REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)"

Transcript

1 REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

2 REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Oggetto Definizioni Installazione della segnaletica stradale verticale. Richiesta del nulla-osta all impianto della segnaletica Ubicazione lungo le strade e le fasce di pertinenza all interno dell area A.S.I. Dimensioni Caratteristiche dei cartelli e dei mezzi pubblicitari luminosi Mezzi pubblicitari a messaggio variabile Manutenzione dei cartelli stradali Sanzioni 2

3 ART. 1 O G G E T T O Il Regolamento disciplina l installazione ed il mantenimento della segnaletica stradale verticale, lungo le strade o in vista di esse, all interno dell Area di Sviluppo Industriale sulla quale il Consorzio detiene l onere del controllo e del governo del territorio. La segnaletica stradale cui si fa riferimento è, essenzialmente, di tre tipi: a. cartelli di indicazione verso i comparti industriali presenti sull Area; b. cartelli recanti indicazioni sull ubicazione precisa delle aziende; c. insegne proprie delle aziende infisse sui terreni di proprietà. Il Regolamento disciplina, altresì, l installazione di mezzi pubblicitari e/o simili che le imprese insediate all interno del territorio dell Area di Sviluppo Industriale intendessero installare per il perseguimento dei propri scopi sociali. ART. 2 D E F I NI Z I O NI Ai fini del presente Regolamento si fa riferimento al D.P.R. 495/92 e ss.mm.ii.. ART. 3 I NS T A L L A Z I O N E D E L L A S E G NA L E T I C A S T R A D A L E V E R T I C A L E. La segnaletica verticale di direzione verso i comparti di cui all articolo 1, punto a, deve essere installata, nel rispetto della vigente normativa, in gruppi segnaletici unitari ed essere coerente con lo schema allegato -d ora in avanti nominato Schema d Impianto della Segnaletica - che si ritiene parte integrante del presente Regolamento. Detti gruppi saranno installati al rilascio del parere favorevole dell Ufficio Tecnico del Consorzio, verificata la rispondenza dell impianto allo Schema d Impianto della Segnaletica. L installazione può essere eseguita direttamente dalle aziende interessate, da gruppi di esse, ovvero dal Consorzio stesso, previo specifico accordo con le imprese e refusione delle spese. Le indicazioni relative all ubicazione delle aziende di cui all articolo 1, punto b, che devono essere posizionate successivamente alle pre-insegne, possono essere installate dietro nulla-osta dell Ufficio Tecnico del Consorzio, verificata la rispondenza fra l ubicazione della segnaletica per la quale si richiede il nulla-osta e lo Schema d Impianto della Segnaletica. Le insegne proprie delle aziende di cui all articolo 1, punto c, potranno essere installate, previa acquisizione del nulla-osta dell Ufficio Tecnico del Consorzio, solo all interno delle singole proprietà private. Nella realizzazione della segnaletica, le aziende, ovvero il Consorzio nel caso di delega all impianto da parte delle aziende stesse, devono attenersi a specifiche tipologie definite dall Ente. Tali tipologie si riferiscono alle dimensioni minime e massime dei cartelli, ai colori ed ai caratteri delle diciture cui la segnaletica dovrà attenersi. Su tali riferimenti si allega, per farne parte integrante, l apposito elaborato (d ora in avanti nominato Tavola dei tipi ). I gruppi segnaletici dovranno essere composti da moduli conformi a quanto previsto dalla Tavola dei Tipi e dallo Schema di impianto predisposti dal Consorzio. Le ditte proprietarie di singole insegne esistenti alla data di approvazione del Regolamento, fatta esclusione per quelle infisse all interno delle proprietà private, dovranno provvedere al loro riordino o al loro abbattimento, in conformità ai disposti del presente Regolamento, entro il sessantesimo giorno della notifica del Regolamento stesso alle aziende da parte del Consorzio. In caso di ritardo non specificatamente motivato, il Consorzio, previo preavviso di dieci giorni inoltrato via 3

4 telefax alle aziende interessate, provvederà direttamente all eliminazione delle insegne non conformi. ART. 4 R I C H I E S T A D E L N U L L A - O S T A A L L IMPI A NT O D E L L A S E G NA L E T I C A Chiunque intenda installare cartelli di indicazione stradale e/o di altri mezzi di segnalazione e/o pubblicità, dovrà presentare apposita domanda indirizzata all Ufficio Tecnico del Consorzio completa dei seguenti dati: 1. indicazione delle generalità, della residenza o domicilio legale e del codice fiscale del richiedente; 2. ubicazione esatta del luogo dove si intendono installare le indicazioni stradali in relazione allo Schema d Impianto della Segnaletica di cui al precedente articolo 3; 3. apposita motivata relazione nel caso in cui l ubicazione della segnaletica non dovesse essere coerente allo Schema d Impianto della Segnaletica ; 4. descrizione puntuale e dettagliata dei cartelli in relazione alla Tavola dei tipi ; 5. autodichiarazione, redatta ai sensi del D.P.R , n 445, con la quale si attesti che il manufatto che si intende collocare è stato calcolato e realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantirne la stabilità. Tale dichiarazione dovrà altresì prevedere l impegno all osservazione dei canoni di cui al precedente art. 3, commi 1 e 2; 6. impegno scritto ad adeguarsi ad eventuali prescrizioni che verranno disposte dal Consorzio in occasione del rilascio del nulla-osta. Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti in duplice copia (delle quali una sarà inoltrata dal Consorzio al Comune di competenza): 1. planimetrie delle aree interessate all installazione, complete dell esatto posizionamento ed orientamento della segnaletica; 2. bozzetto dei singoli messaggi previsti; 3. documentazione fotografica del sito interessato; 4. consenso scritto del proprietario dell area, se trattasi di soggetto diverso dal Consorzio. L autorizzazione all installazione della segnaletica ha validità per un periodo di tre anni. Tale validità si intende automaticamente rinnovata, salvo diverse determinazioni del Consorzio. ART. 5 UBI C A Z I O N E L U N G O L E S T R A D E E L E F A S C E D I P E R T I NE NZ A A L L INT E R N O D E L L AR E A A.S.I. Il posizionamento di cartelli e/o di altri mezzi di segnalazione e/o pubblicità è autorizzato ed effettuato, di norma, nel rispetto delle seguenti distanze minime, fatta salva la possibilità di deroga prevista dall art. 23, comma 6, del Codice della Strada: a. mt. 1 dal limite della carreggiata b. mt. 25 da altri cartelli, dai segnali di indicazione e dopo i segnali stradali di pericolo e di prescrizione; c. mt. 25 dal punto di tangenza di curve; d. mt. 30 lungo le strade principali, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione e delle intersezioni. Le distanze si applicano nel senso delle singole direttrici di marcia. Tutte le indicazioni stradali non devono, in ogni caso, ostacolare la visibilità dei segnali di cui al Codice della Strada, entro lo spazio di avvistamento.in aggiunta a quanto previsto dai precedenti commi, il nulla-osta all installazione delle indicazioni 4

5 stradali può essere negato dal Consorzio nei casi in cui, in considerazione dell andamento plano-altimetrico della strada, delle caratteristiche strutturali dei segnali stessi o per la posizione in linea prospettica che verrebbero ad assumere, risultasse ragionevole prevedere situazioni di scarsa visibilità o leggibilità difficoltosa della segnaletica stradale obbligatoria per legge. In caso di diniego del nulla-osta da parte del Consorzio, il Consorzio stesso procederà ad effettuare apposito sopralluogo onde poter individuare la migliore alternativa possibile alla collocazione per la quale è stato negato il nulla-osta. Il posizionamento delle indicazioni stradali lungo o in prossimità delle strade ove ne è consentita l installazione, è comunque vietato nei seguenti punti: sulle cunette e sulle pertinenze d esercizio comprese tra carreggiate contigue; in corrispondenza delle intersezioni; lungo le curve come definite all art. 3, comma 1 punto 10, del Codice della Strada e su tutta l area compresa tra la curva stessa e la corda tracciata tra i due punti di tangenza; sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; in corrispondenza dei raccordi verticali concavi o convessi segnalati; sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalamento. Il Consorzio ha la facoltà di derogare all applicazione del divieto di cui al comma 5, lettera a, limitatamente alle pertinenze d esercizio che risultano comprese tra carreggiate contigue con una larghezza superiore a mt. 4. I cartelli e le indicazioni stradali non devono in ogni caso ostacolare la visibilità dei segnali stradali entro gli spazi di avvistamento e, laddove ciò non sia impedito dalla presenza di ostacoli fisici, dovranno essere installati ad una distanza minima dal confine della carreggiata di mt. 1. Le norme di cui al comma 1 e comma 5, lettera c, non si applicano per le insegne di esercizio a condizione che le stesse siano collocate parallelamente al senso di marcia dei veicoli in aderenza ai fabbricati esistenti e la loro proiezione al suolo non cada entro la carreggiata. Le distanze di cui al comma 1, ad eccezione di quelle relative alle intersezioni, non sono rispettate per i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari collocati in posizione parallela al senso di marcia dei veicoli e posti in aderenza, per tutta la loro superficie, a fabbricati o comunque installati ad una distanza dal limite della carreggiata non inferiore a mt. 3. ART. 6 D I M E NS I O NI Le dimensioni delle indicazioni stradali non devono differire da quelle indicate nella Tavola dei tipi. Per quanto concerne l installazione dei mezzi pubblicitari e/o simili, le dimensioni massime andranno di volta in volta stabilite in sede di rilascio del nulla-osta da parte del Consorzio in relazione al luogo di installazione e alle caratteristiche del messaggio contenuto. ART. 7 C A R A T T E R I S T I C H E D E I C A R T E L L I E D E I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I L U M I NO S I All interno dell area A.S.I., le insegne d esercizio e gli altri mezzi pubblicitari luminosi, per luce propria o per luce indiretta, non possono avere luce intermittente, né d intensità tale da provocare abbagliamento o comunque fastidio. Tutti i mezzi pubblicitari non devono avere forma circolare o triangolare e, comunque, mantenere una sagoma tale da non generare confusione con la segnaletica stradale. Gli eventuali segni in essi contenuti devono essere tali da 5

6 evitare confusione, visti da distanza, con i cartelli segnalatori di pericolo e/o di prescrizione e/o di indicazione. Particolare cautela è adottata nell uso dei colori, specialmente del rosso e del verde e del loro abbinamento, al fine di non generare confusione con la segnaletica stradale, specialmente in corrispondenza e in prossimità delle intersezioni. ART. 8 M E Z Z I P U B B L I C I T A R I A M E S S A G G I O V A R I A BI L E I mezzi pubblicitari a messaggio variabile dovranno avere una frequenza di avvicendamento dei messaggi con periodo non inferiore a minuti 2. ART. 9 M A NUT E NZ I O NE D E I C A R T E L L I S T R A D A L I Il Consorzio provvederà nel tempo a manutenere i manufatti installati a proprie cure e spese e a segnalare alle imprese interessate la necessità, ove ravvisata, di eseguire l opportuna manutenzione dei manufatti di loro proprietà. Ove lo stato della segnaletica dovesse permanere, nonostante l invito a provvedere, in stato di cattiva manutenzione, il Consorzio, anche in relazione alla tutela della pubblica incolumità, disporrà la loro rimozione. ART. 10 S A NZ I O NI Fatto salvo quanto previsto dal Codice della Strada, gli impianti segnaletici e/o di pubblicità installati in contrasto con il presente Regolamento saranno rimossi direttamente dal personale del Consorzio, a seguito di specifica determinazione del Direttore Generale dell Ente. Restano ovviamente salve le vigenti sanzioni previste dall attuale normativa ediliziaambientale. 6

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi D.P.R. n. 495/92 Pubblicità sulle strade e sui veicoli 48. (Art. 23 Cod. Str.) Dimensioni. 1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari previsti dall'articolo 23 del codice e definiti

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

Chiede l autorizzazione ad installare

Chiede l autorizzazione ad installare marca da bollo euro 14,62: Al sig. Sindaco Comune di Barlassina Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende Io sottoscritto/a_ nato/a a _ il C.F. residente

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare PROTOCOLLO COMUNALE AL COMUNE DI CESANO MADERNO SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Arese, n. 12 20031 Cesano Maderno (Mi) marca da bollo 14,62 Pratica

Dettagli

Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca

Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca Modello di domanda per i mezzi pubblicitari Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca Nuova Installazione Rinnovo Variazione Bozzetto Volturazione (barrare la voce desiderata) DATI ANAGRAFICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza. Il sottoscritto C.F./P.I.

Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza. Il sottoscritto C.F./P.I. DOMANDA PER IMPIANTI PUBBLICITARI E INSEGNE D ESERCIZIO Modello 11 Alla Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza Il sottoscritto C.F./P.I. nato

Dettagli

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE Marca da bollo PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Viabilità ed Infrastrutture

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 3 Insegne e cartelli

ALLEGATO 3 Insegne e cartelli Comune di Trivolzio REGOLAMENTO EDILIZIO Allegato 3: Insegne e cartelli ALLEGATO 3 Insegne e cartelli INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2 Pubblicità sulle strade pag. 2 Art.3 Cartelli: indicazioni dimensionali

Dettagli

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari.

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari. P R O V I N C I A d i B A R I SERVIZIO TRIBUTI E IMPIANTI TERMICI Regolamento per l installazione di cartelli, insegne di esercizio e altri mezzi pubblicitari. Approvato con Deliberazione Consiliare n.11

Dettagli

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari)

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Allegato 3 Regolamento insegne e cartelli indicatori Versione C.C. 16/06/06 ALLEGATO 3 INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Art. 1 Ambito di applicazione e definizione dei mezzi pubblicitari 1. Il presente regolamento si applica a tutto il territorio Comunale posto

Dettagli

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Gestione e Sicurezza del Territorio e della Mobilità Servizio Viabilità AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Mobilità e Protezione Civile Servizio Viabilità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI I REGOLAMENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE PROVINCIALI Allegato A alla deliberazione di C.P. n. 47/2005 PROVINCIA DI RIMINI SERVIZIO LAVORI PUBBLICI UFFICIO VIABILITA REGOLAMENTO

Dettagli

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S.

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S. AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE Art. 47. - Definizione dei mezzi pubblicitari (art. 23 C.s.). 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da

Dettagli

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso )

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) Via Don. G. Minzoni, 12 31057 Silea Tel. 0422/365731 Fax 0422/460483 e-mail: urbanistica@comune.silea.tv.it- sito internet: www.comune.silea.tv.it AREA 4^ - GESTIONE

Dettagli

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 Nuovo codice della strada. Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 maggio 1992, n. 114, S.O. 23. Pubblicità sulle strade e sui veicoli. D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 (giurisprudenza di legittimità) 1. Lungo le strade

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R. n 955/82) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto)

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto) MARCA DA BOLLO (SOLO SE FUORI DAL CENTRO ABITATO) Esenti Enti Pubblici D.P.R. 955/82 Vedi nota pag.3 Mod. 13.7 (agg. 28.09.2011) Provincia di Vicenza Ufficio Concessioni e Autorizzazioni Via L.L. Zamenhof,

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino

Città di Orbassano Provincia di Torino Città di Orbassano Provincia di Torino Marca da bollo Al Signor Sindaco del Comune di Orbassano Il\La sottoscritto\a residente in Via.. n...c.f......telefono, con la presente chiede di essere autorizzato/a

Dettagli

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA.

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: - all Ufficio Tecnico del Comune

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI PUBBLICITA ESTERNA PERMANENTE

INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI PUBBLICITA ESTERNA PERMANENTE INSTALLAZIONE NUOVI IMPIANTI PUBBLICITA ESTERNA PERMANENTE Spazio riservato all Ufficio Bollo 16,00 Istanza n. Al Sindaco del Comune di Perugia U.O. Politiche Economiche Perugia Oggetto: domanda di autorizzazione

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO SETTORE DEMANIO, CONCESSIONI, PATRIMONIO IMMOBILIARE ED ESPROPRI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE DELLA PROVINCIA DI TARANTO (approvato con Deliberazione

Dettagli

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE AI SENSI DELL ART. 23 DEL CODICE DELLA STRADA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 9 del 13/02/2003

Dettagli

Richiesta di Autorizzazione Amministrativa per nuova installazione/rinnovo di autorizzazione/modifica/spostamento di mezzi pubblicitari

Richiesta di Autorizzazione Amministrativa per nuova installazione/rinnovo di autorizzazione/modifica/spostamento di mezzi pubblicitari CITTÀ DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d'oro al Valor Militare AREA 5 a URBANISTICA Piazza Castello degli Ezzelini, 11 - Tel. 0424519665 fax 0424519670 C.A.P. 36061 (VI) - Cod. Fiscale e Part. IVA 00168480242

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) Il sottoscritto nato a il residente a in via c.a.p. Telefono fax Codice Fiscale in

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Comune di Longare Provincia di Vicenza

Comune di Longare Provincia di Vicenza Comune di Longare Provincia di Vicenza Marca da Bollo 14,62 DOMANDA PER: INSEGNA D ESERCIZIO, CARTELLONE PUBBLICITARIO, TARGHE INSEGNE Al Signor Sindaco del Comune di Longare Il\La sottoscritto\a... residente

Dettagli

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp.

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp. COMUNE DI MANTOVA Sportello Unico per le Imprese e i Cittadini Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.: 0376338634 Fax: 0376338633 E-mail: su.edilizia.territorio@domino.comune.mantova.it RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE PROVINCIALI E SULLE AREE PUBBLICHE

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Genga Provincia di Ancona Piano Generale degli impianti pubblicitari e per le Pubbliche Affissioni Norme Tecniche di Attuazione gennaio 2010 PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI PARERE DELL ENTE PROPRIETARIO DELLA STRADA

INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI PARERE DELL ENTE PROPRIETARIO DELLA STRADA Pag. 1 di 5 INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI PARERE DELL ENTE PROPRIETARIO DELLA STRADA Data/Prot. di presentazione ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DEL COMUNE DI PISTOIA VIA DEI MACELLI

Dettagli

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008

Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Prot. Gen. n. 468953 Venezia, 03/11/2008 Oggetto: D.P.R. n. 753/1980 art. 5 comma 7 - criteri per il riconoscimento dell idoneità e della sicurezza delle fermate dei servizi pubblici di trasporto urbano

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA Marca da Bollo Al Sindaco di Povegliano Comando Polizia Locale Povegliano RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA da presentarsi almeno 10 giorni prima del periodo di esposizione (barrare la voce

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi).

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi). Protocollo generale Comune di Sabaudia Provincia di Latina N del Sportello Unico Attività Produttive (n. 3 copie in carta semplice) Al S.U.A.P. del Comune di Sabaudia Piazza del Comune 04016 Sabaudia (LT)

Dettagli

Oggetto: Richiesta autorizzazione per n. insegna/e di esercizio. Il/la sottoscritto/a... nat.. il. a.. e residente in... via... n... tel.

Oggetto: Richiesta autorizzazione per n. insegna/e di esercizio. Il/la sottoscritto/a... nat.. il. a.. e residente in... via... n... tel. Marca da bollo 14,62 AL DIRIGENTE DELL UFFICIO CONCESSIONI DELLA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA Oggetto: Richiesta autorizzazione per n. insegna/e di esercizio. Il/la sottoscritto/a. nat.. il. a. e residente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PUBBLICITÀ STRADALE E SEGNALETICA VERTICALE TURISTICA, DI TERRITORIO E DI SERVIZIO UTILE - REVISIONE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PUBBLICITÀ STRADALE E SEGNALETICA VERTICALE TURISTICA, DI TERRITORIO E DI SERVIZIO UTILE - REVISIONE REGOLAMENTO IN MATERIA DI PUBBLICITÀ STRADALE E SEGNALETICA VERTICALE TURISTICA, DI TERRITORIO E DI SERVIZIO UTILE - REVISIONE Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale n. 47 del 28/05/2013 IL PRESENTE

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome)..

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI OGGETTO: Temporanea (max 90 giorni): dal al. Il/La Sottoscritto/a (cognome).. AREA 3 Comune di Torri di Quartesolo Via Roma, 174 36040 TORRI DI QUARTESOLO (VI) Codice Fiscale Partita Iva : 00530900240 Posta Elettronica Certificata (PEC) : torridiquartesolo.vi@cert.ip-veneto.net

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. Approvato con delibera di consiglio del commissario straordinario n. 40 del 07.06.2004 1 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMUNE ALL IONIO ( Provincia di COSENZA ) COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI PASSI CARRABILI proposta elaborata da : Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M. 1 INDICE Art. 1

Dettagli

CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO

CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO LL PP e MANUTENZIONI - Via Ponte n. 64-36020 CASTEGNERO Ufficio Tecnico 0444/738756 - Fax n. 0444/730050 e.mail: tecnico@comune.castegnero.vi.it

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA STRADALE Premessa: Oggetto e finalità del Regolamento Il presente Regolamento disciplina la pubblicità lungo le strade in gestione alla

Dettagli

COMUNE DI MOZZO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MOZZO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MOZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA, DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ED EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI Pagina 1 di 16 Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO'

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' Bollo 16,00 DOMANDA INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI (in bollo) DOMANDA RINNOVO AUTORIZZAZIONE (in bollo) COMUNICAZIONE INSTALLAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE - INFRASTRUTTURE - AMBIENTE SERVIZIO INFRASTRUTTURE-EDILIZIA UNITA ORGANIZZATIVA GESTIONE AMMINISTRATIVA APPALTI ESPROPRIAZIONI REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE

COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO (provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER PUBBLICITA STRADALE Delibera del Consiglio Comunale del 01/07/2013 n 29 REV. num. 00.00 - Pagina 1 INDICE Capo I Norme generali Art. 1:

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE Allegato A DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE - 1 - DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Approvato con Delibera C.C. n.64830 del 3/12/2007 1 INDICE Numero Descrizione

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO

COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI CASALE SUL SILE PROVINCIA DI TREVISO REGIONE DEL VENETO REGOLAMENTO COMUNALE DELLA PUBBLICITA' SULLE STRADE (art. 23 Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo codice della strada, e art.

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie -

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - Ufficio Cartellonistica ed Impianti Pubblicitari, Piazza Matteotti n.20 Tel0774-301670 DENUNCIA

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Niardo Provincia di Brescia Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (per l installazione di cartelli,

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli