CONOSCIAMO IL MONDO. Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCIAMO IL MONDO. Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA"

Transcript

1 Data giugno 2014 Volume 1, Numero 1 CONOSCIAMO IL MONDO UNA NUOVA DIRIGENTE, UNA NUOVA SCUOLA Intervista alla prof.ssa De Vito, dirigente scolastica La dirigente scolastica Guardare i suoi occhi azzurri è come immergersi in un mare profondo per scrutare il suo mondo interiore. Questa è la nostra dirigente prof.ssa Rita Ortenzia De Vito, una bellissima donna piena di energia che vuole cambiare in meglio la nostra scuola. A noi, ragazzi del PON IL GIORNALE IN CLASSE, ha rilasciato un intervista... Come si è sentita il primo giorno di scuola? Mi ricordo un episodio di quella giornata è stato quando il Preside Perrone mi ha fatto visitare la scuola dell infanzia e mi ha regalato delle uova fresche. In quel momento ho guardato due aspetti il primo è stato il legame che il preside ha voluto istaurare tra ragazzi e animali il secondo aspetto è stato che se volevo mantenere quel rapporto dovevo migliorare l igiene. Le è mai capitato in un momento di rabbia di voler abbandonare il proprio lavoro? Io ho scelto di migliorare la scuola, non solo quella di Porto Cesareo. Noi dobbiamo escogitare nuove regole di insegnamento. In queste scuole i ragazzi non sono tutti uguali e bisogna dare l opportunità ai ragazzi che vogliono crescere. Cosa ne pensa del comportamento di alcuni alunni e delle foto che hanno pubblicato su facebook? Sicuramente è l età degli alunni,ma io preferisco ragazzi vivaci e non mummie però con la parola vivacità non intendo dire essere maleducati, comportamenti irrispettosi lasciano vedere anche crimini. Questo disagio non è dovuto alle famiglie, perché ci sono ragazzi che vivono un problema interiore mentre vogliono apparire forti. Le è piaciuto il capodanno islamico? E stata un esperienza molto bella me ne hanno parlato in tanti anche se gli spazi sono piccoli. Avere anche il vescovo ad una festa non cristiana è stato molto importante. Prima di diventare dirigente nella nostra scuola, in quale scuola lei lavorava, e con quale ruolo?ho insegnato in un liceo classico e scientifico e ho insegnato italiano e anche latino. E contenta di come i professori svolgono il proprio lavoro? Si. I professori lavorano con grande capacità, si deve solo migliorare nella tecnologia e un altra cosa su cui sto lavorando molto è cambiare le nuove strategie d insegnamento e puntare sulla legalità. Di Petrucci Angelica, Catino Sofia, Peluso Salvatore, Colelli Drebra Professoressa Quarta IMPARARE INSEGNANDO Intervista alla professoressa Quarta di Valentina Martina Occhi di un insolito verde contornati da capelli corti e un viso dolce. La professoressa Quarta, una professoressa molto simpatica e precisa. Tutti la ritengono la miglior professoressa. Sin da piccola ha sognato di diventare insegnante? Si mi è sempre piaciuto. C è un alunno che ricorda con piacere?si, ne ricordo uno. E stato il mio primo alunno con un carattere difficile, Michele. Mi sono affezionata tanto perché mi sono resa conto che aveva più bisogno di me e della mia pazienza. La mia grande soddisfazione è stata vederlo maturare in quei miei primi 3 anni di insegnamento in questa scuola. Ha notato dei cambiamenti da quando è arrivata la nuova preside? Ci sono stati molti cambiamenti, oggi possiamo dire che c è maggiore ordine e molte regole vengono rispettate. In tutti i suoi anni di insegnamento le è mai venuto in mente in un momento di rabbia di rinunciare al suo ruolo di insegnante? No, mai. Anche se ci sono state molte difficoltà ho sempre continuato a svolgere il mio lavoro con determinazione, e non ho mai voluto cambiare corso o sezione perché quando sono arrivata qui il corso C era il corso a tempo prolungato che nessuno sceglieva. Io invece sono rimasta sempre nello stesso corso e ho cercato di portarlo allo stesso livello degli altri. Se potesse cambiare le regole, quali cambierebbe? Io non sono d accordo sul fatto che gli alunni portino il telefonino a scuola. A scuola i telefonini non servono perché per qualsiasi comunicazione alle famiglie c è a disposizione dei ragazzi il telefono della segreteria. Molti ragazzi usano il telefonino in classe per mandare messaggi e si distraggono facilmente dalla lezione. Se avesse l opportunità d insegnare in un altra scuola lo farebbe? No, ormai sento questa scuola come la mia famiglia conosco tutti, anche molti genitori con i quali ho un bel rapporto d amicizia. In tutti questi anni di carriera ha imparato come comportarsi con ciascun alunno? Non è che ho imparato, il mio carattere mi porta ad osservare ogni alunno e le relative personalità, di conseguenza ad intervenire su ognuno nel modo più giusto ed adeguato possibile. Cosa ne pensa di queste domande? Sono delle semplici curiosità di voi ragazzi. Finalizzate ad un intervista vanno bene.

2 P a gina 2 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 LEGGERE O NON LEGGERE, QUESTO E IL PROBLEMA! La percentuale maggiore dei ragazzi, come ben sappiamo non legge libri. Se ci chiediamo il perché, ebbene, siamo circondati dalla risposta: la tecnologia stimola il nostro cervello a stare fissi sull apparecchio. Il libro, possiamo dire che viene maltrattato perché molti ne iniziano uno e lo lasciano a metà, forse perché non gli piace o semplicemente lo ha dimenticato. Un libro non viene letto non solo a causa degli apparecchi o console ma anche dai continui hobby. Secondo un indagine svolta nella classe del progetto PON: Giornalino in classe, il 100% ha letto un libro, il 62,5% ha lasciato un libro a metà, 31,25% lo ha letto per intero. Alla domanda Se ti regalano un libro sei felice? Il 43,75% risponde No. Il 68,75% pensa che non riuscirà a scrivere un libro mentre il 43,75% si. Forse, una possibilità per risolvere il problema, potrebbe essere nelle famiglie. I genitori dovrebbero obbligare i figli a leggere in modo da far capire come sono importanti. Una volta letto un libro e fatto i compiti puoi u- scire con gli amici, invece, se stai fissato al PC o altro, sei in un mondo virtuale che ti convince che è infinito e ti spinge a rimanere fissato. Di Yassine Allilou L ETA DEL CAMBIAMENTO Adolescenza e dintorni L adolescenza è il tratto di età evolutiva in cui i ragazzi si preparano a cambiare sia psicologicamente che fisicamente. In alcuni casi si può affermare che l adolescenza può essere critica per alcuni individui e può essere presa male. Se ci soffermiamo a riflettere sul mondo che ci circonda possiamo capire che chi si trova nella fase adolescenziale,subisce un cambiamento radicale,che cambia:il modo di pensare, il modo di vedere se stessi e la fiducia. Per questi individui è molto importante l aspetto fisico, la perfezione, altrimenti si sentono inferiori. Per aiutarli a superare questa difficoltà della loro vita hanno bisogno di sostegno da parte della famiglia, dei professori o degli amici più sinceri. Avendo conosciuto alcuni ragazzi adolescenti e ponendogli delle domande, possiamo capire che sono cambiati i loro gusti, sono più autonomi, si assumono le proprie responsabilità, sanno essere d esempio perché hanno imparato come ci si comporta. Alcuni sono più chiusi perché non sono pre- parati al cambiamento, altri hanno imparato a relazionarsi bene con i compagni, hanno imparato ad avere pazienza e a non essere scontrosi, anche per una sciocchezza o per un insulto. La difficoltà che trovano la maggior parte dei ragazzi è quella di parlare con i genitori esprimendosi liberamente. I ragazzi hanno paura di parlare perché temono di non essere capiti e temono che i loro sentimenti vengano rivelati. Di Anastasia Calcagnile

3 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 3 STOP ALLA VIOLENZA SULLE DONNE DI Chiara Peluso Un impressionante aumento di violenza che il più delle volte esplode tra le mura domestiche contro cui oggi le donne si mobilitano in tutto il mondo. Un fenomeno sempre più diffuso come dimostra il fatto che nei primi sei mesi del 2013 le richieste di aiuto di donne vittime di stalking al numero del telefono rosa sono aumentate di circa il 10%. Secondo il rapporto Eures, tra il 2000 e il 2012 in Italia sono state assassinate donne, una media di 171 omicidi l anno ossia 1 ogni 2 giorni. Il 70,7% dei delitti è avvenuto nell ambito famigliare o affettivo. Il responsabile della violenza è nel 48% dei casi il marito, nel 12% il convivente e nel 23% l ex partner. I TANTI ASPETTI DI LAMPEDUSA DI Debra Colelli Renata Fonte Lampedusa è un isola bellissima che attira molti turisti. Essa comprende un isola chiamata L isola dei conigli che venne nominata la più bella spiaggia del pianeta nel Nonostante ciò, il suo nome è conosciuto più per la sua capacità di accogliere i migranti che per la sua bellezza. Nel 2014 Lampedusa è stata candidata al Premio Nobel per la pace. In vent anni sono morte persone di cui un centinaio di bambini. La candidatura è stata formalizzata il 30 gennaio mentre il vincitore sarà rivelato a ottobre e a dicembre riceverà il premio. Questo non è un modo per risolvere il problema ma è un modo per richiamare i politici europei sulla questione dei migranti. Costituirebbe anche un riconoscimento per una piccola comunità la cui umana compassione è stata messa grandemente alla prova negli ultimi vent anni e che ha superato tale prova perché rispetta la dignità umana,dimostrando che gli esseri umani possano praticare la convivenza pacifica. GRANDE DONNA GRANDE CORAGGIO E DIMENTICATA Al suo anniversario poca gente in piazza Prima vittima della mafia in Salento?Lei Renata Fonte,simbolo del territorio salentino di un Italia di coraggio. S impegnò nelle battaglie della legalità e la tutela dell ambiente. Per questa ragione l assessore neretina fu uccisa (eletta assessore alla pubblica cultura e la pubblica istruzione del comune di Nardò nel 1982 nelle file del Partito Repubblicano Italiano) perché difese Porto Selvaggio dalla lottizzazione cementizia. Su quel territorio, impedii, così, forti guadagni ad alcuni potenti. A trent anni dalla sua morte grazie al suo sacrificio si ha ancora quel parco naturale: Porto Selvaggio, immerso nel verde. Oggi è stato dichiarato parco naturale e regionale insieme alla Palude del Capitano. Per quanto questo personaggio sia importante, solo un po di gente la ricorda e, questo, si è visto il 31 Marzo 2014, in piazza Salandra a Nardò, quando, in occasione della sua commemorazione, hanno partecipato solo gli alunni dei tre poli cittadini, i genitori, i docenti e gli studenti più sensibili delle scuole superiori, le figlie di Renata Fonte, il sindaco Marcello Risi, insieme a Giancarlo Caselli e al prefetto Giuliana Perrotta. Tutti alla manifestazione si aspettavano molta gente, ma sono state poche persone. Il bello è che il comune di Nardò l abbia ricordata con questa manifestazione, il brutto è che poca gente ci ha partecipato e la ricorda. Di Martina Bonanno

4 P a gina 4 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1

5 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 5 DI Salvatore Peluso Partendo dall aeroporto di Brindisi con un aereo Ryanair si va verso l aeroporto di Stansted che si trova a nordest di Londra. Da lì prendendo, il pullman ci siamo diretti verso un quartiere di Londra di nome Victoria Station. Durante il viaggio verso Victoria ho guardato molto il paesaggio fatto di tanti parchi, dove gli inglesi la domenica vanno a fare molti pic-nic. Il parco più famoso è Green Park dove ci sono statue, poi c è San James Park, di proprietà della regina Elisabetta. Quel parco si affaccia sulla strada che porta a Bugkinam Palace, qui la cosa più bella è il cancello con le punte in oro, ma anche il cambio della guardia. Da Victoria abbiamo fatto delle speciali carte di nome travelcard per entrare nella metro quando vuoi per una settimana. La metro è un passaggio sotto terra dove si muovono i treni e ti portano per tutta Londra. Prendendo la linea verde siamo arrivati a Earl s Court dove si trovava il nostro albergo. La stessa sera con la metro siamo andati alla stazione di Westminster dove c è il Big Ben e la ruota panoramica,a mangiare siamo andati in un ristorante brasiliano dove abbiamo pagato 80. La mattina seguente siamo andati a Madame Toussand con i famosi pullman panoramici. In questa attrazione ci sono delle statue di personaggi famosi, successivamente c è il tunnel dell orrore dove ci sono persone vere che ti vengono sopra ma non ti toccano e lì mi sono spaventato molto. In fine c è uno spettacolo in 4D dei supereroi è stato molto bello e vi consiglio di andarci. Poi siamo andati al museo della scienza UN REPORTER A LONDRA dove ci hanno preso in giro per un attrazione stupida e vi consiglio di non andarci se non capite bene l inglese. Il pomeriggio siamo andati invece alla piazza di Trafalgar Square dedicata alla guerra di Trafalgar con intorno i leoni. Da lì si facevano foto fantastiche perché in lontananza si vedeva il Big Ben. La stessa sera siamo andati a mangiare in un pub vicino alla famosa Piazza di Piccadilly Cirçus illuminato da enormi cartelloni illuminati. Abbiamo mangiato il fish and chips cioè pesce e patatine che è un tradizionale piatto inglese. Li vicino c era l Me M word cioè un negozio a quattro piani dove ci sono tutti i tipi di MeM e questo negozio è unico e si trova solo a Londra. Nella Torre di Londra venivano torturate le persone e si conservavano tutto l oro delle regine e dei re. Vi giuro che qui faceva un po di paura. Usciti da qui siamo andati sul Tower Bridge dove ci siamo fatti le foto, per salire bisogna fare 300 scalini. L ultimo giorno a Londra e dovevamo andare, ma prima di partire, un salto alla stazione di King Kroos dove hanno girato il film di Harry Potter. Dall alto: Un immagine di Londra. Il reporter Salvatore Peluso

6 P a gina 6 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 IL RAP NELLA STORIA Di Sofia Catino La storia del Rap prende via all inizio degli anni 70 a New York. Bisogna considerare che, da allora, il genere è anche ora presente ed è in continua espansione. La sua storia è un continuo divenire di eventi che anche ai nostri giorni ci sorprendono e divertono. Essa ha raggiunto una notevole popolarità in tutto il mondo nell anno 1990, si è fatta conoscere negli Stati Uniti. Il termine ( nome rap ) è stato inventato dal JOE TEX. Il rap è la componente vocale della cultura hip-hop. Il primo rapper italiano è stato Jovanotti. Prima di diventare un cantante come noi lo conosciamo attualmente era un bravo reppista. DALL AFRO-CONTAMINATA ALLA BREAKDANCE Angelica Petrucci e Linda Bernardini. La danza Hip-Hop crogiolo di stili, idee, culture. Le sue origini risalgono alla danza Afro-Contaminata da numerose influenze che approdano negli U.S.A. sia sulla East Coast che sulla West Coast dando vita ad uno stile nuovo in crescita ancora oggi. Il ciclone Hip-Hop nasce alla fine degli anni 60 nel Bronx di New York. I primi DJ facevano ballare la gente alle feste sulle spiagge e in qualsiasi posto in cui potevano esibirsi utilizzando piatti e mixando basi; da qui nasce la figura del Maestro delle Cerimonie e la nascita delle Jam cioè dei raduni di Free- Style. Per danza Hip-Hop si intende una disciplina di ballo, o recentemente anche considerata come "danza sportiva" dalla IDSF (International Dance Sport Federation), che proviene o aderisce ai principi culturali ed estetici del movimento. Breakdance,Locking Popping e Uprok sono le originali danze Hip-Hop"di strada" (steet dance). La principale danza Hip- Hop è considerata il B-boying poiché nata assieme alle altre discipline dell'hip- hop Dj ing Writing Mc ing e C-Walking Ti tol o. Didascalia dell'immagine o della fotografia

7 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 7 BREVE STORIA DELLA NAZIONALE DI PALLAVOLO Di Linda Bernardini e Angelica Petrucci La nazionale di pallavolo femminile dell Italia è posta sotto le l egido della Federazione italiana di pallavolo. L Esordio della Nazionale Italiana avvenne il 7 Aprile 1951 ad Alessandria contro la Francia. Gli anni 50 furono un periodo di anonimato per la squadra azzurra. Gli anni 70 videro il ritorno dell Italia al Campionato Europeo anche se arrivarono al quartultimo posto. Gli anni 80 furono segnati dalle solite partecipazioni al Campionato Europeo e Mondiale senza però raggiungere traguardi. Durante gli anni 90 l Italia si confermò tra le prime posizioni del Campionato Europeo senza però mai riuscire a raggiungere il podio. Nel 2004 l Italia vola in Giappone per i Mondiali che si concludono al 5 posto per la povera nazionale. TUTTI IN BRASILE. Speciale Mondiali a cura di Gabriele Potenza Quest anno i mondiali si giocheranno in sei stadi tra cui tre sono stati appena costruiti e altri tre erano già stati costruiti da molto. Durante la costruzione di uno stadio una gru è caduta e ha rotto un quarto di stadio lasciando vittime e feriti tra i costruttori. LA PARTE TECNICA GIRONE A:Brasile-Croazia-Messico-Camerun. GIRONE B:Spagna-Cile-Olanda-Australia. GIRONE C:Colombia-Grecia-Costa d Avorio- Giappone. GIRONE E:Svizzera-Ecuador-Francia-Honduras. GIRONE F:Argentina-Bosnia-Iran-Nigeria. GIRONE G:Germania-Portogallo-Ghana-America. GIRONE H:Belgio-Algeria-Russia-Corea. LA STORIA DEL CALCIO Il calcio fu inventato dall inglesi, verso la fine del 600. Le prime squadre furono Inghilterra, Italia, Cecoslovacchia, Argentina e Brasile. L Italia vinse più titoli quando c erano solo cinque squadre ma aumentando, trovarono tutte difficoltà tranne il Brasile. Questa squadra vincendo molti titoli è diventata la nazionale più forte al mondo. Brasile ed ora è lo stadio più grande al mondo. CURIOSITA Il Brasile e la nazionale che ha la nazionale che vinse più mondiali dal 1930 al Il secondo posto se lo è aggiudicato la nostra nazionale vincendo ben quattro mondiali. Al terzo posto c è la Germania con tre mondiali, al quarto posto c è l Argentina e al quinto posto a pari merito ci sono l Inghilterra e la Francia. Per colpa del fuso orario noi italiani siamo costretti a vedere le partite della nostra nazionale dalle 24:00 alle 3:30. La squadra favorita quest anno è il Brasile poiché capitato in un girone scarso, ha tutte le carte in regola per vincere i mondiali 2014 non dimenticando che gioca in casa. TABELLONE INIZIO:12 Giugno al Itaquero di San Paolo. FINE FASE A GIRONI:26 Giugno. FINE OTTAVI DI FINALE:1 Luglio. QUARTI DI FINALE:4 e 5 Luglio. SEMIFINALE:8 e 9 Luglio. FINALE:13 Luglio al Maracanà di Rio de Janeiro.

8 P a gina 8 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 IL PROGETTO DEL PON IL GIORNALE IN CLASSE, HA AVUTO COME TUTOR LA PROFESSORESSA FRANCA QUARTA. E COME ESPERTA LA GIORNALISTA LAURA MANGIALARDO. DOPO NUMEROSE PERIPEZIE, IL GIORNALINO PENSATO E PROGETTATO DAI RAGAZZI, FINALMENTE E PRONTO. RINGRAZIAMO CHI CI HA AIUTATO NEL REALIZZARLO.

9 C O NOS CIAMO I L M O NDO V olume 1, Numero 1 P a gina 9 OLTRE AL PON IL GIORNALE IN CLASSE, SE NE SONO SVOLTI ANCHE ALTRI NEL CORSO DELL ANNO, TUTTI MOLTO INTERESSANTI E UTILI. QUESTI PROGETTI, OLTRE ALLA NORMALE ATTIVITA SCOLASTICA, FORNISCONO, AGLI STUDENTI, STRUMENTI UTILI NELLA VITA E NELLO STU- DIO. APRONO LA LORO MENTE A NUOVE POSSIBILITA E SVILUPPANO LE LO- RO CAPACITA CRITICHE.

10 ALLILOU YASSINE MARTINA BONANNO CALCAGNILE ANASTA- SIA D ANDRIA AURORA VALENTINA MARTINA RACHID YACINE SALVATORE PELUSO UN PO DI NOI DEBRA COLELLI LINDA BERNARDINI SARA NATALIZIO DI CARLO DENISE ANGELICA PETRUCCI GABRIELE POTENZA SOFIA CATINO

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Il laboratorio adulto Cantieri diffusi per piccole opere La madre dello yogourt

E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Il laboratorio adulto Cantieri diffusi per piccole opere La madre dello yogourt E se ci facessimo aiutare dai ragazzi? Qualche ipotesi sulla relazione tra sperimentazioni e comunicazione dopo l incontro tra il CSN e gli staff regionali del 14 novembre di Franco Lorenzoni Il 14 novembre

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli