Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi d esame di Teoria dei Giochi"

Transcript

1 Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? Svolgimento 1. Calcolo del loss ceiling. Il loss ceiling è associato alla strategia conservativa del minimizzatore P 1 : i = arg min max a ij = arg min{, 3} =, i j i da cui si ha J = 3.. Calcolo del gain floor. Il gain floor è associato alla strategia conservativa del massimizzatore P : j = arg max min a ij = arg max{ 3, 0} =, j i j da cui si ha J = 0. 1

2 3. Calcolo NE nelle strategie pure. Dato che loss ceiling e gain floor non coincidono, i.e., J < a i j J allora non esiste equilibrio di Nash nelle strategie pure y z Figure 1: ATTENZIONE: i numeri che compaiono in questa e nelle figure successive sono approssimati. Calcolo NE nelle strategie miste. Sia (y 1, y ) la strategia mista di P 1 dove y 1 e y sono rispettivamente le probabilità con cui P 1 sceglie i = 1 e i =. Analogamente sia (z 1, z ) la strategia mista di P dove z 1 e z sono rispettivamente le probabilità con cui P sceglie j = 1 e j =. Il valore medio del gioco si calcola come somma pesata di ciascun payoff a ij moltiplicato la probabilità con cui P 1 giocherà i e la probabilità con cui P giocherà j, i.e., = a ij y i z j = y T Az. i j Nota che y pesa le righe e z pesa le colonne. Calcolo strategia conservativa di P 1. Si supponga che P giochi (z 1 = 1, z = 0). Si tracci l andamento del valore medio del gioco = y T Az = y 1 3y,

3 al variare della strategia mista y di P 1. La curva risultante è il segmento che unisce il punto con il punto 3. Analogamente si supponga che P giochi (z 1 = 0, z = 1). Si tracci l andamento del valore medio del gioco = y T Az = 0y 1 + 3y al variare della strategia mista y di P 1. La curva risultante è il segmento che unisce il punto 0 con il punto 3. L inviluppo superiore (lineare a tratti) indica il valore medio del gioco al variare della strategia mista y di P 1, i.e., max y T Az = max z 1 (y 1 3y ) + z (0y 1 + 3y ). z z 1,z La strategia mista conservativa di P 1 si ottiene minimizzando il caso peggiore, i.e., y = arg min y max y T Az z che nella fattispecie è il minimo dell inviluppo superiore, y = (0.9, 0.51). In pratica si ottiene dall intersezione dei due segmenti = y 1 3y e = 0y 1 + 3y, i.e., (1 y ) 3y = 0(1 y ) + 3y Calcolo strategia conservativa di P. Si supponga che P 1 giochi (y 1 = 1, y = 0). Si tracci l andamento del valore medio del gioco = y T Az = z 1 + 0z, al variare della strategia mista z di P. La curva risultante è il segmento che unisce il punto con il punto 0. Analogamente si supponga che P 1 giochi (y 1 = 0, y = 1). Si tracci l andamento del valore medio del gioco = y T Az = 3z 1 + 3z al variare della strategia mista z di P. La curva risultante è il segmento che unisce il punto 3 con il punto 3. L inviluppo inferiore (lineare a tratti) indica il valore medio del gioco al variare della strategia mista z di P, i.e., min y y T Az = min y 1 (z 1 + 0z ) + y ( 3z 1 + 3z ). y 1,y 3

4 La strategia mista conservativa di P si ottiene massimizzando il caso peggiore, i.e., z = arg max min z y y T Az che nella fattispecie è il massimo dell inviluppo inferiore, z = (0., 0.7). In pratica si ottiene dall intersezione dei due segmenti = z 1 +0z e = 3z 1 + 3z, i.e., (1 z ) + 0z = 3(1 z ) + 3z. 5. Calcolo valore medio del gioco. Il valore medio del payoff = y T Az = 1.5 all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? NO. Impostazione del problema di PL Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si imposti il problema di PL che risolve il gioco nelle strategie miste. P P La strategia mista y T = [y 1 y y 3 ] di P 1 appartiene al simplesso in R 3 3 Y = {y R 3 : y i = 1, y i 0, i = 1,..., 3.} i=1 La strategia mista z T = [z 1 z z 3 z ] di P appartiene al simplesso in R Z = {z R : z j = 1, z j 0, j = 1,...,.} j=1 Nel punto sella accade che entrambi i giocatori giocano conservativi e il valore medio del gioco è = min y Y max z Z yt Az = max z Z min y Y yt Az Funzione obiettivo per P 1 : Si ponga v 1 (y) = max z Z y T Az e allora min v 1(y) y Y

5 Vincoli: vale la relazione trasponendo si ha v 1 (y) = max z Z yt Az y T Az z Z. z T A T y v 1 (y) = [z 1 z z 3 z ] y 1 3y + y 3 0y 1 + 3y + 1y 3 5y 1 y + y 3 y 1 + 3y + y 3 v 1(y) da cui ponendo ỹ = y v 1 (y) y 1 3y + y 3 0y 1 + 3y + 1y 3 5y 1 y + y 3 y 1 + 3y + y 3 ỹ 1 3ỹ + ỹ 3 0ỹ 1 + 3ỹ + 1ỹ 3 5ỹ 1 ỹ + ỹ 3 ỹ 1 + 3ỹ + ỹ 3 v 1 (y) v 1 (y) v 1 (y) v 1 (y) minimizzare v 1 (y) corrisponde a massimizzare ỹ 1 + ỹ + ỹ 3, quindi problema di PL diventa max ỹ 1 + ỹ + ỹ 3 ỹ 1 3ỹ + ỹ 3 0ỹ 1 + 3ỹ + 1ỹ 3 5ỹ 1 ỹ + ỹ 3 ỹ 1 + 3ỹ + ỹ 3 ỹ 1 0, ỹ 0, ỹ analogamente per P si ottiene il duale min z 1 + z + z 3 + z z z + 5 z 3 + z 3 z z z z z z + z 3 + z z 1 0, z 0, z 3 0, z

6 Esercizio n.1 Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? Esercizio n. Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti?

7 Esercizio n.3 Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? Esercizio n. Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? 7

8 Esercizio n.5 Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? Esercizio n. Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti?

9 Esercizio n.7 Due paesi vicini che si servono della stessa rete di approviggionamento idrico possono evitare i danni di ricorrenti alla probabile rottura delle condutture che ciascuno valuta in 5 mila euro attuando un intervento di manutenzione delle stesse. Il costo totale dell intervento di 1 mila euro, se entrambi attuano l intervento pagano metà per ciascuno, se lo attua uno solo sostiene l intero costo. Ciascun paese deve quindi decidere se attuare l intervento di Manutenzione (M) o meno (NM); se entrambi decidono di attuare l intervento ciascuno ricava un beneficio di 5 mila euro a fronte di un costo di 10 mila euro: il beneficio netto di 15 mila euro. Viceversa, se entrambi decidono di non attuare l intervento, sia il beneficio che il costo sono pari a 0 per entrambi. Se invece un paese decide di attuare l intervento e l altro no, entrambi hanno un beneficio di 5 mila euro dalla realizzazione dell intervento, mentre solo il primo paese sostiene un costo (pari al totale dell intervento, 1 mila euro). (a) Rappresentate la matrice dei guadagni netti dei due paesi considerando le loro due possibili strategie. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? Esercizio n. Due aziende manifatturiere possono decidere di mettere sul mercato una quantità piccola (P ) o grande (G) di un certo prodotto. Se le compagnie non si accordano e entrambe mettono sul mercato il prodotto in grande quantità i profitti di ciascuna sono 1000 euro; se si accordano per tenere il prezzo elevato e mettono una quantità piccola di prodotto sul mercato i profitti di ciascuna salgono a 1500 euro. Se una delle compagnie mette il prodotto in grande quantità e l altra in piccola quantità, la compagnia con maggiore quantità avrà profitti per 100 euro, mentre la compangnia con minore quantità avrà profitti per 00 euro. (a) Rappresentate la matrice dei guadagni netti delle due aziende considerando le loro due possibili strategie. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? 9

10 (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? Esercizio n.9 Le imprese 1 e producono automobili. Ciascuna pu scegliere se produrre un automobile di grossa cilindrata (GC) o un utilitaria (U). Se entrambe le imprese producono macchine di grossa cilindrata allora ciascuna ha un profitto pari a 00 mila euro. Se entrambe le imprese producono utilitarie allora ciascuna ha un profitto pari a 500 mila euro. Se una impresa produce utilitarie e l altra automobili di grossa cilindrata allora la prima ha un profitto di 1000 mila euro mentre la seconda di 00 mila euro. Supponete che ogni impresa debba decidere quale tipo di automobile produrre senza conoscere le scelte della concorrente. Le scelte sono simultanee. (a) Rappresentate la matrice dei guadagni netti delle due imprese considerando le loro due possibili strategie. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? Esercizio n.10 (Battaglia dei Sessi) Due fidanzati, Carlo e Camilla, desiderano trascorrere il pomeriggio insieme e possono scegliere se andare allo stadio (S) o a fare Compere (C). Ovviamente Carlo preferisce andare allo stadio mentre Camilla preferisce fare shopping. In particolare, se entrambi vanno allo stadio allora Carlo è contentissimo (livello di contentezza pari a due) mentre Camilla è normale (livello di contentezza pari a uno). Viceversa se entrambi vanno a fare shopping allora Camilla è 10

11 contentissima (livello di contentezza pari a due) mentre Carlo è normale (livello di contentezza pari a uno). Infine se entrambi decidono di trascorrere separatamente il pomeriggio, ad esempio Carlo va allo stadio e Camilla a fare shopping o viceversa, allora entrambi rimangono scontenti (livello di contentezza pari a zero) (a) Rappresentate la matrice dei livelli di contentezza dei due fidanzati considerando le loro due possibili scelte. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? Esercizio n.11 (Gioco di Coordinazione) Due fidanzati, Carlo e Camilla, desiderano trascorrere il pomeriggio insieme e possono scegliere se andare a sentire un concerto di Mozart (Mz) o di Mahler (Mh). Questa volta entrambi hanno una leggere preferenza per Mozart (livello di preferenza pari a due) sebbene anche Mahler non è male (livello di preferenza pari a uno) purchè si vada allo stesso concerto. Se però i due si decidessero ad andare a due concerti diversi, allora il livello di preferenza sarebbe nullo indipendentemente che si trattasse di Mozart o Mahler. (a) Rappresentate la matrice dei livelli di preferenza dei due fidanzati considerando le loro due possibili scelte. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? 11

12 Esercizio n.1 Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? Esercizio n.13 Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di Nash nelle strategie pure (i, j ),. l equilibrio di Nash nelle strategie miste (y, z ), 5. il valore medio del payoff all equilibrio.. Esistono strategie pure dominanti? 1

13 Esercizio n.1 Un quadro è posto all asta tra due concorrenti, i quali fanno simultaneamente la loro offerta (in busta chiusa). Supponete che il concorrente ha un desiderio maggiore di aggiudicarsi il quadro rispetto al concorrente 1. Infatti il concorrente 1 stima il valore del quadro pari a 000 euro mentre il concorrente pari a 000 euro. Nel fare la propria offerta il concorrente 1 può adottare un comportamento aggressivo offrendo più di quanto egli stima il valore del quadro, ad esempio 3000 euro; in alternativa può decidere di adottare un comportamento non aggressivo (NA) e offrire meno di quanto egli stima il valore del quadro, ad esempio 1000 euro. Analogamente il concorrente può adottare un comportamento aggressivo offrendo, ad esempio 5000 euro, o non aggressivo (N A) offrendo soltanto 000 euro. Se un concorrente vince l asta il suo guadagno netto è dato dal valore del quadro meno l offerta da pagare. (a) Rappresentate la matrice dei guadagni netti dei due concorrenti considerando le loro due possibili strategie. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? Esercizio n.15 Al termine delle due prove in itinere il professore propone allo studente un voto pari a. Lo studente può scegliere se fare l orale (O) o non farlo (NO) e accettare il voto, mentre il professore può decidere, nel caso in cui l orale andasse male, se abbassare il voto allo studente o confermare il voto dello scritto (C). Se lo studente decide di fare l orale (O) e il professore nel caso peggiore conferma il voto dello scritto (C) allora lo studente mediamente prenderà (valor medio tra 30 se risponde bene e se risponde male); il professore spende però 0 minuti ovvero la durata dell esame orale. Se lo studente sceglie di non fare l orale (N O) e il professore sceglie, nel caso peggiore, di confermare il voto dello scritto (C), allora lo studente accetta il e il professore non spende tempo per l orale (tempo speso per l orale pari a zero). Se il professore decide di abbassare il voto nel caso in cui l orale andasse male, lo studente impiega almeno dieci minuti di tempo per riflettere sulla scelta da prendere; se fa l orale (O) si attende un voto medio pari a (valore medio tra 30 se risponde bene 13

14 e 1 se non risponde) mentre se non fa l orale (NO) ovviamente accetta il. Di fronte alla possibilità di essere penalizzato lo studente impiega 10 min per riflettere sulla scelta da fare; il professore quindi spende il tempo di attesa che lo studente si decida (10 min), ed eventualmente il tempo di durata dell orale (0 min). (a) Rappresentate la bimatrice del tempo speso dal prof (tempi in negativo, ovvero spendere un ora implica un payoff pari a 0) e del voto medio dello studente considerando le loro due possibili strategie. (b) Spiegate il significato di strategia dominante; esistono strategie dominanti nel gioco descritto? (c) Spiegate il significato di equilibrio di Nash per un gioco. Nel gioco descritto, quanti (nessuno, uno, due) e quali sono gli equilibri di Nash? Motivate la vostra risposta. (d) Spiegate il significato di soluzione Pareto ottima per un gioco. Gli eventuali equilibri trovati sono Pareto ottimi? (e) Spiegate il significato di equilibrio Stackelberg per un gioco. Nel gioco descritto, quali sono gli equilibri di Stackelberg con P 1 leader e P follower, e con P leader e P 1 follower? 1

15 Soluzione n y z 1. J = 7,. J =, 3. non esiste. Punto sella in corrispondenza a y = [ ], z = [ ], 5. =.5.. No. 15

16 Soluzione n y z 1. J =,. J = 1, 3. non esiste. Punto sella in corrispondenza a y = [ ], z = [ ], 5. = 1... No. 1

17 Soluzione n y z 1. J =,. J = 5, 3. non esiste. Punto sella in corrispondenza a y = [0.1 0.], z = [ ], 5. = No. 17

18 Soluzione n y z 1. J =,. J =, 3. non esiste. Punto sella in corrispondenza a y = [ ], z = [0.5 0.], 5. =... No. 1

19 Soluzione n y z 1. J =,. J =, 3. (i, j ) = (, ). Punto sella in corrispondenza a y = [0 1], e 0.5 z 1, 5. =.. Si. j = dominante per P. 19

20 Soluzione n y z J =,. J =, 3. (i, j ) = (, ). Punto sella in corrispondenza a y = [0 1], e y = [1 0], 5. =.. Si. j = dominante per P. 0

21 Soluzione n.7 (a) Matrice dei guadagni netti P P 1 M NM M (1,1) (7,5) NM (5,7) (0,0) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. Il gioco in esame non ha strategie dominanti. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi sono due equilibri di Nash: (M, NM): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo NM al posto di M guadagna 0 invece di 7, mentre se P sceglie M al posto di NM guadagna 1 invece di 5. (NM, M): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo M invece di NM guadagna 1 invece di 5, mentre se P sceglie NM al posto di M guadagna 0 invece di 7. (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto entrambi gli equilibri sono Pareto ottimi. A partire da un equilibrio nessun accordo può condurre a una soluzione migliore per entrambi i paesi. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (NM, M). Infatti se P 1 giocasse M allora P giocherebbe NM e P 1 guadagnerebbe 7, mentre se P 1 giocasse NM allora P giocherebbe M e P 1 guadagnerebbe 5. Conseguentemente P 1 sceglie NM. L equilibrio Stackelberg con P leader è SE = (M, NM). Infatti se P giocasse M allora P 1 giocherebbe M e P guadagnerebbe 7, mentre se P giocasse NM allora P 1 giocherebbe M e P guadagnerebbe 5. Conseguentemente P sceglie NM. 1

22 Soluzione n. (a) Matrice dei guadagni netti P P 1 P G P (1500,1500) (00,100) G (100,00) (1000,1000) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. La strategia G è dominante per entrambe le aziende. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi è un equilibrio di Nash: (G, G): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo P al posto di G guadagna 00 invece di 1000, analogamente se P sceglie P al posto di G guadagna 00 invece di (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto l equilibrio non è Pareto ottimo, infatti le aziende si possono accordare per scegliere (P, P ) aumentando il loro guadagno da 1000 a (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (G, G). Infatti se P 1 giocasse P allora P giocherebbe G e P 1 guadagnerebbe 00, mentre se P 1 giocasse G allora P giocherebbe sempre G e P 1 guadagnerebbe Conseguentemente P 1 sceglie G. L equilibrio Stackelberg con P leader è SE = SE 1 = (G, G). Infatti se P giocasse P allora P 1 giocherebbe G e P guadagnerebbe 00, mentre se P giocasse G allora P 1 giocherebbe G e P guadagnerebbe Conseguentemente P sceglie G.

23 Soluzione n.9 (a) Matrice dei guadagni netti P P 1 GC U GC (00,00) (00,1000) U (1000,00) (500,500) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. Il gioco non ammette strategie dominanti. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi sono due equilibri di Nash: (U, GC): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo GC al posto di U guadagna 00 invece di 1000, analogamente se P sceglie U al posto di GC guadagna 500 invece di 00. (GC, U): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo U al posto di GC guadagna 500 invece di 00, analogamente se P sceglie GC al posto di U guadagna 00 invece di (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto entrambi gli equilibri sono Pareto ottimi, Nel gioco descritto entrambi gli equilibri sono Pareto ottimi. A partire da un equilibrio nessun accordo può condurre a una soluzione migliore per entrambi i paesi. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (U, GC). Infatti se P 1 giocasse GC allora P giocherebbe U e P 1 guadagnerebbe 00, mentre se P 1 giocasse U allora P giocherebbe GC e P 1 guadagnerebbe Pertanto P 1 sceglie U. L equilibrio Stackelberg con P leader è SE = (GC, U). Infatti se P giocasse P allora P 1 giocherebbe G e P guadagnerebbe 00, mentre se P giocasse G allora P 1 giocherebbe G e P guadagnerebbe Conseguentemente P sceglie U. 3

24 Soluzione n.10 (Battaglia dei Sessi) (a) Matrice dei livelli di contentezza Carlo Camilla S C S (,1) (0,0) C (0,0) (1,) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. Il gioco non ammette strategie dominanti. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi sono due equilibri di Nash: (S, S): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo C al posto di S guadagna 0 invece di, analogamente se P sceglie C al posto di S guadagna 0 invece di 1. (C, C): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo S al posto di C guadagna 0 invece di 1, analogamente se P sceglie S al posto di C guadagna 0 invece di. (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto entrambi gli equilibri sono Pareto ottimi. A partire da un equilibrio nessun accordo può condurre a una soluzione migliore per entrambi i fidanzati. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (S, S) (Carlo sa che Camilla è gelosissima e non lo lascerebbe mai andare allo stadio da solo). Infatti se P 1 giocasse S allora P giocherebbe S e P 1 guadagnerebbe, mentre se P 1 giocasse C allora P giocherebbe C e P 1 guadagnerebbe 1. Pertanto P 1 sceglie S. L equilibrio Stackelberg con P leader è SE = (C, C) (Camilla sa che Carlo è gelosissimo e non la lascerebbe mai andare allo stadio da sola). Infatti se P giocasse S allora P 1 giocherebbe S e P guadagnerebbe 1, mentre se P giocasse C allora P 1 giocherebbe C e P guadagnerebbe. Conseguentemente P sceglie C.

25 Soluzione n.11 (Gioco di Coordinazione) (a) Matrice dei livelli di preferenza Carlo Camilla Mozart Mahler Mozart (,) (0,0) Mahler (0,0) (1,1) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. Il gioco non ammette strategie dominanti. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi sono due equilibri di Nash: (Mozart, Mozart): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo Mahler al posto di Mozart guadagna 0 invece di, analogamente se P sceglie Mahler al posto di Mozart guadagna 0 invece di. (Mahler, Mahler): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo Mozart al posto di Mahler guadagna 0 invece di 1, analogamente se P sceglie Mozart al posto di Mahler guadagna 0 invece di 1. (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto l equilibrio (M ozart, M ozart) è Pareto ottimo mentre l equilibrio (Mahler, Mahler) non lo è. Infatti, a partire dall equilibrio (Mahler, Mahler) non Pareto ottimo, Carlo e Camilla possono optare per una soluzione più gradevole per entrambi. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con Carlo leader è SE 1 = (Mozart, Mozart) (Carlo sa che anche Camilla preferisce Mozart). Infatti se Carlo scegliesse M ozart allora Camilla sceglierebbe M ozart e Carlo guadagnerebbe, mentre se Carlo scegliesse M ahler allora Camilla sceglierebbe M ahler e Carlo guadagnerebbe 1. Pertanto Carlo sceglie M ozart. L equilibrio Stackelberg con Camilla leader è SE = (Mozart, Mozart) (Camilla sa che anche Carlo preferisce Mozart). Infatti se Camilla scegliesse M ozart allora Carlo sceglierebbe M ozart e Camilla guadagnerebbe, mentre se Camilla scegliesse M ahler allora Carlo sceglierebbe M ahler e Camilla guadagnerebbe 1. Conseguentemente Camilla sceglie M ozart. 5

26 Soluzione n y z 1. J = 3,. J = 3, 3. Non esiste.. Punto sella in corrispondenza a y = [ ], z = [0. 0.3], 5. = No.

27 Soluzione n y z 1. J = 3,. J = 3, 3. (i, j ) = (1, 1). Punto sella in corrispondenza a y = [1 0], z = [1 0], 5. = 3.. Si, i = 1 è dominante per P 1. 7

28 Soluzione n.1 (a) Matrice dei guadagni netti P P 1 A NA A (0, 1000) ( 1000, 0) NA (0, 1000) (0, 000) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. La strategia (NA) è dominante sia per P 1 che per P. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi è un solo equilibrio di Nash: (NA, NA): se P 1 si scosta dall equilibrio scegliendo A al posto di NA guadagna 1000 invece di 0, mentre se P sceglie A al posto di NA guadagna 1000 invece di 000. (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto l equilibrio è Pareto ottimo. A partire dall equilibrio nessun accordo può condurre a una soluzione migliore per entrambi i concorrenti. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (NA, NA). Infatti se P 1 giocasse A allora P giocherebbe NA e P 1 guadagnerebbe 1000, mentre se P 1 giocasse NA allora P giocherebbe NA e P 1 guadagnerebbe 0. Conseguentemente P 1 sceglie NA. L equilibrio Stackelberg con P leader é SE = (NA, NA). Infatti se P giocasse A allora P 1 giocherebbe indifferentemente A o NA e P guadagnerebbe in entrambi i casi 1000, mentre se P giocasse NA allora P 1 giocherebbe NA e P guadagnerebbe 000. Conseguentemente P sceglie NA.

29 Soluzione n.15 (a) Matrice dei guadagni netti P rofessore Studente O NO C (-0,) (0,) A (-70,) (-10,) (b) Una strategia dominante è una scelta buona almeno tanto quanto ogni altra scelta, qualunque sia la scelta degli avversari. La strategia C é dominante per il professore. (c) Un equilibrio di Nash è un risultato (outcome) per cui tutti i giocatori scelgono in modo ottimo per fissata strategia degli avversari. Ogni deviazione unilaterale dall equilibrio non apporta alcun vantaggio a nessuno dei giocatori. Nel gioco descritto vi è un equilibrio di Nash: (C, O): se il professore si scosta dall equilibrio scegliendo A al posto di C guadagna 70 invece di 0, analogamente se lo studente sceglie NO al posto di O guadagna invece di. (d) Una soluzione è Pareto ottima se non ne esiste un altra che sia migliore per entrambi/tutti i giocatori. Nel gioco descritto l equilibrio è Pareto ottimo, infatti A partire dall equilibrio nessun accordo può condurre a una soluzione migliore per entrambi i giocatori. (e) Un equilibrio Stackelberg è una soluzione per cui il leader annuncia e mantiene nel tempo una strategia e nel fare ciò tiene in considerazione la reazione del/i follower. Per il gioco descritto l equilibrio Stackelberg con P 1 leader è SE 1 = (A, NO). Infatti se P 1 giocasse C allora P giocherebbe O e P 1 guadagnerebbe 0, mentre se P 1 giocasse A allora P giocherebbe NO e P 1 guadagnerebbe 10. Conseguentemente P 1 sceglie A. L equilibrio Stackelberg con P leader è SE = (C, O). Infatti se P giocasse O allora P 1 giocherebbe C e P guadagnerebbe, mentre se P giocasse NO allora P 1 giocherebbe C e P guadagnerebbe. Conseguentemente P sceglie O. 9

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

1 Estensione in strategia mista di un gioco

1 Estensione in strategia mista di un gioco AVVERTENZA: Di seguito trovate alcuni appunti, poco ordinati e poco formali, che uso come traccia durante le lezioni. Non sono assolutamente da considerarsi sostitutivi del materiale didattico. Riferimenti:

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Reti e standard Introduzione Aspettative dei consumatori

Dettagli

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco www.xos.it : 2008 Osvaldo Duilio Rossi : SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco Ho integrato con ulteriori riflessioni

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007

RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 RICERCA OPERATIVA GRUPPO B prova scritta del 22 marzo 2007 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra quelle riportate). Se

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10

Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio. Cap. 10 Pensare Strategicamente: La Teoria dei Giochi e l Oligopolio Cap. 10 Fino a ora abbiamo considerato le variabili che potevano influenzare il comportamento degli individui dati loro obiettivi (max utilità

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Cognome, Nome, Corso di Laurea, email: Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Esercizio 1. Si consideri il seguente gioco. Il primo giocatore può scegliere un numero tra {1,3,,6}; il secondo giocatore

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Perchè un asta? Lezione 15. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Aste

Perchè un asta? Lezione 15. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Tipi di aste. Aste Perchè un asta? Lezione 15 Aste Una delle forme più antiche di mercato. Arte, immobili pubblici, licenze telefoniche, frutta, e-bay E spesso difficile scoprire quanto potenziali acquirenti valutino effettivamente

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008. 10. Dualità in Programmazione Lineare Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 10. Dualità in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni - Ricerca Operativa - 10. Dualità in Programmazione Lineare 10.1 Soluzione di un problema di PL: punti di vista

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 10. Pensare in maniera strategica: l oligopolio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 10 Pensare in maniera strategica: l oligopolio La teoria dei giochi La teoria dei giochi non cooperativi offre gli strumenti matematici per analizzare situazioni in cui l utilità dei vari individui

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte II Giochi strategici a somma zero Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Alice e Bruno

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Ottimizzazione Multi Obiettivo

Ottimizzazione Multi Obiettivo Ottimizzazione Multi Obiettivo 1 Ottimizzazione Multi Obiettivo I problemi affrontati fino ad ora erano caratterizzati da una unica (e ben definita) funzione obiettivo. I problemi di ottimizzazione reali

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Esercizio 1: Automobili

Esercizio 1: Automobili Esercizio 1: Automobili Le variabili decisionali sono i quattro pesi da attribuire alle quattro caratteristiche. Si tratta di variabili intere maggiori o uguali a 1, minori o uguali a 5, che sommate devono

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

La teoria dei giochi non cooperativi

La teoria dei giochi non cooperativi La teoria dei giochi non cooperativi Kreps: "Microeconomia per manager" 1 Ci occuperemo soltanto di giochi non cooperativi: l unità d analisi è il singolo giocatore che cerca di compiere le scelte per

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Logistica - Il problema del trasporto

Logistica - Il problema del trasporto Logistica - Il problema del trasporto Federico Di Palma December 17, 2009 Il problema del trasporto sorge ogniqualvolta si debba movimentare della merce da una o più sorgenti verso una o più destinazioni

Dettagli

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 1) Combinando risorse Una ditta produce due tipi di prodotto, A e B, combinando e lavorando opportunamente tre risorse, R, S e T. In dettaglio:

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Note sulla teoria dei giochi 1

Note sulla teoria dei giochi 1 Note sulla teoria dei giochi 1 1. Le caratteristiche di un gioco La teoria dei giochi è usata per lo studio delle situazioni di interazione strategica, vale a dire le situazioni in cui l'utilità di un

Dettagli

Teoria dei Giochi - Esternalità

Teoria dei Giochi - Esternalità Corso di Microeconomia Esercitazione del 14-05-2013 Teoria dei Giochi - Esternalità Esercizio 1 Due soggetti, Arnaldo e Bettino, sono impegnati in un gioco la cui matrice dei payoff è la seguente: ARNALDO

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) 1) Scrivete la funzione di profitto di un'impresa e definite i termini che la

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Un modello matematico per un problema di programmazione lineare Problema 1. Un reparto di un azienda di elettrodomestici può produrre giornalmente non più di 6 lavatrici, delle quali

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Economia Politica 2 - MICROECONOMIA ESERCITAZIONE 6 PRIMA PARTE

Economia Politica 2 - MICROECONOMIA ESERCITAZIONE 6 PRIMA PARTE Economia Politica 2 - MICROECONOMIA ESERCITAZIONE 6 Martedì 23 Novembre 2004 PRIMA PARTE Si risponda alle seguenti domande: (N.B. le risposte riportate rappresentano una traccia per lo studente, a cui

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 1 Concetti risolutivi per i giochi in forma normale I

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi Esempio. La maggiore produttrice di autovetture italiane (Fiat) nel prendere le decisioni di quando introdurre un nuovo modello sul mercato, con quali accessori, con quali

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XIV LEZIONE 12/11/2012 Intervento A.D. Rainbow Magic Land Il giorno 16 novembre, dalle 16 alle 18 si terrà in aula T1 l'intervento

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 1.7 Servizi informatici. Un negozio di servizi informatici stima la richiesta di ore di manutenzione/consulenza per i prossimi cinque mesi: mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 All inizio

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Equilibri di Nash e di tipo Leadership con applicazione ai Patrolling Games

Equilibri di Nash e di tipo Leadership con applicazione ai Patrolling Games POLITECNICO DI MILANO FACOLTÀ DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E DELL INFORMAZIONE CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA MATEMATICA Equilibri di Nash e di tipo Leadership con applicazione ai Patrolling Games Stefania

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Teoria dei giochi Cos è un gioco? Si definisce come gioco una situazione in cui ciascuno dei

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli