Digital Marketing Communication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digital Marketing Communication"

Transcript

1 Digital Marketing Communication Margherita Corniani 1. Comunicazione aziendale esterna e mercati globali La comunicazione aziendale individua un processo intenzionale e finalizzato volto al trasferimento di messaggi a contenuto informativo e/o simbolico indirizzati ad una pluralità di pubblici (interni, esterni, co-maker 1 ), per il perseguimento di obiettivi che possono essere commerciali, organizzativi o istituzionali ed è attivabile con l ausilio di strumenti personali, non personali, o personalizzati di massa (comunicazione integrata) 2. La comunicazione aziendale rivolta a pubblici esterni può quindi perseguire finalità di ordine commerciale, istituzionale o organizzativo, singolarmente o congiuntamente, a seconda degli specifici destinatari cui si rivolge e della contingente esigenza per cui è attivata. In tal senso, la pubblicità che comunica le giornate di apertura dei punti vendita di una catena di supermercati nei giorni di festa risponde sia ad obiettivi organizzativi, sia di ordine commerciale. Nello stesso modo, iniziative di pubbliche relazioni che mirano alla promozione di una impresa presso definiti pubblici non possono essere semplicisticamente catalogate rispetto al perseguimento di finalità istituzionali, senza riconoscerne gli indubbi obiettivi anche di ordine commerciale. Tuttavia, una parte consistente della comunicazione aziendale esterna è attivata con finalità commerciali o prevalentemente commerciali ed, in questo caso, si identifica con la cosiddetta marketing communication. Tale comunicazione si caratterizza perciò per veicolare a definiti pubblici obiettivo messaggi finalizzati ad agevolare i processi di marketing e, per questo motivo, si indirizza tipicamente alla domanda intermedia e/o a quella finale. La domanda finale individua l ultimo acquirente del bene che, sovente, coincide anche con il suo consumatore; la domanda intermedia, invece, è costituita dal cliente o dai clienti che si collocano, appunto, in una posizione intermedia lungo la supply chain e che acquistano un prodotto per riutilizzarlo nella propria attività, sia essa di trasformazione produttiva o commerciale. La distinzione tra i destinatari della marketing communication rappresenta un elemento esplicativo delle diverse articolazioni di questa comunicazione nei Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Milano- Bicocca

2 mercati globali ed origina all interno dell impresa, in ragione delle differenti finalità commerciali e, quindi, di comunicazione, che caratterizzano le relazioni con la domanda intermedia e quelle attivate con la domanda finale. Tuttavia, una più completa comprensione delle motivazioni che inducono le imprese allo sviluppo di diverse tipologie di marketing communication (in relazione agli strumenti attivati, agli oggetti della comunicazione ed ai modi ed ai tempi che la caratterizzano) induce a considerare anche elementi esplicativi esogeni alla gestione d impresa ed, in tal senso, una utile chiave interpretativa può essere offerta dalle dinamiche competitive che caratterizzano il contesto di mercato in cui opera ogni impresa: mercati in scarsità di offerta, mercati in concorrenza controllata e mercati in eccesso di offerta Comunicazione di prodotto e mercati in scarsità di offerta Nei mercati globali in condizioni di scarsità di offerta in cui cioè la domanda globale eccede l offerta per quantità dei beni disponibili, la comunicazione di marketing tende a concentrarsi sul prodotto o, più in generale, sull offerta aziendale, caratterizzandosi nei riguardi della domanda finale per la prevalenza di finalità informative. Le campagne di advertising dei produttori di benzine per autotrazione informano dell esistenza di un nuovo prodotto con performance particolari (ad esempio, in Italia, il diesel VPower di Q8). La condizione di mercato in scarsità di offerta (cioè la posizione di controllo delle quantità offerte e del loro prezzo da parte delle imprese offerenti) spinge la domanda a ricercare il prodotto comunque, e la comunicazione commerciale, tipicamente realizzata mediante la pubblicità, ha lo scopo di informare la domanda finale della presenza di iniziative nuove, eventualmente anche per agevolare lo sviluppo di relazioni di fedeltà alla marca o all insegna. In effetti, la clientela, di fronte ad offerte quantitativamente scarse, tende ad essere motivata da logiche di prossimità, per cui ripete gli acquisti dove può farlo, in relazione alle proprie esigenze ed abitudini di consumo. In tale contesto, quindi, non si può propriamente attribuire il connotato della fedeltà agli acquisiti effettuati, quanto quello della ripetitività, sovente motivata dalla assenza di valide alternative 4. In effetti, una delle principali caratteristiche dei mercati in scarsità di offerta è determinata dalla presenza di strutture distributive che hanno un ruolo passivo nella negoziazione con i produttori dai quali dipendono o per diretto legame proprietario o per accordi contrattuali (ad esempio franchising, forme di esclusiva, ecc.), subendo la determinazione delle quantità da vendere e l imposizione del prezzo da applicare al cliente finale. La particolare relazione che si instaura tra produttore e distributore spiega le motivazioni per cui la comunicazione che il produttore indirizza al suo intermediario commerciale è normalmente scarna, essenziale e direttiva. Il distributore, a sua volta, realizza (in base a precisi accordi e su esplicita autorizzazione del produttore) una propria attività di comunicazione di marketing verso la clientela, normalmente avvalendosi degli spazi offerti dal punto vendita,

3 sfruttando le occasioni di contatto diretto, offerte dalla prossimità. I contenuti di queste comunicazioni sono normalmente limitati ad offerte promozionali che mirano ad attrarre i consumatori verso uno specifico punto vendita ed una particolare modalità di acquisto, in un contesto competitivo complessivamente caratterizzato da price competition Comunicazione di marketing e mercati in concorrenza controllata Nei mercati globali in condizioni di concorrenza controllata, nei quali l insieme delle imprese offerenti si spartisce controllandolo un mercato saturo ma con domanda aziendale parzialmente espandibile, la comunicazione di marketing trova ampie possibilità di applicazione e tende anzi a configurare lo strumentochiave per l espansione della domanda aziendale. In effetti, in questi mercati la scelta alternativa tra offerte concorrenti non si svolge tanto in base a variabili immediatamente confrontabili come il prezzo, quanto in relazione a variabili soft e, soprattutto, in grado di stemperare l asprezza del confronto diretto, come l immagine, la qualità percepita, il design, ecc. (non price competition) 5. I grandi produttori mondiali di birra industriale, in effetti, sono anche forti investitori in comunicazione aziendale esterna, non solo pubblicitaria, con lo scopo di promuovere notorietà ed immagine delle proprie offerte aziendali. Anzi, l investimento pubblicitario del settore deve essere considerato quale uno degli elementi mediante i quali i grandi produttori mantengono la posizione competitiva di dominio del mercato. In Italia, ad esempio, i principali produttori di birra che investono in comunicazione pubblicitaria (Heineken Italia, Birra Peroni Ind., InBev Italia, Carlsberg Italia e Ceres) investono quote costanti tra il 4 ed 5 per cento 6 del proprio fatturato per sostenere l espansione della domanda globale e per consolidare quella di marca. La pubblicità di marca mira a diffondere associazioni positive nel pubblico, valorizzando attributi di gioventù, moda e dinamismo, al di là del contenuto alcolico del prodotto. Anzi, proprio l esigenza di promuovere le marche liberandole dalle connotazioni negative legate all alcol, ha portato alcuni produttori ad innovare, introducendo le birre analcoliche, spesso contrassegnandole con la medesima marca del prodotto alcolico (ad esempio Beck s), così da traslare le connotazioni positive ottenibili da adeguate comunicazioni aziendali esterne. La comunicazione di marketing rivolta alla domanda finale si sviluppa con modalità indirette, cioè mediante strumenti di comunicazione che, come la pubblicità, necessitano del supporto di soggetti terzi (i mezzi di comunicazione) oppure secondo modalità dirette, variamente articolate in relazione alle specificità di settore. Nel caso delle birre industriali, ad esempio, una delle modalità dirette di sviluppo della comunicazione esterna è rappresentata dai pub monomarca che consentono la veicolazione in loco delle comunicazioni aziendali ad una clientela che manifesta interesse attivo per la comunicazione e, soprattutto, è in grado di rispondere immediatamente alla comunicazione ricevuta.

4 La marketing communication in queste condizioni competitive costituisce quindi il principale veicolo verso la domanda finale dell identità di marca che contribuisce a differenziare le offerte aziendali e a garantire l adesione di specifiche fasce di pubblico che rispondono con comportamenti di acquisto ripetuto, motivato dall apprezzamento di un definito sistema di attributi e valori promossi dalla comunicazione aziendale di marca. La fedeltà di acquisto, quindi, è prima di tutto spinta da dimensioni emotive di coinvolgimento e condivisione, quindi da una adesione cognitiva che tende a far considerare la marca ed il prodotto che essa rappresenta come il migliore, perché percepito di qualità superiore alle offerte concorrenti. Tale valutazione, tuttavia, è del tutto soggettiva ed è il frutto del complesso sistema di offerta e di comunicazioni attivato nel tempo dalle imprese del settore. In questo caso si afferma la pull policy che prevede che siano i consumatori finali, sulla base di proprie motivazioni, a scegliere direttamente il prodotto in punti di vendita a self service, ovvero a richiedere espressamente il prodotto ai dettaglianti nei negozi tradizionali. Tale politica presuppone che i produttori impieghino ingenti risorse in strumenti di comunicazione persuasiva (primariamente la pubblicità) per raggiungere un elevata notorietà di marca ed un immagine molto caratterizzata. Il prodotto è così richiesto ( tirato ) dal consumatore finale e i dettaglianti devono renderlo disponibile alla clientela e soprattutto mantenerlo in assortimento 7. Nel processo di scelta del consumatore, il prezzo pur essendo rilevante, diventa una variabile secondaria, anche perché il sistema competitivo di produttori e distributori tende a proporre prezzi complessivamente allineati ad un medesimo livello. I fumatori di sigarette difficilmente sono disposti a cambiare marca e spesso ritengono che la propria scelta di consumo sia il frutto di un analisi comparata di diverse alternative, rispetto alle quali la marca individuata si è rivelata essere di gusto più gradevole. Qualsiasi test cieco di prodotto consente tuttavia di verificare come sia pressoché impossibile distinguere tra loro sigarette simili. Ne consegue che a spingere verso il consumo di una definita marca di sigarette non sia tanto il prezzo, mediamente allineato tra offerte concorrenti, quanto il sistema di attributi che ogni marca promuove presso il pubblico, mediante l utilizzo della marketing communication. In questi contesti competitivi, dunque, la comunicazione di marketing rivolta alla domanda finale si concentra sullo sviluppo delle connotazioni quantitative (notorietà) e qualitative (immagine) della marca, che individua quindi la specifica relazione tra un offerta aziendale e la domanda e tende ad attivare un sistema di responsabilità che l impresa si assume rispetto al mercato 8. La marca si associa a definiti prodotti, ma acquisisce una propria identità da essi distinta, tanto da consentire alle imprese di adottare politiche di brand extension e, in generale, di varia articolazione di uso della stessa (ad esempio, licensing 9 e product placement 10 ) e del portafoglio delle marche detenute 11. Nei mercati in scarsità di offerta la comunicazione di marketing è quindi quantitativamente contenuta e si concentra sulla veicolazione di informazioni

5 relative al prodotto, mentre nelle economie in concorrenza controllata le risorse economiche destinate alla comunicazione aziendale esterna sono consistenti e promuovono l offerta tramite la marca che la contraddistingue. Con particolare riguardo alla comunicazione pubblicitaria (uno degli strumenti più utilizzati nella comunicazione indirizzata alla domanda finale), il sistema degli investimenti effettuati nei mercati globali in concorrenza controllata diviene un significativo elemento in grado di influenzare le performance aziendali: da una parte, la comunicazione pubblicitaria mira a sostenere la notorietà e a qualificare l immagine della marca (effetto comunicazione) per mantenere o acquisire share of mind nella domanda così da stimolare il processo di acquisto nel tempo (effetto vendita); dall altra parte, gli investimenti in pubblicità costituiscono anche un preciso sistema di governo dei rapporti competitivi nel settore, e sono rappresentativi della posizione concorrenziale che ogni impresa intende occupare. Gli effetti complessivi della marketing communication sulla marca, infatti, derivano dalla continua attività di pressione perpetuata dalle imprese, cioè dalla cumulata delle risorse dedicate ad un pubblico target per un determinato periodo di tempo e costringono le imprese a vincolarsi ad un percorso di pianificazione degli investimenti. Per non vanificare gli investimenti sulla marca effettuati nel tempo, infatti, le imprese debbono continuare a spendere per mantenere le posizioni di notorietà acquisite, nonché confermare le connotazioni di immagine affermate presso il pubblico, destinando con continuità quote rilevanti del proprio fatturato alla comunicazione aziendale esterna. Tale indirizzo delle risorse economie, in effetti, è cogente in un contesto competitivo con domanda satura nel quale, di fatto, la crescita della quota di mercato di un impresa si correla all andamento decrescente delle market share delle altre imprese. Gli investimenti in pubblicità, così, tendono a costituire l indicatore prospettico dell andamento delle quote di mercato delle imprese. Una politica di investimento aggressiva, o di mantenimento o di abbandono di un mercato si traduce nel tempo in un corrispondente incremento, mantenimento o in una riduzione della quota di mercato 12. In tal modo, dunque, le imprese leader di un settore possono utilizzare gli investimenti in comunicazione pubblicitaria per mantenere lo status quo competitivo, stabilendo un livello di spesa comune, indirizzato a sostenere il ruolo delle marche nei riguardi della domanda finale e di quella intermedia e governando la stabilità delle quote di mercato. La marketing communication, tuttavia, è utilizzata non solo nel supporto della relazione imprese di produzione domanda finale, ma anche delle relazioni tra imprese di produzione e domanda intermedia e tra domanda intermedia e domanda finale. In effetti, nei mercati in concorrenza controllata la domanda intermedia commerciale assume un ruolo attivo nel processo negoziale con il sistema della produzione. Ne consegue che la produzione non è in grado di imporre le proprie condizioni al sistema distributivo, ma deve attivarsi, anche nei riguardi della propria clientela intermedia, con lo sviluppo di adeguati strumenti di marketing (trade marketing), compresa la marketing communication. È quanto accade nella cosiddetta push policy che prevede che siano gli intermediari di vendita, e tipicamente i dettaglianti, a spingere il prodotto al consumatore finale, sia con una favorevole esposizione sugli scaffali del punto di vendita, sia

6 consigliando l acquisto di definiti prodotti e marche. Tale politica presuppone che i produttori esercitino un attenta e continua incentivazione dei dettaglianti (di norma con vantaggi elementari, quali la concessione di margini di vendita superiori a quelli praticati dai concorrenti, la definizione di zone esclusive di vendita, ecc.) e svolgano un attività continuativa di contatto e di relazione tramite la forza di vendita 13. Naturalmente, la marketing communication indirizzata dalle imprese di produzione al trade si avvale di strumenti differenti rispetto a quelli utilizzati nei riguardi della domanda finale anche perché le finalità della comunicazione, pur essendo in definitiva sempre di ordine commerciale, sono orientate allo sviluppo di relazioni negoziali, rispetto alle quali gli elementi soft sono aggiuntivi e non fondamentali. Queste relazioni si caratterizzano infatti per l attenzione al prezzo e per il ruolo negoziale che gli acquirenti assumono riguardo a questa variabile. Il prezzo individua il costo complessivo della fornitura che comprende sia il costo di acquisto dei prodotti, sia i costi legati alle condizioni della fornitura (modalità di pagamento, modalità di consegna, tempi di consegna, ecc.). La comunicazione di marketing tra produttori ed intermediari commerciali si avvale quindi prevalentemente di rapporti personali e diretti tra venditori e acquirenti (buyer) che professionalmente svolgono l attività di vendita o acquisto e sono specializzati nelle relazioni negoziali. Oggetto della negoziazione, oltre alle condizioni che influenzano il costo di acquisto ed i potenziali margini realizzabili dal distributore, sono anche le comunicazioni attivate dal produttore alla domanda finale, in via autonoma (pubblicità, promozioni di prezzo, sponsorizzazioni, ecc.) o nel punto vendita con la collaborazione del trade, nonché le eventuali attività di comunicazione congiunta che possono essere realizzate in partnership tra distribuzione e trade. In effetti, la spartizione della rendita di canale costituisce il fulcro della negoziazione tra industria e distribuzione. In tal senso, si configurano posizioni negoziali differenti a seconda che la relazione sia realizzata con imprese di produzione leader (cioè normalmente di grandi dimensioni, con forti capacità negoziali perché sostenute dalla potenzialità di accesso a consistenti risorse finanziarie e con marche note ed affermate nei singoli mercati) o con imprese di produzione di minori dimensioni e di minore capacità negoziale. Nel primo caso, le imprese di produzione riescono a mantenere posizioni di leadership e ad imporre alcune condizioni al sistema distributivo, utilizzando l unicità della propria posizione competitiva di marca nella relazione con la domanda finale e sfruttando la concorrenza tra insegne della distribuzione a proprio favore mentre, nel secondo caso, le imprese di minori dimensioni debbono piegarsi al ruolo che viene loro lasciato libero dalla relazione tra grandi produttori e trade. La comunicazione di marketing tra produttori e distributori, quindi, si incentra sul prezzo e sulle variabili ad esso più direttamente correlate (margini realizzabili, rotazione dei prodotti, notorietà ed immagine della marca sul mercato, ecc.) e si realizza mediante strumenti di comunicazione personale tra gruppi di professionisti, con l ausilio delle più svariate forme di promozione delle vendite per il supporto alla negoziazione 14. Infine, la marketing communication riguarda anche i flussi di comunicazione commerciale attivati dal trade verso la domanda finale (flussi di comunicazione a

7 supporto del marketing del distributore) che si sommano alla comunicazione effettuata dalle marche della produzione. In particolare, si tratta di comunicazioni che si sviluppano, nella gran parte dei casi 15, grazie alla possibilità di contatto diretto con la clientela sul punto vendita ed hanno a prevalente oggetto le promozioni delle vendite per creare continue occasioni di shop expedition e, nel lungo termine, favorire legami di fedeltà nella clientela di prossimità Comunicazione aziendale e mercati in eccesso di offerta Nei mercati globali ed in eccesso di offerta, la marketing communication si inserisce in un complesso sistema di relazioni con il mercato, in cui il raggiungimento delle finalità commerciali presuppone un orientamento competitivo al mercato (Market-Driven Management). In effetti, la condizione di eccesso di offerta è realizzata da imprese offerenti che, nel complesso, propongono al mercato prodotti che per varietà e quantità eccedono la capacità di assorbimento della domanda. La domanda globale, quindi, è satura e quella aziendale non presenta spazi di crescita, se non con azioni competitive molto aggressive, volte all esclusione dal mercato di alcuni concorrenti, ovvero alla loro incorporazione mediante processi di acquisizione o fusione. L intensità competitiva che si sviluppa nei mercati in eccesso di offerta impone alle imprese di acquisire la capacità di realizzare offerte che sul fronte della varietà e della efficienza consentano loro di arrivare prima e meglio dei concorrenti nella relazione con la domanda intermedia e finale. Il sistema globale di produzione e vendita delle automobili costituisce un esempio di mercato in eccesso di offerta, nel quale pochi grandi produttori stanno progressivamente concentrandosi, acquisendo imprese di dimensioni minori per incrementare le quote di mercato aziendali ed aumentare la propria massa critica sui mercati globali (ad esempio, Ford e General Motors che hanno acquisito marche europee di rinomata fama ma incapaci di fare fronte alla concorrenza globale come Volvo, Saab, ecc.). Tuttavia, il sistema competitivo globale tende a valorizzare gli offerenti che riescono effettivamente ad agire prima e meglio dei concorrenti, come Toyota che ha saputo superare il primato di Ford e General Motors proponendosi al mercato anche con innovazioni continue nei propri prodotti (ad esempio il motore ibrido benzinaelettricità montato sulla Prius e sulla linea Lexus Hybrid Drive della omonima marca di proprietà di Toyota Motor Co.). La marketing communication, quindi, si integra con le altre forme di comunicazione aziendale esterna per gestire la relazione a due vie con il mercato. Perciò, oggetto della comunicazione non è solo il prodotto, o l offerta aziendale contraddistinta da una marca, ma l azienda in quanto soggetto della relazione con il mercato, capace di garantire la controparte rispetto al mantenimento di un definito e sottoscritto sistema di responsabilità 16. La centralità della relazione con il mercato attribuisce alla comunicazione aziendale un ruolo-chiave nel processo competitivo di gestione d impresa. La comunicazione è infatti lo strumento per lo sviluppo di tale relazione nella

8 direzione dall impresa al mercato (comunicazione aziendale esterna ed ai comakers) ed in quella opposta, dal mercato all impresa (sistema informativo aziendale), ma anche nella distribuzione e condivisione delle comunicazioni e delle informazioni all interno dell impresa (comunicazione aziendale interna). In effetti, nei mercati globali, in risposta alle esigenze di governo della relazione competitiva, si sviluppano organizzazioni complesse, strutturate secondo modelli reticolari dinamicamente articolati nello spazio e nei rapporti di concorrenza (networks), per le quali la comunicazione interna e tra nodi diversi della rete è un fattore fondamentale delle relazioni costitutive. In questi mercati, in particolare, i confini tra pubblici, strumenti e forme della comunicazione aziendale tendono a sovrapporsi, fino a ridurre la propria rilevanza. I pubblici destinatari della comunicazione aziendale, infatti, sono sempre più interconnessi tra loro e l importanza della relazione che si sviluppa tra l impresa ed i suoi pubblici fa sì che non sia possibile codificare e distinguere comunicazioni strettamente indirizzate a pubblici esterni, o a pubblici interni o a co-makers. Comunicazioni tradizionalmente indirizzate a pubblici interni diventano importanti anche per i pubblici esterni. L interesse globale per la Corporate Social Responsibility degli ultimi anni e le risposte della domanda e dei mercati finanziari di fronte ad alcune crisi aziendali globali hanno messo in luce l importanza di comportamenti trasparenti circa l utilizzo di manodopera minore, di tutela dei lavoratori, ecc. Tali provvedimenti, principalmente volti alla tutela dei dipendenti e della società, sono diventanti estremamente importanti anche per gli altri pubblici esterni che, spontaneamente, o mediante l ausilio di opportune iniziative di competitor, si sentono sempre più vicini e coinvolti nelle proprie scelte di consumo dal comportamento delle imprese. Oppure, comunicazioni nate per soddisfare esigenze specifiche di alcuni comakers possono diventare significative anche per i pubblici interni o per definite porzioni di pubblici esterni. I siti internet di numerose imprese globali (ad esempio, CNH, Unilever, Monsanto, ecc.) ospitano una sezione molto articolata ed aggiornata, destinata ad accogliere le informazioni per le investor relations. Tale sezione di informazioni concentra i dati di bilancio e le principali metriche finanziarie destinate a tutti coloro che possano detenere un interesse per l aspetto economico-finanziario della gestione aziendale. Tra questi pubblici sono compresi gli investitori istituzionali cui evidentemente sono indirizzate anche altre comunicazioni specifiche, ma anche pubblici interni ed esterni, non necessariamente coinvolti nella partecipazione al capitale di rischio dell impresa stessa. Anche gli strumenti della marketing communication tendono a convergere verso utilizzi combinati e congiunti di strumenti tradizionalmente pianificati ed applicati in modo indipendente e non solo per finalità di marketing. Così il direct marketing si combina con eventi dedicati e con campagne pubblicitarie, o la

9 sponsorizzazione che si associa con il licensing, o la promozione delle vendite che si attiva in relazione ad iniziative di product placement, ecc. Rispetto alle forme, la comunicazione aziendale, grazie all applicazione delle tecnologie digitali, può combinare caratteristiche degli strumenti personali con elementi distintivi di quelli non personali, potenziando i flussi ed i canali di comunicazione ed informazione diretti al mercato e provenienti dal mercato all azienda. Anche in questo contesto competitivo, la comunicazione di marketing mantiene l obiettivo di indirizzo delle relazioni di marketing con il mercato e si concretizza nei flussi di comunicazione attivati dall impresa alla domanda intermedia ed alla domanda finale e dalla domanda intermedia alla domanda finale. Anzi, la peculiarità dei mercati in eccesso di offerta può essere individuata nella significatività assunta dai flussi di marketing communication che si sviluppano tra imprese di produzione ed imprese commerciali e tra imprese commerciali e domanda finale, cioè per l importanza assunta dalla marketing communication nell ambito del trade marketing e del marketing del distributore. In effetti, nei mercati in eccesso di offerta è la domanda globale ad essere insufficiente rispetto al potenziale di offerta. Ne consegue che il sistema delle imprese offerenti, di produzione e di distribuzione, si trova a sperimentare condizioni di elevata intensità competitiva. In particolare, le imprese di distribuzione, sempre meno difese dalla prossimità alla domanda per il moltiplicarsi di concorrenti e alternative di acquisto, devono sviluppare azioni competitive sia nei riguardi dei propri concorrenti diretti, sia in relazione alle imprese di produzione con le quali, comunque, devono spartire una rendita di canale che al crescere dell intensità competitiva del mercato tende ad assottigliarsi. Ne consegue che l aspetto critico delle relazioni di marketing si sposta dalla relazione impresa di produzione-cliente finale, alle relazioni che si sviluppano con l intermediazione del trade. Le imprese di produzione sviluppano quindi la trade marketing communication che serve a supportare il processo negoziale con la distribuzione. L acuirsi delle difficoltà nella spartizione della rendita di canale, richiede alle imprese la capacità di rispondere al trade su più fronti: i prezzi di vendita, le soluzioni logistiche, la rotazione dei prodotti e la partecipazione alle iniziative di comunicazione promosse dal trade. Nel 2004 Wal-Mart informò i propri principali fornitori che entro la fine del 2006 avrebbero dovuto essere operativi nell applicazione delle tecnologie RFID (Radio Frequency Identification, tecnologia che usa le onde in radiofrequenza per trasferire i dati tra una antenna e un oggetto in movimento per identificare, tracciare e localizzare l oggetto stesso) per la gestione dei materiali. Tale impegnativa imposizione nei riguardi dei propri fornitori era motivata dalla convinzione che il ruolo di pioniere nell applicazione della tecnologia potesse sostenere un significativo vantaggio competitivo. Del resto, da studi effettuati sull impatto delle applicazioni RFID, sembra che l utilizzo di queste tecnologie nei punti vendita possa consentire una riduzione del 16% dei prodotti fuori scorta, il che ha potenzialmente un valore immenso, se si

10 considera che per Wal-Mart le mancate vendite per rottura di stock a livello di punto vendita sono stimate valere 1 Miliardo di Dollari 17. In effetti, la distribuzione, grazie alla prossimità alla domanda finale e alla disponibilità di informazioni dirette sul consumo, si trova in una indubbia posizione di vantaggio negoziale che le permette di sviluppare proprie iniziative di marketing communication nei confronti della clientela effettiva e potenziale e di coinvolgere in queste iniziative anche le imprese di produzione, secondo un approccio di governo delle referenze e delle forniture teso alla massimizzazione del risultato complessivo di insegna. Le imprese di produzione si fanno così promotrici di azioni di comunicazione mediante strumenti classici come l advertising, spesso scegliendo iniziative congiunte in modo da coinvolgere utilmente le imprese di produzione, oppure attivando strumenti nuovi come i customer magazines, cioè riviste di proprietà della distribuzione, caratterizzate da una definita periodicità, da ampia diffusione e da contenuti scelti e gestiti dal trade in relazione alle esigenze di marketing communication. In tal senso, le imprese di distribuzione agiscono come mezzi di comunicazione e possono scegliere come e quando proporre i propri spazi di comunicazione con il consumatore finale alle imprese fornitrici (media trade) 18. Fra le testate più note della Grande Distribuzione in Italia vi sono il mensile Consumatori (nato nel 1983) di Ipercoop, la rivista Bene Insieme dei supermercati Conad e Margherita, Despar Express del consorzio Despar, Scegliamo Insieme di GSCarrefour, Primizie e Viviclub di Selex, Gente Crai di Crai, News di Esselunga e Delizie del gruppo Interdis. I Customer Magazines della distribuzione in Italia sono tutti diffusi gratuitamente, mentre all estero non è sempre così. In Inghilterra, ad esempio due noti retailers vendono i propri Customer Magazines: Sainsbury s Magazine venduto al prezzo di 1,20 Sterline e Waitrose Food Illustrated al prezzo di 2,20 Sterline, mentre gli altri li rendono disponibili gratuitamente. È da evidenziare che i magazines indicati sono noti per l elevata qualità dei servizi e dei contenuti che diffondono oltre che per la tiratura e la diffusione assai capillari nel paese. (cfr. siti internet delle insegne indicate). 2. Flussi e canali di comunicazione digitale Ai fini della comunicazione aziendale, è utile distinguere tra canali e flussi di comunicazione. I primi individuano mezzi impiegati per trasmettere il segnale dal trasmettitore al ricevitore 19, e costituiscono quindi strutture appositamente costruite per il transito di comunicazioni e possono comporsi di elementi di natura diversa, ad esempio strutture fisiche e ruoli organizzati per favorire il passaggio delle comunicazioni dall emittente al ricevente. Il flusso di comunicazioni può essere invece individuato come un sistema organizzato di comunicazioni che transita da un emittente ad un ricevente, normalmente percorrendo un canale. Il canale di comunicazione, infatti, ha lo scopo di convogliare il flusso di comunicazioni. Il flusso di comunicazioni può

11 tuttavia fluire anche fuori dal canale, trovare un percorso diverso da quello precostituito, eventualmente creando un nuovo canale destinato ad ospitare ulteriori flussi. Canale e flusso possono essere distinti in quanto il primo costituisce un entità sostanzialmente statica (ossia con poca variabilità nel tempo) mentre il flusso è di per se stesso dinamico. Il flusso si associa ad un azione: è necessario che in un determinato momento un emittente attivi il flusso che potrà o meno transitare per un canale. Il canale, invece, esiste indipendentemente dal fatto che vi siano flussi che vi transitano. Questa distinzione tra canali e flussi è assai importante ai fini della gestione di informazione e comunicazione aziendali. In effetti, per trasmettere flussi di informazioni e di comunicazioni, le imprese debbono investire nella costituzione (o nella individuazione) e nel mantenimento dei canali più adeguati. L immobilizzo di risorse nella creazione di un canale, così come nella manutenzione che ne consegue naturalmente, trova quindi un riscontro positivo se si correla all abbattimento dei costi associati all invio dei flussi di informazione e comunicazione. Quanto più un canale è dedicato, tanto più sarà costoso approntarlo e gestirlo, ma tanto minori saranno i costi associati al transito dei flussi. In pratica, i flussi potranno transitare secondo le esigenze del proprietario del canale con pochi rischi di intromissione di agenti esterni, ossia con pochi costi di protezione dei flussi stessi. I canali da cui transitano i flussi non sono necessariamente costruiti allo scopo specifico da qualcuno ma possono anche essere scoperti : chi gestisce i flussi di informazione e comunicazione deve quindi individuare ed avvalersi anche dei canali non esplicitamente costruiti allo scopo, seppure efficaci nel trasmettere i flussi. È il caso, ad esempio, delle comunità virtuali, molte delle quali sono costituite da soggetti uniti da un comune interesse, senza un intervento a priori di una impresa o di una specifica associazione. Le imprese possono prendere in considerazione queste comunità quali canali per la veicolazione dei propri flussi di informazione e comunicazione 20. Nei mercati globali odierni, dove ormai le tecnologie della Information Communication Technology (ICT) sono molto diffuse, con canali di informazione e comunicazione ci si riferisce prevalentemente ai canali di tipo digitale (secondo tecnologie specifiche che continuano ad evolvere nel tempo, dal doppino telefonico, alla fibra ottica, alla connessione wireless, ecc.), mentre i flussi di comunicazione sono pacchetti digitali che possono contenere indifferentemente dati, suoni, immagini, filmati, o varie combinazioni degli stessi 21. La digitalizzazione ha consentito lo sviluppo di numerosi canali (prima analogici e poi digitali) riservati e pubblici con evidente facilitazione della circuitazione delle informazioni. I primi comportano elevati costi di sviluppo e manutenzione, ma offrono maggiori garanzie circa la sicurezza del trasferimento dei flussi; i secondi tendono invece ad essere associati a costi quasi nulli rispetto all utilizzo del canale, mentre impongono elevati investimenti per la protezione dei flussi trasmessi e ricevuti 22. L attivazione di flussi di comunicazione ed informazione e l utilizzo di canali adeguati dipendono anche dai costi e dai vantaggi ottenibili. In tal senso, le tecnologie della ICT basate sulla digitalizzazione si caratterizzano per costi fissi

12 di acquisizione e costi variabili di invio e gestione dei flussi progressivamente decrescenti. In particolare, il costo più elevato può essere associato allo sviluppo di un canale privato, con conseguenti economie nel transito dei flussi che non necessitano di investimenti dedicati alla loro protezione; l utilizzo di canali pubblici, per contro, abbatte i costi di sviluppo dei canali, imponendo però il sostenimento di elevati costi variabili di governo dei flussi inviati. Ai fini della comunicazione aziendale, uno degli aspetti più rilevanti delle tecnologie digitali è costituito dalla possibilità di controllo in esecuzione (feedforward) e dal flusso di ritorno (feed-back) che si associano all invio di ogni flusso di comunicazione. Ne consegue che una corretta programmazione del flusso in andata consente un adeguato flusso di ritorno, a costi nulli o, comunque, molto modesti 23. Infine, l alternativa di utilizzo di canali privati o pubblici si collega alla individuazione di adeguati supporti di sicurezza per i flussi inviati e ricevuti tramite ogni tipo di canale. In effetti, per i flussi di comunicazione digitale, così come per quelli analogici, non esiste la garanzia di una perfetta protezione, in quanto lo sviluppo a costi decrescenti di soluzioni di protezione si associa anche all evoluzione delle capacità di disturbo che impongono una incessante ricerca di nuove forme di tutela dei flussi e dei canali di comunicazione ed informazione utilizzati dalle imprese. 3. Comunicazione e informazione digitale di marketing nei mercati globali La digitalizzazione di flussi e canali ha impatto su tutte le attività di marketing, dall area dell analisi a quella della operatività, dalla definizione del prodotto più adeguato al mercato, alla sua distribuzione, alla determinazione del prezzo ed, ovviamente, alla comunicazione. Un importante effetto della digitalizzazione sulle attività di marketing può essere osservato in particolare nella caduta dei confini tra alcune attività come avviene, ad esempio, per comunicazione ed informazione: la comunicazione aziendale, infatti, viene attivata non solo per trasmettere un messaggio al mercato ma è utilizzata soprattutto per i flussi informativi di ritorno che può generare. In effetti, in un contesto di diffusione delle tecnologie digitali, ogni comunicazione è anche un lancio da parte dell emittente per acquisire una risposta dal ricevente. Tuttavia, tale risposta, seppure connaturata nel flusso digitale stesso, non costituisce di per sé una reazione automatica. Bisogna che vi sia un elemento di stimolo per cui il ricevente sia interessato a rispondere alla comunicazione ricevuta. Ciò avviene grazie all interesse attivo (cioè in base all attenzione che volontariamente l ascoltatore dedica alla comunicazione) che la comunicazione digitale consente di sviluppare nei destinatari della comunicazione, o meglio, grazie al fatto che le tecnologie digitali permettono di mirare tanto precisamente i flussi di comunicazione, di determinarne in modo così dettagliato il momento di lancio e ricezione e di intervenire in modo talmente personalizzato sui contenuti, da garantire che la comunicazione promossa divenga, di fatto, una comunicazione che agisce sull interesse attivo dell audience. In pratica, grazie alle tecnologie digitali, flussi informativi che in

13 un modalità analogica interrompono la fruizione di un mezzo da parte dell audience divengono oggetto di interesse in quanto tali e sono ricercati ed acquisiti dal pubblico stesso. CdNow, noto sito internet per la vendita di CD musicali (www.cdnow.com) richiede ai propri naviganti acquirenti di registrarsi. Acquisiti alcuni dati essenziali su ciascun utente, progressivamente aggiornati in seguito ad ogni visita mediante il riconoscimento dell IP di connessione ed all utilizzo di strumenti come i cookies, CdNow è in grado di proporre offerte personalizzate veicolate direttamente all apertura del sito o anche tramite . La personalizzazione delle offerte e la raffinazione dei criteri di scelta e di promozione sono garantiti dal contatto che si instaura con ogni cliente al quale sono richieste rapide risposte di valutazione di proposte (caratterizzate da profili di offerta specificamente composti da una combinazione di prodotti, prezzo promozionale, ecc.) così da perfezionare l analisi del sistema di utilità di ciascun utente ed essere in grado di proporre soluzioni di acquisto ogni volta più adeguate ai desideri del potenziale acquirente. Si tratta del passaggio dalla push communication alla pull communication 24 : nella push communication l impresa promuove un messaggio e lo comunica spingendolo in un canale ad un audience generalmente non direttamente interessata allo stesso (interesse passivo), mentre nel caso della pull communication, il flusso di comunicazione viene addirittura richiesto dal mercato. È cioè il mercato che si fa parte attiva per l acquisizione del flusso informativo (la comunicazione dell impresa) e per questo vi ripone un preciso interesse (interesse attivo). In effetti, la trasformazione dell interesse passivo di molti flussi di comunicazione in interesse attivo costituisce una delle più importanti innovazioni introdotte dalle tecnologie digitali nella marketing communication e risponde ad un preciso obiettivo di comunicazione delle imprese globali, per la massimizzazione della efficacia delle spese effettuate. I banner, i buttons, ecc. che si aprono nella connessione internet a numerosi siti, costituiscono forme di pubblicità on line ed hanno lo scopo di stimolare il navigatore a cliccare per acquisire informazioni su di un prodotto, una marca o una offerta aziendale. Richiedono quindi la partecipazione dell utente che si attiva alla ricerca di maggiori informazioni, consentendo cioè la veicolazione della comunicazione aziendale in forma personalizzata nei tempi e nei contenuti che sviluppano interesse attivo nell utente stesso. Le reazioni di risposta alla comunicazione digitale di marketing hanno un duplice significato per l impresa che le promuove: da una parte fungono da misura dell efficacia della comunicazione attivata, dall altra parte consentono di acquisire informazioni su specifici soggetti destinatari della comunicazione, approfondendone il profilo di conoscenza ed offrendo all impresa elementi determinanti per tutto il processo di marketing.

14 Le tecnologie digitali, in effetti, permettono all impresa di gestire opportunamente enormi quantità di risposte ottenute dai diversi interlocutori così da svilupparne la conoscenza nel tempo (profilazione) e da poter investire sulla relazione instaurata. In effetti, la profilazione costituisce una delle attività fondamentali della digital marketing communication. Essa consiste in un processo che si attiva con la creazione di un contatto con il cliente potenziale e/o effettivo, e l associazione di un riferimento elettronico (IP, , cookie, ecc.) ad un soggetto che, di norma, viene descritto e catalogato mediante l individuazione di una prima serie di connotazioni socio-demografiche essenziali (ad esempio, età, sesso, livello culturale, area di residenza). In seguito, in occasione di nuovi contatti elettronici, la profilazione di ciascun soggetto si raffina, seguendo il percorso del singolo, accumulando informazioni sui suoi comportamenti di navigazione e catalogando le sue risposte a stimoli precisi e pianificati, come la proposta di un acquisto in promozione. Il profilo così ottenuto costituisce un importante innovazione nello sviluppo dei processi di marketing e di comunicazione in particolare. In effetti, in un contesto di contatti di tipo analogico, la conoscenza dei singoli individui che compongono la domanda finale è del tutto irrealizzabile. Per questo, le imprese individuano la domanda globale per i propri prodotti, la analizzano e la suddividono in segmenti che descrivono in base a criteri coerenti con la propria capacità di affermare e comunicare le offerte al mercato (segmentazione). In seguito, selezionano il segmento o i segmenti obiettivo (target) che reputano più interessanti, rispetto ai quali concentrare gli sforzi di marketing, ivi compresa la marketing communication. Il target costituisce così un gruppo teorico di soggetti individuati mediante un processo deduttivo che origina da informazioni sulla domanda ed, in nessun modo, può condurre alla precisa individuazione dei soggetti che lo compongono, che configurano insiemi indistinti, descrivibili in termini generali e che, come tali, possono essere raggiunti unicamente da comunicazioni di massa. Il profilo, invece, è ottenuto da un processo induttivo, mediante il contatto e la conoscenza di ciascun soggetto, tanto che consente lo sviluppo di comunicazioni personali e personalizzate di massa. La comunicazione digitale, inoltre, si caratterizza per la possibilità di misurare i risultati in relazione ad una pluralità di elementi: numerosità dei soggetti raggiunti (certa e non semplicemente stimata come avviene per la comunicazione analogica), soggettività e caratteristiche specifiche dei destinatari contattati, tempi e modi della risposta ottenuta (di ordine cognitivo, come la richiesta di ulteriori informazioni e il reclamo; o di ordine comportamentale come l acquisto). Tale tipo di misurazione, evidentemente, differisce da canale a canale e per ogni specifica tipologia di strumento di comunicazione attivato. I siti internet, ad esempio, consentono di misurare numerosi aspetti legati alle azioni dei naviganti. Si misura la numerosità di click per ogni pagina, il tempo di permanenza sulla pagina; tramite l IP (Internet Protocol, o codice identificativo di ogni macchina in rete) si può conoscere la provenienza geografica del navigante, e tramite i cookies è possibile seguire un navigante nei suoi spostamenti. Per la commercializzazione degli spazi pubblicitari,

15 tuttavia, è critico disporre di strumenti di misurazione che seguano uno standard comune, così si sono sviluppate proposte quali gli Adserver, Audiweb e Audinet. Gli Adserver sono software nati in America per il conteggio dei click-through, cioè destinati a misurare la percentuale di banner cliccati in rapporto al numero di banner visualizzati dagli utenti. Le forme più evolute di Adserver consentono anche la gestione dei banner in rapporto alle intenzioni degli investitori pubblicitari, legate alla numerosità o al target dei soggetti da raggiungere (ad esempio paese di provenienza, sistema operativo, parola inserita nel motore di ricerca per l accesso alla pagina, ecc.). La digitalizzazione è una condizione-chiave dello sviluppo dei mercati globali. In effetti, la riduzione di importanza dei confini (fisici, amministrativi, linguistici, valutari, ecc.) è resa possibile dalla presenza di tecnologie, canali e flussi digitali, per cui l informazione e la comunicazione possono fluire con estrema rapidità, senza barriere alla diffusione. Per questo, nei mercati globali lo spazio non è solo fisico, ma si qualifica anche come virtuale. Esiste cioè uno spazio che va oltre quello fisico e che è luogo di sviluppo di relazioni, comunicazioni, informazioni, transazioni, ecc. Lo spazio virtuale consente infatti alle persone (anche più di una nello stesso momento) di entrare in contatto tra loro e svolgere tutte quelle attività che non impongono la contemporanea presenza fisica in un luogo; anzi, lo spazio virtuale permette la relazione ed il contatto anche tra soggetti che nello spazio fisico non avrebbero alcuna possibilità di avvicinarsi. Nello spazio virtuale crollano barriere linguistiche, sociali, economiche, temporali e fisiche ed i contatti si fondano sulla condivisione di interessi tra i soggetti, eventualmente anche temporanei. La comunicazione di marketing assume quindi nello spazio virtuale un ruolo centrale rispetto alle altre leve del marketing e con esse si combina per dare vita ad un sistema di offerta con un prezzo e modalità distributive che consentono di aggregare domanda (bolle di domanda), fondandosi, tra le altre informazioni, anche su quelle che ritornano dal lancio della comunicazione digitale. Lo spazio virtuale e quello fisico nei mercati globali sono quindi una opportunità per l azienda che può scegliere come utilizzarli, ottimizzandone i vantaggi e minimizzandone i limiti. Ecco che le strutture aziendali più efficaci sui mercati globali, i network, fanno proprio questo: si distribuiscono nello spazio fisico perché possono sfruttare i vantaggi dello spazio virtuale e, con flessibilità di localizzazione, possono monitorare spazio fisico e virtuale nel confronto competitivo con il mercato (market-driven management). Questa progressiva e parziale dematerializzazione dello spazio per cui vi sono scambi informativi e transazioni che ormai non si svolgono più nello spazio fisico ma solo in quello virtuale 25 si coniuga anche con la accelerazione dei tempi di scambio delle comunicazioni e delle informazioni che determina due importanti conseguenze sul processo di diffusione delle comunicazioni e di acquisizione delle informazioni da parte delle imprese. Con riguardo alla acquisizione delle informazioni, infatti, si facilitano gli accessi: internet, ad esempio, è una fonte potenzialmente inesauribile di informazioni pubbliche, rispetto alla quale l aspetto problematico sta nella capacità di individuare e valutare in modo critico l attendibilità delle

16 informazioni ottenute, in relazione alla credibilità della fonte, al grado di aggiornamento delle informazioni, ecc. Rispetto alla diffusione delle comunicazioni, la virtualizzazione dello spazio consente il loro rapido ed economico fluire, con la possibilità di indirizzarle in modo personalizzato a soggetti specifici e selezionati, però moltiplica anche i canali attraverso cui i flussi di comunicazione possono transitare, complicandone quindi le condizioni di controllo. In pratica, in un contesto in cui la relazione con il mercato (concorrenti e domanda) è considerata chiave per la gestione di impresa, le tecnologie digitali facilitano l intrattenimento della relazione (nei modi e nei costi) ma non sono sempre in grado di proteggerla. Significa cioè che chiunque, in qualunque modo ed a qualunque titolo, volontariamente o meno, può intervenire ed influenzare tale relazione, spesso senza che vi sia modo di governare tali interventi. Non vi sono più dominii chiusi rispetto ai quali le imprese attivano e controllano la comunicazione in un territorio fisico stabilito e chiuso, bensì la comunicazione fluisce in primo luogo, tramite i canali specificamente destinati, poi si sviluppa e si diffonde secondo logiche di tipo virale (viral communication) che sono solo parzialmente prevedibili. In questo contesto assumono un ruolo significativo i cosiddetti sensori o catalizzatori della comunicazione e la capacità di individuarli e sfruttarli al meglio consente all impresa di mantenersi al passo nel proprio orientamento competitivo al mercato. Si tratta cioè di individuare soggetti, luoghi fisici e virtuali, eventi, momenti, ecc. che costituiscono un nodo cruciale della rete di informazioni e comunicazioni che si diffondono, così da utilizzare tali nodi quali catalizzatori delle informazioni (input) e delle comunicazioni aziendali (output). Rispetto alla raccolta delle informazioni, tali sensori sono utilizzati per individuare i segnali di fenomeni e tendenze significativi per l impresa che li raccoglie e sono una delle fonti informative cui si riferisce il sistema informativo di marketing e, più in generale, quello aziendale 26. Con riguardo, invece, alla diffusione delle informazioni, i sensori -o meglio diffusori- servono a distribuire le informazioni nei modi e nei tempi giudicati rilevanti dalle imprese, appunto in mercati globali e digitalizzati nei quali non è possibile confinare i flussi di comunicazione in spazi predefiniti e rispetto a pubblici individuati in anticipo. Tali diffusori aumentano la probabilità che i flussi di comunicazione veicolati raggiungano i pubblici obiettivo. Il ruolo di diffusore può essere assunto da persone, luoghi fisici o virtuali, mezzi di comunicazione, ecc. che in un determinato momento e per un definito tipo di pubblico sono in una posizione-chiave nella distribuzione delle informazioni. Youtube (www.youtube.com), il sito globale di condivisione di filmati, è sempre più utilizzato per la diffusione di filmati, allo scopo di rendere noto al pubblico un fatto, un idea mediante un sistema di comunicazione che si propaga secondo una logica di tipo virale, fondata cioè sul contatto tra soggetti riceventi e potenzialmente destinatari della comunicazione. Tale comunicazione si realizza in tempi estremamente rapidi, a costi molto contenuti, secondo un approccio di pull communication in cui la diffusione virale dell informazione sulla presenza di un filmato stimola il contatto al sito da

17 parte degli utenti, auto selezionati in base all interesse per il messaggio, alla capacità di raggiungerlo (disponibilità di connessione, alfabetizzazione informatica, ecc.) e che manifestano un interesse di tipo attivo per la comunicazione diffusa. Youtube, in questo caso, costituisce un diffusore della comunicazione, rivelandosi particolarmente adeguato per alcune tipologie di pubblico. Altri diffusori possono essere costituiti da opinion leaders, oppure da comunità virtuali 27 nelle quali le persone si incontrano in uno spazio virtuale per affrontare temi di comune interesse, oppure eventi reali o virtuali, o ancora, prodotti come giochi elettronici, film, ecc. che, grazie al product placement, possono veicolare la comunicazione aziendale in modo mirato, agendo sull interesse attivo di definite audiences. Il caso dei giochi elettronici è particolarmente evidente per il pubblico dei giovani tra i 13 ed i 30 anni. In essi, alcune imprese advertisers possono collocare la propria marca o propri prodotti mediante contratti di product placement, contribuendo a dare veridicità al contesto in cui si svolge il gioco. Ad esempio nei giochi di tennis, di Formula 1 e di calcio, sono previsti sponsor a bordo pista, sponsor tecnici per le auto, le attrezzature, l abbigliamento, ecc. I giocatori possono essere parte attiva nella scelta dello sponsor del proprio giocatore (comunque nell ambito di un insieme di alternative fra sponsor previsti nel gioco) mentre gli avversari o il bordo campo e bordo pista sono definiti dal software, ovvero dai contratti di product placement che hanno contribuito al finanziamento della produzione. Si veda, ad esempio, La facilità ed imprevedibilità di disseminazione delle comunicazioni aziendali ha conseguenze positive ma anche negative per la gestione d impresa. Sul fronte delle opportunità, il passaparola, la rete, i diffusori della comunicazione, se correttamente utilizzati con idonee competenze professionali 28, consentono una rapida ed economica distribuzione della comunicazione aziendale; d altra parte però la disseminazione virale delle comunicazioni in un contesto globale e digitale, si caratterizza anche per l impossibilità di governare i flussi di comunicazione emessi. Una volta che la comunicazione è stata trasmessa, molto del percorso che seguirà è del tutto sconosciuto ed imprevedibile. Anzi, un problema rilevante per le imprese è trovare la via più economica e più efficace per fare in modo che i flussi di comunicazione emessi non si fermino, ma raggiungano il massimo numero possibile di soggetti in target. Tuttavia esiste anche un aspetto negativo del rapido ed economico fluire della comunicazione nei mercati globali ed è quanto si può osservare nei casi di crisi. Vi sono infatti situazioni critiche che, per colpa o dolo dell azienda, la pongono in una posizione di difficoltà nei riguardi del pubblico. La comunicazione che ne deriva (normalmente attivata da qualcuno che in buona o cattiva fede porta un preciso interesse nel discredito di una determinata organizzazione) si diffonde in modo capillare, sempre attraverso i catalizzatori indicati, grazie all azione facilitatrice della digitalizzazione globale. Questa tipologia di flussi di

18 comunicazione indesiderati dall azienda diviene particolarmente critica nei mercati globali, proprio per la fluidità con cui si diffonde e per la difficoltà di impedirne la disseminazione e con la stessa capillarità mettere adeguatamente in moto le azioni e le comunicazioni correttive. In tal senso, assumono rilevanza fondamentale i diffusori della comunicazione di cui si è detto, opportunamente attivati ed utilizzati. Lo spazio virtuale, quindi, oltre a costituire una eccezionale dilatazione dello spazio fisico che si trova ad essere amplificato, reso flessibile e soprattutto, ad essere conformato a seconda delle esigenze degli utenti, modifica il concetto stesso di tempo. Nello spazio virtuale, cioè in un contesto digitalizzato, il tempo subisce due importanti evoluzioni: da una parte si riduce drasticamente, mentre dall altra parte si dilata. La riduzione del tempo concerne la possibilità offerta dalle tecnologie digitali di minimizzare i tempi di contatto tra i soggetti: le comunicazioni e le informazioni fluiscono con grande rapidità da una parte all altra del mondo ed il tempo necessario non è dipendente dalla distanza fisica tra i soggetti collegati, ma dalla loro distanza tecnologica, cioè dal diverso grado di evoluzione delle tecnologie utilizzate per lo scambio di informazioni 29. L estensione del tempo riguarda il fatto che molte tecnologie di comunicazione digitali non impongono la contemporanea presenza dei soggetti nel medesimo spazio virtuale perché una relazione abbia luogo 30, bensì consentono a ciascuno di utilizzare il tempo secondo la propria utilità. Nello spazio virtuale, quindi, non esiste un momento di inizio ed uno di fine del processo, bensì un tempo continuo per lo sviluppo delle relazioni. La flessibilizzazione di uso del tempo consentita dalle tecnologie digitali ben si coniuga con un contesto di time-based competition, caratteristico dei mercati globali, in particolare per quelli in eccesso di offerta, nei quali la promozione di bolle di domanda unifica gli sforzi del marketing, in un processo di comunicazione-informazione, appunto continuo nel tempo. In effetti, la creazione e lo sviluppo di bolle di domanda poggia proprio sulla capacità delle imprese di acquisire nel continuo informazioni dal mercato e rispondere nel momento adeguato con profili di offerta capaci di aggregare acquirenti: è necessario quindi attivare comunicazioni di marketing che permettano il ritorno di informazioni nel continuo (feed-back) ma che, al tempo stesso, consentano di monitorare l azione in atto e, se necessario, intervenire correggendola in coerenza con le finalità attese (feed-forward). Bibliografia Albanese Fabio, Merchandising e Licensing per lo sviluppo della Brand Equity. Il caso Coca-Cola, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, , pp Arrigo Elisa, Responsabilità aziendale e ipercompetizione. Il caso Ikea, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Best Roger J. 2005, Market-Based Management, Pearson Prentice Hall, New Jersey. Brondoni Silvio M. (ed.), La promozione delle vendite nella politica di comunicazione aziendale, Rapporto Riservato, Progetto Comunicazione Aziendale, CREA-Centro di Ricerche Economico- Aziendali, Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano, gennaio 1987.

19 Brondoni Silvio M. 1992, Comunicazione integrata d'impresa e nuove sfide competitive, in AA.VV., Progettare e gestire l'impresa innovativa, Etas Libri, Milano. Brondoni Silvio M., Comunicazione, risorse invisibili e strategia competitiva d impresa, in Sinergie, n , 1997, pp Brondoni Silvio M., Corniani Margherita, Marketing Communication and Media Trade, Progetto Comunicazione Aziendale, Rapporto Riservato n , gennaio 2006, ISTEI Istituto di Economia d Impresa, Università degli Studi di Milano-Bicocca. Brondoni Silvio M., Corniani Margherita, Ricerca ISTEI ASSOREL: Relazioni Pubbliche e Cultura della Rete, Università degli Studi di Milano-Bicocca, 29 maggio 2001 (www. unimib.it/istei). Brondoni Silvio M., Gnecchi Flavio, La comunicazione di Corporate Governance, Relazione presentata al 18 Convegno Annuale di Sinergie, L evoluzione del capitalismo tra teoria e prassi: proprietà, governance e valore, Capua, ottobre Brondoni Silvio M. 1988, La comunicazione integrata d'impresa nelle politiche di gruppo, in AA. VV., Scritti in onore di Luigi Guatri, Ed. Bocconi Comunicazione, Milano. Brondoni Silvio M., Ouverture de Ricerche di Marketing e Mercati Globali, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, 2003, pp Brondoni Silvio M. 2002, Patrimonio di marca e politica di comunicazione, Giappichelli, Torino. Brondoni Silvio M., Pubblicità, Sponsorship e Marketing delle sigarette, in Mark-Up, luglio/agosto 2006, p. 23. Brondoni Silvio M. 2004, Risorse immateriali e concorrenza d impresa, in S.M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, pp Corniani Margherita 2004, Competitive intelligence e organizzazioni Market-Driven, in S.M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, G. Giappichelli, Torino, pp Corniani Margherita, Product Placement e gestione del patrimonio di marca, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, , pp Day George, Market-Driven Winners, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, De Woot Philippe, Le sfide della globalizzazione economica: imprese, concorrenza e società, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Fascina Giancarlo 2005, L RFID rivoluziona la Supply Chain, in GEA (ed.), Il Supply Chain Management dalla teoria alla pratica, Isedi, Torino, pp Garbelli Maria Emilia 2004, Localizzazione produttiva e dinamiche competitive, Giappichelli, Torino. Gnecchi Flavio, Corniani Margherita, Bolle di domanda, comunità virtuali e potenziale di domanda, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Gnecchi Flavio, Corniani Margherita 2004, Le comunità virtuali nella misura del potenziale della bolla di domanda, in S.M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, pp Gnecchi Flavio, Ricotti Paolo, La reingegnerizzazione del portafoglio di marca. Il caso Gruppo Coin, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, , pp Hennig-Thurau Thorsten 2005, Word-of-Mouse : Why Consumers Listen to Each Other in the Internet, in Yearbook of Marketing and Consumer Research, Vol. 3, pp Hitt Michael A., Ireland R. Duane, Hoskinsson Robert E. 2005, Strategic Management. Competitiveness and globalization, South-Western College Publishing, Thomson. Lambin Jean-Jacques 1996, Marketing strategico e operativo, McGraw-Hill, Milano. Ottman Jacquelyn A. 1993, Green marketing: challenges and opportunities for the new marketing age, NTC Business Books, Lincolnwood. Rancati Elisa 2004, Concorrenza basata sul tempo e dinamiche competitive, in E. Rancati, G. Del Chiappa, La Time-based competition nella gestione d impresa, Giappichelli, Torino, pp

20 Reitano Antonella 2002, Telematica concorrenza e comunicazione integrata d impresa, Giappichelli, Torino. Salvioni Daniela M., Bosetti Luisa, Relazione di Governance e Stakeholder View, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Salvioni Daniela M. 1992, Il bilancio d'esercizio nella comunicazione integrata d'impresa, Giappichelli, Torino. Shannon Claude E., Weaver Warren 1971, Teoria Matematica della Comunicazione, Etas Kompass, Milano. Speckman Robert E., Sweeney II Patrick J., RFID: from concept to implementation, in International Journal of Physical Distribution and Logistics Management, vol. 36, n. 10, 2006, pp Winger Alan R., Face-to-Face Communication: Is It Really Necessary in a Digitizing World?, in Business Horizons, Vol. 48, n. 3, May-June 2005, pp Ziliani Cristina 2001, e-marketing. Direct, Database e Internet Marketing, McGraw Hill, Milano. Note 1 Per una più completa definizione di co-makers cfr. S.M. Brondoni, Comunicazione integrata d'impresa e "nuove sfide" competitive, in AA.VV., Progettare e gestire l'impresa innovativa, Etas Libri, Milano, 1992; D. M. Salvioni, Il bilancio d'esercizio nella comunicazione integrata d'impresa, Giappichelli, Torino, Cfr. S.M. Brondoni, La comunicazione integrata d'impresa nelle politiche di gruppo, in AA. VV., Scritti in onore di Luigi Guatri, Ed. Bocconi Comunicazione, Milano, La definizione di comunicazione integrata proposta dall Autore presenta la comunicazione telematica quale forma alternativa alla personale ed alla non personale. In effetti, la comunicazione telematica (riferita alla possibilità di dialogo tra due macchine, ossia due terminali telematici) si afferma in un contesto tecnologico che è caratterizzato dalle prime affermazioni della digitalizzazione dei segnali e dei flussi di comunicazione ed è ancora lontano dalla convergenza e dalla diffusione capillare delle tecnologie digitali cui noi oggi stiamo cominciando ad abituarci. Con comunicazione personalizzata di massa si intende quindi il complesso delle comunicazioni che si avvalgono delle tecnologie e dei terminali digitali e che consentono, appunto, di ottenere vantaggi tipici della comunicazione personale (ad esempio feed-back immediato, feed-forward, interattività, personalizzabilità della comunicazione, ecc.) e della comunicazione non personale (numerosità elevata di soggetti raggiungibili, costo contatto contenuto, standardizzabilità e controllabilità del messaggio, ecc.). Cfr. anche A. Reitano, Telematica concorrenza e comunicazione integrata d impresa, Giappichelli, Torino, Cfr. S.M. Brondoni, Comunicazione, risorse invisibili e strategia competitiva d impresa, in Sinergie, n , 1997, pp Per una definizione dei concetti di ripetizione degli acquisti e fedeltà della domanda, cfr. M. Corniani, Segmentazione e aggregazione della domanda aziendale, Giappichelli, Torino, Cfr. S.M. Brondoni, Ouverture de Ricerche di Marketing e Mercati Globali, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, 2003, pp Elaborazioni proprie su dati AdEx, Nielsen Media Research, anni 1995, 2000, 2005 e v. S.M. Brondoni, Ouverture de Ricerche di Marketing e mercati globali, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, 2003, pp. 7-21, p. 13 e Cfr. S.M. Brondoni, Patrimonio di marca e politica di comunicazione, Giappichelli, Torino, Cfr. F. Albanese, Merchandising e Licensing per lo sviluppo della Brand Equity. Il caso Coca- Cola, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, , pp Cfr. M. Corniani, Product Placement e gestione del patrimonio di marca, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, , pp

Digital Marketing Communication

Digital Marketing Communication Digital Marketing Communication Margherita Corniani * Abstract La comunicazione aziendale di marketing si rivolge a pubblici profilati, cioè chiaramente identificati, che possono svolgere un ruolo attivo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la

VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la propria identità, le proprie capacità e competenze alla

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.12 Raggiungere

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Product Placement and Brand Equity

Product Placement and Brand Equity Product Placement and Brand Equity Margherita Corniani 1. Il Product Placement 2. Il Product Placement nella comunicazione aziendale 2.1 I vantaggi del Product Placement 2.2 I limiti del Product Placement

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Decisioni di Comunicazione

Decisioni di Comunicazione Corso di MARKETING A.A. 2006/2007 Decisioni di Comunicazione Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 13 Novembre 2006 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la comunicazione

Dettagli

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1 SELETTRA S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Selettra distribuisce macchine ad alto contenuto tecnologico per la produzione di circuiti stampati; le macchine sono prodotte in USA, Giappone, Francia, Germania,

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

L azienda di fronte all e-business

L azienda di fronte all e-business L azienda di fronte all e-business Opportunità per le imprese Il cambiamento portato dalla Rete produce opportunità e benefici: ma l ottenimento dei risultati positivi è frutto di una revisione degli stili

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono le quattro condizioni necessarie

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

La raccolta pubblicitaria

La raccolta pubblicitaria La raccolta pubblicitaria Il settore della comunicazione pubblicitaria comprende due ambiti di attività: 1) Above the line, che corrisponde al settore della raccolta pubblicitaria realizzata attraverso

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

neroavorio grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot

neroavorio grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot neroavorio p u b b l i c i t à grafica corporate identity stampa marketing web design e-commerce posizionamento posta elettronica certificata gadgets sms spot index Sito internet di presentazione aziendale

Dettagli

Corporate Communication e mercati globali

Corporate Communication e mercati globali Corporate Communication e mercati globali Silvio M. Brondoni * 1. Mercati globali, comunicazione integrata ed economia d impresa La globalizzazione ha imposto una crescente integrazione degli spazi di

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI Fare i prezzi sui mercati internazionali è una delle attività più complesse - elevata quantità di informazioni interne ed esterne all impresa - molte variabili da considerare

Dettagli

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari Il marketing dei servizi La gestione degli intermediari Gli intermediari nei servizi: canali diretti Le imprese di servizi distribuiscono la propria offerta in alcuni casi direttamente, in altri casi si

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Market-Driven Management e politiche d impresa push-pull

Market-Driven Management e politiche d impresa push-pull Market-Driven Management e politiche d impresa push-pull Margherita Corniani * Abstract Le politiche d impresa push e pull si distinguono per la diversa relazione di causa-effetto tra offerta e domanda

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

Processo di marketing e processi d impresa

Processo di marketing e processi d impresa Processo di marketing e processi d impresa Obiettivi conoscitivi Analizzare il marketing come insieme di processi, definendone i momenti fondamentali Approfondire le specificità della fase analitica e

Dettagli