Comune di Paderno Dugnano Provincia di Milano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Paderno Dugnano Provincia di Milano"

Transcript

1 Comune di Paderno Dugnano Provincia di Milano CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA AUTONOME PARIFICATE PER GLI ANNI SCOLASTICI: 2008/09, 2009/10, 2010/11 L anno.., addì del mese di TRA L'Amministrazione Comunale, Via Grandi, 15 Paderno Dugnano. (Codice Fiscale ), rappresentata dal Direttore del Settore Socioculturale,., nato a. ( ) il.. e domiciliato per la funzione ricoperta presso il Comune di Paderno Dugnano E.., legale rappresentante della Scuola Materna Autonoma (Codice Fiscale Via ), il quale dichiara di intervenire al presente atto in nome, per conto e nell'interesse, della Scuola dell Infanzia Autonoma predetta e dichiara altresì di non trovarsi - così come la Scuola e gli Amministratori - in alcuna situazione ed impedimento comportante il divieto o la limitazione a contrarre con la Pubblica Amministrazione. PREMESSO: - che il Consiglio Comunale con atto n. 112 del 30/11/1999 ha approvato la Convenzione con le Scuole Materne Autonome per gli anni scolastici 1999/2000, 2000/2001, 2001/2002; - che la Giunta Comunale con atto nr. 110 del 16/05/2002 ha prorogato la convenzione con le scuole dell infanzia autonome per gli anni scolastici 2002/03, 2003/04, 2004/05; - che la Giunta Comunale con atto nr. 136 del 01/06/2005 ha prorogato la convenzione con le scuole dell infanzia autonome per gli anni scolastici 2005/06, 2006/07, 2007/08; - che la presente Convenzione è attuativa della Legge Regionale dell 11 febbraio 1999 n. 8 "Interventi Regionali a sostegno del funzionamento delle Scuole Materne Autonome" - che la scuola dell infanzia svolge una pubblica funzione, nel pieno rispetto degli articoli costituzionali e nella parità tra servizio pubblico e privato, sia per pari diritti che per pari doveri, di carattere educativo e sociale, senza scopo di lucro; - che la stessa è autorizzata al funzionamento, a norma delle disposizioni in materia, dalle competenti autorità scolastiche - che è aperta ai bambini in età prescolare, con precedenza per quelli residenti nel Comune e, in subordine, a quelli non residenti di cui almeno uno dei genitori lavori sul territorio comunale o che abbiano i nonni o parenti di primo grado residenti in Paderno Dugnano; - che la Regione Lombardia, con la L. R. dell 11 febbraio 1999 n. 8 "Interventi regionali a sostegno del funzionamento delle scuote materne autonome" intende garantire il diritto alla libertà di educazione nel quadro dei principi sanciti dagli Artt. 3, 33 e 34 della Costituzione; - che gli interventi finanziari devono tendere a conseguire la parità di trattamento degli utenti delle diverse scuole statali e non statali funzionanti nel territorio; - che gli interventi finanziari devono tendere a conseguire il rispetto del principio della cosiddetta generalizzazione degli utenti delle diverse scuole statali e non statali funzionanti nel territorio, vale a dire il completo inserimento dei bambini a partire da 3 anni nel ciclo d istruzione tenendo conto della dinamica della domanda;

2 - che l'intervento finanziario previsto dalla legge regionale nr. 8/1999 è distinto ed integrativo rispetto a quello comunale ed a qualsiasi altro contributo erogato in base alla normativa statale e regionale o da convenzione. - Che l art. 10 della L.R. del 20 marzo 1980, nr. 31, Diritto allo studio: norme di attuazione, stabilisce che delle prestazioni di carattere individuale o collettivo previste dalle norme per il diritto allo studio fruiscono coloro che frequentano scuole, sezioni o corsi, ivi compresi quelli relativi ai contratti collettivi di lavoro, aventi sede nell ambito territoriale dei comuni indipendentemente dal luogo di residenza anagrafica dell utente; TUTTO CIÒ PREMESSO tra le parti, come sopra costituite, si conviene si stipula quanto segue: Art. 1 - Le premesse fanno parte integrante e sostanziale della presente convenzione. Art. 2 - La presente convenzione ha validità triennale, rinnovabile tacitamente in mancanza di disdetta comunicata da una delle parti mediante lettera raccomandata almeno sei mesi prima della scadenza della convenzione. Art. 3 - L offerta relativa alla scuola dell infanzia è garantita dallo Stato, dai Comuni e dalle scuole paritarie. Ai sensi dell art. 2 della L. R. nr. 31/1980, istitutiva del diritto allo studio, lo stesso è assicurato, tra l altro, mediante interventi diretti a facilitare la frequenza nelle scuole materne e dell obbligo e a favorire le innovazioni educative e didattiche che consentano una ininterrotta esperienza educativa in stretto collegamento tra i vari ordini di scuola, tra scuola, strutture parascolastiche e società. Ai sensi dell art. 5 della L.R. nr. 31/1980, al fine di generalizzare e incentivare la frequenza della scuola prima dell età dell obbligo, debbono essere utilizzate tutte le strutture esistenti e tutti gli alunni delle scuole materne pubbliche e private fruiscono dei servizi previsti dalla presente legge Art. 4 - Le Scuola dell'infanzia autonome convenzionate si impegnano a fare riferimento alle "Indicazioni Nazionali per i piani personalizzati delle attività educative nelle Scuole dell'infanzia", nonché alle vigenti disposizioni in materia pedagogica, didattica e di formazione delle classi. Ciascuna Scuola convenzionata esercita una piena libertà di programmazione educativa e persegue autonome finalità pedagogiche in conformità ai propri Statuti istitutivi, purché il progetto educativo sia in armonia con i principi della Costituzione Repubblicana e il piano dell'offerta formativa sia conforme agli ordinamenti e alle disposizioni vigenti, come prevede la legge n. 62 del "Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all'istruzione". Le scuole, qualora abbiano avuto il riconoscimento della parità scolastica, si impegnano a mantenere i requisiti di qualità ed efficacia previsti dalla L. n 62/2000, con particolare riferimento all art. 1, commi 2, 3, 4, 5, 6. Art. 5 - Il Comune si impegna ad inoltrare al Presidente della Giunta Regionale la domanda di contributo ai sensi della L. R. dell'11 febbraio n. 8 "Interventi regionali a sostegno del funzionamento delle scuole materne autonome", entro i termini stabiliti dalla legge, allegando copia della presente convenzione e la Regione, nei termini e secondo le modalità stabilite dalla legge, erogherà il contributo all Amministrazione Comunale, la quale provvederà, entro 10 giorni dalla liquidazione, a trasferirlo all'ente gestore della scuola dell infanzia autonoma.

3 Il contributo regionale è indirizzato al contenimento delle rette a carico delle famiglie. Diversa modalità del trasferimento del contributo potrà essere disciplinato dall Amministrazione e gli Enti gestori previa comunicazione alla Regione Lombardia Art. 6 - In attuazione di quanto previsto dalla L.R. nr. 8/1999, il Comune provvederà, altresì, ad erogare all'ente gestore ulteriori contributi a sostegno del funzionamento delle scuole dell infanzia convenzionate come di seguito specificato: 1) le derrate alimentari, il cui rimborso è fissato in 1,82 (IVA inclusa) per ogni pasto completo, da documentare con fotocopia delle fatture rilasciate dalle Ditte fornitrici anche diverse da quelle scelte dall Amministrazione Comunale, purché dotate di sistema di autocontrollo HACCP previsto dalle legislazione vigente. Il contributo economico non potrà eccedere, per sezione, il numero di 28 bambini. 2) un contributo di 1.032,91 per ciascuna scuola dell infanzia autonoma, per l'acquisto di materiale adatto ai bambini portatori di handicap, in caso di inserimento. Nel caso di inserimenti di bambini portatori di handicap, l'amministrazione Comunale fornirà il personale per l'assistenza, come per le scuole dell infanzia statali; 3) un contributo annuo per bambino, per un massimo di 28 per ogni sezione istituita, per contenere l'entità delle rette a carico delle famiglie, nella modalità che segue: fino a 56 iscritti: 100 per bambino; da 57 a 90 iscritti: 95 per bambino da 91 a 112 iscritti: 94 per bambino Per facilitare l accesso anche alle famiglie più bisognose le direzioni si impegnano a verificare la fattibilità di rette diversificate secondo i redditi della famiglia stessa. 4) un contributo annuo di 258,23 per materiale didattico per ogni sezione istituita; 5) un contributo annuo di 516,46 per ogni sezione istituita per ampliamento tempo-scuola (pre e/o post tempo normale ); 6) un contributo massimo annuo di 3.500,00 a ogni scuola convenzionata, per il finanziamento dei progetti educativi e l offerta formativa, compresi l eventuale realizzazione di centri estivi, laboratori didattici e progetti di formazione/aggiornamento. Il contributo è destinato, altresì, all acquisto di audiovisivi, attrezzature, materiale di consumo, al pagamento di canoni di assistenza tecnica, al pagamento di esperti esterni alle scuole, i cui costi siano specificatamente utilizzati per la realizzazione della sperimentazione e di progetti. Per la liquidazione del contributo di cui al punto 6 del presente articolo, le scuole dovranno produrre: entro il 15 settembre di ogni anno: a. le relazioni progettuali specifiche dei progetti realizzati, nell anno scolastico precedente a quello di riferimento, dalle quali si evincano: gli obiettivi le modalità il numero degli utenti e dei docenti coinvolti eventuali altre risorse di personale o reperite presso altre istituzioni rendicontazione specifica delle spese realmente sostenute (allegando fatture) entro il 15 marzo di ogni anno

4 b. documento che approva la relazione preventiva e il preventivo di spesa per i progetti che si intendono realizzare per l anno scolastico di riferimento, dalla quale si evinca la destinazione specifica dei fondi erogati dall Ente Locale. In sede di prima applicazione della presente convenzione, verranno finanziati i progetti educativi e formativi relativi all anno scolastico 2007/08. L importo di cui al punto 6 del presente articolo non potrà eccedere quanto rendicontato dalla documentazione di cui alla lettera a). Art. 7 - La scuola dell infanzia autonoma si impegna a: a) operare nell'autonomia dei propri indirizzi e progetti educativi, con riferimento agli orientamenti didattici vigenti; b) conformare il calendario e l'orario scolastico, a quelli stabiliti dalle norme vigenti, salvo la facoltà per le scuole di offrire maggiori prestazioni; c) accogliere indistintamente i bambini di ambo i sessi, senza discriminazioni razziali o religiose, in età di ammissione alla scuola materna, secondo le norme vigenti d) non costituire sezioni di norma superiori a 28 alunni e non inferiori a 15, con la possibilità di riduzione del numero nel caso di sezione unica e nei casi previsti dalle vigenti leggi; e) costituire, sulla base di un regolamento interno organi di partecipazione con la rappresentanza dei genitori e del personale; f) applicare il Contratto Nazionale di Lavoro di categoria per il personale dipendente ed eventuali convenzioni con le Congregazioni religiose; g) produrre, al fine di evidenziare l assenza di finalità di lucro, il rendiconto consuntivo annuale, specificando le modalità di utilizzo del contributo comunale e trasmettere l'apposita scheda informativa; h) costituire una Commissione paritetica tra rappresentanti delle Scuole dei Genitori e del Comune, per l'esame del rendiconto annuale e per il controllo dell'applicazione della convenzione; i) non aumentare le rette di frequenza, se non nei limiti del raggiungimento del pareggio di bilancio Art. 8 - Il contributo verrà erogato in un'unica tranche entro il 30 novembre di ogni anno. La Commissione di cui all'art. 7, lettera h, potrà proporre, a posteriori, eventuali conguagli, anche in relazione alla revisione dei prezzi per la fornitura delle derrate, dopo la verifica della corretta applicazione della convenzione stessa. Art. 9 - Le Scuole convenzionate devono provvedere alle assicurazioni degli alunni per gli infortuni e per la responsabilità civile con eventuale integrazione per le uscite e altre attività specifiche, come previsto dalle normative vigenti. Art La cessazione, anche parziale, dei requisiti indicati in premessa, implica la sospensione degli effetti previsti dal presente atto. Allo stesso modo, a causa di inadempienza o violazione accertata degli obblighi previsti dalla presente convenzione, l'amministrazione Comunale si riserva la facoltà di disdire unilateralmente e senza alcun obbligo accessorio la presente convenzione, fatto salvo un periodo di altri 30 giorni, prorogabili una sola volta di altri 30 giorni, concesso su richiesta dell'inadempiente, e per la messa a norma rispetto agli obblighi della presente convenzione.

5 Firme Per le SCUOLE DELL INFANZIA AUTONOME IMMACOLATA E S. GIUSEPPE Don L. Galbusera S. M. NASCENTE Don Gabriele Sala UBOLDI Dr. M. Orombelli CAPPELLINI P.A. Cappellini Per L AMMINISTRAZIONE COMUNALE Il Direttore del Settore Socioculturale Dr. Biagio Bruccoleri Data,.

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016.

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016. Prot. n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA Rep CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016. L anno 2013 duemilaetredici - addì... del mese

Dettagli

RINNOVO CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL. - Dr. Michele Siciliano nato a Cosenza (Cs) il 29/09/1959, il quale interviene in

RINNOVO CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL. - Dr. Michele Siciliano nato a Cosenza (Cs) il 29/09/1959, il quale interviene in Prot. n. 24733 09/03/2010 Rep. n. 15 SP RINNOVO CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2009 AGOSTO 2013. L anno 2010 duemiladieci - addì otto del mese

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza)

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) CONVENZIONE tra Comune di Albiate e Scuola dell Infanzia parrocchiale Paritaria Giovanni XXIII di Albiate per il sostegno alle famiglie albiatesi

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO OGGETTO: SCHEMA DI CONVENZIONE CON LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO DI RONAGO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO DEL BAMBINO ALL EDUCAZIONE. Il Comune di RONAGO,

Dettagli

Settore Contenzioso Cultura Pubblica

Settore Contenzioso Cultura Pubblica COMUNE DI PARABITA (Provincia di Lecce) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE Rep. N. L anno, il giorno del mese di, in Parabita Palazzo Comunale, TRA il Comune di Parabita, C.F. 81001530757, rappresentato

Dettagli

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI)

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA (art. 2, comma 2, L.R. 25.6.1984, n 31) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SINNAI E LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA LE GIOVANI MARMOTTE

Dettagli

Comune DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo C.A.P. 24050 Via Vespucci, 6

Comune DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo C.A.P. 24050 Via Vespucci, 6 Comune DI GRASSOBBIO Provincia di Bergamo C.A.P. 24050 Via Vespucci, 6 Tel 035 3843411 Fax 035 3843444 C.F. 80027490160 P.Iva 00722500162 COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 31 del 27-07-2011

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del.

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA L anno..il giorno..del mese di.. fra 1) la Dott.ssa Bruna Cimatti, nata a Medicina

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti: Allegato alla Delib.G.R. n. 49/32 del 7.12.2011 L.R. 14. 5 2009 n.1, art.17. Criteri e modalità di concessione e rendicontazione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali ai sensi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 125 del 29/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORZINUOVI E LA SOCIETA BABY BIRBA di BENEDUCI

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON FONDAZIONE ASILO INFANTILE

Dettagli

COMUNE DI SUSEGANA Provincia di Treviso

COMUNE DI SUSEGANA Provincia di Treviso ORIGINALE COMUNE DI SUSEGANA Provincia di Treviso Area II Servizio PUBBLICA ISTRUZIONE DETERMINAZIONE N. 875 del 04/12/2013 Oggetto : AVVISO ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI PER ABBATTIMENTO RETTE AGLI

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE Comune di N A G O - T O R B O L E (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE SERVIZIO TAGESMUTTER Approvato con deliberazione consiliare n. 24/2006 dd. 28.06.2006

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla ibera n. DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componente : buono scuola Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 99 d'ord. DEL 22.07.2002 REGOLAMENTO di attuazione degli interventi in materia di assistenza scolastica e diritto allo studio ex Art. 28, 1 comma L.R. 09.03.1988

Dettagli

PROGRAMMA COMUNALE ANNO 2012 NOTIZIE DI CARATTERE GENERALE. a) Il Programma è stato approvato con deliberazione del C.C. n. 92 del _29/11/2011

PROGRAMMA COMUNALE ANNO 2012 NOTIZIE DI CARATTERE GENERALE. a) Il Programma è stato approvato con deliberazione del C.C. n. 92 del _29/11/2011 Comune di PARABITA Provincia di _LECCE PROGRAMMA COMUNALE INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (Art. 9 c. 2 L.R. 4.12.2009, n 31 "Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione")

Dettagli

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO COMUNE DI S. STEFANO IN ASPROMONTE 89057 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile Avvisa che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA

REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA L. R. 26 aprile 1985, n. 30 PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI REGIONALI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Anno scolastico 2002/2003 BURC n 61 del 9 dicembre 2002

Dettagli

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 Identificativo Atto n. 1188 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PROSECUZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLE PER L ANNO SCOLASTICO. IMPEGNO E CONTESTUALE

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno

------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno ------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno Scolastico 2014-2015.----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico per la Toscana Direzione generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico per la Toscana Direzione generale MIUR.AOODRTO.REGISTRO UFFICIALE.0001269.07-02-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico per la Toscana Direzione generale Ufficio IV Ai Dirigenti degli Uffici Territoriali

Dettagli

COMUNE PONTE DI PIAVE. Provincia di Treviso CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PONTE DI PIAVE. E L ASSOCIAZIONE GRUPPO INSIEME LUCIANA e MARIO

COMUNE PONTE DI PIAVE. Provincia di Treviso CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PONTE DI PIAVE. E L ASSOCIAZIONE GRUPPO INSIEME LUCIANA e MARIO COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PONTE DI PIAVE E L ASSOCIAZIONE GRUPPO INSIEME LUCIANA e MARIO Premesso: che in ambito comunale è operante da tempo l Associazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSSETO E L ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA GIUSEPPE VERDI GESTORE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSSETO E L ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA GIUSEPPE VERDI GESTORE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA. Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale di Busseto n del CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSSETO E L ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA GIUSEPPE VERDI GESTORE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia SERVIZIO PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI SUSSIDIARIETA L anno duemilanove il giorno del mese tra Il Comune di Spinea,

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private.

Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private. Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private. Art. 33 della Costituzione L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le norme generali

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale MIUR.AOODRFR.REGISTRO UFFICIALE(U).0003843.14-05-2015 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Agli Enti Gestori delle Scuole Paritarie di ogni Ordine e Grado Ai Dirigenti degli Ambiti

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia Deliberazione della Giunta Comunale Seduta n.77 del 28.11.2011 n 345 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANFREDONIA E LE SCUOLE PRIVATE PARITARIE SENZA FINE

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

AVVISO SERVIZIO PROGETTI

AVVISO SERVIZIO PROGETTI Settore Assistenza e Segreteria Organi Istituzionali, Affari Generali, Politiche Sociali e per la Famiglia, Politiche per la Casa, Politiche del Lavoro, Volontariato, Pari Opportunità, Risorse Umane, Euro

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni; Oggetto: Approvazione del protocollo d intesa-tipo tra Regione Lazio ed enti o soggetti interessati concernente la promozione di un programma di interventi strutturali finalizzati al potenziamento dell

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 29.05.2003 1 INDICE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO.. Pag. 3 ART. 2 BENEFICIARI

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 1608 27/02/2014 Identificativo Atto n. 167 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ASSEGNAZIONE DEI CONTINGENTI DI DOTI PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI TRIGOLO (Provincia di Cremona) Allegato alla delibera C.C. n. 33 del 28.08.2007 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA IL SEGRETARIO COMUNALE IL SINDACO DOTT.SSA VINCENZA ZUMBOLO

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto opportuno aderire alla predetta richiesta previa adozione del necessario atto formale;

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto opportuno aderire alla predetta richiesta previa adozione del necessario atto formale; LA GIUNTA COMUNALE Premesso che il Direttore del COSP (Centro per l Orientamento allo studio ed alle Professioni) dell Università Statale di Milano ha chiesto di poter fare effettuare ai propri studenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 (art. 159 e 190 D. Lgs 297/94; art. 3 L. 23/96) Allegato DGC n. 153/5.12.2013 L anno duemilatredici

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Ufficio IV

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Ufficio IV MIUR.AOODRTO.REGISTRO UFFICIALE.0003008.23-02-2011 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Firenze, 21 febbraio 2011 Ai Dirigenti degli Uffici Territoriali dell Oggetto: Domande per

Dettagli

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia

Allegato A 1. Finalità e oggetto dell azione Generazione Web Lombardia Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA PER L ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena Comune di Cavezzo Provincia di Modena FINALITA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Il servizio di Trasporto scolastico è istituito per garantire l accesso e la qualificazione del sistema

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014

DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014 DELIBERAZIONE N. 1825/2014 ADOTTATA IN DATA 19/11/2014 OGGETTO: Convenzione con la Libera Università di lingue e comunicazione IULM di Milano per lo svolgimento di tirocini di formazione e orientamento.

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla delibera n. del Componente : buono scuola Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Comune di Novedrate Provincia di Como

Comune di Novedrate Provincia di Como Pagina 1 di 16 Legge Regionale n. 31 del 20/03/1980 - Attribuisce al Comune il compito di individuare gli interventi più opportuni a favore di tutte le scuole presenti sul territorio, nel quadro degli

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NOCI E LA SCUOLA PER L INFANZIA PARITARIA E.GABRIELI AI SENSI DELLA L.R. N.31/2009 RINNOVO. L anno

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E Allegato A Deliberazione G.C. n. del COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) C O N V E N Z I O N E TRA IL COMUNE DI NERVIANO E L ISTITUTO COMPRENSIVO NERVIANO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DEI FONDI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI FALCADE (Provincia di Belluno) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA (TESTO DEFINITIVO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 17.02.2005) ART. 1 - FINALITA... 2 ART. 2 -

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art.1. Il Comune di Salò, per garantire il diritto allo studio, secondo i principi formulati negli articoli 3 e 34 della Costituzione

Dettagli

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l'attribuzione di vantaggi

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA Via F. Baracca, 11-41031 Camposanto (MO) Tel. 0535-80903-4 - Fax: 0535-80917 E-mail: servizi.socioculturali@comune.camposanto.mo.it AREA SOCIO-CULTURALE Ufficio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA MATERNA,PRIMARIA E MEDIA M.FERRARA - MAROTTOLI VIA GALILEO GALILEI MELFI (PZ) TEL.FAX. 0972/24572 Email:pzic842009@istruzione.it - C.M. PZIC842009 Prot. n. 0004021 C/16

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. In data presso il Comune di Dolianova, Piazza Brigata Sassari TRA Il Comune

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015

Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015 USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - PEC drlo@postacert.istruzione.it - CF 97254200153 Istanze di riconoscimento della parità scolastica per l anno scolastico 2014/2015 Indicazioni,

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI

SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI SCUOLA DELL INFANZIA NON STATALE: CONTRATTI, COSTO DEL LAVORO, DIRITTI BOLOGNA, 7 MARZO 2012 MARI (FLC CGIL NAZIONALE)MASSIMO MARI FLC CGIL NAZION IL SISTEMA Il sistema nazionale di istruzione destinato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli