Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia"

Transcript

1 Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia

2 I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: milioni di passeggeri km all anno anno Il 92.40% sceglie la strada Traffico merci interno: milioni di tonnellate - km all anno anno Il 65.33% avviene su strada

3 Le Criticità Preponderanza del trasporto su strada rispetto agli altri modi di trasporto Congestioni elevate concentrate intorno alle aree metropolitane Solo il 16,7% delle merci si muove per ferrovia ed il 17,3 per vie d acquad Vulnerabilità del sistema in presenza di eventi eccezionali Elevata incidentalità stradale

4 Le Necessità Maggiore offerta infrastrutturale Ottimizzazione dell utilizzo delle infrastrutture esistenti Maggiore integrazione delle reti di trasporto per creare le condizioni per un intermodalit intermodalità efficiente sia per passeggeri che per le merci Miglioramento delle condizioni di sicurezza

5 Una possibile risposta: gli ITS Gli ITS nascono dall applicazione applicazione ai trasporti delle tecnologie informatiche e di comunicazione Gli ITS sono lo strumento per gestire efficacemente i sistemi di trasporto ed integrare le reti L integrazione delle informazioni e dei sistemi consente di affrontare in modo intelligente i problemi della mobilità e del trasporto nella loro globalità

6 Cosa sono gli ITS? Gli ITS sono i sistemi per: La gestione del traffico e della mobilità Il pagamento automatico La gestione del trasporto pubblico L informazione all utenza Il controllo avanzato del veicolo per la sicurezza del trasporto e la navigazione La gestione delle flotte e del trasporto merci La gestione delle emergenze e degli incidenti

7 I Benefici degli ITS Con gli ITS si sono ottenuti (dati Commissione Europea del Libro Bianco sulla Politica dei Trasporti 2001): Riduzione dei tempi di spostamento: 20% Diminuzione delle congestioni: 15% Miglioramento della sicurezza: 10-15% Riduzione delle emissioni inquinanti: 10% Aumento dei consumi energetici: 12%

8 Gli ITS in Italia Il settore degli ITS si è sviluppato in Italia a partire dagli anni 80 Settori di maggiore sviluppo: ITS per la gestione del traffico e della mobilità ITS per la gestione del TPL e delle flotte ITS per il pagamento automatico del pedaggio (sistema Telepass) ITS per il controllo del veicolo e della navigazione

9 Applicazioni e Best Practice - 1 Il Sistema ITS integrato di Roma Il Sistema ITS integrato per il monitoraggio e la gestione del traffico di Roma è stato realizzato nel 2000 in occasione del Giubileo Il cuore del Sistema è la Centrale di Controllo del Traffico La Centrale mette in sinergia una serie di sottosistemi, ciascuno dedicato a funzioni specifiche di monitoraggio e/o regolazione dei flussi di traffico

10 Applicazioni e Best Practice - 2 Gli elementi del sistema: il sistema UTOPIA (Urban( Traffic Optimisation by Integrated Automation) ) di regolazione semaforica il sistema di rilevamento dei flussi di traffico il sistema IRIDE per il controllo automatico degli accessi nel centro storico il sistema di informazione all utenza attraverso Pannelli a Messaggio Variabile VMS il sistema di videosorveglianza CCTV il sistema PARK per il controllo dei parcheggi il TIC (Traffic( Information Centre) ) per la divulgazione delle informazioni sullo stato del traffico, i lavori in corso, gli eventi programmati ed eccezionali E in corso di integrazione il sistema AVM di gestione del Trasporto Pubblico Locale

11 Applicazioni e Best Practice - 3 La Sala di Controllo Traffico

12 Applicazioni e Best Practice - 4 Benefici ottenuti Riduzione dei tempi di viaggio: 10% Miglioramento della sicurezza: 12% Riduzione delle emissioni inquinanti: 15%

13 Applicazioni e Best Practice - 5 Il Sistema ITS di Torino 23 Pannelli di guida ai parcheggi 27 Pannelli a direzione variabile (Arterie principali di ingresso alle città) Sistemi di route guidance (50 cars)

14 Applicazioni e Best Practice - 6 Il Sistema ITS di Torino 10 Terminali informativi su strada Informazioni su Internet Paline intelligenti (300)

15 Applicazioni e Best Practice - 7 Il Sistema ITS di Torino

16 Applicazioni e Best Practice - 8 Risultati ottenuti con il Sistema ITS integrato per la gestione del traffico e del trasporto pubblico

17 Applicazioni e Best Practice - 9 Il Sistema ITS di Mestre Sistema ITS integrato basato su strategie di allocazione dinamica ed automatica del traffico su due o tre corsie L obiettivo è la riduzione della congestione

18 Applicazioni e Best Practice - 10 Roma: Il Progetto Octoplus Sistema AVM sviluppato da ATAC in esercizio sulla linea del tram 8 composto da tre sottosistemi: sistema di bordo centrale di monitoraggio infrastruttura di comunicazione L analisi dei tempi di percorrenza e di stima dei transiti alle fermate fornisce all utenza i tempi di attesa alle fermate attraverso paline elettroniche La centrale AVM è collegata con il sistema di controllo semaforico per realizzare la priorità semaforica

19 Applicazioni e Best Practice - 11 Napoli: Il Sistema SAE Sistema AVM sviluppato da ANM che utilizza GPS ed odometri a bordo per localizzare il veicolo sulla linea ed apparati radio per la comunicazione che permette di: Gestire dinamicamente la flotta in esercizio attuando procedure di monitoraggio e regolarizzazione del servizio Fornire all utenza indicazione sui tempi di transito dei mezzi alle fermate con paline elettroniche Fornire indicazioni in temo reale ai conducenti e alla clientela a bordo

20 Applicazioni e Best Practice - 12 Milano: Il Sistema di Regolazione e Controllo Centralizzato Sistema di monitoraggio e controllo dell esercizio esercizio sviluppato da ATM, basato su markers posti lungo i tracciati delle linee che leggono il passaggio dei mezzi Il sistema consente di: localizzare i mezzi e il loro distanziamento sulla linea monitorare le condizioni di carico dei mezzi informare gli utenti alle fermate sui tempi di attesa utilizzare in modo ottimizzato i veicoli disponibili in base alle esigenze del trasporto segnalate sulle linee in tempo reale

21 I Benefici degli ITS per il TPL Risultati di un indagine TTS Italia % % aziende intervistate % 44% 7% 0 Miglioramento qualità del servizio Aumento utenza Riduzione costi per inefficienze Altro

22 Il Mercato Italiano degli ITS -1 I valori del fatturato ITS nel triennio : un mercato in crescita (Indagine TTS Italia 2005) 2001 (M ) 2002 (M ) 2003 (M ) Totali nel triennio Fatturato ITS 221,6 239,8 274,7 736,1 Fatturato Complessivo 3.290, , , ,6 % ITS rispetto al complessivo 6,7% 8,0% 9,5%

23 Il Mercato Italiano degli ITS -2 I segmenti più produttivi nel 2003: prevalgono gli ITS per la modalità stradale Gestione Traffico e Mobilità Informazione all Utenza Gestione Flotte Pagamento Automatico Controllo del Veicolo e Navigazione Trasporto Ferroviario Trasporto Marittimo Totale 66,92 M 17,20 M 61,05 M 16,62 M 60,43 M 46,58 M 5,92 M 274,72 M Mercato ITS 2003 per modalità di trasporto Mercato ITS 2003 per la modalità stradale 17,0% 2,2% 27% 31% 7% 8% strada ferrovia mare 80,9% 27% Gestione Traffico Gestione Flotte Controllo del veicolo e navigazione Informazione all'utenza Pagamento Automatico

24 Il Mercato Italiano degli ITS -3 Il mercato ITS italiano: analisi attuale e previsioni al Milioni di

25 Il Mercato Italiano degli ITS -4 Previsioni di fatturato per segmenti di mercato Milioni di Gestione traffico e mobilità Informazione all utenza Gestione flotte e merci Pagamento automatico Controllo avanzato del veicolo ITS per il trasporto ferroviario ITS per il trasporto marittimo

26 La Necessità di un Architettura ITS Nazionale Le esperienze dimostrano che gli ITS, per essere realmente efficienti e rappresentare una reale opportunità di mercato, devono essere interoperabili fra loro, ossia devono dialogare (esempio: l integrazione dei sistemi di gestione del traffico e di gestione del TPL) Lo sviluppo di soluzioni proprietarie ostacola l interoperabilità fra i diversi sistemi e comporta inefficienze e costi maggiori Le Architetture dei diversi sistemi devono quindi essere coerenti e rispondere ad una linea guida di riferimento comune valida a livello nazionale ed europeo: l Architettura ITS Nazionale - ARTIST

27 ARTIST ARTIST è l iniziativa di maggiore rilevanza intrapresa in Italia per incentivare lo sviluppo degli ITS L Architettura Nazionale ARTIST è un progetto promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2001 sulla base delle indicazioni contenute nel PGTL Piano Generale dei Trasporti e della Logistica La Versione 1 di ARTIST è stata presentata dal Ministero a Marzo del 2003 Attualmente è in fase di definizione il progetto di un nuovo software per ARTIST che sarà disponibile a breve

28 Gli elementi di ARTIST ARTIST, partendo dai requisiti utente che un sistema ITS deve soddisfare, consente di definire uno schema di riferimento per: L Architettura Logica del sistema, ossia lo schema a blocchi dei flussi logici necessari per realizzare i requisiti utente prefissati L Architettura Fisica del sistema, ossia quali sono i componenti fisici che costituiscono il sistema L Architettura Organizzativa, ossia quali attori (organizzazioni/enti/aziende) devono essere coinvolti per garantire il pieno funzionamento del sistema

29 Le caratteristiche di ARTIST -1 ARTIST fornisce una rappresentazione ideale di come deve essere fatto un sistema ITS per realizzare pienamente i requisiti utente di partenza Gli ITS progettati seguendo gli schemi di ARTIST sono fra loro interoperabili, perché sono realizzati sulla base di una stessa architettura di riferimento

30 Le caratteristiche di ARTIST -2 ARTIST costituisce una guida di riferimento per la progettazione e la realizzazione degli ITS a livello nazionale La compatibilità di ARTIST con l Architettura Europea FRAME garantisce anche che i Sistemi ITS nazionali sono compatibili con gli analoghi sistemi sviluppati negli altri Paesi Europei che hanno adottato Architetture compatibili con FRAME (esempio: continuità dei sistemi nel passaggio da un Paese all altro, per es. Telepass o sistemi di info all utenza)

31 Le priorità di ARTIST ARTIST è il frutto di un processo di elaborazione che ha coinvolto le maggiori realtà italiane del settore dei trasporti Alla base di ARTIST sono state poste delle priorità strategiche: Compatibilità con l Architettura Europea Privilegiare gli aspetti intermodali del trasporto passeggeri e merci Approfondire gli aspetti organizzativi, la definizione della catena del valore

32 La modularità di ARTIST ARTIST è un architettura aperta,ossia espandibile e modulare La modularità di ARTIST consente di introdurre nuove funzionalità dovute dall introduzione di nuove tecnologie (per es. Galileo) e/o aggiornare ed estendere quelle esistenti Questo permette di espandere i sistemi senza doverli riprogettare, con notevoli riduzione dei costi, e a vantaggio dell efficienza dell intero sistema dei trasporti

33 Conclusioni - 1 Le esperienze in atto dimostrano che gli ITS possono costituire un importante opportunità: Per i benefici che si possono ottenere Per il mercato che si può generare Vi sono però delle criticità che ancora ostacolano il pieno sviluppo degli ITS in Italia: La mancanza di standard condivisi La mancanza di coordinamento fra le iniziative L esistenza di barriere organizzative e normative

34 Conclusioni - 2 L Architettura ARTIST è fondamentale per la diffusione degli ITS in Italia, ma è uno strumento che deve essere promosso e applicato su larga scala per arrivare a sistemi del tutto interoperabili Serve una strategia nazionale sugli ITS che fissi: Le priorità nel breve-medio periodo Le misure necessarie per realizzarle Gli strumenti organizzativi e finanziari di supporto

35 Il Piano Strategico Nazionale sugli ITS TTS Italia sta elaborando una Proposta di Piano Strategico Nazionale sugli ITS su richiesta dell ex ex MIIT Il documento contiene una serie di proposte sulle priorità e gli obiettivi per gli ITS in un orizzonte di breve-medio periodo, le azioni necessarie per conseguirli ed i benefici attesi La prima bozza è stata realizzata a Marzo 2006 Il documento definitivo sarà presentato a settembre ottobre 2006

36 Grazie per l attenzione! l

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri

ARTIST: stato dell arte e sviluppi futuri DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, PER IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Direzione Generale per la Programmazione e i Programmi Europei Divisione 3 :

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

Best Practice on User Information

Best Practice on User Information Best Practice on User Information Senigallia Italy 16/07/2013 MARCHE REGION Speaker: Gabriele Frigio Marche Region ELETTRONICA E TELEMATICA NELL ORGANIZZAZIONE DEL TPL SU GOMMA Al fine di incentivare l

Dettagli

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Teoria e Tecnica della Circolazione a.a. 2010-2011 ITS Intelligent Transport Systems SISTEMI DI TRASPORTO INTELLIGENTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Mobilità nazionale

Dettagli

1. Introduzione. 2. Il Progetto

1. Introduzione. 2. Il Progetto 1. Introduzione Con l espressione trasporto pubblico locale intelligente si intende l uso di tecnologie a supporto della mobilità e degli spostamenti di persone. Grazie allo sviluppo di dispositivi e strumenti

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna Il Centro di controllo del traffico di Bologna Fabio Cartolano Comune di Bologna Veicoli equipaggiati con GPS/GPRS Centro di controllo flotta autobus Telecamere ITS a Bologna Insieme di strumenti per la

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie.

Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Integrazione tecnologica dei servizi di trasporto pubblico locale con le ICT: sfide, contesti marginali e strategie. Relatori: dott. Ivan Fava arch. Cecilia Pavan Servizio Trasporto Pubblico Locale Direzione

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

Autori: Ing. Pierluigi Coppola, Ing. Gian Piero Di Muro Dipartimento Ingegneria Civile - Università di Roma Tor Vergata. Ing. Olga Landolfi TTS Italia

Autori: Ing. Pierluigi Coppola, Ing. Gian Piero Di Muro Dipartimento Ingegneria Civile - Università di Roma Tor Vergata. Ing. Olga Landolfi TTS Italia Osserrvattorriio delllla Tellemattiica perr ii Trrasporrttii Diiparrttiimentto d Ingegnerriia Ciiviille Uniiverrsiittà degllii Sttudii dii Roma Torr Verrgatta Indagine sui Sistemi ITS nelle Aziende di

Dettagli

L ITS Action Plan e la proposta di. Europea. Olga Landolfi 29 Gennaio 2009

L ITS Action Plan e la proposta di. Europea. Olga Landolfi 29 Gennaio 2009 L ITS Action Plan e la proposta di Direttiva della Commissione Europea Olga Landolfi 29 Gennaio 2009 L ITS Action Plan: contesto e riferimenti -1 COM(2008) 886 Piano d azione per la diffusione di sistemi

Dettagli

SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA

SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA SISTEMA DI TELECONTROLLO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA INTRODUZIONE Al fine di migliorare il servizio di trasporto pubblico è necessario dotarsi di sistemi tecnologici avanzati di supporto alla gestione

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità La Centrale della Mobilità Sistemi Tecnologici La Centrale della Mobilità - evoluzione Centrale del Traffico Centrale della Mobilità 2000 STA spa mobilità

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

ITS Intelligent Transportation Systems

ITS Intelligent Transportation Systems L azienda Elsag Datamat è la nuova azienda Finmeccanica, frutto dell unione delle due grandi realtá italiane Elsag e Datamat, nata per essere il Centro di Eccellenza nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Gli ITS per la Gestione della Mobilità

Gli ITS per la Gestione della Mobilità Gli ITS per la Gestione della Mobilità Innovazione al servizio dell Utente Telematica Trasporti e Sicurezza Soluzioni al Servizio dell Utente Introduzione è uno dei Paesi Europei a più alta densità di

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto Progetto di Integrazione e Sviluppo Tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell Area Vasta di Cagliari POR Sardegna 2000-2003 Asse VI Reti e Nodi di Servizio Misura 6.2 Accessibilità e governo

Dettagli

La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico

La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico Le piattaforme tecnologiche per la Mobilità I NUMERI DELLA MOBILITA 800.000 veicoli/giorno in ingresso 680 Mln passeggeri

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte

Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte Il Traffic Operation Centre della Regione Piemonte Piero Boccardo Presidente 5T srl Chi siamo 5T è una società privata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza e gestisce sistemi ITS (Intelligent

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità

L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità L integrazione come valore aggiunto nell Infomobilità Piero Bergamini Responsabile Direzione Servizi Evoluti Autostrade// per l italia Telematic Trends Torino 10 Novembre 2004 1 La rete in gestione Gruppo

Dettagli

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco

Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco SMIS0105I12XX SWARCO MIZAR S.p.A. Soluzioni ITS per Smart Cities Gino Franco Il Mondo sta cambiando > 7 000 000 000 popolazione mondiale > 60% in aree urbane nel 2050 Tasso di motorizzazione in crecita

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ

AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ Organizzato da: AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ DI PADOVA Amedeo Levorato Amministratore Delegato ne-t by Telerete Nordest srl ne-t by Telerete Nordest Servizi per le telecomunicazioni, l information technology

Dettagli

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Torino, 11 luglio 2011 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Missione 5T progetta, realizza e gestisce sistemi ITS e di infomobilità, nel campo della mobilità pubblica e privata

Dettagli

LA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA A VENEZIA

LA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA A VENEZIA LA BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA A VENEZIA Ing. Giovanni Seno Amministratore Delegato Gruppo AVM Coordinato da: Organizzato da: 30 31 gennaio 2014 Il Gruppo AVM Holding comunale dei servizi di trasporto,

Dettagli

I SISTEMI AVM/SAE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IN ANM

I SISTEMI AVM/SAE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IN ANM I SISTEMI AVM/SAE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IN ANM Aldo Paribelli ANM-Napoli L ANM ANM è l Azienda del Comune di Napoli a cui sono demandati la progettazione, la gestione e l espletamento del servizio

Dettagli

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica IL PROGRAMMA INTEGRATO TERRITORIALE PROGRAMMA OPERATIVO 2007 2013 ASSE 3 SVILUPPO URBANO Progetto Integrato: Centro città 4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Il contesto tecnologico Mobit: i sistemi di Tiemme, CTT Nord e ATAF Gestioni

Il contesto tecnologico Mobit: i sistemi di Tiemme, CTT Nord e ATAF Gestioni Il contesto tecnologico Mobit: i sistemi di Tiemme, CTT Nord e ATAF Gestioni Maurizio Pelosi Tiemme Fulvio Della Bella CTT Nord Andrea Ferrari ATAF Gestioni Presentazione di MOBIT S.C.a.R.L. Costituita

Dettagli

Navigazione Satellitare Europea per la tracciabilità dei veicoli

Navigazione Satellitare Europea per la tracciabilità dei veicoli I progetti MENTORE e SCUTUM: la Navigazione Satellitare Europea per la tracciabilità dei veicoli Antonella Di Fazio, Telespazio Leonardo Domanico, TTS Italia EIV, Milano, Novembre 20101 Contenuti I sistemi

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Città di Torino Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Ottobre 2015 I numeri chiave Circa 900.000 abitanti 130 Km2 di superficie Area metropolitana 1,5 milioni di persone con

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di

Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di Per dimostrare i benefici della citylogistics in presenza di condizioni favorevoli per farla decollare, abbiamo deciso di costruire un modello di simulazione con l aiuto della società Flexcon di Torino

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità 2 Avviso Programma ELISA Enti Locali Innovazione di SistemA 14 ottobre 2010 Provincia di Milano Settore Gestione Rete Stradale e Mobilità Ciclabile Servizio

Dettagli

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Città di Messina Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Conferenza stampa di presentazione del sistema Si.D.U.M.Me Indice «Europa 2020» Infomobilità cittadina

Dettagli

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S ne-t by Telerete Nordest NE-T: società di servizi per le telecomunicazioni, l information technology

Dettagli

Ricarica la vita! citycar elettrica

Ricarica la vita! citycar elettrica Ricarica la vita! citycar elettrica elettrica icar0 nasce elettrica e non, come spesso accade, da una trasformazione di un veicolo a motore tradizionale. Questa progettazione specifica ha permesso di creare

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1 PROTOCOLLO D INTESA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Amministrazioni pubbliche territoriali e locali Socie di Autostrada del Brennero S.p.A. Trento, 15 gennaio 2016 Intesa - Conferenza

Dettagli

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Inquadramento Territoriale PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o POPOLAZIONE RESIDENTE(ab.): 1.021.700 AREA URBANA

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO

XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO XVI CONVEGNO TECNICO PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO Il miglioramento della gestione con un nuovo segnalamento stradale Roberto Arditi SINA (Gruppo ASTM-SIAS) Roma 18-19 febbraio 2005 Crescente

Dettagli

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini

Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Francesco Petracchini Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. Città in movimento: pensare e progettare nuovi spazi di interazione

Dettagli

Il progetto Wi-Move a Firenze

Il progetto Wi-Move a Firenze Il progetto Wi-Move a Firenze Dott. Stefano Fantoni Coordinatore DIPARTIMENTO I - TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE Dirigente SVILUPPO ECONOMICO, PROGRAMMAZIONE E TURISMO (stefano.fantoni@provincia.fi.it) Sommario

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

Wi-Move Scenari per le tecnologie dell info-comunicazione

Wi-Move Scenari per le tecnologie dell info-comunicazione Wi-Move Scenari per le tecnologie dell info-comunicazione La ricerca in oggetto nonché la redazione e la revisione di questo documento sono stati curati da RFIDLab del CATTID Sapienza Università di Roma

Dettagli

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA

Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Soluzioni avanzate per la mobilità urbana Relatore: Mario PERRETTA Perché? Perché? Autostrade//Tech nasce per mettere a frutto il Know How tecnologico di Autostrade//per l Italia, relativamente agli ITS,

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 Chi è TTS Italia TTS Italia è l Associazione Nazionale per

Dettagli

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence.

L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities. Smart city. Intelligenza al servizio della sostenibilità. Intelligence. L esperienza del Politecnico di Milano per le Smart Cities Donatella Sciuto Smart city Intelligenza al servizio della sostenibilità Intelligence Sensors Model of the city Actuators Contesto urbano, sociale,

Dettagli

L approccio Elsag Datamat

L approccio Elsag Datamat Le tecnologie innovative per la sicurezza partecipata L approccio Elsag Datamat Carlo Gualdaroni Amministratore Delegato Elsag Datamat Elsag Datamat Elsag Datamat è il centro di eccellenza Finmeccanica

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

I dati sulla mobilità e il loro uso strategico in tempo reale

I dati sulla mobilità e il loro uso strategico in tempo reale Ricerca, servizi e comportamenti per il futuro della città FORUM PA 2012 Roma, 17 maggio 2012 I dati sulla mobilità e il loro uso strategico in tempo reale Fabrizio Arneodo, 5T Responsabile Dipartimento

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

Informata della Mobilità

Informata della Mobilità Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Il progetto GIM Gestione Informata della Mobilità Fabio Formentin Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna

Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna Allegato al Decreto dell Assessore dei Trasporti n.1 del 28.01.2008 Gennaio 2008 1. PREMESSA... 2 2. QUADRO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio)

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio) SISTEMA SISTEMAS.I.MON. S.I.MON. IL (Sistema Integrato di MONitoraggio) BUS STOP BUS STOP novembre 2010 La struttura del sistema Veicoli Depositi Rete GPRS Semafori Sistemi di Telecomunicazione (rete dedicata)

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

SISTEMI ITS. Stato dell Arte. Come emerso dal X Congresso Mondiale di Madrid NOVEMBRE 2003. Introduzione

SISTEMI ITS. Stato dell Arte. Come emerso dal X Congresso Mondiale di Madrid NOVEMBRE 2003. Introduzione SISTEMI ITS Stato dell Arte Come emerso dal X Congresso Mondiale di Madrid NOVEMBRE 2003 4 6 8 14 16 30 34 36 38 40 42 44 46 48 52 54 56 58 60 62 Introduzione I Sistemi ITS: uno strumento strategico per

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi informativi di bordo aperti, iniziative di standardizzazione e realizzazioni

Lo sviluppo dei sistemi informativi di bordo aperti, iniziative di standardizzazione e realizzazioni BUS&BUS BUSINESS 2009 TAVOLA ROTONDA ANFIA Verona, 18 Novembre 2009 Lo sviluppo dei sistemi informativi di bordo aperti, iniziative di standardizzazione e realizzazioni concrete Vittorio Moreggia www.digigroup.com

Dettagli

Misure di Logistica Urbana

Misure di Logistica Urbana Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it marzo 2013 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Misure di Logistica Urbana Misure di logistica urbana Strategie Riduzione del numero di veicoli

Dettagli

Seminario «Venezia: i cambiamenti climatici e le opportunità future» Venezia, 18 maggio 2012

Seminario «Venezia: i cambiamenti climatici e le opportunità future» Venezia, 18 maggio 2012 La mobilità a Venezia Il ruolo chiave dei sistemi ITS - Intelligent Transport Systems - Seminario «Venezia: i cambiamenti climatici e le opportunità future» Venezia, 18 maggio 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio

E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio L esperienza di Brescia Mobilità nei sistemi di E-Ticketing e Mobile Payment Ing S. Pace Brescia Mobilità SPA Brescia

Dettagli

INFOMAR. Port&ShippingTech. Michele Vitiello INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI. Genova, 5 novembre 2009.

INFOMAR. Port&ShippingTech. Michele Vitiello INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI. Genova, 5 novembre 2009. INFOMAR INFOMOBILITÀ INTERMODALE NEL TRAFFICO MARITTIMO PASSEGGERI TSF S.p.A. 00155 Roma Via V. G. Galati 71 Tel. +39 06 43621 Port&ShippingTech Genova, 5 novembre 2009 Michele Vitiello Area Manager www.tsf.it

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL

IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL IL PROGETTO MILANESE DI INTEGRAZIONE TRA CAR-SHARING E TPL Arch. Filippo Salucci Direttore Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Comune di Milano 31 MAGGIO 2010 LO STATO DELL ARTE A MILANO Iscritti:

Dettagli

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento WP2 Continuità dei servizi ITS per la gestione del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento Indice Stato dei lavori Metodologia Contenuti

Dettagli

Introduzione delle tecnologie nel servizio TPL: criticità e impatti

Introduzione delle tecnologie nel servizio TPL: criticità e impatti Introduzione delle tecnologie nel servizio TPL: criticità e impatti Piero Sassoli Piero Sassoli Direttore Generale TIEMME Spa AZIENDE, ENTI e CITTADINI ENTI PUBBLICI Affidamento concorsuale AZIENDE Carta

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano

BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano OBIETTIVO Il Convegno Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie Piano Regionale ex LR 49/99 Definizione del Cronoprogramma FASE Ott. 2011 Nov. 2011 Dic. 2011 Gen. 2012 Nov. 2012 Dic. 2012 Gen. 2013 Feb. 2013 A Esame CTD informativa + Preliminare VAS Esame GR e invio

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

Sistemi di gestione centralizzata e ausilio all'esercizio per tranvie: stato dell'arte ed evoluzione

Sistemi di gestione centralizzata e ausilio all'esercizio per tranvie: stato dell'arte ed evoluzione 2 Convegno Nazionale Sistema Tram Roma 19 / 20 Ottobre 2006 Sistemi di gestione centralizzata e ausilio all'esercizio per tranvie: stato dell'arte ed evoluzione ing. Massimo Guzzi Metropolitana Milanese

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 6 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La mobilità è una determinante dello sviluppo e sta diventando una parte fondamentale della vita sociale ed economica. Le società sono sempre

Dettagli

Proposta di Piano di Azione ITS Nazionale. Executive Summary

Proposta di Piano di Azione ITS Nazionale. Executive Summary Proposta di Piano di Azione ITS Nazionale Executive Summary 1 La mobilità in Italia L Italia è uno dei Paesi Europei a più alta densità di traffico interno che si distribuisce in maniera non uniforme lungo

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli