CL Medicina Veterinaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CL Medicina Veterinaria"

Transcript

1 CL Medicina Veterinaria Anno Accademico il bilancio aziendale

2 indice degli argomenti 1. bilancio economico: definizione e tipologie diapositive 2 2. equazione di bilancio diapositive 5 3. struttura dei costi reddito diapositive 6 4. PNA e VA, RL e Reddito netto diapositive 7 5. valutazione costi-reddito diapositive svolgimento del bilancio: PLV diapositive svolgimento del bilancio: Sm diapositive svolgimento del bilancio: diapositive 15 2

3 Il bilancio è un termine di derivazione contabile ed indica una generica contrapposizione fra poste attive e passive Il bilancio assume forme e contenuti diversi secondo il tipo di utilizzazione: Nel bilancio economico generalità bilanci aziendali di tipo: patrimoniale finanziario economico bilanci settoriali territoriali ecc. i ricavi sono contrapposti ai costi allo scopo di mettere in evidenza, il reddito dell'imprenditore riferiti tutti allo stesso periodo di tempo (di norma è l'esercizio annuo = annata agraria) esercizio annuo = anno solare per gli obblighi contabili connessi all regime fiscale 3

4 bilancio economico serperiano Il bilancio è un termine di derivazione contabile ed indica una generica contrapposizione fra poste attive e passive Il bilancio assume forme e contenuti diversi secondo il tipo di utilizzazione: Nel bilancio economico i ricavi sono contrapposti ai costi allo scopo di mettere in evidenza, il reddito dell'imprenditore riferiti tutti allo stesso periodo di tempo (di norma è l'esercizio annuo = annata agraria) bilanci aziendali di tipo: patrimoniale finanziario economico bilanci settoriali territoriali ecc. esercizio annuo = anno solare per gli obblighi contabili connessi all regime fiscale 4

5 bilancio economico serperiano Il Bilancio economico può essere riferito -redatto- con riferimento: ad un esercizio già trascorso = bilancio consuntivo annuale ad un periodo passato costituito da più esercizi = bilancio medio conguagliato, ad un esercizio ( o + ) che ancora deve/vono trascorrere = bilancio preventivo. globale quando riguarda tutta l'azienda parziale quando riguarda un singolo settore produttivo Occorre sottolineare le differenze tra bilancio CONTABILE e bilancio ECONOMICO consuntivo 5

6 bilancio economico serperiano Il bilancio contabile consta di due elaborati fondamentali: conto patrimoniale conto economico IL BILANCIO CONTABILE mira alla determinazione del reddito che può essere prelevato dall'imprenditore, senza intaccare la sostanza patrimoniale dell'azienda, e quindi senza lederne la futura capacità produttiva (reddito erogabile) IL BILANCIO ECONOMICO ha per fine la valutazione dell'efficienza economica dell'azienda, espressa sotto forma di redditività globale (reddito netto) o parziale (redditi elementari delle singole persone economiche) 6

7 bilancio economico serperiano NON ESISTE UNA PERFETTA IDENTITÀ fra il conto (dimostrazione) economico del bilancio contabile ed il bilancio economico consuntivo, che si può predisporre per la stessa azienda nel medesimo anno 7

8 bilancio economico serperiano: schema generale Le voci attive e passive del bilancio economico dell azienda agraria si espongono in forma di equazione del tornaconto: Plv = Nell'equazione del tornaconto alla parte attiva (Sv + Q + Tr) + (Sa + St + I + Bf ± T) si contrappone una parte passiva costituita da due distinti insiemi: tale distinzione ha un significato molto importante Plv = produzione lorda vendibile Sv = spese varie o mercantili Q = quote di perpetuità (ammortamento, manutenzione ed assicurazione) Tr = tributi (imposte, tasse e contributi) Sa = salari St = stipendi I = interesse sul capitale agrario o di esercizio Bf = beneficio fondiario (interesse sul capitale fondiario) ± T = tornaconto o profitto d impresa 8

9 bilancio economico serperiano: schema generale costi oggettivi = corrispondono alla reintegrazione dei fattori produttivi, acquistati dall'esterno dell'azienda sono detti oggettivi perché sostenuti in tutte le aziende agrarie, qualunque sia la loro forma di conduzione (Sv + Q + Tr) costi espliciti non comprimibili costi del capitale costi soggettivi = costi o redditi = sono tutte le voci che si possono considerare alternativamente COSTI O REDDITI, secondo la forma imprenditoriale concreta (Sa + St + I + Bf ± T) costi espliciti/impliciti comprimibili costi del capitale + lavoro 9

10 bilancio economico serperiano struttura dei costi reddito fattore produttivo costo relativo al fatt. produtt. persona economica reddito relativo alla persona economica Capitale Fondiario Bf proprietario fondiario Bf Capitale agrario I capitalista I Lavoro manuale Sa lavoratore manuale Sa Lavoro intellettuale St lavoratore intellettuale St Organizzazione T imprenditore + - T 10

11 bilancio economico serperiano La somma di tutti i costi-reddito costituisce il PRODOTTO NETTO AZIENDALE (PNA): Pna = nuova ricchezza prodotta nell'azienda = Sa + St + I + Bf ± T Si calcola: Pna = PLV - (Sv + Q + Tr) Per mettere in evidenza il PROFITTO DI IMPRESA, come termine residuale, si può adottare una diversa formulazione del bilancio economico, che evidenzia il costo totale di produzione (Ct) 11

12 bilancio economico serperiano Per mettere in evidenza il profitto di impresa, come termine residuale, si può adottare una diversa formulazione del bilancio economico, che evidenzia il costo totale di produzione (Ct) ± T = PLV- CT CT = (SV + Q + TR) + (SA + ST + I + BF) valore aggiunto (o prodotto lordo) si ottiene sottraendo dalla Plv la somma delle spese extra-settoriali (spese varie, manutenzioni ed assicurazioni) prodotto netto sociale si determina sottraendo dalla P1v la somma delle spese mercantili e delle quote (Sv + Q) Il profitto o tornaconto è il reddito spettante all'imprenditore puro, che è una figura astratta poiché nella realtà agricola non esiste in quanto tale 12

13 bilancio economico serperiano Un fattore produttivo PUÒ NON ESSERE CONFERITO INTERAMENTE DA UNA SOLA PERSONA ECONOMICA, ma da persone economiche diverse Il reddito netto è il termine residuale che il B.E. mette in evidenza, quale compenso per la globalità dei fattori produttivi conferiti dall'imprenditore concreto $ SI CALCOLA: sottraendo dalla Plv i costi oggettivi e quei costi-reddito (cioè tutti i costi espliciti aziendali) che sono erogati a persone economiche diverse dalla figura dell'imprenditore cambiando la figura imprenditoriale (cambiando quindi i costi-reddito) varia la composizione del reddito netto 13

14 bilancio economico serperiano struttura del reddito netto, alcuni esempi forma imprenditoriale bilancio economico dell impresa concreta (come si calcola) composizione del reddito netto proprietà contadina PLV - (Sv+Q+Tr) Rn = Sa+St+I+Bf+/-T piccolo affitto PLV - (Sv+Q+Tr+Bf) Rn = Sa+St+I+/-T impresa capitalistica con terreni in proprietà come sopra ma con ricorso al prestito bancario impresa capitalistica con terreni in affitto PLV - (Sv+Q+Tr+Sa+St) PLV - (Sv+Q+Tr+Sa+St+I) PLV - (Sv+Q+Tr+Sa+St+Bf) Rn = I+Bf+/-T Rn = Bf+/-T Rn = I+/-T imprenditore puro PLV - (Sv+Q+Tr+Sa+St+Bf+I) RN = +/- T 14

15 bil. ec. serperiano: valutazione dei costi reddito Per determinare il tornaconto è necessario VALUTARE i costi-reddito (che non figurano come costi espliciti) Esistono difficoltà nelle valutazioni, variabili da impresa ad impresa La valutazione dei costi-reddito è fatto secondo il principio del costo-opportunità 15

16 bil. ec. serperiano: valutazione dei costi reddito il reddito di lavoro, costituito dalla somma algebrica del salario, dello stipendio e del tornaconto Rlav = Rn - (Bf + I) = Sa + St ± T reddito fondiario: deducendo dal Rn dell imp. capitalistica, l interesse sul capitale, si ottiene il reddito fondiario, (formato dalla somma algebrica del beneficio fondiario e del tornaconto) Rf = Rn I = Bf ± T reddito agrario (formato dall'interesse, e dal tornaconto), ad es. nell'affitto capitalistico, si evidenzia Ra = Rn - St = I ± T 16

17 bil. ec. serperiano: determinazione della PLV Produzione Lorda Vendibile: i prodotti ottenuti nell'azienda agraria possono avere le seguenti forme di utilizzazione: a) la vendita; b) il consumo da parte della famiglia dell'imprenditore; c) la remunerazione delle prestazioni di lavoro fornite dai dipendenti dell'azienda; d) l'impiego come materia prima nelle industrie agrarie aziendali (caseificio, cantina, oleificio, ecc.); e) il reimpiego in azienda come mezzo produttivo per le colture o per gli allevamenti; f) collocamento in magazzino, in attesa di una delle cinque possibili forme di utilizzazione prima elencate; 17

18 bil. ec. serperiano: determinazione della PLV La produzione lorda totale è somma di tutti i prodotti finiti, esclusi cioè quelli ancora in corso di realizzazione (frutti pendenti), a prescindere dalla loro destinazione La produzione lorda vendibile è costituita dai soli prodotti finali (cioè dai prodotti destinati alla vendita, ai consumi familiari ed ai compensi in natura) L attivo del bilancio non coincide pertanto con la produzione venduta (il fatturato): infatti nell'attivo si comprendono anche prodotti i quali, pur essendo potenzialmente vendibile, non sono effettivamente collocati sul mercato ma sono consumati direttamente (autoconsumi e compensi in natura) 18

19 bil. ec. serperiano: determinazione della PLV Prodotti delle colture erbacee Prodotti delle colture arboree PLV somma del valore dei Prodotti delle industrie di trasformazione aziendali Entrate accessorie Servizi Aziendali Prodotti degli allevamenti destinati alla vendita ad esclusione della carne Utile Lordo di Stalla (ULS) 1.Premi e contributi Comunitari 2.Interessi Attivi di conto corrente 1.Noleggio mezzi meccanici 2.Ricettività rurale ed Agrituristica 3.Uso dell Abitazione 19

20 bil. ec. serperiano: determinazione della PLV Utile Lordo di Stalla (ULS) è l incremento in valore di carne dell allevamento non coincidendo spesso il ciclo biologico dell allevamento con quello dell esercizio si calcola ULS = (Val. Inv. Finale - Val. Inv. Iniziale) + (Val. vendite Val. acquisti) 20

21 bil. ec. serperiano: determinazione dei COSTI Le spese varie o mercantili Le spese varie o mercantili corrispondono alla somma dei costi relativi all'impiego dei fattori produttivi a logorio totale (beni strumentali e servizi) assunti dall'esterno Alcune di queste voci sono costi di natura variabile (CV) altre fissa (CF) beni a fecondità semplice ed i servizi extra-aziendali Problemi: in fase preventiva va definita per ogni attività la scheda tecnica produttiva ( la ricetta ) delle necessità tecniche specifiche i fabbisogni di beni e servizi di natura non specifica (relativi alla singola att. produttiva) ma generali al funzionamento aziendale 21

22 bil. ec. serperiano: determinazione dei COSTI 1. Sementi, concimi, mangimi, presidi fito-sanitari e veterinari, carburanti ed energia elettrica 2. Consulenze varie (agronomiche, veterinarie) contabili ed amministrativi 3. Assicurazioni prodotti 4. Assicurazioni generali e servizi di forme associative (consorzi di bonifica, associazioni agricoltori, ass. di produttori etc) 5. Servizi di terzisti (noleggio di macchine per raccolta prodotti o per lavorazioni), servizi di conservazione dei prodotti La determinazione delle spese varie non presenta serie difficoltà, sia nei bilanci consuntivi che in quelli preventivi. Si tratta infatti di costi che si esprimono sotto forma di spesa monetaria e pertanto rilevabile 22

23 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento ammortamento del capitale è la ricostituzione della parte di capitale fisso parzialmente consumato in un ciclo produttivo per Deterioramento effettivo dovuto all uso (logorio) Altri fattori come agenti fisici naturali ed eventi avversi naturali ammortamento Obsolescenza: perdita relativa di efficacia, determinata dal superamento tecnologico del bene strumentale, che determina l invecchiamento economico non è da confondere con: l interesse, che è invece la retribuzione del capitale (cioè il COSTO D USO) 23

24 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento DEPREZZAMENTO è un fenomeno continuo cui è sottoposto il fattore a logorio parziale, dovuto alle precedenti cause AMMORTAMENTO è un procedimento di ripartizione del deprezzamento complessivo, subito dal bene nei diversi anni di durata di servizio Quando si parla di AMMORTAMENTO si fa riferimento a DUE FINALITÀ: DISTRIBUZIONE DEL COSTO INIZIALE nei periodi produttivi nei quali il bene verrà impiegato RICOSTITUZIONE DEL VALORE INIZIALE del bene strumentale 24

25 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE QUOTE ANNUE Possono essere individuati diversi CRITERI per la determinazione delle quote, funzione delle due finalità A. Per la distribuzione del COSTO INIZIALE avremo: A.1 ripartizione lineare del costo A.2 ripartizione proporzionale al deprezzamento A.3 ripartizione proporzionale all utilizzo A.4 ripartizione in base alla combinazione di 1. e 2. B - ricostituzione del VALORE INIZIALE del bene strumentale 25

26 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento A - DISTRIBUZIONE del COSTO INIZIALE: A.1 RIPARTIZIONE LINEARE DEL COSTO q = (V0-Vn)/n dove V0 è il valore iniziale del bene Vn è il valore residuo del bene n è la durata del bene (anni) Problematiche: determinazione del valore finale (Vn) e della durata in questo caso la quota è costante per tutto il periodo di durata del bene 26

27 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento A.1 esempio di ammortamento lineare Criterio di ripartizione lineare del costo Macchinari Vo = Valore iniziale Vn = Valore finale n = anni di durata 10 q = (Vn-Vo)/n anno anno anno anno anno anno anno anno anno anno totale quote annue per 10 anni valore residuo (Vn) totale quote annue Valore ricostituito

28 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento A.2 RIPARTIZIONE PROPORZIONALE AL DEPREZZAMENTO ANNUO qj = (V0-Vn)/n * 2(n-j+1)/n+1 dove: qj= quota ammortamento relativa all anno in esame j V0 è il valore iniziale del bene Vn è il valore residuo del bene In questo modo la quota di ammortamento è SUPERIORE nei primi anni rispetto al metodo 1. e decresce all aumentare di J La necessità di applicazione di tale metodo trova giustificazione: quando si intende avere un piano d ammortamento che, in prossimità della fine del ciclo, con la minor quota di amm. compensa le maggiori spese di manutenzione per ragioni prudenziali, in una situazione dinamica, si voglia limitare i rischi dell obsolescenza accelerando l ammortamento 28

29 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento A.3 RIPARTIZIONE PROPORZIONALE ALL UTILIZZAZIONE ANNUA qj = (V0-Vn)* HJ/H*100 dove: qj quota ammortamento relativa all anno in esame j Hj è il numero di ore d utilizzo all anno J H è il numero di ore totale d utilizzazione tecnicamente possibili Questo metodo fa astrazione dal deprezzamento non legato all uso, ma ne parametrizza le ore all utilizzo annuo 29

30 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento B - RICOSTITUZIONE DEL VALORE INIZIALE del bene strumentale Questa è la seconda finalità per la determinazione delle quote: è la ricostituzione del capitale iniziale mediante l accantonamento di annualità costanti posticipate si tratta di una serie di annualità posticipate, la cui sommatoria alla fine dell anno n consente di avere una somma pari al capitale da ammortizzare (V0-Vn) q = (V0-Vn) * r/((1+r) n 1 ) Ipotesi: a. le quote annuali vengono accantonate in un fondo (fondo di ammortamento) che frutta interessi al tasso r al fine di ottenere alla fine del ciclo un valore pari a (V0-Vn) b. durata del ciclo n c. valore residuo Vn 30

31 bil. serp. - determinaz. dei COSTI - ammortamento 31

32 bil. serperiano - esempio di struttura descrizione produzioni erbacee produzione q prezzo importo grano ortaggi produzioni zootecniche latte , ULS servizi conto-terzismo agriturismo entrate accessorie contributi UE rendimento titoli totale PLV

33 bil. serperiano - esempio di struttura esempio struttura costi e redditi impresa diretto coltivatrice struttura dei costi importo fattore produzione tipologia di costo o reddito 1. Spese mercantili e servizi fertilizzanti, carburanti, sementi etc Sm variabile (specif. e/o generale) esplicito enel, acqua, tel, veterin., comm. ecc Sm variabile (specif. e/o generale) esplicito 2. Quote amm. impianti e macchine Q costi fissi espliciti 3. Tributi (imposte, tasse e contributi) Tr costi fissi espliciti Totale costi reintegrazioni (oggettivi) = PNA =PLV-(Sm+Q+Tr) prodotto netto aziendale 4. compenso salariati esterni sa costo variabile e/o fisso RN = PNA-(Sa esterni) RN = (Sa+St+Bf+I+-T) 33

34 bil. serperiano - esempio di struttura Reddito/strutt. dei costi importo fattore produzione tipologia di costo o reddito RN = PNA-(Sa esterni) RN = (Sa+St+Bf+I+-T) Reddito da lavoro (Sa+St) Sa+St criterio c. opportunità/costi reddito /costi impliciti Redditività capitale agrario investito I Redditività capitale fondiario investito Bf criterio c. opportunità/costi reddito /costi impliciti criterio c. opportunità/costi reddito /costi impliciti Compenso fattore imprenditoriale T rischio d impresa 34

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO LA PRODUZIONE CAP. 4 Produzione: si intende l impiego di beni materiali e servizi quali fattori della produzione per ottenere altri beni e servizi di maggiore utilità. INPUT Fattori della produzione SISTEMA

Dettagli

LA PRODUZIONE. Le imprese si classificano in base ai beni prodotti e alla figura dell imprenditore:

LA PRODUZIONE. Le imprese si classificano in base ai beni prodotti e alla figura dell imprenditore: LA PRODUZIONE La produzione è l attività umana che crea o aumenta l utilità dei beni. Si attua mediante trasformazione, trasporto, conservazione. I mezzi tecnici della produzione sono combinati nell azienda

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE

IL BILANCIO AZIENDALE IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Matteo Legnani Il bilancio Strumento di comunicazione interna e esterna Possibili destinatari: Imprenditore Economista Politico Estimatore Funzionario

Dettagli

BREVE GLOSSARIO PER ECONOMIA AZIENDALE

BREVE GLOSSARIO PER ECONOMIA AZIENDALE BREVE GLOSSARIO PER ECONOMIA AZIENDALE COSTI FISSI CF sono tutti quelli la cui entità non muta all'aumentare della produzione; si sostengono anche a produzione nulla (l'imposta di concessione, la spesa

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

La forma del bilancio aziendale

La forma del bilancio aziendale home >> approccio economico >> La forma del bilancio aziendale La forma del bilancio aziendale IL BILANCIO E' UNO STRUMENTO DI DERIVAZIONE CONTABILE. BILANCIO: CONTABILE ECONOMICO BILANCIO CONTABILE E'

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna nell azienda

Dettagli

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini Progetto di ricerca: La multifunzionalità dell agricoltura nelle zone montane marginali: una valutazione qualitativa, quantitativa e monetaria degli impatti ambientali economici e sociali Responsabile

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE. ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia)

SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE. ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia) SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia) COMPETENZE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Allegato A Linee guida DPR 88/2010 assistere le entità produttive

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna macchine

Dettagli

Riclassificazione del bilancio

Riclassificazione del bilancio Riclassificazione del bilancio 02 2015-2016 Vedere sussidio didattico sul bilancio SIGNIFICATO DI RICLASSIFICAZIONE DEI DOCUMENTI DEL BILANCIO raggruppare i valori presenti nei documenti di bilancio in

Dettagli

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA Il candidato, dopo aver ipotizzato il bilancio di una azienda orticola ad alto reddito, condotta in economia diretta, valuti la convenienza all'introduzione di una nuova

Dettagli

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Capitolo 1 Contenuti, scopi e metodi dell Estimo Estimo e pianificazione territoriale a.a. 2005-2006 Corsi di laurea in STAGR (ind. sostenibile) STAS 6 CFU Programma Materiale didattico 1.1 Contenuti e

Dettagli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE A cura di Chiara Morelli LE AZIENDE DI PRODUZIONE L attività economica di produzione di beni e servizi è svolta da unità economiche denominate Aziende di produzione o Imprese.

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI

ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI ALLEGATO C BUSINESS PLAN SINTESI DEL PIANO AZIENDALE E OBIETTIVI PERSEGUITI indicare: - gli obiettivi individuati per lo sviluppo delle attività aziendali; - l'eventuale programma degli investimenti previsti

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Corso di Estimo Rurale

Corso di Estimo Rurale Corso di Estimo Rurale C.so di Laurea SPMA (Cerignola) Lezione n.2: a)stima dei Fondi rustici; b) Stima dei fabbricati rurali Dott. PROSPERI Maurizio Universita' degli Studi di Foggia Facolta' di Agraria

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E I prestiti di conduzione saranno assistiti dal concorso regionale sul pagamento degli interessi per un

Dettagli

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN COMUNE DI VIGGIANO Provincia di Potenza ALL. 3 Piano di Sviluppo aziendale / Business Plan Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Corso in Economia applicata alle risorse naturali. 2003-2004 A cura di: Roberto Fratini, Francesco Riccioli e Claudio Fagarazzi 1 1. DESCRIZIONE

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale

La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale La contabilità ed il bilancio delle imprese agricole. L approccio economico-agrario tradizionale e la normativa nazionale e internazionale Sintesi lezione corso PAS del 8/05/2014 Maria Andreoli 1 Sintesi

Dettagli

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario DIPARTIMENTO di AGRARIA Corso di Laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE Classe L-25: Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Anno accademico 2012-2013 Corso integrato Economia e

Dettagli

Libro prima nota Data operazione pagamento 01/01/05 apertura conti d ordine. importo netto. aliquota. importo

Libro prima nota Data operazione pagamento 01/01/05 apertura conti d ordine. importo netto. aliquota. importo Anno 2002 II a PROVA SCRITTA Una azienda sita in pianura ed estesa per 12 Ha produce su una metà della superficie coltivabile mais da granella e sulla rimanente porzione colture foraggere a ciclo annuale.

Dettagli

I quaderni dell apicoltore

I quaderni dell apicoltore PROGETTO DI INIZIATIVE DI ASSISTENZA TECNICA PER LA RAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA NEL SETTORE APISTICO M.I.P.A.F. Ministero per le Politiche Agricole Forestali I quaderni dell apicoltore 3 ECONOMIA DELL

Dettagli

I quaderni dell apicoltore

I quaderni dell apicoltore PROGETTO DI INIZIATIVE DI ASSISTENZA TECNICA PER LA RAZIONALIZZAZIONE PRODUTTIVA NEL SETTORE APISTICO M.I.P.A.F. Ministero per le Politiche Agricole Forestali I quaderni dell apicoltore 3 ECONOMIA DELL

Dettagli

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE Il confidi nazionale dell Alleanza delle Cooperative Italiane ANTICIPO Anticipo crediti: Anticipare crediti per contributi vantati nei confronti di istituzioni

Dettagli

Prima parte del quesito :

Prima parte del quesito : Il candidato facendo riferimento ad un contesto aziendale di propria conoscenza, descriva un azienda agraria ad indirizzo cerealicolo-zootecnico condotto da un proprietario capitalista. Utilizzando poi

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

compenso per il lavoro fornito dall imprenditore e dai familiari.

compenso per il lavoro fornito dall imprenditore e dai familiari. sapere per fare.zootecnia FATTORI AZIENDALI DI SUCCESSO Progetto di Ricerca EquiZooBio 1 Massimo Chiorri a, Francesco Ansaloni b, Francesco Galioto a, Francesco Pyszny b a Dipartimento di Scienze Economico-estimative

Dettagli

3.1 Il concetto di produzione

3.1 Il concetto di produzione 3 La produzione Il concetto di produzione I fattori della produzione Il prodotto netto Il reddito netto L impresa e l azienda 3.1 Il concetto di produzione Per produzione si intende l insieme delle attività

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO RAMO FINANZIARIO: coinvolge le grandezze finanziarie: denaro, crediti e debiti di varia natura, sia di funzionamento che di finanziamento.

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

2. IMPRESA AGRICOLA E BILANCIO

2. IMPRESA AGRICOLA E BILANCIO Università di Firenze Corso di Laurea in Economia Aziendale Economia dell Impresa Agro-alimentare 2. IMPRESA AGRICOLA E BILANCIO Giovanni Belletti, Andrea Marescotti 1. LA DETERMINAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN)

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ALLEGATO F ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) TEL. 071.9331161 FAX. 071.9330376 Ufficio Urbanistico e Territoriale e-mail: urbanistica@parcodelconero.eu

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 Appunti di estimo Di che cosa si occupa l estimo? L estimo si occupa della stima dei beni economici, ossia quelli presenti in natura in quantità limitata. Per questi beni

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO

Componenti della competenza. Competenza ECONOMIA AZIENDALE TERMINE 5 BIENNIO Competenza 1 Competenza Conoscere i fondamenti dell'attività economica e l'azienda, individuando le diverse tipologie e comprendendo le relazioni con l'esterno. Componenti della competenza Conoscenza Bisogno,

Dettagli

CL Produzioni animaliogia

CL Produzioni animaliogia CL Produzioni animaliogia Anno Accademico 2013-14 la dinamica dei costi definizione, struttura e : schema delle lezioni 1. Premessa diapositive 2 2. definizioni di costo totale, costo marginale e costo

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione nona L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

I costi di produzione nelle aziende biologiche

I costi di produzione nelle aziende biologiche I costi di produzione nelle aziende biologiche Alessandro Corsi, Dipartimento di Economia, Università di Torino Questo articolo riporta i risultati della ricerca, finanziata dalla Regione Piemonte, su

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA INDICE SOMMARIO Indice delle figure Introduzione Pag. XIII» XVII PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA Oggetto e obiettivi Pag. 3 1.1. L oggetto dell azienda: azienda

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007

ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO. Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 ESERCITAZIONE DI PREPARAZIONE ALL ESAME SCRITTO Esercizio n 1: Data una SpA con le seguenti situazioni patrimoniali negli anni 2006 e 2007 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2006 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2007

Dettagli

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE SPORTELLO UNICO - SERVIZIO TECNICO RICHIESTA APPROVAZIONE DI PIANO DI RICONVERSIONE AZIENDALE (PRA) PRG 2000 NdA, art. 77 Regolamento Edilizio

Dettagli

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici Impianti industriali 1 Ingegneria economica Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione Valutazione redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa La valutazione di un ramo d azienda che svolge l attività di manutenzione caldaie a domicilio, oggetto di conferimento. Il metodo reddituale a due fasi 1 L oggetto dell incarico 2 L oggetto della valutazione

Dettagli

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi pluriennali azienda/fornitori circuiti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore fisico-tecnico

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale Corso di Macroeconomia La contabilità nazionale 1 La produzione TremetodidicalcolodelPIL 1. Il metodo della spesa 1. Il consumo, la spesa per beni di consumo effettuata dalle famiglie, sia per beni non

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

I processi di finanziamento (segue)

I processi di finanziamento (segue) I processi di finanziamento (segue) Finanziamenti a titolo di capitale + capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito + debiti a breve e a lungo termine Realizzi derivanti dalle vendite di prodotti/servizi

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli