La soluzione server basata su drive SSD Kingston

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La soluzione server basata su drive SSD Kingston"

Transcript

1 DATABASE AD ALTE PRESTAZIONI, CON I DISCHI SSD DI CLASSE AZIENDALE KINGSTON La soluzione server basata su drive SSD Kingston ha ottenuto prestazioni per watt superiori del 184% un volume di ordini per minuto superiore del 91% 6 dischi SSD interni installati su un singolo server, contro 24 hard drive tradizionali installati in un'unità con alloggiamento esterno < vs > La potenza di elaborazione non è l'unico aspetto che conta per le prestazioni dei database. Le soluzioni di storage per server ad alte prestazioni, come i dischi a stato solido (SSD), sono in grado di offrire un notevole incremento di prestazioni dei database, rispetto agli hard disk (HDD) di tipo tradizionale. Nei nostri laboratori, situati presso Principled Technologies abbiamo messo alla prova le prestazioni offerte dai dischi SSD Kingston sui database virtualizzati, scoprendo che sostituendo una soluzione composta da un server con chassis esterno dotato di 24 unità HDD con una soluzione composta da sei unità SSD interne, era possibile ottenere un incremento di prestazioni pari al 91,8 percento. Durante l'esecuzione dei test, abbiamo anche misurato la potenza consumata dalle due soluzioni, sia in standby, sia durante il funzionamento sotto carico con accesso intensivo ai database, rilevando come la soluzione basata su SSD Kingston consentisse di ottenere un consumo del 51 percento inferiore a quello richiesto dalla soluzione HDD, pari a un incremento del 184,2 percento nel rapporto tra prestazioni offerte e watt consumati. Pertanto, le aziende che desiderano accrescere le prestazioni dei loro database, risparmiando sui costi energetici, dovrebbero prendere in seria considerazione la possibilità di effettuare un upgrade delle loro attuali configurazioni basate su HDD tradizionali, migrando alle soluzioni SSD aziendali ad alte prestazioni di Kingston. APRILE 2012 UN RAPPORTO SUI TEST DI PRINCIPLED TECHNOLOGIES Commissionato da Kingston Technology Corp.

2 INCREMENTO DEI PROCESSI DI STORAGE CON GLI SSD I dischi a stato solido, o SSD, offrono numerosi vantaggi alle aziende. Questi dischi offrono prestazioni migliori in quanto totalmente privi di dischi e testine mobili, come accade nel caso degli hard disk tradizionali. Gli SSD sono invece dotati di un circuito integrato funzionante ad alta velocità, che funge da memoria per lo storage. Questo tipo di design offre una maggiore larghezza di banda passante, e migliori prestazioni in fase di accesso casuale, benché tipicamente caratterizzato da capacità di storage inferiori. Si tratta di una soluzione che consente agli utenti finali di sostituire hard disk multipli con un solo disco SSD, garantendo prestazioni identiche o superiori, a seconda del numero di drive che vengono sostituiti. Le prestazioni superiori degli SSD Kingston La Figura 1 mostra il confronto tra le prestazioni complessive della soluzione basata su HDD tradizionali, e quella basata su SSD Kingston. La soluzione basata sugli SSD Kingston, che utilizza solo sei dischi per lo storage dati, ha consentito di ottenere un incremento delle prestazioni pari al 91,8 percento, rispetto alla soluzione basata su 24 HDD tradizionali. Figura 1: Utilizzando sei dischi SSD Kingston è stato possibile ottenere prestazioni superiori del 91,8 percento rispetto a una soluzione interamente basata su HDD tradizionali (24 unità). Ma i vantaggi dei server dotati di dischi SSD non si limitano ad un incremento generico di prestazioni. Le ridotte latenze e i throughput offerti dagli SSD Kingston consentono anche di accrescere le prestazioni all'interno del server vero e proprio, utilizzando un numero di drive relativamente ridotto, senza richiedere lo spazio aggiuntivo sui rack o i consumi energetici associati alle soluzioni basate su chassis esterni dotate di un numero maggiore di drive di tipo tradizionale. E tale incremento di prestazioni viene conseguito a fronte di un consumo energetico inferiore, dando alle soluzioni SSD il primato assoluto in termini di rapporto tra prestazioni superiori per watt, rispetto alle tradizionali soluzioni basate su HDD. La Figura 2 mostra il rapporto tra prestazioni e consumo in Watt, per ciascuna delle soluzioni sottoposte a confronto. La soluzione SSD Kingston ha consentito di ottenere un incredibile rapporto tra prestazioni del database e il consumo in watt superiore del 184,2 percento rispetto alla soluzione basata su HDD. Un rapporto sui test di Principled Technologies 2

3 Figura 2: Rapporto prestazioni/watt per le due soluzioni testate. Come illustrato in Figura 3, la soluzione basata sugli SSD Kingston è stata in grado di garantire un consumo energetico inferiore del 32.5 percento rispetto alla soluzione basata sugli HDD tradizionali. Una riduzione dei consumi energetici complessivi della vostra infrastruttura potrebbe consentire di conseguire significativi risparmi in termini di costi operativi. Sebbene la riduzione del 32,5 percento dei consumi energetici conseguita con la soluzione basata sugli SSD Kingston abbia una valenza significativa, è importante sottolineare come l'incremento del rapporto prestazioni/watt, pari al 184,2 percento rappresenti un indicatore molto più accurato dei vantaggi conseguibili sotto il profilo energetico, potenzialmente replicabili anche nei vostri ambienti aziendali. Questo straordinario incremento è determinato dal fatto che i sei dischi SSD consentono al sistema di eseguire un numero quasi doppio di operazioni consentite con i dischi HDD, utilizzando però una quantità di energia notevolmente inferiore. I bassi valori di latenza, associati a throughput elevati dei dischi SSD, consentono di sfruttare appieno la potenza del processore. Durante i nostri test, la soluzione basata su unità HDD è stata in grado di supportare solo il 39,1 percento della potenza totale del processore, prima di raggiungere il punto di saturazione, mentre la soluzione basata sugli SSD Kingston è stata in grado di supportare il 92,9 percento della potenza del processore utilizzata, mediante drive interni. Se dovessimo effettuare un confronto in cui l'utilizzo della CPU e il numero di operazioni al minuto vengono mantenute costanti, prevediamo che i risparmi in termini di consumi energetici sarebbero notevolmente superiori con gli SSD Kingston. Un rapporto sui test di Principled Technologies 3

4 Figura 3: Potenza consumata (in watt) dalle soluzioni testate, durante il funzionamento sotto carico con utilizzo del database. La Figura 4 mostra la potenza (in watt), consumata da ciascuna soluzione in standby. Durante la misurazione della potenza assorbita in standby, i server non erano sottoposti ad alcun tipo di carico. Tuttavia, essi stavano ancora supportando le macchine virtuali attive. Durante il funzionamento in standby, la soluzione SSD di Kingston ha evidenziato un assorbimento inferiore del 51 percento rispetto alla soluzione basata su HDD tradizionali. Figura 4: Potenza consumata (in watt) dalle soluzioni testate, durante il funzionamento in standby. Per ulteriori dettagli sui test, vedere l' Appendice D. Un rapporto sui test di Principled Technologies 4

5 SISTEMI UTILIZZATI PER I TEST Per effettuare il confronto tra le prestazioni dei database virtualizzati con le due Informazioni su DVD Store Versione 2.1 CONCLUSIONI soluzioni di storage abbiamo utilizzato un server Dell PowerEdge R710. La soluzione basata su HDD era dotata di uno chassis per drive esterni, con 24 unità HDD, mentre la soluzione basata sugli SSD Kingston era dotata di sei dischi SSD integrati all'interno del server. Ciascuna delle otto VM utilizzate utilizzava la piattaforma Microsoft Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition e SQL Server 2008 R2 con tre vcpu e 5,5 GB di vram. Per generare le condizioni di carico richieste sul database abbiamo utilizzato il benchmark DVD Store. (Abbiamo aggiunto due HDD o SSD interni aggiuntivi su entrambe le soluzioni basate su piattaforma Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition con sistema operativo Hyper-V, ma tali dischi non sono stati inclusi nei risultati del confronto in quanto sono rimasti pressoché inattivi durante l'esecuzione del test). Il test sul database è stato eseguito tre volte, con determinazione dei valori medi ottenuti dai tre test. Per creare una condizione con carico di lavoro comparabile a quella di una piattaforma di ecommerce reale, abbiamo utilizzato il tool di benchmarking DVD Store in versione 2.1 (DS2). DS2 è in grado di generare uno store di DVD online, in cui i clienti effettuano l'accesso, eseguono ricerche di film ed effettuano acquisti. DS2 registra tali eventi sottoforma di ordini al minuto (OPM) che il sistema è in grado di gestire, mostrando il livello di prestazioni stimato di cui i clienti potranno usufruire. Il carico operativo generato da DS2 è in grado di eseguire anche altre operazioni, come l'aggiunta di nuovi clienti, effettuando le numerose operazioni richieste per il funzionamento di un'ambiente di ecommerce. Per ulteriori informazioni sul tool DS2, accedere al link: L'acquisto di uno chassis contenente un numero elevato di HDD è un modo di configurare la vostra infrastruttura. Tuttavia, tale soluzione può offrire prestazioni tuttaltro che ottimali, occupando grandi volumi di prezioso spazio nei centri dati e causando un incremento dei costi energetici e di raffreddamento. Configurando i vostri server con soluzioni SSD, invece, può consentire di ottenere un notevole incremento delle prestazioni, riducendo al contempo il consumo energetico complessivo del vostro centro dati. Nei nostri test, la sostituzione di 24 HDD su chassis esterno con soli sei SSD Kingston installati all'interno del server ha consentito di ottenere un incremento del 91,8 percento delle prestazioni complessive del database. Il server dotato di SSD Kingston non solo surclassa la soluzione basata sui tradizionali HDD in termini di prestazioni pure, ma consuma anche il 32,5 percento di energia in meno durante il funzionamento, e il 51 Un rapporto sui test di Principled Technologies 5

6 percento in meno quando in standby. Un tale, straordinario, connubio tra incremento delle prestazioni e riduzione dei consumi energetici, fa dei dischi SSD Kingston una scelta obbligata per i server dei database installati nei centri dati. Un rapporto sui test di Principled Technologies 6

7 APPENDICE A INFORMAZIONI SULLE CONFIGURAZIONI DEI SERVER La Figura 5 illustra una serie di informazioni dettagliate sui server utilizzati per i test. Sistema Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD Alimentatori Numero totale 2 2 Produttore e codice modello Dell N870P-S0 Dell N870P-S0 Potenza (Watt) Ventole di raffreddamento Numero totale 5 5 Produttore e codice modello San Ace 60 9GV0612P1M041 San Ace 60 9GV0612P1M041 Dimensioni (A x L) di ciascuna unità 2,5" x 2,5" 2,5" x 2,5" Volt Amp 1,5 1,5 Info generali Numero di pacchetti processore 2 2 Numero di core per processore 6 6 Numero di thread hardware per core 2 2 CPU Produttore Intel Intel Nome Xeon Xeon Numero modello X5670 X5670 Stepping B1 B1 Tipo socket LGA1366 LGA1366 Frequenza core (GHz) 2,93 2,93 Frequenza del bus 6,4 GT/s 6,4 GT/s Cache L (per core) (per core) Cache L2 256 (per core) 256 (per core) Cache L Piattaforma Produttore e codice modello Dell PowerEdge R710 Dell PowerEdge R710 Numero modello scheda madre DP/N 0M233H DP/N 0M233H Nome e versione BIOS Dell Dell Impostazioni BIOS Impostazioni potenza settate su "Prestazioni Massime" Impostazioni potenza settate su "Prestazioni Massime" Moduli di memoria RAM totale del sistema (GB) Produttore e codice modello Samsung M393B1K70BH1-CH9 Samsung M393B1K70BH1-CH9 Tipo PC R PC R Velocità (MHz) Velocità di funzionamento del sistema (Mhz) Timing/latenza (tcl-trcd-trptrasmin) Un rapporto sui test di Principled Technologies 7

8 Sistema Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD Dimensione (GB) 8 8 Numero di moduli RAM 6 6 Rank Dual Dual Sistema operativo Nome Windows Server 2008 R2 Enterprise Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition Edition Numero Build File system NTFS NTFS Lingua Italiano Italiano Scheda grafica Produttore e codice modello Matrox G200eW Matrox G200eW Driver Matrox Matrox Controller RAID Controller RAID interno Produttore e codice modello LSI MegaRAID SAS i LSI MegaRAID SAS i Versione firmware Versione driver LSI LSI Dimensione cache (GB) 1 1 Controller RAID esterno Produttore e codice modello LSI MegaRAID SAS e N/D Versione firmware N/D Versione driver LSI N/D Dimensione cache (MB) 1 N/D Dischi rigidi Collegati al controller RAID interno Produttore e codice modello Seagate ST SS Kingston SE100S37/200G Numero di drive 2 8 Dimensione (GB) Giri/Min N/D Tipo SAS SATA Configurazione RAID 2 dischi in modalità RAID 1 (OS) 2 dischi in modalità RAID 1 (OS), 4 dischi in modalità RAID 10 (database), 2 dischi in modalità RAID 1 (log) Collegati al controller RAID esterno Produttore e codice modello Seagate ST973452SS N/D Numero di drive 24 N/D Dimensione (GB) 73 N/D Giri/Min N/D Tipo SAS N/D Configurazione RAID 20 dischi in modalità RAID 10 (database), N/D Un rapporto sui test di Principled Technologies 8

9 Sistema Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD 4 dischi in modalità RAID 10 (log) Adattatori Ethernet Produttore e codice modello Broadcom BCM5709C NetXtreme II Broadcom BCM5709C NetXtreme II Tipo Integrato Integrato Driver Broadcom Broadcom Drive ottici Produttore e codice modello TEAC DVD-ROM TEAC DVD-ROM Tipo SATA SATA Porte USB Numero 4 4 Tipo 2,0 2,0 Figura 5: Configurazioni di sistema dei server utilizzati per i test. Un rapporto sui test di Principled Technologies 9

10 APPENDICE B - INFORMAZIONI SU DVD STORE Per generare il carico di lavoro necessario, ci siamo avvalsi del benchmark DVD Store versione 2.1 (DS2), simulante la piattaforma di ecommerce di uno store di DVD online. DS2 è dotato di una serie di componenti database, e server web, e include programmi driver in grado di generare un carico elevato sui componenti. L'obiettivo del test era quello di mostrare i vantaggi offerti dall'uso dei drive SSD Kingston rispetto alle soluzioni basate su drive SAS tradizionali. Pertanto, era per noi necessario assicurarci che il database utilizzato per i test non venisse memorizzato nella cache di memoria, imponendo ai drive operazioni costanti in lettura e scrittura al fine di generare la massima attività dei dischi. Il server Dell PowerEdge R710 utilizzato, eseguiva otto macchine virtuali, ognuna delle quali aveva in esecuzione una sola istanza di Microsoft SQL Server 2008 R2. Ogni database di istanza di SQL Server 2008 R2 era stato configurato con un database da 10GB. L'unità di misurazione principale di DS2 è costituita dagli ordini per minuto, calcolati e registrati dal programma driver in un file di testo memorizzato sulle macchine client. L'applicazione client di DVD Store genera i dati OPM ogni 10 secondi. Abbiamo applicato tale carico di lavoro sul server per 30 minuti, registrando l'ultimo punteggio OPM riportato dal benchmark. Un ordine DS2 è composto dalle seguenti operazioni: accesso utente; ricerca di film per titolo, attore o categoria; acquisto. Il carico operativo generato è in grado di eseguire anche altre operazioni, come l'aggiunta di nuovi clienti, effettuando le numerose operazioni richieste per il funzionamento di un'ambiente di ecommerce. Come specificato sopra, dato che il nostro scopo era quello di isolare e testare le sole prestazioni del database del server, non abbiamo utilizzato il componente di benchmark del client web di frontend presente su DS2. Abbiamo invece eseguito un driver compilato sulle macchine client, agendo direttamente dall'interfaccia a riga di comando. Abbiamo utilizzato i parametri e le configurazioni di DS2, con le eccezioni riportate nella sezione riservata alle impostazioni di DVD Store versione 2.1, contenute nella documentazione relativa ai dettagli sulla metodologia del test contenuta in Appendice C. Sui client abbiamo utilizzato macchine virtuali. Le macchine virtuali installate su ciascun client avevano in esecuzione un'istanza di DS2 con 32 thread, per simulare un ambiente sottoposto a carichi di lavoro sostenuti e impegnativi; le macchine client preposte alla generazione del traffico operavano senza think time, elaborando le richieste non appena i server erano disponibili. Per ulteriori dettagli sul tool DS2, accedere al link: Un rapporto sui test di Principled Technologies 10

11 APPENDICE C - METODOLOGIA DETTAGLIATA DEI TEST Questa sezione illustra in dettaglio le varie procedure attuate per attuare il nostro scenario di test. Impostazione del server per DVD Store La macchina sottoposta a test con DVD Store era un Dell PowerEdge R710 con sistema operativo Windows Server 2008 R2 con Hyper-V, e un server Dell PowerEdge R900 con Hyper-V utilizzato come unità host per gli otto client virtuali. Le macchine virtuali Dell PowerEdge R710 utilizzate per i test erano dotate di tre processori virtuali, 5,5 GB di memoria e di un adattatore di rete virtuale. I client virtuali Dell PowerEdge R900 erano dotate di tre processori virtuali, 2 GB di memoria e di un adattatore di rete virtuale. I sistemi sono stati connessi mediante uno switch di rete Gigabit. Impostazione delle unità disco Nel caso della soluzione basata su HDD, abbiamo configurato una serie di hard drive SAS da 146 GB in modalità RAID 1, utilizzando gli alloggiamenti disco interni del sistema Dell PowerEdge R710 per il sistema operativo. Abbiamo connesso un Dell PowerVault MD1220 esterno con 24 hard drive SAS da 73GB ciascuno, per gestire le macchine virtuale, i database e i volumi di log. Abbiamo poi configurato 20 degli hard drive esterni in modalità RAID 10, per le macchine virtuali e i volumi dei database. Abbiamo quindi configurato i quattro drive esterni restanti in modalità RAID 10 per i log. Abbiamo infine impostato le regole dei controller interni ed esterni in modalità sempre "write back" in scrittura e sempre "read ahead" in lettura, per la soluzione basata su HDD. Per la soluzione SSD abbiamo installato otto dischi SSD Kingston da 200GB ciascuno nell'alloggiamento interno del Dell PowerEdge R710. Abbiamo poi configurato due drive SSD in modalità RAID 1 per il sistema operativo, quattro in modalità RAID 10 per le macchine virtuali e i volumi dei database e due in modalità RAID 1 per i log. Per la soluzione SSD abbiamo impostato la regola del controller interno in modalità "write through" in scrittura e "no read ahead" in lettura. La soluzione SSD utilizzata per i test non era dotata di controller esterno. Installazione di Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition 1. Avviare il server, e inserire il DVD di installazione di Windows Server 2008 R2 nel lettore DVD-ROM. 2. Dalla schermata di selezione lingua, cliccare su "Successivo". 3. Quindi fare clic su "Installa ora". 4. Selezionare "Windows Server 2008 R2 Enterprise (Installazione completa)", e fare clic su "Successivo". 5. Fare clic sulla casella "Accetto i termini di licenza", e poi selezionare "Successivo". 6. Fare clic su "Personalizzata". 7. Nella schermata "Dove installare Windows", fare clic sulle opzioni "Unità disco", selezionando "Avanzate". 8. Assicurarsi di selezionare l'unità disco di destinazione corretta e fare clic su "Nuovo". 9. Immettere la dimensione desiderata per la partizione e quindi fare clic su "Applica". (Nel nostro caso abbiamo utilizzato l'intero disco). 10. Quando viene visualizzata la finestra a scomparsa che notifica all'utente che Windows sta per creare le partizioni aggiuntive, fare clic su "OK". 11. Nella schermata "Dove installare Windows", fare clic su "Successivo". 12. Nella schermata di notifica "L'utente deve modificare la password prima dell'accesso", fare clic su "OK". 13. Inserire una nuova password in entrambi i campi e fare clic sul tasto freccia per proseguire. 14. Nella schermata "La tua password è stata modificata", fare clic su "OK". Configurazione della rete sul server 1. Fare clic su "Start Pannello di controllo Reti e Internet Centro connessioni di rete e condivisione, e selezionare l'opzione "Modifica impostazioni dell'adattatore". 2. Fare clic sulla voce relativa all'adattatore di rete col tasto destro del mouse e selezionare la voce "Proprietà" dal menu a discesa. 3. Selezionare "Protocollo Internet versione 4 (TCP/IPv4)", e quindi fare clic su "Proprietà". Un rapporto sui test di Principled Technologies 11

12 4. Nella schermata proprietà di "Protocollo Internet versione 4 (TCP/IPv4)", selezionare il pulsante radio "Utilizza l'indirizzo IP seguente". 5. Inserire un indirizzo IP statico valido, una maschera di sottorete e un gateway di default. 6. Fare clic su "OK" per chiudere la finestra. 7. Nella finestra "Proprietà di connessione d'area locale" fare clic su "Chiudi". 8. Chiudere la finestra delle connessioni di rete. Installazione degli aggiornamenti di sistema su Windows Server 2008 R2 Abbiamo proceduto all'installazione di tutti gli upgrade critici sul server, utilizzando Windows Update. Configurazione dell'area di storage sul server 1. Nella barra applicazioni, fare clic sull'icona di Server Manager. 2. Sul lato sinistro dello schermo, espandere la voce "Storage", e quindi fare clic su"gestione disco". 3. Fare clic sul primo volume con il tasto destro; quindi selezionare la voce "Inizializza disco". 4. Sul lato destro dello schermo, fare clic sul volume con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Nuovo volume semplice...". 5. Sulla schermata di benvenuto, fare clic su "Successivo". 6. Nella schermata "Specifica dimensioni del volume" lasciare le impostazioni di default e quindi fare clic su "Successivo". 7. Nella schermata "Assegna un percorso o una lettera di unità", selezionare una lettera di unità e quindi fare clic su "Successivo". 8. Nella schermata "Formatta partizione", selezionare l'opzione "NTFS", con una dimensione di allocazione di 64K, e quindi fare clic su "Successivo". 9. Nella schermata "Procedura di creazione guidata del nuovo volume completata", fare clic su "Fine". 10. Ripetere le procedure indicate nei punti da 3 a 9 per i restanti volumi. Aggiunta della regola di Hyper-V R2 SP1 1. Aprire Server Manager e fare clic su "Regole". 2. Fare clic su "Aggiungi regole". 3. Nella pagina "Prima di cominciare", selezionare la casella "Salta questa pagina per default", fare clic su "Successivo". 4. Selezionare la voce "Hyper-V" e fare clic su "Successivo". 5. Nella pagina introduttiva di Hyper-V, fare clic su "Successivo". 6. Nella pagina "Crea reti virtuali", fare clic su "Successivo". 7. Confermare i componenti da installare e fare clic su "Installa". 8. Una volta completata l'installazione, fare clic su "Chiudi". 9. Quando viene visualizzata una notifica che chiede all'utente se desidera riavviare, fare clic su "Si". 10. Attendere il riavvio del sistema ed effettuare l'accesso utilizzando le credenziali di amministratore. 11. Una volta che il desktop viene caricato, verrà visualizzata la schermata dei "Risultati dell'installazione di Hyper- V", per il completamento dell'installazione. 12. Fare clic su "Chiudi". La regola di Hyper-V sarà ora disponibile nella sezione "Regole" di Server Manager. Configurazione di Virtual Network Manager 1. Dalla schermata di Hyper-V Manager, fare clic sulla voce "Virtual Network Manager", posta sul lato destro dello schermo. 2. Nella schermata di Virtual Network Manager, selezionare l'opzione "Internal" (Interno) e quindi fare clic su "Add" (Aggiungi). 3. Nella schermata di Virtual Network Manager, selezionare l'opzione "Apply" (Applica) e quindi fare clic su "OK". Un rapporto sui test di Principled Technologies 12

13 Configurazione delle macchine virtuali (VM) La sezione sotto illustra le procedure richieste per l'installazione del sistema operativo, di Microsoft SQL Server, e le relative configurazioni delle VM. Installazione del sistema operativo delle VM sulla prima macchina virtuale 1. Dalla console VM, effettuare il collegamento all'immagine ISO contenuta nel DVD di installazione di Windows Server 2008 R2. Se l'immagine ISO non è memorizzata nel dispositivo host, avviare prima la macchina virtuale e quindi effettuare il collegamento all'immagine ISO. 2. Avviare la macchina virtuale. 3. Dalla schermata di selezione lingua, cliccare su "Successivo". 4. Quindi fare clic su "Installa ora". 5. Selezionare "Windows Server 2008 R2 Enterprise (Installazione completa)", e fare clic su "Successivo". 6. Fare clic sulla casella "Accetto i termini di licenza", e poi selezionare "Successivo". 7. Fare clic su "Personalizzata". 8. Fare clic su "Next" (Successivo). 9. Nella schermata di notifica "L'utente deve modificare la password prima dell'accesso", fare clic su "OK". 10. Inserire la password amministratore desiderata in entrambi i campi e fare clic sul tasto freccia per proseguire. 11. Nella schermata "La tua password è stata modificata", fare clic su "OK". 12. Collegare il computer in uso a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare, se necessario. 13. Abilitare l'accesso al desktop remoto. 14. Modificare il nome host e riavviare quando richiesto. 15. Creare una cartella condivisa per memorizzare i file degli script di test. Impostare i permessi secondo i requisiti richiesti. 16. Configurare le impostazioni di rete: a. Fare clic su Start Pannello di controllo; fare clic sulla voce "Connessioni di rete" con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Apri". b. Fare clic con il tasto destro del mouse sulla voce relativa al NIC di gestione del traffico della VM e selezionare "Proprietà". c. Selezionare l'opzione "TCP/IP (v4)" e selezionare "Proprietà". d. Impostare l'indirizzo IP, l'indirizzo di sottorete, il gateway e il server DNS per il NIC virtuale destinato a gestire il traffico del server in uscita. Fare clic su "OK" e poi selezionare "Chiudi". 17. Nella macchina virtuale, configurare lo storage VM: a. Fare clic sull'icona di Server Manager, posta nella barra delle applicazioni. b. Sul lato sinistro dello schermo, espandere la voce "Storage", e quindi fare clic su"gestione disco". c. Fare clic sul primo volume con il tasto destro; quindi selezionare la voce "Inizializza disco". d. Sul lato destro dello schermo, fare clic sul volume con il tasto destro del mouse e selezionare la voce "Nuovo volume semplice...". e. Nella schermata di benvenuto, fare clic su "Successivo". f. Nella schermata "Specifica dimensioni del volume" lasciare le impostazioni di default e quindi fare clic su "Successivo". g. Nella schermata "Assegna un percorso o una lettera di unità", selezionare una lettera di unità e quindi fare clic su "Successivo". h. Nella schermata "Formatta partizione", selezionare l'opzione "NTFS", con una dimensione di allocazione di 64K, e quindi fare clic su "Successivo". i. Nella schermata "Procedura di creazione guidata del nuovo volume completata", fare clic su "Fine". j. Ripetere le procedure indicate nei punti da "C" a "I" per i restanti volumi VM. Un rapporto sui test di Principled Technologies 13

14 18. Copiare il file di backup di DVD Store creato in precedenza nel disco del backup virtuale situato all'interno della prima macchina virtuale. Installazione di SQL Server 2008 R2 sul server 1. Inserire il DVD di installazione per SQL Server 2008 R2 nel lettore DVD. 2. Se la funzione di avvio automatico non avvia l'installazione, accedere al contenuto del DVD di SQL Server 2008 R2 e fare doppio clic sull'eseguibile di installazione. 3. Se richiesto da un avviso di.net, fare click su "OK" per abilitare la regola di.net Framework Core. 4. Nella schermata del Centro Installazione di SQL Server, fare clic su "Installation" (Installazione). 5. Fare clic su "New Installation" (Nuova installazione), oppure aggiungere le funzionalità desiderate a un'installazione esistente. 6. Nella schermata "Setup Support Rules" (Imposta regole di supporto), fare clic su "OK". 7. Nella schermata "Product Key" (Chiave prodotto), selezionare la voce relativa alla versione di valutazione gratuita "Enterprise Edition", e poi fare clic su "Next" (Successivo). 8. Nella schermata dei Termini di Licenza, accettare i termini di licenza e quindi fare clic su "Next" (Successivo). 9. Nella schermata "Setup Support Files" (Imposta file di supporto), fare clic su "Install" (Installa). 10. Nella schermata "Setup Support Rules" (Imposta regole di supporto), fare clic su "Next" (Successivo). 11. Nella schermata "Setup Role" (Imposta regola), selezionare l'opzione "SQL Server Feature Installation" (Installazione funzionalità di SQL Server); quindi fare clic su "Next" (Successivo). 12. Nella schermata "SQL Server 2008 R2 Feature Selection" (Selezione funzionalità di SQL Server 2008 R2), selezionare le voci seguenti: Database Engine Services (Servizi del motore di database), Full-Text Search (Ricerca a testo intero), Client Tools Connectivity (Connettività strumenti client), Client Tools Backwards Compatibility (Retrocompatibilità strumenti client), Management Tools Basic (Tool di gestione - Base), Management Tools Complete (Tool di gestione - Completi); quindi, fare clic su "Next" (Successivo). 13. Nella schermata "Installation Rules" (Regole di installazione), fare clic su "Next" (Successivo). 14. Nella schermata dei "Configuration Instance" (Istanza di configurazione), accettare i termini di licenza e quindi fare clic su "Next" (Successivo). 15. Nella schermata "Disk Space" (Spazio su disco), fare clic su "Next" (Successivo). 16. Nella schermata "Server Configuration" (Configurazione Server), modificare le impostazioni dei parametri SQL Server Agent (Agente di SQL Server) e SQL Server Database Engine (Motore del database di SQL Server), su "NT AUTHORITY\SYSTEM"; quindi, fare clic su "Next" (Successivo). 17. Nella schermata "Database Engine Configuration" (Configurazione motore del database), selezionare la modalità "Mixed Mode" (Modalità mista); inserire una password per l'account dell'amministratore di sistema (sa) e quindi fare clic sull'opzione "Add Current User" (Aggiungi utente corrente); infine, fare clic su "Next" (Successivo). 18. Nella schermata "Error Reporting" (Rapporti di errore), fare clic su "Next" (Successivo). 19. Nella schermata "Installation Configuration Rules" (Regole di configurazione dell'installazione), fare clic su "Next" (Successivo). 20. Nella schermata "Installation" (Installazione), fare clic su "Install" (Install). 21. Nella schermata "Installation" (Installazione), fare clic su "Install" (Installa). 22. Importante: Ripetere il processo di installazione per altre tre volte, fino a creare un totale di quattro istanze di SQL Server 2008 R Installare SQL Server 2008 R2 Service Pack 1, e applicare le patch su tutte le istanze. Configurazione di SQL Server 2008 R2 Dopo l'installazione di SQL Server 2008 R2, abbiamo abilitato i servizi SQL Server Browser e il protocollo TCP/IP. Abbiamo seguito questo processo per le configurazioni seguenti: 1. Fare clic su Start Strumenti di amministrazione Servizi. Un rapporto sui test di Principled Technologies 14

15 2. Sul lato destro dello schermo, fare clic sulla voce "SQL Server Browser" con il tasto destro del mouse, e selezionare la voce "Proprietà" dal menu a discesa. 3. Nel menu a discesa della funzione "Avvio", selezionare la voce "Automatico" e quindi cliccare "OK" per confermare. 4. Chiudere la finestra "Servizi". 5. Fare clic su Start Tutti i programmi Microsoft SQL Server 2008 R2 Strumenti di configurazione SQL Server Configuration Manager. 6. Selezionare la voce "Servizi di SQL Server", posta sul lato sinistro dello schermo. 7. Sul lato destro dello schermo, fare clic sulla voce "SQL Server Browser" con il tasto destro del mouse, e selezionare "Avvia" dal menu a discesa. 8. Sul lato sinistro dello schermo, espandere la sezione "Configurazione di rete di SQL Server", e selezionare i protocolli relativi alla voce "MSSQLSERVER" (in cui la denominazione MSSQLSERVER rappresenta il nome della prima istanza di SQL Server). 9. Sul lato destro dello schermo, fare clic sulla voce "TCP/IP" con il tasto destro del mouse, e selezionare "Enable" (Abilita) dal menu a discesa. 10. Ripetere le operazioni di cui al Punto 9 per le tre istanze di SQL Server restanti. 11. Sul lato sinistro dello schermo, selezionare la voce "SQL Server Services" (Servizi di SQL Server). 12. Sul lato destro dello schermo, fare clic sulla voce "SQL Server (MSSQLSERVER)" con il tasto destro del mouse, e selezionare "Riavvia" dal menu a discesa. 13. Ripetere le operazioni di cui al Punto 12 per le tre istanze di SQL Server restanti. Configurazione delle VM aggiuntive su Hyper-V 1. In Hyper-V, assicurarsi che la VM1 sia attiva. 2. Accedere alla sezione in cui è memorizzato il file VHD e duplicare tale file per 7 volte. 3. Dalla schermata di Hyper-V, fare clic su Server Nuova macchina virtuale, con il tasto destro del mouse; quindi, inserire il nome "VM2" e fare clic su "Next" (Successivo). 4. Nella schermata "Assign Memory" (Assegna memoria), selezionare "5632", e fare clic su "Next" (Successivo). 5. Nella schermata "Configure networking" (Configurazione di rete), selezionare la rete che si desidera configurare, e fare clic su "Next" (Successivo). 6. Nella schermata di connessione "Virtual Hard Disk" (Hard Disk Virtuale), selezionare la voce "Use an existing" (Utilizza un'unità esistente), e scorrere il menu fino alla cartella in cui sono stati creati i duplicati del file VHD principale della VM originale. 7. Ripetere la medesima procedura per le restanti VM. 8. Assicurarsi che i dischi virtuali associati a ciascuna VM siano online, e che gli indirizzi IP siano correttamente assegnati. 9. Modificare il nome host di ciascuna VM. Installazione e configurazione dei client dei database Per gli script DS2 è stato utilizzato un server Dell PowerEdge R900 per i client virtuali, al fine di simulare un determinato numero di utenti che mettono sotto carico sul server. Windows Server 2008 R2 con Hyper-V è stato installato su un server Dell PowerEdge R900, come già illustrato nelle fasi precedenti della procedura. Abbiamo poi installato Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition su tutte le otto VM utilizzate per i client virtuali. Ogni macchina virtuale era dotata di un processore virtuale, 2 GB di memoria e di un adattatore di rete virtuale. Successivamente abbiamo installato.net Framework 3.5 SP1 su ogni VM, in quanto l'eseguibile di test di DS2 richiede almeno.net2.0. Dopo l'installazione, abbiamo creato una cartella su ogni VM, in cui salvare l'eseguibile di DS2. Abbiamo seguito questo processo per ogni installazione: 1. Installazione di Microsoft Windows Server 2008 R2 Enterprise Edition sul client VM. 2. Assegnare il nome computer Clientx al database del client, in cui "X" indica il numero del client. Un rapporto sui test di Principled Technologies 15

16 3. Per la modalità di licenza, utilizzare le impostazioni di default già assegnate alle cinque connessioni simultanee. 4. Inserire una password di accesso per l'amministratore. 5. Selezionare il fuso orario della Costa Occidentale degli Stati Uniti. 6. Utilizzare le impostazioni tipiche per l'installazione della rete. 7. Inserire il nome Workgroup per il workgroup. 8. Eseguire Windows Update per installare gli aggiornamenti di.net Framework 3.5 SP1, e copiare il file eseguibile del client di DVD Store nella cartella. Creazione degli script sui client del database Per semplificare i testi, abbiamo creato una serie di file batch denominati test.bat, su tutti e otto i client virtuali, al fine di avviare l'eseguibile di DVD Store con i parametri corretti. Abbiamo successivamente salvato i file batch in una cartella dei client, nella seguente directory:c: \clientshare. I file batch contenevano il testo seguente: c:\clientshare\ds2sqlserverdriver.exe --target= ramp_rate=10 --run_time=30 --n_threads=32 --db_size=10gb --think_time=0 -- database_name=ds2 --detailed_view=y --warmup_time=1 --pct_newcustomers=20 -- output_path=c:\clientshare\opmoutds2.txt Configurazione di DVD Store Versione 2.1 Descrizione generale della procedura di generazione dei dati I dati sono stati generati utilizzando lo script Install.pl, incluso nella versione 2.1 di DVD Store, fornendo i parametri relativi alla dimensione del nostro database (10GB), e alla piattaforma su cui è basato (Microsoft SQL Server). Abbiamo successivamente eseguito lo script Install.pl su una utility di sistema in grado di eseguire Linux. Lo script Install.pl ha anche generato lo schema del database. Dopo aver elaborato la generazione dei dati, abbiamo trasferito i file dati e lo schema di creazione su un sistema basato su Windows sul quale era in esecuzione SQL Server 2008 R2 SP1. Abbiamo poi creato un database da 10GB su SQL Server 2008 R2 SP1, per poi eseguire un backup completo, e memorizzando i file del backup sulla directory root "C:", per un più rapido accesso. Abbiamo poi utilizzato quel file di backup per il ripristino del server tra un test e l'altro. Le sole modifiche apportate agli script di generazione dello schema hanno interessato i valori relativi alle dimensioni dei file del nostro database. Abbiamo deliberatamente impostato dimensioni dei file superiori a quelle richieste, per garantire i risultati dei test non fossero influenzati da eventuali incrementi dimensionali dei file. Oltre alla modifica delle dimensioni dei file, lo schema del database è stato creato e caricato secondo le istruzioni fornite nella documentazione di DVD Store. In particolare, abbiamo seguito la procedura riportata sotto: 1. Abbiamo generato i dati e creato il database con la struttura dei file, mediante gli script di creazione del database presenti nel download di DS2. Abbiamo quindi modificato le dimensioni specifiche del nostro database da 10GB, e assegnato le lettere di unità appropriate. 2. Successivamente, abbiamo trasferito i file dal nostro sistema di generazione dati Linux su un sistema Windows sul quale era in esecuzione SQL Server. 3. Utilizzando gli script forniti con DVD Store abbiamo poi creato le tabelle dei database, stored procedure e gli oggetti. 4. Abbiamo impostato la modalità di ripristino del database su "bulk-logged", per evitare il logging di una quantità di eventi eccessiva. 5. Quindi, abbiamo caricato i dati generati nel database. Per effettuare il caricamento dei dati, abbiamo utilizzato la procedura di importazione guidata di SQL Server Management Studio. Quando necessario, abbiamo preservato le opzioni preimpostate degli script originari, come il parametro "Enable Identity Insert". 6. Abbiamo anche creato indici, cataloghi a testo intero, chiavi primarie e chiavi esterne, utilizzando gli script di creazione del database. Un rapporto sui test di Principled Technologies 16

17 7. Abbiamo quindi aggiornato le statistiche di ciascuna tabella, in base agli script di creazione del database, che hanno effettuato il campionamento del 18 percento dei dati della tabella. 8. Nell'istanza di SQL Server abbiamo creato un account utente ds2user SQL Server, utilizzando il seguente script Transact SQL (TSQL): USE [master] GO CREATE LOGIN [ds2user] WITH PASSWORD=N, DEFAULT_DATABASE=[master], DEFAULT_LANGUAGE=[us_english], CHECK_EXPIRATION=OFF, CHECK_POLICY=OFF GO 9. Abbiamo poi impostato la modalità di ripristino del database su "full". 10. In seguito si è proceduto alla creazione dell'indice a testo intero, mediante SQL Server Management Studio. 11. Poi è stato creato un utente del database, e abbiamo mappato tale utente tra quelli con accesso a SQL Server. 12. Successivamente, è stato effettuato un backup completo del database. Il backup ci ha consentito di ripristinare i database allo stato originario in modo relativamente veloce, tra un test e l'altro. La Figura 6 illustra le modifiche apportate ai file iniziali. Nome logico Gruppo file Dimensione iniziale (MB) File del database primary PRIMARY 3 cust1 DS_CUST_FG cust2 DS_CUST_FG ind1 DS_IND_FG ind2 DS_IND_FG ds_misc1 DS_MISC_FG ds_misc2 DS_MISC_FG orders1 DS_ORDERS orders2 DS_ORDERS File di log ds_log Non applicabile Figura 6. Le nostre modifiche ai file iniziali. Modifica dello script dei parametri di carico - modulo ds2xdriver.cs Una nuova funzionalità della versione 2.1 di DVD Store è la possibilità di gestire destinazioni multiple da un singolo client sorgente. Noi abbiamo utilizzato tale funzionalità. Al fine di poter registrare il volume di ordini al minuto generati da ogni singolo database di destinazione, abbiamo modificato il modulo ds2xdriver, in modo che tale dato fosse inserito nei file di log relativi a ogni sistema client. Per compiere tale operazione, abbiamo utilizzato il metodo StreamWriter per creare un nuovo file di testo sul sistema client, e i metodi WriteLine e Flush per scrivere i valori risultanti sui file durante l'esecuzione dei test. Abbiamo inoltre aggiunto ulteriori funzionalità per gestire database con nomi differenti. Una volta effettuate le modifiche, abbiamo ricompilato i moduli ds2xdriver.cs e ds2sqlserverfns.cs di Windows, seguendo le istruzioni contenute nella documentazione di DVD Store. Dato che le istruzioni fornite da DS2 erano riferite Un rapporto sui test di Principled Technologies 17

18 alla compilazione da riga di comando, abbiamo seguito la procedura indicata di seguito, su un sistema dotato di Visual Studio: 1. Aprire una riga di comando. 2. Utilizzare il comando "cd" per accedere alla directory contenente i file sorgente. 3. Eseguire il comando seguente: csc /out:ds2sqlserverdriver.exe ds2xdriver.cs ds2sqlserverfns.cs /d:use_win32_timer /d:gen_perf_ctrs Misurazione dei consumi energetici Per misurare i consumi energetici delle due soluzioni durante l'esecuzione dei test, abbiamo utilizzato un analizzatore di potenza/datalogger di Extech Instruments (www.extech.com). Per fare ciò abbiamo collegato il cavo di alimentazione del server sottoposto a test, alla presa di uscita dell'analizzatore di potenza. Successivamente, abbiamo collegato il cavo di alimentazione proveniente dal connettore di alimentazione in ingresso dell'analizzatore di potenza a una presa di rete. Abbiamo quindi utilizzato il software di acquisizione dati dell'analizzatore di potenza (versione 2.11) per catturare i dati rilevati. Il software è stato installato su un PC dotato di processore Intel separato, collegato all'analizzatore di potenza mediante un cavo RS-232. La misurazione dei consumi energetici è stata effettuata con intervalli di un secondo. Infine abbiamo registrato i dati relativi ai consumi energetici (in Watt), per ciascun sistema, durante il test, basati su rilevamenti effettuati a intervalli di 1 secondo. Per calcolare il consumo energetico medio, abbiamo utilizzato i valori relativi al consumo medio dei sistemi quando questi stavano funzionando al massimo carico. Un rapporto sui test di Principled Technologies 18

19 APPENDICE - I RISULTATI DEI TEST IN DETTAGLIO La Figura 7 mostra i risultati dei test delle prestazioni dei database, effettuati utilizzando il benchmark DVD Store 2.1. Il test sul database è stato eseguito tre volte, con determinazione dei valori medi ottenuti dai tre test. La colonna "3 a esecuzione" rappresenta i valori medi per la soluzione basata su HDD, e la colonna "2 a esecuzione" rappresenta i valori medi per la soluzione basata su SSD. Risultati delle performance del database Soluzione HDD 1 a Soluzione Kingston SSD esecuzione 2 a esecuzione 3 a esecuzione 1 a esecuzione 2 a esecuzione 3 a esecuzione VM VM VM VM VM VM VM VM OPM totali Utilizzo CPU (%) 38,5 40,0 39,1 92,8 92,9 92,8 Figura 7: Prestazioni totali del database espresse in ordini per minuto, riferite alle due soluzioni testate. I valori più elevati indicano prestazioni migliori. La Figura 8 illustra i contatori relativi all'utilizzo dei dischi per volume del database durante l'esecuzione dei test. Per la soluzione basata su HDD, abbiamo configurato 20 dischi sul Dell PowerVault MD1220 esterno, configurati in modalità RAID 10, per le VM e per il volume del database. Per la soluzione basata su SSD, abbiamo configurato quattro dischi interni SSD Kingston da 200GB, configurati in modalità RAID 10, per le VM e per il volume del database. Entrambi i sistemi erano dotati di due drive configurati in modalità RAID 1 negli alloggiamenti interni, dedicati ai sistemi operativi. Tali drive sono rimasti inattivi per la maggior parte del tempo durante l'esecuzione dei testi, e pertanto tali volumi non sono stati inclusi nei contatori di attività dei dischi. I risultati riportati rappresentano una media dei valori rilevati durante i test. Utilizzo del disco (volume del database) Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD 1 o test 2 o test 3 o test 1 o test 2 o test 3 o test Letture/sec 2.851, , , , , ,6 Scritture/sec 3.246, , , , , ,0 Trasferimenti/sec 6.097, , , , , ,6 Utilizzo del disco (%) 100,0 100,0 100,0 79,0 78,9 78,2 Figura 8: Utilizzo del disco riferito ai volumi dei database delle due soluzioni testate. Valori al secondo più elevati in lettura, scrittura o trasferimento indicano prestazioni migliori. Una percentuale di utilizzo del disco inferiore indica prestazioni migliori. Un rapporto sui test di Principled Technologies 19

20 La Figura 9 illustra i contatori relativi all'utilizzo del disco per il volume dei log durante l'esecuzione dei test. Per la soluzione basata su HDD, abbiamo configurato quattro dischi sul Dell PowerVault MD1220 esterno, configurati in modalità RAID 10, per il volume dei log. Per la soluzione basata su SSD, abbiamo configurato due dischi interni SSD Kingston da 200GB, configurati in modalità RAID 1, per le VM e per il volume dei log. I risultati riportati rappresentano una media dei valori rilevati durante i test. Utilizzo del disco (volume dei log) Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD 1 o test 2 o test 3 o test 1 o test 2 o test 3 o test Letture/sec 10,0 10,1 10,3 29,5 30,2 32,2 Scritture/sec 1.795, , , , , ,4 Trasferimenti/sec 1.805, , , , , ,6 Utilizzo del disco (%) 67,0 67,2 67,0 45,8 45,7 45,5 Figura 9: Utilizzo del disco riferito ai volumi di log delle due soluzioni testate. Valori al secondo più elevati in lettura, scrittura o trasferimento indicano prestazioni migliori. Una percentuale di utilizzo del disco inferiore indica prestazioni migliori. La Figura 10 mostra il consumo energetico (in watt), richiesto dalle due soluzioni durante il funzionamento in standby. Si noti che i dati statistici riferiti alla soluzione basata su HDD includono anche i consumi energetici dello chassis esterno, oltre a quelli del server. La soluzione basata su SSD non utilizzava unità di storage esterne, pertanto i valori di consumo energetico sono riferiti al solo server. Misurazioni del consumo energetico con sistema in standby Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD 1 o test 2 o test 3 o test 1 o test 2 o test 3 o test Server (W) 191,3 193,1 192,6 181,1 181,0 181,3 Storage esterno (W) 177,9 181,3 177,9 N/D N/D N/D Potenza totale (W) 369,2 374,4 370,5 181,1 181,0 181,3 Figura 10: Consumo energetico in Watt, riferiti a entrambe le soluzioni testate durante il funzionamento in modalità standby. I valori inferiori indicano prestazioni migliori. La Figura 11 mostra il consumo energetico (in watt), richiesto dalle due soluzioni durante l'esecuzione dei database sotto carico. Si noti che i dati statistici riferiti alla soluzione basata su HDD includono anche i consumi energetici dello chassis esterno, oltre a quelli del server. La soluzione basata su SSD non utilizzava unità di storage esterne, pertanto i valori di consumo energetico sono riferiti al solo server. Misurazioni del consumo energetico durante il funzionamento con picco di carico massimo Soluzione HDD Soluzione Kingston SSD 1 o test 2 o test 3 o test 1 o test 2 o test 3 o test Server (W) 274,0 273,7 273,6 326,7 326,4 326,2 Storage esterno (W) 209,5 209,8 210,2 N/D N/D N/D Potenza totale (W) 483,5 483,5 483,8 326,7 326,4 326,2 Figura 11: Consumo energetico in Watt, riferito a entrambe le soluzioni testate durante il funzionamento sotto carico massimo. I valori inferiori indicano prestazioni migliori. Un rapporto sui test di Principled Technologies 20

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition Templ. 019.02 maggio 2006 1 PREFAZIONE... 2 2 INSTALLAZIONE DI MICROSOFT.NET FRAMEWORK 2.0... 2 3 INSTALLAZIONE DI SQL SERVER 2005 EXPRESS... 3 4

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers Guida di installazione rapida July 2006 Informazioni legali Symantec Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, Backup Exec

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Versione 4.10 PDF-SERVER-D-Rev1_IT Copyright 2011 Avigilon. Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui presenti sono soggette a modifiche senza

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade. Versione prodotto: 7

SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade. Versione prodotto: 7 SafeGuard Enterprise Guida all'upgrade Versione prodotto: 7 Data documento: Dicembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Verifica dei requisiti di sistema...4 3 Download dei programmi di installazione...5

Dettagli

Guida di Active System Console

Guida di Active System Console Guida di Active System Console Panoramica... 1 Installazione... 2 Visualizzazione delle informazioni di sistema... 4 Soglie di monitoraggio del sistema... 5 Impostazioni di notifica tramite e-mail... 5

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc.

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc. Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Per installazioni distribuite Versione prodotto: 5.2 Data documento: marzo 2015 Sommario 1 Informazioni sulla guida...4 2 Pianificare l'installazione...5

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. LAPLINK EVERYWHERE 4 http://it.yourpdfguides.com/dref/2943205

Il tuo manuale d'uso. LAPLINK EVERYWHERE 4 http://it.yourpdfguides.com/dref/2943205 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di LAPLINK EVERYWHERE 4. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Considerazioni per l'installazione:

Considerazioni per l'installazione: Considerazioni per l'installazione: Fare riferimento alla guida all'installazione per informazioni dettagliate sulle procedure indicate in questo documento, ad esempio per i requisiti di alimentazione,

Dettagli

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente Samsung Drive Manager Manuale per l'utente I contenuti di questo manuale sono soggetti a modifica senza preavviso. Se non diversamente specificato, le aziende, i nomi e i dati utilizzati in questi esempi

Dettagli

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 Procedura per l installazione di AxWin6 AxWin6 è un software basato su database Microsoft SQL Server 2008 R2. Il software è composto da AxCom: motore di comunicazione AxWin6

Dettagli

VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers

VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N134418 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica

Dettagli

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione Backup Exec 15 Guida rapida all'installazione 21344987 Versione documentazione: 15 PN: 21323749 Informativa legale Copyright 2015 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, il logo Symantec

Dettagli

Introduzione a VMware Fusion

Introduzione a VMware Fusion Introduzione a VMware Fusion VMware Fusion per Mac OS X 2008 2012 IT-000933-01 2 Introduzione a VMware Fusion È possibile consultare la documentazione tecnica più aggiornata sul sito Web di VMware all'indirizzo:

Dettagli

Monitor Wall 4.0. Manuale d'installazione ed operativo

Monitor Wall 4.0. Manuale d'installazione ed operativo Monitor Wall 4.0 it Manuale d'installazione ed operativo Monitor Wall 4.0 Sommario it 3 Sommario 1 Introduzione 4 1.1 Informazioni sul manuale 4 1.2 Convenzioni utilizzate nel manuale 4 1.3 Requisiti

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Introduzione La nota descrive l utilizzo del database Microsoft SQL Express 2008 in combinazione con progetti Premium HMI per sistemi Win32/64

Dettagli

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Guida introduttiva In questo documento, ogni riferimento a DocuColor 242/252/260 rimanda a DocuColor 240/250. 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo

Dettagli

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server La prima cosa da fare è installare SQL sul pc: se si vuole utilizzare SQL Server 2012 SP1 versione Express (gratuita), il link attuale

Dettagli

Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series. Guida introduttiva

Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series. Guida introduttiva Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series Guida introduttiva 2013 Electronics For Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 R3 Guida rapida all'installazione 20047221 Il software descritto in questo manuale viene fornito in base a un contratto di licenza e può essere utilizzato in conformità con i

Dettagli

Guida rapida a Laplink Everywhere 4

Guida rapida a Laplink Everywhere 4 Guida rapida a Laplink Everywhere 4 081005 Come contattare Laplink Software Per sottoporre domande o problemi di carattere tecnico, visitare il sito: www.laplink.com/it/support/individual.asp Per altre

Dettagli

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server Guida Rapida all'installazione Diritto d'autore 2010 BitDefender; 1. Panoramica dell'installazione Grazie per aver scelto le soluzioni

Dettagli

Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008

Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008 Nuove funzionalità di Microsoft Windows SBS 2008 Introduzione di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP Microsoft Windows Small Business Server 2008 è il nuovo prodotto Microsoft progettato per la PMI

Dettagli

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Versione 5.0 19 agosto 2013 Sommario Informazioni sul presente documento...4 Importanti considerazioni relative all'aggiornamento della versione 5.0...4

Dettagli

ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION

ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER. Troverà le risposte a tutte sue domande

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Server Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione.

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione. Questa guida mostra come convertire un normale PC in un server Untangle utilizzando un CD di installazione Untangle. Che cosa sa fare il Server Untangle? Il server Untangle offre un modo semplice per proteggere,

Dettagli

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery Guida introduttiva 2009 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli

Guida di installazione di SolidWorks Enterprise PDM

Guida di installazione di SolidWorks Enterprise PDM Guida di installazione di SolidWorks Enterprise PDM Contenuti Note legali...vi 1 Guida di installazione di SolidWorks Enterprise PDM...7 2 Panoramica sull'installazione...8 Componenti di installazione

Dettagli

Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione Boot Camp Beta 1.0.2 Guida di installazione e configurazione 1 Indice 4 Panoramica 5 Punto 1: aggiornare il software di sistema e il firmware del computer 6 Punto 2: eseguire Assistente Boot Camp 9 Punto

Dettagli

Manuale Operativo installazione DiKe

Manuale Operativo installazione DiKe Manuale Operativo installazione DiKe Dal sito www.firma.infocert.it Versione 3.0 del 06/03/08 1 Cliccare su software della cartella rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina Versione 3.0 del 06/03/08

Dettagli

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press Guida introduttiva 2011 Electronics For Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station GUIDA DI INSTALLAZIONE AXIS Camera Station Informazioni su questa guida Questa guida è destinata ad amministratori e utenti di AXIS Camera Station e riguarda la versione 4.0 del software o versioni successive.

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. HP proliant ml310 g4 server http://it.yourpdfguides.com/dref/880791

Il tuo manuale d'uso. HP proliant ml310 g4 server http://it.yourpdfguides.com/dref/880791 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di HP proliant ml310 g4 server. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1 1 Il software Document Distributor comprende i pacchetti server e client. Il pacchetto server deve essere installato su sistemi operativi Windows NT, Windows 2000 o Windows XP. Il pacchetto client può

Dettagli

Symantec Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers

Symantec Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers Symantec Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N180808 Settembre 2005 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Guida introduttiva di Express

Guida introduttiva di Express Page 1 of 11 Guida introduttiva di Express Nelle sezioni seguenti vengono fornite le istruzioni per l'installazione e l'utilizzo del software Express. SOMMARIO I. REQUISITI DI SISTEMA II. REQUISITI PER

Dettagli

Guida introduttiva di Express

Guida introduttiva di Express Page 1 of 10 Guida introduttiva di Express Nelle sezioni seguenti vengono fornite le istruzioni per l'installazione e l'utilizzo del software Express. Sommario I. Requisiti di sistema II. Requisiti per

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE

VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE VIDEOCAMERA DI RETE SFERICA AVANZATA GUIDA ALL'INSTALLAZIONE Vi preghiamo di leggere queste istruzioni attentamente prima di del funzionamento e conservatele come riferimento futuro. 1. PANORAMICA 1.1

Dettagli

Qlik Sense Desktop. Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Qlik Sense Desktop. Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik Sense Desktop Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech, Qlik

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli

Configurazione del Sistema Operativo Microsoft Windows XP per accedere alla rete Wireless dedicata agli Ospiti LUSPIO

Configurazione del Sistema Operativo Microsoft Windows XP per accedere alla rete Wireless dedicata agli Ospiti LUSPIO Configurazione del Sistema Operativo Microsoft Windows XP per accedere alla rete Wireless dedicata agli Ospiti LUSPIO Requisiti Hardware Disporre di un terminale con scheda wireless compatibile con gli

Dettagli

Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB. 13 novembre 2012

Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB. 13 novembre 2012 Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB 13 novembre 2012 Sommario Informazioni sulla guida... 3 Esportazione di una macchina virtuale con XenClient Enterprise

Dettagli

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT

SELEZIONE DELLA PRIORITA' DI BOOT In questa piccola guida esamineremo l'installazione di un sistema Windows XP Professional, ma tali operazioni sono del tutto simili se non identiche anche su sistemi Windows 2000 Professional. SELEZIONE

Dettagli

MW DOCKING STATION USB

MW DOCKING STATION USB Attenzione Le seguenti istruzioni si applicano in genere ad ogni modello delle nostre docking, ma alcune funzioni possono non essere attive in base al modello acquistato. -Nei modelli sprovvisti di Tasto

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

Come configurare Alice ADSL su Windows Vista dal sito http://aiuto.alice.it/

Come configurare Alice ADSL su Windows Vista dal sito http://aiuto.alice.it/ e Come configurare Alice ADSL su Windows Vista dal sito http://aiuto.alice.it/ recensito da Paolo Latella Attenzione: Se sei un cliente che utilizza un dispositivo ADSL fornito da Telecom Italia, ti informiamo

Dettagli

Connettere due PC Windows 95/98/Me Rete Pannello di Controllo Client per Reti Microsoft

Connettere due PC Windows 95/98/Me Rete Pannello di Controllo Client per Reti Microsoft Connettere due PC Una rete di computer è costituita da due o più calcolatori collegati tra loro al fine di scambiare dati e condividere risorse software e hardware. Secondo tale definizione, una rete può

Dettagli

Guida all installazione

Guida all installazione Guida all installazione Introduzione ScanRouter V2 Lite è un server consegna che può consegnare i documenti letti da uno scanner o consegnati da DeskTopBinder V2 a una determinata destinazione attraverso

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Programma per l elaborazione delle buste paga. dei collaboratori domestici VERSIONE 4.0.0 01/07/2010

Programma per l elaborazione delle buste paga. dei collaboratori domestici VERSIONE 4.0.0 01/07/2010 BADANTI & COLF 4 Programma per l elaborazione delle buste paga dei collaboratori domestici MANUALE D INSTALLAZIONE VERSIONE 4.0.0 01/07/2010 LCL srl via G. Bruni, 12-14 25121 Brescia Tel. 030 2807229 Fax

Dettagli

AC1600 Smart WiFi Router

AC1600 Smart WiFi Router Marchi commerciali NETGEAR, il logo NETGEAR e Connect with Innovation sono marchi commerciali e/o marchi registrati di NETGEAR, Inc. e/o delle sue consociate negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. Le informazioni

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 3 Introduzione 4 Cosa ti occorre 5 Panoramica dell installazione 5 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 5 Passo 2: Per preparare

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03 Sharpdesk V3.3 Guida all installazione push per l amministratore di sistema Versione 3.3.03 Copyright 2000-2009 di SHARP CORPORATION. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, l adattamento

Dettagli

Guida dettagliata all'aggiornamento a Windows 8 CONFIDENZIALE 1/53

Guida dettagliata all'aggiornamento a Windows 8 CONFIDENZIALE 1/53 Guida dettagliata al a Windows 8 CONFIDENZIALE 1/53 Indice 1. 1. Processo di di Windows 8 2. Requisiti di sistema 3. Preparazioni 2. 3. 4. 5. Installazione pulita 6. 1. Personalizza 2. Wireless 3. Impostazioni

Dettagli

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk.

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Installazione Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Assicurarsi che il computer sia collegato ad internet. Successivamente, collegare l'unità

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate di seguito per installare una nuova versione di SUSE Linux Enterprise 11.

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

HDD contro Kingston SSDNow V+ 200 Serie 240GB: Test comparativo...1

HDD contro Kingston SSDNow V+ 200 Serie 240GB: Test comparativo...1 HDD contro Kingston SSDNow V+ 200 Serie 240GB: Test comparativo Indice HDD contro Kingston SSDNow V+ 200 Serie 240GB: Test comparativo...1 HDD contro SSD: Test comparativo...3 Punti essenziali...3 Test...3

Dettagli

Sartorius ProControl@Inline 3.x

Sartorius ProControl@Inline 3.x Manuale d installazione Sartorius ProControl@Inline 3.x Programma software Ethernet 98646-002-98 Indice Pagina Uso previsto......................................................... 3 Requisiti minimi del

Dettagli

Content Manager 2 Manuale utente

Content Manager 2 Manuale utente Content Manager 2 Manuale utente Fare riferimento a questo manuale per informazioni sull'utilizzo di Content Manager 2 per la consultazione, l'acquisto, il download e l'installazione di aggiornamenti e

Dettagli

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente 2011 Retrospect, Inc. Portions 1989-2010 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect 7.7, prima edizione. L'uso di

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION http://it.yourpdfguides.

Il tuo manuale d'uso. ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10 ADVANCED SERVER VIRTUAL EDITION http://it.yourpdfguides. Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di ACRONIS ACRONIS BACKUP AND RECOVERY 10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Capture Pro Software. Guida introduttiva. A-61640_it

Capture Pro Software. Guida introduttiva. A-61640_it Capture Pro Software Guida introduttiva A-61640_it Guida introduttiva a Kodak Capture Pro Software e Capture Pro Limited Edition Installazione del software: Kodak Capture Pro Software e Network Edition...

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY http://it.yourpdfguides.com/dref/2859686

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY http://it.yourpdfguides.com/dref/2859686 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB E-MAIL AND SERVER SECURITY. Troverà le risposte a tutte sue domande sul

Dettagli

Utilizzo dell'unità Cisco UC 320W con Windows Small Business Server

Utilizzo dell'unità Cisco UC 320W con Windows Small Business Server Utilizzo dell'unità Cisco UC 320W con Windows Small Business Server In questo documento viene mostrato come distribuire l'unità Cisco UC 320W in un ambiente Windows Small Business Server. Sommario In questo

Dettagli

NetBak Replicator. 1 Avvertenza. Per la versione 4.5.0

NetBak Replicator. 1 Avvertenza. Per la versione 4.5.0 NetBak Replicator Per la versione 4.5.0 Indice 1 Avvertenza... 1 2 Installazione di NetBak Replicator... 2 2.1 Requisiti di sistema... 2 2.2 Installazione del software... 3 2.3 Installazione silenziosa

Dettagli

installazione www.sellrapido.com

installazione www.sellrapido.com installazione www.sellrapido.com Installazione Posizione Singola Guida all'installazione di SellRapido ATTENZIONE: Una volta scaricato il programma, alcuni Antivirus potrebbero segnalarlo come "sospetto"

Dettagli

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario.

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario. Istruzioni per l uso (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems N. modello DP-800E / 800P / 806P Installazione Sommario Installazione Installazione del driver di

Dettagli