CONOSCIAMO IL MONDO. Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCIAMO IL MONDO. Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA"

Transcript

1 Data giugno 2014 Volume 1, Numero 1 CONOSCIAMO IL MONDO UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica Guardare i suoi occhi azzurri è come immergersi in un mare profondo per scrutare il suo mondo interiore. Questa è la nostra dirigente prof.ssa Rita Ortenzia De Vito, una bellissima donna piena di energia che vuole cambiare in meglio la nostra scuola. A noi, ragazzi del PON IL GIORNALE IN CLASSE, ha rilasciato un intervista... Come si è sentita il primo giorno di scuola? Mi ricordo un episodio di quella giornata è stato quando il Preside Perrone mi ha fatto visitare la scuola dell infanzia e mi ha regalato delle uova fresche. In quel momento ho guardato due aspetti il primo è stato il legame che il preside ha voluto istaurare tra ragazzi e animali il secondo aspetto è stato che se volevo mantenere quel rapporto dovevo migliorare l igiene. Le è mai capitato in un momento di rabbia di voler abbandonare il proprio lavoro? Io ho scelto di migliorare la scuola, non solo quella di Porto Cesareo. Noi dobbiamo escogitare nuove regole di insegnamento. In queste scuole i ragazzi non sono tutti uguali e bisogna dare l opportunità ai ragazzi che vogliono crescere. Cosa ne pensa del comportamento di alcuni alunni e delle foto che hanno pubblicato su facebook? Sicuramente è l età degli alunni,ma io preferisco ragazzi vivaci e non mummie però con la parola vivacità non intendo dire essere maleducati, comportamenti irrispettosi lasciano vedere anche crimini. Questo disagio non è dovuto alle famiglie, perché ci sono ragazzi che vivono un problema interiore mentre vogliono apparire forti. Le è piaciuto il capodanno islamico? E stata un esperienza molto bella me ne hanno parlato in tanti anche se gli spazi sono piccoli. Avere anche il vescovo ad una festa non cristiana è stato molto importante. Prima di diventare dirigente nella nostra scuola, in quale scuola lei lavorava, e con quale ruolo?ho insegnato in un liceo classico e scientifico e ho insegnato italiano e anche latino. E contenta di come i professori svolgono il proprio lavoro? Si. I professori lavorano con grande capacità, si deve solo migliorare nella tecnologia e un altra cosa su cui sto lavorando molto è cambiare le nuove strategie d insegnamento e puntare sulla legalità. Di Petrucci Angelica, Catino Sofia, Peluso Salvatore, Colelli Drebra Professoressa Quarta IMPARARE INSEGNANDO Intervista alla professoressa Quarta di Valentina Martina Occhi di un insolito verde contornati da capelli corti e un viso dolce. La professoressa Quarta, una professoressa molto simpatica e precisa. Tutti la ritengono la miglior professoressa. Sin da piccola ha sognato di diventare insegnante? Si mi è sempre piaciuto. C è un alunno che ricorda con piacere?si, ne ricordo uno. E stato il mio primo alunno con un carattere difficile, Michele. Mi sono affezionata tanto perché mi sono resa conto che aveva più bisogno di me e della mia pazienza. La mia grande soddisfazione è stata vederlo maturare in quei miei primi 3 anni di insegnamento in questa scuola. Ha notato dei cambiamenti da quando è arrivata la nuova preside? Ci sono stati molti cambiamenti, oggi possiamo dire che c è maggiore ordine e molte regole vengono rispettate. In tutti i suoi anni di insegnamento le è mai venuto in mente in un momento di rabbia di rinunciare al suo ruolo di insegnante? No, mai. Anche se ci sono state molte difficoltà ho sempre continuato a svolgere il mio lavoro con determinazione, e non ho mai voluto cambiare corso o sezione perché quando sono arrivata qui il corso C era il corso a tempo prolungato che nessuno sceglieva. Io invece sono rimasta sempre nello stesso corso e ho cercato di portarlo allo stesso livello degli altri. Se potesse cambiare le regole, quali cambierebbe? Io non sono d accordo sul fatto che gli alunni portino il telefonino a scuola. A scuola i telefonini non servono perché per qualsiasi comunicazione alle famiglie c è a disposizione dei ragazzi il telefono della segreteria. Molti ragazzi usano il telefonino in classe per mandare messaggi e si distraggono facilmente dalla lezione. Se avesse l opportunità d insegnare in un altra scuola lo farebbe? No, ormai sento questa scuola come la mia famiglia conosco tutti, anche molti genitori con i quali ho un bel rapporto d amicizia. In tutti questi anni di carriera ha imparato come comportarsi con ciascun alunno? Non è che ho imparato, il mio carattere mi porta ad osservare ogni alunno e le relative personalità, di conseguenza ad intervenire su ognuno nel modo più giusto ed adeguato possibile. Cosa ne pensa di queste domande? Sono delle semplici curiosità di voi ragazzi. Finalizzate ad un intervista vanno bene.

2 P a gina 2 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 LEGGERE O NON LEGGERE, QUESTO E IL PROBLEMA! La percentuale maggiore dei ragazzi, come ben sappiamo non legge libri. Se ci chiediamo il perché, ebbene, siamo circondati dalla risposta: la tecnologia stimola il nostro cervello a stare fissi sull apparecchio. Il libro, possiamo dire che viene maltrattato perché molti ne iniziano uno e lo lasciano a metà, forse perché non gli piace o semplicemente lo ha dimenticato. Un libro non viene letto non solo a causa degli apparecchi o console ma anche dai continui hobby. Secondo un indagine svolta nella classe del progetto PON: Giornalino in classe, il 100% ha letto un libro, il 62,5% ha lasciato un libro a metà, 31,25% lo ha letto per intero. Alla domanda Se ti regalano un libro sei felice? Il 43,75% risponde No. Il 68,75% pensa che non riuscirà a scrivere un libro mentre il 43,75% si. Forse, una possibilità per risolvere il problema, potrebbe essere nelle famiglie. I genitori dovrebbero obbligare i figli a leggere in modo da far capire come sono importanti. Una volta letto un libro e fatto i compiti puoi u- scire con gli amici, invece, se stai fissato al PC o altro, sei in un mondo virtuale che ti convince che è infinito e ti spinge a rimanere fissato. Di Yassine Allilou L ETA DEL CAMBIAMENTO Adolescenza e dintorni L adolescenza è il tratto di età evolutiva in cui i ragazzi si preparano a cambiare sia psicologicamente che fisicamente. In alcuni casi si può affermare che l adolescenza può essere critica per alcuni individui e può essere presa male. Se ci soffermiamo a riflettere sul mondo che ci circonda possiamo capire che chi si trova nella fase adolescenziale,subisce un cambiamento radicale,che cambia:il modo di pensare, il modo di vedere se stessi e la fiducia. Per questi individui è molto importante l aspetto fisico, la perfezione, altrimenti si sentono inferiori. Per aiutarli a superare questa difficoltà della loro vita hanno bisogno di sostegno da parte della famiglia, dei professori o degli amici più sinceri. Avendo conosciuto alcuni ragazzi adolescenti e ponendogli delle domande, possiamo capire che sono cambiati i loro gusti, sono più autonomi, si assumono le proprie responsabilità, sanno essere d esempio perché hanno imparato come ci si comporta. Alcuni sono più chiusi perché non sono pre- parati al cambiamento, altri hanno imparato a relazionarsi bene con i compagni, hanno imparato ad avere pazienza e a non essere scontrosi, anche per una sciocchezza o per un insulto. La difficoltà che trovano la maggior parte dei ragazzi è quella di parlare con i genitori esprimendosi liberamente. I ragazzi hanno paura di parlare perché temono di non essere capiti e temono che i loro sentimenti vengano rivelati. Di Anastasia Calcagnile

3 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 3 STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE DI Chiara Peluso Un impressionante aumento di violenza che il più delle volte esplode tra le mura domestiche contro cui oggi le donne si mobilitano in tutto il mondo. Un fenomeno sempre più diffuso come dimostra il fatto che nei primi sei mesi del 2013 le richieste di aiuto di donne vittime di stalking al numero del telefono rosa sono aumentate di circa il 10%. Secondo il rapporto Eures, tra il 2000 e il 2012 in Italia sono state assassinate donne, una media di 171 omicidi l anno ossia 1 ogni 2 giorni. Il 70,7% dei delitti è avvenuto nell ambito famigliare o affettivo. Il responsabile della violenza è nel 48% dei casi il marito, nel 12% il convivente e nel 23% l ex partner. I TANTI ASPETTI DI LAMPEDUSA DI Debra Colelli Renata Fonte Lampedusa è un isola bellissima che attira molti turisti. Essa comprende un isola chiamata L isola dei conigli che venne nominata la più bella spiaggia del pianeta nel Nonostante ciò, il suo nome è conosciuto più per la sua capacità di accogliere i migranti che per la sua bellezza. Nel 2014 Lampedusa è stata candidata al Premio Nobel per la pace. In vent anni sono morte persone di cui un centinaio di bambini. La candidatura è stata formalizzata il 30 gennaio mentre il vincitore sarà rivelato a ottobre e a dicembre riceverà il premio. Questo non è un modo per risolvere il problema ma è un modo per richiamare i politici europei sulla questione dei migranti. Costituirebbe anche un riconoscimento per una piccola comunità la cui umana compassione è stata messa grandemente alla prova negli ultimi vent anni e che ha superato tale prova perché rispetta la dignità umana,dimostrando che gli esseri umani possano praticare la convivenza pacifica. GRANDE DONNA GRANDE CORAGGIO E DIMENTICATA Al suo anniversario poca gente in piazza Prima vittima della mafia in Salento?Lei Renata Fonte,simbolo del territorio salentino di un Italia di coraggio. S impegnò nelle battaglie della legalità e la tutela dell ambiente. Per questa ragione l assessore neretina fu uccisa (eletta assessore alla pubblica cultura e la pubblica istruzione del comune di Nardò nel 1982 nelle file del Partito Repubblicano Italiano) perché difese Porto Selvaggio dalla lottizzazione cementizia. Su quel territorio, impedii, così, forti guadagni ad alcuni potenti. A trent anni dalla sua morte grazie al suo sacrificio si ha ancora quel parco naturale: Porto Selvaggio, immerso nel verde. Oggi è stato dichiarato parco naturale e regionale insieme alla Palude del Capitano. Per quanto questo personaggio sia importante, solo un po di gente la ricorda e, questo, si è visto il 31 Marzo 2014, in piazza Salandra a Nardò, quando, in occasione della sua commemorazione, hanno partecipato solo gli alunni dei tre poli cittadini, i genitori, i docenti e gli studenti più sensibili delle scuole superiori, le figlie di Renata Fonte, il sindaco Marcello Risi, insieme a Giancarlo Caselli e al prefetto Giuliana Perrotta. Tutti alla manifestazione si aspettavano molta gente, ma sono state poche persone. Il bello è che il comune di Nardò l abbia ricordata con questa manifestazione, il brutto è che poca gente ci ha partecipato e la ricorda. Di Martina Bonanno

4 P a gina 4 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1

5 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 5 DI Salvatore Peluso Partendo dall aeroporto di Brindisi con un aereo Ryanair si va verso l aeroporto di Stansted che si trova a nordest di Londra. Da lì prendendo, il pullman ci siamo diretti verso un quartiere di Londra di nome Victoria Station. Durante il viaggio verso Victoria ho guardato molto il paesaggio fatto di tanti parchi, dove gli inglesi la domenica vanno a fare molti pic-nic. Il parco più famoso è Green Park dove ci sono statue, poi c è San James Park, di proprietà della regina Elisabetta. Quel parco si affaccia sulla strada che porta a Bugkinam Palace, qui la cosa più bella è il cancello con le punte in oro, ma anche il cambio della guardia. Da Victoria abbiamo fatto delle speciali carte di nome travelcard per entrare nella metro quando vuoi per una settimana. La metro è un passaggio sotto terra dove si muovono i treni e ti portano per tutta Londra. Prendendo la linea verde siamo arrivati a Earl s Court dove si trovava il nostro albergo. La stessa sera con la metro siamo andati alla stazione di Westminster dove c è il Big Ben e la ruota panoramica,a mangiare siamo andati in un ristorante brasiliano dove abbiamo pagato 80. La mattina seguente siamo andati a Madame Toussand con i famosi pullman panoramici. In questa attrazione ci sono delle statue di personaggi famosi, successivamente c è il tunnel dell orrore dove ci sono persone vere che ti vengono sopra ma non ti toccano e lì mi sono spaventato molto. In fine c è uno spettacolo in 4D dei supereroi è stato molto bello e vi consiglio di andarci. Poi siamo andati al museo della scienza UN REPORTER A LONDRA dove ci hanno preso in giro per un attrazione stupida e vi consiglio di non andarci se non capite bene l inglese. Il pomeriggio siamo andati invece alla piazza di Trafalgar Square dedicata alla guerra di Trafalgar con intorno i leoni. Da lì si facevano foto fantastiche perché in lontananza si vedeva il Big Ben. La stessa sera siamo andati a mangiare in un pub vicino alla famosa Piazza di Piccadilly Cirçus illuminato da enormi cartelloni illuminati. Abbiamo mangiato il fish and chips cioè pesce e patatine che è un tradizionale piatto inglese. Li vicino c era l Me M word cioè un negozio a quattro piani dove ci sono tutti i tipi di MeM e questo negozio è unico e si trova solo a Londra. Nella Torre di Londra venivano torturate le persone e si conservavano tutto l oro delle regine e dei re. Vi giuro che qui faceva un po di paura. Usciti da qui siamo andati sul Tower Bridge dove ci siamo fatti le foto, per salire bisogna fare 300 scalini. L ultimo giorno a Londra e dovevamo andare, ma prima di partire, un salto alla stazione di King Kroos dove hanno girato il film di Harry Potter. Dall alto: Un immagine di Londra. Il reporter Salvatore Peluso

6 P a gina 6 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 IL RAP NELLA STORIA Di Sofia Catino La storia del Rap prende via all inizio degli anni 70 a New York. Bisogna considerare che, da allora, il genere è anche ora presente ed è in continua espansione. La sua storia è un continuo divenire di eventi che anche ai nostri giorni ci sorprendono e divertono. Essa ha raggiunto una notevole popolarità in tutto il mondo nell anno 1990, si è fatta conoscere negli Stati Uniti. Il termine ( nome rap ) è stato inventato dal JOE TEX. Il rap è la componente vocale della cultura hip-hop. Il primo rapper italiano è stato Jovanotti. Prima di diventare un cantante come noi lo conosciamo attualmente era un bravo reppista. DALL AFRO-CONTAMINATA ALLA BREAKDANCE Angelica Petrucci e Linda Bernardini. La danza Hip-Hop crogiolo di stili, idee, culture. Le sue origini risalgono alla danza Afro-Contaminata da numerose influenze che approdano negli U.S.A. sia sulla East Coast che sulla West Coast dando vita ad uno stile nuovo in crescita ancora oggi. Il ciclone Hip-Hop nasce alla fine degli anni 60 nel Bronx di New York. I primi DJ facevano ballare la gente alle feste sulle spiagge e in qualsiasi posto in cui potevano esibirsi utilizzando piatti e mixando basi; da qui nasce la figura del Maestro delle Cerimonie e la nascita delle Jam cioè dei raduni di Free- Style. Per danza Hip-Hop si intende una disciplina di ballo, o recentemente anche considerata come "danza sportiva" dalla IDSF (International Dance Sport Federation), che proviene o aderisce ai principi culturali ed estetici del movimento. Breakdance,Locking Popping e Uprok sono le originali danze Hip-Hop"di strada" (steet dance). La principale danza Hip- Hop è considerata il B-boying poiché nata assieme alle altre discipline dell'hip- hop Dj ing Writing Mc ing e C-Walking Ti tol o. Didascalia dell'immagine o della fotografia

7 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 7 BREVE STORIA DELLA NAZIONALE DI PALLAVOLO Di Linda Bernardini e Angelica Petrucci La nazionale di pallavolo femminile dell Italia è posta sotto le l egido della Federazione italiana di pallavolo. L Esordio della Nazionale Italiana avvenne il 7 Aprile 1951 ad Alessandria contro la Francia. Gli anni 50 furono un periodo di anonimato per la squadra azzurra. Gli anni 70 videro il ritorno dell Italia al Campionato Europeo anche se arrivarono al quartultimo posto. Gli anni 80 furono segnati dalle solite partecipazioni al Campionato Europeo e Mondiale senza però raggiungere traguardi. Durante gli anni 90 l Italia si confermò tra le prime posizioni del Campionato Europeo senza però mai riuscire a raggiungere il podio. Nel 2004 l Italia vola in Giappone per i Mondiali che si concludono al 5 posto per la povera nazionale. TUTTI IN BRASILE. Speciale Mondiali a cura di Gabriele Potenza Quest anno i mondiali si giocheranno in sei stadi tra cui tre sono stati appena costruiti e altri tre erano già stati costruiti da molto. Durante la costruzione di uno stadio una gru è caduta e ha rotto un quarto di stadio lasciando vittime e feriti tra i costruttori. LA PARTE TECNICA GIRONE A:Brasile-Croazia-Messico-Camerun. GIRONE B:Spagna-Cile-Olanda-Australia. GIRONE C:Colombia-Grecia-Costa d Avorio- Giappone. GIRONE E:Svizzera-Ecuador-Francia-Honduras. GIRONE F:Argentina-Bosnia-Iran-Nigeria. GIRONE G:Germania-Portogallo-Ghana-America. GIRONE H:Belgio-Algeria-Russia-Corea. LA STORIA DEL CALCIO Il calcio fu inventato dall inglesi, verso la fine del 600. Le prime squadre furono Inghilterra, Italia, Cecoslovacchia, Argentina e Brasile. L Italia vinse più titoli quando c erano solo cinque squadre ma aumentando, trovarono tutte difficoltà tranne il Brasile. Questa squadra vincendo molti titoli è diventata la nazionale più forte al mondo. Brasile ed ora è lo stadio più grande al mondo. CURIOSITA Il Brasile e la nazionale che ha la nazionale che vinse più mondiali dal 1930 al Il secondo posto se lo è aggiudicato la nostra nazionale vincendo ben quattro mondiali. Al terzo posto c è la Germania con tre mondiali, al quarto posto c è l Argentina e al quinto posto a pari merito ci sono l Inghilterra e la Francia. Per colpa del fuso orario noi italiani siamo costretti a vedere le partite della nostra nazionale dalle 24:00 alle 3:30. La squadra favorita quest anno è il Brasile poiché capitato in un girone scarso, ha tutte le carte in regola per vincere i mondiali 2014 non dimenticando che gioca in casa. TABELLONE INIZIO:12 Giugno al Itaquero di San Paolo. FINE FASE A GIRONI:26 Giugno. FINE OTTAVI DI FINALE:1 Luglio. QUARTI DI FINALE:4 e 5 Luglio. SEMIFINALE:8 e 9 Luglio. FINALE:13 Luglio al Maracanà di Rio de Janeiro.

8 P a gina 8 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 IL PROGETTO DEL PON IL GIORNALE IN CLASSE, HA AVUTO COME TUTOR LA PROFESSORESSA FRANCA QUARTA. E COME ESPERTA LA GIORNALISTA LAURA MANGIALARDO. DOPO NUMEROSE PERIPEZIE, IL GIORNALINO PENSATO E PROGETTATO DAI RAGAZZI, FINALMENTE E PRONTO. RINGRAZIAMO CHI CI HA AIUTATO NEL REALIZZARLO.

9 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 9 OLTRE AL PON IL GIORNALE IN CLASSE, SE NE SONO SVOLTI ANCHE ALTRI NEL CORSO DELL ANNO, TUTTI MOLTO INTERESSANTI E UTILI. QUESTI PROGETTI, OLTRE ALLA NORMALE ATTIVITA SCOLASTICA, FORNISCONO, AGLI STUDENTI, STRUMENTI UTILI NELLA VITA E NELLO STU- DIO. APRONO LA LORO MENTE A NUOVE POSSIBILITA E SVILUPPANO LE LO- RO CAPACITA CRITICHE.

10 ALLILOU YASSINE MARTINA BONANNO CALCAGNILE ANASTA- SIA D ANDRIA AURORA VALENTINA MARTINA RACHID YACINE SALVATORE PELUSO UN PO DI NOI DEBRA COLELLI LINDA BERNARDINI SARA NATALIZIO DI CARLO DENISE ANGELICA PETRUCCI GABRIELE POTENZA SOFIA CATINO

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Alcuni studenti raccontano.

Alcuni studenti raccontano. Alcuni studenti raccontano. Soggiorno a Londra di Valentina Tornesi III B Il giorno 19 settembre 2010 noi, alcuni alunni della mia Scuola Media di San Francesco, e quattro nostri professori siamo partiti

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia.

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia. Dal diario di bordo, relazione lavoro di storia, terzo bimestre. La mia storia, alla ricerca delle fonti. Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta prevalentemente nella ricostruzione

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

VERBI SERVILI. Devo studiare. Studio. Può lavorare. Lavora. Vuole ballare. Balla. Uso dei verbi dovere, potere, volere

VERBI SERVILI. Devo studiare. Studio. Può lavorare. Lavora. Vuole ballare. Balla. Uso dei verbi dovere, potere, volere VERBI SERVILI I verbi servili hanno la funzione di "servire" o aiutare altri verbi. I verbi servili sono dovere, potere e volere e indicano obbligo, capacità e desiderio. ESEMPI: Devo studiare. Studio.

Dettagli

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 Storie lunghe un binario E Tickets il titolo del film che Olmi, Kiarostami e Loach hanno firmato insieme. Lo hanno presentato al Festival del Cinema

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di giugno 2015 Una notizia importante

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di giugno 2015 Una notizia importante Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere A modo mio Le notizie più importanti di giugno 2015 Una notizia importante L Istat dice che in Italia le cose vanno meglio Si fanno più coltivazioni

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 3 3 Ad Emmaus si canta che è una bellezza S O M M A R I O In Prima 1 Caro amico 2 ti scrivo Eventi 3 Articolo 4 Fashion Lavelli 5 LA SETTIMANA SCORSA

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

siamo cinque lo sai e in tante parole ci troverai

siamo cinque lo sai e in tante parole ci troverai Il progetto Cart anchio è stato inserito nell ambito di un progetto più ampio di tutoring che coinvolgerà la classe 5^ B e la classe 1^ B per tutto l anno scolastico e che prevede varie attività in cui

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli