Guida dell amministratore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida dell amministratore"

Transcript

1 Guida dell amministratore

2 Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, in via esemplificativa, tutte le garanzie implicite di commerciabilità, idoneità a soddisfare uno scopo particolare e non violazione dei diritti altrui. GFI Software non sarà ritenuta responsabile di nessun danno, inclusi danni consequenziali, che possano derivare dall uso del presente documento. Le informazioni sono state ottenute da fonti pubblicamente disponibili. Nonostante siano stati compiuti sforzi ragionevoli al fine di garantire la precisione dei dati forniti, GFI non garantisce, promette né tantomeno assicura la completezza, la precisione, l aggiornamento o l adeguatezza di tali dati e non sarà ritenuta responsabile di errori di stampa. GFI non fornisce garanzie, né espresse né implicite e non si assume la responsabilità legale della precisione o della completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Se si ritiene che vi siano errori effettivi nel presente documento, contattarci. Provvederemo a risolvere la cosa quanto prima. Windows, Exchange, IIS,.NET, Internet Explorer, Outlook, SQL Server e Microsoft sono marchi registrati o marchi commerciali di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Tutti i nomi di prodotti e società riportati possono essere marchi registrati dei rispettivi proprietari. GFI MailEssentials è un copyright di GFI SOFTWARE Ltd GFI Software Ltd. Tutti i diritti riservati. Versione documento: Ultimo aggiornamento (mese/giorno/anno): 3/3/2014

3 Sommario 1 Introduzione Informazioni sul presente manuale Termini e convenzioni utilizzati nel presente manuale 11 2 Informazioni su GFI MailEssentials Componenti di GFI MailEssentials Filtro messaggi in entrata Filtro messaggi in uscita Motori di scansione e filtro della posta elettronica Scenari di distribuzione tipici Azioni utente finale 19 3 Installazione Requisiti di sistema Azioni pre-installazione Procedura di installazione Aggiornamento da una versione precedente Azioni post-installazione 48 4 Stato di monitoraggio Dashboard Rapporti 60 5 Sicurezza Motori di scansione antivirus Protezione archivio informazioni Scanner trojan ed eseguibili Motore exploit posta Strumento di disinfezione HTML Antispam Filtri antispam Operazioni antispam - cosa fare con lo spam Ordinamento filtri antispam in base alla priorità Filtraggio trasmissione SMTP Spam Digest Impostazioni antispam SpamTag per Microsoft Outlook Scansione cartella pubblica Filtro contenuti Filtro parola chiave Filtro allegati Filtro avanzato contenuto Motore di decompressione 196

4 8 Quarantena Note importanti Ricerca nella quarantena Cartelle ricerche Operazioni con i messaggi messi in quarantena Feed RSS quarantena Opzioni quarantena Percorso e URL pubblico di Quarantine Store Gestione posta elettronica Liberatorie Risposte automatiche Server elenco Monitoraggio posta elettronica Impostazioni generali Indirizzo amministratore Abilitazione/disabilitazione dei moduli di scansione Impostazioni proxy Domini locali Gestione utenti locali Gestione licenze Binding server virtuale SMTP Controllo patch Controllo di accesso Argomenti vari Informazioni di installazione Nomi directory virtuale Modalità interfaccia utente Messaggi di posta elettronica non riusciti Analisi POP2Exchange - Download messaggi dal server POP Spostamento messaggi spam nelle cartelle della cassetta postale degli utenti Spostamento spam nella cartella di Exchange Sincronizzazione dati di configurazione Disabilitazione elaborazione messaggi di posta elettronica Backup posta elettronica prima e dopo l elaborazione Porte remote Monitoraggio API di scansione antivirus Risoluzione dei problemi e supporto Introduzione Problemi comuni Motori e filtri di scansione Gestione posta elettronica GFI SkyNet 285

5 12.6 Forum Web Richiesta di supporto tecnico Documentazione Appendice - Filtro bayesiano Glossario Indice 297

6 Elenco figure Schermata 1: verifica del record MX del DNS 32 Schermata 2: Lotus Domino Administrator - fare clic sull opzione Configurations (Configurazioni). 33 Schermata 3: Fare clic su Edit Configuration (Modifica configurazione). 33 Schermata 4: impostazioni LDAP di Lotus Domino 33 Schermata 5: abilitazione autenticazione proxy anonima 34 Schermata 6: Creazione di un nuovo database 35 Schermata 7: Caricamento risultati conversione 35 Schermata 8: Copia negli appunti di un collegamento all applicazione corrente 36 Schermata 9: Includere tutte le cartelle pubbliche e degli altri utenti, quando viene richiesto l elenco cartelle 36 Schermata 10: Nuovo mail-in database 37 Schermata 11: Abilitazione scansione cartella pubblica 38 Schermata 12: Inserimento dell'indirizzo di posta elettronica dell'amministratore e del codice di licenza 40 Schermata 13: Dati server SMTP e directory virtuale 41 Schermata 14: impostazioni server DNS 42 Schermata 15: impostazioni proxy 43 Schermata 16: Domini di posta elettronica in arrivo 43 Schermata 17: impostazioni server SMTP 44 Schermata 18: scelta dell'operazione antispam predefinita da effettuare 45 Schermata 19: creazione di una regola di prova per il filtro parole chiave 49 Schermata 20: messaggio di prova bloccato da Regola di prova 51 Schermata 21: Dashboard GFI MailEssentials 53 Schermata 22: I servizi di GFI MailEssentials 54 Schermata 23: Statistiche quarantena 54 Schermata 24: Grafici del dashboard 55 Schermata 25: Registri di elaborazione messaggi di posta elettronica 56 Schermata 26: filtro di elaborazione messaggi di posta elettronica 57 Schermata 27: aggiornamenti motori di scansione antivirus 58 Schermata 28: Registro eventi 59 Schermata 29: registro POP2Exchange 60 Schermata 30: creazione di un rapporto 61 Schermata 31: rapporto grafico messaggi di posta elettronica bloccati 63 Schermata 32: Ricerca nel database di creazione rapporti 66 Schermata 33: risultati di ricerca database Rapporti 67 Schermata 34: configurazione di un database back-end Microsoft Access 68 Schermata 35: Configurazione back-end del database SQL Server 69 Schermata 36: configurazione Vipre 73 Schermata 37: azioni motore di scansione antivirus 74 Schermata 38: aggiornamenti motore di scansione antivirus 75

7 Schermata 39: configurazione BitDefender 77 Schermata 40: azioni motore di scansione antivirus 78 Schermata 41: aggiornamenti motore di scansione antivirus 80 Schermata 42: configurazione Kaspersky 81 Schermata 43: azioni motore di scansione antivirus 82 Schermata 44: aggiornamenti motore di scansione antivirus 84 Schermata 45: configurazione Norman 86 Schermata 46: azioni motore di scansione antivirus 88 Schermata 47: aggiornamenti motore di scansione antivirus 89 Schermata 48: configurazione McAfee 91 Schermata 49: azioni motore di scansione antivirus 92 Schermata 50: aggiornamenti motore di scansione antivirus 94 Schermata 51: nodo Protezione archivio informazioni 96 Schermata 52: Impostazioni VSAPI 97 Schermata 53: scanner trojan ed eseguibili: scheda Generale 99 Schermata 54: aggiornamenti motore di scansione antivirus 101 Schermata 55: configurazione exploit posta 102 Schermata 56: motore di scansione antivirus: pagina Configurazione (scheda Azioni) 103 Schermata 57: aggiornamenti motore di scansione antivirus 104 Schermata 58: Elenco exploit posta 105 Schermata 59: pagina di configurazione strumento di disinfezione HTML 106 Schermata 60: pagina Whitelist strumento di disinfezione HTML 107 Schermata 61: esclusioni domini/ip 108 Schermata 62: proprietà SpamRazer 111 Schermata 63: scheda aggiornamenti SpamRazer 112 Schermata 64: opzioni antiphishing 114 Schermata 65: pagina Raccolta di directory 116 Schermata 66: Block list 119 Schermata 67: blocklist personale 121 Schermata 68: Block list IP 122 Schermata 69: Block list DNS IP 124 Schermata 70: Block list DNS URI 125 Schermata 71: abilitazione e configurazione delle proprietà Sender Policy Framework (SPF) 127 Schermata 72: filtro anti-spoofing GFI MailEssentials 129 Schermata 73: Esclusioni 131 Schermata 74: opzioni di Controllo intestazione 133 Schermata 75: Rilevamento lingua 135 Schermata 76: proprietà di Controllo parole chiave spam 136 Schermata 77: proprietà analisi bayesiana 139 Schermata 78: scheda Whitelist 142

8 Schermata 79: whitelist personale 145 Schermata 80: scheda Generale di Nuovi mittenti 146 Schermata 81: eccezioni Nuovi mittenti 147 Schermata 82: operazioni antispam 148 Schermata 83: assegnazione priorità filtro 151 Schermata 84: proprietà di Filtraggio trasmissione SMTP 152 Schermata 85: proprietà spam digest/spam digest amministratore 153 Schermata 86: spam digest destinatario 154 Schermata 87: elenco destinatari spam digest 155 Schermata 88: Rotazione file di registro 156 Schermata 89: azioni predefinite 157 Schermata 90: impostazioni server DNS 158 Schermata 91: impostazioni server SMTP perimetrali 161 Schermata 92: lingua di installazione di SpamTag e termini della licenza 166 Schermata 93: SpamTag in Microsoft Outlook Schermata 94: SpamTag in Microsoft Outlook Schermata 95: filtro contenuti: scheda Corpo - configurazione condizioni 178 Schermata 96: filtro contenuti: scheda Corpo - configurazione altre opzioni 179 Schermata 97: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 181 Schermata 98: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 182 Schermata 99: filtro allegati: scheda Generale 184 Schermata 100: filtro allegati: scheda Azioni 186 Schermata 101: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 188 Schermata 102: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 189 Schermata 103: aggiunta di una nuova regola di filtro avanzato contenuto 191 Schermata 104: scheda Azioni 192 Schermata 105: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 194 Schermata 106: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 195 Schermata 107: controlli motore di decompressione 197 Schermata 108: area di ricerca di malware e spam 204 Schermata 109: area di ricerca di malware e spam 205 Schermata 110: area di ricerca Solo spam 207 Schermata 111: cartelle di ricerca personalizzate e predefinite 208 Schermata 112: cartelle ricerche predefinite 210 Schermata 113: Cerca risultati 212 Schermata 114: dettagli elementi messi in quarantena 213 Schermata 115: feed RSS quarantena 215 Schermata 116: opzioni spam - scheda Opzioni generali 217 Schermata 117: opzioni spam - scheda Impostazioni utente 218 Schermata 118: Modalità quarantena 220

9 Schermata 119: Destinatari inesistenti 221 Schermata 120: Percorso e URL pubblico di Quarantine Store 223 Schermata 121: aggiunta di una nuova liberatoria 226 Schermata 122: Liberatoria in formato HTML 227 Schermata 123: impostazioni risposta automatica 229 Schermata 124: finestra di dialogo Variabili 230 Schermata 125: creazione di un nuovo elenco 232 Schermata 126: indicazione indirizzo amministratore 238 Schermata 127: Gestore scansione 239 Schermata 128: aggiorna le impostazioni del server proxy 240 Schermata 129: elenco domini locali 241 Schermata 130: controllo patch del prodotto 244 Schermata 131: Impostazioni Controllo di accesso 245 Schermata 132: pagina di informazioni sulla versione 246 Schermata 133: GFI MailEssentials switchboard - Modalità IU 248 Schermata 134: protezione IIS - Scheda ACL 250 Schermata 135: protezione IIS - scheda Autenticazione 251 Schermata 136: abilitazione notifica messaggi di posta elettronica non riusciti 253 Schermata 137: configura opzioni di traccia 254 Schermata 138: downloader POP3 di GFI MailEssentials 256 Schermata 139: Opzioni di connessione remota 258 Schermata 140: configurazione di un server master 265 Schermata 141: configurazione server slave 266 Schermata 142: strumento di esportazione/importazione di configurazione 268 Schermata 143: esportazione impostazioni dalla riga di comando 271 Schermata 144: Importazione impostazioni dalla riga di comando 272 Schermata 145: GFI MailEssentials Switchboard: Risoluzione dei problemi 273 Schermata 146: GFI MailEssentials Switchboard: Risoluzione dei problemi 274 Schermata 147: modifica delle porte remote 276 Schermata 148: aggiunta di contatori di performance monitor VSAPI a Windows 2008 Server 278 Schermata 149: monitoraggio file di scansione antivirus scansionati nel performance monitor di Windows Server

10 1 Introduzione 1.1 Informazioni sul presente manuale Lo scopo della presente Guida dell amministratore è facilitare la procedura di installazione, esecuzione, configurazione e risoluzione problemi di GFI MailEssentials sulla rete. La sottostante tabella illustra i contenuti della presente guida. Capitolo Informazioni Descrizione I componenti e strumenti alla base di GFI MailEssentials. Funzionamento della scansione della posta in entrata e in uscita. Panoramica dei motori che proteggono il sistema della posta. Scenari di distribuzione tipici Installazione Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Informazioni su GFI MailEssentials (pagina 12). I vari ambienti e infrastrutture di posta supportati da GFI MailEssentials. Prerequisiti del prodotto applicabili alla rete. Preparazione dell ambiente all installazione del prodotto. Guida attraverso le procedure di installazione e aggiornamento. Guida dettagliata dei passaggi essenziali necessari a rendere operativo il prodotto in base alle impostazioni predefinite. Verifica installazione e avvio del prodotto. Stato di monitoraggio Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione (pagina 21). Per imparare a utilizzare il Dashboard per il monitoraggio dello stato di GFI MailEssentials in tempo reale. Come generare rapporti grafici e statistici sull utilizzo della posta. Azioni utente Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Stato di monitoraggio (pagina 52). Vengono illustrate le azioni disponibili ingfi MailEssentials per gli utenti del dominio (non per gli amministratori del dominio) Configurazione di whitelist e blocklist personali Gestione dei messaggi in quarantena Sicurezza e- mail Antispam Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Azioni utente finale (pagina 19). Illustra come configurare i motori di scansione antimalware. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Sicurezza (pagina 72). Come configurare i filtri antispam. Operazioni con i messaggi identificati come spam. Ordinamento delle scansioni in base alla priorità di filtro. Impostazioni generali antispam Come gli utenti classificano i messaggi direttamente dalla loro cassetta postale (scansione cartella pubblica). Filtro contenuti Quarantena Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Antispam (pagina 109). Illustra la modalità di configurazione dei motori che scansionano il contenuto della posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Filtro contenuti (pagina 176). Illustra la modalità di amministrazione e utilizzo della quarantena di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). GFI MailEssentials 1 Introduzione 10

11 Capitolo Gestione posta elettronica Descrizione Per imparare a utilizzare gli strumenti nella console di Strumenti di gestione posta elettronica. Liberatorie risposte automatiche server di elenco monitoraggio posta elettronica Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Gestione posta elettronica (pagina 225). : Dalla console di Gestione posta elettronica è anche possibile accedere alla funzionalità Pop2Exchange. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a POP2Exchange - Download messaggi dal server POP3 (pagina 255). Impostazioni generali Varie Risoluzione dei problemi Illustra come personalizzare le impostazioni generali per l ambiente in uso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni generali (pagina 238).. Illustra varie funzioni e strumenti che è possibile utilizzare per gestire GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Argomenti vari (pagina 246). In questo capitolo viene spiegato come risolvere i problemi comuni che si possono verificare durante l utilizzo di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Risoluzione dei problemi e supporto (pagina 281). 1.2 Termini e convenzioni utilizzati nel presente manuale Termine Descrizione Ulteriori informazioni e i riferimenti essenziali per il funzionamento di GFI MailEssentials. Notifiche e avvertenze importanti riguardo i potenziali problemi rilevati di frequente. > Istruzioni di navigazione dettagliate per accedere a una funzione specifica. Testo in grassetto Testo in corsivo Codice Elementi da selezionare quali nodi, opzioni di menu o pulsanti dei comandi. Parametri e valori da sostituire con valori applicabili, quali percorsi personalizzati e nomi file. Indica i valori di testo da immettere, come comandi e indirizzi. Per termini tecnici e relative definizioni utilizzati nel presente manuale, consultare il capitolo Glossario. GFI MailEssentials 1 Introduzione 11

12 2 Informazioni su GFI MailEssentials Argomenti del presente capitolo: 2.1 Componenti di GFI MailEssentials Filtro messaggi in entrata Filtro messaggi in uscita Motori di scansione e filtro della posta elettronica Scenari di distribuzione tipici Azioni utente finale Componenti di GFI MailEssentials Motore di scansione di GFI MailEssentials Il motore di scansione di GFI MailEssentials analizza il contenuto dei messaggi di posta in entrata, in uscita e interni, utilizzando una serie di motori e filtri. Il risultato di tale analisi identifica se un messaggio deve essere bloccato o consentito. Durante l installazione di GFI MailEssentials su Microsoft Exchange server 2003, il programma effettuerà la scansione dell archivio informazioni di Microsoft Exchange. Se il programma viene installato su un computer Microsoft Exchange Server 2007/2010 con i ruoli server Trasporto hub e Cassetta postale, eseguirà anche l analisi dei messaggi di posta interni Interfaccia web di GFI MailEssentials L interfaccia web di GFI MailEssentials consente le seguenti operazioni: Monitoraggio dell attività di scansione della posta elettronica Gestione dei motori di scansione e filtro Revisione ed elaborazione dei messaggi inseriti in quarantena Configurazione caratteristiche di gestione della posta elettronica Generazione di rapporti GFI MailEssentialsSwitchboard Utilizzare GFI MailEssentials Switchboard per: Configurazione avvio interfaccia utente di GFI MailEssentials Impostare i nomi della directory virtuale per l interfaccia web e RSS Abilitare/disabilitare l elaborazione dei messaggi di posta elettronica Abilitare/disabilitare l analisi Impostare i backup della posta elettronica prima e dopo l elaborazione Impostare il percorso di Quarantine Store e l URL pubblico di quarantena GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 12

13 Specificare l account utente per le impostazioni Spostato nella cartella Exchange Specificare le porte remote Abilitare/disabilitare le notifiche di posta non inviata GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 13

14 2.2 Filtro messaggi in entrata Il filtro posta in entrata è la procedura di scansione e filtraggio dei messaggi in entrata prima del recapito agli utenti. I messaggi in entrata vengono inoltrati a GFI MailEssentials ed elaborati come segue: 1. È possibile applicare i filtri livello SMTP (Raccolta di directory, Greylist, Block list IP e Block list DNS IP) prima della ricezione del corpo del messaggio. 2. Il messaggio viene scansionato dai motori malware e di filtro contenuti. Qualsiasi messaggio rilevato come contenente malware viene elaborato in base alle azioni configurate. Se un messaggio è ritenuto sicuro, passa alla fase successiva. 3. Il messaggio viene controllato per vedere se è indirizzato a un elenco nel server elenco. Se il messaggio corrisponde a un elenco, verrà elaborato dal server di elenco. 4. Il messaggio in entrata viene filtrato dai filtri antispam. Qualsiasi messaggio che non supera il controllo filtro antispam viene elaborato secondo quanto configurato nelle azioni antispam. Se un messaggio supera i filtri e non è identificato come spam, passa alla fase successiva. 5. Se configurate, vengono inviate le risposte automatiche al mittente. 6. Se configurato, viene eseguito il monitoraggio della posta elettronica e vengono attuate le azioni appropriate. 7. Quindi, la posta viene controllata dal filtro Nuovi mittenti. 8. Se un messaggio non viene bloccato da nessun motore di scansione o di filtro, viene inviato alla cassetta postale dell utente. 2.3 Filtro messaggi in uscita Il filtro dei messaggi in uscita è il processo di elaborazione dei messaggi spediti dagli utenti interni, prima che questi siano inviati tramite Internet. All invio di un messaggio in uscita, questo viene inoltrato a GFI MailEssentials ed elaborato come segue: 1. Il messaggio viene scansionato dai motori malware e di filtro contenuti. Qualsiasi messaggio rilevato come contenente malware viene elaborato in base alle azioni configurate. Se un messaggio è GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 14

15 ritenuto sicuro, passa alla fase successiva. 2. I comandi remoti controllano ed eseguono eventuali comandi remoti nella posta, se presenti. Se non è presente nessun comando, il messaggio passa alla fase seguente. 3. La liberatoria corrispondente viene aggiunta al messaggio, se configurata. 4. Se configurato, viene eseguito il monitoraggio della posta elettronica e vengono attuate le azioni appropriate. 5. Se abilitata, la whitelist automatica aggiunge l'indirizzo del destinatario alla whitelist automatica. Ciò consente che le risposte dei destinatari siano inviate in automatico al mittente senza il controllo antispam. 6. Il messaggio viene inviato ai destinatari. 2.4 Motori di scansione e filtro della posta elettronica GFI MailEssentials contiene una serie di motori di scansione e filtro per impedire a messaggi dannosi, spam e altra posta indesiderata di raggiungere gli utenti del dominio Scansione della posta elettronica dannosa I seguenti motori scansionano e bloccano i messaggi contenenti contenuto dannoso. Motore di scansione della posta elettronica Motori di scansione antivirus Protezione archivio informazioni Scanner trojan ed eseguibili Motore exploit posta Strumento di disinfezione HTML Descrizione GFI MailEssentials utilizza motori antivirus multipli per la scansione di messaggi in entrata, in uscita e interni alla ricerca di virus. GFI MailEssentials viene fornito con i motori di scansione Vipre e BitDefender. È anche possibile acquistare una licenza per Norman, Kaspersky e McAfee. Quando GFI MailEssentials è installato su un computer con Microsoft Exchange server, Protezione archivio informazioni consente l utilizzo dei motori di scansione antivirus per eseguire la scansione di Archivio informazioni di Microsoft Exchange alla ricerca di virus. Scanner trojan ed eseguibili analizza e determina la funzione dei file eseguibili allegati ai messaggi. Questo scanner può successivamente inserire in quarantena qualsiasi eseguibile dall attività sospetta, come i trojan. Motore exploit posta blocca gli exploit integrati nel messaggio che potrebbero essere eseguiti sul computer del destinatario al momento dell'apertura o ricezione del messaggio. Strumento di disinfezione HTML scansiona e rimuove il codice di scripting presente nel corpo e negli allegati dei messaggi Motori di filtro contenuti I seguenti motori scansionano il contenuto dei messaggi, controllando la presenza di parametri che corrispondono alle regole configurate. Motore di scansione della posta elettronica Filtro parola chiave Filtro allegati Motore di decompressione Filtro avanzato contenuto Descrizione Filtro parole chiave consente di impostare regole che filtrano i messaggi contenenti parole chiave specifiche o una combinazione di parole chiave nel corpo o nell oggetto del messaggio. Filtro allegati consente la configurazione di regole per il filtraggio dei tipi di allegati dei messaggi da autorizzare e bloccare sul server di posta. Motore di decompressione estrae e analizza gli archivi (file compressi) allegati a un messaggio. Filtro avanzato contenuto consente la scansione dei dati e del contenuto dell intestazione del messaggio, ricorrendo a condizioni di ricerca ed espressioni regolari configurabili (regex). GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 15

16 2.4.3 Motori filtro antispam I seguenti motori scansionano e bloccano i messaggi spam. FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA SpamRazer Antiphishing Raccolta di directory Block list e- mail Block list IP Block list DNS IP Block list DNS URI Sender Policy Framework Antispoofing Controllo intestazione Controllo parole chiave spam Analisi bayesiana Un motore antispam che riconosce se un messaggio di posta elettronica è spam attraverso impronte digitali, reputazione e analisi del contenuto dei messaggi. Blocca i messaggi che contengono collegamenti ai corpi del messaggio che indirizzano a siti noti di phishing o che contengono parole chiave di phishing tipiche. Gli attacchi di Raccolta di directory si verificano quando gli spammer cercano di indovinare gli indirizzi di posta allegando i nomi utente noti al dominio della vittima. La maggioranza degli indirizzi di posta elettronica è inesistente. La Block list è un database personalizzato di indirizzi di posta elettronica e domini da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. La Block list IP è un database personalizzato di indirizzi IP da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. Block list DNS IP controlla l indirizzo IP del server di invio della posta con un elenco pubblico di server di posta noti per l invio di spam. Arresta i messaggi che contengono collegamenti a domini elencati nelle block list URI spam. Questo filtro utilizza i record SPF per arrestare i messaggi inviati da indirizzi IP falsificati, identificando se l indirizzo IP del mittente è autorizzato. I messaggi ricevuti con un indirizzo del mittente e che sembrano provenire dal proprio dominio vengono controllati da GFI MailEssentialssulla base di un elenco di indirizzi IP. Se l indirizzo IP del mittente non è presente nell elenco di indirizzi IP del server del proprio dominio, il messaggio verrà bloccato. Il filtro Controllo intestazione analizza l'intestazione per identificare i messaggi spam. Questo filtro consente l identificazione dello spam sulla base di parole chiave all interno del messaggio ricevuto. Un filtro antispam che può essere addestrato per determinare con precisione se un messaggio è spam in base a quanto rilevato in precedenza Filtri che vengono eseguiti a livello SMTP Sì Sì Sì (solo se GFI MailEssentials è installato in un ambiente Active Directory) I seguenti motori scansionano e bloccano i messaggi durante la trasmissione SMTP prima del ricevimento del messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Filtraggio trasmissione SMTP (pagina 151). FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA Block list IP Raccolta di directory Block list DNS IP La Block list IP è un database personalizzato di indirizzi IP da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. Gli attacchi di Raccolta di directory si verificano quando gli spammer cercano di indovinare gli indirizzi di posta allegando i nomi utente noti al dominio della vittima. La maggioranza degli indirizzi di posta elettronica è inesistente. Block list DNS IP controlla l indirizzo IP del server di invio della posta con un elenco pubblico di server di posta noti per l invio di spam. Sì No Sì Sì No No Sì No No No No Sì GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 16

17 FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA Greylist Altri motori Il filtro greylist blocca temporaneamente i messaggi di posta in arrivo ricevuti da mittenti sconosciuti. Normalmente, i sistemi di posta attendibili ritentano l invio dopo alcuni minuti, gli spammer invece ignorano tali messaggi di errore. I seguenti motori aiutano a identificare i messaggi sicuri. FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA Whitelist La whitelist contiene gli elenchi dei criteri che identificano la posta attendibile. Le e- mail che rispettano tali criteri non saranno scansionate dai filtri antispam e verranno sempre recapitate al destinatario. Nuovi mittenti Il filtro Nuovi mittenti identifica i messaggi di posta elettronica inviati da mittenti ai quali non sono mai stati inviati messaggi. 2.5 Scenari di distribuzione tipici Il presente capitolo illustra i diversi scenari sulle modalità di installazione e configurazione di GFI MailEssentials Installazione diretta su Microsoft Exchange server Sì No No Figura 1: Installazione di GFI MailEssentials su Microsoft Exchange server GFI MailEssentials può essere installato direttamente su Microsoft Exchange Server 2003 o versioni successive, senza ulteriori configurazioni aggiuntive. Negli ambienti Microsoft Exchange 2007/2010, GFI MailEssentials può essere installato solo sui server con i seguenti ruoli: Ruolo Edge Server o Ruolo Trasporto Hub, o Ruolo Trasporto Hub e Cassetta postale: con questa configurazione GFI MailEssentials può scansionare anche i messaggi interni alla ricerca di virus. Negli ambienti Microsoft Exchange 2013, GFI MailEssentials può essere installato solo sul server con il ruolo cassetta postale. GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 17

18 GFI MailEssentials supporta una serie di server di posta ma può essere installato solo sullo stesso computer dove è presente Microsoft Exchange. Per gli altri server di posta, ad esempio Lotus Domino, installare GFI MailEssentials su un computer separato Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale Figura 2: Installazione di GFI MailEssentials su un gateway di posta/relay server Questa configurazione viene solitamente utilizzata per filtrare lo spam in un computer separato, solitamente installato in una DMZ. In questo ambiente viene impostato un server (noto anche come gateway/server perimetrale) per inoltrare i messaggi al server di posta. GFI MailEssentials è installato sul gateway/server perimetrale, così da filtrare lo spam e il malware della posta prima che raggiunga il server di posta. Questo metodo consente di escludere i messaggi bloccati prima che siano ricevuti dal server di posta, riducendo in tal modo il traffico di posta non necessario. Inoltre, offre una tolleranza di errore aggiuntiva: quando il server di posta è irraggiungibile, è comunque possibile ricevere i messaggi, poiché questi vengono messi in coda sul computer dove è installato GFI MailEssentials. Durante l installazione in un server separato, diverso dal server di posta, è necessario prima configurare tale computer affinché agisca da gateway, (detto anche Smart host o server Inoltro posta ). Ciò significa che tutti i messaggi di posta in entrata devono passare attraverso GFI MailEssentials per essere scansionati, prima del loro inoltro al server della posta per la distribuzione. Per i messaggi in uscita, il server della posta deve inoltrare tutti i messaggi in uscita al computer gateway affinché siano scansionati prima di essere inviati a destinazione. Se si utilizza un firewall, una buona soluzione è quella di distribuire GFI MailEssentials nella DMZ. Quando GFI MailEssentials viene installato nella rete perimetrale (detta anche DMZ, zona demilitarizzata), fungerà da smart host/server di inoltro della posta. GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 18

19 Figura 3: installazione di GFI MailEssentials su un computer separato o in una DMZ Se GFI MailEssentials è installato sul server perimetrale, si possono utilizzare i filtri antispam che vengono eseguiti a livello SMTP : raccolta di directory e greylist. Negli ambienti Microsoft Exchange Server 2007/2010, i server di inoltro della posta di una DMZ possono eseguire Microsoft Exchange Server 2007/2010 con il ruolo server Trasporto Edge. Configurare il servizio SMTP di IIS per l inoltro dei messaggi di posta al server della posta e configurare il record MX del dominio affinché indichino il computer gateway. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale (pagina 25). 2.6 Azioni utente finale GFI MailEssentials utilizza i gruppi di Active Directory per determinare ciò che viene visualizzato agli utenti connessi al momento di accedere a GFI MailEssentials. Se l utente attualmente connesso fa parte del gruppo amministratori, allora GFI MailEssentials si carica con tutte le opzioni di configurazione che abilitano la configurazione di GFI MailEssentials. Se l utente attualmente connesso fa parte del gruppo utenti, allora GFI MailEssentials viene caricato con solo un numero limitato di opzioni che consente all utente attualmente connesso di amministrare la propria quarantena e le whitelist/blocklist personali. L url utilizzato per connettersi a GFI MailEssentials è sempre il medesimo, a prescindere dal fatto che l utente attualmente connesso faccia parte del gruppo amministratore o del gruppo Active Directory. GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 19

20 Le azioni degli utenti sono disponibili solo se GFI MailEssentials è configurato per l utilizzo della modalità IIS. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Modalità interfaccia utente (pagina 247). Elenco di funzionalità disponibili per gli account degli utenti: Funzione Whitelist e block list personale Ricerca in quarantena SpamTag Descrizione Gli utenti possono configurare un elenco integrativo di indirizzi di posta inseriti nella whitelist e nella block list, in aggiunta all elenco impostato dall amministratore di sistema. Questa funzione è disponibile solo quando la Whitelist personale e/o la Block list personale sono abilitate. Per impostazione predefinita, queste opzioni non sono abilitate. Consente agli utenti di accedere e gestire i messaggi di spam che sono state inserite in quarantena. Gli utenti possono cercare, visualizzare e quindi approvare o eliminare i messaggi inseriti in quarantena. Per utilizzare questa funzione, l azione dei filtri antispam deve essere configurata per inserire in quarantena i messaggi di spam. Gli utenti non possono gestire le di malware in quarantena per via dei rischi di sicurezza contenuti. Gli utenti possono utilizzare il componente aggiuntivo SpamTag in Microsoft Outlook per gestire le loro preferenze di gestione dei messaggi di spam. SpamTag deve essere installato nel computer degli utenti per poter essere accessibile tramite Microsoft Outlook. : Questa caratteristica non è disponibile per gli utenti nell interfaccia web di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a SpamTag per Microsoft Outlook (pagina 162). Per ulteriori informazioni sulle modalità di utilizzo di GFI MailEssentials da parte degli utenti finali, fare riferimento al Manuale utente finale di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 2 Informazioni su GFI MailEssentials 20

21 3 Installazione Lo scopo del presente capitolo è facilitare l installazione di GFI MailEssentials sulla rete con il minimo impegno nella configurazione. Argomenti del presente capitolo: 3.1 Requisiti di sistema Azioni pre-installazione Procedura di installazione Aggiornamento da una versione precedente Azioni post-installazione Requisiti di sistema Requisiti hardware I requisiti hardware minimi per GFI MailEssentials sono: Processore Minimo: 1 Ghz Consigliato: 2 GHz con core multipli Memoria disponibile (RAM) Minimo: 1,2 GB Consigliato: 1,5 GB Spazio libero su disco Minimo: 6 GB Consigliato: 10 GB I requisiti hardware dipendono da una varietà di fattori tra cui volume della posta e numero di motori antivirus abilitati in GFI MailEssentials. I requisiti indicati sopra sono obbligatori solo per GFI MailEssentials Requisiti software Sistemi operativi supportati Windows Server 2003 Standard o Enterprise (x86 o x64)(compreso R2) o versioni successive (comprese le edizioni Microsoft Windows Server Standard e DataCenter). Windows Small Business Server 2003/2008/2011 Server di posta elettronica supportati GFI MailEssentials può essere installato sui seguenti server di posta senza ulteriori configurazioni. Microsoft Exchange Server 2013 GFI MailEssentials 3 Installazione 21

22 Protezione archivio informazioni (VSAPI) non è supportata su Microsoft Exchange Server 2013, in quanto Microsoft ha rimosso VSAPI da from Microsoft Exchange Server Microsoft Exchange Server 2010 Microsoft Exchange Server 2007 SP1 o versioni successive Microsoft Exchange Server 2003 Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione su Microsoft Exchange Server (pagina 25). GFI MailEssentials può essere installato anche in un ambiente con un server di posta conforme a SMTP. In questo caso, GFI MailEssentials deve essere installato sul gateway/server perimetrale, così da filtrare lo spam prima che raggiunga il server di posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale (pagina 25). Browser Internet supportati GFI MailEssentialspuò essere utilizzato con i seguenti browser Internet: Microsoft Internet Explorer 8 o versioni successive Google Chrome versione (10 ottobre 2012) o successive. Mozilla Firefox versione (26 ottobre 2012) o versioni successive. Altri componenti obbligatori Servizio Web Internet Information Services (IIS ) Servizio SMTP Internet Information Services (IIS ): eccetto quando si installa su Microsoft Exchange 2007/2010/2013 server Microsoft.NET Framework 4 ASP.NET 4.0 Windows Communication Foundation HTTP Activation - necessaria per l utilizzo del plugin di SpamTag per Microsoft Outlook Servizi ruolo Autenticazione e Contenuto statico di Windows : obbligatori al momento di installare su Microsoft Windows Server 2008/2008R2 MSMQ - Servizio Microsoft Messaging Queuing: per ulteriori informazioni sulla modalità di installazione di MSMQ, fare riferimento a: GFI MailEssentials 3 Installazione 22

23 Per ulteriori informazioni sulla modalità di installazione dei prerequisiti su Microsoft Windows Server 2008, fare riferimento a: Per ulteriori informazioni sulla modalità di installazione dei prerequisiti su Microsoft Windows Server 2012, fare riferimento a: Protezione archivio informazioni di GFI MailEssentials non può essere utilizzato se sono registrati altri software per l utilizzo di Microsoft Exchange VSAPI. GFI MailEssentials può essere installato anche in ambienti virtuali come Microsoft Hyper-V e software di virtualizzazione VMWare. La risorse del gruppo di cluster Microsoft Virtual Server con un cluster disco fisico. È obbligatoria SOLO per gli ambienti che eseguono i cluster Microsoft Exchange Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Cluster di Microsoft Exchange 2003 (pagina 28). Per ulteriori informazioni su come creare un gruppo di risorse per un server virtuale di Exchange in un cluster di server di Windows, fare riferimento a: Clusterresourcegrouphowto Software antivirus e di backup Il software antivirus e di backup può provocare malfunzionamenti in GFI MailEssentials. Ciò accade quando tale software nega l'accesso ad alcuni file necessari a GFI MailEssentials. Disabilitare la scansione delle seguenti cartelle da parte di software antivirus e di backup di terze parti: Installazioni a 32 bit (x86) <..\Programmi\File comuni\gfi> <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ <..\Inetpub\mailroot>: se installato in un computer gateway. Installazioni a 64 bit (x64) <..\Program Files (x86)\common Files\GFI> <..\Program Files\Exchsrvr\Mailroot>: se installato sul medesimo computer di Microsoft Exchange 2003, <..\Program Files\Microsoft\Exchange Server\TransportRoles>: se installato sul medesimo computer di Microsoft Exchange <..\Program Files\Microsoft\Exchange Server\V14\TransportRoles>: se installato sul medesimo computer di Microsoft Exchange <..\Program Files\Microsoft\Exchange Server\V15\TransportRoles>: se installato sul medesimo computer di Microsoft Exchange Impostazioni delle porte del firewall Configurare il firewall in uso in modo da autorizzare le porte utilizzate da GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 3 Installazione 23

24 Porta Descrizione 53 - DNS Utilizzata dai seguenti filtri antispam: Block list DNS IP SpamRazer Block list DNS URI 20 e 21 - FTP Utilizzata da GFI MailEssentials per connettersi a ftp.gfi.com e recuperare le informazioni più recenti di versione del prodotto HTTP Utilizzata da GFI MailEssentials per scaricare gli aggiornamenti delle patch prodotto di: SpamRazer Antiphishing Analisi bayesiana File definizioni antivirus Scanner trojan ed eseguibili Motore exploit posta GFI MailEssentials scarica dai seguenti percorsi: *.mailshell.com *.spamrazer.gfi.com 8013, 8015, Comunicazione remota 389/636 - LDAP/LDAPS : GFI MailEssentials può anche essere configurato per scaricare gli aggiornamenti mediante un server proxy. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni proxy (pagina 240). Queste porte vengono utilizzate per la comunicazione tra i processi. Poiché tutti i processi di GFI MailEssentials vengono eseguiti sul medesimo server, non è necessario apportare configurazioni firewall. : Assicurarsi che non vi siano applicazioni in ascolto su queste porte, ad eccezione di GFI MailEssentials. Se vi sono altre applicazioni che utilizzano queste porte, sarà possibile modificare le porte. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Porte remote (pagina 275). Questa porta viene utilizzati nei seguenti scenari: Ambiente Microsoft Exchange: obbligatoria se il server che esegue GFI MailEssentials non ha accesso/non può ottenere l elenco di utenti da Active Directory, ad esempio, in un ambiente DMZ o in altri ambienti che non utilizzano Active Directory. Ambiente server di posta Lotus Domino mail: obbligatoria per ottenere gli indirizzi di posta dal server Lotus Domino. Altri ambienti server di posta SMTP: obbligatoria per ottenere gli indirizzi di posta dal server SMTP. 3.2 Azioni pre-installazione Prima di installare GFI MailEssentials, preparare l ambiente alla distribuzione. Argomenti del presente capitolo: Installazione su Microsoft Exchange server Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale Cluster di Microsoft Exchange 2003 Lotus Domino GFI MailEssentials 3 Installazione 24

25 3.2.1 Installazione su Microsoft Exchange Server Quando si installa GFI MailEssentials sul medesimo server di Microsoft Exchange 2003 o versioni successive, non sono necessarie azioni né configurazioni pre-installazione. Negli ambienti Microsoft Exchange 2007/2010, GFI MailEssentials può essere installato solo sui server con i seguenti ruoli: Ruolo Edge Server o Ruolo Trasporto Hub, o Ruolo Trasporto Hub e Cassetta postale: con questa configurazione GFI MailEssentials può scansionare anche i messaggi interni alla ricerca di virus. Negli ambienti Microsoft Exchange 2013, GFI MailEssentials può essere installato solo sul server con il ruolo cassetta postale Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale GFI MailEssentials può essere installato: in un server perimetrale (ad esempio, una DMZ) come relay server della posta tra il server perimetrale SMTP (gateway) e il server di posta Questa configurazione viene solitamente utilizzata per filtrare lo spam in un computer separato, solitamente installato in una DMZ. In questo ambiente viene impostato un server (noto anche come gateway/server perimetrale) per inoltrare i messaggi al server di posta. GFI MailEssentials è installato sul gateway/server perimetrale, così da filtrare lo spam e il malware della posta prima che raggiunga il server di posta. GFI MailEssentials utilizza il servizio SMTP di IIS come server SMTP, pertanto anche il servizio SMTP di IIS deve essere configurato per essere utilizzato come relay server della posta. A tale scopo, procedere come segue: Passaggio 1: abilitazione servizio SMTP di IIS Passaggio 2: creazione di domini SMTP per l inoltro della posta Passaggio 3: abilitazione inoltro della posta su Microsoft Exchange server Passaggio 4: protezione del relay server della posta SMTP Passaggio 5: abilitazione del server della posta per l inoltro dei messaggi tramite gateway Passaggio 6: aggiornamento del record MX del dominio affinché indirizzi al relay server della posta Passaggio 7: verifica del nuovo relay server della posta Passaggio 1: abilitazione servizio SMTP di IIS Windows Server Fare clic su Start > Pannello di controllo > Installazione applicazioni > Aggiungi/rimuovi componenti Windows. 2. Selezionare Server applicazioni e fare clic su Dettagli. 3. Selezionare Internet Information Services (IIS) e fare clic su Dettagli. 4. Selezionare l opzione Servizio SMTP e fare clic su OK. 5. Per completare la configurazione, fare clic su Avanti. GFI MailEssentials 3 Installazione 25

26 Windows Server Avviare Server Manager di Windows. 2. Navigare al nodo Funzionalità e selezionare Aggiungi funzionalità. 3. Da Aggiunta guidata funzionalità selezionare Server SMTP. La funzionalità server SMTP potrebbe richiedere l'installazione di servizi e funzionalità aggiuntive per il ruolo. Per procedere con l'installazione, fare clic su Aggiungi servizi ruolo necessari. 4. Nelle schermate successive, fare clic su Avanti per configurare i servizi e funzionalità ruolo necessari e selezionare Installa per avviare l'installazione. 5. Per finalizzare la configurazione, fare clic su Chiudi. Passaggio 2: creazione di domini SMTP per l inoltro della posta 1. Accedere a Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Gestione Internet Information Services (IIS). 2. Nel riquadro a sinistra, espandere il nodo rispettivo del server. Fare clic con il pulsante destro su Server virtuale SMTP predefinito, quindi selezionare Proprietà. 4. Espandere il nodo Server virtuale SMTP predefinito. 5. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Domini e selezionare Nuovo > Dominio. 6. Selezionare Remoto e fare clic su Avanti. 7. Indicare il nome di dominio dell organizzazione (ad esempio, provail.miodominio.com), quindi fare clic su Fine. Passaggio 3: abilitazione inoltro della posta su Microsoft Exchange server 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nuovo dominio, quindi selezionare Proprietà. 2. Selezionare Consenti l inoltro della posta in arrivo al dominio specificato. 3. Selezionare Inoltra tutta la posta a SmartHost e indicare l indirizzo IP del server che gestisce i messaggi in questo dominio. Gli indirizzi IP devono essere racchiusi da parentesi quadre, ad esempio, [ ], così da essere esclusi da tutti i tentativi di ricerca del DNS. 4. Fare clic su OK per completare la configurazione. Passaggio 4: protezione del relay server della posta SMTP In assenza di protezione, il relay server della posta può essere sfruttato come inoltro aperto per lo spam. Per impedirlo, si consiglia di indicare i server della posta che possono inoltrare i messaggi tramite questo relay server: ad esempio, consentire solo a server specifici di utilizzare questa configurazione di inoltro della posta). A tal fine: 1. Accedere a Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Gestione Internet Information Services (IIS). 2. Nel riquadro a sinistra, espandere il nodo rispettivo del server. Fare clic con il pulsante destro su Server virtuale SMTP predefinito, quindi selezionare Proprietà. 3. Dalla scheda Accesso, selezionare Relay. GFI MailEssentials 3 Installazione 26

27 4. Selezionare Solo i computer indicati nell elenco e fare clic su Aggiungi. 5. Indicare gli indirizzi IP dei server di posta interni ai quali è consentito inoltrare i messaggi attraverso il relay server della posta. È possibile indicare: Computer singoli: autorizzare un computer specifico per l inoltro della posta attraverso questo server. Utilizzare il pulsante Ricerca DNS per cercare un indirizzo IP di un host specifico. Gruppo di computer: autorizzare computer specifici per l inoltro della posta attraverso questo server. Dominio: consentire ai computer del dominio indicato di inoltrare i messaggi tramite questo server. L opzione Dominio aggiunge un overhead di elaborazione che può peggiorare le prestazioni del servizio SMTP. Ciò è dovuto alle procedure di ricerca DNS inverso attivate su tutti gli indirizzi IP (all interno del dominio) che tentano l inoltro di messaggi attraverso questo relay server. Passaggio 5: abilitazione del server della posta per l inoltro dei messaggi tramite GFI MailEssentials Microsoft Exchange Server 2003 Configurare i connettori SMTP che inoltrano tutti i messaggi a GFI MailEssentials. 1. Avviare Gestore di sistema di Exchange. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connettori, selezionare Nuovo > Connettore SMTP, quindi indicare un nome per il connettore. 3. Selezionare l'opzione Invia tutta la posta tramite i seguenti SmartHost e digitare l'indirizzo IP del relay server di GFI MailEssentials racchiuso tra parentesi quadre, ad esempio [ ]. 4. Fare clic su Aggiungi e selezionare il relay server della posta di GFI MailEssentials. 5. Fare clic su OK. 6. Selezionare la scheda Spazio indirizzo. 7. Fare clic su Aggiungi, selezionare SMTP e scegliere OK. 8. Immettere il nome del dominio e fare clic su OK. 9. Selezionare Consenti l inoltro dei messaggi ai domini. 10. Fare clic su OK. Lotus Notes Per ulteriori informazioni su come configurare il routing Lotus Domino, fare riferimento alla Guida di installazione (Domino). Server di posta SMTP/POP3 Configurare il server di posta per l inoltro di tutta la posta in entrata e in uscita tramite GFI MailEssentials. Nel programma di configurazione del server di posta, utilizzare questa opzione per inoltrare tutta la posta in uscita tramite un altro server di posta (questa opzione viene solitamente GFI MailEssentials 3 Installazione 27

28 considerata simile a Inoltra tutti i messaggi all host. Inserire il nome del computer o l indirizzo IP del computer che esegue GFI MailEssentials. Salvare le nuove impostazioni e riavviare il server di posta. Passaggio 6: aggiornamento del record MX del dominio affinché indirizzi al relay server della posta Aggiornare il record MX del dominio affinché indirizzi all IP del nuovo relay server della posta. Se il server DNS è gestito dall ISP, chiedere all ISP di aggiornare il record MX. Se il record MX non è aggiornato, tutti i messaggi verranno inoltrati direttamente al server di posta, dunque ignorando GFI MailEssentials. Verifica del corretto aggiornamento del record MX Per verificare se è stato aggiornato il record MX: 1. Dal prompt dei comandi, digitare nslookup e premere Invio. 2. Digitare set type=mx, quindi premere Invio. 3. Indicare il nome dominio di posta, quindi premere Invio. Il record MX deve restituire gli indirizzi IP dei relay server della posta. Passaggio 7: verifica del nuovo relay server della posta Prima di procedere con l installazione di GFI MailEssentials, verificare che il nuovo relay server della posta funzioni correttamente. Verifica connessione in entrata SMTP di IIS 1. Inviare un messaggio da un account esterno (ad esempio da un account Gmail) a un indirizzo di posta/utente interno. 2. Assicurarsi che il destinatario previsto riceva il messaggio di prova nel rispettivo client di posta. Verifica connessione in uscita SMTP di IIS 1. Inviare un messaggio da un account interno a un account esterno (ad esempio Gmail). 2. Assicurarsi che l utente esterno/destinatario previsto abbia ricevuto il messaggio di prova. È anche possibile utilizzare Telnet per inviare manualmente il messaggio di prova e ottenere maggiori informazioni per la risoluzione dei problemi. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Cluster di Microsoft Exchange 2003 Il presente argomento contiene le istruzioni sulla modalità di installazione e disinstallazione di GFI MailEssentials sui cluster Microsoft Exchange Un cluster è un gruppo di server, noti a livello tecnico come nodi, che operano in modo collettivo come un server unico. Questi ambienti offrono meccanismi di disponibilità elevata e failover per consentire la disponibilità costante delle risorse e applicazioni, incluse le infrastrutture esistenti di GFI MailEssentials 3 Installazione 28

29 posta. Se uno dei nodi del cluster genera un errore o non è disponibile, le risorse e le altre applicazioni verranno passate a un altro nodo del cluster. GFI MailEssentials può essere installato solo in un ambiente di cluster attivo/passivo. In un cluster attivo/passivo, il meccanismo di failover assicura che in caso di errore di un cluster attivo, uno dei nodi passivi disponibili diventi attivo (assume il ruolo del nodo con errore). Per installare GFI MailEssentials in un cluster Microsoft Exchange Server 2000/2003, assicurarsi che: Tutte le applicazioni in esecuzione siano chiuse. Microsoft Exchange Server 2000/2003 sia installato in modalità cluster. Esista una risorsa di gruppo di cluster del server virtuale di Exchange che includa, tra le altre cose, una risorsa cluster disco fisico. Tutti i nodi del cluster siano disattivati, ad eccezione di quello dove sarà installato per primo GFI MailEssentials. 1. Avviare la procedura di installazione e assicurarsi che: Tutti i file siano installati sul disco rigido condiviso Si sta eseguendo l installazione sul sito web predefinito del computer 2. Al termine, avviare il sito web predefinito tramite Gestore di IIS. 3. Andare a Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Amministrazione cluster e creare un nuovo gruppo di risorse (fare clic con il pulsante destro del mouse su Gruppi > Nuovo > Gruppo). 4. Digitare GFI MailEssentials come nome e Servizi per GFI MailEssentials come descrizione. Fare clic su Avanti. 5. Spostare tutti i nodi disponibili in Proprietari preferiti e fare clic su Fine. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse su GFI MailEssentials > Nuovo > Risorsa. 7. Impostare il nome come GFI List Server. 8. Impostare Tipo di risorsa su Servizio generico e fare clic su Avanti. 9. Impostare tutti i nodi disponibili sui proprietari possibili, quindi fare clic su Avanti. 10. Fare clic su Avanti. 11. Impostare il nome del servizio su listserv e fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Fine. 13. Ripetere i passaggi da 7 a 12 con i seguenti dati: Nome GFI MailEssentials AntiSpam Attendant GFI MailEssentials AS Scan Engine GFI MailEssentials Autoupdater GFI MailEssentials AV Scan Engine GFI MailEssentials Security Attendant Nome servizio gfiasmlhost gfiscans msecavupdate gfiscanm msecmlhost GFI MailEssentials 3 Installazione 29

30 Nome Trasferimento Enterprise GFI MailEssentials GFI MailEssentials Legacy Attendant GFI MailEssentials LocalMode Host GFI POP2Exchange Nome servizio gfimetrxsvc gfiasmsecatt csecmlhost gfipop2exch 14. Al completamento, portare online il gruppo GFI MailEssentials. 15. Arrestare il nodo e attivarne uno nuovo. 16. Ripetere i passaggi 1 e 2 per tutti i nodi del cluster. Disinstallazione di GFI MailEssentials in un ambiente cluster Assicurarsi che solo un nodo del cluster sia attivo, il resto deve essere disattivato. 1. Arrestare tutti i servizi di GFI. 2. Eseguire il backup di tutti i contenuti della cartella di installazione di GFI MailEssentials in un percorso diverso. 3. Eliminare tutti i servizi GFI dalle risorse cluster del gruppo GFI MailEssentials. 4. Avviare tutti i servizi GFI e assicurarsi che tutti i servizi cluster e di Exchange siano operativi. 5. Disinstallare dal primo nodo. 6. Dal prompt dei comandi Digitare sc delete msecavupdate, quindi premere Invio. Digitare sc delete gfiasmsecatt, quindi premere Invio. 7. Selezionare Start > Esegui e digitare regedit. Premere Invio. 8. Individuare ed eliminare la chiave Computer\HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\GFI 9. Copiare il backup di GFI MailEssentials nella posizione in cui è stato installato. 10. Disattivare il nodo corrente e attivare il successivo. Assicurarsi che tutti i servizi cluster, i servizi di Exchange e GFI MailEssentialssiano operativi. 11. Disinstallare GFI MailEssentials. 12. Dal prompt dei comandi: Digitare sc delete msecavupdate, quindi premere Invio. Digitare sc delete gfiasmsecatt, quindi premere Invio. 13. Ripetere i passaggi da 7 a 12 per tutti i nodi rimanenti. 14. Eliminare la cartella di installazione di GFI MailEssentials e il relativo backup. Dall amministratore del cluster, eliminare tutti i servizi GFI Lotus Domino Informazioni sull utilizzo di GFI MailEssentials con Lotus Domino. Incompatibilità di Lotus Domino Informazioni di installazione per Lotus Domino Configurazione cartella antispam di Lotus Domino GFI MailEssentials 3 Installazione 30

31 Incompatibilità di Lotus Domino I memo/messaggi interni non vengono scansionati GFI MailEssentials non scansiona i memo/messaggi interni inviati da Lotus Domino, poiché il formato mittente/destinatario di Lotus Domino non è compatibile. Quando i memo/messaggi interni sono passati a GFI MailEssentials, finiscono in coda e non vengono elaborati. Non far passare i memo/messaggi interni attraverso GFI MailEssentials. GFI MailEssentials List Server non è compatibile con Lotus Domino La creazione di newsletter o elenchi di discussione non funzionerà dal dominio interno di Lotus Domino. Questa opzione non deve essere utilizzata. Se viene usata, gli utenti di Lotus Domino non saranno in grado di inviare messaggi all elenco. Guida di installazione di GFI MailEssentials per Lotus Domino Utilizzare le informazioni della presente sezione per installare e configurare Lotus Domino con GFI MailEssentials. Installare GFI MailEssentials in un computer separato rispetto a Lotus Domino, come nell immagine sottostante. Figura 4: installazione di GFI MailEssentials in un computer separato diverso da quello di Lotus Domino Installare GFI MailEssentials eseguendo il file di installazione di GFI MailEssentials e attenendosi alle istruzioni su schermo. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione (pagina 21). Se GFI MailEssentials è installato in un computer dove è presente Active Directory, si potrebbe visualizzare la casella di dialogo sottostante. Selezionare Se non si utilizza Active Directory per installare GFI MailEssentials in modalità SMTP. Configurare il computer dove GFI MailEssentials è installato per fungere da gateway (detto anche "Smart host" o server "Mail relay ) per tutta la posta. In realtà, tutti i messaggi di posta in entrata devono passare attraverso questo computer per essere scansionati, prima del loro inoltro al server della posta per la distribuzione (è il primo a ricevere tutti i messaggi destinati al server di posta). Lo stesso vale per i messaggi in uscita, il server della posta deve inoltrare tutti i messaggi in uscita al computer gateway affinché siano scansionati prima di essere inviati ai destinatari esterni tramite Internet (deve essere l ultima interruzione per i messaggi destinati a Internet). In questo modo, GFI MailEssentials controlla che tutta la posta in entrata e in uscita sia consegnata ai destinatari. Il record MX del dominio deve indirizzare al relay server della posta Se l ISP gestisce il server DNS, chiedere al provider di aggiornarlo. GFI MailEssentials 3 Installazione 31

32 Dato che il nuovo server di relay deve prima ricevere tutta la posta in entrata, aggiornare il record MX del dominio affinché indirizzi all IP del nuovo server di relay/gateway della posta. Verificare che il record MX del server DNS sia il seguente: 1. Dal prompt dei comandi digitare nslookup e premere Invio. 2. Digitare set type=mx e premere Invio. 3. Digitare il dominio della posta, quindi premere Invio. Il record MX deve restituire un singolo IP che corrisponde all indirizzo IP del computer ch esegue GFI MailEssentials. Schermata 1: verifica del record MX del DNS 4. Verificare il nuovo relay server della posta. Prima di procedere con l installazione di GFI MailEssentials, verificare che il nuovo relay server della posta funzioni correttamente. 5. Verificare la connessione in entrata SMTP IIS del server relay della posta inviando un messaggio dall account esterno a un utente interno (utilizzare la web mail, ad esempio mail.live.com, se non si dispone di un account esterno). Verificare che il client di posta abbia ricevuto il messaggio. 6. Verificare la connessione SMTP IIS in uscita del server relay della posta inviando un messaggio a un account esterno da un client di posta elettronica. Verificare che l utente esterno abbia ricevuto il messaggio. In alternativa, al posto del client di posta elettronica, utilizzare Telnet per l invio del messaggio. In tal modo, si otterranno più informazioni per la risoluzione dei problemi. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Configurazione di Lotus Domino per l invio di messaggi in uscita tramite GFI MailEssentials Per indirizzare tutti i messaggi in uscita al server dove è installato GFI MailEssentials, Lotus Domino deve essere configurato come di seguito illustrato. 1. Da IBM Domino Administrator, fare clic sulla scheda Configuration (Configurazione) e selezionare Server > Configurations (Configurazioni). GFI MailEssentials 3 Installazione 32

33 Schermata 2: Lotus Domino Administrator - fare clic sull opzione Configurations (Configurazioni). 2. Una volta selezionata la sezione di configurazione, la finestra principale mostrerà la configurazione del server. Selezionare il server desiderato, quindi fare clic su Edit Configuration (Modifica configurazione). Schermata 3: Fare clic su Edit Configuration (Modifica configurazione). Dalla pagina del documento di configurazione, selezionare la scheda Router/SMTP e assicurarsi che sia selezionata l opzione Basics (Operazioni di base). Per abilitare la modalità di modifica, fare doppio clic sul contenuto. Selezionare Relay host for messages leaving the local internet domain (Host di relay per i messaggi che escono dal dominio internet locale) e immettere l indirizzo IP del computer che ha installato GFI MailEssentials. Per salvare il documento di configurazione, fare clic su Save and Close (Salva e chiudi). Impostazioni LDAP di Lotus Domino Da Lotus Domino, abilitare Directory Catalog (Catalogo directory) e Directory Assistance (Assistenza directory). Nel database Directory Assistance (Assistenza directory), fare clic su Add Directory Assistance (Aggiungi assistenza directory) per creare un nuovo documento di Assistance (Assistenza). Nel documento, abilitare i client LDAP posti sotto Make this domain available to (Rendi il dominio disponibile a) come segue: Schermata 4: impostazioni LDAP di Lotus Domino GFI MailEssentials 3 Installazione 33

34 Nella configurazione del server, è necessario modificare le credenziali presenti nella configurazione. È necessario abilitare l autenticazione anonima per consentire a GFI MailEssentials di accedere a Lotus Domino LDAP. Schermata 5: abilitazione autenticazione proxy anonima Configurazione cartella antispam di Lotus Domino 1. Da Lotus Notes Administrator, creare un database con il modello normale MAIL85.NTF, che viene usato come cartella pubblica. Una volta creato il database, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla sezione file e selezionare Access Control (Controllo di accesso). Configurare l utente o il gruppo o il server a cui accedere dal database. GFI MailEssentials 3 Installazione 34

35 Schermata 6: Creazione di un nuovo database 2. Convertire il database utilizzando la console del server e digitando: load convert -e -h mail\public.nsf Il comando deve visualizzare i risultati seguenti. Schermata 7: Caricamento risultati conversione 3. Al completamento, assicurarsi che il database sia accessibile dal servizio IMAP. Da Lotus Notes Administrator, selezionare Configuration (Configurazione) e fare clic sulla scheda Files (File). Evidenziare il database della cartella pubblica, fare clic su Edit (Modifica), selezionare Copy as Link (Copia come collegamento) e fare clic su Application Link (Collegamento applicazione). GFI MailEssentials 3 Installazione 35

36 Schermata 8: Copia negli appunti di un collegamento all applicazione corrente 4. Dalla configurazione, selezionare Messaging Settings (Impostazioni di messaggistica) e fare clic sulla scheda IMAP. Schermata 9: Includere tutte le cartelle pubbliche e degli altri utenti, quando viene richiesto l elenco cartelle 5. Selezionare la scheda Public and Other Users Folders (Cartelle pubbliche e di altri utenti). Fare clic con il pulsante destro del mouse e incollare sopra Public Folders Database Links (Collegamenti al database cartelle pubbliche) quindi abilitare Include all public and other users folders when a folder list is requested (Includi tutte le cartelle pubbliche e degli altri utenti alla richiesta di un elenco cartelle). 6. Salvare e chiudere il documento. GFI MailEssentials 3 Installazione 36

37 Schermata 10: Nuovo mail-in database 7. Da Lotus Notes Administrator, configurare la cartella per l utilizzo della posta. Andare a People and Groups (Persone e gruppi) e selezionare Mail-In Database. Creare un nuovo mail-in database e nel percorso di directory inserire quello completo (ad esempio, Mail\public.nsf). 8. Salvare e chiudere il documento. 9. Dall interfaccia web di GFI MailEssentials, espandere AntiSpam e selezionare Impostazioni antispam. 10. Sul riquadro di destra, selezionare la scheda Scansione cartella pubblica e abilitare Scansione cartella pubblica. 11. Dalla sezione Configurazione IMAP, immettere il server IMAP (il server Lotus Domino, la porta e le credenziali dell utente per l accesso alla cartella). Il pulsante di test non sarà attivo. 12. Fare clic su Applica per salvare le modifiche. GFI MailEssentials 3 Installazione 37

38 Schermata 11: Abilitazione scansione cartella pubblica 13. Dal registro, modificare i valori per consentire l utilizzo della funzione. Dal registro, selezionare HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\GFI\ME12\ATTENDANT\RPFOLDERS:5 e creare i seguenti valori stringa chiave: Name/Value SharedNamespace Public Folders\\Public Folder FolderDelimiter \\ 3.3 Procedura di installazione La sezione seguente illustra come eseguire l installazione di GFI MailEssentials Note importanti 1. Se si sta attualmente utilizzando una versione precedente di GFI MailEssentials, è possibile aggiornare l installazione corrente mantenendo al contempo tutte le impostazioni di configurazione esistenti. L aggiornamento non è reversibile, non è possibile eseguire il downgrade alla versione installata in precedenza.per ulteriori informazioni, fare riferimento a Aggiornamento da una versione precedente (pagina 46). 2. Per informazioni su come eseguire l aggiornamento a GFI MailEssentials da VIPRE Security GFI MailEssentials 3 Installazione 38

39 for Exchange, fare riferimento a 3. Se si dispone di SMA e si desidera effettuare l aggiornamento, accedere all area clienti del sito web di GFI per aggiornare il codice di licenza attuale. Valutazione' non viene più accettata come codice di licenza. Prima di avviare la procedura di aggiornamento, accedere all area clienti del sito web di GFI per aggiornare il codice di licenza. 4. Scaricare la build di GFI MailEssentials appropriata per il computer. Utilizzare l installazione di GFI MailEssentials a 32 bit (x86) per sistemi a 32 bit e quella a 64 bit (x64) per i sistemi a 64 bit. 5. Prima di eseguire la procedura guidata di installazione, assicurarsi: di aver effettuato l'accesso con un account con privilegi amministrativi. Il computer dove verrà installato GFI MailEssentials risponde ai requisiti di sistema indicati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Requisiti di sistema (pagina 21). Configurare il firewall in uso per consentire a GFI MailEssentials di connettersi ai server GFI. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni delle porte del firewall (pagina 23). Disabilitare nel software antivirus e di backup di terze parti la scansione delle cartelle utilizzate da GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Software antivirus e di backup (pagina 23). Se si installa GFI MailEssentials su un gateway di posta o un relay server/server perimetrale, configurare il computer in questione affinché possa essere utilizzato come gateway.per ulteriori informazioni, fare riferimento a Installazione in un gateway di posta o su un relay server/server perimetrale (pagina 25). Salvare i lavori in sospeso e chiudere tutte le applicazioni aperte nel computer. 6. L installazione di GFI MailEssentials riavvia i servizi SMTP di Microsoft Exchange o Microsoft IIS. Tale operazione è obbligatoria per registrare correttamente i componenti di GFI MailEssentials. Si consiglia di installare GFI MailEssentials in un momento in cui il riavvio di questi servizi non colpisce eccessivamente la rete Esecuzione della procedura guidata di installazione 1. Lanciare il programma di installazione di GFI MailEssentials. 2. Selezionare la lingua da utilizzare con la presente installazione di GFI MailEssentials, quindi fare clic su Installa. La scelta della lingua non è reversibile. Per modificare la lingua selezionata in questa fase, sarà necessario reinstallare GFI MailEssentials. 3. Nella pagina di Benvenuto, fare clic su Avanti. 4. Selezionare se cercare la presenza di versioni/build più recenti di GFI MailEssentials, quindi fare clic su Avanti. 5. Leggere il contratto di licenza e, se d accordo con i termini e le condizioni riportate in esso, selezionare Accetto i termini del contratto di licenza. Fare clic su Avanti. GFI MailEssentials 3 Installazione 39

40 Schermata 12: Inserimento dell'indirizzo di posta elettronica dell'amministratore e del codice di licenza 6. Digitare l'indirizzo di posta elettronica dell'amministratore in Indirizzo amministratore, quindi compilare l area Codice di licenza. Fare clic su Avanti. Valutazione' non viene più accettata come codice di licenza. Prima di avviare la procedura di aggiornamento, accedere all area clienti del sito web di GFI per aggiornare il codice di licenza. 7. Selezionare la modalità che verrà utilizzata da GFI MailEssentials per recuperare l elenco di utenti della posta. Opzione Sì, tutti gli utenti di posta elettronica sono disponibili su Active Directory. Le regole verranno create in base agli utenti di Active Directory. No, non sono provvisto di Active Directory o la mia rete non ha accesso ad Active Directory (DMZ) Descrizione Modalità Active Directory GFI MailEssentials recupererà l elenco degli utenti da Active Directory. La scelta di questa opzione indica che GFI MailEssentials viene installato dietro il firewall e che ha accesso alla Active Directory contenente TUTTI gli utenti della posta. Modalità SMTP Selezionare questa modalità se si installa GFI MailEssentials in un computer che non dispone di accesso alla Active Directory contenente l elenco completo di tutti gli utenti di posta. Questo include i computer in una DMZ o che non fanno parte di un dominio Active Directory. In questa modalità, GFI MailEssentials popola automaticamente l elenco di utenti locali utilizzando l indirizzo di posta del mittente nei messaggi in uscita. Il presente elenco di utenti può essere gestito anche dal nodo di Impostazioni generali di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Gestione utenti locali (pagina 242). Fare clic su Avanti. GFI MailEssentials 3 Installazione 40

41 Schermata 13: Dati server SMTP e directory virtuale 8. Nella finestra di dialogo Installazione server web, impostare le seguenti opzioni: Di norma, le impostazioni predefinite sono corrette per la maggioranza delle installazioni. Opzione sito web in cui creare la directory virtuale di GFI MailEssentials La directory virtuale di GFI MailEssentials Configuration La directory virtuale dei feed RSS quarantena di GFI MailEssentials Installazione server SMTP Descrizione Selezionare il sito web dove ospitare le directory virtuali di GFI MailEssentials. Indicare un nome per la directory virtuale di GFI MailEssentials. Indicare un nome per la directory virtuale dei feed RSS quarantena di GFI MailEssentials. Selezionare il server SMTP a cui GFI MailEssentials si associa. Per impostazione predefinita, GFI MailEssentials si associa al server virtuale SMTP predefinito. Se nel dominio sono presenti più server SMTP virtuali, è possibile associare GFI MailEssentials a qualsiasi server SMTP virtuale disponibile. NOTE 1. Se si installa in un computer con Microsoft Exchange Server 2007/2010/2013, questa opzione non viene visualizzata poiché Microsoft Exchange dispone già di server SMTP integrato. 2. Dopo l installazione, è sempre possibile associare GFI MailEssentials a un altro server SMTP virtuale da GFI MailEssentials Configuration. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Binding server virtuale SMTP (pagina 243). Fare clic su Avanti. GFI MailEssentials 3 Installazione 41

42 9. Selezionare la cartella in cui installare GFI MailEssentials e fare clic su Avanti. Quando l installazione è un aggiornamento, GFI MailEssentials si installa nel medesimo percorso dell installazione precedente. 10. Per avviare la procedura di installazione, fare clic su Installa. Se viene richiesto di riavviare i servizi SMTP, fare clic su Sì. 11. Al termine, fare clic su Fine. Per le nuove installazioni, la configurazione avvierà automaticamente la Procedura guidata di post-installazione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura guidata di postinstallazione (pagina 42) Procedura guidata di post-installazione La procedura guidata di post-installazione viene caricata automaticamente dopo la prima installazione di GFI MailEssentials. Consente la configurazione delle impostazioni più importanti di GFI MailEssentials. 1. Fare clic su Avanti nella pagina di benvenuto. Schermata 14: impostazioni server DNS 2. Nella finestra di dialogo Server DNS, selezionare: Opzione Utilizza lo stesso server DNS usato da questo server Utilizza un server DNS alternativo Descrizione Selezionare questa opzione per utilizzare lo stesso server DNS utilizzato dal sistema operativo dove è installato GFI MailEssentials. Selezionare questa opzione per specificare un indirizzo IP personalizzato del server DNS. GFI MailEssentials 3 Installazione 42

43 Fare clic su Test per provare la connessione con il server DNS specificato. Se la verifica ha esito negativo, specificare un altro server DNS. Fare clic su Avanti. Schermata 15: impostazioni proxy 3. Nella finestra di dialogo Impostazioni proxy, indicare la modalità con cui GFI MailEssentials si connette a Internet. Se il server si connette tramite server proxy, fare clic su Configura server proxy e specificare le impostazioni proxy. Fare clic su Avanti. Schermata 16: Domini di posta elettronica in arrivo GFI MailEssentials 3 Installazione 43

44 4. Nella finestra di dialogo Domini di posta elettronica in arrivo, specificare tutti i domini da scansionare alla ricerca di virus e spam. Tutti i domini locali che non sono specificati nell'elenco non verranno scansionati. Fare clic su Avanti. Al momento di aggiungere i domini, selezionare Ottieni record MX del dominio e includi nell'elenco dei server perimetrali per recuperare i record MX del dominio e aggiungerli automaticamente all elenco dei server SMTP perimetrali (configurato nel passaggio successivo). Schermata 17: impostazioni server SMTP 5. Nella finestra di dialogo Server SMTP, specificare in che modo il server riceve la posta esterna. Se la posta viene instradata attraverso altri server prima dell'inoltro al server GFI MailEssentials, aggiungere l'indirizzo IP degli altri server nell'elenco. Per maggiori informazioni sui server SMTP perimetrali, consultare: Se si utilizzano prodotti di sicurezza in hosting come GFI MAX MailProtection o GFI MAX MailEdge o GFI MailEssentials Online, abilitare la casella di controllo I messaggi di posta elettronica vengono anche filtrati da. Per maggiori informazioni, consultare: Fare clic su Avanti. GFI MailEssentials 3 Installazione 44

45 Schermata 18: scelta dell'operazione antispam predefinita da effettuare 6. Nella finestra di dialogo Operazione antispam predefinita, selezionare l'operazione predefinita da eseguire al rilevamento di un messaggio spam. Questa operazione verrà applicata solo ai filtri antispam. I filtri malware inseriscono automaticamente in quarantena i messaggi bloccati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Motori di scansione e filtro della posta elettronica (pagina 15). Se si installa su Microsoft Exchange 2010 e l'operazione predefinita selezionata è Sposta in sottocartella della cassetta postale Exchange del destinatario, è necessario creare un utente con diritti di rappresentazione. Scegliere se consentire a GFI MailEssentials di creare automaticamente l'utente oppure specificare le credenziali manualmente e fare clic su Imposta diritti di accesso per assegnare i diritti necessari all'utente specificato. L'utente deve essere dedicato esclusivamente a questa funzionalità e le credenziali non devono essere modificate. Per maggiori informazioni, consultare Fare clic su Avanti. 7. Al momento di installare su Microsoft Exchange Server 2007/2010, viene visualizzato l elenco dei ruoli server rilevati di Microsoft Exchange e dei componenti necessari di GFI MailEssentials. Per installare i componenti necessari di GFI MailEssentials, fare clic su Avanti. 8. Per finalizzare l'installazione, fare clic su Fine. Adesso l'installazione di GFI MailEssentials è completa e il sistema di protezione della posta è pronto. Passaggi successivi: Ottimizzare il sistema di protezione per assicurarsi che sia effettivamente operativo. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Azioni post-installazione (pagina 48). GFI MailEssentials 3 Installazione 45

46 Per rieseguire la Procedura guidata di post-installazione, selezionare la cartella di installazione di GFI MailEssentials ed eseguire il seguente comando: e2kwiz.exe clean 3.4 Aggiornamento da una versione precedente Aggiornamento alla versione più recente di GFI MailEssentials da: GFI MailEssentials 2012 GFI MailEssentials 12 e versioni superiori e/o GFI MailSecurity 10.1 e versioni superiori. Note importanti 1. Prima di eseguire l aggiornamento alla versione più recente di GFI MailEssentials, assicurarsi che il sistema soddisfi i requisiti minimi. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Requisiti di sistema (pagina 21). 2. L aggiornamento non è reversibile, non è possibile eseguire il downgrade alla versione installata in precedenza Aggiornamento dalla versione 2012 o più recente Per eseguire l aggiornamento di GFI MailEssentials 2012 o versioni successive alla versione più recente, avviare il programma di installazione più recente sul server dove è attualmente presente l installazione di GFI MailEssentials. Dopo aver accettato il Contratto di licenza con l'utente finale, il programma di installazione rileva l installazione esistente e mostra il percorso di installazione della versione precedente. Per eseguire l aggiornamento, fare clic su Avanti e al termine, selezionare Fine. Per eseguire l aggiornamento da una versione principale all altra, è necessario un nuovo codice di licenza, ad esempio, per aggiornare da GFI MailEssentials 2012 a GFI MailEssentials È possibile richiedere il nuovo codice dall area clienti di GFI. Microsoft Exchange 2007 e versioni superiori Per gli aggiornamenti su Microsoft Exchange 2007 e versioni successive, la procedura di postinstallazione viene visualizzata dopo l installazione. Mostra l elenco di ruoli server di Microsoft Exchange che sono stati rilevati, oltre ai componenti necessari per GFI MailEssentials. Per installare i componenti necessari di GFI MailEssentials, fare clic su Avanti e quindi su Fine per terminare la procedura guidata di post-installazione Aggiornamento da versioni precedenti Informazione sulle modalità di aggiornamento alla versione più recente di GFI MailEssentials da: GFI MailEssentials versioni 12, 14, 2010 GFI MailSecurity versioni 10.1 e 2011 GFI MailEssentials 2012 e 2014 hanno introdotto una serie di cambiamenti nelle funzionalità disponibili nelle versioni di cui sopra. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials. I cambiamenti principali includono: GFI MailEssentials 3 Installazione 46

47 Le funzioni antispam e antivirus sono unite in un unica soluzione Nuova interfaccia utente basata sul web Presenti differenze nei motori antivirus La creazione di rapporti è integrata all interno dell interfaccia utente Altri aggiornamenti Scegliere l ambiente di cui si esegue l aggiornamento: GFI MailEssentials versioni 12, 14, 2010 GFI MailSecurity versioni 10.1, 2011 Sia GFI MailEssentials che GFI MailSecurity Aggiornamento di GFI MailEssentials versioni 12, 14, 2010 Le funzioni antispam e antiphishing sono concesse in licenza al momento dell aggiornamento. Le funzioni antivirus e antimalware sono disponibili per un periodo di prova di 30 giorni. Installare GFI MailEssentials come se fosse la prima installazione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura di installazione (pagina 38). Per gli aggiornamenti su Microsoft Exchange 2007 e versioni successive, la procedura di postinstallazione viene visualizzata dopo l installazione. Mostra l elenco di ruoli server di Microsoft Exchange che sono stati rilevati, oltre ai componenti necessari per GFI MailEssentials. Per installare i componenti necessari di GFI MailEssentials, fare clic su Avanti e quindi su Fine per terminare la procedura guidata di post-installazione. Aggiornamento a GFI MailSecurity versioni 10.1, 2011 Le funzioni antivirus e antimalware sono concesse in licenza al momento dell aggiornamento. Le funzioni antispam e antiphishing sono disponibili per un periodo di prova di 30 giorni. Installare GFI MailEssentials come se fosse la prima installazione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura di installazione (pagina 38). Dopo l installazione, completare anche la procedura guidata di post-installazione di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura guidata di post-installazione (pagina 42). Aggiornamento sia di GFI MailEssentials che di GFI MailSecurity Quando si esegue l aggiornamento di un server che contiene sia GFI MailEssentials che GFI MailSecurity, tutte le funzioni antivirus, antimalware, antispam e antiphishing vengono concesse in licenza al momento dell aggiornamento. Installare GFI MailEssentials come se fosse la prima installazione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura di installazione (pagina 38). Per gli aggiornamenti su Microsoft Exchange 2007 e versioni successive, la procedura di postinstallazione viene visualizzata dopo l installazione. Mostra l elenco di ruoli server di Microsoft Exchange che sono stati rilevati, oltre ai componenti necessari per GFI MailEssentials. Per installare i componenti necessari di GFI MailEssentials, fare clic su Avanti e quindi su Fine per terminare la procedura guidata di post-installazione. GFI MailEssentials 3 Installazione 47

48 3.5 Azioni post-installazione Per assicurare che il sistema di scansione e di filtro di GFI MailEssentials sia effettivamente operativo, effettuare le seguenti azioni post-installazione: Azione Aggiungere i motori di scansione di GFI MailEssentials all elenco di eccezioni di Protezione esecuzione programmi di Windows. Descrizione Data Execution Prevention (DEP) rappresenta una serie di tecnologie hardware e software che eseguono controlli della memoria per impedire a codice dannoso di essere eseguito sul sistema. Se GFI MailEssentials è stato installato su un sistema operativo che include DEP, sarà necessario aggiungere gli eseguibili del motore di scansione di GFI MailEssentials (GFiScanM.exe) e del motore di scansione antivirus Kaspersky (kavss.exe). Questa operazione è obbligatoria solo quando si installa su Microsoft Windows Server 2003 SP 1 o SP 2. Avviare GFI MailEssentials Configuration. Abilitare raccolta di directory Abilita greylist Configurazione whitelist Verifica dell installazione Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Aggiunta di motori all elenco di eccezioni di Protezione esecuzione programmi di Windows (pagina 48). Fare clic su Start > Tutti i programmi >GFI MailEssentials > GFI MailEssentials Configuration. Gli attacchi di Raccolta di directory si verificano quando gli spammer cercano di indovinare gli indirizzi di posta allegando i nomi utente noti al dominio della vittima. La maggioranza degli indirizzi di posta elettronica è inesistente.questo filtro è abilitato per impostazione predefinita se GFI MailEssentials è installato in un ambiente Active Directory. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Raccolta di directory (pagina 115). Il filtro greylist blocca temporaneamente i messaggi di posta in arrivo ricevuti da mittenti sconosciuti. Normalmente, i sistemi di posta attendibili ritentano l invio dopo alcuni minuti, gli spammer invece ignorano tali messaggi di errore.questo filtro non è abilitato per impostazione predefinita. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Greylist (pagina 130).Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Greylist (pagina 130). La whitelist contiene gli elenchi dei criteri che identificano la posta attendibile. Le che rispettano tali criteri non saranno scansionate dai filtri antispam e verranno sempre recapitate al destinatario. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Whitelist (pagina 140). Dopo aver configurato tutte le azioni post-installazione, GFI MailEssentials è pronto per iniziare a proteggere e filtrare il sistema di posta da messaggi spam e dannosi. Verificare l installazione per assicurarsi che GFI MailEssentials funzioni correttamente. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Verifica dell installazione (pagina 49) Aggiunta di motori all elenco di eccezioni di Protezione esecuzione programmi di Windows Data Execution Prevention (DEP) rappresenta una serie di tecnologie hardware e software che eseguono controlli della memoria per impedire a codice dannoso di essere eseguito sul sistema. Se GFI MailEssentials è stato installato su un sistema operativo che include DEP, sarà necessario aggiungere gli eseguibili del motore di scansione di GFI MailEssentials (GFiScanM.exe) e del motore di scansione antivirus Kaspersky (kavss.exe). Questa operazione è obbligatoria solo quando si installa su Microsoft Windows Server 2003 SP 1 o SP 2. Per aggiungere gli eseguibili di GFI all elenco di eccezione di Protezione esecuzione programmi: 1. Da Pannello di controllo aprire l applet Sistema. 2. Dalla scheda Avanzate, nell area Prestazioni, fare clic su Impostazioni. GFI MailEssentials 3 Installazione 48

49 3. Fare clic sulla scheda Protezione esecuzione programmi. 4. Fare clic su Attiva Protezione esecuzione programmi per tutti i programmi e i servizi tranne quelli selezionati. 5. Fare clic su Aggiungi e, dalla casella della finestra di dialogo, cercare:<gfi MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\sicurezza , quindi scegliere GFiScanM.exe. 6. Fare clic su Aggiungi e nella finestra di dialogo passare a: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antivirus\kaspersky\, quindi selezionare kavss.exe. 7. Per applicare le modifiche, fare clic su Applica e su OK. 8. Riavviare il servizio GFI MailEssentials Autoupdater e i servizi GFI MailEssentials AV Scan Engine Verifica dell installazione Dopo aver configurato tutte le azioni post-installazione, GFI MailEssentials è pronto per iniziare a proteggere e filtrare il sistema di posta da messaggi spam e dannosi. Accertarsi che GFI MailEssentials blocchi la posta indesiderata. A questo proposito, inviare messaggi di prova in entrata e in uscita composti appositamente per essere bloccati da GFI MailEssentials. Passaggio 1: creazione di una regola di filtro dei contenuti 1. Avviare la console di GFI MailEssentials. Selezionare GFI MailEssentials > Filtro contenuti > nodo Filtro parola chiave. 3. Fare clic su Aggiungi regola... Schermata 19: creazione di una regola di prova per il filtro parole chiave GFI MailEssentials 3 Installazione 49

50 4. In Nome regola, digitare Regola di prova. 5. Dalla scheda Oggetto, selezionare Blocca messaggi se il contenuto corrisponde a queste condizioni (oggetto messaggio). 6. In Modifica condizione, digitare Minaccia di prova e fare clic su Aggiungi condizione. 7. Dalla scheda Azioni, abilitare Blocca ed esegui l azione seguente quindi scegliere in quarantena. 8. Per salvare la regola, fare clic su Applica. Passaggio 2: invio di un messaggio di prova in entrata 1. Da un account di posta esterno, creare un nuovo messaggio e digitare Minaccia di prova nell oggetto. 2. Inviare il messaggio a uno degli account di posta interni. Passaggio 3: invio di un messaggio di prova in uscita 1. Da un account di posta interno, creare un nuovo messaggio e digitare Minaccia di prova nell oggetto. 2. Inviare il messaggio a uno degli account di posta esterni. Passaggio 4: conferma del blocco dei messaggi di prova Verificare che i messaggi di prova sia in entrata che in uscita siano bloccati e inseriti nella quarantena. A tale scopo, procedere come segue: 1. Da GFI MailEssentials, accedere a GFI MailEssentials Configuration > Quarantena > Oggi 2. Assicurarsi che sia i messaggi di prova in uscita che in entrata siano elencati nella scheda Malware e contenuti con accanto la motivazione: Regola attivata Regola di prova. GFI MailEssentials 3 Installazione 50

51 Schermata 20: messaggio di prova bloccato da Regola di prova Al completamento della prova, eliminare o disabilitare la Regola di prova creata nel passaggio 1. GFI MailEssentials 3 Installazione 51

52 4 Stato di monitoraggio GFI MailEssentials consente il monitoraggio dell attività della posta elettronica in tempo reale oppure generando rapporti dell attività della posta per un periodo di tempo specifico. Modulo di monitoraggio Dashboard Descrizione La Dashboard di GFI MailEssentials fornisce informazioni in tempo reale che consentono di monitorare il prodotto. Per accedere alla Dashboard, selezionare GFI MailEssentials > Dashboard. Essa comprende: Importanti informazioni statistiche relative ai messaggi bloccati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Stato e statistiche (pagina 53). Stato dei servizi di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Servizi (pagina 54). Rappresentazione grafica dell attività della posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Grafici (pagina 55). Elenco dei messaggi elaborati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Registri di elaborazione messaggi di posta elettronica (pagina 56). Stato degli aggiornamenti software. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Aggiornamenti antivirus e antispam (pagina 58). Record degli eventi importanti di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Registro eventi (pagina 59). Rapporti Registro delle attività di POP2Exchange. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Attività POP2Exchange (pagina 60). GFI MailEssentials consente di creare rapporti sulla base dei dati registrati nel database. Per accedere a Creazione di rapporti, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di rapporti. Abilitazione creazione di rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Abilitazione/disabilitazione di creazione rapporti (pagina 60). Configura il database di creazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione del database di creazione rapporti (pagina 67). Generazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Generazione di un rapporto (pagina 61). Creazione di rapporti personalizzati: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Rapporti personalizzati (pagina 64). Ricerca nel database di creazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Ricerca nel database di creazione rapporti (pagina 65). 4.1 Dashboard La Dashboard di GFI MailEssentials fornisce informazioni in tempo reale che consentono di monitorare il prodotto. Per accedere alla Dashboard, selezionare GFI MailEssentials > Dashboard. Essa comprende: Importanti informazioni statistiche relative ai messaggi bloccati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Stato e statistiche (pagina 53). Stato dei servizi di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Servizi (pagina 54). Rappresentazione grafica dell attività della posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Grafici (pagina 55). Elenco dei messaggi elaborati. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Registri di elaborazione messaggi di posta elettronica (pagina 56). GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 52

53 Stato degli aggiornamenti software. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Aggiornamenti antivirus e antispam (pagina 58). Record degli eventi importanti di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Registro eventi (pagina 59). Registro delle attività di POP2Exchange. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Attività POP2Exchange (pagina 60) Stato e statistiche Schermata 21: Dashboard GFI MailEssentials Per aprire la Dashboard, selezionare GFI MailEssentials > Dashboard. Questa pagina mostra le statistiche, lo stato dei servizi e una rappresentazione grafica dell attività della posta. Di seguito sono forniti maggiori dettagli su queste sezioni. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 53

54 Servizi Schermata 22: I servizi di GFI MailEssentials L area Servizi visualizza lo stato dei servizi di GFI MailEssentials. : indica che il servizio è avviato. Per arrestare il servizio, fare clic su questa icona. : indica che il servizio è arrestato. Per avviare un servizio arrestato, fare clic su questa icona. I servizi possono essere avviati o arrestati anche dalla console Servizi Windows di Microsoft. Per avviare la console dei servizi, accedere a Start > Esegui, digitare services.msc, quindi fare clic su OK. Statistiche quarantena Schermata 23: Statistiche quarantena L area Statistiche quarantena mostra le seguenti informazioni statistiche: Titolo statistica Messaggi malware in quarantena Dimensioni quarantena malware Messaggi spam in quarantena Dimensioni quarantena spam Spazio libero su disco Descrizione Numero di messaggi bloccati dai motori di Sicurezza e Filtro contenuti e poi archiviati nel Malware Quarantine Store. Dimensioni su disco del database di Malware Quarantine Store. Numero di messaggi bloccati dai motori antispam e archiviati in Spam Quarantine Store. Dimensioni su disco del database di Spam Quarantine Store. Spazio libero su disco in cui vengono salvati i quarantine store. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 54

55 Grafici Schermata 24: Grafici del dashboard L area Grafici mostra informazioni grafiche sui messaggi elaborati da GFI MailEssentials. Dall elenco a discesa, selezionare il periodo di tempo per mostrare le informazioni relative a quel periodo nei grafici. Area Visualizza grafici per Descrizione Consente di selezionare un periodo di visualizzazione dei grafici. Le opzioni disponibili sono: Ultime 6 ore Ultime 24 ore Ultime 48 ore Cronologia di scansione della posta elettronica (grafico dei tempi) Statistiche di scansione (grafico a torta) Legenda Ultimi 7 giorni Mostra un grafico dei tempi in intervalli per il periodo di tempo selezionato. Il grafico illustra il numero di messaggi elaborati, attendibili, malware, di filtro contenuti e spam. Una distribuzione grafica del numero totale di messaggi sicuri, inseriti in quarantena e non riusciti per il periodo di tempo selezionato. La legenda mostra il colore utilizzato nei grafici e il conteggio per ciascuna categoria. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 55

56 4.1.2 Registri di elaborazione messaggi di posta elettronica Schermata 25: Registri di elaborazione messaggi di posta elettronica Da GFI MailEssentials Configuration, è possibile monitorare in tempo reale tutti i messaggi elaborati. Selezionare GFI MailEssentials > Dashboard, quindi fare clic sulla scheda Registri per visualizzare l elenco dei messaggi elaborati. Per ciascun messaggio elaborato vengono visualizzati i seguenti dettagli: GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 56

57 Data/ora Mittente Destinatari Oggetto Risultato di scansione: mostra l azione effettuata sul messaggio. Azione OK In quarantena Descrizione Il messaggio non viene bloccato da GFI MailEssentials e viene recapitato ai destinatari previsti. Il messaggio bloccato da un motore o da un filtro che ha impostata l azione di inserimento in quarantena. Per rivedere il messaggio, fare clic su Quarantena. Il messaggio non può essere visualizzato in anteprima in quarantena se è stato eliminato manualmente da essa. Bloccato Eliminato Non riuscito Il messaggio è bloccato da un motore o da un filtro. L azione intrapresa rispetta quella configurata per il motore specifico. Il messaggio è stato bloccato da un motore o da un filtro con l azione impostata di eliminazione dei messaggi rilevati. Il messaggio non può essere scansionato da GFI MailEssentials. Il messaggio viene spostato in una delle seguenti cartelle: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\failedmails\ <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\failedmails\ Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Messaggi di posta elettronica non riusciti (pagina 251). Filtraggio dei registri di elaborazione dei messaggi Schermata 26: filtro di elaborazione messaggi di posta elettronica Il filtraggio dei registri di elaborazione dei messaggi di posta semplifica la procedura di revisione fornendo la possibilità di individuare messaggi specifici. Dall area Filtro, indicare uno dei seguenti criteri: Filtro Mittente Destinatario Oggetto Risultato di scansione Da e a Descrizione Specificare l indirizzo di posta completo o parziale per visualizzare solo i messaggi inviati da mittenti corrispondenti. Specificare l indirizzo di posta completo o parziale per visualizzare solo i messaggi inviati a destinatari corrispondenti. Specificare l oggetto del messaggio di posta completo o parziale per visualizzare solo i messaggi con un oggetto corrispondente. Dall elenco a discesa, scegliere se visualizzare solo i messaggi con un risultato di scansione particolare (ad esempio, solo i messaggi inseriti in quarantena). Indicare una data e un intervallo di date per visualizzare i messaggi elaborati in quel periodo specifico. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 57

58 Per rimuovere i filtri indicati e mostrare tutti i registri di posta, fare clic su Cancella filtri Aggiornamenti antivirus e antispam Schermata 27: aggiornamenti motori di scansione antivirus Gli aggiornamenti dei motori di scansione antivirus e antispam possono essere monitorati da una pagina centrale. Selezionare GFI MailEssentials > Dashboard, quindi fare clic sulla scheda Aggiornamenti per rivedere lo stato e le date in cui sono stati aggiornati per l ultima volta i motori di scansione. Per controllare la presenza di aggiornamenti e scaricarli, far clic su Aggiorna tutti i motori. Viene verificata la presenza di aggiornamenti, per poi scaricarli in base a quanto configurato nelle pagine di configurazione dei motori. Andare alla pagina di configurazione di ciascun motore e selezionare la scheda Aggiornamenti per configurarne le impostazioni di aggiornamento. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 58

59 Gli aggiornamenti di ciascun motore vengono verificati e scaricati in sequenza (un aggiornamento di motore per volta) Registro eventi Schermata 28: Registro eventi Dalla configurazione di GFI MailEssentials è possibile monitorare gli eventi importanti correlati alla funzionalità di GFI MailEssentials. Esempi di istanze che attivano gli eventi: completamento di aggiornamenti motore antispam il database di creazione rapporti raggiunge 1,7 GB e GFI MailEssentials passa a un nuovo database meno di 1 GB di spazio libero su disco nella partizione dove è salvata la quarantena Selezionare GFI MailEssentials > Dashboard, quindi fare clic sulla scheda Eventi per visualizzare l elenco degli eventi. Sono visualizzate le seguenti informazioni per ciascun evento: Data/ora ID evento: a ciascun tipo di evento di GFI MailEssentials viene assegnato un identificatore. Oggetto Per visualizzare ulteriori informazioni su un evento specifico, fare clic su Dettagli. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 59

60 Gli eventi GFI MailEssentials sono disponibili anche dal Visualizzatore eventi di Windows al percorso Registri applicazioni e servizi > GFI MailEssentials Attività POP2Exchange Schermata 29: registro POP2Exchange Da GFI MailEssentials è possibile monitorare l attività di POP2Exchange in tempo reale. Selezionare GFI MailEssentials > Dashboard, quindi fare clic sulla scheda POP2Exchange. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a POP2Exchange - Download messaggi dal server POP3 (pagina 255). 4.2 Rapporti GFI MailEssentials consente di creare rapporti sulla base dei dati registrati nel database. Per accedere a Creazione di rapporti, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di rapporti. Abilitazione creazione di rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Abilitazione/disabilitazione di creazione rapporti (pagina 60). Configura il database di creazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione del database di creazione rapporti (pagina 67). Generazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Generazione di un rapporto (pagina 61). Creazione di rapporti personalizzati: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Rapporti personalizzati (pagina 64). Ricerca nel database di creazione rapporti: Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Ricerca nel database di creazione rapporti (pagina 65) Abilitazione/disabilitazione di creazione rapporti Per impostazione predefinita, Creazione report è abilitata e l attività della posta viene registrata in un database Microsoft Access situato in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\data\reports.mdb. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 60

61 Selezionare Creazione report > nodo Impostazioni e selezionare o deselezionare Abilita creazione di rapporti, rispettivamente per abilitare o disabilitare la funzione Generazione di un rapporto 1. Da GFI MailEssentials configuration, selezionare GFI MailEssentials > Creazione report > Rapporti. Schermata 30: creazione di un rapporto 2. Dalla scheda Elenco rapporto, configurare le seguenti opzioni di rapporti: GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 61

62 Opzione Tipo di rapporto Descrizione Selezione del tipo di rapporto da generare: Messaggi di posta elettronica bloccati: mostra i messaggi totali bloccati dai filtri antispam e antimalware per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna) sul totale di tutti i messaggi elaborati. Grafico messaggi di posta elettronica bloccati: mostra graficamente i messaggi totali bloccati dai filtri antispam e antimalware per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna) sul totale di tutti i messaggi elaborati. Grafico direzione posta elettronica: mostra graficamente i messaggi totali elaborati per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna). Direzione posta: mostra i messaggi totali elaborati per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna). Rapporto utente: mostra il numero di messaggi di posta bloccati e consentiti per ciascun indirizzo di posta. Filtro antispam: visualizza il numero totale di messaggi bloccati da ciascun filtro spam. Grafico filtro antispam: visualizza il numero totale di messaggi bloccati da ciascun filtro antispam. Filtraggio data Filtraggio direzioni posta elettronica Filtraggio indirizzo Raggruppamento creazione di rapporti Per visualizzare in anteprima il rapporto, fare clic su Visualizza anteprima rapporto. Selezionare l intervallo di date del rapporto. Al momento di selezionare Intervallo di date personalizzato, indicare il periodo per cui visualizzare i dati dai controlli del calendario Data iniziale personalizzata e Data finale personalizzata. Selezionare una direzione specifica per la posta per la visualizzazione dei dati oppure fare clic su Tutte le direzioni di posta (in entrata, esterna, interna) per visualizzare dati provenienti da tutte le direzioni. Digitare un indirizzo per visualizzare le informazioni di rapporto specifiche di quell indirizzo di posta. Indicare il modo in cui raggruppare i dati. Le opzioni disponibili sono: Raggruppa per giorno Raggruppa per settimana Raggruppa per mese Raggruppa per anno 3. Per creare e visualizzare il rapporto, fare clic su Genera oppure fare clic su Salva come personalizzato per salvare le impostazioni del rapporto per riutilizzarlo in un secondo momento. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 62

63 Schermata 31: rapporto grafico messaggi di posta elettronica bloccati Funzioni rapporto Utilizzare la barra degli strumenti superiore del rapporto per svolgere le seguenti funzioni: Funzioni Icona Descrizione Stampa Selezionare per stampare il rapporto. Stampa la pagina attuale Navigazione Salva Stampa il documento visualizzato. Utilizzare questa barra degli strumenti per navigare tra le pagine del rapporto. Selezionare il formato in cui salvare il rapporto, quindi fare clic su Salva. Indicare il percorso in cui salvare il rapporto. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 63

64 4.2.3 Rapporti personalizzati I rapporti personalizzati consentono di salvare specifici parametri dei rapporti (ad esempio, un tipo di record per un periodo specifico di ora/data) e generarli in base a una pianificazione. Per automatizzare la generazione dei rapporti, utilizzare questa funzione. Configurazione rapporti personalizzati 1. Da GFI MailEssentials configuration, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di rapporti > Rapporti. 2. Selezionare la scheda Rapporti personalizzati, quindi fare clic su Nuovo. 3. Configurare le opzioni seguenti: Opzione Tipo di rapporto Descrizione Selezione del tipo di rapporto da generare: Messaggi di posta elettronica bloccati: mostra i messaggi totali bloccati dai filtri antispam e antimalware per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna) sul totale di tutti i messaggi elaborati. Grafico messaggi di posta elettronica bloccati: mostra graficamente i messaggi totali bloccati dai filtri antispam e antimalware per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna) sul totale di tutti i messaggi elaborati. Grafico direzione posta elettronica: mostra graficamente i messaggi totali elaborati per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna). Direzione posta: mostra i messaggi totali elaborati per ciascuna direzione della posta (in entrata, in uscita e interna). Rapporto utente: mostra il numero di messaggi di posta bloccati e consentiti per ciascun indirizzo di posta. Filtro antispam: visualizza il numero totale di messaggi bloccati da ciascun filtro spam. Grafico filtro antispam: visualizza il numero totale di messaggi bloccati da ciascun filtro antispam. Filtraggio data Filtraggio direzioni posta elettronica Filtraggio indirizzo Raggruppamento creazione di rapporti Per visualizzare in anteprima il rapporto, fare clic su Visualizza anteprima rapporto. Selezionare l intervallo di date del rapporto. Al momento di selezionare Intervallo di date personalizzato, indicare il periodo per cui visualizzare i dati dai controlli del calendario Data iniziale personalizzata e Data finale personalizzata. Selezionare una direzione specifica per la posta per la visualizzazione dei dati oppure fare clic su Tutte le direzioni di posta (in entrata, esterna, interna) per visualizzare dati provenienti da tutte le direzioni. Digitare un indirizzo per visualizzare le informazioni di rapporto specifiche di quell indirizzo di posta. Indicare il modo in cui raggruppare i dati. Le opzioni disponibili sono: Raggruppa per giorno Raggruppa per settimana Raggruppa per mese Raggruppa per anno 4. In alternativa, abilitare la casella di controllo Invia ogni e configurare una combinazione data/ora affinché il rapporto sia generato a una data/ora specifica. Fare clic su Aggiungi regola per salvare l ora di generazione del rapporto. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 64

65 : per eliminare una regola, selezionare un orario di generazione del rapporto esistente, quindi fare clic su Elimina. 5. Scegliere se inviare il rapporto per posta o salvarlo su disco. Per inviare il rapporto per posta, selezionare Invia per e fornire l indirizzo di posta a cui è stato inviato il messaggio. Per salvare il rapporto su disco, selezionare Salva su disco, quindi fornire un percorso di salvataggio del file e il relativo formato. 6. Per salvare il rapporto appena creato, fare clic su Salva Generazione di rapporti personalizzati Per generare un rapporto personalizzato: 1. Da GFI MailEssentials configuration, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di rapporti > Rapporti. 2. Dalla scheda Rapporti personalizzati, selezionare un rapporto da generare. 3. Fare clic su Genera Eliminazione rapporti personalizzati Per eliminare un rapporto personalizzato: 1. Da GFI MailEssentials configuration, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di rapporti > Rapporti. 2. Dalla scheda Rapporti personalizzati, selezionare un rapporto da eliminare. 3. Fare clic su Elimina Ricerca nel database di creazione rapporti GFI MailEssentials archivia alcune proprietà di tutti i messaggi elaborati nel database di creazione rapporti. GFI MailEssentials consente di effettuare ricerche nel database di creazione rapporti per l individuazione dei messaggi elaborati. Per cercare nel database di creazione rapporti: 1. Da GFI MailEssentials Configuration, selezionare GFI MailEssentials > Creazione di report > Cerca. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 65

66 Schermata 32: Ricerca nel database di creazione rapporti 2. Indicare i criteri di ricerca Criteri di ricerca Data inizio e data fine Utente Totale messaggi Descrizione Selezionare l intervallo di date per filtrare i messaggi di quel periodo. Fare clic su Cerca. Filtrare i risultati dell indirizzo di posta elettronica. Digitare un numero e fare clic su indicare le condizioni. Filtra gli utenti in base alla quantità di messaggi elaborati. Digitare un numero e fare clic su per indicare le condizioni. per 3. Viene visualizzato l elenco degli utenti corrispondenti. Fare clic su un indirizzo per visualizzare un rapporto dettagliato dei messaggi elaborati per quell indirizzo di posta. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 66

67 Schermata 33: risultati di ricerca database Rapporti 4. (Facoltativo) Dal rapporto, filtrare i dati in base alla direzione della posta, al mittente, al ricevente o all oggetto. 5. Per esportare il rapporto in un altro formato, selezionarlo e quindi fare clic su Esporta Configurazione del database di creazione rapporti Per impostazione predefinita, GFI MailEssentials utilizza un database Microsoft Access reports.mdb situato in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\data\ È anche possibile utilizzare un database Microsoft SQL Server per i rapporti. Configurazione di un database back-end Microsoft Access Configurazione di un database back-end Microsoft SQL Server Configurazione dell eliminazione automatica del database GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 67

68 Configurazione di un database back-end Microsoft Access Schermata 34: configurazione di un database back-end Microsoft Access 1. Selezionare Creazione di rapporti > Impostazioni. 2. Selezionare Microsoft Access. 3. Immettere il percorso completo, incluso il nome del file (e l estensione.mdb) del file di database. Se si indica solo il nome file, il file di database viene creato nel seguente percorso predefinito: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\data\ 4. Fare clic su Applica. Configurazione di un database back-end Microsoft SQL Server 1. Creare un nuovo database in Microsoft SQL Server. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 68

69 Si consiglia di creare un utente/accesso dedicato in Microsoft SQL Server per GFI MailEssentials e di assegnarlo al ruolo di sysadmin. Per maggiori informazioni su come creare un nuovo database in Microsoft SQL Server, fare riferimento a 2. Selezionare Creazione di rapporti > Impostazioni. Schermata 35: Configurazione back-end del database SQL Server GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 69

70 3. Selezionare Server SQL. 4. Selezionare Server rilevato, quindi scegliere dall elenco il server SQL rilevato automaticamente. Se il server non viene rilevato, selezionare Server specificato manualmente e immettere l indirizzo IP o il nome server di Microsoft SQL Server. 5. Immettere le credenziali con autorizzazione di lettura/scrittura nel database. 6. Fare clic su Ottieni elenco database per estrarre l elenco dei database dal server. 7. Dall elenco Database, selezionare il database creato per Creazione di rapporti di GFI MailEssentials. 8. Fare clic su Applica. Configurazione dell eliminazione automatica del database È possibile configurare GFI MailEssentials affinché elimini in automatico i record del database che sono anteriori a un periodo particolare. Per abilitare l eliminazione automatica: 1. Selezionare Creazione di rapporti > Impostazioni, quindi fare clic sulla scheda Elimina automaticamente. 2. Selezionare Abilita eliminazione automatica e indicare per quanti mesi dovranno essere archiviati gli elementi nel database. l eliminazione automatica viene applicata solo al database corrente configurato nella scheda Creazione report. 3. Fare clic su Applica Rapporto MailInsights MailInsights è una funzionalità di creazione rapporti che utilizza i dati nel database di creazione rapporti per fornire informazioni relative all utilizzo della posta elettronica e alle tendenze. GFI MailEssentials fornisce il rapporto del Flusso di comunicazione che offre una rappresentazione grafica dei messaggi di posta scambiati tra gli utenti/gruppi selezionati e i relativi contatti. Altri rapporti di MailInsights possono essere generati utilizzando GFI MailArchiver. Rapporto flusso di comunicazione Il rapporto Flusso di comunicazione mostra i primi 20 contatti con cui un utente ha comunicato nei 30 giorni precedenti. 1. Selezionare Creazione di rapporti > MailInsights, quindi fare clic sulla scheda Flusso di comunicazione. 2. Gli amministratori possono generare il rapporto per qualsiasi utente di posta elettronica. Per selezionare un utente della posta elettronica, fare clic su Cerca quindi su Genera per iniziare la creazione del rapporto. Il rapporto generato mostra i dati per l utente selezionato come segue: GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 70

71 Totali L area principale del rapporto mostra le statistiche totali del flusso di comunicazione nei 30 giorni precedenti. Contatti totali: il numero totale degli indirizzi con cui l utente ha effettuato comunicazioni di posta elettronica. Totale interni: il numero totale di utenti interni con cui l utente ha effettuato comunicazioni. Principali interni: l indirizzo interno con cui l utente selezionato ha comunicato di più. Totale esterni: il numero totale di utenti esterni con cui l utente ha effettuato comunicazioni. Grafico Primi 20 contatti Principali esterni: l indirizzo esterno con cui l utente selezionato ha comunicato di più. L utente selezionato viene visualizzato come singola entità nel mezzo del grafico. I contatti vengono separati dai domini. Ciascun cluster di dominio viene visualizzato con un colore diverso. La larghezza del margine tra i nodi indica la forza della relazione di posta tra entità diverse. I primi 20 contatti con cui ha comunicato di più l utente selezionato. I codici colore indicano i domini dei vari contatti. La tabella indica il numero totale di messaggi inviati e ricevuti con quel contatto, insieme alla data e ora in cui si è verificata l ultima comunicazione di posta elettronica. GFI MailEssentials 4 Stato di monitoraggio 71

72 5 Sicurezza I filtri di sicurezza di GFI MailEssentials forniscono protezione dai messaggi infetti da virus o altro tipo di messaggi dannosi. Argomenti del presente capitolo: 5.1 Motori di scansione antivirus Protezione archivio informazioni Scanner trojan ed eseguibili Motore exploit posta Strumento di disinfezione HTML Motori di scansione antivirus GFI MailEssentials utilizza motori antivirus multipli per la scansione di messaggi in entrata, in uscita e interni alla ricerca di virus. GFI MailEssentials viene fornito con i motori di scansione Vipre e BitDefender. È anche possibile acquistare una licenza per Norman, Kaspersky e McAfee. Il presente capitolo illustra come configurare i motori di scansione antivirus, gli aggiornamenti, le operazioni e la sequenza di scansione Vipre 1. Selezionare Sicurezza > Motori di scansione antivirus > Vipre. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 72

73 Schermata 36: configurazione Vipre 2. Selezionare la casella di controllo Abilita scansione gateway (SMTP) per scansionare i messaggi mediante questo motore di scansione antivirus. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita mediante il motore di scansione antivirus. Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. 4. Se si è installato GFI MailEssentials in un computer con Microsoft Exchange è anche possibile scansionare i messaggi interni e Archivio informazioni. Selezionare Scansiona elementi interni e di archivio informazioni. Per utilizzare la funzione di Scansione antivirus archivio informazioni, è necessario abilitarla dal nodo Protezione archivio informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Protezione archivio informazioni (pagina 95). GFI MailEssentials 5 Sicurezza 73

74 In questa pagina è anche possibile rivedere le informazioni di licenza e versione del motore antivirus. Schermata 37: azioni motore di scansione antivirus 5. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: Azione in quarantena Elimina Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina messaggi infetti. Scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 6. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: GFI MailEssentials 5 Sicurezza 74

75 Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 7. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Schermata 38: aggiornamenti motore di scansione antivirus GFI MailEssentials 5 Sicurezza 75

76 8. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 9. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 10. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 11. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 12. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 13. Fare clic su Applica BitDefender 1. Selezionare Sicurezza > Motori di scansione antivirus > BitDefender. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 76

77 Schermata 39: configurazione BitDefender 2. Selezionare la casella di controllo Abilita scansione gateway (SMTP) per scansionare i messaggi mediante questo motore di scansione antivirus. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita mediante il motore di scansione antivirus. Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. 4. Se si è installato GFI MailEssentials in un computer con Microsoft Exchange è anche possibile scansionare i messaggi interni e Archivio informazioni. Selezionare Scansiona elementi interni e di archivio informazioni. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 77

78 Per utilizzare la funzione di Scansione antivirus archivio informazioni, è necessario abilitarla dal nodo Protezione archivio informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Protezione archivio informazioni (pagina 95). In questa pagina è anche possibile rivedere le informazioni di licenza e versione del motore antivirus. 5. BitDefender può essere utilizzato anche per bloccare i messaggi con allegati contenenti macro. Per abilitare questa funzione, accedere all area Controllo macro selezionando Blocca tutti i documenti contenenti macro. Se Controllo macro è disabilitato, GFI MailEssentials effettuerà comunque la scansione e il blocco dei virus macro. Schermata 40: azioni motore di scansione antivirus GFI MailEssentials 5 Sicurezza 78

79 6. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: Azione in quarantena Elimina Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina messaggi infetti. Scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log GFI MailEssentials 5 Sicurezza 79

80 Schermata 41: aggiornamenti motore di scansione antivirus 9. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 10. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 11. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 12. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli GFI MailEssentials 5 Sicurezza 80

81 aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 13. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 14. Fare clic su Applica Kaspersky 1. Selezionare Sicurezza > Motori di scansione antivirus > Kaspersky. Schermata 42: configurazione Kaspersky 2. Selezionare la casella di controllo Abilita scansione gateway (SMTP) per scansionare i messaggi mediante questo motore di scansione antivirus. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita mediante il motore di scansione antivirus. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 81

82 Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. 4. Se si è installato GFI MailEssentials in un computer con Microsoft Exchange è anche possibile scansionare i messaggi interni e Archivio informazioni. Selezionare Scansiona elementi interni e di archivio informazioni. Per utilizzare la funzione di Scansione antivirus archivio informazioni, è necessario abilitarla dal nodo Protezione archivio informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Protezione archivio informazioni (pagina 95). In questa pagina è anche possibile rivedere le informazioni di licenza e versione del motore antivirus. Schermata 43: azioni motore di scansione antivirus GFI MailEssentials 5 Sicurezza 82

83 5. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: Azione in quarantena Elimina Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina messaggi infetti. Scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 6. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 7. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log GFI MailEssentials 5 Sicurezza 83

84 Schermata 44: aggiornamenti motore di scansione antivirus 8. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 9. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 10. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 11. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli GFI MailEssentials 5 Sicurezza 84

85 aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 12. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 13. Fare clic su Applica Norman 1. Selezionare Sicurezza > Motori di scansione antivirus > Norman. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 85

86 Schermata 45: configurazione Norman 2. Selezionare la casella di controllo Abilita scansione gateway (SMTP) per scansionare i messaggi mediante questo motore di scansione antivirus. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita mediante il motore di scansione antivirus. Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 86

87 4. Se si è installato GFI MailEssentials in un computer con Microsoft Exchange è anche possibile scansionare i messaggi interni e Archivio informazioni. Selezionare Scansiona elementi interni e di archivio informazioni. Per utilizzare la funzione di Scansione antivirus archivio informazioni, è necessario abilitarla dal nodo Protezione archivio informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Protezione archivio informazioni (pagina 95). In questa pagina è anche possibile rivedere le informazioni di licenza e versione del motore antivirus. 5. Selezionare Abilita Sandbox per utilizzare la funzione Norman Antivirus Sandbox. La funzione esegue gli allegati dei messaggi di posta in un ambiente virtuale, monitorando tutte le operazioni e i relativi effetti sul sistema. Se un allegato mostra un comportamento virale, il messaggio viene contrassegnato come dannoso e vengono intraprese tutte le misure appropriate. Dato che questo controllo viene eseguito in un ambiente controllato virtuale, non costituisce una minaccia per il computer o la rete dove è installato GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 87

88 Schermata 46: azioni motore di scansione antivirus 6. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: Azione in quarantena Elimina Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina messaggi infetti. Scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 88

89 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Schermata 47: aggiornamenti motore di scansione antivirus 9. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 10. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: GFI MailEssentials 5 Sicurezza 89

90 Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 11. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 12. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 13. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 14. Fare clic su Applica McAfee 1. Selezionare Sicurezza > Motori di scansione antivirus > McAfee. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 90

91 Schermata 48: configurazione McAfee 2. Selezionare la casella di controllo Abilita scansione gateway (SMTP) per scansionare i messaggi mediante questo motore di scansione antivirus. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita mediante il motore di scansione antivirus. Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. 4. Se si è installato GFI MailEssentials in un computer con Microsoft Exchange è anche possibile scansionare i messaggi interni e Archivio informazioni. Selezionare Scansiona elementi interni e di GFI MailEssentials 5 Sicurezza 91

92 archivio informazioni. Per utilizzare la funzione di Scansione antivirus archivio informazioni, è necessario abilitarla dal nodo Protezione archivio informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Protezione archivio informazioni (pagina 95). In questa pagina è anche possibile rivedere le informazioni di licenza e versione del motore antivirus. 5. McAfee Antivirus può essere utilizzato anche per bloccare i messaggi con allegati contenenti macro. Per abilitare questa funzione, accedere all area Controllo macro selezionando Blocca tutti i documenti contenenti macro. Schermata 49: azioni motore di scansione antivirus 6. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: GFI MailEssentials 5 Sicurezza 92

93 Azione in quarantena Elimina Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina messaggi infetti. Scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log GFI MailEssentials 5 Sicurezza 93

94 Schermata 50: aggiornamenti motore di scansione antivirus 9. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 10. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 11. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 12. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli GFI MailEssentials 5 Sicurezza 94

95 aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 13. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 14. Fare clic su Applica. 5.2 Protezione archivio informazioni Quando GFI MailEssentials è installato su un computer con Microsoft Exchange server, Protezione archivio informazioni consente l utilizzo dei motori di scansione antivirus per eseguire la scansione di Archivio informazioni di Microsoft Exchange alla ricerca di virus. Quando GFI MailEssentials è installato su un computer Microsoft Exchange Server 2007/2010, Protezione archivio informazioni è disponibile solo se sono installati i ruoli Server cassetta postale e Trasporto hub. Protezione archivio informazioni (VSAPI) non è supportata su Microsoft Exchange Server 2013, in quanto Microsoft ha rimosso VSAPI da from Microsoft Exchange Server La presente sezione illustrerà all utente come abilitare la Scansione archivio informazioni e in che modo scegliere il metodo di scansione utilizzato da VSAPI (Virus Scanning API) Scansione archivio informazioni 1. Selezionare Sicurezza > Protezione archivio informazioni. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 95

96 Schermata 51: nodo Protezione archivio informazioni 2. Dalla scheda Scansione antivirus archivio informazioni, selezionare Abilita scansione antivirus archivio informazioni. 3. Fare clic su Applica. Lo stato dei motori di scansione antivirus utilizzati per scansionare archivio informazioni è riportato nella tabella. È anche possibile disabilitare un motore antivirus specifico da Scansione archivio informazioni. Andare alla pagina Motori di scansione antivirus, selezionare il motore antivirus e disabilitare Scansiona elementi interni e di archivio informazioni Impostazioni VSAPI Il metodo utilizzato da GFI MailEssentials per l accesso a messaggi e allaegati in Archivio informazioni di Microsoft Exchange è VSAPI (Virus Scanning Application Programming Interface). GFI MailEssentials consente di indicare il metodo da utilizzare per la scansione di archivio informazioni. 1. Selezionare Sicurezza > Protezione archivio informazioni. 2. Selezionare la scheda Impostazioni VSAPI. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 96

97 Schermata 52: Impostazioni VSAPI 3. (Facoltativo) Per eseguire la scansione in background di archivio informazioni, selezionare Abilita scansione in background. AVVISO L abilitazione della scansione in background causa la scansione dell intero contenuto di Archivio informazioni. Ciò può portare a un elevato carico di elaborazione sul server Microsoft Exchange, a seconda della quantità di elementi salvati in Archivio informazioni. È consigliabile abilitare questa opzione solo nei periodi di bassa attività del server, come la notte. 4. Selezionare un metodo di scansione VSAPI: Metodo di scansione Scansione all accesso Descrizione I nuovi elementi all interno di Archivio informazioni verranno scansionati al momento in cui vi accede il client di posta. Ciò può comportare un breve ritardo prima che il client di posta elettronica visualizzi il contenuto di un nuovo messaggio. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 97

98 Metodo di scansione Scansione proattiva Descrizione I nuovi elementi aggiunti all Archivio informazioni vengono aggiunti a una coda per essere sottoposti a scansione. Questa è la procedura predefinita e consigliata, dato che, di norma, si evita il ritardo associato alla scansione all accesso. 5. Fare clic su Applica. Qualora un client di posta elettronica tenti di accedere a un elemento che si trova ancora nella coda, gli verrà allocata una priorità di scansione superiore per permetterne la scansione immediata. 5.3 Scanner trojan ed eseguibili Scanner trojan ed eseguibili analizza e determina la funzione dei file eseguibili allegati ai messaggi. Questo scanner può successivamente inserire in quarantena qualsiasi eseguibile dall attività sospetta, come i trojan. Funzionamento scanner trojan ed eseguibili GFI MailEssentials valuta il livello di rischio di un file eseguibile effettuando la decompilazione dell eseguibile e rilevando in tempo reale le operazioni che potrebbe eseguire. Di conseguenza, confronta le funzionalità dell eseguibile con un database di azioni dannose e valuta in tal modo il livello di rischio del file. Lo scanner trojan ed eseguibili consente la rilevazione e blocco di trojan potenzialmente dannosi, sconosciuti o occasionali, prima che compromettano la rete dell utente Configurazione scanner trojan ed eseguibili 1. Selezionare Sicurezza > Scanner trojan ed eseguibili. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 98

99 Schermata 53: scanner trojan ed eseguibili: scheda Generale 2. Per attivare il filtro, selezionare Abilita Scanner trojan ed eseguibili. 3. Nell area Controllo posta, indicare i messaggi da controllare alla ricerca di trojan e altri eseguibili dannosi facendo clic su: Opzione Controlla messaggi di posta in arrivo Controlla messaggi di posta in uscita Descrizione Scansiona i messaggi in entrata alla ricerca di trojan e file eseguibili dannosi. Scansiona i messaggi in uscita alla ricerca di trojan e file eseguibili dannosi. 4. Dall area Impostazioni protezione, scegliere il livello di protezione richiesto: Livello di protezione Protezione elevata Protezione media Protezione bassa Descrizione Blocca tutti gli eseguibili che contengono firme dannose note. Blocca eseguibili sospetti. I messaggi vengono bloccati se l eseguibile contiene almeno una firma di rischio elevato o una combinazione di firme di rischio elevato e rischio basso. Blocca solo gli eseguibili dannosi. I messaggi vengono bloccati se l eseguibile contiene almeno una firma di rischio elevato. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 99

100 5. Dalla scheda Azioni, configurare le azioni che si desidera far eseguire a GFI MailEssentials sui messaggi che contengono un eseguibile dannoso. I messaggi bloccati dallo scanner trojan ed eseguibili vengono sempre inseriti in quarantena. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 6. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 7. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log GFI MailEssentials 5 Sicurezza 100

101 Schermata 54: aggiornamenti motore di scansione antivirus 8. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 9. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. 10. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 11. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli GFI MailEssentials 5 Sicurezza 101

102 aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 12. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 13. Fare clic su Applica. 5.4 Motore exploit posta Motore exploit posta blocca gli exploit integrati nel messaggio che potrebbero essere eseguiti sul computer del destinatario al momento dell'apertura o ricezione del messaggio. Un exploit sfrutta le vulnerabilità note delle applicazioni e dei sistemi operativi allo scopo di compromettere la sicurezza del sistema. Ad esempio, esegue un programma o un comando oppure installa una backdoor Configurazione motore exploit posta 1. Selezionare Sicurezza > Motore exploit posta. Schermata 55: configurazione exploit posta 2. Dalla scheda Generale, selezionare se scansionare i messaggi in entrata e/o in uscita. Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 102

103 Schermata 56: motore di scansione antivirus: pagina Configurazione (scheda Azioni) 3. Dalla scheda Azioni, scegliere l azione da effettuare quando viene bloccato un messaggio: Azione Inserisci elemento in quarantena Elimina elemento Descrizione Archivia in Quarantine Store tutti i messaggi infetti rilevati dal motore antivirus selezionato. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211). Elimina messaggi infetti. 4. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 5. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione GFI MailEssentials 5 Sicurezza 103

104 personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Schermata 57: aggiornamenti motore di scansione antivirus 6. Per abilitare l aggiornamento automatico dei file AV del motore selezionto, dalla scheda Aggiornamenti, selezionare Controlla automaticamente aggiornamenti. 7. Dall elenco Opzione download, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla solo gli aggiornamenti Controlla aggiornamenti e scarica Descrizione Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e notifichi solo l amministratore quando sono disponibili aggiornamenti per il motore in questione. Questa opzione NON scaricherà automaticamente gli aggiornamenti disponibili. Selezionare questa opzione se si desidera che GFI MailEssentials controlli e scarichi automaticamente eventuali aggiornamenti disponibili per il motore in questione. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 104

105 8. Specificando un valore di intervallo in ore, indicare la frequenza con cui GFI MailEssentials deve controllare/scaricare gli aggiornamenti per questo motore. 9. Dall area Opzioni di aggiornamento, selezionare Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti completati per inviare una notifica di posta all amministratore quando il motore si aggiorna correttamente. Qualora l aggiornamento non riuscisse, verrà sempre inviata una notifica di posta. 10. Per controllare e scaricare immediatamente gli aggiornamenti, fare clic su Scarica aggiornamenti. 11. Fare clic su Applica Abilitazione/disabilitazione exploit posta 1. Selezionare Sicurezza > Motore exploit posta > Elenco exploit. Schermata 58: Elenco exploit posta 2. Selezionare la casella di controllo degli exploit per abilitarli o disabilitarli. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 105

106 3. Di conseguenza, fare clic su Abilita selezionati o Disabilita selezionati. 5.5 Strumento di disinfezione HTML Strumento di disinfezione HTML scansiona e rimuove il codice di scripting presente nel corpo e negli allegati dei messaggi. Esegue la scansione di: corpo del messaggio dove il tipo MIME è impostato su text/html tutti gli allegati del tipo.htm o.html Configurazione strumento di disinfezione HTML 1. Selezionare Sicurezza > Strumento di disinfezione HTML. Schermata 59: pagina di configurazione strumento di disinfezione HTML 2. Abilitare lo strumento di disinfezione HTML facendo clic sulla casella di controllo Abilita strumento di disinfezione HTML. 3. Selezionare la direzione dei messaggi: Opzione Scansiona posta SMTP in entrata Scansiona posta SMTP in uscita 4. Fare clic su Applica. Descrizione Whitelist strumento di disinfezione HTML Scansiona e disinfetta gli script HTML di tutti i messaggi in entrata. Scansiona e disinfetta gli script HTML di tutti i messaggi in uscita. La whitelist dello strumento di disinfezione HTML può essere configurata per escludere i messaggi ricevuti da mittenti specifici. Per escludere indirizzi IP o domini specifici, utilizzare la funzione strumento di disinfezione HTML esclusioni dominio/ip. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Strumento di disinfezione HTML (pagina 106). Per gestire i mittenti nella whitelist strumento di disinfezione HTML: GFI MailEssentials 5 Sicurezza 106

107 1. Selezionare Sicurezza > Strumento di disinfezione HTML, quindi fare clic sulla scheda Whitelist. Schermata 60: pagina Whitelist strumento di disinfezione HTML 2. In Voce whitelist, digitare un indirizzo di posta, un dominio di posta (ad esempio, oppure un dominio secondario di posta (ad esempio, quindi fare clic su Aggiungi. Per rimuovere una voce dalla whitelist strumento di disinfezione HTML, selezionarla e fare clic su Rimuovi. 3. Fare clic su Applica Strumento di disinfezione HTML esclusioni dominio/ IP La funzione Strumento di disinfezione HTML esclusioni dominio/ip consente agli amministratori di indicare gli indirizzi IP o i domini da escludere dallo Strumento di disinfezione HTML. Questo non utilizzerà semplicemente un elenco di indirizzi IP, può anche supportare gli indirizzi del dominio, che vengono anche risolti al runtime, così che sia possibile ottenere tutti gli indirizzi IP del dominio in questione. Esistono due modalità per eseguire questa operazione: 1. Per impostazione predefinita, la funzione esegue query sui record MX del dominio in fase di elaborazione. 2. In alternativa, è possibile scegliere di eseguire query al record SPF del dominio. Se il dominio non dispone di un record SPF, la parte SPF viene ignorata e si utilizzano solo i record MX. Se l indirizzo IP da cui parte il messaggio (quello inviato al server perimetrale) è un IP elencato nella scheda Esclusioni domini/ip oppure viene risolto da un dominio nel medesimo elenco, allora il messaggio non viene elaborato dallo Strumento di disinfezione HTML. È una sorta di whitelist IP ma GFI MailEssentials 5 Sicurezza 107

108 con il vantaggio aggiuntivo di indicare i domini e di risolvere i record MX dei domini e (facoltativamente) il record SPF al fine di ottenere gli indirizzi IP. Per gestire le esclusioni dei domini/ip nella whitelist dello strumento di disinfezione HTML: 1. Selezionare Sicurezza > Strumento di disinfezione HTML, quindi fare clic sulla scheda Esclusioni domini/ip. Schermata 61: esclusioni domini/ip 2. Digitare un dominio o indirizzo IP da escludere e fare clic su Aggiungi. Per rimuovere una voce dalle Esclusioni dominio/ip dello strumento di disinfezione HTML, selezionarla e fare clic su Rimuovi. 3. In alternativa, selezionare Esegui query dei record SPF dei domini specificati per l elenco dei server da escludere. 4. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 5 Sicurezza 108

109 6 Antispam I filtri antispam inclusi in GFI MailEssentials aiutano a rilevare e bloccare i messaggi indesiderati (spam). Argomenti del presente capitolo: 6.1 Filtri antispam Operazioni antispam - cosa fare con lo spam Ordinamento filtri antispam in base alla priorità Filtraggio trasmissione SMTP Spam Digest Impostazioni antispam SpamTag per Microsoft Outlook Scansione cartella pubblica Filtri antispam GFI MailEssentials utilizza vari filtri di scansione per identificare lo spam: FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA SpamRazer Antiphishing Raccolta di directory Block list e- mail Block list IP Block list DNS IP Block list DNS URI Sender Policy Framework Antispoofing Greylist Un motore antispam che riconosce se un messaggio di posta elettronica è spam attraverso impronte digitali, reputazione e analisi del contenuto dei messaggi. Blocca i messaggi che contengono collegamenti ai corpi del messaggio che indirizzano a siti noti di phishing o che contengono parole chiave di phishing tipiche. Gli attacchi di Raccolta di directory si verificano quando gli spammer cercano di indovinare gli indirizzi di posta allegando i nomi utente noti al dominio della vittima. La maggioranza degli indirizzi di posta elettronica è inesistente. La Block list è un database personalizzato di indirizzi di posta elettronica e domini da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. La Block list IP è un database personalizzato di indirizzi IP da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. Block list DNS IP controlla l indirizzo IP del server di invio della posta con un elenco pubblico di server di posta noti per l invio di spam. Arresta i messaggi che contengono collegamenti a domini elencati nelle block list URI spam. Questo filtro utilizza i record SPF per arrestare i messaggi inviati da indirizzi IP falsificati, identificando se l indirizzo IP del mittente è autorizzato. I messaggi ricevuti con un indirizzo del mittente e che sembrano provenire dal proprio dominio vengono controllati da GFI MailEssentialssulla base di un elenco di indirizzi IP. Se l indirizzo IP del mittente non è presente nell elenco di indirizzi IP del server del proprio dominio, il messaggio verrà bloccato. Il filtro greylist blocca temporaneamente i messaggi di posta in arrivo ricevuti da mittenti sconosciuti. Normalmente, i sistemi di posta attendibili ritentano l invio dopo alcuni minuti, gli spammer invece ignorano tali messaggi di errore. Sì Sì Sì (solo se GFI MailEssentials è installato in un ambiente Active Directory) Sì No Sì Sì No No No GFI MailEssentials 6 Antispam 109

110 FILTRO DESCRIZIONE ABILITATO PER IMPOSTAZIONE PREDEFINITA Controllo intestazione Controllo parole chiave spam Analisi bayesiana Whitelist Nuovi mittenti SpamRazer Il filtro Controllo intestazione analizza l'intestazione per identificare i messaggi spam. Questo filtro consente l identificazione dello spam sulla base di parole chiave all interno del messaggio ricevuto. Un filtro antispam che può essere addestrato per determinare con precisione se un messaggio è spam in base a quanto rilevato in precedenza. La whitelist contiene gli elenchi dei criteri che identificano la posta attendibile. Le che rispettano tali criteri non saranno scansionate dai filtri antispam e verranno sempre recapitate al destinatario. Il filtro Nuovi mittenti identifica i messaggi di posta elettronica inviati da mittenti ai quali non sono mai stati inviati messaggi. Un motore antispam che riconosce se un messaggio di posta elettronica è spam attraverso impronte digitali, reputazione e analisi del contenuto dei messaggi. SpamRazer è il motore antispam principale ed è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione. Vengono rilasciati aggiornamenti frequenti per SpamRazer, che ridurranno ulteriormente i tempi di risposta alle nuove tendenze spam. SpamRazer include anche il filtro Sender Policy Framework che rileva i mittenti manomessi. È consigliabile che i mittenti pubblichino il proprio server di posta in un record SPF. Per maggiori informazioni su SPF e sul relativo funzionamento, visitare il sito web di Sender Policy Framework all indirizzo: Questo filtro blocca anche lo spam NDR. Per ulteriori informazioni sullo spam NDR, fare riferimento a Configurazione di SpamRazer La disabilitazione di SpamRazer NON è consigliata. Sì No No Sì No GFI MailEssentials scarica gli aggiornamenti di SpamRazer da: *.mailshell.net 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > SpamRazer. GFI MailEssentials 6 Antispam 110

111 Schermata 62: proprietà SpamRazer 2. Dalla scheda Generale, effettuare una delle seguenti operazioni: Opzione Abilita modulo di gestione SpamRazer Abilita SPF SpamRazer (consigliato) Descrizione Abilitare o disabilitare SpamRazer. Abilitare o disabilitare Sender Policy Framework. Si consiglia di abilitare questa opzione e di eseguire il filtro dopo whitelist . GFI MailEssentials 6 Antispam 111

112 Schermata 63: scheda aggiornamenti SpamRazer 3. Dalla scheda Aggiornamenti, effettuare una delle seguenti operazioni: Opzione Controlla automaticamente aggiornamenti Descrizione Configurare GFI MailEssentials affinché controlli e scarichi in automatico gli aggiornamenti di SpamRazer. Specifica un intervallo di tempo in minuti al termine del quale dovrà essere eseguito il controllo della regola di rilevazione spam e degli aggiornamenti del motore SpamRazer. Si consiglia di abilitare questa opzione affinché SpamRazer sia più efficace nel rilevare le ultime tendenze di spam. Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti completati Selezionare questa opzione per essere informati via posta elettronica quando sono scaricati nuovi aggiornamenti. GFI MailEssentials 6 Antispam 112

113 Opzione Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti non riusciti Scarica aggiornamenti adesso... Descrizione Selezionare questa opzione per essere informati via posta elettronica quando un download o un installazione fallisce. Fare clic per scaricare gli aggiornamenti. Gli aggiornamenti possono essere scaricati utilizzando un server proxy. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni proxy (pagina 240). 4. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 5. Fare clic su Applica Antiphishing Blocca i messaggi che contengono collegamenti ai corpi del messaggio che indirizzano a siti noti di phishing o che contengono parole chiave di phishing tipiche. Il phishing è una tecnica di ingegneria sociale basata sulla posta il cui scopo è portare gli utenti della posta a rivelare i propri dati personali agli spammer. Un messaggio di phishing è molto probabilmente realizzato in modo da assomigliare a un messaggio originale proveniente da un azienda rinomata, ad esempio una banca. Normalmente i messaggi di phishing contengono istruzioni che richiedono la riconferma di informazioni di natura sensibile da parte degli utenti, come i dati bancari o le informazioni sulla carta di credito. Di solito, i messaggi di phishing includono un URI (Uniform Resource Identifier) che l utente deve seguire per inserire alcune informazioni di natura sensibile su un sito di phishing. Il sito indicato dall URI di phishing potrebbe essere una replica di un sito ufficiale ma in realtà è controllato dalla persona che ha inviato i messaggi di phishing. Quando l utente immette le informazioni sensibili nel sito di phishing, i dati vengono raccolti e utilizzati, ad esempio, per ritirare denaro dai conti bancari. Il filtro antiphishing rileva i messaggi di phishing confrontando gli URI presenti nel messaggio con un database di URI noti per essere utilizzati negli attacchi di phishing. Il phishing cerca negli URI anche le parole chiave tipiche utilizzate nel phishing. Il filtro antiphishing è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione. Configurazione antiphishing NON si consiglia di disabilitare l antiphishing. 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Antiphishing. GFI MailEssentials 6 Antispam 113

114 Schermata 64: opzioni antiphishing 2. Per abilitare/disabilitare l antiphishing, nella scheda Generale, selezionare/deselezionare l opzione Controllare i messaggi di posta elettronica alla ricerca di URI di siti di phishing conosciuti. 3. Nella scheda Parole chiave, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controllare URI nei messaggi di posta elettronica alla ricerca di parole chiave tipiche di phishing. Aggiungi Aggiorna Rimuovi Esporta Descrizione Abilita/disabilita controlli per le parole chiave tipiche di phishing Consente l aggiunta di parole chiave al filtro antiphishing. Digitare la parola chiave e fare clic su Aggiungi per aggiungerla al filtro antiphishing. Consente l aggiornamento di parole chiave selezionate. Selezionare una parola chiave dall elenco Parole chiave attuali, eseguire le dovute modifiche alla parola chiave dal campo Modifica parole chiave e quindi fare clic su Aggiorna. Consente la rimozione delle parole chiave selezionate dall elenco. Selezionare una parola chiave dall elenco Parole chiave attuali, quindi fare clic su Rimuovi. Esporta l elenco attuale in un file di formato XML. GFI MailEssentials 6 Antispam 114

115 Opzione Sfoglia... Descrizione Consente l importazione di un elenco parole chiave precedentemente esportato. Fare clic su Sfoglia, selezionare un file di parole chiave precedentemente esportato e quindi fare clic su Importa. 4. Dalla scheda Aggiornamenti, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Controlla automaticamente aggiornamenti Descrizione Configurare GFI MailEssentials affinché controlli e scarichi in automatico gli aggiornamenti di antiphishing. Specifica un intervallo di tempo in minuti al termine del quale dovrà essere eseguito il controllo degli aggiornamenti. Si consiglia di abilitare questa opzione affinché l antiphishing sia più efficace nel rilevare le ultime tendenze di phishing. Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti completati Abilita le notifiche di posta per gli aggiornamenti non riusciti Scarica aggiornamenti adesso... Selezionare/deselezionare la casella di controllo per essere informati via posta elettronica quando sono scaricati nuovi aggiornamenti. Selezionare/selezionare questa casella per essere informati quando un download o un installazione non viene eseguita. Fare clic su questa opzione per scaricare immediatamente gli aggiornamenti antiphishing. Gli aggiornamenti possono essere scaricati utilizzando un server proxy. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni proxy (pagina 240). 5. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 6. Fare clic su Applica Raccolta di directory Gli attacchi di Raccolta di directory si verificano quando gli spammer cercano di indovinare gli indirizzi di posta allegando i nomi utente noti al dominio della vittima. La maggioranza degli indirizzi di posta elettronica è inesistente. Gli spammer inviano i messaggi di posta a indirizzi di posta elettronica generati in modo casuale. Anche se alcuni indirizzi possono corrispondere a utenti reali, la gran parte di questi messaggi non è valida e dunque inonda il server di posta della vittima. GFI MailEssentials arresta questi attacchi bloccando i messaggi di posta indirizzati a utenti che non fanno parte di Active Directory o del server di posta dell organizzazione. La raccolta di directory può essere configurata per essere eseguita al ricevimento del messaggio completo o a livello SMTP, dunque i messaggi vengono filtrati mentre vengono ricevuti. Il filtro a livello SMTP interrompe la connessione della posta e dunque arresta il download dell intero messaggio, risparmiando la larghezza di banda e le risorse di elaborazione. In questo caso, la connessione viene interrotta immediatamente e i messaggi non devono superare nessun altro filtro antispam. GFI MailEssentials 6 Antispam 115

116 Questo filtro è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione di GFI MailEssentials in un ambiente Active Directory. La raccolta di directory si configura in due passaggi, nel modo seguente: Fase 1 - Configurazione proprietà Raccolta di directory Fase 2 - Scegliere se eseguire Raccolta di directory durante la trasmissione SMTP. Fase 1 - Configurazione proprietà Raccolta di directory 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Raccolta di directory. Schermata 65: pagina Raccolta di directory 2. Abilitare/disabilitare Raccolta di directory e selezionare il metodo di ricerca da utilizzare: GFI MailEssentials 6 Antispam 116

117 Opzione Abilita protezione raccolta di directory Utilizza ricerche Active Directory native Descrizione Abilitare/disabilitare Raccolta di directory. Scegliere questa opzione se GFI MailEssentials è installato in Active Directory. Quando GFI MailEssentials si trova dietro un firewall, la funzione di Raccolta di directory potrebbe non essere in grado di connettersi direttamente alla Active Directory interna a causa delle impostazioni del firewall. Utilizzare le ricerche LDAP per eseguire la connessione all Active Directory interna della rete e assicurarsi di abilitare la porta predefinita 389/636 sul firewall. Utilizza ricerche LDAP Selezionare la configurazione delle impostazioni LDAP se GFI MailEssentials è installato nella modalità SMTP. Se il server LDAP richiede autenticazione, deselezionare l opzione Associazione anonima e immettere i dati di autenticazione che verranno utilizzati da questa funzione. Specificare le credenziali di autenticazione utilizzando il formato Dominio/Utente (ad esempio dominioprincipale\amministratore). In un Active Directory, il server LDAP è solitamente il controller di dominio. 3. Nell'opzione Blocca se il numero dei destinatari inesistenti è uguale o superiore a, indicare il numero di destinatari inesistenti che porterà alla classificazione del messaggio come spam. Se i destinatari di un messaggio non sono validi o se il numero di destinatari non validi è uguale o superiore al limite specificato, i messaggi verranno bloccati tramite raccolta di directory. Evitare i falsi positivi impostando un numero ragionevole nella casella di modifica Blocca se il numero dei destinatari inesistenti è uguale o superiore a. Il valore deve tenere conto degli utenti che inviano posta attendibile a indirizzi digitati erroneamente oppure a utenti che non sono più impiegati presso l'azienda. È consigliabile impostare questo valore almeno su Fornire un indirizzo di posta e fare clic su Test per verificare le impostazioni di Raccolta di directory. Ripetere il test con un indirizzo di posta elettronica inesistente e assicurarsi che la ricerca Active Directory non abbia esito positivo. 5. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). Se Raccolta di directory è impostata per essere eseguita a livello SMTP, solo l opzione Registra occorrenza regola nel seguente file sarà disponibile nella scheda Azioni. 6. Fare clic su Applica. Fase 2 - Scegliere se eseguire Raccolta di directory durante la trasmissione SMTP. 1. Accedere a Antispam > Priorità filtro e selezionare la scheda Filtraggio trasmissione SMTP. 2. Fare clic su Cambia per attivare o disattivare il filtro di Raccolta di directory scegliendo tra: GFI MailEssentials 6 Antispam 117

118 Opzione Filtraggio alla ricezione dei messaggi di posta completi Filtraggio durante trasmissione SMTP Descrizione Il filtraggio viene effettuato alla ricezione dell intero messaggio. Il filtraggio viene effettuato durante la trasmissione SMTP attraverso la verifica dell esistenza dei destinatari del messaggio, prima della ricezione del corpo del messaggio e dell allegato. Se viene selezionata questa opzione, Raccolta di directory verrà sempre eseguita prima degli altri filtri antispam. 3. Fare clic su Applica Block list La Block list è un database personalizzato di indirizzi di posta elettronica e domini da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. Questo filtro è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione di GFI MailEssentials. Configurazione di Block list 1. Accedere a Antispam > Filtri antispam > Block list . GFI MailEssentials 6 Antispam 118

119 Schermata 66: Block list 2. Dalla scheda Block list, configurare gli indirizzi e i domini da bloccare. OPZIONE Abilita block list DESCRIZIONE Selezionare/deselezionare per abilitare/disabilitare la block list . GFI MailEssentials 6 Antispam 119

120 OPZIONE Aggiungi DESCRIZIONE Aggiungere alla block list indirizzi , domini di posta elettronica o un suffisso dell'intero dominio. 1. Digitare l indirizzo , il dominio (ad esempio, o un suffisso dell intero dominio (ad esempio da aggiungere alla block list. 2. Indicare il tipo di messaggio a cui devono corrispondere i messaggi da inserire nella whitelist. Per ulteriori informazioni sulla differenza tra SMTP e MIME fare riferimento a: 3. (Facoltativo) È anche possibile aggiungere una descrizione alla voce nel campo Descrizione. Rimuovi Importa 4. Fare clic su Aggiungi. Selezionare una voce della block list e fare clic su Rimuovi per eliminarla. Importa un elenco di voci di block list da un file in formato XML. È possibile importare un elenco di voci da un file in formato XML con la medesima struttura utilizzata da GFI MailEssentials per l'esportazione di un elenco di voci. Esporta Cerca Esporta l'elenco di voci della block list in un file in formato XML. Digitare una voce da cercare. Le voci corrispondenti vengono filtrate nell'elenco di voci della block list. 3. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 4. Fare clic su Applica. Blocklist personale La block list personale è una block list aggiuntiva che completa la block list globale. Disabilitata per impostazione predefinita, la blocklist personale può essere abilitata per gli utenti per consentir loro di aggiungere indirizzi di posta specifici a una blocklist personale che possano gestire. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Azioni utente finale (pagina 19). Per gli scopi di gestione, gli amministratori possono anche rimuovere indirizzi di posta specifici che gli utenti hanno aggiunto alla loro blocklist personale. Abilitazione/disabilitazione blocklist personale 1. Selezionare Antispam > Block list . GFI MailEssentials 6 Antispam 120

121 Schermata 67: blocklist personale 2. Selezionare la scheda Blocklist personale e selezionare o deselezionare Abilita blocklist personale per abilitare o disabilitare la funzione della blocklist personale. 3. Fare clic su Applica. Rimozione dei messaggi dalla blocklist personale degli utenti 1. Accedere a Antispam > Block list e selezionare la scheda Blocklist personale. 2. Dall elenco a discesa Utente, selezionare l utente di cui eliminare un indirizzo di posta. 3. Selezionare un indirizzo di posta dall elenco. Fare clic su Rimuovi. 4. Fare clic su Applica Block list IP La Block list IP è un database personalizzato di indirizzi IP da cui non si desidera ricevere alcun messaggio. Questo filtro può essere configurato per essere eseguito al ricevimento del messaggio completo o a livello SMTP, dunque i messaggi vengono filtrati mentre vengono ricevuti. Il filtro a livello SMTP interrompe la connessione della posta e dunque arresta il download dell intero messaggio, risparmiando la larghezza di banda e le risorse di elaborazione. In questo caso, la connessione viene interrotta immediatamente e i messaggi non devono superare nessun altro filtro antispam. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Filtraggio trasmissione SMTP (pagina 151). La block list IP NON è abilitata per impostazione predefinita. Configurazione whitelist 1. Accedere a Antispam > Filtri antispam > Block list IP. GFI MailEssentials 6 Antispam 121

122 Schermata 68: Block list IP 2. Dalla scheda Generale, selezionare Abilita block list IP per bloccare tutti i messaggi di posta elettronica ricevuti da indirizzi IP specifici. 3. Nella casella Voce block list IP, specificare gli indirizzi IP da bloccare: Opzione Computer singolo/cidr Gruppo di computer Descrizione Descrizione Immettere un singolo indirizzo IP o un intervallo di indirizzi IP utilizzando la notazione CIDR. Indicare Indirizzo subnet e Subnet Mask del gruppo di IP da inserire in whitelist. 2. (Facoltativo) Aggiungere una Descrizione. 3 Fare clic su Aggiungi. Se lo si desidera, è possibile aggiungere una descrizione per facilitare l identificazione degli IP specificati. GFI MailEssentials 6 Antispam 122

123 4. Fare clic su Aggiungi per aggiungere gli indirizzi IP specificati alla casella Block list IP. 5. Per eliminare gli indirizzi IP dalla Block list IP, selezionare gli indirizzi da rimuovere e fare clic su Rimuovi. 6. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). Se Block list IP è impostata per essere eseguita a livello SMTP, solo l opzione Registra occorrenza regola nel seguente file sarà disponibile nella scheda Azioni. 7. Fare clic su Applica Block list DNS IP Block list DNS IP controlla l indirizzo IP del server di invio della posta con un elenco pubblico di server di posta noti per l invio di spam. GFI MailEssentials supporta una serie di block list DNS IP. Esiste una serie di Block list DNS IP disponibili, che partono da elenchi affidabili con procedure chiaramente delineate per l inserimento o la rimozione dalle stesse fino a elenchi meno affidabili. GFI MailEssentials mantiene una cache con i risultati delle query alla block list DNS IP onde evitare che vengano eseguite query multiple alle block list DNS IP per i medesimi indirizzi IP. Gli elementi rimangono nella cache per 4 giorni e vengono cancellati al riavvio del servizio GFI MailEssentials AS Scan Engine. Questo filtro può essere configurato per essere eseguito al ricevimento del messaggio completo o a livello SMTP, dunque i messaggi vengono filtrati mentre vengono ricevuti. Il filtro a livello SMTP interrompe la connessione della posta e dunque arresta il download dell intero messaggio, risparmiando la larghezza di banda e le risorse di elaborazione. In questo caso, la connessione viene interrotta immediatamente e i messaggi non devono superare nessun altro filtro antispam. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Filtraggio trasmissione SMTP (pagina 151). Questo filtro è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione di GFI MailEssentials. Note importanti 1. Affinché questa funzione sia disponibile, il server DNS deve essere configurato correttamente. In caso contrario, si verificheranno timeout e il traffico della posta verrà rallentato. Per maggiori informazioni, consultare: 2. L invio di query a una block list DNS IP può risultare lento, a seconda della connessione, dunque la posta può subire leggeri rallentamenti. 3. Assicurarsi che tutti i server perimetrali SMTP siano configurati nella finestra di dialogo Server perimetrali SMTP, così da consentire a GFI MailEssentials di controllare l indirizzo IP che si connette ai server perimetrali. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni server SMTP perimetrali (pagina 161). Configurazione block list DNS IP 1. Accedere a Antispam > Filtri antispam > Block list DNS IP. GFI MailEssentials 6 Antispam 123

124 Schermata 69: Block list DNS IP 2. Configurare le opzioni seguenti: Opzione Controlla se il server di invio posta è presente in una delle seguenti Block list DNS IP: Aggiungi block list DNS IP Abilita selezionati Disabilita selezionati Rimuovi selezionati Descrizione Selezionare questa opzione per abilitare il filtro block list DNS IP. Se necessario, aggiungere altre block list DNS IP a quelle già elencate. Immettere il dominio della block list DNS IP e fare clic su Aggiungi block list DNS IP. Selezionare una block list DNS IP e fare clic su Abilita selezionati per abilitarla. Selezionare una block list di IP DNS e fare clic su Disabilita selezionati per disabilitarla. Selezionare una block list DNS IP e fare clic su Rimuovi selezionati per rimuoverla. 3. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 4. Fare clic su Applica. Per abilitare la block list DNS IP a livello di filtro trasmissione SMTP, selezionare la scheda Antispam > Priorità filtro > Filtraggio trasmissione SMTP e fare clic su Parametro accanto alla blocklist DNS IP per abilitare/disabilitare il filtro a livello SMTP oppure alla ricezione del messaggio completo. GFI MailEssentials 6 Antispam 124

125 6.1.7 Block list DNS URI Arresta i messaggi che contengono collegamenti a domini elencati nelle block list URI spam. Un URI (Universal Resource Identifier) è uno strumento standard per indirizzare le risorse sul web. Le RBL (Realtime Blocklist) rilevano lo spam sulla base di collegamenti ipertestuali nella posta che sono noti essere utilizzati dagli spammer. Questo filtro è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione di GFI MailEssentials. Configurazione block list DNS URI 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Block list DNS URI. Schermata 70: Block list DNS URI 2. Dalla scheda Block list DNS URI: Opzione Controllare se i messaggi di posta elettronica contengono URI i cui domini sono presenti nelle seguenti block list: Aggiungi block list DNS URI Ordine di preferenza Descrizione Per abilitare il filtro block list DNS URI, selezionare questa opzione. Se necessario, aggiungere altre block list DNS URI a quelle già elencate. Immettere il nome completo del dominio della block list DNS URI e fare clic su Aggiungi block list DNS URI. L ordine di preferenza per le block list abilitare DNS URI può essere cambiato selezionando una block list e facendo clic sui pulsanti Su o Giù. GFI MailEssentials 6 Antispam 125

126 Opzione Abilita selezionati Descrizione Selezionare una block list DNS URI e fare clic su Abilita selezionati per attivarla. Si consiglia di disabilitare tutte le altre block list DNS URI al momento di abilitare multi.surbl.org, in quanto ciò potrebbe incrementare il tempo di elaborazione dei messaggi. Disabilita selezionati Rimuovi selezionati Selezionare una block list DNS URI e fare clic su Disabilita selezionati per disattivarla. Selezionare una block list DNS URI e fare clic su Rimuovi selezionati per rimuoverla. 3. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 4. Fare clic su Applica Sender Policy Framework Questo filtro utilizza i record SPF per arrestare i messaggi inviati da indirizzi IP falsificati, identificando se l indirizzo IP del mittente è autorizzato. Il filtro Sender Policy Framework è basato su un impegno della community, il che richiede che i mittenti pubblichino gli indirizzi IP dei loro server di posta in un record SPF. Esempio: Se un messaggio viene inviato da allora companyabc.com deve pubblicare un record SPF per poter determinare se il messaggio è stato davvero inviato dalla rete companyabc.com oppure è un falso. Se un record SPF non viene pubblicato da CompanyABC.com, il risultato SPF sarà sconosciuto. Per ulteriori informazioni su SPF e sul funzionamento, visitare il sito web di Sender Policy Framework all indirizzo: Il filtro SPF NON è abilitato per impostazione predefinita e si consiglia di abilitare questa opzione e di anteporne l esecuzione rispetto alla Whitelist , in modo da bloccare i mittenti falsificati prima che siano erroneamente inseriti nella whitelist. La pubblicazione dei record SPF da parte di GFI MailEssentials non è un requisito del programma. Per pubblicare i record SPF, utilizzare la procedura guidata SPF presente in: Prerequisiti Prima di abilitare il filtro Sender Policy Framework su un installazione server non-gateway: 1. Fare clic su Antispam > Impostazioni antispam e selezionare la scheda Server SMTP perimetrali. 2. Nell opzione di impostazione del server perimetrale SMTP, fare clic su Rileva per effettuare una ricerca MX DNS e definire in automatico l indirizzo IP del server SMTP perimetrale. Abilitazione di Sender Policy Framework 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Sender Policy Framework. GFI MailEssentials 6 Antispam 126

127 Schermata 71: abilitazione e configurazione delle proprietà Sender Policy Framework (SPF) 2. Per abilitare Sender Policy Framework, fare clic su Abilitato. Se l indirizzo IP del mittente del messaggio non è assolutamente autorizzato a inviare i messaggi dal dominio del mittente, i messaggi di posta saranno bloccati. 3. In alternativa, selezionare Abilita filtro SPF avanzato e selezionare una delle opzioni avanzate da: OPZIONE Blocca risultato SOFT FAIL DESCRIZIONE Blocca tutti i messaggi dove: L indirizzo IP del mittente non è assolutamente autorizzato a inviare messaggi dal dominio del mittente L indirizzo IP del mittente probabilmente non è autorizzato a inviare messaggi dal dominio del mittente Per ulteriori informazioni sui filtri SPF avanzati, consultare: GFI MailEssentials 6 Antispam 127

128 OPZIONE Blocca risultati SOFT FAIL, Neutral, Unknown e NONE DESCRIZIONE Blocca tutti i messaggi dove: L indirizzo IP del mittente non è assolutamente autorizzato a inviare messaggi dal dominio del mittente L indirizzo IP del mittente probabilmente non è autorizzato a inviare messaggi dal dominio del mittente L indirizzo IP del mittente è decisamente non convincente, sconosciuto o non esistono dati pubblicati in merito. Per ulteriori informazioni sui filtri SPF avanzati, consultare: 4. Selezionare la scheda Eccezioni IP o Eccezioni per configurare gli indirizzi IP e/o i destinatari da escludere dai controlli SPF: Elenco eccezioni IP: Le voci del presente elenco superano in automatico i controlli SPF. Selezionare la casella di controllo Elenco eccezioni IP, aggiungere un nuovo indirizzo IP e descrizione, quindi fare clic su Aggiungi. Per rimuovere le voci, selezionare quelle da rimuovere dall'elenco e fare clic su Rimuovi selezionati. Per disabilitare l elenco eccezioni IP, deselezionare la casella di controllo Elenco eccezioni IP. Quando si aggiungono manualmente gli indirizzi IP all elenco eccezioni IP, è anche possibile aggiungere un intervallo di indirizzi IP tramite la notazione CIDR. Elenco eccezioni messaggi: Questa opzione assicura che determinati mittenti o destinatari dei messaggi siano esclusi dal controllo SPF, anche se i messaggi vengono respinti. Selezionare la casella di controllo Elenco eccezioni messaggi, aggiungere un nuovo indirizzo di posta elettronica e descrizione, quindi fare clic su Aggiungi. Per rimuovere le voci, selezionare quelle da rimuovere dall'elenco e fare clic su Rimuovi selezionati. Per disabilitare l elenco eccezioni messaggi, deselezionare la casella di controllo Elenco eccezioni messaggi. Un indirizzo può essere immesso in uno dei seguenti tre modi: local part - abuse (corrisponde a ecc...) domain (corrisponde a ecc...) complete - (corrisponde solo a ) 5. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 6. Fare clic su Applica per salvare le impostazioni Anti-spoofing I messaggi ricevuti con un indirizzo del mittente e che sembrano provenire dal proprio dominio vengono controllati da GFI MailEssentialssulla base di un elenco di indirizzi IP. Se l indirizzo IP del mittente non è presente nell elenco di indirizzi IP del server del proprio dominio, il messaggio verrà bloccato. Questo filtro NON è abilitato per impostazione predefinita. GFI MailEssentials 6 Antispam 128

129 AVVISO Se si abilita questa funzione, non inserire nella whitelist gli utenti interni, poiché rende vano il controllo anti-spoofing. Abilitazione e configurazione anti-spoofing 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Anti-spoofing. Schermata 72: filtro anti-spoofing GFI MailEssentials 2. Per abilitare il filtro anti-spoofing, selezionare Abilita anti-spoofing. 3. Nel campo Server SMTP, fornire l'indirizzo IP del server SMTP in cui GFI MailEssentials eseguirà il controllo degli indirizzi dei destinatari. Fornire inoltre una descrizione per il server nel campo Descrizione:. Il campo Server SMTP supporta i seguenti tipi di immissioni: Indirizzo IP singolo Intervallo CIDR (ad esempio, /24) GFI MailEssentials 6 Antispam 129

130 4. Per salvare i dati del server SMTP, fare clic su Aggiungi server SMTP. Per rimuovere i server SMTP precedentemente aggiunti, selezionare un server SMTP dall Elenco di indirizzi IP autorizzati, quindi fare clic su Rimuovi selezionati. Per impostazione predefinita, sono abilitate le opzioni Utilizza indirizzi IP autorizzati dall elenco server perimetrali e Non bloccare le connessioni autenticate. Non è consigliabile disabilitarle. La casella di controllo Non bloccare le connessioni autenticate non si applica per Microsoft IIS e Microsoft Exchange È compatibile solo con Exchange 2007 o versioni successive. È compatibile solo con Exchange 2007 o versioni successive Greylist Il filtro greylist blocca temporaneamente i messaggi di posta in arrivo ricevuti da mittenti sconosciuti. Normalmente, i sistemi di posta attendibili ritentano l invio dopo alcuni minuti, gli spammer invece ignorano tali messaggi di errore.se il messaggio viene ricevuto nuovamente dopo un periodo predefinito, la greylist: archivia i dettagli del mittente in un database, in modo che quando questi invierà un altro messaggio esso non verrà inserito nella greylist riceve il messaggio e procede con la scansione antispam La greylist NON è abilitata per impostazione predefinita. Note importanti 1. Per abilitare la greylist, GFI MailEssentials deve essere installato sul server SMTP perimetrale. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a 2. La greylist contiene gli elenchi di esclusione, in modo che indirizzi , domini e indirizzi IP specifici non siano inseriti nella greylist. Le esclusioni devono essere configurate quando: non è possibile ritardare messaggi provenienti da determinati indirizzi , domini o indirizzi IP non è possibile ritardare la posta indirizzata a un particolare utente locale Configurazione greylist 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Greylist. 2. Dalla scheda Generale, selezionare/deselezionare Abilita greylist per abilitare/disabilitare la greylist. GFI MailEssentials 6 Antispam 130

131 Schermata 73: Esclusioni 3. Per indicare gli indirizzi o i domini da non inserire nella greylist, selezionare la scheda Esclusioni . Nell area Modifica indirizzi, specificare: l'indirizzo completo oppure gli indirizzi dell'intero dominio (ad esempio: o il suffisso di un intero dominio (ad esempio: o Specificare anche se l'esclusione viene applicata ai mittenti (selezionare Da (>) o ai destinatari (selezionare A (>)) locali. Esempio 1: non inserire le nella greylist se il destinatario è in modo che tutte le inviate a non vengano mai ritardate. GFI MailEssentials 6 Antispam 131

132 Esempio 2: non inserire in greylist le se il dominio del mittente è trusteddomain.com in modo che le ricevute dal dominio trusteddomain.com non vengano mai ritardate. Fare clic su Aggiungi per aggiungere l esclusione. Per escludere dalla greylist (con conseguente ritardo) gli indirizzi e i domini inseriti nella whitelist e nella whitelist automatica, selezionare Escludere gli indirizzi e i domini specificati nella whitelist. 4. Per indicare gli indirizzi IP da escludere dalla greylist, selezionare la scheda Esclusioni IP. Fare clic su Aggiungi IP e indicare un IP da escludere. 5. Per escludere dalla greylist (con conseguente ritardo) gli indirizzi IP inseriti in whitelist, selezionare Escludi indirizzi IP indicati nella whitelist. 6. Per registrare le occorrenze della greylist in un file di registro, selezionare la scheda Azioni e quindi Registra occorrenza regola nel seguente file. I file di registro potrebbero diventare molto grandi. GFI MailEssentials supporta la rotazione del registro, durante la quale i nuovi file di registro vengono creati periodicamente oppure quando il file del registro raggiunge una determinata dimensione. Per abilitare la rotazione del file di registro, selezionare Antispam > Impostazioni antispam. Selezionare la scheda Registrazione messaggi antispam, fare clic su Abilita rotazione file di registro e indicare la condizione di rotazione. 7. Fare clic su Applica Controllo intestazione Il filtro Controllo intestazione analizza l'intestazione per identificare i messaggi spam. Configurazione controllo intestazione 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Controllo intestazione. GFI MailEssentials 6 Antispam 132

133 Schermata 74: opzioni di Controllo intestazione 2. Abilitare, disabilitare o configurare i seguenti parametri: GFI MailEssentials 6 Antispam 133

134 Opzione Controllare se l'intestazione del messaggio contiene un campo MIME FROM: vuoto. Controllare se l'intestazione del messaggio contiene un campo MIME FROM: errato. Numero massimo di destinatari consentiti nel messaggio Controllare se le intestazioni dei messaggi contengono campi diversi SMTP TO: e MIME TO:. Descrizione Controllare se il mittente si è identificato nel campo Da:. Se il campo è vuoto, il messaggio verrà contrassegnato come spam. Controlla se il campo "MIME from" è nella notazione corretta definita in RFC. Identifica la posta con grandi quantitativi di destinatari e li contrassegna come SPAM. Controlla se i campi SMTP TO: e MIME TO: negli indirizzi di posta sono gli stessi. Il server della posta degli spammer deve includere un indirizzo SMTP to:. Tuttavia, l indirizzo di posta MIME to: spesso non è incluso o è diverso. : Questa caratteristica identifica molta spam, tuttavia alcuni server di elenco non includono nemmeno MIME to:. Pertanto, per utilizzare questa funzione, si consiglia di inserire nella whitelist l indirizzo del mittente. Verificare se il dominio del mittente è valido (esegue ricerca DNS su MIME FROM:) Numero massimo di numeri consentiti nella prima parte del campo MIME FROM:. Controlla se il messaggio contiene indirizzi IP codificati. Controlla se il messaggio contiene solo immagini remote. Dimensioni minime corpo HTML Controlla se il messaggio contiene immagini GIF. Esegue una ricerca DNS sul dominio nel campo MIME from e verifica la validità del dominio. : assicurarsi che il server DNS sia correttamente configurato per evitare timeout e rallentamenti del flusso di posta. Identifica la presenza di numeri nel campo "MIME from". Spesso gli spammer utilizzano strumenti che creano automaticamente indirizzi "reply-to:" univoci tramite i numeri presenti nell'indirizzo. Controlla l intestazione e il corpo del messaggio alla ricerca di URL con IP codificato esadecimale/ottale (http:// /hello.com) o con una combinazione di nomeutente/password (ad esempio I seguenti esempi sono contrassegnati come spam: Contrassegna come spam i messaggi contenenti solamente immagini remote e una quantità minima di testo. Aiuta nell identificare la spam del tipo posta solo immagine. Controlla se la posta contiene una o più immagini GIF incorporate. Le immagini GIF incorporate sono spesso utilizzate per evitare i filtri antispam. Controllare se il messaggio contiene allegati spam. Controlla se l'oggetto del messaggio contiene la prima parte dell'indirizzo di posta del destinatario. IMPORTANTE: dato che alcuni messaggi attendibili contengono immagini GIF incorporate, questa opzione può portare a falsi positivi. Controlla se negli allegati di posta sono presenti proprietà comuni agli allegati inviati nella posta antispam. Ciò aiuta a rimanere aggiornati con le ultime tecnologie utilizzate dagli spammer per l uso di allegati per l invio di spam. Identifica il messaggio spam personalizzato, in cui gli spammer includono di frequente nell oggetto la prima parte dell'indirizzo di posta del destinatario. 3. Per abilitare il rilevamento della lingua, dalla scheda Lingua, selezionare Blocca i messaggi che utilizzano queste lingue. GFI MailEssentials 6 Antispam 134

135 Schermata 75: Rilevamento lingua 4. Selezionare Blocca l elenco seguente per scegliere le lingue da bloccare oppure Blocca tutto tranne l'elenco seguente per bloccare tutte le lingue ad eccezione di quelle selezionate. 5. Selezionare le lingue da bloccare/consentire dall area Lingue. 6. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 7. Fare clic su Applica Controllo parole chiave spam Questo filtro consente l identificazione dello spam sulla base di parole chiave all interno del messaggio ricevuto. Questo filtro NON è abilitato per impostazione predefinita al momento dell installazione di GFI MailEssentials. Questo filtro controlla solo il contenuto del messaggio alla ricerca di testo che identifica il messaggio come spam. Per un filtro del contenuto completo del messaggio (ad esempio per bloccare contenuti razzisti o offensivi), usare l opzione Filtro parole chiave all interno del nodo Filtro contenuti. GFI MailEssentials 6 Antispam 135

136 Aggiunta controllo parole chiave di spam 1. Selezionare Antispam > Filtri antispam > Controllo parole chiave spam. 2. Per abilitare il Controllo parola chiave spam sul corpo del messaggio, nella scheda Corpo, selezionare Blocca messaggi se il contenuto corrisponde a queste condizioni (corpo messaggio). Schermata 76: proprietà di Controllo parole chiave spam 3. Nell area Inserimento condizione, immettere una parola chiave o combinazione di parole chiave che devono essere bloccate dal filtro. Per configurare condizioni specifiche, utilizzare gli operatori 'AND', 'OR', 'AND NOT' e 'OR NOT. GFI MailEssentials 6 Antispam 136

137 Ad esempio: Digitare la frase Sport basket, GFI MailEssentials per bloccare un messaggio di posta con la frase Sport basket'. Solo questa frase attiverebbe la regola, non la parola basket O sport separate da altre parole. Digitando basket E baseball, GFI MailEssentials bloccherà i messaggi con entrambe le parole nel messaggio di posta. I messaggi con solo Basket o baseball non verranno bloccati. 4. Selezionare Rileva solo parole intere per cercare in modo specifico parole intere ed evitare il blocco di parole che fanno parte di altre. Ad esempio, abilitando questa opzione non verrebbe bloccata la parola 'MSExchange', a prescindere dal fatto che la parola 'sex' faccia parte di 'MSExchange'. 5. Selezionare la scheda Oggetto, quindi fare clic su Blocca messaggi se il contenuto corrisponde a queste condizioni (oggetto messaggio) per abilitare il Controllo parole chiave spam nell oggetto del messaggio. 6. Nell area Inserimento condizione, immettere una parola chiave o combinazione di parole chiave che devono essere bloccate dal filtro. Per configurare condizioni specifiche, utilizzare gli operatori 'AND', 'OR', 'AND NOT' e 'OR NOT. 7. Selezionare Applicare l elenco di parole chiave anche per scansionare i nomi visualizzati dei mittenti per controllare il nome visualizzato dell indirizzo di posta del mittente, il quale può contenere parole chiave di spam. Ad esempio, lo spam Viagra, che spesso presenta mittenti falsificati e la parola Viagra si trova nell oggetto. 8. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 9. Fare clic su Applica. Rimozione delle condizioni Per rimuovere una condizione Controllo parole chiave spam: 1. Dall area Elenco condizioni all interno della scheda Corpo o Oggetto, selezionare una o più condizioni da rimuovere. Per trovare la condizione da rimuovere, utilizzare i comandi posti sotto l elenco di condizioni per spostarsi tra le pagine che le elencano. 2. Fare clic su Rimuovi e su Applica. Importazione ed esportazione delle condizioni Per esportare più condizioni: 1. Dall area Elenco condizioni all interno della scheda Corpo o Oggetto, selezionare una o più condizioni da esportare. GFI MailEssentials 6 Antispam 137

138 Per trovare la condizione da esportare, utilizzare i comandi posti sotto l elenco di condizioni per spostarsi tra le pagine che le elencano. 2. Nella finestra di dialogo Download file, selezionare Salva quindi scegliere una cartella in cui salvare il file di esportazione. Per importare le condizioni: 1. Dall area Elenco condizioni all interno della scheda Corpo o Oggetto, digitare la cartella e il nome file del file da importare. 2. Fare clic su Importa Analisi bayesiana Un filtro antispam che può essere addestrato per determinare con precisione se un messaggio è spam in base a quanto rilevato in precedenza. Il presente manuale contiene anche informazioni sul funzionamento del filtro bayesiano e sulle modalità di addestramento dello stesso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Appendice - Filtro bayesiano (pagina 286). L analisi bayesiana NON è abilitata per impostazione predefinita. IMPORTANTE Abiliare l apprendimento dai messaggi in uscita e attendere almeno una settimana prima di attivare il filtro. È necessario eseguire tale operazione preliminare, dato che il filtro bayesiano raggiunge il tasso massimo di rilevazione quando si adatta alla struttura della posta dell utente. Configurazione del filtro bayesiano La configurazione del filtro bayesiano richiede due passaggi: Passaggio 1: Addestramento del filtro bayesiano Passaggio 2: Abilitazione del filtro bayesiano Passaggio 1: addestramento del filtro bayesiano Il filtro bayesiano può essere addestrato con due modalità: Metodo 1: in automatico, sulla base dei messaggi di posta in uscita. GFI MailEssentials elabora la posta attendibile (ham) effettuando la scansione della posta in uscita. Il filtro bayesiano può essere abilitato dopo che ha raccolto almeno 500 messaggi di posta in uscita (se si invia principalmente posta in lingua inglese) oppure 1000 messaggi in uscita (se si spedisce posta non in lingua inglese). A tale scopo, procedere come segue: 1. Accedere a Antispam > Filtri antispam > Analisi bayesiana. 2. Selezionare Apprendi automaticamente da posta elettronica in uscita. 3. Fare clic su Applica. Metodo 2: manualmente, sulla base della posta esistente. Copiare messaggi dalla posta inviata alla sottocartella Messaggio attendibile delle cartelle GFI MailEssentials 6 Antispam 138

139 pubbliche di Cartelle anti-spam di GFI. In tal modo, il filtro bayesiano viene addestrato come con la posta in uscita. Per poter utilizzare questa opzione, deve essere abilitata Scansione cartella pubblica. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Scansione cartella pubblica (pagina 169). Passaggio 2: abilitazione del filtro bayesiano Dopo aver addestrato il filtro bayesiano, dovrà essere abilitato. 1. Dalla console di configurazione di GFI MailEssentials, accedere a Antispam > Filtri antispam > Analisi bayesiana. 2. Dalla scheda Generale, selezionare Abilita analisi bayesiana. Schermata 77: proprietà analisi bayesiana 3. Nella scheda Aggiornamenti, configurare la frequenza degli aggiornamenti al database antispam abilitando Controlla automaticamente aggiornamenti e configurando un intervallo orario. GFI MailEssentials 6 Antispam 139

140 Per scaricare immediatamente gli aggiornamenti disponibili, fare clic su Scarica aggiornamenti adesso... Gli aggiornamenti possono essere scaricati utilizzando un server proxy. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Impostazioni proxy (pagina 240). 4. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 5. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials offre inoltre una procedura guidata analisi bayesiana per consentire all utente di di addestrare il filtro di analisi bayesiana da un computer diverso da quello dove è installato GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Addestramento del filtro analisi bayesiana (pagina 287) Whitelist La whitelist interessa solo i filtri antispam, non la sicurezza né tantomeno il filtro contenuti. La whitelist contiene gli elenchi dei criteri che identificano la posta attendibile. Le che rispettano tali criteri non saranno scansionate dai filtri antispam e verranno sempre recapitate al destinatario. Le possono essere inserite nella whitelist mediante i seguenti criteri: indirizzo , dominio di posta elettronica o indirizzo IP del mittente mittenti a cui è stata precedentemente inviata un' (whitelist automatica) destinatario (esclude il filtro della posta proveniente da indirizzi locali) parole chiave nel corpo del messaggio o nell'oggetto Le funzioni di whitelist e whitelist automatica sono abilitate per impostazione predefinita. GFI MailEssentials 6 Antispam 140

141 Note importanti L'utilizzo della funzione di whitelist automatica è particolarmente consigliato, poiché elimina una percentuale elevata di falsi positivi. In Whitelist parola chiave, si consiglia di aggiungere i termini che gli spammer non utilizzano e che fanno riferimento al proprio tipo di attività, ad esempio i nomi dei prodotti. L'inserimento di numerose parole chiave incrementa le possibilità che le non vengano filtrate da GFI MailEssentials e che siano recapitate nelle cassette postali degli utenti. L inserimento nella whitelist di un utente interno rende vano lo scopo di un filtro anti-spoofing. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Anti-spoofing (pagina 128). Configurazione whitelist 1. Fare clic su AntiSpam > Whitelist. GFI MailEssentials 6 Antispam 141

142 Schermata 78: scheda Whitelist 2. Dalla scheda Whitelist, configurare gli indirizzi e i domini da inserire nella whitelist. Per abilitare/disabilitare la whitelist, selezionare/deselezionare Abilita whitelist posta elettronica. Effettuare le azioni indicate di seguito: GFI MailEssentials 6 Antispam 142

143 Azione Aggiunta voce whitelist Descrizione 1. In Dominio/indirizzo di posta elettronica, fornire l indirizzo di posta/dominio da inserire nella whitelist. Ad esempio:. o. 2. In Tipo di , indicare il campo intestazione valido per i messaggi da inserire nella whitelist. Per ulteriori informazioni sulla differenza tra SMTP e MIME fare riferimento a: 3. (Facoltativo) È anche possibile aggiungere una descrizione alla voce nel campo Descrizione. Rimozione voci whitelist Ricerca di una voce whitelist Visualizza statistiche Importazione voci whitelist Esportazione voci whitelist 4. Fare clic su Aggiungi. 1. Selezionare uno o più voci whitelist dall elenco Whitelist. 2. Fare clic su Rimuovi. 1. In Cerca, digitare i dettagli della voce di whitelist da cercare. 2. Per visualizzare l elenco dei termini corrispondenti, fare clic su Cerca. Per visualizzare il numero totale di messaggi bloccati per voce di whitelist, utilizzare il pulsante Visualizza statistiche. 1. Specificare il percorso completo e nome del file da utilizzare per l importazione dei dati precedentemente esportati. 2. Per importare le voci, fare clic su Importa. Per esportare l elenco attuale di voci whitelist in un file XML, fare clic su Esporta. 3. Fare clic sulla scheda Whitelist automatica per configurare le seguenti opzioni: Opzione Popola automaticamente Whitelist automatica: Abilita Whitelist automatica di posta elettronica Numero massimo voci consentite in Whitelist automatica: Descrizione Selezionando questa opzione, gli indirizzi di destinazione dei messaggi in uscita vengono aggiunti automaticamente alla whitelist automatica. Per abilitare la whitelist automatica, selezionare questa opzione. I mittenti dei messaggi in entrata verranno confrontati con la whitelist automatica. Se il mittente è presente nell'elenco, il messaggio viene inoltrato direttamente nella casella di posta in arrivo del destinatario. Specificare il numero di voci consentite nella whitelist automatica. Quando si supera il limite specificato, le voci più vecchie e meno usate vengono automaticamente sostituite con delle nuove. L immissione di un valore superiore a quello predefinito di può influenzare negativamente le prestazioni di GFI MailEssentials. 4. Dalla scheda Whitelist parola chiave, indicare le parole chiave che contrassegnano i messaggi come validi: Opzione Abilita la whitelist delle parole chiave nel corpo del messaggio di posta elettronica Descrizione Selezionare questa opzione per cercare le parole chiave nel corpo del messaggio che identificano un messaggio come valido. Aggiungere le parole chiave all elenco Parole chiave nel corpo. È anche possibile importare o esportare elenchi di parole chiave da/a un file XML. GFI MailEssentials 6 Antispam 143

144 Opzione Abilita la whitelist delle parole chiave nell'oggetto del messaggio di posta elettronica Rileva solo parole intere (parole/frasi in oggetto/corpo) Descrizione Selezionare questa opzione per cercare le parole chiave nell oggetto corpo del messaggio che identificano un messaggio come valido. Aggiungere le parole chiave all elenco Parole chiave nell oggetto. È anche possibile importare o esportare elenchi di parole chiave da/a un file XML. Al momento di selezionare questa opzione, vengono confrontate solo le parole intere della whitelist parole chiave che identificano un messaggio come valido. 5. Dalla scheda Whitelist IP, configurare quanto segue: Opzione Abilita Whitelist IP Aggiunta voci whitelist IP Descrizione Selezionare la scheda per consentire i messaggi ricevuti da indirizzi IP specifici. 1. Indicare: Computer singolo/cidr: Immettere un singolo indirizzo IP utilizzando la notazione CIDR. Gruppo di computer: Indicare Indirizzo subnet e Subnet Mask del gruppo di IP da inserire in whitelist. Rimozione voci whitelist IP 2. (Facoltativo) Aggiungere una Descrizione. 3 Fare clic su Aggiungi. Selezionare gli IP da rimuovere e fare clic su Rimuovi. 6. Per abilitare/disabilitare la registrazione delle occorrenze whitelist in un file, fare clic sulla scheda Azioni. Fornire un percorso/cartella dove archiviare il file di registro generato. 7. Fare clic su Applica. Whitelist personale La whitelist personale è una whitelist aggiuntiva che si integra una whitelist globale. Disabilitata per impostazione predefinita, la whitelist personale può essere abilitata per gli utenti, consentendo così loro di aggiungere indirizzi di posta specifici a una whitelist personale che possano gestire. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Azioni utente finale (pagina 19). Per gli scopi di gestione, gli amministratori possono anche rimuovere indirizzi di posta specifici che gli utenti hanno aggiunto alla loro whitelist personale. Abilitazione/disabilitazione whitelist personali 1. Fare clic su Antispam > Whitelist. GFI MailEssentials 6 Antispam 144

145 Schermata 79: whitelist personale 2. Selezionare la scheda Whitelist personale e selezionare o deselezionare Abilita whitelist personale per abilitare o disabilitare la funzione della whitelist personale. 3. Fare clic su Applica. Rimozione degli utenti dalla whitelist personale degli utenti 1. Fare clic su Antispam > Whitelist e selezionare la scheda Whitelist personale. 2. Dall elenco a discesa Utente, selezionare l utente di cui eliminare un indirizzo di posta. 3. Selezionare un indirizzo di posta dall elenco. Fare clic su Rimuovi. 4. Fare clic su Applica Nuovi mittenti Il filtro Nuovi mittenti identifica i messaggi di posta elettronica inviati da mittenti ai quali non sono mai stati inviati messaggi. Questi mittenti vengono identificati attraverso il riferimento ai dati raccolti nella whitelist. Il filtro Nuovi mittenti viene attivato solo per i messaggi dove non viene rilevata spam e il cui mittente non è presente in nessuna whitelist. Questo filtro NON è abilitato per impostazione predefinita. Importante Per poter utilizzare la funzione Nuovi mittenti, è necessario abilitare almeno una delle whitelist disponibili. Nell assenza delle funzioni Whitelist (se non dovesse essere rilevata spam da altri filtri), i messaggi ricevuti verranno recapitati alla posta in arrivo del destinatario. SOLO i messaggi in cui non è stata rilevata spam e i cui mittenti non sono presenti nella whitelist vengono consegnati nella cartella Nuovi mittenti. GFI MailEssentials 6 Antispam 145

146 Configurazione filtro Nuovi mittenti 1. Selezionare Antispam > Nuovi mittenti. Schermata 80: scheda Generale di Nuovi mittenti 2. Nella scheda Generale, selezionare Abilita nuovi mittenti per consentire il controllo di nuovi mittenti su tutti i messaggi in entrata. GFI MailEssentials 6 Antispam 146

147 Schermata 81: eccezioni Nuovi mittenti 3. Dalla scheda Eccezioni, configurare i mittenti/destinatari i cui messaggi sono esclusi dal controllo Nuovi mittenti. Opzione Elenco eccezioni di Abilita nuovi mittenti Aggiungi eccezione Modifica eccezione Elimina eccezione Descrizione Per abilitare l elenco eccezioni, selezionare questa opzione. Digitare un indirizzo da escludere e fare clic su Aggiungi. Ripetere la procedura per ciascun indirizzo da aggiungere. 1. Selezionare un eccezione da Elenco Modificare l'indirizzo Fare clic su Aggiorna. Selezionare un eccezione da Elenco e fare clic su Rimuovi. 4. Per selezionare le azioni da effettuare sui messaggi identificati come spam, fare clic sulla scheda Azioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). 5. Fare clic su Applica. 6.2 Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. La scheda Azioni delle proprietà dei filtri antispam definisce le operazioni da eseguire con i messaggi contrassegnati come spam. Per ciascun filtro antispam è possibile definire operazioni diverse da effettuare. GFI MailEssentials 6 Antispam 147

148 Ad esempio: Eliminare i messaggi rilevati dal filtro SpamRazer, ma non eliminare i messaggi contrassegnati come spam dal filtro Block list Configurazione operazioni spam Nella scheda Azioni, selezionare un opzione che definisce l azione da intraprendere sui messaggi contrassegnati come spam. Schermata 82: operazioni antispam GFI MailEssentials 6 Antispam 148

149 Azione in quarantena Elimina e- mail Consegnare messaggio di posta elettronica alla cassetta postale Descrizione I messaggi rilevati come spam verranno archiviati in Quarantine Store. Se il messaggio è inserito nella quarantena, tutte le altre operazioni antispam saranno disabilitate. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Eliminare un messaggio bloccato da quel particolare filtro antispam. Se il messaggio viene eliminato, tutte le altre operazioni antispam saranno disabilitate. Scegliere la cartella dove recapitare la posta. Le opzioni disponibili sono: Nella posta in arrivo: inoltra lo spam nella posta in arrivo dell utente. Nella cartella posta indesiderata di Exchange: inoltra lo spam nella cartella posta indesiderata predefinita dell utente. Questa opzione funziona solo quando GFI MailEssentials è installato su Microsoft Exchange. Non è disponibile per il filtro Nuovi mittenti. Nella cartella secondaria della cassetta postale di Exchange: inoltra tutto lo spam a una cartella specifica della cassetta postale dell utente. Digitare la cartella dove spostare i messaggi spam. Esempio 1: digitare Spam sospetto per una cartella personalizzata da creare allo stesso livello della cartella Posta in arrivo. Esempio 2: digitare Posta in arrivo/spam sospetto per una cartella personalizzata da creare nella cartella Posta in arrivo. : Questa opzione richiede che: GFI MailEssentials sia installato in un computer Microsoft Exchange Server. Se GFI MailEssentials non è installato in un computer Microsoft Exchange Server, configurare il server di posta per l inoltro dei messaggi tramite Gestione regole. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Spostamento messaggi spam nelle cartelle della cassetta postale degli utenti (pagina 259). Inviare all'indirizzo di posta elettronica Sposta nella cartella su disco Il server di posta è Microsoft Exchange Server 2003 o Microsoft Exchange Server 2007/2010 con il ruolo Server cassetta postale. L abilitazione di questa opzione su Microsoft Exchange 2010 richiede un utente dedicato. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Spostamento spam nella cartella di Exchange 2010 (pagina 261). Invia la posta identificata come spam a un indirizzo specifico. Esempio: Inoltra tutto lo spam a un indirizzo controllato da qualcuno che controlla la posta che potrebbe essere stata erroneamente contrassegnata come spam. L'oggetto del messaggio sarà nel formato: [destinatario] [oggetto] Salva il messaggio rilevato come spam nel percorso indicato, Esempio:C:\Spam\ I nomi file dei messaggi salvati sono nel formato seguente: [Mittente_destinatario_oggetto_numero_.eml] GFI MailEssentials 6 Antispam 149

150 Azione Contrassegna il messaggio con un testo specifico Descrizione Selezionare questa opzione per aggiungere un contrassegno all oggetto del messaggio. Digitare il testo da usare per il contrassegno e indicare dove posizionare il tag: Anteponi all oggetto: inserisce il tag specificato all inizio (ad es. come prefisso) del testo oggetto del messaggio. Esempio:[SPAM]Web Mail gratuita Accoda all oggetto: inserisce il tag specificato alla fine (ad es. come suffisso) del testo oggetto del messaggio. Esempio:Web Mail gratuita[spam] Aggiungi etichetta in un intestazione X : aggiunge il tag specificato come nuova intestazione X del messaggio. In questo caso, l intestazione X avrà il seguente formato: X-GFIME-SPAM: [TESTO TAG] X-GFIME-SPAM-REASON: [MOTIVO] Esempio: X-GFIME-SPAM: [Messaggio spam] X-GFIME-SPAM-REASON: [Controllo block list DNS IP non riuscito - Inviato da dominio inserito nella block list] Gestione regole può essere utilizzata per spostare i messaggi quando si utilizza questa funzione. Accoda motivo di blocco all'oggetto del messaggio di posta elettronica Registra occorrenza regola nel seguente file Se è abilitata questa opzione, il nome del filtro che ha bloccato la posta e il motivo del blocco vengono aggiunti all oggetto del messaggio bloccato. Registra l occorrenza del messaggio spam in un file di registro a scelta dell utente. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\logs\<nomefiltro>.log I file di registro potrebbero diventare molto grandi. GFI MailEssentials consente la rotazione del registro, durante la quale i nuovi file di registro vengono creati periodicamente oppure quando il file del registro raggiunge una determinata dimensione. Per abilitare la rotazione del file di registro, selezionare Antispam > Impostazioni antispam. Selezionare la scheda Registrazione messaggi antispam, quindi selezionare Abilita rotazione file di registro. Indicare la condizione di rotazione: in base al tempo o alle dimensioni file. 6.3 Ordinamento filtri antispam in base alla priorità. In GFI MailEssentials, è possibile personalizzare l ordine di applicazione dei controlli antispam ai messaggi in arrivo. L ordine dei filtri disponibili può essere personalizzato, ad eccezione del filtro Nuovi mittenti, che viene sempre impostato sulla priorità più bassa. Questo è dovuto alla dipendenza dai risultati dei controlli whitelist e di altri filtri antispam. La priorità predefinita è consigliata nella maggioranza delle situazioni. GFI MailEssentials 6 Antispam 150

151 1. Fare clic su Antispam > Priorità filtro. Schermata 83: assegnazione priorità filtro 2. Selezionare un filtro e fare clic sul pulsante (su) per assegnare una priorità superiore o fare clic sul pulsante (giù) per impostarne una inferiore. Per ripristinare l ordine predefinito dei filtri, fare clic su Impostazioni predefinite. 3. Fare clic su Applica. 6.4 Filtraggio trasmissione SMTP In GFI MailEssentials, alcuni filtri antispam possono essere configurati per essere eseguiti al ricevimento del messaggio completo o a livello SMTP o al livello di trasmissione SMTP. Nel filtro GFI MailEssentials 6 Antispam 151

152 trasmissione SMTP, i messaggi di posta elettronica vengono scansionati mentre vengono ricevuti. Il filtro a livello SMTP interrompe la connessione della posta e dunque arresta il download dell intero messaggio, risparmiando la larghezza di banda e le risorse di elaborazione. In questo caso, la connessione viene interrotta immediatamente e i messaggi non devono superare nessun altro filtro antispam. IMPORTANTE Per ottenere il meglio dal filtro trasmissione SMTP, utilizzarlo quando GFI MailEssentials è installato in un gateway Internet o quando è il primo server a ricevere le da Internet. 1. Accedere a Antispam > Priorità filtro e selezionare la scheda Filtraggio trasmissione SMTP. Schermata 84: proprietà di Filtraggio trasmissione SMTP 2. Fare clic su Cambia per attivare o disattivare il filtro di Raccolta di directory scegliendo tra: Opzione Filtraggio alla ricezione dei messaggi di posta completi Filtraggio durante trasmissione SMTP Descrizione Il filtraggio viene effettuato alla ricezione dell intero messaggio. Il filtraggio avviene durante la trasmissione SMTP. Se viene selezionata questa opzione, il filtro verrà sempre eseguito prima degli altri filtri antispam. Il filtro Greylist viene eseguito solo a livello di trasmissione SMTP. 3. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 6 Antispam 152

153 6.5 Spam Digest Lo Spam Digest è un breve rapporto inviato a un amministratore o a un utente tramite posta elettronica. Questo rapporto elenca il numero totale di messaggi elaborati da GFI MailEssentials e il numero di messaggi spam bloccati in un periodo specifico di tempo (dall ultimo spam digest) Configurazione spam digest - Spam digest amministratore 1. Fare clic su Antispam > Spam Digest. Schermata 85: proprietà spam digest/spam digest amministratore 2. Dalla scheda Digest amministratore, fare clic su Invia spam digest all'amministratore per abilitare lo spam digest. 3. Configurare la frequenza di invio desiderata (giornaliera, settimanale, mensile) e indicare una data e un periodo per l invio del messaggio di posta elettronica. 4. Indicare il contenuto del digest che verrà inviato nel messaggio di posta elettronica, selezionando Numero totale messaggi elaborati e spam o Totale spam acquisito dal filtro spam o entrambi. 5. Finalizzare le impostazioni facendo clic su Applica Configurazione spam digest - Spam digest destinatario 1. Fare clic su Antispam > Spam Digest. GFI MailEssentials 6 Antispam 153

154 Schermata 86: spam digest destinatario 2. Dalla scheda Digest destinatario, fare clic su Invia spam digest a destinatario per abilitare lo spam digest. 3. Configurare la frequenza di invio desiderata (giornaliera, settimanale, mensile) e indicare una data e un periodo per l invio del messaggio di posta elettronica. 4. Specificare il contenuto del digest che verrà inviato nel messaggio di posta elettronica: Numero totale messaggi elaborati e spam Totale spam acquisito per tipo di filtro spam Elenco dello spam bloccato o di eventuali combinazioni di opzioni necessarie. GFI MailEssentials 6 Antispam 154

155 Schermata 87: elenco destinatari spam digest 4. Fare clic sulla scheda Elenco destinatari, aggiungere gli utenti che riceveranno lo spam digest e selezionare il metodo utilizzato per determinare chi lo dovrà ricevere. Le opzioni disponibili sono: Solo gli utenti presenti nell'elenco seguente riceveranno lo spam digest del destinatario. Tutti gli utenti eccetto quelli elencati di seguito riceveranno lo spam digest del destinatario. È possibile importare l elenco richiesto di utenti anche da un file in formato XML con la medesima struttura utilizzata da GFI MailEssentials per l'esportazione dei file. 6. Per finalizzare le impostazioni, fare clic su Applica. 6.6 Impostazioni antispam Le seguenti impostazioni sono configurabili esclusivamente per i filtri antispam e per i messaggi di posta bloccati da essi Rotazione file di registro Con il corso del tempo, i file di registro potrebbero diventare molto grandi. GFI MailEssentials consente la rotazione del registro, durante la quale i nuovi file di registro vengono creati periodicamente oppure quando il file del registro raggiunge una determinata dimensione. Per abilitare la rotazione file di registro: 1. Fare clic su Antispam > Impostazioni antispam. GFI MailEssentials 6 Antispam 155

156 Schermata 88: Rotazione file di registro 2. Dalla scheda Registrazione messaggi antispam, fare clic su Abilita rotazione file di registro e indicare la condizione di rotazione (per dimensione o per ora). 3. Fornire i valori di dimensioni o di tempo e fare clic su Applica Operazioni antispam predefinite Una grande quantità di spam viene inviata a indirizzi di posta elettronica che non esistono più. Normalmente, questi messaggi vengono semplicemente eliminati. Tuttavia, a scopo di valutazione o di risoluzione problemi, è possibile spostarli in una cartella o inoltrarli a un indirizzo di posta elettronica specifico. Questa sezione si applica solo alle installazioni su Microsoft Exchange Server dove è abilitata l azione antispam Spostare il messaggio nella sottocartella della cassetta postale dell'utente. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). Sugli altri server di posta, la scheda azioni predefinite antispam non viene visualizzata. Configurazione operazioni antispam predefinite 1. Fare clic su Antispam > Impostazioni antispam. GFI MailEssentials 6 Antispam 156

157 Schermata 89: azioni predefinite 2. Selezionare Azioni predefinite e scegliere tra: Eliminare il messaggio. Inoltrarlo a un indirizzo di posta elettronica. Spostarlo in una cartella specifica. 3. Per registrare le occorrenze in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. 4. Fare clic su Applica Impostazioni server DNS Le impostazioni del server DNS sono molto importanti in GFI MailEssentials, poiché una serie di filtri antispam, tra cui la block list DNS IP, la block list DNS URI e SpamRazer eseguono la ricerca del dominio durante il filtraggio dello spam. 1. Da GFI MailEssentials Configuration, fare clic su Antispam > Impostazioni antispam. GFI MailEssentials 6 Antispam 157

158 Schermata 90: impostazioni server DNS 1. Dalla scheda Server DNS, selezionare: Opzione Utilizza il server DNS configurato per questo computer Utilizzare il server DNS seguente Descrizione Selezionare questa opzione per utilizzare lo stesso server DNS utilizzato dal sistema operativo dove è installato GFI MailEssentials. Selezionare questa opzione per specificare un server DNS diverso da quello utilizzato dal computer locale. 2. Fare clic su Test server DNS per provare la connettività con il server DNS specificato. Se la verifica ha esito negativo, specificare un altro server DNS. 3. Fare clic su Applica Comandi remoti I comandi remoti facilitano l aggiunta di domini o indirizzi di posta elettronica alla block list e- mail/whitelist, oltre ad aggiornare il filtro bayesiano con spam o ham (messaggi validi). I comandi remoti funzionano tramite l invio di un messaggio a GFI MailEssentials. Indirizzando un messaggio di posta a (configurabile a piacere), GFI MailEssentials riconoscerà il messaggio come contenente comandi e processi remoti come quelli descritti di seguito. Con i comandi remoti, è possibile eseguire le seguenti attività: 1. Aggiungere spam o ham al database di analisi bayesiana. 2. Aggiungere le parole chiave alla funzione di controllo parole chiave nell oggetto o di controllo parole chiave nel corpo. 3. Aggiungere gli indirizzi di posta al filtro blocklist e whitelist. Configurazione comandi remoti 1. Fare clic su Antispam > Impostazioni antispam, selezionare la scheda Comandi remoti e quindi su Abilita comandi remoti. 2. Modificare l'indirizzo di posta elettronica a cui devono essere inviati i comandi remoti. GFI MailEssentials 6 Antispam 158

159 L indirizzo di posta elettronica NON deve essere un dominio locale. L indirizzo di posta elettronica predefinito è Una cassetta postale per l indirizzo configurato non deve esistere necessariamente, ma la parte dominio dell indirizzo deve essere costituita da un dominio dell indirizzo di posta elettronica reale che restituisce un risultato positivo a una ricerca di un record MX tramite DNS. Può essere anche un account di posta elettronica pubblico che è possibile gestire (ad esempio gmail o yahoo mail). 3. In alternativa, configurare una protezione di base per i comandi remoti: Una password condivisa da includere nel messaggio di posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo dei comandi remoti (pagina 159). Quali utenti sono autorizzati a inviare messaggi di posta con comandi remoti. 4. Fare clic su Applica. Utilizzo dei comandi remoti I comandi remoti possono essere inviati per posta a GFI MailEssentials da un client di posta elettronica all'interno del dominio. Condizioni per l'invio di comandi remoti: il messaggio di posta elettronica deve essere in formato testo normale l'oggetto del messaggio viene ignorato Per tutti i comandi deve essere utilizzata la seguente sintassi: <nome comando>: <parametro1>, <parametro2>, <parametro3>, ; Ad esempio:addblist: Nel corpo del messaggio di posta elettronica può essere presente più di un comando, ciascuno deve essere separato da un punto e virgola (;). Se una password è configurata per i comandi remoti, immetterla nella prima riga mediante la sintassi seguente: PASSWORD: <password condivisa>; I nomi dei comandi applicano la distinzione tra maiuscole e minuscole e devono essere scritti solo in MAIUSCOLO. Non sono supportate condizioni come IF, AND, OR. I comandi remoti possono essere utilizzati solo per aggiungere voci e non per modificare o eliminare quelle esistenti. Comandi parola chiave Utilizzare i comandi parola chiave per aggiungere parole chiave o combinazioni delle stesse negli elenchi corpo o oggetto del filtro Controllo parola chiave. I comandi disponibili: ADDSUBJECT: aggiunge le parole chiave specificate al database di controllo parole chiave nell oggetto. Esempio: ADDSUBJECT: sex, porn, spam; GFI MailEssentials 6 Antispam 159

160 ADDBODY: aggiunge le parole chiave specificate al database di controllo parole chiave nel corpo. Esempio: ADDBODY: gratis, totalmente gratis, assolutamente gratis ; Quando si configurano frasi diverse dalle parole singole, racchiuderle tra virgolette doppie ( ). Comandi block list Utilizzare i comandi block list per aggiungere un indirizzo di posta elettronica singolo o un intero dominio alla block list della posta elettronica. I comandi disponibili: ADDBLIST: < >; Esempio: ADDBLIST: NOTE 1. Aggiunge un intero dominio alla block list anteponendo un carattere jolly al nome del dominio. Esempio: ADDBLIST: 2. I caratteri jolly non possono essere utilizzati nei nomi di dominio. Ad esempio:addblist: non è valido e verrà rifiutato. 3. Per motivi di sicurezza, può esserci solo un comando ADDBLIST in un messaggio di posta e solo un indirizzo può essere indicato come parametro del comando. Il parametro è l indirizzo di posta di un utente o un dominio: Esempio:ADDBLIST: o Comandi del filtro bayesiano Aggiungere messaggi spam o posta valida (ham) al database del filtro bayesiano. I comandi disponibili: Elenco ADDASSPAM ADDASGOODMAIL Descrizione Indica al filtro bayesiano di classificare la posta come spam. Indica al filtro bayesiano di classificare la posta come HAM. Questi comando non hanno parametri, il contenuto del messaggio stesso è il parametro. Registrazione comandi remoti Per tenere traccia delle modifiche effettuate al database di configurazione mediante i comandi remoti, ciascun messaggio contenente gli stessi (persino se il messaggio con i comandi remoti era non valido) viene salvato in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\adbrprocessed\ Il nome file di ciascun messaggio viene formattato in base al seguente formato: <indirizzo_ _mittente>_success_<timestamp>.eml: qualora l elaborazione venga completata correttamente. GFI MailEssentials 6 Antispam 160

161 <indirizzo_ _mittente>_failed_<timestamp>.eml: qualora l elaborazione non venga completata. Timestamp viene formattato come aaaammgghhmmss Impostazioni server SMTP perimetrali È necessario specificare i server SMTP che inoltrano i messaggi al server GFI MailEssentials. 1. Da GFI MailEssentials Configuration, fare clic su Antispam > Impostazioni antispam. Schermata 91: impostazioni server SMTP perimetrali 2. Nella scheda Server SMTP perimetrali configurare: GFI MailEssentials 6 Antispam 161

162 Opzione Questo è l'unico server SMTP che riceve messaggi di posta elettronica da Internet I seguenti server SMTP ricevono i messaggi di posta elettronica direttamente da Internet e li inoltrano a questo server. I messaggi di posta elettronica vengono anche filtrati da GFI MAX MailProtection o da GFI MAX MailEdge. Descrizione Scegliere questa opzione se GFI MailEssentials è installato sull'unico server SMTP che riceve messaggi di posta esterni direttamente da Internet. I messaggi di posta vengono inoltrati al server GFI MailEssentials da altri server SMTP. Fare clic su Rileva per indicare a GFI MailEssentials di rilevare automaticamente i server SMTP attraverso il recupero dei record MX dei domini in entrata. Se vi sono altri server SMTP che inoltrano i messaggi di posta al server GFI MailEssentials e che non sono stati rilevati automaticamente, fare clic su Aggiungi server SMTP. Quando si aggiungono manualmente gli IP dei server SMTP perimetrali, è anche possibile aggiungere un intervallo di indirizzi IP tramite la notazione CIDR. Selezionare questa opzione se si utilizzano prodotti di sicurezza in hosting come GFI MAX MailProtection o GFI MAX MailEdge. per ulteriori informazioni, fare riferimento a: 3. Fare clic su Applica. 6.7 SpamTag per Microsoft Outlook Il plugin GFI MailEssentials SpamTag è un componente aggiuntivo per Microsoft Outlook che installa una barra degli strumenti nei computer degli utenti finali, offrendo così un certo controllo agli utenti nella gestione dei messaggi di spam. Il plugin sincronizza inoltre le impostazioni di Posta indesiderata di Microsoft Outlook con GFI MailEssentials. Mentre la funzionalità di Microsoft Outlook consente agli utenti di gestire i messaggi spam dal lato cliente, con il plugin di SpamTag gli utenti possono gestirli a livello di server. L amministratore di GFI MailEssentials può scegliere quali delle seguenti funzioni e caratteristiche desidera abilitare: Addestra il filtro analisi bayesiana Aggiunta di mittenti e/o domini alla block list personale o alla whitelist personale Sincronizzazione automatica di mittenti consentiti e bloccati di Microsoft Outlook all interno della Whitelist e Block list personale di GFI MailEssentials, rispettivamente. Aggiunta automatica dei contatti degli utenti nella Whitelist personale. Gli utenti a cui è assegnato accesso completo a GFI MailEssentials sono inoltre autorizzati ad aggiungere mittenti/domini alla Block list globale e Whitelist globale di di GFI MailEssentials. Quando si utilizza SpamTag, installare Windows Communication Foundation HTTP Activation sul server GFI MailEssentials. Per eseguire questa operazione, selezionare Server Manager > Funzionalità > Aggiungi funzionalità >.NET Framework > Attivazione di WCF > Attivazione HTTP. GFI MailEssentials 6 Antispam 162

163 6.7.1 Scelta funzioni SpamTag L amministratore di GFI MailEssentials può configurare le funzioni di SpamTag da rendere disponibili agli utenti. Ad esempio, può consentire agli utenti di aggiungere mittenti alla whitelist personale ma disabilitare l aggiunta di domini alla whitelist personale. SpamTag può anche essere configurato per sostituire le funzionalità di posta indesiderata di Microsoft Outlook. Per configurare le funzioni di SpamTag: 1. Fare clic su Antispam > SpamTag. 2. Dall area pulsante Spam, configurare le funzioni relative a falsi negativi, ovvero quei casi in cui i messaggi di spam non vengono rilevati come tali: Opzione Abilita pulsante SPAM Sposta SPAM elaborata nella cartella Posta indesiderata Consenti impostazione mittente in block list personale Descrizione Il pulsante Spam viene visualizzato in SpamTag e, quando selezionato, il messaggio in questione addestra il filtro analisi bayesiana. Quando si seleziona Spam, il messaggio in questione viene automaticamente spostato nella cartella Posta indesiderata di Microsoft Outlook. Sotto il pulsante Spam viene visualizzata un opzione secondaria che consente agli utenti di aggiungere l indirizzo del mittente alla loro block list personale. Per poter utilizzare questa opzione, deve essere abilitata Block list personale. GFI MailEssentials 6 Antispam 163

164 Opzione Consenti impostazione dominio mittente in block list personale Descrizione Sotto il pulsante Spam viene visualizzata un opzione secondaria che consente agli utenti di aggiungere il dominio del mittente alla loro block list personale. Per poter utilizzare questa opzione, deve essere abilitata Block list personale. 3. Dall area pulsante Non spam, configurare le funzioni relative a falsi positivi, ovvero quei casi in cui i messaggi attendibili vengono erroneamente identificati come spam.: Opzione Abilita pulsante NON SPAM Sposta attendibile elaborata nella Posta in arrivo Consenti impostazione mittente in whitelist personale Consenti impostazione dominio mittente in whitelist personale Consenti impostazione indirizzo elenco discussione in whitelist personale Descrizione Il pulsante Non spam viene visualizzato in SpamTag e, quando selezionato, il messaggio in questione addestra il filtro analisi bayesiana. Quando si seleziona Non spam, il messaggio in questione viene automaticamente spostato nella cartella Posta in arrivo. Sotto il pulsante Non spam viene visualizzata un opzione secondaria che consente agli utenti di aggiungere l indirizzo del mittente alla loro whitelist personale. Per abilitare questa opzione, deve essere abilitata Whitelist personale. Sotto il pulsante Non spam viene visualizzata un opzione secondaria che consente agli utenti di aggiungere il dominio del mittente alla loro whitelist personale. Per abilitare questa opzione, deve essere abilitata Whitelist personale. Sotto il pulsante Non spam viene visualizzata un opzione secondaria che consente agli utenti di aggiungere newsletter/elenchi di discussione alla loro whitelist. Per abilitare questa opzione, deve essere abilitata Whitelist personale. 4. Dalla scheda Avanzate configurare le seguenti opzioni avanzate. Opzione Importa impostazioni posta indesiderata di Outlook nella block list personale e nella whitelist personale Importa contatti di Outlook nella whitelist personale Sostituisci Posta indesiderata di Microsoft Outlook Descrizione Importa gli indirizzi elencati nei Mittenti attendibili e nei Mittenti bloccati di Microsoft Outlook all interno della Whitelist e Block list personale di GFI MailEssentials. L elenco di Mittenti attendibili e Mittenti bloccati di Microsoft Outlook è disponibile da Posta indesiderata > Opzioni posta indesiderata. : Le importazioni vengono eseguite in automatico in background da SpamTag ogni due ore e l utente non configura né visualizza alcuna opzione sullo schermo. : Quando l utente utilizza una versione di Microsoft Outlook installata su un dispositivo alimentato a batteria, come un portatile o tablet, la sincronizzazione automatica non viene eseguita per risparmiare la batteria. Importa l elenco di contatti di Microsoft Outlook nella Whitelist personale. : Le importazioni vengono eseguite in automatico in background da SpamTag ogni due ore e l utente non configura né visualizza alcuna opzione sullo schermo. : Quando l utente utilizza una versione di Microsoft Outlook installata su un dispositivo alimentato a batteria, come un portatile o tablet, la sincronizzazione automatica non viene eseguita per risparmiare la batteria. Quando si sceglie questa opzione, le opzioni abilitate in SpamTag sostituiscono quelle equivalenti della Posta indesiderata di Microsoft Outlook, per assicurare che dal lato client sia utilizzato un solo sistema di gestione antispam. Quando gli utenti utilizzano un opzione di Posta indesiderata di Microsoft Outlook, al suo posto viene eseguita la funzione di SpamTag. Ad esempio, se gli utenti fanno clic su Non bloccare mai mittente nella Posta indesiderata di Outlook, al suo posto verrà eseguita la funzione Non spam di SpamTag. : Se un opzione specifica non è abilitata in SpamTag e l utente utilizza una funzione equivalente in Outlook, non verrà eseguita nessuna azione al momento di selezionare la funzione di Posta indesiderata di Outlook. Ad esempio, se il pulsante Non spam non è abilitato, quando gli utenti selezionano Non bloccare mai mittente non verrà eseguita nessuna operazione. GFI MailEssentials 6 Antispam 164

165 Opzione Nascondi il pulsante Console 5. Fare clic su Applica. Descrizione Nasconde il pulsante Console dalla barra degli strumenti di SpamTag. Non viene fornito nessun accesso diretto alla console di GFI MailEssentials, tuttavia, gli utenti possono sempre accedere digitando manualmente l URL in un browser. Le impostazioni fornite all utente nella console di GFI MailEssentials dipendono dalle autorizzazioni Active Directory o da altre Impostazioni Controllo di accesso personalizzate. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Controllo di accesso (pagina 244). IMPORTANTE All avvio di Microsoft Outlook, SpamTag controlla le funzioni abilitate o disabilitate all interno di GFI MailEssentials. Dopo aver modificato una delle impostazioni di cui sopra, Microsoft Outlook dovrà essere riavviato per l applicazione delle modifiche Requisiti di SpamTag I computer in cui installare SpamTag devono soddisfare o superare le seguenti specifiche: Hardware Processore 1 Ghz o superiore Sistemi operativi supportati Windows 8 & 8.1 Memoria - Minima 512 MB, 2 GB consigliati Archiviazione Fisica 50 MB di archiviazione fisica dedicata per SpamTag Windows 7 Windows Vista Windows XP Windows Server 2012 Windows Server 2008 Windows Server 2003 Versioni supportate di Microsoft Microsoft Outlook 2013 (versioni x86 e x64) Outlook Microsoft Outlook 2010 (versioni x86 e x64, service pack 1 e 2) Microsoft Outlook 2007 (Service Pack 1 o 2) Connessione con GFI MailEssentials Altro software Microsoft Outlook 2003 (Service Pack 1, 2, 3 o 4) SpamTag si connette a GFI MailEssentials sulla porta 80 tramite HTTP. Per confermare la connessione, dal browser del client assicurarsi di poter aprire l URL di GFI MailEssentials. Microsoft.Net Framework 4: se non disponibile, verrà scaricato e installato automaticamente Installazione manuale di SpamTag Per installare manualmente SpamTag, eseguire il programma di installazione di SpamTag sui computer dei client. 1. Ottenere il programma di installazione di <cartella di installazione di GFI MailEssentials>/Outlook. 2. Copiare GFIMailEssentialsSpamTag.exe nel computer in cui installare SpamTag. 3. Chiudere Microsoft Outlook. GFI MailEssentials 6 Antispam 165

166 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul programma di installazione e selezionare Esegui come amministratore. 5. Nella prima schermata, selezionare la lingua per l installazione. Schermata 92: lingua di installazione di SpamTag e termini della licenza 6. Leggere i Termini e condizioni della licenza e, se si concorda, selezionare Dichiaro di aver letto e accettato i suddetti Termini e condizioni. Fare clic su Avanti. 7. Immettere l URL utilizzato per connettersi a GFI MailEssentials. Ad esempio: o Attendere che il programma di installazione verifichi la connessione con GFI MailEssentials tramite l URL specificato e fare clic su Avanti. 8. Specificare il percorso in cui installare SpamTag e fare clic su Installa. 9. Al termine, fare clic su Fine. 10. Avviare Microsoft Outlook e immettere le credenziali dell utente. SpamTag adesso è disponibile nella barra multifunzione di Microsoft Outlook Home (dalla versione 2007 in poi) o nella barra degli strumenti (versione 2003). Per ulteriori informazioni, selezionare la Guida di SpamTag Installazione di SpamTag tramite Oggetto Criteri di gruppo Questa sezione aiuterà a installare in automatico GFI MailEssentials SpamTag su più computer tramite Oggetto Criteri di gruppo. Selezionare l ambiente del controller di dominio: Windows Server 2008 e 2012 Windows Server 2003 GFI MailEssentials 6 Antispam 166

167 Installazione di SpamTag tramite Oggetto Criteri di gruppo su Windows Server 2008 e 2012 Passaggio 1: Preparazione file MSI e ADM 1. Dal server di GFI MailEssentials accedere alla cartella di installazione di GFI MailEssentialse aprire la sottocartella Outlook. 2. Copiare i file MSI e ADM in una cartella condivisa accessibile da tutti gli utenti che hanno installato SpamTag. Accertarsi che gli utenti dispongano almeno di autorizzazioni di lettura alla cartella. Passaggio 2: Distribuzione di SpamTag 1. Nel controller di dominio, aprire Server Manager. 2. Espandere Server Manager > Caratteristiche > Gestione Criteri di gruppo > Foresta > Domini nome dominio. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del dominio o su un nome organizzativo e selezionare Crea un oggetto Criteri di gruppo in questo dominio e crea qui un collegamento Immettere un nome per il nuovo oggetto Criteri di gruppo (GPO). Ad esempio: GFI MailEssentials SpamTag. Fare clic su OK. 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull Oggetto Criteri di gruppo, quindi selezionare Modifica. 5. Nella finestra Editor Gestione Criteri di gruppo, espandere Configurazione computer > Criteri > Impostazioni software > Installazione software. Per configurare l Oggetto criteri di gruppo da installare all accesso, fare clic con il pulsante destro del mouse su Installazione software > Nuovo > Pacchetto. 6. Immettere il percorso di rete della cartella condivisa che contiene il pacchetto MSI SpamTag. Fare clic su OK. Durante la selezione del percorso del file MSI assicurarsi che l'operazione venga effettuata attraverso 'Percorsi di rete', in modo che il nome della condivisione in GFI MailEssentials includa il percorso della condivisione di rete completo piuttosto che il percorso locale. 7. Nel pop-up Distribuzione del software, selezionare Assegnata e fare clic su OK. 8. Il nuovo pacchetto è stato aggiunto in Installazione software. 9. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Configurazione computer > Criteri > Modelli amministrativi e selezionare Tutte le attività > Aggiunta/Rimozione modelli. 10. Fare clic su Aggiungi e navigare fino alla cartella condivisa contenente spamtag.adm. 11. Fare clic su Chiudi. 12. Selezionare Configurazione computer > Criteri > Modelli amministrativi > Modelli amministrativi classici (ADM) > GFI MailEssentials SpamTag. 13. Dal riquadro a destra, fare doppio clic su DefaultWebServiceUrl e selezionare Attivato. Digitare l URL pubblico di GFI MailEssentials in Indirizzo sito web portale di GFI MailEssentials. I computer dove è stato distribuito SpamTag devono essere in grado di connettersi a questo URL tramite il browser web, altrimenti SpamTag non potrà connettersi a GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 6 Antispam 167

168 14. In alternativa, fare clic su Impostazione precedente per modificare la lingua predefinita di SpamTag. Fare clic su Attivato e modificare il valore Lingua predefinita. 15. Fare clic su OK. Passaggio 3: Verifica installazione Adesso la configurazione dovrebbe essere completa. SpamTag verrà installato al prossimo avvio di ciascun computer client. Per controllare l installazione, verificare che la barra degli strumenti di SpamTag sia visibile in Microsoft Outlook e che si connetta a GFI MailEssentials. Installazione di SpamTag tramite Windows Server 2003 Passaggio 1: Preparazione file MSI e ADM 1. Dal server di GFI MailEssentials accedere alla cartella di installazione di GFI MailEssentialse aprire la sottocartella Outlook. 2. Copiare i file MSI e ADM in una cartella condivisa accessibile da tutti gli utenti che hanno installato SpamTag. Accertarsi che gli utenti dispongano almeno di autorizzazioni di lettura alla cartella. Passaggio 2: Distribuzione di SpamTag 1. Dal prompt dei comandi, caricare mmc.exe per avviare Microsoft Management Console. 2. Selezionare File > Aggiungi/Rimuovi snap-in e fare clic su Aggiungi Selezionare lo snap-in Editor oggetti Criteri di gruppo e fare clic su Aggiungi. 4. Fare clic su Sfoglia e scegliere i criteri di dominio da modificare. 5. Selezionare i criteri di dominio e scegliere OK. 6. Fare clic su Fine per chiudere la finestra di dialogo Selezione oggetto Criteri di gruppo. Fare clic su Chiudi per chiudere la finestra di dialogo 'Aggiungi snap-in in autonomo', quindi su OK per chiudere la finestra di dialogo 'Aggiungi/Rimuovi snap-in' e tornare a Microsoft Management Console. 7. Selezionare Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione utente, fare clic con il pulsante destro del mouse su Modelli amministrativi, quindi selezionare Aggiunta/Rimozione modelli. 8. Fare clic su Aggiungi e cercare il file ADM presente nella cartella condivisa nel passaggio 1. Fare clic su Apri. 9. Per tornare a Microsoft Management Console, fare clic su Chiudi. 10. Espandere Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione utente > Modelli amministrativi > GFI Applications. 11. Dal riquadro a destra, fare doppio clic su DefaultWebServiceUrl e selezionare Attivato. Digitare l URL pubblico di GFI MailEssentials. I computer dove è stato distribuito SpamTag devono essere in grado di connettersi a questo URL tramite il browser web, altrimenti SpamTag non potrà connettersi a GFI MailEssentials. 12. In alternativa, fare clic su Impostazione precedente per modificare la lingua predefinita di SpamTag. Fare clic su Attivato e modificare il valore Lingua predefinita. 13. Fare clic su OK. GFI MailEssentials 6 Antispam 168

169 14. Selezionare Directory principale console > <criterio dominio> > Configurazione computer > Impostazioni del software. 15. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Installazione software e selezionare Nuovo > pacchetto 16. Nella finestra di dialogo Apri, individuare la condivisione dove è stato salvato il file MSI nel passaggio 1. Durante la selezione del percorso del file MSI assicurarsi che l'operazione venga effettuata attraverso 'Percorsi di rete', in modo che il nome della condivisione in GFI MailEssentials includa il percorso della condivisione di rete completo piuttosto che il percorso locale. 17. Scegliere l opzione di distribuzione, selezionare Assegnata e fare clic su OK. Passaggio 3: Verifica installazione Adesso la configurazione dovrebbe essere completa. SpamTag verrà installato al prossimo avvio di ciascun computer client. Per controllare l installazione, verificare che la barra degli strumenti di SpamTag sia visibile in Microsoft Outlook e che si connetta a GFI MailEssentials Utilizzo di SpamTag Schermata 93: SpamTag in Microsoft Outlook 2010 Per informazioni sull uso di SpamTag, fare riferimento alla guida integrata, facendo clic su Guida all interno di SpamTag. La guida mostra in automatico le informazioni relative alle funzioni abilitate dall amministratore nella pagina di impostazioni di SpamTag. Schermata 94: SpamTag in Microsoft Outlook Scansione cartella pubblica Le tecnologie di spam sono in continua evoluzione e, di conseguenza, si possono riscontrare istanze dove lo spam riesce comunque a superare i filtri antispam, raggiungendo la posta in arrivo del destinatario. Attraverso la scansione cartella pubblica, gli utenti possono classificare manualmente la posta come spam e insegnare a GFI MailEssentials le strutture dello spam, così da classificare la posta simile come tale. I messaggi possono anche essere aggiunti alla whitelist. GFI MailEssentials 6 Antispam 169

170 IMPORTANTE Quando il client di rete utilizza Microsoft Outlook come client di posta elettronica, è fortemente consigliato utilizzare GFI MailEssentials SpamTag al posto della scansione cartella pubblica. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a SpamTag per Microsoft Outlook (pagina 162). Funzionamento: 1. Quando viene identificato un messaggio classificato erroneamente (falso positivo o falso negativo), gli utenti lo trascinano nella cartella pubblica appropriata di GFI AntiSpam. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo della scansione cartella pubblica (pagina 174). 2. La scansione cartella pubblica recupera i messaggi dalle cartelle pubbliche di GFI AntiSpam e li aggiunge alla whitelist/blocklist e ai database HAM/SPAM. Le cartelle pubbliche di GFI Antispam devono essere create e configurate sul server di posta. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Abilitazione scansione cartella pubblica (pagina 170) Abilitazione scansione cartella pubblica Per abilitare la scansione cartella pubblica, seguire le istruzioni elencate nelle sezioni seguenti: Configurazione della scansione cartella pubblica per Microsoft Exchange Server Configurazione di un account utente dedicato per Microsoft Exchange Server 2003 Configurazione di un account utente dedicato per Microsoft Exchange Server 2007/2010 Nascondere i post degli utenti nelle cartelle anti-spam GFI È anche possibile utilizzare GFI MailEssentials con Lotus Domino. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Lotus Domino (pagina 30). Configurazione della scansione cartella pubblica per Microsoft Exchange Server 1. Dalla console di configurazione di GFI MailEssentials, fare clic su Antispam > Impostazioni antispam. Selezionare la scheda Scansione cartella pubblica. 2. Fare clic su Abilita scansione cartella pubblica e dall elenco Eseguire il polling delle cartelle pubbliche tramite selezionare: Exchange Server 2003: selezionare MAPI, IMAP o WebDAV. Exchange Server 2007: selezionare WebDAV o Servizi Web. Exchange Server 2010: selezionare WebDAV o Servizi Web. Le opzioni sono descritte nella sottostante tabella. Opzione Descrizione MAPI Per utilizzare MAPI, GFI MailEssentials deve essere installato in un computer dove è presente Microsoft Exchange Server. Non è necessario effettuare altre impostazioni. GFI MailEssentials 6 Antispam 170

171 Opzione IMAP Descrizione È necessario il servizio IMAP di Microsoft Exchange. IMAP consente la scansione remota delle cartelle pubbliche e si integra bene negli ambienti che eseguono firewall. Inoltre, IMAP può essere utilizzato con altri server di posta che supportano IMAP. I parametri richiesti sono: Nome server di posta Numero di porta (la porta IMAP predefinita è 143) Nome utente/password WebDAV Servizi Web Selezionare l opzione Utilizza SSL per usare una connessione sicura Indicare il nome del server della posta, la porta (la porta WebDAV predefinita è 80), il nome utente/password e il dominio. Per utilizzare una connessione sicura, selezionare la casella di controllo Utilizza SSL. Per impostazione predefinita, le cartelle pubbliche sono accessibili dalla directory virtuale public. Se questa è stata modificata, per specificare il nome directory virtuale corretto per l accesso alle cartelle pubbliche è necessario modificare il testo nella casella URL. Specificare i seguenti dettagli: Server: nome server di posta. Dominio: utilizzare il dominio locale. Se esiste sia un dominio locale che uno pubblico, utilizzare sempre il dominio locale. Porta: la porta predefinita dei servizi Web (80, o 443 se si utilizza SSL). Nome utente/password: utilizzare le credenziali con privilegi amministrativi o creare un utente dedicato da Microsoft Exchange Management Shell, a questo scopo immettere il comando seguente per aggiungere le autorizzazioni appropriate: Add-ADPermission -identity Archivio cassetta postale -User NewUser - AccessRights GenericALL Sostituire Archivio cassetta postale con il nome dell archivio cassetta postale che contiene le cassette postali degli utenti e NuovoUtente con il nome utente dell utente creato. Utilizza SSL: selezionare questa opzione se Servizi Web di Exchange richiede una connessione sicura. Per impostazione predefinita, i servizi Web richiedono SSL. URL: per impostazione predefinita, le cartelle pubbliche sono accessibili dalla directory virtuale EWS/exchange.asmx. Se questa è stata modificata, per specificare il nome directory virtuale corretto per l accesso alle cartelle pubbliche è necessario modificare il testo nella casella URL. Si consiglia di verificare le impostazioni manualmente tramite il caricamento dell URL in un browser Web. Questo dovrebbe caricare un file formattato XML, denominato services.wsdl. 3. Per creare automaticamente le cartelle pubbliche, fare clic su Scansiona adesso. 4. Se si sta configurando IMAP, WebDAV o Servizi Web, fare clic su Test. La notifica sullo schermo confermerà se l operazione è andata a buon fine. Se la prova ha esito negativo, verificare/aggiornare le credenziali e rieseguire la prova. 5. Fare clic su Applica. Configurazione di un account utente dedicato per Microsoft Exchange Server 2003 Per motivi di sicurezza, quando GFI MailEssentials è installato in una DMZ, è consigliabile creare un account utente dedicato per il recupero/scansione dei messaggi dalle cartelle pubbliche. 1. Creare un nuovo utente di Active Directory (AD). 2. Da Gestore di sistema di Microsoft Exchange, espandere Cartelle > nodo Cartelle pubbliche. GFI MailEssentials 6 Antispam 171

172 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Cartelle anti-spam GFI e selezionare Proprietà. 4. Selezionare la scheda Autorizzazioni e fare clic su Autorizzazioni client. 5. Fare clic su Aggiungi, selezionare il nuovo utente e quindi OK. 6. Selezionare il nuovo utente dall elenco di autorizzazioni client e, sulla base dell elenco fornito, impostare il ruolo su Proprietario. Assicurarsi di aver selezionato tutte le caselle di controllo e che i pulsanti opzione siano impostati su Tutto. 7. Fare clic su OK per completare la configurazione. 8. Da Gestore di sistema di Microsoft Exchange, fare clic con il pulsante destro del mouse su Cartelle anti-spam GFI e selezionare Tutte le attività > Propaga impostazioni. In Microsoft Exchange Server 2003 SP2, fare clic con il pulsante destro del mouse su Cartelle anti-spam GFI e selezionare l opzione Tutte le attività > Gestione impostazioni. 9. Selezionare Diritti cartella o Modifica autorizzazioni client e fare clic su OK o Avanti. 10. Specificare le credenziali del nuovo account utente avanzato creato nel passaggio 1 e verificare la configurazione per assicurare la correttezza delle autorizzazioni. Configurazione di un account utente dedicato per Microsoft Exchange Server 2007/2010 Durante la configurazione di un account utente dedicato per il recupero dei messaggi dalle cartelle pubbliche antispam di GFI, l utente dovrà disporre di diritti di accesso da proprietario su tali cartelle. 1. Creare un nuovo utente (avanzato) di Active Directory (AD). 2. Accedere a Microsoft Exchange Server utilizzando privilegi amministrativi. 3. Aprire Microsoft Exchange Management Shell ed eseguire il seguente comando: Get-PublicFolder -Identity \Cartelle anti-spam GFI" -Recurse ForEach-Object {Add-PublicFolderClientPermission -Identity $_.Identity -User NOMEUTENTE -AccessRights owner -Server NOMESERVER } Cambiare NOMEUTENTE e NOMESERVER con i dati pertinenti dell utente Active Directory in questione. Esempio: Get-PublicFolder -Identity \Cartelle anti-spam GFI" -Recurse ForEach-Object {Add-PublicFolderClientPermission -Identity $_.Identity -User "mesuser" -AccessRights owner -Server "exch07"} Nascondere i post degli utenti nelle cartelle anti-spam GFI Per motivi di privacy e sicurezza, è consigliabile nascondere i post degli utenti effettuati nelle cartelle anti-spam GFI. In questo modo, gli utenti potranno solo pubblicare nelle cartelle senza poter visualizzare i post esistenti, nemmeno quelli che hanno eseguito personalmente. Per configurare i privilegi degli utenti e nascondere i post agli utenti non autorizzati: Microsoft Exchange Da Gestore di sistema di Microsoft Exchange, espandere Cartelle > nodo Cartelle pubbliche. GFI MailEssentials 6 Antispam 172

173 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Cartelle anti-spam GFI e selezionare Proprietà. 3. Selezionare la scheda Autorizzazioni e fare clic su Autorizzazioni client. 4. Fare clic su Aggiungi e selezionare l utente/gruppo da cui nascondere i post, quindi fare clic su OK. 5. Selezionare l utente/gruppo configurato in precedenza dall elenco di autorizzazioni client e impostarne il ruolo su Collaboratore. 6. Assicurarsi che sia selezionato solo Creazione elementi e che i pulsanti opzione siano impostati su Nessuno. 7. Fare clic su OK per completare la configurazione. 8. Da Gestore di sistema di Microsoft Exchange, fare clic con il pulsante destro del mouse su Cartelle anti-spam GFI e selezionare Tutte le attività > Propaga impostazioni. 9. Selezionare la casella di controllo Diritti cartella e fare clic su OK. Microsoft Exchange In Microsoft Exchange Management Shell, digitare il seguente comando: ReplaceUserPermissionOnPFRecursive.ps1 -Server "server" - TopPublicFolder "\ Cartelle anti-spam GFI " -User "Default" - Permissions Contributor Sostituire "server" con il nome completo del computer. 2. Quando richiesto, digitare y per confermare le autorizzazioni per ogni cartella. Questo comando imposterà le autorizzazioni predefinite per le cartelle pubbliche di GFI MailEssentials per il collaboratore: gli utenti potranno spostare le in Cartelle pubbliche ma non potranno visualizzare né modificare le voci. Per impostazione predefinita, gli amministratori sono i proprietari delle cartelle pubbliche e ne possono visualizzare o modificare le voci. Per ulteriori informazioni sulle autorizzazioni per le cartelle pubbliche, fare riferimento a: Microsoft Exchange In Microsoft Exchange Management Shell, modificare la cartella con quella di script di Microsoft Exchange, presente nella cartella di installazione di Microsoft Exchange. Se Microsoft Exchange è installato nel percorso predefinito, la cartella script si troverà qui: C:\Program Files\Microsoft\Exchange Server\V14\Scripts\ 2. Digitare il comando seguente: ReplaceUserPermissionOnPFRecursive.ps1 -Server "server" - TopPublicFolder "\Cartelle anti-spam GFI" -User "Default" -Permissions Contributor Sostituire "server" con il nome completo del computer. Questo comando imposterà le autorizzazioni predefinite per le cartelle pubbliche di GFI MailEssentials per il collaboratore: gli utenti potranno spostare le in Cartelle pubbliche ma non potranno visualizzare né modificare le voci. Per impostazione predefinita, gli amministratori sono i proprietari delle cartelle pubbliche e ne possono visualizzare o modificare le voci. Per ulteriori informazioni sulle autorizzazioni per le cartelle pubbliche, fare riferimento a: GFI MailEssentials 6 Antispam 173

174 6.8.2 Utilizzo della scansione cartella pubblica Verifica messaggi spam 1. Quando i messaggi spam vengono recapitati nella cassetta postale dell'utente (nella cartella Posta in arrivo, Posta indesiderata o in una cartella personalizzata), indicare agli utenti singoli di posta elettronica di effettuare un controllo periodico dei messaggi spam. 2. Possono esserci dei casi in cui i messaggi attendibili vengono erroneamente identificati come spam (falsi positivi). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Gestione posta attendibile (pagina 174). 3. Possono esserci anche dei casi dove i messaggi spam non vengono rilevati (falsi negativi). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Gestione dello spam (pagina 175). Gestione posta attendibile Come per ogni soluzione antispam, GFI MailEssentials potrebbe richiedere tempo prima di ottenere le condizioni di filtraggio antispam ottimali. Se non sono state ancora raggiunte, possono verificarsi dei casi in cui la posta attendibile viene identificata come spam. In questi casi, gli utenti devono aggiungere nelle cartelle Aggiungi alla whitelist e Messaggio attendibile i messaggi erroneamente identificati come spam, così da insegnare a GFI MailEssentials che il messaggio in questione non è spam. NOTE 1. In Microsoft Outlook, l operazione di trascinamento sposta la posta nella cartella selezionata. Per conservare una copia del messaggio, tenere premuto il tasto CTRL per copiare il messaggio anziché spostarlo. 2. In questo manuale sono incluse informazioni dettagliate su come creare le cartelle anti-spam GFI. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Abilitazione scansione cartella pubblica (pagina 170).. Aggiunta di mittenti alla whitelist 1. Nell elenco cartelle pubbliche del client di posta (ad esempio, Microsoft Outlook), individuare la cartella pubblica Cartelle anti-spam GFI > Aggiungi alla whitelist. 2. Trascinare i messaggi o le newsletter nella cartella pubblica Aggiungi alla whitelist. Aggiunta di elenchi di discussione alla whitelist I messaggi inviati agli elenchi di discussione devono avere l indirizzo dell elenco di discussione come destinatario del messaggio. Per ricevere i messaggi di posta da elenchi di discussione specifici, l indirizzo dell elenco deve essere inserito nella whitelist. 1. Utilizzando il client di posta elettronica, (esempio, Microsoft Outlook), individuare la cartella pubblica Cartelle anti-spam GFI > Elenco discussione scelto. 2. Trascinare gli elenchi discussione nella cartella pubblica Elenco discussione scelto. Utilizzo dei messaggi attendibili per istruire il filtro bayesiano 1. Nelle cartelle pubbliche del client di posta (ad esempio, Microsoft Outlook), individuare la cartella pubblica Cartelle anti-spam GFI > Messaggio attendibile. 2. Trascinare i messaggi di posta nella carella Messaggio attendibile. GFI MailEssentials 6 Antispam 174

175 Gestione dello spam Anche se GFI MailEssentials inizia l identificazione di messaggi spam come standard, possono esserci dei casi in cui lo spam arriva nelle cassette postali degli utenti senza essere rilevato. Normalmente, questo potrebbe essere dovuto alle impostazioni di configurazione che non sono state ancora eseguite o a nuovi tipi di spam a cui GFI MailEssentials non si è ancora adattato. In entrambi i casi, queste situazioni vengono risolte quando GFI MailEssentials viene configurato per l acquisizione di questo tipo di spam. In questi casi, gli utenti devono aggiungere tali messaggi alle cartelle Aggiungi a block list e Messaggio spam, così da insegnare a GFI MailEssentials che il messaggio in questione è spam. NOTE 1. In Microsoft Outlook, l operazione di trascinamento sposta la posta nella cartella selezionata. Per conservare una copia del messaggio, tenere premuto il tasto CTRL per copiare il messaggio anziché spostarlo. 2. In questo manuale sono incluse informazioni dettagliate su come creare le cartelle anti-spam GFI. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Abilitazione scansione cartella pubblica (pagina 170).. Aggiunta di mittenti alla block list 1. Nell elenco cartelle pubbliche del client di posta (ad esempio, Microsoft Outlook), individuare la cartella pubblica Cartelle anti-spam GFI > Aggiungi a block list. 2. Trascinare i messaggi di posta nella cartella Aggiungi a block list. Utilizzo dei messaggi spam per istruire il filtro bayesiano 1. Nelle cartelle pubbliche del client di posta (ad esempio, Microsoft Outlook), individuare la cartella pubblica Cartelle anti-spam GFI > Messaggio spam. 2. Trascinare il messaggio spam nella cartella Messaggio spam. GFI MailEssentials 6 Antispam 175

176 7 Filtro contenuti I motori di Filtro contenuti consentono agli amministratori di controllare il contenuto dei messaggi. Questi motori scansionano il contenuto di messaggi e allegati e bloccano i messaggi il cui contenuto corrisponde alle regole di filtro contenuti. Argomenti del presente capitolo: 7.1 Filtro parola chiave Filtro allegati Filtro avanzato contenuto Motore di decompressione Filtro parola chiave Filtro parole chiave consente di impostare regole che filtrano i messaggi contenenti parole chiave specifiche o una combinazione di parole chiave nel corpo o nell oggetto del messaggio. Una regola è composta da: Parole chiave da bloccare nel corpo, oggetto o allegato del messaggio. Azioni da attuare quando viene individuata una parola chiave. Gli utenti a cui viene applicata una regola. Per configurare le regole del contenuto, selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave. Questa pagina consente all utente di visualizzare, creare, abilitare, disabilitare o eliminare le regole Creazione regola filtro parola chiave Per creare una regola di Filtro parola chiave, attenersi ai passaggi elencati di seguito: Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base della regola Passaggio 2: configurazione dei termini da bloccare Passaggio 3: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati Passaggio 4: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base della regola 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave e fare clic su Aggiungi regola Nella casella di testo Nome regola specificare un nome per la regola. 3. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata, in uscita e/o interni. Opzione Controlla messaggi di posta in arrivo Controlla messaggi di posta in uscita Controlla interne Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. Selezionare questa opzione per scansionare i messaggi interni. Questa opzione è disponibile solo quando GFI MailEssentials è installato in un computer Microsoft Exchange Server. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 176

177 4. Per bloccare i messaggi crittografati con la tecnologia PGP, selezionare Blocca i messaggi con crittografia PGP. La crittografia PGP è un sistema crittografico a chiave pubblica spesso utilizzato per crittografare i messaggi. Passaggio 2: configurazione dei termini da bloccare 1. Selezionare la scheda Corpo per indicare le parole chiave presenti nel corpo del messaggio da bloccare. 2. Selezionare Blocca messaggi se il contenuto corrisponde a queste condizioni (corpo messaggio/allegati) per consentire la scansione del corpo alla ricerca di parole chiave. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 177

178 Schermata 95: filtro contenuti: scheda Corpo - configurazione condizioni 3. Nell area Inserimento condizione, digitare le parole chiave da bloccare nella casella Modifica condizione. È anche possibile utilizzare le condizioni AND, OR, AND NOT e OR NOT per utilizzare una combinazione di parole chiave. 4. Per aggiungere la parola chiave o la combinazione di parole chiave digitate, fare clic su Aggiungi condizione. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 178

179 Per modificare una voce nell elenco Condizioni, selezionarla e apportare le modifiche necessarie nella casella Inserimento condizione. Per rimuovere una voce dall elenco Condizioni, selezionarla e fare clic su Rimuovi. Per applicare le modifiche, fare clic su Aggiorna. Schermata 96: filtro contenuti: scheda Corpo - configurazione altre opzioni 5. (Facoltativo) Dall area Opzioni, configurare le seguenti impostazioni: Opzione Rileva solo parole intere Applica le condizioni di cui sopra agli allegati Descrizione Bloccare i messaggi quando le parole chiave specificate corrispondono a parole intere. Selezionare questa opzione per applicare la regola anche al testo negli allegati. Nell area Filtro allegati, indicare l estensione file degli allegati (ad esempio,.doc) da applicare o escludere dalla regola. 6. Selezionare la scheda Oggetto per indicare le parole chiave da bloccare nell oggetto del messaggio. 7. Nell area Inserimento condizione, digitare le parole chiave da bloccare nella casella Modifica condizione. È anche possibile utilizzare le condizioni AND, OR, AND NOT e OR NOT per utilizzare una combinazione di parole chiave. 8. Per aggiungere la parola chiave o la combinazione di parole chiave digitate, fare clic su Aggiungi condizione. Per modificare una voce nell elenco Condizioni, selezionarla e apportare le modifiche necessarie nella casella Inserimento condizione. Per rimuovere una voce dall elenco Condizioni, selezionarla e fare clic su Rimuovi. Per applicare le modifiche, fare clic su Aggiorna. 9. Dall area Opzioni, configurare la modalità di associazione delle parole chiave. Selezionare Rileva solo parole intere per bloccare i messaggi dove le parole chiave indicate corrispondono a parole intere nell oggetto. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 179

180 Passaggio 3: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati 1. Fare clic sulla scheda Azioni per configurare l operazione da effettuare quando si attiva questa regola. 2. Per bloccare un messaggio che rispetta le condizioni della regola, selezionare Blocca ed esegui l azione seguente, quindi fare clic su una delle seguenti opzioni: Opzione in quarantena Elimina e- mail Sposta nella cartella su disco Descrizione Archivia i messaggi bloccati in Quarantine Store. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina i messaggi di posta bloccati. Sposta il messaggio in una cartella su disco. Digitare il percorso completo della cartella dove salvare i messaggi bloccati. IMPORTANTE Le azioni interessano sempre l intero messaggio il cui contenuto è bloccato, anche in presenza di altro contenuto (come gli allegati) che non attiva questa regola. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 3. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato, privo dei contenuti dannosi. 4. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 5. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Passaggio 4: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola 1. Per impostazione predefinita, questa regola viene applicata a tutti gli utenti della posta. Tuttavia, GFI MailEssentials permette di applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta indicati nella scheda Utenti/Cartelle. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 180

181 Schermata 97: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 2. Indicare gli utenti a cui applicare questa regola. Opzione Solo questo elenco Tutto tranne questo elenco Descrizione Applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta, gruppi o cartelle pubbliche. Applicare questa regola a tutti gli utenti della posta, ad eccezione degli utenti, gruppi o cartelle pubbliche indicati in questo elenco. 3. Per aggiungere utenti della posta, gruppi di utenti e/o cartelle pubbliche all elenco, fare clic su Aggiungi. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 181

182 Schermata 98: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 4. Nella finestra di dialogo Ricerche utente, inserire il nome dell utente/gruppo di utenti di posta o della cartella pubblica da aggiungere, quindi fare clic su Controlla nomi. Di seguito verranno elencati i risultati trovati in utenti, gruppi o cartelle pubbliche. Non è necessario inserire il nome completo di utenti, gruppi o cartella pubblica. È sufficiente inserire una parte del nome. GFI MailEssentials elencherà tutti i nomi contenenti i caratteri specificati. Ad esempio, digitando sco, GFI MailEssentials verranno restituiti nomi come Scott Adams e Freeman Prescott, se disponibili. 5. Selezionare la casella di spunta accanto al nome da aggiungere all elenco, quindi fare clic su OK. Per rimuovere le voci dall elenco, selezionare l utente/gruppo di utenti/cartella pubblica da rimuovere e fare clic su Rimuovi. 6. Ripetere i passaggi da 3 a 5 per aggiungere all elenco tutti gli utenti necessari. 7. Fare clic su Applica Abilitazione/disabilitazione regole Per abilitare/disabilitare le regole di filtro dei contenuti: 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave. 2. Dalla pagina Filtro contenuti, selezionare la casella di controllo delle regole da abilitare o disabilitare. 3. Fare clic su Abilita selezionati o Disabilita selezionati. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 182

183 7.1.3 Rimozione regole di filtro dei contenuti AVVISO Le regole eliminate non sono recuperabili. Nel dubbio, si consiglia di disabilitare una regola. 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave. 2. Dalla pagina Filtro contenuti, selezionare la casella di controllo delle regole da rimuovere. 3. Fare clic su Rimuovi selezionati Modifica di una regola esistente 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave. 2. Dalla pagina Filtro contenuti, fare clic sul nome della regola da modificare. 3. Eseguire le modifiche richieste nelle proprietà della regola, quindi fare clic su Applica Modifica priorità regola Le regole del Filtro contenuti vengono applicate nel medesimo ordine, dall inizio alla fine nel modo in cui sono elencate nella pagina Filtro contenuti (ovvero, viene controllata per prima una regola con il valore di priorità 1). Per modificare la sequenza/priorità delle regole: 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro parola chiave. 2. Dalla pagina Filtro contenuti, fare clic sulle frecce (su) o (giù) per aumentare o diminuire rispettivamente la priorità della regola. 3. Ripetere il passaggio 2 finché le regole non sono collocate nella sequenza desiderata. 7.2 Filtro allegati Filtro allegati consente la configurazione di regole per il filtraggio dei tipi di allegati dei messaggi da autorizzare e bloccare sul server di posta. Una regola è composta da: Tipi di allegato da bloccare Azioni da attuare quando viene individuato un allegato corrispondente Gli utenti a cui viene applicata una regola. Per configurare le regole dell allegato, selezionare Filtro contenuti > Filtro allegati. Questa pagina consente all utente di visualizzare, creare, abilitare, disabilitare o eliminare le regole Creazione di una regola filtro allegati Per creare una regola di Filtro allegati, attenersi ai passaggi elencati di seguito: Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base delle regole e dei termini da bloccare Passaggio 2: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati Passaggio 3: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base delle regole e dei termini da bloccare 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Filtro allegati. 2. Fare clic su Aggiungi regola... GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 183

184 Schermata 99: filtro allegati: scheda Generale 3. Nella casella di testo Nome regola specificare un nome per la regola. 4. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata, in uscita e/o interni. Opzione Controlla messaggi di posta in arrivo Controlla messaggi di posta in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 184

185 Opzione Controlla interne Descrizione Selezionare questa opzione per scansionare i messaggi interni. Questa opzione è disponibile solo quando GFI MailEssentials è installato in un computer Microsoft Exchange Server. 5. Nell area Blocco allegati, specificare i tipi di allegati da bloccare: Opzione Blocca tutto Blocca questo elenco Non bloccare allegati di dimensioni inferiore a: Blocca tutto eccetto questo elenco Descrizione Blocca tutti gli allegati dei messaggi di qualsiasi tipo. Blocca un elenco personalizzato di tipi di allegati. Digitare un nome file e/o un tipo di allegato da bloccare nella casella di testo Inserisci nomi file con caratteri jolly opzionali, quindi fare clic su Aggiungi. Ripetere la procedura per tutti i nomi file e/o tipi di allegati da bloccare. Selezionare questa opzione per consentire i tipi di allegati nell elenco che sono inferiori a una dimensione specifica. Specificare le dimensioni (in KB) nella casella di testo indicata. Blocca tutti gli allegati ad eccezioni di quelle nell'elenco sottostante. Digitare un nome file e/o un tipo di allegato da consentire nella casella di testo Inserisci nomi file con caratteri jolly opzionali, quindi fare clic su Aggiungi. Ripetere la procedura per tutti i nomi file e/o tipi di allegati da escludere. Quando si specificano i nomi file e/o i tipi di allegati, è possibile utilizzare i caratteri jolly con l asterisco (*). Ad esempio, indicando *ordini*.mdb ci si riferisce a tutti i file del tipo mdb che contengono la stringa ordini nel nome del file. Indicando *.jpg si bloccheranno tutte le immagini del tipo jpg. Per rimuovere una voce dall'elenco, selezionarla e fare clic su Rimuovi selezionati. 6. È anche possibile bloccare gli allegati di dimensioni maggiori a quelle specificate. Per abilitare questa opzione, dall area Opzioni selezionare Blocca tutti gli allegati superiori alle seguenti dimensioni in KB e indicare le dimensioni massime dell allegato (in KB). Questa funzione blocca tutti gli allegati con dimensioni file superiori a quelle indicate, a prescindere dal fatto che l allegato corrisponda a una voce dell elenco Blocco allegati. Passaggio 2: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati 1. Fare clic sulla scheda Azioni per configurare quello che accade quando si attiva questa regola. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 185

186 Schermata 100: filtro allegati: scheda Azioni 2. Per bloccare un messaggio che rispetta le condizioni della regola, selezionare Blocca allegato ed esegui l azione:, quindi fare clic su una delle seguenti opzioni: Opzione in quarantena Elimina e- mail Sposta nella cartella su disco Descrizione Archivia i messaggi bloccati in Quarantine Store. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina i messaggi di posta bloccati. Sposta il messaggio in una cartella su disco. Digitare il percorso completo della cartella dove salvare i messaggi bloccati. IMPORTANTE Le azioni interessano sempre l intero messaggio il cui contenuto è bloccato, anche in presenza di altro contenuto (come gli allegati) che non attiva questa regola. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 186

187 Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 3. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato, privo dei contenuti dannosi. 4. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 5. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Passaggio 3: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola 1. Per impostazione predefinita, questa regola viene applicata a tutti gli utenti della posta. Tuttavia, GFI MailEssentials permette di applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta indicati nella scheda Utenti/Cartelle. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 187

188 Schermata 101: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 2. Indicare gli utenti a cui applicare questa regola. Opzione Solo questo elenco Tutto tranne questo elenco Descrizione Applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta, gruppi o cartelle pubbliche. Applicare questa regola a tutti gli utenti della posta, ad eccezione degli utenti, gruppi o cartelle pubbliche indicati in questo elenco. 3. Per aggiungere utenti della posta, gruppi di utenti e/o cartelle pubbliche all elenco, fare clic su Aggiungi. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 188

189 Schermata 102: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 4. Nella finestra di dialogo Ricerche utente, inserire il nome dell utente/gruppo di utenti di posta o della cartella pubblica da aggiungere, quindi fare clic su Controlla nomi. Di seguito verranno elencati i risultati trovati in utenti, gruppi o cartelle pubbliche. Non è necessario inserire il nome completo di utenti, gruppi o cartella pubblica. È sufficiente inserire una parte del nome. GFI MailEssentials elencherà tutti i nomi contenenti i caratteri specificati. Ad esempio, digitando sco, GFI MailEssentials verranno restituiti nomi come Scott Adams e Freeman Prescott, se disponibili. 5. Selezionare la casella di spunta accanto al nome da aggiungere all elenco, quindi fare clic su OK. Per rimuovere le voci dall elenco, selezionare l utente/gruppo di utenti/cartella pubblica da rimuovere e fare clic su Rimuovi. 6. Ripetere i passaggi da 3 a 5 per aggiungere all elenco tutti gli utenti necessari. 7. Fare clic su Applica Abilitazione/disabilitazione regole Per abilitare (o disabilitare) le regole di filtro allegati: 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro allegati. 2. Dalla pagina Filtro allegati, selezionare la casella di controllo delle regole da abilitare o disabilitare. 3. Di conseguenza, fare clic su Abilita selezionati o Disabilita selezionati. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 189

190 7.2.3 Rimozione regole allegato Avviso Le regole eliminate non sono recuperabili. Nel dubbio, si consiglia di disabilitare una regola. 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro allegati. 2. Dalla pagina Filtro allegati, selezionare la regola da rimuovere. 3. Fare clic su Rimuovi selezionati Modifica di una regola esistente 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro allegati. 2. Dalla pagina Filtro allegati, fare clic sul nome della regola da modificare. 3. Eseguire le modifiche richieste nelle proprietà della regola, quindi fare clic su Applica Modifica priorità regola Le regole del Filtro allegati vengono applicate nel medesimo ordine, dall inizio alla fine nel modo in cui sono elencate nella pagina Filtro allegati (ovvero, viene controllata per prima una regola con il valore di priorità 1). Per modificare la sequenza/priorità delle regole: 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro allegati. 2. Dalla pagina Filtro allegati, fare clic sulle frecce (su) o (giù) per aumentare o diminuire rispettivamente la priorità della regola. 3. Ripetere il passaggio 2 finché le regole non sono collocate nella sequenza desiderata. 7.3 Filtro avanzato contenuto Filtro avanzato contenuto consente la scansione dei dati e del contenuto dell intestazione del messaggio, ricorrendo a condizioni di ricerca ed espressioni regolari configurabili (regex). Per configurare le regole avanzate dei contenuti, selezionare Filtro contenuti > Filtro avanzato contenuto. Questa pagina consente all utente di visualizzare, creare, abilitare, disabilitare o eliminare le regole Creazione regole filtro avanzato contenuto Per creare una regola di Filtro avanzato contenuto, attenersi ai passaggi elencati di seguito: Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base delle regole e condizioni da bloccare Passaggio 2: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati Passaggio 3: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola Passaggio 1: configurazione delle impostazioni di base delle regole e condizioni da bloccare 1. Selezionare Filtro contenuti > Filtro avanzato contenuto e fare clic su Aggiungi regola... GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 190

191 Schermata 103: aggiunta di una nuova regola di filtro avanzato contenuto 2. In Nome regola, digitare un nome per la nuova regola. 3. Nell area Condizione, indicare la condizione che il messaggio deve soddisfare per rispettare questa regola. Dall elenco a discesa selezionare la parte del messaggio (Intestazione, Oggetto, Corpo, Nome allegato o Contenuto allegato) e scegliere la condizione (Inizia con, Termina con, Contiene, Corrispondenza perfetta, Corrisponde a Regex). Nella casella di testo, immettere la parola chiave o l espressione regolare che deve essere contenuta nel messaggio. Ad esempio: per associare i messaggi con svizzero nell oggetto - Selezionare Oggetto e Contiene, quindi digitare svizzero nella casella di testo. 4. Scegliere se scansionare i messaggi in entrata, in uscita e/o interni. Opzione Controlla messaggi di posta in arrivo Controlla messaggi di posta in uscita Descrizione Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in entrata. Selezionare l opzione per scansionare i messaggi in uscita. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 191

192 Opzione Controlla interne Descrizione Selezionare questa opzione per scansionare i messaggi interni. Questa opzione è disponibile solo quando GFI MailEssentials è installato in un computer Microsoft Exchange Server. Passaggio 2: configurazione delle azioni da intraprendere sui messaggi rilevati 1. Dalla scheda Azioni, configurare quello che accade quando si attiva questa regola. Schermata 104: scheda Azioni 2. Per bloccare un messaggio che rispetta le condizioni della regola, selezionare Blocca ed esegui l azione seguente, quindi fare clic su una delle seguenti opzioni: Opzione in quarantena Elimina e- mail Descrizione Archivia i messaggi bloccati in Quarantine Store. I messaggi inseriti in quarantena potranno essere successivamente rivisti (per approvazione/eliminazione). Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Quarantena (pagina 203). Elimina i messaggi di posta bloccati. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 192

193 Opzione Sposta nella cartella su disco Descrizione Sposta il messaggio in una cartella su disco. Digitare il percorso completo della cartella dove salvare i messaggi bloccati. IMPORTANTE Le azioni interessano sempre l intero messaggio il cui contenuto è bloccato, anche in presenza di altro contenuto (come gli allegati) che non attiva questa regola. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 3. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato, privo dei contenuti dannosi. 4. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 5. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log Passaggio 3: indicazione degli utenti a cui applicare questa regola 1. Per impostazione predefinita, questa regola viene applicata a tutti gli utenti della posta. Tuttavia, GFI MailEssentials permette di applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta indicati nella scheda Utenti/Cartelle. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 193

194 Schermata 105: Filtro contenuti: scheda Utenti/cartelle 2. Indicare gli utenti a cui applicare questa regola. Opzione Solo questo elenco Tutto tranne questo elenco Descrizione Applicare questa regola a un elenco personalizzato di utenti della posta, gruppi o cartelle pubbliche. Applicare questa regola a tutti gli utenti della posta, ad eccezione degli utenti, gruppi o cartelle pubbliche indicati in questo elenco. 3. Per aggiungere utenti della posta, gruppi di utenti e/o cartelle pubbliche all elenco, fare clic su Aggiungi. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 194

195 Schermata 106: Aggiunta di utenti a una regola di filtro dei contenuti 4. Nella finestra di dialogo Ricerche utente, inserire il nome dell utente/gruppo di utenti di posta o della cartella pubblica da aggiungere, quindi fare clic su Controlla nomi. Di seguito verranno elencati i risultati trovati in utenti, gruppi o cartelle pubbliche. Non è necessario inserire il nome completo di utenti, gruppi o cartella pubblica. È sufficiente inserire una parte del nome. GFI MailEssentials elencherà tutti i nomi contenenti i caratteri specificati. Ad esempio, digitando sco, GFI MailEssentials verranno restituiti nomi come Scott Adams e Freeman Prescott, se disponibili. 5. Selezionare la casella di spunta accanto al nome da aggiungere all elenco, quindi fare clic su OK. Per rimuovere le voci dall elenco, selezionare l utente/gruppo di utenti/cartella pubblica da rimuovere e fare clic su Rimuovi. 6. Ripetere i passaggi da 3 a 5 per aggiungere all elenco tutti gli utenti necessari. 7. Fare clic su Applica Rimozione regole 1. Da Filtro contenuti > Filtro avanzato contenuto, selezionare la regola da rimuovere. 2. Fare clic su Rimuovi selezionati Abilitazione/disabilitazione regole 1. Da Filtro contenuti > Filtro avanzato contenuto, selezionare la regola da abilitare/disabilitare. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 195

196 2. Fare clic su Disabilita selezionati per disabilitare la regola o su Abilita selezionati per abilitarla Regole di ordinamento Le regole del Filtro avanzato contenuto vengono applicate nel medesimo ordine, dall inizio alla fine nel modo in cui sono elencate nella pagina Filtro avanzato contenuto (ovvero, viene controllata per prima una regola con il valore di priorità 1). Per modificare la sequenza/priorità delle regole: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Filtro avanzato contenuto. 2. Fare clic sulle frecce (su) o (giù) per aumentare o diminuire rispettivamente la priorità della regola. 3. Ripetere il passaggio 2 finché le regole non sono collocate nella sequenza desiderata. 7.4 Motore di decompressione Motore di decompressione estrae e analizza gli archivi (file compressi) allegati a un messaggio. Di seguito, un elenco di controlli effettuati dal motore di decompressione: Archivi protetti da password Archivi danneggiati Archivi ricorsivi Dimensione file decompressi negli archivi Dimensioni file negli archivi Scansiona negli archivi Configurazione motori di decompressione filtri Per configurare i filtri del motore di decompressione: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 196

197 Schermata 107: controlli motore di decompressione 2. Fare clic sul filtro di decompressione per configurare: Controlla archivi protetti da password Controlla archivi danneggiati Controlla archivi ricorsivi Controlla dimensione file non compressi negli archivi Controlla numero di file negli archivi Scansiona negli archivi Controlla archivi protetti da password 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco dei filtri disponibili, fare clic su Controlla archivi protetti da password. 3. Per abilitare questo filtro, selezionare Controlla archivi protetti da password. 4. Specificare l operazione da eseguire quando un messaggio contiene un archivio che attiva questo filtro: Opzione Quarantena Elimina automaticamente Descrizione Inserisce in quarantena i messaggi bloccati. Elimina i messaggi di posta bloccati. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 197

198 Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 5. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 6. Per configurare le azioni successive, fare clic sulla scheda Azioni. 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log 9. Fare clic su Applica. Controlla archivi danneggiati 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco dei filtri disponibili, fare clic su Controlla archivi danneggiati. 3. Per abilitare questo filtro, selezionare Controlla archivi danneggiati. 4. Specificare l operazione da eseguire quando un messaggio contiene un archivio che attiva questo filtro: Opzione Quarantena Elimina automaticamente Descrizione Inserisce in quarantena i messaggi bloccati. Elimina i messaggi di posta bloccati. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 5. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 6. Per configurare le azioni successive, fare clic sulla scheda Azioni. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 198

199 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log 9. Fare clic su Applica. Controlla archivi ricorsivi Questo filtro consente di inserire in quarantena o eliminare i messaggi che contengono archivi ricorsivi. Gli archivi ricorsivi, noti anche come archivi nidificati, sono archivi che contengono livelli multipli di archivi secondari (archivi contenuti all interno di altri). Un numero elevato di livelli di archivio può indicare un archivio dannoso. Gli archivi ricorsivi possono essere utilizzati in un attacco DoS (Denial of Service), poiché consumano risorse dei computer durante l analisi. Per configurare questo filtro: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco dei filtri disponibili, fare clic su Controlla archivi ricorsivi. 3. Per abilitare questo filtro, selezionare Controlla archivi ricorsivi. 4. Specificare il numero massimo di archivi ricorsivi nella casella di testo Numero massimo archivi ricorrenti. Se un archivio contiene più archivi ricorsivi del numero indicato, il messaggio viene classificato come dannoso. 5. Specificare l operazione da eseguire quando un messaggio contiene un archivio che attiva questo filtro: Opzione Quarantena Elimina automaticamente Descrizione Inserisce in quarantena i messaggi bloccati. Elimina i messaggi di posta bloccati. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 6. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inoltrare ai destinatari una copia del messaggio bloccato, privo dei contenuti dannosi. 7. Per configurare le azioni successive, fare clic sulla scheda Azioni. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 199

200 8. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 9. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log 10. Fare clic su Applica. Controlla dimensione file non compressi negli archivi Questo filtro consente di bloccare o eliminare i messaggi i cui archivi superano le dimensioni fisiche specificate, quando non sono compressi. A volte gli hacker adottano questo metodo nell attacco DoS (Denial of Service), eseguendo l invio di un archivio che può essere decompresso diventando un file molto grande, consumando spazio su disco e richiedendo molto tempo per l analisi da parte di software di sicurezza dei contenuti o antivirus. Per configurare questo filtro: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco dei filtri disponibili, fare clic su Controlla dimensione file non compressi negli archivi. 3. Per abilitare questo filtro, selezionare Controlla dimensione file non compressi negli archivi. 4. Specificare il numero massimo di archivi non compressi nella casella di testo Dimensione massima file non compressi in MB. Se le dimensioni di un archivio non compresso sono superiori al valore specificato, il messaggio viene classificato come dannoso. 5. Specificare l operazione da eseguire quando un messaggio contiene un archivio che attiva questo filtro: Opzione Quarantena Elimina automaticamente Descrizione Inserisce in quarantena i messaggi bloccati. Elimina i messaggi di posta bloccati. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 6. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato, privo dei contenuti dannosi. 7. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 200

201 Opzione Notifica amministratore Notifica utente locale Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 8. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log 9. Fare clic su Applica. Controlla numero di file negli archivi Questo filtro consente di inserire in quarantena o eliminare i messaggi che contengono un numero eccessivo di file compressi all interno di un archivio allegato. È possibile specificare il numero di file consentiti negli allegati dall archivio dalle opzioni di configurazione incluse nel filtro. Per configurare questo filtro: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco dei filtri disponibili, fare clic su Controlla numero di file negli archivi. 3. Per abilitare questo filtro, selezionare Controlla numero di file negli archivi. 4. Specificare il numero massimo di file negli archivi nella casella di testo Se il numero di file all interno dell archivio supera. Se un archivio contiene più file del valore specificato, il messaggio viene classificato come dannoso. 5. Specificare l operazione da eseguire quando un messaggio contiene un archivio che attiva questo filtro: Opzione Quarantena Elimina automaticamente Descrizione Inserisce in quarantena i messaggi bloccati. Elimina i messaggi di posta bloccati. Quando GFI MailEssentials viene installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange 2003, GFI MailEssentials potrebbe non riuscire a bloccare i messaggi in uscita ma invece sostituire il contenuto bloccato con un rapporto sulle minacce. 6. Selezionare Invia una copia disinfettata del messaggio originale ai destinatari per scegliere se inviare ai destinatari una copia del messaggio bloccato. 7. Per configurare le azioni successive, fare clic sulla scheda Azioni. 8. GFI MailEssentials può inviare notifiche di posta ogni volta che un messaggio attiva questo filtro. Per abilitare questa funzione, selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Notifica amministratore Descrizione Notifica l amministratore quando questo motore blocca un messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 201

202 Opzione Notifica utente locale Descrizione Notifica il messaggio bloccato ai destinatari locali del messaggio. 9. Per registrare l attività di questo motore in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file. Nella casella di testo, indicare il percorso e il nome del file di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. Per impostazione predefinita, i file di registro vengono archiviati in: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\logs\<nome motore>.log 10. Fare clic su Applica. Scansiona negli archivi È possibile configurare GFI MailEssentials affinché applichi il filtro allegati e parole chiave ai file contenuti all interno degli archivi. 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dall elenco di filtri disponibili, fare clic su Scansiona negli archivi. 3. Per abilitare la scansione all interno degli archivi, selezionare Applica regole di filtro allegati e contenuti agli archivi. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Filtro contenuti (pagina 176). 4. Fare clic su Applica Abilitazione/disabilitaziona filtri di decompressione Per abilitare (o disabilitare) i filtri di decompressione: 1. Selezionare Filtro contenuti > nodo Decompressione. 2. Dalla pagina Motore di decompressione, selezionare la casella di controllo delle regole da abilitare o disabilitare. 3. Di conseguenza, fare clic su Abilita selezionati o Disabilita selezionati. GFI MailEssentials 7 Filtro contenuti 202

203 8 Quarantena La funzionalità di quarantena di GFI MailEssentials fornisce un archivio centrale dove tutta la posta rilevata come spam o malware viene conservata. In tal modo si assicura che gli utenti non ricevano posta indesiderata e malware nella loro cassetta postale, riducendo al contempo l'elaborazione da parte del server della posta. Gli amministratori e gli utenti della posta possono rivedere i messaggi in quarantena accedendo all'interfaccia della quarantena da un browser Web. GFI MailEssentials può anche inviare dei rapporti regolari agli utenti della posta per rivedere i loro messaggi bloccati. Per ulteriori informazioni sulla configurazione della quarantena di GFI MailEssentials, fare riferimento alle seguenti sezioni. 8.1 Note importanti Ricerca nella quarantena Cartelle ricerche Operazioni con i messaggi messi in quarantena Feed RSS quarantena Opzioni quarantena Percorso e URL pubblico di Quarantine Store Note importanti 1. Per mettere in quarantena lo spam o i messaggi dannosi, impostare le azioni dei filtri e dei motori su in quarantena. 2. Quarantine Store richiede spazio su disco per conservare le di spam o malware dell'organizzazione per alcuni giorni. La quantità di spazio su disco richiesto dipende da: la quantità ricevuta la durata della conservazione 3. In media, messaggi spam o malware di 5 KB ciascuno richiederanno circa 600 MB di spazio su disco per l'archiviazione del messaggio e dei relativi metadati. 4. Se lo spazio disponibile sul disco dove si trova Quarantine Store è di 512 MB o meno, GFI MailEssentials interromperà la messa in quarantena dello spam, che invece verrà contrassegnata e recapitata nelle cassette postali dei destinatari finché la quantità di spazio libero sul disco non sarà superiore a 512 MB. In tal modo si garantisce che il disco non esaurisca lo spazio. 8.2 Ricerca nella quarantena Quarantine Store è accessibile dall interfaccia di GFI MailEssentials e consente la gestione dei messaggi inseriti in quarantena. Per accedere a GFI MailEssentials Quarantine Store, selezionare GFI MailEssentials > Quarantena. Esistono vari modi di cercare il contenuto nella quarantena di GFI MailEssentials: Ricerca nel malware e spam inserito in quarantena Ricerca solo nei messaggi malware GFI MailEssentials 8 Quarantena 203

204 Ricerca solo nei messaggi spam Ricerca di malware e spam 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena. Schermata 108: area di ricerca di malware e spam 2. Dalla pagina Quarantena, selezionare Tutti i messaggi dall elenco Cerca. 3. Specificare i criteri di ricerca richiesti. CRITERI DI RICERCA Data: DESCRIZIONE Selezionare l intervallo di date in cui il messaggio è stato inserito in quarantena. Gli intervalli date disponibili sono: Qualsiasi data/ora Da ieri Ultimi 7 giorni Ultimi 30 giorni Cerca per mittente Cerca per destinatario Ricerca nell'oggetto il testo 4. Fare clic su Cerca. Intervallo di date personalizzato Indicare un mittente che ha inviato il messaggio inserito in quarantena. Indicare un destinatario di cui è stato inserito in quarantena il messaggio. Indicare il testo da cercare nell'oggetto del messaggio inserito in quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 204

205 Utilizza i risultati di ricerca per rivedere le in quarantena. È possibile approvare i falsi positivi per recapitarli ai destinatari. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211). Ricerca solo malware e contenuti 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena. Schermata 109: area di ricerca di malware e spam GFI MailEssentials 8 Quarantena 205

206 2. Dalla pagina Quarantena, selezionare Solo malware e contenuti dall elenco a discesa Cerca. 3. Specificare i criteri di ricerca richiesti. CRITERI DI RICERCA Data: DESCRIZIONE Selezionare l intervallo di date in cui il messaggio è stato inserito in quarantena. Gli intervalli date disponibili sono: Qualsiasi data/ora Da ieri Ultimi 7 giorni Ultimi 30 giorni Cerca per mittente Cerca per destinatario Ricerca nell'oggetto il testo Motivo quarantena Origine elemento Intervallo di date personalizzato Indicare un mittente che ha inviato il messaggio inserito in quarantena. Indicare un destinatario di cui è stato inserito in quarantena il messaggio. Indicare il testo da cercare nell'oggetto del messaggio inserito in quarantena. Indicare il motivo per cui è stato inserito in quarantena il messaggio da cercare. Selezionare l origine da cui è stato identificato il messaggio come malware e poi inserito in quarantena. Le opzioni disponibili sono: Archivio informazioni (VSAPI) Gateway (SMTP) Direzione elemento Archivio informazioni (trasporto) Scegliere la direzione del messaggio inserito in quarantena da cercare. Qualsiasi In arrivo In uscita Questa opzione è disponibile solo se Gateway (SMTP) è selezionato in Origine elemento. Messo in quarantena da Selezionare uno dei filtri di GFI MailEssentials che ha messo in quarantena il messaggio. Selezionare la casella di controllo Solo per cercare i messaggi inseriti in quarantena da un filtro specifico. 4. Fare clic su Cerca. Utilizza i risultati di ricerca per rivedere le in quarantena. È possibile approvare i falsi positivi per recapitarli ai destinatari. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211). Ricerca solo spam 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 206

207 Schermata 110: area di ricerca Solo spam 2. Dalla pagina Quarantena, selezionare Solo spam dall elenco a discesa Cerca. 3. Specificare i criteri di ricerca richiesti. Le opzioni disponibili sono: CRITERI DI RICERCA Data: DESCRIZIONE Selezionare l intervallo di date in cui il messaggio è stato inserito in quarantena. Gli intervalli date disponibili sono: Qualsiasi data/ora Da ieri Ultimi 7 giorni Ultimi 30 giorni Cerca per mittente Cerca per destinatario Ricerca nell'oggetto il testo Cerca in base al filtro antispam 4. Fare clic su Cerca. Intervallo di date personalizzato Indicare un mittente che ha inviato il messaggio inserito in quarantena. Indicare un destinatario di cui è stato inserito in quarantena il messaggio. Indicare il testo da cercare nell'oggetto del messaggio inserito in quarantena. Scegliere il filtro antispam che ha identificato il messaggio per la ricerca spam. GFI MailEssentials 8 Quarantena 207

208 Utilizza i risultati di ricerca per rivedere le in quarantena. È possibile approvare i falsi positivi per recapitarli ai destinatari. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211). 8.3 Cartelle ricerche Una cartella di ricerca è una cartella con una query di ricerca personalizzata associata ad essa e mostra tutti i messaggi inseriti in quarantena che corrispondono a tale query. Esempi di cartelle di ricerca: Una cartella di ricerca che mostra solo i messaggi in uscita inseriti in quarantena dai motori di scansione antivirus. Una cartella di ricerca che mostra i messaggi in entrata inseriti in quarantena in un determinato intervallo di date e indirizzati a un utente specifico. Una cartella di ricerca che mostra i messaggi che soddisfano criteri di ricerca specifici. Una cartella di ricerca che mostra i risultati di una query di ricerca precedentemente definita. Per visualizzare i messaggi in una cartella di ricerca specifica: 1. Selezionare il nodo Quarantena. Schermata 111: cartelle di ricerca personalizzate e predefinite 2. Fare clic su una cartella di ricerca visualizzata nelle aree Cartelle ricerche predefinite o Cartelle ricerche personalizzate. In alternativa, selezionare uno dei nodi della cartella di ricerca accessibili da Quarantena e dal nodo Quarantena > Cartelle ricerche. GFI MailEssentials 8 Quarantena 208

209 Utilizza i risultati di ricerca per rivedere le in quarantena. È possibile approvare i falsi positivi per recapitarli ai destinatari. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211) Cartelle ricerche predefinite Le cartelle di ricerche predefinite sono cartelle preconfigurate di ricerca che consentono l accesso ai messaggi inseriti in quarantena in un periodo di tempo specifico o in base a un tipo particolare di posta inserita in quarantena. Per utilizzare le cartelle ricerche predefinite: 1. Selezionare il nodo Quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 209

210 Schermata 112: cartelle ricerche predefinite 2. Per accedere alla cartella di ricerca, selezionarla dall area Cartelle ricerche predefinite o da un nodo di Quarantena. GFI MailEssentials cercherà e visualizzerà in automatico tutti i messaggi inseriti in quarantena che rispondono ai criteri di ricerca della cartella di ricerca predefinita. Le cartelle ricerche predefinite disponibili sono: GFI MailEssentials 8 Quarantena 210

211 Basate su tempo: Oggi Ieri Settimana corrente Basate su categoria: Tutti gli elementi malware e contenuti Tutti gli elementi spam Utilizza i risultati di ricerca per rivedere le in quarantena. È possibile approvare i falsi positivi per recapitarli ai destinatari. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni con i messaggi messi in quarantena (pagina 211) Creazione, modifica e rimozione delle cartelle ricerche predefinite dalle ricerche 1. Selezionare il nodo Quarantena. 2. Creare una nuova ricerca per i messaggi inseriti in quarantena. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Ricerca nella quarantena (pagina 203). 3. Nella pagina dei risultati, fare clic su Salva come cartella di ricerca e digitare un nome facilmente identificabile per la nuova cartella di ricerca. La cartella di ricerca appena creata verrà elencata nel nodo Quarantena > Cartelle ricerche. Per modificare o eliminare una cartella di ricerca creata in precedenza, accedere alla cartella di ricerca e fare clic su Modifica cartella di ricerca o Elimina cartella di ricerca Utilizzo del nodo Cartelle ricerche per eliminare in automatico i messaggi inseriti in quarantena Il nodo Cartelle ricerche consente di creare cartelle ricerche e impostare un valore di eliminazione automatica (in giorni). Quando un messaggio inserito in quarantena supera il numero indicato di giorni nella quarantena, il messaggio viene eliminato. 1. Selezionare Quarantena > nodo Cartelle ricerche. 2. Configurare una nuova cartella di ricerca per i messaggi da eliminare regolarmente sulla base delle istruzioni nel presente capitolo. 3. Selezionare Abilita eliminazione automatica e indicare il numero di giorni per cui conservare i messaggi. 4. Fare clic su Salva cartella. 8.4 Operazioni con i messaggi messi in quarantena All interno di GFI MailEssentials vi è una serie di azioni che è possibile eseguire sui messaggi inseriti in quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 211

212 Quarantine Store è accessibile dall interfaccia di GFI MailEssentials e l amministratore può gestire i messaggi inseriti in quarantena. Per accedere a GFI MailEssentials Quarantine Store, selezionare GFI MailEssentials > Quarantena Visualizzazione dei messaggi di posta elettronica inseriti in quarantena La ricerca all interno della quarantena o utilizzando le cartelle di ricerca predefinite o personalizzate riporta un elenco di messaggi inseriti in quarantena. Schermata 113: Cerca risultati La pagina dei risultati può essere suddivisa in due schede: Malware e contenuti: i messaggi bloccati dai motori antimalware e dalle regole di filtro dei contenuti. Spam: messaggi bloccati dai filtri antispam. 1. Scegliere la scheda Malware e contenuti oppure Spam per visualizzare i messaggi inseriti in quarantena di un tipo di messaggio specifico. La pagina dei risultati offre le seguenti funzioni e dettagli: Opzione Indietro Approva Elimina Riscansiona Descrizione Riporta l utente alla schermata precedente. Consente di approvare un messaggio singolo o più d uno. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Approvazione messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Elimina un messaggio singolo o più d uno. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Eliminazione definitiva dei messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Riscansiona i messaggi utilizzando le firme antivirus attuali, che potrebbero essere più aggiornate delle firme antivirus inserite in quarantena nel messaggio. Selezionare uno o più messaggi, quindi fare clic su Riscansiona per eseguire nuovamente la scansione. GFI MailEssentials 8 Quarantena 212

213 Opzione Modulo Motivo Mittente Destinatari Oggetto Data Origine Origine elemento Descrizione Il modulo che ha identificato il messaggio da inserire in quarantena. Il motivo/regola che ha attivato l azione per l inserimento del messaggio in quarantena. L indirizzo di posta elettronica del mittente. L'indirizzo di posta elettronica del destinatario. L oggetto del messaggio inviato dal mittente. La data in cui il messaggio è stato inserito in quarantena. Il percorso da cui è stato inserito in quarantena il messaggio. Consente di scegliere un origine per il filtraggio della visualizzazione. Le opzioni disponibili sono: Visualizza tutto Dimensioni pagina Archivio informazioni (VSAPI) Gateway (SMTP) Archivio informazioni (trasporto) Consente la personalizzazione del numero di messaggi per pagina attualmente visualizzati. Scegliere un numero per visualizzare il numero massimo di elementi per pagina. 2. Per accedere ai dettagli del messaggio singolo, fare clic su una riga. Schermata 114: dettagli elementi messi in quarantena dalla pagina Dettagli elementi messi in quarantena, rivedere i dettagli del messaggio ed effettuare le seguenti operazioni. Azione Approva Disinfetta e approva Riscansiona Descrizione Approvare il messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Approvazione messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Disinfettare e approvare il messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Approvazione messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Riscansiona i messaggi utilizzando le firme antivirus attuali, che potrebbero essere più aggiornate delle firme antivirus inserite in quarantena nel messaggio. GFI MailEssentials 8 Quarantena 213

214 Azione Elimina Elimina e notifica Scarica elemento Descrizione Eliminare il messaggio. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Eliminazione definitiva dei messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Eliminare il messaggio e notificare l utente. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Eliminazione definitiva dei messaggi inseriti in quarantena (pagina 214). Scarica il messaggio inserito in quarantena in un percorso a piacere utilizzando il formato.eml. Avviso: I messaggi in Quarantine Store potrebbero presentare contenuto dannoso. utilizzare questa caratteristica con attenzione Approvazione messaggi inseriti in quarantena Potrebbero esserci delle istanze in cui voler approvare un messaggio bloccato da GFI MailEssentials. GFI MailEssentials consente all amministratore di approvare un messaggio inserito in quarantena in modo da rilasciarlo da Quarantine Store e recapitarlo ai destinatari previsti. Per approvare i messaggi: 1. Utilizzare le funzionalità di ricerca descritte nelle sezioni precedenti per restituire un elenco di messaggi inseriti in quarantena. 2. Selezionare la casella di controllo accanto ai messaggi inseriti in quarantena da approvare e fare clic su Approva. Disinfezione e approvazione messaggi GFI MailEssentials consente anche di rimuovere l elemento che ha portato all inserimento in quarantena del messaggio, per procedere poi con l invio al destinatario. Per disinfettare e approvare i messaggi: 1. Utilizzare le funzionalità di ricerca descritte nelle sezioni precedenti per restituire un elenco di messaggi inseriti in quarantena. 2. Fare clic su un messaggio per visualizzarne i dettagli. 3. Fare clic su Disinfetta e approva. I messaggi inseriti in quarantena dall origine Information Store (VSAPI) non possono essere disinfettati Eliminazione definitiva dei messaggi inseriti in quarantena 1. Utilizzare le funzionalità di ricerca descritte nelle sezioni precedenti per restituire un elenco di messaggi inseriti in quarantena. 2. Selezionare la casella di controllo accanto ai messaggi inseriti in quarantena e fare clic su Elimina. Eliminazione dei messaggi inseriti in quarantena e notifica all utente La funzione Elimina e notifica consente la notifica ai destinatari al momento di eliminare i messaggi dalla quarantena. Per eliminare e notificare i destinatari: GFI MailEssentials 8 Quarantena 214

215 1. Utilizzare le funzionalità di ricerca descritte nelle sezioni precedenti per restituire un elenco di messaggi inseriti in quarantena. 2. Fare clic su un messaggio per visualizzarne i dettagli. 3. Fare clic su Elimina e notifica. 8.5 Feed RSS quarantena RSS (Really Simple Syndication) è un protocollo utilizzato per la distribuzione di contenuto o feed di aggiornamento, ad esempio le news, con i relativi iscritti. Per visualizzare i feed RSS, gli iscritti devono disporre di un lettore di feed apposito. Normalmente, i feed RSS includono un riepilogo del contenuto e un collegamento per visualizzare l intero articolo. Per facilitare il monitoraggio dei messaggi inseriti in quarantena è possibile utilizzare i feed RSS. Il feed di quarantena di GFI MailEssentials visualizza i messaggi inseriti in quarantena da rivedere, consentendo agli utenti di approvarli o eliminarli. I feed di quarantena RSS di GFI MailEssentials sono compatibili con la maggioranza dei lettori di feed RSS. Per un elenco dei lettori di feed RSS gratuiti che sono stati sperimentati con i feed RSS di quarantena di GFI MailEssentials, fare riferimento a: Abilitazione feed RSS quarantena 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena > Feed RSS quarantena. Schermata 115: feed RSS quarantena 2. Selezionare la casella di controllo Abilita feed RSS quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 215

216 3. Dall area Feed RSS, fare clic su Modifica nel lato destro della cartella di ricerca di quarantena per cui abilitare i feed RSS. 4. Selezionare la casella di controllo Abilita feed quarantina RSS in questa cartella. 5. Nella casella di testo Aggiorna contenuto feed ogni, indicare l intervallo di aggiornamento in minuti. Il valore predefinito è 10 minuti. 6. Nella casella di testo Il feed deve contenere al massimo, indicare il numero massimo di elementi da includere nel feed. Il valore predefinito è 100 elementi. L URL di un feed RSS può essere modificato facendo clic su Reimposta URL feed. Per modificare l URL di tutti i feed RSS abilitati, fare clic su Modifica alla destra della voce OPML, quindi fare clic su Reimposta tutti gli URL. Quando si modifica l URL, assicurarsi di aggiornare di conseguenza tutte le iscrizioni attuali. La reimpostazione dell url del feed dovrebbe essere eseguita in caso di accesso non autorizzato. 7. Fare clic su Applica Iscrizione ai feed RSS quarantena Iscrizione a tutti i feed RSS di quarantena abilitati 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena > Feed RSS quarantena. 2. Nell area Feed RSS, fare clic con il pulsante destro del mouse sull icona, quindi selezionare Copia collegamento per copiare l URL del feed RSS. 3. Utilizzare l URL copiato nell applicazione del lettore di feed RSS così da creare una nuova iscrizione al feed RSS. Iscrizione a un feed RSS di quarantena della cartella di ricerca Per iscriversi al feed RSS di una cartella di ricerca predefinita o personalizzata: 1. Selezionare GFI MailEssentials > Quarantena > Feed RSS quarantena. 2. Nell area Feed RSS, fare clic con il pulsante destro del mouse sull icona accanto alla cartella di ricerca a cui iscriversi, quindi selezionare Copia collegamento per copiare l URL del feed RSS. 3. Utilizzare l URL copiato nell applicazione del lettore di feed RSS così da creare una nuova iscrizione al feed RSS Protezione accesso ai feed RSS di quarantena di GFI MailEssentials Dal nodo Controllo di accesso di GFI MailEssentials Configuration è possibile configurare gli utenti che possono iscriversi ai feed di quarantena RSS. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Controllo di accesso (pagina 244). 8.6 Opzioni quarantena Utilizzare Opzioni quarantena per configurare la conservazione dello spam in quarantena, la creazione di report per l utente e la configurazione utente inesistente malware in quarantena. GFI MailEssentials 8 Quarantena 216

217 8.6.1 Opzioni spam 1. Selezionare Quarantena > Opzioni quarantena > Opzioni spam. Schermata 116: opzioni spam - scheda Opzioni generali 2. Dalla scheda Opzioni generali, modificare o mantenere il periodo di Conservazione posta di spam quarantine store. 3. Fare clic sulla scheda Impostazioni utente. GFI MailEssentials 8 Quarantena 217

218 Schermata 117: opzioni spam - scheda Impostazioni utente 4. Selezionare Invia rapporti quarantena utente a intervalli regolari per abilitare l invio di rapporti di quarantena agli utenti. I rapporti quarantena utente sono messaggi regolari inviati agli utenti e contenenti un elenco di spam bloccato per quell utente specifico. Utilizzando questo elenco, gli utenti possono controllare e approvare eventuali messaggi attendibili. I messaggi bloccati dai filtri Malware e contenuti non sono visualizzati in questi messaggi. GFI MailEssentials 8 Quarantena 218

219 5. Configurare la frequenza di invio del rapporto. Per aggiungerla alla pianificazione preimpostata, selezionare una data e un orario, quindi fare clic su Aggiungi regola. Selezionare una data e ora esistenti, quindi fare clic su Elimina per eliminare la data/ora selezionate. 6. Configurare gli utenti che riceveranno i rapporti di spam in quarantena. Selezionare Tutti gli utenti eccetto i seguenti o Solo gli utenti indicati nell elenco, quindi fornire l indirizzo di posta degli utenti da includere o escludere. Fare clic su Sfoglia per selezionare un file con l elenco di indirizzi di posta da importare, quindi fare clic su Importa. 7. Fare clic su Applica Opzioni malware GFI MailEssentials può anche essere configurato per notificare tramite messaggio (Modulo azione quarantena) all amministratore o agli utenti autorizzati ogni volta che un messaggio viene inserito in quarantena. Il modulo di approvazione quarantena contiene dati relativi al messaggio inserito in quarantena, tra cui il motivo per cui è stato bloccato ed eventuali allegati inclusi nel messaggio. L amministratore può quindi agire sul messaggio inserito in quarantena (ad esempio approvarlo) direttamente dal client di posta. Per eliminare automaticamente i messaggi più vecchi di un numero specifico di giorni, creare una nuova cartella di ricerca e impostare la funzione di Eliminazione automatica dei messaggi dopo un numero di giorni specifico. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Utilizzo del nodo Cartelle ricerche per eliminare in automatico i messaggi inseriti in quarantena (pagina 211). Abilitazione moduli di approvazione quarantena 1. Selezionare Quarantena > Opzioni quarantena > Opzioni malware. GFI MailEssentials 8 Quarantena 219

220 Schermata 118: Modalità quarantena 2. Dalla scheda Modalità quarantena, selezionare la casella di controllo Invia moduli di approvazione quarantena per posta per abilitare l invio dei moduli di approvazione quarantena. 3. Dall area Seleziona destinatario, indicare il destinatario dei moduli di approvazione: Opzione Invia all amministratore Invia al seguente indirizzo di posta elettronica Descrizione Invia i moduli di approvazione quarantena all amministratore come configurato nel nodo Impostazioni generali. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). Invia moduli di approvazione quarantena a un altro indirizzo di posta elettronica. Digitare il destinatario nella casella di testo fornita. 4. Facoltativo: selezionare Salva controllo quarantena nel seguente file: e configurare un nome file per salvare una copia del registro di quarantena. 5. Fare clic su Applica. Destinatari inesistenti La funzione Destinatari inesistenti di GFI MailEssentials scansiona i messaggi alla ricerca di indirizzi di posta locali inesistenti prima che siano memorizzati in Quarantine Store. Se un messaggio contiene indirizzi di posta locali inesistenti, verrà eliminato in modo permanente. In questo modo, si riduce il numero di messaggi di posta elettronica da sottoporre alla revisione amministrativa. GFI MailEssentials 8 Quarantena 220

221 Configurazione destinatari inesistenti Il filtro Destinatari inesistenti richiede l accesso a un elenco di indirizzi locali. Questa operazione viene eseguita da Active Directory oppure, se la comunicazione con Active Directory non è possibile, tramite un server LDAP. 1. Selezionare Quarantena > Opzioni quarantena > Opzioni malware. Schermata 119: Destinatari inesistenti GFI MailEssentials 8 Quarantena 221

222 2. Dalla scheda Destinatari inesistenti, selezionare la casella di controllo Elimina messaggi inseriti in quarantena per destinatari inesistenti. 3. Selezionare il metodo di ricerche utenti da utilizzare: Opzione Utilizza ricerche Active Directory native Descrizione Selezionare questa opzione se GFI MailEssentials è installato in modalità Active Directory e ha accesso a tutti gli utenti di Active Directory. Andare al passaggio 8. Quando GFI MailEssentials è installato in una modalità utente Active Directory in una DMZ, l AD di una DMZ di solito non include tutti gli utenti di rete (destinatari della posta). In questo caso, configurare GFI MailEssentials per l utilizzo delle ricerche LDAP. Utilizza ricerche LDAP Quando GFI MailEssentials si trova dietro un firewall, questa funzione potrebbe non essere in grado di connettersi direttamente alla Active Directory interna a causa delle impostazioni del firewall. Utilizzare le ricerche LDAP per eseguire la connessione all Active Directory interna della rete e assicurarsi di abilitare la porta predefinita 389 sul firewall. Selezionare questa opzione quando GFI MailEssentials è installato in modalità SMTP e/o quando GFI MailEssentials non dispone di accesso diretto all elenco completo degli utenti. 4. Specificare il nome del server LDAP o l'indirizzo IP nella casella di testo Server. In un ambiente Active Directory, normalmente il server LDAP è controller di dominio o catalogo globale. 5. Specificare il numero della porta nella casella di testo Porta. Il numero predefinito è 389. Se la connessione al server LDAP avviene tramite SSL, selezionare Utilizza SSL: la porta predefinita diventerà 636. Assicurarsi che la porta sia abilitata dal firewall. 6. Fare clic su Aggiorna elenco DNS per popolare l elenco DN di base e scegliere il DN di base, quindi il livello superiore nella gerarchia di Active Directory. 7. Se il server LDAP richiede l'autenticazione, specificare Utente e Password. In alternativa, se non è richiesta l autenticazione, selezionare Associazione anonima. 8. Verificare le impostazioni di configurazione indicando un indirizzo di posta valido nella casella Indirizzo posta elettronica, quindi fare clic su Test. Se l indirizzo di posta elettronica non è presente, rivedere le impostazioni di configurazione. 9. Per registrare l attività dei destinatari inesistenti in un file di registro, selezionare Registra occorrenze nel seguente file, quindi indicare il percorso e il nome del file (comprensivo di estensione.txt) di una posizione personalizzata su disco dove è possibile salvare il file di registro. In alternativa, indicare solo il nome del file (compresa l estensione.txt) e il file di registro verrà salvato nel seguente percorso predefinito. <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\\ security\logs\<nomefile>.txt 10. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 8 Quarantena 222

223 8.7 Percorso e URL pubblico di Quarantine Store Utilizzare GFI MailEssentials Switchboard per configurare il percorso e l URL pubblico di Quarantine Store. Il percorso di Quarantine Store è la posizione in cui vengono salvati i messaggi inseriti in quarantena. Per impostazione predefinita, si trova nel percorso di installazione di GFI MailEssentials. Tuttavia, nei casi in cui lo spazio su disco sia insufficiente, potrebbe essere necessario lo spostamento in un percorso alternativo. L URL pubblico di quarantena dà accesso alla pagina di quarantena da una posizione esterna. Per impostazione predefinita, è basata sulle impostazioni della directory virtuale di IIS di GFI MailEssentials che sono state fornite durante l installazione. Tuttavia, tale posizione potrebbe venire modificata se si inviano messaggi o notifiche digest della quarantena che vengono visualizzate al di fuori dalla rete interna. In tal caso, l URL dovrà essere modificato in modo da essere raggiungibile via Internet. 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard. Schermata 120: Percorso e URL pubblico di Quarantine Store 2. Dalla scheda Quarantena, fare clic su Sfoglia per selezionare un percorso alternativo per Quarantine Store. GFI MailEssentials 8 Quarantena 223

224 IMPORTANTE Assicurarsi che la partizione del disco dove viene salvato Quarantine Store disponga di spazio sufficiente. I messaggi spam non verranno messi in quarantena se lo spazio su disco è inferiore a 512 MB. Una volta raggiunti 512 MB, il funzionamento dell' in quarantena verrà arrestato e lo spam verrà etichettato e recapitato nelle cassette postali dei destinatari, finché lo spazio libero non sarà superiore a 512 MB. 3. Fornire un URL alternativo da utilizzare per l accesso alla quarantena da un percorso esterno all organizzazione. 4. Fare clic su OK per salvare la configurazione. GFI MailEssentials 8 Quarantena 224

225 9 Gestione posta elettronica GFI MailEssentials comprende un numero di strumenti che facilitano la gestione dei messaggi in entrata e in uscita. Argomenti del presente capitolo: 9.1 Liberatorie Risposte automatiche Server elenco Monitoraggio posta elettronica Liberatorie Le liberatorie sono contenuti standard aggiunti alla parte superiore o inferiore della posta in uscita per motivi legali e/o di marketing. Aiutano le aziende a proteggersi dalle minacce legali potenziali derivanti dai contenuti di un messaggio e ad aggiungere descrizioni per i prodotti/servizi offerti. Configurazione liberatorie Disabilitazione e abilitazione liberatorie Classificazione liberatorie per priorità Configurazione liberatorie Per personalizzare o creare una nuova liberatoria: 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Liberatorie. 2. Fare clic su una liberatoria per modificarne le impostazioni o fare clic su Aggiungi liberatoria per crearne una nuova. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 225

226 Schermata 121: aggiunta di una nuova liberatoria 3. Dalla scheda Generale, configurare quanto segue: Opzione Nome liberatoria Tipo di liberatoria Posizione della liberatoria Descrizione Digitare un nome univoco e descrittivo per la nuova liberatoria. Scegliere a quele utente applicare la liberatoria: Liberatoria dominio: La liberatoria verrà aggiunta a tutti i messaggi inviati da un dominio. Selezionare il dominio dall elenco a discesa Dominio. Liberatoria utente/gruppo: Fare clic su Cerca utente/gruppo per selezionare un utente o gruppo di utenti a cui viene aggiunta la liberatoria per i messaggi in uscita. Se GFI MailEssentials è in modalità Active Directory, scegliere l utente o i gruppi direttamente da Active Directory, altrimenti indicare l indirizzo SMTP dell utente. Selezionare l opzione Superiore o Fine per scegliere se collocare la liberatoria nella parte superiore o inferiore del messaggio. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 226

227 Schermata 122: Liberatoria in formato HTML 4. Dalla scheda HTML, utilizzare l editor HTML per creare una liberatoria personalizzata in formato HTML. Per aggiungere campi all o di Active Directory (variabili) alla liberatoria, selezionare Inserisci > Variabile. Scegliere la variabile da aggiungere, quindi fare clic su Aggiungi. Le variabili del nome visualizzato e indirizzo del destinatario verranno incluse soltanto se il messaggio viene inviato a un singolo destinatario. Se i messaggi vengono inviati a più destinatari, le variabili saranno sostituite con i "destinatari". 5. Selezionare la codifica per la liberatoria HTML se il set di caratteri del corpo del messaggio non è impostato su HTML: Opzione Converti in unicode Descrizione Converte in Unicode sia il corpo del messaggio che le liberatorie, in modo da visualizzarli correttamente entrambi. (Consigliato) GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 227

228 Opzione Utilizza codifica HTML Utilizza il set di caratteri del corpo del messaggio di posta elettronica Descrizione Utilizzare questa opzione per definire i set di caratteri per il corpo del messaggio e la liberatoria. La liberatoria viene convertita nel set di caratteri del corpo del messaggio. : Se si sceglie questa opzione, una parte del testo potrebbe non venire visualizzata correttamente. 6. Selezionare la scheda Testo normale e immettere il testo da includere nei messaggi di testo normale direttamente nel campo Liberatoria in formato testo. In alternativa, aggiungere variabili alla liberatoria facendo clic su Variabile. Le variabili che possono essere aggiunte sono: campi dell' (nome mittente, indirizzo destinatario, ecc...) o campi di Active Directory (nome, titolo, numeri di telefono, ecc...). Scegliere la variabile da aggiungere, quindi fare clic su Aggiungi. Le variabili del nome visualizzato e indirizzo del destinatario verranno incluse soltanto se il messaggio viene inviato a un singolo destinatario. Se i messaggi vengono inviati a più destinatari, le variabili saranno sostituite con i "destinatari". 7. Indicare la codifica da utilizzare per la liberatoria in testo normale se il set di caratteri del corpo del messaggio non è impostato su testo normale: Opzione Converti in unicode Utilizza il set di caratteri del corpo del messaggio di posta elettronica Descrizione Converte in Unicode sia il corpo del messaggio che le liberatorie, in modo da visualizzarli correttamente entrambi. La liberatoria viene convertita nel set di caratteri del corpo del messaggio. : Se si sceglie questa opzione, una parte del testo potrebbe non venire visualizzata correttamente. 8. Dalla scheda Esclusioni, indicare i mittenti o i destinatari a cui non applicare la liberatoria. Immettere l indirizzo oppure fare clic su Cerca per cercare gli indirizzi in Active Directory. Fare clic su Aggiungi per aggiungere l indirizzo all elenco esclusione. Perché la liberatoria non sia inclusa nel messaggio, tutti i destinatari devono essere inclusi nell elenco esclusioni. 9. Fare clic su Applica per salvare le impostazioni. Vedere anche: Disabilitazione e abilitazione liberatorie Classificazione liberatorie per priorità Disabilitazione e abilitazione liberatorie Per impostazione predefinita, le liberatorie sono abilitate automaticamente. Per disabilitare o abilitare una liberatoria: 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Liberatorie. 2. Selezionare le liberatorie da abilitare/disabilitare e fare clic su Disabilita selezionati o su Abilita selezionati per eseguire l azione desiderata. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 228

229 Vedere anche: Configurazione liberatorie Classificazione liberatorie per priorità Classificazione liberatorie per priorità È possibile personalizzare l ordine di applicazione delle liberatorie ai messaggi in uscita. Se allo stesso utente sono abilitate e applicate più liberatorie, all utente si applicherà la liberatoria del livello superiore. Per personalizzare la priorità delle liberatorie: 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Liberatorie. 2. Per modificare la priorità della liberatoria, fare clic sul pulsante accanto ad essa (su) per assegnare una priorità superiore o fare clic sul pulsante (giù) per impostarne una inferiore. Vedere anche: Configurazione liberatorie Disabilitazione e abilitazione liberatorie 9.2 Risposte automatiche Le risposte automatiche consentono l invio di risposte automatizzate a messaggi in entrata specifici. È possibile indicare una risposta automatica diversa per ciascun indirizzo di posta elettronica o oggetto. Per personalizzare i messaggi, è anche possibile utilizzare le variabili nelle risposte automatiche. Per abilitare le risposte automatiche, selezionare Gestione posta elettronica > Risposte automatiche e selezionare Abilita risposte automatiche Configurazione risposte automatiche 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Risposte automatiche. 2. Fare clic su Aggiungi risposta automatica. Schermata 123: impostazioni risposta automatica 3. In Impostazioni risposta automatica, configurare le opzioni seguenti: Opzione Quando il messaggio viene inviato a: Descrizione Digitare l indirizzo di posta elettronica che invia risposte automatiche al momento di ricevere i messaggi. Esempio: se si utilizza i mittenti che inviano messaggi a questo indirizzo riceveranno una risposta automatica. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 229

230 Opzione e l oggetto contiene: Mittente risposta automatica: Oggetto risposta automatica: Descrizione Questa opzione consente di abilitare le risposte automatiche per i messaggi contenenti un testo specifico nel campo dell oggetto. Indicare un indirizzo di posta qualora sia necessaria una risposta automatica da un indirizzo di posta diverso da quello a cui era indirizzato il messaggio in arrivo. Indicare l oggetto del messaggio di risposta automatica. 4. Nel campo Testo risposta automatica, indicare il testo da visualizzare nel messaggio di risposta automatica. Importare il testo di risposta automatica da un file di testo tramite il pulsante Importa. Per scaricare il testo di risposta automatica in un file di testo, fare clic su Esporta. Schermata 124: finestra di dialogo Variabili 5. Per personalizzare le risposte automatiche tramite variabili, fare clic su Variabile. Selezionare il campo della variabile da inserire, quindi fare clic su OK. Le variabili disponibili sono: Opzione Campo data Campo posta elettronica mittente Campo nome mittente Campo oggetto Campo posta elettronica destinatario Campo nome destinatario Numero di tracciabilità Descrizione Inserice la data di invio del messaggio. Inserisce l indirizzo di posta elettronica del mittente. Inserisce il nome visualizzato del mittente. Inserisce l oggetto del messaggio. Inserisce l indirizzo di posta elettronica del destinatario. Inserisce il nome visualizzato del destinatario. Inserisce il numero di tracciabilità (se generato). 6. Nell area Allegati, selezionare gli allegati da inviare con il messaggio di risposta automatica. Specificare la posizione dell allegato e fare clic su Aggiungi. Rimuovere gli allegati facendo clic su Rimuovi. 7. In Altre impostazioni, configurare: GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 230

231 Opzione Genera numero di tracciabilità nell'oggetto Descrizione Genera un numero di tracciabilità unico nelle risposte automatiche. Per impostazione predefinita, i numeri di tracciabilità sono generati nel formato seguente: ME_AAMMGG_nnnnnn Dove: ME : tag di GFI MailEssentials. AAMMGG : data nel formato anno, mese e data. Includi messaggi inviati nnnnnn : numero di tracciabilità generato automaticamente. Selezionare questa opzione per citare il messaggio di posta in entrata nella risposta automatica. 8. Fare clic su Applica. 9.3 Server elenco I server di elenco consentono la creazione di due tipi di elenchi di distribuzione: Newsletter: utilizzata per la creazione di elenchi di sottoscrizione per le newsletter aziendali o di prodotti, a cui gli utenti possono iscriversi o annullare la sottoscrizione. Discussione: consente a gruppi di persone di tenere discussioni via posta elettronica, in cui ogni membro dell elenco riceve i messaggi inviati dagli altri utenti Creazione di una newsletter o di un elenco di discussione Per creare una nuova newsletter o un elenco di discussione: 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Server elenco e fare clic su Aggiungi elenco. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 231

232 Schermata 125: creazione di un nuovo elenco 2. Configurare le opzioni seguenti: Opzione Nome visualizzato Tipo di elenco Nome elenco Descrizione Immettere un nome descrittivo per il nuovo elenco. Selezionare il tipo di elenco discussione da creare: Newsletter: utilizzata per la creazione di elenchi di sottoscrizione per le newsletter aziendali o di prodotti, a cui gli utenti possono iscriversi o annullare la sottoscrizione. Discussione: consente a gruppi di persone di tenere discussioni via posta elettronica, in cui ogni membro dell elenco riceve i messaggi inviati dagli altri utenti. Il nome dell elenco viene utilizzato nei campi indirizzo dell elenco. Ad esempio, se il nome elenco è MiaNewsletter, l indirizzo dell elenco sarà GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 232

233 Opzione Dominio elenco Annulla automaticamente l'iscrizione agli NDR e sposta gli NDR nella seguente cartella: Descrizione Il dominio da utilizzare per l elenco. L'elenco dei domini è stato estratto dall elenco Domini locali. Il server elenco utilizza questo dominio per gli indirizzi dell elenco visualizzati nella casella Indirizzi elenco. Quando si riceve un NDR da un sottoscrittore all elenco, viene automaticamente annullata l iscrizione del sottoscrittore all elenco e l NDR viene spostato in una cartella personalizzata. 3. Dalla scheda Database, selezionare Microsoft Access o Microsoft SQL Server/MSDE come tipo di database. Configurare il tipo di database selezionato per memorizzare la newsletter/elenco sottoscrittori. Le opzioni disponibili sono: Opzione Microsoft Access Microsoft SQL Server Descrizione Specificare un nome e un percorso per il database. GFI MailEssentials creerà automaticamente un database. Indicare il nome del server SQL, le credenziali del database e di accesso utilizzate per la memorizzazione della newsletter/elenco di discussione sottoscrittori. Fare clic su Test per assicurarsi che GFI MailEssentials possa connettersi con il Microsoft SQL Server specificato. Per gli elenchi fino a 5000 membri, è possibile utilizzare Microsoft Access. 4. Personalizzare l elenco di distribuzione. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Configurazione proprietà avanzate newsletter/elenco discussione (pagina 234). 5. Fare clic su Applica Utilizzo di newsletter/discussioni Dopo aver creato una newsletter/elenco discussione, per poterne far parte, gli utenti devono effettuarvi l iscrizione. Azione Iscrizione all elenco Completare la procedura di iscrizione Invio di un post nella newsletter/discussione Anullamento iscrizione all elenco Descrizione Chiedere agli utenti di inviare un messaggio a Al ricevimento della richiesta, il server elenco restituisce un messaggio di conferma. Per essere aggiunti alla lista, gli utenti devono confermare l iscrizione con un messaggio di risposta. : Il messaggio di conferma è obbligatorio e non può essere disattivato. I membri autorizzati a inviare messaggi all elenco devono inviare il messaggio all indirizzo relativo dell elenco newsletter: Per annullare l iscrizione all'elenco, inviare un messaggio a: Per consentire agli utenti di iscriversi facilmente alle newsletter, aggiungere un modulo web che chiede loro nome e indirizzo di posta e generare automaticamente un messaggio dove il mittente è l indirizzo di posta del nuovo utente e il destinatario è: GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 233

234 9.3.3 Configurazione proprietà avanzate newsletter/elenco discussione Dopo aver creato un nuovo elenco, si possono configurare opzioni aggiuntive che consentono la personalizzazione degli elementi e del comportamento dell elenco. Queste opzioni comprendono: Creazione di un piè di pagina personalizzato per l elenco Impostazione delle autorizzazioni per l elenco Aggiunta manuale di sottoscrittori all elenco Importazione di sottoscrittori nell elenco/struttura database Creazione di un piè di pagina personalizzato per l elenco 1. Dalla scheda Piè di pagina, configurare un piè di pagina personalizzato per l elenco discussione. Il piè di pagina viene aggiunto a ciascun messaggio inviato all elenco. 2. Per aggiungere una versione HTML del piè di pagina, utilizzare l editor HTML. Per aggiungere variabili al piè di pagina dell elenco, selezionare Inserisci > Variabili. Scegliere la variabile da aggiungere, quindi fare clic su Aggiungi elenco. 3. È anche possibile inserire un piè di pagina in testo normale per gli elenchi in testo normale. Per aggiungere campi alla varabile, fare clic su Variabile. 4. Fare clic su Applica. Suggerimento È possibile utilizzare i piè di pagina per mostrare le modalità a disposizione degli utenti per la sottoscrizione e l annullamento della sottoscrizione dall elenco e/o per promuovere i propri canali di social media. Impostazione autorizzazioni alle newsletter Indicare gli utenti che possono inviare newsletter. Le autorizzazioni non sono configurabili per gli elenchi di discussione. 1. Aprire un elenco esistente o crearne uno nuovo e accedere alla scheda Autorizzazioni. 2. Digitare un indirizzo che può inviare newsletter e fare clic su Aggiungi . L indirizzo e- mail viene aggiunto all elenco. 3. La password della newsletter protegge l accesso alle newsletter qualora qualcun altro sfrutti il client di posta elettronica o i dati account di un utente autorizzato. Abilitare le password selezionando la casella di controllo Password obbligatoria: e indicando la password. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 234

235 Quando si inviano messaggi alla newsletter, gli utenti devono autenticarsi includendo la password nel campo oggetto del messaggio. Le password devono essere indicate nel campo dell oggetto come segue: [PASSWORD:<password>] <oggetto dell > Esempio: [PASSWORD:fammipubblicare]Offerta speciale. Se la password è corretta, il server elenco rimuove in automatico i dati della password dall oggetto e inoltra il messaggio alla newsletter. 4. Fare clic su Applica. Aggiunta manuale di sottoscrittori all elenco Aggiunta manuale di utenti a newsletter/elenchi di discussione senza alcuna azione da parte degli stessi. È fortemente consigliato che gli utenti si iscrivano all elenco inviando un messaggio all indirizzo di sottoscrizione alla newsletter/discussione. Assicurarsi di disporre dell autorizzazione degli utenti, prima di aggiungerli manualmente all elenco. 1. Aprire un elenco esistente o crearne uno nuovo e accedere alla scheda Sottoscrittori. 2. Immettere i dati del sottoscrittore nel campo Indirizzo (obbligatorio), Nome, Cognome e Azienda, quindi fare clic Aggiungi . L indirizzo del nuovo sottoscrittore viene aggiunto all elenco. 3. Per rimuovere gli utenti dalla tabella dell elenco sottoscrittori nel momento in cui annullano l iscrizione all elenco (non contrassegnarli semplicemente come iscrizione annullata), selezionare la casella di controllo Quando un utente annulla la propria iscrizione, eliminarlo dal database. 4. Fare clic su Applica. Importazione di sottoscrittori nell elenco/struttura database Quando viene creata una nuova newsletter o elenco di discussione, viene realizzata nel database una tabella denominata 'listname_subscribers con i seguenti campi. Per importare i dati nell elenco, popolare il database con i dati necessari nei campi di seguito riportati. Nome campo Tipo Valore predefinito Contrassegni Descrizione Ls_id Varchar(100) PK ID sottoscrittore Ls_first Varchar(250) Nome Ls_last Varchar(250) Cognome Ls_ Varchar(250) Ls_unsubscribed Int 0 NOT NULL Contrassegno Annulla sottoscrizione Ls_company Varchar(250) Nome azienda GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 235

236 9.4 Monitoraggio posta elettronica Il monitoraggio della posta consente la copia dei messaggi inviati a o provenienti da un indirizzo di posta specifico a un altro. Ciò consente la creazione di un archivio centrale per le comunicazioni di posta per persone o reparti specifici Aggiunta di nuove regole di monitoraggio posta elettronica 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Monitoraggio posta elettronica. 2. Fare clic su Aggiungi regola Dalla scheda Generale configurare le seguenti opzioni: Opzione Nome monitor posta elettronica In ingresso o in uscita Invia una copia dei messaggi monitorati all utente o all indirizzo Se il mittente è e il destinatario è Descrizione Immettere un nome descrittivo per la regola monitoraggio posta elettronica. Selezionare se applicare la regola ai messaggi in ingresso o in uscita. L indirizzo di posta elettronica di destinazione o la cassetta postale in cui copiare i messaggi. Selezionare Indirizzo per digitare manualmente l indirizzo oppure selezionare Utente per eseguire la ricerca Specificare l indirizzo di posta elettronica del mittente da monitorare. Per monitorare tutte le inviate da tutti gli utenti, fare clic sututti i domini. Specificare l'indirizzo di posta elettronica del destinatario da monitorare. Per monitorare le ricevute da tutti gli utenti, fare clic su Tutti i domini. 4. Fare clic su Aggiungi per aggiungere la regola configurata. 5. Per specificare filtri multipli, ripetere i passaggi precedenti. 6. Dalla scheda Eccezioni, specificare gli utenti e gli indirizzi a cui la regola non si applicherà. Le opzioni disponibili sono: Opzione Tranne se il mittente è Tranne se il destinatario è Descrizione 7. Fare clic su Applica. Esclude i mittenti specificati dal monitoraggio della posta. Per le regole di monitoraggio in entrata, immettere gli indirizzi non locali. Per le regole di monitoraggio in uscita, tutti gli indirizzi di questo elenco sono locali. Per cercare gli indirizzi locali, fare clic su Cerca utente e poi su Aggiungi. Esclude i destinatari specificati dall elenco. Per le regole di monitoraggio in entrata, tutti gli indirizzi di questo elenco sono locali. Per cercare gli indirizzi locali, fare clic su Cerca utente e poi su Aggiungi. Per le regole di monitoraggio in uscita, immettere gli indirizzi non locali Modalità d uso di monitoraggio posta elettronica Per informazioni su come configurare il monitoraggio della posta elettronica per i vari requisiti e scenari, fare riferimento alla tabella sottostante: Oggetto del monitoraggio Tutta la posta inviata da un utente specifico Tutta la posta inviata a un utente specifico Descrizione Creare una regola in uscita e indicare l del mittente o scegliere l utente (se si utilizza AD) dal campo mittente. Nel campo del destinatario, fare clic su Tutti i domini. Creare una regola in entrata e indicare l indirizzo del destinatario o scegliere l utente (se si utilizza AD) dal campo destinatario. Nel campo del mittente, fare clic su Tutti i domini. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 236

237 Oggetto del monitoraggio Posta inviata da un utente specifico a un destinatario esterno Posta inviata a un utente specifico da un mittente esterno Posta inviata da un utente specifico a un azienda o dominio Posta inviata a un utente specifico da un azienda o dominio Descrizione Creare una regola in uscita, indicare il mittente o scegliere l utente (se si utilizza AD) dal campo mittente. Digitare l indirizzo di posta del destinatario nel campo apposito. Creare una regola in entrata e indicare l indirizzo di posta del mittente esterno nel campo apposito. Indicare l indirizzo o scegliere l utente (se si utilizza AD) dal campo destinatario. Creare una regola in uscita e indicare il mittente o scegliere l utente (se si utilizza AD) dal campo mittente. Indicare il dominio dell azienda nel campo destinatario. Creare una regola in entrata e indicare il dominio dell azienda nel campo del mittente. Selezionare il dominio facendo clic sul pulsante del mittente e immettere il nome utente o l indirizzo di posta dell utente nel campo del destinatario Abilitazione/disabilitazione regole monitoraggio posta elettronica 1. Selezionare Gestione posta elettronica > Monitoraggio posta elettronica. 2. Selezionare la regola da abilitare/disabilitare. 3. Per abilitare o disabilitare rispettivamente la regola selezionata, fare clic su Abilita selezionati o Disabilita selezionati. 4. Fare clic su OK per salvare le modifiche. GFI MailEssentials 9 Gestione posta elettronica 237

238 10 Impostazioni generali Argomenti del presente capitolo: 10.1 Indirizzo amministratore Abilitazione/disabilitazione dei moduli di scansione Impostazioni proxy Domini locali Gestione utenti locali Gestione licenze Binding server virtuale SMTP Controllo patch Controllo di accesso Indirizzo amministratore GFI MailEssentials invia importanti notifiche all amministratore via posta elettronica. Per configurare l'indirizzo di posta elettronica dell amministratore: 1. Da GFI MailEssentials Configuration, selezionare Impostazioni generali > Impostazioni e scegliere la scheda Generale. Schermata 126: indicazione indirizzo amministratore 2. Digitare l'indirizzo di posta elettronica dell'amministratore nell area Indirizzo amministratore. 3. Fare clic su Applica Abilitazione/disabilitazione dei moduli di scansione Da GFI MailEssentials è possibile abilitare o disabilitare moduli di scansione della posta specifici. Questo consente l attivazione e la disattivazione dei motori di scansione o dei filtri in batch. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 238

239 Questa caratteristica abilita o disabilita solo specifici motori di scansione. I motori disabilitati non elaborano i messaggi in entrata, in uscita e/o interni. Tutte le altre funzioni di GFI MailEssentials, come quarantine store, sono ancora funzionanti. 1. Da GFI MailEssentials Configuration, selezionare Impostazioni generali > Impostazioni e scegliere la scheda Generale. Schermata 127: Gestore scansione 2. abilitazione o disabilitazione dei moduli di scansione: abilitazione o disabilitazione dei moduli di scansione: Opzione Abilita Sicurezza Descrizione Abilitazione o disabilitazione dei seguenti motori di scansione: Motori di scansione antivirus Protezione archivio informazioni Scanner trojan ed eseguibili Motore exploit posta Abilita antispam Strumento di disinfezione HTML Abilita/disabilita i seguenti filtri antispam: SpamRazer Antiphishing Raccolta di directory Block list Block list IP Block list DNS IP Block list DNS URI Greylist Rilevamento lingua Analisi bayesiana Whitelist Abilita filtro contenuti Nuovi mittenti Abilita/disabilita i seguenti motori di filtro contenuti: Filtro parola chiave Filtro allegati Motore di decompressione Filtro avanzato contenuto GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 239

240 3. Fare clic su Applica Impostazioni proxy GFI MailEssentials controlla e scarica automaticamente gli aggiornamenti (ad esempio, gli aggiornamenti delle definizioni dei virus e delle definizioni di SpamRazer) da Internet. Se il server su cui è installato GFI MailEssentials si connette a Internet tramite server proxy, configurare come segue le impostazioni del server proxy: 1. Da GFI MailEssentials Configuration, selezionare Impostazioni generali > Impostazioni e fare clic sulla scheda Aggiornamenti. Schermata 128: aggiorna le impostazioni del server proxy 2. Selezionare la casella di controllo Abilita server proxy. 3. Nel campo Server proxy, inserire il nome o l'indirizzo IP del server proxy. 4. Nel campo Porta, digitare la porta a cui connettersi (il valore predefinito è 8080). 5. Se il server proxy richiede l autenticazione, selezionare Abilita autenticazione proxy e digitare Nome utente e Password. 6. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 240

241 10.4 Domini locali Schermata 129: elenco domini locali GFI MailEssentials richiede l elenco di domini locali per poter distinguere tra posta in entrata, in uscita o interna. Durante la procedura di installazione o di post-installazione, GFI MailEssentials importa in automatico i domini locali dal servizio SMTP di IIS o da Microsoft Exchange Server. In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere necessario aggiungere manualmente i domini locali. IMPORTANTE GFI MailEssentials filtra alla ricerca di spam solo i messaggi destinati ai domini locali. Alcuni filtri delle regole sono anche basati sulla direzione. Questo è determinato dai domini locali. Per aggiungere o rimuovere i domini locali dopo l installazione, seguire questi passaggi: 1. Selezionare Impostazioni generali > Impostazioni e fare clic sulla scheda Domini locali. 2. Digitare il nome e la descrizione del dominio da aggiungere nelle caselle di testo Dominio e Descrizione. 3. Fare clic su Aggiungi per includere il dominio indicato nell elenco Domini locali. Per rimuovere un dominio elencato, selezionarlo dall elenco e fare clic su Rimuovi. 4. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 241

242 10.5 Gestione utenti locali GFI MailEssentials utilizza 3 modalità per recuperare gli utenti a seconda dell ambiente di installazione. Il numero degli utenti recuperato viene usato anche a scopi di licenza GFI MailEssentials è installato nella modalità Active Directory Quando GFI MailEssentials non è installato sullo stesso computer del server di posta ed è presente Active Directory, GFI MailEssentials recupera gli utenti abilitati all utilizzo della posta dal dominio di Active Directory di cui fa parte il computer dove è installato GFI MailEssentials. GFI MailEssentials installato in un computer Microsoft Exchange Server Quando GFI MailEssentials è installato sullo stesso computer di Microsoft Exchange, GFI MailEssentials recupera gli utenti di Active Directory che dispongono di una cassetta postale sullo stesso Microsoft Exchange Server GFI MailEssentials installato in modalità SMTP Quando si sceglie di installare GFI MailEssentials in modalità SMTP, l elenco di utenti locali viene archiviato in un database gestito da GFI MailEssentials. Per popolare e gestire l elenco utenti quando GFI MailEssentials è installato in modalità SMTP, selezionare Generale > Impostazioni e selezionare la scheda Gestione utenti. La scheda Gestione utenti riporta l elenco di utenti locali e consente di aggiungere o rimuovere gli utenti locali. L elenco di utenti locali viene utilizzato durante la configurazione delle regole basate sugli utenti, come le regole di Filtro allegati e di Filtro contenuti. GFI MailEssentials popola automaticamente l elenco di utenti locali utilizzando l indirizzo di posta del mittente nei messaggi in uscita. Per aggiungere un nuovo utente locale: 1. Immettere l'indirizzo nella casella Indirizzo di posta elettronica. 2. Fare clic su Aggiungi. 3. Per aggiungere altri utenti locali, ripetere l operazione e fare clic su Applica. Per rimuovere un utente locale: 1. Selezionare l utente locale da rimuovere dall elenco Utenti locali e fare clic su Rimuovi. 2. Per rimuovere altri utenti locali, ripetere l operazione e fare clic su Applica Gestione licenze Acquistare una licenza equivalente al numero di cassette postali o utenti protetti da GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 242

243 Immettere il codice di licenza acquistato durante l installazione o dalla configurazione di GFI MailEssentials. Selezionare Impostazioni generali > Gestione licenze e immettere la licenza nella casella Codice di licenza. Fare clic su Applica. Per rivedere le informazioni sulla licenza, compresa la data di scadenza relativa, selezionare Impostazioni generali > Gestione licenze e rivedere i dati in Informazioni codice di licenza Determinazione dei requisiti di licenza GFI MailEssentials conta le cassette postali/indirizzi totali a seconda dell ambiente. Per determinare il numero di utenti nel proprio ambiente, selezionare RetrieveAndCountUsers Binding server virtuale SMTP GFI MailEssentials si collega sempre al primo server virtuale SMTP configurato in IIS. In caso di server virtuali SMTP multipli, potrebbe essere necessario associare GFI MailEssentials a un server virtuale SMTP nuovo o diverso. La scheda di binding del server virtuale SMTP non viene visualizzata se si è installato GFI MailEssentials su un computer con Microsoft Exchange Server 2007/ Binding di GFI MailEssentials a un altro server virtuale SMTP. Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 1. Selezionare Impostazioni generali > Impostazioni e fare clic sulla scheda Binding. 2. Selezionare il server virtuale SMTP da associare a GFI MailEssentials. 3. Fare clic su Applica. 4. GFI MailEssentials chiederà il riavvio dei servizi per rendere effettive le nuove impostazioni Controllo patch La funzione Controllo patch verifica la presenza di patch software disponibili per la versione attuale di GFI MailEssentials effettuando la connessione diretta ai server di aggiornamento GFI. Per mantenere le patch di GFI MailEssentials aggiornate, si consiglia di effettuare la verifica periodicamente. 1. Selezionare Impostazioni generali > Controllo patch. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 243

244 Schermata 130: controllo patch del prodotto 2. Fare clic su Controlla patch per eseguire la connessione al server di aggiornamento GFI e verificare gli aggiornamenti disponibili. 3. Per effettuare il download, fare clic sul collegamento Download delle patch. 4. Al termine del download, installare gli aggiornamenti scaricati. Per accedere alle istruzioni di installazione e ad altre informazioni applicabili a una patch, fare clic sul collegamento di informazioni fornito nell elenco degli aggiornamenti disponibili. Un installazione errata delle patch potrebbe causare l errato funzionamento del prodotto o il peggioramento delle sue prestazioni Controllo di accesso Consentire o bloccare l accesso alle varie funzioni di GFI MailEssentials per utenti di dominio o gruppi specifici. Gli utenti possono accedere alla UI web di GFI MailEssentials tramite le loro credenziali di dominio. Le funzioni mostrate agli utenti connessi dipendono dalla configurazione di Controllo di accesso. La configurazione del controllo di accesso dalla UI web è possibile solo quando GFI MailEssentials viene eseguito in modalità IIS ed è possibile accedervi dalla rete. Controllo di accesso non è configurabile dalla Switchboard quando GFI MailEssentials viene eseguito in modalità locale. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Elenco di controllo di accesso (pagina 249). Il gruppo Domain admin (solo in un ambiente Active Directory) e l account/gruppo amministratore server riceveranno automaticamente privilegi di accesso completo a tutte le funzioni di GFI MailEssentials. Ad altri utenti o gruppi può essere dato accesso totale o parziale a determinate funzioni di GFI MailEssentials. Per aggiungere utenti all elenco di controllo di accesso: 1. Da GFI MailEssentials Configuration, andare a Impostazioni generali > Controllo di accesso. Aggiungere gli utenti o i gruppi del dominio e selezionare le funzionalità del prodotto a cui consentire l accesso. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 244

245 Schermata 131: Impostazioni Controllo di accesso 2. Fare clic su Aggiungi utente/gruppo. 3. Nella finestra di dialogo Ricerche utente, inserire il nome dell utente o del gruppo da aggiungere, quindi fare clic su Controlla nomi. 4. GFI MailEssentials mostra l elenco di utenti/gruppi individuati. Selezionare gli utenti/gruppi da aggiungere da aggiungere e fare clic su Invia. 5. Per gli utenti/gruppi aggiunti di recente, selezionare le funzionalità a cui consentire l accesso. Autorizzazione Pieno accesso Accesso alla quarantena Accesso alla creazione rapporti Accesso RSS Descrizione L utente può accedere e configurare tutte le funzionalità del prodotto. Consente l accesso alla ricerca nella quarantena e alle cartelle di ricerca. Consente agli utenti di generare rapporti. Consente agli utenti di iscriversi ai feed RSS quarantena. 6. Fare clic su Applica. GFI MailEssentials 10 Impostazioni generali 245

246 11 Argomenti vari Argomenti del presente capitolo: 11.1 Informazioni di installazione Nomi directory virtuale Modalità interfaccia utente Messaggi di posta elettronica non riusciti Analisi POP2Exchange - Download messaggi dal server POP Spostamento messaggi spam nelle cartelle della cassetta postale degli utenti Spostamento spam nella cartella di Exchange Sincronizzazione dati di configurazione Disabilitazione elaborazione messaggi di posta elettronica Backup posta elettronica prima e dopo l elaborazione Porte remote Monitoraggio API di scansione antivirus Informazioni di installazione Schermata 132: pagina di informazioni sulla versione Per visualizzare le informazioni sulla versione di GFI MailEssentials, selezionare il nodo Informazioni su. La scheda Informazioni sulla versione visualizza la versione e il numero di build dell installazione di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 246

247 Per controllare se sul computer è installata l ultima build di GFI MailEssentials, fare clic su Controlla presenza build più recente. Al momento di contattare il supporto, citare sempre la versione di GFI e le informazioni sulla build. La scheda Licenze di terze parti elenca i componenti di terze parti utilizzati da GFI MailEssentials Nomi directory virtuale I nomi della directory virtuale predefinita di GFI MailEssentials e RSS Quarantena sono rispettivamente MailEssentials e MailEssentialsRSS. I nome della directory virtuale sono personalizzabili, tuttavia, è consigliabile non modificarli. Se GFI MailEssentials è configurato per l accesso solo dal computer locale, la directory virtuale di GFI MailEssentials Configuration non sarà configurabile. 1. Avviare GFI MailEssentialsSwitchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard. 2. Dall area Opzioni modalità interfaccia utente IIS, indicare i nomi personalizzati della directory virtuale per: GFI MailEssentials Configuration: digitare un nome personalizzato nel campo Directory virtuale. Directory virtuale RSS di quarantena: digitare un nome personalizzato nel campo Directory virtuale RSS. 3. Fare clic su Applica. 4. Fare clic su OK e attendere l applicazione delle nuove impostazioni. 5. Una volta completato il processo, fare clic su OK Modalità interfaccia utente L interfaccia utente di GFI MailEssentials può essere caricata solo sul computer di installazione (modalità locale) o accessibile sulla rete tramite http (modalità IIS). Per selezionare la modalità: 1. Avviare GFI MailEssentialsSwitchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 247

248 Schermata 133: GFI MailEssentials switchboard - Modalità IU 2. Dall area Modalità IU, selezionare: Opzione Modalità locale Descrizione GFI MailEssentials carica in un applicazione visualizzatore html, accessibile solo dal computer dove è installato GFI MailEssentials. Se si utilizza la modalità locale: I collegamenti dei digest spam non funzioneranno Il portale utente non sarà disponibile, gli utenti non potranno gestire le whitelist e blocklist personali e la loro quarantena personale. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Azioni utente finale (pagina 19). Modalità IIS (consigliata) GFI MailEssentials carica nel browser web predefinito utilizzando le impostazioni di installazione di IIS configurate durante l installazione. Anche l interfaccia utente è accessibile sulla rete tramite http. Le impostazioni di configurazione di IIS possono essere modificate dai campi nome del sito web, directory virtuale e directory virtuale RSS. Le opzioni di Protezione consentono la configurazione di un elenco di controllo di accesso e dell autenticazione IIS. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 248

249 Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 3. Per eseguire il riavvio dei servizi visualizzati, fare clic su Sì. 4. Fare clic su OK Impostazioni protezione IIS Il pulsante Protezione all interno della scheda Modalità IU consente la configurazione di un elenco di controllo di accesso e di un metodo di autenticazione. Elenco di controllo di accesso L elenco di controllo di accesso indica chi può accedere a GFI MailEssentials e quali funzionalità sono disponibili per quali utenti o gruppi. Per impostazione predefinita, gli amministratori dispongono di accesso completo a GFI MailEssentials, tuttavia è possibile indicare utenti o gruppi specifici con tipi di accesso differenti. Per aggiungere un utente: 1. Caricare la Switchboard facendo clic su Start > Tutti i programmi >GFI MailEssentials > Switchboard. 2. Selezionare la scheda Modalità IU. Fare clic su Modalità IIS e selezionare Protezione. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 249

250 Schermata 134: protezione IIS - Scheda ACL 3. Fare clic su Aggiungi... e inserire il nome dell utente o del gruppo da aggiungere all elenco. 4. Selezionare il tipo di accesso da assegnare. Le opzioni disponibili sono: Autorizzazione Pieno accesso Accesso alla quarantena Accesso alla creazione rapporti Accesso RSS Descrizione 5. Per finalizzare le impostazioni, fare clic su OK. L utente può accedere e configurare tutte le funzionalità del prodotto. Consente l accesso alla ricerca nella quarantena e alle cartelle di ricerca. Consente agli utenti di generare rapporti. Consente agli utenti di iscriversi ai feed RSS quarantena. Per rimuovere l accesso a un utente o a un gruppo, selezionare l elemento da rimuovere e fare clic su Rimuovi. Modalità autenticazione IIS La modalità autenticazione IIS consente di scegliere il metodo di autenticazione da utilizzare per l accesso a GFI MailEssentials. 1. Caricare la Switchboard facendo clic su Start > Tutti i programmi >GFI MailEssentials > Switchboard. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 250

251 2. Selezionare la scheda Modalità IU. Fare clic su Modalità IIS e selezionare Protezione. 3. Selezionare la scheda Autenticazione. Schermata 135: protezione IIS - scheda Autenticazione 4. Selezionare una delle opzioni disponibili: Opzione Modalità Windows Modalità moduli Descrizione L autenticazione Windows consente a GFI MailEssentials di utilizzare le credenziali dell utente attualmente connesso e non offre la disconnessione e il timeout automatico della sessione dell interfaccia utente. (Predefinita) L autenticazione moduli consente agli utenti di disconnettersi. Permette inoltre di configurare un timeout automatico dalla sessione dell interfaccia utente. Questa opzione è consigliata se gli utenti finali accedono alla loro console utenti di GFI MailEssentials, soprattutto da computer pubblici. 5. Fare clic su OK per salvare le impostazioni Messaggi di posta elettronica non riusciti Possono esserci delle istanze dove i filtri di sicurezza o dei contenuti di GFI MailEssentials non riescono a scansionare un messaggio, ad esempio i messaggi con informazioni dell intestazione danneggiate. In questo caso, GFI MailEssentials blocca il messaggio per la probabile presenza di contenuto dannoso e lo sposta nella cartella seguente: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\ security\failedmails GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 251

252 Rielaborazione messaggi attendibili non riusciti È consigliabile contattare il Supporto GFI quando una serie di messaggi viene spostata nella cartella failedmails. Una volta risolto il problema, i messaggi possono essere nuovamente scansionati da GFI MailEssentials per determinare se è possibile consegnarli in modo sicuro. I file con l estensione.prop presenti nella cartella failedmails vengono utilizzati per la risoluzione dei problemi. Durante la rielaborazione dei messaggi non riusciti, questi file possono essere eliminati. GFI MailEssentials installato in Microsoft Exchange Server 2007/ Nella cartella failedmails, modificare l estensione dei file.txt in.eml. Per cambiare automaticamente l estensione di tutti i file.txt presenti nella cartella failedmails in.eml, dal prompt dei comandi modificare la directory con la cartella failedmails ed eseguire il comando seguente: ren *.txt *.eml 2. Spostare i file rinominati dalla quarantena alla seguente cartella: <unit>\program Files\Microsoft\Exchange Server\TransportRoles\Replay GFI MailEssentials installato in Microsoft Exchange Server 2003 Spostare i messaggi (in formato.txt) dalla cartella failedmails alla seguente: <percorso di installazione di Microsoft Exchange>\Exchsrvr\Mailroot\vsi 1\PickUp GFI MailEssentials installato sul server gateway. Spostare i messaggi (in formato.txt) dalla cartella failedmails alla seguente: <unità>\inetpub\mailroot\pickup Notifiche messaggi di posta elettronica non riusciti GFI MailEssentials può essere configurato per notificare all amministratore quando un messaggio non viene elaborato. L indirizzo di posta elettronica dell amministratore può essere configurato nel nodo Impostazioni generali di GFI MailEssentials. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Indirizzo amministratore (pagina 238). 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Altro. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 252

253 Schermata 136: abilitazione notifica messaggi di posta elettronica non riusciti 2. Selezionare Invia notifiche in presenza di posta non inviata. 3. Fare clic su Applica. Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 4. Per eseguire il riavvio dei servizi visualizzati, fare clic su Sì. 5. Fare clic su OK Analisi GFI MailEssentials consente di creare file di registro per il debugging. Utilizzare la traccia per la risoluzione dei problemi oppure per contattare il supporto di GFI. Disabilitare la traccia se vi sono problemi di prestazioni con il computer di GFI MailEssentials. Quando abilitato, GFI MailEssentials archivia una serie di file di registro nelle seguenti cartelle: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\debuglogs\ <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\debuglogs\ GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 253

254 <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\debuglogs\ <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\wwwconf\debuglogs\ Per abilitare o disabilitare la traccia: 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Traccia. Schermata 137: configura opzioni di traccia 2. Per abilitare o disabilitare la traccia, selezionare o disabilitare rispettivamente Analisi abilitata. Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 3. Per eseguire il riavvio dei servizi visualizzati, fare clic su Sì. 4. Fare clic su OK. Cancella registri di analisi Per eliminare tutti i file di traccia: 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Traccia. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 254

255 Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 2. Fare clic su Cancella registri di analisi e fare clic su Sìper riavviare i servizi visualizzati. 3. Al termine, fare clic su OK POP2Exchange - Download messaggi dal server POP3 POP2Exchange scarica i messaggi da un server POP3, li elabora e quindi li invia al server di posta locale. Nel caso di GFI MailEssentials, evitare possibilmente l utilizzo di POP3 e ricorrere a SMTP, dato che POP3 è studiato per i client di posta elettronica e non per i server di posta. A prescindere da questo, e per risolvere le situazioni dove non è disponibile l indirizzo IP statico richiesto da SMTP, GFI MailEssentials può ricorrere a POP3 per il recupero della posta Configurazione downloader POP3 1. Andare al nodo POP2Exchange. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 255

256 Schermata 138: downloader POP3 di GFI MailEssentials 2. Dalla scheda POP3, per abilitare il downloader POP3, selezionare Abilita POP2Exchange dal server POP3. 3. Nella casella Cassette postali POP3, specificare i dettagli dei server POP3 da cui scaricare i messaggi: Opzione Server POP3 Porta Descrizione Immettere l indirizzo IP del server POP3 da cui scaricare i messaggi. Digitare la porta POP3. Per impostazione predefinita, POP3 utilizza la porta 110 o 995 in presenza di una connessione sicura. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 256

257 Opzione Utilizza SSL Accetta certificato non valido Accesso e password Indirizzo alternativo Invia messaggio a: Descrizione Selezionare se il server POP3 richiede una connessione protetta. Scegliere questa opzione per ignorare i certificati non verificati dal server POP3. Si consiglia di deselezionare questa opzione e accertarsi che tutti i certificati siano convalidati. Specificare le credenziali per eseguire l accesso alla cassetta postale POP3. Se i messaggi nella cassetta postale sono indirizzati a un destinatario che non è in uno dei domini locali di GFI MailEssentials, i messaggi verranno inoltrati a quell indirizzo. Accertarsi che sia un indirizzo locale, configurato sul server di posta e protetto da GFI MailEssentials. Scegliere: Indirizzo memorizzato nel campo 'A': GFI MailEssentials analizzerà l intestazione del messaggio, inoltrando di conseguenza l . Se l analisi del messaggio non riesce, questo viene inviato all indirizzo di posta elettronica indicato nel campo Indirizzo alternativo. Indirizzo alternativo: GFI MailEssentials non analizza le intestazioni delle e tutte le di questa cassetta postale vengono inoltrate all indirizzo configurato in Indirizzo alternativo. 4. Fare clic su Aggiungi per aggiungere i dati del server POP3. Scegliere un server POP3 aggiuntivo e fare clic su Aggiorna per sostituirlo con le impostazioni appena inserite. 5. Per aggiungere più server POP3, ripetere i passaggi di cui sopra. 6. In Opzioni POP3, configurare: Opzione Controlla ogni (minuti) Non scaricare messaggi con dimensioni superiori a Se il messaggio è di dimensioni superiori: Descrizione Indicare l intervallo di download in minuti. Indicare una dimensione massima di download in KByte. Se i messaggi la superano, non verranno scaricati. Scegliere di eliminare i messaggi superiori alle dimensioni massime consentite, oppure di inviare un messaggio al postmaster. 8. Fare clic su Applica Configurazione opzioni di connessione remota 1. Andare al nodo POP2Exchange e selezionare la scheda Connessione remota. 2. Selezionare Ricevi messaggi da connessione remota o su richiesta. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 257

258 Schermata 139: Opzioni di connessione remota 3. Selezionare un profilo di connessione remota e configurare un nome di accesso e password. Sono disponibili le seguenti opzioni: Opzione Utilizza profilo di networking di connessione remota Se non connesso, comporre Elabora soltanto quando già connesso Router di connessione su richiesta: Descrizione Scegliere il profilo di networking di connessione remota da utilizzare. GFI MailEssentials eseguirà la connessione remota solo in assenza di connessione. GFI MailEssentials elaborerà la posta solo in presenza di una connessione già esistente. Nel caso la connessione a Internet sia stabilita automaticamente (come con un router di connessione su richiesta), selezionare questa opzione. GFI MailEssentials sceglierà la posta all intervallo indicato senza attivare una connessione remota. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 258

259 Opzione Nome utente e password Elabora ogni (minuti) Descrizione Immettere le credenziali usate per accedere al proprio ISP. Inserire l intervallo in minuti. 4. Nell area Pianificazione, indicare le ore in cui GFI MailEssentials deve eseguire la connessione remota per prelevare la posta. 5. Fare clic su Applica Spostamento messaggi spam nelle cartelle della cassetta postale degli utenti Quando GFI MailEssentials è installato su Microsoft Exchange Server, i messaggi spam possono essere salvati in una cartella della cassetta postale degli utenti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). Se GFI MailEssentials NON è installato su Microsoft Exchange Server, i messaggi spam non possono essere inoltrati a una cartella della cassetta postale specifica dell utente mediante le Operazioni spam. Tuttavia, i messaggi possono essere ancora inoltrati alla cassetta postale dell utente, come di seguito illustrato Microsoft Exchange Server 2003 GFI MailEssentials comprende un utilità di Gestione regole che sposta automaticamente nella cassetta postale degli utenti i messaggi contrassegnati come spam. IMPORTANTE Per utilizzare Gestione regole, da Operazioni spam, selezionare l opzione Contrassegna il messaggio con un testo specifico, quindi indicare il tag. Installazione di Gestione regole su Microsoft Exchange Server 1. Dal computer dove è installato GFI MailEssentials aprire il percorso: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\ 2. Copiare i seguenti file in una cartella di Microsoft Exchange Server: rulemgmtres.dll rulemgmt.exe rule.dll gfi_log.dll 3. Da Microsoft Exchange Server, aprire il prompt dei comandi e impostare come directory il percorso dove sono stati copiati i file di Gestione regole. 4. Dal prompt dei comandi, digitare: regsvr32 rule.dll 5. Dopo la conferma, fare clic su OK. Avvio di Gestione regole 1. Da Microsoft Exchange Server, aprire il percorso dove sono stati copiati i file di Gestione regole, quindi aprire rulemgmt.exe. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 259

260 2. Selezionare un profilo di Microsoft Outlook (profilo MAPI) oppure crearne uno nuovo per l accesso. L operazione dovrà essere eseguita solo al primo utilizzo di Gestione regole. 3. Fare clic su OK per avviare Gestione regole. 4. La finestra principale di Gestione regole visualizza tutte le cassette postali abilitate su Microsoft Exchange Server. Il colore delle cassette postali indica lo stato della cassetta: Blu: la cassetta postale ha le regole configurate. Nero: la cassetta postale non ha regole configurate. Impostazione nuove regole 1. Selezionare le cassette postali per cui impostare una regola e fare clic su Configura. NOTE 1. Le nuove regole possono essere aggiunte alle cassette postali che già ne contengono. 2. Per configurare la medesima regola applicabile a tutte le cassette postali, selezionare cassette postali multiple. 2. Nella casella di testo Condizione regola, immettere il contrassegno assegnato al messaggio spam nelle operazioni spam di GFI MailEssentials. 3. Indicare Azione regola: Per eliminare un messaggio con un oggetto che contiene la condizione della regola, selezionare Elimina. Per spostare il messaggio spam in una cartella della cassetta postale, selezionare Sposta a:. Digitare il percorso della cartella dove salvare i messaggi spam. Se si indica Posta in arrivo\spam, verrà creata una cartella spam nella cartella Posta in arrivo. Se si specifica solo Spam, allora la cartella verrà creata al livello superiore (lo stesso della Posta in arrivo). 4. Per salvare le regole impostate, fare clic su Applica. Gestione di regole multiple Nella stessa cassetta postale è possibile impostare più di una regola. Esempio: Eliminare i messaggi contrassegnati con [Phishing] e spostare i messaggi contrassegnati con [SPAM] nella cartella Posta in arrivo\spam. 1. Per avviare la finestra di dialogo Regole, fare doppio clic su una cassetta postale. 2. Viene visualizzato un elenco delle regole applicabili alla cassetta postale selezionata. Per aggiungere una nuova regola, fare clic su Aggiungi regola. Selezionare una regola, quindi fare clic su Modifica regola per cambiare le impostazioni della regola selezionata. Selezionare una regola, quindi fare clic su Cancella regola per eliminare la regola selezionata. 3. Fare clic su Applica per salvare le impostazioni Microsoft Exchange 2007/2010 Per configurare Microsoft Exchange 2007/2010 per l inoltro dei messaggi contrassegnati nella cartella della cassetta postale Posta indesiderata dell utente, è necessario creare una regola di trasporto. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 260

261 IMPORTANTE Da Operazioni spam GFI MailEssentials, selezionare solo l opzione Contrassegna il messaggio con un testo specifico. Se si sceglie un altra azione, i messaggi rilevati come spam non raggiungeranno la cassetta postale dell utente, pertanto le regole di trasporto configurate non saranno applicabili. Per creare una regola di trasporto in Exchange 2007/2010: 1. Avviare Microsoft Exchange Management Console. 2. Espandere il nodo Microsoft Exchange > Configurazione dell organizzazione > Trasporto hub e scegliere il nodo Regole di trasporto. 3. Fare clic su Nuova regola di trasporto. 4. Digitare un nome per la nuova regola (ad esempio, GFI MailEssentials SPAM), quindi fare clic su Avanti. 5. Nell area Condizioni, selezionare Quando il campo Oggetto contiene parole specifiche. 6. Nell area Modifica regola, fare clic su Parole specifiche per inserire le parole utilizzate per il contrassegno. Digitare il contrassegno specificato nelle operazioni spam di ciascun filtro antispam (ad esempio, [SPAM]) quindi fare clic su Aggiungi. Una volta aggiunte tutte le parole, fare clic su OK e quindi su Avanti. 7. Nell area Azioni, selezionare Imposta il livello di probabilità di posta indesiderata su valore. 8. Nell area Modifica regola, fare clic su 0 e impostare il livello di probabilità su 9. Selezionare OK e fare clic su Avanti. 9. (Facoltativo) Impostare eventuali eccezioni alla regola di trasporto, quindi fare clic su Avanti. 10. Per creare la nuova regola di trasporto, fare clic su Nuova. Assicurarsi che la cartella Posta indesiderata sia abilitata per le cassette postali degli utenti. Adesso la regola di trasporto creata inoltrerà nella cartella Posta indesiderata degli utenti tutti i messaggi con il contrassegno GFI MailEssentials Spostamento spam nella cartella di Exchange 2010 Quando GFI MailEssentials è installato su Microsoft Exchange 2010 server, è necessario creare un utente dedicato per l utilizzo dell operazione antispam -Consegnare messaggio di posta elettronica alla cassetta postale - Nella cartella secondaria della cassetta postale di Exchange. Configurare l utente dedicato da GFI MailEssentials Switchboard. Se l utente non è configurato, lo spam non potrà essere spostato in una cartella secondaria della cassetta postale. Per configurare un utente dedicato: 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 261

262 2. Selezionare la scheda Sposta in Exchange. Questa scheda viene visualizzata solo quando GFI MailEssentials è installato su Microsoft Exchange 2010 server. 3. Per indicare l utente dedicato, fare clic su Specifica account utente Selezionare una delle seguenti opzioni: Opzione Sposta spam utilizzando un utente creato automaticamente Sposta spam utilizzando il seguente account utente Descrizione Permettere a GFI MailEssentials di creare automaticamente un utente con tutti i diritti necessari. Utilizzare un utente creato manualmente. Specificare le credenziali Dominio\nomeutente e Password) di un utente dedicato e fare clic su Imposta diritti di accesso per assegnare i diritti necessari all'utente specificato. Le credenziali dell utente specificate manualmente devono essere dedicate esclusivamente a questa funzione. Nome utente, password e altre proprietà non devono essere modificate da Microsoft Exchange o Active Directory, altrimenti questa funzione non sarà valida. 5. Per applicare le impostazioni, fare clic su Fine. 6. Fare clic su OK Sincronizzazione dati di configurazione Se GFI MailEssentials è installato su più server, è importante che i dati di configurazione restino sincronizzati tra i server. GFI MailEssentials consente questa procedura attraverso due funzionalità che mantengono aggiornate le installazioni multiple di GFI MailEssentials: Agente di sincronizzazione antispam: questo servizio automatizza la procedura di mantenere sincronizzate le impostazioni tra installazioni separate attraverso l uso del servizio Microsoft BITS. Strumento di esportazione/importazione di configurazione : questa applicazione consente l esportazione manuale delle impostazioni di configurazione di GFI MailEssentials e la successiva importazione in altre installazioni Agente di sincronizzazione antispam Funzionamento L agente di sincronizzazione antispam opera nel seguente modo: 1. Un computer server che ospita GFI MailEssentials viene configurato come server master. 2. Gli altri computer server dove è installato GFI MailEssentials vengono configurati come server slave. 3. Utilizzando il servizio Microsoft BITS, i server slave caricano un file di archivio (contenente le impostazioni) in una cartella virtuale IIS ospitata sul server master. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 262

263 4. Quando il server master raccoglie tutti i dati dei server slave, tali dati vengono estratti dagli archivi singoli e uniti in un file di archivio centrale. 5. I server slave scaricano questo file di archivio centrale e si occupano di estrarlo e aggiornare l installazione locale di GFI MailEssentials, così da sfruttare al meglio le nuove impostazioni. In tutti i server che collaborano alla sincronizzazione delle impostazioni antispam deve essere installata la stessa versione di GFI MailEssentials. I file caricati e scaricati dall agente di sincronizzazione vengono compressi per limitare il traffico sulla rete. Passaggio 1: configurazione della directory virtuale dell agente di sincronizzazione sul server master Note importanti 1. È possibile configurare solo un server master per volta. È possibile configurare solo un server master per volta. 2. Per configurare un server come server master, deve soddisfare le seguenti specifiche di sistema: Microsoft Windows Server 2008 con SP1 o versioni successive e IIS 7.0, con le estensioni del server BITS installate. Fare riferimento a: Microsoft Windows Server 2003 con SP1 o versioni successive e IIS 6.0, con le estensioni del server BITS installate. Fare riferimento a: 3. Una directory virtuale IIS deve essere creata solo sul server master. Configurazione directory virtuale In Gestione Internet Information Services (IIS), configurare una directory virtuale condivisa sul sito Web predefinito del server master, come descritto di seguito. IIS 7.0 a. Caricare la console Gestione Internet Information Services (IIS), fare clic con il pulsante destro del mouse sul sito Web predefinito e selezionare Aggiungi directory virtuale. b. Nella finestra di dialogo Aggiungi directory virtuale, digitare MESynchAgent come alias per la directory virtuale. c. Specificare un percorso dove archiviare i contenuti della directory virtuale, quindi fare clic su OK per aggiungerla. prendere nota del percorso configurato come riferimento. d. Selezionare la directory virtuale MESynchAgent e da Visualizzazione funzionalità, fare doppio clic su Impostazioni SSL. e. Disabilitare la casella di controllo Richiedi SSL e fare clic su Applica. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 263

264 f. Tornare alla Visualizzazione funzionalità della directory virtuale appena aggiunta, quindi fare doppio clic su Autenticazione. g. Assicurarsi che sia abilitato solo Autenticazione di base, mentre le altre opzioni sono disabilitate. h. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Autenticazione di base e selezionare Modifica per specificare Dominio predefinito e Area autenticazione del nome utente e password utilizzati per l'autenticazione da parte dei computer slave. Fare clic su OK e Applica. i. Tornare alla Visualizzazione funzionalità della directory virtuale MESynchAgent, quindi fare doppio clic su Processi di caricamento BITS. j. Selezionare Consenti ai clienti di caricare file e seleziona Usa impostazioni predefinite del sito padre. Fare clic su Applica. IIS 6.0 a. Dalla console Gestione Internet Information Services (IIS), fare clic con il pulsante destro del mouse sul sito Web predefinito e selezionare Nuovo > Directory virtuale. b. In Creazione guidata Directory virtuale, specificare MESynchAgent come alias per la directory virtuale e fare clic su Avanti. c. Specificare un percorso dove archiviare i contenuti della directory virtuale, quindi fare clic su Avanti. prendere nota del percorso configurato come riferimento. d. Selezionare le caselle di controllo Lettura e Scrittura e deselezionare tutte le altre. Fare clic su Avanti e infine su Fine. e. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla nuova directory virtuale MESynchAgent e selezionare Proprietà. f. Selezionare la scheda Protezione directory e nel gruppo Controllo autenticazione e accesso fare clic su Modifica. g. Nel gruppo Accesso con autenticazione, selezionare Autenticazione di base e specificare Dominio predefinito e Area autenticazione del nome utente e della password utilizzati per l'autenticazione da parte dei computer slave. Assicurarsi che tutte le altre caselle di controllo siano deselezionate. h. Fare clic su OK. i. Selezionare la scheda Estensione server BITS e selezionare Consenti il trasferimento di dati in questa directory virtuale. j. Fare clic su OK per chiudere le proprietà della finestra di dialogo della directory virtuale. Passaggio 2: configurazione del server master di GFI MailEssentials 1. Dal server master, selezionare <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\ quindi aprire mesentcfg.msc. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 264

265 2. Fare clic con il pulsante destro su Agente di sincronizzazione antispam > Configurazione quindi selezionare Proprietà. Schermata 140: configurazione di un server master 3. Dalla scheda Master, selezionare Questo server GFI MailEssentials Configuration è anche un server master e digitare il percorso completo della cartella configurata per contenere i contenuti della directory virtuale MESynchAgent. 4. Selezionare il pulsante Aggiungi e immettere il nome host del server slave. Fare clic su OK per aggiungerlo all elenco. Ripetere il passaggio e aggiungere tutti gli altri server slave. Assicurarsi di configurare come server slave tutti i computer dell elenco, altrimenti l agente di sincronizzazione del server master non unirà i dati. Un server master può fungere anche da server slave al tempo stesso. In questo caso, il server unirà i propri dati a quelli caricati dagli altri server slave. Affinché questo funzioni, è necessario aggiungere il nome host del server master all elenco di server slave. 5. Se necessario, scegliere un server slave dall elenco e fare clic su Modifica o Elimina per modificarlo o eliminarlo. 6. Fare clic su OK. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 265

266 Passaggio 3: configurazione server slave Note importanti 1. Per configurare un server come server slave, deve soddisfare le seguenti specifiche di sistema: Microsoft Windows Server 2008 Microsoft Windows Server 2003: si consiglia di scaricare l aggiornamento del client BITS 2.0 da: 2. I server slave caricano automaticamente un file di archivio, contenente le impostazioni antispam della directory virtuale IIS sul server master, così sui server slave non deve essere creata nessuna directory virtuale. Configurazione server slave 1. Dal server slave, selezionare <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\ quindi aprire mesentcfg.msc. 2. Fare clic con il pulsante destro sul nodo Agente di sincronizzazione antispam > Configurazione quindi selezionare Proprietà. Schermata 141: configurazione server slave 3. Dalla scheda Slave, selezionare Questo server GFI MailEssentials è un server slave. 4. Nel campo URL, specificare nel seguente formato l URL completo della directory virtuale ospitata sul server master: GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 266

267 dominio server master>/mesynchagent Esempio: 5. Nel campo Porta, indicare la porta utilizzata dal server master per accettare le comunicazioni HTTP. Per impostazione predefinita, il valore predefinito della porta è impostato su 80, che è la porta standard utilizzata per HTTP. 6. Selezionare Credenziali richieste e digitare le credenziali utilizzate per eseguire l autenticazione con il server master. 7. Selezionare: Opzione Automatico Descrizione La sincronizzazione avviene automaticamente a intervalli impostati. Nel campo Carica ogni, indicare l intervallo di caricamento in ore che determina la frequenza con cui il server slave caricherà le proprie impostazioni sul server master. Nel campo Scarica ogni, indicare l intervallo di scaricamento in ore che determina la frequenza con cui il server slave controllerà la presenza di aggiornamenti sul server master e ne eseguirà il download. Note importanti sulla configurazione dell intervallo: L intervallo orario per il caricamento e il download non può avere il medesimo valore. L intervallo orario può essere impostato su qualsiasi valore compreso tra 1 e 240 ore. È consigliabile configurare l intervallo di download con un valore inferiore a quello di caricamento. Si consiglia anche di utilizzare il medesimo intervallo per tutti i server slave. Manuale Esempio: Impostare l intervallo di download a 3 ore e quello di caricamento a 4 ore. In tal modo, i download saranno più frequenti dei caricamenti. Caricare e scaricare manualmente il file di archivio. Per caricare le impostazioni del server slave sul server master, fare clic su Carica adesso. Per scaricare le impostazioni unite aggiornate dal server master, fare clic su Scarica adesso. 8. Fare clic su OK esportazione e importazione manuale delle impostazioni GFI MailEssentials include un Strumento di esportazione/importazione di configurazione per l esportazione delle impostazioni da un installazione e l importazione in un altra. Le impostazioni possono anche essere importate e/o esportate dalla riga di comando. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Esportazione/importazione impostazioni dalla riga di comando (pagina 270). Passaggio 1: Esportazione impostazioni esistenti 1. Andare a <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ e avviare meconfigmgr.exe. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 267

268 Schermata 142: strumento di esportazione/importazione di configurazione la durata del processo di esportazione dipende dalle dimensioni dei database. 4. Fare clic su Esporta. 5. Dalla finestra di dialogo Sfoglia per cartelle, selezionare la cartella dove esportare le impostazioni di configurazione, quindi fare clic su OK. 6. Al termine, fare clic su Esci. Passaggio 2: copia delle impostazioni esportate 1. Copiare manualmente la cartella dove sono state esportate le impostazioni di configurazione. 2. Incollare la cartella nei computer dove è necessario importare le impostazioni. Passaggio 3: importazione impostazioni in una nuova installazione IMPORTANTE Durante l importazione delle impostazioni, i file importati sovrascriveranno le impostazioni esistenti (ad esempio, le impostazioni DNS di origine) e potrebbe essere necessario riconfigurare impostazioni di rete e azioni antispam specifiche. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 268

269 Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 1. Arrestare i servizi seguenti: GFI List Server Trasferimento Enterprise GFI MailEssentials GFI MailEssentials Legacy Attendant GFI MailEssentials AntiSpam Attendant GFI POP2Exchange IIS Admin 2. Andare a <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ e avviare meconfigmgr.exe. La durata del processo di importazione dipende dalle dimensioni dei database da importare. 4. Fare clic su Importa, scegliere la cartella contenente i dati di importazione, quindi fare clic su OK. AVVISO Il processo di importazione sostituisce i file di configurazione con quelli presenti in questa cartella. Alcune delle impostazioni importate potrebbero non essere adatte all installazione di GFI MailEssentials, pertanto può essere necessario riconfigurarle. Ciò è possibile, ad esempio, quando impostazioni DNS, elenco domini e server perimetrali sono diversi rispetto al server dal quale sono state esportate le impostazioni. Fare clic su Sì per avviare la procedura guidata di postinstallazione di GFI MailEssentials e riconfigurare le impostazioni importanti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura guidata di post-installazione (pagina 42). È anche consigliato verificare le seguenti impostazioni che non sono state configurate nella procedura guidata di post-installazione. Raccolta di directory: deve essere verificato durante l importazione in un server che si connette a un Active Directory diversa o con un Active Directory posizionata in un server diverso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Raccolta di directory (pagina 115). Operazioni spam: alcune operazioni antispam sono disponibili solo per ambienti Microsoft Exchange. Se si importano le impostazioni in un ambiente diverso (ad esempio, in un server IIS), le azioni non funzioneranno. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 269

270 per ulteriori informazioni sulle impostazioni da verificare dopo l importazione, fare riferimento a: 6. Al termine, fare clic su Esci. 7. GFI MailEssentials tenta il riavvio automatico dei servizi arrestati nel passaggio 1. IMPORTANTE Potrebbero esserci altri servizi arrestati al momento di interrompere il Servizio Amministrazione di IIS, come ad esempio il servizio Simple Mail Transfer Protocol (SMTP). Riavviare manualmente questi servizi dall applet Servizi Esportazione/importazione impostazioni dalla riga di comando Esportazione impostazioni dalla riga di comando 1. Arrestare i servizi di GFI MailEssentials seguenti: GFI MailEssentials AS Scan Engine GFI MailEssentials AS Attendant 2. Dal prompt dei comandi, cambiare directory selezionando la cartella principale di installazione di GFI MailEssentials. 3. Digitare: meconfigmgr /export: c:\mailessentials Settings /verbose /replace Dove: C:\MailEssentials Settings : percorso in cui esportare i file. Sostituire con il percorso di destinazione desiderato. /verbose: indica allo strumento di visualizzare l avanzamento durante la copia dei file. /replace: indica allo strumento di sostituire i file esistenti nella cartella di destinazione. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 270

271 Schermata 143: esportazione impostazioni dalla riga di comando 4. Riavviare i servizi arrestati durante il passaggio 1. Importazione impostazioni dalla riga di comando 1. Arrestare i servizi seguenti: GFI List Server Trasferimento Enterprise GFI MailEssentials GFI MailEssentials Legacy Attendant GFI MailEssentials AntiSpam Attendant GFI POP2Exchange IIS Admin 2. Dal prompt dei comandi, cambiare directory selezionando la cartella principale di installazione di GFI MailEssentials. 3. Digitare: meconfigmgr /import: c:\mailessentials Settings /verbose /replace Dove: C:\MailEssentials Settings : percorso dei file da importare. Sostituire con il percorso in cui si trovano i file da importare. /verbose: indica allo strumento di visualizzare l avanzamento durante la copia dei file. /replace: indica allo strumento di sostituire i file esistenti nella cartella di destinazione. AVVISO Il processo di importazione sostituisce i file di configurazione con quelli presenti in questa cartella. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 271

272 Schermata 144: Importazione impostazioni dalla riga di comando 4. Riavviare i servizi arrestati durante il passaggio 1. Alcune delle impostazioni importate potrebbero non essere adatte all installazione di GFI MailEssentials, pertanto può essere necessario riconfigurarle. Ciò è possibile, ad esempio, quando impostazioni DNS, elenco domini e server perimetrali sono diversi rispetto al server dal quale sono state esportate le impostazioni. Fare clic su Sì per avviare la procedura guidata di postinstallazione di GFI MailEssentials e riconfigurare le impostazioni importanti. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Procedura guidata di post-installazione (pagina 42). È anche consigliato verificare le seguenti impostazioni che non sono state configurate nella procedura guidata di post-installazione. Raccolta di directory: deve essere verificato durante l importazione in un server che si connette a un Active Directory diversa o con un Active Directory posizionata in un server diverso. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Raccolta di directory (pagina 115). Operazioni spam: alcune operazioni antispam sono disponibili solo per ambienti Microsoft Exchange. Se si importano le impostazioni in un ambiente diverso (ad esempio, in un server IIS), le azioni non funzioneranno. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Operazioni antispam - cosa fare con lo spam. (pagina 147). Per ulteriori informazioni sulle impostazioni da verificare dopo l importazione, fare riferimento a: Disabilitazione elaborazione messaggi di posta elettronica Disabilitando la protezione dell elaborazione posta elettronica si disattiva l intera protezione offerta da GFI MailEssentials e si permette il recapito dei messaggi nelle cassette postali degli utenti, GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 272

273 compreso spam e messaggi dannosi. Normalmente l elaborazione della posta viene disabilitata solo per la risoluzione dei problemi. Per abilitare/disabilitare l elaborazione dei messaggi in GFI MailEssentials: 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Risoluzione dei problemi. Schermata 145: GFI MailEssentials Switchboard: Risoluzione dei problemi 2. Per abilitare o disabilitare l elaborazione della posta, fare clic rispettivamente su Abilita o Disabilita. Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 3. Nella finestra di dialogo Necessario riavvio del servizio, fare clic su Sì per riavviare i servizi. 4. Fare clic su OK. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 273

274 11.11 Backup posta elettronica prima e dopo l elaborazione IMPORTANTE Utilizzare questa opzione solo per la risoluzione dei problemi. 1. AvviareGFI MailEssentialsSwitchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Risoluzione dei problemi. Schermata 146: GFI MailEssentials Switchboard: Risoluzione dei problemi 2. Selezionare la casella di controllo Conservare una copia di ogni messaggio di posta prima e dopo l'elaborazione dei messaggi per archiviare una copia di ciascun messaggio elaborato. Tutti i messaggi sono archiviati nei percorsi seguenti: <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\antispam\sourcearchives\ <GFI MailEssentials percorso di installazione>\gfi\mailessentials\ security\sourcearchives\ GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 274

275 Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 3. Fare clic su OK. 4. Nella finestra di dialogo Necessario riavvio del servizio, fare clic su Sì per riavviare i servizi. 5. Fare clic su OK Porte remote Le porte remote permettono ai vari moduli di GFI MailEssentials di comunicare tra loro. Per impostazione predefinita, GFI MailEssentials utilizza le porte: Assicurarsi che non vi siano applicazioni in ascolto su queste porte, ad eccezione di GFI MailEssentials. Se queste porte vengono utilizzate da altre applicazioni, modificare queste porte per consentire a GFI MailEssentials di utilizzare porte alternative. Per modificare le porte remote: 1. Avviare GFI MailEssentials Switchboard da Start > Tutti i programmi > GFI MailEssentials > Switchboard e selezionare la scheda Altro. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 275

276 Schermata 147: modifica delle porte remote 2. Nell area Porte remote, modificare il numero della porta remota con un altro che non viene utilizzato dalle altre applicazioni. 3. Fare clic su Applica. Durante l esecuzione di questa operazione, alcuni servizi vengono arrestati temporaneamente. Questo potrebbe incidere sul flusso della posta e/o la scansione della posta. 4. Per eseguire il riavvio dei servizi visualizzati, fare clic su Sì. 5. Fare clic su OK Monitoraggio API di scansione antivirus Quando GFI MailEssentials viene installato su un computer Microsoft Exchange, è possibile monitorare le prestazioni dell API di scansione antivirus utilizzando Performance Monitor MCC. Protezione archivio informazioni (VSAPI) non è supportata su Microsoft Exchange Server 2013, in quanto Microsoft ha rimosso VSAPI da from Microsoft Exchange Server GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 276

277 Contatore di prestazioni in Windows 2003 Server Per aggiungere e visualizzare il contatore di performance monitor in Windows 2003 Server, attenersi alla seguente procedura: 1. Fare clic su Start > Pannello di controllo. 2. Nella finestra del Pannello di controllo, fare doppio clic su Strumenti di amministrazione. 3. Fare doppio clic su Performance per avviare la MMC di Performance monitor. 4. Dal riquadro di visualizzazione Monitor di sistema, fare clic su Aggiungi per caricare la finestra di dialogo Aggiungi contatori. 5. Dall elenco a discesa Oggetto prestazione, selezionare MSExchangeIS. 6. Fare clic su Seleziona i contatori dall elenco. 7. Selezionare uno dei contatori di scansione virus da aggiungere. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Contatori di performance monitor (pagina 279). 8. Fare clic su Aggiungi. 9. Per aggiungere tutti i contatori di prestazioni necessari, ripetere i passaggi 7 e Fare clic su Chiudi. Adesso i contatori dei processi aggiunti vengono visualizzati in Performance Monitor Contatore di prestazioni in Windows 2008 Server In un ambiente Microsoft Exchange Server 2007/2010, i contatori di monitor delle prestazioni VSAPI sono disponibili solo sui computer dove è installato il ruolo server cassetta postale. Per aggiungere e visualizzare il contatore di performance monitor in Windows 2008 Server, attenersi alla seguente procedura: 1. Accedere a Pannello di controllo > Strumenti di amministrazione > Monitoraggio affidabilità e Performance Monitor. 2. Nella finestra di dialogo del monitor, espandere Strumenti di monitoraggio e selezionare Performance Monitor. 3. Dal riquadro di visualizzazione, fare clic su Aggiungi per caricare la finestra di dialogo Aggiungi contatori. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 277

278 Schermata 148: aggiunta di contatori di performance monitor VSAPI a Windows 2008 Server 4. Dall elenco a discesa Seleziona contatori dal computer, scegliere il computer da monitorare. 5. Dall elenco di contatori disponibili, espandere MSExchangeIS. 6. Selezionare uno dei contatori di scansione virus da aggiungere. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Contatori di performance monitor (pagina 279). 7. Fare clic su Aggiungi. 8. Ripetere i passaggi 6 e 7 per ciascun processo da monitorare. 9. Per applicare le modifiche fare clic su Ok. Adesso i contatori dei processi aggiunti vengono visualizzati in Performance Monitor. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 278

279 Schermata 149: monitoraggio file di scansione antivirus scansionati nel performance monitor di Windows Server Contatori di performance monitor Sono disponibili i seguenti contatori di Performance Monitor VSAPI: Contatore di prestazioni Messaggi elaborati da ricerca virus Numero messaggi elaborati/sec Messaggi puliti da ricerca virus Messaggi puliti/sec Messaggi messi in quarantena da ricerca virus Messaggi messi in quarantena/sec File analizzati da ricerca virus File analizzati/sec File puliti da ricerca virus File puliti/sec Descrizione Un valore cumulativo del numero totale di messaggi di livello superiore elaborati dal programma di scansione antivirus. Rappresenta la frequenza con cui i messaggi di livello superiore vengono elaborati dal programma antivirus. Numero totale dei messaggi di livello superiore puliti dal programma antivirus. La frequenza con cui i messaggi di livello superiore vengono puliti dal programma antivirus. Numero totale dei messaggi di livello superiore messi in quarantena dal programma antivirus. La frequenza con cui i messaggi di livello superiore vengono messi in quarantena dal programma antivirus. Numero totale di messaggi di livello superiore elaborati dal programma di scansione antivirus. Frequenza con cui i singoli file vengono elaborati dal programma antivirus. Numero totale dei singoli file puliti dal programma antivirus. La frequenza con cui i singoli file vengono puliti dal programma antivirus. GFI MailEssentials 11 Argomenti vari 279

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

GFI Product Manual. Guida introduttiva

GFI Product Manual. Guida introduttiva GFI Product Manual Guida introduttiva http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia

Dettagli

GFI MailEssentials 14.1. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI MailEssentials 14.1. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI MailEssentials 14.1 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso.

Dettagli

Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity

Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity Guida all aggiornamento di GFI MailEssentials 2014 Una guida all aggiornamento dalle versioni precedenti di GFI MailEssentials e GFI MailSecurity Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono

Dettagli

1 Utilizzo di GFI MailEssentials

1 Utilizzo di GFI MailEssentials Guida utente finale Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse,

Dettagli

Installazione di GFI MailEssentials

Installazione di GFI MailEssentials Installazione di GFI MailEssentials Introduzione all installazione di GFI MailEssentials Il presente capitolo descrive le procedure di installazione e configurazione di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials

Dettagli

GFI Product Manual. Manuale di amministrazione e configurazione

GFI Product Manual. Manuale di amministrazione e configurazione GFI Product Manual Manuale di amministrazione e configurazione http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e

Dettagli

Installazione di GFI MailEssentials

Installazione di GFI MailEssentials Installazione di GFI MailEssentials Introduzione all installazione di GFI MailEssentials Questo capitolo descrive le modalità di installazione e configurazione di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials

Dettagli

Manuale di amministrazione e configurazione

Manuale di amministrazione e configurazione GFI MailEssentials 14.1 Manuale di amministrazione e configurazione A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a

Dettagli

GFI MailEssentials 11. Manuale. a cura di GFI Software Ltd.

GFI MailEssentials 11. Manuale. a cura di GFI Software Ltd. GFI MailEssentials 11 Manuale a cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com Email: info@gfi.com Questo manuale è stato realizzato da GFI Software Ltd. Le informazioni contenute in questo documento sono

Dettagli

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 10. Manuale. a cura di GFI Software Ltd.

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 10. Manuale. a cura di GFI Software Ltd. GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 10 Manuale a cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi-italia.com Email: info@gfi.com Il presente manuale è stato realizzato da GFI Software Ltd. Le informazioni contenute

Dettagli

Installazione di GFI MailEssentials

Installazione di GFI MailEssentials Installazione di GFI MailEssentials Introduzione all installazione di GFI MailEssentials Questo capitolo descrive le procedure di installazione e configurazione di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials

Dettagli

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 9. Manuale. a cura di GFI Software Ltd.

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 9. Manuale. a cura di GFI Software Ltd. GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 9 Manuale a cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com Email: info@gfi.com Questo manuale è stato realizzato da GFI Software Ltd. Le informazioni contenute in questo

Dettagli

Installazione di GFI MailSecurity

Installazione di GFI MailSecurity Installazione di GFI MailSecurity Introduzione Questo capitolo descrive le modalità di installazione e configurazione di GFI MailSecurity. È possibile installare GFI MailSecurity direttamente sul proprio

Dettagli

Installazione di GFI MailEssentials

Installazione di GFI MailEssentials Installazione di GFI MailEssentials Introduzione Questo capitolo descrive le modalità di installazione e di configurazione di GFI MailEssentials. GFI MailEssentials può essere installato in due modi: Opzione

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway

Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway Introduzione Questo capitolo spiega la procedura per installare e configurare la modalità GFI MailSecurity SMTP gateway. In modalità SMTP gateway,

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

SHARKMAIL by 2000net. Caratteristiche principali. Più 98% dello spam viene eliminato

SHARKMAIL by 2000net. Caratteristiche principali. Più 98% dello spam viene eliminato SHARKMAIL by 2000net La 2000net ha investito molte risorse per combattere il fenomeno dello spam e oggi è pronta a fornire una soluzione ad elevato livello tecnologico indirizzato al settore Business in

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore per ISA/TMG

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore per ISA/TMG Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore per ISA/TMG Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

GFI MailEssentials 10. Manuale. GFI Software Ltd.

GFI MailEssentials 10. Manuale. GFI Software Ltd. GFI MailEssentials 10 Manuale GFI Software Ltd. http://www.gfi-italia.com Email: info@gfi.com Questo manuale è stato realizzato da GFI Software Ltd. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver

Guida prodotto GFI. Guida di valutazione di GFI Archiver Guida prodotto GFI Guida di valutazione di GFI Archiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo,

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Installazione di GFI FAXmaker

Installazione di GFI FAXmaker Installazione di GFI FAXmaker Requisiti di sistema Prima di installare GFI FAXmaker, assicurarsi di soddisfare tutti i requisiti che seguono. Server FAX GFI FAXmaker: Una macchina server Windows 2000 o

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore

Guida prodotto GFI. Guida dell amministratore Guida prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida di installazione e configurazione

Manuale prodotto GFI. Guida di installazione e configurazione Manuale prodotto GFI Guida di installazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 8. Manuale. GFI Software ltd.

GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 8. Manuale. GFI Software ltd. GFI MailSecurity for Exchange/SMTP 8 Manuale GFI Software ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Il presente manuale è stato prodotto dalla GFI Software Ltd. Le informazioni contenute nel presente

Dettagli

GFI MailArchiver per Exchange. Guida Introduttiva. Di GFI Software Ltd.

GFI MailArchiver per Exchange. Guida Introduttiva. Di GFI Software Ltd. GFI MailArchiver per Exchange Guida Introduttiva Di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com Posta elettronica: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Manuale di amministrazione e configurazione

Manuale prodotto GFI. Manuale di amministrazione e configurazione Manuale prodotto GFI Manuale di amministrazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di

Dettagli

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software La presente guida spiega come installare il software necessario per utilizzare Sharp Remote Device Manager (nel seguito della presente guida

Dettagli

GFI FAXmaker 14.3 per Exchange/Lotus/SMTP. Manuale. GFI Software Ltd

GFI FAXmaker 14.3 per Exchange/Lotus/SMTP. Manuale. GFI Software Ltd GFI FAXmaker 14.3 per Exchange/Lotus/SMTP Manuale GFI Software Ltd http://www.gfi.com Posta elettronica: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso.

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

GFI MailEssentials 9. Manuale. GFI Software Ltd.

GFI MailEssentials 9. Manuale. GFI Software Ltd. GFI MailEssentials 9 Manuale GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Questo manuale è stato realizzato dalla GFI Software Ltd. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI LANguard 9 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida introduttiva

Manuale prodotto GFI. Guida introduttiva Manuale prodotto GFI Guida introduttiva http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia

Dettagli

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido

ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop. Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 per Linux Desktop Guida all'avvio rapido ESET NOD32 Antivirus 4 fornisce una protezione all'avanguardia per il computer contro codici dannosi. Basato sul motore di scansione ThreatSense

Dettagli

Guida prodotto GFI. Limitazioni archivio di GFI Archiver e guida alla gestione licenze

Guida prodotto GFI. Limitazioni archivio di GFI Archiver e guida alla gestione licenze Guida prodotto GFI Limitazioni archivio di GFI Archiver e guida alla gestione licenze Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono,

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Guida prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver

Guida prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver Guida prodotto GFI Assistente archivio di GFI MailArchiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Guida prodotto GFI. Archive Assistant

Guida prodotto GFI. Archive Assistant Guida prodotto GFI Archive Assistant Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che

Dettagli

CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows

CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows CA ARCserve Backup Patch Manager per Windows Guida per l'utente r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver

Manuale prodotto GFI. Assistente archivio di GFI MailArchiver Manuale prodotto GFI Assistente archivio di GFI MailArchiver Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun

Dettagli

Installazione di GFI MailArchiver

Installazione di GFI MailArchiver Installazione di GFI MailArchiver Requisiti di sistema di GFI MailArchiver Windows 2000/2003 Server oppure Advanced Server. Microsoft Exchange Server 2000/2003 (il prodotto è installato sulla macchina

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Manuale client

Manuale prodotto GFI. Manuale client Manuale prodotto GFI Manuale client Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che

Dettagli

Internet Security 2012

Internet Security 2012 Internet Security 2012 Guida introduttiva Importante Sulla custodia del CD sarà possibile trovare il codice di attivazione con il quale attivare il prodotto. Si consiglia di conservarlo in un luogo sicuro.

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore

Manuale prodotto GFI. Guida dell amministratore Manuale prodotto GFI Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

Modulo Antivirus per Petra 3.3. Guida Utente

Modulo Antivirus per Petra 3.3. Guida Utente Modulo Antivirus per Petra 3.3 Guida Utente Modulo Antivirus per Petra 3.3: Guida Utente Copyright 1996, 2005 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata,

Dettagli

2.1 Configurare il Firewall di Windows

2.1 Configurare il Firewall di Windows .1 Configurare il Firewall di Windows LIBRERIA WEB Due o più computer possono scambiare dati, informazioni o servizi di tipo diverso utilizzando una connessione. Quindi, spesso, ad una connessione fisica

Dettagli

Appliance software Sophos UTM

Appliance software Sophos UTM Appliance software Sophos UTM Guida introduttiva Versione del prodotto: 9.300 Data documento: martedì 2 dicembre 2014 Soluzioni Sophos UTM Requisiti Minimi Hardware : CPU Intel compatibile 1.5 GHz + 1

Dettagli

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0

Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Client Avaya Modular Messaging per Microsoft Outlook versione 5.0 Importante: le istruzioni all'interno di questa guida sono applicabili solamente nel caso in cui l'archivio di messaggi sia Avaya Message

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida

Manuale prodotto GFI. Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida Manuale prodotto GFI Guida di valutazione Parte 1: Installazione rapida Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

SaaS Email and Web Services 8.3.0

SaaS Email and Web Services 8.3.0 Note sulla versione Revisione A SaaS Email and Web Services 8.3.0 Sommario Informazioni sul rilascio Nuove funzionalità Problemi risolti Ricerca della documentazione sul servizio di McAfee SaaS Informazioni

Dettagli

Controllo dello spam basato su server

Controllo dello spam basato su server MESSAGING Controllo dello spam basato su server Un test pratico di 5 noti prodotti software antispam per Microsoft Exchange Server N on c è bisogno di discutere a lungo su quanto lo spam possa costare

Dettagli

per Mac Guida all'avvio rapido

per Mac Guida all'avvio rapido per Mac Guida all'avvio rapido ESET Cybersecurity fornisce una protezione all'avanguardia per il computer contro codici dannosi. Basato sul motore di scansione ThreatSense introdotto per la prima volta

Dettagli

Installazione di GFI WebMonitor

Installazione di GFI WebMonitor Installazione di GFI WebMonitor Requisiti di sistema di GFI WebMonitor Server Microsoft Windows 2000 (SP 3) o 2003. Microsoft ISA 2000 Server (non in modalità solo firewall) OPPURE Server Microsoft ISA

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859710

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859710 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza

Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza Table of Contents Benvenuti alla Guida introduttiva - Sicurezza... 1 PC Tools Internet Security... 3 Guida introduttiva a PC Tools Internet Security... 3

Dettagli

Dove installare GFI EventsManager sulla rete?

Dove installare GFI EventsManager sulla rete? Installazione Introduzione Dove installare GFI EventsManager sulla rete? GFI EventsManager può essere installato su qualsiasi computer che soddisfi i requisiti minimi di sistema, indipendentemente dalla

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Editions Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare le seguenti edizioni di Acronis Backup & Recovery 10: Acronis Backup

Dettagli

KASPERSKY LAB. Kaspersky Mobile Security 7.0 Enterprise Edition GUIDA DELL AMMINISTRATORE

KASPERSKY LAB. Kaspersky Mobile Security 7.0 Enterprise Edition GUIDA DELL AMMINISTRATORE KASPERSKY LAB Kaspersky Mobile Security 7.0 Enterprise Edition GUIDA DELL AMMINISTRATORE K A S P E R S K Y M O B I L E S E C U R I T Y 7. 0 E N T E R P R I S E E D I T I O N Kaspersky Lab http://www.kaspersky.it/

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

Manuale prodotto GFI. Manuale di amministrazione e configurazione

Manuale prodotto GFI. Manuale di amministrazione e configurazione Manuale prodotto GFI Manuale di amministrazione e configurazione http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Installazione di TeamLab su un server locale

Installazione di TeamLab su un server locale Informazioni sulla versione server di TeamLab La versione server di TeamLab è una versione del portale progettata specialmente per quelli che hanno deciso di installare e configurare TeamLab sul loro proprio

Dettagli

Supporto Tecnico Clienti Microsoft

Supporto Tecnico Clienti Microsoft Supporto Tecnico Clienti Microsoft Microsoft offre un ampia varietà di servizi di supporto personalizzabili per aziende, partner, professionisti IT, sviluppatori e utenti privati. Le opzioni di supporto

Dettagli

Guida introduttiva. BlackBerry Professional Software. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida introduttiva. BlackBerry Professional Software. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWDT305427-305427-0912091433-004 Indice 1 Panoramica di BlackBerry Professional Software... 3 Architettura: installazione di BlackBerry Professional

Dettagli

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Connessione da un browser Web Il documento contiene i seguenti argomenti: Informazioni su Symantec pcanywhere Web Remote Metodi per la protezione della

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693

Il tuo manuale d'uso. F-SECURE PSB http://it.yourpdfguides.com/dref/2859693 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di F-SECURE PSB. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

GFI WebMonitor. Manuale. a cura di GFI Software Ltd.

GFI WebMonitor. Manuale. a cura di GFI Software Ltd. GFI WebMonitor Manuale a cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com Email: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifica senza preavviso. Le società, i nomi e

Dettagli

Guida dell utente. Microsoft Windows 7 / Vista / XP / 2000 / 2003 / 2008

Guida dell utente. Microsoft Windows 7 / Vista / XP / 2000 / 2003 / 2008 Guida dell utente Microsoft Windows 7 / Vista / XP / 2000 / 2003 / 2008 Sommario 1. ESET Smart Security 4...4 1.1 Novità... 4 1.2 Requisiti di sistema... 5 Copyright 2009. ESET, spol. s r.o. ESET Smart

Dettagli

Worry-Free TM Remote Manager TM 1

Worry-Free TM Remote Manager TM 1 Worry-Free TM Remote Manager TM 1 for Small and Medium Business Guida all'installazione dell'agent Trend Micro Incorporated si riserva il diritto di apportare modifiche a questa documentazione e ai prodotti

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida di installazione e configurazione

Guida di installazione e configurazione Guida di installazione e configurazione Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa

Dettagli

DR.Web Enterprise Security Suite. Guida Rapida di Installazione

DR.Web Enterprise Security Suite. Guida Rapida di Installazione DR.Web Enterprise Security Suite Guida Rapida di Installazione 1 Dr.Web Enterprise Security Suite è la versione centralizzata del software Antivirus Dr.Web destinato a installazioni su reti di Piccole\Medie

Dettagli

MailEssentials. La miglior soluzione antispam per Exchange, SMTP e Lotus

MailEssentials. La miglior soluzione antispam per Exchange, SMTP e Lotus MailEssentials La miglior soluzione antispam per Exchange, SMTP e Lotus Schema riassuntivo della presentazione Punti deboli a livello informatico Il prodotto Testimonianze Riconoscimenti Conclusioni Punti

Dettagli

Guida di Active System Console

Guida di Active System Console Guida di Active System Console Panoramica... 1 Installazione... 2 Visualizzazione delle informazioni di sistema... 4 Soglie di monitoraggio del sistema... 5 Impostazioni di notifica tramite e-mail... 5

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli