Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di Poirino. Domenico Tuninetti Uno dei circa quaranta coltivatori di peperoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di Poirino. Domenico Tuninetti Uno dei circa quaranta coltivatori di peperoni"

Transcript

1 LA STAMPA SABATO 1 SETTEMBRE Provincia. 61 PR Carmagnola Ilpeperonenonrendepiù produzionecrollatain20anni L economia agricola non si regge più su questo prodotto; pochi i produttori Torre Pellice Eugenio Bernardini nuovo Moderatore Eugenio Bernardini è il nuovo moderatore della Tavola valdese. Pastore a San Secondo di Pinerolo, va a ricoprire l incarico svolto per sette anni da Maria Bonafede, la prima donna moderatora del Sinodo. Nel suo primo discorso ha parlato della crisi, ricordando che siamo ancora lontani dal vedere la luce e poi ha lanciato un monito, per uscirne ci sono due strade: ricostruire i modelli del passato che riportano ad un benessere che ha come prezzo le ingiustizie sociali, oppure fare una scelta di equità, di unità e di solidale responsabilità. «Non si tratta ha sottolineato di tornare ad una sorta di ottocentesca beneficenza per i poveri, ma di costruire la giustizia che si basa sulla coesione sociale». Cumiana In manette dueladridirame Stavano cercando di rubare dei cavi di rame dal centro sportivo comunale di Cumiana, ma in quel momento è passata una pattuglia dei carabinieri, che ha notato la presenza di due persone all interno del campo. Il tentativo di fuga per Vasile Cojocaru, 38 anni, residente a Poirino e per Costantin Burcuta, 31 anni, residente a Torino, è durato poco. I militari li hanno bloccati mentre stavando cercando di nascondersi fra la vegetazione che costeggia il campo sportivo. In un borsone avevano arnesi da scasso e grosse cesoie necessarie a tagliare i cavi di rame. Probabilmente intendevano troncare e rubare i cavi che collegano l impianto fotovoltaico della palestra appena realizzata con la centrale elettrica dell Enel. Inchiesta FEDERICO GENTA Da una parte ci sono i tendoni che riempono le piazze mercatali. Le bandiere della festa e il grande palco che, dopo l inaugurazione della fiera, ospiterà concerti e spettacoli che fanno da cornice alla Sagra. Dall altra ci sono i banchi che mettono in bella mostra i primi peperoni. Simbolo di una terra contadina, ma raccontano anche una storia di difficoltà. Di raccolti che si riducono anno dopo anno e di prezzi di vendita che non cambiano da troppo tempo. La Sagra del peperone è anche questo. Un pugno di agricoltori che fa fatica a fronteggiare un mercato sempre più spesso snobba il Lungo, il Quadrato, il Trottola e il Tumaticot. E a coltivarli, nelle campagne di confine con il Cuneese, sono rimaste poche decine di famiglie. «Non siamo più di una quarantina» fa i conti Domenico Tuninetti, presidente del Consorzio del peperone, ente nato nel 1998 per tutelare quel prodotto che oggi sembra rischiare l estinzione. «La produzione è ferma a tremila tonnellate l anno - racconta - Solo vent anni fa potevamo contare su almeno 300 ettari: oggi saranno un centinaio». Filari protetti da teloni, per scongiurare i danni delle grandinate. Ma anche questo non basta: «Abbiamo dovuto costruire impianti di irrigazione automatica. Spesso le serre devono essere climatizzate per contrastare gli sbalzi di temperatura». L ultima frontiera dell agricoltura moderna arriva dalla Bioplanet di Cesena. «Da loro arrivano gli insetti predatori, selezionati in laboratorio per difendere le piante da parassiti e batteri». Un rimedio efficace e naturale, ma non ancora sufficiente. Perché il terreno, quando non viene sterilizzato in profondità, uccide le radici prima che i frutti siano maturi. Giuseppe Abballe mostra sconsolato quel che resta delle sue colture: «Di questo passo i miei peperoni lasceranno posto a pomodori e finocchi nel giro di quattro- cinque anni» assicura. Lui a frazione Salsasio, sulla strada per Villastellone, fa l agricoltore da 45 anni. Ricorda: «I primi tempi bastava seminare e aspettare. Adesso di anno in anno gettiamo via quasi la metà del raccolto». A rimanere sempre uguali, invece, sono i valori di vendita al dettaglio. Un chilo di peperoni di prima scelta, venduto Un prodotto di nicchia Oggi il mercato sembra, sempre più spesso, snobbare il Lungo, il Quadrato, il Trottola e il Tumaticot: i quattro tipi di peperoni di Carmagnola. A coltivare questi ortaggi pregiatissimi sono poche decine di agricoltori: sparsi tra il territorio di Carmagnola e le campagne di confine con il Cuneese: da sempre zone di massima produzione Domenico Tuninetti Uno dei circa quaranta coltivatori di peperoni Giuseppe Abballe Pronto alla resa «Coltiverò pomodori e finocchi» I NEGOZIANTI «La sagra porterà tante persone: si spera di fare buoni affari» sulle strade di Carmagnola, non va oltre i 2 euro e 50. Gli altri si fermano a 1,80. Va un po meglio tra i negozi del centro storico. Andrea Lombardi: «I clienti non mancano, specialmente nei giorni di Sagra - ammette - Finita anche quella, però, anche i prezzi crollano». E così in attesa, tra mugugni, qualche rimpianto per le occasioni perdute in passato e prospettive poco gradevoli di veder sparire il peperone tipico del luogo, il alza il sipario sulla festa. Lo scorso anno accolse 200 mila visitatori. Un enormità. Ma il peperone è sempre un re, anche se un po in declino. 100 ettari di coltura Un crollo del 60% rispetto alla fine degli Anni 90 quando erano almeno Tonnelate l anno Tanti sono i peperoni prodotti ogni anno nella zona di Carmagnola 3 milioni di euro È il fatturato annuo della produzione fatta nel territorio di Carmagnola 20 centesimi a seme Un costo esorbitante per i prodotti di prima scelta Per coprire un ettaro servono circa 20 mila semi Pavarolo Si schianta e muore sulla provinciale Ha perso il controllo dell auto durante un sorpasso lungo il rettilineo della provinciale 122, fuori dall abitato di Pavarolo. Witold Krakowski (in foto), polacco di 34 anni residente a Brusasco, è morto sul colpo. La sua Opel Meriva si è scontrata frontalmente contro una Citroen DS3 e si è ribaltata nel fossato. I soccorritori, arrivati in pochi minuti, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane impiegato tecnico. L autista della seconda auto è ricoverato in prognosi riservata al Cto di Torino. Mauro Gentile, 54 anni di Montafia, nell Astigiano, ha riportato un forte trauma toracico, ma non è in pericolo di vita. [F. GEN.] Bardonecchia Vento forte in valle Stretta Crollalamaxiretedelgolfclub AMEDEO MACAGNO Il forte vento di questi giorni ha provocato una serie di danni nella «Perla delle Alpi», dove alcuni alberi sono stati abbattuti da violente raffiche che hanno soffiato tra mercoledi pomeriggio e per tutta la giornata di ieri. L incidente più grave si è verificato all imbocco della Valle Stretta dov è caduta sulla strada che costeggia il campo da golf di Pian del Colle, la recinzione della stessa struttura. Da poco inaugurata. Risultato: carreggiata chiusa per alcune ore e disagi per i villeggianti che dovevano far ritorno nel centro di Bardonecchia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che in poche ore hanno liberato la strada e messo in sicurezza l interra zona. La rete, lunga circa cento metri e alta 15, ha ceduto per una sorta di «effetto vela». Un crollo inaspettato che avrebbe potuto avere anche conseguenze gravi. Ma, per fortuna, in quel momento sulla strada che collega Bardonecchia con la Valle Stretta, non stava transitando nessuno. Danneggiati dalla caduta della rete, anche alcuni pali di cavi telefonici subito ripristinati dalla Telecom. 1 Strada chiusa Problemi alla viabilità risolti dai vigili del fuoco che hanno lavorato per ore Chivasso Puliamo il Mondo Fino al 20 settembre sono aperteleadesionialla20 a edizione di Puliamo il Mondo, iniziativaapertaatuttichesisvolgeràil 29 settembre. I moduli per le iscrizioni sono disponibili all Ufficio Relazioni con il Pubblico. Cavagnolo La Corrida Alle 21, nel piazzale della stazione ferroviaria della Chivasso-Asti, si terrà la prima edizione della Corrida, cantanti allo sbaraglio, aperta a tutti, organizzata dalla Polisportiva Cavagnolese. Chivasso Lavori nelle scuole Presso la scuola media in breve «Demetrio Cosola», in via Marconi, sono iniziati i lavori di tinteggiatura delle aule, dei corridoi, della palestra e dei locali del seminterrato. Nella sede di via Blatta, sarà realizzato, al secondo piano del plesso scolastico della media, un nuovo servizio igienico per soggetti con difficoltà motorie. Carmagnola Coco Cano in mostra Si intitola «Los colores de la vida» l ultima personale dell artista uruguagio, trapiantato in Italia dalla fine degli anni 70. La mostra sarà inaugurata questa sera alle 18 nella Saletta d arte Celeghini di via Valobra. Resterà aperta al pubblico fino a sabato 15 settembre. Per informazioni

2 Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di PoirinoT1 CV PR T2 LA STAMPA. SABATO 1 SETTEMBRE 2012 C asaverde Cronaca di Torino.65 L alboreto di Poirino n Ottomila metri quadrati di alberi, arbusti, sie Per le vostre segnalazioni pi danno vita all Arboreto di Poirino. L Associazione Natura Cascina Bellezza, dopo l appello lanciato nei mesi scorsi, ha trovato fra i suoi soci e quelli del l Unitre i volontari per vigilare sullo spazio verde: il parco sarà così aperto tutti i sabati (14 19) e le do meniche (10 19) di settembre. Ingresso libero. In fo: 329/ [C.PR.] A CURA DI ANTONELLA MARIOTTI Il negozio Dal giardiniere Il pranzo si serve con i fiori LUISA PULCHER Da un anno e mezzo Alma la Verde unisce l arte della cucina con quella del giardinaggio Le mie piante ceratostigma e bignonia CRISTINA INSALACO Il documentario Dueregistiincittà persalvareilverde Mangi un piatto di pasta al ragù e ti compri una pianta di begonie. Oppure, dopo un tè con le amiche, torni a casa con un tavolino a forma di fiore. C è un posto a Torino che unisce la cucina al giardinaggio. É il negozio «Alma la Verde», in via Principe Tommaso, angolo via Baretti. Da un anno e mezzo Nina e Alma, mamma e figlia, hanno aperto un ristorante immerso nel verde. Attorno ai tavolini ci sono piante e fiori che si possono comprare, come si comprano tutti gli oggetti che ci sono nel negozio: dagli scopini a forma di cactus per il bagno ai filtri per il tè che sembrano fragole. «É un posto che fa impazzire le donne - dice Alma -, ci portano le mamme, le amiche, qualche volta convincono anche fidanzati e mariti a seguirle». Un albero e una forchetta: è questo il simbolo di una nuova vita che Durante le riprese n C è anche Torino nel comincia per Alma, 49 anni, giardiniera, e la mamma Nina, 79 anni, cuoca per passione. Dopo la perdita dell azienda di famiglia in cui lavoravano, decidono di ricominciare. Si rialzano dal fallimento e si reinventano in un attività nuova con le cose che amano di più: il giardinaggio e la cucina. Ed ecco nascere «Alma la Verde», con le sue ampie vetrate piene di fiori e piante. La mamma si occupa dei piatti e dei biscotti, la figlia dei vasi e Un posto per donne Il locale di San Salvario è frequentato soprattutto dalle donne, che vengono con le amiche e le mamme. Qualche volta le accompagnano anche mariti e fidanzati delle potature. E poi c è il compagno di Alma che le aiuta per qualche lavoro di giardinaggio, e prepara i dolci, come gli strudel e la torta ricotta e uvetta. «Con il nostro negozio abbiamo voluto creare un giardino in città - dice Alma -, mostrando alla gente, che di solito ha poche conoscenze di botanica, la bellezza di vivere in un ambiente verde». Per loro è importante che i torinesi capiscano che basta mettere qualche pianta nel salotto o sul balcone per rendere la casa più OLTRE IL GIARDINO bella. «Spesso non c è una via di mezzo tra i paesaggisti del verde pubblico e le persone che fanno del giardinaggio fai da te - spiegano loro -, noi vogliamo far appassionare la gente alla natura in maniera semplice». Nell atmosfera un po romantica del ristorante, i piatti preparati da Nina sono tutti fatti con prodotti artigianali. Il locale è aperto dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle e da quest autunno anche il venerdì e sabato sera. Vendono solo piante da interno, dalle begonie alle spathiphyllum, alle piante grasse. Per tutti gli altri tipi di fiori e piante Alma e Nina le possono ordinare. «Regalare una pianta è un dono duraturo - racconta Alma -, significa che di quel regalo te ne devi occupare». Le piante carnivore, ad esempio, le comprano spesso le mamme per i figli. «Abbiamo allestito il locale come piace a noi - dice Alma -, e la soddisfazione più grande è vedere gli occhi sorpresi e increduli della gente quando entra per la prima volta». ROMANO CANAVESE È Gli scambi di piante e bulbi sotto i portici IN CON LA STAMPA A 8,90 EURO IN PIÙ A OL IC ED Le regine saranno le peonie ma sarà possibile scambiare ogni tipo di piante, fiori, semi. Oggi a Romano Canavese sotto il portico del Palazzo municipale, in piazza Ruggia, dalle 10 spazio alle vecchie consuetudini dei nostri nonni. Ognuno porta sementi, piantini, possibilmente muniti di etichette che indicano la specie: spazio, quindi, allo scambio e al regalo di semi, bulbi, talee da giardino e appartamento, ma anche di ricette e libri sul pollice verde. [C.PR.] n La pianta di liquirizia n Questo strano cespuglio è una pianta di liquirizia. Ci ha spedito la foto la signora Silla Barbasio che abita a Superga. La liquirizia fa parte della grande categoria delle erbacee perenni si sviluppa in al tezza fino a un metro. La liquirizia fa parte delle leguminose e ce ne sono diciotto tipi diversi, è una pianta rustica e anche molto resi stente alle basse temperature. i li l it 2 NELLE EDICOLE DI TORINO E PROVINCIA AL NUMERO , SU Dopo il fallimento dell azienda familiare mamma e figlia si sono reinventate documentario «God save the green» a cui i registi Michele Mellara e Ales sandro Rossi stanno lavo rando. Girano il mondo, dal Marocco al Brasile, da Nairobi a Berlino, per rac contare come ridisegnare un altro spazio urbano è possibile e oggi, forse, an che indispensabile. Il lun gometraggio, una produ zione della Mammut Film in collaborazione con Eth nos, Cefa e Horticity, narra così le storie di piccoli gruppi di persone che hanno cominciato a colti vare ortaggi nei loro pic coli fazzoletti di terra: giardini, orti, balconi, ter razze, oppure spazi ab bandonati delle città. Tra le esperienze raccolte c è anche quella di Gaetano Bruno che ha trasformato il tetto di casa sua, situato nel centro di Torino, in un orto urbano: cinque ter razze collegate tra di loro da scalini con piante della Costiera Amalfitana, 80 varietà di rose, rampican ti, ortaggi, fiori, piante da frutta. [C.PR.] N ell angolo dove ho la vasca con le piante del loto c è un tappetino di minuscoli fiori di un bellissimo blu, che continuano ad aprirsi da luglio a settembre ovvero, nei mesi in cui le fioriture scarseggiano. Ogni anno il tappeto cerca di allargarsi un poco, salendo con discrezione e rubando un po di spazio all enorme pianta di salvia che in quell angolo di giardino la fa da padrona. E il ceratostigma, piantina dal nome difficile ma dall anima semplice. Ne misi anni addietro due esemplari, che evidentemente si sono ambientati bene, visto che continuano ogni anno a rispuntare sempre pù forti e a.fiorire nonostante siano in pieno sole, mentre preferirebbero stare in mezz ombra. L unica cura che dedico loro è tagliarle via d inverno, quando sono secche, e spargere sopra un leggero strato di stallatico. E un ottima pianta coprisuolo; inoltre, essendo di natura frugale, può anche vivere nei muri, dove creerà piccole cascate blu. Sopra la stessa vasca dei fiori di loto pende verso l acqua una normalissima bignonia (in realtà si chiama Campsis), anch essa fiorita con trombette di uno smorto arancione; tutte le bignonie che vedo in giro hanno (o mi pare che abbiano) fiori più grandi e colori più brillanti, ma ormai alla mia ci sono affezionata.e poi mi piace disegnarla, perchè i suoi fiori hanno una forma semplice di tubo svasato con cinque lobi arrotondati che si aprono verso l esterno formando petali graziosi, e appoggiati nella parte inferiore spuntano gli stami gialli e il pistillo verdognolo, che raggiungono appena il bordo dei petali. E lo smorto arancione a ben guardare non è poi così scialbo, perchè all esterno sfuma quasi nel giallo, e all interno ha delle striature rosso mattone, come delle pennellate leggere. E il calice è una campanella carnosa che ricorda quello del melograno. E le foglie sono composte da foglioline verde brillante, ognuna delle quali è finemente dentellata e termina in una punta sottile.e i fusti della pianta, nella loro caduta verso il basso, cercano di drizzarsi verso la luce e si curvano e si arricciolano. Scrittrice esperta di giardinaggio

3 CORRIERE DI CHIERI Martedì 4 settembre 2012 CHIERI E DINTORNI 5 Potabile agitata a Santena I Grillini: «Non affidiamo il distributore ai privati» SANTENA Sono agitate le acque intorno al distributore di potabile, che la Giunta comunale sta facendo installare in piazza Don Lisa. La scorsa settimana sono cominciati gli scavi per realizzare gli allacciamenti alla luce e costruire poi la casetta. Entro ottobre i lavori saranno terminati. E si potrà spillare acqua naturale, refrigerata e gassata a 5 centesimi al litro. Ma dal fronte delle minoranze Alessandro Caparelli (Movimento 5 Stelle) e l ex vicesindaco Domenico Trimboli non condividono la scelta della società Drinkart di Piobesi. Secondo loro, esistono alternative più economiche e vantaggiose sia per il Comune, sia per i santenesi. La Giunta Baldi tuttavia non si smuove. Il Comune deve infatti mettere solo a disposizione gratuitamente una piccola area, dove impiantare il chioschetto e predisporre gli allacciamenti di acqua ed energia elettrica, forniture che verranno poi pagate dalla società. Mentre Smat prevede un canone annuale di euro, oltre a euro per le spese d installazione. Il distributore funzionerà con monete o una chiavetta prepagata ricaricabile. In più, la struttura sarà dotata di uno schermo su cui compariranno i risultati delle analisi periodiche dell acqua erogata e informazioni comunali. Infine, ci sarà uno spazio dove giovani artisti potranno esporre le loro opere. La società svolgerà controlli quindicinali per sostituire i filtri, pulire l impianto e l area. Inoltre, ogni sei mesi si occuperà della manutenzione complessiva. Secondo il Movimento 5 Stelle, si può risparmiare ancora. Per questo si oppone: «In un primo momento, avevamo consigliato di affidare il progetto alla ditta lombarda Chillichemia, che offriva acqua naturale gratis e un piccolo u- tile al Comune a fine anno riepiloga Alessandro Caparelli, capogruppo del Movimento 5 Stelle Ma non eravamo molto convinti, poiché non intendiamo affidare la gestione dell acqua pubblica ai privati, che puntano al profitto». Ad agosto hanno meditato ed escogitato un altra soluzione: «Il Comune potrebbe farsi carico della costruzione e gestione del distributore - ragiona - I costi iniziali per realizzare la struttura, di circa euro, potrebbero venire ammortizzati nel giro di 1-2 anni. E i ricavati futuri potrebbero essere impiegati per altri progetti, ritornando in questo modo anche ai cittadini». E annuncia: «Stiamo mettendo a punto la nostra proposta. Abbiamo consultato professionisti e assessori di altri paesi, che SERVIZI Morire costa di più Le nuove tariffe del cimitero poirinese hanno adottato questa scelta». Il Movimento a 5 Stelle è pronto a portare avanti la propria battaglia: «A settembre organizzeremo un incontro coi cittadini per presentare loro i pro e i contro di ciascuna alternativa, invitando e- TROFARELLO Il Comune ha trovato un acquirente per il terreno di via Sabbioni: la Obscure srl, che ha sede dall altra parte della strada, si è aggiudicata l asta con un offerta di euro (il prezzo base era di ) e vi costruirà un nuovo capannone. Escono dunque sconfitti gli a- bitanti, che fino all ultimo si sono battuti per difendere qual fazzoletto di verde in mezzo al cemento. Si tratta di un area di quasi metri quadri a vocazione industriale che, nella campagna elettorale del 2006, la Giunta Tomeo aveva promesso di riportare ad area verde e che invece, nella primavera 2009, aveva deciso di cedere al miglior offerente per fare cassa. Due gare erano andate deserte e così, dando ascolto alle proteste dei residenti, il Comune a- veva fatto retromarcia, stralciandolo definitivamente dal piano. Invece, a tre anni di distanza, il Comune si è rimangiato la promessa e ci ha riprovato. POIRINO Aumenta il prezzo per aree, loculi e cellette ossario nel cimitero. Il costo, fissato nel marzo 2006, è stato adeguato in base all indice Istat. Per le aree su cui edificare tombe di famiglia, si passa da e euro, più care quelle d angolo che salgono da a I loculi hanno prezzi differenziati in base alla posizione: invariato a euro solo il prezzo di quelli della quinta fila, la più alta; per gli altri: prima fila euro (prima 1.600), seconda e terza (prima rispettivamente e 2.200), quarta fila 1.600, contro i precedenti. Le cellette ossario salgono da 240 a 270 euro, i posti trentennali da 500 a 570. Chi voglia acquistare i nuovi loculi in progetto nel terzo ampliamento dovrà prenotarli e pagare il 50 per cento del costo in acconto. Verde no, prefabbricato sì Trofarello, sconfitti gli abitanti di via Sabbioni «Non ho parole - commenta la portavoce Giulia Torelli - A comandare è sempre il denaro e anche stavolta la balena si è mangiata il pesciolino!». «Comprendiamo le ragioni degli abitanti - dice il sindaco Gian Franco Visca -ma solo vendendo i beni superflui del Comune riusciremo a trovare i finanziamenti per opere urgenti senza aumentare le tasse». Conferma Carlo Obscure, titolare dell azienda per la progettazione e costruzione di macchine sperti e presentando casi di successo informa Caparelli Porteremo la nostra idea al prossimo consiglio comunale». Non anticipa nulla invece Domenico Trimboli, rappresentante di Santena Futura: «Stiamo preparando un interpellanza per il prossimo Consiglio. Di sicuro, ci sono altre possibilità più vantaggiose. E assurdo che la gente spenda soldi per l acqua potabile naturale, a questo punto tanto vale comprarla in bottiglia». Cosa suggerite allora? «Lo spiegherò in Consiglio Comunale». Nel frattempo l opera però sarà quasi ultimata: «Vorremmo che la maggioranza aspettasse ancora un poco, per valutare con attenzione altre soluzioni precisa Caparelli Se così non fosse, consulteremo i santenesi con una raccolta firme». Non se ne parla: «Abbiamo già firmato il contratto assicura il vice sindaco Roberto Ghio A i- nizio ottobre inaugureremo il distributore d acqua». Ma la porta rimane aperta per il futuro: «Se decideremo di installare un secondo distributore, allora terremo conto anche di altri suggerimenti». Federica Costamagna grafiche e per la stampa: «Vi realizzeremo un prefabbricato. Non abbiamo ancora deciso se sarà destinato all attività produttiva o a magazzino. In ogni caso se ne riparlerà tra un po di tempo, quando la crisi sarà passata». Nel frattempo sono stati aggiudicati altri 3 box del parcheggio sotterraneo di via Romita. Dei 24 garage ricavati sotto il complesso La Piazzetta ne restano 20, che il Comune rimette subito all asta allo stesso prezzo: anche stavolta ci vogliono almeno euro per aggiudicarsi un posto auto da una ventina di metri quadri. Le offerte vanno presentate all ufficio protocollo del municipio entro le 12 di venerdì 14 settembre. Giardini puliti SANTENAPiù ordine e pulizia nei giardinetti di via Trinità e via Brignole con circa euro, dopo le richieste del comitato di via Brignole. A luglio il Comune li ha messi nelle mani della cooperativa La Cometa, che ha ricavato ingressi separati tra le zone destinate ai cani e quelle per il gioco. «Così le aree verdi saranno più pulite, poiché i cani accompagnati dai propri padroni avranno il loro spazio e non disturberanno gli altri», spiega l assessore Walter Mastrogiovanni. Oltre agli ingressi, sono state messe a posto reti, fontanelle e panchine. Nel parchetto di via Brignole, invece, l opera non è ancora finita: «Quest autunno rinzolleremo il terreno e rifaremo il prato. Dopodichè piazzeremo qualche gioco nuovo. Al momento, stiamo valutando i preventivi». Cantiere lavoro SANTENATre mesi in più per il cantiere di lavoro affidato alla cooperativa La Cometa di San Lorenzo. L ha deciso l assessore al lavoro Roberto Ghio. Il Comune stanzia euro. «Il cantiere era stato avviato il 15 novembre dell anno scorso e si è concluso il 30 giugno spiega il vicesindaco Ora lo prolunghiamo di 60 giorni lavorativi per sette ore al giorno. I cantieristi rimarranno in servizio fino al 14 novembre». Gli addetti sono sette contro i dieci previsti dal progetto, il cui primo periodo era stato cofinanziato dalla provincia. Si occupano delle manutenzioni delle aree verdi e degli edifici pubblici. «Inoltre abbiamo assegnato loro anche il compito della pulizia dei marciapiedi ed in generale del mantenimento del decoro della cittadina. Fino ad oggi siamo soddisfatti di come svolgono il loro lavoro». Il Bastione può attendere Niente contributo regionale, slitta il risanamento CHIERI Niente contributo regionale, il Comune blocca il risanamento del Bastione della Mina. «Non è una priorità, soprattutto in un periodo di scarse risorse come questo» precisa Domenico Motta, assessore ai lavori pubblici. Un annuncio previsto già a ottobre, quando il municipio aveva deciso di partecipare al bando dell ente piemontese: l assessore a- veva messo in chiaro le intenzioni della Giunta. Ora le conferma, cancellando anche il sogno di a- prire al pubblico il monumento del XVI secolo: «Abbiamo tante altre aree verdi. Non è necessario aggiungerne un altra, soprattutto perché sarebbe occupato soprattutto dai vandali». Ma in cosa consisteva il progetto abbandonato? Doveva essere il secondo lotto di una riqualificazione iniziata due anni fa, la cui prima parte è terminata nel La seconda prevedeva il restauro e il consolidamento strutturale del Bastione, degradato e in buona parte infestato da radici. I lavori avrebbero dovuto cominciare dall area già restaurata con il primo lotto, circa 800 metri quadri di superficie. Nelle intenzioni del municipio, si sarebbe proceduto all esproprio dei terreni intorno al monumento, per poi partire con il ripristino delle parti ammalorate, l aggiunta di mattoni nei punti mancanti e l eliminazione delle piante. Il progetto è degli architetti Cristina Soldati e Sabrina Ricca, le stesse ad aver redatto quello del primo lotto. Anche l importo è u- guale, 350mila euro. Medesimo, in teoria, anche l intento finale: rendere fruibile l area, come già ipotizzato dalla Giunta Gay. Un sogno che risale al 2003: nove anni fa il municipio aveva disposto la sistemazione della superficie incolta sulla sommità, installando anche lampioni, recinzioni e fontane. All inaugurazione la costruzione medievale venne presentata come nuova area verde e palcoscenico naturale per manifestazioni estive d atmosfera. Gli atti vandalici costrinsero il Comune a chiuderla nell autunno successivo. Ma Domenico Benente, predecessore di Motta, non si perse d animo: lanciò un bando per affidare l antico baluardo a un privato. Si sarebbe occupato lui di aprire e chiudere l ingresso, della manutenzione e delle attività di animazione. Si parlava di un chiosco, di un programma di manifestazioni musicali e teatrali, di passeggiate nel verde. Risultato? Nulla di fatto. Nessun privato si è fatto avanti e l area verde è rimasta Il bastione dall alto ancora chiusa. E tale rimarrà ancora a lungo: «Sarebbe esposta al rischio di atti vandalici, come già succede a San Giorgio. E temo che non si verificherebbero solo bravate, ma anche attività più pericolose. Oltre che dannose per la città, che dovrebbe poi spendere per il ripristino». La posizione di Motta ha già fatto discutere il passato. In particolare, il consigliere del Pd Roberto Quattrocolo ha definito l operazione «una presa in giro»: dopo i lavori di ripristino del muro di contenimento su corso Buozzi, il Comune ha realizzato un passaggio pedonale che si arrampica fino al Bastione. Per sbattere poi contro la recinzione. Almeno quello cambierà? «Doveva essere fatto nell ambito della riqualificazione di Valle Pasano, dopo il trasloco di Civera edilizia. Tutto ciò è fermo, però vogliamo comunque fare qualcosa. Probabilmente nascerà un marciapiede che si congiungerà con l attuale passaggio pedonale». BREVI DAL CHIERESE TESSERAMENTO DEL PINO CALCIO PINO TOR.Si chiama Tutti ai campi la campagna di tesseramento per la stagione entrante del Pino Calcio. Fino a domenica in o- rario 15,30-18,30, tutti i ragazzi in età 5-12 anni potranno partecipare ad allenamenti e partitelle in modo gratuito, seguiti dallo staff della scuola calcio. Sono anche a- perte le iscrizioni per la stagione 2012/2013. «Non abbiamo ancora stabilito le tariffe, ma prevediamo quote inferiori ai 300 euro, comprensivi della divisa spiega l amministratore delegato, Edoardo Zaina L anno scorso abbiamo avuto più di 50 i- scritti, quest anno puntiamo ad aumentare, anche di molto i tesserati» SUPPORTO ALLE SCUOLE RESTA CITTATTIVA TROFARELLOCittattiva gestirà i servizi di supporto alle scuole anche per il prossimo anno 2012/2013. La cooperativa chierese si è aggiudicata l appalto presentando un offerta di quasi euro, oltre il 12 per cento in meno rispetto ai fissati come base d asta. I suoi dipendenti avranno il compito di assistere e sorvegliare gli alunni delle elementari durante il trasporto scolastico e delle medie a mensa, ma soprattutto di organizzare il pre, post e dopo-scuola in due materne (postscuola) e alle elementari (pre, post e dopo-scuola). Cittattiva dovrà i- noltre curare, in tutte le scuole dell obbligo, il servizio di sostegno allo studio e d integrazione per gli alunni con esigenze educative speciali e disabili. 3

4 CORRIERE DI CHIERI 12 CHIERI E DINTORNI Martedì 4 settembre 2012 SPORT & PASSIONE - «Non dimenticherò l emozione di aver raggiunto il Tower Bridge» Renato Valpreda, canottiere pinese, ha vogato dal Po fino a Londra Dal Po a Londra... a remi L impresa in canoa del pinese Valpreda PINO TOR. Hanno vogato perfino sdraiati e cavalcato le onde, valicato montagne svizzere e solcato i canali olandesi. Dal Po fino a Londra. A remi. «Il 25 luglio, a metà mattina, abbiamo raggiunto il Tower Bridge. In canoa si rema dando le spalle alla direzione di marca: è stata un emozione indescrivibile voltarsi e vedere il ponte ornato dai 5 cerchi olimpici...». Renato Valpreda non dimenticherà mai l estate 2012: gli brillano ancora gli occhi mentre rievoca il raid compiuto assieme ad altre 12 persone. L idea era nata chiacchierando con i compagni della Canottieri Cerea di Torino, di cui il pinese fa parte da un quarto di secolo. Lui non è nuovo a esperienze del genere: due anni fa aveva partecipato alla Torino- Venezia. Ma era stato uno scherzo, al confronto: gli erano bastati 5 giorni giorni. La Torino-Londra ne ha richiesti invece 18. E Renato Valpreda non è più un ragazzo: ha 66 anni, di cui 39 passati come agente della Reale Assicurazioni a Chieri. «Al circolo parlavamo delle Olimpiadi e del raid fatto qualche anno prima da nostri amici - racconta la genesi dell impresa - Essendo appassionati di sport, fondamentale è stata la voglia d assistere alla cerimonia d apertura delle Olimpiadi». Dalle parole al progetto, alla Canottieri Cerea hanno messo insieme una squadra di timoniere, quattro vogatori e assistenza lungo la riva. Li hanno sostenuti anche l Iren e la Città di Torino, che li ha visti come utili testimonial per la candidatura come Capitale europea dello sport Il percorso è stato pianificato a tavolino: partenza da Valenza Po, rotta verso il Lago di Garda, Ticino, Reno, i canali di Belgio e Olanda... A Calais un passaggio sul traghetto (è vietatissimo attraversare la Manica a remi), il ritorno in acqua a Greenwich e da lì bussola verso Londra attraverso il Tamigi. Un avventura faticosa (si alternavano ai remi circa ogni 5 ore) e a tratti anche pericolosa: «Sul Reno abbiamo incontrato parecchie difficoltà racconta il pinese - Malgrado la corrente sia favorevole, il fiume ha molte curve ed è trafficato di enormi mercantili che creano onde GAS DI SCARICO impressionanti. Il rischio di cadere in acqua è stato alto. Da Maastricht ad Anversa la navigazione è proseguita sui canali. Il tratto è meno pericoloso, Addio al bollino blu sul parabrezza Ora basta la normale revisione auto Si alleggeriscono parabrezza e burocrazia: dal primo settembre la Regione abolisce il bollino blu e decade l obbligo di esporre l adesivo che riporta tipo di omologazione e carburante. Il cosiddetto bollino blu certificava il controllo obbligatorio dei gas di scarico al di fuori del controllo effettuato in sede di revisione: ora, a controllare cosa e quanto esca del tubo di scappamento basteranno le registrazioni della normale revisione. In realtà, già dal 1 settembre 2011 in Piemonte erano e- senti dal controllo annuale tutti i veicoli con omolagazione Euro 3 e successive; i mezzi più vecchi erano ancora soggetti al controllo annuale (se immatricolati dall 1 gennaio 1998) e semestrale (se immatricolati entro il 31 dicembre 1997) ma non dovevano più e- sibire il bollino blu. Sottolinea l assessore all Ambiente, Roberto Ravello: «A seguito dell abolizione del bollino blu per gli Euro 3, 4 e 5 la Regione aveva sollecitato i Ministeri competenti ad aggiornare la normativa in vigore, affinché l esonero dal controllo dei gas di scarico fosse esteso anche ai veicoli immatricolati precedentemente. Con questo provvedimento qui in Piemonte l iter è concluso contribuendo al processo di semplificazione della macchina burocratica con cui i cittadini si confrontano quotidianamente». A rendere inessenziale il bollino anche l aggiornamento del parco macchine piemontese: auto e moto di oggi, infatti, inquinano meno di quelle in circolazione nel 1998, anno in cui il Ministero dei lavori pubblici decise di controllarne le emissioni. Che scompaia anche il talloncino sul parabrezza è un decorso naturale perché a riconoscere i veicoli non autorizzati a circolare saranno soprattutto sistemi automatizzati e non più l occhio del vigile. ma più spossante a livello fisico poiché non c è corrente. A Gant e Brugge ci sono ponti levatoi molto bassi (un metro circa dal livello dell acqua) che rimangono chiusi anche un ora: per non perdere tempo, ci siamo dovuti sdraiare completamente nella barca continuando a vogare». Mentre gli atleti vogavano, lungo il tragitto si muovevano due furgoni. Hanno permesso di superare i tratti privi di vie fluviali (come dal Lago Maggiore sino a Basilea) e fornito il supporto logistico. I due autisti procuravano il cibo e servivano come appoggio per le soste. «Talvolta è stato problematico trovare un punto d attracco raggiungibile da terra. In Belgio ad esempio, abbiamo dovuto fermare l imbarcazione lungo l autostrada e issarla al di la del guard rail». Per dormire e cenare, Valpreda e compagni hanno trovato ospitalità presso alcune società di canottaggio e palestre lungo il percorso. Tra gente di fiume ci si aiuta volentieri: «il circolo di canottieri Carlew di Greenwich ci ha anche prestato due loro timonieri, molto più e- sperti delle acque del Tamigi: in alcuni punti, infatti, le mareggiate possono creare dislivelli fino a 7 metri». Com è stato il punto di vista su campagne e città dall acqua? «Entusiasmante. Per esempio i castelli sul Reno nel tratto che va da Basilea a Colonia. Un insieme di colori e forme architettoniche da mozzare il fiato». L ultima tappa della loro missione, quella che da Dover li ha condotti sino alla capitale inglese, è stata portata a termine sotto un caldo umido e a- sfissiante. «Lo sforzo a questo punto è stato maggiore, ma la consapevolezza d avercela quasi fatta, ha fornito la spinta necessaria per giungere a destinazione». Nella capitale inglese sono stati accolti come ospiti da Casa Italia, poi hanno seguito la cerimonia dell inaugurazione olimpica su un maxi schermo in piazza. «Una festa incedibile, la gente era elettrizzata. Essere li, dopo quell odissea, ci ha ripagato di tutti gli sforzi». Danilo D Amico GIOVANI ALL ESTERO - Laureata in farmacia Fa la baby sitter a Londra pronta ad iniziare il tirocinio a Cambridge Italia (e Chierese), arrivederci. Il Corriere continua a viaggiare per il mondo grazie alle storie di giovani di Chieri e dintorni che sono andati all estero in cerca di occupazione. O anche solo di un esperienza che, per tanti motivi, nel nostro Paese non potevano vivere. Avete esperienze simili da raccontare? Telefonateci o scriveteci: 011/ CHIERI Da neolaureata in Farmacia a baby sitter a Londra. Ma con un obiettivo ben preciso: «Mentre lavoravo, ho preparato l esame di Stato e ora sono farmacista racconta la 24enne chierese Marta Vergnano Poi ho partecipato a un bando internazionale dell Università La Sapienza e da ottobre lavorerò in un azienda farmaceutica a Cambridge». Nel frattempo la giovane si è anche goduta le Olimpiadi in casa. Diplomata nella sezione classica del liceo Monti, si è laureata in Farmacia a marzo di quest anno. Poi, a metà aprile, è partita per l Inghilterra, lasciando la casa di via Morano 11, dove viveva con il papà Aldo, commercialista ed ex sindaco di Chieri, la mamma Simonetta Sabaino, libraia, e i fratelli Eugenio, 20 anni e studente di economia alla Bocconi di Milano, e Carlo, 17, studente al liceo classico. «L esame di Stato e l abilitazione erano tra giugno e luglio ripercorre Marta Nel frattempo non potevo esercitare. Quindi ho pensato di cogliere l occasione e andare a cercarmi una carriera a Londra. Anche perché lì c è il mio ragazzo, Enrico, che svolge un dottorato di tre anni in chimica». Alla fine ha iniziato a fare la babysitter per i bambini di due famiglie italiane: «Un attività completamente incoerente con i miei studi: ne ero consapevole, ma non avevo scelta. Sarebbe stato lo stesso anche in Italia. Anzi, sarebbe stato più difficile trovare un impiego simile: qui ci sono molti stranieri che non possono contare sull aiuto della famiglia e hanno bisogno di una persona fidata cui lasciare i figli. Io avevo un po di esperienza e mi è andata bene pure perché riuscivo a studiare al mattino e lavorare al pomeriggio». E lo sfondo è la città di Londra: «E un posto stimolante e vivo, con tante opportunità. Ultimamente anche Torino si è sviluppata molto ma nell anno del Giubileo della regina e delle O- limpiadi ne è valsa ulteriormente la pena. E di certo una bella esperienza, che mi ha permesso di migliorare l inglese». Una scelta tanto positiva che la giovane chierese rimarrà in Inghilterra almeno Marta Vergnano fino ad aprile: «Ho partecipato a un bando della Sapienza di Roma, chiamato Leonardo da Vinci : prevede tirocini di 5 mesi e mezzo in centri di ricerca in Europa, rivolti a laureati in materie scientifiche. Dopo le prime selezioni e il colloquio a Roma sono stata scelta per l Innova Biosciences di Cambridge, la mia prima scelta». Quindi di tornare a casa, almeno per ora, non se ne parla: «Vorrei rimanere un po : all estero c è una richiesta maggiore, sia nelle aziende private sia nel settore pubblico. Anche le farmacie sono gestite diversamente: ci sono tante catene e ciò permette u- na possibilità di assunzione superiore. Certo, la vita è cara ma anche gli stipendi sono più alti che in Italia. In generale l economia è più fiorente. Ovviamente restare all estero significa essere distanti da famiglia e amici, però...». Federico Gottardo Italiano e piemontese I quattro elementi diventano poesia Concorso a Poirino POIRINO I quattro elementi naturali diventano protagonisti delle poesie. La 15ª edizione del concorso di poesia Città di Poirino modifica il proprio regolamento e si dà un filo conduttore. Acqua, aria, terra o fuoco: uno di questi elementi dovrà essere oggetto o soggetto delle poesie partecipanti. Invariate invece le due sezioni: poesia in lingua italiana e poesia in lingua piemontese, in questo caso si accettano elaborati secondo la grafia unificata dei Brandè (Pacotto Viglionogo). La partecipazione è gratuita e ogni autore può partecipare con un massimo di 2 opere per sezione, al massimo di 32 versi ciascuna. Tutti gli elaborati devono pervenire via posta o per consegna diretta alla Biblioteca Civica prof. Franco Simone, via Cesare Rossi 12, Poirino, oppure presso il Comune, via Cesare Rossi 5, entro il 18 ottobre. La biblioteca rimane aperta tutte le mattine dalle 9 alle 11,30 e martedì, giovedì e venerdì anche dalle 15 alle 17,30. Al vincitori di entrambe le sezioni andrà un immagine su carta con cornice che ritrae Poirino più una selezione di libri, ai secondi e ai terzi classificati una coppa e dei libri. La premiazione del concorso sarà sabato 24 novembre alle ore 21 al Salone Italia di Passeggiata Marconi, giorno in cui verrà presentata anche la composizione della giuria esaminatrice. Per informazioni ci si può rivolgere alla biblioteca, chiamando lo interno 225. QUANDO TUTTO DIVENTA ARTE «Ogni oggetto può diventare opera d arte, anche quelli banali che si trovano in casa. Basta osservarli con una luce diversa ed estrarre il dettaglio». E il pensiero che ispira le opere della pittrice baldisserese Mery Rigo, che ha inaugurato venerdì una sua personale a Fully, in Svizzera, entrando così nel circuito internazionale. Astrattismo in una casa, questo il titolo della mostra, sarà visitabile fino al 14 ottobre al Mosaico artistico il venerdì e sabato in orario

5 Mercoledì 5 settembre 2012 Anno Numero 34 Pedemontana Rapinati da un piossaschese tre minorenni minacciati con un pugnale Cumiana: tre arresti in una notte Sventato un furto di rame nel centro sportivo, due condanne per direttissima 13 Las Vegas by Play Park fa già discutere Slot machine e videolottery in arrivo al Bivio di Frossasco CUMIANA - Giornata lunghissima, per i Carabinieri di Cumiana e per il loro comandante James Lui, quella di mercoledì 29 agosto. Iniziata con la ricerca di un cittadino di Piossasco che aveva rapinato tre minorenni cumianesi, e terminata nella notte, nel centro sportivo comunale F. Camusso, col fermo di due uomini che stavano cercando di rubare del rame. La prima indagine è iniziata alle quattro del pomeriggio, con la chiamata di un abitante della zona di Allivellatori che aveva appena prestato soccorso a tre ragazzi di 14, 16 e 17 anni. I giovani, tutti residenti nel Comune di Cumiana, erano appena stati rapinati di svariati oggetti, tra cui un telefono cellulare, una banconota da 5 euro, un lettore mp3, uno zaino in cordura e vari effetti personali. Sapranno anche descrivere nei particolari il coltello usato dal malvivente per minacciarli: un pugnale con il manico in legno e una lama molto particolare. Indicheranno anche l aggressore e l auto che l uomo aveva usato per scappare dopo la rapina. A quel punto il comandante Lui ha diviso i suoi uomini in più squadre. Una ha trovato l automobile, una Bmw, parcheggiata e chiusa a chiave nel centro di Piossasco. Un altra lo ha aspettato a casa, dove è arrivato poco dopo a bordo di un altra auto. La perquisizione ha permesso di trovare il coltello e parte della refurtiva. Il telefono, per esempio, era già stato rivenduto. Sulla base di numerosi piccoli riscontri, però, alle 20,30 verrà eseguito l arresto per rapina aggravata e violenza privata: le manette sono scattate ai polsi di Cristian Scarafia, 30 anni, boscaiolo residente a Piossasco ma con una casa a Cumiana proprio nella zona di Allivellatori. Il gip ha già convalidato l arresto. L uomo aspetta provvedimenti nel carcere di Saluzzo. I Carabinieri erano appena rientrati dal trasporto nella Casa di detenzione, attorno alle 2,30 di notte, quando sono stati nuovamente chiamati. Questa volta era il custode degli impianti sportivi, insospettito da alcuni rumori e dal suo pastore tedesco, normalmente per nulla remissivo, che se ne stava accucciato. Qualcosa doveva essere successo. L area è stata subito circondata. Un quarto d ora dopo venivano arrestati Vasile Cojocaru, 38 anni, di FROSSASCO E S. PIETRO V.L. PER I TERREMOTATI DELL EMILIA Subito dopo il terribile terremoto che ha colpito l Emilia, l Avis di Frossasco ha deciso di rimboccarsi le maniche iniziando una raccolta fondi denominata Un aiuto per Medolla, a sostegno dell Avis di Medolla, la cui sede è stata dichiarata inagibile. La popolazione ha risposto in massa e il 27 agosto sono stati consegnati 2.947,51 euro e un container che verrà utilizzato per i prelievi e per depositare le attrezzature dell Avis (foto in alto). origine romena, residente a Poirino, e Constantin Burcuta, suo connazionale di 30 anni, residente a Torino. Un terzo complice sarebbe riuscito a scappare. Setacciando tutti i possibili nascondigli, i Carabinieri hanno trovato i due complici nascosti sotto la Anche a S. Pietro V.L. i soci Avis si sono mobilitati per l acquisto di una roulotte da devolvere a una famiglia di terremotati. L iniziativa, partita dal presidente della sezione Paolo Pons, è stata portata a termine con la consegna diretta della piccola abitazione mobile a una famiglia di S. Felice sul Panaro (foto in basso). Un gesto reso possibile grazie alla solidarietà dimostrata in occasione delle distribuzioni del pane caritun durante le feste patronali di S. Pietro V.L. e del Crò. vegetazione dell area verde accanto al campo da calcetto. Il ritrovamento di grosse cesoie ha confermato il tentativo di furto: i militari ritengono che l obiettivo fosse il rame dei cavi unipolari che collegano il nuovo impianto fotovoltaico della palestra con la centrale Enel. Il pozzetto di collegamento era già stato forzato. Poco distante, nella Fiat Punto di Cojocaru, sono stati sequestrati altri attrezzi da scasso. I fermati sono stati custoditi in camera di sicurezza fino al rito direttissimo celebrato nel Tribunale di Pinerolo alle 18 del giorno dopo. I due sono stati condannati: 8 mesi di reclusione per Cojocaru; un anno e due mesi per Burcuta. Entrambi sono liberi grazie alla sospensione condizionale della pena. Luca Prot FROSSASCO - Già prima di iniziare l attività, fa già parlare di sé la mega sala giochi Las Vegas by Play Park del Bivio di Frossasco: «Se le ultime autorizzazioni non tarderanno - dicono dalla Big Easy, Srl con sede a Salò che ha preso in affitto i locali -, dovremmo poter aprire i battenti verso la metà di settembre». Qualche perplessità in zona c è stata, ma tutto è in regola e le slot machine e videolottery potranno presto diffondere il loro inconfondibile suono. «Tutte le nostre attrezzature di gioco dispongono di schede omologate e collegate in rete con i Monopoli di Stato - precisano alla Big Easy, che dispone già di una trentina di simili sale nell Italia del Nord -. Non permetteremo l ingresso ai minori e ovviamente agiremo nel pieno rispetto dei consumatori e delle disposizioni legislative». Dunque, a Las Vegas by Play Park di Frossasco saranno ospitate slot con giocate fino a un massimo di 100 euro e videolottery, introdotte in Italia nel 2008 e lanciate sul mercato grazie al decreto 39 del 2009, quello degli interventi urgenti per le popolazioni dell Abruzzo colpite da terremoto, con le quali si possono vincere jackpot fino a 500mila euro. Il gioco legale, nel solo 2011, ha portato circa 10 miliardi di euro nelle casse dell Erario. Sta ovviamente al buon senso delle persone evitare di sperperare patrimoni in queste realtà e trasformare il gioco in una dipendenza, anche se Remo Angelino, direttore del Sert di Pinerolo, non ha dubbi: «A prescindere dalla buona volontà dei singoli, esistono comunque persone più fragili psicologicamente che andranno incontro a maggiori difficoltà ed è abbastanza dimostrato che dove esiste un maggior sviluppo di queste attività aumenta complessivamente la povertà. Una sala gioco non porta certo reddito». Nel frattempo a Frossasco - primo firmatario risulterebbe il sindaco - è stata indetta una raccolta firme da inviare al Governo affinché modifichi le attuali normative in materia. m.a. FROSSASCO: LE MINORANZE IN DIFESA DEL CISS FROSSASCO - «Il sindaco e la Giunta di Frossasco in più occasioni hanno espresso interesse nel valutare, di concerto con i Comuni di Cantalupa e Cumiana, l opportunità di uscire dal Ciss, il Consorzio dei servizi sociali», dichiarano congiuntamente il gruppo di minoranza che fa capo a Zambon e l opposizione di Caggiano, Riva & C. in una mozione depositata nei giorni scorsi in municipio. Una presa di posizione in cui si difende l operato del Ciss, «che si rapporta con enti quali Provincia e Regione con una metodologia di procedure e una specializzazione che ne determina vantaggi importanti quali risparmi o maggiori trasferimenti». Una battaglia, quella del Ciss, che precede un altra che le opposizioni si apprestano a combattere: quella dell acquisto della palestra intercomunale realizzata a Frossasco ma di proprietà anche delle Amministrazioni di Cantalupa e Roletto. Il prossimo Consiglio, che dovrebbe essere convocato in settembre, sarà certamente caldo. Maurizio Agliodo Realizzato con uve di provenienza prarostinese Lou Proustinenc e la rinascita dei vigneti Progetti sperimentali con la scuola Malva di Bibiana S. Secondo, su convenzione segreteria e impianti sportivi Minoranza agguerrita in Consiglio Il capogruppo Re lancia diverse accuse alla Giunta Cozzo PRAROSTINO - A fine settembre sarà passato un anno dalla vendemmia del primo Lou Prustinenc dopo diversi lustri. E dire che lungo le pendici di Prarostino la vigna la fa da padrone da centinaia di anni e spesso è stata il frutto di vigneti dalla forte esposizione solare. Certo, rispetto al passato, molti terreni sono stati convertiti in colture diverse (come i piccoli frutti) quando non addirittura adibiti a insediamenti abitativi. Eppure la tradizione prarostinese nella viticoltura è tuttora osservabile dal sistema di allevamento delle viti, formato da sostegni legnosi di grosso diametro così come dalle legature spesso costruite con i salici. Le varietà coltivate a Prarostino risultano quindi autoctone. Con il tempo il legame Prarostino-vino si era affievolito, ma ha avuto una decisa ripresa a partire dagli Anni 80, quando venne fondato il Museo della viticoltura, che di anno in anno si è arricchito di materiali tradizionali donati proprio dai viticoltori prarostinesi. Il Prustinenc oggi viene realizzato dalla scuola Malva Arnaldi di Bibiana ed è il frutto delle uve di Piero Paschetto, Rino Cardon, Enrico Fornerone e Vanni Gay, ossia i soci fondatori dell Associazione vignaioli di Prarostino (nata nel 2011 e alla quale ha aderito anche il Comune nella persona del sindaco Giachero). La prima vendemmia è avvenuta lo scorso anno e ha portato al conferimento di circa 18 quintali di uve, tutte di provenienza esclusivamente prarostinese. La produzione è stata di 12,5 ettolitri di È ACCADUTO DOMENICA A ROLETTO un vino che da più parti è stato definito ottimale. La gradazione è stata di 14 gradi e mezzo con un acidità fissa pari a 5,8. Mille sono risultati i litri imbottigliati alla fine e 250 in barrique di vino rosso, il tutto curato dalla Scuola Malva (che a Prarostino conduce anche alcuni vigneti sperimentali). s.lor. ROLETTO - La corsa-camminata Roletto for passion (nella foto) e l estemporanea di pittura hanno colorato la domenica a Roletto. Altre immagini su foto. IL SETTEMBRE CUMIANESE PARTE DALLA FESTA PATRONALE CUMIANA - Entra nel vivo il Settembre cumianese, con tutta una serie di appuntamenti, a cominciare dalla festa patronale. Mercoledì 5 alle 21 Rosario meditato in parrocchia, giovedì 6 alle 10 Messa per malati e anziani e alle 21 adorazione eucaristica. Venerdì 7 alle 20,30 Confessioni. Domenica 9 festa della Natività di Maria, con le canoniche Messe mattutine e la processione per le vie del paese alle 17; lunedì 10 alle 16 benedizione dei bambini. Da venerdì 7 a martedì 11 sarà attivo il luna-park nella piazza del concentrico. Negli stessi giorni, in municipio sarà ospitata la mostra di manufatti artigianali di S. SECONDO - Consiglio comunale dai toni accesi quello andato in scena nei giorni scorsi a S. Secondo, assenti Bruno e Pons della maggioranza. In particolare, è stato il capogruppo di minoranza Carlo Re a lanciare accuse alla Giunta Cozzo. Già a inizio seduta, Re ha voluto cambiare una sua dichiarazione riportata nel verbale del Consiglio precedente (svoltosi il 16 maggio) sottolineando la propria contrarietà all eliminazione dello scuolabus ma evidenziando la volontà di differenziare le tariffe per fasce di reddito. Ed è stato ancora Re a criticare l operato della maggioranza in merito alla fuoriuscita di Garzigliana dalla convenzione di segreteria con Villafranca, Scalenghe e S. Secondo. Secondo il sindaco Cozzo, «la recessione della convenzione richiesta da Garzigliana ha portato i tre Comuni rimasti ad assorbire e dividere le ore un tempo assegnate a Garzigliana continuando così la convenzione fino al termine dell attuale legislatura». Secondo Re, invece, ciò comporterà un aumento di costi e si sarebbe dovuto guardare ad altri Comuni alla ricerca di un sostituto. Cozzo ha replicato sottolineando che l aumento dei costi (comunque contenuto) porterà a una maggiore presenza del segretario a S. Secondo ricordando che «la decisione è stata presa a livello collegiale». La diatriba tra Cozzo e la minoranza è proseguita Franca Grosso. Sabato 8 e domenica 9 Festa dello sport speciale con la quinta edizione dell incontro Un tennis speciale (i dettagli nelle pagine sportive). Da sabato 8 a lunedì 10 sarà attivo il banco di beneficenza sotto l ala del mercato, a cura del Comitato per la Confraternita dei SS. Rocco e Sebastiano: il ricavato sarà destinato per i lavori alla Confraternita e al campanile. Tanti appuntamenti anche lunedì 10: alle 9 fiera e mercatino dell artigianato e Melagusto, specialità a base di mela; alla sera, su prenotazione, cena campagnola. Alle 14,30, al Circolo P.L. Menna, gara di bocce a coppie alla baraonda. fr.fa. anche sulla rinnovata convenzione tra il Comune e l Unione sportiva per la gestione degli impianti sportivi comunali. Le novità nel rapporto tra i due enti sono minime: la convenzione durerà cinque anni e il Comune devolverà 15mila euro annuali all Unione Sportiva. Per Giraudo (minoranza) «il delegato allo Sport è stato poco presente agli impianti sportivi e vi sarebbero dei lavori da compiere agli spogliatoi e ai bagni». E Re ha rincarato la dose: «Alla Sportiva lavora gente preparata e volenterosa che andrebbe incentivata con politiche comunali più mirate e con miglioramenti alla struttura». Testa (delegato allo Sport) ha replicato dicendo di essere stato spesso presente agli impianti e che lo stato di bagni e spogliatoi dipende anche dal fatto che in passato i soldi elargiti non siano stati spesi bene. Cozzo ha chiuso la diatriba: «Conosciamo i problemi di approvvigionamento d acqua alla Sportiva, ma purtroppo in quella zona è presente un vecchio pozzo, peraltro in disuso, di proprietà delle acque pubbliche e, finché questo non sarà chiuso, non si potrà progettarne altri». Simone Lorenzati Cumiana, dopo la pausa estiva la politica riparte dalle antiche ruggini Ancora polemiche sulle scelte del sindaco CUMIANA - Riprende la stagione politica cumianese e le minoranze fanno sentire la loro voce. Dall ex-sindaco Costelli, consigliere del Pd, arriva una bocciatura che non risparmia «né l effi cacia dell azione amministrativa né le decisioni prese». Costelli parla di «aumenti sconsiderati degli oneri di urbanizzazione, la paralisi degli Uffi ci edilizia privata, l assenza di criteri per il nuovo Piano regolatore, il blocco di varianti che avrebbero portato decine di posti lavoro». In più, il consigliere contesta al sindaco Ajelli di essersi incaponito «su due pallini a cui tiene molto, lo spostamento dei campi da tennis dal circolo Menna, con evidenti ripercussioni economiche per il circolo, al centro sportivo comunale F. Camusso, e la realizzazione del monumento con annesso parco pubblico, per una spesa di circa 290mila euro». Opere definite «inutili e superfl ue in questo momento di crisi, a fronte di aumenti di tasse ed esternalizzazione dei servizi come l asilo nido». Poi un appello ai gruppi di opposizione «perché trovino le ragioni e la forza di percorrere insieme la strada verso le prossime elezioni». Commenta le ultime notizie dalla politica cumianese anche CumianaViva con Paolo Poggio, che sul campanile di S. Maria della Motta lamenta il mancato intervento economico dell Amministrazione nei lavori di restauro. E fa un appello per la realizzazione di una rotatoria all incrocio della Pieve, «intervento prioritario per la messa in sicurezza dell incrocio. In alternativa si potrebbe procedere al posizionamento di un semaforo intelligente, intervento meno costoso». Strutture più accessibili Dopo i lavori estivi a scuola e Casa di riposo CUMIANA - «Abbiamo approfittato del periodo estivo per fare alcuni lavori che andranno a vantaggio di bambini e studenti, anziani e diversamente abili», spiega l assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco Simone Boeris. L elenco è lungo. Innanzitutto, è stata realizzata una rampa per favorire l accesso di alunni diversamente abili alla scuola per l infanzia, mentre un nuovo vialetto asfaltato permetterà agli ospiti della Casa di riposo Bianchi di utilizzare senza problemi l area ricreativa esterna. Infine, è stata sostituita la recinzione della scuola della Pieve (era diventata un pericolo per i bambini, che rischiavano di ferirsi con elementi di ferro arrugginiti e acuminati). La spesa: 15mila euro. Non solo: nella prima decade di settembre verrà pubblicato il bando per migliorare la funzionalità della Casa di riposo. Il progetto consiste nel rifacimento delle coperture, la sostituzione degli infissi e la sistemazione di gelosie al posto delle tapparelle, la realizzazione di un impianto solare termico che assicurerà il 60 per cento della produzione dell acqua calda e la messa in sito di un cappotto termico nel solaio. «Abbiamo dato incarico all ing. Doria perché il nostro Comune possa Brevi Pedemontana Frossasco: mensa Cambio nella gestione del servizio mensa nella scuola secondaria di primo grado di Frossasco, anche se gli alunni continueranno ad usufruire dei cibi freschi preparati nella cucina della scuola: a seguito gara pubblica, a gestirlo sarà la ditta Camst Spa di Bologna, che già opera nel Comune di Cantalupa. S. Pietro V.L.: che successo S. Grato! Non si sono fatte spaventare dalla pioggia e dal freddo le 280 persone che sabato sera hanno animato la tradizionale Festa di S. Grato, organizzata dall associazione Amici di S. Grato. Un ricca cena, accompagnata dalle note musicali della Banda degli Angeli che, grazie al lavoro di tutto lo staff, ha riunito gli abitanti di S. Pietro e non solo. 5 partecipare a un bando regionale per adeguare la scuola della Pieve alle vigenti norme in materia di agibilità, sicurezza, igiene, superamento delle barriere architettoniche e rendimento energetico. Il valore delle opere previste è di circa 200mila euro», conclude Boeris. Intanto, via libera al progetto della mensa fresca, che partirà già da quest anno. A darne conferma è il sindaco Ajelli, che si fa portavoce anche di una precisazione sull Imu: «Dalle statistiche sui Comuni del Pinerolese, è emerso che Cumiana, con 104 euro pro capite, si colloca molto al di sotto della media complessiva di 147 euro per abitante, al 24º posto su 87». In ogni caso, dice il sindaco, ritoccare al ribasso la pressione fiscale sui cittadini resta una delle priorità della Giunta. Francesco Faraudo

6 LA STAMPA GIOVEDÌ 6 SETTEMBRE Provincia. 53 PR Caselle Autista pirata causa incidente e fugge Nonrispettalostop,taglialastradaa una moto, provoca un incidente e scappa. È accaduto ieri mattina a Caselle, all incrocio tra strada Aeroporto e via Circonvallazione. La moto, una Kawasaki ZR 750 condotta da Edoardo Silvestri, 49 anni, residente a Chialamberto, proveniva da Ciriè e viaggiava sulla provinciale in direzione Torino. L auto pirata, una Fiat Punto di colore grigio, nonharispettatolaprecedenzaesiè immessa sulla provinciale per l aeroporto senza curarsi del fatto che altri veicoli stavano sopraggiungendo. Il motociclista se l è trovata davanti, ha tentato di frenare, ma l urto è stato inevitabile e il centauro è finito sull asfalto, mentre la Punto si dileguava. Un testimone, però, sarebbe riuscito ad annotare i primi numeri della targa. I vigili urbani invitano chiunque veda quest auto a segnalarlo alle forze dell ordine. Oulx Alla scuola materna nonsicucinapiù Sono iniziati i lavori di riqualificazione della scuola materna di regione Sotto la Rocca. I bambini verranno temporaneamente trasferiti in un edificio di via Pellousier, nei pressi del percorso natura che collega Oulx a Beaulard. La struttura è situata vicino al Lago Verde. In questi giorni: sono stati ultimati gli ultimi lavori necessariiper rendere accessibile la scuola agli studenti per l inizio dell anno scolastico. Unico neo della sede provvisoria, che ha suscitato alcune perplessità da parte dei genitori, riguarda la cucina. I bambini, non potranno infatti mangiare cibi preparati sul posto, come avveniva in passato, ma piatti cucinati presso una struttura nel Comune di Chiomonte, e poi trasportati a Oulx. Il costo della mensa rimarrà invariato. [A. MAC.] Front Giùun aladellaparrocchia Bloccatoilcentrodelpaese Crolla la cunferià, salvi per poco gli ambulanti del mercato GIANNI GIACOMINO L agente della polizia municipale Moreno Pomaro si toglie ilcappelloesiasciugailsudore dalla fronte:«stavolta ci ha davvero protetti qualcuno dall alto sussurra finoa qualche minuto prima qui c erano le quattro bancarelle del mercato settimanale, c era la gente, sarebbe stato un disastro, non voglio pensarci». Appena gli ambulanti se ne sonoandatidapiazzaivnovembre, è crollato di schianto il tetto del deposito della parrocchia di Santa Maria Maddalena. Un vecchio edificio chiamato la«cunferià», tenutosuneltempoconrattoppie puntelli. Qualche scricchiolio epoiilvecchiostabilesièafflosciato su se stesso. Su via Castagneri sono piombati quintali di mattoni e grosse travi, in mezzo alla polvereche,perunpo,haavvoltotutto.èunmiracolose, nessun pedone o automobilista, sia rimasto travolto dalle macerie. Poteva davvero finire molto peggio.«dal boato chesièavvertito,credevoci fosse il terremoto», ammette STRADA INAGIBILE Via Castagneri chiusa anche oggi per consentire di togliere le macerie un pensionato che, intorno alle14,stavascendendodicasa perandarealbarchesiaffaccia sulla piazza. Invece l edificio,chesitrovapropriodavanti alla chiesa parrocchiale, era appena crollato. IncentroaFrontsonoarrivati subito i carabinieri di Barbania, che hanno isolato la zona per permettere alla pala meccanica di sgomberare la strada dai detriti. Anche don Giuseppe Amateis, il parroco di Santa Maria Maddalena, senza perdere tempo, ha iniziato a liberare la carreggiata dai mattoni e dalle tegole. Intanto il sindaco Claudio Bianco ha disposto, almeno pertuttalagiornatadioggi, Don Baima Rughet Vicario episcopale territoriale lachiusuraaltransitodiviacastagneri, l arteria che collega il centro del paese con Barbania. «Possiamo ringraziare il Signoresenoncisonostatiferiti o anche qualcosa di più grave», riflette don Claudio Baima Rughet, sacerdote di Corio Canavese e vicario episcopale territoriale che, ieri, ha raggiunto Front per un lungo sopralluogo. Continua:«Nelle prossime ore verrà effettuata da dei tecnici una valutazione statica an- Nessun ferito Il vecchio edificio di piazza IV Novembre, usato come magazzino, è crollato verso le 14, quando le bancarelle del mercato erano da poco andate via che degli altri immobili confinanti con quello danneggiato percapireseesistonodeirischi. Poi valuteremo, insieme alla Curia, come si possa procedere.civorràdeltempoper capire come si può utilizzare quell area, sistemata proprio nel cuore del paese». Finoapochiannifanella «cunferià», veniva organizzata la rappresentazione del presepevivente,poièsemprestata usata come deposito. in breve Giaveno Fiera d autunno Le fiere ritornano il 1 maggio e la prima domenica di ottobre. La decisione è stata presa dopo un sondaggio effettuato tra i titolari delle attività commerciali e i residenti. Chivasso Nome alla biblioteca Sicercaunnomeperla biblioteca ospitata nella nuova sede presso il Movicentro. Le proposte vanno inviate alla segreteria, in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa 4, oppure Rondissone Sorveglianza scolastica IlComuneèallaricerca di 4 volontari da impiegare, dal 12 settembre, nel servizio di sorveglianza degli alunni all ingresso e all uscita da scuola. Occorre essere residentiinpaesedaalmenoun anno,etàtrai18edi65anni ed essere in possesso della patente di guida. Poirino Bossi alla festa leghista ÈattesoancheilSenatùr alla due giorni organizzata dalla sezione locale del Carroccio,chesabato8edomenica 9 settembre ha chiamatoaraccoltaiverticiregionali del partito. Balli e grigliate saranno ospitate all interno della neonata sede di via Rossi. Santena Cantieri di lavoro L amministrazione ha rinnovato per altri tre mesi la collaborazione con la cooperativa poirinese La cometa di SanLorenzo,chedaannioffre opportunità di lavoro a famiglie e cittadini in difficoltà. Il Comune ha stanziato 33 mila euro per la manutenzioneordinariadistradeededifici pubblici. Ceresole Fanfara Taurinense Sulle note della Fanfara della Brigata alpina Taurinense, domenica prossima,ore 15 al PalaMila, si celebranoi60annidellabrigata ei90annidelparconazionale Gran Paradiso. Valsusa Comunità montana contro Frejus-bis Una delibera contro il nuovo tunnel autostradale del Frejus. L ha approvata ieri la Comunità montana Valsusa. I sindaci hanno espresso totale contrarietà alla decisione della concessionaria Sitaf di aprire al traffico la nuova galleria di sicurezza.«scelta in cui non siamo stati coinvolti che contrasta con le politiche trasportistiche per ridurre il traffico pesante» accusano. I sindaci temono l aumento di traffico e smog e chiedono«l immediato contingentamento dei tir». Approvata anche la proposta del sindaco di Villar Dora Maura Carena per istituire«la commissione tecnica che valuterà- come perlatav-l impattochelanuova galleriaavràsullavitaelasalutedei valsusini». A partire dai metri cubi di smarino che prossimamente Sitaf smaltirà a S.Ambrogio. [R.TRA.] Sestriere Mancano fondi per la cultura InbilicoilfuturodiCasaOlimpia ALESSANDRO MONDO ChefinehafattoCasaOlimpia,lacasacantonieradiSestriere trasformata dalla Provincia in ambizioso polo culturale delle montagne olimpiche? Peressercic è,econtinuaa svolgere la sua funzione di struttura di rifugio e assistenza.aperderecolpi,semmai,è la sua valenza culturale, preceduta da un«restyling» esterno einterno:ilsecondoacarico della Fondazione per il Libro, che predispone il calendario degli eventi. A fare la differenza è la scarsa disponibilità di fondi, unita alla risposta abbastanza tiepida dei villeggianti e forseaundialogononproprioin discesa tra Palazzo Cisterna e Valter Marin, sindaco leghista di Sestriere. Quanto basta per trasformare Casa Olimpia in uno dei tanti paradigmi del sistema culturale, alle prese con risorse sempre insufficienti. La vicenda di Casa Olimpia, invece, sarà oggetto di un tavolo tra Provincia, Fondazione e Comune, quest ultimo disposto a contribuire. E magari la Regione,prontaadareunamano.«Se saràilcaso-spiegamichele Coppola-, coinvolgendo il Circolo dei lettori e riproponendo uno schema vincente: Fondazione per il Libro e Circolo insieme, 6 come già avvenuto durante il SalonedelLibro2012ecomeavverrà sempre più in futuro». Resta la perplessità dell assessore alla Cultura sulle difficoltà di un iniziativa che, a suo dire, dovrebbe trovare copertura nei 612 mila euro di fondi regionali stanziati nel 2012 alla Provincia per il comparto culturale». «Mezzomilionedieuro-corregge Antonio Saitta, presidentedipalazzocisterna-,coni quali sosterremo una cinquantinadienti,corsidimusica, bande e minoranze linguistiche sul territorio». Resta la volontà di rimettere in moto Casa Olimpia per questo inverno, trovando le risorse:«ogni anno inve- Ricorso ai privati È una delle ipotesi per garantire un offerta adeguata culturale a Casa Olimpia, d inverno e d estate stiamo30milaeuroperlasta- gione culturale invernale». Peccato che, stando a Picchioni, per proporre un offerta adeguata bisognerebbe ragionare sui mila euro.«cifra impensabile, date le difficoltà in cuisidibattonoglientilocaliconviene il presidente della Fondazione-. Bisognerà inventarsi nuove soluzioni». Magari puntando su sponsor privati.

7 CORRIERE DI CHIERI 14 CRONACA CITTADINA Venerdì 7 settembre 2012 «Una scuola all altezza delle sfide» Dopo 35 anni Marsicovetere lascia la media Levi e va a Poirino INFANZIA Trenino : il nido per tre anni guidato dai genitori Per tre anni il Trenino sarà guidato dai genitori. La Giunta comunale ha deliberato la scorsa settimana la concessione al Cogen, il comitato genitori di Chieri, dei locali dell ex asilo nido comunale di strada della Serra. Nel prossimo triennio gli spazi saranno a disposizione dell associazione per organizzare attività ludiche e didattiche per bambini dai 12 mesi ai 3 anni. Oltre ai locali in comodato gratuito, il Comune provvederà a pagare le spese gestionali: acqua, luce, riscaldamento. A questi si aggiungeranno 3mila euro annui, variabili a seconda della disponibilità di bilancio, come supporto economico per la riduzione della tariffa alle famiglie. La delibera arriva dopo u- na dura contrattazione dei genitori con l amministrazione comunale. A fine anno scolastico il Comune ha dovuto ridimensionare il servizio dei nidi. A causa del Patto di stabilità gli enti pubblici non possono più rimpiazzare i dipendenti andati in pensione. Per tamponare il Comune ha così scelto di chiudere il nido Trenino, che forniva un servizio part time soltanto al mattino senza mensa, trasferendo così anche le tre educatrici al nido comunale di Campo Archero e dirottando le nuove iscrizioni. Una decisione mal digerita dalle famiglie che hanno così proposto di subentrare nel servizio, garantendo la stessa tariffa: «Il progetto del Cogen è u- na buona idea - afferma il sindaco Francesco Lancione - Con il blocco delle assunzioni non avevamo altra scelta. Se l iniziativa funziona è un esperienza che potrà essere ripetuta. Il Comune sarà vigile. Oltre alle spese di gestione sarà nostra cura che le famiglie abbiano le stesse garanzie del servizio pubblico». Prima professore di francese, poi vicepreside e quindi dirigente: è durata 35 anni la carriera di Nicola Marsicovetere nelle scuole medie chieresi. La scuola ha cambiato nome, da Angelo Mosso a Oscar Levi, e sede, da via Tana a piazza Pellico. Ma lui è sempre rimasto. Oggi è costretto a emigrare al istituto comprensivo di Poirino: «Me ne vado a malincuore commenta Però resto a disposizione: la Levi è la mia scuola». E un istituto che Marsicovetere ha visto modificarsi e crescere negli anni. Fino al 2012 quando è risultato sottodimensionato e per questo non aveva più diritto al dirigente di ruolo: dal primo settembre, infatti, c è Francesca Calà, già preside dell istituto comprensivo Saba di Torino. E ora anche reggente in piazza Pellico: «Le lascio una scuola ordinata e organizzata, grazie anche a docenti e collaboratori considera il neodirigente poirinese Oggi l istituto è all altezza delle necessità e delle sfide tecnologiche attuali. Il mio obiettivo e- HAITI - Scuola allagata e furgone danneggiato L uragano Isaak si abbatte sulla missione Lakay Mwen Aiuole spazzate via, scuola allagata e danni al furgone. L uragano Isaak non risparmia la missione Lakay Mwen di Maurizio Barcaro, nella periferia della capitale di Haiti, Port au Prince. «Ci è andata abbastanza bene anche se la paura, come capita in questi casi, è stata tanta racconta Andrea Condrò, titolare dell omonima Onlus chierese, di via Giovanni XXIII, che segue dall Italia l opera di Barcaro Era appena arrivato un nostro container, colmo di aiuti». Condrò ricorda che gli addetti ai lavori hanno dovuto fare gli straordinari per salvare il materiale appena arrivato. «L acqua scorreva a fiumi incalza la moglie Marina, anche lei impegnata in prima linea nella causa Alla fine i danni, per altro riparabili, li ha avuti soltanto il furgone, sul quale è caduto un albero». Il container conteneva una ventina di fornelli in ghisa, a gas, per la cucina della missione e della scuola, 70 quintali di pasta, 75 computer e 5 portatili, 3500 metri di stoffa per le divise scolastiche, filo e materiale vario per la creazione delle stesse. Completano il pacchetto: legname per la scuola di falegnameria, quaderni, materiale didattico, sapone liquido, prodotti per l igiene personale, cibo a lunga conservazione raccolto dalle scuole di Carmagnola e dall istituto Majorana di Torino. «Al momento, l istituto conta 1900 allievi tra scuola primaria Alunni della media Oscar Levi impegnati in un laboratorio. A sinistra: il dirigente scolastico Nicola Marsicovetere trasferito quest anno a Poirino e liceo, e offre lavoro a 95 persone tra insegnanti e addetti vari fanno il punto i Condrò Di questi, sono 260 i ragazzi supportati dalle famiglie Chieri e di zona grazie alle adozioni a distanza». Ma sembra non bastare: «In questi ultimi mesi Maurizio Barcaro ha raccolto altri 26 ragazzi dalla strada, che ora cercano genitori adottivi a distanza. Il costo ad allievo è di 180 euro all anno che vanno interamente agli allievi in materiale scolastico, divisa, scarpe, zaino e un pasto al giorno». Per inforamzioni rivolgersi alla Onlus Lakay Mwen, tel. 011/ «L attuale paradosso di Haiti è che le grandi organizzazioni internazionali, con i loro stipendi e le loro trasferte, hanno fatto aumentare il costo della vita dicono ancora i Condrò, riportando le parole di Barcaro Mentre i poveri sono sempre più nella miseria». Riccardo Marchina ra arrivare alla nascita dell istituto comprensivo con la vicina scuola elementare. Non è stato possibile e mi dispiace». Residente a Riva, 58 anni, ora Marsicovetere si lascia alle spalle il lungo periodo a Chieri e si cimenta con la nuova esperienza. Ma si porta dietro tanti ricordi: «Ho vissuto tutte le trasformazioni: l unione con la Don Milani, che comprendeva anche Pecetto, poi passato sotto Cambiano; quindi la nuova denominazione, decisa con un sondaggio tra i ragazzi, che decisero di intitolare l istituto al partigiano ebreo Levi. Quindi il trasloco, diluito nel tempo, da via Vittorio e via Tana a piazza Pellico. E andato tutto bene, complice anche la buona collaborazione con il Comune». Tanti passaggi che, secondo l ex preside, hanno mantenuto un alto livello della scuola: «Nonostante le limitate risorse, abbiamo sempre risolto i problemi. E, con il sostegno delle famiglie, abbiamo ottenuto anche grossi risultati: la nascita della sezione musicale, il nostro fiore all occhiello; i laboratori di informatica e scienze; il teatro; l educazione alla salute e alla sessualità. Sono tutte attività mirate che ci hanno distinto, insieme all attenzione per gli stranieri: sono il 20% degli iscritti e per questo abbiamo svolto tantissime attività d integrazione. Poi il tempo normale con orario 8-14: ha permesso di sgravare le famiglie e i ragazzi della mensa e dei rientri, una scelta condivisa in cui siamo stati pionieri». Ora è tutto passato. Addirittura l edificio in cui ha trascorso la maggioranza dei suoi anni a Chieri è destinato a essere abbattuto: in via Tana sorgeranno delle residenze. Che effetto le fa? «Mi spiace perché poteva essere recuperato. Nonostante alcune polemiche, lo stabile era in buone condizioni: aveva solo bisogno di manutenzione. A me piaceva anche perché le classi erano raccolte e c era u- na visione d insieme: eravamo una scuola unica e ragazzi e insegnanti la percepivano come tale». NOTIZIE AGGIORNATE SUL SITO CITTA DI CHIERI (Provincia di Torino) VENDITA ALL ASTA DI UN IMMOBILE SITO A CHIERI (Vicolo Imbuto n. 8) SECONDO ESPERIMENTO È indetta un asta pubblica, con il metodo delle offerte segrete (art.73 lettera c del R.D. n.827/1924), per la vendita di un immobile di proprietà comunale sito in Chieri, Vicolo dell'imbuto n. 8. Valore a base d asta: Euro ,00. Il termine di presentazione dell offerta è fissato alle ore del giorno 1 ottobre I documenti integrali di gara sono scaricabili dal sito (sezione gare appalti). Per informazioni: tel Chieri, 7 settembre 2012 IL DIRIGENTE dr. Vincenzo ACCARDO 7

8 CORRIERE DI CHIERI 18 CRONACA CITTADINA Venerdì 7 settembre 2012 MADONNA DELLE GRAZIE Novena Padre Gerri Armani conclude venerdì la preparazione alla patronale prendendo spunto dalle nozze di Cana Sabato Monsignor Rivella sarà accolto dal sindaco, poi incontrerà i giovani seminaristi e gli anziani canonici Duomo, la città festeggia l arrivo del neo parroco Sabato con mons. Mauro Rivella Sarà padre Gerri Armani a concludere la novena in preparazione alla festa patronale della Madonna delle Grazie, questa sera venerdì alle 21 in Duomo. Il superiore della Casa della Pace, come i sacerdoti che lo hanno preceduto, prenderà spunto dalla frase pronunciata dalla Madonna alle nozze di Cana: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Anche domani, sabato, in teoria è giorno di novena. Ma, in pratica, l evento centrale sarà l ingresso parrocchiale del nuovo parroco mons. Mauro Rivella: subentra a don Dario Monticone, che andrà alla parrocchia della Consolata a Collegno. Mons. Rivella sarà accolto alle 20,45 sul sagrato del Duomo dal sindaco Francesco Lancione, che porgerà i saluti della città. Poi, sulla porta della chiesa, incontrerà i giovani seminaristi chieresi Alberto Vergnano, Giuliano Naso, Graziano Pallaro e Danilo Piras. Con loro gli anziani canonici della Collegiata di Santa Maria della Scala: don Lorenzo Bertagna parroco di Mombello, don Michele Perlo parroco ai Marocchi, don Domenico Grigis parroco a Marentino, don Giovanni Minchiante e don Dante Bertino. Il parroco Mauro Rivella e, a destra, il suo vice don Giovanni Manella Reggendo la preziosa croce capitolare normalmente conservata nel tesoro del Duomo, accompagneranno all interno della chiesa mons. Rivella e il viceparroco don Giovanni Manella. Poi avverrà la cerimonia dell insediamento, alla presenza del vicario generale della diocesi don Walter Danna e del sottosegretario della Cei mons. Domenico Pompili. Al momento dell offertorio, al nuovo parroco saranno consegnati due doni simbolici: il reliquiario di fine 300 con una scheggia della Croce, che l arciprete del Duomo portava in passato in processione alla festa dell ascensione, e la preziosa stola ricamata con i simboli della Collegiata e della città, che l arciprete indossa nel corso di alcune importanti celebrazioni. Mons. Rivella indosserà la preziosa stola domenica, il giorno che prelude alla festa patronale. Il programma prevede alle 15,30 la funzione organizzata dall Oftal, destinata ad ammalati e anziani, con la celebrazione dell Unzione degli Infermi. Poi, alle 18, in Duomo approderà il corteo partito dal municipio, aperto dal gonfalone cittadino scortato da vigili urbani e valletti in abiti d epoca. Ne faranno parte le autorità civiche, che siederanno di fronte alla cappella municipale della Madonna delle Grazie. Qui mons. Rivella presiederà la funzione votiva della Salve, con la quale la città rinnova l atto di devozione alla Vergine emesso al culmine della pestilenza del Alle 18,30 il viceparroco don Manella (che lascia la parrocchia di Poirino) celebrerà la sua prima messa in Duomo. La festa patronale culminerà lunedì: in Duomo verranno celebrate messe alle 7, 7,30 e 8. Alle 8,30 celebrerà il viceparroco don Manella, alle 9,30 il parroco di Arignano e Buttigliera don Claudio Pavesio. La concelebrazione solenne delle 11 verrà presieduta dal segretario generale della Conferenza episcopale italiana mons. Mariano Crociata, fino a qualche mese fa capo di mons. Rivella che della Cei è stato sottosegretario. Alla messa sono attesi anche numerosi sacerdoti che mons. Rivella ha conosciuto durante i suoi anni alla Conferenza episcopale. Alle 16 mons. Rivella celebrerà la funzione dei Vespri, con la benedizione eucaristica. Seguiranno le messe alle 18,30 celebrata da don Marco Norbiato, parroco di Pessione e Riva, e alle 21 celebrata dal parroco. Martedì 11, messe alle 8, 9 e alle 10, quest ultima in suffragio dei defunti. Lavori d artigianato per la festa dell Avo Sarà una Festa del ringraziamento e della speranza quella che l Avo organizza da domani, sabato, a martedì nel cortile della casa di riposo Giovanni XXIII, in via Cottolengo 1. «Nonostante i gravi problemi che ancora incombono sulla casa di riposo, crediamo opportuno proseguire con la nostra tradizionale mostra dei lavori d artigianato, quest anno alla ventiduesima edizione», premette la presidente dell Avo Miranda Panero. Il taglio di quest anno sarà però particolare: «C è il ringraziamento, nei confronti di tutti coloro che in questi mesi difficili ci hanno aiutato e continueranno a farlo. C è la speranza che in tempi brevi possa rifiorire questa casa di riposo che appartiene a tutta la comunità 8

9 CORRIERE DI CHIERI 29 NEI DINTORNI Venerdì 7 settembre 2012 DOPO LE ACCUSE - La piccola Cellarengo salva il posto a Cane Marcia indietro sul segretario Rimane a Santena e Villanova Il segretario comunale Alberto Cane resta al suo posto a Santena, Villanova e Cellarengo. Così, con un colpo di scena, sfuma il progetto sciogliere la convenzione, come volevano i sindaci dei due Comuni più grandi. A Santena Baldi aveva già concordato di condividere il segretario di Poirino e Villastellone, abbattendo le spese. Pure il villanovese Giordano avrebbe voluto un altro dirigente. Ma i due non avevano fatto i conti con il terzo socio. Cellarengo paga solo 3 ore di stipendio di Cane, ma non può essere scavalcata. E Cellarengo non è d accordo di mandarlo via. Dunque, non se ne fa nulla. Il caso era scoppiato a inizio luglio. Sia Baldi che Giordano sono sindaci da poche settimane e possono quindi avvalersi di una norma speciale: dà quattro mesi ai neoeletti per per cambiare segretario, se lo vogliono, senza bisogno di alcuna particolare motivazione. In teoria, questo non dovrebbe gettare discredito sul segretario mandato via:non si tratta infatti di un vero licenziamento, né implica giudizi negativi sulla qulità del uo lavoro. Ma di fatto è così. E Cane lo dichiara sfogandosi contro Ugo Baldi, quando scopre la manovra a suo danno: «Sembra che sia stato licenziato, con grave danno umano, professionale ed economico». La titolarità del provvedimento se l era assunta Santena: gli altri due Comuni non mostravano fretta di sfruttare la finestra dei 120 giorni. E soprattutto, Santena fare la prima mossa in quanto Comune capofila nella convenzione. Il segretario aveva chiesto più tempo per trovare un incarico in qualche altro Comune, in modo da mantenere la seconda classe e lo stipendio riservati ai segretari impiegati in municipi con più di abitanti. Il segretario è riuscito nel frattempo ad ottenere un incarico a Piscina, ma con i suoi meno di abitanti non basta a sostituire Santena e fargli conservare la seconda classe. Baldi spiega come è evoluta la situazione nel mese di agosto: «Per mandare avanti il nostro progetto, avrei dovuto avviare un contenzioso con un giudice del lavoro. Cosa che non ritengo opportuna, proprio perché non ci sono motivi Alberto Cane in aula a Villanova di lamentele sull operato di Cane. Inoltre, per revocare la convenzione occorre l unanimità di chi l ha sottoscritta e Cellarengo non c è stata. La situazione s è talmente complicata, che la stessa Agenzia dei segretari comunali non sapeva come uscirne». Così si è ripiegati sul piano B. Ancora Baldi: «Abbiamo trovato un accordo fra tutte le parti interessate, i quattro comuni e il segretario, per prolungare la convenzione fino a che Cane non trovi eventualmente una soluzione adeguata per non danneggiarlo. Se ottiene altri incarichi che gli consentano di non perdere la sua posizione professionale, si dimette. In caso contrario, la convenzione scadrà comunque nel febbraio 2014 ed allora potremo associarci con Poirino e Villastellone». Cane perciò resta in servizio in città, almeno per altri due anni e mezzo. A meno che non trovi un altra soluzione di suo gradimento. Baldi non potrà più revocarlo, salvo che per gravi motivi, perché i 120 giorni sono scaduti martedì. Unica novità è che ora il segretario lavorerà in Municipio solo per 12 ore contro le 18 del passato, avendo ottenuto da Piscina un incarico per le restanti 6 ore che completano il suo orario di servizio di 36 settimanali. Mario Grieco SANTENA - Futuro architetto, ma con il cuore creativo tra quadri e sculture Cupido a cavallo, i dittatori e il conte Cavour Miniature e storia nell arte di Zangirolami SANTENA Un mondo in miniatura sta prendendo forma dalle mani del giovane artista santenese Diego Zangirolami. Sabato ha esposto alcune sue opere, in via Brignole, in occasione della festa del vicinato. Ma sta già lavorando a un nuovo progetto: «L intenzione è realizzare una serie di 40 miniature, intitolata Il processo, su quadri da 13 per 13 centimetri - anticipa Zangirolami, 28 anni - Più un opera tridimensionale, di circa 20 per 40 centimetri, che riproduce quanto rappresentato nella doppia dimensione». Da un primo quadro, in cui appare un Cupido a cavallo, in mezzo ai campi, Zangirolami realizzerà una serie di zoomate per descrivere altri piccoli dettagli: «Dall autunno 2011, sto sviluppando questo progetto: vorrei esporlo in una mostra». Fin da piccolino, il giovane santenese adora maneggiare colori e fantasticare: «Ho sempre avuto la passione per l arte precisa Ricordo la maestra che ci faceva disegnare in classe con la musica e mi sentivo trasportare». Un foglio di carta e i pastelli sono stati anche un modo per eludere la solitudine: «Sono figlio unico: per questo a volte da bambino mi sentivo solo - rivela - Disegnare era diventato il mio passatempo preferito». Zangirolami cresce e asseconda le sue ispirazioni: «Ho frequentato il liceo artistico informa A 17 anni ho cominciato a esporre i miei quadri e partecipare ai concorsi». Dopo il diploma decide di indirizzare la sua creatività verso una strada che possa dargli anche un lavoro: si i- scrive ad architettura. Intanto, sperimenta nuove tecniche, spaziando da quelle tradizionali alla tecnologia. «Dieci anni fa, mi occupavo di digital art spiega Creavo opere con il computer, modificando foto e immagini di vecchie riviste degli Anni 80».Negli anni dell università, ritorna alla carta e al disegno, usando però tecniche grafiche raffinate. A ispirarlo sono gli incisori giapponesi come Hokusai, e poi Albrecht Durer, Bosch, Magritte, Hopper. «Di solito, realizzo i miei quadri su carta o cartone, che appoggio su un supporto di compensato posizionato in rilievo su una cornice in legno descrive Prima disegno con matita, pennini e inchiostro. Poi coloro con pastelli, tempere, acquarello, china, colori a olio di lino. Per rifinire l opera, a volte ricorro a una particolare tecnica grafica, detta texture, per cui imprimo sulla superficie un rivestimento trasparente, che crea un effetto vetrificato, con l immagine un po alterata». Creativo, cantastorie, inventore d immagini e scopritore di colpi d occhio. Zangirolami è un ragazzo curioso: «Adoro la storia. Per questo nei miei quadri, spesso, al centro sono personaggi storici, raffigurati in modo inedito, con l intento di indurre l osservatore a ragionare su quella figura e gli avvenimenti del passato, con squarci anche sull attualità». Nei suoi ritratti ci sono il dittatore romano Lucio Cornelio Silla, Mao Tse-tung e Hitler. A volte, ad accendere l idea è una citazione: «Dalla frase di Den Xiaoping, successore di Mao, in cui dice che il dittatore cinese aveva ragione al 70% e torto al 30%, ho pensato di rappresentare Mao con gli occhiali da sole sulla testa, disegnando un grosso 30% in basso a sinistra, per far riflettere sul lato sanguinario del despota». Nel 2011, ha colto l occasione del 150 anniversario dell Unità d Italia per creare una serie di disegni dello statista piemontese Camillo Benso di Cavour: «Ho realizzato delle o- pere sul conte per la mostra, organizzata dall associazione A- 9 Il volto di Hitler interpretato da Diego Zangirolami e a destra il giovane artista santenese mici della Fondazione Cavour, che ha fatto il giro d Italia. In più, sono l autore delle 6 silhouettes, che dovrebbero essere installate sulle rotatorie di via Asti». Il suo estro è stato riconosciuto anche con dei premi della Fondazione Crt. Ma al momento, l arte è un hobby: «Disegno nel fine settimana o di notte: quando ho tempo libero. Adesso sto lavorando in u- no studio in Val Chiusella, ho SANTENA - Giudizi fermi aspettando la Cassazione Ici non versata dalla Laria Ancora una sentenza rinviata SANTENA Sentenza rinviata al 5 ottobre sul mancato versamento dell Ici del 2003 da parte della Laria, l azienda che aveva sede ai Ponticelli. Secondo il Comune, la Commissione tributaria regionale starebbe prendendo tempo, in attesa del giudizio della medesima commissione sull imposta comunale del 2001 non pagata. Vista la situazione in cui versa l azienda, Il Comune rischia in ogni caso di trovarsi con in mano un pugno di mosche. E una lunga battaglia legale cominciata oltre dieci anni fa. Da allora l Ici è morta e risorta (trasformandosi in Imu); da allora la Laria è fiorita, si espansa in Tunisia, è decaduta e ora è morta. Ma giudici e avvocati hanno continuato a sfidarsi a colpi di sentenza. L azienda si è rifiutata di versare al Comune euro di I- ci arretrata per il 2001, 2003 e 2004 più le spese legali. «Il primo accertamento è stato fatto per il Poi sono state eseguite altre verifiche per il 2003 e 2004 riassume Dina Ollino, assessore alle politiche finanziarie Per ciascun anno è stato avviato un procedimento in Tribunale. Pertanto, il caso relativo all Ici 2001 è passato prima alla Commissione Tributaria Provinciale, poi a quella Regionale e poi è stato inviato alla Cassazione. L Ici 2003 è ferma alla Commissione Regionale e quella del 2004 alla Commissione Provinciale». Alla fine del 2000, l Ufficio tecnico erariale stabilì infatti una rendita catastale molto superiore alla precedente per il complesso di strada Ponticelli, dove la Laria produceva con grande successo le piastrelle in klinker per pavimenti e rivestimenti. L avviso di questa modifica fu comunicato solo nel Fino a quel momento Laria aveva pagato l imposta, secondo quanto stabilito dalla precedente rendita. Ma appena iniziato la lunga strada per fare l architetto: un impresa non semplice ora in Italia. Mi piacerebbe comunque vedere i miei quadri esposti in qualche galleria». Federica Costamagna nel 2005 il Comune svolse un accertamento e chiese di pagare l Ici mancante andando indietro nel tempo, fino al Laria contestò il provvedimento retroattivo: «Esiste un articolo di legge, in cui viene chiaramente esclusa la richiesta di pagamenti riferiti a periodi precedenti alla notifica» si difendeva nel 2008 l ingegnere Dario Mosso, proprietario della società. L azienda vinse due ricorsi per l Ici del 2001: il primo alla Commissione Tributaria Provinciale di Torino nel 2006 e il secondo all analoga commissione regionale nel Il Comune non si arrese e l anno successivo presentò ricorso alla Cassazione, che lo scorso 26 ottobre ha rovesciato l esito delle due sentenze. Così ora la causa ricomincerà davanti alla stessa Commissione tributaria regionale. Ad a- prile, il commissario prefettizio Giuseppe Zarcone ha rinnovato la costituzione in giudizio del Comune e ha riaffidato il caso all avvocato Guglielmo Lo Presti. Ma potrebbe essere una vittoria beffata: a febbraio la Laria è stata messa in liquidazione. Lo stabilimento santenese, oggetto della contesa, ha chiuso i battenti nel 2010 e dalla fine del 2011 è chiuso pure l ultimo sito a Castello d Annone. Laria è soffocata da un ammanco di circa 14 milioni di euro. Pertanto, la riscossione del denaro potrebbe essere lontana, poiché prima l azienda dovrà saldare i debiti coi creditori privilegiati, cioè i lavoratori. «La situazione non è buona - precisa l ex operaio Marco Ruscone A luglio non abbiamo più neppure percepito parte del debito pregresso, relativo ai salari non versati. Inoltre, adesso è fermo anche lo stabilimento in Tunisia, per motivi di sicurezza, a causa dei disordini del paese».

10 CORRIERE DI CHIERI 30 NEI DINTORNI Venerdì 7 settembre 2012 POIRINO Nuovo anno in Unitré Esordio giovedì parlando d Africa POIRINO L Unitré apre la nuova stagione con l assemblea dei soci. Giovedì 13 settembre alle 17,30 nella biblioteca comunale di via Cesare Rossi 12 il consiglio direttivo si riunirà con i soci per parlare di bilanci e progetti futuri. Potranno partecipare tutti i soci iscritti negli ultimi due anni e i rappresentanti degli studenti, per un totale di oltre 200 persone. Numeri che stanno a sottolineare la partecipazione che l associazione è riuscita a ottenere nei primi sette anni di attività. Accanto alle questioni burocratiche il direttivo sta predisponendo il calendario delle conferenze, dei laboratori e delle gite che animeranno la vita del gruppo. L inaugurazione dell anno accademico sarà domenica 23 settembre alle 16 nel Salone Italia: il medico poirinese Luciano Longo, console onorario del Ruanda in Italia, parlerà del Paese africano dalle verdi colline : fra tragedie storiche e attualità. Al termine della lezione d apertura, sarà presentato il programma dettagliato delle attività per l anno accademico 2012/2013 e il pomeriggio si concluderà con un rinfresco gratuito. Le conferenze sono confermate al mercoledì pomeriggio, dalle 16 alle 18, nella saletta Gaidano di via Roma 17: primo appuntamento il 26 settembre. La campagna tesseramenti è aperta a partire dal 15 settembre e per tutti i sabati dell anno presso la biblioteca in orario 10-11,30. Per agevolare le iscrizioni la segreteria rimarrà aperta in biblioteca anche il martedì 16 17,30 a partire dal 18 settembre e per tutto il mese di ottobre. POIRINO - Espulso il consigliere aspettando le arringhe di Bossi Lega, siluro contro Berruto ma il bersaglio è il sindaco POIRINO La Lega Nord abbandona il sindaco Tamagnone e la sua maggioranza di centrodestra. Il sigillo definitivo l ha messo espellendo dai suoi iscritti il consigliere comunale Giovanni Berruto, reo di essere in contrasto con la sezione locale e in sintonia con il sindaco. Lo rottura definitiva è stampata sulla lettera di Davide Cavallotto, massimo responsabile del tesseramento della lega Nord Piemont: rende noto che il consiglio nazionale ha approvato all unanimità l espulsione di Berruto e lo diffida dal prendere qualsiasi posizione a nome del partito. Carmelo Bruno, segretario della sezione poirinese, s è affrettato a farne un manifesto e appiccicarlo lungo le strade del paese. Non si tratta solo di una resa dei conti all interno del partito: è la definitiva dichiarazione di guerra a Tamagnone, uomo del Pdl, verso le elezioni del A sottolineare l intenzione, Bruno ha aperto due mesi fa la sezione locale leghista e in questo fine settimana avrà come ospiti Bossi e Cota, lì a due passi dal municipio. Come reagisce il sindaco? Si dice del tutto indifferente alla scomunica del suo consigliere: «A me non importa niente. Abbiamo candidati che si riconoscono nel centro-destra ma non siamo un gruppo politico che deve fare i conti con le segreterie. Perdipiù questa presa di distanza non mi sorprende. Ora l hanno fatto in maniera pubblica, ma già un anno fa l ex segretario provinciale Mario Allasia mi aveva scritto che la Lega Nord di Torino prendeva le distanze dalla nostra maggioranza». NEL FINE SETTIMANA A POIRINO Il Senatur e la mazurka alla festa leghista Ci sarà anche Umberto Bossi alla festa della Lega Nord organizzata per questo fine settimana dalla sezione locale del partito. La presenza del padre della Padania è annunciata per domenica alle 20,30, insieme a Roberto Cota, presidente della Regione. Nella neonata sede di via Cesare Rossi 16 e nell antistante area concessa per la manifestazione, sono previsti balli con ingresso libero e dalle ore 20 cene a base di antipasti, grigliata e dolci. Domani sera, sabato, alle 20,30 è prevista la partecipazione di altri esponenti del Carroccio copme l assessore regionale Elena Maccanti, il deputato Davide Cavallotto, il consigliere regionale Angeleri e il capogruppo Carossa, il segretario provinciale Benvenuto. Ma ora la cosa pare più seria, visto che la scomunica arriva dal consiglio nazionale. «Certo è il consiglio nazionale, ma la Lega u- sa termini diversi da noi: quando parla di nazione intende il Piemonte se la ride Tamagnone - In sostanza è la segreteria regionale, piemontese». L espulso Berruto non si sbilancia: «Non commento nulla. Non mi interessa se sono stato depennato da Torino, perché io sono i- scritto in una sezione astigiana». Per le precisione, è (o era) i- 10 scritto alla sezione di Villafranca d Asti. Il cui segretario, Giuseppe Porta, non intende cedere: «La decisione di questi quattro sprovveduti passerà nelle mani di chi veramente può decidere». Come dire che il caso verrò portato davanti alla segreteria federale, gerarchicamente superiore a quella nazionale piemontese. Per adesso, però, il vincitore dello scontro è Carmelo Bruno, mietitore di voti tra i giovani alle elezioni del 2009, al punto che Tamagnone gli affidò subito un POIRINO Ultimi sette giorni utili per mettere a posto i vestiti e preparare le esibizioni. Poi sul palco sfileranno Topolino e Lady Gaga, e Goku dovrà vedersela con Obi Wan Kenobi. Domenica 15 settembre andrà in scena al Palasport di via Dalla Chiesa la seconda edizione della gara di cosplayer, competizione dedicata agli amanti del mondo dei fumetti e dei videogiochi che impersonano i loro beniamini. La gara sarà l evento principale di Poirino in cosplay, una fiera in programma dalla mattina di sabato 15 alla sera di sabato 16. «Sarà un modo per far conoscere a molta gente questo mondo fantastico presenta la manifestazione Isabella Pivaro, presidente dell associazione TOoPlay che gestisce l evento La prima edizione dello scorso anno ha avuto un discreto successo e abbiamo quindi deciso di riproporla in forma arricchita. Per due giorni si potranno visitare gli stand dove saranno esposti fumetti, giochi di carte e videogiochi, ma anche assistere a tutti gli spettacoli, i concerti e le conferenze in programma. Sabato e domenica sera sarà anche possibile cenare all interno del palazzetto». Tutti gli eventi sono gratuiti e si possono vedere nel dettaglio al sito La gara di cosplayer è aperta a tutti, dai più piccoli ai meno giovani e l iscrizione è gratuita. Per dare la propria adesione si può compilare il modulo presente sul sitof o presentarsi in fiera entro le 12 di domenica. Un vero cosplayer non solo si traveste da un personaggio, ma lo interpreta: modo di muoversi, gesti particolari, battute distintive. Un vero è proprio mini-spettacolo che, per regolamento, non deve superare i 4 minuti. «Ci sarà anche la possibilità di presentarsi in un gruppo, in quel caso il tempo a disposizione è di 6 minuti». Ogni iscritto Carmelo Bruno. A lato, da sinistra, Giovanni Berruto e l onorevole Cavallotto assessorato. Durò poco: quattro mesi dopo, il sindaco lo espulse dalla Giunta avendo scoperto che aveva dichiarato dibessere ingegnere senza mai essersi laureato. Da allora, Bruno se l è legata al dito contro il sindaco e gli fa un opposizione serrata, pubblicando anche un doppio volantino carico di critiche verso la Giunta. Finora Berruto è stato un ostacolo alla politica anti-tamagnone. Adesso se n è liberato e tanto gli basta: non intende commentare. Lascia invece la parola ad A- lessandro Benvenuto, segretario provinciale succeduto dieci mesi ad Allasia: «E impensabile che ci sia una sezione politica che fa opposizione al sindaco mentre un consigliere che dice di essere dello stesso partito lo sostenga. In più, lo statuto del partito non prevede che ci si possa iscrivere in una sezione di provincia diversa da quella in cui si risiede». Non le paiono un pretesto i motivi statutari? Benvenuto non risponde subito. Poi ammette: «E soprattutto una visione politica diversa fra la sezione poirinese a il sindaco. Bruno per il suo errore è stato espulso dal partito, poi dopo un anno di sospensione ha chiesto di rientrare. Ha fatto il suo purgatorio epoi è stato eletto e rieletto dai tesserati del paese». Tamagnone dice di non capire perché di tanta acredine da parte di Bruno: «M interessa davvero poco, ma la sanzione più dura venne adottata proprio dal suo partito. Io mi ero limitato a togliergli le deleghe, mentre fu proprio l onorevole Allasia ha volerne le dimissioni dal Consiglio comunale». Tutta la vicenda non può avere grosse conseguenze sugli equilibri attuali del Consiglio comunale: 12 a 5 per la maggioranza. Anche se la Lega scomunica Berruto, lui continuerà a restare consigliere e, probabilmente, ad appoggiare il sindaco. La conseguenza sarà in prospettiva tra un anno, quando si tratterà per comporre le liste in gara alle elezioni comunali del 2014: un alleanza tra Lega e Pdl non è pensabile, per adesso, senza sacrificare uno dei due tra Bruno e Tamagnone. Mario Grieco POIRINO Donazioni di sangue e visite con l Avis Donazioni di sangue e visite con l Avis per due giorni: venerdì 14 settembre in orario 8-12 i prelievi nella nuova sede di via Alfazio 5; dalle 8,30 alle 11,30 controlli gratuiti della pressione ed analisi dell emoglobina nella autoemoteca davanti alla sede della Croce Rossa in via Indipendenza 48. Poirino in cosplay mette in gara supereroi, fumetti e videogame Alessio e Isabella Pivaro nei panni di Smoker e Nico Robin potrà fornire all organizzazione una base musicale che servirà come sottofondo della propria esibizione. La giuria, formata da 3 esperti cosplayer, premierà il miglior costume maschile e femminile (indipendentemente dal sesso del partecipanti), il miglior gruppo, la migliore interpretazione e il miglior accessorio. L organizzazione assegnerà invece un premio speciale e anche il pubblico decreterà un suo vincitore con il premio standing ovation. «Si verrà giudicati, a seconda delle varie categorie di premi, sulla base di vari criteri: difficoltà di realizzazione dell abito e dell accessorio, interpretazione e presenza scenica, somiglianza con il personaggio, simpatia entra nello specifico Isabella Pivaro - Consigliamo di essere coinvolgenti sul palco, magari interagire con la giuria o con il pubblico. Sicuramente la presenza di mini scenografie portate dai cosplayers sarà molto d effetto. In aiuto ci saranno poi le luci scenografiche e gli effetti fumo e video messi a disposizione dall organizzazione». Per il trucco e l acconciatura si potrà contare sull aiuto dei professionisti del settore presenti in fiera. Non tutto è ammesso però. Non si potrà sfilare con più di un costume e se si è partecipato come singolo non si potrà entrare a far parte di un gruppo. Le armi da fuoco giocattolo dovranno riportare il tappo rosso in punta alla canna, mentre le armi bianche ammesse saranno solo quelle e- splicitamente finte.

11 CORRIERE DI CHIERI Venerdì 7 settembre 2012 NEI DINTORNI 43 VILLASTELLONE - Tre ordini raggruppati sotto la direzione di Emilio Gamna Scuole, scocca l ora della piramide Al debutto l Istituto Comprensivo VILLASTELLONE Da 2 Circolo didattico a 3 Istituto Comprensivo: è una piccola-grande rivoluzione quella che coinvolgerà quest anno le scuole di Villastellone. Per la prima volta i tre ordini di scuola (materna, elementare e media) saranno raggruppati in un unica istituzione e sotto la guida di un unico dirigente scolastico. Emilio Gamna, 60 anni, già direttore didattico di materna e elementari carmagnolesi e villastellonesi, quello che era il 2 Circolo didattico, ora guiderà anche la scuola media. «E da trent anni che sono direttore didattico, ma questa è la prima volta che mi occupo di scuola media - ammette Gamna - Finora alla Cesare Pavese era presente un reggente, Franco Zanet, preside del Bobbio di Carignano». Il dirigente scolastico vede di buon occhio il cambiamento in atto. «Tenere insieme in un unico istituto i diversi ordini di scuole che sono nello stesso territorio crea continuità non solo per gli a- lunni, ma anche per gli insegnanti, che avranno più occasioni per collaborare». E aggiunge: «Secondo una ricerca svolta dalla Fondazione A- gnelli, i risultati delle scuole che fanno parte degli istituti comprensivi sono migliori di quelle che sono al di fuori di questi raggruppamenti. Tra le indicazioni che la Fondazione dà alle scuole per migliorare la propria funzionalità c è proprio l aggregarsi nei comprensivi e darsi un organizzazione più collegiale, come quella che vige alle elementari e di cui ora dovrà dotarsi anche la media di Villastellone». Sul fronte iscritti, la situazione è stabile. «Abbiamo circa 150 bambini nelle due scuole d infanzia, suddivisi in tre sezioni per entrambe le sedi - VILLASTELLONE «Il sindaco lasci che sia un assessore a occuparsi di urbanistica e edilizia privata». La minoranza di Villastellone Democratica ha chiesto la revoca di due deleghe al sindaco con una mozione presentata in Consiglio Comunale, ieri giovedì. «L impostazione del piano regolatore è stata errata, prova ne sono le molte osservazioni arrivate dalla Regione che affermano cose che già noi dicevamo anni fa accusa il consigliere Walter Gallo I fatti parlano chiaro: non è stato fatto un buon lavoro». Davide Nicco risponde gettando acqua sul fuoco: «E normale che la Regione faccia osservazioni. La minoranza chiedeva di non Emilio Gamna, dirigente scolastico del terzo istituto comprensivo, è alla guida delle scuole di Villastellone VILLASTELLONE - Scontro sul piano regolatore «Sindaco, lascia l urbanistica» «Nulla da rimproverarci» ampliare la zona industriale di corso Savona nord, ma la Regione è più vicina al nostro pensiero indicando alcune zone anziché altre: si tratta di buonsenso». Nella mozione, Villastellone Democratica parla di «miopia e sconsideratezza amministrativa». E Gallo incalza: «Le linee guida arrivano dai politici, l estensore del piano dà forma a ciò che loro chiedono: lo ha ricordato anche l ingegner Desideri durante la presentazione delle osservazioni alla cittadinanza. Il sindaco ceda le fa il conto il dirigente - Alle elementari ci sono dodici classi per circa 250 alunni. In passato abbiamo avuto delle leve che hanno superato i 50 bambini e quindi è scattata la terza sezione: saranno le future classi quinte e terze ad avere la terza sezione. Alla media ci sono sei classi per 140 alunni». E aggiunge: «Su una popolazione stabile di 4500 abitanti, anche il numero degli alunni si mantiene pressoché invariato». Novità invece sul fronte assunzioni. «Quest anno nel 3 Istituto comprensivo abbiamo cinque immissioni in ruolo, di cui due nelle scuole di Villastellone, gli altri a Carmagnola. Tutti insegnanti che si sono visti confermata la cattedra che già occupavano precariamente. Sono insegnanti più o meno giovani, ormai l età media di chi insegna è molto cresciuta». Per quanto riguarda il capitolo sul bilancio Gamna non nasconde la situazione di difficoltà in cui le scuole villastellonesi si trovano. «I fondi statali sono stati ridotti quasi a zero - ammette - Quello che riusciamo a fare è tutto grazie al Comune, da cui derivano i finanziamenti per le attività di arricchimento formativo, come i laboratori di musica o le attività sportive, che si svolgono all interno dell orario scolastico e sono quindi rivolte a tutti gli a- lunni. E sempre il Comune che ci fornisce i soldi per il funzionamento della scuola, dalla cancelleria e al materiale per le pulizie». Lavori in corso, intanto, per la scuola media, coinvolta nella ritinteggiatura dei muri interni prima dell inizio delle lezioni. «Per la materna di viale Signorini, invece, è prevista per la prossima estate la ristrutturazione della copertura - conclude Ganna - Per il momento la situazione è stata tamponata: i lavori inizieranno con l arrivo della prossima estate, quando i bambini saranno in vacanza». Chiara Paolillo sue deleghe a qualcun altro di più competente». Nicco sposta allora l attenzione dalla sostanza alla forma: «Tutto cosa non viene delegato a- gli assessori resta in mano al sindaco ma non ci sono deleghe. Inoltre, per chiedere la revoca delle deleghe al sindaco bisognerebbe chiedere la revoca dell incarico del sindaco». Gallo punta quindi il dito contro l interpretazione della mozione presentata: «A noi interessa poco che non ci sia la delega all urbanistica: è un gioco di parole ribatte il consigliere Il sindaco ha profondamente sbagliato in questo ambito negli ultimi tre anni: si sarebbero potute evitare lungaggini e spese facendo prima delle varianti. Se ne renda conto!». Ma il vicesindaco Diego Lucco ricorda che il piano regolatore è un documento su cui si lavora da anni: «La critica potrebbe essere al massimo rivolta all assessore incaricato durante il mandato precedente. Ma il piano ha un iter lungo e soggetto a nuovi documenti come il Ptc2, il Piano Territoriale di Coordinamento che ha individuato le aree da lasciare libere modificando, di fatto, le impostazioni iniziali». VILLASTELLONE Artinfiore, passerella per miss in erba e a quattro zampe VILLASTELLONE In passerella a due o a quattro zampe. Per animare la tradizionale fiera autunnale di Artinfiore, in programma domenica 23 settembre, l associazione Com.Pr.A.Vill che riunisce commercianti e artigiani villastellonesi organizzerà un concorso di bellezza per bambini e giovani, nonché una sfilata riservata ai cani. Per i titoli di Miss e Mister Artinfiore 2012 possono concorrere ragazze e ragazzi dai 12 ai 25 anni, mentre Miss Patatina e Mister Patatino 2012 (in onore alla patata, prodotto tipico del paese) sono aperti a bambini dai 3 agli 11 anni. Requisito fondamentale per tutti: essere villastellonesi. Le iscrizioni sono gratuite e si possono effettuare entro il 15 settembre nel negozio Creazioni Video e Foto di Massimo Gonella di via Mazzini 37 ( ), il martedì e giovedì dalle 15 alle 19. La sfilata di moda e l elezione dei più belli si terranno domenica 23 settembre in piazza Libertà, alle 17: «Abbiamo cercato di coinvolgere tutti i negozi di abbigliamento e di accessori, nonché i parrucchieri puntualizza Paola Capodanno, portavoce dell associazione Ora stiamo definendo chi farà parte della giuria». La stessa domenica, alle 10,30, nella piazzetta dell edicola, ci sarà invece la sfilata amatoriale di cani di qualsiasi razza accompagnati da bambini con meno di 12 anni, non necessariamente villastellonesi. Il cane più grasso riceverà il Premio Panzerotto, quello più magro il Premio Sottiletta ; il più piccolo avrà il titolo Picinin mentre il più grande sarà Grand e Gros ; infine, il cane con le orecchie più lunghe vincerà il Premio Dumbo. La giuria sarà composta da bambini e a tutti i partecipanti sarà dato un gadget. L iscrizione è gratuita: rivolgersi a Zampettando, in via Cossolo 4 ( ). POIRINO - Maria Giacalone, eremita da 5 anni nella canonica di La Longa. Vive in due stanze coi doni della frazione. Offre le sue preghiere «Ho perso il gusto per le cose del mondo» POIRINO Il campanile della Longa spicca come il faro di un isola circondata da un mare di grano e mais. La strada è così stretta che a fatica due auto s incrociano. Ma non c è traffico: anzi, non c è anima viva in vista, in questa campagna battuta da un sole implacabile. Eppure, una anima viva a- bita qui da cinque anni. Perché ha fatto una scelta che evoca vite vissute mille anni fa: è un eremita. Un eremita non in cima a una montagna o nella grotta di un deserto, ma qui accanto alla chiesa della Longa legata alla figura di Silvio Dissegna, il dodicenne poirinese morto di tumore nel 1979 per quale è in corso la causa di beatificazione. E una donna torinese di 49 anni, Maria Giacalone. Il 20 giugno ha e- messo la professione perpetua; ha indossato un saio marrone che ricorda quello dei Francescani: col nuovo nome di sorella Maria Consolata ha deciso di trascorrere il resto dei suoi giorni come eremita. Quando si dice eremita si pensa a Sant Antonio nel deserto. A figure molto lontane nel tempo. Oggi che senso può avere questo termine? Nel mondo di internet e della globalizzazione, che significato ha tirarsene fuori? La sua vita trascorrerà in due stanze: la più grande con un tavolo, un divano e qualche sedia, e due tende a nascondere il letto SENZA TEMPO Niente giornali e tv solo la voce vaticana e il fornello. La più piccola trasformata in cappella. Una vita che si può paragonare a quello di una suora di clausura. Lo stile di vita è simile. Ma le suore di clausura vivono in comunità, sotto la guida di una Madre superiora. L eremita è solo. Com è possibile decidere oggi di darsi all eremitaggio? Ovviamente non è una decisione che si prende da un giorno all altro. Nel mio caso è stato l approdo di una lunga maturazione, durata circa vent anni. Iniziata come? Lavoravo come infermiera in un ospedale a Torino. Ho cominciato a pormi Maria Giacalone dal 20 giugno è sorella Maria Consolata, eremita domande sul senso della mia vita e, in parallelo, ad avvertire un sempre più insistente invito interiore alla preghiera. E così ha deciso di imitare i Padri del deserto. Non subito, è ovvio. La mia vocazione ha preso forma in un lungo arco di tempo. Da un lato acquistava sempre maggior forza il mio legame con Dio: era diventato il centro della mia esistenza, Eucarestia e Parola erano diventati i capisaldi di ogni mia giornata, pensavo a Gesù dalla mattina alla sera. Un orientamento che porta in secondo piano quella vita che per la maggioranza è normale. Di sicuro. E così, man mano che perdevo il gusto delle cose del mondo, ho iniziato a informarmi sulle varie possibilità di vita consacrata. Ho anche trascorso un periodo in una missione nelle Filippine, a Manila, per capire quale potesse essere il mio futuro. Poi ho incontrato il mio attuale direttore spirituale, il salesiano don Roberto Carelli. Un incontro probabilmente decisivo. Infatti. Insieme abbiamo esa- 11 minato i carismi delle varie famiglie religiose. Li stimo e li ammiro tutti: ma avvertivo una vocazione che mi portava altrove. Io voglio essere tutta di Gesù e della Chiesa. Una scelta drastica, difficile da concretizzare. L illuminazione l ha ricevuta proprio il padre spirituale. E stato lui a presentarmi la vocazione all eremitaggio. Mi ha fatto conoscere altri eremiti (nella diocesi torinese si contano sulle dita di una mano) e poi, cinque anni fa, mi ha trovato queste due stanze nell ex canonica della Longa. Com è organizzata la sua vita quotidiana? Mi alzo un po prima delle 6, e inizio la recita della Liturgia delle Ore che poi proseguirà nell arco della giornata. Seguono le preghiere per il papa e per la Chiesa. Cerco di mettere insieme la vita di preghiera e il servizio alla comunità: un po di lavoro di manutenzione in casa e in giardino, l incontro con le persone che vengono a trovarmi. Quindi non e- sce mai di casa. Esco solo in caso di necessità: per andare dal medico, a e- sempio. Altrimenti la mia vita è tra le mie due stanze e il cortile. Però così non può andare a Messa. Nel mio eremitaggio non leggo giornali, non guardo la televisione, non ascolto la radio. Ci sono pochissime eccezioni: al mattino ascolto il notiziario della Radio Vaticana, e poi le preghiere o le conversazioni religiose di Radio Maria. E alla televisione assisto alla Messa, sul canale Sat2000. Di che cosa vive? La comunità della Longa è molto generosa: mi portano un po di tutto. Mangio ciò che mi regala la gente. Le persone che vengono a parlarle, che cosa le raccontano? Mi chiedono parole di conforto, consolazione, speranza, e preghiere di intercessione. Nella sua esperienza avrà individuato problemi ricorrenti, che causano maggior sofferenza. Innanzi tutto quelli legati alla famiglia. E poi le questioni di salute. Ma perché chiedere che sia lei a pregare al posto di altri? Non sarebbe più logico che o- gnuno si rivolgesse in prima persona a Dio? La mia è una funzione riparatrice. Offro il mio tempo, la mia preghiera, al posto di chi non ha l energia o la capacità di farlo. Che poi è ciò che ha fatto Cristo: è morto in croce per redimere l umanità. Tuttavia è difficile sapere se le proprie preghiere ottengono o meno ORDINI STRETTI «Voglio essere tutta per Gesù e la Chiesa» un risultato. Di norma non so se e a chi hanno portato frutto: anche perché nell arco della giornata prego molto anche per chi non conosco: per chi ha problemi di salute, per le sofferenze morali, per la conversione di chi è lontano da Dio. Ma o- gni tanto qualcuno che ho incontrato torna, e mi riferisce di grazie ricevute. Lei, che è così fuori dal mondo, quale futuro pensa si stia preparando per l umanità? Sul futuro non mi posso esprimere. Ma sul presente sono in linea con ciò che dice il papa: l uomo deve riscoprire Dio. Di conseguenza la conversione è la prima grazia di cui ha bisogno l uomo d oggi. Enrico Bassignana

12 CORRIERE DI CHIERI 46 RUBRICHE Venerdì 7 settembre 2012 La vignetta di Danilo Paparelli ALMANACCO Se il giornalista d assalto si trasforma in assaltatore turo e Libertà). I suoi impegni professionali gli lasciano poco tempo per l attività politica, in particolare per le sedute alla Camera, dove risulterebbe assente al 90% delle riunioni. Di qui la domanda, più che condivisibile, su quanto sia etico incassare lo stipendio senza presentarsi al lavoro. Però est modus in rebus, come dicevano i latini. C è cioè modo e modo di fare le cose. Compreso il parlare con la gente. Tanto per capirci consideriamo un altro personaggio ben noto al grande pubblico: Vittorio Sgarbi. Nelle poche volte in cui ho avuto a che fare con lui DI ENRICO BASSIGNANA C era una volta il giornalista d assalto. Ma adesso, in televisione, spesso si vede l assalto del giornalista (all intervistato), che non è la stessa cosa. Ed è inevitabile che qualche volta ci sia chi perde la pazienza, tanto da passare alle vie di fatto. Chi alza le mani automaticamente finisce dalla parte del torto. E il giornalista assaltatore ottiene un doppio successo: diventa una vittima e insinua che le botte siano un sistema per evitare domande scomode. E la riflessione a margine della vicenda, già adeguatamente ingigantita dai mass media, dell aggressione di Luca Barbareschi a un inviato delle Iene. Barbareschi è un uomo di spettacolo che, incidentalmente, è anche deputato (ora nel gruppo misto, dopo essere passato per il Pdl e Fudi persona, m è parso paziente e addirittura cortese. Ma altre volte l ho visto in televisione, quando inizia ad inveire contro il malcapitato di turno: «Capra! Capra! Capra!». Di fronte a un simile ritornello urlato, dopo un po anche al mahatma Gandhi pruderebbero le mani. Per tornare perciò a Barbareschi, un assedio delle Iene tale da logorargli i nervi ha creato una notizia (le botte al giornalista) e non ha risposto alla vera domanda: cioè che cosa ci faccia ancora in Parlamento. E perciò vero modo di fare giornalismo, quello di Iene, Gabibbi e inviati vari, magari con una ventosa sturalavandini legata sulla zucca? Credo di no, e non lo dico per snobismo. Al tempo stesso, devo riconoscere che Iene e Gabibbi sollevano questioni e scovano argomenti di cui dovremmo accorgerci noi, giornalisti veri. In più aggiungo che spesso la gente preferisce telefonare al Gabibbo che a un giornale: fatto che dovrebbe innescare nei giornalisti un bell esame di coscienza. Perché il rischio è che si faccia una gran confusione, abituando la gente a guardare spettacoli pensando di ricevere notizie. In una situazione così molti hanno da perdere: il pubblico innanzi tutto, che non sa più di chi fidarsi, e i giornalisti veri, che rischiano di essere confusi con chi per mestiere cerca di farsi prendere a pedate. Lettere e opinioni I lettori possono inviare le loro lettere e opinioni per posta a Lettere - Corriere, via Andezeno 62 o per fax allo o per a - Il materiale inviato non sarà restituito. Lettere, fax ed devono contenere nome, cognome, indirizzo e numero di telefono del mittente. La redazione potrà sintetizzare e adattare testi troppo lunghi, rispettandone il senso. POESIA rima Amarezza e timore per il futuro In rima i sentimenti di un esodato AURELIA SASSI Egregio direttore, le invio la mia poesia vivere con un esodato. Mi chiamo Aurelia Sassi e sono compagna di Valter Pagnini, l esodato. E una poesia che riflette una condizione reale e purtroppo comune a molte persone e intende esprimere il disagio, l amarezza, il timore per il futuro in chiave social umoristica. Lo invio sperando che questo messaggio/poesia arrivi a chi di dovere. Se prima chi era senza lavoro e senza pensione non aveva un preciso nome ora il malcapitato è diventato un esodato. Ora sì che inizia una nuova storia ai poveri esodati si ergerà una memoria. Di esodati in Italia ce ne saranno duecentomila che invano ogni mattina, per un lavoro fanno la fila. Io vivo con un esodato è il mio uomo, il mio amore dichiarato a vegetar senza un domani lui si è rassegnato. Ha 57 anni e deve "campare" senza aiuti io vivo con un "esodato" che non è un extraterrestre anche se la luna mi avrebbe donato io vivo con un esodato ogni giorno lo decanto ogni ora gli asciugo il silenzioso pianto ma i loro signori del governo ci avran pensato cosa vuol dire vivere con un esodato? La parola in sè ha una stima giusto perchè si trova sempre la Ma i lor signori del governo ci avran pensato che non è di rima che si ciba l esodato? Oltre al pane e al companatico l esodato ha bisogno di ritrovare la nobile e umana dignità del lavorare Io che di natura son ottimista lo spero primo nella lunga lista d attesa perchè trovi lavoro in una piccola impresa perchè gli ritorni la fiducia nell avvenire che gli è stata lesa per fargli ritornare il buonumore perchè ben si sa, e non è una battuta, cuore contento il ciel l aiuta. EREMO «Si possono lasciare le auto posteggiate agli incroci stradali?» MAFFEI Sig. direttore, all Eremo vi è un incrocio pericoloso e in pendenza, con poca visibilità, che, venendo da Torino, a sinistra va a Pecetto e a destra alla Maddalena: una volta gli incroci dovevano essere liberi, adesso le regole sono cambiate? Si possono lasciare giorno e notte auto parcheggiate che impediscono la visuale a chi circola? Le lettere devono essere firmate. Possono essere inviate per fax al n o via POIRINO «Tamagnone, da subito solo le deleghe a giovani e ambiente» AVV.PAOLO FORNO Sig. direttore, scrivo la presente in nome e per conto del mio cliente Sig. Bruno Carmelo in relazione all articolo apparso sul Corriere di Chieri in data 1/07/2012 dal titolo Tamagnone scaccia la Lega e chiede la testa di Bruno a firma Mario Greco. Deve essere rettificata l affermazione secondo cui Bruno grazie a 198 preferenze, a metà giugno 2009 diventa assessore. Con molte deleghe: ambiente, territorio, raccolta rifiuti, politiche giovanili, anagrafe, rapporti con il pubblico. Si precisa che il sig. Bruno, al momento dell elezione, risultava ricoprire unicamente le deleghe politiche in materia di politiche giovanili ed ambientali, e non anche le altre menzionate nel suddetto articolo. CASO SODANO «Perchè i cittadini devono pagare per le beghe politiche?» BIAGIO IELLAMO Egregio Signor Direttore, leggo ed amaramente considero che la "casta" non è solo costituita dai politici che siedono in Parlamento ma anche da quelli che più modestamente, ma con uguale disinteresse nei confronti dei cittadini, siedono nei consigli comunali. Mi riferisco alla vicenda che vede protagonista l ex vice sindaco Sodano, un veterano dei banchi di Via Palazzo di Città ma ciò nonostante vittima, a suo dire di una cospirazione politica, che non cerca di risolvere nel naturale ambito politico la sua personale questione, ma non trova di meglio che trascinare il Sindaco avanti il Tribunale Ammnistrativo costringendolo a difendersi e di riflesso i cittadini chieresi ad accollarsi il costo della sua difesa. Ora credo che ai chieresi poco importa se vi è stato un vizio di forma nella procedura che ha portato il Sindaco ad allontanare Sodano dal Palazzo, posto a cui quest ultimo tanto tiene e a cui è legato se vuole ad ogni costo riprenderlo; quello che rimane inspiegabile ai cittadini è il perché la collettività debba pagare per delle mere beghe interne insorte tra forze dello stesso schieramento. O meglio tutto si spiega nel senso che la casta, è il caso di dirlo, a tutti i livelli, non ha come interesse primario la salvaguardia del bene comune inteso nel senso della collettività nel suo complesso, ma ciò che ad essa importa è il vantaggio del singolo, il personale tornaconto e chissenefrega se a pagare sono tutti gli altri. Cittadino ed elettore chierese PIAZZA DANTE «Parcheggio gratuito in centro soltanto con il disco orario» LUIGI FRANCO Sig. direttore, in questi ultimi si parla molto dei parcheggi a Chieri: nuovi parcheggi annullati in via Silvio Pellico, nuovi parcheggi annullati in piazza Dante, parcheggi ex area FIDIVI. Io vorrei portare all attenzione dell Assessore la situazione attuale di piazza Dante. Ogni mattina i posteggi gratuiti (strisce bianche) tra le 7,30 e massimo alle ore 8 sono tutti pieni, occupati da dipendenti del Comune e/o da dipendenti che hanno il posto di lavoro nelle vicinanze di detta piazza. Così succede che chi vuole venire in centro nelle ore successive deve fare vari giri "dell oca" per cercare un posto libero, con creazione di traffico, inquinamento e arrabbiature, non lo trova e deve poi andare a parcheggiare a pagamento. A mio avviso i posteggi liberi debbono essere usufruiti da tutti in primis e poi per tempi limitati a sbrigare le varie incombenze che i cittadini debbono fare nei vari luoghi ubicati nelle vicinanze di essi. Invece oggi sono adibiti a uso gratuito per una piccola parte di persone che usano il parcheggio come fosse di loro proprietà per 8/10 ore al giorno gratuitamente. Vorrei chiedere all Assessore: perchè non prende in considerazione di stabilire un parcheggio a tempo per un maggior e miglior utilizzo di essi e a beneficio di un numero molto superiore di persone rispetto ai pochi fortunati che occupano detti spazi per tutto il giorno? Naturalmente il controllo dovrà essere serio e continuo, altrimenti si verificherà che ad ogni scadenza del disco orario si vedranno frotte di impiegati uscire da Comune e/o uffici adiacenti per spostare il disco orario. Sono convinto che con questa soluzione, non si risolverà la questione parcheggi in centro città, però vi saranno molte più persone che ne potranno usufruire. UNIONE EUROPEA Lavoro forzato e sfruttamento CRIMINI E stata adottata dall Unione Europea la nuova Strategia per l eradicazione della tratta di esseri umani, una problematica che riguarda ogni anno centinaia di migliaia di persone nella sola Unione europea. Donne e uomini, ragazzi e ragazze in situazioni vulnerabili sono vittime di questo sfruttamento sessuale, del lavoro forzato, dell espianto di organi, dell accattonaggio, della servitù domestica, del matrimonio forzato, dell adozione illegale e di altre forme di sfruttamento. Secondo stime recenti dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), in tutto il mondo sono 20,9 milioni le vittime sottoposte al lavoro forzato, compreso lo sfruttamento sessuale, tra cui 5,5 milioni di minori. I dati preliminari raccolti dagli Stati membri a livello dell UE sono coerenti con quelli forniti da organizzazioni internazionali quali l Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC). Tali statistiche indicano che tre quarti delle vittime individuate negli Stati membri dell Unione sono oggetto di tratta a scopo di sfruttamento sessuale (il 76% nel 2010), altre sono invece sottoposte allo sfruttamento del lavoro (il 14%), all accattonaggio (il 3%) e alla servitù domestica (l 1%). In una prospettiva di genere, i dati preliminari a disposizione mostrano che le donne e le ragazze sono le vittime principali della tratta di esseri umani: tra il 2008 e il 2010 le vittime erano per il 79% di sesso femminile (e il 12% di queste erano ragazze) e per il 21% di sesso maschile (di cui il 3% ragazzi). Sebbene, le vittime lottino per recuperare e reintegrarsi nella società, sono ancora troppo pochi i colpevoli puniti per questi crimini: raccolte di dati recenti mostrano che il numero di condanne in casi di tratta è diminuito da circa nel 2008 a circa nel "Disgraziatamente la schiavitù non è stata ancora confinata ai libri di storia. È spaventoso vedere come ancor oggi gli esseri umani siano messi in vendita e costretti al lavoro forzato o alla prostituzione. Scopo centrale della nostra iniziativa è fare in modo che le vittime ottengano sostegno e che i trafficanti siano consegnati alla giustizia. Siamo ancora lontani dall ottenerlo, ma il nostro fine non può che essere questo: eliminare la tratta di esseri umani", ha affermato Cecilia Malmström, Commissaria per Dal sesso minorile alla servitù domestica 12 gli Affari interni. Durante il periodo , l Unione si impegna perciò ad attuare un insieme di misure e azioni concrete, risultato di ampie consultazioni di esperti, governi, società civile e organizzazioni internazionali, parti sociali e mondo accademico, ma anche delle stesse vittime, con lo scopo di rendere più efficaci e complete le pratiche già in corso. Tra queste, emerge l istituzione di unità nazionali di contrasto specializzate nella tratta di esseri umani e la creazione di squadre investigative comuni europee incaricate di perseguire i casi di tratta transfrontaliera. Per quanto riguarda la protezione e l assistenza alle vittime, verrà creato un meccanismo specifico dell Unione Europea per individuarle e dare loro supporto adeguato. Allo stesso tempo, l UE si impegna a fornire alle vittime informazioni chiare sui diritti di cui godono in virtù della legislazione dell UE e della normativa nazionale, in particolare il diritto all assistenza e alle prestazioni sanitarie, il diritto di ottenere un permesso di soggiorno e i diritti nel campo del lavoro. Inoltre, saranno promossi progetti di ricerca che studino Internet e le reti sociali, in quanto strumenti di reclutamento sempre più pericolosi perché a disposizione dei trafficanti. Verranno infine create specifiche istituzioni per combattere questo fenomeno: una Coalizione europea delle imprese contro la tratta di esseri umani per migliorare la cooperazione tra imprese e portatori d interesse, ma anche, una piattaforma a livello dell UE di organizzazioni e di prestatori di servizi della società civile che operano nel campo dell assistenza alle vittime e della loro protezione negli Stati membri e nei paesi terzi. La Strategia verrà dunque discussa in sede di Parlamento europeo e di Consiglio, ai quali la Commissione si impegnerà a riferire ogni due anni progressi raggiunti. Sarà un importante passo avanti nella lotta contro la tratta degli esseri umani, una schiavitù moderna che non può più essere ignorata e che deve invece essere debellata con un azione coordinata, immediata ed efficace da parte dell Unione Europea e dei principali attori istituzionali. Fabrizio Spada e Giulia Berti Rappresentanza a Milano della Commissione europea

13 8 CITTÀ 7 settembre 2012 Gazzetta d Asti Successo della manifestazione organizzata domenica nel quartiere di Asti Est Bimbi in Festa più forte del maltempo Tra le varie iniziative, la consegna di una targa alla memoria del maestro Riccardo Cantino Graziata dal previsto maltempo, l 8ª edizione della manifestazione Bimbi in Festa ha accolto centinaia di bambini nel quartiere via Madre Teresa di Calcuta, tra giochi, sport, passeggiate a cavallo e a dorso d asino e giri in carrozza. Molti i viaggiatori sul trenino lillipuziano in giro per le vie del quartiere mentre la magia delle grandi bolle di sapone di Peter Wood Magic ha stregato i piccoli. Grandi applausi per lo spetacolo circense di Paul e Simo, acrobati keniani, saggio di kung fu della scuola Touei-Chou e scuola di calcio con la società S. Donenico Savio di Asti. Tanti i bambini col viso truccato dai Giocatorte, dai clown de l Arte del Sorriso e dai Pionieri della Croce Rossa. I Pijtevarda, gruppo musicale delle Langhe hanno rallegrato la giornata, i volontari Il sindaco Brignolo con i cani dell unità cinoi la Sirio Un momento della manifestazione Bimbi in Festa della L.I.P.U. hanno liberato un falcheto da loro prima curato e la costruzione delle casete per uccelli ha coinvolto falegnami e allievi. Nell ambito della manifestazione il sindaco Fabrizio Brignolo, gli assessori Marta Parodi e Piero Vercelli con il consigliere comunale Oscar Ferraris hanno consegnato alla iglia un targa in ricordo del maestro Riccardo Cantino, per anni alla scuola di Valgera esempio di dedizione e impegno nel educazione delle giovani generazioni. Durante la festa il sindaco, con gli assessori all istruzione Parodi e ai servizi sociali Vercelli e il consigliere Oscar Ferraris, hanno consegnato una targa alla memoria del maestro Riccardo Cantino, che per molti anni ha insegnato nella scuola elementare di Valgera, lasciando un indelebile ricordo nelle generazioni di astigiani che hanno avuto la fortuna di essere suoi allievi. La targa è stata ritirata dalla iglia, che ha, con parole toccanti, ricordato le parole chiave dell insegnamento del padre: amore e sacriicio. Il sindaco si è intratenuto presso le numerose postazioni allestite per la festa dalle tantissime associazioni di volontariato che hanno dato vita alla manifestazione. Inaugurazione domani alle 18,30 Asti in mostra al San Secondo Sarà inaugurata sabato 8 setembre alle ore 18.30, presso il Centro Culturale S.Secondo di Asti, in via Carducci 22, la prima mostra colletiva astigiana del Circolo fotograico poirinese Romolo Nazzaro. Il circolo fotograico, nato nel comune di conine tra torinese e astigiano, conta un centinaio di soci, di cui una quarantina molto ativi e ha nel proprio palmares una numerosa serie di mostre e iniziative culturali, tra cui il concorso fotograico 4 scati per una storia arrivato alla setima edizione, il cui bando si può trovare sul sito ed è intitolato al famoso fotoreporter degli anni setanta, Romolo Nazzaro, nativo proprio di Poirino. Il tema proposto per la mostra non poteva essere più azzeccato, visto che si trata di scati che ritraggono il capoluogo astigiano da punti di vista spesso curiosi, originali e poco scontati, tanto da poter ofrire agli astigiani stessi uno sguardo nuovo sulla loro cità. La mostra sarà inaugurata sabato alle 18.30, con successivo rinfresco, dal presidente del circolo Francesco Varacalli e dai diversi fotograi che parteciperanno all esposizione e rimarrà visitabile per tuto il mese di setembre, per permetere di apprezzare maggiormente la ricchezza del territorio in un periodo in cui questo si esprime al meglio sia per quel che riguarda la sua tradizione palioila che la sua vocazione enogastronomica. > T. P. La Torre Troyana da una prospettiva davvero inusuale LA ROTONDA DEL PALIO Sta prendendo forma la rotonda del Palio in corso Alessandria Incredibile cartello nel centro di Asti Si lavorava per Fenestrelle in p. Alieri! Il singolare cartello esposto in piazza Ali eri In piazza Alieri si sta realizzando un pozzo da mandare a Fenestrelle..., scriveva ironicamente Salvatore Grizzanti, segretario dell Associazione radicale Adelaide Aglieta, pubblicando una foto del cartello di cantiere appeso alla recinzione dei lavori di rifacimento del porido in piazza Alieri ad Asti. Sul cartello si può leggere infati che il commitente dei lavori non è il Comune di Asti, ma l Acea pinerolese industriale e il motivo dei lavori è la realizzazione di un nuovo pozzo in località Chamons, Comune di Fenestrelle. LA QUERELLE Il pasticcio della rotonda fantasma del cavalcavia Giolitti e le spiegazioni primaverili dell allora assessore Angela Quaglia Il signor Giuseppe Pazienza si lamenta del fato che i lavori per la realizzazione della rotonda sul cavalcavia Gioliti siano fermi da tempo nonostante le sollecitazioni e la risposta, nei primi mesi di quest anno, dell allora assessore ai Lavori Pubblici Angela Quaglia. I lavori sono tut ora fermi. E il signor Pazienza fa ancora sentire la sua voce: La scadenza di cui parla l assessore Quaglia è passata, è passata anche l estate. Quando verranno fati i lavori?. Di seguito riportiamo il primo intervento del signor Giuseppe Pazienza e la risposta dell assessore Angela Quaglia. Scrivo a proposito della rotonda fantasma che si sarebbe dovuta costruire sul cavalcavia Giolitti. Da semplice cittadino sono basito, sono stati spesi soldi pubblici per preparare il terrapieno, poi per anni è rimasta lì a sedimentare. Adesso sono mesi che è stato abbattuto il marciapiede ma i lavori si sono fermati lì. Come mai non si riesce a realizzarla? Sono mancati i soldi? Dovevano costruirla gli impresari al posto delle opere di urbanizzazione? Se sì perché non l hanno fatto? E se non lo faranno, almeno è stata messa una fidejussione per garantire la realizzazione dell opera?. > Giuseppe Pazienza Egregio direttore, rispondo, tramite le pagine del Suo giornale, al sig. Pazienza che pone legittimi interrogativi riguardo alla realizzazione della bretella di collegamento tra via Cuneo e corso Venezia. I lavori, come ha correttamente descritto il lettore, sono fermi da tempo e la loro ripresa è stata più volte (verbalmente e per scritto) sollecitata dall Assessorato ai Lavori Pubblici-Servizio Urbanizzazioni. Occorre chiarire, per completezza di informazione, che tali lavori derivano da due permessi edilizi e precisamente: n 119 del 9 aprile 2009 n 184 del 25 agosto 2010 e che la fine imposta per tali opere è l 8 aprile L importo complessivo dei lavori è di euro , a totale carico dei soggetti attuatori. Ciò significa che chi ha costruito o sta costruendo in zona anziché pagare direttamente al Comune gli oneri di urbanizzazione, provvede direttamente a progettare e dirigere le opere che sono state concordate con il Comune, utilizzando le somme che altrimenti avrebbe dovuto versare. I soggetti attuatori hanno appaltato tutti insieme le opere in questione ad un unica impresa (C.S. costruzioni s.r.l.) e, per quanto riguarda il movimento terra, alla ditta Creuma e ad altre ditte minori per interventi specifici, responsabili dei lavori sono l ing. Mogliotti e l arch. Cavallero. E importante sapere che tutti i soggetti attuatori degli interventi edilizi hanno garantito con atto notarile la corretta esecuzione delle opere,depositando singole fidejussioni a favore del Comune con importi maggiorati del 30% Qualora tali opere non venissero compiutamente realizzate entro l aprile 2012 il Comune potrà escutere le fidejussioni e, surrogando la committenza, far completare i lavori. Vorremmo non dover arrivare a questo punto. Preferiremmo che i lavori andassero avanti come concordato ma per far ciò occorre che l impresa che deve procedere con le opere venga correttamente pagata. A tal fine (oltre ai numerosi solleciti cui facevo cenno prima) è stata anche organizzata una riunione per definire correttamente il percorso da seguire. L obiettivo è di consegnare alla città questa importante opera di collegamento stradale entro la prossima primavera. Con viva cordialità. > Angela Quaglia assessore ai Lavori Pubblici Comune di Asti Vegetazione sul cartello dei lavori in corso! 13

14 lxix ~~~~ ITALIA EUROPA AFRICA A SIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login 1 Registrati 1 Lunedì, 10 Settembre ~ TEMI CALDI: ) LA CRISI DELL'EUROZONA ) ) PRESIDENZIALI USA ) ) CASTA & SPRECHI ) ) VIOLENZA IN SIRIA ) STORIE CRONACA POLITICA ECONOMIA CULTURA AMBIENTE STILI DI VITA TECNOLOGIA BENESSERE SPORT MOTORI GOSSIP FATTI PERSOt4E TEI4DE14ZE FOTO VIDEO FIRME BLOG LETTERE COMMENTI TV L430 CoogleQ e POLITICA Hom e» Politica» Bossi: «Anche un asino m eglio di Monti» I)Mipiace 2 '#Tweet 6 Q CONDIVIDI.. 'i{}l}_ T- T T+ L'ATTACCO Bossi: «Anche un asino meglio di Monti» Il senatur: «Temo che l'aiuto della Bee sia un patto di occupazione». l SEGUICL: 13 0 ~ 1!1 ~ m l (m;] ART ICOLI CORRELATI BSD Boss~ tentazione Tremonti + Il Senatùr potrebbe appoggiarlo Dal palco di una festa della Lega a Poirino Umberto Bossi ha attacco il presidente del Consiglio Mario Monti: <Sarà un professur, ma qualunque asino avrebbe fatto meglio di lui». Sull'acqui sto della Bee dei titoli di stato italiani ha detto: <<Bisogna vedere quanto ci costa. Temo sia un patto di occupazione. Temo che non saremo più noi a decidere le nostre leggi ma loro. E allora rimpiangeremo di avere eletto un banchiere a fare il politico». Lega, Bossi su Monti: «Ha fallo, se ne vada» Il Senatùr alla ~erghe~ ~ e-st -~~: Senza Sud, Nord fu o n dalla cnsl» + lfilliliii J9ihil Bossi: «Monti ha fallo e ha favorlo BeppeGrlo» + Il Senatur: -~~: l1l a la Lega è unita» Calderoli: -~~:N apo litano a casa». Domenica, 09 Settembre 2012 TAG: UMBERTO BOSSI - MARIO MONTI BOSSI MONTI A SINO BO SSI OCCUPAZIONE BCE IJMi piace 2 '#Twe et 6 Q CONDIV IDI.. 'i(1, f:a } T- TT+ Hai la Partita IV A? ADSL e Telefono Flat + 120min/mese verso i cellulari a soli 19 /mese 1 Scegli Tu! [!> ~ COMM E N Tl (B) Gig i76 10/seV :14 riflettendo il problema di questi individui è che purtroppo hanno ancora un seguito di persone che vanno loro dietro e puliscono ancora loro il culo mollo e flaccido... anche se m i stupisce che ci siano ancora... ( non so che vocabolo usare )... che credono ancora alle loro parole... questi sono personaggi che devono essere dimenticati ed ignorati Sbibbas 101seU :50 Pudore Eccoci di fronte ad un altro bel personaggio che il pudore non sa nemmeno cosa sia. Tralasciamo tutti gli inciuci di cui è stato povera vittima a sua insaputa, dal terrazzi no alla trota regionale, c'è daw ero di che sbizzarrirsi... la prima domanda che verrebbe da farsi è come mai costui non si trovi in galera, ma si sa, sarebbe troppo facile rispondere, d'altronde siamo nella terra dei balocchi, dove l'ex mini primo ministro si vanta di aver avuto innumerevoli processi e foraggiato con milioni di euro stuo li di Ghedini e Bongiorno varl. Assodato che il Nostro sia ancora a. piede libero e con la coscienza candida, l'altra domanda che mi gira per la testa è: ma chi è stato quasi ininterrottament e al governo per gli ultimi 18 anni? La sua eminente materia grigia non poteva sfruttarla per portare il paese fuori dalla melma invece che sperperarla per sostituirsi al naturale corso delle acque dal Monviso all'adriatico? L'ignoranza del personaggio si manifesta in tutto il suo splendore nel classificare come stupidi gli asini, ma mi creda l'umberto, noi umili lavorato ri vorremmo tanti più asini in parlamento e politici come Lei a brucare nei verdi prati padani! l uxmax 10/set/ :05 questa non si può accettare... al di là di ricordare al sing. Bossi (il corrotto moralizzatore) che, essendo stati fino a meno di 1 anno fa al Governo con il suo x compare "nano ballerino", è meglio non fare queste affermazioni boomerang.. chiederei a Letera43 di smetterla di dare visibilità alle dichiarazioni del padre del Trota, sopratutto perchè sono pixe l dello schermo sprecati PAGLIACCIO t ut ela debit i Hai Debiti con banche. finanziarie. Fisco o altri creditori? Chiamaci! -.ProfessioneOeb iti.itfsoluzione Laurea On Line 5 facoltà senza t est di ammissione con e Campus. Contattaci ora! w.lffl.uniecsmoos.it Inglese - Test e Verifica Scopn Il tuo livello d'inglese l Test gratis, risultato immediato. w.lffl.wallstreet.itltest ing lese Scegli Tu! [t> Gig i76 101seV :18 ormai rincoglionito, avrebbe più bisogno di una casa di cura che avere ancora spazio politico nelle testate giornalistiche. Che pena.. e pensare che la cura "Monti" è aw enuta anche per colpa sua ma i problemi con i soldini della Lega già si sono risolti? oppure è normale prendere soldi dal partito per farsi i propri affarucci e passar si i propri sfili?!? anche perchè potreste darne pure a me... vi voterò di sicuro... attila /set/ :55 asini e trote gli asini anche se il padre del trota non lo sa sono animali intelligenti,invece certi personaggi che si vestono da vichinghi con spadon i e corna o che vanno alle sorgenti del P o e portano l'acqua benedetta in laguna e si credono statisti sono solo ASINI uman i.(chiedo scusa agli animali) Grinch 10/set/ :43 14

15 44 Mercoledì 12 settembre 2012 Anno Numero 35 A cura di Ezio Marchisio e Tonino Rivolo Castiglione, protesta contro tangenziale est Il Governo Monti è intenzionato a incentivare la realizzazione della tangenziale est. Dagli 800 milioni di spesa sarà scorporata l Iva per 165 milioni. Ok della Confindustria, protesta degli ambientalisti secondo i quali l opera deturperebbe il paesaggio collinare torinese. Marcia di protesta sulle colline il 30 settembre. Cavallermaggiore, il sindaco contro frequentatori delle lucciole Per debellare la prostituzione lungo le strade il sindaco Antonio Parodi ha emesso un ordinanza valida su tutto il territorio comunale in cui vieta di sostare lì per contattare le lucciole, concordare la prestazione o anche soltanto chiedere informazioni. La disposizione vale fino al 30 novembre. E dopo? Poirino, un pieno gratis da 740 euro: denunciati Il gestore della Total Erg della Regionale 29 dimentica di attivare il dispositivo selfservice notturno. Un motociclista si accorge che non si paga e fa il pieno anche per sei amici che giungono in auto per 14 rifornimenti. La videosorveglianza registra, i Carabinieri risalgono agli autori. Denunciati. Torino, Porte aperte a Palazzo Lascaris Riprendono sabato 15 le visite guidate al Consiglio regionale in via Alfieri 15 per conoscere da vicino il funzionamento del parlamento piemontese e il valore artistico del Palazzo e delle opere d arte esposte. Gruppi da 15 a 30 persone, il sabato dalle 10. Prenotazioni su piemonte.itprenotint. Vernante, progetto esecutivo per il Tenda bis La Provincia di Cuneo ha approvato, per quanto di sua competenza, il progetto esecutivo per lo scavo del tunnel bis che collega la Granda alla Costa Azzurra. Entro il 22 ottobre la consegna dei lavori che inizieranno a Vernante e in Francia sui quattro tornanti a valle del tunnel. Eventi in primo piano Oulx, a Beaulard torna Bosco e territorio Sesta edizione dal 14 al 16 dell evento biennale organizzato dall assessorato alla Montagna della Provincia riservato ai tecnici e ai professionisti della filiera del legno. Quest anno si apre anche Boster, fiera dedicata alla valorizzazione del legno e alla gestione sostenibile dell ambiente boschivo. Info: Torino, Cignaroli vedutista del Regno di Sardegna Apre domani al museo Accorsi-Ometto, via Po 55, la mostra su Angelo Cignaroli ( ) «regio pittore di paesaggi e boscarecce» figlio del più noto Vittorio Amedeo. Angelo si specializzò in vedute dal vero di residenze reali, città, villaggi e panorami alpini del Regno di Sardegna. Fino al 6 gennaio. Info: fondazioneaccorsiometto.it. Mi piace perchè: è il mio modello. Diventa fan su: Domenica 16 settembre alle emozioni in passerella con l esclusiva silata di moda. 50 NEGOZI, 2 MEDIE SUPERFICI, BAR E RISTORANTI Via Cascina Vastameglio, 3 Pinerolo (To) N ATURALMENTE APERTO da LUNEDÌ a DOMENICA 9,00 21,00 Le due valli CENTRO COMMERCIALE U N A S C E L T A N A T U R A L E Fine settimana, che tempo farà... Pinerolo Cuneo Biella Verbania Novara Vercelli Torino Asti Alessandria EDITRICE: Cooperativa Cultura e Comunicazioni Sociali s.r.l. Editrice de: L Eco del Chisone e L Eco Mese Registrazione del Tribunale di Pinerolo n. 1 del DIREZIONE - REDAZIONE E UFFICIO ABBONAMENTI: Viale Primo Maggio, 7 (Z. I. Porporata) Pinerolo Tel (Fax ). Casella Post Conto Corrente Postale n (intestato a: Cooperativa Cultura e Comunicazioni Sociali - Editrice) Orario: dal lun. al ven. 9-12, 15-18; sab COMPOSIZIONE IN PROPRIO IMPAGINAZIONE: TLG Pinerolo - Tel STAMPA: CSQ Erbusco (Brescia) Una copia 1,20 - Con L Eco mese 2,40 Numeri arretrati il doppio. Abbonamento Annuo Cumulativo L Eco del Chisone + L eco mese Postale: 53,00; Presso edicola: 50,00 Estero: 175,00 Europa; 250,00 fuori Europa. Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196 ( Codice in materia di protezione dei dati personali ), si comunica agli abbonati che i dati forniti all atto della sottoscrizione dell abbonamento vengono trattati nel rispetto delle modalità di cui agli artt. 11, 31 e seguenti e mediante l adozione delle misure di sicurezza previste dal disciplinare tecnico. Settimanale cattolico di Pinerolo Fondato nel 1906 Direttore responsabile Pietro Giovanni Trossero Vice Direttore Mirko Maggia Redattori Daniele Arghittu - Daria Capitani Sofia D Agostino - Alberto Maranetto Paola Molino - Aldo Peinetti Paolo Polastri - Luca Prot - Lucia Sorbino F.I.P.E.G. Federazione Italiana Piccoli Editori Giornali Aderente Federazione Italiana Settimanali Cattolici CONTATTI: Direttore: Cultura: Società: Economia: Pinerolo: Pedemontana: Val Chisone: Val Pellice: Valle Po: Val Sangone: Pianura: Spettacoli: Sport: Dialogo: PUBBLICITÀ: Publieco s.r.l Pinerolo (To) - Piazza Barbieri, 2 - Tel (Fax ) - Internet: - Orario: dal lun. al ven. 8,30-12,15; 14,30-18 DIFFUSIONE D IMMAGINE TARIFFE PUBBLICITARIE: Per ogni modulo (mm. 35 x mm. 34) Commerciali 39,50; 1ª pagina a colori 115,00; Occasionali 60,00; Avvisi/cronaca/ fi nanziari/ legali/concorsi 60,00; Posizione di rigore +10%. Per ogni mm/col. (Necrologie) Ringraziamenti 1,55; Anniversari 1,20; Partecipazioni lutto 2,00. Per ogni parola (Economici) normali 1,50; neretto 1,60; domande lavoro/normali 1,00; domande lavoro/neretto 1,10. Diritto Fisso 3,50 / 5,50 + IVA 20%. Il giornale si riserva in ogni caso di rifi utare qualsiasi inserzione. È vietata la riproduzione dei testi pubblicitari. 15

16 PR Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di Poirino 64. Provincia.LA STAMPA GIOVEDÌ 13 SETTEMBRE 2012 R Marentino Cadedaunpalo del telefono Stava sistemando i cavidiunalinea telefonica, alle porte di Marentino, quando iltraliccioinlegnosiè spezzato sotto il suo peso facendolo cadere. Antonio Nasso,60anni,èstato Il traliccio subito trasportato in elicottero al Cto. Ha riportato un forte trauma cranico ed è in prognosi riservata. E successo ieri mattina al fondo di strada Luca.«Stava già scendendo dalla scala quando quel palo, vecchio di vent anni, è andato giù» racconta Luisa Citterio, che aveva chiesto l intervento di un tecnico per il malfunzionamento dei telefoni di casa. L uomo non ha mai perso conoscenza, ma subito dopo essersi rialzato non ricordava nulla dell incidente. [F. GEN.] Alta Val Susa Fondi regionali per l innevamento «Bisogna inserire nell elenco degli interventi da fare sugli impianti ereditati da Torino 2006, anche quelli di proprietà regionale che riguardano l innevamento artificiale della Vialattea e di Bardonecchia. Così facendo si potrebbero utilizzare per la gestione e il funzionamento di questi impianti i fondi per la manutenzione straordinaria previsti dalla legge 65/12 sulla valorizzazione turistica delle aree olimpiche». È l appello di Mauro Meneguzzi, sindaco di Sauze d Oulx e rappresentante dei Comuni olimpici, che domani presenterà alla riunione della Fondazione Olimpica 20marzo.«In questo modo- conclude Meneguzzi- verrebbe risolto il problema del reperimento delle risorse, a oggi mancanti, per l innevamento artificiale nella prossima stagione». [A. MAC.] Inaugurazione Apertalascuolacontainer GlialunnitornanoaVenaus Il vecchio istituto è inagibile dal 2010, i ragazzi andavano a Susa Evento FRANCESCO FALCONE Ungiroperlevie delpaeseasuon di musica con compagni e maestre. Poi, nel giardinoaduepassidaiprefabbricati che ospitano le scuole comunali, la cerimonia d investitura ufficiale degli allievi che da ieri frequentano il primo anno della primaria: contantodicoronaintestae fascia al collo consegnate dal sindaco Nilo Durbiano e dal maestro Paolo, mentre gli altri26allievieleinsegnanti Anna Maria, Stefania a Silvana applaudono sullo sfondo. Èstatounprimogiornodi scuola decisamente inusuale, e tutt altro che traumatico, quello vissuto ieri mattina dagli otto bambini(sette bimbe e un maschietto) che hanno varcatoperlaprimavoltai cancelli dell elementare di Venaus. Una scuola altrettanto speciale: nata in grossi e accoglienti container, nel volgeredipochimesi,adun centinaio di metri dal vecchio edificio scolastico dichiarato inagibile nel 2010, proprio alla vigilia dell anno scolastico; una scuola prefabbricata che ha scongiurato ad un intera generazione di studenti la trasferta obbligata a Susa per frequentare l asilo e le elementari. «Per l amministrazione di Venaus, l istruzione è un servizio primario», sottolinea il sindaco Nilo Durbiano al termine della cerimonia di benvenuto degli studenti, soddisfatto della scelta«difficile e a rischio d impopolarità» compiuta solo due anni fa. «Da tempo rinunciamo a pagare i fuochi d artificio, ma per asilo e scuole elementari d eccellenza continuiamo ad investire incalza il sindaco-: 60 scolari È il numero dei bambini ospitati nella nuova scuola primaria (elementari più materna) aperta nei container sistemati a pochi metri dal vecchio istituto scolastico dichiarato inagibile Il saluto del sindaco Nilo Durbiano, primo cittadino di Venaus, consegna corona e fascia ai piccoli studenti del primo anno. «Rinunciamo volentieri ai fuochi d artificio, ma per asilo e scuole elementari d eccellenza continuiamo ad investire» tant è che abbiamo due dipendenti comunali che tutti i giorni cucinano pasti freschi con verdura e frutta forniti da una cooperativa del paese. E, allo stesso modo, il Comune finanzia il tempo prolungato della primaria, con corsi di inglese, musica, costruzione di strumenti musicali e agricoltura». L obiettivo resta quello di costruire una scuola con paretiepavimentiinmattoniecemento. Ma, nel frattempo, in quanto a servizi per la didattica,sifailmassimo:«dopola perizia che ha mostrato l inadeguatezza antisismica del vecchio edificio, abbiamo volutostringereitempi ricordail sindaco- e scelto una soluzionechehapermessodiaprireil nuovoasilogiàadottobreeriportare i ragazzi dell elementareinpaesedopopochimesi inesilio asusa».tuttii60 bambini oggi hanno una scuola prefabbricata sicura, accogliente e dotata di lavagne multimediali. «La cerimonia di benvenuto testimonia il legame della nostra comunità con gli studenti - ricorda il sindaco del piccolo paesedellavalcenischia-.e siamo pronti a spendere ancoraperilnuovoedificioconcinqueauleelaboratori,maprima chiediamo certezze normative. Perché non vorremmo,alavorifiniti,chelariforma Gelmini-bis ci costringesse amandaretuttiiragazziasusa, come oggi siamo obbligati alla pluriclasse prima-seconda-quinta anziché poter unire risorseealunniconilvicino paese di Novalesa». in breve Chivasso Funerali coniugi Fotia Si svolgeranno domani alle 14,30, in Duomo, i funerali dei coniugi Lorenzo Fotia e Pasquina Di Mascio, trovati morti nella loro abitazione venerdì scorso, per omicidiosuicidio. Prima di essere tumulate le bare sosterranno presso la«sala del Regno» dei Testimoni di Geova. Chivasso Incontro sulla crisi «Vuoi comprendere la crisi? Austerità e alternative. Dialoghi sulla crisi...». Sono i temi dell incontro che si terrà questa sera, alle 20,45, nella sala consiliare di Palazzo Santa Chiara(Municipio). Cambiano Strade rimesse a nuovo Lacittàmettemanoal portafogli per sistemare le vie più malandate. Il Comune ha approvato un investimentodaoltre170milaeuro,che saranno impiegati in centro comeinperiferia.iprimilavori riguarderanno il viale del cimiteroelafrazionedimadonna della Scala. Poirino Unitré al via Oggi, alle 17,30 nella biblioteca di via Cesare Rossi, consiglio direttivo e soci presenteranno il programma di lezioni e conferenze che si svilupperanno durante l anno accademico. Le adesioni ai corsi inizieranno sabato 15 settembre. Pinerolo Nuovi primari Sono stati nominati due nuovi primari all'ospedale Agnelli. Per Chirurgia Generale Mauro Garino che proviene dall Azienda ospedaliera S.Giovanni Battista/Molinette, mentre il reparto di ostetricia e ginecologia avrà come primario Nicola Ghione del S. Croce di Moncalieri. Pinerolo Scambio libri È stato avviato uno scambio di libri tra le bibliotechedipineroloegap.ilettori pinerolesi potranno trovare nella biblioteca Alliaudi volumi in francese provenientidallacittàgemelladigap. Caluso Domani i funerali dei coniugi morti Si svolgeranno domani alle 15,30, nella chiesa parrocchiale di Caluso, i funerali deidueanzianimortil altroieriinun incidente stradale avvenuto nell Astigiano. Giovanni Boggio, 81 anni, e della moglie Mariuccia Clara, 75: 42 anni di matrimonio, un intera vita percorsa insieme. Erano entrambi molto conosciuti in paese. Giovanni Boggio era responsabile dell ufficio acquisti alla Lancia di Chivasso. A Caluso era stato per tanti anni membro del consiglio di amministrazione dell asilo Guala e vice presidente della Pro loco. Mariuccia Clara, originaria di Torrazza, impiegata in un azienda di Chivasso, si era trasferita in Canavese dopo il matrimonio. Martedì mattina erano partiti alla volta dell Astigiano per festeggiare, con un pranzo fuori porta, l onomastico di Mariuccia. Chivasso Precipitano nel pozzo del depuratore Tecnici Smat salvati dai vigili del fuoco Tragedia sfiorata in località Arianasso Un operaio ricoverato al Cto con fratture DIEGO ANDRÁ È stata sfiorata la tragedia, ieri mattina in località Arianasso di Chivasso, per un infortunio sul lavoro avvenuto all interno del depuratore comunale della rete fognaria cittadina, gestito dalla Smat di Torino. È accaduto intorno alle 10,30 presso la stazione di sgrigliatura elettromeccanica, che necessitava di un particolare intervento di manutenzione all interno di un pozzo profondo alcuni metri, dove confluisconotutteleacqueconirelativi detriti della condotta finale della fognatura. Nell incidente sono rimasti coinvolti due tecnici della Società Metropolitana Acque Torino. Si tratta di Massimiliano Coccu,40anni,diTorino,che durante l intervento di manutenzione con il collega Sergio Bussolo, 39 anni, pure residente nel capoluogo piemontese, percauseincorsodiaccertamento è precipitato in fondo al pozzodovec eraunmetrodi 16 acqua di fognatura. Con il telefonino Bussolo ha subito chiamatoisoccorsieconlascaletta metallica fissa collocata all interno del pozzo è sceso rapidamente a prestare aiuto al collega rimasto ferito. E soprattutto a tenerlo sollevato con la testa fuori dall acqua, evitandogli di annegare. Sul posto si sono precipitati il118,ivigilidelfuocoedicarabinieri di Chivasso. I pompieri sisonocalatinelpozzo,per primo hanno fatto salire Bussolo, lievemente contuso, e dopo aver imbragato Cossu lo hanno sollevato fino alla sommità. Poi con l elisoccorso è stato trasportato al Cto, dove i Controlli I tecnici stavano eseguendo lavori ispettivi all interno di un pozzo fognario medici gli hanno diagnosticato un trauma cranico, una frattura costale e vertebrale. Massimiliano Cossu è stato poi ricoverato in prognosi riservata. Sul posto è anche intervenuto lospresaldell AslTO4,ilServizio di Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro.

17 CORRIERE DI CHIERI 4 CRONACA CITTADINA Venerdì 14 settembre 2012 DOMENICA 30 SETTEMBRE Torneo di calcio a cinque e beach volley per non dimenticare Ugo Boni, sindacalista Cisl «Ugo? Per me è nell altra stanza. C è anche se non lo vedo». Così Rosa Semeraro ricorda Ugo Boni, il compagno di una vita. Santenese di origini, segretario provinciale della Sicet (sindacato inquilini Cisl), Boni è prematuramente scomparso nel gennaio scorso. In sua memoria il 30 settembre si disputerà un torneo sportivo: già oltre 120 gli iscritti, comprese le squadre dei parenti, dei nipoti e dei bimbi piccoli i cuccioli di Ugo. Le gare, di calcio a cinque e di beach volley, si disputeranno allo Sporting club di via Alpignano 15 a Val della Torre, con inizio alle 9,30. Più possibilità per il pranzo: al sacco (in struttura coperta), o servito dai gestori dell impianto (6 euro). In serata, i- noltre, grigliata (18 euro) e premiazioni (per informazioni ). Il torneo coinvolgerà le associazioni che più hanno toccato la vita di Boni: in particolare la Cisl e la Croce rossa. Per tutti i giocatori, magliette che ricordano l amico scomparso. Da un lato portano la scritta Con noi... e dall altro...nel cielo,...nel sole,...nell anima o...nel cuore. In occasione dell evento verranno raccolte offerte che saranno devolute all Iscos (Istituto sindacale per la cooperazione e lo sviluppo), in particolare per il progetto in Brasile che tutela bambine sottratte alla prostituzione. Stop alla discarica a marzo si chiude Cambiano, niente proroga Lunga vita alla discarica di Cambiano? No, grazie: «Nessuna proroga, l impianto chiuderà definitivamente tra febbraio e marzo 2013» assicurano Roberto Ronco, assessore all ambiente della Provincia di Torino, e Davide Pavan, direttore del Consorzio Chierese per i servizi. La precisazione di Ronco è arrivata martedì in Consiglio provinciale, in risposta a un interrogazione della Lega Nord: «Ci risulta che l Autorità d ambito dei rifiuti abbia presentato una richiesta ufficiale a riguardo esordisce la consigliera Patrizia Borgarello, in passato assessore a Santena nella Giunta Nicotra Nei mesi scorsi l Ato aveva proposto di rimodellare e ampliare la discarica di Cambiano a causa dei ritardi del termovalorizzatore del Gerbido. L idea era che l impianto ospitasse ulteriori quantità di rifiuti del Chierese e anche del vicino Consorzio del Covar 14, che comprende il Moncalierese». Un eventua- RIFIUTI In primavera apre il termovalorizzatore Roberto Ronco e, dietro, Davide Pavan lità che l assessore ha smentito: «Il Piano d ambito non prevede un ampliamento della discarica di Cambiano. Nell ultimo periodo, inoltre, c è stata una riduzione della produzione di rifiuti indifferenziati nel territorio del Consorzio Chierese per i servizi: ciò permette di utilizzare la discarica anche nei primi mesi del 2013, senza giungere al suo esaurimento. Il Covar, invece, da settembre non conferisce più il suo pattume a Cambiano: questo mese lo porterà (circa mille tonnellate, N.d.R.) a Grosso e Mattie, mentre da ottobre andranno a Pinerolo e Grosso». Secondo l assessore all ambiente, la chiusura dell impianto dovrebbe quindi coincidere con l entrata a pieno regime dell inceneritore del Gerbido. «E, se così non fosse, porteremo i nostri rifiuti altrove interviene Pavan Cambiano sarà satura e verrà chiusa. Comunque siamo ottimisti, dovremmo far coincidere le due scadenze: ci hanno sempre assicurato che i lavori del termovalorizzatore procedono bene e che il cantiere ha recuperato il tempo perduto». Lunedì il direttore del Consorzio Chierese parteciperà a un incontro proprio per discutere dell avanzamento dei lavori al Gerbido: «Ne sapremo qualcosa di più e di certo. Comunque, anche se non dovessimo farcela a far quadrare i tempi, posso assicurare non ci saranno disagi o costi aggiuntivi per gli utenti: il contratto con le ditte che si occupa dello smaltimento prevede lo stesso prezzo fino a cento chilometri da Chieri. Anche in caso di ritardi, quindi, non ci saranno problemi per il conferimento per le nostre circa tonnellate mensili». Pavan sostiene anche l ampliamento della discarica non sia mai stata davvero in discussione: «Forse l Ato ha riflettuto su questa opportunità quando non sapeva dove destinare l immondizia del Covar 14. Poi ha risolto e l idea è stata accantonata». E l impianto di Cambiano resta praticamente l unico della Provincia a non essere stato ampliato. Borgarello prende atto delle risposte ma non è tranquilla: «Vigileremo sulla questione. Ci sembra comunque opportuna una rivisitazione del Piano provinciale dei rifiuti: questo settore continua a dissanguare i portafogli dei cittadini, che pagano bollette sempre più salate». Federico Gottardo 17 Messa e pranzo sociale All oratorio S.Luigi per la prima volta ex allievi e consorti Gruppo uomini ed ex allievi salesiani a convegno domenica, con l invito per la prima volta di farsi accompagnare dalle consorti. «Vogliamo così rilanciare la presenza delle famiglie nella vita dell oratorio San Luigi - commenta Agostino Franco, presidente degli ex allievi - Se ci sono i genitori, ci saranno anche i figli». Alle 10 messa in S. Margherita, concelebrata da don Enzo Macchioda e dall ex allievo don Beppe Stroppiana. Verranno ricordati gli ex allievi defunti nell ultimo anno (tra essi i fratelli Enio e Nanni Quagliotti). Poi, in teatro, il presidente terrà una relazione sulle attività. Quindi pranzo sociale in oratorio (quota 20 euro, prenotazioni dell ultima ora al ). In arrivo la 2ª rata di fondi ai Comuni del Chierese Sbloccato il Patto di stabilità un milione per pagare fornitori «Adesso possiamo saldare un po di debiti». Arriva la seconda rata dei fondi sbloccati dal Patto di Stabilità. La Regione, martedì mattina, ha approvato la delibera Interventi a sostegno degli Enti locali piemontesi soggetto al Patto di stabilità interno che permette di fatto ai Comuni nuovi spazi finanziari per 21 milioni. Nel Chierese sarà liberato più di un milione: serviranno a saldare i pagamenti alle imprese che lavorano per le amministrazioni comunali. «Questi 21 milioni si sommano agli oltre 55 destinati ai Comuni piemontesi, già deliberati nel luglio scorso», spiega l assessore regionale al Bilancio, Giovanna Quaglia. La somma più cospicua spetta al Comune di Chieri, 295mila euro che si aggiungono ai 726mila arrivati a luglio. In tutto un milione e 21mila euro. Cambiano potrà spendere in tutto 200mila euro: 56mila di settembre e 144mila di luglio. Il totale per Pino Torinese è 319mila euro: 88 adesso e 219 arriva a luglio. Nelle casse del Comune di Poirino sono arrivati 70 mila euro che si aggiungono ai 343mila di luglio, in tutto 413mila euro. A Santena spettano 284mila euro: 198mila dall approvazione di luglio e 86mila di settembre. Trofarello ottieme 715mila euro: 881mila incassati a luglio e 166mila questa settimana. Sottolinea Antonio Vigliani, assessore al bilancio di Chieri: «I soldi servono soprattutto a mantenere un equilibrio tra entrate e uscite».

18 CORRIERE DI CHIERI Venerdì 14 settembre 2012 Dintorni NEI DINTORNI 23 POIRINO - A maggio aveva promesso di non farlo. «Ma purtroppo al Comune mancano 750 mila euro» L Imu farà cadere il sindaco? Tamagnone rischia di dover applicare la tariffa massima POIRINO Un buco di euro potrebbe aprirsi nelle casse comunali. E il sindaco Sergio Tamagnone rischia di perdere la maggioranza se non potrà abbassare le aliquote dell Imu come promesso ai suoi a fine maggio. La decisione entro fine ottobre; ma se i tagli dei trasferimenti statali dovessero rimanere quelli attuali, la strada è segnata. «La situazione è confusa, siamo sempre in attesa di risposte dal Ministero delle finanze. Ma ho la sensazione che riusciremo a cavarcela» non abbandona le speranze Tamagnone. Ma da cosa nasce il rischio deficit? Dalla mancata conferma, finora, della concessione del Ministero dei euro annunciati come premio per la virtuosità del Comune per non aver usato negli anni scorsi né i soldi degli oneri di urbanizzazione né l avanzo di amministrazione per pareggiare il bilancio. In più, fino ad oggi, il Ministero non è tornato sulla decisione di tagliare altri euro per il mancato introito dall Irpef sulle case sfitte. «Ai tempi dell Ici, per gli immobili non locati si pagava anche l Irpef, un imposta che andava completamente allo Stato spiega il sindaco Ora questa è stata conglobata nell Imu e a Roma non arriva più nulla. Così ci taglierà euro di trasferimenti». Ma il capo della Giunta non ci sta. Contesta i dati del Ministero: «Per raggiungere quella cifra, in paese dovrebbe esserci una casa vuota ogni quattro. Potrebbe essere vero in Comuni turistici, in Liguria o in montagna, dove le seconde case sono tante. Ma non da noi. Come è possibile che a Santena, con residenti e case pressoché simili ai nostri, il taglio dei trasferimenti si aggiri sui euro?». Così si rischia la voragine da euro. Come fare a colmarla? Aumentare le aliquote Imu e ridurre molti servizi. Ma su questo secondo fronte c è poco da risicare, assicura Tamagnone: «I nostri servizi non sono molti: mensa, bus, nido, contributi alle associazioni e contributi al Consorzio socio assistenziale. E per tutti, i costi sono pressoché giusti, non ci sono sprechi. In più non abbiamo società partecipate di cui disfarci». Non resta perciò che l altra arma: l aumento dell Imu. Efficace ma a doppio taglio. Che, oltre a suscitare grosso malcontento tra i contribuenti, potrebbe rivoltarsi contro lo stesso sindaco. Nel Consiglio comunale in cui è stato approvato il bilancio, a maggio, Tamagnone ha aumentato le aliquote dal 4 al 5,5 per mille per la prima casa e dal 7,6 al 9,1 per tutti gli altri immobili, meno i fabbricati rurali. Ma ha assicurato: «Sono aliquote assurde, messe sulla carta solo per far quadrare i conti. Ma a settembre (ora rinviato ad ottobre, ndr) le riduco». I sette consiglieri delle minoranze non ci sono stati. Ed era prevedibile. Ma hanno masticato a- maro anche quattro di maggioranza: Ilario Marchisio, Alberto Bosio, Paolo Vandini Thaon di Revel e l alleato leghista (tale si conferma lui nonostante la recente scomunica del Carroccio piemontese) Giovanni Berruto. «Se a settembre le aliquote non calano voteremo contro» annunciava il capogruppo Bosio. Per ora i quattro non rivelano le intenzioni: «Non anticipiamo nulla, in questo mese e mezzo la situazione può cambiare». Ma se dovessero rimanere fermi sulle loro posizioni, la maggioranza svanirebbe scendendo ad otto consiglieri su diciassette, sindaco compreso. Tamagnone, pur continuando a pensare che tutto si aggiusterà, non se la sente di fare previsioni: «In questo momento non so come andrà a finire». Mario Grieco Poirino, l invasione dei cartoni viventi Scambi e competizioni tra cosplayer. A lezione con Harry Potter POIRINO IN BREVE CAFFÈ DELLA RIVA GLI UMANI E L ACQUA NELL ARTE DI SAMPIERI Gli esseri umani e il loro rapporto con l acqua protagonisti al Caffè della Riva. Il bar di passeggiata Marconi ospita le tele di Giacomo Sampieri, artista di Settimo Torinese che negli ultimi anni si è fatto conoscere grazie a mostre personali e collettive esposte tra Piemonte e Lombardia. La galleria sarà visibile gratuitamente durante gli orari di apertura del locale: dal lunedì al sabato 8 20, la domenica EX SEGRETARIO STEFANO, NON MARIO IL LEGHISTA ALLASIA Nell articolo a pag. 30 sul Corriere di venerdì 7, intitolato Lega, siluro contro Berruto l ex segretario provinciale è citato come Mario Allasia, mentre si chiama Stefano. Ce ne scusiamo. POIRINO La fantasia scavalca il confine della realtà. Gli eroi di videogame e cartoni animati invadono Poirino. Il palasport di via Dalla Chiesa ospita la seconda edizione di Poirino in cosplay, la fiera dedicata a chi i fumetti li ha nel cuore. Dalle 9,30 di domani, sabato, fino alla sera di domenica si potrà accedere gratuitamente al palazzetto per visitare gli stand di disegnatori, fumetti, hobbisti, videogiochi, gadget, giochi di ruolo e giochi di carte. Ma si potrà assistere anche a spettacoli, concerti, conferenze di doppiaggio e di fumettisitica, esibizioni in costume e, per finire, alla gara cosplay. E una competizione che vedrà alternarsi sul palco giovani e meno giovani che prenderanno sembianze e atteggiamenti di qualche personaggio del mondo fantastico o di quello reale. «Questo è sicuramente l evento principale presenta la manifestazione Isabella Pivaro, presidente di TOoPlay, associazione che organizza l evento Il sabato mattina chiuderanno le iscrizioni per partecipare alla gara e domenica, a partire dalle 15, cominceranno le esibizioni che verranno giudicate da esperti del settore. Ci saranno truccatori e parrucchieri che aiuteranno gratuitamente i partecipanti a entrare ancora meglio nel loro personaggio». Premi per il miglior costume, Isabella Pivaro per il miglior gruppo e per la migliore interpretazione. Ma anche un premio speciale del pubblico, u- no dell organizzazione e un riconoscimento per l accessorio più curato. Tutti i partecipanti al concorso saranno anche protagonisti di una colorata sfilata che animerà il centro paese domenica, dalle 12. Il programma completo della fiera è consultabile sul sito e prevede numerosi eventi dedicati sia al pubblico sia ai partecipanti alla gara. Il sabato mattina esibizione della scuola italiana di combattimento con spade laser, nel pomeriggio gara non ufficiale di cosplay per chi è alle prime armi in questo mondo e l Harry Potter Show. Alle 20,30 u- no spettacolo ispirato alla storia del cartone animato Dragonball e il concerto del gruppo Cartoni in faccia, campioni al Lucca Comics con il loro repertorio di sigle televisive. Sabato sarà anche l Harry Potter Day: maghi e streghette potranno entrare in contatto con il magico mondo di Hogwarts dividendosi nei quattro gruppi in base al responso del cappello parlante. E durante la giornata si seguiranno le lezioni di incantesimi, di pozioni, di creature magiche e di difesa contro le Arti oscure. Nella zona ludica invece, in entrambe le giornate, esibizioni e tornei di Magic, Yu-gi-oh! e Warhammer. Nella stessa area ci sarà la possibilità di conoscere le recensioni e le novità in arrivo nel mondo dei giochi: di carte, da tavolo e videogames. Domenica, alle 9,30 si terrà la conferenza della disegnatrice Samantha Scuri dal tema Perché non tutti sanno disegnare?. Nel pomeriggio il doppiatore Ivo De Palma racconterà i segreti delle voci dei cartoni animati e, dopo di lui, l esibizione di Sunita Zucca, giovane cantante pratese di origine indiana. Alle 15 inizio della gara che decreterà i migliori cosplayer e, al termine delle premiazioni, serata musicale con karaoke. Moreno Strazza POIRINO La Polispostiva riparte ballando il country tra yoga e arti marziali POIRINO La Polisportiva Poirinese è pronta a ripartire con i corsi di danza, yoga, arti marziali e ginnastica. Domani, sabato, dalle 9,30 l associazione sarà presente nel piazzale della Fontana della Giovinezza (via Indipendenza) per far conoscere i corsi e gli orari della nuova stagione. «Dopo 26 anni di attività, durante la scorsa stagione abbiamo raggiunto i 550 allievi abbozza il presidente Daniele Pesce - La novità di quest anno sarà un corso di ballo country». I corsi coinvolgono diverse fasce di età, dai più piccoli con la giocomotricità (informazioni chiamando il ) e la propedeutica alla danza classica (tel ), fino ai più maturi con i corsi di mobilizzazione della schiena ( ), ginnastica di mantenimento e ginnastica dolce ( ). Chi è interessato alla danza può trovare diverse proposte di stili (classica, jazz e hip-hop) e di livello grazie alla Compagniadellanebbia ( ). Per gli amanti delle discipline orientali la scelta è tra le arti marziali tai jutsu ( ) e krav maga ( ), o lo yoga ( ). Chi invece è indeciso sulla disciplina da scegliere può optare per l avviamento allo sport (i ). Tutti i corsi sono effettuati in orari pomeridiani, per i bambini, e preserali o serali, per gli anziani e gli adulti, e sono ospitati nelle palestre delle scuole di Poirino, di frazione Marocchi e nella bocciofila dei Favari. I corsi della Polisportiva, affiliati a livello nazionale al Coni e all Aics, inizieranno a partire da lunedì 17. La prima settimana è di prova gratuita e le iscrizioni si effettuano direttamente con gli istruttori nella sede di svolgimento delle lezioni, con la presentazione di certificato medico per attività sportiva non agonistica. Anche a corsi già avviati è comunque possibile iscriversi. NOTIZIE DALLE AZIENDE AL CASELLO DELL AUTOSTRADA TO-MI Aperto Design Outlet Italiano Presenta Welchome Santhià tutto design e arredamento di qualità SANTHIÀ E aperto a Santhià, u- scita Santhià dell autostrada A4 Torino- Milano, Design Outlet I- taliano che presenta Welchome Santhià il primo outlet italiano del design e dell arredamento di qualità. Oltre metri quadrati di negozi e shop aperti con orario 10-20, inseriti in una scenografia d avanguardia, che guarda al futuro esattamente come l idea che racchiude, ovvero offrire il made in I- taly dell arredo, del design e del tessile dedicato alla casa, a prezzi outlet. Nel nuovissimo design district, 80 grandi nomi dell arredo e del design italiano, ma non solo, ampio spazio alla sperimentazione, alle mostre e ai nuovi creativi, alle collaborazione con archi-star, progettisti, u- niversità e centri di eccellenza. Un esempio su tutti Officina 42, un area completamente dedicata ai designer di talento e all autoproduzione. Qui si comprano pezzi unici, spesso autoprodotti, progetti di ecodesign e si svolgono workshop e contest. Design Outlet Italiano si propone come un centro con grandi nomi e dove il prezzo outlet non significa taglio dei servizi, al contrario, tanti i plus a disposizione dei clienti: interior designer per la progettazione con Idea3, assistenza logistica, montaggio, consulenza per i finanziamenti grazie a Relo Services e info point per qualsiasi necessità. E, là dove si celebra la casa, in tema di scelte intelligenti, non può mancare u- no spazio dedicato alla ristorazione e alle eccellenze enogastronomiche italiane, a chilometro zero naturalmente. A firmare il progetto architettonico, Pier Paolo Maggiora che, insieme a Hadid, Isozaki e Lieberskid, ha contribuito al primo sviluppo del progetto City Life. Officina 42 in particolare rappresenta un network, una vetrina per i designer e per il design, un idea che nasce per promuovere le nuove realtà e offrire una prospettiva differente sul mondo del design industriale. Officina 42 è un punto di incontro reale tra prodotto industriale, aziende e grande pubblico, un esposizione di 900 mq 18 che raccoglie il meglio del design industriale autoprodotto, innovativo, ricercato e che si rivolge a un tessuto di progettisti e creativi che hanno intrapreso un percorso come produttori delle proprie idee. Officina 42 propone all interno del centro di Santhià, completamente dedicato al design industriale, la possibilità di acquistare il pezzo unico, il prodotto particolare, l oggetto che rende unica un ambientazione. Tutti gli artisti che esporranno in Officina 42 sono infatti giovani autoproduttori, che mettono in vendita direttamente al consumatore all interno dello spazio espositivo. Al pubblico, la possibilità di conoscere le nuove tendenze del design e di acquistare l opera originale d eccellenza. Ulteriori info su POSSIAMO AF FIDARCI DI TE? APPELLO ALLE FAMIGLIE DI CHIERI E DINTORNI Il Consorzio dei Servizi Socio Assistenziali del Chierese ha urgente bisogno di famiglie disponibili ad aprirsi all affidamento. Bambini di età diverse hanno necessità di essere accolti individualmente. Per informazioni e contatti chiamare il numero: 011/ o inviare una al seguente indirizzo di posta elettronica:

19 CORRIERE DI CHIERI 38 RUBRICHE Venerdì 14 settembre 2012 La vignetta di Danilo Paparelli Lettere e opinioni I lettori possono inviare le loro lettere e opinioni per posta a Lettere - Corriere, via Andezeno 62 o per fax allo o per a - Il materiale inviato non sarà restituito. Lettere, fax ed devono contenere nome, cognome, indirizzo e numero di telefono del mittente. La redazione potrà sintetizzare e adattare testi troppo lunghi, rispettandone il senso. SANITÀ «Il day hospital oncologico vicino è indispensabile per i malati» IOLANDA CASAGRANDE di e gli appigli a cui ci si aggrappa con forza rimangono solo la famiglia e la speranza che ci è data dal grande ed inestimabile lavoro della ricerca; ma non meno importante è la figura del medico a cui ci appoggiamo che con grande u- manità e professionalità ci segue passo passo nel nostro diffìcile percorso dandoci il coraggio di guardare avanti. Il Dott. Dongiovanni e tutta la sua équipe rappresentano tutto questo per noi malati e se sulla carta i tagli alla sanità sembrano cosi semplici e facilmente applicabili rendono invece, per chi lotta ogni giorno, la vita estremamente difficile aggravando una situazione che già non è semplice. Cambiare il medico in cui si ripone la massima fiducia, allontanarsi dal luogo dove effettuare terapie e controlli... Chi segue cure chemioterapiche non riesce a muoversi agevolmente da solo e non è scontato che vi sia sempre qualcuno in grado di accompagnare il paziente. Inoltre si tratta di cure lunghe e faticose che non si risolvono in qualche settimana, o mese, spesso durano anni. Si fa sempre un gran parlare di mala sanità, ma quando abbiamo un e- sempio di quella buona non siamo in grado di mantenerla in vita per questioni burocratiche. Come possiamo pretendere un ser- ALMANACCO Per occuparsi di un animale occorre avere cuore e testa Egr. Sig direttore. le scrivo per esprimere il mio immenso disappunto riguardo la notizia della chiusura del day hospital oncologico di Oneri e per dare voce a una rabbia che non è solo del Sig Orelli, che ha saggiamente denunciato la cosa, ma di tutti noi malati e delle nostre famiglie. Forse non ci si rende conto di come questo reparto rappresenti un servizio non solo utile ma indispensabile e fondamentale per la nostra cittadina, sia per l estensione della zona servita sia per la tipologia di malattia trattata che ormai è diventata, purtroppo, sempre più frequente e in grado di colpire a qualsiasi età. Quando si riceve la diagnosi di cancro viene a mancare la terra sotto i pievizio sanitario degno di questo nome se non diamo ai medici gli strumenti necessari per esercitare al meglio??? Si devono trasformare ogni giorno da medici a contabili e fare più attenzione a non sforare nei costi che alle terapie da eseguire. Il nostro ospedale, per quanto chiacchierato e criticato, rappresenta un punto di riferimento all avanguardia per la salute di noi cittadini ed è pieno di personale medico e paramedico valido e competente. Spero che saranno in molte le persone, che rendendosi conto dell importanza del day hospital oncologico, si uniranno alla nostra protesta facendo sentire la propria voce presso le Asl competenti e la Regione Piemonte, non solo per i malati di oggi, ma anche per chi purtroppo, ed inevitabilmente, ne avrà bisogno in futuro. DI ENRICO BASSIGNANA Voglio raccontarvi una storia triste. Che mi fa anche arrabbiare. E la storia dei cuccioli di cane Beagle dell allevamento Green Hill. Sequestrati a un allevamento-lager che li a- vrebbe destinati a esperimenti di laboratorio, sono stati a lungo i soggetti di appassionati servizi televisivi all insegna del salviamo i cagnolini, con tanto di musica strappalacrime di sottofondo. La mobilitazione delle anime belle è stata immediata. Non sono mancati i ministri fuori corso che si sono fatti ritrarre di fronte ai cancelli prima, e abbracciati ai teneri cagnolini poi. Ed è scattata la corsa all adozione. Apro una parentesi. Chi da bambino ha letto quel concentrato di disgrazie che è Senza famiglia, ricorderà la figura del violinista Mattia: costretla capitata nel 96, quando nelle sale cinematografiche uscì il film La carica del 101 : tutti volevano avere o regalare dei cani Dalmata. Molti dei quali, qualche mese dopo, si trovarono nelle gabbie dei canili oppure a passeggiare di fianco a un autostrada, scacciati da padroni (o padroncini) che si erano stufati di quel nuovo giocattolo dal carattere un po lunatico. Qual è la morale della storia? Chi si mette in casa un a- nimale dev essere disposto a volergli bene sapendo di essere ricambiato. Ciò vuol dire occuparsene con continuità CHIARA (non è un peluche che quando ti stufi di giocarci lo metti su uno scaffale e amen), provvedere alla sua educazione, curarlo quando sta male oppure invecchia. Per mettersi in casa un animale, perciò, occorre avere cuore e testa. Solo cuore o solo testa non bastano. Volendo, poi, potremmo e- stendere la morale ai rapporti tra le persone. Spesso ci si prende sull onda di una emozione, e ci si lascia quando si iniziano a fare i conti con la realtà. So di coppie che avrebbero restituito i figli avuti in adozione, quando hanno scoperto che averli in casa dal vivo è più impegnativo che vederli in fotografia. E so di matrimoni falliti al rientro dalle vacanze. Peccato: perché la bellezza, la sfida del voler bene stanno nelle scelte del quotidiano. E questa sì che è una notizia! NEO PARROCO «Quegli abiti troppo lussuosi vanno contro l insegnamento del Vangelo» Le lettere devono essere firmate. Possono essere inviate per fax al n o via Egregio Direttore, ho partecipato all ingresso del nuovo parroco in Duomo e sono cattolica praticante. Quando ho visto arrivare tutte le autorità militari e comunali mi sono detta: è un autorità il monsignore, viene dalla grande Roma, e su tutto questo non ho nulla da contestare, ma vedere un ministro di Dio con abiti più che lussuosi, mi sembra una cosa contro l insegnamento del Vangelo. S. Giovanni, cugino di Gesù, vestiva pelle di cammelto a restare in orfanotrofio perché brutto, tanto da essere sempre scartato dalle famiglie in cerca di bimbi da adottare. Con i Beagle è successa la stessa cosa, ma al contrario: a- dottati in via preferenziale perché belli e famosi. Arrivati nelle nuove case, i cuccioli hanno rivelato la loro vera natura: quella di giovani creature con un passato difficile alle spalle. Tra i nuovi padroni non tutti ce l hanno fatta: i più scrupolosi hanno restituito i cani al canile, altri li hanno liberati, e non pensiamoci più. La vicenda mi ricorda quello, lo stesso nostro Signore non era straccione, ma ha sempre predicato la povertà vera, profonda, anzi in alcuni passi del Vangelo Lui accusa i sacerdoti del tempio d avere vestiti con lunghe frange per farsi vedere e ammirare. Non gli dico di essere uno straccione, ma ricordo che quando Don Dario arrivò otto anni fa era vestito con u- na maglia ed un paio di pantaloni non lussuosi, eppure ha fatto tanto di quel bene che non tutto è stato conosciuto. La società ha bisogno di vedere persone in coerenza con il credo che professano, ed un abito lussuoso non è certamente segno di voler seguire il Maestro. Un tempo il Cardinale, pur avendo diritto all anello prezioso, in coerenza alla parola che proclamava, l ha venduto e i soldi che ha ricevuto sono stati dati al gruppo Abele di don Ciotti per aiutare i più disagiati. Meditiamo: Cristo che era potente si è fatto servo di tutti. POIRINO «Le deleghe di Carmelo Bruno erano ben di più» ING. SERGIO TAMAGNONE Egr. Direttore, tra le Lettere e Opinioni di venerdì 7 settembre compare una lettera dell Avv. Paolo Forno a nome del Sig. Carmelo Bruno con dichiarazioni sostenenti che, al suo insediamento come Assessore, le sue deleghe erano unicamente in materia di politiche giovanili e ambientali. Dal decreto del Sindaco in data 17 giugno 2009 (documento pubblico liberamente consultabile da laureati e non) si assegnano al Sig. Carmelo Bruno le seguenti deleghe: Politiche giovanili, Politiche di ammodernamento nell erogazione dei servizi dell Ente Locale con indagine dei livelli di soddisfazione dell utente, Politiche di decentramento, Servizi Demografici e servizio front-office, Ambiente e promozione del Territorio, Agespi. Dalla lettera dell Avv.Forno risulta quindi che l allora neo Assessore Bruno ha considerato solo la prima e l ultima voce dell elenco di deleghe attribuitogli, e che continua invece oggi inperterrito a fare dichiarazioni avventate che non possono sostenere l esame di una qualsivoglia blanda verifica. Sindaco di Poirino Le donne e la cucina tra le due guerre Ricette prelibate da riscoprire in tempi di crisi Nel volume, in vendita col Corriere, i piatti economici delle nonne Pesce fritto (con pochissimo o- lio), vitello ubriacato, insalata senza olio, frittata con avanzo di minestra erano solo alcune delle numerose ricette consigliate dalle varie Petronilla, zia Laura, zia Lena e altre ancora. Nel ventennio fascista, attraversato da illusioni di grandezza e potere, da guerra e miseria, la fantasia femminile si è dimostrata ancora una volta degna di rispetto. Le donne sono state in prima linea nella lotta quotidiana per la sopravvivenza. E, soprattutto, era doveroso saper riflettere per prevedere, prevenire, non sprecare, mantenere sempre e comunque l armonia famigliare malgrado tutto. Sono consigli di assennatezza e risparmio che possono rivelarsi utilissimi anche in questi tempi di vacche magre. E questo quanto ci insegna il godibilissimo volume in vendita da oggi con il Corriere. IL LIBRO 158 pagine a colori di grande formato Le donne e la cucina tra le due guerre ci offre le ricette e le illustrazioni utili per preparare piatti prelibati e dimenticati, da realizzare con modica spesa perchè composti da ingredienti poveri e saporiti. Ma il volume non è fatto di sole ricette, perchè le ricchissime illustrazioni tutte a colori ce le presentano attraverso ritagli di giornali e libri d epoca, offrendoci nel contempo uno spaccato di vita quotidiana che si è fatto storia. Anche il prezzo di soli 8,90 euro, più il costo del giornale, con 158 pagine illustrate e di grande formato fa sì che il volume non possa mancare in casa di chi ha a cuore il buon gusto di cose che si pensavano perdute, ma che invece sono ritornate di prepotente attualità. Le ricette riportate in questo libro sono state ricavate da riviste e manuali di cucina dell epoca fascista. Si tratta in prevalenza di ricette molto semplici, che potranno anche far sorridere per l esiguità degli ingredienti utilizzati e la scarsa elaborazione richiesta per la loro preparazione. Ma è proprio la semplicità e la povertà la caratteristica principale che può farle apprezzare anche a chi, come noi che 19 viviamo in un epoca contrassegnata dal consumismo, talvolta anche e- stremo, è abituato a cucine più raffinate, a ricette elaborate, che richiedono anche notevole impiego di tempo (e di quel denaro che oggi scarseggia...). È probabile che alcune tra le ricette riportate nelle pagine di questo libro alberghino solo più nella memoria delle nonne, che quell epoca hanno vissuto alcune da bambina, altre da ragazza, le più longeve da moglie e massaia. Altri piatti, al contrario, possiamo ancora incontrarli sulle nostre tavole, magari più elaborati o con qualche variante. Anche i nomi delle ricette possono risultare curiosi, interessanti, alcuni anche buffi: pesce quasi marinato, pasticcio di fegato per... questi tempi, "quasi cioccolata" in tazza, zuppa per... questi tempi (niente pasta, niente riso, niente grassi). Alcune ricette sono state riviste e un po (ma pochissimo, per rispetto agli autori originari) elaborate, mentre altre sono state riportate parola per parola come pubblicate a loro tempo nelle riviste e nei manuali del ventennio fascista. A ciascuno è lasciata libera scelta di modificarle aumentando le dosi o sostituendo alcuni ingredienti con altri, per esempio la farina riso con la farina di grano. Ma può essere interessante anche il gusto di sperimentare, almeno per una volta, sensazioni gustative simili a quelle provate in un passato neppure troppo lontano. Le persone meno esperte di cucina potranno anche avere l occasione per iniziare a trafficare sui fornelli, partendo da piatti semplicissimi (come la minestra lampo o la minestra di finta tapioca ecc.) fino a La copertina del volume quelli più elaborati come il manzo in carpione o la pasta della massaia. Nel libro Cucina in tempo di guerra, un capitolo riportava ricette per "piatti pronti in dieci - venti - trenta minuti ed era dedicato alle impiegate ed a tutte quelle donne che esigenze di lavoro fuori casa tenevano occupate gran parte della giornata, senza lasciar loro il tempo di accudire alle proprie faccende domestiche" e che avevano il diritto, una volta tornate a casa "dopo una lunga, spesso faticosa, giornata, di ritrovare [...] il piacere di una buona mensa". Quando all epoca scarseggiarono o mancarono del tutto alcune materie prime, per dare comunque una parvenza di normalità ai pasti quotidiani, il fascismo spronò all utilizzo dei surrogati alimentari e a un utilizzo totale, con riduzione massima degli scarti, dei vari ingredienti per le ricette. Scriveva la professoressa Randi che "le voci deficitarie nel campo del nostro fabbisogno a- limentare" erano "tre: cereali, carni, grassi vegetali ed animali". Venne rilanciato, in sostituzione della pasta, il consumo del riso soprattutto dopo il 1931, anno di fondazione dell Ente Nazionale Risi che segnò una fase del tutto nuova nell agricoltura risicola. Un ruolo di primordine lo ebbero però appunto i surrogati. Se apriamo il vocabolario, alla voce "surrogato" possiamo leggere questa definizione: prodotto alimentare di minor valore usato al posto di un altro genuino. Petronilla forniva suggerimenti per ottenere un surrogato del burro utilizzando grasso di vitello, montone o bue unito a latte, timo, cipolla, succo di carote, sale e crosta di pane sbruciacchiata. Oppure ottenere olio da olive nere tagliuzzate, bollite con a- glio e aceto. O ancora, aceto fatto con acqua, acido pirro-legnoso oppure con acqua, vino e crosta di pane nero spezzettata. Marsala ricavato da prugne secche, caffè ricavato da vinaccioli dell uva lasciati a bagno per alcune ore, asciugati, tostati e, infine, macinati. E altri suggerimenti del genere tutt altro che da disprezzare. PIATTI E STORIA Uno spaccato di vita dell epoca

20 T1 T2 PR CV PUBLIKOMPASS SPECIALE BENESSERE SERVIZI PROMOZIONALI 67 OLTRE A TRATTAMENTI PER MAMME E PAPÀ, DA «ARMONIE DI BELLEZZA» A POIRINO C È IL BABY PARKING Il benessere di tutta la famiglia garantito nel nuovo centro estetico Occuparsi del benessere a 360 gradi. Questo è il principio cardine su cui si basa il nuovo centro estetico «Armonie di Bellezza», realizzato a Poirino all interno della storica azienda Witt Italia ed Erboristeria Magentina. Il progetto e la realizzazione della struttura sono stati possibili grazie all entusiasmo e alla passione, portando avanti l idea della crescita, dell investire per poter combattere la crisi. Un ingente investimento, quindi, per Witt Italia ed Erboristeria Magentina, mosse dal desiderio di costruire un centro che accogliesse tutti, dal neonato alle mamme e i papà, cercando di coinvolgerli in un unica struttura e diventando un assoluta novità nel territorio. Ma ciò che sottolinea la parola investimento è l importante strategia commerciale, attuando una politica di competitività dato il conveniente rapporto tra la qualità dei prodotti, tutti marchiati Witt Italia ed Erboristeria Magentina, del servizio proposto e i prezzi, concorrenziali e a portata di qualsiasi portafogli. Un grande e importante progetto che vede «Armonie di Bellezza» non solo come un semplice centro estetico, ma come un insieme di realtà diverse racchiuse in un edificio di moderna costruzione: al primo piano il centro estetico, mentre al piano terra uno store e una tisaneria dedicati esclusivamente a Witt Italia ed Erboristeria Magentina. Cura dell organismo, del benessere, rispetto per la natura ed esperienza sono gli aspetti che muovono il grande centro dove, all interno, il cliente potrà scegliere numerose soluzioni, dai trattamenti dimagranti, per il corpo e per il viso fino alla possibilità di poter personalizzare il massaggio. Viene proposto anche il nuovo trattamento epilazione con l esclusiva «Ceretta delle Fate», mentre gli innovativi programmi manicure e pedicure sono curati con gli smalti Zoya, esclusivi e utilizzabili anche dalle donne in gravidanza. Assumono grande rilievo i trattamenti per il trucco. Verrà infatti utilizzato il makeup vegano Emani i cui ingredienti sono assolutamente naturali e innovativi. Una zona wellness con bagno turco e sauna completano lo straordinario centro dove il cliente potrà passare il proprio tempo di attesa tra un trattamento e l altro sorseggiando una gustosa tisana, marchiata Witt Italia ed Erboristeria Magentina. Eleganza, prestigio, cura assoluta dei piccoli dettagli e la funzione dell estetista che ritrova il suo ruolo fondamentale, mettendo a disposizione tutta la competenza e la sua bravura, sono le caratteristiche portanti del centro, con lo scopo di fidelizzare il cliente attraverso sconti, fidelity card e portando avanti la filosofia di Witt e Magentina: il benessere a portata di tutti. «Armonie di Bellezza» pensa anche alle neo mamme che vogliono ritagliarsi uno spazio tutto per sé ma il cui tempo è spesso ridotto al minimo. Baby Natura è la soluzione ideale. È un nuovo micronido realizzato all interno dell azienda con funzioni di baby parking, ecologico ed esclusivo, in cui tutti i bimbi da 0 a 3 anni potranno essere coccolati in attesa che la mamma torni più bella e rilassata. Ampio parcheggio e orario continuato 10-20, aperto a tutti coloro che vogliono dedicare un momento alla propria persona, per abbandonarsi alle mani ed ai prodotti di Witt Italia ed Erboristeria Magentina. Un oasi tutta naturale dedicata al benessere, a Poirino. «Sono realtà ancora più uniche che rare in Italia - spiega Aristide Artusio, presidente e amministratore delegato Witt Italia - dove all interno di un unica struttura si formulano, creano, utilizzano e acquistano i prodotti che, nel nostro caso, sono pensati per il benessere di grandi e piccini e sono esclusivamente naturali». 20

21 LA STAMPA DOMENICA 16 SETTEMBRE Provincia. 57 PR Ciriè Ilteleriscaldamentosiarena dopo200metridicondotte Lavori fermi dal marzo del L impresa: Ci sono difficoltà burocratiche Pinerolo Sei un cornuto Pagherà 500 euro Perseguitato da una sola parola: cornuto. Pronunciata al telefono o scritta su un foglio pizzicato sotto al tergicristallo. E alla fine il destinatario dell ingiurioso messaggio si è rivolto ai carabinieri di Pinerolo. «È un vero incubo, che dura da due mesi» ha detto al militare che stava raccogliendo la denuncia. Indagine abbastanza semplice, perchè il corvo si è tradito. È stato sufficiente che si dimenticasse, per un paio di volte, di «oscurare» il numero del suo telefonino, per essere rintracciato e denunciato. «Non volevo offendere, ma soltanto avvertirlo che sua moglie lo tradiva». Sarà così? Per il giudice del tribunale di Pinerolo, Alberto Giannone, che l ha condannato con un decreto penale a pagare una multa di 500 euro, ha commesso due reati, molestia con le telefonate e ingiuria con il biglietto. [A.GIA.] Front Centropolivalente nelmagazzinocrollato Nascerà una struttura destinata alle attività sociali, tipo salone polivalente, dove c era la «cunferià», il deposito della chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, crollato di schianto una decina di giorni fa. Questa è l intenzione che hanno manifestato il sindaco di Front Claudio Bianco e don Claudio Baima Rughet, vicario episcopale territoriale, pronti a sostenere un intervento congiunto tra Chiesa e Comune. Restano da quantificare i tempi e il costo dell operazione. Intanto i tecnici hanno effettuato i controlli statici sugli altri edifici che confinavano con la «cunferià», per scongiurare altri incidenti. Tutte le case sono state valutate sicure. Per quanto riguarda le cause, il crollo sarebbe stato provocato da infiltrazioni d acqua. [G.GIA.] il caso GIANNI GIACOMINO Le operazioni di posa dei tubi nel sottosuolo, per costruire la rete del teleriscaldamento, dovevano procedere con una media di venti metri al giorno per un totale di 14 chilometri. Ma, dopo qualche centinaio di metri di cantiere in viale Roma, nel marzo di un anno fa, tutto si è inchiodato. Da mesi il mega progetto, da oltre 15 milioni di euro, concepito per garantire acqua calda a circa 3 mila utenze private, ad una ventina di edifici pubblici e all ospedale, è fermo. «I rallentamenti sono legati a degli aspetti burocratici, ma preferirei non entrare nei dettagli, sono questioni complicate» taglia corto Maurizio Cassano, l amministratore delegato di Ets (Ecotermica servizi), l azienda che sta realizzando l impianto, dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni dal Comune di Ciriè. Spiega: «Intanto, però, siamo quasi pronti per partire con la costruzione della centrale termica». Che spunterà nella zona industriale dell ex Contitech, avrà una capacità di produzione di 49 milioni di kilowattora di energia elettrica l anno e 30 di questi verranno impiegati per scaldare l acqua che raggiungerà le case di Ciriè. Gli altri saranno immessi in rete e venduti. La centrale potrà essere alimentata sia a metano che a cippato di legno non trattato e sarà anche in grado di produrre energia elettrica. I tempi di realizzazione? «Partiremo con i lavori nei prossimi mesi, non è facile dare delle scadenze» taglia corto Cassano. «Comunque, di questo enorme ritardo dei cantieri del teleriscaldamento, ne chiederò 15 milioni di euro Tanto dovrebbe costare l intervento concepito per garantire acqua calda a circa 3 mila utenze private ad una ventina di edifici pubblici e all ospedale cittadino conto all amministrazione con un interpellanza che presenterò nel prossimo Consiglio avverte Fulvio Laziosi, capogruppo della Lega a Palazzo D Oria - La giunta aveva detto che il 2012 sarebbe stato caratterizzato dai disagi alla viabilità per la posa delle condutture. Che anche i commercianti di alcune zone della città dovevano sopportare il disagio, invece non è successo nulla. Mi chiedo se i ciriacesi riusciranno mai ad allacciarsi alla rete». Il sindaco di Ciriè Francesco Brizio, innanzitutto precisa che: «Il progetto del teleriscaldamento, che resta una delle nostre priorità, è completamente a carico di un azienda privata e, dalle casse del Comune, non è uscito un euro». Sugli «aspetti burocratici», Dubbi e disagi Secondo il sindaco di Ciriè la congiuntura economica sfavorevole sarebbe una delle cause dello stop ai lavori. «Ma sono solo congetture - precisa - il Comune per la rete di teleriscaldamento non sborsa un euro» che sarebbero la causa dello stop prolungato dei cantieri, il primo cittadino, ha una sua idea. «In questo periodo la situazione economica è molto delicata, soprattutto per chi effettua dei grandi investimenti e a lungo termine riflette Brizio Alcune ditte possono andare incontro anche a dei problemi finanziari, legati ai crediti con le banche. Ma, ripeto, non so se sia questo il caso della Ecotermica servizi. All amministrazione che io guido, la Ets ha sempre assicurato di credere fino in fondo nel progetto del teleriscaldamento a Ciriè». Dove, molti residenti, lo avevano accolto con entusiasmo visto che dovrebbe garantire un risparmio del 10-15% sulle attuali bollette della corrente elettrica. SAUZE D OULX Una mappatura contro il rischio dell amianto L amianto a Sauze non è sparito. Lo confermano le ultime rilevazioni dell Arpa, effettuate nei mesi di luglio e agosto. Così lo stesso Comune, per abbassare i livelli di asbesto nell aria, e che a volte arriva a misurare 10 fibre per litro-d aria, contro la soglia indicata dall Organizzazione mondiale della sanità di una sola fibra per litro. Spiega Mauro Meneguzzi, sindaco di Sauze d Oulx: «È arrivato il momento di elaborare, un indagine geologica del territorio, che ci dica una volta per tutte quali sono le zone più a rischio. Anche solo per andare a zappare per coltivare un campo di patate. Solo così possiamo tutelare la salute pubblica». Per far ciò, il primo cittadino ha chiesto un intervento del ministero della Salute per chiedere una mappatura del territorio. A Sauze, infatti, l asbesto affiora un po ovunque. Nell attesa della mappatura sia il Comitato direzione amianto, costituitosi presso la Regione, che l Asl, prescriveranno alle ditte che stanno realizzano opere edili, accorgimenti per i lavori. [A. MAC. ] Volpiano Litiga al distributore eglirubal auto Litiga con un automobilista, lo picchia, lo minaccia con un coltello e si impossessa dell auto. Poco dopo i carabinieri rintracciano il malvivente e lo arrestano. Le manette, con l accusa di lesioni, resistenza, furto aggravato e porto abusivo di coltello, sono scattate ai polsi di Francesco Figliuzzi, 38 anni, pregiudicato e residente a Torino. Il fatto è accaduto l altra sera, intorno alle 19, a Volpiano, presso la stazione di servizio della Shell, in via Torino 38. Figliuzzi, dopo essersi impossessato dell Alfa 147 di Dario P., di Volpiano, ha percorso poca strada e presso il piazzale della Coop è stato bloccato dai militari della stazione di Volpiano. Il malvivente ha reagito, ha minacciato la pattuglia dell Arma con un coltello. Ma è stato subito bloccato e portato in carcere a Torino. [D.AND.] Poirino LoStatorivuole35milaeuro Il Comune aumenta le aliquote Imu «La richiesta di Roma ci obbliga a rivedere i parametri fissati qualche mese fa» FEDERICO GENTA Si annunciano tempi difficili per gli abitanti di Poirino. Il loro Comune, da «virtuoso» che era fino a non molto tempo fa, adesso sta per trasformarsi in una delle amministrazioni più tartassate d Italia. Il motivo? «È tutta colpa delle sforbiciate in arrivo dallo 21 La mazzata La giunta sperava in un trasferimento di un milione e 300 mila euro dallo Stato Stato» taglia corto il sindaco, Sergio Tamagnone che, entro la fine del mese dovrà presentare in Consiglio comunale i numeri di un bilancio tutt altro che roseo. Una sorpresa che è maturata sotto il sole di agosto, quando le speranze di ottenere i tanto agognati finanziamenti sono tramontate drasticamente. «All inizio dell anno il Ministero aveva annunciato trasferimenti in linea con lo scorso anno, quando avevamo ricevuto un milione e 350 mila euro» spiega il primo cittadino, che si sarebbe anche accontentato di un tesoretto inferiore, che sarebbe stato poi compensato dalle nuove entrate, promesse dall imposta sulla casa. «La realtà, invece, ha superato ogni previsione» commenta il primo cittadino. «La cifra promessa è andata progressivamente a ridursi. Fino all ultima comunicazione, nella quale ci viene richiesto addirittura di versare altri 35 mila euro allo Stato». Una mazzata per le casse comunali, certo. Ma la mancanza di liquidità non potrà che ricadere anche sulle spalle dei cittadini. Il motivo lo spiega ancora il sindaco Tamagnone: «Saremo costretti a rivedere le aliquote Imu - annuncia - Queste potrebbero aumentare di mezzo punto, passando dal 5 al 5,5 per mille per le prime case. Ma potrebbero anche crescere fino a 9,6 millesimi per tutti gli altri immobili. Compresi quelli commerciali, la cui quota, ad oggi, è fissata al 7,6 per mille».

22 LA NUOVA SEDE A GESÙ SALVATORE IN VIA CAVOUR 40 Rivoli: il Centro di Ascolto compie 20 anni di servizio Il Centro di Ascolto di Rivoli compie 20 anni di servizio e dal 23 settembre trasferirà la sua attività nella nuova sede nei locali del sottochiesa di Gesù Salvatore in via Cavour 40, messi a disposizione dalla parrocchia di S. Maria della Stella. Domenica 23 settembre nella pista di pattinaggio del quartiere Bastioni (via Cavour) sarà celebrata la Messa; segue l inaugurazione della nuova sede e il pranzo (su prenotazione); al pomeriggio nella chiesa di Gesù Salvatore presentazione dell opuscolo del ventannale, cui seguirà un recital di Piero Leonardi. Il programma completo delle iniziative DOMENICA 16 LA FESTA PATRONALE A MONTEBRUNO Garzigliana, santuario: processione della Consolata Ultimi appuntamenti a Garzigliana per la patronale al santuario di Montebruno intitolato alla Consolata. Sabato 15 settembre alle Messa e processione con la Madonna per le vie del Santuario. Domenica 16 si celebra la festa del Santuario: alle 8 Messa (celebra il parroco, don Lino Merlo); alle Messa (presiede don Valter Danna, vicario generale); alle benedizione dei bambini tra gli 0 e i 6 anni; alle 17 Messa per i pellegrini devoti del Santuario. Lunedì 17, in occasione della festa di San Chiaffredo martire, cui è dedicato un altare all interno della chiesa, alle 17 Messa per i reduci di tutte le guerre. CRI, RACCOLTA ALIMENTARE PER FAMIGLIE BISOGNOSE San Francesco raccolta cibo Sabato 15 settembre, in orario di apertura di Crai e Ipercoop di San Francesco al Campo volontari della Croce Rossa saranno presenti per raccogliere cibo non deperibile da distribuire alle molte famiglie in difficoltà del territorio, secondo le indicazioni dei Servizi sociali. DOMENICA, 16 SETTEMBRE Cronache dai Distretti Madonna di Loreto, Lanzo in festa «Maria, con il suo silenzio e il suo ascolto, ci illumina nell accoglienza di Dio in noi e del nostro prossimo. Affidiamo alla Madonna le nostre famiglie, dove sono necessari momenti di ascolto e di silenzio, relazioni autentiche, ricche di umanità e di grazie». Monsignor Cesare Nosiglia ha concluso così il suo saluto alla comunità di Lanzo e delle Valli riunita davanti al santuario di Loreto, domenica 9 settembre. L Arcivescovo, per il secondo anno consecutivo, ha guidato la processione nelle vie della città, assieme al parroco don Franco Gribaudo, ai sacerdoti delle parrocchie della zona e a centinaia di fedeli. La festa della Madonna di Loreto, promossa dall Abbadia lanzese, si era aperta al mattino, con la Messa celebrata da don Gribaudo sul piazzale della cappella, costruita nel 1618 per iniziativa dei Gesuiti con il concorso della popolazione locale e dei Savoia-Este, signori di Lanzo. Nel 1853 un gruppo di cittadini lanzesi diede inizio a una società per curare l annuale festa che si tiene presso la cappella. In centocinquant anni, la festa è diventata una delle più sentite e partecipate dai lanzesi. Domenica scorsa, ad accogliere l Arcivescovo di Torino sono stati il sindaco di Lanzo Tina Assalto, il presidente dell Abbadia, i brani della banda musicale di Lanzo; alla Continua a pag. 21 Marco BUSSONE CRISI AUTOMOTIVE SI ATTENDE L INCONTRO MARCHIONNE-FORNERO PER LA SORTE DI FABBRICA ITALIA Fiat-Chrysler, per gli Usa 66 nuovi modelli. E noi? Poteste dei lavoratori degli stabilimenti europei di Iveco Dall Ibm di Torino trasferimenti a Segrate Mentre da Las Vegas Sergio Marchionne incontra oltre 2600 concessionari Chrysler e annuncia per il mercato americano 66 nuovi modelli in produzione nell immediato futuro non si placa la tensione negli stabilimenti italiani della Fiat, Mirafiori in primis. Non c è ancora una data per l incontro annunciato tra l amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, e il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, in cui si dovrebbe discutere del futuro dell azienda in Italia. Lo ha annunciato lunedì lo stesso ministro a Torino per un incontro privato. «Ci siamo salutati con l intenzione di vederci, sappiamo che la situazione è difficile, che tutti dobbiamo lavorare molto» - ha commentato la Fornero. Nelle settimane scorse, sia il ministro sia Marchionne hanno più volte ribadito la propria disponibilità ad incontrarsi per discutere del destino degli stabilimenti italiani. Nel frattempo il capoluogo piemontese scalda i motori in vista di un autunno difficile e arrivato con largo anticipo. Per la prima volta il sindacato unitario euro- peo «Industria All» ha organizzato una manifestazione in cui si sono dati appuntamento al Lingotto operai da mezza Europa. I manifestanti si oppongono ai piani di ristrutturazione previsti nel gruppo Iveco: chiusura di cinque siti per un totale di oltre mille posti di lavoro in meno. Venerdì 7 settembre erano circa 400 i lavoratori arrivati da Polonia, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Spagna e Italia che hanno manifestato per un paio d ore bloccando via Nizza. Parole e qualche gesto forte come una bara di legno in fiamme segno che la pazienza è ai minimi storici. Assenti dell ultimo minuto dopo un iniziale interessamento all agitazione: Fim, Uilm e Fismic. «Non è possibile che due o tre sindacati possano impedire ai lavoratori di portare avanti una linea di difesa del loro futuro» ha dichiarato Luc Triangle, vicepresidente di Industriall (associazione sindacati Fiat), ricordando che la decisione unitaria era stata presa a Bruxelles il 28 Continua a pag. 21 Elisabetta GRAZIANI Emanuele FRANZOSO SAN MAURO: 100 ANNI PER IL PONTE VECCHIO Il ponte Vecchio di San Mauro ha spento cento candeline. Grande festa sabato 8 settembre per l anniversario centenario del ponte, inaugurato nel 1912 e poi intitolato Vittorio Emanuele III. Il taglio del nastro alla presenza della autorità politiche, militari e religiose sulle note del Corpo Filarmonico ha dato il via ai festeggiamenti per la seconda inaugurazione e alle numerose iniziative a ingresso libero, organizzate dalle associazioni del territorio. Un esempio sono le mostre fotografiche presso la scuola «Nino Costa» e in Municipio ancora aperte fino al 16. Dalle 17 alle 22, inoltre, centinaia di sanmauresi e turisti hanno visitato la millenaria abbazia «Santa Maria di Pulcherada» con gli affreschi del Cristo Pantocratore appena restaurati. Per l occasione Poste Italiane hanno anche attivato un annullo filatelico.(e.f.) Reano, San Giorgio: 160 con la parrocchia Proseguono a Reano, dopo la pausa estiva, i festeggiamenti per il 160 della parrocchiale intitolata a San Giorgio Martire. Venerdì 14 settembre alle 21 al parco Reano è in programma una tavola rotonda, sul tema «Una chiesa in e per un paese» sulla presenza della comunità cristiana a Reano. Intervengono le associazioni e i gruppi attivi in paese, modera Marina Lomunno, giornalista de «La Voce del Popolo». Sabato 15, sempre alle 21 al parco Reano, concerto degli Scleralclero Band. Domenica 16, alle 15 in parrocchia, inaugurazione della mostra dei quadri votivi; alle 17 Piero Leonardi guida un incontro sul tema della letteratura italiana in parallelo con i quadri della chiesa. Giovedì 20, alle 21, sempre in parrocchia, serata con don Luigi Ciotti su «Una Chiesa che (si) educa». Venerdì 21 alle 21 in chiesa il concerto spirituale con Manuel Torello all hang e Laura Loti alla chitarra. Sabato 22 alle 21, nel teatro oratorio, i giovani della parrocchia presenteranno lo spettacolo «160 Bam!!! Battiti al minuto». I festeggiamenti si concludono domenica 23. Alle il vicario generale, Valter Danna, presiederà in chiesa la celebrazione eucaristica, seguiranno alle 15 un altra esposizione dei quadri votivi, alle 17 nel teatro oratorio un concerto corale con le campane e alle 19, in oratorio, un apericena. In breve IN VIA SAN GIOVANNI 8 Amnesty Ciriè, nuova sede Nuova sede per la sezione di Amnesty International di Ciriè. in via San Giovanni 8, presso la Cooperativa Dalla Stessa Parte. Il nuovo spazio è diviso in due parti con un ufficio e una sala riunioni dotata di biblioteca, spazio questo condiviso con la Cooperativa. In novembre partirà il nuovo progetto didattico con le scuole del territorio con cui Amnesty Gruppo 124 di Ciriè collabora da 22 anni. Fra gli obiettivi primari dell associazione l educazione ai diritti umani e l avvicinamento dei giovani alla militanza in questo volontariato. In cantiere l elaborazione di proposte per incrementare la collaborazione giovanile. (t.m.) SS.ADDOLORATA Leinì, Tedeschi: festa patronale La frazione Tedeschi in località Leinì si anima per la festa patronale della SS. Addolorata. Giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 settembre Rosario meditato nella chiesa della SS. Addolorata; domenica 15 Messa solenne in piazza, presiede mons. Giuseppe Anfossi, Vescovo emerito di Aosta; alle 17 Rosario e processione per le vie della frazione. ANNIVERSARIO MORTE A Poirino per Silvio Dissegna Domenica 30 settembre a La- Longa di Poirino si tiene il consueto raduno degli Amici di Silvio Dissegna nell anniversario della morte. Alle proiezione della vita di Silvio; segue il Rosario meditato e alle la Messa. Dalle 9 alle 18 è possibile visitare la tomba di Silvio presso il Cimitero di Poirino. APRI, SETTIMO Guadiamoci negli occhi S intitola «Guardiamoci negli occhi» l iniziativa organizzata dall associazione Piemontese Retinopatici e Ipovedenti (Apri Onlus) a Settimo sul tema delle malattie legate alla vista. L appuntamento è fissato per sabato 15 settembre alle 10 presso la sala «Primo Levi» della biblioteca Archimede in piazza Campidoglio 50. Malattia, prevenzione, cura e riabilitazione sono i temi principali trattati da esperti oftalmologi (Mario Vanzetti Ospedale Mauriziano di Torino e Paola Aita per molti anni in servizio al Centro di Riabilitazione Visiva dell Ospedale Oftalmico di Torino). 22

23 CORRIERE DI CHIERI Martedì 18 settembre 2012 CHIERI E DINTORNI 3 BERZANO Volto mascherato e pistola Bandito solitario rapina le Poste BERZANO Passamontagna sul volto e pistola in pugno: un bandito solitario rapina l ufficio postale e scappa con poche centinaia di euro. E successo sabato mattina all ufficio postale di strada San Pietro. Il metodo è quello già testato durante altre rapine, nella zona come altrove: l ultimo episodio nel Chierese risaliva a metà luglio, POIRINO Portava con sé non soltanto la droga, ma pure i nomi dei suoi clienti. Un centinaio di nomi, tra Poirino e dintorni. Sarebbe questo, secondo i carabinieri, il giro d affari di Luca B., 33 anni, torinese, disoccupato e incensurato. E ora in carcere con l accusa di detenzione e spaccio. Ex benzinaio proprio a Poirino, continuava a frequentare la zona due o tre volte a settimana: prendeva l autobus e partiva dal capoluogo con una borsa piena di sostanze stupefacenti. Poi arrivava in via Indipendenza: nella zona avrebbe incontrato i compratori. Il traffico è stato fermato sabato dai militari di Poirino. A tradire l uomo proprio la frequenza delle sue visite: alcuni residenti hanno segnalato la presenza fissa ai carabinieri. Che hanno organizzato un servizio per individuarlo, identificarlo e fermarlo: sabato lo hanno bloccato direttamente all uscita dell autobus. Lui non ha opposto resistenza, ha ammesso le sue responsabilità e ha consegnato la merce. Dentro un borsello nero e verde custodiva dieci panetti di hashish, per circa 269 grammi; tredici ovuli di cocaina, per un totale di 10 grammi, e tre buste contenenti oltre 87 grammi di marijuana. Nella con bersaglio l ufficio di Moncucco. Come in quell episodio, il rapinatore ha atteso l arrivo dell unica impiegata, qualche minuto prima dell apertura delle 8,30. Quando l ha vista arrivare, le ha puntato addosso la pistola, probabilmente una semiautomatica. L ha minacciata per avere i soldi e, senza difficoltà, è entrato nell ufficio: all interno si è fatto aprire la cassa e poi è scappato con circa 300 euro. La donna ha raccontato di averlo poi visto allontanarsi a piedi ma non si sa se poi, dietro l angolo, avesse un auto parcheggiata o un complice in attesa. Sull accaduto indagano i carabinieri della Compagnia di Villanova, che hanno anche istituito dei posti di blocco nei dintorni per provare a risalire al bandito. Operazione difficile: nessuno ha visto né sentito nulla e l ufficio postale non Il corriere della droga arrivava con il bus Poirino, ex benzinaio arrestato con coca, hashish e marijuana e l elenco di oltre cento clienti di zona LA BORSA Piena di stupefacenti per rifornire i compratori nella zona di via Indipendenza stessa borsai militari hanno trovato la contabilità dello spacciatore: tre fogli densi di testo e cifre scritti a mano. C erano nomi, cognomi o soprannomi di probabili clienti, almeno un centinaio. Accanto, il denaro ha telecamere di sorveglianza. Nel Chierese, durante gli ultimi mesi, si stanno verificando parecchi episodi simili: Andezeno, Pecetto, o- ra Berzano. La modalità dei colpi si ripete con la stessa sequenza: l attesa dell apertura, la minaccia agli impiegati e quindi la fuga, spesso grazie all aiuto di almeno un complice appostato in auto. E anche nel resto della Provincia d Asti ci sono stati casi collegabili a questi. che ognuno di loro gli doveva. Numeri che il 33enne cancellava, sostituiva o aggiornava. I carabinieri hanno poi esteso la perquisizione a casa dell uomo, che vive in un appartamento in centro a Torino: dentro una sacca azzurra c erano altri 190 grammi di hashish, suddivisi in quattro panetti di varie dimensioni, 302 grammi di marijuana e 2600 euro in contanti. Insieme alla sostanza stupefacente, sono stati sequestrati anche i due telefoni dell uomo, indispensabili per identificare sia i suoi clienti sia i grossisti della droga. Portati in caserma, i cellulari hanno squillato per tutta la giornata di sabato: oltre sessanta le telefonate ricevute. Probabilmente gli acquirenti delusi, rimasti in attesa della loro merce. Una clientela che lo spacciatore potrebbe aver coltivato durante il periodo di lavoro a Poirino: fino al marzo 2012 era impiegato in un distributore di carburanti. Non è chiaro, però, se l attività di spaccio sia successiva o precedente all allontanamento dall impiego. Di certo conosceva la zona e ha mantenuto qualche contatto. Ora queste persone, che i carabinieri stanno cercando d identificare, rischiano la segnalazione in Prefettura come consumatori di sostanze stupefacenti. Sono in corso infatti le analisi per trovare e- ventuali corrispondenze tra i mittenti delle telefonate e i nomi scritti sui fogli contabili dello spacciatore. Federico Gottardo CAMBIANO - «Liberata una cifra ridicola» Arrivano altri quattrini dal Patto di stabilità ma sono superati dai tagli CAMBIANO La Regione scongela altri euro del Patto di stabilità, ma lievitano ancora i tagli da Stato, Provincia e Regione che sfiorano gli euro. Dopo i euro del Patto liberati a luglio, lunedì la Giunta regionale ha concesso a Cambiano la possibilità di spenderne altri «Serviranno per coprire le spese di alcuni lavori, ma la cifra è ridicola attacca il sindaco Giancarlo Michellone Abbiamo subito chiesto alla Regione di sbloccare altri soldi, anche perché pochi giorni fa ci è stata comunicata un ulteriore riduzione dei trasferimenti da Stato, Provincia e Regione: si parla di euro, forse Nel 2011 a- Polemica a Cambiano Sagra sprecona? Saggese e Marocco litigano sull acqua CAMBIANO Galleggia su Facebook la polemica sugli sprechi dell acqua fra il consigliere di minoranza Ernesto Saggese e il vicesindaco Stefano Marocco. All indomani della Sagra del Pomodoro, il capogruppo di Vento di Cambiamento ha presentato in municipio un interrogazione per chiedere perché i litri di acqua utilizzati durante la festa per un attrazione in piazza Cavour siano stati fatti defluire in un tombino anziché essere riutilizzati. «Visto che l acqua è un bene prezioso e i periodi di lunga siccità a cui è sottoposto il nostro pianeta sono in aumento, perché non è stata riciclata, magari dagli agricoltori locali? - domanda Saggese Ci sono continui aumenti di imposte e richieste di sacrifici, ma dall altra parte osserviamo degli sprechi». vevamo subito tagli per euro, mentre quest anno siamo sotto di e pare che possano ancora ridurre di euro». La Giunta si trova quindi in difficoltà nel far quadrare i conti: «Non possiamo tagliare sulle spese correnti, cioè scuola e assistenza, e la variante al piano regolatore non riceverà il via libera dalla Regione almeno fino a fine settembre. In questi giorni ogni settore del Comune analizza dove può ridurre le spese e a quali cose può rinunciare; valutiamo anche se inserire a bilancio la metà dei nostri stipendi di amministratori ( euro) che finora abbiamo dato come contributi alle associazioni». Immediata la replica del vicesindaco Marocco sul profilo personale di Facebook: «L importo dell acqua consumata ammonta a circa 20 euro fatturati regolarmente da Smat; in realtà la fattura è di 40 euro ma ne sono stati consumati la metà». Il consigliere di minoranza ha quindi pubblicato l interrogazione sul profilo del Comune con un commento: «Non si discutono i costi e tanto meno l iniziativa lodevole delle sfere gonfiabili nell acqua per il divertimento dei bambini, ma basta con il mistificare le cose». Anche il sindaco Giancarlo Michellone cerca di far luce sull accaduto: «Quando Saggese era assessore, l organizzazione della Sagra era già a carico della pro loco e già allora si facevano dei giochi con l acqua. Con i prezzi dei carburanti alle stelle ai contadini sarebbe costato troppo venire a svuotare la vasca; poi, proprio in quei giorni aveva piovuto molto, quindi l acqua non serviva più per irrigare i campi». 23

24 CORRIERE DI CHIERI 4 CHIERI E DINTORNI Martedì 18 settembre 2012 Fe.Be edilizia uccisa dalla crisi del credito «Costi in crescita, prezzi in calo, vendite rallentate». L impresa cerca il concordato Sport per tutti PECETTOProve gratuite di calcio, golf, kung fu, ginnastica ritmica e altro. Sabato e domenica il Comune aderirà all iniziativa provinciale Pasport 2012, porte aperte allo sport per tutti. Per partecipare è richiesta la prenotazione entro venerdì contattando le strutture coinvolte. Rimarranno aperti anche ai non tesserati il Club 77 di strada Chieri 34 ( ), il Ciliegi Golf Club di strada Valle Sauglio 13 ( ) e gli impianti della Polisportiva Pecettese in via Busello 4 ( ). Il Club 77 rimarrà aperto sabato: dalle 10 alle 14 si potrà accedere alla sala pesi assistita; dalle 10 alle 10,50, prove gratuite di circuito gag, kung fu tai chi e kung fu shaolin. Dalle 11 alle 11,50 pilates, a seguire acqua gym dalle 12,30 alle 14,50. Sabato gli impianti del Busello offriranno prove di ciclismo, ginnastica ritmica, arti marziali e hockey su prato dalle 10,30 alle 13. Calcio dalle 14,30 alle 16,30. Domenica al Golf Club insegnanti a disposizione dalle 14 alle 18. Casa salute TROFARELLOIl Comune torna alla carica con la Regione per ottenere la casa della salute. Il recente decreto del ministro Balduzzi ha riacceso le speranze di ottenere il centro di cure primarie, ideato e mai realizzato al Movicentro. «Oltre che nel piano regionale - spiega il sindaco Visca - questo tipo di struttura ora è previsto, in via ordinaria e non più sperimentale, nel decreto legge del Governo fra i servizi sanitari di base». Di qui la richiesta al governatore Cota di sbloccare il finanziamento di euro, congelato a inizio 2011, per progettazione e gestione della casa della salute. Più panchine POIRINOAlcune panchine lungo le vie della borgata Favari- Avatenei e in piazza Don Fassino. Le chiede Angelita Mollo, capogruppo della minoranza La Svolta, in una lettera inviata al sindaco Tamagnone. «E una necessità segnalata da tanti residenti ed è un semplice arredo che può favorire momenti di aggregazione in una frazione cresciuta molto negli ultimi anni». CHIERI Vernice nera per cancellare il recapito dell ufficio vendite, sul cartellone a lato del cantiere in via Montù, a fianco del Gialdo. Congelata la storica Villa Enrichetta a Pavarolo, da cui si sarebbero dovuti ricavare alloggi di lusso: case intelligenti, dotate di un sistema centrale capace di controllare tutti gli impianti. Sono alcune delle conseguenze della crisi in cui si si trova la Fe.Be., storica impresa edile chierese, pronta a chiedere il concordato preventivo: un accordo con i creditori per evitare il fallimento. «Entro la settimana ci sarà la decisione definitiva - annuncia il titolare Giuseppe Ferrero - Aspettiamo solo il via libera dai creditori». Giunge così al capolinea u- na storia durata più di cinquant anni. Ferrero ha infatti contribuito alla crescita di POIRINO Parte con una nuova guida l anno scolastico poirinese: dopo 11 anni di presidenza di Luisella Crotta, il nuovo dirigente è Nicola Marsicovetere, 59enne insegnante di lingue, appena arrivato dalla Oscar Levi di Chieri. «Ho passato una vita in quella scuola, prima come docente poi come vicepreside e infine come preside ricorda Marsicovetere Conoscevo i colleghi, i progetti, le problematiche e le risorse presenti nel territorio. A quel posto mi lega un affetto profondo». E la speranza era rimanere alla Oscar Levi anche quest anno e quelli a venire. Ma... A fine luglio mi hanno detto che sarei stato trasferito, mentre facevo fisicamente il trasloco dei faldoni nei nuovi arredi della segreteria. Sapevo della possibilità di un cambiamento, ma la speranza era restare a Chieri. Invece è arrivato a Poirino, dove per la prima volta avrà da gestire un istituto comprensivo. Non solo scuola media, ma anche classi dell asilo e delle e- lementari. Questa per me è una novità ma non sarà un problema. Sicuramente all inizio avrò bisogno di un supporto e devo dire che ho trovato una grande disponibilità da parte della segreteria e dei docenti che mi sembrano molto competenti. Chieri negli anni del boom e- dilizio: «Abbiamo costruito noi tutto il blocco della Bussola in via Andezeno, con 140 alloggi, poi case in via Roaschia, almeno 200 alloggi in via Conte Rossi - elenca - E poi case nelle città dei dintorni, a Torino, e a Sanremo dove otto anni fa ci siamo occupati della ristrutturazione di 250 alloggi». Ma poi è arrivata la crisi e- conomica: «Le ripercussioni le abbiamo avute su più fronti - spiega Ferrero - I costi sono aumentati, le banche hanno stretto il rubinetto dei finanziamenti, il mercato immobiliare ha molto rallentato». La crisi non è però iniziata adesso: «Infatti. Noi, come molte altre imprese delle nostre dimensioni, hanno fatto il possibile per restare a galla, sia chiedendo fondi alle banche sia mettendo mano ai propri risparmi. E così siamo andati Nicola Marsicovetere In questi primi giorni si occuperà principalmente di conoscere i docenti e di capire quali sono le mansioni storiche che ogni professore e maestra occupa nell istituto. Per questo motivo ho confermato come miei collaboratori la professoressa Nida Menzio e la maestra Anna Maria Gioda che già in passato ricoprivano questo ruolo. Un dirigente ha bisogno di una memoria storica. I docenti invece provvederanno a eleggere i rappresentanti di ogni plesso. Giuseppe Ferrero e, a destra, il cantiere di fianco al Gialdo avanti tre o quattro anni, sperando che la crisi passasse».e invece? «Per le imprese edili s è creata una situazione micidiale, dal punto di vista economico. Da un lato costi in crescita, dall altra prezzi in calo e tempi di vendita più lunghi, che significa per noi l aumento degli interessi passivi nei confronti delle banche. Non è «Scuola, voglio partire dal territorio» Poirino, analisi e progetti del nuovo dirigente Marsicovetere Ha già avuto la possibilità di capire quali progetti verranno attivati? Per ora posso dire che avvieremo quelli previsti dal piano dell offerta formativa presentato dal collegio docenti. Durante l anno valuteremo eventuali interventi aggiuntivi. Voglio prima conoscere il territorio e le sue risorse, in modo da agire con progetti condivisi e organizzati. Vista la carenza di fondi meglio pochi interventi ma più efficienti, valorizzando quelli storici che contraddistinguono la scuola. La grande novità per gli studenti delle medie e le loro famiglie sarà il rinnovato orario scolastico: 6 ore dal lunedì al venerdì con due intervalli durante la mattinata e nessun rientro pomeridiano. Condivide la scelta? Anche alla Levi funzionava così, e poi è stata una scelta delle famiglie. Solo una classe di terza media avrà due rientri, dopodiché non ci saranno mai più classi a tempo pieno. E previsto dalla legge: anche se il prossimo anno arriveranno 100 richieste da parte dei genitori, finché non si modificherà la legge, Poirino non avrà più il tempo prolungato alle medie. Qual è la sua idea di scuola? La scuola è territorio, è un ente che deve avere uno stretto rapporto con il Comune e una costante collaborazione con le famiglie. Deve dare risposte, tenendo però conto delle risorse umane e di quelle finanziarie che sono limitate. Ha già incontrato i dirigenti del municipio, sindaco e assessore all istruzione. Quali saranno i primi argomenti su cui vi confronterete? Vorrei un intervento sugli arredi che in alcuni casi sono molto vecchi e inadeguati. La mia non è una pretesa: ne parleremo e vedremo come fare. Ma alcune cose le reputo necessarie. Ho invece a- vuto conferma della presenza di educatori, pagati dal Comune, che aumenteranno le ore di sostegno nei casi di handicap. A Chieri si è sempre occupato della sicurezza nella scuola e dello sviluppo dell informatica. A Poirino farà lo stesso? L uso di nuove tecnologie è essenziale per coinvolgere gli studenti, ma questo necessita fondi per l acquisto di strumenti e per la formazione dei docenti. Sulla sicurezza invece interverrò sicuramente: ad esempio ho visto alcune prese elettriche che non mi piacciono e altre situazioni devo invece conoscerle meglio e capire come migliorarle. La prevenzione è importante e si fa informando costantemente ragazzi e famiglie. Moreno Strazza un caso che anche alcune grandi imprese torinesi siano costrette a chiudere». Ferrero,a questo proposito, cita a esempio le difficoltà della Rosso Costruzioni e della Co.Im.Pre., che avrebbe dovuto ristrutturare l ex Tabasso. Dunque come vi muoverete? «Cesseremo l attività, perché non si può continuare a costruire senza vendere. Anche se le banche continuassero a finanziare, e non è così, aumenterebbero solo i debiti». Per Ferrero, in ogni caso, il sistema bancario ha la sua parte di colpe nelle presenti difficoltà delle imprese: «Consideriamo uno degli ultimi finanziamenti che abbiamo chiesto: hanno impiegato un anno per deliberarlo. Però nel frattempo la situazione era peggiorata: quella cifra che dodici mesi prima sarebbe stata sufficiente, un anno dopo non ci bastava più». A quanto ammonta il vostro debito? «E ancora in corso la valutazione», si tiene abbottonato Ferrero. Come contate di pagarlo? «Metteremo in vendita ciò che abbiamo. Nel caso di via Montù sono 30 alloggi, col cantiere a livello della struttura, e in più tre lotti di terreno fabbricabile. In via Andezeno, nelle vicinanze del giardino dell Alpino, ci sono una dozzina di alloggi finiti da quattro anni (è l area dell ex FinRonco, per un totale di 34 appartamenti. ndr). Abbiamo anche delle case a Testona». E per Villa Enrichetta a Pavarolo in cui Fe.Be. è socia di Fe.Di., società promotrice dell operazione di cui fa parte anche la Di Viesto, nota concessionaria d auto torinese? «In questo caso noi dovremo cedere le nostre quote». Un aspetto non secondario nelle difficoltà dell azienda riguarda poi i dipendenti. Com è, nel vostro caso? «Abbiamo 25 addetti, che per ora sono in cassa integrazione. Poi c è l indotto, che calcolo in una cinquantina di persone: chiudendo noi non perdono del tutto il lavoro perché, come ad e- sempio i lattonieri, non si tratta di gente che lavorava solo per noi. Certo è che, quando chiude una impresa, ad avere problemi non sono solo i dipendenti». Enrico Bassignana 24

25 CORRIERE DI CHIERI Martedì 18 settembre 2012 CHIERI E DINTORNI 7 Patronati in bilico E affitto a Poirino Dal Comune non più locali gratuiti Cisl dimezza e Cgil cerca alternative POIRINO I patronati non se ne vanno, scacciati dall affitto chiesto dal Comune. Ma i servizi d assistenza, forniti da Cgil, Cisl e Acli, potrebbero cambiare sede o essere decisamente ridotti. Il caso era scoppiato a luglio, quando il Comune ha chiesto ai sindacati 500 euro mensili per l edificio di via Indipendenza 48. Due stanzette senza bagno, né telefono per sei mezze giornate alla settimana. Qui i volontari aiutano la gente a compilare documenti e pratiche gratis o per cifre poco più che simboliche. Per quasi un decennio non è stato chiesto nessun affitto, ma ora il Comune raschia il fondo del barile. Il sindaco Sergio Tamagnone motiva la richiesta con le pratiche fiscali, che non vengono svolte gratuitamente: «Se la gente paga, anche i patronati paghino». Ribattono Cgil, Cisl, che dividono i locali con Acli e agricoltori del Cia: «E un affitto troppo alto per quel che incassiamo noi. In autunno ce ne andiamo da Poirino, oppure ci troviamo un locale privato, dove magari spendiamo meno o possiamo avere un bagno ed il telefono». Vincenzo Ferrara, segretario del sindacato pensionati Cgil di Chieri, sotterra l ascia di guerra: «Per ora rimaniamo. Come sempre lunedì e mercoledì mattina, dalle 9 alle 12. Ma stiamo ancora valutando qualche soluzione alternativa». Pensate ad un locale privato, che magari costi meno? «Per il momento non ci sono le condizioni». Sta invece organizzando una mezza ritirata Pietro Ferrigno, responsabile del settore pensionati della Cisl chierese: «Invece che due volte alla settimana, il nostro incaricato verrà una volta sola. Così dimezziamo la spesa, visto che 200 euro al mese solo per questo non possiamo permetterci di spenderli». Non pensate più alla soluzione alternativa di affittare un locale privato? «Abbiamo cercato e locali vuoti adatti ne abbiamo visti alcuni. Ma dobbiamo avere l autorizzazione dalla segreteria torinese per spendere più di quello che possiamo permetterci in questo momento. Il sindacato sta SANTENA - Coinvolte le tre elementari e la media Fotovoltaico per le scuole Caccia ai fondi ministeriali SANTENA Le scuole cittadine potrebbero azzerare le bollette dell energia elettrica. Si tratta di una spesa di molte decine di migliaia di euro all anno. L assessorato comunale ai lavori pubblici, infatti, ha deciso di partecipare al bando del Ministero dell Ambiente denominato Il sole a scuola. Il bando mette in palio finanziamenti a fondo perduto per installare sui tetti dei plessi scolastici pannelli fotovoltaici per la produzione di corrente. «L ufficio tecnico comunale ha stilato i progetti per tutti cinque i plessi scolastici precisa l assessore Walter Mastrogiovanni Se verremo ammessi al bando, riceveremo un massimo di euro per ciascuno degli interventi. Se tutto va bene, si tratta di euro». Per le tre scuole elementari e per la media Falcone i progetti prevedono u- na spesa di euro ciascuno; per la materna Marco Polo invece la spesa è soltanto di euro. «Quell edificio è più recente e ci sono da fare meno modifiche spiega la differenza l assessore Mastrogiovanni Per gli altri quattro edifici dovremmo aggiungere soltanto 700 euro ciascuno. Ben poca cosa in confronto con quanto risparmieremmo». Pietro Ferrigno, voce della Fnp Cisl organizzando tutti i congressi, da quello della Lega Chieri-Carmagnola a quello nazionale, e l impegno economico è notevole per poter pensare a spese maggiori di quelle sostenute finora». Quindi è escluso che andiate altrove restando però in paese? «Per ora è un idea accantonata, se ne riparlerà in primavera dopo i congressi - prosegue Ferrigno Per non gravare troppo sulle spese, potremmo utilizzare il locale con altri organismi del nostro sindacato». L incaricato Cisl fino ad ora era presente in via Indipendenza martedì e giovedì: quando verrà nei prossimi mesi? «Non è ancora deciso, lo concorderemo direttamente con l incaricato stesso. Ma credo che un giorno o l altro faccia lo stesso per le oltre 400 persone, fra iscritti e no, che si rivolgono a noi ogni anno. Basta che ci sia il servizio». I responsabili delle Acli non hanno ancora preso alcuna decisione: «Sapevamo che il Comune aveva intenzione di chiedere un affitto ma non ci è arrivata nessuna notizia sul fatto che la richiesta sia stata formalizzata dicono dalla sede provinciale torinese del patronato cattolico Quindi, per ora non cambia nulla né abbiamo pensato a qualche altra soluzione». Mario Grieco CACCIA - Si spara sino a fine mese. E poi? Via libera alle doppiette ma inquadrati nel mirino ci sono soltanto i cinghiali CHIERI Sono stati i cinghiali a fare le spese del pasticciaccio brutto per l apertura della caccia. Nel tira e molla tra l assessore regionale all agricoltura Claudio Sacchetto e le associazioni ambientaliste, s è deciso all ultimo che da domenica e fino alla fine di settembre si sparerà solo a loro. «Noi abbiamo avvisato i nostri associati, e spedito in campagna le squadre dei cinghialai per controllare ciò che sta accadendo - segnala Pierangelo Cumino, presidente dell Atc To5 (Ambito territoriale di caccia) in cui Solo cinghiali nel mirino ricade anche il Chierese - La nostra preoccupazione è che si creino situazioni di pericolo, nel caso in cui chi è abituato alla lepre o al fagiano si metta a caccia di una selvaggina che richiede cacciatori e- sperti che lavorano in gruppo». Il fatto che si sia aperta la caccia col solo cinghiale, e che domenica si sia sparato relativamente poco è una mezza vittoria per Roberto Piana, presidente regionale della Lac (Lega per l abolizione della caccia). «Ora ci impegneremo per bloccare l apertura a fine settembre. Certo è che l assessore Sacchetto sta gestendo la L ATC TO 5 «Temiamo pericoli per chi è abituato a cacciare solo lepri» questione in modo pessimo, con la cancellazione del referendum prima e il tentativo di apertura poi. Si dovrebbe dimettere». Sacchetto, dal canto suo, dichiara soddisfazione per l inizio almeno parziale della stagione venatoria, e promette di concentrare ogni energia sull elaborazione di una legge regionale sulla caccia (di cui, al momento, il Piemonte è privo). «E una cosa che avrebbero dovuto fare prima: avrebbero evitato tutti gli attuali problemi - commenta Cumino - Nell immediato, però, avrebbero dovuto aprire la caccia anche alle lepri e ai fagiani: più si aspetta, più se ne mangiano le volpi». Piana è ovviamente sul fronte opposto: «Non si capisce perché si debba andare contro il volere di una larghissima maggioranza dei piemontesi». E ce n è anche per l assessore provinciale all agricoltura Marco Balagna: «Sollecita la Regione a uscire dall impasse, però non si esprime sulle ragioni che hanno condotto il Tar a bloccare la caccia, né spende una parola sul furto di democrazia che è stato la cancellazione del referendum». 25

26 PR 54. Provincia Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di Poirino STAMPA.LA MARTEDÌ 18 SETTEMBRE 2012 Chivasso UntesorettodinomeImu Entratesuperioriallestime Raddoppia il gettito comunale, grazie al boom edilizio degli ultimi anni Chivasso Bottiglia incendiaria contro un bar Una bottiglietta contenente del liquido infiammabile è stata collocata la scorsa notte e data alle fiamme contro la porta della cucina del bar «Il Chiodo Fisso», in via Gerbido 15. Fortunatamente l attentato incendiario è fallito perché le fiamme si sono spente da sole in pochi minuti. Il fumo ha annerito solamente una piccola parte del vetro della porta in alluminio. Titolare del locale è Alberto Romanello, 59 anni, residente in città, che ha dichiarato:«non ho proprio idea chi possa essere stato ad appiccare il fuoco. Sicuramente è stata la bravata di alcuni ragazzi. Non ho mai ricevuto minacce e neppure avuto da dire con nessuno». Alcune persone avrebbero visto due giovani scappare appena scoppiato l incendio. Sul posto è subito accorsa una pattuglia dei carabinieri di Chivasso che sta indagando senza tralasciare nessuna ipotesi. [D.AND.] Leini Settanta bambini senza la materna Settanta. Tanti sono i bambini di Leini che quest anno non potranno frequentare la materna. Mancano gli spazi e, benché i tre commissari che governano la città dopo lo scioglimento del Comune abbiano cercato soluzioni alternative, per ora non sarà possibile soddisfare le richieste delle famiglie che stanno vivendo questo grave disagio. «A fine ottobre sarà pronto il nuovo asilo nido - spiegano i commissari - e questo consentirà di trasferire le sezioni ospitate nella scuola d infanzia di via Dogliotti e liberare preziosi spazi per la materna, consentendoci di dimezzare la lista d attesa». Probabilmente, però, per questo anno scolastico la situazione rimarrà invariata: gli spazi di via Dogliotti vanno, infatti, riadattati per il nuovo utilizzo. [N. BER.] il caso MARIA DI POPPA CHIVASSO frutterà al Comune di Chivasso più di quanto previsto, L Imu quasi il doppio. È il dato che emerge dopo il pagamento della prima rata dell imposta sugli immobili. Secondo la previsione di bilancio fatta dal Commissario Prefettizio Giovanna Vilasi che ha guidato la città prima dell elezione, a giugno, del sindaco Libero Ciuffreda - nelle casse comunali sarebbero dovuti entrare 670 mila euro. Invece ne sono arrivati 1 milione 115 mila. Ben 445 mila euro in più. La proiezione del Commissario si basava, infatti, sui dati dell Ici, la vecchia imposta sugli immobili pagata l ultima volta nel Ma nel frattempo la città è cresciuta e sono stati costruiti interi quartieri residenziali. Alla notizia delle maggiori entrate rispetto alle previsioni, l opposizione è subito scesa in piazza con una raccolta firme per chiedere di ridurre le aliquote sulla prima casa, sugli immobili dati in uso a genitori o figli e una detrazione di 250 euro per ogni famiglia con un disabile a carico. Ma l assessore al Bilancio Claudia Buo frena. «Neppure un centesimo delle maggiori entrate resterà nelle tasche comunali spiega e questo per effetto del fondo sperimentale di riequilibrio. In poche parole tutte le maggiori entrate produrranno come effetto un taglio sui trasferimenti dallo Stato al Comune. Insomma, fondi in meno che arriveranno. È, dunque, sbagliato dire che il Comune guadagnerà 445 mila euro in più». Una spiegazione che non soddisfa l opposizione. Bilancio fortunato Il sindaco Libero Ciuffreda spiega che nelle casse comunali sono arrivati 445 mila euro in più rispetto alle attese LA PROTESTA Il Pdl chiede subito il taglio dell aliquota sulla prima casa «L amministrazione deve uscire dal Palazzo e venire a spiegare queste cose direttamente ai cittadini tuona Adriano Pasteris, capogruppo del Pdl per questo chiediamo un incontro pubblico per discutere di Imu prima che tutte le decisioni a riguardo vengano prese». Ma l appello è già stato respinto. «Fare dibattiti su un tema così tecnico non porterebbe da nessuna parte sbotta l assessore Buo stiamo ancora lavorando per ritoccare le decisioni prese dal commissario Vilasi. Abbiamo tempo fino al 30 settembre, ma è probabile che la delibera sull Imu verrà discussa già durante il prossimo Consiglio, previsto per il 27 settembre. È quella la sede giusta per ogni dibattito». In totale disaccordo con l assessore anche il capogruppo della lista Civica «Per Chivasso», Gianfranco S c o p p e t t o n e. «Non si tratta di semplici tecnicismi sottolinea il ritocco delle aliquote comporta vere e proprie scelte politiche. Per questo è importante condividerle con la popolazione». Nessuna anticipazione, intanto, trapela dall Amministrazione circa i ritocchi alle aliquote ed eventuali sgravi ancora allo studio. ASL TO3 Sciopero degli addetti alle pulizie L ospedale di Avigliana n Ieri, per un turno di sei ore, hanno incrociato le braccia circa 160 operatori (nella gran parte donne) delle due ditte che garantiscono i servizi di pulizia e trasporto pazienti all interno degli ospedali di Avigliana, Susa, Rivoli e Giaveno. Lo sciopero è stato deciso dopo che la direzione dell Asl To3 avrebbe comunicato di voler «tagliare» una parte delle ore garantite dalle maestranze. La decisione ha scatenato il malumore e ha anche fatto scendere in campo i sindacati. «Con questo sistema si vanno a colpire persone che guadagnano, in media, appena 600 euro al mese con un contratto parti-time avverte Marco Prina, della Filcams-Cgil non riusciamo a capire perché la direzione dell azienda ha adottato questa decisione che colpisce una categoria debole». Incalza: «I vertici dell Asl ci hanno detto che l appalto era cresciuto troppo negli ultimi due anni. Abbiamo chiesto un incontro per dei chiarimenti». [G. GIA.] Pinerolo Gravissimalamamma investitaconlafiglia Rimangono sempre gravissime le condizioni di Tiziana Franceschini - operata da una équipe di neurochirurghi del Cto - la mamma 39 enne di Pinerolo che, sabato pomeriggio, è stata investita mentre con la figlia 12 enne stava attraversando sulle strisce pedonali in corso Torino. A falciarle è stata una Bmw, il guidatore, stando alla ricostruzione dei carabinieri, ha superato un fuoristrada che si era fermato per lasciarle passare. Un urto violentissimo che ha scagliato la bambina a 18 metri e la mamma a 16. Prima ancora che arrivassero le ambulanze è stato un milite della Croce Verde, Marcello Manassero, a prestare i primi soccorsi. La bambina, ricoverata all ospedale Agnelli, ha riportato una frattura del bacino, la mamma invece è stata trasferita subito in elicottero al Cto. Poirino Ultima fermata per il pusher pendolare Presoconuncaricodicocainaehashish FEDERICO GENTA Affari d oro Sequestrati 2600 euro in contanti e mezzo chilo di marijuana Con le sue continue trasferte da Torino, sempre in autobus, riforniva di droga tutta la città. Hashish, marijuana e cocaina arrivavano a Poirino anche tre volte la settimana. Un via vai continuo che non poteva passare inosservato. Luca Basso, 33 anni, è stato arrestato venerdì pomeriggio proprio alla fermata dei pullman di via Torino, alle porte del paese. Dal marsupio che gli avvolgeva la vita sono saltati fuori 370 grammi di stupefacente, compresi 13 ovuli di cocaina. In tasca aveva anche tre fogli scritti a mano, con annotati i nomi dei clienti, almeno un centinaio, e il corrispettivo in denaro della merce ordinata. Studenti, operai e facoltosi imprenditori, che adesso i carabinieri vogliono rin- tracciare incrociando gli appunti con i numeri salvati su due cellulari sequestrati, posti sotto sequestro. Uno di questi, mentre lo spacciatore veniva interrogato in caserma, non ha mai smesso di squillare. In poche ore ha ricevuto più di cinquanta chiamate. Nell appartamento di Basso sono stati trovati 2600 euro in contanti e un altro mezzo chilo di marijuana e hashish. Di fronte all evidenza, il giovane non ha potuto far altro che confessare. Nato e cresciuto in paese, sapeva bene chi poteva essere interessato alle sue attività. Si era trasferito Luca Basso, arrestato da pochi mesi a Torino, ma dopo una breve esperienza come dipendente di un distributore di benzina aveva deciso di rispolverare le sue vecchie conoscenze per portare avanti affari decisamente più redditizi. 26

27 LA STAMPA MERCOLEDÌ 19 SETTEMBRE Provincia. 57 PR Rassegna stampa Settembre 2012 Comune di Poirino Pinerolo Amiantoinclasse,lavacanzaèforzata Settanta studenti della media Poet restano a casa per la bonifica LUISA GIAIMO Due giorni di vacanza dopo solo quattro giorni di scuola per una settantina dei 250 studenti della media«lidia Poet» di Pinerolo. Vacanza un po forzata, ma approvata dai genitori che, prudenzialmente, hanno preferito tenere a casa i figli piuttosto chemandarliaseguirelelezioniinunascuolacheèalla prese con lo smantellamentodeltettoinamianto. Ezio Michelis Preside della scuola Lavori in ritardo All origine della questione c è un ritardo nell esecuzione dei lavori che sarebbero dovuti terminare totalmente prima dell inizio delle lezioni. Ma cosìnonèstato.toltoilvecchio tetto in eternit dalla scuola, è rimasto ancora quello sulla adiacente palestra, che proprio in questi giorni è stato trattato con una vernice vinilica az- zurrachehailcompitodievi- tare la dispersione delle pericolose polveri durante le fasi di smontaggio. «Lascuolasièfattacaricodelproblema-diceilpreside Ezio Michelis- abbiamo ottenuto tutte le assicurazioni da parte dell Asl che noncifosserorischiperla salutedeglialunniedelpersonale che qui lavora. Ma soprattutto le operazioni di smantellamento non sono mai avvenute durante le lezioni. Gli operai hanno lavorato lunedì pomeriggio e oggi quando nella scuola non erano presenti gli alunni. A casa per precauzione Non sarebbe comunque stato meglio sospendere per due giorni le attività?«ho sentito il sindaco, la decisione spetta alui.mihadettochenonsi trattava di una calamità e Pericolo, rimozione asbesto Le impalcature intorno alla scuola media Lidia Poet di Pinerolo. I genitori hanno prudenzialmente preferito tenere a casa i figli piuttosto che mandarli in una scuola-cantiere AVIGLIANA Volontari alpini come gli acrobati per ripulire le mura del castello n La squadra alpinistica della protezione civile Ana ValSusahapresod assaltoil castello di Avigliana per ripulirlodairoviedalleerbe infestanti. Un operazione durata due giorni, in stretta collaborazione con la locale sezione degli alpini, e le associazioni della città. Una task force di una settantina di persone, che hanno ridato il suo antico splendore ai bastioni, e ai ruderi dell antico maniero. I dieci volontari, opportunamente imbragati, operano a mani libere, su strapiombi di centinaia di metri. Mentre la squadra alpinistica era appesa in parete, altri volontari hanno lavorato con le attrezzature per sradicare i rovi, le erbacce, e le piante cresciute in modo Gli alpini in azione irregolare. «Sono passati vent anni dall ultimo intervento- spiega l ex assessore ArnaldoReviglio-eora,grazie al volontariato possiamo eseguire degli interventi regolari». Nell intervento sono emerse alcune testimonianze storiche, in particolare i punti dove i francesi, durante l assedio, tentarono di crearsi un varco, facendo brillare delle mine. [G. MAR.] quindi con tutte le precauzioni del caso si potevano eseguire i lavori anche in questo periodo». Di parere contrario Luca Paparozzi, portavoce di quei genitori che hanno preferito tenereacasailorofigli:«pur riconoscendo la serietà e la scrupolosità dell azienda che sta eseguendo lo smantellamento, la tempistica non è stata rispettata». Problema di appalti Ilmotivoèdaimputareadun ritardo nell assegnazione dei lavori.«l appalto non è andato abuonfine,c èstatounricorso - spiega l assessore ai lavori pubblici, Angelo Pisaniello- la dittahainiziatoamontarei ponteggi nella prima settimanadiagosto.macomunqueabbiamo una relazione dell Asl conlaqualesicertificache l amianto può essere rimosso anche con gli allievi in classe, circostanza che per altro non sièverificata».ierialle18ilavori erano finiti e domani alle 17cisaràunariunionefradirigenza Asl, tecnici del Comune egenitori. Scuola: genitori in rivolta Bruino Mancano insegnanti di sostegno MASSIMO MASSENZIO Genitori sul piede di guerra per le assegnazioni degli insegnanti di sostegno. Il problema riguarda soprattutto le elementari dove gli alunni con disabilità certificata sono aumentati, ma le cattedre sono diminuite. Ancora prima dell apertura dei cancelli è iniziata una petizione per chiedere alla direzione regionale un intervento tempestivo. Il comitato Sos Scuola, primoinitaliaainiziareunaclass action contro i Ministeri dell Economia e dell Istruzione, hagiàraccoltopiùdi300firme intremattinateedomaniconsegnerà le ultime sottoscrizioni al sindaco Andrea Appiano. Se le richieste non saranno accolte le famiglie sono pronte a intraprendere una nuova azione legale.«la legge stabilisce un rapporto di un insegnante di sostegno ogni due bambini disabili» spiega Claudio Stacchini, presidente uscente del consiglio d istituto. E aggiunge:«gli alunni nella scuola primariasonopassatida14a16, ma quest anno ci saranno solo 6cattedreemezzoafronte delle7concesse12mesifa».la motivazione, secondo il comitato, sarebbe contenuta in un verbale dell ufficio scolastico provinciale:«stabilisce che le ore di sostegno vengano ridotteinrelazionealleoredieducativa riconosciute dal Comune.QuindiilfattocheBruino abbia stanziato più di 100 mila euro all anno per gli educatori professionali ci penalizza». in breve Santena Chiesa in restauro Dopo il recupero dell abside, adesso tocca alla copertura del tetto. Presto nuove impalcature circonderanno la Parrocchiale che si affaccia su piazza Martiri. L intervento, chesupereràdipocoidieci mila euro, sarà sovvenzionato per metà dalle casse comunali eprevedelaposadiunnuovo sistema di smaltimento dell acqua piovana. Poirino Cercasi panchine I residenti delle borgate chiedono al Municipio più attenzione verso piazze e aree verdi di periferia. La protesta èstataraccoltadalgruppodi minoranza La Svolta, che ha suggerito al sindaco di installare almeno alcune panchine. Chivasso Lavoro occasionale Da quest anno l amministrazione comunale ha recepito la normativa per l utilizzo di lavoratori per prestazioni a carattere occasionale e accessorio. La domanda può essere presentata in qualsiasi tempo. Rivolgersi presso l Ufficio del Lavoro, in Comune, oppure presso il Centro per l Impiego. Chivasso Giardino di Pogliani Entrolafinediottobre,in frazione Pogliani saranno accessibili i giardini pubblici realizzati dalla Waste Italia, la società che nella frazione gestisce l impianto della discaricadichivasso.lohaassicurato Giuseppe Maria Chirico, amministratore delegato della società, al sindaco e all assessore all Ambiente. All internodelgiardinocisaràancheunochaletchesaràdato in gestione a un associazione cittadina. Pinerolo Sportello per imprese Uno sportello comunale in grado di dare informazioni alle imprese sull esistenza dei bandi europei. La proposta arriva dai consiglieri della lista civica Progetto per Pinerolo. Dice Andrea Chiabrando: «Gli imprenditori devono essere immediatamente informati sugli aiuti alle imprese»

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese CONOSCERE PER ABITARE: IO PARTECIPO ALLA CITTÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO 25 Maggio 2012 San Mauro Torinese Classe IV B Scuola primaria Giorgio Catti CONOSCERE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG)

ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG) ASSOCIAZIONE dei GENITORI degli STUDENTI dell ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SOLARI Via Crespi, 4 24021 Albino (BG) info.associazione@genitorialbino.it Tel 349/3398333 dal lunedì al venerdì dalle 20 alle

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

la vela che fa crescere

la vela che fa crescere I CORSI PER UNDER 18 la vela che fa crescere Settimane veliche Skiffsailing per bambini e adolescenti SKIFFSAILING scuola di vela sali a bordo del divertimento! In barca a vela. Perché non si vive di soli

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Mantova e dintorni Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Lunedi' 1 giugno - Firenze - Dozza - Maranello Partiamo da Firenze in tarda mattinata.

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 Il giorno 26 maggio 2015 alle ore 18.30, presso la Sede del Comune di Cavriago, si riunisce il Forum scuola,con il seguente ordine del giorno 1) aggiornamento

Dettagli

I ragazzi, la scuola, Cavour. Le Vostre idee per migliorare il nostro paese

I ragazzi, la scuola, Cavour. Le Vostre idee per migliorare il nostro paese I ragazzi, la scuola, Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese QUESTIONARIO Ai ragazzi dai 7 ai 14 anni rivolto ai ragazzi cavouresi dai 7 ai 14 anni Carissima/o ragazza/o, quante volte, passeggiando

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti!

Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti! Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti! In primavera Dal 19 al 23 marzo tradizionale appuntamento Sagra della Seppia 3 giorni / 2 notti in camera 4**** a partire da 119,00 a persona 2

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Capannori Speciale lavori pubblici 3 - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Nel trentennale dello spostamento del municipio da Lucca a Capannori festeggiamo una delle più grandi opere

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

UNIVERSITÁ DELL AZUAY ESAME SUFFICENZA

UNIVERSITÁ DELL AZUAY ESAME SUFFICENZA VOCABOLARIO E GRAMMATICA Scegli la parola che significa: UNIVERSITÁ DELL AZUAY ESAME SUFFICENZA 1. Poco o niente interesante, (mancanza di distrazione): a) bellissimo b) nascosto c) noioso 2. La persona

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 L ostetrica Lucia Spagnolo Ho fatto l ostetrica andando nelle case delle

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

LE PERSONE: BAMBINI, DOCENTI E COLLABORATORI SCOLASTICI

LE PERSONE: BAMBINI, DOCENTI E COLLABORATORI SCOLASTICI CARTA D IDENTITÀ DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DI SAN LEO BASTIA CONTESTO Via della Libertà tel.075-8504519 La scuola dell infanzia è situata al centro del paese di San Leo Bastia, in un edificio di nuova

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di Il parco che c è il parco che sarà Nello Cisa racconta una storia che non è finita A cura di Il comune di Pisa è il primo tra i capoluoghi italiani per verde nel suo territorio (7199 mq/ha - da Rapporto

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2

Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia. Test di ascolto GIUGNO 2012. numero delle prove 2 Livello CILS A2 modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 1 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY"

Desirée Lucido USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO GIRLS' DAY Desirée Lucido 2A USCITA DIDATTICA PER IL PROGETTO "GIRLS' DAY" Il 14 Aprile 2015, con una ragazza della II F e una della IIG di S. Lorenzo, sono andata in un negozio di fiori, cioè un Laboratorio botanico

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 12 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 16 - Prima Pagina pag. 7 - Modena Qui pag. / Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

Donnardea, una breve descrizione. pag 2. Dove siamo... pag 4. Donnardea: quando lavoro e famiglia s incontrano.pag 5. Enoturismo a Donnardea...

Donnardea, una breve descrizione. pag 2. Dove siamo... pag 4. Donnardea: quando lavoro e famiglia s incontrano.pag 5. Enoturismo a Donnardea... INDICE Donnardea, una breve descrizione. pag 2 Dove siamo.... pag 4 Donnardea: quando lavoro e famiglia s incontrano.pag 5 Enoturismo a Donnardea...pag 6 Donnardea per i bambini diventa anche una Fattoria

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare

Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare Laboratorio L'ACQUA 1-2 Elementare ATTIVITA' DI PRESENTAZIONE_per conoscere il nome dei bambini DURATA: 15 minuti Dopo che i bambini si sono disposti in cerchio, ci presentiamo dicendo ognuno il proprio

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

PROGRAMMA DI VIAGGIO - NAVE M/N CRUISE ROMA

PROGRAMMA DI VIAGGIO - NAVE M/N CRUISE ROMA PROGRAMMA DI VIAGGIO - NAVE M/N CRUISE ROMA Sabato 9 Luglio 2011 Ore 1900 Ore 2030 Ore 2030-2300 Ore 2215 Ore 2200-2230 Ore 2230-2300 Appuntamento con tutti i partecipanti presso la biglietteria Grimaldi

Dettagli

Relazione conclusiva

Relazione conclusiva Relazione conclusiva I bambini sono fiori da non mettere nel vaso: crescon meglio stando fuori con la luce in pieno naso. Con il sole sulla fronte e i capelli ventilati i bambini sono fiori da far crescere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

Tutto è bene quel che finisce bene

Tutto è bene quel che finisce bene Tutto è bene quel che finisce bene Ciao a tutti, mi chiamo Riccio Pasticcio, un nome un programma. Spesso e volentieri combino guai, per questo mi chiamano così, ma a volte faccio anche qualcosa di buono.

Dettagli

esercizi italiano 1 fthm

esercizi italiano 1 fthm esercizi italiano 1 fthm 1. Completate le frasi con le preposizioni articolate: 1. Marco di solito, ogni venerdì va (a+il) cinema. 2. Questa ragazza è la segretaria (di+la) nostra ditta. 3. Stasera andiamo

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli