1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione"

Transcript

1 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 1- Esempi non comuni 2 - Una provocazione culturale per il Ponte sullo Stretto 3 - Il caso di Studio della Nuova Linea Torino-Lione MARIO VIRANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI URBANISTICA MODULO DI «AMMINISTRARE L URBANISTICA» PROF. ING. PIER BENEDETTO MEZZAPELLE 14 MAGGIO 2014

2 L URBANISTICA PROGRAMMA E AMMINISTRA IL TERRITORIO E REGOLA L US0 DEL SUOLO. E STRUMENTO DI GOVERNO DEI PROCESSI ISEDIATIVI, DI TUTELA DEL PATRIMONIO STORICO, DI CONSERVAZIONE DELLE AREE AGRICOLE, DI SALVAGUARDIA DEGLI AMBITI NATURALI, DI IDENTIFICAZIONE DEL PAESAGGIO COME «GENIUS LOCI»

3 L URBANISTICA TRATTA LE INFRASTRUTTURE DELLO STRUMENTO DI COMPETENZA (AD ES. LA VIABILITA DI UN PRG). QUELLE DI SCALA MAGGIORE E/O MOTIVAZIONI SOVRAORDINATE (RANGO NAZIONALE/INTERNAZIONALE) SONO RECEPITE COME VINCOLI.

4 LE INFRASTRUTTURE PRIVILEGIANO LOGICHE E OBIETTIVI SETTORIALI IL TERRITORIO E SCENARIO: NON PROTAGONISTA DEL PROGETTO DUE SOLI STRUMENTI D INTERVENTO : MITIGAZIONI E COMPENSAZIONI

5 MITIGAZIONI PER ATTENUARE GLI EFFETTI DELL OPERA COMPENSAZIONI PER RISARCIRE GLI EFFETTI NON MITIGABILI. STRATEGIA SBAGLIATA : ACCETTA L EQUAZIONE OPERA = DANNO

6 L ALTERNATIVA E LA TERRITORIALIZZAZIONE : SI PROGETTANO INSIEME OPERA E TERRITORIO IL TERRITORIO IMPONE AL PROGETTO VINCOLI E VALORI L OPERA COME OPPORTUNITA GENERA «VALORE AGGIUNTO» NO «VALORE SOTTRATTO»

7 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 1 ESEMPI NON COMUNI PER CAMBIARE IL PUNTO DI VISTA

8 W. Capon, L argine sul Tamigi

9

10 E. Hénard, Rue Future Prima di Le Corbusier è Eugene Hénard a enunciare il carattere artificiale della strada della città moderna e ad intuire le possibilità offerte da una gerarchizzazione verticale anziché orizzontale del traffico urbano, organizzato su vari livelli (fino a quattro) di rue à étages. Uno studio sistematico sull organizzazione del traffico urbano e sulle sue differenziazioni viene condotto da Hénard nel 1905, anticipando di diversi anni le soluzioni codificate successivamente da Le Corbusier.

11

12 R. Picasso, Una delle tre super vie di Genova, 1930

13

14

15 Le Corbusier, viadotto-autostrada-residenza, Rio de Janeiro Le Corbusier, nelle varie proposte per Rio de Janeiro ( ), capta la forma del paesaggio e definisce l immagine della città futura attraverso un unico sintetico segno: un viadotto-autostrada-residenza, gettato da quota 40 a quota 100 sopra la città, da collina a collina, abitato nei 60 metri superiori

16

17

18

19

20

21 L. Kahn, il sistema del movimento e la ristrutturazione della città di Philadelphia Nel progetto, l architettura dei punti di sosta (autoporti) acquista la medesima importanza e forza figurativa di quella delle mura nelle città medievali.

22 P. Maymont, Parigi sotto la Senna, 1963 Una vera e propria città lineare ipogea, profonda fino a 60 metri, con strade, parcheggi e servizi, viene insediata nella parte inferiore dell alveo del fiume.

23 E. Utudjian, Zoning Souterrain

24 S. Musmeci, ponte sul Basento a Potenza, Una passeggiata pedonale si snoda lungo le volte equicompresse che sorreggono l impalcato del viadotto

25 MVRDV, Plastico dello shopping mall Loop: nastro di parcheggi abitato

26 Proposta di MVRDV, Burger & Tisher, Studio eu per il nuovo terminal di Ponte Parodi a Genova Un superloop attrezzato estende sopra il porto la sopraelevata esistente amplificando il valore dell infrastruttura

27 NL Architects, Parkhouse Carstadt, 1996 La proposta esplora le possibilità di coniugare, in un unico edificio-parcheggio, mobilità e vita della città. Una rampa lunga 1 km e larga 19 m si sviluppa con una pendenza del 6% ripiegandosi in varie direzioni fino all altezza di 30 m. Al suo interno trovano spazio mq di parcheggi e mq di uffici, servizi e residenza.

28

29

30

31 M. De Sola Morales, la facciata della sezione urbana, Genova Per ristrutturare un settore produttivo e trovare una soluzione alla viabilità est ovest il progetto prevede di duplicare la sezione artificiale della facciata urbana, aggiungendo un altra sopraelevata intermedia.

32

33

34

35

36 P. Berger, P. Mathieux, J. Vergely, A. Christo-Foroux, V. Mitrofanoff, R. Schwaitzer, P. Colboc, Viadotto Daumesnil a Parigi, Realizzazione

37

38

39

40 J. Lapeña, E. Torres Tur, Scale mobili per il centro di Toledo, Realizzazione 2000.

41

42

43

44

45

46 Atelier Francois Sevigneur & Sylvie de La Dure, edificio sperimentale a Marsiglia L auto come complemento dell alloggio. L automobile, naturalmente elettrica, alla stregua di un elettrodomestico viene integrata nell abitazione.

47

48

49

50

51 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE ROTARY CLUB NAPOLI 2 UNA PROVOCAZIONE CULTURALE: TERRITORIALIZZARE IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

52 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Guardare il Ponte dall Europa a nord delle Alpi: - l Italia è il molo del continente nel Mediterraneo - la Sicilia può diventare la piattaforma logistica privilegiata dell Europa nel cuore delle rotte marittime - Il Ponte e i valichi alpini sono indissolubilmente complementari

53 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Immagine dell Italia vista dal nord Europa

54 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Misurare le distanze con l orologio: - dall Europa dei 100 Km all Europa dei 100 minuti - il ruolo delle infrastrutture per la geografia delle opportunità

55 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa maglia 100Km x 100Km

56 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa, R. Koolhaas

57 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Carta dell Europa, rivisitazione

58 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi CENNI SULLE TIPOLOGIE DI PONTE DAL PUNTO DI VISTA STRUTTURALE

59 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons ligneus F.Veranzio 1595

60 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons lapideus F.Veranzio 1595

61 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons ferreus F.Veranzio 1595

62 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pons Canabeus F.Veranzio 1595

63 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi RIFLESSIONI E SUGGESTIONI SUL PONTE TRA SCILLA E CARIDDI

64 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista del ponte omerico Armando Brasini 1957

65 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista degli accessi Armando Brasini 1957

66 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Vista dell isola artificiale Armando Brasini 1957

67 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Particolare della catenaria dell isola artificiale Armando Brasini 1957

68 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto per il Ponte di Messina gruppo Musmeci 1969

69 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del progetto preliminare del Ponte sullo stretto Società Stretto di Messina 2003

70 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Profilo longitudinale e sezione trasversale del progetto preliminare Società Stretto di Messina 2003

71 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi La storia progettuale del Ponte sullo stretto di Messina finisce qui? L ideazione si può ritenere compiuta e l avventura si sposta sul terreno del finanziamento, della tecnologia costruttiva e della realizzazione? Forse...però

72 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Un ponte non è necessariamente solo una strada (o una ferrovia) che continua (nel vuoto) con altri mezzi (parafrasando Von Klausewitz)

73 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Nella storia e nell immaginazione dell umanità i Ponti sono stati, sono, e possono essere anche molte altre cose: - ponti abitati - ponti piazza - ponti di culto - ponti fortezza - ponti parcheggio - ponti monumento - ponti megastrutture L elenco potrebbe continuare ma il denominatore comune è il superamento della monofunzionalità trasportistica per pensarli come oggetti urbani, territoriali, insediativi, simbolici e, più in generale, non solo usati ma anche vissuti. Qualche esempio

74 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte di Rialto a Venezia

75 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Immagine del Ponte Vecchio a Firenze Israel Silvestre XVII secolo

76 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, Parigi Fra Giocondo 1499

77 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, Parigi Fra Giocondo 1499

78 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Notre Dame, olio su tela, Parigi N. Raguenet 1756

79 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte d Iéna a Parigi Gustave Eiffel 1878

80 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte-garage sulla Senna K. S. Melnikov 1925

81 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ricostruzione di Castel Sant Angelo e del ponte Canaletto 1740

82 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto di ponte trionfale per la Royal Academy Gold Medal J. Soane 1776

83 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Pont Neuf J. A. du Cerceau 1578

84 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Khaju bridge a Isfahan, Iran Shah Abbas 1632

85 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Tower bridge a Londra H. Jones e W. Barry 1894

86 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi UN ARCHETIPO DEL 1793 DI PONTE ABITATO IN VERTICALE

87 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Progetto per un ponte sul fiume Avon William Bridges 1793

88 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione sulla base del ponte sul fiume Avon di William Bridges

89 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi I PONTI GRATTACIELO

90 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Rainbow bridge Charles Morgan

91 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte grattacielo tra le città di San Francisco e Oakland, veduta Louis-Christian Mullgardt 1924

92 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponte grattacielo tra le città di San Francisco e Oakland, sezione Louis-Christian Mullgardt 1924

93 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Ponti città sul fiume Hudson a New York Raymond Hood 1925

94 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Manhattan 1950 Raymond Hood 1925

95 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Appartamenti su ponti Hugh Ferriss 1929

96 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Appartamenti su ponti Hugh Ferriss 1929

97

98 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi La riflessione conclusiva è una provocazione culturale: immaginare un evoluzione del Ponte sullo stretto di Messina da infrastruttura esclusivamente di trasporto (remunerata solo con i pedaggi) a polo insediativo e oggetto urbanistico a scala territoriale, trasformando i piloni di 376m in torri abitate. In questa suggestione Scilla e Cariddi divengono due grattacieli in cui insediare quelle attività d eccellenza che il Ponte non può non generare se sono attendibili le attese che lo motivano nell ottica euro-mediterranea evocata nelle prime immagini.

99 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Se il ponte ha un senso, allora è sensato considerarlo generatore e attrattore di funzioni direzionali e commerciali pregiate e rare, a partire, ad esempio, dalla ricettività che, negli ultimi dieci piani delle due torri potrebbe contare su due alberghi in un contesto paesaggistico di assoluta eccellenza mondiale, con il marketing imperniato sulle suggestioni di un copy d eccezione: Omero.

100 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Proviamo dunque a immaginarlo questo Ponte abitato attraverso immagini evocative ottenute combinando la struttura del progetto attuale con alcuni dei grattacieli più famosi del mondo, partendo però dalla deformazione del ponte fra due torri forse più famoso al mondo, il Tower Bridge di Londra.

101 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Tower bridge a Londra H. Jones e W. Barry 1894

102 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Deformazione del Tower Bridge alla scala del Ponte sullo stretto

103 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi I grattacieli più alti del mondo a confronto con i piloni del Ponte sullo stretto, da Techniques e architecture 471

104 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del Ponte sullo stretto mutuando l immagine delle Petronas Towers, Kuala Lumpur

105 Una proposta innovativa: le torri di Scilla e Cariddi Simulazione del Ponte sullo stretto mutuando l immagine dell Empire State Building, New York

106

107

108

109

110

111

112 LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 3 IL CASO DI STUDIO DELLA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO-LIONE UN ESPERIENZA DI TERRITORIALIZZAZIONE IN 15 PUNTI Mario Virano

113 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 269,8 Km da Torino a Lione 70 % in Francia 30 % in Italia In Italia il tracciato è di 81,1 km: solo 10 Km in superficie di cui il 70% su aree già antropizzate Tunnel di base: 57 km 45 km in Francia 12 km in Italia

114 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 1) PROGETTAZIONE PARTECIPATA : Tavolo Istituzionale di Palazzo Chigi e Osservatorio Tecnico La territorializzazione di una grande infrastruttura 114

115 La territorializzazione come progettazione partecipata: gli strumenti TAVOLO ISTITUZIONALE DI PALAZZO CHIGI con tutti i vertici istituzionali: in 7 riunioni dal 2006 ha fissato obiettivi e tempi dell Osservatorio. OSSERVATORIO TECNICO con gli esperti di tutti gli Enti interessati: 232 RIUNIONI DAL 12 DICEMBRE AUDIZIONI DI ESPERTI 65 INTERNAZIONALI 10 GRUPPI DI LAVORO 9 QUADERNI PUBBLICATI CON TUTTI GLI STUDI (COMPRESE LE VOCI CONTRARIE) 115

116 La territorializzazione come progettazione partecipata Osservatorio Torino-Lione Commissione Intergovernativa CIG Proposte del territorio Specifiche Parte Nazionale (RFI) Comitato di Coordinamento Parte Comune (LTF) Coordinamento Parte Francese (RFF) Progetto Preliminare Italferr Progetto Definitivo Raggruppamento d ingegneria internazionale TSE3 Raggruppamento d architettura KUMA & Associati Raggruppamento d architettura internazionale EAP Comitato Esperti Tunnel Coordinamento e Sicurezza Validazione progettuale Il nuovo progetto tra Comunità Locali, Italia-Francia e U.E. 116

117 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 2) LE ALTERNATIVE DI TRACCIATO La territorializzazione di una grande infrastruttura 117

118 La territorializzazione come progettazione partecipata : 10 ALTERNATIVE DI TRACCIATO TORINO 1 Progetto CCIAA e FEDERPIEMONTE Progetto ALPETUNNEL Progetto ATS Provincia Progetto Provincia Progetto RFI-LTF - marzo Progetto RFI Osservatorio La Variante Mista 10 Osservatorio Studio delle alternative di tracciato 6 Proposta Regione (Grosseto) Proposta RFI (Cso Marche)

119 La territorializzazione come progettazione partecipata : LE ALTERNATIVE DI TRACCIATO APPROFONDITE DALL OSSERVATORIO CON LE CORRISPONDENTI RAPPRESENTANZE TERRITORIALI 119

120 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 3) IL FASAGGIO DELLE OPERE NEL TEMPO Graduare le Opere é Essenziale per i Territori 120

121 Il fasaggio degli interventi LA SEZIONE TRANSFRONTALIERA DA SUSA A S. JEAN DE MAURIENNE SUPERA I LIMITI DEL TRAFORO DEL 1871 ED ELIMINA LA TRATTA DI MONTAGNA GRONDA MERCI POLO LOGISTICO FASE 1 SEZIONE TRANSFRONTALIERA TRATTA NAZIONALE NELLA TRATTA NAZIONALE SI UTILIZZANO 25 Km DI LINEA STORICA E SI PREVEDE IL POLO LOGISTICO DI ORBASSANO 121 CON LA GRONDA MERCI

122 Il fasaggio degli interventi SOLO 3 COMUNI CON CANTIERI E OPERE IN SUPERFICIE NELLA SEZIONE TRANSFRONTALIERA TRATTA NAZIONALE FASE 1 SEZIONE TRANSFRONTALIERA SUPERFICIE COMUNI DIALOGANTI GALLERIA COMUNI CONTRARI CON OPERE SOLO SU SEDIME FERROVIARIO ESISTENTE DISCENDERIA ADEGUAMENTO LS COMUNI CONTRARI Mappa del consenso/dissenso dei comuni interessati 122

123 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 4) BENEFICI A VARIE SCALE TERRITORIALI La territorializzazione di una grande infrastruttura 123

124 Il fasaggio degli interventi SEZIONE TRANSFRONTALIERA: VANTAGGI PER I PASSEGGERI TORINO-CHAMBERY IN 73 MINUTI ANZICHE 152 LA FERROVIA COMPETITIVA CON L AEREO SULLE PRINCIPALI DIRETTRICI EUROPEE Tempi di percorrenza sulle principali direttrici da Milano 124

125 Il fasaggio degli interventi LA STAZIONE INTERNAZIONALE DI SUSA : I TEMPI DI PERCORRENZA PiU SIGNIFICATIVI DA ALCUNE DELLE CITTA PIU IMPORTANTI D EUROPA PER I FLUSSI TURISTICI Tempi di percorrenza sulle principali direttrici da Milano 125

126 Il fasaggio degli interventi SEZIONE TRANSFRONTALIERA: VANTAGGI PER IL SERVIZIO LOCALE LINEA STORICA IN VALLE DI SUSA 126 La linea storica diventa la linea 3 del Sistema Ferroviario Metropolitano (SFM)

127 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 5) IL TUNNEL DI BASE IN ITALIA (Solo 12,5 km e tante garanzie ambientali) La territorializzazione di una grande infrastruttura 127

128 La Sezione Transfrontaliera: il Tunnel di Base di 57 km 12 km in Italia con galleria geognostica di 7,5 km a Chiomonte 45 km in Francia con 3 discenderie (9 km) già realizzate

129 La Sezione Transfrontaliera: il Tunnel di Base SEZIONE TIPO TUNNEL ASSONOMETRIA CONCI EVENTUALE CANALE DI VENTILAZIONE LINEA DI CONTATTO FEEDER CONDOTTA ANTINCENDIO ACCELERATORE ILLUMINAZIONE CAVIDOTTI CAVIDOTTI COLLETTORE D ACQUA CALDA/POTABILE COLLETTORE ACQUE NON POTABILI COLLETTORE ACQUE DI PIATTAFORMA Tecnologie per la territorializzazione: sicurezza, recupero acque, contenimento vibrazioni 129

130 CONFINE Il Tunnel di Base: la tutela delle acque sotterranee SISTEMA DI IMPERMEABILIZZAZIONE FULL-ROUND Impermeabilizzazione totale in presenza di carico d acqua inferiore a 10 bar. Tratto impermeabilizzato 2 Km PIANA DI SUSA Calotta impermeabilizzata con raccolta delle acque Totale Impermeabilizzazione (full-round) Monitoraggio, impermealizzazione del tunnel, collettamento, convogliamento, valorizzazione delle acque ad uso potabile ed energetico 130 Cons. Sup. LLPP_Roma_

131 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 6) LA PIANA DI SUSA COME PROGETTO UNITARIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 131

132 La Sezione Transfrontaliera: La Piana di Susa oggi Braide San Giuliano Area autostrada Area Autoporto Traduerivi Un area fortemente compromessa da usi trasportistici 132

133 La Sezione Transfrontaliera: la Piana di Susa e la Nuova Linea Imbocco Tunnel di Base Braide Stazione Internazionale di Susa San Giuliano Nuovo ponte Riordino della viabilità esistente Area tecnica e di sicurezza Traduerivi Imbocco Il progetto definitivo riusa e riqualifica le aree compromesse 133

134 La Sezione Transfrontaliera: la Piana di Susa e il consumo di suolo Braide San Giuliano Aree libere utilizzate Aree compromesse liberate Vetrina Agriparco Traduerivi L opera impegna 8 ettari di suolo libero e ne restituisce 7 prima compromessi ora rinaturalizzati 134

135 La Sezione Transfrontaliera: l Agriparco della Dora 1. interventi agronomici per ricostituire le caratteristiche chimico-fisiche e biologiche di suoli oggi asfaltati. 2. gestione con gli agricoltori di attività di sperimentazione agricola, didattica e vetrina dei prodotti locali. Recupero e riconversione agricola di aree asfaltate 135

136 La Sezione Transfrontaliera: dall asfalto dell Autoporto all Agriparco della Dora

137 La Sezione Transfrontaliera: La piana di Susa IL PONTE SULLA DORA Il nuovo ponte ad arco sulla Dora 137

138 La Sezione Transfrontaliera: viabilità ed edifici interferiti 3 Immobili interferiti: 2 case unifamigliari 1 edificio commerciale San Giuliano Variante della SS25 con sottopasso Riordino svincolo A32 nei pressi dell edificio Sitaf Variante della SS24 in adiacenza all A32 Il progetto dalla macroscala ferroviaria a quella micro del territorio 138

139 Piana di Susa : L Area Tecnica e di Sicurezza S.s elettrica 2 Stoccaggio 3 Servizi Ausiliari 4 Elisoccorso 5 Uffici Tecnici 6 Fotovoltaico 7 Agriparco 8 Corridoio A32 SS Almeno 150 posti di lavoro permanenti nei nuovi impianti

140 Piana di Susa : L Area Tecnica e di Sicurezza FOTOVOLTAICO PRODUZIONE ANNUA FABBISOGNO ANNUO mq kwh kwh Autosufficienza energetica con kwh per il territorio 140

141 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 7) L ATTENZIONE ALLA FRUIZIONE IN VIAGGIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 141

142 La Piana di Susa vista dal treno «Trovo felici i viaggiatori che vedono e passano!» Goethe, Viaggio in Italia,

143 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore

144 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 144

145 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 145

146 La Piana di Susa vista dal treno dopo la stazione I punti di vista del viaggiatore 146

147 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 8) LA QUALITA DELLE OPERE Il concorso internazionale di architettura la cultura del progetto per la nuova stazione di Susa 147

148 La Stazione Internazionale di Susa GERKAN MARG & PARTNERS -GMP MIRALLES TAGLIABUE - EMBT DIETMAR FEICHTINGER ARCHITECTES FOSTER&PARTNERS Il concorso di architettura: i secondi classificati ex-aequo 148

149 La Stazione Internazionale di Susa 9) LA STAZIONE INTERNAZIONALE COME HUB TURISTICO PER LE VALLI OLIMPICHE KUMA & ASSOCIATES EUROPE 149

150

151

152

153

154

155

156

157

158

159

160 La Stazione Internazionale di Susa

161 La Stazione Internazionale di Susa

162 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio invernale

163 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio estivo

164 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio estivo

165 La Stazione Internazionale di Susa L inserimento nel paesaggio alpino

166

167

168

169

170

171 La Stazione Internazionale di Susa N LA CAPANNA - CHALET DEL LAGO NERO (1947 SAUZE D OULX) DI CARLO MOLLINO, HA REINVENTATO IL RAPPORTO DELLA CULTURA FIGURATIVA ALPINA (E LE SUE TRADIZIONALI MODALITA COSTRUTTIVE) CON LE MIGLIORI ESPERIENZE DELL ARCHITETTURA MODERNA DEL SECONDO DOPOGUERRA. IL PROGETTO DELLA STAZIONE INTERNAZIONALE DI SUSA DI KENGO KUMA, 65 ANNI DOPO L ESPERIENZA DI CARLO MOLLINO, RAPPRESENTA UN ANALOGO IMPEGNO CREATIVO PER METTERE IN RAPPORTO IL GENIUS LOCI DEL TERRITORIO CON LE ESPERIENZE PIU INNOVATIVE DELLA CULTURA ARCHITETTONICA CONTEMPORANEA, IN UN OTTICA GLOCAL, CIOE INSIEME GLOBALE E LOCALE. Una storia di grandi architetture moderne in valle 171

172 La vista della valle con l opera inserita

173 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 10) LA TERRITORIALIZZAZIONE DEI CANTIERI Eliminazione dei campi base per gli addetti Movimentazioni dei materiali via ferrovia Lavorazioni in ambienti chiusi e controllati Ricadute economiche ed occupazionali La territorializzazione di una grande infrastruttura 173

174 Cantieri: eliminazione dei campi base per gli addetti 17,05m Accesso pedonale con viale alberato 14,05m 46,5m 38,7m 35,5m ALLOGGI PER OPERAI Cucine/Self Service Ristorante (da 70 a 132 coperti) Bar MENSA Progetto di recupero della Caserma Cascino a Susa Gioc hi Accessibilità anche per i residenti Bag ni Rela x Local i tecni ci ACCESSO CARRAIO ACCESSO PEDONALE 20m Interventi modello Démarche Grand Chantier ai sensi della Legge Regionale n.04/ Si ristrutturano edifici abbandonati per ospitare gli operai restituendo al territorio il patrimonio edilizio riqualificato

175 Cantieri: ricadute economiche ed occupazionali addetti diretti/anno più l indotto di pernottamenti complessivi per il sistema ricettivo di pasti per le strutture della ristorazione Il cantiere come opportunità per il territorio 175

176 Cantieri: imbocco del Tunnel di Base IMBOCCO GALLERIA AUTOSTRADALE IMBOCCO TUNNEL DI BASE GALLERIA ARTIFICIALE: si crea una bussola di 130 m di lunghezza per i lavori di scavo al coperto a garanzia del rischio amianto. Ad opera finita la bussola funge da filtro rumore dei treni a tutela della Cascina Vazone e di Villa Cora. Misure straordinarie per la tutela della salute e dell ambiente 176

177 Gli analoghi cantieri dei nuovi tunnel ferroviari alpini Koralm Tunnel, Austria Linea ferroviaria Graz-Klagenfurt Lunghezza Tunnel = 32,9 km Le soluzioni del Frejus sono in linea con quelle delle migliori opere 177

178 Cantieri: movimentazione dei materiali via ferrovia IMPIANTO DI CARICAMENTO SU TRENO ELISUPERFICIE NASTRO TRASPORTATORE INFERMERIA PARCHEGGIO AUTOVEICOLI LOCALE VISITATORI UFFICI DUNA DI SCOTICO BARRIERA ANTIRUMORE IN FASE DI CANTIERE Tutti i materiali di scavo viaggiano su ferrovia ai siti di deposito 178

179 Cantieri: lavorazioni in ambienti chiusi e controllati IMPIANTO DI VALORIZZAZIONE STOCCAGGIO AGGREGATI CLS AREE COPERTE PER DEPOSITO MATERIALI SCIOLTI IMPIANTO PREFABBRICAZIONE CONCI DEPOSITO TEMPORANEO DEPOSITO MATERIALI DA COSTRUZIONE STAZIONE DI BETONAGGIO OFFICINA + DEPOSITO OLII NASTRO TRASPORTATORE ELISUPERFICIE UFFICI LOCALE VISITATORI Il cantiere è organizzato come uno stabilimento industriale di addetti 179

180 La Torino Lione promuove ulteriori recuperi del patrimonio edilizio La Caserma Henry Foto d epoca La Caserma oggi Lo studio del restauro L infopoint alla Risérie di Modane Il progetto del punto informativo a Susa La Caserma Henry a Susa come la Risérie a Modane 180

181 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 11) IL CONTROLLO E LA VERIFICA DEI COSTI La territorializzazione di una grande infrastruttura 181

182 Il Progetto Definitivo conferma le stime di costo del Progetto Preliminare COSTI UNITARI COMPARATIVI (Milioni di Euro al km) LUNGHEZZA GALLERIA (km) COSTO (per canna) CENERI 15,4 83,8 BRENNERO 55,0 83,7 NUOVO FRÉJUS 57,0 86,0 LOETSCHBERG 35,0 87,0 GOTTARDO 57,0 96,2 I costi parametrici della Sezione Transfrontaliera della Torino-Lione sono assolutamente in linea con tutte le analoghe opere transalpine 182

183 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 12) SMART SUSA VALLEY Dalle Compensazioni al Progetto di Territorio 183

184 Smart Susa Valley Compensazioni ambientali Torino-Lione = 5% del valore delle opere lato Italia Sezione Transfrontaliera anticipazione: Assegnazioni per le opere compensative atte a favorire l inserimento territoriale della NLTL 10 Milioni di Euro (su un totale di 140) Il CIPE ha incaricato l Osservatorio di formulare le proposte per l utilizzo dei fondi SMART SUSA VALLEY: PROGETTO INTEGRATO DI SVILUPPO RIFERIMENTO IMMEDIATO AI COMUNI DELLA SEZIONE TRANSFRONTALIERA 1. CONNETTIVITA INFO-TELEMATICA A PARTIRE DALLE DORSALI ESISTENTI; 2. OTTIMIZZAZIONE ENERGETICA IDROELETTRICO, BIOMASSE, GEOTERMIA; 3. RECUPERO DEL PATRIMONIO PUBBLICO A PARTIRE DALLE SCUOLE; 4. RIQUALIFICAZIONE IDROGEOLOGICA E MESSA IN SICUREZZA DEI VERSANTI. 184

185 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 13) QUESTIONE LOCALE/PROSPETTIVA GLOBALE la valle è parte di un sistema nazionale e internazionale La territorializzazione di una grande infrastruttura 185

186 L EURO-REGIONE ALPMED ALPMED LA MACROREGIONE ALPMED EQUIVALE AD UN MEDIO STATO EUROPEO E LA TORINO LIONE E L ASSE DI COLLEGAMENTO TRA DUE DELLE SUE CAPITALI. PIEMONTE RHÔNE ALPES LIGURIA P.A.C.A. VALLE D AOSTA CAPOLUOGHI TORINO LYON GENOVA MARSEILLE AOSTA La Torino-Lione è l asse fondamentale dell Euro-Regione transalpina 186

187 TRANS-EUROPEAN TRANSPORT NETWORK (TEN-T) CONNECTING EUROPE Proposed TEN-T Core Network Corridors October 2011 La Torino-Lione è la tratta cruciale del Corridoio Mediterraneo 187

188 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO IL METRO DELL EUROPA: LE CITTA SONO LE FERMATE, I CORRIDOI SONO LE LINEE

189 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 14) IMPARARE DALLA STORIA DEL TERRITORIO La territorializzazione di una grande infrastruttura 189

190 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO Io credo all avvenire certo dell apertura dell istmo di Suez, perché sono convinto che l Europa finirà per capire che è condizione della sua sopravvivenza aprirsi questa via verso le Indie e il mare della Cina, per controbilanciare la potenza di un popolo rivale che sta crescendo con stupefacente rapidità e sta diventando gigante al di là dell Atlantico. Io dico che l avvenire del nostro Paese è assicurato, che esso arriverà ad un grado di prosperità inimmaginabile oggi, perché sarà passaggio obbligato di una gran parte del commercio e del transito fra l Europa e l Oriente - Luigi Federico Menabrea Atti del Parlamento subalpino, seduta del 25 giugno 1857 per l approvazione del traforo del Fréjus Dal Risorgimento un insegnamento: legare gli interessi locali ad una visione globale 190

191 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO 15) UN PO DI BUON SENSO AIUTA A DECIDERE La territorializzazione di una grande infrastruttura 191

192 IN 140 ANNI I TRENI SONO RADICALMENTE CAMBIATI. L INFRASTRUTTURA RESTA SEMPRE LA STESSA. FINO A QUANDO IL FUTURO PUO ESSERE AFFIDATO AD UN OPERA DEL RISORGIMENTO? PRIMO LA GRANDE GUERRA 3 - GLI ANNI GLI ANNI INIZIO

193 TORINO-LIONE IL PROGETTO DEFINITIVO GRAZIE DELL ATTENZIONE Mario Virano La territorializzazione di una grande infrastruttura 193

IN GENERE LE INFRASTRUTTURE SONO PENSATE COME OPERE CHE RISPONDONO A LOGICHE SETTORIALI IL TERRITORIO NON E PROTAGONISTA DEL PROGETTO MA SOLO SCENARIO

IN GENERE LE INFRASTRUTTURE SONO PENSATE COME OPERE CHE RISPONDONO A LOGICHE SETTORIALI IL TERRITORIO NON E PROTAGONISTA DEL PROGETTO MA SOLO SCENARIO GRANDI INFRASTRUTTURE PIÙ OPPORTUNITA E MENO CONFLITTI LA TERRITORIALIZZAZIONE DELLE GRANDI INFRASTRUTTURE 22 SETTEMBRE 2014 MARIO VIRANO IN GENERE LE INFRASTRUTTURE SONO PENSATE COME OPERE CHE RISPONDONO

Dettagli

Nuova Linea Ferroviaria Torino Lione. Sezione Transfrontaliera

Nuova Linea Ferroviaria Torino Lione. Sezione Transfrontaliera Nuova Linea Ferroviaria Torino Lione Sezione Transfrontaliera CRITERI E MODALITÀ PER L UTILIZZO DELLE RISORSE STANZIATE DAL GOVERNO IN CONTO COMPENSAZIONE : PRIMI INDIRIZZI E PROPOSTE LIONE TORINO Lunedì

Dettagli

TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE. 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica?

TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE. 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica? TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica? Il modello di sviluppo perseguito dall Ue è basato sulla crescita della competitività e del

Dettagli

LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE)

LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE) LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE) VAL DI SUSA FRANCIA FRANCIA U.E. F-UE F. - I. - U.E. I-UE I-UE ITALIA 2030 2023 2023 2023 2030 NUOVA LINEA TORINO LIONE TUNNEL DI BASE Il Tunnel di

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Punti di accordo per la progettazione della nuova linea e per le nuove politiche di trasporto per il territorio

Punti di accordo per la progettazione della nuova linea e per le nuove politiche di trasporto per il territorio Osservatorio per il collegamento ferroviario Torino-Lione Punti di accordo per la progettazione della nuova linea e per le nuove politiche di trasporto per il territorio Pracatinat, 28 giugno 2008 Premessa

Dettagli

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici NO (TAV/NO TAV) Come è noto, la questione della desiderabilità

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE

COMUNICATO STAMPA PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE COMUNICATO STAMPA Torino, 30 novembre 2011 PARTONO I LAVORI PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE UNICA DELLA REGIONE PIEMONTE Si inaugura all insegna della sicurezza del lavoro la costruzione della sede

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEI VALICHI ALPINI

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEI VALICHI ALPINI ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEI VALICHI ALPINI SETTEMBRE 2014 1. Inquadramento territoriale e programmatico L'Italia ha uno storico ruolo strategico per gli scambi

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900 Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo Carta ferroviaria 1900 Le ferrovie nel Risorgimento Durante il Risorgimento il treno rappresenta il principale simbolo di unione fra i diversi territori

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino Principali ottimizzazioni apportate nel progetto definitivo Sulla base di una serie

Dettagli

O s s e r v a t o r i o

O s s e r v a t o r i o UADERNI O s s e r v a t o r i o collegamento ferroviario Torino-Lione Autostrade ferroviarie Centri logistici e Autostrade ferroviarie Intermodalità AUTOSTRADE FERROVIARIE Potenzialità e sviluppi dei servizi

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

Cartella stampa Giugno 2014

Cartella stampa Giugno 2014 Cartella stampa Giugno 2014 Indice SCHEDA 1: GLI OBIETTIVI DELLA TORINO LIONE... p.8 La Torino Lione, anello chiave della rete transeuropea Più treni sui binari, meno camion sulle strade I vantaggi ambientali

Dettagli

Vega 2: un iniziativa brownfield. metropolitana, infrastrutturata e di sistema

Vega 2: un iniziativa brownfield. metropolitana, infrastrutturata e di sistema Vega 2: un iniziativa brownfield metropolitana, infrastrutturata e di sistema Dicembre 2012 Il Gruppo 2 Il Gruppo Condotte La Società Italiana per Condotte d Acqua S.p.A. - Condotte -, fondata a Roma nel

Dettagli

II JORNADA EUROPEA SOBRE ALTA VELOCIDAD Y TERRITORIO

II JORNADA EUROPEA SOBRE ALTA VELOCIDAD Y TERRITORIO II JORNADA EUROPEA SOBRE ALTA VELOCIDAD Y TERRITORIO ACTIVIDADES EN TORNO A LAS ESTACIONES DE ALTA VELOCIDAD FERROVIARIA GAS architettura giuseppe chiodin andrea aiazza architetti associati Via Saluzzo

Dettagli

Piano nazionale per le città - FIRENZE

Piano nazionale per le città - FIRENZE Housing sociale Piagge Piano di Recupero Manifattura Tabacchi Recupero area ferroviaria Leopolda Nuovo Teatro dell Opera Piano Urbanistico Leopolda Piazza Giardino Viale Rosselli - Nuovo Teatro dell Opera

Dettagli

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA NUOVA STAZIONE AV ROMA TIBURTINA L Alta Velocità italiana Malpen sa L avvento del trasporto AV-AC in Italia segna un nuovo paradigma per la mobilità sul nostro territorio. Dal13 dicembre 2009, 1000 km

Dettagli

SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5

SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5 SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5 Osservatorio Torino Lione mercoledì 22 gennaio 2014 SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO 2008 - Accordo di programma per la

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

La Linea Storica e l Autostrada ferroviaria

La Linea Storica e l Autostrada ferroviaria La Linea Storica e l Autostrada ferroviaria Audizione del 16 gennaio 2007 di Roberto Cinquegrani, Presidente e Amministratore delegato di Autostrada Ferroviaria Alpina (AFA), dedicata allo stato di attuazione

Dettagli

Progetto cofinanziato da

Progetto cofinanziato da Il sistema dei valichi alpini Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle economie locali Progetto cofinanziato da Marzo 2009 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere e dalle

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio COMUNE DI COMO Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio PREMESSA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE La presente relazione viene redatta ai sensi degli articoli 93 del

Dettagli

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO gennaio 2013 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Torino e la sua area metropolitana rappresentano il nodo principale

Dettagli

FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO

FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO FOCUS PIEMONTE OPERE IN CORSO PASSANTE DI TORINO Quadruplicamento Torino Porta Susa Torino Stura E in fase di realizzazione, fra Torino Porta Susa e Torino Stura, il quadruplicamento, prevalentemente in

Dettagli

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Roma, 28 Giugno2005 Arrivi, partenze, relazioni, Ferrovie e Comuni insieme per la qualità della vita di tutti i cittadini Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Arch. Norberta Valentino

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

SIstema TAngenziali VEnete

SIstema TAngenziali VEnete MITIGAZIONE COMPENSAZIONE. S I T A V E. RICOSTRUZIONE RESTAURO AMBIENTE SIstema TAngenziali VEnete Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento Aggiornamento e adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante al PTC1 ai sensi dell'art.

Dettagli

APPUNTO GENERALE DELLA RIUNIONE PREPARATORIA del 19 febbraio 2015, ore 12.00 ORDINE DEL GIORNO

APPUNTO GENERALE DELLA RIUNIONE PREPARATORIA del 19 febbraio 2015, ore 12.00 ORDINE DEL GIORNO Prot. DIPE n. 811 P del 19 febbraio 2015 Roma, 19 febbraio 2015 APPUNTO GENERALE DELLA RIUNIONE PREPARATORIA del 19 febbraio 2015, ore 12.00 ORDINE DEL GIORNO 1 Programma delle infrastrutture strategiche

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO VEGA VENEZIA

PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO VEGA VENEZIA PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO VEGA VENEZIA VEGA - Parco Scientifico Tecnologico di Venezia S.C.A.R.L. è una Società Consortile a Responsabilità Limitata senza fini di lucro, nata nel 1993 e costituita

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto IL PERCORSO REALIZZATO STUDI DI BASE E ANALISI DEI CONSULENTI TAVOLO DI CONFRONTO

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/288 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Il tracciato di progetto

Il tracciato di progetto Il progetto alta velocità ferroviaria Brennero - Verona nella Provincia di Bolzano Il tracciato di progetto Traforo di base Lotti 1 e 2 Lotto 5 Tratte di completamento www.notavbrennero.eu, febbraio 2013

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA TRASPORTI 83 NON CHIAMATELA PIÙ TAV di ANDREA DE BERNARDI * ANGELO TARTAGLIA ** La Valle di Susa non è mai stata nemica della ferrovia: da un secolo e mezzo la linea esistente contribuisce alla sua identità

Dettagli

WORKSHOP INTERNAZIONALE

WORKSHOP INTERNAZIONALE WORKSHOP INTERNAZIONALE Atelier de Réflexion Urbaine 2015 Riqualificazione architettonica e paesaggistica Circolo Canottieri Tirrenia Todato 9-13 febbraio 2015 (Roma) OGGETTO DEL WORKSHOP Tema del concorso

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

ASSOLOMBARDA - CONFINDUSTRIA GENOVA - UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO

ASSOLOMBARDA - CONFINDUSTRIA GENOVA - UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO NordOvest Infrastrutture Newsletter di oti nordovest osservatorio territoriale infrastrutture n. 20 - Gennaio 2010 www.otinordovest.it a cura di ASSOLOMBARDA - CONFINDUSTRIA GENOVA - UNIONE INDUSTRIALE

Dettagli

Piano traffico Gottardo

Piano traffico Gottardo Piano traffico Gottardo Concetto di «Autostrada viaggiante (RoLa) per i camion» nella galleria di base del Gottardo Studio delle varianti per gli impianti di trasbordo Rapporto dell Iniziativa delle Alpi

Dettagli

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Loc. Al Poggione - Via del Poggione Diecimo - Borgo a Mozzano (LU) Tel. +39 0583 835140 Fax. +39 0583 835230 www.ciprianocostruzioni.it

Dettagli

IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012

IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012 IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012 Tav, vale la pena? "Opera indispensabile" o "soldi buttati". Cifre e tesi a confronto sul forum del Fatto Ma vale davvero la pena di spendere un numero imprecisato di miliardi

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO ADEGUAMENTO A 4 CORSIE NEL TRATTO GROSSETO SIENA (S.S. 223 DI PAGANICO ) DAL KM 30+040 AL KM 41+600 LOTTI 5, 6, 7, 8 IL TRACCIATO DELLA

Dettagli

www.new-engineering.it

www.new-engineering.it www.new-engineering.it PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO OPERE STRADALI Realizzazione strada di collegamento Realizzazione del collegamento della zona industriale di Lavis con l Autostrada del Brennero

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di CONVEGNO SULLA MOBILITA SOSTENIBILE IN VAL DI FASSA 22 0TT0BRE 2004 tesi di laurea La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di Valeria Partel

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria SISTEMA VALICHI Asse ferroviario Monaco - Verona: valico del Brennero e Fortezza - Verona Asse ferroviario Fortezza - Verona Quadruplicamento Fortezza-Verona - Lotti 1, 2 SCHEDA N. 4 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1241 del 22 luglio 2014 pag. 1/6 PROTOCOLLO D INTESA per l attraversamento del territorio vicentino con la linea AV/AC Verona-Padova tra Ministero

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni

La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni Milano, 9 Febbraio 2009 Assolombarda Mobility Conference La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni LA SOCIETA Pag. 1 Chi siamo e dove siamo Pag.

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013

Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013 www.webstrade.it Ponte Foce del Saline. Variante P. Definitivo Montesilvano 3 Marzo 2013 PROPOSTA DI VARIANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO DEL PONTE FOCE DEL SALINE, IN RELAZIONE ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PP1

Dettagli

5.2 PIANIFICAZIONE GENERALE DEL PROCESSO DI CANTIERIZZAZIONE

5.2 PIANIFICAZIONE GENERALE DEL PROCESSO DI CANTIERIZZAZIONE D040 00 R 22 RG SA000G 001 B 181 di 236 5.2 PIANIFICAZIONE GENERALE DEL PROCESSO DI CANTIERIZZAZIONE Il progetto di cantierizzazione è stato dettagliata mediante la definizione delle seguenti aree di cantiere:

Dettagli

ON OFF Milano PIÙ SPAZIO CITTA ALLA. trevipark.com

ON OFF Milano PIÙ SPAZIO CITTA ALLA. trevipark.com ON OFF Milano PIÙ SPAZIO CITTA ALLA C O S T R U I R E S P A Z I O trevipark.com QUANDO SOTTERRANEO MEGLIO È Il parcheggio sotterraneo è spesso la soluzione migliore per una città più ordinata, più vivibile

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI

4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI 4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI 4.1 EVOLUZIONE DEI PROGRAMMI 4.1.1 Generalità Le grandi opere di potenziamento infrastrutturale in corso di realizzazione, fra le quali fondamentali i quadruplicamenti AC delle

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli