Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.1/9 Capitolato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.1/9 Capitolato"

Transcript

1 Capitolato per: migrazione a standard aperto SIP 2.0 ampliamento del sistema VOIP comunale integrazione nel sistema voip regionale della rete telefonica del Comune di Livorno Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.1/9 Capitolato

2 Indice Art. 1 Oggetto...3 Art. 2 Importo a base d asta...3 Art. 3 Modalità di scelta del contraente e criterio di aggiudicazione...3 Art. 4 Presentazione dell offerta...4 Art. 5 Sopralluogo...5 Art. 6 Cauzione provvisoria e definitiva...5 Art. 7 Spese contrattuali...5 Art. 8 Programma e modalità di esecuzione del servizio...5 Art. 9 Subappalto...6 Art. 10 Pagamento...6 Art. 11 Tempi per l esecuzione del servizio Penali Risoluzione del contratto...7 Art. 12 Sospensioni proroghe...7 Art. 13 Tracciabilità dei flussi finanziari...7 Art. 14 Trattamento dei dati...8 Art. 15 Domicilio e Foro competente...8 Art Norme di rinvio...8 Allegato Tecnico 9 Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.2/9 Capitolato

3 Art. 1 Oggetto L appalto ha per oggetto l ampliamento del Voip comunale e l inserimento della rete telefonica del Comune di Livorno nel sistema regionale, secondo quanto dettagliatamente previsto nell allegato tecnico. Art. 2 Importo a base d asta L importo a base d asta è stimato in ,00, oltre Iva 22%. Nel prezzo a base d asta non sono previsti oneri per la sicurezza in quanto, pur ravvisandosi rischi da interferenza, le misure riportate nel DUVRI allegato al presente capitolato, e alle quali la Ditta dovrà attenersi, risultano di carattere esclusivamente organizzativo e non comportano, pertanto, costi interferenziali per l impresa relativi alla sicurezza. Art. 3 Modalità di scelta del contraente e criterio di aggiudicazione Alle imprese partecipanti è richiesto di avere realizzato o avere in gestione servizi analoghi negli ultimi tre anni. Il soggetto affidatario verrà scelto mediante procedura aperta, da espletare con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Il punteggio complessivo assegnabile è pari a 100 punti, da attribuire secondo i seguenti criteri: Valutazione dell Offerta Tecnica (con riferimento all allegato tecnico al presente capitolato) Valutazione del progetto e architettura proposta Affidabilità e ridondanza Monitoraggio Piano di migrazione Punti Max. 70, così suddivisi: Max 16 Max 5 Max 2 Max 10 Sarà valutata l'architettura complessiva del progetto e, in particolare, l'integrazione con le strutture esistenti, i collegamenti fra LDAP aziendale e regionale, l'integrazione con il database Oracle con le tabelle dei numeri telefonici dell'ente. Saranno apprezzati uno studio relativo al dimensionamento delle linee sia locali che remote e il transito tramite VLAN o altro. La Commissione valuterà :- il tipo di prodotti forniti in relazione ai brand offerti - la ridondanza degli apparati hardware e eventuali applicativi software di gestione. La Commissione valuterà la ricchezza dei dati offerti dall'interfaccia di monitoraggio Verrà apprezzato il maggiore dettaglio del piano proposto e il minor tempo di interruzione del lavoro degli utenti. Inoltre Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.3/9 Capitolato

4 Installazione Software di base Funzionalità richieste Apparati richiesti Piano di numerazione Licenze Garanzia Manutenzione Formazione Max 2 Max 2 Max 8 Max 6 Max 2 Max 2 Max 5 sarà valutato anche il minor coinvolgimento del personale dell'amministrazione. Sarà valutato il piano di migrazione con riferimento alle problematiche di migrazione dei collegamenti ISDN PRA Saranno valutati la fornitura con database Postgres e la semplicità dell'architettura. Saranno valutate funzionalità ulteriori rispetto a quelle richieste. Verrà valutato il numero degli apparati offerti, oltre quello richiesto come minimo. Verranno valutate le soluzioni proposte per consentire ad alcune sedi di mantenere la vecchia numerazione pur essendo all'interno del nuovo sistema. La Commissione valuterà il taglio delle licenze offerte e la possibilità di ampliare il numero delle utenze e delle funzionalità senza ulteriori costi. Verranno valutate ulteriori estensioni della garanzia, oltre quanto richiesto. Max 5 Verranno valutati miglioramenti rispetto agli SLA richiesti. Max 5 Verranno valutati la durata e il livello di approfondimento dei corsi richiesti. Valutazione dell Offerta Economica Punti Max 30 La valutazione verrà effettuata mediante l utilizzo di Formula lineare Art. 4 Presentazione dell offerta Il progetto deve essere presentato in maniera chiara ed esauriente. Deve essere presentato un progetto in cui sono evidenziate solamente le componenti offerte e comprese nel prezzo di aggiudicazione. A parte e ben distinto deve essere redatto un documento con eventuali integrazioni extra capitolato che possono far meglio capire la progettualità complessiva. Devono essere evidenziati gli interventi da effettuare sia a livello sistemistico che sul materiale già in possesso dell'amministrazione (es. telefoni). La ditta deve dichiarare esplicitamente che l'infrastruttura di rete su cui si appoggia il servizio telefonico è adeguata alle richieste; ovvero se presenta criticità, queste vanno evidenziate, e proposto in percorso di adeguamento che sempre in ambito SPC permetta un servizio adeguato alle esigenze dell'amministrazione. Oltre al prezzo complessivo deve essere presentato l elenco prezzi relativo al materiale offerto. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.4/9 Capitolato

5 Art. 5 Sopralluogo Per la partecipazione alla gara è previsto obbligatoriamente il sopralluogo alla sede master e ad alcune sedi tipo. I tecnici dell Amministrazione sono disponibili ad accompagnare il personale della società interessata a presentare offerta nelle varie sedi. Verrà rilasciata apposita dichiarazione da allegare ai documenti di gara. Art. 6 Cauzione provvisoria e definitiva Per partecipare alla gara le ditte concorrenti dovranno prestare, come previsto dall art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006, una cauzione provvisoria pari al 2% del prezzo a base d asta, che dovrà essere effettuata con fideiussione bancaria o polizza assicurativa. Tale cauzione, che copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto dell aggiudicatario, sarà svincolata al momento della sottoscrizione del contratto definitivo da parte dell aggiudicatario, mentre sarà restituita ad avvenuta aggiudicazione, agli altri operatori. L aggiudicatario ai sensi dell art. 113 del D. Lgs. N. 163/2006, dovrà costituire, prima della sottoscrizione del contratto, la cauzione definitiva pari al 10% dell importo contrattuale. Art. 7 Spese contrattuali Tutte le spese, imposte e tasse inerenti la stipulazione del contratto, nessuna esclusa né eccettuata, sono a totale carico del aggiudicatario. Art. 8 Programma e modalità di esecuzione del servizio. Appena effettuatasi la consegna, l appaltatore dovrà provvedere ad organizzare convenientemente gli interventi per essere in grado di sviluppare il servizio in relazione al tempo assegnato per compierlo e designare un responsabile di progetto che sarà il tramite unico tra l Amministrazione e l Appaltatore. Sia la ditta che l Amministrazione potranno comunque proporre un diverso programma e modo di allestimento degli interventi; tali proposte potranno essere accettate e fatte proprie dal Direttore dell esecuzione del contratto che provvederà ad adeguare i piani suddetti. L appaltatore sarà tenuto ad uniformarsi ai programmi e alle disposizioni che gli verranno impartite a riguardo, senza che per questo possa avanzare pretese o compensi di qualsiasi sorta. L intervento sarà eseguito secondo le migliori regole d arte ed in esecuzione delle prescrizioni che, in corso d'opera, verranno date dal Direttore dell esecuzione, il quale potrà ordinare il rifacimento di quanto non eseguito in conformità alle disposizioni contrattuali e alle buone regole dell'arte, restando salvo il diritto della Stazione appaltante al risarcimento di eventuali danni. L'Impresa non potrà rifiutarsi di dare immediata esecuzione alle disposizioni ed agli ordini del Direttore dell esecuzione, relativamente al modo di esecuzione dei lavori ed alla sostituzione del materiale giudicato non idoneo, fatta salva la facoltà dell'appaltatore di fare le proprie osservazioni e riserve. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.5/9 Capitolato

6 L'Impresa è comunque responsabile, a tutti gli effetti, dell'esatto adempimento delle condizioni di contratto e della perfetta esecuzione e riuscita delle opere affidatele, restando inteso esplicitamente che le prescrizioni contenute nel presente Capitolato sono da essa riconosciute idonee al raggiungimento di tali scopi; la loro osservanza non limita, né riduce, la sua responsabilità. La presenza sul luogo dell intervento del personale dell'amministrazione, l'eventuale approvazione di opere, di disegni e di calcoli e l'accettazione di materiale da parte del Direttore dell esecuzione non limitano né riducono la piena ed incondizionata responsabilità dell'impresa. L'Impresa attuerà sempre, a sue cure e spese, tutti i provvedimenti necessari per prevenire danni sia alle persone che alle cose, ed è responsabile del comportamento di tutti i suoi dipendenti per quanto attiene all'osservanza di quanto stabilito dalle disposizioni di legge, alle norme di comune prudenza ed al rispetto degli obblighi di cui ai piani di sicurezza, per prevenire ed evitare qualsiasi incidente. L Appaltatore risponderà direttamente dei danni alle persone e alle cose comunque provocati nell esecuzione del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa o di compensi da parte del Comune. L aggiudicatario dovrà essere assicurato, e così anche il personale impiegato, per i rischi relativi a responsabilità civile per danni a materiali o beni di proprietà dell Amministrazione comunale, o incidenti che dovessero verificarsi nell espletamento del servizio. I danni che il concessionario ritenesse ascrivibili a causa di forza maggiore dovranno essere denunziati all Amministrazione entro cinque giorni dall inizio del loro avverarsi, in forma scritta. Si considerano danni di forza maggiore quelli effettivamente provocati da cause eccezionali e imprevedibili, per le quali il concessionario non abbia omesso le cautele atte a evitarli. L indennizzo per tali danni è limitato all importo necessario per l occorrente riparazione, valutato ai prezzi ed alle condizioni di contratto, con esclusione dei danni e delle perdite di materiali non ancora posti in opera. Il Direttore dell esecuzione è incaricato del solo controllo della corretta osservanza del contratto, non sovraintendendo in concreto all intervento, non ha in conseguenza alcuna competenza né responsabilità diretta nell'organizzazione, conduzione e direzione del servizio, e quindi non è destinatario delle norme di prevenzione ed infortuni sul lavoro. Art. 9 Subappalto E consentito ricorrere al subappalto del servizio nei limiti e nelle modalità previste ai sensi dell art. 118 D.lgs 163/2006. In tal caso il concorrente dovrà indicare nella domanda di partecipazione espressamente le parti che intende subappaltare. Art. 10 Pagamento. Ai sensi dell art. 324 del D.P.R. n. 207/2010 (Regolamento Attuativo della del D.lgs 163/2006) si stabilisce che, verificata la regolare esecuzione del contratto, si provvederà al pagamento e allo svincolo della cauzione prestata dall'esecutore a garanzia del mancato o inesatto adempimento delle obbligazioni dedotte in contratto. Il pagamento avverrà entro sessanta giorni dall'attestazione di regolare esecuzione. Tale termine si rende necessario a causa dei vincoli posti dalle norme finanziare per il rispetto del patto di stabilità. In caso di ATI i pagamenti verranno effettuati esclusivamente alla capogruppo. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.6/9 Capitolato

7 Art. 11 Tempi per l esecuzione del servizio Penali Risoluzione del contratto Entro 10 gg. dall aggiudicazione definitiva l impresa affidataria dovrà apportare le modifiche che eventualmente si renderanno necessarie a giudizio dell amministrazione per la corretta esecuzione del servizio. Il progetto definitivo sarà approvato entro 10 giorni dalla presentazione da parte dell aggiudicatario del progetto modificato. In caso di ritardo nell apportare le modifiche suddette, si applicherà la penale giornaliera dello 0,5 per mille dell'ammontare netto contrattuale e comunque complessivamente non superiore al dieci per cento. Il tempo per dare compiuto il servizio è fissato in 90 (novanta) giorni naturali successivi e continui, decorrenti dalla consegna del servizio. Per ogni giorno di ritardo al compimento del contratto, oltre al termine sopra stabilito, l appaltatore sarà tenuto a pagare una penale pari all'1 per mille dell'ammontare netto contrattuale, e comunque complessivamente non superiore al dieci per cento. Nei casi di grave inadempimento alle obbligazioni del contratto e di ritardi per negligenza dell'appaltatore di cui all art. 136 del D.lgs 163/2006, nonché nel caso in cui le penali applicabili per ritardi superino complessivamente il dieci per cento dell appalto, l Amministrazione procederà alla risoluzione del contratto. Art. 12 Sospensioni proroghe. Eventuali sospensioni, disposte motivatamente dal Direttore dell esecuzione del contratto, determineranno uno spostamento del termine per l esecuzione del servizio, qualora non dovute a cause attribuibili all'esecutore. L'esecutore che, per cause a lui non imputabili, non sia in grado di rispettare termini fissati per l esecuzione, può presentare, con congruo anticipo rispetto alla scadenza del termine contrattuale, richiesta di proroga. Art. 13 Tracciabilità dei flussi finanziari Allo scopo di assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari connessi all appalto in oggetto, fermo restando quanto previsto dall art. 3, quinto comma, della legge 13/08/2010, n 136, l impresa appaltatrice assume su di sé l obbligo di utilizzare uno o più conti bancari o postali presso banche o presso la Società Poste Italiane S.P.A. dedicati, anche non in via esclusiva. Tutti i movimenti devono essere registrati su conti correnti dedicati e, salvo quanto previsto dall art. 3, terzo comma, della suddetta legge 13/08/2010, n 136, devono essere effettuati esclusivamente tramite lo strumento del bonifico bancario o postale. Ogni eventuale inottemperanza a quanto sopra previsto costituirà clausola risolutiva espressa del contratto, ai sensi dell art. 3, ottavo comma, della predetta legge 13/08/2010, n 136, con conseguente chiamata in cassa ed incameramento della polizza fideiussoria presentata a titolo di cauzione definitiva e ferma restando la facoltà del Comune di Livorno di esigere il risarcimento dell eventuale maggior danno. L Amministrazione si riserva, inoltre, di svolgere tutti i controlli necessari affinché i contratti sottoscritti con i subappaltatori ed i subcontraenti nella filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate contengano una clausola a pena di nullità assoluta del contratto con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari dei cui alla legge 136/2010. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.7/9 Capitolato

8 Art. 14 Trattamento dei dati I dati personali comunicati dalle ditte saranno trattati ai sensi del D.lgs 196/2003 per il procedimento della gara e per gli aspetti connessi all eventuale stipula ed esecuzione del contratto. Art. 15 Domicilio e Foro competente L Impresa fornitrice dichiara di eleggere il proprio domicilio ad ogni effetto presso la Casa Comunale di Livorno. Competente a risolvere cause di contenzioso, di competenza del giudice ordinario, tra il Comune e l Impresa fornitrice, sarà il Foro di Livorno. Art Norme di rinvio Per quanto non espressamente previsto dal presente capitolato si rinvia a quanto previsto dalla normativa vigente in materia di appalti pubblici. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.8/9 Capitolato

9 Allegato tecnico Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.9/9 Capitolato

10 Indice dell allegato tecnico Art. 1 - Obiettivo del progetto... 2 Art. 2 - Situazione attuale... 3 Art. 2.1 Sistema centrale VOIP...3 Art. 2.2 Sedi Periferiche VOIP...3 Art. 2.3 Apparati telefonici VOIP...3 Art. 2.4 Sedi periferiche analogiche...3 Art. 2.5 Rubrica Aziendale...4 Art. 2.6 Ubicazione e collegamento attuale apparati...4 Art. 2.7 Posti operatore e IVR...5 Art. 2.8 ATA e FAX...5 Art. 3 - Requisiti del sistema richiesto... 6 Art. 3.1 Architettura...6 Art. 3.2 Affidabilità...6 Art. 3.3 Monitoraggio...6 Art. 3.4 Migrazione...7 Art. 3.5 Installazione...7 Art. 3.6 Software di base...7 Art. 3.7 Funzionalita richieste...8 Art. 3.8 Apparati richiesti...8 Art. 3.9 Piano di numerazione...8 Art Licenze...9 Art. 4 - Garanzia del sistema... 9 Art. 5 - Manutenzione del sistema... 9 Art. 6 Nuove attività Art. 7 - Formazione Art. 8 Collaudo e Attestazione di regolare esecuzione Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.1/11 allegato tecnico

11 Art. 1 - Obiettivo del progetto Il progetto rappresenta l'evoluzione del telefonia VOIP all'interno dell'ente che al momento attuale copre solamente la sede centrale dell'ente ed alcune sedi maggiori, ed ha l'obiettivo e di coprire a 360 tutte le tipologie di utenze telefoniche presenti nell'ente nelle sue varie sedi adeguandosi agli standard Open Source. Il progetto prevede di migrare dal sistema proprietario Siemens in un sistema VoIP in standard SIP 2.0 o successivi, che dovrà coprire obbligatoriamente tutte le sedi attualmente collegate in analogico od in VOIP proprietario Siemens. Il sistema offerto deve consentire come caratteristiche minime di: 1. Collegare in rete VOIP le sedi attualmente non connesse al sistema Siemens con collegamenti attraverso la connettività interna Intranet con fornitura di nuovi apparati telefonici. 2. Migrare le utenze attestate sulla centrale Siemens al nuovo sistema riutilizzando i terminali telefonici Siemens esistenti. 3. Dare la possibilità di effettuare/ricevere chiamate a tutti gli utenti VoIP su RTRT verso gli enti che a loro volta saranno predisposti per questo tipo di chiamate. 4. Realizzare un integrazione tra l anagrafica comunale (dipendenti) la rubrica telefonica e la directory LDAP regionale, in modo tale che tale directory LDAP venga automaticamente aggiornata con l aggiornamento della rubrica comunale. 5. Interfacciarsi con il mondo Skype. 6. Contenere i costi delle utenze telefoniche. 7. Predisposizione per l'utilizzo di trunk SIP per la futura sostituzione dei collegamenti ISDN alla rete pubblica. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.2/11 allegato tecnico

12 Art. 2 - Situazione attuale Art. 2.1 Sistema centrale VOIP Il Comune di Livorno dispone attualmente di una rete telefonica composta da un sistema Siemens Hipath 4000 che collega quattro sedi periferiche alla master di Piazza del Municipio. Presso la master è ubicato il Call Control principale della rete, nonché le linee entranti di tutta la rete (due accessi ISDN PRA da 30 canali ciascuno in convenzione CONSIP, che fungono anche da linee uscenti della master). Questi due ISDN PRA portano due numerazioni 820xxx (completamente usata) e 819xxx (non ancora assegnata e da usare). Il numero di interni attualmente attestato complessivamente sul sistema Siemens è di circa 950 utenti. Art. 2.2 Sedi Periferiche VOIP Le sedi periferiche sono dotate di media gateway (due dei quali con funzione di Call Control secondario) e di linee ISDN BRA (tre accessi base) per le chiamate uscenti. Art. 2.3 Apparati telefonici VOIP Sia la sedi master che le sedi periferiche della rete sono dotati di telefoni IP Siemens (Optipoint 410/420) funzionanti su procollo proprietario HFC. Art. 2.4 Sedi periferiche analogiche Esistono altre sedi periferiche (per la precisione 45 sedi), dieci delle Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.3/11 allegato tecnico

13 quali dotate di piccoli centralini/intercomunicanti con numero di Attacchi Utente compreso fra 16 e 32 e altre trentasei sedi dotate di sole linee urbane e/o ISDN BRA a cui sono direttamente collegati i telefoni della sede. Art. 2.5 Rubrica Aziendale Particolare importanza riveste la rubrica telefonica aziendale. A questo scopo esiste sul database Comunale, basato su Oracle 9.x, una tabella contenente l intera rubrica dell Ente. Tale rubrica viene alimentata dagli utenti attraverso un interfaccia web interna, tramite la quale è possibile, per ogni dipendente, inserire/variare il proprio numero telefonico. Sul suddetto database esiste inoltre una tabella, gestita dall Ufficio del Personale, che, per ogni dipendente, descrive l Ufficio di appartenenza ed altri dati relativi al dipendente. Sul database è quindi istanziata una vista che, unendo i dati dalle due tabelle, consente di conoscere, sempre attraverso interfaccia web, per ogni dipendente, i dati necessari alla sua raggiungibilità (Ufficio, sede stanza e numero di telefono). Art. 2.6 Ubicazione e collegamento attuale apparati Al momento attuale la centrale master è ubicata al piano terra del Palazzo Vecchio in apposito locale dove è presente un apparato per la continuità elettrica e l'arrivo dei primari per il collegamento con la rete PSTN. Una centrale slave è ubicata nel Data Center dei Sistemi Informativi ed ospita anche il sistema IVR della Centrale Operativa della Polizia Municipale. Il collegamento tra la centrale master e le centrali slave (Palazzo Nuovo, Istruzione, Uffici Tecnici, Tributi) è effettuato mediante la rete Labronet Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.4/11 allegato tecnico

14 interna del Comune di Livorno con collegamenti in fibra ottica e/o rame su vlan separata da quella della trasmissione dati. La sede del Cisternone al momento è ancora con collegamento Wan attraverso un link SPC, ma è in progettazione il collegamento attraverso fibra ottica per il quale deve essere già previsto il collegamento anche se al momento del servizio non ancora attivo. Le sedi interessate al progetto e non collegate all'attuale centralino, usufruiscono di collegamenti WAN attraverso convenzione SPC, con caratteristiche come da scheda di dettaglio allegata. In tutte le sedi sono previsti apparati di rete Cisco (sedi in cui è già presente il VOIP Cisco WS-2950/2960, altre sedi Cisco SF200E-24P / SF200E-26P). Art. 2.7 Posti operatore e IVR Sono attivi 4 posti operatore ipovedente di cui 2 con barra braille. Al momento esiste un solo IVR dedicato alla polizia municipale che smista le chiamate tra i vari uffici e la centrale operativa. Art. 2.8 ATA e FAX I collegamenti analogici esistenti (< di 30) sono gestiti attraverso ATA Siemens AP1120 dove sono collegati alcuni fax e cordless. Esiste un server fax fisico (Hylafax) con 3 linee ISD con numerazione 518xxx (un intero migliaio) dove sono collegati la maggior parte degli utenti comunali (circa 300 attivi) con funzionalita di to fax e fax to . Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.5/11 allegato tecnico

15 Art. 3 - Requisiti del sistema richiesto Art. 3.1 Architettura Il sistema in tecnologia SIP 2.0 o successive in modalità nativa, dovrà essere in grado di scalare almeno fino a 1500 utenze, senza modifiche alle dotazioni hardware e software dei sistemi centrali di gestione, ovvero senza la necessità di acquisto di nuovo hardware o licenze software. Il sistema deve essere completamente compliant alle specifiche emesse da Regione Toscana per interoperabilità tra sistemi VOIP in ambito RTRT3 entro la data dell'aggiudicazione definitiva. Art. 3.2 Affidabilità Particolare attenzione dovrà essere messa nella gestione della affidabilità del sistema prevedendo una ridondanza di apparati e di software per gestire al meglio gli eventuali problemi che si possono presentare nella gestione del sistema. Art. 3.3 Monitoraggio Per le apparecchiature principali (server, data gateway eccc.) deve essere realizzato un modulo di interfaccia verso il sistema di monitoraggio presente ai Sistemi Informativi (XYMON) con il quale si possa monitorare il buon funzionamento della centrale telefonica e fornisca statistiche sull'andamento delle varie funzionalità. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.6/11 allegato tecnico

16 Art. 3.4 Migrazione E' necessario che sia previsto un preciso piano di migrazione con indicate in maniera chiara quali sono le attività svolte dalla ditta e quali svolte dal personale dell'amministrazione. In particolare per l'aggiornamento dei terminali telefonici è richiesto che venga effettuato a fasi dalla ditta, e sostituito progressivamente agli utenti allo scopo di non creare interruzioni del lavoro. Per l'adeguamento del firmware di aggiornamento degli apparati telefonici già esistenti la ditta deve dicharare che è utilizzabile liberamente oppure che le relative licenze sono comprese nell'offerta economica della stessa. Art. 3.5 Installazione Gli apparati server dovranno essere installati nei locali del Data Center dei Sistemi Informativi. Per questo deve essere previsto un piano di migrazione dei collegamenti ISDN PRA e nella quotazione del progetto deve essere compreso il relativo costo. Art. 3.6 Software di base E' possibile utilizzare l'ambiente già presente VMWARE per l'installazione di macchine virtuali che gestiranno le varie funzionalità del prodotto. Qualunque altra licenza necessaria relativa al software di base dovrà essere prevista nella fornitura. Il database di appoggio delle varie funzionalità richieste dovrà essere Open Source e possibilmente Postgres. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.7/11 allegato tecnico

17 Art. 3.7 Funzionalita richieste Il sistema dovrà avere almeno queste funzionalità: 1. IVR multilivello con interfaccia di gestione. 2. Supporto ENUM e Skype. 3. Voice recording. 4. Supporto ATA. 5. Funzioni direttori/segretarie, gruppi di lavoro, deviazione chiamate. 6. Auto provisioning dei terminali telefonici. 7. Documentazione degli addebiti. 8. Casella vocale. 9. Terminali telefonici provvisti di schermo LCD, con switch 10/100/1000 per collegamento in cascata di pc e attacco cuffia. 10. Client pc per la gestione funzioni telefoniche per tutte le utenze. 11. Fax server e client per tutte le utenze con funzione di fax to e supporto PDF in nentrata e uscita. 12. Supporto codec G729 a basso consumo di banda. 13. Supporto TLS Art. 3.8 Apparati richiesti Nelle locazioni remote dove sono ubicate sedi scolastiche (di qulunque tipo) almeno uno dei telefoni previsti deve essere di tipo cordless o equivalente. Il numero complessivo dei nuovi apparati telefonici offerti non deve essere inferiore a 190. Deve essere effettuata l'attività di riconversione dei telefoni Siemens in standard SIP. Art. 3.9 Piano di numerazione Premesso che l'amministrazione intende uniformare il più possibile le Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.8/11 allegato tecnico

18 sedi remote attualmente con numerazioni differenti nelle migliaia 820 e 819 per una migliore riconoscibilità da parte dell'utenza, possono esserci casi in cui sia necessario che uno o più numeri continuino ad essere raggiungibili con la vecchia numerazione. Per questi casi dovrà essere fornita una soluzione a tale esigenza. Art Licenze La fornitura deve essere completa di licenze per tutte le utenze richieste. Non deve essere richiesta alcuna spesa aggiuntiva per abilitare le funzionalità offerte nel progetto. Art. 4 - Garanzia del sistema La garanzia del sistema dovrà essere offerta per un periodo minimo di tre anni e deve coprire tutti gli apparati hardware e software (ovvero qualunque aggiornamento anche tra major release) compresi gli eventuali costi di licenza. In fase di offerta possono essere esclusi dalla garanzia minima di tre anni gli apparati terminali (telefoni ed eventuali adattatori ATA) che devono avere la garanzia minima di 1 anno. Art. 5 - Manutenzione del sistema Il fornitore deve mettere a disposizione un call center (o equivalente) per le chiamate di intervento in caso di guasto indicando chiaramente l'oarario di accesso e le modalità. Tale orario non può essere inferiore agli orari effettuati dagli uffici comunali. Il tempo di intervento per i guasti bloccanti non può essere superiore a 4 ore mentre per gli altri tipi di guasto è NBD. Nell'offerta deve essere ben definito le modalità di chiamata ed i tempi Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.9/11 allegato tecnico

19 tecnici di intervento e ripristino e tutte le caratteristiche che possono fare apprezzare il servizio. La fornitura del servizio prevede inoltre, senza alcun onere aggiuntivo, l'eventuale fornitura e posa in opera delle parti di ricambio, di identica fabbricazione a quelli in uso, che dovessero rendersi necessarie per garantire la continuità ed efficienza del sistema fornito. Art. 6 Nuove attività Dovrà essere previsto un pacchetto di ore per le nuove attività (ovvero ciò che può esulare dalla manutenzione ordinaria)nno essere previsti almeno queste tipologie di corsi di formazione: Art. 7 - Formazione Dovranno essere previsti almeno queste tipologie di corsi di formazione: 1. Generico; per illustrare tutte le funzionalità dei prodotti offerti. 2. Installatore; per rendere autonomo il personale dell'amministrazione nella gestione quotidiana di installazione e gestione delle apparecchiature fornite. 3. Sistemistico; per diagnostica guasti, ottimizzazione risorse, salvataggi e gestione server. 4. Centralinista; utilizzo della rubrica e gestione del traffico. Art. 8 Collaudo e Attestazione di regolare esecuzione. Completata l esecuzione della prestazione, verrà effettuato il collaudo tecnico al fine di verificare la conformità dell esecuzione stessa alle previsioni contrattuali. In caso di esito positivo, verrà emessa attestazione di regolare esecuzione. Dalla data dell attestazione di regolare esecuzione Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.10/11 allegato tecnico

20 partirà la garanzia del materiale e software fornito. L Amministrazione si riserva di effettuare verifiche della conformità dell esecuzione in corso d opera. Resta però inteso che non appena ultimate in parte o in tutto le opere oggetto del presente appalto, l Amm.ne appaltante potrà disporne per l uso cui sono destinate, previo parziale collaudo provvisorio; l appaltatore, mentre non ha diritto ad alcun speciale compenso, resta esonerato da ogni conseguente responsabilità, eccetto quelle dipendenti da imperfezioni di esecuzione od altre consimili manchevolezze, quali siano risultanti al momento del collaudo provvisorio dell opera finita. La manutenzione di tutte indistintamente le opere resta però sempre a carico dell appaltatore fino al collaudo. Ufficio Reti e Sistemi Informatici p.11/11 allegato tecnico

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

tracciabilità Faq Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari

tracciabilità Faq Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari Faq tracciabilità Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Novembre 2011 Sommario SEZIONE A -

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia Servizio della Pianificazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli