Londra e i Giochi olimpici del 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Londra e i Giochi olimpici del 2012"

Transcript

1 101 Anna Irene Del Monaco Londra e i Giochi olimpici del 2012 Rigenerazione urbana e housing a londra al tempo della XXX olimpiade: London Londra ha vinto la candidatura dei giochi olimpici del 2012 proponendo all International Olympic Commette (IOC) il seguente slogan: The first sustainable Olympic and Paraolympic Games 1 con l intento di dimostrare il conseguimento dell eccellenza attraverso la pianificazione, l organizzazione dell eredità del patrimonio olimpico, cioè i benefici diretti e quelli che sarebbero derivati dai cambiamenti che questo evento sarebbe stato in grado di realizzare in una parte non sviluppata, ma strategica di Londra dimostrando, sul palcoscenico mondiale, l efficacia dell impostazione. Il fine più lato è, dunque, anche quello di proporre un nuovo modello di programmazione e realizzazione in grado di affermarsi nel più vasto campo internazionale. Il motto proposto da Londra alla Commissione Internazionale Olimpica si ispirava ad un altro slogan, quello del WWF/BioRegional, One Planet living, coniato contro una società globale che si divide l uso delle risorse dello stesso pianeta al di là delle sue capacità rigenerative. Il programma One Planet living, ha costituito una sorta di riferimento metodologico e ideologico per le organizzazioni che hanno gestito il programma per London 2012, così come il conseguimento delle certificazioni energetiche (LEED program) per gli organizzatori di Pechino Una delle principali questioni messe in luce dal programma è la questione delle risorse (sia il consumo che la produzione): se tutto il mondo vivesse secondo gli standard in uso nell United Kingdom sarebbero necessari tre pianeti Terra; è necessario di conseguenza vivere dividendo equamente le risorse. L idea di sostenibilità, perciò, permea tutto il programma di London 2012; il 2012, inoltre, è l anno in cui il protocollo di Kyoto scadrà e si attende un bilancio e un nuovo orientamento per la gestione globale dei cambiamenti climatici. L idea chiave della candidatura è quello di applicare le trasformazioni destinate all evento olimpico ad un area urbana non ancora sufficientemente sviluppata, ben delimitata e geograficamente compatta, socialmente complessa e 1. I primi giochi olimpici e paralimpici - per disabili - sostenibili

2 102 anna irene del monaco varia, localizzata all inizio del corridoio di sviluppo est-ovest, il Thames Gateway, previsto dalle più recenti pianificazioni di scala regionale della capitale inglese. Il progetto del Parco Plimpico London 2012 darà perciò vita al più grande progetto di rigenerazione mai intrapreso in Europa, sarà localizzato negli East Ends di Londra, precisamente a Stratford, in un area nota come Lower Lea Valley (fig.1). Essa, inoltre, è un area caratterizzata dalla presenza del secondo fiume di Londra il cui ecosistema, caratterizzato da un corridoio verde (nord-sud) attorno al fiume, chiamato appunto Lea Valley, secondo il giudizio di molti, presenta caratteristiche territoriali molto simili a quelle di Amsterdam, per la presenza dell acqua (fig.2). Il corridoio ecologico nord-sud, che include il fiume Lea, rappresenta storicamente un area di riserve d acqua per l intera Londra, dunque ha un valore storico molto importante (fig.3). La valle del fiume Lea è da sempre un area nota per le sue condizioni di degrado fisico e sociale, come del resto, nell immaginario collettivo, lo è stata a lungo l intera area dei Docklands ad essa contigua. La sfida di Londra 2012, perciò, è ancora quella storica di bilanciare le disparità sociali e strutturali fra East London e West London (fig.4). Quest ultimo è un obiettivo strategico da sempre dibattuto fra gli esperti e le istituzioni londinesi, Fig.1 I corridoi di sviluppo e i corridoi delle comunità (a sinistra) nel Key Diagram elaborato per il Master Plan 2004 del Sindaco di Londra. La valle del fiume Lea. In evidenza la Upper Lea valley a nord e Stratford city a sud; foto di A.I. Del Monaco da una mostra sul Master Plan 2004 di Londra nel City Center di Londra 2008.

3 103 Fig.2 In evidenza la localizzazione di Stratford city, Lower Lea, e la City di Londra. La rete di riserve d acqua che da nord arriva fino al Tamigi, passando per il fiume Lea. In evidenza in colore verde sulla foto aerea in bianco e nero l estenzione della valle del fiume Lea, il secondo fiume di Londra. Fig.3. Il Thames Gateway, il corridoio di rigenerazione urbana più ampio d Europa. Un tempo era l area che accoglieva le maggiori attività portuali d Europa, ed è divenuta un area socialmente ed economicamente depressa in coincidenza della chiusura dei docks negli anni 80. Con un estensione territoriale superiore a due volte quella di Amsterdam il Thames Gateway ha il potenziale di accogliere una popolazione residenziale di abitanti entro il 2016; da Burdett R., Sudjch D., The Endless City, Phaidon 2009, cit.; Fig.4 London west end (sulla sinistra) London east end (sulla destra)da Burdett R., Sudjch D., The Endless City, Phaidon 2009, cit.;

4 104 anna irene del monaco soprattutto dopo l abbandono dei Docks da parte dell industria portuale e l inizio di un lungo ed articolato processo di recupero urbano che ha avuto e continua ad avere ricadute di lungo termine di grande valore, rispetto alle quali le linee guida impostate da Peter Hall all inizio degli anni ottanta, in qualità di consulente nominato da Whitehall, hanno avuto un ruolo fondamentale. La rigenerazione degli East Ends di Londra Nel 1964 il porto di Londra, al massimo storico della sua attività, gestiva un traffico di 500 navi a settimana, con una presenza di cargo per 61,3 milioni di tonnellate e circa un milione di lavoratori portuali. Lo stesso anno il porto ha vissuto una prima fase di modernizzazione dei docks sull Isle of Dogs 2, finchè, nel giro di due decadi, il porto, includendo London Docks, Surrey,West and East Indias, Millwall etre miglia del Royal Docks, fu quasi del tutto dismesso e trasferito a sud, a Tilbury, nella contea di Thurrock, Essex. L area dei Docks avrebbe potuto essere sottoposta ad un vero processo di modernizzazione, come avvenne ad Anversa (che fu in grado in quegli anni di sottrarre a Londra la maggior parte del traffico dei container); invece la Port Autority di Londra, coprì il fallimento del progetto di modernizzazione pagando a lungo circa portuali perché tornassero a casa ogni giorno senza lavorare, spendendo una media annuale di un milione di sterline per spese mediche, visto che l età media dei dockers era all epoca di 49 anni. Si trattava di una vasta area (circa 21 km quadrati) dall alto potenziale immobiliare localizzata nel cuore della Grande Londra. Nel la Port Authority di Londra dovette affrontare una perdita di circa 2 milioni di sterline. Nel 1970 lo sciopero nazionale dei lavoratori portuali coincise con la presentazione di un piano ambizioso, che prevedeva la trasformazione del Katharin s Dock in una marina e in un villaggio residenziale con strutture alberghiere. Nel 1979 l elezione di Margaret Thatcher col ruolo di Prime Minister ebbe un ruolo determinante nella vicenda dei Docks; il partito conservatore, infatti, sostenne l idea di trasformare l Isle of Dogs in un caso sperimentale per la realizzazione di una enterprise zone, basandosi su una proposta di Peter Hall, personalità di primo pia- 2. Letteralmente Isola dei Cani, il nome deriva dal fatto che il luogo era popolato da cani di razze rare, mai viste prima in Inghilterra, importati da paesi lontani dalle compagnie che attraccavano nei docks.

5 105 no del Town Planning londinese che, nel 1982 propose, di attuare un deliberato esperimento di deregulation o non plan. Questa proposta si inseriva, modificandolo, nel quadro di una precedente proposta del Labour Party per l istituzione di alcune istituzioni ad hoc (come Development Corporations), simili a quelle che nel dopoguerra avevano realizzato le new town, destinate anche a quei tempi a scopi di rigenerazione urbana. Nel 1980 il parlamento istituì il London Docklands Development Corporation (LDDC) con l ufficio a Millwall Dock, nel cuore dell Isle of Dogs in un edificio progettato da Norman Foster. Questo processo aiutò molto l affermazione del valore del paesaggio urbano dei Docks rispetto all opinione pubblica, in particolare la sua relazione con il paesaggio d acqua e quindi con il fiume inteso come risorsa. Una delle battaglie politiche e culturali del LDDC fu quella di rimuovere l idea che gli East Ends fossero lontani (in tutti i sensi) dal cuore di Londra. Dopo una serie di vicende politiche importanti, che incisero fortemente sul Piano dei Trasporti in quell area, e che avviarono l estensione della Jubilee Line fino alle terre dei Docks, iniziò la stagione che attuò il piano di Canary Wharf considerato il gioiello della corona di Margaret Thatcher - un centro finanziario che avrebbe portato subito circa 1600 nuovi posti di lavoro e che, con una nuova linea di comunicazione fra Stratford and Bank, sarebbe arrivato a garantire l occupazione per persone in realtà aumentati, ad oggi, più di 40 volte. Dunque, nel 1982, il partito conservatore riuscì a stimolare un operazione immobiliare per 77 milioni di sterline e a lanciare The Isle of Dogs Enterprise Zone. La vicenda di Canary Wharf, tuttavia, ebbe un decorso molto lungo. Il lavoro per l estensione della Jubily Line non era neppure iniziato nel 1990, quando, con i cantieri edilizi già avviati, si verificò un crollo del mercato immobiliare. Ma nel 1992 un imprenditore canadese decise di sovvenzionare metà della spesa per realizzare la linea Jubilee Line; nel 1995 l area fu acquistata da un consorzio internazionale, quando il numero degli impiegati di Canary Wharf era già di circa unità, con la sola occupazione di metà dello spazio per uffici e con l uso di una linea metropolitana poco efficiente, cioè la vecchia linea ferroviaria mercantile che conduceva ai Docksland. Nel 2006 il numero ufficiale di persone impiegate a Canary Wharf era ormai di , comprese le società del settore pubblico come il LOCOG (Comitato organizzatore giochi olimpici) del 2012 e The Olympic Delivery Authority. Uno dei limiti di Canary Wharf, inizial-

6 106 mente, era quello di essere una città fantasma a sera, dopo la chiusura degli uffici e delle attività finanziarie. L apertura di più di 200 negozi in quell area ha avuto, di recente, l obiettivo di evitare che diventasse un quartiere popolato soltanto nell orario d ufficio ma che fosse anche un luogo per fare shopping durante il weekend, soprattutto sfruttando la presenza della nuova metropolitana. Negli ultimi mesi la stampa nazionale riporta che il fondo sovrano del Qatar ha acquistato Canary Wharf, acquisendo il 76% della Songbird Estates, il maggiore azionista immobiliare della cittadella finanziaria, confermando le intuizioni della lady di ferro. L importanza della riqualificazione di Canary Wharf, tuttavia, nonostante le complesse vicende che hanno determinato la sua nascita e il suo avviamento come centro finanziario, sta nel fatto che rappresenta, con la sua deregulation e la grande concentrazione di attività terziarie, una soluzione di tipo estremo per la rigenerazione dei Docksland e di tutta l area orientale di Londra. Essa include anche il Parco Olimpico, in linea con la tendenza politicamente dominante all inizio degli anni 90 che tendeva ad inaugurare nuove stagioni urbane costruendo Central Business Districts. Questa tendenza è ancora di grande successo nei paesi emergenti come la Cina e il Medio Oriente. Canary Wharf ha inciso fortemente sulla formazione di una nuova geografia della città di Londra: dopo circa quattro secoli in cui la città si era sviluppata prevalentemente verso ovest, westward, essa si orienta ormai anche eastward. Gli equilibri del mercato immobiliare sono cambiati e il valore dei suoli circostanti sono significativamente aumentati. Canary Wharf, dunque, ha innescato irreversibilmente il meccanismo di riqualificazione degli East Ends. La nuova stagione della riqualificazione urbana più imponente d Europa, che ha definitivamente storicizzato i Docksland, è coincisa con l integrazione economica dell Inghilterra col resto d Europa ed ha connesso attraverso il TGV (alta velocità) (fig.5) la nuova stazione King s Cross nel centro di Londra, alla stazione di Stratford e, passando per la contea dell Essex, al continente, come i londinesi continuano a definire l Europa continentale. Gli East Ends, a lungo celebrati per il loro torbido paesaggio umano da scrittori come Joseph Conrad, fronteggiano le Olimpiadi di Londra 2012 come una nuova tappa fondamentale del loro sviluppo, rigenerando paesaggi degradati a seguito dell abbandono delle attività industriali che l avevano animata in precedenza, ma che le avevano dato una forte identità paesaggistica. La vicenda politica di Canary Wharf che per alcuni ha un profianna irene del monaco

7 107 Fig.5 Le connessioni dell UK col resto d Europa ( a sinistra) attraverso la linea dell alta velocità TGV. La Greater London è localizzata nel cuore di alcune regioni metropolitane europee, il Sud-East inglese è popolato da 19 milioni di persone, molti dei quali sono pendolari e lavorano nella capitale. La lunghezza media del corridoio dei pendolari corrisponde alle direttrici territoriali della rete su ferro suburbana e regionale. Londra possiede un economia comparabile a quella della Svizzera e del Saudi Arabia, contribuisce al 20% del PIL inglese e raccoglie il 10% dei residenti dell intera nazione. Il corridoio del TGV e il tunnel che collega sia Parigi che Brussels fino al centro di Londra in meno di tre ore, fanno di Londra l unica città europea globale. La forza lavoro dei pendolari che lavorano nella Grande Londra (a destra)da Burdett R., Sudjch D., The Endless City, Phaidon 2009, cit.; Fig.6 Schema riassuntivo della aree oggetto di interesse dei master plan in corso di progettazione (Lagacy Plan) e di costruzione (London 2012) sull area della Lower Lea valley; da web

8 108 anna irene del monaco lo schizofrenico, inoltre, aveva vissuto una fase di raffreddamento con l inizio del governo di Tony Blair che, al suo posto, aveva promosso un progetto controverso e finanziariamente precario per celebrare il Millennio: la costruzione di una immensa cupola, il Millennium Dome, sulla penisola di Greenwich. Lo schema era stato originariamente concepito per attrarre l attenzione internazionale sulla rinascita dell area orientale di Londra. Tuttavia l evidente mancanza di un programma sensato a cui destinare l immensa struttura temporanea, l ha reso un simbolo molto debole. Il vero messaggio che risultò nell anno 2000 era il cambiamento irreversibile del centro di gravità londinese, cioè l est di Londra, al di là della costruzione della cupola del millennio. 3 In generale, secondo quanto dichiarato da coloro che sono a vario titolo coinvolti nella concezione del piano per le Olimpiadi del 2012, i temi progettuali affrontati per la Lower Lea Valley, cioè il sito delle Olimpiadi di Londra 2012, sono quelli della intensificazione e della rigenerazione urbana (fig.6). In essi si ritrovano contemporaneamente condizioni di multiscalarità, integrazione fra reti infrastrutturali esistenti da potenziare e nuove reti extra nazionali, processi di rigenerazione sociale, investimenti strutturali a favore di comunità multietniche e multigenerazionali. Le direttive del nuovo Piano di Londra del 2004 Il nuovo piano di Londra, pubblicato dal Sindaco Ken Livingstone nel Febbraio del 2004, aveva fra i principali obiettivi politici: gestire la crescita di Londra all interno dei confini urbani, fare di Londra una città più vivibile e prospera, promuovere l inclusione sociale ed evitare le discriminazioni, promuovere l accessibilità, fare di Londra una world-city esemplare rispetto a temi come la mitigazione e l adattamento al cambiamento climatico. Rendere Londra, in sintesi, più attrattiva e meglio progettata e, in particolare, rendere Londra una città più verde. Questi obiettivi generali, definiti dal Sindaco principi per un rinascimento urbano, sarebbero stati conseguiti attraverso processi di densificazione ed intensificazione, col fine di attuare una città sicura, compatta e di alto profilo urbano Hebbert, M. London, More by Fortune than Design. Chichester; New York: John Wiley & Sons, E importante rammentare sommariamente i meccanismi del sistema di pianificazione londinese: nella Grande Londra, i 32 consigli dei boroughs e la

9 109 Fig. 7 Densità residenziale a Londra; da Burdett R., Sudjch D., The Endless City, Phaidon 2009, cit.; Il piano di Londra, denominato anche Spatial Development Strategy, controlla la trasformazione della città per anni e attiene questioni strategiche, dall housing alle green belts, dallo sviluppo economico alle politiche per il miglioramento e l accessibilità. I boroughs di Londra, perciò, sono responsabili per la preparazione dei Local Development Frameworks delle loro aree. Il modello di compact city, multi-centrica e mixed-use, è fra quelli maggiormente perseguito dai politici della Grande Londra per mezzo dell incremento della densità abitativa nelle aree in cui l accesso al trasporto pubblico è fra i più efficienti. Gli insediamenti realizzati di recente a Londra hanno una densità che raggiunge solo la metà della densità dei gloriosi insediamenti georgiani a Terraces come Notting Hill e Islington. Il parametro della compattezza è certamente quello City Corporation sono le autorità locali di pianificazione. Tutte le proposte di pianificazione sono indirizzate a loro, ma, nel caso di politiche di pianificazione strategica, le autorità locali devono necessariamente consultare il Sindaco.

10 110 anna irene del monaco che ha determinato, tra le altre cose, la selezione di Londra da parte dell IOC (Comitato Olimpico Internazionale) per i Giochi olimpici del 2012, vista la concentrazione degli interventi e la loro intensità sul piano della localizzazione territoriale, come esplicitato dai punti chiave del piano regolatore rispetto agli eventi urbani coinvolti. Un altro degli obiettivi principali è quello dello sviluppo commerciale che, in media, a Londra corrisponde al parametro 3:1 (media di attività commerciali per ogni lotto), con l eccezione nell area del Thames Gateway di una media di 5:1 e nel caso di altre aree definite Opportunity Areas, cioè il corridoio di sviluppo verso est lungo il fiume Tamigi dove la presenza di un efficace trasporto pubblico in corso di realizzazione dovrebbe favorire il conseguimento di una media diffusa di 5:1. La città ha investito per i trasporti 10 bilioni di sterline in cinque anni, migliorando il servizio delle metropolitane, il servizio degli autobus, estendendo la East London Line e la Docklands Light Railway, realizzando l adeguamento di molte strade, costruendo il Thames Gateway Bridge, e garantendo migliori condizioni di accesso alla città per pedoni e ciclisti. L obiettivo di lungo periodo, tarato sul piano della sostenibilità, è cercare di diminuire l uso dell automobile privata ed aumentare l efficienza dei trasporti pubblici; obiettivo completamente assorbito dalla strategia di pianificazione del Parco Olimpico. Nel 2005 la popolazione londinese era superiore ai 7,5 milioni di persone. Le proiezioni di crescita per il 2016 oscillano fra gli 8,05 e i 8,19 milioni. Per il 2026 si prevede una crescita ulteriore da 8,36 a 8,71 milioni. Nel 2006 vi erano 3,2 milioni di case di proprietà. Sulla base degli incrementi di popolazione previsti, le case di proprietà dovrebbero aumentare fino a 3,75-3,92 milioni, cioè, da a unità all anno. L iniziativa è stata vistosamente presentata dalla Municipalità con il programma London Housing Challenge presso la sede del The Building Centre nel 2008, con l evidente obiettivo, tra gli altri, di realizzare residenze in grado di contribuire ad una notevole riduzione delle emissioni di carbonio. In questo quadro il nuovo Villaggio Olimpico avrà sicuramente un ruolo importante e dovrà, da un lato garantire il recupero delle risorse spese dal governo ad oggi si stima che a fronte di 1 miliardo di sterline il governo sarà in grado di recuperare circa 750 milioni di sterline - e, dall altra, individuare una percentuale di residenze a prezzi calmierati o residenze acquistate con il sussidio statale (affordable housing), in particolare per i residenti originari della Lower Lea Valley.

11 111 Fig.8 Planivolumetrico del Master plan per London 2012; da web london2010.org.uk Fig.9 Master Plan per London 2012; da web org.uk

12 112 anna irene del monaco Fig.10 L area del Lea Valley prima e dopo Londra 2012; da web london2010.org.uk Il Parco Olimpico Londra 2012 Il Parco Olimpico londinese si estende per 246 ettari, dimensioni comparabili a quelle di Hyde Park e Kensington Gardens, due volte più grande dell estensione di Venezia. Il team dei progettisti del Master Plan è stato selezionato attraverso una competizione internazionale. Il gruppo vincitore era composto da Allison and Morris, Foreign Office Architects (FOA), due studi londinesi ed EDAW, una compagnia americana con sede a Londra, tutti riuniti nell EDAW Consortium (fig.8). Dopo la prime proposte elaborate in un periodo di circa 2-3 anni, lo studio FOA ha dato le dimissioni. Uno studio olandese, invece, Kees Christiaanse Architects si è aggiunto al consorzio in occasione dello sviluppo del piano dell eredità, il Legacy Plan, cioè il piano di gestione nel lungo periodo - del patrimonio realizzato per la speciale occasione dei Giochi Olimpici. Il progetto paesaggistico è stato redatto da George Hargraves ed è basato sulle linee guida del progetto di concorso impostato da FOA e dall EDAW Consortium (figg. 9-18). L investimento totale previsto è di 15 miliardi di Euro. è importante rendersi conto di alcuni ordini di grandezza, ha affermato Ricky Burdett in una conferenza tenuta a Roma il 12 Giugno Egli ha ribadito che dopo la crisi economica del Settembre 2008, il governo inglese ha stanziato somme fino a milioni di Euro per salvare dal fallimento banche private. Con 15 miliardi di Euro, invece, ha creato posti di lavoro, circa alloggi e un area infrastrutturata per altri alloggi.

13 113 Fig.11 Transforming the heart of East London: uno slogan pubblicitario per Londra 2012; da web La vicenda olimpica 2012, afferma R. Burdett 5, va letta in questi termini, contrariamente a quanto alcuni organi di stampa tendono a dichiarare: si sprecano 15 miliardi di euro per soli quindici giorni (fig.10). Quello che si spera vivamente di evitare dopo il 2012 è che accada quello che è avvenuto ad Atene, dove il Parco Olimpico è quasi sempre deserto. Per questo, nel caso di Londra 2012, la presenza nell area di comunità molto radicate e dalla forte identità è da considerare una risorsa e uno stimolo per realizzare un nuovo assetto urbanistico che le faccia vivere in armonia, creando nuove opportunità di lavoro e una qualità di vita urbana migliore. Queste comunità sono localizzate in aree separate fisicamente da una grande zona industriale abbandonata, la sfida sarà quella di ricucire queste comunità. Esistono gruppi importanti di indiani e pakistani nonché di cittadini europei rimasti drammaticamente disoccupati dopo la chiusura dei docks, che votano sempre per il partito di destra. Dunque si tratta di una morfologia sociale molto stimolante per una progettazione fisica, politica e sociale. 5. Conferenza di R. Burdett, Olimpiadi : a partire da Londra: errori da non ripetere, opportunità da cogliere, Festa dell Architettura di Roma, 12 Giugno 2010

14 114 anna irene del monaco Il parco, organizzato tutto attorno all acqua del fiume Lea, ospiterà dieci strutture sportive, media centres, aree verdi e, naturalmente, il Villaggio Olimpico. Secondo quanto è già stato stabilito fin dalle prime fasi progettuali, dopo le Olimpiadi, quattro fra gli impianti sportivi saranno lasciati in attività, gli altri saranno o demoliti o smontati e rilocalizzati. Le aree destinate a parco saranno estese e si costruiranno nuovi insediamenti residenziali al posto delle strutture sportive rimosse. La struttura organizzativa per le Olimpiadi del 2012 include l Organising Committee of the Olympic Games and Paralympic Games (LOCOG), una compagnia privata che ha il compito di coordinare il progetto e le fasi di attuazione, e l Olympic Delivery Authority (ODA) che ha il compito di costruire le strutture sportive. Queste due organizzazioni hanno lavorato strettamente a partire dal 2006 e continueranno fino al 2012 nei loro due uffici di Canary Warf. Fra gli attori istituzionali coinvolti nella vicenda olimpica londinese troviamo il Ministero per le Olimpiadi, il sindaco di Londra, il British Olympic Association (BOA); fra gli attori imprenditoriali coinvolti, invece, vi sono: il London Development Agency, l Olympic Park Legacy Company, il British Paraolympic Association, The five Hosting Boroughs (Grenweech, Hockey, Newham, Tower Hamlets, Waltham Forest) e altri sponsor commerciali. (fig.11). A causa della crisi finanziaria del Settembre 2008 molti partner privati hanno ritirato i finanziamenti, in particolare quelli per la costruzione del Villaggio Olimpico. In quel caso è dovuto intervenire il capitolo del budget generale destinato agli imprevisti (contingency budjet), stimabile intorno a circa due milioni di Euro, dei quali, almeno la metà, sono stati stanziati per la costruzione del Villaggio. Il ruolo di gestione del Parco Olimpico nella fase post-olimpiadi sarà affidato all Olympic Park Legacy Company, sotto la guida di Ricky Burdett (professore di Urban Studies presso la LSE, London School of Economics), il quale, fino a questo momento, ha avuto un ruolo come consulente senior all interno di ODA. La Olympic Park Legacy dovrà gestire l eredità del patrimonio olimpico ( ), coordinando attività a favore dei cittadini ed attività imprenditoriali, secondo il motto Building a lasting and sustainable legacy e per fare in modo che il Parco Olimpico diventi a blueprint for sustainable living. Dovrà essere un caso esemplare di massimizzazione dei benefici sociali, economici e ambientali sviluppati attraverso le risorse per i giochi olimpici e la rigenerazione delle aree di East London gestendo infrastrutture che trasformano rifiuti e producono energia in modi alternativi. Una spesa iniziale di milioni di Sterline ha consentito di

15 115 interrare i tralicci della linea elettrica per permettere liberamente la costruzione sull area erano 40 anni che si parlava di attuare questa pulizia tecnologica - integrata dalla promozione di uno stile di vita salutare, dello sport, e garantendo l integrazione fra le comunità, il volontariato e la performance degli edifici. Infatti, l Olympic Board ha convenuto nel Giugno 2006 su una politica basata sulla sostenibilità e ha individuato cinque temi principali ispirati ai principi del One Planet Living, già citato in apertura: cambiamento climatico, gestione dei rifiuti, biodiversità, inclusività, stile di vita salubre; questi 5 principali tematiche sono state suddivise in 12 aree rispetto alle quali misurare il progresso dell attuazione nel processo di costruzione. L Olympic Board, inoltre, ha individuato vincoli e opportunità: il successo di alcuni progetti previsti per il trattamento dei rifiuti, in particolare delle acque, sia durante che dopo il 2012 dipenderà molto dalle caratteristiche tecnologiche dei servizi; i Giochi olimpici 2012 agiranno da catalizzatori per nuove tecnologie costruttive e nuovi modi di concepire la gestione e il ciclo di vita delle strutture olimpiche. Tuttavia, il successo di tale visione dipenderà molto dalla capacità di gestire questo patrimonio nel tempo; i principi green su cui si basa il master plan (sia quello per le Olimpiadi che quello della legacy) e la sua gestione non hanno molti dati di riscontro comparativi, derivanti dall analisi di altri progetti impostati su principi simili, nella verifica del lungo periodo. Gli altri eventi olimpici che hanno impostato la loro politica su progetti green sono stati realizzati, infatti, troppo recentemente per dimostrare l oggettiva efficacia di alcune metodologie sul risparmio energetico e sulla sostenibilità; il rispetto del budget non deve essere interpretato come una limitazione alla buona riuscita e della qualità delle opere, ma è da considerare, in se stesso, come un importante parametro di sostenibilità. L operazione London 2012 ha consentito la creazione di mila posti di lavoro ed ha avuto come obiettivo principale quello di non dar luogo a sprechi post-olimpici, cioè, alla generazione di white elephants, come direbbero gli inglesi, indirizzando il programma del piano della legacy alle politiche per realizzare il cruciale corridoio urbano di sviluppo. Il corridoio orientale, il Thames Gathway, infatti interagisce col corridoio settentrionale di sviluppo Stansted-Cambridge; insieme collaborano con altri due sistemi, cioè quelli delle comunità sostenibili, orientati secondo le direttrici degli altri due aeroporti londinesi, che raccolgono strategie di sviluppo per le comunità: Gatwick

16 116 anna irene del monaco Fig.12 viste e rendering che descrivono il carattere dei futuri villaggi di Stratford city: Stratford Waterfront: un waterfront di alto standing lungo il Waterworks River e Stratford City; Pudding Mill: un quartiere misto per uffici e residenze adiacente ad un waterfront dal carattere peculiare; Stratford Village: un quartiere per le famiglie nell area nord di Stratford City; Old Ford: un area destinata alle famiglie dal carattere urbano che si basa sulle vie d acqua e sulla realizzazione di una nuova Marina; da web a sud e Heathrow a ovest. Questo programma è stato sviluppato e reso noto attraverso un Key Diagram presentato assieme al piano generale del Sindaco nel 2004 (fig.1); in particolare il Thames Gateway è l unico dei quattro corridoi, sostanzialmente orientati secondo i punti cardinali, direttamente connesso al resto dell Europa attraverso la linea dell alta velocità, e ha una stazione a Stratford. Esso, dunque, rappresenta, per questo motivo, un caso molto significativo in termini di potenzialità di sviluppo. La presenza di un sistema molto avanzato di comunicazione su ferro multi-funzione a Stratford (metropolitana, ferrovia logistica, alta velocità), e la mancanza di nuovi interventi sul sistema di comunicazione carrabile, conferma le intenzioni del progetto per Londra 2012 di riuscire a realizzare una olimpiade car free, che segni profondamente e ideologicamente, la possibilità di attuare uno sviluppo sostenibile basandosi sull uso - quasi totale - del trasporto pubblico su ferro. Nel Maggio 2009 il Governo inglese ha annunciato che il budget totale

17 117 Fig.13 L area del parco olimpico e i sei nuovi quartieri, Olympic Quarter, Hackney Wick East, Old ford, Stratford Villane Pudding Mill Lane, Stratford Waterfront; da web a disposizione per il Villaggio Olimpico sarebbe stato di milioni di sterline, con lo slogan beds for athlets, homes for Londoners (fig.12). I costi dell intervento sono grosso modo comparabili a quelli di altri investimenti immobiliari simili realizzati a Londra negli ultimi tempi, tuttavia, il fatto che si tratti di residenze per le Olimpiadi e non di un quartiere residenziale qualunque, modifica profondamente il rapporto fra gli stati di avanzamento lavoro e i meccanismi finanziari, e quindi dell organizzazione delle fasi del cantiere. Nel caso di un investimento ordinario, gli appartamenti potrebbero essere venduti prima che le opere di finitura e gli impianti idrici vengano completati; in questo caso, sia gli alloggi che le infrastrutture dei blocchi in costruzione, devono necessariamente essere terminati contemporaneamente per consentire lo svolgimento dei giochi olimpici. Gli obiettivi previsti sono i seguenti: svolgere giochi olimpici di successo, attuare la rigenerazione dell area orientale di Londra, massimizzare il contributo per l organizzazione del-

18 118 anna irene del monaco le Olimpiadi a favore delle politiche di sviluppo territoriale. Un rapporto commissionato all UEL (University of East London) nel 2007 dal London Assembly intitolato A lasting Legacy for London? Assessing the legacy of the Olympics and the Paraolympics Games riporta alcune osservazioni sull analisi delle conseguenze economiche, sociali, ambientali e sullo stile di vita di quattro edizioni passate dei giochi: Barcellona 1992, Atlanta 1996, Sydney 2000, Athens L UEL aveva già steso un altro rapporto nel 2006 intitolato From Beijing to Bow Creek, nel quale si afferma che se da un lato gli organizzatori degli eventi olimpici ricevono alcuni benefici immediati dalla vendita dei diritti di immagine, dall altro le città ospitanti cercano di promuoversi come metropoli avanzate, città globali, centri internazionali per il commercio e il mercato. Il modello effetto catalitico, continua il rapporto di ricerca, è stato diagnosticato e codificato nella letteratura dai pianificatori statunitensi in riferimento alla brusca riduzione dei sussidi del governo federale e dei processi di deindustrializzazione degli anni 70. Questo tipo di processo, infatti, è stato più chiaramente articolato e gestito come l occasione per sviluppare una forma di eredità o di risarcimento come nel caso delle Olimpiadi di Barcellona del Le analisi derivate da questi report, perciò, evidenziano che in quasi tutti i casi, l occasione dell evento olimpico ha rappresentato il catalizzatore di processi di rigenerazione e trasformazione già in atto nelle realtà locali e si è innestato in una realtà che aveva già chiari, politicamente e imprenditorialmente, gli orientamenti generali. In particolare Barcellona è citata da alcune fonti come la città in cui le Olimpiadi hanno consentito l opportunità di un nuovo sviluppo, e da altre, al contrario, come un caso in cui il vero motore dello sviluppo, certamente amplificato dall effetto Olimpiadi, sia stato il crescente grado di autonomia amministrativa derivante dal sistema spagnolo città-regione. Inoltre, la conoscenza sviluppata da coloro che erano coinvolti nell organizzazione delle Olimpiadi del 92 non è stata dispersa subito dopo ma è stata investita in nuove attività di sviluppo per la città. L obiettivo politico principale a Londra, dunque, non è quello di dar vita, nella fase post-olimpica, ad un quartiere residenziale tradizionalmente inteso, ma ad una comunità socialmente ed economicamente articolata, ad aree urbane ad uso misto, dove soprattutto i giovani troveranno servizi sportivi, sociali e scolastici di qualità, oltre ad aree verdi (fig.13). L area orientale di Londra è nota per

19 119 Fig.14 Viste del Villaggio Olimpico in costruzione (a destra) e viste prospettiche del progetto completato (a sinistra); da web Fig.15 Olympic Stadium, Progetto della compagnia americana HOK; da web la scarsa qualità del servizio scolastico; il quartiere olimpico sarà anche l occasione per insediare nuove strutture scolastiche per circa 1800 studenti di tutte le età, di un nuovo policlinico e altri servizi. Di recente sono state pubblicate sul Sunday Times 6 anche alcune notizie che annunciano l istituzione di una nuova università internazionale, una sorta di consorzio, che si occuperebbe di sport science, digital media, green technology e rispetto alla quale sarebbero interessate a cooperare l Imperial College of London, il Massachusetts Institue of Technology, la Tsinghua Univerisity of Beijing. Il vero elemento di innovazione, come già accennato, è rappresentato dalla istituzione della legacy che gestirà il patrimonio dopo la conclusione delle Olimpiadi; per questo il London Assembly e il governo locale hanno avviato una serie di studi e di ricerche che fossero in grado, in fase preliminare, di valutare l impatto dell evento olimpico sulle Comunità e sul territorio immediatamente contiguo alla Lower Lea Valley. 6. Sunday Times (Aprile 19, 2009)

20 120 anna irene del monaco Fig.16 Aquatic Center, Progetto di Zaha Hadid Architects.(flickr) Nel Piano della Legacy sono già previsti nel progetto iniziale alcuni interventi di retrofitting per l adeguamento degli alloggi del Villaggio Olimpico prima della vendita nella fase post-olimpica, per un costo totale di 147 milioni di sterline. Dunque il Villaggio in costruzione comprenderà alloggi di cui 1.379, circa il 30%, saranno affordable, cioè sussidiati, oltre ad essere costruiti secondo i più aggiornati criteri per il risparmio energetico e per il trattamento dei rifiuti. Il gruppo imprenditoriale che doveva realizzare il villaggio, all inizio, era un gruppo australiano il Lend Lease Corp Ltd. Il costo totale di costruzione previsto è circa 5,3 bilioni di sterline, per la realizzazione del progetto generale in due fasi: la prima fase, iniziata nel 2008, include la costruzione degli edifici residenziali e altri servizi per il villaggio, la seconda fase inizierà nel 2012, sarà gestita dalla legacy e consisterà nella costruzione di 500,000 mq per il completamento della rigenerazione di Stratford City. Tuttavia il nuovo stock totale di residenze disponibile a Stratford City dopo l attuazione del Legacy Master Plan secondo il motto Gain beyond the Games -, sarà potenzialmente di nuovi alloggi sociali dei quali 35%, così che, almeno la metà dei cittadini in lista d attesa per ottenere un alloggio sociale potranno trovare casa. Il 42% degli alloggi sarà disponibile con un taglio da 3 stanze da letto. Inoltre, secondo il legacy plan 2040, sarà possibile creare potenzialmente circa posti di lavoro a Stratford city. La trasformazione delle strutture sportive. La rigenerazione di Stratford City includerà anche un altro aspetto

London Thames Gateway Development Authority Una Visione per la Valle del Lea maggio 2006. Introduzione

London Thames Gateway Development Authority Una Visione per la Valle del Lea maggio 2006. Introduzione sito diretto da fabrizio bottini -1/12 - http://mall.lampnet.org London Thames Gateway Development Authority Una Visione per la Valle del Lea maggio 2006 Dalla brochure descrittiva. La responsabilità di

Dettagli

Londra e i Giochi olimpici del 2012

Londra e i Giochi olimpici del 2012 Londra 2012 e i Giochi Olimpici 101 Anna Irene Del Monaco Londra e i Giochi olimpici del 2012 Rigenerazione urbana e housing a londra al tempo della XXX olimpiade: London 2012. Londra ha vinto la candidatura

Dettagli

La governance metropolitana nella regione londinese. Michele Talia Università di Camerino

La governance metropolitana nella regione londinese. Michele Talia Università di Camerino La governance metropolitana nella regione londinese Michele Talia Università di Camerino the Greater London Authority (GLA) I primi esperimenti di governo metropolitano risalgono al 1855 con l istituzione

Dettagli

What is Ecobuild? E il più grande evento fieristico al mondo per l edilizia ecosostenibile, le energie rinnovabili e l efficienza energetica.

What is Ecobuild? E il più grande evento fieristico al mondo per l edilizia ecosostenibile, le energie rinnovabili e l efficienza energetica. What is Ecobuild? E il più grande evento fieristico al mondo per l edilizia ecosostenibile, le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Ecobuild é un evento globale che unisce design sostenibile

Dettagli

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova Scienza, Tecnologia e MARKETING COS E Il Parco Scientifico Tecnologico di Genova (PST) è il più grande finora concepito in Italia ed è nato per iniziativa

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Buone pratiche e tecnologie per l ambiente urbano e le città sostenibili Best practices and technologies for urban environment and sustainable cities Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Ecopolis:

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E CONCEPT Italia: culla del design e della creatività Bellezza, tradizione, arte, storia e cultura fanno dello stile italiano un sinonimo di eccellenza, da sempre

Dettagli

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini Un caso di retail-led regeneration britannica inserito in una visione complessiva di sviluppo urbano e coinvolgimento dell impresa privata a fini complessi di carattere economico, sociale, urbanistico

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione

Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione Milano 20 marzo 2015 Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione Produzione edilizia-prodotto edilizio DECLARATORIA E OBIETTIVI 2 à OBIETTIVO Studio delle condizioni

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Casa Italia Londra 2012 La location

Casa Italia Londra 2012 La location Casa Italia Londra 2012 La location Premessa Rispetto ai Giochi Olimpici di Pechino 2008, per i quali la peculiarità del mercato cinese aveva orientato la scelta verso una location che garantisse un maggiore

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Nota sui settori delle infrastrutture e dell edilizia

Nota sui settori delle infrastrutture e dell edilizia SINGAPORE Nota sui settori delle infrastrutture e dell edilizia 1 NOTA SUI SETTORI DELLE INFRASTRUTTURE E DELL EDILIZIA A SINGAPORE Negli ultimi anni i settori delle infrastrutture e dell edilizia hanno

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo

CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo CANDIDATURA PER IL TITOLO DI CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 da compilarsi a cura delle città candidate al titolo Al fine di motivare la presentazione della loro candidatura al titolo di Capitale Europea

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

Salute e sicurezza nella città contemporanea

Salute e sicurezza nella città contemporanea Ambiente costruito e città sane: Salute e sicurezza un binomio possibile? 7 meeting italiano Città Sane - OMS Salute e sicurezza nella città contemporanea Federico Oliva Modena, 3 dicembre 2008 1. La città

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Firmata oggi la convenzione, alloggi per 30 studenti Firmata la convenzione tra Aler Milano e l Università

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Analisi integrata di scenari di miglioramento dell efficienza energetica del settore civile e commerciale della regione Veneto

Analisi integrata di scenari di miglioramento dell efficienza energetica del settore civile e commerciale della regione Veneto Motivazione della ricerca agricoltura e pesca; 2,5% Analisi integrata di scenari di miglioramento dell efficienza energetica del settore civile e commerciale della regione Veneto trasporti; 32,4% terziario;

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

LCA nel Settore delle Costruzioni

LCA nel Settore delle Costruzioni LCA nel Settore delle Costruzioni B. De Benedetti*, G.L. Baldo** *Politecnico di Torino, Torino; debene@polito.it **Life Cycle Engineering, Torino; Baldo@life-cycle-engineering.it La Metodologia LCA Le

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO Quartiere S.Elia a Cagliari. Sardegna Italia. Contesto e potenzialità del quartiere Il quartiere di Sant Elia, collocato tra lo stadio, che da esso prende il nome,

Dettagli

art. 1 ISTITUZIONE DEGLI AWARD

art. 1 ISTITUZIONE DEGLI AWARD art. 1 ISTITUZIONE DEGLI AWARD Il Premio THE PLAN AWARD, fondato e promosso da THE PLAN, nasce con l obiettivo di promuovere la conoscenza e la qualità del lavoro di progettisti, accademici, critici e

Dettagli

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile.

L Agenzia CasaClima sensibilizza, informa e crea trasparenza per costruire in modo energeticamente efficiente e sostenibile. AGENZIA CASACLIMA L Agenzia CasaClima di Bolzano è un ente pubblico che si occupa della certificazione energetica e ambientale degli edifici, sia di nuova costruzione che risanati, e della formazione degli

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a

Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Comune di Durazzo, INARCH Istituto Nazionale di Architettura Concorso internazionale per la Rivitalizzazione di Piazza della Libertà a Durazzo/Revitalization Freedom square International Competition in

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE

PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE Investimenti strategici per lo sviluppo del territorio Avvio cantieri a Barriera di Milano, Falchera e Borgata Tesso Il contesto I programmi integrati di sviluppo

Dettagli

L urbanistica sostenibile e la ristrutturazione dell esistente

L urbanistica sostenibile e la ristrutturazione dell esistente Università IUAV di Venezia - Facoltà di Architettura Clasa AA 2010-2011 Progettazione urbanistica 1G - Prof.ssa Chiara Barattucci (Sintesi per gli studenti della lezione del 21/10/2010) L urbanistica sostenibile

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

Obiettivo Realizzare in tutto il territorio cittadino villaggi a funzioni miste collegati da trasporti pubblici di alta qualità

Obiettivo Realizzare in tutto il territorio cittadino villaggi a funzioni miste collegati da trasporti pubblici di alta qualità sito diretto da fabrizio bottini -1/7 - http://mall.lampnet.org City of San Diego, Verso una città di villaggi estratto dal General Plan, Land Use and Community Planning Element, luglio 2006 Brani scelti

Dettagli

ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano

ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. 6 giugno, ore 14.30, Milano ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA. Rigenerazione sostenibile delle città e dei territori

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Berlin. Appartamenti in Vendita a Wedding, Mitte

Berlin. Appartamenti in Vendita a Wedding, Mitte Appartamenti in Vendita a Wedding, Mitte HANSAstraSSe 16 Berlin Posizione centrale in zona con forte domanda di appartamenti vicino ai mezzi di trasporto pubblico - U-Bahn linee U8 e U9 e a soli 15 minuti

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

INVESTIMENTI IMMOBILIARI NEL REGNO UNITO. Ltd

INVESTIMENTI IMMOBILIARI NEL REGNO UNITO. Ltd INVESTIMENTI IMMOBILIARI NEL REGNO UNITO Ltd Ltd Global M&P Properties e BuccirossiRe diventano il vostro occhio professionale, fidato ed indipendente sul mercato immobiliare londinese. Il nostro è un

Dettagli

LONDRA. 23-27 Maggio 2012

LONDRA. 23-27 Maggio 2012 LONDRA 23-27 Maggio 2012 Il 23 maggio alle ore 11 prendiamo l aereo che da Pisa ci porta a Londra all aeroporto di Luton. Inizia così il nostro primo viaggio a Londra. Alle 13 atterriamo, sbrighiamo velocemente

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

NUOVA SEDE AXA ASSICURAZIONI CASE STUDY

NUOVA SEDE AXA ASSICURAZIONI CASE STUDY NUOVA SEDE AXA ASSICURAZIONI CASE STUDY IL CONCEPT PROMUOVERE LO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE NEL CUORE DI MILANO Il nuovo sviluppo immobiliare in costruzione nel capoluogo Lombardo, sorgerà dalla ristrutturazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 Scheda riassuntiva Mappa

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City. Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City

APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City. Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City Le Città: ambiti di sperimentazione e innovazione Le Smart Cities and communities

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

COMMISSIONE RI.U.SO.

COMMISSIONE RI.U.SO. COMMISSIONE RI.U.SO. RI.U.SO. Un progetto per l Italia (fonte: CNAPP) Seminario: INNOVAZIONE E FUTURO DELLA PROFESSIONE Vicenza Teatro S. Marco 28 febbraio 2014 RI.U.SO. Rigenerazione Urbana Sostenibile

Dettagli