PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015"

Transcript

1 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno , preso atto della nota MIUR del , esprime, con voto unanime, il seguente parere avente per oggetto lo schema di decreto di riparto del FFO La CRUI rileva con favore che, a differenza degli anni passati, il decreto è stato predisposto nella prima parte dell'anno e dà atto al MIUR dello sforzo compiuto. La CRUI sottolinea che, dopo la parentesi dello scorso anno, il FFO complessivo torna di nuovo a diminuire, assestandosi per il 2015 a euro contro i euro del 2014, con una riduzione di 87,4 milioni di euro. La CRUI prende atto che, grazie al lavoro di spending review intrapreso dal MIUR per quest'anno e non ripetibile per il futuro, la riduzione sulle voci principali (quota base, premialità, intervento perequativo) è pari a circa 30 milioni di euro. La CRUI sottolinea come il lavoro svolto dalle Università italiane e i miglioramenti intrapresi negli ultimi anni vengano riconosciuti a livello internazionale e i tassi di occupabilità dei laureati sono rimasti elevati malgrado la crisi che attraversa il Paese. Non si può, a maggior ragione, nuovamente non ricordare che i tagli annui accumulati a partire dal 2009 sono di oltre 800 milioni di euro. Anche per le Università non statali la riduzione dei contributi, già minimi sia in termini assoluti che relativi, non conosce fine e serve un recupero. In termini di finanziamento, il nostro sistema non regge al confronto internazionale. Nel 2009 il FFO rappresentava lo 0,49% del PIL; oggi siamo scesi allo 0,42% contro lo 0,99% della Francia e lo 0,93% della Germania. I tagli progressivi, unitamente al blocco del turnover (anche quest'anno pari al 50%), hanno determinato la perdita di oltre docenti e ricercatori e la chiusura ai giovani e meritevoli ricercatori. Si rammenta che per il settore universitario le dinamiche salariali sono ferme da 5 anni. Tale grave disagio può essere compreso e accettato solo se le risorse risparmiate sono messe a disposizione delle giovani generazioni attraverso un programma nazionale di borse di studio per studenti in condizioni di disagio economico e di reclutamento di giovani ricercatori. 1

2 In questo scenario, la CRUI, consapevole dei compiti fondamentali del sistema universitario e delle aspettative con cui quasi 2 milioni di studenti guardano al loro percorso di formazione universitaria, non può in alcun modo accettare le ulteriori riduzioni già programmate dall attuale legislazione per gli anni a venire (nel 2016 è previsto un ulteriore taglio di oltre 100 milioni di euro), e chiede al Governo un immediata e decisa inversione di rotta a partire dal varo di un piano di incremento progressivo del FFO, anche vincolandone la destinazione. È bene che si tenga conto di questi numeri quando si definiscono gli obiettivi per il futuro del sistema universitario; obiettivi che, altrimenti, diverrebbero velleitari. La CRUI ritiene altresì necessario che la preventiva comunicazione alla CRUI dei criteri di ripartizione del FFO venga estesa al finanziamento delle Università non statali. Relativamente alla bozza di decreto in parola, in una valutazione complessiva la CRUI prende atto con favore: della gradualità di applicazione dei costi standard per studente (passaggio dal 20% della quota base del 2014 al 25% del 2015, pari a 1,2 miliardi di euro); dell incremento del 2% della quota competitiva (170 milioni di euro compensati dalla riduzione della quota base per 175 milioni di euro); con riferimento a tale quota, anche alla luce della consistenza ormai raggiunta (1,385 miliardi di euro, il 20% del FFO totale), la CRUI ribadisce l assoluta necessità che la quota competitiva sia di natura aggiuntiva rispetto alla quota base, come è avvenuto in Francia e Germania, e non viceversa sostitutiva. La CRUI, inoltre, sottolinea che i risultati della VQR, utilizzati per ripartire l 85% della quota competitiva, si riferiscono a un periodo ( ) ormai assai remoto anche rispetto ai cambiamenti intervenuti nel sistema e chiede che si proceda velocemente all'attuazione della nuova VQR. La CRUI prende atto con favore dell incremento del peso assegnato alla didattica, di cui sottolinea la necessità di valutarne anche la qualità e l'efficacia. Rileva, tuttavia, come, la riduzione rispetto allo scorso anno del parametro di internazionalizzazione vada contro le linee strategiche ribadite a più riprese dal MIUR, le strategie e gli investimenti adottati dagli Atenei nel corso dell ultimo anno e la coerenza che richiede la stabilità dei parametri. Il parere della CRUI su questo punto è negativo. Si chiede per l'internazionalizzazione il ripristino della quota dello scorso anno o, almeno, il ripristino dell investimento in termini assoluti. 2

3 La CRUI, in aggiunta a quanto sopra, ribadisce anche l'assoluta necessità di un applicazione graduale del modello dei costi standard per studente, una metodologia molto innovativa, che dipende da numerosi fattori e che impatta così significativamente sulla composizione del FFO. Per il futuro, unitamente a una riflessione generale sull algoritmo sottostante, la CRUI chiede grande attenzione agli effetti rispetto alla situazione di partenza dei singoli Atenei. La CRUI ritiene altresì che la messa a regime del modello non è in alcun modo sostenibile dal sistema universitario senza un incremento del FFO commisurato ai costi definiti dal modello stesso. Senza un recupero dei tagli le dinamiche dei costi standard e della quota competitiva non potranno essere ulteriormente adeguate e giungere a regime. Una sostenibilità che è resa ancor più difficile dalla intrinseca maggiore variabilità del nuovo modello di ripartizione e che richiede necessariamente una conoscenza a priori dell'intervallo di variazione del FFO per una programmazione triennale. Solo così è, infatti, possibile evitare squilibri di difficile gestione da un anno all altro e permettere agli Atenei un efficiente programmazione di medio termine delle risorse. Per le ragioni sopra espresse la CRUI riafferma l'assoluta necessità di definire, oltre a un limite inferiore, anche un limite superiore alla variazione di FFO rispetto all anno precedente. Nella nostra lettera del 19 febbraio 2015 inviata al Ministro si suggeriva per il 2015, nell ipotesi di parità di risorse, un limite inferiore del -2% (perdita massima) e uno superiore del 4% (guadagno massimo). La CRUI prende atto con favore che nel decreto si limita la perdita massima di un singolo Ateneo al -2%. Prende atto, tuttavia, dell assenza di un limite superiore. Pur nel rispetto di una logica di merito e di differenziazione tra Atenei, la CRUI ritiene infatti che l individuazione di binario di riferimento per il sistema sia l'unica via per garantire la sostenibilità complessiva, se si pensa che la quasi totalità del FFO è destinata alla copertura delle sole spese fisse contrattualizzate. In sintesi, è assolutamente indispensabile un incremento del finanziamento complessivo che porti il FFO a coprire interamente i costi standard per studente e a rendere di natura aggiuntiva la quota competitiva. 3

4 Con riferimento ai punti specifici del decreto sottolineiamo, inoltre, quanto segue. Con riferimento all art. 4 si apprezza la conferma dell intervento che fa emergere, sebbene in modo parziale, gli oneri che il sistema universitario sostiene a favore del SSN. Peraltro, al crescere della quota di FFO ripartita sulla base del costo standard, si rende necessario un adeguamento della somma resa disponibile su questo capitolo. Inoltre, tali oneri devono però trovare un finanziamento aggiuntivo da parte del Ministero della Salute, anziché una ridistribuzione interna al FFO. Con riferimento all art. 5 si apprezza il ripristino dell intervento finalizzato a incentivare, mediante cofinanziamento, le chiamate di docenti esterni e, più in generale, a favorire la mobilità all interno del sistema e rispetto all estero. Tuttavia, le modalità attuative, così come presentate nella bozza di decreto, vanno meglio chiarite anche in relazione alla circolare MIUR n del dove è indicato che la prima verifica sul vincolo del 20% sarà effettuata alla data del 31 dicembre 2015 con riferimento al quadriennio Coerentemente, al posto dei requisiti a) e b) si propone di considerare come requisito unico per l incentivo, il requisito a) con riferimento al quadriennio , eventualmente graduando in relazione al valore conseguito dai singoli atenei. Con riferimento all art. 6 si apprezza il finanziamento del programma Rita Levi Montalcini per giovani ricercatori con il medesimo budget dello scorso anno. Con riferimento all'art. 7 si chiede che il taglio al Consorzio GARR avvenuto nel 2014 ( euro dal 2013) sia almeno in parte annullato anche in relazione ai servizi essenziali che tale consorzio offre agli Atenei. Con riferimento all'art. 10, lettera c), nel prendere atto con favore della separazione fra Atenei ed Istituzioni a ordinamento speciale per la ripartizione delle Borse post lauream (dottorato e assegni inclusi), si auspica una revisione dei criteri in modo da renderli più coerenti con le due diverse tipologie di istituzioni. Esprime inoltre forte preoccupazione per la significativa riduzione del fondo, passato dai 148 milioni di euro del 2014 ai 126 milioni di quest'anno, che peraltro si somma a quella altrettanto significativa (circa 30 milioni in meno) sancita dal DM FFO

5 Tutto ciò premesso, nell esprimere complessivamente parere favorevole allo schema di decreto per le parti di competenza, la CRUI ribadisce fortemente come ulteriori evoluzioni del nuovo modello di finanziamento siano possibili solo con un FFO che torni a crescere a partire dal A tal fine serve il recupero dal prossimo anno di almeno 100 milioni di euro per un Piano Giovani Ricercatori e di quanto necessario per il ripristino delle dinamiche salariali, in particolare per chi è all'inizio della carriera. È paradossale che il sistema universitario, statale e non statale, che ha visto negli anni affermarsi il merito, la valutazione e i costi standard sia quello a cui il Governo continua a sottrarre risorse. ******************** 5

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE Settore Ufficio Studi e Documentazione A cura di Antonio Di Martino Francesco Fantaci ANALISI E COMMENTI 0.1 / 2015 «RIPARTIZIONE FFO 2015 Analisi, commenti e considerazioni sulla illegittimità della «pseudo-rottamazione»

Dettagli

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008 STATI GENERALI Assemblea di tutte le componenti di ateneo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO 21 ottobre 2008 Università Pubblica: non solo tagli Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro

Dettagli

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 La legge collegata alla manovra finanziaria del 1994 (legge 24 dicembre 1993, n.537) ha avviato il processo

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO Decreto Ministeriale 28 marzo 2006 n. 207 Art. 5 Chiamate dirette nei ruoli dei docenti di studiosi ed esperti stranieri o italiani

Dettagli

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!) il Decreto Legge

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento UNIVERSITY Finanziamento statale alle Università L art. 5 della legge n.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati L'Italia spende in ricerca l'1,1% del PIL; siamo lontani dai primi della classe (la Finlandia, che investe in ricerca e innovazione il 3,5% della ricchezza

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010.

Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010. Decreto Ministeriale 21 dicembre 2010 n. 655 Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato - Linee guida per l accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato A. Requisiti necessari per l accreditamento dei corsi di dottorato delle Università. 1. Qualificazione scientifica della

Dettagli

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento Gennaio 2015 Cambiano i Ministri dei Governi, ma quelli destinati al MIUR, anche se sono ex Rettori di atenei, non riescono

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero per l esercizio finanziario 2013 pari ad 6.694.686.504, comprensivo dei seguenti finanziamenti:

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale 8 giugno 2015, n.335 Criteri di ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) per l anno 2015. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694 dello stato di previsione della

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

(FFO) 4 2014, 2014. VISTO

(FFO) 4 2014, 2014. VISTO Decreto Ministeriale 4 novembre 2014, n.815 Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l anno 2014. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694

Dettagli

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Signori consiglieri, i risultati del bilancio consuntivo 2010 evidenziano

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 29 ottobre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 29 ottobre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 29 ottobre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola 24 Le tre proposte concrete per salvare il diritto allo studio 2-3 Università

Dettagli

TOTALE 141.642,87 187.960,09

TOTALE 141.642,87 187.960,09 Sistema di incentivazione del personale Tecnico-Amministrativo Anno 2014 Linee guida Premessa Nell ambito del contenimento della spesa del pubblico impiego, il D.L. 78/2010 (L. 122/2010) decurta sensibilmente

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CRIMÌ, LENZI. Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche e dell area sanitaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CRIMÌ, LENZI. Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche e dell area sanitaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2822 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CRIMÌ, LENZI Disposizioni per il potenziamento del sistema delle specializzazioni mediche

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici PARERE SUL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO E SULLA QUOTA DI RIEQUILIBRIO 2001 APPROVATO ALL'UNANIMITA' DALL'ASSEMBLEA DELLA CONFERENZA DEI RETTORI IL 4 APRILE 2001 La Conferenza dei Rettori, presa visione

Dettagli

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA Area Affari Generali REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA PREMESSA Il presente regolamento si applica a partire dal XXXI ciclo dei corsi di dottorato di ricerca, che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag.

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA RISORSE E BILANCIO SERVIZIO BILANCI BUDGET CENTRI AUTONOMI DI GESTIONE SETTORE CONTABILITÀ ANALITICA E RENDICONTAZIONI Adempimenti connessi al contenimento della spesa

Dettagli

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS

L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS L emigrazione dei ricercatori italiani M. Carolina Brandi CNR - IRPPS Da circa venti anni si confrontano due teorie relative alle migrazioni altamente qualificate. Secondo l approccio circolazionista attualmente

Dettagli

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati.

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Le abilitazioni scientifiche nazionali, e la conseguente gestione degli abilitati, comportano un impatto

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 N. o.d.g.:

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 9 dicembre 2014 Determinazione del costo standard unitario di formazione per studenti in corso, ai sensi dell'art. 8 del decreto legislativo

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private.

Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private. Scheda sulla parità scolastica e sui finanziamenti pubblici alle scuole private. Art. 33 della Costituzione L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le norme generali

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it

Roma, 4 novembre 2011. Mefop Tel: 06 48073530 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it Roma, 4 novembre 2011 Osservazioni sullo Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell art. 7-bis, comma 2, del d.lgs. 252/05, recante i principi per la determinazione dei mezzi patrimoniali di

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi Osservazioni alla Bozza del Decreto Ministeriale in attuazione del DLgs 28/2011 sulle misure di sostegno alla produzione elettrica da fonti rinnovabili La Fondazione per lo sviluppo sostenibile accoglie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTRIBUTI VOLONTARI DELLE FAMIGLIE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto n. 10 in data 30 marzo 2015 Art. 1 Motivazione del contributo Lo scenario attuale

Dettagli

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Di seguito vengono indicati i criteri di calcolo adottati nel 2009 dal MIUR per la ripartizione di fondi destinati agli

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE FONDO TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO E PERSONALE ELEVATE PROFESSIONALITA ANNO 2015 1. FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO

Dettagli

Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale

Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale Articolo 1: validità delle norme contrattuali per tutto il personale compreso il personale a tempo determinato La prima importante

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ

1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ 1LE RISORSE DELL UNIVERSITÀ IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO IL DIRITTO ALLO STUDIO I FINANZIAMENTI E IL PERSONALE DELLA RICERCA IL PERSONALE DOCENTE, RICERCATORE E TECNICO-AMMINISTRATIVO L OFFERTA

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA

RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA RAPPORTO SVIMEZ 2014 SULL ECONOMIA DEL MEZZOGIORNO PARTE SECONDA - EMERGENZA SOCIALE E DIRITTI DI CITTADINANZA IX. Il sistema universitario del Mezzogiorno e gli interventi per la qualità e l'efficienza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

Per l e-learning nelle università italiane

Per l e-learning nelle università italiane Politiche Per l e-learning nelle università italiane di Giovanni Ragone Il nostro paese è in ritardo, ma possiamo e dobbiamo recuperare, e stiamo costruendo le condizioni istituzionali perché questo possa

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA. Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007

AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA. Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007 AUTORITA PORTUALE DI RAVENNA Delibera n. 33 del Comitato Portuale del 22 novembre 2007 Riesame e riaccertamento dei residui e proposta di variazione al bilancio previsionale per l esercizio finanziario

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Gabriele Gentilini - luglio 2007 a) Istituzione dell Agenzia nazionale per la valutazione dell universita e della

Dettagli

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA»

INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» INDAGINE «LA SCUOLA GIUSTA» novembre 2014 FLC CGIL Quorum www.flcgil.it www.quorumsas.it L indagine sulla «scuola giusta» Nel periodo tra il 30 ottobre e il 19 novembre 2014 hanno risposto complessivamente

Dettagli

QUANTO COSTA STUDIARE IN ITALIA?

QUANTO COSTA STUDIARE IN ITALIA? CARTELLA STAMPA Presentata a Roma un indagine promossa dal Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario su La valutazione del costo degli studi universitari in Italia QUANTO COSTA STUDIARE

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino?

Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino? Il Sistema Universitario: prospettive di evoluzione o rischio di declino? Antonio Vicino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Scienze Matematiche Università di Siena CUN, Area 09 Sommario 1.

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Il sondaggio. Horizon 2015

Il sondaggio. Horizon 2015 Il sondaggio Horizon 2015 Mettersi all ascolto Un indagine che ha coinvolto Docenti (Professori Ordinari, Professori Associati, Ricercatori) Questionari inviati: 2099 Questionari compilati (in tutto o

Dettagli

INTERVENTO DELLO STATO NELL ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

INTERVENTO DELLO STATO NELL ISTRUZIONE UNIVERSITARIA INTERVENTO DELLO STATO NELL ISTRUZIONE UNIVERSITARIA CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PROF. GIUSEPPE CATALANO A cura di: Roberto Del Signore Armando Ferrentino Leonardo Mastrantoni

Dettagli

Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR

Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR Prot. n 7032 /I20 Ai Revisori dei Conti AMBITO PE068 Bucci Gabriella_ membro MEF Palombo Lucio_ membro MIUR OGGETTO: relazione tecnico-finanziaria inerente l ipotesi di contrattazione integrativa di istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 64 del 09.04.2013

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 64 del 09.04.2013 COMUNE DI SESTU rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 64 del 09.04.2013 COIA Oggetto: Servizio mensa scolastica spesa per l'erogazione del pasto al personale scolastico statale.

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli