PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO"

Transcript

1 PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO

2 Premessa Al fine di ridurre i rischi per i lavoratori, la legislazione prescrive ai datori di lavoro di effettuare una valutazione dei rischi professionali e mettere in opera una politica di prevenzione basata su misure tecniche, organizzative e/o procedurali per i contenimento dei rischi stessi. Lo strumento della valutazione dei rischi è quindi fondamentale per definire le priorità e le modalità di intervento. Per il rischio chimico in particolare la sua valutazione è spesso difficile in quanto posso essere molteplici le sostanze in uso e anche le modalità di impiego possono essere estremamente varie. L'Institut National de Recherche et de Sécurité, INRS (Francia), ha sviluppato una metodologia di valutazione semplificata del rischio chimico alla quale è possibile riferirsi per una valutazione preliminare che, in alcuni casi potrà essere sufficiente per il pieno controllo del rischio chimico in azienda, e che viceversa in altri casi sarà necessario approfondire ulteriormente con misure specifiche o con interventi di miglioramento. Presentazione generale del metodo La strategia di valutazione del rischio chimico per la salute, per la sicurezza si rifà a parametri semplici, oggettivi e facilmente accessibili. Questa strategia consente di raccogliere numerose informazione immediatamente utili e che possono inoltre costituire una base dati per tutti gli eventuali approfondimenti che si rendessero necessari. Le informazioni necessarie per lo sviluppo della strategia di valutazione sono: 1. nome per esteso della sostanza utilizzata; 2. n. CAS della sostanza preminente o più tossica ( questa informazione non è sempre disponibile o necessaria), diventa indispensabile quando è necessario fare ricerche approfondite sulla sostanza; 3. verifica della presenza e disponibilità in loco della scheda di sicurezza; 4. Frasi R o meglio Frasi H presenti nella scheda al punto 15; 5. Reparto, attività o gruppo omogeneo: specificare dove avviene l utilizzo della sostanza e chi la manipola. 6. frequenza di utilizzo: 1Occasionalmente( qualche volta anno) 2 Discontinua (qualche giorno mese) 3 Regolare (qualche giorno settimana) 4Continua (tutti i giorni dell'anno); 7. Quantità utilizzata: 1<1 g, 2<10g, 3<100g, 4 >100g 8. Quantità in reagentario: 1<10g, 2<100g, 3<1Kg, 4<10Kg, 5>10Kg 9. Stato fisico: 3(gas, sostanze molto volatili), 2 polveri e liquidi volatili), 1 (liquidi non volatili) 10. Uso di DPI: presenti, assenti e quali guanti (mascherina, occhiali, visiera, altro) 11. Protezioni collettive: cappa chimica emissione interno/esterno, cappa bio emissione interno/esterno, aspirazioni localizzate, tecniche di contenimento per pesate 12. Armadi ventilati presenti/assenti 13. Armadi antincendio presenti/assenti 14. Procedure specifiche presenti/assenti

3 Il principio di valutazione del rischio si basa su tecniche semplificate di analisi dell'esposizione professionale e su metodi di calcolo degli score ponderati. Quanto proposto in termini di quantità e altro non debbono necessariamente corrispondere a quanto indicato nel presente prospetto, ogni azienda può variare i parametri immessi nella valutazione de rischio come meglio crede, questo per essere il più possibile aderente alla propria situazione specifica dando adeguata giustificazione delle proprie scelte. Per ottenere l'indice di rischio potenziale per la salute si procede con l'assegnazione di una classe di pericolo per la sostanza/composto considerato. Dalla tabella 1,è possibile ricavare il relativo indice che sarà compreso tra 1 e 5 Tab. 1 Classe di Pericolo per la Salute Indice della classe Caratteristiche di Frasi R Frasi H tossicità 1 2 Prodotti senza frasi di rischio TLV >100mg/m 3 Irritanti TLV >10 <100 mg/m 3 R36, R37, R38, R66 Vedi ALLEGATO I e II 3 Nocivi R20, R21, R22, R34, TLV >1 <10 mg/m 3 R62, R67, R68 Vedi ALLEGATO I e II 4 Tossici Sensibilizzanti e corrosivi TLV >0,1 <1 mg/m 3 R23, R24, R25, R29, R31, R35, R40, R41, R42, R43, R63, R64, R65 Vedi ALLEGATO I e II Molto tossici R26, R27, R28, R30, 5 Cancerogeni Teratogeni e Mutageni TLV >0,1 <1 mg/m 3 R32, R33, R39, R44, R45, R46, R47, R48, R49 R60, R61. Vedi ALLEGATO I e II

4 Viene attribuito poi un valore alla frequenza di utilizzo dichiarato dagli operatori del reparto. Le classi di frequenza sono riportate nella tabella 2 e 2a. Tabella 2 Classe di frequenza di utilizzo - Determinazione delle classi di frequenza di utilizzo utilizzo Non in uso occasionale discontinua frequente continua descrizione Presente ma non utilizzato nell ultimo anno qualche volta anno qualche giorno mese qualche giorno settimana tutti i giorni dell'anno Classe di utilizzo Tabella 3 Classe di quantità utilizzata Classe di quantità Quantità utilizzata nello svolgimento dell attività 1 meno di 1 g 2 da 1-10 g 3 da g 4 da g 5 Più di 1000g

5 Temperatura di ebollizione C Temperatura di ebollizione C Stato fisico della sostanza descrizione del materiale Classe di volatilità Gas, sostanza molto volatile, sostanza in mezzo propellente, sostanze volatili utilizzate a caldo. 3 Polveri fini e liquidi volatili 2 Liquidi poco volatili e solidi non facilmente disperdibili nell ambiente 1 Per determinare la classe di volatilità per le sostanze che si presentano alla stato liquido, è necessario considerare la temperatura di utilizzazione e il suo punto di ebollizione. Per facilitare questa valutazione si potrà utilizzare il seguente diagramma classe Classe 3 (bassa) 1 (bassa) classe2 Classe 2 (media) (media) Classe 3 (elevata) temperatura di utilizzo C

6 Una volta acquisite tutte queste informazioni si può procedere al calcolo della CLASSE DI ESPOSIZIONE POTENZIALE, data dal prodotto dei valori delle classi di quantità, frequenza di utilizzo e volatilità. CLASSE DI ESPOSIZIONE POTENZIALE INALATORIA = classe di quantità X classe di frequenza utilizzo X classe di volatilità Calcolata la classe di esposizione potenziale è possibile definire il RISCHIO POTENZIALE PER LA SALUTE, che risulta essere il prodotto tra CLASSE DI ESPOSIZIONE POTENZIALE E CLASSE DI PERICOLO e viene applicato a tutte le sostanze considerate. RISCHIO POTENZIALE PER LA SALUTE = classe di esposizione potenziale X classe di pericolo. Il valore del rischio potenziale per la salute è un indice che ha soprattutto un valore relativo. Esso permette di stabilire le priorità di intervento è possibile anche tentare, con le dovute cautele, la ricerca di un valore assoluto, il quale potrebbe essere: Rischio Potenziale per la salute Azioni di miglioramento Rischio contenuto <25 Se possibili Rischio Medio Necessarie Rischio Significativo 50 Indispensabili

7 Azioni di miglioramento o di mitigazione Procedura utile ma non risolutiva 0,90 Azioni Organizzative Procedura mirata di parziale efficacia 0,80 Procedura di massima efficacia 0,70 Aspirazione localizzata parziale 0,80 Dispositivi di Protezione Collettiva Aspirazione localizzata completa Captazione completa paragonabile ad un processo a ciclo chiuso 0,70 0,60 Dispositivi di Protezione Individuale Protezione della cute e delle mucose (occhiali, visiera e guanti) Dispositivi di Protezione Individuale Tutti quelli ritenuti utili 0,90 Informazione e Formazione Illustrazione degli aspetti organizzativi dei DPC e DPI 0,90 RISCHIO EFFETTIVO PER LA SALUTE = Rischio Potenziale per la Salute X Azioni Organizzative X DPC X DPI X Formazione

8 Foglio 1 : Raccolta dati Sostanza o preparato CAS Scheda di Sicurezza Frasi R Frequenza di utilizzo Quantità utilizzata Quantità in reagentario Stato fisico volatilità e disperdibilità Uso di DPI Protezioni collettive Armadi ventilati Armadi antincendio Procedure specifiche Nome per esteso della sostanza in etichetta n. cas della sostanza preminente o più tossica si (presente) no (da reperire) riportare le frasi R o H del punto 15 Scheda di Sicurezza 1Occasionalmente( quache volta anno) 2Regolare (qualche giorno mese) 3Discontinua (qualche giorno settimana) 4Continua (tutti i giorni dell'anno) 1<1 g 2<10g 3<100g 4 >100g 1<10g 2<100g 3<1Kg 4<10Kg 5>10Kg 3(gas, sostanze molto volatili) 2 polveri e liquidi volatili) 1 (liquidi non volatili) guanti mascherina occhiali visiera altro cappa chimica emissione interno/esterno cappa bio emissione interno/esterno tecniche di contenimento per pesate si/no si/no citare la procedura se presente Mastiff da individuare si presente R51/53 Occasionalmente >100g >10Kg 2 guanti mascherina occhiali nessuna si si no Kolgas UNI da individuare si presente np Occasionalmente >100g <1Kg 2 guanti mascherina occhiali nessuna si si no

9 Nome per esteso della sostanza in etichetta Classe di pericolo Frequenza di utilizzo Classe di Quantità Stato fisico volatilità e disperdibilità Classe di esposizione potenziale RISCHIO POTENZIALE per la salute Azioni di miglioramento Organizzazione DPC DPI Formazione RISCHIO EFFETTIVO per la salute Valutazione del Rischio <25 Basso, Medio >50 Alto Considerazioni e risposte (fatte) (da fare) Mastiff *4*2=8 8*1=8 8 Basso nessuna Kolgas UNI Basso nessuna Acido muriatico candil *0,8*0,9*0,9 31 Medio Organizzazione 0,8 DPI 0,9 Formazione 0,9 Melt *0,7*0,6*0,9*0,9 32 Medio Organizzazione 0,7 DPC 0,6 DPI 0,9 Formazione 0,9 Rischio Chimico effettivo per la mansione, attività o gruppo Omogeneo 71 Sommatoria del rischio chimico per addetto, per attività o per gruppo omogeneo Naturalmente i rischio chimico derivante dall utilizzo di una singola sostanza può essere sommato per il numero complessivo delle sostanze che vengono utilizzate da un addetto, da una specifica attività o da un gruppo omogeneo di operatori. In tutti i casi in cui il rischio non è basso, ed è tecnicamente possibile effettuare un monitoraggio per la determinazione della concentrazione ambientale della sostanza di interesse, si consiglia di effettuare tale misura. Le determinazioni in ambiente di lavoro dovranno essere condotte con i requisiti previsti dall All. XLI DLgs81, in particolare nel rispetto della norma UNI EN 689:1997.

10 ALLEGATO I: CLASSE DI PERICOLO PER LA SALUTE (rosso) SICUREZZA (viola) 5 R 1: Esplosivo allo stato secco. 5 R 2: Rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d'ignizione. 5 R 3: Grande rischio d'esplosione per urto, attrito, in presenza di fuoco o altre fonti d'infiammazione. 5 R 4: Forma dei composti metallici esplosivi molto sensibili. 5 R 5: Rischio d'esplosione in presenza di calore. 5 R 6: Rischio d'esplosione a contatto o meno con l'aria. 2 R 7: Può provocare incendio. 2 R 8: Favorisce l'infiammazione di sostanze combustibili. 5 R 9: Può esplodere componendosi con sostanze combustibili. 2 R 10: Infiammabile 3 R 11: Facilmente infiammabile. 4 R 12: Estremamente infiammabile. 4 R 13: Gas liquefatto estremamente infiammabile. 4 R 14: Reagisce violentemente a contatto con l'acqua. 4 R 15: A contatto con l'acqua sviluppa gas molto infiammabili. 5 R 16: Può esplodere componendosi con sostanze comburenti. 5 R 18: Con l'uso, formazione possibile di miscela vapore / aria infiammabile / esplosivi. 5 R 19: Può formare perossidi esplosivi. 3 R 20: Nocivo per inalazione. 3 R 21: Nocivo a contatto con la pelle. 3 R 22: Nocivo in caso di ingestione. 4 R 23: Tossico per inalazione. 4 R 24: Tossico a contatto con la pelle. 4 R 25: Tossico in caso d'ingestione. 5 R 26: Molto tossico per inalazione. 5 R 27: Molto tossico a contatto con la pelle. 5 R 28: Molto tossico in caso d'ingestione. 4 R 29: A contatto con l'acqua sviluppa gas tossici. 3 5 R 30: Può diventare molto infiammabile in esercizio. 4 R 31: A contatto con un acido sviluppa gas tossico. 5 R 32: A contatto con un acido sviluppa gas molto tossico. 5 R 33: Pericolo di effetti cumulati. 3 R 34: Provoca ustioni. 4 R 35: Provoca gravi ustioni. 2 R 36: Irritante per gli occhi. 2 R 37: Irritante per le vie respiratorie. 2 R 38: Irritante per la pelle. 5 R 39: Pericolo di effetti irreversibili molto gravi. 4 R 40: Possibilità di effetti cancerogeni - Prove insufficienti. 4 R 41: Rischio di lesioni oculari gravi. 4 R 42: Può causare sensibilizzazione per inalazione. 4 R 43: Può causare sensibilizzazione a contatto con la pelle. 5 5 R 44: Rischio d'esplosione se riscaldato in ambiente chiuso. 5 R 45: Può provocare il cancro. 5 R 46: Può provocare alterazioni genetiche ereditarie. 5 R 47: Può procurare malformazioni congenite. 5 R 48: Rischio di effetti gravi per la salute in caso di esposizione prolungata. 5 R 49: Può provocare il cancro per inalazione. R 50: Altamente tossico per gli organismi acquatici. R 51: Tossico per gli organismi acquatici. R 52: Nocivo per gli organismi acquatici. R 53: Può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico. R 54: Tossico per la flora. R 55: Tossico per la fauna. R 56: Tossico per gli organismi del terreno. R 57: Tossico per le api. R 58: Può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente. R 59: Pericoloso per lo strato di ozono. 5 R 60: Può ridurre la fertilità. 5 R 61: Può danneggiare i bambini non ancora nati. 3 R 62: Possibile rischio di ridotta fertilità. 4 R 63: Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati. 4 R 64: Possibile rischio per i bambini allattati al seno. 4 R 65: Nocivo: può causare danni ai polmoni in caso di ingestione. 2 R 66: L'esposizione ai vapori può provocare secchezza e screpolature alla pelle. 3R 67: L'inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini. 3 R 68: Possibilità di effetti irreversibili.

11 ALLEGATO II

12

13

14

15 Valutazione semplificata del RISCHIO INCENDIO Premesso che le attività soggette al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi ai sensi del DM 16 febb devono provvedere in tal senso con apposita domanda e certificazione è possibile, in tutti gli altri casi, procedere ad una valutazione semplificata del rischio per la sicurezza e della sicurezza antincendio. Mediante il calcolo dell'indice di rischio incendio. Questa Strategia di valutazione si applica ai laboratori, piccole aziende, attività artigianali. Per realtà più complesse occorre un approccio più articolato e professionale con consulenza tecnica specifica. Per ogni sostanza vengono verificate le frasi di rischio ed attribuita una classe di pericolo per la sicurezza: da 0 (acquoso) a 5 (esplosivi). In tabella 2 sono riportate le classi di pericolo per la sicurezza, da cui è possibile ricavare un punteggio utile alla valutazione. Tab. 2 Classe di Pericolo per la Sicurezza Indice della classe Caratteristiche Frasi R Frasi H 0 non combustibile Acqua o inorganici Combustibile ma senza frasi di rischio per la sicurezza INFIAMMABILI R7, R8, R10. Vedi ALLEGATO I e II 3 FACILMENTE INFIAMMABILI R11, R30. Vedi ALLEGATO I e II 4 ESTREMAMENTE INFIAMMABILI R12, R13, R14, R15, R17. Vedi ALLEGATO I e II 5 ESPLOSIVI R1, R2, R3. R4, R5, R6. R9, R16, R18. R19, R44. Vedi ALLEGATO I e II

16 La classe di quantità per la sicurezza si ricava dalla quantità stoccata per ogni singola sostanza trovata in Classe di quantità Quantità mediamente presente 1 Meno di 10g 2 Meno di 100g 3 Meno di 1 Kg 4 Meno di 10 Kg 5 Maggiore di 10 Kg reparto. In tabella 6 viene riportato un esempio per le classi di quantità per la sicurezza. Le quantità indicate saranno stabilite in funzione del tipo di attività. L'indice di rischio potenziale di incendio è dato dal prodotto tra la classe di pericolo per la sicurezza e la classe di quantità per la sicurezza. RISCHIO POTENZIALE INCENDIO = classe di pericolo per la sicurezza X classe di quantità per la sicurezza. L'indice del rischio potenziale incendio tiene conto di tutte le sostanze presenti in reparto e consente di verificare la presenza non giustificata di eccessive quantità stoccate in reparto. La somma totale degli indici delle sostanze presenti, permette di assegnare un valore al RISCHIO DI INCENDIO specifico per il reparto considerato. Questo valore è da considerarsi preliminare e NON esaustivo ai fini del calcolo dei carichi di incendio e per la definizione di eventuali misure di prevenzione. Valutazione e Azioni per il contenimento del rischio chimico Da sottolineare che la scelta dei vari indici di pericolo nell applicazione della metodica descritta rispetta un approccio cautelativo e vengono registrati i valori più alti, corrispondenti alle situazioni potenzialmente più pericolose. In ognuna delle schede raccolte vengono indicate eventuali azioni preventive e correttive da attuare. Per fornire al datore di lavoro indicazioni utili e immediate, viene predisposta una scheda riassuntiva dei rischi chimici presenti nei vari reparti.

17 Nome per esteso della sostanza in etichetta Frasi R riportare le frasi R punto 15 Scheda di Sicurezza Quantità in reagentario 1<10g 2<100g 3<1Kg 4<10Kg 5>10Kg Classe di Pericolo per la sicurezza Classe di quantità per la sicurezza RISCHIO POTENZIA LE Incendio Valutazione del rischio incendio Alto Medio Basso Modalità di stoccaggio Altre Azioni in generale (fatte) (da fare) Considerazioni e risposte Mastiff R51/53 >10Kg Magazzino Dural Marine R10R52/53R66R67 <10Kg infiammabile Magazzino eliminare nessuna Sitol Schiumapur Professionale R12R20/22R36/37/3 8R40R42/43R48/20 <10Kg infiammabile Magazzino Armadio Antincendio nessuna Primer fondo universale anticorrosivo per superfici "difficili" R10R37R51/53 <10Kg infiammabile Magazzino Armadio Antincendio nessuna Lignex renova R10R52/53R66R67 <10Kg infiammabile Magazzino Armadio Antincendio nessuna

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Normativa di riferimento: Classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose - Ministero

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it Elenco delle frasi di rischio R R1 R2 R3 R4 R5 R6 R7 R8 R9 R10 R11 R12 R14 R15 R16 R17 R18 R19 R20 Esplosivo allo stato secco. Rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d'ignizione.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO AI SENSI DEL D.Lgs 2 FEBBRAIO 2002. N 25

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO AI SENSI DEL D.Lgs 2 FEBBRAIO 2002. N 25 Sezione Provinciale di Reggio Emilia Via Amendola, 2-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/336011 Fax 0522/330546 E-mail: sezre@arpa.emr.it www.arpa.emr.it/reggioemilia Direzione VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

Dettagli

17 FORUM MEDICINA VEGETALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata

17 FORUM MEDICINA VEGETALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata 17 FORUM MEDICINA VEGEALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata 17 FORUM MEDICINA VEGEALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

Elementi dell etichetta del regolamento CLP

Elementi dell etichetta del regolamento CLP Elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione e nuove regole di classificazione

Dettagli

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Ripercussione del sistema GHS sulle farmacie mercoledì 17 settembre 2014 Bellinzona Fabrizio Guidotti Repubblica e Cantone Ticino

Dettagli

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice Il metodo di valutazione del da agenti chimici ChemiRisk Indice 1 La valutazione del da esposizione ad agenti chimici secondo il D.Lgs. 81/2008... 2 2 Il metodo di valutazione di ChemiRisk... 3 2.1 Calcolo

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico Il rischio chimico Tutte le sostanze sono dei veleni Non vi è nulla che non sia un veleno La giusta dose differenzia un veleno da un rimedio (Paracelso 1500) Rischio chimico Misure generali per la protezione

Dettagli

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento Legislazione in materia di protezione dell ambiente, della salute e dei lavoratori Corso di aggiornamento per responsabili di laboratorio di scienze Aprile 2014 Bellinzona Argomenti! Classificazione delle

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SCHEDA TECNICA N 21 L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA

Dettagli

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose.

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose. Franco CIOCE Esperto Qualificato di Radioprotezione - II grado n 1275 dell elenco nazionale Consulente ADR/RID/ADN Trasporto Merci pericolose Tecnico Competente in Acustica Ambientale Membership of Via

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Indicazioni di Pericolo (Frasi H)

Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Pericoli Fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203 Esplosivo; pericolo di incendio,

Dettagli

1. Denominazione della sostanza/preparato e della società

1. Denominazione della sostanza/preparato e della società Pagina:: 1/5 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società Nome commerciale Articolo numero 334200-280/334200-290 scopo cura delle macchine Dati relativi al produttore: Sonax GmbH & Co.KG Münchener

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari Elenco delle frasi di pericolo (H) e dei consigli di prudenza (P) (come previsto dal Regolamento (CE) n.1272/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e successive modificazioni

Dettagli

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Allegato 2.A CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro),

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO A cura dell ing. Giovanni Maione Tra le pieghe delle modifiche introdotte dal secondo decreto correttivo vogliamo

Dettagli

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Indice Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)...1 Frasi di rischio per rischi fisici... 1 Frasi di rischio per rischi per la salute... 2

Dettagli

Metodologia CHemical Exposure OPerating Evaluation

Metodologia CHemical Exposure OPerating Evaluation Metodologia CHemical Exposure OPerating Evaluation per la valutazione preliminare dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori derivanti dalla presenza di agenti chimici pericolosi ai sensi del

Dettagli

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

AGENTI CHIMICI PERICOLOSI RISCHIO CHIMICO Il RISCHIO CHIMICO in ambiente di lavoro è riconducibile all insieme dei rischi per la Sicurezza e per la Salute, connessi con la presenza, nell ambito dello svolgimento delle lavorazioni,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NEL LABORATORIO DI CHIMICA Il presente opuscolo vuole offrire un informazione/ formazione essenziale al fine di consentire a tutti di prendere in seria considerazione il problema

Dettagli

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi Definizione di rifiuto (D. Lgs. 152/06 art. 183, c. 1a) Rifiuto: Qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie dell all. A alla parte IV del D.lgs.

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI

La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI A cura Dell ing. Sabina Spagnolo E dell Ufficio Sicurezza e Qualità del Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Coordinatore

Dettagli

PRINCIPALI RISCHI NEL COMPARTO: PRINCIPALI SITUAZIONI LAVORATIVE DA VALUTARE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE

PRINCIPALI RISCHI NEL COMPARTO: PRINCIPALI SITUAZIONI LAVORATIVE DA VALUTARE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE PRINCIPALI RISCHI NEL COMPARTO: PRINCIPALI SITUAZIONI LAVORATIVE DA VALUTARE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE RISCHIO CHIMICO Nelle autocarrozzerie si utilizzano numerosi prodotti che contengono sostanze

Dettagli

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP.

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. COORDINAMENTO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE IN SANITA L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. Celsino

Dettagli

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I DOC-LNF-0000546 Marzo 2005 NORME PER L'UTILIZZO DI GAS COMPRESSI NEI LNF I Definizioni DOC-LNF-0000546 BOMBOLE: recipienti a pressione per gas o liquidi

Dettagli

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 LA FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO PRESSO LA VOSTRA CITTÀ L Biella, alla luce dei recenti cambiamenti che hanno coinvolto la formazione in materia di salute

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA 1 di 15 LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA Vademecum per gli studenti in ottemperanza al D.L. 81/2008 2 di 15 Queste note pratiche presentando i rischi che si incontrano

Dettagli

MOVARISCH. Algoritmo proposto dalle regioni emilia romagna, toscana e lombardia VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

MOVARISCH. Algoritmo proposto dalle regioni emilia romagna, toscana e lombardia VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO MOVARISCH Algoritmo proposto dalle regioni emilia romagna, toscana e lombardia VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Per la valutazione del rischio chimico si possono identificare 2fasi: -1 Fase Identificazione

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

MEDICO COMPETENTE SORVEGLIANZA SANITARIA

MEDICO COMPETENTE SORVEGLIANZA SANITARIA MEDICO COMPETENTE SORVEGLIANZA SANITARIA La sorveglianza sanitaria è obbligatoria quando ricorrano casi di rischio per la salute dei lavoratori, la modalità corretta per determinare l obbliga è di effettuare

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

Segnaletica rischio chimico

Segnaletica rischio chimico Segnaletica rischio chimico Introduzione: La manipolazione delle sostanze chimiche, presuppone pericoli che in alcuni casi possono essere anche gravi; ogni sostanza chimica, ha un diverso rischio proveniente

Dettagli

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca.

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca. Scheda di Sicurezza 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA - PREPARATO E DELLA SOCIETA' Nome commerciale del prodotto MAX 250 Impiego Identificazione della società Numero telefono emergenza : 2. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica (traccia gentilmente concessa da ITIS E. Fermi Bassano del Grappa) (Rielaborato da ITIS De Pretto Schio) Lo studente ha il DIRITTO di essere informato

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg)

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg) 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Informazioni sul prodotto Marchio : Società : GE Silicones 260 Hudson River Road 12188 Waterford Telefono : Telefax : +49 (0)214/3072397

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS IDENTIFICAZIONE DEL DISTRIBUTORE L Oréal Italia S.p.A. - Via Garibaldi 42 10122 Torino - Tel. 011/4603111 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda A12 pagina 1 di 9 Ver. 5.0-07/2013 Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Questa scheda è destinata

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Agenti Chimici Pericolosi Dr. Sandro Sanna Dirigente Medico SPRESAL ASL

Dettagli

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1 Fattori di rischio a scuola 2 a parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 2.1 Rischio nelle attività di pulizia I prodotti chimici Sono da considerare potenzialmente

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI La norma più importante, organica e generale in materia di salute e sicurezza in presenza di sostanze chimiche è sicuramente il D. Lgs. 626/94 che

Dettagli

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5)

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5) REACH Compliance GmbH Route des Chevallets 7 CH-1658 Rossinière Schweiz Firmenunterstützung für Chemikaliensicherheit und Arbeitsschutz Tel. 026 924 32 10 Fax 026 924 32 11 info@reach-compliance.ch www.reach-compliance.ch

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements)

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) Scheda A11 pagina 6 di 12 Ver. 5.2-10/2013 Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) H2xx H3xx H4xx EUHxxx Pericoli fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA Via Galvani, 14-294 Corsico (MI) - Italy Tel. (+39) 2 4586435 - Fax (+39) 2 4586984 e-mail: info@pandoralloys.com Internet: www.pandoralloys.com 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong Pagina 1 / 6 1: Identificazione del prodotto 1.1: Nome del prodotto / nome commerciale: Nome 1.2: Applicazioni Edilizia 1.3: Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Nome Malta collante

Dettagli

CORRETTA LETTURA DELLE ETICHETTE E DELLE SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI CHIMICI

CORRETTA LETTURA DELLE ETICHETTE E DELLE SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI CHIMICI Pagina 1 di 10 INDICE Premessa Riferimenti normativi Definizioni Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Schede di sicurezza Etichette Uso dei D.P.I. Sorveglianza sanitaria Controlli e verifiche

Dettagli

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi pag. 1/20 File Rev. 00 Elaborazione: Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Data applicazione 16 maggio 2011 Verifica: Dr Antonio Bressan Responsabile Servizio Prevenzione Protezione Copia CONTROLLATA

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva 91/155/EEC 1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa. 1.1 Identificazione della sostanza DOXORUBICINA CLORIDRATO 1.2 Identificazione

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI

I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI 1 I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi ANDREA GIACOMINELLI I Codici CER e le nuove caratteristiche di pericolo dei rifiuti pericolosi Il 1 giugno entreranno in vigore

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Data ultima revisione: 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1/5 K5331 Vial 2 HER2 FISH pharmdx Kit K5333 Vial 2 TOP2A FISH pharmdx Kit K5599 Vial 2 Histology FISH Accessory

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 Materia 3 è una vernice decorativa ecologica in dispersione acquosa. Materia 3 è un prodotto caratterizzato dall utilizzo di speciali additivi che creano uno speciale

Dettagli

Scheda dati di sicurezza ai sensi del regolamento (CE) 1907/2006 Unger Liquid Pulisci-vetri stampato il: 31/03/2008 rielaborato il: 31.03.

Scheda dati di sicurezza ai sensi del regolamento (CE) 1907/2006 Unger Liquid Pulisci-vetri stampato il: 31/03/2008 rielaborato il: 31.03. Pagina 1/6 1. Denominazione della sostanza/del preparato e dell'azienda Nome commerciale: Pulisci-vetri UNGER Liquid Utilizzo della sostanza/del preparato: Pulizia di vetri e plastica; per uso commerciale

Dettagli

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti

Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti N NUOVO Il nuovo Catalogo europeo dei rifiuti è in vigore dal 01.01.2002 e presenta sia caratteristiche comuni al Catalogo precedente sia tratti innovativi rispetto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Scheda di Sicurezza per: Temp Bond Clear Base Paste Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Temp Bond Clear Base Paste SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I -

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA COME DA DIRETTIVE 2001/58/CE E 1999/45/CE REDATTA SECONDO DECRETO MINISTRO DELLA SALUTE DEL 07/09/02 E DLGS 13/03/03 N. 65 Pag. 1 di 5 1. Identificazione della

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sodio Clorato 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA DIPARTIMENTO DI FISICA, CHIMICA E SCIENZE NATURALI in ottemperanza al D.lgs. 81/2008 NORME DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE SULLA SICUREZZA E SALUTE NEL LABORATORIO DI SCIENZE

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

Uso del prodotto Adesivo per carta e cartone. Chiamate urgenti Centro Antiveleni Ospedale Niguarda Milano Tel. 0266101029

Uso del prodotto Adesivo per carta e cartone. Chiamate urgenti Centro Antiveleni Ospedale Niguarda Milano Tel. 0266101029 3M ITALIA S.P.A. VIA SAN BOVIO 1/3 I20090 SEGRATE MI ITALY ======================================================================== Scheda di dati di sicurezza ========================================================================

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Via E. Fermi, 15 01100 VITERBO 0761-236750 FAX 0761-236748 e.mail: alessandro.selbmann@asl.vt.it http://www.asl.vt.it/staff/spp/base.php

Dettagli

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore 1. Prodotto / preparazione e dati del produttore Identificazione del prodotto: Nome commerciale : Produttore : Isel - Automation Tel.: 0049-6672-898-0 Am Leibolzgraben 16 Fax.: 0049-6672-898-888 36132

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

La corretta adozione delle misure di prevenzione e protezione collettiva e individuale

La corretta adozione delle misure di prevenzione e protezione collettiva e individuale La corretta adozione delle misure di prevenzione e protezione collettiva e individuale Dr. Celsino Govoni Servizio Sanità Pubblica Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna (c.govoni@ausl.mo.it)

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Scheda di dati di sicurezza 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Redatto il: 29-09-2008/ GPS Uso del prodotto: Mano di fondo 2. Identificazione dei pericoli LKF Vejmarkering

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!!

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Bologna 27 / 05 / 2011 SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Gabriella Nicotra - Giuliano Marchetto Andrea Mazzetti INFORTUNIO. Evento improvviso (a volte brutale)

Dettagli