Installazione di GFI MailSecurity

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Installazione di GFI MailSecurity"

Transcript

1 Installazione di GFI MailSecurity Introduzione Questo capitolo descrive le modalità di installazione e configurazione di GFI MailSecurity. È possibile installare GFI MailSecurity direttamente sul proprio server di posta oppure si può scegliere di installarlo su una macchina separata configurata come server di ritrasmissione o gateway di posta. Quando si installa il prodotto su una macchina separata, si deve configurare la macchina affinché ritrasmetta le in entrata e uscita al server di posta prima di installare questo software di protezione della posta elettronica. Per funzionare correttamente, GFI MailSecurity richiede l accesso all elenco completo di tutti gli utenti di posta elettronica e relativi indirizzi . Tale richiesta ha lo scopo di generare le regole di monitoraggio della posta elettronica che filtreranno le in entrata e in uscita. GFI MailSecurity può definire l elenco di utenti di posta elettronica in due modi: interrogando Active Directory (ciò richiede l installazione di questo software in Active Directory mode, modalità Active Directory) oppure importando l elenco dal Server SMTP (ciò richiede l installazione di questo software in SMTP mode, modalità SMTP). La modalità da utilizzare dipende interamente dall impostazione della rete e della macchina su cui si installerà il presente software di protezione della posta. Si può scegliere la modalità di accesso richiesta durante l installazione di GFI MailSecurity. Installazione di GFI MailSecurity sul server di posta Figura 1 - Installazione di GFI MailSecurity sul server di posta GFI MailSecurity si può installare direttamente sul server di posta, senza dover procedere ad ulteriori configurazioni. Inoltre, si può anche scegliere tra una delle due modalità di installazione (ossia, la modalità Active Directory e quella SMTP) per definire il modo in cui GFI MailSecurity dovrà acquisire l elenco di utenti , in quanto il server di posta ha accesso sia ad Active Directory sia all elenco di utenti SMTP contenuti sul server di posta stesso. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 5

2 Installazione di GFI MailSecurity su un server di ritrasmissione della posta Figura 2 Installazione di GFI MailSecurity su un server gateway o di ritrasmissione della posta Quando si installa su un server separato (cioè, su un server diverso dal server di posta), è necessario prima configurare la macchina separata affinché funga da gateway (noto anche come SmartHost o server di ritrasmissione della posta ) per tutte le . Ciò significa che tutte le in entrata devono passare in questa macchina per la scansione prima di essere ritrasmesse al server di posta per la relativa distribuzione (cioè, detta macchina deve essere la prima a ricevere tutte le destinate al server di posta). Lo stesso principio si applica alle in uscita: il server di posta deve ritrasmettere tutte le in uscita alla macchina gateway per la scansione prima che siano recapitate ai destinatari esterni via internet (cioè, detta macchina deve rappresentare l ultima fermata per le destinate a internet). In questo modo GFI MailSecurity controlla tutte le in entrata e in uscita prima che vengano recapitate ai rispettivi destinatari. NOTA 1: GFI MailSecurity va installato in modalità gateway SMTP se si esegue Lotus Notes o un altro server SMTP/POP3! NOTA 2: se si utilizza una rete Windows NT, la macchina che esegue GFI MailSecurity può essere del tutto separata dalla rete Windows NT; infatti, se installato in modalità SMTP, GFI MailSecurity non richiede Active Directory! Installazione di GFI MailSecurity davanti al firewall 6 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

3 Figura 3 Installazione di GFI MailSecurity su una macchina separata in una DMZ (zona demilitarizzata) In caso di esecuzione di un firewall Windows 2000/2003 come Microsoft ISA Server, un buon modo di impiegare GFI MailSecurity consiste nell installarlo su una macchina separata davanti al firewall o sul firewall stesso. Questo consente di mantenere il server di posta aziendale dietro il firewall. GFI MailSecurity funge da SmartHost/server di ritrasmissione della posta, se è installato sulla rete perimetrale (nota anche come DMZ, zona demilitarizzata). Quando GFI MailSecurity non è installato sul server di posta: È possibile eseguire la manutenzione sul server di posta, pur continuando a ricevere da internet. sul server di posta si utilizza un numero minore di risorse. Tolleranza d errore supplementare: se succede qualcosa al server di posta, è ancora possibile ricevere ; tali sono quindi accodate sulla macchina GFI MailSecurity. NOTA: GFI MailSecurity non richiede una macchina dedicata quando non è installato sul server di posta. È possibile, ad esempio, installare GFI MailSecurity sul firewall (cioè, sul Server ISA) o su macchine che eseguono altre applicazioni, quali GFI MailEssentials. Quale modalità di installazione utilizzare? Modalità Active Directory In modalità Active Directory, GFI MailSecurity crea regole di monitoraggio della posta elettronica in base all elenco di utenti disponibili in Active Directory. Pertanto, la macchina che esegue GFI MailSecurity deve essere collocata dietro il firewall e deve avere accesso all Active Directory contenente tutti i propri utenti di posta elettronica (cioè, la macchina deve rientrare nel dominio di Active Directory). È possibile installare GFI MailSecurity in modalità Active Directory direttamente sul server di posta come pure su qualunque altro computer configurato come server di ritrasmissione della posta sul proprio dominio. Modalità SMTP In modalità SMTP, GFI MailSecurity crea regole di monitoraggio della posta elettronica basate sull elenco di utenti o indirizzi disponibili sul server di posta. Pertanto, SI DEVE installare GFI MailSecurity in modalità SMTP se la macchina non ha accesso all Active Directory contenente tutti i propri utenti , comprese le macchine che non rientrano nel dominio di Active Directory (cioè, le macchine non di dominio) e le macchine della zona demilitarizzata. Tuttavia, è ancora possibile installare GFI MailSecurity in modalità SMTP sul server di posta e su qualunque altra macchina avente accesso all Active Directory contenente tutti gli utenti (di posta elettronica). NOTA: Entrambe le modalità di installazione presentano le stesse caratteristiche di scansione e pari prestazioni. L unica differenza tra la modalità di installazione Active Directory e quella SMTP consiste nel modo in cui GFI MailSecurity accede o raccoglie l elenco di utenti MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 7

4 Requisiti di sistema Requisiti hardware della posta elettronica al fine di generare le sue regole di monitoraggio e scansione e le sue notifiche. Per installare GFI MailSecurity sono necessari: Windows 2000 Professional/Server/Advanced Server (Service Pack 1 o superiore) oppure Windows 2003 Server/Advanced Server o Windows XP. NOTA: poiché Windows XP presenta alcune limitazioni di velocità, l installazione di GFI MailSecurity su una macchina che esegue Windows XP potrebbe influire sulle sue prestazioni. Microsoft Exchange Server 2000 (SP1), 2003, 4, 5 o 5.5, Lotus Notes 4.5 e superiori oppure qualsiasi server di posta SMTP/POP3. Se si utilizza Small Business Server, accertarsi di aver installato Service Pack 2 per Exchange Server 2000 e SP1 per Exchange Server Microsoft.Net framework 1.1 MSMQ: Microsoft Messaging Queuing Service. Internet Information Services (IIS): servizio SMTP e servizio World Wide Web. IMPORTANTE: disabilitare il software antivirus dalla scansione delle directory di GFI MailSecurity! È noto che i prodotti antivirus interferiscono con le normali operazioni e rallentano tutti i tipi di software che richiedono l accesso ai file. Infatti, Microsoft non consiglia l esecuzione sul server di posta di software antivirus basati su file. Per maggiori informazioni, si rimanda alla pagina web: IMPORTANTE: Non deve mai essere eseguito il salvataggio in back up delle directory di GFI MailSecurity, utilizzando un software di backup. I requisiti hardware di GFI MailSecurity sono i seguenti: Pentium 4 (o equivalente) da 2Ghz 512MB di RAM 1,5 GB di spazio fisico sul disco. Preparazione dell installazione di GFI MailSecurity su un server di ritrasmissione della posta Al fine di installare GFI MailSecurity su una macchina di ritrasmissione della posta o gateway, questa deve eseguire i servizi SMTP IIS e World Wide Web. La macchina deve inoltre essere configurata come server di ritrasmissione SMTP al server di posta. Ciò significa che il record MX del proprio dominio deve essere puntato alla macchina gateway. Il presente paragrafo descrive le modalità con le quali configurare il proprio server di posta e installare GFI MailSecurity. Per 8 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

5 maggiori informazioni, visitare la pagina web: Installazione e configurazione dei servizi SMTP IIS e World Wide Web GFI MailSecurity utilizza il servizio SMTP IIS di Windows 2000/2003/XP come proprio server SMTP. Tuttavia, per consentire a GFI MailSecurity di eseguire la scansione di tutte le in entrata e in uscita prima che giungano al server di posta, si deve innanzitutto configurare il servizio SMTP IIS come server di ritrasmissione della posta. Informazioni sui servizi SMTP IIS di Windows 2000/2003 e World Wide Web Il servizio SMTP rientra negli IIS, a sua volta parte di Windows 2000/2003/XP. Si usa come agente di trasferimento dei messaggi di Microsoft Exchange Server ed è stato progettato per gestire grosse quantità di traffico . Anche il servizio World Wide Web rientra negli IIS. Si avvale del protocollo HTTP per gestire richieste di client web su una rete TCP/IP. I servizi SMTP IIS e World Wide Web sono compresi in ogni applicazione distributiva di Windows 2000, 2003 o XP. Per installare e configurare il servizio SMTP IIS come un server di ritrasmissione della posta (mail relay server), procedere come segue: Fase 1: Verifica dell installazione dei servizi SMTP e World Wide Web 1. Andare su Start Settings Control Panel (Start Impostazioni Pannello di controllo). Fare doppio clic sull icona Installazione applicazioni e fare clic su Installazione componenti di Windows. 2. Dalla finestra di dialogo visualizzata, individuare e fare clic sul componente Information Services (IIS), quindi fare clic sul pulsante Dettagli. 3. Accertarsi che risultino selezionate le caselle di controllo Servizio SMTP e Servizio World Wide Web. Se non lo fossero, fare clic sulle caselle di controllo e poi sul pulsante OK. Questa operazione dovrebbe avviare l installazione dei servizi selezionati. Seguire le istruzioni sullo schermo e attendere il completamento dell installazione. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 9

6 Schermata 2 Assegnazione di un indirizzo IP al server di ritrasmissione della posta Fase 2: indicazione del nome del server di ritrasmissione della posta e assegnazione dell IP 1. Andare su Start Programmi Strumenti di amministrazione e fare clic su Gestione servizio internet (IIS). 2. Espandere il nodo del nome server. Fare clic con il tasto destro del mouse sul nodo Server virtuale SMTP predefinito e selezionare Proprietà. 3. Assegnare un indirizzo IP al server di ritrasmissione SMTP e fare clic sul pulsante Applica per accettare le modifiche e uscire dalla finestra di dialogo. Fase 3: configurazione del servizio SMTP per ritrasmettere la posta verso il server di posta In questa fase si deve configurare il servizio SMTP per ritrasmettere al server di posta i messaggi in entrata. Iniziare creando un dominio locale in IIS per instradare la posta: 1. Andare su Start Programmi Strumenti di amministrazione e fare clic su Gestione servizio internet (IIS). 2. Espandere il nodo del nome del server, quindi espandere Default SMTP Virtual Server (Server virtuale SMTP predefinito). Per impostazione predefinita, è necessario disporre di un dominio Locale (Predefinito) con il nome di dominio del server specificato in modo completo. 3. Configurare il dominio per la ritrasmissione dei messaggi in entrata come segue: a) fare clic con il tasto destro del mouse sul nodo dei Domini e andare su New Domain (Nuovo Dominio). 10 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

7 Schermata 3 Programma d installazione guidata del Dominio SMTP: selezione del tipo di dominio b) selezionare Remote (Remoto) e fare clic sul pulsante Next (Avanti) c) digitare il nome del dominio nella casella del Nome e fare clic sul pulsante Finish (Fine). NOTA IMPORTANTE SUI DOMINI LOCALI NOTA: al momento dell installazione, GFI MailSecurity importa i domini locali dal servizio SMTP IIS. Se si aggiungono ulteriori domini locali nel servizio SMTP IIS, questi domini vanno aggiunti a GFI MailSecurity poiché quest ultimo non rileva automaticamente i domini locali aggiunti di recente. È possibile aggiungere più o nuovi Domini locali tramite la configurazione di GFI MailSecurity. Per ulteriori informazioni, si rinvia al paragrafo Aggiunta di domini locali del capitolo Impostazioni generali del presente manuale. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 11

8 Schermata 4 Configurazione del nuovo dominio Configurazione del dominio per la ritrasmissione delle verso il server di posta: 1. Fare clic con il tasto destro del mouse sul dominio appena creato e selezionare Properties (Proprietà). Selezionare la casella di controllo Allow the Incoming Mail to be relayed to this domain (Consenti la ritrasmissione della posta in entrata verso questo dominio). 2. Nella finestra di dialogo dell instradamento del dominio (Route domain), selezionare l opzione Forward all to smart host (Inoltra tutte le allo SmartHost) e indicare l indirizzo IP (fra parentesi quadre) del server che gestirà le indirizzate a questo nuovo dominio. Per esempio: [ ] NOTA: le parentesi quadre sono utilizzate per differenziare un indirizzo IP da un nome di host (che non le richiede), vale a dire che il server rileva un indirizzo IP dalle parentesi quadre. 3. Fare clic sul pulsante OK per salvare le voci inserite e chiudere la finestra di dialogo. 12 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

9 Schermata 5 Finestra di dialogo delle limitazioni di ritrasmissione Fase 4: protezione del server di ritrasmissione della posta In questa fase si impostano le limitazioni di ritrasmissione (Relay Restrictions) della posta del server virtuale SMTP. Pertanto, si devono specificare le macchine che possono ritrasmettere la posta tramite tale server virtuale (cioè, limitare effettivamente il numero di server che possono inviare tramite questo server). 1. Fare clic con il tasto destro del mouse sul nodo Server virtuale SMTP predefinito e selezionare Proprietà. 2. Nella finestra di dialogo delle proprietà, fare clic sulla scheda Access (Accesso) e quindi sul pulsante Relay (Ritrasmetti) per aprire la finestra di dialogo delle limitazioni di ritrasmissione. 3. Fare clic sull opzione Only the list below (Soltanto l elenco sottostante) e fare clic sul pulsante Add (Aggiungi) per specificare l'elenco di computer autorizzati. Schermata 6 Indicazione delle macchine che possono ritrasmettere le tramite il server virtuale 4. Nella nuova finestra di dialogo, dichiarare l IP del server di posta che inoltrerà l a questo server virtuale e fare clic sul pulsante OK per aggiungere la voce all elenco. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 13

10 NOTA: in questa finestra di dialogo, è possibile specificare l IP di un singolo computer, gruppo di computer o dominio: Singolo computer: selezionare questa opzione per indicare un particolare computer host che si desidera ritrasmettere da questo server Facendo clic sul pulsante DNS Lookup (Ricerca DNS), si può cercare l indirizzo IP di uno specifico host. Gruppo di computer: selezionare questa opzione per indicare un indirizzo IP di base per i computer da cui si desidera ritrasmettere messaggi. Dominio: selezionare questa opzione per includere tutti i computer di un dominio specificato. Pertanto, il controllore di dominio effettuerà apertamente la ritrasmissione delle tramite questo server. Si noti che questa opzione aggiunge un costo generale di elaborazione e potrebbe ridurre le prestazioni del servizio SMTP, in quanto comprende ricerche DNS a ritroso su tutti gli indirizzi IP che cercano di ritrasmettere, per la verifica del loro nome di dominio. Fase 5: configurazione del server di posta per la ritrasmissione delle tramite il server gateway Una volta che si è configurato il servizio SMTP IIS perché invii e riceva le , è necessario configurare il server di posta affinché ritrasmetta tutte le verso il server di ritrasmissione. Se si dispone di Microsoft Exchange Server 4/5/5.5: 1. Lanciare il programma di amministrazione di Microsoft Exchange e fare doppio clic su Servizio posta Internet per aprire la finestra di dialogo di configurazione delle proprietà. Schermata 7 - Il connettore di posta internet di Microsoft 2. Fare clic sulla scheda Connessioni e, nella sezione Recapito messaggi, selezionare Inoltra all host tutti i messaggi. Inserire il nome del computer oppure l IP della macchina che esegue GFI MailSecurity. 14 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

11 3. Fare clic sul pulsante OK e riavviare Microsoft Exchange Server. Questa operazione può essere eseguita dall applet dei servizi. Se si dispone di Microsoft Exchange Server 2000/2003: È necessario installare una connessione SMTP che inoltri tutte le a GFI MailSecurity. 1. Lanciare il Gestore di sistema di Exchange. 2. Fare clic con il tasto destro del mouse sul nodo Connettori, andare su Nuovo Connettore SMTP e indicare il nome del connettore. 3. Selezionare l opzione Inoltra tutta la posta attraverso questo connettore al seguente smart host, digitare l IP del server GFI MailSecurity (il server di ritrasmissione della posta o quello gateway) e fare clic sul pulsante OK. NOTA: indicare l indirizzo IP sempre tra parentesi quadre [ ]. Ad esempio, [ ]. 4. Selezionare il Server SMTP che deve essere abbinato al suddetto Connettore SMTP. Fare clic sulla scheda Spazio indirizzo e quindi sul pulsante Aggiungi. Selezionare SMTP e fare clic sul pulsante OK per accettare le modifiche. 5. Fare clic sul pulsante OK per uscire. Tutte le saranno quindi inoltrate alla macchina GFI MailSecurity. Se si dispone di Lotus Notes: 1. Fare doppio clic sul pulsante Address Book (Rubrica) di Lotus Notes. 2. Fare clic sull elemento Server per espandere i suoi sub-elementi 3. Fare clic su Domains (Domini) e quindi su Add Domains (Aggiungi domini). 4. Nella sezione Basics (Proprietà di base) selezionare Foreign SMTP Domain (Dominio SMTP Esterno) dal campo Domain Type (Tipo di Dominio) e, nella sezione Messages Addressed to (Messaggi indirizzati a), digitare * nel campo Internet Domain (Dominio internet). 5. Nel campo Internet Host (Host internet) della sezione Should be routed to (Instradare verso) indicare l IP della macchina che esegue GFI MailSecurity. 6. Salvare le impostazioni e riavviare il server Lotus Notes. Se si dispone di un server di posta SMTP/POP3: 1. Avviare il programma di configurazione del server di posta. 2. Cercare l opzione per ritrasmettere tutte le in uscita mediante un altro server di posta. Questa opzione riporta un espressione simile a Forward all messages to host (Inoltra tutti i messaggi all host). Inserire il nome del computer oppure l IP della macchina che esegue GFI MailSecurity. 3. Se necessario, fare clic sul pulsante OK e riavviare il server di posta. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 15

12 Fase 6: puntamento del record MX del proprio dominio verso il server di ritrasmissione della posta Poiché il nuovo server di ritrasmissione della posta deve ricevere prima tutte le in entrata, è necessario aggiornare il record MX del proprio dominio affinché punti verso l IP del nuovo server di ritrasmissione della posta o gateway. Diversamente, le continueranno ad arrivare al server di posta aggirando GFI MailSecurity. Aggiornare il record MX del server DNS nel modo che segue. NOTA: se il server DNS è gestito dal proprio ISP, richiedere al provider di effettuare tale aggiornamento. 1. Aprire il prompt dei comandi e digitare nslookup. 2. Digitare quindi set type=mx e inserire il proprio dominio di posta. 3. Il record MX deve restituire un unico IP, il quale deve corrispondere all IP della macchina che esegue GFI MailSecurity! Schermata 8 - Verifica del record MX del dominio Fase 7: verifica del nuovo server di ritrasmissione della posta Prima di procedere all installazione di GFI MailSecurity, verificare che il nuovo server di ritrasmissione della posta funzioni correttamente. 1. Provare la connessione SMTP IIS 5 in entrata del server di ritrasmissione della posta inviando un da un account esterno ad un utente interno (se non si dispone di un account esterno, si può utilizzare una webmail, ad esempio MSN Hotmail). Verificare che il client di posta elettronica abbia ricevuto l Provare la connessione SMTP IIS 5 in uscita del server di ritrasmissione della posta inviando un da un client di posta elettronica a un account esterno. Verificare che l utente esterno abbia ricevuto l . NOTA: anziché avvalersi di un client di posta elettronica, è possibile utilizzare Telnet per inviare l manualmente. In questo modo si forniscono maggiori informazioni ai fini della risoluzione di eventuali problemi. Per maggiori informazioni si rinvia al seguente articolo della knowledgebase (KB) di Microsoft Fase 8: installazione di GFI MailSecurity sul server di ritrasmissione della posta Per informazioni sulle modalità di installazione di GFI MailSecurity, si rinvia al paragrafo Installazione di GFI MailSecurity.del presente capitolo. 16 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

13 Preparazione dell installazione di GFI MailSecurity sul server di posta Se si installa MailSecurity direttamente sul server di posta, non è richiesta alcuna configurazione supplementare. Per informazioni sulle modalità di installazione di GFI MailSecurity, si rinvia al paragrafo Installazione di GFI MailSecurity del presente capitolo. Installazione di GFI MailSecurity NOTA: Prima di installare GFI MailSecurity, accertarsi di: accedere come Amministratore o utilizzare un account con privilegi amministrativi e salvare gli eventuali documenti aperti e chiudere tutte le applicazioni ancora aperte. 1. Eseguire il programma di installazione (set-up) di GFI MailSecurity facendo doppio clic su MailSecurityGW.exe e, non appena appare la finestra di dialogo introduttiva, fare clic sul pulsante Next (Avanti). 2. Accettare il Contratto di licenza e fare clic sul pulsante Next (Avanti). 3. inserire il proprio nome, quello dell azienda e il codice seriale. Se si sta utilizzando una versione di valutazione, lasciare il codice seriale predefinito (cioè, Evaluation, Valutazione ). Fare clic sul pulsante Next (Avanti). 4. Indicare l indirizzo dell amministratore o l indirizzo cui devono essere inviate le notifiche. Schermata 9 Definire se il server ha accesso a tutti gli utenti di Active Directory 5. Il programma d installazione richiede quindi di selezionare la modalità con cui GFI MailSecurity deve acquisire l'elenco degli utenti . Si deve selezionare una delle seguenti opzioni: MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 17

14 Yes, all users are available on Active Directory (Sì, tutti gli utenti sono disponibili su Active Directory...). Selezionare questa opzione per proseguire l installazione di GFI MailSecurity in modalità Active Directory. In questa modalità, GFI MailSecurity crea regole di monitoraggio della posta elettronica in base all elenco di utenti disponibili in Active Directory. Pertanto, la macchina su cui viene installato GFI MailSecurity deve essere collocata dietro il firewall (ad es. Mail Server) e deve avere accesso all Active Directory contenente tutti i propri utenti di posta elettronica (cioè, detta macchina deve rientrare nel dominio di Active Directory). No, I do not have Active Directory or my network does not have access to the active directory (No, non ho Active Directory o la mia rete non ha accesso ad Active Directory ). Selezionare questa opzione per proseguire l installazione di GFI MailSecurity in modalità SMTP. In questa modalità, GFI MailSecurity crea regole di monitoraggio della posta elettronica basate sull elenco di utenti o indirizzi importati dal server di posta. Questa modalità DEVE essere selezionata se si installa il software su una macchina che non ha accesso all Active Directory contenente l elenco completo degli utenti , comprese le macchine localizzate in una zona demilitarizzata (DMZ) o che non rientrano nel dominio di Active Directory. Tuttavia, è ancora possibile scegliere questa modalità per installare GFI MailSecurity su macchine che non hanno accesso all Active Directory contenente tutti gli utenti . Fare clic sul pulsante Next (Avanti) per proseguire l installazione. Schermata 10 Definizione del server SMTP e dei dati della cartella virtuale di GFI MailSecurity 6. GFI MailSecurity si affida al servizio SMTP IIS per inviare e ricevere posta SMTP. Si collega al server virtuale SMTP predefinito (vale a dire, il server indicato nel record MX del Server DNS). Tuttavia, in presenza di più server virtuali SMTP sul proprio dominio, è possibile collegare GFI MailSecurity a qualsiasi server virtuale SMTP. Per 18 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

15 modificare la connessione SMTP predefinita, selezionare il server desiderato dall elenco di server virtuali SMTP disponibili fornito in questa finestra di dialogo. NOTA 1: per maggiori informazioni sulle impostazioni del servizio SMTP IIS, si rinvia al paragrafo Installazione e configurazione dei servizi SMTP IIS e World Wide Web del presente manuale. NOTA 2: dopo l installazione del prodotto, è ancora possibile collegare GFI MailSecurity a un altro server virtuale SMTP dalla Configurazione di GFI MailSecurity (Console Root Settings Bindings, Root della console Impostazioni Collegamenti). Per maggiori informazioni, si rinvia al paragrafo Collegamenti del server SMTP del capitolo Impostazioni generali. GFI MailSecurity può essere configurato e controllato in modalità remota mediante un browser web. Per controllare e configurare GFI MailSecurity da remoto, si deve specificare la locazione web (vale a dire, il server) su cui l installazione dovrà creare la sua directory virtuale. Per modificare tale impostazione, selezionare la locazione richiesta dall elenco fornito. Infine, indicare il nome della directory virtuale oppure fare clic sul pulsante Next (Avanti) per mantenere i valori predefiniti (cioè GFI MailSecurity). 7. Il programma d installazione effettua una ricerca all interno della rete e importa un elenco dei Domini locali dal servizio SMTP IIS. GFI MailSecurity decide se un' è in entrata o in uscita confrontando il dominio nell indirizzo del mittente con l elenco di domini locali. Se l indirizzo è presente nell elenco, allora l è in uscita. Verificare che tutti i Domini locali siano presenti nell elenco visualizzato. In caso contrario, dopo il completamento dell installazione, accertarsi di aggiungere eventuali domini non elencati. Per maggiori informazioni, si rinvia al paragrafo Aggiunta di domini locali del capitolo Impostazioni generali. Fare clic sul pulsante Next (Avanti) per continuare. 8. Per gestire volumi elevati di elaborazione di eventi, GFI MailSecurity richiede l installazione di MSMQ (Message Queuing Service, Servizio di accodamento messaggi). Benché tale servizio sia incluso in ogni versione di Windows 2000, 2003 e XP, non sempre viene installato per impostazione predefinita. MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 19

16 Schermata 11 Finestra di dialogo dell installazione di MSMQ L installazione guidata controlla quindi se il servizio risulta già installato sul sistema e, se non è così, appare una finestra di dialogo in cui si richiede l installazione di tale servizio. Fare clic sul pulsante Next (Avanti) per accettare e procedere con l'installazione del servizio. NOTA: non è possibile proseguire l installazione di GFI MailSecurity senza aver prima installato MSMQ. Facendo clic sul pulsante Cancel (Annulla) si interrompe il processo di installazione sia del servizio MSMQ sia di GFI MailSecurity. 9. Il programma d installazione richiede quindi di definire la cartella in cui deve installare GFI MailSecurity. GFI MailSecurity richiede circa 40 MB di spazio libero sul disco fisso. Inoltre, si devono riservare circa 200 MB per i file temporanei. Fare clic sul pulsante Change (Cambia) per indicare un nuovo percorso d installazione o sul pulsante Next (Avanti) per lasciare i valori predefiniti e proseguire l installazione. 10. L installazione guidata ha quindi raccolto tutte le impostazioni di installazione necessarie ed è pronta per installare GFI MailSecurity. Se si desidera apportare modifiche a tali impostazioni, fare clic sul pulsante Back (Indietro), altrimenti, fare clic sul pulsante Install (Installa) per avviare il processo di installazione. 11. Al completamento della procedura, il programma informa l utente che deve riavviare i servizi SMTP. Per riavviare immediatamente questi servizi e completare l installazione, fare clic sul pulsante Yes (Sì). 20 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

17 Aggiunta di GFI MailSecurity all elenco di eccezioni DEP di Windows La funzionalità Data Execution Prevention (DEP, Prevenzione esecuzione programmi) consiste in un insieme di tecnologie hardware e software che eseguono controlli della memoria per aiutare a prevenire l esecuzione di codici maligni su un sistema. La tecnologia DEP è disponibile unicamente su Microsoft Windows XP Service Pack 2 e su Microsoft Windows 2003 Service Pack 1. Su quest ultimo sistema operativo, per impostazione predefinita, la DEP è abilitata per tutti i programmi e servizi, esclusi quelli selezionati dall amministratore. Se si è installato GFI MailSecurity su Microsft Windows 2003 Service Pack 1, è necessario aggiungere gli eseguibili: motore di scansione di GFI MailSecurity (GFiScanM.exe) e motore di scansione antivirus di Kaspersky (kavss.exe) all elenco di eccezioni della funzionalità DEP di Windows. Per inserire gli eseguibili GFI nell elenco di eccezioni, procedere con le seguenti fasi: 1. Dal menu Start, aprire il Pannello di controllo e scegliere l icona Sistema. 2. Dalla scheda Avanzate, fare clic sul pulsante Impostazioni in alto nella sezione Prestazioni. 3. Aprire la scheda Prevenzione esecuzione programmi (Data Execution Prevention). 4. Abilitare il pulsante di opzione Turn on DEP for all programs and services except those I select: (Attiva DEP per tutti i programmi e servizi tranne quelli selezionati:). 5. Fare clic sul pulsante Aggiungi e, dalla finestra di dialogo, andare nella cartella d installazione di GFI MailSecurity, <GFI\ContentSecurity\MailSecurity>, e scegliere GFiScanM.exe. 6. Fare clic sul pulsante Aggiungi e, dalla finestra di dialogo, andare nella cartella d installazione di GFI MailSecurity, <GFI\ContentSecurity\AntiVirus\Kaspersky\>, e scegliere kavss.exe. 7. Fare clic sui pulsanti Applica e OK per applicare le modifiche. 8. Riavviare "GFI Content Security Auto-Updater Service" ( Servizio di aggiornamento automatico di sicurezza del contenuto di GFI ) e "GFI MailSecurity Scan Engine" ( Motore di scansione di GFI MailSecurity ). MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 21

18 Inserimento del codice seriale dopo l installazione Schermata 12 Informazioni sul codice seriale Se GFI MailSecurity è stato acquistato, è possibile inserire il codice seriale facendo clic sul nodo Licensing (Licenza) della Console Root (Root di console). Se si sta valutando GFI MailSecurity con un codice di valutazione, il prodotto scadrà dopo 60 giorni. Se si decide poi di acquistare GFI MailSecurity, è sufficiente inserire il codice seriale acquistato in questo punto, senza doverlo installare nuovamente. L inserimento del codice seriale non va confuso con la procedura di registrazione dei dati dell azienda sul nostro sito web. Questa seconda fase è molto importante, poiché ci consente di fornire l assistenza e di comunicare tutte le notizie importanti relative al prodotto. È possibile registrarsi all URL 22 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

19 Aggiornamento da GFI MailSecurity 8 a GFI MailSecurity 9 A causa di differenze essenziali tra l architettura di GFI MailSecurity 9 e quella di GFI MailSecurity 8, non è possibile installare GFI MailSecurity 9 su un installazione di GFI MailSecurity 8 preesistente. Di conseguenza, il presente paragrafo illustra le modalità per: sostituire l installazione di GFI MailSecurity 8 corrente con GFI MailSecurity 9 e trasferire le impostazioni di configurazione di GFI MailSecurity 8 nel nuovo formato di database di configurazione di GFI MailSecurity 9. NOTA: se GFI MailSecurity 8 è stato installato in modalità SMTP, mentre GFI MailSecurity 9 è installato in modalità Active Directory, non sarà possibile trasferire le impostazioni, a causa delle regole basate sugli utenti. Questo vale anche nel caso opposto, vale a dire, se GFI MailSecurity 8 è stato installato in modalità Active Directory, mentre GFI MailSecurity 9 è installato in modalità SMTP. Per eseguire l'aggiornamento da GFI MailSecurity 8 a GFI MailSecurity 9, seguire queste fasi: 1. Disinstallare GFI MailSecurity Quando la disinstallazione di GFI MailSecurity 8 è completa, nella cartella di root in cui era stato installato il prodotto rimarranno alcuni file. Uno di questi è il file avapicfg.rdb, localizzato nella sottocartella Data (Dati/Programmi). NOTA: non eliminare questo file, in quanto contiene le impostazioni di configurazione di GFI MailSecurity 8. Esso sarà necessario al momento del trasferimento delle impostazioni da GFI MailSecurity 8 a GFI MailSecurity Installare GFI MailSecurity 9 secondo le istruzioni descritte nel paragrafo Installazione di GFI MailSecurity del presente capitolo. NOTA: per installare GFI MailSecurity 9, è necessario che sulla macchina siano installati i seguenti servizi: Microsoft.Net framework 1.1 MSMQ: Microsoft Messaging Queuing Service. Internet Information Services (IIS): servizio SMTP e servizio World Wide Web. NOTA: non installare GFI MailSecurity 9 nello stesso percorso nel quale era installato GFI MailSecurity 8, per evitare che vengano sovrascritti file quali avapicfg.rdb. 4. Dopo il completamento dell installazione di GFI MailSecurity 9, è necessario arrestare tutti i servizi collegati a GFI e il servizio IIS Admin, dall applet di controllo Services (Servizi). Dopodiché, sarà possibile utilizzare il tool di trasferimento delle impostazioni di GFI MailSecurity 8. NOTA: prima di passare alla fase successiva, si devono arrestare i seguenti servizi: GFI Content Security Attendant Service (Servizio supervisore sicurezza del contenuto di GFI) MailSecurity for Exchange/SMTP Installazione di GFI MailSecurity 23

20 GFI Content Security Auto-Updater Service (Servizio Aggiornamento automatico protezione del contenuto di GFI) GFI MailSecurity Attendant Service (Servizio supervisore di GFI MailSecurity) GFI MailSecurity Scan Engine (Motore di scansione di GFI MailSecurity) IIS Admin Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) 5. Per trasferire le impostazioni di GFI MailSecurity 8 al database di configurazione di GFI MailSecurity 9, è necessario eseguire il file msec8upg.exe localizzato nella cartella GFI MailSecurity 9, ad esempio: c:\program files\gfi\contentsecurity\mailsecurity. Schermata 13 Strumento di trasferimento delle impostazioni di configurazione di GFI MailSecurity 8 6. Fare doppio clic sul file msec8upg.exe. 7. Quando il file è stato caricato, fare clic sul pulsante Browse (Sfoglia). Selezionare il file avapicfg.rdb dalla sottocartella dati localizzata nella cartella di root di GFI MailSecurity Fare clic sul pulsante Migrate (Trasferisci). NOTA: se si fa clic sul pulsante Trasferisci e le modalità di ricerca utente di GFI MailSecurity 8 e GFI MailSecurity 9 non corrispondono (ad esempio, GFI MailSecurity 8 era installato in modalità SMTP, mentre GFI MailSecurity 9 è installato in modalità Active Directory o viceversa), viene visualizzato un messaggio di errore come quello riportato nella schermata di seguito e non sarà possibile trasferire le impostazioni, a causa delle regole basate sull'utente. Schermata 14 Discrepanza tra le modalità di ricerca utente 24 Installazione di GFI MailSecurity MailSecurity for Exchange/SMTP

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Indice. Pannello Gestione Email pag. 3. Accesso da Web pag. 4. Configurazione Client: Mozilla Thunderbird pagg. 5-6. Microsoft Outlook pagg.

Indice. Pannello Gestione Email pag. 3. Accesso da Web pag. 4. Configurazione Client: Mozilla Thunderbird pagg. 5-6. Microsoft Outlook pagg. POSTA ELETTRONICA INDICE 2 Indice Pannello Gestione Email pag. 3 Accesso da Web pag. 4 Configurazione Client: Mozilla Thunderbird pagg. 5-6 Microsoft Outlook pagg. 7-8-9 Mail pagg. 10-11 PANNELLO GESTIONE

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Remote Administrator v2.2

Remote Administrator v2.2 Remote Administrator v2.2 Radmin è il software più veloce per il controllo remoto. È ideale per l assistenza helpdesk e per la gestione dei network. Ultimo aggiornamento: 23 June 2005 Sito Web: www.radmin.com

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli