1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione"

Transcript

1 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione MARIO VIRANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI URBANISTICA MODULO DI «AMMINISTRARE L URBANISTICA» PROF. ING. PIER BENEDETTO MEZZAPELLE 14 MAGGIO 2014

2 L URBANISTICA PROGRAMMA E AMMINISTRA IL TERRITORIO E REGOLA L US0 DEL SUOLO. E STRUMENTO DI GOVERNO DEI PROCESSI ISEDIATIVI, DI TUTELA DEL PATRIMONIO STORICO, DI CONSERVAZIONE DELLE AREE AGRICOLE, DI SALVAGUARDIA DEGLI AMBITI NATURALI, DI IDENTIFICAZIONE DEL PAESAGGIO COME «GENIUS LOCI»

3 L URBANISTICA TRATTA LE INFRASTRUTTURE DELLO STRUMENTO DI COMPETENZA (AD ES. LA VIABILITA DI UN PRG). QUELLE DI SCALA MAGGIORE E/O MOTIVAZIONI SOVRAORDINATE (RANGO NAZIONALE/INTERNAZIONALE) SONO RECEPITE COME VINCOLI.

4 LE INFRASTRUTTURE PRIVILEGIANO LOGICHE E OBIETTIVI SETTORIALI IL TERRITORIO E SCENARIO: NON PROTAGONISTA DEL PROGETTO DUE SOLI STRUMENTI D INTERVENTO : MITIGAZIONI E COMPENSAZIONI

5 MITIGAZIONI PER ATTENUARE GLI EFFETTI DELL OPERA COMPENSAZIONI PER RISARCIRE GLI EFFETTI NON MITIGABILI. STRATEGIA SBAGLIATA : ACCETTA L EQUAZIONE OPERA = DANNO

6 L ALTERNATIVA E LA TERRITORIALIZZAZIONE : SI PROGETTANO INSIEME OPERA E TERRITORIO IL TERRITORIO IMPONE AL PROGETTO VINCOLI E VALORI L OPERA COME OPPORTUNITA GENERA «VALORE AGGIUNTO» NO «VALORE SOTTRATTO»

7 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 1 ESEMPI NON COMUNI PER CAMBIARE IL PUNTO DI VISTA

8 W. Capon, L argine sul Tamigi

9

10 E. Hénard, Rue Future Prima di Le Corbusier è Eugene Hénard a enunciare il carattere artificiale della strada della città moderna e ad intuire le possibilità offerte da una gerarchizzazione verticale anziché orizzontale del traffico urbano, organizzato su vari livelli (fino a quattro) di rue à étages. Uno studio sistematico sull organizzazione del traffico urbano e sulle sue differenziazioni viene condotto da Hénard nel 1905, anticipando di diversi anni le soluzioni codificate successivamente da Le Corbusier.

11

12 R. Picasso, Una delle tre super vie di Genova, 1930

13

14

15 Le Corbusier, viadotto-autostrada-residenza, Rio de Janeiro Le Corbusier, nelle varie proposte per Rio de Janeiro ( ), capta la forma del paesaggio e definisce l immagine della città futura attraverso un unico sintetico segno: un viadotto-autostrada-residenza, gettato da quota 40 a quota 100 sopra la città, da collina a collina, abitato nei 60 metri superiori

16

17

18

19

20

21 L. Kahn, il sistema del movimento e la ristrutturazione della città di Philadelphia Nel progetto, l architettura dei punti di sosta (autoporti) acquista la medesima importanza e forza figurativa di quella delle mura nelle città medievali.

22 P. Maymont, Parigi sotto la Senna, 1963 Una vera e propria città lineare ipogea, profonda fino a 60 metri, con strade, parcheggi e servizi, viene insediata nella parte inferiore dell alveo del fiume.

23 E. Utudjian, Zoning Souterrain

24 S. Musmeci, ponte sul Basento a Potenza, Una passeggiata pedonale si snoda lungo le volte equicompresse che sorreggono l impalcato del viadotto

25 MVRDV, Plastico dello shopping mall Loop: nastro di parcheggi abitato

26 Proposta di MVRDV, Burger & Tisher, Studio eu per il nuovo terminal di Ponte Parodi a Genova Un superloop attrezzato estende sopra il porto la sopraelevata esistente amplificando il valore dell infrastruttura

27 NL Architects, Parkhouse Carstadt, 1996 La proposta esplora le possibilità di coniugare, in un unico edificio-parcheggio, mobilità e vita della città. Una rampa lunga 1 km e larga 19 m si sviluppa con una pendenza del 6% ripiegandosi in varie direzioni fino all altezza di 30 m. Al suo interno trovano spazio mq di parcheggi e mq di uffici, servizi e residenza.

28

29

30

31 M. De Sola Morales, la facciata della sezione urbana, Genova Per ristrutturare un settore produttivo e trovare una soluzione alla viabilità est ovest il progetto prevede di duplicare la sezione artificiale della facciata urbana, aggiungendo un altra sopraelevata intermedia.

32

33

34

35

36 P. Berger, P. Mathieux, J. Vergely, A. Christo-Foroux, V. Mitrofanoff, R. Schwaitzer, P. Colboc, Viadotto Daumesnil a Parigi, Realizzazione

37

38

39

40 J. Lapeña, E. Torres Tur, Scale mobili per il centro di Toledo, Realizzazione 2000.

41

42

43

44

45

46 Atelier Francois Sevigneur & Sylvie de La Dure, edificio sperimentale a Marsiglia L auto come complemento dell alloggio. L automobile, naturalmente elettrica, alla stregua di un elettrodomestico viene integrata nell abitazione.

47

48

49

50

51 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE ROTARY CLUB NAPOLI 2 UNA PROVOCAZIONE CULTURALE: TERRITORIALIZZARE IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

52 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Guardare il Ponte dall Europa a nord delle Alpi: - l Italia è il molo del continente nel Mediterraneo - la Sicilia può diventare la piattaforma logistica privilegiata dell Europa nel cuore delle rotte marittime - Il Ponte e i valichi alpini sono indissolubilmente complementari

53 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Immagine dell Italia vista dal nord Europa

54 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Misurare le distanze con l orologio: - dall Europa dei 100 Km all Europa dei 100 minuti - il ruolo delle infrastrutture per la geografia delle opportunità

55 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa maglia 100Km x 100Km

56 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa, R. Koolhaas

57 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa, rivisitazione

58 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi CENNI SULLE TIPOLOGIE DI PONTE DAL PUNTO DI VISTA STRUTTURALE

59 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons ligneus F.Veranzio 1595

60 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons lapideus F.Veranzio 1595

61 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons ferreus F.Veranzio 1595

62 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons Canabeus F.Veranzio 1595

63 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi RIFLESSIONI E SUGGESTIONI SUL PONTE TRA SCILLA E CARIDDI

64 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista del ponte omerico Armando Brasini 1957

65 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista degli accessi Armando Brasini 1957

66 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista dell isola artificiale Armando Brasini 1957

67 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Particolare della catenaria dell isola artificiale Armando Brasini 1957

68 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto per il Ponte di Messina gruppo Musmeci 1969

69 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del progetto preliminare del Ponte sullo stretto Società Stretto di Messina 2003

70 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Profilo longitudinale e sezione trasversale del progetto preliminare Società Stretto di Messina 2003

71 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi La storia progettuale del Ponte sullo stretto di Messina finisce qui? L ideazione si può ritenere compiuta e l avventura si sposta sul terreno del finanziamento, della tecnologia costruttiva e della realizzazione? Forse...però

72 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Un ponte non è necessariamente solo una strada (o una ferrovia) che continua (nel vuoto) con altri mezzi (parafrasando Von Klausewitz)

73 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Nella storia e nell immaginazione dell umanità i Ponti sono stati, sono, e possono essere anche molte altre cose: - ponti abitati - ponti piazza - ponti di culto - ponti fortezza - ponti parcheggio - ponti monumento - ponti megastrutture L elenco potrebbe continuare ma il denominatore comune è il superamento della monofunzionalità trasportistica per pensarli come oggetti urbani, territoriali, insediativi, simbolici e, più in generale, non solo usati ma anche vissuti. Qualche esempio

74 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte di Rialto a Venezia

75 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Immagine del Ponte Vecchio a Firenze Israel Silvestre XVII secolo

76 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, Parigi Fra Giocondo 1499

77 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, Parigi Fra Giocondo 1499

78 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, olio su tela, Parigi N. Raguenet 1756

79 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte d Iéna a Parigi Gustave Eiffel 1878

80 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte-garage sulla Senna K. S. Melnikov 1925

81 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ricostruzione di Castel Sant Angelo e del ponte Canaletto 1740

82 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto di ponte trionfale per la Royal Academy Gold Medal J. Soane 1776

83 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Neuf J. A. du Cerceau 1578

84 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Khaju bridge a Isfahan, Iran Shah Abbas 1632

85 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Tower bridge a Londra H. Jones e W. Barry 1894

86 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi UN ARCHETIPO DEL 1793 DI PONTE ABITATO IN VERTICALE

87 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto per un ponte sul fiume Avon William Bridges 1793

88 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione sulla base del ponte sul fiume Avon di William Bridges

89 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi I PONTI GRATTACIELO

90 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Rainbow bridge Charles Morgan

91 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte grattacielo tra le città di San Francisco e Oakland, veduta Louis-Christian Mullgardt 1924

92 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte grattacielo tra le città di San Francisco e Oakland, sezione Louis-Christian Mullgardt 1924

93 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponti città sul fiume Hudson a New York Raymond Hood 1925

94 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Manhattan 1950 Raymond Hood 1925

95 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Appartamenti su ponti Hugh Ferriss 1929

96 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Appartamenti su ponti Hugh Ferriss 1929

97

98 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi La riflessione conclusiva è una provocazione culturale: immaginare un evoluzione del Ponte sullo stretto di Messina da infrastruttura esclusivamente di trasporto (remunerata solo con i pedaggi) a polo insediativo e oggetto urbanistico a scala territoriale, trasformando i piloni di 376m in torri abitate. In questa suggestione Scilla e Cariddi divengono due grattacieli in cui insediare quelle attività d eccellenza che il Ponte non può non generare se sono attendibili le attese che lo motivano nell ottica euro-mediterranea evocata nelle prime immagini.

99 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Se il ponte ha un senso, allora è sensato considerarlo generatore e attrattore di funzioni direzionali e commerciali pregiate e rare, a partire, ad esempio, dalla ricettività che, negli ultimi dieci piani delle due torri potrebbe contare su due alberghi in un contesto paesaggistico di assoluta eccellenza mondiale, con il marketing imperniato sulle suggestioni di un copy d eccezione: Omero.

100 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Proviamo dunque a immaginarlo questo Ponte abitato attraverso immagini evocative ottenute combinando la struttura del progetto attuale con alcuni dei grattacieli più famosi del mondo, partendo però dalla deformazione del ponte fra due torri forse più famoso al mondo, il Tower Bridge di Londra.

101 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Tower bridge a Londra H. Jones e W. Barry 1894

102 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Deformazione del Tower Bridge alla scala del Ponte sullo stretto

103 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi I grattacieli più alti del mondo a confronto con i piloni del Ponte sullo stretto, da Techniques e architecture 471

104 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del Ponte sullo stretto mutuando l immagine delle Petronas Towers, Kuala Lumpur

105 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del Ponte sullo stretto mutuando l immagine dell Empire State Building, New York

106

107

108

109

110

111

112 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 3 IL CASO DI STUDIO DELLA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO-LIONE UN ESPERIENZA DI TERRITORIALIZZAZIONE IN 15 PUNTI Mario Virano

113 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 269,8 Km da Torino a Lione 70 % in Francia 30 % in Italia In Italia il tracciato è di 81,1 km: solo 10 Km in superficie di cui il 70% su aree già antropizzate Tunnel di base: 57 km 45 km in Francia 12 km in Italia

114 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 1) PROGETTAZIONE PARTECIPATA : Tavolo Istituzionale di Palazzo Chigi e Osservatorio Tecnico La territorializzazione di una grande infrastruttura 114

115 La territorializzazione come progettazione partecipata: gli strumenti TAVOLO ISTITUZIONALE DI PALAZZO CHIGI con tutti i vertici istituzionali: in 7 riunioni dal 2006 ha fissato obiettivi e tempi dell Osservatorio. OSSERVATORIO TECNICO con gli esperti di tutti gli Enti interessati: 232 RIUNIONI DAL 12 DICEMBRE AUDIZIONI DI ESPERTI 65 INTERNAZIONALI 10 GRUPPI DI LAVORO 9 QUADERNI PUBBLICATI CON TUTTI GLI STUDI (COMPRESE LE VOCI CONTRARIE) 115

116 La territorializzazione come progettazione partecipata Osservatorio Torino-Lione Commissione Intergovernativa CIG Proposte del territorio Specifiche Parte Nazionale (RFI) Comitato di Coordinamento Parte Comune (LTF) Coordinamento Parte Francese (RFF) Progetto Preliminare Italferr Progetto Definitivo Raggruppamento d ingegneria internazionale TSE3 Raggruppamento d architettura KUMA & Associati Raggruppamento d architettura internazionale EAP Comitato Esperti Tunnel Coordinamento e Sicurezza Validazione progettuale Il nuovo progetto tra Comunità Locali, Italia-Francia e U.E. 116

117 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 2) LE ALTERNATIVE DI TRACCIATO La territorializzazione di una grande infrastruttura 117

118 La territorializzazione come progettazione partecipata : 10 ALTERNATIVE DI TRACCIATO TORINO 1 Progetto CCIAA e FEDERPIEMONTE Progetto ALPETUNNEL Progetto ATS Provincia Progetto Provincia Progetto RFI-LTF - marzo Progetto RFI Osservatorio La Variante Mista 10 Osservatorio Studio delle alternative di tracciato 6 Proposta Regione (Grosseto) Proposta RFI (Cso Marche)

119 La territorializzazione come progettazione partecipata : LE ALTERNATIVE DI TRACCIATO APPROFONDITE DALL OSSERVATORIO CON LE CORRISPONDENTI RAPPRESENTANZE TERRITORIALI 119

120 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 3) IL FASAGGIO DELLE OPERE NEL TEMPO Graduare le Opere é Essenziale per i Territori 120

121 Il fasaggio degli interventi LA SEZIONE TRANSFRONTALIERA DA SUSA A S. JEAN DE MAURIENNE SUPERA I LIMITI DEL TRAFORO DEL 1871 ED ELIMINA LA TRATTA DI MONTAGNA GRONDA MERCI POLO LOGISTICO FASE 1 SEZIONE TRANSFRONTALIERA TRATTA NAZIONALE NELLA TRATTA NAZIONALE SI UTILIZZANO 25 Km DI LINEA STORICA E SI PREVEDE IL POLO LOGISTICO DI ORBASSANO 121 CON LA GRONDA MERCI

122 Il fasaggio degli interventi SOLO 3 COMUNI CON CANTIERI E OPERE IN SUPERFICIE NELLA SEZIONE TRANSFRONTALIERA TRATTA NAZIONALE FASE 1 SEZIONE TRANSFRONTALIERA SUPERFICIE COMUNI DIALOGANTI GALLERIA COMUNI CONTRARI CON OPERE SOLO SU SEDIME FERROVIARIO ESISTENTE DISCENDERIA ADEGUAMENTO LS COMUNI CONTRARI Mappa del consenso/dissenso dei comuni interessati 122

123 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 4) BENEFICI A VARIE SCALE TERRITORIALI La territorializzazione di una grande infrastruttura 123

124 Il fasaggio degli interventi SEZIONE TRANSFRONTALIERA: VANTAGGI PER I PASSEGGERI TORINO-CHAMBERY IN 73 MINUTI ANZICHE 152 LA FERROVIA COMPETITIVA CON L AEREO SULLE PRINCIPALI DIRETTRICI EUROPEE Tempi di percorrenza sulle principali direttrici da Milano 124

125 Il fasaggio degli interventi LA STAZIONE INTERNAZIONALE DI SUSA : I TEMPI DI PERCORRENZA PiU SIGNIFICATIVI DA ALCUNE DELLE CITTA PIU IMPORTANTI D EUROPA PER I FLUSSI TURISTICI Tempi di percorrenza sulle principali direttrici da Milano 125

126 Il fasaggio degli interventi SEZIONE TRANSFRONTALIERA: VANTAGGI PER IL SERVIZIO LOCALE LINEA STORICA IN VALLE DI SUSA 126 La linea storica diventa la linea 3 del Sistema Ferroviario Metropolitano (SFM)

127 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 5) IL TUNNEL DI BASE IN ITALIA (Solo 12,5 km e tante garanzie ambientali) La territorializzazione di una grande infrastruttura 127

128 La Sezione Transfrontaliera: il Tunnel di Base di 57 km 12 km in Italia con galleria geognostica di 7,5 km a Chiomonte 45 km in Francia con 3 discenderie (9 km) già realizzate

129 La Sezione Transfrontaliera: il Tunnel di Base SEZIONE TIPO TUNNEL ASSONOMETRIA CONCI EVENTUALE CANALE DI VENTILAZIONE LINEA DI CONTATTO FEEDER CONDOTTA ANTINCENDIO ACCELERATORE ILLUMINAZIONE CAVIDOTTI CAVIDOTTI COLLETTORE D ACQUA CALDA/POTABILE COLLETTORE ACQUE NON POTABILI COLLETTORE ACQUE DI PIATTAFORMA Tecnologie per la territorializzazione: sicurezza, recupero acque, contenimento vibrazioni 129

130 CONFINE Il Tunnel di Base: la tutela delle acque sotterranee SISTEMA DI IMPERMEABILIZZAZIONE FULL-ROUND Impermeabilizzazione totale in presenza di carico d acqua inferiore a 10 bar. Tratto impermeabilizzato 2 Km PIANA DI SUSA Calotta impermeabilizzata con raccolta delle acque Totale Impermeabilizzazione (full-round) Monitoraggio, impermealizzazione del tunnel, collettamento, convogliamento, valorizzazione delle acque ad uso potabile ed energetico 130 Cons. Sup. LLPP_Roma_

131 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 6) LA PIANA DI SUSA COME PROGETTO UNITARIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 131

132 La Sezione Transfrontaliera: La Piana di Susa oggi Braide San Giuliano Area autostrada Area Autoporto Traduerivi Un area fortemente compromessa da usi trasportistici 132

133 La Sezione Transfrontaliera: la Piana di Susa e la Nuova Linea Imbocco Tunnel di Base Braide Stazione Internazionale di Susa San Giuliano Nuovo ponte Riordino della viabilità esistente Area tecnica e di sicurezza Traduerivi Imbocco Il progetto definitivo riusa e riqualifica le aree compromesse 133

134 La Sezione Transfrontaliera: la Piana di Susa e il consumo di suolo Braide San Giuliano Aree libere utilizzate Aree compromesse liberate Vetrina Agriparco Traduerivi L opera impegna 8 ettari di suolo libero e ne restituisce 7 prima compromessi ora rinaturalizzati 134

135 La Sezione Transfrontaliera: l Agriparco della Dora 1. interventi agronomici per ricostituire le caratteristiche chimico-fisiche e biologiche di suoli oggi asfaltati. 2. gestione con gli agricoltori di attività di sperimentazione agricola, didattica e vetrina dei prodotti locali. Recupero e riconversione agricola di aree asfaltate 135

136 La Sezione Transfrontaliera: dall asfalto dell Autoporto all Agriparco della Dora

137 La Sezione Transfrontaliera: La piana di Susa IL PONTE SULLA DORA Il nuovo ponte ad arco sulla Dora 137

138 La Sezione Transfrontaliera: viabilità ed edifici interferiti 3 Immobili interferiti: 2 case unifamigliari 1 edificio commerciale San Giuliano Variante della SS25 con sottopasso Riordino svincolo A32 nei pressi dell edificio Sitaf Variante della SS24 in adiacenza all A32 Il progetto dalla macroscala ferroviaria a quella micro del territorio 138

139 Piana di Susa : L Area Tecnica e di Sicurezza S.s elettrica 2 Stoccaggio 3 Servizi Ausiliari 4 Elisoccorso 5 Uffici Tecnici 6 Fotovoltaico 7 Agriparco 8 Corridoio A32 SS Almeno 150 posti di lavoro permanenti nei nuovi impianti

140 Piana di Susa : L Area Tecnica e di Sicurezza FOTOVOLTAICO PRODUZIONE ANNUA FABBISOGNO ANNUO mq kwh kwh Autosufficienza energetica con kwh per il territorio 140

141 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 7) L ATTENZIONE ALLA FRUIZIONE IN VIAGGIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 141

142 La Piana di Susa vista dal treno «Trovo felici i viaggiatori che vedono e passano!» Goethe, Viaggio in Italia,

143 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore

144 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 144

145 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 145

146 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 146

147 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 8) LA QUALITA DELLE OPERE Il concorso internazionale di architettura la cultura del progetto per la nuova stazione di Susa 147

148 La Stazione Internazionale di Susa GERKAN MARG & PARTNERS -GMP MIRALLES TAGLIABUE - EMBT DIETMAR FEICHTINGER ARCHITECTES FOSTER&PARTNERS Il concorso di architettura: i secondi classificati ex-aequo 148

149 La Stazione Internazionale di Susa 9) LA STAZIONE INTERNAZIONALE COME HUB TURISTICO PER LE VALLI OLIMPICHE KUMA & ASSOCIATES EUROPE 149

150

151

152

153

154

155

156

157

158

159

160 La Stazione Internazionale di Susa

161 La Stazione Internazionale di Susa

162 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio invernale

163 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio estivo

164 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio estivo

165 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio alpino

166

167

168

169

170

171 La Stazione Internazionale di Susa N LA CAPANNA - CHALET DEL LAGO NERO (1947 SAUZE D OULX) DI CARLO MOLLINO, HA REINVENTATO IL RAPPORTO DELLA CULTURA FIGURATIVA ALPINA (E LE SUE TRADIZIONALI MODALITA COSTRUTTIVE) CON LE MIGLIORI ESPERIENZE DELL ARCHITETTURA MODERNA DEL SECONDO DOPOGUERRA. IL PROGETTO DELLA STAZIONE INTERNAZIONALE DI SUSA DI KENGO KUMA, 65 ANNI DOPO L ESPERIENZA DI CARLO MOLLINO, RAPPRESENTA UN ANALOGO IMPEGNO CREATIVO PER METTERE IN RAPPORTO IL GENIUS LOCI DEL TERRITORIO CON LE ESPERIENZE PIU INNOVATIVE DELLA CULTURA ARCHITETTONICA CONTEMPORANEA, IN UN OTTICA GLOCAL, CIOE INSIEME GLOBALE E LOCALE. Una storia di grandi architetture moderne in valle 171

172 La vista della valle con l opera inserita

173 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 10) LA TERRITORIALIZZAZIONE DEI CANTIERI Eliminazione dei campi base per gli addetti Movimentazioni dei materiali via ferrovia Lavorazioni in ambienti chiusi e controllati Ricadute economiche ed occupazionali La territorializzazione di una grande infrastruttura 173

174 Cantieri: eliminazione dei campi base per gli addetti 17,05m Accesso pedonale con viale alberato 14,05m 46,5m 38,7m 35,5m ALLOGGI PER OPERAI Cucine/Self Service Ristorante (da 70 a 132 coperti) Bar MENSA Progetto di recupero della Caserma Cascino a Susa Gioc hi Accessibilità anche per i residenti Bag ni Rela x Local i tecni ci ACCESSO CARRAIO ACCESSO PEDONALE 20m Interventi modello Démarche Grand Chantier ai sensi della Legge Regionale n.04/ Si ristrutturano edifici abbandonati per ospitare gli operai restituendo al territorio il patrimonio edilizio riqualificato

175 Cantieri: ricadute economiche ed occupazionali addetti diretti/anno più l indotto di pernottamenti complessivi per il sistema ricettivo di pasti per le strutture della ristorazione Il cantiere come opportunità per il territorio 175

176 Cantieri: imbocco del Tunnel di Base IMBOCCO GALLERIA AUTOSTRADALE IMBOCCO TUNNEL DI BASE GALLERIA ARTIFICIALE: si crea una bussola di 130 m di lunghezza per i lavori di scavo al coperto a garanzia del rischio amianto. Ad opera finita la bussola funge da filtro rumore dei treni a tutela della Cascina Vazone e di Villa Cora. Misure straordinarie per la tutela della salute e dell ambiente 176

177 Gli analoghi cantieri dei nuovi tunnel ferroviari alpini Koralm Tunnel, Austria Linea ferroviaria Graz-Klagenfurt Lunghezza Tunnel = 32,9 km Le soluzioni del Frejus sono in linea con quelle delle migliori opere 177

178 Cantieri: movimentazione dei materiali via ferrovia IMPIANTO DI CARICAMENTO SU TRENO ELISUPERFICIE NASTRO TRASPORTATORE INFERMERIA PARCHEGGIO AUTOVEICOLI LOCALE VISITATORI UFFICI DUNA DI SCOTICO BARRIERA ANTIRUMORE IN FASE DI CANTIERE Tutti i materiali di scavo viaggiano su ferrovia ai siti di deposito 178

179 Cantieri: lavorazioni in ambienti chiusi e controllati IMPIANTO DI VALORIZZAZIONE STOCCAGGIO AGGREGATI CLS AREE COPERTE PER DEPOSITO MATERIALI SCIOLTI IMPIANTO PREFABBRICAZIONE CONCI DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO MATERIALI DA COSTRUZIONE STAZIONE DI BETONAGGIO OFFICINA + DEPOSITO OLII NASTRO TRASPORTATORE ELISUPERFICIE UFFICI LOCALE VISITATORI Il cantiere è organizzato come uno stabilimento industriale di addetti 179

180 La Torino Lione promuove ulteriori recuperi del patrimonio edilizio La Caserma Henry Foto d epoca La Caserma oggi Lo studio del restauro L infopoint alla Risérie di Modane Il progetto del punto informativo a Susa La Caserma Henry a Susa come la Risérie a Modane 180

181 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 11) IL CONTROLLO E LA VERIFICA DEI COSTI La territorializzazione di una grande infrastruttura 181

182 Il Progetto Definitivo conferma le stime di costo del Progetto Preliminare COSTI UNITARI COMPARATIVI (Milioni di Euro al km) LUNGHEZZA GALLERIA (km) COSTO (per canna) CENERI 15,4 83,8 BRENNERO 55,0 83,7 NUOVO FRÉJUS 57,0 86,0 LOETSCHBERG 35,0 87,0 GOTTARDO 57,0 96,2 I costi parametrici della Sezione Transfrontaliera della Torino-Lione sono assolutamente in linea con tutte le analoghe opere transalpine 182

183 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 12) SMART SUSA VALLEY Dalle Compensazioni al Progetto di Territorio 183

184 Smart Susa Valley Compensazioni ambientali Torino-Lione = 5% del valore delle opere lato Italia Sezione Transfrontaliera anticipazione: Assegnazioni per le opere compensative atte a favorire l inserimento territoriale della NLTL 10 Milioni di Euro (su un totale di 140) Il CIPE ha incaricato l Osservatorio di formulare le proposte per l utilizzo dei fondi SMART SUSA VALLEY: PROGETTO INTEGRATO DI SVILUPPO RIFERIMENTO IMMEDIATO AI COMUNI DELLA SEZIONE TRANSFRONTALIERA 1. CONNETTIVITA INFO-TELEMATICA A PARTIRE DALLE DORSALI ESISTENTI; 2. OTTIMIZZAZIONE ENERGETICA IDROELETTRICO, BIOMASSE, GEOTERMIA; 3. RECUPERO DEL PATRIMONIO PUBBLICO A PARTIRE DALLE SCUOLE; 4. RIQUALIFICAZIONE IDROGEOLOGICA E MESSA IN SICUREZZA DEI VERSANTI. 184

185 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 13) QUESTIONE LOCALE/PROSPETTIVA GLOBALE la valle è parte di un sistema nazionale e internazionale La territorializzazione di una grande infrastruttura 185

186 L EURO-REGIONE ALPMED ALPMED LA MACROREGIONE ALPMED EQUIVALE AD UN MEDIO STATO EUROPEO E LA TORINO LIONE E L ASSE DI COLLEGAMENTO TRA DUE DELLE SUE CAPITALI. PIEMONTE RHÔNE ALPES LIGURIA P.A.C.A. VALLE D AOSTA CAPOLUOGHI TORINO LYON GENOVA MARSEILLE AOSTA La Torino-Lione è l asse fondamentale dell Euro-Regione transalpina 186

187 TRANS-EUROPEAN TRANSPORT NETWORK (TEN-T) CONNECTING EUROPE Proposed TEN-T Core Network Corridors October 2011 La Torino-Lione è la tratta cruciale del Corridoio Mediterraneo 187

188 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO IL METRO DELL EUROPA: LE CITTA SONO LE FERMATE, I CORRIDOI SONO LE LINEE

189 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 14) IMPARARE DALLA STORIA DEL TERRITORIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 189

190 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO Io credo all avvenire certo dell apertura dell istmo di Suez, perché sono convinto che l Europa finirà per capire che è condizione della sua sopravvivenza aprirsi questa via verso le Indie e il mare della Cina, per controbilanciare la potenza di un popolo rivale che sta crescendo con stupefacente rapidità e sta diventando gigante al di là dell Atlantico. Io dico che l avvenire del nostro Paese è assicurato, che esso arriverà ad un grado di prosperità inimmaginabile oggi, perché sarà passaggio obbligato di una gran parte del commercio e del transito fra l Europa e l Oriente - Luigi Federico Menabrea Atti del Parlamento subalpino, seduta del 25 giugno 1857 per l approvazione del traforo del Fréjus Dal Risorgimento un insegnamento: legare gli interessi locali ad una visione globale 190

191 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 15) UN PO DI BUON SENSO AIUTA A DECIDERE La territorializzazione di una grande infrastruttura 191

192 IN 140 ANNI I TRENI SONO RADICALMENTE CAMBIATI. L INFRASTRUTTURA RESTA SEMPRE LA STESSA. FINO A QUANDO IL FUTURO PUO ESSERE AFFIDATO AD UN OPERA DEL RISORGIMENTO? PRIMO LA GRANDE GUERRA 3 - GLI ANNI GLI ANNI INIZIO

193 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO GRAZIE DELL ATTENZIONE Mario Virano La territorializzazione di una grande infrastruttura 193

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli