in colonna Puoi eseguire le operazioni necessarie una dopo l altra, scrivendole prima in riga e poi in colonna. Accanto ai risultati scrivi una breve descrizione: ti aiuterà a controllare se stai procedendo in modo corretto = 352 passeggeri rimasti 528 dopo il primo scalo 176 = 352 metto in GioCO LE mie idee Faccio ipotesi. Il problema può essere risolto anche in un altro modo. Il numero di operazioni necessarie è lo stesso, ma il percorso è più facile. Prova a rappresentare la soluzione in questo diagramma: se il ragionamento è corretto riempirai tutte le caselle e otterrai lo stesso risultato raggiunto con gli altri procedimenti = 300 passeggeri che arrivano a Roma = SecONdo procedimento: diagramma a blocchi Puoi inserire i dati e i segni delle operazioni in un diagramma a blocchi come questo

20 matematica fare per IMPARARE 1. Risolvi il problema con l aiuto del diagramma. Alessio si è incaricato di comprare per la classe alcuni materiali: 14 righelli da 2 euro l uno, 14 cartellette da 3 euro l una e 2 confezioni di pennarelli che costano 13 euro l una. Quanto spende in tutto? Paga con una banconota da 100 euro: quanto riceve di resto? GUIDATO PROBLEMA Sottolinea in blu le richieste/domande. Sottolinea in rosso i dati. Scrivi i prezzi singoli nel diagramma, le quantità 14 sono già state inserite. Scrivi i segni mancanti delle operazioni. Esegui i calcoli a mente e rispondi alla prima domanda. Scrivi il dato mancante nella casella vuota e il segno dell ultima operazione. Esegui il calcolo, rispondi alla seconda domanda e completa la descrizione del risultato. x costo dei righelli 14 2 costo delle cartellette spesa totale costo delle confezioni di pennarelli... ricevuto da Alessio 2. Ora prova tu. Fai attenzione alle domande nascoste e completa il diagramma. Sulla bancarella della zia Piera c erano 250 piantine grasse. Durante il mercato del lunedì ha venduto 5 cassette da 12 piantine, il martedì le sono arrivate altre 5 cassette da 15 piantine. Quante piantine ha ora la zia da vendere? n. delle piantine vendute lunedì n. delle piantine rimaste lunedì n. delle piantine arrivate martedì n. delle piantine che ha ora la zia 263

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di I grado Classe Prima Spazio per l etichetta

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE SCHEDA N. 2 DAL NUMERO ALLA FRAZIONE 1. Calcola il valore di ogni frazione e colora tanti disegni quanti ne indica il risultato. 2 di 18 =. 9 di 2 =. di 1 =. 8 di 2 =. 2. Calcola il valore di ogni frazione.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose?

I nomi. Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? I nomi Sai che ogni cosa di questo mondo ha un nome? Ma chi ha dato i nomi di alle persone, agli animali e alle cose? Semplice...l'uomo moltissimi anni fa, per non fare confusione. Osserva lo strano oggetto

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

IL VALORE POSIZIONALE

IL VALORE POSIZIONALE SCHEDA N. 1 IL VALORE POSIZIONALE 1. Scomponi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio: 1=00000+0000+000+0+0+ =... 1 =... 9 1 =... 0 =... 0 09 =... 0 =.... Componi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio:

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica Indice 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica 11 Gli uomini costruiscono la propria casa 23 I locali della casa 36 «Farsi» una casa 42 La casa e l organizzazione sociale Biblioteca

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Laurent Lafforgue: il calcolo mentale e quello in colonna devono essere introdotti molto presto su numeri

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Rapporti e Proporzioni

Rapporti e Proporzioni Rapporti e Proporzioni (a cura Prof.ssa R. Limiroli) Rapporto tra numeri Il rapporto diretto tra due numeri a e b, il secondo dei quali diverso da zero, si indica con Ricorda a e b sono i termini del rapporto

Dettagli

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali.

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. Temi sviluppati: Lucertole o dinosauri? Grandi differenze e analogie tra rettili attuali e dinosauri Grado di parentela

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli