I Nutrienti. I grassi. Prof. Giorgio Sartor. L04 - Versione 1.3 oct Copyright by Giorgio Sartor. All rights reserved.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Nutrienti. I grassi. Prof. Giorgio Sartor. L04 - Versione 1.3 oct 2011. Copyright 2001-2008 by Giorgio Sartor. All rights reserved."

Transcript

1 Prof. Giorgio artor I utrienti I grassi Copyright by Giorgio artor. All rights reserved. L04 - Versione 1.3 oct 2011 V.1.3 gsartor L04 - I grassi - 2-1

2 Metabolismo dei grassi I grassi sono fra le principali fonti di energia metabolica Grassi Proteine Glicogeno (fegato) Glicogeno (muscolo) Glucosio Energia (kjmole -1 ) V.1.3 gsartor L04 - I grassi I grassi (esteri del glicerolo) C1 C 3 C2 C3 + 3 C C 3 C3 C 3 C 3 2 C C 2 R P C 3 C 3 Trigliceridi (TAG) Fosfolipidi Lisofosfolipidi + 3 C C 3 C3 P C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi - 4-2

3 I grassi (esteri della sfingosina) C 3 2 C 3 C 3 fingosina Ceramidi fingomielina P C 3 C C C 3 3 C V.1.3 gsartor L04 - I grassi Colesterolo 3 C 3 C C 3 3 C C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi - 6-3

4 ello spazio! V.1.3 gsartor L04 - I grassi Bilayer I fosfolipidi formano bilayers. Liposomi: V.1.3 gsartor L04 - I grassi - 8-4

5 Le cellule hanno membrane lipidiche! V.1.3 gsartor L04 - I grassi -9- Digestione dei lipidi e trasporto A causa dell insolubilità in acqua dei lipidi la loro digestione ed il trasporto sono un problema chimico. Gli enzimi che agiscono sui lipidi sono enzimi solubili o di membrana che agiscono all interfaccia acqua particella lipidica. I lipidi ed i prodotti di digestione (insolubili o poco solubili in acqua) devono essere trasportati attraverso compartimenti acquosi all interno di cellule e tessuti per essere metabolizzati. V.1.3 gsartor L04 - I grassi

6 Detergenti L accessibilità dei legami esterei dei TAG è favorita dalla presenza di sali di acili biliari che funzionano come emulsionanti: 3 C C 3 Acido colico (colato) C 3 C 3 EI MAMMIFERI R R Acido taurocolico Acido glicocolico V.1.3 gsartor L04 - I grassi Acidi biliari in ambiente marino R" C 3 R' R' = Ac R" = A C 3 R' = R" = A R' = R" = B C 3 C 3 R R = A R = B Derivati dell acido 3-oxo-col-4-en- 24-oico e 3-oxo-col-1,4-dien-24- oico A 3 C B 3 C * * ew 3-xo-chol-4-en-24-oic Acids from the Marine oft Coral Eleutherobia sp. arah C. Lievens, a kon ope, and Tadeusz F. Molinski* J. at. Prod. 2004, 67, V.1.3 gsartor L04 - I grassi

7 Lipasi Catalizza l idrolisi dei triacilgliceroli in posizione 1 e 3 formando 1,2-diacilgliceroli, 2-acilglicerolo e quindi glicerolo C1 C2 C3 C 3 C 3 2 C 3 C 3 2 C 3 C 3 C 3 2 C 3 C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Lipolisi: meccanismo generale R' R" R' u+ R" R u: R R' + R" R' u R" R u: 2 R V.1.3 gsartor L04 - I grassi

8 Triacilglicerololipasi (EC ) 1LBT V.1.3 gsartor L04 - I grassi Triacilglicerololipasi (EC ) 1LBT V.1.3 gsartor L04 - I grassi

9 Lipasi (EC ) Triade catalitica er is Asp 1CUA V.1.3 gsartor L04 - I grassi Lipasi come antidoto! Alcune alghe della famiglia Caulerpaceae (Caulerpa prolifera, C. taxifolia e C. racemosa) producono caulerpenina, un metabolita tossico (sesquiterpene) in grado di funzionare come deterrente chimico nei confronti di molluschi marini che vivono nella comunità algale. Una mollusco (xynoe olivacea) riesce a rendere inoffensivo il terpene attraverso una lipasi. Lipase-mediated production of defensive toxins in the marine mollusc xynoe olivacea Adele Cutignano, Valentina otti, Giuliana d Ippolito, Anna Domènech Coll, Guido Cimino and Angelo Fontana* rg.biomol.chem.,2004,2, V.1.3 gsartor L04 - I grassi

10 Lipasi come antidoto! Alcune alghe della famiglia Caulerpaceae (Caulerpa prolifera, C. taxifolia e C. racemosa) producono caulerpenina, un metabolita tossico (sequiterpene) in grado di funzionare come deterrente chimico nei confronti di molluschi marini che vivono nella comunità algale. Una mollusco (xynoe olivacea) riesce a rendere inoffensivo, per sé, il terpene attraverso una lipasi. Lipase-mediated production of defensive toxins in the marine mollusc xynoe olivacea Adele Cutignano, Valentina otti, Giuliana d Ippolito, Anna Domènech Coll, Guido Cimino and Angelo Fontana* rg.biomol.chem.,2004,2, V.1.3 gsartor L04 - I grassi Lipasi come antidoto! Alcune alghe della famiglia Caulerpaceae (Caulerpa prolifera, C. taxifolia e C. racemosa) producono caulerpenina, un metabolita tossico (sequiterpene) in grado di funzionare come deterrente chimico nei confronti di molluschi marini che vivono nella comunità algale. Una mollusco (xynoe olivacea) riesce a rendere inoffensivo, per sé, il terpene attraverso una lipasi. Lipase-mediated production of defensive toxins in the marine mollusc xynoe olivacea Adele Cutignano, Valentina otti, Giuliana d Ippolito, Anna Domènech Coll, Guido Cimino and Angelo Fontana* rg.biomol.chem.,2004,2, V.1.3 gsartor L04 - I grassi

11 Lipasi come antidoto! Alcune alghe della famiglia Caulerpaceae (Caulerpa prolifera, C. taxifolia e C. racemosa) producono caulerpenina, un metabolita tossico (sequiterpene) in grado di funzionare come deterrente chimico nei confronti di molluschi marini che vivono nella comunità algale. Una mollusco (xynoe olivacea) riesce a rendere inoffensivo, per sé, il terpene attraverso una lipasi. TIE PER LA DIFEA DAI PREDATRI V.1.3 gsartor L04 - I grassi Meccanismo Lipase-mediated production of defensive toxins in the marine mollusc xynoe olivacea Adele Cutignano, Valentina otti, Giuliana d Ippolito, Anna Domènech Coll, Guido Cimino and Angelo Fontana* rg.biomol.chem.,2004,2, V.1.3 gsartor L04 - I grassi

12 Meccanismo Lipase-mediated production of defensive toxins in the marine mollusc xynoe olivacea Adele Cutignano, Valentina otti, Giuliana d Ippolito, Anna Domènech Coll, Guido Cimino and Angelo Fontana* rg.biomol.chem.,2004,2, V.1.3 gsartor L04 - I grassi Fosfolipasi C 3 PLD + C 3 C 3 P PLC PLA 2 C 3 C 3 PLA 1 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

13 Fosfolipasi Fosfolipasi A 1 EC Fosfolipasi A 2 EC Fosfolipasi C EC Fosfolipasi D EC Lipasi EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi Fosfolipasi A 1 (EC ) C 3 + C 3 C 3 P C 3 C 3 C 3 3 C + C 3 C 3 P C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

14 Fosfolipasi A 1 Ca ++ AP I V.1.3 gsartor L04 - I grassi QD6 Meccanismo (diade catalitica) is48 Asp99 Ca++ R' R" is48 Ca++ R" is48 Ca++ Asp99 R' Asp99 R' R" V.1.3 gsartor L04 - I grassi

15 Fosfolipasi A 2 (EC EC ) C 3 + C 3 C 3 P C 3 C 3 C 3 3 C + C 3 P C 3 C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Fosfolipasi A 2 Il lisofosfolipide è un detergente potentissimo, La fosfolipasi A 2 è contenuta nel veleno di serpenti (cobra), insetti (api), probabilmente anche in invertebrati marini (spugne), l effetto è quello di lisare i globuli rossi attraverso l effetto della lisofosfatidilcolina ei mammiferi è secreta dal pancreas e una piccola quantità di lecitina viene secreta dal fegato, e quindi idrolizzata, per aiutare la solubilizzazione dei grassi. V.1.3 gsartor L04 - I grassi

16 Fosfolipasi A 2 Esistono almeno due famiglie di PLA 2 : spla 2 : secreta, che permette l idrolisi dei fosfolipidi all interfaccia, e possiede un dominio che si lega alla membrana (veleno delle api) cpla 2 : citosolica, che viene utilizzata per la produzione di acidi grassi (arachidonato), inositolo fosfato come messaggeri intracellulari. V.1.3 gsartor L04 - I grassi Fosfolipasi A 2 (EC ) 18G V.1.3 gsartor L04 - I grassi

17 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Diade catalitica Ca ++ AP99 I48 1FXF V.1.3 gsartor L04 - I grassi

18 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Ipotetico modo d azione di Fosfolipasi A 2 su di una micella di fosfolipidi V.1.3 gsartor L04 - I grassi

19 FAB V.1.3 gsartor L04 - I grassi FAB V.1.3 gsartor L04 - I grassi

20 Glicerolo L ossidazione del glicerolo a diidrossiacetone è catalizzata dalla glicerolo fosfato (EC ) AD+ AD 1JQ5 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Glicerolo ATP ADP P La fosforilazione del diidrossiacetone è catalizzata dalla diidrossiacetone chinasi (EC ). Il diidrossiacetonfosfato così formatosi è convogliato nella glicolisi 1UE Diidrossiacetone mologo ATP Mg V.1.3 gsartor L04 - I grassi

21 Glicerolo ATP ADP P La fosforilazione del diidrossiacetone è catalizzata dalla diidrossiacetone chinasi (EC ). Il diidrossiacetonfosfato così formatosi è convogliato nella glicolisi 1UE Diidrossiacetone mologo ATP Mg ++ V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione degli acidi grassi 21

22 β-ossidazione degli acidi grassi Ì?? Acidi grassi Acidi grassi saturi C 3 Acido stearico (C 18 ) Acidi grassi insaturi C 3 Acidi grassi polinsaturi Acido oleico (C 18 9 ) C18:1ω C 3 18 Acido linoleico (C 18 9,12 ) C18:2ω6 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

23 β-ossidazione acidi grassi Una volta che i TGA sono idrolizzati ad acidi grassi questi ultimi vengono demoliti fondamentalmente attraverso l ossidazione, Il principale meccanismo è quello della β-ossidazione che distacca unità bicarboniose, sottoforma di Acetil-, rompendo il legame tra il Cα e il Cβ, α β C 3 C 3 α β C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi A seconda del numero (n) di atomi di carbonio dell acido grasso di producono n/2 molecole di Acetil-. La reazione avviene nella matrice mitocondriale. Gli acidi grassi vengo attivati attraverso la formazione di un Acil-. L Acil- viene trasportato all interno della membrana interna mitocondriale attraverso il sistema carnitina/acilcarnitina. V.1.3 gsartor L04 - I grassi

24 Attivazione degli acidi grassi L attivazione degli acidi grassi porta alla formazione di Acil- Coa Avviene nel citoplasma ad opera di una l acil- sintetasi (EC ). Il processo è endoergonico ( G = 31.4 kjmole -1 ) Viene reso spontaneo dalla razione di idrolisi di una molecola di ATP a AMP e PPi, il quale fornisce un surplus di energia convertendosi a 2Pi attraverso una pirofosfatasi, per un totale di kjmole -1 di ATP impiegato. C 3 ATP G = kj mol -1 G = kj mol -1 G = kj mol AMP + PPi -1 2Pi C 3 1V25 1V26 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Formazione di Acil- Il meccanismo di reazione prevede la formazione di un derivato intermedio aciladenosina, legato all enzima, che subisce l attacco nucleofilo da parte dell atomo di zolfo del -. ATP Acido grasso C 3 P P P n C 3 n + P P P PPi P Aciladenosina Pi C 3 n P V.1.3 gsartor L04 - I grassi Intermedio tetraedrico 2 C 3 P n Acil- + AMP 2 24

25 Trasporto Il trasporto degli acil nell interno degli organelli subcellulari, dove avviene l ossidazione degli acidi grassi, sfrutta il sistema carnitina/acilcarnitina. + C 3 C 3 C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Carnitina Il sistema carnitina/acilcarnitina è stato scoperto la prima volta nei mitocondri. Esso contiene carnitina acetiltransferasi (CAT), legata strettamente alla faccia interna della membrana interna mitocondriale e quattro isoenzimi carnitina palmitoil transferasi (CPT, CPT-IA nel fegato, CPT-IB nel muscolo e altre cellule, CPT-IC nel cervello e CPT-II). Gli enzimi CPT-I sono localizzati nella membrana esterna mitocondriale con le loro porzioni catalitica e regolatoria (inibita da malonil) che si affacciano verso il lato citoplasmatico mentre CPT II è localizzata come la CAT. Tale varietà isoenzimatica è legata alla diversa affinità per i diversi gruppi acilici: CAT: C2-C10, CPTI: C6-C20 CPTII: C6-C18 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

26 Carnitina Anche i perossisomi contengono una CAT, la carnitina octiltransferasi (CRT) che ha un affinità maggiore per C4-C16, è inibita da malonil ed un altra acilcarnitina transferasi solubile non inibita da malonil. Anche altre membrane (reticolo endoplasmatico, sarcoplasmatico, membrana nucleare e membrana plasmatica) contengono carnitina aciltransferasi. V.1.3 gsartor L04 - I grassi Trasporto nei mitocondri Il trasporto di Acil-Coa attraverso la membrana interna mitocondriale viene quindi mediato dalla carnitina attraverso tre sistemi enzimatici: A. Carnitina aciltransferasi I, nel lato citoplasmatico, CAT, CPT-IA nel fegato, CPT-IB nel muscolo e altre cellule, CPT-IC nel cervello. B. Carnitina acilcarnitina traslocasi (CACT), nella membrana e C. Carnitina aciltransferasi II, nel lato della matrice mitocondriale. CPT-II Carnitina Carnitina Acil- Citoplasma CPTI -acilcarnitina - pazio intermembrana CACT CPTII Matrice Acil- -acilcarnitina Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi

27 Trasporto nei mitocondri Carnitina Acil- -acetilcarnitina Citoplasma CPTI Carnitina -acetilcarnitina Carnitina -acilcarnitina - pazio intermembrana CACT CACT Matrice CPTII β-ossidazione CAT -acilcarnitina + - Acil- + Carnitina Acetil- + Carnitina -acetilcarnitina + - Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi Trasporto nei perossisomi ei perossisomi il trasporto di Acil-Coa attraverso la membrana viene mediato dalla carnitina attraverso: A. Carnitina aciltransferasi I, nel lato citoplasmatico, CRT e solubile. B. Carnitina acilcarnitina traslocasi, nella membrana e C. Carnitina aciltransferasi II, all interno. CPT-II Carnitina + Acil- CPT solubile CRT Interno del perossisoma - + -acilcarnitina CACT Carnitina + Acil- CPTII Citoplasma - + -acilcarnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi

28 Carnitina aciltransferasi EC C 3 C 3 C 3 + n C3 Carnitina Acil transferasi I (lato matrice) Carnitina Acil transferasi II (lato citoplasma) n C 3 + C 3 3 C C 3 + V.1.3 gsartor L04 - I grassi Carnitina aciltransferasi EC Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi

29 Carnitina aciltransferasi EC Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi Carnitina aciltransferasi EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi

30 Carnitina aciltransferasi EC Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi Carnitina aciltransferasi EC Carnitina V.1.3 gsartor L04 - I grassi

31 β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

32 β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

33 β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC β-chetoacil- AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi La strategia della β-ossidazione consiste nel generare un nuovo carbonile in β a seguito della rotture del legame tra Cα e Cβ. Tale sequenza di reazioni produce: Un Acetil- Un Acil- più corto di due unità carboniose. Un FAD 2 Un AD La reazione procede ciclicamente fino a quando l acil- è ridotto a due unità (Acetil-) o tre unità (Propionil-) carboniose. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

34 Destino dei prodotti I prodotti della β-ossidazione: Acetil- e corpi chetonici: entrano nel ciclo di Krebs per produrre equivalenti riducenti (AD e FAD 2 ) che alimentano la fosforilazione ossidativa per la produzione di ATP. Un Acil- più corto di due unità carboniose: rientra nel ciclo successivo di β- ossidazione. FAD 2 e AD che alimentano la fosforilazione ossidativa per la produzione di ATP. V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

35 β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

36 β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra deidorgenasi riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - AD + + C 3 3-Chetotiolasi EC β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra deidorgenasi riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. FAD Acil- C 3 Acil- (C n ) EC EC EC C 3 FAD 2 C 3 3-Chetotiolasi EC Acil- (C n-2 ) - C 3 E il ciclo si ripete trans- 2 -enoil- C 3 β-chetoacil- AD L-3-idrossiacil- EC AD + L-β-idrossiacil- C 3 Enoil- idratasi EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi

37 β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Acil- EC EC EC C Tre enzimi solubili nella matrice 3 Acil- (C n ) - Contengono un FAD come gruppo C 3 β-chetoacil- mitocondriale con diversa 3-Chetotiolasi specificità per EC acidi grassi con catena idrofobica di diversa lunghezza (corti, medi e lunghi). prostetico. AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

38 Acil- EC EC EC Il FAD viene ridotto a FAD 2, gli elettroni vengono poi convogliati alla catena respiratoria attraverso una flavoproteina trasportatrice di elettroni (ETF) e al CoQ per formare CoQ 2. Acil- (C n ) EC EC EC C 3 FAD ETF red CoQ trans- 2 -enoil- FAD 2 ETF ox CoQ 2 C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Acil- EC EC EC Meccanismo C 3 C C 3 B B + FAD C 3 C C 3 B + EC I2 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

39 β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + β-chetoacil- Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 C 3 Enoil- idratasi EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi Idratazione stereo specifica. L enoil- idratasi catalizza l idratazione stereospecifica al doppio legame trans producendo L-idrossiacil-. Esamero. C 3 β-chetoacil- AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 3-Chetotiolasi Due enzimi: EC EC : maggiore affinità per enoil- a corta - catena. EC : maggiore affinità per enoil- a lunga C catena. 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 C 3 Enoil- idratasi EC EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi

40 Enoil- idratasi EC Esanoil- 1MJ3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Enoil- idratasi EC δ ++ R R Glu 164 Glu 144 Glu 164 δ R Glu 144 Glu 164 R Glu164 Glu 144 Glu144 Glu 144 Glu 164 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

41 Enoil- idratasi EC δ ++ R R Glu 164 Glu 144 Glu 164 δ R Glu 144 Glu 164 R Glu164 Glu 144 Glu144 Glu 144 Glu 164 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + β-chetoacil- Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

42 β-ossidazione acidi grassi L enzima L-3-idrossiacil- catalizza l ossidazione di L-β-idrossiacil-. FAD Acil- C 3 È un enzima specifico per l isomero L. Acil- (C n ) EC EC EC Il AD prodotto entra nella catena C 3 respiratoria a livello del FAD complesso I. 2 C 3 3-Chetotiolasi EC Acil- (C n-2 ) - C 3 C 3 trans- 2 -enoil- β-chetoacil- 2 AD + + L-3-idrossiacil- EC AD + L-β-idrossiacil- C 3 Enoil- idratasi EC V.1.3 gsartor L04 - I grassi L-3-idrossiacil- EC is Glu + δ - C AD + + P P Gly is + Glu C AD P P Gly V.1.3 gsartor L04 - I grassi

43 β-ossidazione acidi grassi In tutto quattro attività enzimatiche catalizzano il processo ciclico: Una riduce il legame CαCβ a doppio legame, Una idratasi addiziona acqua in trans per formare un enolo Un altra riduce il gruppo a carbonile ed infine Una tiolasi permette la rottura del legame CαCβ per formare Acetil- e Acil- più corto di due unità. - C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + β-chetoacil- L-3-idrossiacil- EC AD + Acil- (C n ) C 3 C 3 Acil- (C n-2 ) L-β-idrossiacil- C 3 trans- 2 -enoil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 2 Enoil- idratasi EC C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi β-ossidazione acidi grassi - β-chetoacil- Acil- (C n ) L-3-idrossiacil- Enoil- idratasi EC i produce un Acil-EC di due atomi di carbonio più corto. AD + C 3 C 3 3-Chetotiolasi EC AD + + C 3 Acil- (C n-2 ) C 3 L-β-idrossiacil- C 3 FAD Acil- EC EC EC FAD 2 trans- 2 -enoil- La chetotiolasi catalizza la scissione del β-chetoacil-. Il ciclo ricomincia. 2 C 3 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

44 3-Chetotiolasi EC C n B + C 2 B + C 2 - B + C 3 C 2 B Intermedio enzima tioestere V.1.3 gsartor L04 - I grassi Chetotiolasi EC B B + Intermedio enzima tioestere B + C n-2 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

45 3-Chetotiolasi EC Arg Cys 1AWF V.1.3 gsartor L04 - I grassi techiometria Per ogni ciclo si producono: AD che equivale a 2.5 moli di ATP prodotte nella catena respiratoria. FAD 2 che equivale a 1.5 moli di ATP prodotte nella catena respiratoria. Per la degradazione dell acido palmitico (C 16 ): C 3 -(C 2 ) 14 -C-- + 7FAD + 7AD C 3 -C-- + 7FAD 2 + 7AD FAD Pi ADP FAD ATP 320 kjmol -1 7AD Pi ADP AD ATP 534 kjmol -1 8C 3 -C Pi + 80ADP C ATP 2440 kjmol -1 C 3 -(C 2 ) 14 -C Pi +108ADP ATP + 16 C kjmol -1 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

46 techiometria Per ogni ciclo si producono: AD che equivale a 2.5 moli di ATP prodotte nella catena respiratoria. FAD 2 che equivale a 1.5 moli di ATP prodotte nella catena respiratoria. Per la degradazione dell acido palmitico (C 16 ): C 3 -(C 2 ) 14 -C-- + 7FAD + 7AD C 3 -C-- + 7FAD 2 + 7AD FAD Pi ADP FAD ATP 320 kjmol -1 7AD Pi ADP AD ATP 534 kjmol -1 8C 3 -C Pi + 80ADP C ATP 2440 kjmol -1 C 3 -(C 2 ) 14 -C Pi +108ADP ATP + 16 C kjmol -1 V.1.3 gsartor L04 - I grassi Rendimento Combustione dell acido palmitico: C 3 -(C 2 ) 14 -C + 2 C G = kjmol -1 ssidazione dell acido palmitico e respirazione cellulare: C 3 -(C 2 ) 14 -C + 2 C (108 2)ATP = G = kjmol -1 Efficienza = 3233/9790 = 33% Produzione di metabolica per mole di acido palmitico che viene β-ossidato. V.1.3 gsartor L04 - I grassi

47 Pari e dispari Dalla β-ossidazione di acidi grassi con atomi si carbonio pari (n) si formano n/2 acetil- attraverso (n/2 1) cicli di reazioni. Dalla β-ossidazione di acidi grassi con atomi si carbonio dispari (n) si formano n/2-1 acetil- + 1 propionil- da (n/2-1) cicli di reazioni. V.1.3 gsartor L04 - I grassi Acidi grassi dispari Acil- β-ossidazione n/2 3 C C 3 Propionil- uccinil- Propionil- carbossilasi ATP + C Metilmalonil- mutasi D-Metilmalonil- C 3 C 3 Metilmalonil- epimerasi L-Metilmalonil- V.1.3 gsartor L04 - I grassi

48 Acidi grassi monoinsaturi 3 C 6 6 C 3 leil- (C 18 9 ) 6 3 x β-ossidazione 3 3 C 2 Enoil- idratasi 6 x β-ossidazione 3 C 6 3 C 6 cis- 3 -dodecanoil- Enoil- isomerasi trans- 3 -dodecanoil- 6 3 C V.1.3 gsartor L04 - I grassi Acidi grassi polinsaturi 3 C C 4 Linoeil- (C ) cis- 4 -decanoil- cis- 3 -cis- 3 -dodecanoil- 3 x β-ossidazione 3 C 4 β-ossidazione 3 3 C 2 Enoil- idratasi 3 C 4 Enoil- isomerasi trans- 3 -cis- 6 -dodecanoil- 3 C 4 trans- 2 -cis- 4 -decanoil- ADP + + ADP + Dienoil- reduttasi 3 C 4 trans- 3 -decanoil- 5 3 C 4 x β-ossidazione Enoil- idratasi 2 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

49 Perossisomi La β-ossidazione avviene in molte strutture subcellulari, in particolare nei perossisomi. ono deputati alla formazione di 2 2 che viene utilizzata come sistema di difesa da batteri, virus, ecc. L accettore di elettroni della acil- ossidasi è il FAD: FAD FAD 2 FAD FAD V.1.3 gsartor L04 - I grassi ω-ossidazione el reticolo endoplasmatico può avvenire la ω-ossidazione. n C 3 n n Catalizzata da enzimi che appartengono alla classe delle ossidasi miste (CytP450, CYP) Provocano una idrossilazione e quindi una ossidazione. È un processo aspecifico che converte molecole lipofile in prodotti più idrosolubili più facili da eliminare. È un processo che detossifica le cellule da molecole lipofile. V.1.3 gsartor L04 - I grassi

50 truttura del CYP (1P5) AA basici V.1.3 gsartor L04 - I grassi truttura del CYP (1P5) Cys436 AA basici V.1.3 gsartor L04 - I grassi

51 truttura del CYP (1P5) Cys436 AA basici Cavità V.1.3 gsartor L04 - I grassi Ciclo del CYP (prodotto) R R (substrato) Fe 3+ 2 Fe 3+ R 2 2 Fe 3+ R e - Fe 2+ R Fe 3+ R 2 AD(P)-citocromo P450 reduttasi [Fe 2+ 2 R] e- + [Fe2+ R] -1 [Fe 2+ 2 R] -2 citocromo b5 V.1.3 gsartor L04 - I grassi

52 Meccanismo ciclico del CYP R 2 R R 2 R Fe 3+ Fe 3+ Fe 3+ II I VII 2- Fe 4+ R +. A e VI 2 + R - Fe 3+ + R Fe 2+ III + R 2- R - R 2 Fe 3+ e - Fe 3+ Fe 2+ V IV Fe 2+ V.1.3 gsartor L04 - I grassi Meccanismo ciclico del CYP R 2 I. P450 acquo Fe 3+ (basso spin) Fe 3+ II. Lega R P450 canfora Fe 3+ (alto spin) entra 1e -, riduzione a Fe R III. P450 canfora Fe 2+ VII Lega 2 IV. P450 con 2 legato, Fe 4+ 2 equivalente a Fe R 2 - entra 1e -, riduzione a 2-2 V. P450 perossido VI Fe R A + Fe 3+ I 2 2 R 2 R Fe 3+ e - R Fe 2+ II III + R 2- R - R 2 Fe 3+ e - Fe 3+ Fe 2+ V IV Fe 2+ V.1.3 gsartor L04 - I grassi

53 Meccanismo ciclico del CYP R 2 R R 2 R VI. Entra 1 + P450 idroperossido Entra 1 + esce 2 VII. P450 Fe catione radicale sulla proteina si forma R VII VI 2 + Fe Fe 4+ Fe 3+ - R R +. A + Fe 3+ I 2 2 Fe 3+ e - R Fe 2+ II III A. L idroperossido VI si può formare per reazione di II con Fe R e - R - Fe 3+ R Fe 2+ 2 V IV Fe 2+ V.1.3 gsartor L04 - I grassi Meccanismo L ossigeno è legato non ad angolo retto. Il legame dell ossigeno allontana il ligando (R) solo dopo che I due atomi di ossigeno si sono ridotti il ligando si riavvicina. Ciò previene la formazione di R. Gli elettroni per la riduzione dell ossigeno so forniti da una proteina Fe- (P450 batterica o mitocondriale) o da una ADP-citocromo P450 ossidoreduttasi FAD/FM dipendente (microsomi). V.1.3 gsartor L04 - I grassi

54 Meccanismo generale del CYP 2 ADP + CYTP450 Reduttasi FM 2 /FAD 2 CYP Fe 3+ R ADP + + CYTP450 Reduttasi FM/FAD CYP Fe 2+ R V.1.3 gsartor L04 - I grassi Crediti e autorizzazioni all utilizzo Questo materiale è stato assemblato da informazioni raccolte dai seguenti testi di Biochimica: CAMPE Pamela, ARVEY Richard, FERRIER Denise R. LE BAI DELLA BICIMICA [IB ] Zanichelli EL David L., CX Michael M. I PRICIPI DI BICIMICA DI LEIGER - Zanichelli GARRETT Reginald., GRIAM Charles M. BICIMICA con aspetti molecolari della Biologia cellulare - Zanichelli VET Donald, VET Judith G, PRATT Charlotte W FDAMETI DI BICIMICA [IB ] - Zanichelli E dalla consultazione di svariate risorse in rete, tra le quali: Kegg: Kyoto Encyclopedia of Genes and Genomes Brenda: Protein Data Bank: Rensselaer Polytechnic Institute: Questo ed altro materiale può essere reperito a partire da: oppure da gsartor.org/ Il materiale di questa presentazione è di libero uso per didattica e ricerca e può essere usato senza limitazione, purché venga riconosciuto l autore usando questa frase: Materiale ottenuto dal Prof. Giorgio artor Università di Bologna a Ravenna Giorgio artor - 54

Struttura delle proteine

Struttura delle proteine Struttura delle proteine I II III Copyright 2001-2015 by Giorgio Sartor. All rights reserved. Versione 1.0.2 oct 2015 Struttura quaternaria Èil livello di organizzazione per il quale si formano strutture

Dettagli

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Metabolismo dei lipidi a) Ossidazione degli acidi grassi Triacilgliceroli (90% del totale) Gruppi metilenici o metilici Richiedono molto O 2 per essere

Dettagli

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI Lipidi I lipidi sono i principali costituenti delle membrane biologiche. Sono biomolecole insolubile in acqua ma solubili in solventi organici. La loro idrofobicità

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 31 Lipidi I lipidi si dividono in due gruppi principali: I gruppo: comprende composti a catena aperta con una testa polare

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti.

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti. METABOLISMO LIPIDICO cistifellea Lipidi introdotti con gli alimenti Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva inestino I lipidi sono emulsionati dai sali biliari e resi accessibili

Dettagli

Βeta ossidazione degli acidi grassi BETA OSSIDAZIONE DEGLI ACIDI GRASSI 13/12/2013 SEMINARIO. Acidi grassi (2)

Βeta ossidazione degli acidi grassi BETA OSSIDAZIONE DEGLI ACIDI GRASSI 13/12/2013 SEMINARIO. Acidi grassi (2) Acidi grassi (1) Mitocondri SEMINARIO BETA OSSIDAZIONE DEGLI ACIDI GRASSI Sono le principali fonti di energia per alcuni tessuti (es. muscolo cardiaco). Si genera molto più energia dall ossidazione degli

Dettagli

Respirazione cellulare

Respirazione cellulare Respirazione cellulare L equazione generale della respirazione C 6 H 12 O 6 + 6 O 2! 6 CO 2 + 6 H 2 O + 36 ATP 1 molec zucchero 6 molec ossigeno 6 molec anidride carbonica 6 molec acqua + = + + 36 molecole

Dettagli

dotto di Wirsung che si riversa nella papilla maggiore del duodeno;

dotto di Wirsung che si riversa nella papilla maggiore del duodeno; Metabolismo dei lipidi Abbiamo già visto che il metabolismo energetico con produzione di ATP, avviene in seguito alla demolizione di zuccheri (glicolisi), lipidi, e in piccolissima percentuale delle proteine.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI

Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI Glucosio= forma di energia immediatamente disponibile LIPIDI= Deposito energetico utilizzabile da tutti i tessuti, tranne cervello e globuli rossi Rispetto ai carboidrati,

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 26 La gluconeogenesi Concetti chiave: Il fegato e il rene possono sintetizzare glucosio da lattato, piruvato e amminoacidi.

Dettagli

digestione dei lipidi alimentari duodeno digiuno sali biliari fosfolipidi bile specifiche idrolasi pancreatiche colecistochinina

digestione dei lipidi alimentari duodeno digiuno sali biliari fosfolipidi bile specifiche idrolasi pancreatiche colecistochinina La digestione dei lipidi alimentari, in prevalenza trigliceridi, avviene nel duodeno e nel digiuno per azione combinata dei sali biliari e dei fosfolipidi della bile e delle specifiche idrolasi pancreatiche

Dettagli

Metabolismo dei grassi

Metabolismo dei grassi Prof. Giorgio artor Metabolismo dei grassi Copyright 2001-2011 by Giorgio artor. All rights reserved. B12 - Versione 1.5 may 2011 Lipidi emplici ono molecole che non contengono legami esterei o amidici

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

METABOLISMO DEI GRASSI

METABOLISMO DEI GRASSI Capitolo 27 METABOLISMO DEI GRASSI La maggior parte dell energia conservata in un organismo si trova nei depositi di grasso. In questi corpulenti combattenti di sumo la conservazione di energia sotto forma

Dettagli

METABOLISMO OSSIDATIVO VIE METABOLICHE CONVERGENTI

METABOLISMO OSSIDATIVO VIE METABOLICHE CONVERGENTI METABOLISMO OSSIDATIVO VIE METABOLICHE CONVERGENTI Nelle piante l ossidazione degli acidi grassi avviene nei perossisomi delle foglie e nei gliossisomi dei semi Nelle cellule animali il sito principale

Dettagli

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15 Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Corso di Laurea in Scienze Biologiche Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Prof. Antimo Di Maro Anno Accademico 2014-15 Lezione 16 Degradazione dei lipidi

Dettagli

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua I LIPIDI I LIPIDI - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua - ruolo fondamentale di fornitori di energia (circa 9 kcal/grammo),

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

IL TESSUTO ADIPOSO La funzione del tessuto adiposo, che è costituito da adipociti, è quella di garantire all organismo animale una riserva di

IL TESSUTO ADIPOSO La funzione del tessuto adiposo, che è costituito da adipociti, è quella di garantire all organismo animale una riserva di IL TESSUTO ADIPOSO La funzione del tessuto adiposo, che è costituito da adipociti, è quella di garantire all organismo animale una riserva di energia, prontamente disponibile quando l organismo ne ha bisogno.

Dettagli

«Macromolecole» Lipidi

«Macromolecole» Lipidi LIPIDI (1) «Macromolecole» Lipidi Biotecnologie Miscellanea di molecole biologiche che condividono la proprietà di non essere solubili in acqua. Molecole idrofobiche. Es: Grassi Oli (grasso liquido a temperatura

Dettagli

Il ciclo dell acido citrico

Il ciclo dell acido citrico Il ciclo dell acido citrico Il catabolismo di proteine, grassi e carboidrati avviene nelle tre fasi della respirazione cellulare Il piruvato viene ossidato ad acetil-coa e CO 2 La decarbossilazione

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

FUNZIONI DEI MITOCONDRI

FUNZIONI DEI MITOCONDRI FUNZIONI DEI MITOCONDRI La funzione principale dei mitocondri è di compiere le trasformazioni energetiche indispensabili per le funzioni cellulari. Metabolismo energetico: insieme delle reazioni chimiche

Dettagli

Fosforilazione ossidativa

Fosforilazione ossidativa Fosforilazione ossidativa La fosforilazione ossidativa rappresenta il culmine del metabolismo energetico negli organismi aerobi E costituita da due fenomeni strettamente accoppiati: 1. I coenzimi ridotti

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

CATENA RESPIRATORIA (CR) FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA (FO) scaricato da www.sunhope.it

CATENA RESPIRATORIA (CR) FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA (FO) scaricato da www.sunhope.it CATENA RESPIRATORIA (CR) FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA (FO) - Decarb. ossid. piruvato - β-ossidazione acidi grassi - Vie ossidative aa - Ciclo di Krebs avvengono tutte nella matrice mitocondriale In tutte

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Metabolismo dei lipidi

Metabolismo dei lipidi Metabolismo dei lipidi 1 Funzione centrale dei lipidi nel metabolismo energetico 1)Assorbimento e trasporto degli acidi grassi 1) Ossidazione degli acidi grassi 2) sintesi degli acidi grassi e del colesterolo

Dettagli

Prof. Giorgio Sartor. Il metabolismo. Metabolismo. È il processo che permette di ricavare energia da legami chimici (sottoforma di

Prof. Giorgio Sartor. Il metabolismo. Metabolismo. È il processo che permette di ricavare energia da legami chimici (sottoforma di Prof. Giorgio Sartor Il metabolismo Copyright 2001-2008 by Giorgio Sartor. All rights reserved. Versione 1.4 oct 2008 Metabolismo È il processo che permette di ricavare energia da legami chimici (sottoforma

Dettagli

Catena di Trasporto degli elettroni

Catena di Trasporto degli elettroni Chimica Biologica A.A. 2010-2011 Catena di Trasporto degli elettroni Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano Respirazione - il catabolismo di tutti i combustibili

Dettagli

METABOLISMO DEL Glucosio

METABOLISMO DEL Glucosio METABLISM DEL Glucosio Il metabolismo del glucosio può essere suddiviso nelle seguenti vie metaboliche: Glicolisi ssidazione del glucosio in acido piruvico e acido lattico. Via del pentoso fosfato Via

Dettagli

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi Glicina (Gly) Alanina (Ala) N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi La digestione delle proteine endopeptidasi H O R H O R R H 3+ N -C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-COO

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

METABOLISMO DEI LIPIDI

METABOLISMO DEI LIPIDI METABOLISMO DEI LIPIDI Generalità I lipidi alimentari, per poter essere assorbiti dall organismo umano, devono essere preventivamente digeriti (ad eccezione del colesterolo), cioè, trasformati in molecole

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE

LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE Principali lipidi assunti con la dieta Fosfolipidi e colesterolo (membrane) Triacilgliceroli (olii e grassi) Le cellule importano ACIDI GRASSI e GLICEROLO SATURI MONOINSATURI

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI ALIMENTARE Glucosio GLUCONEOGENESI GLICOGENOLISI (epatica) Glicemia: 70-90 mg/100ml ~ 5 mm GLICOGENO Nel fegato fino al 6-10% della massa epatica (~100 grammi) Nel muscolo

Dettagli

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici.

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici. Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Gli aminoacidi introdotti in eccesso con la dieta vengono convertiti in composti precursori del glucosio, degli acidi grassi e dei corpi chetonici.

Dettagli

Digestione e assorbimento dei lipidi. β-ossidazione degli acidi grassi

Digestione e assorbimento dei lipidi. β-ossidazione degli acidi grassi Digestione e assorbimento dei lipidi β-ossidazione degli acidi grassi I grassi della dieta sono assorbiti nell intestino tenue Il diametro della particella dei chilomicroni varia da circa 100 a circa 500

Dettagli

Il catabolismo degli acidi grassi

Il catabolismo degli acidi grassi Il catabolismo degli acidi grassi I trigliceridi sono la principale fonte di energia Il processo a 4 tappe di ossidazione degli acidi grassi a catena lunga ad acetil-coa, noto come β-ossidazione, è una

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE. L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO

GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE. L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO 75% DI TALE GLUCOSIO E NEL CERVELLO I FLUIDI CORPOREI CONTENGONO SOLO 20 g DI

Dettagli

Idratazione (introduciamo un gruppo OH sul Cβ) per mezzo della enoil-coa idratasi

Idratazione (introduciamo un gruppo OH sul Cβ) per mezzo della enoil-coa idratasi β-ossidazione di un Ac. Grasso Saturo con n PARI di atomi di carbonio Deidrogenazione FAD-dipendente del legame Cα- Cβ per mezzo della Acil-CoA deidrogenasi che è legata alla membrana mitocondriale interna)

Dettagli

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs PIRUVAT glicogeno Glicogeno sintesi glicogenolisi Glucosio Glucosio 6-P Ribosio 5-P glicolisi Gluconeogenesi Amino acidi Piruvato Acetil CoA lattato Intermedi del ciclo di Krebs Concentrazione di glicogeno

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

MODULO 4 IL METABOLISMO DEI LIPIDI RICHIAMI SULLA CHIMICA DEI LIPIDI

MODULO 4 IL METABOLISMO DEI LIPIDI RICHIAMI SULLA CHIMICA DEI LIPIDI MODULO 4 IL METABOLISMO DEI LIPIDI RICHIAMI SULLA CHIMICA DEI LIPIDI Introduzione I lipidi sono una classe di composti estremamente eterogenei per caratteristiche chimiche, ma accomunati dalla proprietà

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

Il potenziale di riduzione standard (E 0 ) è una misura (in volt) di questa affinità e viene determinato in un esperimento di questo tipo:

Il potenziale di riduzione standard (E 0 ) è una misura (in volt) di questa affinità e viene determinato in un esperimento di questo tipo: Nella fosforilazione ossidativa il potenziale di trasferimento degli elettroni del NADH e del FADH 2 viene convertito nel potenziale di trasferimento del gruppo fosforico dell ATP ATP. Quando due coppie

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

La classificazione dei lipidi

La classificazione dei lipidi La classificazione dei lipidi Concetti chiave Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono

Dettagli

Il contenuto di calorie per grammo nei grassi è più di 2 volte superiore a quello dei carboidrati e delle proteine

Il contenuto di calorie per grammo nei grassi è più di 2 volte superiore a quello dei carboidrati e delle proteine Energia di ossidazione Kcal/g Kj/g Grassi 9 38 Carboidrati 4 17 Proteine 4 17 Il contenuto di calorie per grammo nei grassi è più di 2 volte superiore a quello dei carboidrati e delle proteine I grassi

Dettagli

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici.

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione. L ossidazione è un processo estremamente

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Trasporto di elettroni e fosforilazione ossidativa

Trasporto di elettroni e fosforilazione ossidativa Prof. Giorgio Sartor Trasporto di elettroni e fosforilazione ossidativa Copyright 2001-2014 by Giorgio Sartor. All rights reserved. B10 v. 2.0 25/03/2014 G v. 2.0 gsartor 2001-2014 Trasporto di elettroni

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Cofattori e vitamine

Cofattori e vitamine Enzimi: concetti di base e meccanismi di catalisi enzimatica a. Classificazione, meccanismo d azione b. Esempi di reazioni catalizzate c. Descrizione di alcune tipiche proteine enzimatiche. Cofattori e

Dettagli

Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara

Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara Richieste metaboliche: elementi essenziali In generale, i batteri per la loro crescita hanno bisogno di elementi essenziali. In particolare

Dettagli

CH 3 + CH 3 CH 3 - CH 3. 2 Radicali METILE ETANO

CH 3 + CH 3 CH 3 - CH 3. 2 Radicali METILE ETANO Nella terminologia chimica vengono denominati radicali liberi atomi o molecole che presentino uno o più elettroni spaiati nell ambito dell orbitale più esterno. In base alla disposizione degli elettroni

Dettagli

16/12/2011. Mitocondri. Biotecnologie_2011

16/12/2011. Mitocondri. Biotecnologie_2011 Mitocondri Biotecnologie_2011 1 *l ambiente in assoluto più ossigenato, se sangue arterioso * http://humanphisiology.wikispaces.com/05 Hematology http://thejns.org/na101/home/literatum/publisher/jns/journals/content/jn

Dettagli

LIPIDI. Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici)

LIPIDI. Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici) LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici) INSOLUBILI IN ACQUA, SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI APOLARI Differenza fra Grassi e

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Generalità. Grassi: termine chimico/alimentare. Lipidi: termine biochimico. Principali lipidi alimentari. Principali acidi grassi negli alimenti

Generalità. Grassi: termine chimico/alimentare. Lipidi: termine biochimico. Principali lipidi alimentari. Principali acidi grassi negli alimenti Alma Mater Studiorum Generalità Grassi: termine chimico/alimentare Lipidi: termine biochimico 15 aprile 2004 2 Principali lipidi alimentari Colesterolo Trigliceridi la principale fonte lipidica, caratterizzati

Dettagli

LA RESPIRAZIONE CELLURARE

LA RESPIRAZIONE CELLURARE LA RESPIRAZIONE CELLURARE La respirazione cellulare è il meccanismo attraverso cui la cellula, in presenza di ossigeno, è in grado di ricavare energia.la sede di questo processo è il mitocondrio. I mitocondri

Dettagli

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame.

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame. 1 ACIDI GRASSI Gli acidi grassi sono acidi carbossilici con una catena alifatica (idrocarburica) con almeno 8 atomi di carbonio. Sono gli ingredienti costitutivi di quasi tutti i lipidi complessi e dei

Dettagli

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15 Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Corso di Laurea in Scienze Biologiche Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Antimo Di Maro Anno Accademico 2014-15 Lezione 9 I LIPIDI Funzione - Strutturale

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici)

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) Metabolismo del glucosio La gluconeogenesi epatica è regolata

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Transferasi che hanno come coenzima FOSFOPANTOTEINA E COENZIMA A (derivati dalla VITAMINA B3 )

Transferasi che hanno come coenzima FOSFOPANTOTEINA E COENZIMA A (derivati dalla VITAMINA B3 ) Transferasi che hanno come coenzima FSFPANTTEINA E ENZIMA A (derivati dalla VITAMINA B3 ) Altre transferasi hanno come oe: Vitamina B3 (sintetizzata in vegetali e molti procarioti anche ospiti dell intestino

Dettagli

METABOLISMO DEI LIPIDI

METABOLISMO DEI LIPIDI METABOLISMO DEI LIPIDI STRUTTURA DEI TRIACILGLICEROLI -Molecole non polari (grassi neutri) -insolubili in H 2 O O= R-C-O - + R -OH O= R-C-O-R + H 2 O Acidi grassi: acidi carbossilici con catena idrocarburica

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

SECREZIONE DI INSULINA:

SECREZIONE DI INSULINA: SECREZIONE DI INSULINA: O Ca ++ VGCC K-ATP GLUT2 Ca ++ K + O Ca ++ HK I P GK ATP O ADP piruvato acidi grassi corpi chetonici aminoacidi secretina glucagone incretine: colecistochinina (CCK) peptide inibitore

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

4) PROTEINE FERRO ZOLFO. Contengono Fe e S in quantità equimolecolari; fanno parte dei complessi respiratori. La NADH DH contiene diversi centri Fe-S.

4) PROTEINE FERRO ZOLFO. Contengono Fe e S in quantità equimolecolari; fanno parte dei complessi respiratori. La NADH DH contiene diversi centri Fe-S. 4) PROTEINE FERRO ZOLFO Contengono Fe e S in quantità equimolecolari; fanno parte dei complessi respiratori. La NADH DH contiene diversi centri Fe-S. Trasportano elettroni attraverso le transizioni Fe

Dettagli

MOLTA ATTENZIONE!!! Perossisomi 13/12/2013. Biotec

MOLTA ATTENZIONE!!! Perossisomi 13/12/2013. Biotec MOLTA ATTENZIONE!!! Perossisomi Biotec I perossisomi NON sono organelli che hanno come funzione specializzata quella di produrre il perossido di idrogeno (acqua ossigenata, H 2 O 2 ). Sono organelli in

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Il trasporto dell ossigeno

Il trasporto dell ossigeno Prof. Giorgio Sartor Il trasporto dell ossigeno Copyright 2001-2013 by Giorgio Sartor. All rights reserved. Versione 1.9 mar 2013 Trasporto dell ossigeno egli organismi aerobi il trasporto dell ossigeno

Dettagli

Catabolismo dei lipidi

Catabolismo dei lipidi Catabolismo dei lipidi Il 90% dei lipidi è costituito da trigliceridi o triacilgliceroli o grassi neutri! 5 25 % peso corporeo dei mammiferi! E la fonte primaria di riserva di energia degli animali! Nel

Dettagli

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTE Sostanza che, pur presente in concentrazione ridotta rispetto al substrato ossidabile, può prevenire o ritardare l ossidazione iniziata da un fattore proossidante.

Dettagli

FADH ADP + Pi ATP...29 AG ' = -30,5 kj/mol...29 Resa di ATP per l ossidazione completa del glucosio...31

FADH ADP + Pi ATP...29 AG ' = -30,5 kj/mol...29 Resa di ATP per l ossidazione completa del glucosio...31 FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA...1 Glicolisi e ciclo di Krebs...3 il NADH il NADPH e il FADH2 sono traportatori solubili di elettroni...4 LA FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA...5 Il mitocondrio...5

Dettagli

LIPIDI (1) Lipidi contenenti anche altri gruppi Fosfolipidi: contenenti P. Glicolipidi (o glicosfingolipidi): cont.

LIPIDI (1) Lipidi contenenti anche altri gruppi Fosfolipidi: contenenti P. Glicolipidi (o glicosfingolipidi): cont. LIPIDI Rappresentano un gruppo eterogeneo di sostanze aventi in comune la proprietà di essere insolubili in acqua e solubili in solventi non acquosi (per es. alcoli, cloroformio o idrocarburi) Comunemente

Dettagli

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa I carboidrati I carboidrati (o saccaridi o glucidi) hanno formula bruta (CH 2 O) n, dove n è maggiore di 3. Chimicamente sono poli-idrossi chetoni o aldeidi ed esistono sia in forma semplice (monosaccaridi)

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 24 Una panoramica del metabolismo Concetti chiave: Organismi diversi utilizzano strategie differenti per catturare l'energia

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli