REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI"

Transcript

1 CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI CASERTA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DELLA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA ALL INTERNO DELLE AREE CONSORTILI D.Lgs. 30/04/92 n. 285 Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e attuazione del N.C.d.S. D.Lgs. 15/11/1993 n. 507 Delibera Comitato Direttivo n.193 del

2 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuti e finalità pag. 02 Art. 2 Quadro normativo di riferimento pag. 02 Art. 3 Agglomerati e competenza delle strade pag. 02 Art. 4 Caratteristiche delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari. pag. 03 Art. 5 TITOLO II PUBBLICITA ESTERNA Tipologie, definizioni e prescrizioni dei mezzi pubblicitari soggetti ad autorizzazione pag. 05 Art. 6 Disciplina di installazione dei mezzi pubblicitari pag. 07 Art. 7 Divieti pag. 09 TITOLO III AUTORIZZAZIONI Art. 8 Autorizzazione Impianti pubblicitari pag. 10 Art. 9 Domanda per Autorizzazione per insegna di esercizio, segnaletica direzionale privata, cartello, poster, manifesto ed impianto pubblicitario di servizio pag. 10 Art. 10 Domanda di autorizzazione per targhe, vetrofanie, contenitore pubblicitario pag. 11 Art. 11 Istruttoria e rilascio dell autorizzazione pag. 11 Art. 12 Termine di validità dell autorizzazione pag. 11 Art. 13 Rinnovo dell autorizzazione pag. 12 Art. 14 Obblighi del titolare dell autorizzazione pag. 12 Art. 15 Decadenza dell autorizzazione pag. 13 TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Art. 16 Sanzioni Amministrative pag. 14 Art. 17 Norme Transitorie pag. 14 Art. 18 Norme Finali pag Allegato A : Oneri di istruttoria per il rilascio di autorizzazione pag. 15 Canone annuale per rilascio autorizzazione pag Schede tecniche impianti pubblicitari pagg I

3 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. I Contenuti e finalità 1. ll presente Regolamento per la disciplina della pubblicità sulle strade consortili, di seguito chiamato per brevità Regolamento, disciplina le modalità di collocazione dei mezzi pubblicitari e della segnaletica direzionale privata sulle strade delle aree di proprietà del Consorzio Asi Caserta. 2. La finalità del Regolamento è quella di disciplinare l installazione, gestione e manutenzione degli impianti pubblicitari e della segnaletica direzionale privata nelle aree consortili. Art. 2 Quadro normativo di riferimento 1. Le norme contenute nel Regolamento hanno come riferimento la normativa nazionale e regionale vigente, in particolare: D.Lgs. 30/04/92 n. 285 Nuovo Codice della Strada, D.P.R. 16/12/1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e attuazione del Nuovo Codice della Strada nonché le successive disposizioni correttive ed integrative del codice della Strada, D.Lgs. 15/11/1993 n. 507; il piano regolatore territoriale di assetto delle aree e dei nuclei industriali nel comprensorio ai sensi e per gli effetti degli articoli 10 e 11 della L.R. n.16 del 13/08/1998 e sm.i.. Art. 3 Agglomerati e competenza delle strade 1. ll Consorzio Asi Caserta svolge attività di gestione delle opere di urbanizzazione, delle infrastrutture e dei servizi comuni delle aree industriali realizzate nella Provincia di Caserta ai sensi dell art. 32 della legge 14/05/1981 ed esercita le funzioni amministrative relative al completamento degli insediamenti produttivi delle aree di propria competenza, il tutto nell ambito delle relative norme dettate dal legislatore nazionale e della Regione Campania in attuazione della legge 07/08/1997 n All interno degli insediamenti che ospitano le aree produttive, viene stabilito che la superficie complessiva massima totale per i soli mezzi pubblicitari di tipo c

4 2

5 Cartello, d Poster, e Manifesto,, come classificati al successivo art. 5, potrà essere pari a mq totali. 3. La superficie massima disponibile di cui al punto precedente potrà essere assegnata fino ad un massimo pari a mq. 180 per ogni singola società concessionaria. 4. Deroga alla limitazione di utilizzo massimo di una superficie pari a mq. 180 è riconosciuta in via esclusiva al concessionario di spazi risultante da apposita procedura ad evidenza pubblica e fornitore di prestazione e servizi di interesse collettivo. 5. La competenza al rilascio delle autorizzazioni per la collocazione di mezzi pubblicitari lungo le strade ricomprese all interno delle perimetrazioni delle aree consortili è del Consorzio, fatti salvi diritti di terzi ed eventuali nulla-osta da parte di Enti terzi. Art. 4 Caratteristiche delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari. 1. I mezzi pubblicitari sono definiti luminosi, quando, sia per luce propria, sia per luce indiretta, il messaggio pubblicitario risulti visibile in forma illuminata. Le caratteristiche degli impianti luminosi sono determinate ai sensi dell art. 50 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada. 2. I mezzi pubblicitari devono essere realizzati nelle loro parti strutturali con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici. 3. Le strutture di sostegno e di fondazione devono essere calcolate per resistere alla spinta del vento, saldamente realizzate ed ancorate, sia globalmente che nei singoli elementi. 4. Qualora le suddette strutture costituiscono manufatti la cui realizzazione e posa in opera è regolamentata da specifiche norme, l osservanza delle stesse e l adempimento degli obblighi da queste previste deve essere documentato prima del ritiro dell autorizzazione. 5. Fatto salvo le insegne di esercizio, i mezzi pubblicitari assentibili sono quelli contenuti nelle schede tecniche allegate al presente Regolamento. Eventuali tipologie non previste da quanto previsto nelle suddette schede verranno valutate di volta in volta dai competenti uffici consortili. 3

6 TITOLO II PUBBLICITA ESTERNA Art. 5 Tipologie, definizioni e prescrizioni dei mezzi pubblicitari soggetti ad autorizzazione 1. Il presente articolo definisce le tipologie, determina, e prescrive le particolarità degli impianti pubblicitari installabili all interno dei comprensori. a) Insegna di esercizio. Scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. b) Segnaletica direzionale privata. Scritta in caratteri alfanumerici, completata da frecce di orientamento, ed eventualmente da simboli e da marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce, supportato da una idonea struttura di sostegno, finalizzata all indicazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il raggiungimento. Non può essere luminosa, nè per luce propria, nè per luce indiretta. c) Cartello. Manufatto bidimensionale supportato da una idonea struttura di sostegno a monopiantana, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici a carattere permanente tramite sovrapposizione sui pannelli di adesivi o altri componenti che garantiscono l inalterabilità del messaggio pubblicitario nel tempo. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. d) Poster. Manufatto bidimensionale supportato da una idonea struttura di sostegno, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici tramite sovrapposizione sui pannelli di adesivi o manifesti. Al fine di evitare inquinamento estetico-ambientale la dimensione massima assentibile è pari a mq. 12 per facciata. Può essere luminoso per luce indiretta. e) Manifesto. Elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, finalizzato alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. Esso è posto in opera per sovrapposizione su poster per affissioni. f) Impianto pubblicitario di servizio. Qualunque manufatto avente quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale 4

7 recante uno spazio pubblicitario che può anche essere luminoso sia per luce diretta che per luce indiretta. g) Targa. Scritta in caratteri alfa numerici, completata eventualmente da un simbolo o da un marchio, utilizzabile solo su una facciata, integrata su supporto in metallo, pietra, legno, o materiali trasparenti, posta in opera esclusivamente in aderenza alla struttura muraria dell ingresso della sede dell attività svolta, avente dimensioni massime cm. 50 x 60. In caso di più attività presenti nella stessa struttura le targhe dovranno essere realizzate da elementi modulari del medesimo materiale e tipo di carattere. Non può essere luminosa né per luce propria, né per luce indiretta. h) Vetrofania. Consiste nella la riproduzione, su superfici vetrate, con pellicole adesive, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari e/o propagandistici dell attività svolta all interno di un esercizio commerciale. Forma, decori, colori e caratteri delle riproduzioni grafiche sulle vetrine devono perseguire obbiettivi di leggerezza, trasparenza e proporzione che riducano invasività sulla facciata dell edificio o della struttura. i) Contenitore pubblicitario. Manufatto supportato da idonea struttura, posato semplicemente al suolo, per la diffusione a mezzo raccolta di volantini e pubblicazioni periodiche per la promozione di beni e servizi, esposto esclusivamente in prossimità e nelle pertinenze di edicole o dove si svolge l attività pubblicizzata. j) Mezzi pubblicitari nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio. Nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio possono essere collocati cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari la cui superficie complessiva non supera il 10% delle aree occupate dalle stazioni di servizio e dalle aree di parcheggio, sempreché gli stessi non siano collocati lungo il fronte stradale, lungo le corsie di accelerazione e decelerazione e in corrispondenza degli accessi. La messaggistica pubblicitaria riproducibile dovrà esclusivamente propagandare i servizi prestati e resi dalla stazione di servizio o all interno dell area di parcheggio. Art. 6 Disciplina di installazione dei mezzi pubblicitari 1. L installazione dei mezzi pubblicitari, come classificati dal precedente articolo, deve essere effettuata nel rispetto delle seguenti prescrizioni, fermo restando la facoltà del Consorzio all applicazione di deroghe comunque nella garanzia di sicurezza della circolazione stradale. 5

8 2. Insegna di esercizio. Di norma l insegna deve essere installata nell arredo della vetrina o nel sopralluce dell esercizio al quale si riferisce e non sporgere di oltre 2 cm dal filo esterno del muro. Nel caso che ciò non sia possibile per documentate ragioni, l insegna, posta a parete, di fianco o al di sopra dell esercizio, dovrà comunque rigorosamente rispettare le partizioni architettoniche dell edificio. Per documentata necessità è consentito derogare dalle limitazioni di cui sopra quando l insegna sia collocata su edificio industriale o artigianale. In ogni caso le insegne, siano esse collocate su parete oppure su tetti oppure su strutture proprie, dovranno avere caratteristiche e dimensioni adeguate alle caratteristiche del paesaggio e del contesto edificato in cui si collocano. Per ogni insegna quindi devono essere garantiti requisiti oggettivi (tipologia, dimensioni, colori, materiali impiegati, composizione delle scritte e dei disegni, posizionamento, ecc.), tali da consentirne, ai fini di una valida salvaguardia del decoro e di rispetto dell ornato urbano, un loro confacente ed armonico inserimento nel contesto ambientale. 3. Segnaletica direzionale privata. La collocazione degli impianti destinati ad ospitare segnaletica di direzione privata dovrà essere effettuata nel rispetto delle prescrizioni di cui all art 134 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n 495, e degli artt. 127, 128, 130 e 131, con particolare riferimento ai segnali di tipo industriale, artigianale, commerciale (vedere figura II 297 art. 134 D.P.R. 495/92). 4. Cartello, Poster, Manifesto. La collocazione è effettuata nel rispetto delle seguenti distanze minime: DISTANZE MINIME ESPRESSE IN METRI per i mezzi pubblicitari tipo Cartello, Poster e Manifesto Riferimento Impianti paralleli al senso di marcia dei veicoli Impianti perpendicolari al senso di marcia dei veicoli Dal limite della carreggiata 0,5 1 Dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari Nessuna distanza da rispettare se dalla carreggiata è >= a 0,5 m. oppure in aderenza a costruzioni esistenti 10 6

9 Prima dei segnali stradali Dopo i segnali stradali Dal punto di tangenza delle curve Nessuna distanza da rispettare se dalla carreggiata è >= a 0,5 m. oppure in aderenza a costruzioni esistenti Nessuna distanza da rispettare se dalla carreggiata è >= a 0,5 m. oppure in aderenza a costruzioni esistenti Nessuna distanza da rispettare se dalla carreggiata è >= a 0,5 m. oppure in aderenza a costruzioni esistenti Prima delle intersezioni 10 I 20* 10 I 20 * Dopo le intersezioni * Nel caso di intersezioni semaforizzate la distanza minima da rispettare è di m. 20 La collocazione dei mezzi pubblicitari di cui al presente punto sarà autorizzata solamente nei casi in cui non ingeneri confusione oppure ostacoli la visibilità della segnaletica stradale pubblica e privata. 5. Impianto pubblicitario di servizio, Targa, vetrofania, contenitore pubblicitario. Per questa tipologia di mezzi non sono previste distanze da rispettare ma comunque dovranno essere rispettati i criteri di salvaguardia della sicurezza per la circolazione stradale e di decoro dell ambiente circostante. Art. 7 Divieti 1. Al fine di una disciplina omogenea del territorio e per la tutela estetico-ambientale del medesimo all interno delle aree consortili è vietato effettuare la posa o l installazione delle seguenti attività pubblicitarie: a) Volantinaggio mediante la distribuzione di ciclostilati o depliant attraverso l abbandono degli stessi in luoghi all aperto, sotto i tergicristalli degli autoveicoli, o effettuato mediante persone circolanti con cartelli o altri mezzi propagandistici assimilabili all attività di volantinaggio. 7

10 b) Pubblicità effettuata mediante la sosta prolungata di veicoli pubblicitari. c) Segni Orizzontali Reclamistici consistenti nella riproduzione sulla superficie stradale, o comunque calpestabile o transitabile, con pellicole adesive o altro metodo grafico, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. d) Pubblicità Fonica o Sonora effettuata con qualsiasi impianto tecnico idoneo ad effettuare la diffusione attraverso onde sonore di messaggi pubblicitari o propagandistici, effettuata in forma fissa o itinerante, con veicoli o senza. L effettuazione di tale attività può essere effettuata unicamente per motivi di ordine pubblico. e) Mezzi pubblicitari a carattere temporaneo 2. E vietato il posizionamento di mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne di esercizio, delle targhe, della segnaletica direzionale privata, degli impianti pubblicitari di servizio, nei seguenti punti: sui ponti e sottoponti; sui cavalcavia e loro rampe; sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalazione, sui pali destinati all illuminazione pubblica, agli impianti semaforici, sulle cabine elettriche. 3. il posizionamento dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari deve comunque avvenire in modo da non occultare la segnaletica stradale e quant altro destinato alla pubblica viabilità. 8

11 TITOLO III AUTORIZZAZIONI Art. 8 Autorizzazione Impianti pubblicitari 1. L installazione di Impianti pubblicitari lungo le strade, è soggetta ad autorizzazione ai sensi dell art. 23, commi 4 e 5, del Codice della Strada. 2. Ai fini dell applicazione delle presenti norme si applicano le definizioni contenute nel presente Regolamento. 3. L autorizzazione è rilasciata dal Consorzio ASI facendo salvi eventuali diritti di terzi. Art. 9 Domanda per Autorizzazione per insegna di esercizio, segnaletica direzionale privata, cartello, poster, manifesto ed impianto pubblicitario di servizio 1. La domanda, indirizzata al Presidente del Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale di Caserta, Viale Enrico Mattei, n.36, Caserta; dovrà essere corredata dei seguenti documenti: a) progetto quotato in scala 1:20 dell opera e relativa descrizione tecnica, dai quali siano individuabili gli elementi essenziali dell opera e la sua collocazione, compreso il disegno del possibile supporto, debitamente firmato dal titolare dell impresa esecutrice o dall interessato. b) documentazione fotografica che illustri il punto di collocazione dell ambiente circostante con indicazione delle coordinate geografiche; c) planimetri ove sia riportata la posizione nella quale si chiede l autorizzazione all installazione; d) autodichiarazione redatta ai sensi della Legge 445/2000, con la quale si attesta che l impianto pubblicitario che si intende collocare è stato calcolato e realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantirne la stabilità. Inoltre che il manufatto è realizzato con materiale non deperibile e resistente agli agenti atmosferici. e) copia dichiarazione di conformità di cui all art. 9 della Legge n. 46 Norme per la sicurezza degli impianti, per gli impianti pubblicitari luminosi o, in alternativa, dichiarazione di impegno della ditta costruttrice o installatrice l impianto luminoso, accompagnata da certificato di iscrizione 9

12 alla C.C.I.A.A., che produrrà la necessaria dichiarazione di conformità entro 30 gg. dall installazione dell impianto, come previsto dalla legge 46/ Il rilascio di autorizzazione per la collocazione di segnaletica direzionale privata, è soggetta a concessione in esclusiva, rilasciata dal Consorzio ASI Caserta a seguito di procedura ad evidenza pubblica. Art. 10 Domanda di autorizzazione per targhe, vetrofanie, contenitore pubblicitario 1. Per l apposizione di targhe, vetrofanie e contenitori pubblicitari, deve essere fatta pervenire comunicazione scritta nella quale sono indicati i messaggi pubblicitari, gli elementi essenziali dell attività cui si riferiscono e la superficie occupata. 2. Per il rilascio dell autorizzazione alla collocazione di targhe, vetrofanie o insegne di esercizio indicanti professioni mediche, l interessato dovrà produrre copia conforme dell autorizzazione all apposizione del mezzo pubblicitario rilasciata dall Ordine dei Medici della Provincia Caserta. Art.11 Istruttoria e rilascio dell autorizzazione 1. L autorizzazione è rilasciata all interessato entro 60 giorni dalla data di presentazione della relativa richiesta. 2. Il termine rimane sospeso nel caso in cui il Consorzio ASI Caserta inviti i richiedenti, a mezzo di comunicazione scritta, a produrre ulteriore documentazione o ad integrare quella depositata, che dovrà essere prodotta entro i tempi indicati. 3. In caso di mancato ricevimento di quanto richiesto, la domanda presentata sarà archiviata e pertanto respinta. 4. L importo degli oneri di istruttoria per le operazioni tecnico amministrative e il canone concessorio dovuti dal richiedente per ottenere il rilascio dell autorizzazione sono indicati all allegato A) del presente Regolamento e dovranno essere corrisposti entro 10 giorni dalla comunicazione di fine istruttoria. 5. L autorizzazione vien e rilasciata senza pregiudizio dei terzi e può essere revocata o modificata in qualsiasi momento per sopravvenuti motivi di pubblico interesse, di tutela della sicurezza stradale o per esigenze connesse all espletamento delle attività istituzionali dell Ente senza che l Amministrazione sia tenuta a corrispondere alcun indennizzo. I0

13 Art. 12 Termine di validità dell autorizzazione 1. L autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari a carattere permanente, di contenitori pubblicitari e di mezzi pubblicitari all interno delle aree di pertinenza ASI ha validità per un periodo di 3 anni. 2. L autorizzazione all installazione di targhe, insegne di esercizio e di mezzi pubblicitari all interno delle stazioni di servizio, hanno validità per un periodo di sei anni. 3. L autorizzazione per la collocazione di mezzi pubblicitari e segnaletica direzionale privata, rilasciata in concessione a seguito di procedura ad evidenza pubblica, avrà la validità indicata in concessione. Art. 13 Rinnovo dell autorizzazione 1. L autorizzazione all installazione dei mezzi pubblicitari è rinnovabile a condizione che la richiesta, da prodursi almeno novanta giorni prima della scadenza naturale, provenga dal medesimo soggetto intestatario dell atto. 2. Nel caso in cui non siano apportate modifiche al mezzo pubblicitario la domanda di rinnovo deve essere corredata dalla sola autodichiarazione, redatta ai sensi della Legge 445/2000, che attesti che non siano state apportate modifiche alla situazione indicata nel titolo autorizzatorio scaduto; 3. Il mancato rispetto delle condizioni di cui al primo comma del presente articolo, nonché l introduzione di qualsiasi modifica, comportano la presentazione di nuova istanza. Art. 14 Obblighi del titolare dell autorizzazione 1. È fatto obbligo al titolare dell autorizzazione di : di far pervenire agli Uffici consortili competenti, entro il termine di 10 gg. dall avvenuta installazione, certificazione a firma di tecnico abilitato che attesti ai sensi della vigente normativa in materia di sicurezza, la staticità di ogni singolo impianto, individuato da numero di autorizzazione e ubicazione mediante rilievo fotografico e coordinate geografiche; verificare il buono stato di conservazione dei mezzi pubblicitari e delle loro strutture di sostegno; effettuare tutti gli interventi necessari al loro buon mantenimento; adempiere nei tempi richiesti a tutte le prescrizioni impartite dal Consorzio ASI Caserta al momento del rilascio dell autorizzazione o anche successivamente per intervenute esigenze; II

14 procedere alla rimozione nel caso di decadenza o revoca dell autorizzazione o di insussistenza delle condizioni di sicurezza; Onorare direttamente le imposte dovute in virtù del D.Lgs. 507/93 ai Comuni dove è installato il mezzo pubblicitario. 2. Su ogni cartello o mezzo pubblicitario autorizzato dovrà essere saldamente fissata una targhetta non deteriorabile, posta in posizione facilmente accessibile, sulla quale sono riportati, con caratteri incisi, i seguenti dati: amministrazione rilasciante; soggetto titolare; numero dell autorizzazione; progressiva chilometrica o sito di installazione; data di scadenza. La targhetta di cui sopra deve essere sostituita ad ogni rinnovo dell autorizzazione ed ogni qualvolta intervenga una variazione di uno dei dati su di essa riportati. 3. L autorizzazione non esonera il titolare dall obbligo di attenersi strettamente, sotto la propria responsabilità, alle leggi e ai regolamenti vigenti nel comune ove è installato il mezzo pubblicitario, nonché ad ogni eventuale diritto di terzi. Art. 15 Decadenza dell autorizzazione 1. Costituiscono cause di decadenza dell autorizzazione per la collocazione di qualsiasi mezzo pubblicitario: la mancata osservanza, totale o parziale delle obbligazioni di cui all art.14 del presente Regolamento e delle condizioni alle quali fu subordinata l autorizzazione; la mancata realizzazione dell opera entro 60 giorni dal rilascio dell autorizzazione; Il mancato pagamento, entro 10 giorni dal rilascio dell autorizzazione, degli oneri di istruttoria; Il mancato pagamento del canone annuale per il mantenimento del mezzo pubblicitario; L omesso riscontro a richieste di integrazione, documentazione o ricollocazione relativi agli impianti autorizzati. 2. Costituiscono cause di decadenza dell autorizzazione per la collocazione di targhe e insegne di esercizio anche: I2

15 la cessazione o il trasferimento dell attività; l annullamento o la revoca, l inesistenza o l irregolarità della autorizzazione all esercizio dell attività; la non rispondenza del messaggio pubblicitario autorizzato alle attività cui esso si riferisce. I3

16 TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Art. 16 Sanzioni Amministrative 1. Le violazioni che costituiscono infrazione al Codice della Strada, sono punite con le sanzioni amministrative pecuniarie ed accessorie previste dall art. 23 del Codice della Strada, secondo le modalità di cui al Titolo VI del Codice stesso. Art. 17 Norme Transitorie Per le autorizzazioni già rilasciate alla data di entrata in vigore del presente Regolamento le maggiorazioni del canone vanno applicate a partire dall annualità successiva. Art. 18 Norme Finali 1. Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento, si applicano le disposizioni delle normative richiamate all art Il Regolamento è automaticamente modificato o integrato qualora le norme legislative di cui all art. 2 sono modificate o integrate. 3. E abrogata ogni altra norma regolamentare incompatibile con le disposizioni del Regolamento. I4

17 ALLEGATO A ONERI DI ISTRUTTORIA PER RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE Gli importi dei diritti dovuti per le operazioni tecniche ed amministrative (sopralluoghi, spese postali, istruttoria, ecc.) da applicarsi per gli impianti, così come previsto dall art. 47 del Regolamento di Esecuzione ed Attuazione del C.d.S., (DPR 16 dicembre 1992 N 495), di tipo fisso, temporaneo o mobile lungo le strade e loro pertinenze, sono così quantificati : Oneri di istruttoria Importo in Euro Validità fino al Insegna di esercizio. 50, Segnaletica direzionale privata*. 50, Cartello. 50, Poster. 50, Impianto Pubblicitario di servizio. 50, Targa. 50, Contenitore Pubblicitario. 50, altri mezzi pubblicitari. 50, Sono esonerati dal pagamento degli oneri di istruttoria: i Comuni, le Province, la Regione, le Associazioni che svolgono la loro funzione in campo umanitario e sociale il cui Statuto preveda che operino senza scopo di lucro, i soggetti che pubblicizzano manifestazioni alle quali il Consorzio interviene con il Patrocinio. In caso di ogni successivo rinnovo l onere di istruttoria sarà pari all 80% dell importo di prima istruttoria. *L onere di istruttoria per la sola segnaletica direzionale privata è da considerarsi per impianto e non per ogni singolo segnale collocato sulla medesima struttura I5

18 CANONE ANNUALE PER RILASCIO AUTORIZZAZIONE Oltre all imposta comunale sulla pubblicità, che il proprietario dell impianto pubblicitario deve versare direttamente ai Comuni sul cui territorio è posto il mezzo pubblicitario, il canone annuale da applicarsi per gli impianti deve essere versato direttamente al Consorzio ASI, così come previsto dall articolo 47 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del N.C.d.S., (D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495) ed è così quantificato : Canone annuale Importo in Euro Monofacciale Importo in Euro Bifacciale Cartello 150x , ,00 200x ,00 350,00 Poster. 350,00 500,00 Impianto Pubblicitario di servizio Contenitore Pubblicitario. 100, ,00 Altri mezzi pubblicitari. 50,00 al mq. Sono esonerati dal pagamento del canone annuale: i Comuni, le Province, la Regione, le Associazioni che svolgono la loro funzione in campo umanitario e sociale il cui Statuto preveda che operino senza scopo di lucro, i soggetti che pubblicizzano manifestazioni alle quali il Consorzio interviene con il Patrocinio. Per gli altri mezzi pubblicitari, non a canone fisso, il calcolo della superficie avverrà secondo le reali dimensioni dell impianto e sarà calcolato per ogni singola facciata, dopodiché verranno sommate le misure delle 2 (DUE) facciate e alla fine il totale della misura, qualora risultasse una frazione di mq, questa verrà arrotondata al mq. superiore. I6

19 SCHEDA TECNICA SEGNALETICA DIREZIONALE PRIVATA immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 b) del Regolamento. I7

20 SCHEDA TECNICA CARTELLO immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 c) del Regolamento. I8

21 SCHEDA TECNICA POSTER immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 d) del Regolamento. I9

22 SCHEDA TECNICA IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO: TRANSENNA PARAPEDONALE immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 f) del Regolamento. 20

23 SCHEDA TECNICA IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO: PALINA FERMATA BUS immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 f) del Regolamento. 2I

24 SCHEDA TECNICA IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO: PENSILINA FERMATA BUS immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 f) del Regolamento. 22

25 SCHEDA TECNICA IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO: SEGNALATORE DI SERVIZIO immagine di riferimento per la realizzazione: Note: caratteristiche dei mezzi pubblicitari: art. 5 f) del Regolamento. 23

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Niardo Provincia di Brescia Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (per l installazione di cartelli,

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 AREA FINANZIARIA II Servizio Ufficio TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Allegato Deliberazione C.C. n. 4 del 02/02/2007. COMUNE DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI

Dettagli

4:.4 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI VENAFRO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Provincia di ISERNIA Regione Mouse

4:.4 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI VENAFRO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Provincia di ISERNIA Regione Mouse 4:.4 COMUNE DI VENAFRO Provincia di ISERNIA Regione Mouse PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE EDIZIONE DICEMBRE 2009 TITOLO I GENERALITA Art. I Ambito di applicazione.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 27.11.2008 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO'

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' Bollo 16,00 DOMANDA INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI (in bollo) DOMANDA RINNOVO AUTORIZZAZIONE (in bollo) COMUNICAZIONE INSTALLAZIONE

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto)

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto) MARCA DA BOLLO (SOLO SE FUORI DAL CENTRO ABITATO) Esenti Enti Pubblici D.P.R. 955/82 Vedi nota pag.3 Mod. 13.7 (agg. 28.09.2011) Provincia di Vicenza Ufficio Concessioni e Autorizzazioni Via L.L. Zamenhof,

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp.

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp. COMUNE DI MANTOVA Sportello Unico per le Imprese e i Cittadini Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.: 0376338634 Fax: 0376338633 E-mail: su.edilizia.territorio@domino.comune.mantova.it RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 82 del 20 dicembre 2011. PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI TITOLO I DELLA PUBBLICITA IN GENERALE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009

REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009 REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009 modificato dal Consiglio Comunale con delib. n. 82 del 20/12/2011 n. 59 del 28/05//2013

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO

ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO ORDINANZA MUNICIPALE CONCERNENTE LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO del 2 dicembre 2013 Il Municipio di Bioggio, richiamato l art. 192 LOC (Legge Organica Comunale),

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA STRADALE Premessa: Oggetto e finalità del Regolamento Il presente Regolamento disciplina la pubblicità lungo le strade in gestione alla

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con delibera C.C. n. 208 del 13.10.1994 Modificato con delibera C.C. n. 172 del 27.11.2008 Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO IMPOSTA

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO Bollo Euro 14,62 COMUNE DI CALOLZIOCORTE Settore Del Territorio Sportello Unico Per L Edilizia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R. n 955/82) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Art. 1 Ambito di applicazione e definizione dei mezzi pubblicitari 1. Il presente regolamento si applica a tutto il territorio Comunale posto

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie -

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - Ufficio Cartellonistica ed Impianti Pubblicitari, Piazza Matteotti n.20 Tel0774-301670 DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino

Città di Orbassano Provincia di Torino Città di Orbassano Provincia di Torino Marca da bollo Al Signor Sindaco del Comune di Orbassano Il\La sottoscritto\a residente in Via.. n...c.f......telefono, con la presente chiede di essere autorizzato/a

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA SETTORE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA SERVIZIO VIABILITA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE PROVINCIALI E SULLE AREE PUBBLICHE

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Gestione e Sicurezza del Territorio e della Mobilità Servizio Viabilità AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Mobilità e Protezione Civile Servizio Viabilità

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 86 DEL 27/11/2012 INDICE CAPO I NORME DI

Dettagli

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative Introduzione Al fine di consentire una comprensione immediata ed efficace delle modifiche introdotte alle Norme Tecniche di Attuazione, si riporta a seguire l intero testo normativo, con chiara evidenziazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

Comune di Longare Provincia di Vicenza

Comune di Longare Provincia di Vicenza Comune di Longare Provincia di Vicenza Marca da Bollo 14,62 DOMANDA PER: INSEGNA D ESERCIZIO, CARTELLONE PUBBLICITARIO, TARGHE INSEGNE Al Signor Sindaco del Comune di Longare Il\La sottoscritto\a... residente

Dettagli

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S.

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S. AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE Art. 47. - Definizione dei mezzi pubblicitari (art. 23 C.s.). 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE)

COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE) COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA (PROV. DI FIRENZE) Regolamento per la installazione delle insegne di esercizio, dei cartelli pubblicitari, delle tende solari. Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO SETTORE DEMANIO, CONCESSIONI, PATRIMONIO IMMOBILIARE ED ESPROPRI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE DELLA PROVINCIA DI TARANTO (approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso )

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) Via Don. G. Minzoni, 12 31057 Silea Tel. 0422/365731 Fax 0422/460483 e-mail: urbanistica@comune.silea.tv.it- sito internet: www.comune.silea.tv.it AREA 4^ - GESTIONE

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA AREA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE - INFRASTRUTTURE - AMBIENTE SERVIZIO INFRASTRUTTURE-EDILIZIA UNITA ORGANIZZATIVA GESTIONE AMMINISTRATIVA APPALTI ESPROPRIAZIONI REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO

COMUNE DI CARPENEDOLO COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE COMUNALI E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO

Dettagli

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari)

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) Il sottoscritto nato a il residente a in via c.a.p. Telefono fax Codice Fiscale in

Dettagli

CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Provincia di Bologna

CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Provincia di Bologna Allegato 1 Delibera CC 81 del 19 giugno 2002 Visto: IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Nicoletta Tartari Dott.ssa Rita Petrucci COMUNE DI GRANAROLO DELL EMILIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

Installazione Insegne, cartelli pubblicitari, striscioni pubblicitari, ecc.. da Agosto 2012.

Installazione Insegne, cartelli pubblicitari, striscioni pubblicitari, ecc.. da Agosto 2012. IMPORTI DIRITTI SEGRETERIA DA VERSARE SU C/C POSTALE N. 962209 INTESTATO A COMUNE DI GUDO VISCONTI - SERVIZIO TESORERIA OPPURE MEDIANTE BONIFICO PRESSO LA TESORERIA COMUNALE CON L IBAN: IT83U0103080520000006802531

Dettagli