Acciaio, luce e trasparenza. London Bridge Tower, Renzo Piano Building Workshop, London, 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Acciaio, luce e trasparenza. London Bridge Tower, Renzo Piano Building Workshop, London, 2012"

Transcript

1 Il grattacielo attualmente più alto d Europa è realizzato su uno dei nodi di transito più attraversati della città, interamente trasparente e sfaccettato nella forma piramidale slanciata, frammentata e aperta verso l alto. La costruzione è definita da una geometria irregolare in cui otto lati di facciata in acciaio e vetro variamente inclinati si agganciano a un nucleo centrale in calcestruzzo come schegge di cristallo. Architettura interrotta, fotosensibile e sospesa verso il cielo ha inciso una traccia tagliente e decisa nel fitto contesto di architetture iconiche della città. The building which is currently Europe s highest skyscraper is located on one of the busiest transit roads of the city. It s entirely transparent and has a flowing, pyramidal, faceted shape, fragmented and open in the upward direction. The building has an irregular geometry, in which eight steel and glass sides of varying inclination come together in a central concrete core, like shards of glass. The fragmented, photosensitive architecture, apparently suspended from the sky, has given this building a decisive cutting edge within the dense context of iconic buildings which the city contains. La riqualificazione di un quartiere congestionato La London Bridge Tower è realizzata in un contesto caratterizzato da edifici medio bassi a sud-est del London Bridge, il ponte che collega il distretto economico della città (la City) al quartiere di Southwark a sud del Tamigi, area caratterizzata fino a pochi decenni fa solo dalla presenza delle grandi industrie ottocentesche e storicamente meno densamente urbanizzata dell area a nord del fiume (figura 1). Il sito di progetto, piccolo e irregolare, è immediatamente a ridosso dei binari della stazione di London Bridge, la più antica di Londra, con più di dieci binari già nel 1860 e una delle prime e più grandi coperture in ferro e vetro, fino alla realizzazione del Crystal Palace poco più a sud. L area bombardata nella seconda guerra mondiale era occupata da un edificio a torre, che è stato demolito per avviare la nuova costruzione, ed è delimitata a sud da una delle strade romane più antiche della città (figura 6). Acciaio, luce e trasparenza. London Bridge Tower, Renzo Piano Building Workshop, London, 2012 Steel, light and transparency. London Bridge Tower, Renzo Piano Building Workshop, London 2012 Valeria Giurdanella Il progetto è nato dall iniziativa economica di un importante imprenditore inglese, proprietario dell edificio esistente, e dalla strategia politica e urbana di densificazione e riqualificazione dei grandi nodi di interscambio, sostenuta dal precedente sindaco della città. Oggi la stazione di London Bridge ospita quindici binari per i treni regionali, due linee di metropolitana in profondità, la più grande stazione dei bus della città ed è attraversata da circa persone al giorno collegando la città alla periferia a sud e alle coste sudorientali del paese. L idea è stata pertanto concepita dallo studio di architettura RPBW esplorando e facendo convergere gli aspetti storici, scientifici, formali ed espressivi sulla visione della città e del futuro, ed è stata sviluppata dal 2000 in un avventuroso processo, durante il quale si sono intrecciate diverse vicende politiche, normative ed economiche, che ha portato all avvio dei lavori di costruzione nel Il concept del progetto delineato già dalle fase iniziali è stato quello di un edificio totalmente sviluppato in altezza viste le dimensioni ridotte del sito, con la compresenza di diverse funzioni, dove la residenza si mescola con il terziario e con gli spazi pubblici al fine di garantire una costante presenza di abitanti (figure 2 e 3). L idea di una forma piramidale slanciata verso l alto che svettasse nel ARCHITETTURA Fig. 1 - Vista del grattacielo dal Millennium Bridge: in primo piano il London Bridge e sullo sfondo il Tower Bridge ( Michel Denancé) 25

2 Fig. 2 - Schizzi di studio della torre in relazione ai binari della ferrovia con la forma frammentata lungo l altezza RPBW) Fig. 3 - Schizzi di studio con l identificazione in planimetria dello spazio pubblico della piazza e la relazione con il contesto del grattacielo e dello spazio per uffici (London Bridge Place); a sinistra la cattedrale di Southwark ( RPBW) panorama della città e sparisse nel cielo è stata immediatamente prefigurata, frammentata in più punti per ridurne la mole e alleggerirne la presenza. La morfologia rastremata della torre con una base ampia di circa 4000 m², quasi interamente occupata dalla stazione, si riduce lungo i 306 m di altezza fino a una superficie di circa 350 m² per la piattaforma panoramica in cima. La geometria irregolare è generata dalle diverse inclinazioni in pianta di otto lati interamente trasparenti che seguono le direttrici del contesto e salgono in verticale con un angolazione di circa sei gradi verso l interno per poter riflettere il cielo e non gli edifici di fronte. Le facciate in acciaio e vetro variamente inclinate non si toccano mai l una con l altra, non poggiano a terra e in cima terminano in un vuoto in cui la leggerezza dell acciaio e del vetro ha permesso di realizzare l effetto di vere e proprie schegge (shard) di cristallo (figura 10). Le immagini suggestive a cui Renzo Piano si è ispirato sono quelle dei dipinti di Canaletto e di Monet con le numerose guglie che salgono eteree nell atmosfera rarefatta della città e spariscono nel cielo, così come quelle dei velieri che attraccavano sul Tamigi. L assottigliamento in altezza con i piani di facciata agganciati a una struttura portante mista in calcestruzzo e acciaio e gli angoli dei piani di facciata staccati e aperti ottimizzano la struttura dal punto di vista aerodinamico riducendo gli effetti dovuti alle azioni del vento. Il basamento della torre è caratterizzato da un arretramento della facciata vetrata ma verticale, con solo le colonne perimetrali in acciaio che poggiano a terra secondo l inclinazione dell involucro, alleggerendo in questo modo l impatto a terra della costruzione sia sul livello della stazione ferroviaria che sul livello più basso di St. Thomas Street (figura 5). Il rivestimento del basamento su St. Thomas Street, dove si trovano gli ingressi ai piani interrati e al parcheggio, è realizzato con mattoni prodotti a mano nello Yorkshire utilizzando un argilla simile per colore e consistenza a quella usata in quest area antica della città. Pensando in particolare al pubblico e alla leggerezza dell impatto sull intorno è stato tolto volume ai livelli inferiori e a terra sono stati 26

3 Fig. 4 - Planimetria generale dell intervento nell area a ridosso della stazione di London Bridge, a sud del Tamigi ( RPBW). Fig. 5 - Prospetto sud dell intero London Bridge Quarter da sinistra: la cattedrale di Southwark, il nuovo edificio per uffici (London Bridge Place) e The Shard con in evidenza il livello più basso di St. Thomas Street ( RPBW). Fig. 6 - Vista del grattacielo sul lato sud dal livello di St. Thomas Street, la strada da cui si accede all hotel, alle residenze, ai 48 posti auto del parcheggio e ai piani interrati ( Michel Denancé). Fig. 7 - Ingresso principale alla hall e ai piani degli uffici, sulla sinistra l ingresso alla stazione con le pensiline di copertura in acciaio verniciato e vetro ( Michel Denancé) realizzati spazi aperti pubblici e attraversabili. Il progetto si è ampliato fino a comprendere la riqualificazione dell atrio della stazione ferroviaria e un piano di inquadramento di tutta l area, con l obiettivo di rendere accessibile e vivibile lo spazio esistente, intricato e affollato nei veloci transiti quotidiani (figura 4). L atrio della stazione è stato riorganizzato attraverso la sostituzione della copertura esistente degli anni settanta e il rifacimento della pavimentazione in continuità con quella dello Shard e la stazione dei bus è stata spostata verso nord e allineata con i binari ferroviari creando una connessione visuale continua fino al London Bridge. Il committente ha acquistato in seguito la proprietà di fronte alla stazione per realizzare un nuovo edificio per uffici (London Bridge Place) ed è stato possibile pertanto realizzare una piazza aperta pubblica che connette tutti i nuovi interventi. Le pensiline degli ingressi dello Shard, la nuova copertura della stazione e le pensiline dei binari dei bus e dei punti di sosta dei taxi sono tutte realizzate con una struttura in acciaio verniciato bianco-grigio e vetro serigrafato per la schermatura solare, giustapposte a diverse altezze per creare luoghi a scala umana e relazionarsi con le altezze degli edifici al contesto (figura 7). Differenziazione funzionale e spazi pubblici molteplici L importanza dello spazio pubblico e di realizzare un edificio aperto verso la città e non chiuso su stesso ha generato un sistema di relazioni e di percorsi pubblici e dedicati che si connettono alle preesistenze del sito, agevolando gli spostamenti e gli ingressi alle diverse 27

4 Fig. 9 - Sezione verticale del grattacielo con evidenziati gli spazi pubblici: al livello più basso della strada; al livello della stazione e dei piani commerciali; al livello dei bar e dei ristoranti e al livello dell osservatorio panoramico ( RPBW). Fig Prospetto nord ( RPBW). Fig Vista del lato nord-est dal Millennium Bridge ( Michel Denancé) Fig. 8 - Piante del grattacielo con superficie che va da 4000 mq al piano terra a 350 mq del piano più alto: piani 9 e 23 (uffici), piano 32 (bar e ristoranti), piano 39 (hotel), piani 68, 69, 72 (osservatorio panoramico) ( RPBW) funzioni del grattacielo. L assottigliamento della costruzione verso l alto corrisponde alla diversità delle funzioni ospitate e al diverso peso delle stesse con i percorsi di distribuzione interna concentrati nel core in calcestruzzo. Le facciate inclinate dell involucro definiscono superfici di piano variabili e sempre più ridotte lungo l altezza per una superficie totale di circa m 2 distribuita nei settantadue piani abitabili della torre (figura 8). I piani più bassi e più ampi sono occupati dai negozi a servizio della stazione e dagli uffici, che si estendono dal quarto al ventottesimo piano su una superficie di poco più di m 2. I negozi sono accessibili direttamente dall atrio della stazione e allo stesso livello si trova la hall di ingresso agli uffici, immediatamente a ridosso sul lato sud ed evidenziata dall alta pensilina in acciaio e vetro agganciata alle colonne perimetrali inclinate. I piani degli uffici sono costituiti da spazi open space flessibili in cui la distribuzione dei pochi divisori interni e dell arredo segue le inclinazioni delle facciate; gli spazi di servizio sono sviluppati attorno e a ridosso del nucleo centrale, creando in questo modo l opportunità di realizzare aree per la condivisione comune in corrispondenza dei cambi di inclinazione. Nella parte centrale della torre si trovano i ristoranti e le caffetterie, che occupano una superficie di circa 2600 m 2 dal piano 31 al 33, e l hotel che occupa una superficie di circa m 2 dal piano 34 al 52 (figura 9). I due ingressi separati dei ristoranti e della hall dell hotel si trovano sul livello di St. Thomas Street sul lato vetrato segnato dalla pensilina. L area dei ristoranti e delle caffetterie è concepita come uno spazio pubblico vivibile e attraversabile, caratterizzato da un atrio a tripla altezza percorribile tramite una scala leggera in acciaio sospesa a soffitto, dalla struttura portante in acciaio a vista e dai rivestimenti interni in legno a pavimento e a soffitto. Le caffetterie sono sviluppate a L lungo il lato est del core e i ristoranti open space con alcune salette chiudibili si trovano sul lato ovest. A ridosso del core e sul lato sud si trovano gli spazi di servizio mentre tutti i tavoli sono disposti a ridosso delle pareti inclinate vetrate per godere della vista sul panorama. Sopra il ristorante si trovano i diciannove piani del prestigioso hotel Shangri-La con una distribuzione tipo ad anello sviluppata attorno al core e 202 stanze con diverse tipologie e una superficie media di 42 m 2. Le residenze si trovano nei piani più alti del grattacielo a 224 m di altezza e occupano una superficie di circa 5800 m 2 dal piano 53 al 65. I dieci appartamenti sono accessibili dalla hall dell hotel e hanno una superficie variabile tra 600 m 2 e 750 m 2 distribuita su uno o due livelli. In cima alla torre, a 244 m, di altezza si trovano i quattro piani dell osservatorio panoramico con una superficie totale di circa 1400 m 2 dal 28

5 Fig Pianta delle strutture del piano undicesimo adibito a uffici ( WSP) piano 68 al 72. L ingresso pubblico all osservatorio panoramico si trova al piano interrato cui si può accedere direttamente dal livello della stazione attraverso una scala mobile esterna, o da Joiner Street (perpendicolare di St. Thomas Street) dove si trova anche l ingresso alla metropolitana. Le gallerie all aperto e al chiuso consentono una vista a 360 sulla città fino a 55 km di distanza in condizioni meteorologiche favorevoli e sono realizzate con una struttura interamente in acciaio verniciata bianco-grigio e rivestimenti in legno. Le fratture tra i piani di facciata che caratterizzano i cambi di direzione dell involucro sono spazi adibiti a giardini di inverno e a zone filtro, come sale riunione o spazi relax, caratterizzati Fig I piani interrati sono stati scavati costruendo contemporaneamente in altezza con il sistema top-down che ha ridotto di tre mesi i tempi di costruzione ( Lee Maudsley). Fig Il core in cemento è stato costruito con un sistema di casseforme che saliva progressivamente con un getto continuo di 4 mm al minuto che è andato avanti per mesi ( Michel Denancé) 29

6 Fig. 15- Pianta delle strutture del piano settantaduesimo adibito a osservatorio panoramico ( WSP) all esterno dalla struttura in acciaio a vista. Gli ultimi 60 m della torre (corrispondenti ai piani dal 75 al 95) costituiscono quella che è stata definita la guglia (the spire), vuota e leggera, interamente realizzata in acciaio, con le facciate in vetro che si interrompono inclinate scomparendo nel cielo (figura 23). La compresenza delle diversi funzioni e la necessità di separare i percorsi di distribuzione pubblici e privati a diverse altezze è gestita nella configurazione variabile del core. La pianta del nucleo è costituita da un insieme di vani rettangolari che possono essere adibiti secondo l altezza e le funzioni che servono, a vano ascensore, a corpo scala o montacarichi di servizio. Il core in calcestruzzo è rivestito in marmo Calacatta Apuano proveniente dalla zona di Carrara. I blocchi di marmo sono stati tagliati a fette sottili e cesellati a mano per dare maggiore risalto agli effetti di profondità e di consistenza del materiale. La struttura portante: on-site e off-site Una totale commistione di strutture in calcestruzzo e acciaio sovrapposte e alternate lungo l altezza ha consentito di massimizzare il numero dei piani nell altezza totale prefissata, di avere un sistema adattabile alla forma e alle funzioni variabili e di migliorare la stabilità sotto le azioni del vento. Il sistema strutturale principale è costituito da un nucleo centrale in cemento armato e un perimetro esterno di colonne in acciaio a sezione cava rettangolare, connesse al nucleo mediante solai in cemento armato pre-compresso. A varie altezze sono poste travature di irrigidimento Vierendeel alte tre piani che 30

7 Fig Pianta delle strutture del piano settantantottesimo della guglia ( WSP) limitano le deformazioni laterali del telaio dovute alle forze laterali del vento e consentono il riallineamento dei pilastri perimetrali dei piani superiori. Il sistema di fondazione che arriva a una profondità di 53 m è costituito da un muro perimetrale in cemento armato con pali di fondazione di 90 cm di diametro e di 150 cm di diametro in corrispondenza del core. I piani interrati profondi 20 m sono realizzati con pilastri in acciaio rinforzati con getto collaborante e solette in calcestruzzo con spessore variabile da 1,5 m a 3 m in relazione ai carichi (figura 13). La complessità del sito ristretto tra le grandi infrastrutture ferroviarie e metropolitane, una delle principali condutture di acqua di epoca vittoriana e la torre esistente da demolire hanno reso necessario limitare il più possibile i movimenti del terreno durante la costruzione. Durante gli scavi sono stati fatti due ritrovamenti archeologici di ville romane del II sec. a.c. rilevati e recuperati dagli archeologi del Museum of London. I piani interrati e le fondazioni sono stati pertanto realizzati con un sistema top-down, che ha consentito una gestione efficace del cantiere e di risparmiare tre mesi di lavoro rispetto al programma iniziale, scavando i piani interrati e contemporaneamente costruendo in altezza grazie alla realizzazione di una piastra di cemento armato a piano terra, sorretta da pilastri piantati profondamente nel terreno (figura 21). Il nucleo centrale delle dimensioni in pianta di 23 m x 20 m è in cemento armato vibrocompresso e va dal piano terra fino al settantaduesimo piano stabilizzando la struttura della torre rispetto alle oscillazioni e rendendo 31

8 superflua l istallazione di smorzatori. Il core è stato costruito con un sistema di casseri rampanti che salivano progressivamente e lentamente con un getto continuo di quattro millimetri al minuto, per consentire che il cemento facesse presa via via (figura 14). Le colonne perimetrali in acciaio delle dimensioni di 600 mm x 800 mm si riducono in altezza per dimensioni e peso e hanno un passo di 6 m nella parte più bassa degli uffici, di 3 m nell hotel e nelle residenze e di 1,5 m nella guglia. I piani più bassi degli uffici e dei negozi hanno una struttura mista in acciaio e getto collaborante con luci che raggiungono i 15 m dal perimetro al nucleo centrale e travi alveolari in acciaio alte 500 mm, che hanno consentito di ottimizzare lo spazio di alloggiamento degli impianti massimizzando l altezza dei piani (figure 12, 17, 18). In corrispondenza dell involucro lo spessore della struttura è stato ridotto al minimo e i controventi posti dietro la facciata sono realizzati con cavi del diametro di soli 25 mm. I piani del ristorante con altezza di 3,65 m sono realizzati con una struttura in acciaio a telaio con travi alte 500 mm e travi perimetrali Vierendeel alte tre piani che hanno permesso la realizzazione dello spazio a tutta altezza. I piani dell hotel e delle residenze sono realizzati con solette di calcestruzzo post-compresse spesse 200 mm che coprono luci fino a 9 m, ridotte dalla presenza di colonne intermedie e con altezze di piano di 3,1 m. La guglia è realizzata con un sistema portante a telaio interamente in acciaio su una maglia delle dimensioni di 3 m x 3 m. Un traliccio centrale controventato sorregge i solai sempre in acciaio su cui sono alloggiati il sistema di condizionamento e una gru per la manutenzione (figure 15, 16, 22). Una vera e propria prova di costruzione off-site della struttura suddivisa per sezioni ha permesso di ridurre i sollevamenti da fare in sito dagli 800 previsti a 100 e di migliorare alcune scelte di dettaglio per la qualità e la rifinitura delle connessioni nelle parti più visibili (figura 27). La guglia costituisce una piccola parte della struttura, realizzata con 530 t di acciaio sul totale di Fig Fasi di costruzione della struttura in acciaio dei piani interrati e dei primi piani adibiti a uffici ( Lee Maudsley). Fig Fasi di costruzione dei pilastri perimetrali inclinati e delle travi alveolari in acciaio della struttura portante, dal piano terra al ventottesimo piano ( Michel Denancé). Fig Fasi di costruzione della struttura in acciaio: una squadra di alpinisti ha lavorato in cantiere per assemblare gli elementi in acciaio fino a 300 metri di altezza ( Nic Lehoux). Fig Fasi di costruzione della struttura in acciaio e dell involucro vetrato ( Nic Lehoux) 32

9 t di acciaio strutturale usato per la torre, ma i ventitre piani che la compongono da realizzare a 300 metri di altezza, dove le raffiche di vento possono arrivare a 70/80 chilometri all ora, hanno comportato una dettagliata programmazione delle fasi di costruzione per un accurata realizzazione in sicurezza, efficacia di tempi, minimizzazione dei rischi e precisione rese possibili solo grazie all uso della struttura in acciaio (figure 19, 20). Trasparenze inclinate: l involucro come sensore del cielo La ricerca di un equilibrio tra la trasparenza cristallina dell involucro, le migliori condizioni microclimatiche interne e il contenimento dei consumi energetici ha attivato un proces Fig Schizzo schematico delle fasi di cantierabilità con le gru a torre e a sbalzo usate in sequenza ( WSP, Ron Slade). Fig La guglia, the spire, costituita dagli ultimi piani dal 75 al 95, è interamente in acciaio e vetro è stata pre-assemblata off-site in Yorkshire, smontata e ri-assemblata in sito con subcomponenti di dimensioni maggiori per ridurre il numero di sollevamenti ( WSP). Fig L edificio sale assottigliandosi e sembra scomparire in cielo prendendone luce e colore ( Michel Denancé) 23 33

10 Fig Sezione verticale della parte a sbalzo della facciata a doppia pelle che in alcuni punti arriva a 4,2 m ( WSP). Fig Sezione orizzontale della facciata a doppia pelle con vetro singolo esterno float extra-white, intercapedine ventilata naturalmente e vetro doppio interno extra-white con vetrocamera in argon ( RPBW). Fig Foto di dettaglio dei profili di connessione in alluminio posti nell intercapedine della facciata ( RPBW) so di sperimentazione che ha visto la collaborazione di diversi specialisti sin dalle prime fasi di progetto. La geometria dell involucro è realizzata con otto macro-schegge vetrate che hanno una superficie irregolare e frammentata e sono agganciate ai solai in calcestruzzo e ai pilastri perimetrali con estremità a sbalzo fino a 4 m. Il sistema è costituito da una chiusura continua a doppia pelle con ventilazione naturale verso l esterno e tende avvolgibili per la protezione dalle radiazioni solari poste nell intercapedine. I pannelli vetrati sono a tutta luce, privi di traversi e montati in sormonto dei telai portanti in alluminio con sistema a silicone strutturale, in modo da vedere all esterno una superficie continua estremamente piana e trasparente e fare sembrare la facciata il più leggera possibile. Un dettagliato sistema di guarnizioni poste tra i montanti verticali garantisce l efficacia della ventilazione naturale. L involucro, dello spessore totale di 310 mm, è costituito dall esterno verso l interno: da un vetro singolo stratificato di 13 mm, con trattamento superficiale riflettente del 24%, giuntato con silicone strutturale ai montanti a L in alluminio; da profili orizzontali di collegamento in alluminio posti nell intercapedine dello spessore di 200 mm e su cui si agganciano le tende avvolgibili; dai telai in alluminio, con tenuta all aria e all acqua e anta apribile dall interno, con vetrocamera ad elevate prestazioni e trattamento superficiale basso emissivo dello spessore di 34 mm (figure 24, 25, 26). Tutti i vetri sono di tipo extra-white, realizzati con materie prime a basso tenore di ossidi di ferro, per renderli incolori e privi del viraggio cromatico verde, e di tipo float estremamente piano, per evitare sia l effetto di ondulazione del vetro temperato che le distorsioni delle riflessioni. Il vetro utilizzato (Ipasol Bright) è stato appositamente sviluppato insieme all a- 34

11 zienda Interpane e l uso di tale materiale sensibile, grazie alla sua sfaccettatura multipla fa sì che quando il sole gira una faccia diventa riflettente e l altra no, vedi solo una facciata e le altre spariscono: la torre sembra un fantasma e non si capisce come faccia a stare in piedi osserva Renzo Piano. La superficie totale di facciata di circa m² è realizzata con elementi vetrati delle dimensioni di 1,5 m di base e di 3,8 m di altezza che sono stati installati alla velocità di 200 alla settimana. Tutti gli elementi in alluminio sono verniciati a polvere di colore bianco-grigio (RAL Design 9000), la stessa finitura usata per le strutture in acciaio. Le tende avvolgibili in tessuto di fibra di vetro di colore bianco-grigio sono contenute in alloggiamenti di colore rosso aranciato (figura 11). Le griglie di facciata sono invisibili in quanto nascoste nelle fratture delle schegge e i vani macchina sono nascosti da un vetro interno opaco di colore grigio scuro per garantire la continuità all esterno. L involucro dei giardini di inverno è invece costituito da una facciata continua con doppi vetri ad alte prestazioni e portafinestra, per consentire la ventilazione naturale attraverso gli spazi. Il sistema di facciata assicura una trasmittanza di 1,4 W/m 2 K e un sistema automatico di gestione dell edificio regola la chiusura delle tende quando la radiazione solare supera i 200 W/m² permettendo di ridurre la radiazione solare G da un valore di 0,55 a 0,12 con le tende abbassate. L edificio ha ottenuto l Excellent Rating Bream, il sistema di valutazione ambientale degli edifici del BRE (Building Research Establishment) e, con la combinazione del sistema di facciata e l impianto di cogenerazione ad alta efficienza, oltre a superare del 25% le prescrizioni energetiche del 2006 rientra anche negli incrementi di standard previsti per il Le parti e il tutto L unicità del processo che ha portato alla realizzazione della London Bridge Tower evidenzia alcune istanze che da sempre caratterizzano il progetto di architettura nel contesto esistente, politico, economico e sociale. L impegno e la responsabilità personale dell architetto emergono con forza nell equilibrare il complesso sistema di relazioni che nel progetto porta a sintesi la forma, la funzione e la struttura in modo che le parti non prendano il sopravvento sul tutto. Le sperimentazioni tecniche, sempre più avanzate e specializzate sulla precisa definizione delle caratteristiche dei materiali, in particolare per il sistema di involucro che caratterizza in maniera estesa l intero progetto, risultano quanto mai relazionate ai fini che ci si prefiggeva di raggiungere. In tal senso, i caratteri di trasparenza, leggerezza, apertura e luminosità che connotano la London Bridge Tower, determinanti per l ottenimento dell autorizzazione a costruire, hanno radicalmente trasformato lo spazio esistente rendendolo un luogo riconoscibile, facilmente attraversabile e vivibile come prima non era. La ridefinizione urbana dell intorno che riconnette gli spazi costruiti e gli spazi aperti reintegrandoli nell ambiente, insieme all accuratezza, alla qualità e alla raffinata precisione dei CREDITS Location of Project: London, United Kingdom Client: Sellar Property Group Total Square Footage: m 2 Construction time: Phase one (planning application): Phase two: Architectural Firm: Renzo Piano Building Workshop (RPBW) in collaboration with Adamson Associates (Toronto, London) Design team: J. Moolhuijzen, W. Matthews (partner and associate in charge), B. Akkerhuis, G. Bannatyne, E. Chen, G. Reid with O. Barthe, J. Carter, V. Delfaud, M. Durand, E. Fitzpatrick, S. Joly, G. Longoni, C. Maxwell- Mahon, J.B. Mothes, M. Paré, J. Rousseau, I. Tristrant, A. Vachette, J. Winrow and O. Doule, Fig Le schegge di vetro arrivate in cima si fermano, e restano lì come sospese [...] la sua sommità è la cosa più bella, fotosensibile come il resto così Renzo Piano descrive la leggerezza e la trasparenza della guglia ( Michel Denancé) dettagli percepibile a vista, sembra rimettere al centro dell attenzione l esperienza umana nella fruizione dello spazio, facendo pensare a quello che Oscar Niemeyer amava ricordare ovvero che l architettura da sola non cambia niente, ma è la vita che cambia l architettura. Dr. arch. Valeria Giurdanella Dipartimento di Architettura, Ingegneria della costruzioni e Ambiente Costruito del Politecnico di Milano J. Leroy, L. Petermann; O. Aubert, C. Colson, Y. Kyrkos (models) Structural Engineering: WSP Cantor Seinuk Building Services: Arup Vertical transportation: Lerch, Bates & Associates Cost consultant: Davis Langdon Landscape: Townshend Architects Executive architect for the station: Pascall+Watson Main Contractor: Mace Project Manager: Turner & Townsend Glazing, cladding, winter gardens: Scheldebouw Specialist steelwork: Glazzards, Delta Ceilings, acoustic: BASWA, Metal Pan, SAS Stone walls and floors: Grants of Shoreditch Ironmongery: Allgoods Lighting: iguzzini, DAL, Thorn 35

Una scheggia nel cuore di Londra

Una scheggia nel cuore di Londra 1 Una scheggia nel cuore di Londra L idea di Renzo Piano per The Shard, fin dai primi schizzi, è stata quella di estrudere l edificio e progressivamente assottigliarlo partendo da una forma geometrica

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti PROTOCOLLO DI ISPEZIONE del sistema edificio-impianto (AUDIT) Versione 1.07.10 Ultimo aggiornamento Ottobre 2007

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

Costruzione a curvatura complessa e discretizzazione dei componenti

Costruzione a curvatura complessa e discretizzazione dei componenti TECNICHE ESECUTIVE Robin Partington Elaborazione euristica: studio delle centinature di telaio e delle superfici di avvolgimento in accordo alle sollecitazioni climatiche Disegno di localizzazione generale

Dettagli

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Il processo progettuale e la certificazione LEED: la nuova torre Unipol a Bologna

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE

NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE NUOVA STAZIONE ALTA VELOCITA ROMA TIBURTINA COPERTURA GALLERIA PONTE E FABBRICATI DI STAZIONE NEW RAILWAY STATION ROMA TIBURTINA STEEL ROOF AND STATION BUILDINGS Ing. Giovanni Costa Prof. Ing. Pierangelo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE A VALORE DI COSTRUZIONE 1 22/01/02 Revisione generale M.Chiavarini M.Di Giulio

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

rispetto ai confini, con lo scopo di consentire vaste aree arboree, che prolungano visivamente gli spazi verdi delle abitazioni confinanti.

rispetto ai confini, con lo scopo di consentire vaste aree arboree, che prolungano visivamente gli spazi verdi delle abitazioni confinanti. 1 L allure francese è talmente evidente da rendere incerta fra Parigi e Milano la contestualizzazione dell edificio. Eppure il Liceo Stendhal, progettato dall architetto francese François Guy dell Atelier

Dettagli

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Regione Lombardia Progetto RDB Casa- Sistema innovativo e flessibile di edilizia sociale idustrializzata Scheda Milano n. 23 Fonte

Dettagli

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella Sede centrale I Guzzini Giorni/ Ore d impiego: 9 ore Progettisti: Studio di Architettura Mario Cucinella Ingegneri: Studio di Architettura Mario Cucinella Sorgenti di energia: Ventilazione naturale Copertura

Dettagli

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI Silvio A. Manfredini, ingegnere, senior partner Open Project Marco Orlandini, architetto, senior partner Open Project Andrea Bozzini,

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE.

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. COMMITTENTE Eurotubi Europa è un azienda metalmeccanica con sede a Nova Milanese (nord Milano), specializzata nella produzione

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli!"#$$%&'()*+,-&.$$/0!12#234%$50## %6!74/0//86%$9$%$$$:;<:=<>$$?&@AB$CB$6)D.E")$ CA_3

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli!#$$%&'()*+,-&.$$/0!12#234%$50## %6!74/0//86%$9$%$$$:;<:=<>$$?&@AB$CB$6)D.E)$ CA_3 Classe di Unità Tecnologica: Strutture Unità tecnologica: Strutture di fondazione Elementi costruttivi: fondazioni Classe di Unità Tecnologica: Strutture Unità tecnologica: Strutture di fondazione Elementi

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO:

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: DESCRIZIONE TECNICA DEL PROGETTO: Il lavoro consiste nella realizzazione di due cupole geodetiche. Ogni cupola presenta 5 assi principali che la delimitano in altrettanti settori uguali. Le travi principali

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014

Residenza Matrix LUGANO. pagina 1 / 12 14.03.2014 LUGANO 14.03.2014 pagina 1 / 12 UBICAZIONE pagina 2 / 12 PIANO SITUAZIONE SCALA 1:500 Via M. Boschetti Alberti Entrata autorimessa Via Giuseppe Bagutti RESIDENZA CONCHIGLIA via alla Campagna Via Ferri

Dettagli

Foto: Atelier2 Gallotti & Imperadori Associati

Foto: Atelier2 Gallotti & Imperadori Associati Edilizia industrializzata in acciaio Ing. Marco Clozza, Fondazione Promozione Acciaio Dall inizio della crisi nel 2008, il panorama economico è stato caratterizzato da una brusca caduta della domanda e

Dettagli

LONDRA: The STRATA SE1 Razor bioedilizia all inglese

LONDRA: The STRATA SE1 Razor bioedilizia all inglese LONDRA: The STRATA SE1 Razor bioedilizia all inglese Per l'ennesima volta Londra cambia skyline. Ultimo ambizioso progetto un green building a Elephant & Castle, capolinea della Bakerloo Line. Nome ufficiale

Dettagli

Press Release Midfield Terminal, Abu Dhabi

Press Release Midfield Terminal, Abu Dhabi Oltre 6.000 tavoli per solai utilizzati a ciclo continuo per il Terminal aeroportuale di Midfield, Emirati Arabi Uniti Basiano, 7 aprile 2014 Ancora una prestazione vincente di PERI nella costruzione del

Dettagli

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Milano, Giugno 2014 Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Celtic Italy Srl - all right reserved Milano,Giugno 2014 Introduzione Complesso produttivo multipiano, fronte autostrada, realizzato

Dettagli

infinities HT estratto dal catalogo generale

infinities HT estratto dal catalogo generale infinities HT Secco Sistemi è un marchio italiano leader nella produzione di sistemi per serramenti e facciate in acciaio zincato, acciaio inox, acciaio corten e ottone. Ogni anno, 2 milioni di metri lineari

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate)

ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) ESPLOSO ASSONOMETRICO - PARETE (leggere con attenzione le spiegazioni sottoriportate) Profilo policarbonato Profilo fermavetro Carter di copertura Piede di regolazione Profilo fisso PARETE MONOLITICA:

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig.

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig. Residenza San Michele www.residenzasanmichele.ch Consegna: Estate 205 DOVE SI TROVA BELLINZONA 0 Stazione FFS 2 Asilo Comunale 6 5 9 4 7 2 3 3 4 5 6 7 8 Scuole Elementari Comunali Scuole Medie Liceo

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design /

Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / 46 / Luoghi di produzione ecocompatibili Uffici e laboratori Blaas Bolzano / monovolume architecture + design / / 1/ QUALITÀ DELL AMBIENTE ESTERNO Orientamento dell edificio che favorisce il comfort interno

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile

Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile Questionario CAR e Decennale Postuma Edilizia Civile SOMMARIO La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni PARTE I - GENERALITÀ... PARTE II - DATI TECNICI...3 PARTE III

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato

Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato Caso applicativo 5: recupero prestazionale e architettonico di un edificio degli anni 70 Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato Quinto caso applicativo - recupero prestazionale

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Facciate in Alluminio. Curtain Wall

Facciate in Alluminio. Curtain Wall Facciate in Alluminio Curtain Wall In un mondo globalizzato nessun progetto è per noi troppo distante, le nostre competenze ci permettono di raccogliere le sfide più impegnative e assicurare il successo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru.

Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru. Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru. Basiano, 21 maggio 2008 La città-stato di Singapore, centro finanziario e uno dei più grandi e moderni

Dettagli

Finestre a battente in alluminio e alluminio-legno.

Finestre a battente in alluminio e alluminio-legno. Finestre a battente in alluminio e alluminio-legno. La proposta Agostini alu-legno prevede una serie di fi nestre e portefi nestre a battente ad una o più ante apribili. Le serie dei profi li si differenziano

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

The Solaire L ESEMPIO

The Solaire L ESEMPIO L ESEMPIO The Solaire The Solaire, situato nella Battery Park City di New York, su un area nella parte occidentale di Manhattan, direttamente adiacente a Ground Zero, è il primo edificio progettato in

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile

QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile QUESTIONARIO - CAR E DECENNALE POSTUMA Danni Diretti all immobile La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante: - RISPONDERE a tutte le domande contenute nelle

Dettagli

NUOVI TERMINAL PER MIAMI

NUOVI TERMINAL PER MIAMI NUOVI TERMINAL PER MIAMI La continua crescita del mercato dei viaggi su navi da crociera impone da alcuni anni alla sua capitale indiscussa, il porto di Miami, un continuo adeguamento delle sue strutture,

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare attenzione alla ricerca nel campo dell innovazione tecnologica,

Dettagli

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA FERRACIN SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA VESPAIO SVELTO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto per realizzare vespai, intercapedini e pavimenti aerati in ogni tipo di costruzione nuova

Dettagli

AZIENDA L EVOLUZIONE DELL AZIENDA

AZIENDA L EVOLUZIONE DELL AZIENDA AZIENDA LA STORIA Sicilferro nasce nel 1982, a Torrenova, sulla costa settentrionale della Sicilia, a metà strada tra i due capoluoghi di Messina e Palermo, immersa all interno del Parco dei Nebrodi che

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca 9 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA FINE 2016 Appartamenti da 2 1/2 & 4 1/2 locali Gennaio 2015 LA VIGNA Progettazione,

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti A - Rinforzo reticolari copertura, tubolari di supporto copertura e rivestimenti 1 01.A18.A25 Carpenteria varia per piccoli

Dettagli

PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA

PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA consulenza esecuzione impermeabilizzazione pavimentazioni rivestimenti rinforzi RINFORZI STRUTTURALI ANTISISMICI PALAZZO DOMUS PAX LUGANO CONSOLIDAMENTO DI PARETI IN MURATURA Stabilizzazione di pareti

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

EASY HOME. Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa.

EASY HOME. Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa. EASY HOME BY Da tre esperienze consolidate, una realtà davvero innovativa. Innovazione qualità tecnologia Finalmente un nuovo concetto di edilizia: un metodo innovativo e tecnologicamente competitivo dagli

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI SPESA Comune di MONTEBELLUNA Provincia di TREVISO Progetto PRELIMINARE di ADEGUAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLE SCUOLE ELEMENTARI DI PEDERIVA 1 RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA E PREVENTIVO DI

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate,

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate, modulo 377 361 Venti ALLOGGI in affitto a canone sostenibile: un esempio che supera il concetto di NET ZERO ENERGY BUILDING. A Borgo San Lorenzo, in Toscana, progetto di Riccardo Roda SILVIO PAPPALETTERE

Dettagli

LEGGEREZZA E COMFORT

LEGGEREZZA E COMFORT I TEMI TRATTATI STRUTTURALE ABITATIVO steelmax by TM INNOVATIVO CONCETTO DI COSTRUZIONE steelmax PERCHE INNOVATIVO? SISTEMA COSTRUTTIVO LEGGERO: 1) costituito profili sottili in acciaio formati a freddo

Dettagli

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE

QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE QUESTIONARIO CAR E DECENNALE POSTUMA EDILIZIA CIVILE Questionario per l assicurazione tutti i rischi della costruzione di opere civili (C.A.R.) E per l'assicurazione DECENNALE POSTUMA danni diretti all

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Loc. Al Poggione - Via del Poggione Diecimo - Borgo a Mozzano (LU) Tel. +39 0583 835140 Fax. +39 0583 835230 www.ciprianocostruzioni.it

Dettagli

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario

PROGETTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA INTEGRATE CON SERVIZI IGIENICI PUBBLICI. Sommario Sommario PARTE I DISCIPLINARE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE DEGLI ELEMENTI TECNICI... 5 PARTE I SEZIONE I CARATTERISTICHE GENERALI DELL INTERVENTO... 5 Art. 1 Descrizione generale dell intervento... 5 1.1

Dettagli

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX SCHEDE TECNICHE PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX DnaX si caratterizza per la massima pulizia del linguaggio architettonico e dalla estrema flessibilità di impiego e versatilità nell utilizzo di diverse

Dettagli

Cilindro di cristallo struttura di acciaio

Cilindro di cristallo struttura di acciaio L ASCENSORE99IDEE Cilindro di cristallo struttura di acciaio Avvolta dalla scala, la cabina trasparente ha illuminazione a Led di forte impatto Testo Luca Signorelli I lavori di restauro e di ristrutturazione

Dettagli

Press Release Bosco Verticale, Milano

Press Release Bosco Verticale, Milano Costruito con tecnologia PERI, il Bosco Verticale vince il premio come grattacielo più bello del mondo Il complesso residenziale Bosco Verticale di Milano ha ricevuto il premio come edificio alto più bello

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere Introduzione STRUTTURA STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere l'intera costruzione. Per gli edifici di civile abitazione (residenziali), nei casi usuali

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma Allegato A Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ERM3234

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

LONDRA. 23-27 Maggio 2012

LONDRA. 23-27 Maggio 2012 LONDRA 23-27 Maggio 2012 Il 23 maggio alle ore 11 prendiamo l aereo che da Pisa ci porta a Londra all aeroporto di Luton. Inizia così il nostro primo viaggio a Londra. Alle 13 atterriamo, sbrighiamo velocemente

Dettagli

Spazi e Servizi per le Aziende

Spazi e Servizi per le Aziende Spazi e Servizi per le Aziende Auditorium Giovanni_Arvedi La cultura dell eccellenza che fin dai suoi primi passi guida il percorso di realizzazione del Museo del violino trova sintesi perfetta nell Auditorium

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO IN VIA LIBERO COMUNE CREMA. COMPLETAMENTO DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO SCOLASTICO IN VIA LIBERO COMUNE CREMA. COMPLETAMENTO DELL EDIFICIO SCOLASTICO PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 COMPLESSO SCOLASTICO IN VIA LIBERO COMUNE CREMA. COMPLETAMENTO

Dettagli

TORREREGIONEPIEMONTE S.C.AR.L.

TORREREGIONEPIEMONTE S.C.AR.L. NUOVO PALAZZO PER UFFICI REGIONE PIEMONTE STAZIONE APPALTANTE: REGIONE PIEMONTE IMPRESA ESECUTRICE: TORREREGIONEPIEMONTE S.C.AR.L. IMPRESA ESECUTRICE: IMMAGINE MODELLO TORREREGIONEPIEMONTE S.C.AR.L. COOPSETTE

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova Nella Zona Industriale di Padova nuovo Centro Servizi L edificio sorgerà nella zona industriale di Padova, a un centinaio di metri dal casello autostradale Padova Zona Industriale della A13, Pd-Bo. Il

Dettagli