Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte Pagina 1 di 17

2 INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 1 AMBITO E SCOPO DEL REGOLAMENTO 3 ARTICOLO 2 DEFINIZIONI 3 ARTICOLO 3 LIMITAZIONI GENERALI E DEROGHE 4 ARTICOLO 4 DIMENSIONI DEI MEZZI PUBBLICITARI 8 ARTICOLO 5 MEZZI PUBBLICITARI INSTALLATI CON CARATTERE DI PROVVISORIETÀ 9 CAPO II CARATTERISTICHE PARTICOLARI DEI MEZZI PUBBLICITARI 9 ARTICOLO 6 CARTELLI E MEZZI PUBBLICITARI LUMINOSI 9 ARTICOLO 7 INSEGNE D ESERCIZIO 10 ARTICOLO 8 CARTELLI PUBBLICITARI 10 ARTICOLO 9 PREINSEGNE 11 ARTICOLO 10 SEGNI ORIZZONTALI RECLAMISTICI 11 ARTICOLO 11 IMPIANTI PUBBLICITARI DI SERVIZIO 11 ARTICOLO 12 STAZIONI DI SERVIZIO ED AREE DI PARCHEGGIO 11 ARTICOLO 13 ZONE DI INTERESSE STORICO, ARTISTICO, CULTURALE ED AMBIENTALE 12 CAPO III PROCEDURE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE, SANZIONI E NORME TRANSITORIE 13 ARTICOLO 14 AUTORIZZAZIONI E COMPETENZA AMMINISTRATIVA 13 ARTICOLO 15 USO DELL AUTORIZZAZIONE 15 ARTICOLO 16 OBBLIGHI DEL TITOLARE DELL AUTORIZZAZIONE 15 ARTICOLO 17 RINNOVO DELL AUTORIZZAZIONE 15 ARTICOLO 18 REVOCA DELL AUTORIZZAZIONE 15 ARTICOLO 19 NORME DI RINVIO 16 ARTICOLO 20 SANZIONI AMMINISTRATIVE 16 ARTICOLO 21 NORME TRANSITORIE 17 Pagina 2 di 17

3 CAPO I - Disposizioni generali Articolo 1 Ambito e scopo del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina, con riferimento all intero territorio comunale, la materia concernente i mezzi pubblicitari ed i relativi impianti, da collocare o collocati lungo le strade o in vista di esse e, comunque, su aree pubbliche o di uso pubblico o in vista di queste. 2. Oltre a disciplinare la comunicazione pubblicitaria, il presente Regolamento si prefigge anche lo scopo, con riferimento all impiantistica pubblicitaria, di tutelare i valori storico - architettonici e quelli paesaggistici del territorio comunale. Articolo 2 Definizioni 1. Si definisce insegna d esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da un simbolo o da un marchio, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. Sono equiparate ad insegne le iscrizioni che identificano l attività o l esercizio cui si riferisce, realizzate con tecniche pittoriche direttamente sul muro. Per pertinenze si intendono gli spazi e le aree limitrofe alla sede dell attività, posti a servizio, anche non esclusivo, di essa. 2. Si definisce preinsegna la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento ed eventualmente da simboli e marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, supportata da un idonea struttura di sostegno, finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede di un attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa. Non può essere luminosa, né per luce propria, né per luce indiretta. 3. Si definisce cartello il manufatto bidimensionale, supportato da struttura di sostegno, utilizzabile in entrambe le facciate, finalizzate alla diffusione dei messaggi sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti, adesivi, etc. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. 4. Si definisce manifesto l elemento pubblicitario privo di rigidezza, prevalentemente realizzato in materiale cartaceo, posto in opera su strutture murarie o su altri supporti, comunque diversi dai cartelli e dagli altri mezzi pubblicitari. E collocabile, esclusivamente, negli spazi pubblici a ciò preordinati. 5. Si definisce striscione, locandina, stendardo l elemento bidimensionale, realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di una superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa, finalizzata alla promozione pubblicitaria di manifestazioni o spettacoli. Può essere luminoso solo per luce indiretta. L esposizione di tali mezzi pubblicitari è ammessa, esclusivamente, in occasione della manifestazione o spettacolo cui si riferisce, oltreché durante la settimana precedente e alle 24 ore successive allo stesso. 6. Si definisce segno orizzontale reclamistico la riproduzione sulla superficie stradale, con pellicole adesive, di scritte con caratteri alfanumerici, di simboli e marchi, finalizzati alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. L esposizione di tali mezzi pubblicitari è ammessa, esclusivamente, in occasione della manifestazione o spettacolo cui si riferisce, oltreché durante la settimana precedente e alle 24 ore successive allo stesso. 7. Si definisce impianto pubblicitario di servizio qualunque manufatto avente quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (fermate autobus, pensiline, cestini, panchine), recante uno spazio pubblicitario, che può anche essere luminoso sia per luce diretta che per luce indiretta. Pagina 3 di 17

4 8. Si definisce impianto di pubblicità e propaganda qualunque altro manufatto, finalizzato alla pubblicità o propaganda, diverso da quelli individuati nei precedenti commi. Rientra nella presente categoria il manufatto tridimensionale autoportante (totem), con una o più facce, finalizzato alla diffusione dei messaggi sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi, quali manifesti, adesivi, locandine, ecc. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. 9. Si definiscono mezzi pubblicitari cumulativi quelli utili a segnalare un area omogenea, progettati in modo unitario nel quadro di un piano di sviluppo commerciale o di qualsivoglia iniziativa di valorizzazione ambientale. 10. Si definisce tabellone rotativo a messaggio variabile l elemento mono o bifacciale assimilabile ad un cartello per caratteristiche strutturali o formali idoneo all esposizione di messaggi pubblicitari variabili, eventualmente luminoso o illuminato. Articolo 3 Limitazioni generali e deroghe 1. Il posizionamento dei mezzi pubblicitari deve avvenire, dentro e fuori dei centri abitati, nel rispetto delle prescrizioni previste dall articolo 23 del D.Lgs. 30 aprile 1992 n e dell articolo 51 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n Sono fatte salve le particolari prescrizioni e disposizioni previste dal presente Regolamento. 1 Il testo vigente dell articolo 23 del D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285 Nuovo codice della strada è il seguente. Pubblicità sulle strade e sui veicoli. 1. Lungo le strade o in vista di esse è vietato collocare insegne, cartelli, manifesti, impianti di pubblicità o propaganda, segni orizzontali reclamistici, sorgenti luminose, visibili dai veicoli transitanti sulle strade, che per dimensioni, forma, colori, disegno e ubicazione possono ingenerare confusione con la segnaletica stradale, ovvero possono renderne difficile la comprensione o ridurne la visibilità o l efficacia, ovvero arrecare disturbo visivo agli utenti della strada o distrarne l attenzione con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione; in ogni caso, detti impianti non devono costituire ostacolo o, comunque, impedimento alla circolazione delle persone invalide. Sono, altresì, vietati i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari rifrangenti, nonché le sorgenti e le pubblicità luminose che possono produrre abbagliamento. Sulle isole di traffico delle intersezioni canalizzate è vietata la posa di qualunque installazione diversa dalla prescritta segnaletica. 2. È vietata l apposizione di scritte o insegne pubblicitarie luminose sui veicoli. È consentita quella di scritte o insegne pubblicitarie rifrangenti nei limiti e alle condizioni stabiliti dal regolamento, purché sia escluso ogni rischio di abbagliamento o di distrazione dell attenzione nella guida per i conducenti degli altri veicoli. 3. (Comma abrogato dall art. 184 del D.Lgs 22 gennaio 2004 n. 42). 4. La collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse è soggetta in ogni caso ad autorizzazione da parte dell ente proprietario della strada nel rispetto delle presenti norme. Nell interno dei centri abitati la competenza è dei comuni, salvo il preventivo nulla osta tecnico dell ente proprietario se la strada è statale, regionale o provinciale. 5. Quando i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari collocati su una strada sono visibili da un altra strada appartenente ad ente diverso, l autorizzazione è subordinata al preventivo nulla osta di quest ultimo. I cartelli e gli altri mezzi pubblicitari posti lungo le sedi ferroviarie, quando siano visibili dalla strada, sono soggetti alle disposizioni del presente articolo e la loro collocazione viene autorizzata dalle Ferrovie dello Stato, previo nulla osta dell ente proprietario della strada. 6. Il regolamento stabilisce le norme per le dimensioni, le caratteristiche, l ubicazione dei mezzi pubblicitari lungo le strade, le fasce di pertinenza e nelle stazioni di servizio e di rifornimento di carburante. Nell interno dei centri abitati, limitatamente alle strade di tipo E) ed F), per ragioni di interesse generale o di ordine tecnico, i comuni hanno la facoltà di concedere deroghe alle norme relative alle distanze minime per il posizionamento dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari, nel rispetto delle esigenze di sicurezza della circolazione stradale. 7. È vietata qualsiasi forma di pubblicità lungo e in vista degli itinerari internazionali, delle autostrade e delle strade extraurbane principali e relativi accessi. Su dette strade è consentita la pubblicità nelle aree di servizio o di parcheggio solo se autorizzata dall ente proprietario e sempre che non sia visibile dalle stesse. Sono consentiti i cartelli indicanti servizi o indicazioni agli utenti purché autorizzati dall ente proprietario delle strade. Sono altresì consentite le insegne di esercizio, con esclusione dei cartelli e delle insegne pubblicitarie e altri mezzi pubblicitari, purché autorizzate dall ente proprietario della strada ed entro i limiti e alle condizioni stabilite con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. 8. È parimenti vietata la pubblicità, relativa ai veicoli sotto qualsiasi forma, che abbia un contenuto, significato o fine in contrasto con le norme di comportamento previste dal presente codice. La pubblicità fonica sulle strade è consentita agli utenti autorizzati e nelle forme stabilite dal regolamento. Nei centri abitati, per ragioni di pubblico interesse, i comuni possono limitarla a determinate ore od a particolari periodi dell anno. 9. Per l adattamento alle presenti norme delle forme di pubblicità attuate all atto dell entrata in vigore del presente codice, provvede il regolamento di esecuzione. 10. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti può impartire agli enti proprietari delle strade direttive per l applicazione delle disposizioni del presente articolo e di quelle attuative del regolamento, nonché disporre, a mezzo di propri organi, il controllo dell osservanza delle disposizioni stesse. 11. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo e quelle del regolamento è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 357 a euro Chiunque non osserva le prescrizioni indicate nelle autorizzazioni previste dal presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 143 a euro Gli enti proprietari, per le strade di rispettiva competenza, assicurano il rispetto delle disposizioni del presente articolo. Per il raggiungimento di tale fine l ufficio o comando da cui dipende l agente accertatore, che ha redatto il verbale di contestazione delle violazioni di cui ai commi 11 e 12, trasmette copia dello stesso al competente ente proprietario della strada. 13-bis. In caso di collocazione di cartelli, insegne di esercizio o altri mezzi pubblicitari privi di autorizzazione o comunque in contrasto con quanto disposto dal comma 1, l ente proprietario della strada diffida l autore della violazione e il proprietario o il possessore del suolo privato, nei modi di continua nota => Pagina 4 di 17

5 legge, a rimuovere il mezzo pubblicitario a loro spese entro e non oltre dieci giorni dalla data di comunicazione dell atto. Decorso il suddetto termine, l ente proprietario provvede ad effettuare la rimozione del mezzo pubblicitario e alla sua custodia ponendo i relativi oneri a carico dell autore della violazione e, in via tra loro solidale, del proprietario o possessore del suolo. Chiunque viola le prescrizioni indicate al presente comma e al comma 7 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro a euro ; nel caso in cui non sia possibile individuare l autore della violazione, alla stessa sanzione amministrativa è soggetto chi utilizza gli spazi pubblicitari privi di autorizzazione. 13-ter. In caso di inottemperanza al divieto, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari sono rimossi ai sensi del comma 13-bis. Le regioni possono individuare entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione le strade di interesse panoramico ed ambientale nelle quali i cartelli, le insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari provocano deturpamento del paesaggio. Entro sei mesi dal provvedimento di individuazione delle strade di interesse panoramico ed ambientale i comuni provvedono alle rimozioni ai sensi del comma 13-bis. 13-quater. Nel caso in cui l installazione dei cartelli, delle insegne di esercizio o di altri mezzi pubblicitari sia realizzata su suolo demaniale ovvero rientrante nel patrimonio degli enti proprietari delle strade, o nel caso in cui la loro ubicazione lungo le strade e le fasce di pertinenza costituisca pericolo per la circolazione, in quanto in contrasto con le disposizioni contenute nel regolamento, l ente proprietario esegue senza indugio la rimozione del mezzo pubblicitario. Successivamente alla stessa, l ente proprietario trasmette la nota delle spese sostenute al prefetto, che emette ordinanza - ingiunzione di pagamento. Tale ordinanza costituisce titolo esecutivo ai sensi di legge. 13-quinquies. Se il manifesto riguarda l attività di soggetti elencati nell articolo 20 del D. Lgs. 15 novembre 1993 n. 507 e successive modificazioni, il responsabile è esclusivamente colui che materialmente è colto in flagranza nell atto di affissione. Non sussiste responsabilità solidale. 2 Il testo vigente dell articolo 51 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada è il seguente. Ubicazione lungo le strade e le fasce di pertinenza. 1. Lungo o in prossimità delle strade, fuori e dentro i centri abitati, è consentita l affissione di manifesti esclusivamente sugli appositi supporti. 2. Il posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio e di altri mezzi pubblicitari fuori dai centri abitati e dai tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, salvo i casi specifici previsti ai successivi commi, lungo o in prossimità delle strade dove ne è consentita l installazione, è autorizzato ed effettuato nel rispetto delle seguenti distanze minime: a) 3 m dal limite della carreggiata; b) 100 m dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari; c) 250 m prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione; d) 150 m dopo i segnali stradali di pericolo e di prescrizione; e) 150 m prima dei segnali di indicazione; f) 100 m dopo i segnali di indicazione; g) 100 m dal punto di tangenza delle curve come definite all articolo 3, comma 1, punto 20), del codice; h) 250 m prima delle intersezioni; i) 100 m dopo le intersezioni; l) 200 m dagli imbocchi delle gallerie. Le distanze si applicano nel senso delle singole direttrici di marcia. Nel caso in cui, lateralmente alla sede stradale e in corrispondenza del luogo in cui viene chiesto il posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio o di altri mezzi pubblicitari, già esistano a distanza inferiore a 3 m dalla carreggiata, costruzioni fisse, muri, filari di alberi, di altezza non inferiore a 3 m, è ammesso il posizionamento stesso in allineamento con la costruzione fissa, con il muro e con i tronchi degli alberi. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari non devono, in ogni caso, ostacolare la visibilità dei segnali stradali entro lo spazio di avvistamento. 3. Il posizionamento dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari fuori dai centri abitati, lungo o in prossimità delle strade ove ne è consentita l installazione, è comunque vietato nei seguenti punti: a) sulle corsie esterne alle carreggiate, sulle cunette e sulle pertinenze di esercizio delle strade che risultano comprese tra carreggiate contigue; b) in corrispondenza delle intersezioni; c) lungo le curve come definite all articolo 3, comma 1, punto 20), del codice e su tutta l area compresa tra la curva stessa e la corda tracciata tra i due punti di tangenza; d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi verticali concavi e convessi segnalati; f) sui ponti e sottoponti non ferroviari; g) sui cavalcavia stradali e loro rampe; h) sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalamento. 4. Il posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio e di altri mezzi pubblicitari entro i centri abitati, ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, salvo i casi specifici previsti ai successivi commi, è vietato in tutti i punti indicati al comma 3, e, ove consentito dai regolamenti comunali, esso è autorizzato ed effettuato, di norma, nel rispetto delle seguenti distanze minime, fatta salva la possibilità di deroga prevista dall articolo 23, comma 6, del codice: a) 50 m, lungo le strade urbane di scorrimento e le strade urbane di quartiere, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione, degli impianti semaforici e delle intersezioni; b) 30 m, lungo le strade locali, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione, degli impianti semaforici e delle intersezioni; c) 25 m dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari, dai segnali di indicazione e dopo i segnali stradali di pericolo e di prescrizione, gli impianti semaforici e le intersezioni; d) 100 m dagli imbocchi delle gallerie. I comuni hanno la facoltà di derogare, all interno dei centri abitati, all applicazione del divieto di cui al comma 3, lettera a), limitatamente alle pertinenze di esercizio che risultano comprese tra carreggiate contigue e che hanno una larghezza superiore a 4 m. Per le distanze dal limite della carreggiata si applicano le norme del regolamento comunale. Le distanze si applicano nel senso delle singole direttrici di marcia. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari non devono in ogni caso ostacolare la visibilità dei segnali stradali entro lo spazio di avvistamento. 5. Le norme di cui ai commi 2 e 4, e quella di cui al comma 3, lettera c), non si applicano per le insegne di esercizio, a condizione che le stesse siano collocate parallelamente al senso di marcia dei veicoli in aderenza ai fabbricati esistenti o, fuori dai centri abitati, ad una distanza dal limite della carreggiata, non inferiore a 3 m, ed entro i centri abitati alla distanza fissata dal regolamento comunale, sempreché siano rispettate le disposizioni dell articolo 23, comma 1, del codice. 6. Le distanze indicate ai commi 2 e 4, ad eccezione di quelle relative alle intersezioni, non sono rispettate per i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari collocati in posizione parallela al senso di marcia dei veicoli e posti in aderenza, per tutta la loro superficie, a fabbricati o comunque, fuori dai centri abitati, ad una distanza non inferiore a 3 m dal limite della carreggiata, ed entro i centri abitati, alla distanza stabilita dal regolamento comunale. Entro i centri abitati, il regolamento comunale fissa i criteri di individuazione degli spazi ove è consentita la collocazione di tali cartelli e degli altri mezzi pubblicitari e le percentuali massime delle superfici utilizzabili per gli stessi rispetto alle superfici dei prospetti dei fabbricati o al fronte stradale. Pagina 5 di 17 continua nota =>

6 2. Nei centri abitati, come individuati e perimetrati nella Tavola 1 allegata al presente regolamento, le distanze previste dall articolo 51 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 (vedi nota 2), sono ridotte sulle strade di tipo E) e F) di cui all articolo 2 del D.Lgs. 30 aprile 1992 n , nei termini di seguito indicati: 7. Fuori dai centri abitati può essere autorizzata la collocazione, per ogni senso di marcia, di una sola insegna di esercizio per ogni stazione di rifornimento di carburante e stazione di servizio, della superficie massima di 4 m², ferme restando tutte le altre disposizioni del presente articolo. Le insegne di esercizio di cui sopra sono collocate nel rispetto delle distanze e delle norme di cui ai commi 2, 3 e 4, ad eccezione della distanza dal limite della carreggiata. 8. Per gli impianti pubblicitari di servizio costituiti da paline e pensiline di fermata autobus, e da transenne parapedonali recanti uno spazio pubblicitario con superficie inferiore a 3 m², non si applicano, fuori dai centri abitati, le distanze previste al comma 2, ed entro i centri abitati si applicano le distanze fissate dai regolamenti comunali, sempreché siano rispettate le disposizioni dell articolo 23, comma 1, del codice. Nei centri abitati, la diffusione di messaggi pubblicitari utilizzando transenne parapedonali è disciplinata dai regolamenti comunali, che determinano le dimensioni, le tipologie ed i colori, sia delle transenne che degli spazi pubblicitari nelle stesse inseriti, tenuto conto del circostante contesto storicoarchitettonico, sempreché siano rispettate le disposizioni dell articolo 23, comma 1, del codice. 9. I segni orizzontali reclamistici sono ammessi unicamente: a) all interno di aree ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali o commerciali; b) lungo il percorso di manifestazioni sportive o su aree delimitate, destinate allo svolgimento di manifestazioni di vario genere, limitatamente al periodo di svolgimento delle stesse ed alle ventiquattro ore precedenti e successive. Per essi non si applica il comma 3 e le distanze di cui ai commi 2 e 4 si applicano unicamente rispetto ai segnali stradali orizzontali. 10. L esposizione di striscioni è ammessa unicamente per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli. L esposizione di locandine e stendardi è ammessa per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli, oltre che per il lancio di iniziative commerciali. L esposizione di striscioni, locandine e stendardi è limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, dello spettacolo o della iniziativa cui si riferisce, oltre che alla settimana precedente ed alle ventiquattro ore successive allo stesso. Per gli striscioni, le locandine e gli stendardi, le distanze dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari previste dai commi 2 e 4 si riducono rispettivamente a 50 m ed a 12,5 m. 11. Fuori dai centri abitati è vietata la collocazione di cartelli ed altri mezzi pubblicitari a messaggio variabile, aventi un periodo di variabilità inferiore a cinque minuti, in posizione trasversale al senso di marcia dei veicoli. Entro i centri abitati il periodo di variabilità ammesso è fissato dai regolamenti comunali. 12. È vietata l apposizione di messaggi pubblicitari sui bordi dei marciapiedi e dei cigli stradali. 13. Fuori dai centri abitati, ad una distanza, prima delle intersezioni, non superiore a 500 m, è ammesso il posizionamento di preinsegne in deroga alle distanze minime stabilite dal comma 2, lettere b), c), d), e), f) ed h). In tal caso, le preinsegne possono essere posizionate ad una distanza minima prima dei segnali stradali pari allo spazio di avvistamento previsto per essi e, dopo i segnali stradali, pari al 50% dello stesso spazio. Rispetto agli altri cartelli o mezzi pubblicitari è rispettata una distanza minima di 100 m. 14. Per l attuazione del comma 4, in attesa della classificazione delle strade, si applicano le disposizioni dell articolo 2, comma La collocazione di insegne di esercizio nell ambito e in prossimità dei luoghi di cui all articolo 23, comma 3, del codice, è subordinata, oltre che all autorizzazione di cui all articolo 23, comma 4, del codice, al nulla osta rilasciato dal competente organo di tutela. 3 Il testo vigente dell articolo 2 del D.Lgs. 30 aprile 1992 n.285 nuovo codice della strada è il seguente. Definizione e classificazione delle strade. 1. Ai fini dell applicazione delle norme del presente codice si definisce «strada» l area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali. 2. Le strade sono classificate, riguardo alle loro caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali, nei seguenti tipi: A - Autostrade; B - Strade extraurbane principali; C - Strade extraurbane secondarie; D - Strade urbane di scorrimento; E - Strade urbane di quartiere; F - Strade locali; F-bis. Itinerari ciclopedonali. 3. Le strade di cui al comma 2 devono avere le seguenti caratteristiche minime: A - Autostrada: strada extraurbana o urbana a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico invalicabile, ciascuna con almeno due corsie di marcia, eventuale banchina pavimentata a sinistra e corsia di emergenza o banchina pavimentata a destra, priva di intersezioni a raso e di accessi privati, dotata di recinzione e di sistemi di assistenza all utente lungo l intero tracciato, riservata alla circolazione di talune categorie di veicoli a motore e contraddistinta da appositi segnali di inizio e fine. Deve essere attrezzata con apposite aree di servizio ed aree di parcheggio, entrambe con accessi dotati di corsie di decelerazione e di accelerazione. B - Strada extraurbana principale: strada a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico invalicabile, ciascuna con almeno due corsie di marcia e banchina pavimentata a destra, priva di intersezioni a raso, con accessi alle proprietà laterali coordinati, contraddistinta dagli appositi segnali di inizio e fine, riservata alla circolazione di talune categorie di veicoli a motore; per eventuali altre categorie di utenti devono essere previsti opportuni spazi. Deve essere attrezzata con apposite aree di servizio, che comprendano spazi per la sosta, con accessi dotati di corsie di decelerazione e di accelerazione. C - Strada extraurbana secondaria: strada ad unica carreggiata con almeno una corsia per senso di marcia e banchine. D - Strada urbana di scorrimento: strada a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, ed una eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici, banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate; per la sosta sono previste apposite aree o fasce laterali esterne alla carreggiata, entrambe con immissioni ed uscite concentrate. E - Strada urbana di quartiere: strada ad unica carreggiata con almeno due corsie, banchine pavimentate e marciapiedi; per la sosta sono previste aree attrezzate con apposita corsia di manovra, esterna alla carreggiata. F - Strada locale: strada urbana od extraurbana opportunamente sistemata ai fini di cui al comma 1 non facente parte degli altri tipi di strade. F-bis. Itinerario ciclopedonale: strada locale, urbana, extraurbana o vicinale, destinata prevalentemente alla percorrenza pedonale e ciclabile e caratterizzata da una sicurezza intrinseca a tutela dell utenza debole della strada. 4. È denominata «strada di servizio» la strada affiancata ad una strada principale (autostrada, strada extraurbana principale, strada urbana di scorrimento) avente la funzione di consentire la sosta ed il raggruppamento degli accessi dalle proprietà laterali alla strada principale e viceversa, nonché il movimento e le manovre dei veicoli non ammessi sulla strada principale stessa. 5. Per le esigenze di carattere amministrativo e con riferimento all uso e alle tipologie dei collegamenti svolti, le strade, come classificate ai sensi del comma 2, si distinguono in strade «statali», «regionali», «provinciali», «comunali», secondo le indicazioni che seguono. Enti proprietari delle dette continua nota => Pagina 6 di 17

7 mt. 20, lungo le strade di scorrimento e di quartiere, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione, degli impianti semaforici e delle intersezioni; mt. 10, lungo le strade locali, prima dei segnali stradali di pericolo e di prescrizione, degli impianti semaforici e delle intersezioni; mt. 10 dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari, dai segnali di indicazione e dopo i segnali stradali di pericolo e prescrizione, gli impianti semaforici e le intersezioni; mt. 30 dal punto di tangenza delle curve orizzontali e dagli imbocchi delle gallerie, ad eccezione degli impianti fissi per le pubbliche affissioni, per i quali tale distanza è ridotta a mt. 20; mt. 30 dal vertice dei raccordi verticali concavi o convessi; gli impianti fissi per le pubbliche affissioni, se in posizione parallela al senso di marcia dei veicoli, possono essere collocati anche a distanza inferiore a mt. 10 dagli altri cartelli e/o mezzi pubblicitari e dai segnali stradali in relazione allo schema di posa in opera dell insieme pubblicitario che si andrà a costruire, il quale non dovrà ostacolare la lettura della segnaletica esistente e non dovrà costituire intralcio o pericolo per l incolumità pubblica e la sicurezza della circolazione. 3. Nei centri abitati gli impianti pubblicitari dovranno essere collocati ad una distanza di almeno mt. 2 dalla carreggiata stradale, fatte salve le distanze inferiori stabilite da particolari disposizioni del presente regolamento. 4. Nei centri abitati e nei tratti di strade extraurbane per i quali è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, gli impianti di servizio e gli impianti affissivi posti parallelamente al senso di marcia dei veicoli o aderenti ad un fabbricato possono essere collocati ad una distanza non inferiore a cm. 50 dal ciglio del marciapiede o dal bordo esterno della banchina; in ogni caso dovrà essere osservato il rispetto delle norme che regolano eventuali pertinenze stradali quali i marciapiedi, le piste ciclabili, le aree di servizio e di sosta. 5. Per le preinsegne è ammessa l installazione, nell ambito di un sistema unitario di pubblicizzazione, ad una distanza non inferiore a mt. 1 dall intersezione stradale; la collocazione delle preinsegne non dovrà comunque strade sono rispettivamente lo Stato, la regione, la provincia, il comune. Per le strade destinate esclusivamente al traffico militare e denominate «strade militari», ente proprietario è considerato il comando della regione militare territoriale. 6. Le strade extraurbane di cui al comma 2, lettere B, C ed F si distinguono in: A - Statali, quando: a) costituiscono le grandi direttrici del traffico nazionale; b) congiungono la rete viabile principale dello Stato con quelle degli Stati limitrofi; c) congiungono tra loro i capoluoghi di regione ovvero i capoluoghi di provincia situati in regioni diverse, ovvero costituiscono diretti ed importanti collegamenti tra strade statali; d) allacciano alla rete delle strade statali i porti marittimi, gli aeroporti, i centri di particolare importanza industriale, turistica e climatica; e) servono traffici interregionali o presentano particolare interesse per l economia di vaste zone del territorio nazionale. B - Regionali, quando allacciano i capoluoghi di provincia della stessa regione tra loro o con il capoluogo di regione ovvero allacciano i capoluoghi di provincia o i comuni con la rete statale se ciò sia particolarmente rilevante per ragioni di carattere industriale, commerciale, agricolo, turistico e climatico. C - Provinciali, quando allacciano al capoluogo di provincia capoluoghi dei singoli comuni della rispettiva provincia o più capoluoghi di comuni tra loro ovvero quando allacciano alla rete statale o regionale i capoluoghi di comune, se ciò sia particolarmente rilevante per ragioni di carattere industriale, commerciale, agricolo, turistico e climatico. D - Comunali, quando congiungono il capoluogo del comune con le sue frazioni o le frazioni fra loro, ovvero congiungono il capoluogo con la stazione ferroviaria, tranviaria o automobilistica, con un aeroporto o porto marittimo, lacuale o fluviale, con interporti o nodi di scambio intermodale o con le località che sono sede di essenziali servizi interessanti la collettività comunale. Ai fini del presente codice, le strade «vicinali» sono assimilate alle strade comunali. 7. Le strade urbane di cui al comma 2, lettere D, E e F, sono sempre comunali quando siano situate nell interno dei centri abitati, eccettuati i tratti interni di strade statali, regionali o provinciali che attraversano centri abitati con popolazione non superiore a diecimila abitanti. 8. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, nel termine indicato dall art. 13, comma 5, procede alla classificazione delle strade statali ai sensi del comma 5, seguendo i criteri di cui ai commi 5, 6 e 7, sentiti il Consiglio superiore delle infrastrutture e dei trasporti, il consiglio di amministrazione dell Azienda nazionale autonoma per le strade statali, le regioni interessate, nei casi e con le modalità indicate dal regolamento. Le regioni, nel termine e con gli stessi criteri indicati, procedono, sentiti gli enti locali, alle classificazioni delle rimanenti strade ai sensi del comma 5. Le strade così classificate sono iscritte nell archivio nazionale delle strade previsto dall art Quando le strade non corrispondono più all uso e alle tipologie di collegamento previste sono declassificate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e dalle regioni, secondo le rispettive competenze, acquisiti i pareri indicati nel comma 8. I casi e la procedura per tale declassificazione sono indicati dal regolamento. 10. Le disposizioni di cui alla presente disciplina non modificano gli effetti del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988 n. 377, emanato in attuazione della legge 8 luglio 1986 n. 349, in ordine all individuazione delle opere sottoposte alla procedura di valutazione d impatto ambientale. Pagina 7 di 17

8 ostacolare la lettura della segnaletica esistente e non dovrà costituire intralcio o pericolo per l incolumità pubblica e la sicurezza della circolazione. Articolo 4 Dimensioni dei mezzi pubblicitari 1. Fuori dei centri abitati, come individuati e perimetrati nella Tavola 1 allegata al presente regolamento, i mezzi pubblicitari non devono superare la superficie di mq. 9, ad eccezione delle insegne poste parallelamente al senso di marcia dei veicoli che possono raggiungere la superficie di mq Nei centri abitati, come individuati e perimetrati nella Tavola 1 allegata al presente regolamento, i limiti di superficie sono quelli indicati al comma 1 del presente articolo, fatto salvo quanto previsto dai successivi commi. 3. Le insegne di esercizio, all interno dei centri abitati, sono soggette ai seguenti limiti dimensionali: insegna a bandiera orizzontale: mq. 4, se collocate parallelamente alla carreggiata; insegna a bandiera verticale: mq. 4, se collocate parallelamente alla carreggiata; insegna frontale: mq. 4, se collocate parallelamente alla carreggiata; insegna su palina: mq. 4, se collocate parallelamente alla carreggiata. Laddove collocate non parallelamente alla carreggiata la dimensione è ridotta, in tutti i casi, a mq. 2. Per le insegne a tetto, su pensilina o sulle facciate di edifici destinati ad attività industriali, commerciali o a funzioni direzionali, il limite è individuato in mq Per gli impianti fissi delle pubbliche affissioni, il limite è determinato in cm. 70 x 100 nonché, in relazione alle tipologie sottoelencate, nelle seguenti misure: tipo poster, costituito da impianto a muro o collocato a terra con supporti propri mono o bifacciali: cm. 140 x 200; tipo stendardo, costituito da impianto mono o bifacciale, collocato a terra su supporto proprio montato orizzontalmente: cm. 140 x 100, ovvero cm. 200 x 140; tipo stendardo, montato verticalmente: cm. 100 x 140, ovvero cm. 140 x 200; tipo tabella, costituito da cornice o quadro monofacciale in lamiera, fissato al muro: cm.70 x 100, cm.140 x 200, cm. 140 x 100, cm. 100 x 140, cm. 200 x 140; tipo totem, costituito da impianto trifacciale, collocato a terra su supporto proprio: cm. 70 x 200, per ogni faccia. 5. I tabelloni pubblicitari a messaggio variabile, all interno dei centri abitati, sono soggetti ai seguenti limiti dimensionali: altezza minima = 20 cm; larghezza minima = 1 m; altezza massima = 2 m; larghezza massima = 3 m. 6. Per interventi di particolare importanza e dimensioni, i cartelli ed i mezzi pubblicitari posti nei centri abitati, a tetto, su pensilina o sulle facciate di edifici destinati ad attività industriali, commerciali, a funzione direzionale o relative ad impianti sportivi, possono essere autorizzati limiti di superficie superiori, previa acquisizione del parere della Commissione Edilizia Integrata Comunale, anche in relazione al rapporto tra la dimensione della facciata del fabbricato e quella del mezzo pubblicitario. Pagina 8 di 17

9 7. I limiti di superficie indicati nei commi precedenti non si applicano ai cartelli e mezzi pubblicitari, realizzati nei centri abitati, in attuazione di piani e/o progetti dell Amministrazione Comunale, che possono raggiungere la dimensione massima indicata dai singoli progetti. Articolo 5 Mezzi pubblicitari installati con carattere di provvisorietà 1. In occasione di manifestazioni culturali, politiche, sportive, congressuali, espositive, convegnistiche, spettacolari e simili, all interno del centro abitato, può essere autorizzata l installazione di mezzi pubblicitari con caratteristiche di provvisorietà, con le prescrizioni e limitazioni di seguito indicate: i cartelli non dovranno avere dimensione superiore a mq. 1,50. E ammessa, in conseguenza della temporaneità, la deroga alle distanze minime previste dal presente Regolamento, purché l installazione non comporti pericolo o intralcio per la circolazione; sia i cartelli che eventuali striscioni, locandine, stendardi, bandiere, segni orizzontali reclamistici, tabelloni rotativi a messaggio variabile, potranno essere esposti limitatamente al periodo di svolgimento della manifestazione, nonché alla settimana precedente ed alle 24 ore successive; gli striscioni, locandine e stendardi potranno essere installati alla distanza minima di mt. 12,5 dagli altri mezzi pubblicitari; gli striscioni potranno essere installati in occasione di manifestazioni svolte dal Comune ovvero dallo stesso patrocinate; la collocazione di bandiere potrà avvenire, esclusivamente, su suolo privato, nel rispetto delle distanze previste dal precedente art In occasione di spettacoli viaggianti (luna-park, circhi equestri e similari), potranno essere collocati cartelli con le prescrizioni e limitazioni di seguito indicate: l esposizione dei cartelli è limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, oltreché alla settimana precedente ed alle 24 ore successive; il numero massimo dei cartelli installabili nel territorio comunale è pari a 100 per ogni iniziativa; è vietata l installazione di tale cartellonistica nel centro storico. CAPO II Caratteristiche particolari dei mezzi pubblicitari Articolo 6 Cartelli e mezzi pubblicitari luminosi 1. I mezzi pubblicitari luminosi, per luce propria o per luce indiretta, posti all interno dei centri abitati, non possono avere né luce intermittente, né di intensità luminosa superiore a 150 candele per metro quadrato, o che comunque provochi abbagliamento, né fonte luminosa dannosa per la salute. 2. La croce rossa luminosa è consentita, esclusivamente, per indicare ambulatori e posti di pronto soccorso. 3. La croce verde luminosa è consentita, esclusivamente, per indicare le farmacie. 4. Al fine di evitare confusione con la segnaletica stradale, è vietato l uso dei colori rosso e verde nei mezzi pubblicitari luminosi posti a meno di mt. 15 dal bordo della carreggiata, laddove distanti meno di mt. 100 da intersezioni semaforiche. Pagina 9 di 17

10 Articolo 7 Insegne d esercizio 1. Fermo restando quanto previsto in materia di limiti dimensionali, le insegne d esercizio devono corrispondere alle seguenti caratteristiche: le insegne frontali dovranno essere contenute nel vano compreso tra gli stipiti e l architrave, od immediatamente sopra lo stesso, ed avere una sporgenza massima, rispetto al filo esterno del muro, di cm. 30. Nel caso in cui tale collocazione non sia possibile per documentate ragioni, l insegna, posta a parete di fianco all esercizio, dovrà comunque rispettare le partizioni architettoniche dell edificio; le insegne a bandiera, sia orizzontali che verticali, aggettanti sui marciapiedi, dovranno avere un altezza minima di mt. 3 misurata dal piano del marciapiede al bordo inferiore del elemento pubblicitario. Nel caso in cui l insegna risulti aggettante su strada aperta al traffico veicolare, l altezza minima dovrà essere di mt. 4,50, sempre misurata dal piano del marciapiede al bordo inferiore del elemento pubblicitario. La distanza dal bordo verticale esterno rispetto al filo del muro dell edificio non può superare, se presente, i due terzi dell ampiezza del marciapiede ed, in ogni caso, il valore assoluto di mt.1,20; al di sopra dei tetti degli edifici, siano essi piani o spioventi, sono ammesse solo insegne d esercizio non alteranti la sagoma complessiva degli edifici; non sono ammesse le insegne su pali collocati sul suolo pubblico o aperto al pubblico. Sono altresì vietate le insegne su pali collocati su suolo privato, laddove l aggetto dell insegna abbia proiezione al di fuori dei confini di proprietà. 2. Nei centri abitati, laddove le insegne d esercizio siano collocate parallelamente al senso di marcia dei veicoli in aderenza ai fabbricati, oppure ad una distanza non inferiore a mt. 2 dal limite di carreggiata, le distanze minime di cui all articolo 3, commi 2 e 3, del presente Regolamento, non si applicano. Articolo 8 Cartelli pubblicitari 1. La collocazione dei cartelli deve rispettare i criteri di un corretto ed equilibrato inserimento sia ambientale che architettonico. Nei centri abitati è vietata l installazione di qualsiasi cartello mobile posato sul suolo pubblico, con l unica esclusione delle cosiddette locandine delle edicole. 2. Nei centri abitati, sulle strade di tipo E) e F), laddove i cartelli siano collocati parallelamente al senso di marcia dei veicoli in aderenza, per tutta la loro superficie, ai fabbricati e, comunque, ad una distanza non inferiore ai mt. 3 dalla carreggiata, le distanze minime di cui all articolo 3, comma 2, del presente Regolamento, non si applicano, ad eccezione di quelle relative alle intersezioni. 3. I cartelli devono avere sagoma regolare che, in ogni caso, non può essere quella di disco o di triangolo. L uso del colore rosso deve essere limitato alla riproduzione dei marchi depositati e non può comunque superare un quinto dell intera superficie del cartello. 4. E consentita l installazione di cartelli e altri mezzi pubblicitari del tipo a messaggio variabile nelle aree pedonali e nelle aree adibite a parcheggio o in aree diverse dalla sede stradale; in ogni caso gli impianti a messaggio variabile non devono essere visibili dalla sede stradale adibita a traffico veicolare, ad esclusione delle strade del centro urbano come perimetrato nella Tavola 1 allegata al presente regolamento. E altresì vietata l installazione su suolo pubblico ad eccezione dei casi conseguenti a progetti di cui al successivo art Nelle aree di cantiere, temporaneamente e per un periodo massimo equivalente alla durata del cantiere, a condizione che siano adottate soluzioni idonee per l integrale schermatura visiva dei ponteggi, è possibile collocare cartelli pubblicitari, anche in deroga al limite dimensionale di cui all articolo 4, alle seguenti condizioni: Pagina 10 di 17

11 l impianto deve contenere un unico messaggio pubblicitario; la richiesta di autorizzazione potrà essere avanzata e valutata solo successivamente alla presentazione della pratica edilizia relativa al fabbricato; è vietata l installazione di cartelli luminosi a luce propria ; è vietata l installazione di cartelli a messaggio variabile. Articolo 9 Preinsegne 1. Le preinsegne, di dimensioni contenute entro i limiti di cm. 100 x 20, sono abbinabili sulla stessa struttura di sostegno fino ad una dimensione massima pubblicitaria di mq. 2,40. Ogni struttura di sostegno, così come sopraidentificata, costituisce oggetto di autorizzazione. Articolo 10 Segni orizzontali reclamistici 1. I segni orizzontali reclamistici sono ammessi esclusivamente nei casi contemplati dall articolo 51, comma 9, lettere a) e b), del D.P.R. 16 dicembre 1992 n Articolo 11 Impianti pubblicitari di servizio 1. L installazione sul suolo pubblico, ovvero su suolo aperto al pubblico, di impianti pubblicitari di servizio (mezzi pubblicitari abbinati ad orologi, panchine, pensiline, indicazioni toponomastiche ed altre) è ammessa solo a seguito di specifica convenzione approvata con deliberazione di Giunta Comunale, ovvero, nel caso di singoli impianti non comportanti sostanziali modifiche della morfologia dei luoghi, previa autorizzazione. Articolo 12 Stazioni di servizio ed aree di parcheggio 1. Nelle stazioni di servizio ed aree di parcheggio ubicate nei centri abitati, la superficie complessiva dei cartelli e mezzi pubblicitari non deve superare la seguente percentuale delle aree occupate dalle stazioni ed aree medesime: stazioni e parcheggi ubicati lungo le strade di tipo A e B: 3%; stazioni e parcheggi ubicati lungo le strade di tipo C e F : 8%; stazioni e parcheggi ubicati lungo le strade di tipo D e E: 10%. 2. Nelle aree di parcheggio è ammessa, inoltre, in eccedenza alle superfici pubblicitarie di cui sopra, la collocazione di altri mezzi pubblicitari abbinati alla prestazione di servizi per l utenza della strada entro il limite di mq. 2 per ogni servizio prestato. 3. Fuori dai centri abitati restano fermi i limiti previsti dall articolo 52 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n , nonché la possibilità di autorizzare la collocazione, per ogni senso di marcia, di una sola insegna d esercizio per ogni 4 Il testo vigente del comma 9 dell articolo 51 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada è il seguente. 9. I segni orizzontali reclamistici sono ammessi unicamente: a) all interno di aree ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali o commerciali; b) lungo il percorso di manifestazioni sportive o su aree delimitate, destinate allo svolgimento di manifestazioni di vario genere, limitatamente al periodo di svolgimento delle stesse ed alle ventiquattro ore precedenti e successive. per essi non si applica il comma 3 e le distanze di cui ai commi 2 e 4 si applicano unicamente rispetto ai segnali stradali orizzontali. Pagina 11 di 17

12 stazione di rifornimento di carburante e stazione di servizio della misura massima di mq. 4, nel rispetto della distanza minima di ml. 200 da tutti gli altri cartelli. Analogamente è previsto per i centri abitati, dove la dimensione massima del cartello è determinata in mq. 3 e la distanza minima in ml. 20. Articolo 13 Zone di interesse storico, artistico, culturale ed ambientale 1. All interno delle zone di interesse storico, artistico, culturale ed ambientale e del Centro Antico, come individuato e perimetrato nella Tavola 1 allegata al presente regolamento, è vietata l installazione di qualsivoglia mezzo pubblicitario, con la sola esclusione dei seguenti: insegne d esercizio; impianti della pubblica affissione; impianti pubblicitari temporanei di cui all articolo 8, comma quinto, del presente Regolamento; stendardi e striscioni; impianti pubblicitari di servizio, ma solo a seguito di specifici progetti di arredo urbano, approvati dal Comune; targhe professionali. 2. Le insegne d esercizio del tipo a bandiera sono ammesse solo per gli esercizi di rivendita di tabacchi, posti telefonici pubblici e farmacie. L insegna, limitata al simbolo previsto di legge, è autorizzata in un solo esemplare. 3. Le insegne d esercizio del tipo frontale possono essere installate nel rispetto di quanto stabilito dal Regolamento per la riqualificazione del centro storico e degli edifici storici in agro approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 82 del 6 novembre Nelle aree di cantiere gli impianti pubblicitari di cui all articolo 8, comma quinto del presente regolamento, devono riprodurre il prospetto dell immobile soggetto a lavoro per almeno il 15% della superficie complessiva del ponteggio. 5. Le autorizzazioni di cui al presente articolo sono rilasciate nel rispetto del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio. 5 Il testo vigente dell articolo 52 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada è il seguente. Ubicazione dei mezzi pubblicitari nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio. 1. Nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio possono essere collocati cartelli, insegne di esercizio e altri e mezzi pubblicitari la cui superficie complessiva non supera l 8% delle aree occupate dalle stazioni di servizio e dalle aree di parcheggio, se trattasi di strade di tipo C e F, e il 3% delle stesse aree se trattasi di strade di tipo A e B, sempreché gli stessi non siano collocati lungo il fronte stradale, lungo le corsie di accelerazione e decelerazione e in corrispondenza degli accessi. In attesa della classificazione delle strade si applicano le disposizioni dell articolo 2, comma 8. Dal computo della superficie dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari sono esclusi quelli attinenti ai servizi prestati presso la stazione o l area di parcheggio. 2. Nelle stazioni di servizio e nelle aree di parcheggio, entro i centri abitati, si applicano le disposizioni dei regolamenti comunali. 3. Nelle aree di parcheggio è ammessa, in eccedenza alle superfici pubblicitarie computate in misura percentuale, la collocazione di altri mezzi pubblicitari abbinati alla prestazione di servizi per l utenza della strada entro il limite di 2 m² per ogni servizio prestato. 4. In ognuno dei casi suddetti si applicano tutte le altre disposizioni del codice e del presente regolamento. Pagina 12 di 17

13 CAPO III Procedure per il rilascio dell autorizzazione, sanzioni e norme transitorie Articolo 14 Autorizzazioni e competenza amministrativa 1. L autorizzazione al posizionamento, ovvero alla modifica di cartelli, insegne d esercizio ed altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse, richiesta sia fuori che all interno dei centri abitati, è rilasciata con le modalità indicate dall articolo 53 del D.P.R. 495/1992 6, previo pagamento di un corrispettivo definito annualmente dalla Giunta Comunale ai sensi del comma 7 del suddetto articolo. La suddetta autorizzazione ha validità triennale ed è rinnovabile. 2. La domanda di autorizzazione deve essere presentata al Settore Tributi del Comune di Eboli e deve contenere: le generalità complete del richiedente, della sua residenza, del codice fiscale se persona fisica; del legale rappresentante, della ragione sociale, della sede legale, del codice fiscale della ditta o persona giuridica, dell indirizzo del legale rappresentante; la durata della pubblicità, le dimensioni, l esatta ubicazione degli impianti pubblicitari ed i mezzi pubblicitari che si intendono installare; la sottoscrizione del richiedente o del suo legale rappresentante. 3. L originale della domanda deve essere redatta in conformità alla legge sul bollo e deve essere corredata di due copie in carta semplice, da utilizzare per i pareri dell Ufficio Tecnico Comunale e del Comando della Polizia Municipale. 6 Il testo vigente dell articolo 53 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada è il seguente. Autorizzazioni. 1. L autorizzazione al posizionamento di cartelli, di insegne di esercizio e di altri mezzi pubblicitari fuori dai centri abitati, lungo le strade o in vista di essa, richiesta dall articolo 23, comma 4, del codice, è rilasciata: a) per le strade e le autostrade statali dalla direzione compartimentale dell A.N.A.S. competente per territorio o dagli uffici speciali per le autostrade; b) per le autostrade in concessione dalla società concessionaria; c) per le strade regionali, provinciali, comunali e di proprietà di altri enti, dalle rispettive amministrazioni; d) per le strade militari dal comando territoriale competente. 2. Tutte le procedure per il rilascio delle autorizzazioni devono essere improntate ai princìpi della massima semplificazione e della determinazione dei tempi di rilascio. 3. Il soggetto interessato al rilascio di una autorizzazione per l installazione di cartelli, di insegne di esercizio o di altri mezzi pubblicitari deve presentare la relativa domanda presso il competente ufficio dell ente indicato al comma 1, allegando, oltre alla documentazione amministrativa richiesta dall ente competente, un autodichiarazione, redatta ai sensi della legge 4 gennaio 1968 n. 15, con la quale si attesti che il manufatto che si intende collocare è stato calcolato e realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantirne la stabilità. Per le successive domande di rilascio di autorizzazione è sufficiente il rinvio alla stessa autodichiarazione. Alla domanda deve essere allegato un bozzetto del messaggio da esporre ed il verbale di constatazione redatto da parte del capocantoniere o del personale preposto, in duplice copia, ove è riportata la posizione nella quale si richiede l autorizzazione all installazione. In sostituzione del verbale di constatazione, su richiesta dell ente competente, può essere allegata una planimetria ove sono riportati gli elementi necessari per una prima valutazione della domanda. Possono essere allegati anche più bozzetti, precisando il tempo di esposizione previsto per ciascuno di essi e che, comunque, non può essere inferiore a tre mesi. Se la domanda è relativa a cartelli, insegne di esercizio o altri mezzi pubblicitari per l esposizione di messaggi variabili devono essere allegati i bozzetti di tutti i messaggi previsti. 4. L ufficio ricevente la domanda restituisce all interessato una delle due copie della planimetria riportando sulla stessa gli estremi di ricevimento. 5. L ufficio competente entro i sessanta giorni successivi, concede o nega l autorizzazione. In caso di diniego, questo deve essere motivato. 6. L autorizzazione all installazione di cartelli, di insegne di esercizio o di mezzi pubblicitari ha validità per un periodo di tre anni ed è rinnovabile; essa deve essere intestata al soggetto richiedente di cui al comma Il corrispettivo che il soggetto richiedente deve versare per il rilascio dell autorizzazione deve essere determinabile da parte dello stesso soggetto sulla base di un prezzario annuale, comprensivo di tutti gli oneri, esclusi solo quelli previsti dall articolo 405, che deve essere predisposto e reso pubblico da parte di ciascun ente competente entro il trentuno ottobre dell anno precedente a quello di applicazione del listino. 8. Fuori dai centri abitati, qualora il soggetto titolare dell autorizzazione, decorsi almeno tre mesi, fermo restando la durata della stessa, intenda variare il messaggio pubblicitario riportato su un cartello o su un altro mezzo pubblicitario, deve farne domanda, allegando il bozzetto del nuovo messaggio, all ente competente, il quale è tenuto a rilasciare l autorizzazione entro i successivi quindici giorni, decorsi i quali si intende rilasciata. 9. Gli enti proprietari delle strade indicati al comma 1 sono tenuti a mantenere un registro delle autorizzazioni rilasciate, che contenga in ordine di tempo l indicazione della domanda, del rilascio dell autorizzazione ed una sommaria descrizione del cartello, dell insegna di esercizio o mezzo pubblicitario autorizzato; le posizioni autorizzate dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari devono essere riportate nel catasto stradale. 10. Gli enti proprietari predispongono, ogni tre anni, a richiesta del Ministro dei lavori pubblici - Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale, specifico rapporto sulla densità pubblicitaria per aree territorialmente definite. I dati relativi alle indagini all uopo svolte sono destinati a popolare il sistema informativo dell archivio nazionale delle strade di cui agli articoli 225 e 226 del codice. Pagina 13 di 17

14 4. La domanda deve essere inoltrata anche se l installazione è esente dal pagamento del canone. 5. La domanda deve essere corredata di tutti gli elaborati tecnici indicati nell articolo 36 del regolamento edilizio vigente La domanda, inoltre, deve essere corredata del preventivo nulla osta tecnico rilasciato dalla competente autorità statale, regionale o provinciale, sia quando l installazione è fatta su strade statali, regionali o provinciali, che attraversano il territorio; sia quando l installazione è fatta su strade comunali, ma è visibile da strade appartenenti ad altri enti. 7. Alla domanda vanno altresì allegati gli elaborati tecnici e i disegni illustrativi indicanti: il tipo di mezzo di effettuazione della pubblicità; i materiali da adoperare nella loro fabbricazione e nell eventuale struttura di sostegno; le eventuali norme legislative e regolamentari che disciplinano la realizzazione dei manufatti, ai sensi dell articolo 49, comma 3, del Regolamento di esecuzione del Nuovo codice della strada approvato con D.P.R. 16 dicembre 1992 n Le autorizzazioni possono essere rilasciate solo se il Comando della Polizia municipale ed il Dirigente dell Ufficio Tecnico comunale hanno espresso parere favorevole. 9. Nel caso in cui sia autorizzata l installazione dei mezzi pubblicitari su spazi ed aree pubbliche, il rilascio dell autorizzazione vale anche come concessione. 10. L autorizzazione sarà concessa o negata entro 30 giorni, prolungati a 45 in caso necessitino unicamente pareri della Commissione Edilizia Integrata Comunale o di altri uffici comunali, dall arrivo delle domande all ufficio competente, che ha il compito di esaminarle secondo uno stretto ordine cronologico di protocollazione. I termini perentori di cui sopra sono sospesi sino allo scadere del periodo assegnato per la presentazione della diversa soluzione o della documentazione integrativa richiesta, nel caso in cui il competente ufficio comunale, entro il termine di cui al comma precedente, inviti i richiedenti a proporre soluzioni diverse ovvero a produrre documentazione ulteriore o integrativa. I termini sono altresì sospesi qualora si renda necessario acquisire il parere di uffici esterni all Amministrazione Comunale; in tal caso l autorizzazione dovrà essere rilasciata entro 15 giorni dal ricevimento di detti pareri. 11. Le domande presentate che non siano state completate dei documenti richiesti saranno archiviate. 12. Per motivate sopravvenute ragioni di pubblico interesse, fra le quali è annoverato in particolare l adeguamento della segnaletica stradale, le autorizzazioni possono essere revocate in qualsiasi momento o non rinnovate, con conseguente obbligo di ripristino della situazione antecedente. 7 Il testo dell articolo 30 del Regolamento Edilizio vigente è il seguente. Progetti riguardanti elementi di arredo 1. Gli elaborati che è prescritto compongano i progetti riguardanti elementi di arredo quali decorazioni, stemmi, lapidi, insegne commerciali, targhe professionali, cartelli o materiali pubblicitari, vetrinette, distributori automatici, tende esterne, e simili, sono i seguenti: A) elaborati relativi allo stato di fatto: a1. i rilievi quotati, in scala non inferiore a 1:100, dei prospetti interessati dalle trasformazioni, comprensivi, ove si tratti di fronti esterni, di parte dei prospetti degli edifici adiacenti, tracciati a semplice contorno; B) elaborati di progetto: b1. relazione illustrativa, contenente l'indicazione dettagliata delle trasformazioni fisiche che si propone di eseguire, con specificazione delle tecnologie e delle modalità operative; b2. documentazione catastale contenente gli elementi necessari e sufficienti a identificare tutte le particelle interessate dalle trasformazioni di cui alla precedente lettera, e le relative superfici e proprietà; b3. prospetti, in scala non inferiore a 1:100, indicanti le trasformazioni che si propone di eseguire; b4. particolari esecutivi, in scala adeguata all'oggetto e comunque non inferiore a 1:20, delle parti direttamente interessate dalle opere proposte, recanti ogni specificazione circa i dati metrici, i materiali, i colori; b5. rappresentazioni grafiche (prospettive o fotomontaggi) idonee a valutare l'inserimento delle trasformazioni fisiche che si propone di eseguire nel contesto architettonico e paesaggistico. Pagina 14 di 17

15 Articolo 15 Uso dell autorizzazione 1. Salvo i casi di cui è diversamente stabilito da leggi dello Stato o della Regione, l autorizzazione è personale e non può essere trasferita a terzi. 2. L autorizzazione è valida solo per la località, la durata, la superficie e le installazioni autorizzate. 3. Allo scadere dell autorizzazione, o in caso di revoca anticipata, il proprietario dei mezzi pubblicitari deve rimuoverli a proprie spese e ripristinare lo stato dei luoghi. Articolo 16 Obblighi del titolare dell autorizzazione 1. Il titolare dell autorizzazione ha l obbligo di rispettare tutte le disposizioni contenute nel relativo provvedimento autorizzatorio concernenti le modalità di installazione e di utilizzo dei mezzi pubblicitari. 2. E fatto, altresì, obbligo al titolare dell autorizzazione di: applicare su ogni mezzo una targhetta recate l indicazione del titolare dell autorizzazione e gli estremi del provvedimento autorizzatorio; verificare periodicamente il buono stato di conservazione dei mezzi pubblicitari installati e delle relative strutture di sostegno, in modo da evitare qualsiasi forma di decadimento dell aspetto estetico che possa influire negativamente sull arredo urbano; approntare gli interventi che si rendano necessari per assicurare la sicurezza del mezzo; ripristinare l assetto dell area a proprie spese nel caso in cui dall installazione siano derivati danni al suolo o a strutture preesistenti sull area, o anche nel caso in cui siano venute meno le condizioni previste nel provvedimento autorizzatorio; provvedere alla rimozione del mezzo al momento della scadenza dell autorizzazione, nonché in caso di revoca della stessa, fermo restando l obbligo del pagamento del canone e delle imposte dovute. 3. Il titolare dell autorizzazione è tenuto a custodire gli atti e i documenti comprovanti la legittimità dell installazione e ad esibirli a richiesta del personale incaricato dal comune. In caso di smarrimento, distruzione o sottrazione dei predetti atti e documenti, l interessato deve darne immediata comunicazione all amministrazione che provvederà, dietro corresponsione delle spese necessarie, a rilasciare un duplicato. Articolo 17 Rinnovo dell autorizzazione 1. Almeno 30 giorni prima della scadenza dell autorizzazione, l interessato può richiedere il rinnovo osservando, in quanto applicabili, le norme stabilite dal presente regolamento per il rilascio. Articolo 18 Revoca dell autorizzazione 1. L autorizzazione può essere revocata per motivi di pubblico interesse. 2. L autorizzazione deve essere revocata quando l interessato ha violato norme stabilite dal presente regolamento o le prescrizioni contenute nell atto autorizzativo oppure, essendo in ritardo con il pagamento del canone, non ha adempiuto al pagamento delle rate scadute entro 30 giorni dal ricevimento della lettera raccomandata di messa in stato di mora. 3. La revoca dell autorizzazione per motivi d interesse pubblico dà diritto alla restituzione del canone pagato in anticipo. Pagina 15 di 17

16 4. La revoca dell autorizzazione per colpa del concessionario fa sorgere il diritto del Comune a trattenere il canone pagato in via anticipata, a titolo di penale. Articolo 19 Norme di rinvio 1. Per quanto non esplicitamente indicato nel presente Regolamento Comunale, valgono le norme previste dal D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285 Nuovo codice della strada e dal D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. 2. In particolare, con riferimento agli obblighi del titolare dell autorizzazione, si rimanda a quanto già disposto in materia dagli articoli 54 e 55 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n e, con riferimento alle procedure di rimozione degli impianti pubblicitari abusivi, a quanto disposto dall articolo 23 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (vedi nota 1). 3. Il rinnovo delle autorizzazioni, laddove non risultino modifiche dell impianto pubblicitario, è soggetto a comunicazione contenente l autocertificazione circa l assenza di modifiche. Articolo 20 Sanzioni amministrative 1. La violazione delle norme del presente regolamento, laddove non riguardante fattispecie di illecito per il quale la relativa sanzione amministrativa pecuniaria risulta già disposta dall articolo 23 vigente Codice della Strada (vedi nota 1), è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma, così come determinata dall articolo 24, comma 2, del D. Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 e successive modifiche Quando più persone concorrono in una delle violazioni previste dal presente regolamento, laddove sanzionata ai sensi del vigente Codice della Strada, trova applicazione il principio di solidarietà di cui all art. 196 dello stesso Codice Il testo vigente degli articoli 54 e 55 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada è il seguente. Art 54. Obblighi del titolare dell'autorizzazione. 1. È fatto obbligo al titolare dell'autorizzazione di: a) verificare il buono stato di conservazione dei cartelli, delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari e delle loro strutture di sostegno; b) effettuare tutti gli interventi necessari al loro buon mantenimento; c) adempiere nei tempi richiesti a tutte le prescrizioni impartite dall'ente competente ai sensi dell'articolo 405, comma 1, al momento del rilascio dell'autorizzazione od anche successivamente per intervenute e motivate esigenze; d) procedere alla rimozione nel caso di decadenza o revoca dell'autorizzazione o di insussistenza delle condizioni di sicurezza previste all'atto dell'installazione o di motivata richiesta da parte dell'ente competente al rilascio. 2. È fatto obbligo al titolare dell'autorizzazione, rilasciata per la posa di segni orizzontali reclamistici, nonché di striscioni, locandine e stendardi, nei casi previsti dall'articolo 51, comma 9, di provvedere alla rimozione degli stessi entro le ventiquattro ore successive alla conclusione della manifestazione o dello spettacolo per il cui svolgimento sono stati autorizzati, ripristinando il preesistente stato dei luoghi ed il preesistente grado di aderenza delle superfici stradali. Art. 55. Targhette di identificazione. 1. Su ogni cartello o mezzo pubblicitario autorizzato dovrà essere saldamente fissata, a cura e a spese del titolare dell'autorizzazione, una targhetta metallica, posta in posizione facilmente accessibile, sulla quale sono riportati, con caratteri incisi, i seguenti dati: a) amministrazione rilasciante; b) soggetto titolare; c) numero dell'autorizzazione; d) progressiva chilometrica del punto di installazione; e) data di scadenza. Per i mezzi pubblicitari per i quali risulti difficoltosa l'applicazione di targhette, è ammesso che i suddetti dati siano riportati con scritte a carattere indelebile. 2. La targhetta o la scritta di cui al comma 1 devono essere sostituite ad ogni rinnovo dell'autorizzazione ed ogniqualvolta intervenga una variazione di uno dei dati su di esse riportati. 9 L articolo 24, comma 2, del D.Lgs. 507/1993, come modificato dall art. 145, comma 57, della Legge 388/2000, prevede la sanzione da lire (euro 206,58) a lire (euro 1549,37). 10 Il testo vigente dell articolo 196 del D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285 Nuovo codice della strada è il seguente. continua nota => Pagina 16 di 17

17 3. Sarà altresì sanzionabile, con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 50, applicata con la procedura di cui alla Legge 24 novembre 1981, n. 689, la collocazione o l esposizione di insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari autorizzati, la cui autorizzazione non sia stata ancora ritirata presso l Ufficio che l ha emessa; sarà sanzionabile nella stessa misura la mancata esibizione dell autorizzazione, da conservarsi in originale o in copia presso l esercizio in modo che essa sia immediatamente presentabile agli agenti accertatori al momento del loro sopralluogo. 4. La determinazione dell entità delle sanzioni applicabili alle diverse fattispecie di violazioni ha luogo mediante apposito atto amministrativo. Articolo 21 Norme transitorie 1. I mezzi pubblicitari, diversi da quelli di cui al comma secondo, già collocati prima dell entrata in vigore del presente Regolamento, devono essere adeguati alla norme dallo stesso previste entro il termine del 31 dicembre 2006 o, in alternativa, rimossi. Entro il medesimo termine devono essere rimossi tutti i mezzi pubblicitari in contrasto con le presenti norme per i quali non sia possibile il loro adeguamento. 2. Gli impianti fissi per le pubbliche affissioni, collocati prima dell entrata in vigore del presente Regolamento, possono essere mantenuti anche in deroga. L obbligo di adeguamento sorge, per il singolo impianto, in occasione della sostituzione. Principio di solidarietà. 1. Per le violazioni punibili con la sanzione amministrativa pecuniaria il proprietario del veicolo, o, in sua vece, l'usufruttuario, l'acquirente con patto di riservato dominio o l'utilizzatore a titolo di locazione finanziaria, è obbligato in solido con l'autore della violazione al pagamento della somma da questi dovuta, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. Nelle ipotesi di cui all'art. 84 risponde solidalmente il locatario e, per i ciclomotori, l'intestatario del contrassegno di identificazione. 2. Se la violazione è commessa da persona capace di intendere e di volere, ma soggetta all'altrui autorità, direzione o vigilanza, la persona rivestita dell'autorità o incaricata della direzione o della vigilanza è obbligata, in solido con l'autore della violazione, al pagamento della somma da questi dovuta, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto. 3. Se la violazione è commessa dal rappresentante o dal dipendente di una persona giuridica o di un ente o associazione privi di personalità giuridica o comunque da un imprenditore, nell'esercizio delle proprie funzioni o incombenze, la persona giuridica o l'ente o associazione o l'imprenditore è obbligato, in solido con l'autore della violazione, al pagamento della somma da questi dovuta. 4. Nei casi di cui ai commi 1, 2 e 3, chi ha versato la somma stabilita per la violazione ha diritto di regresso per l'intero nei confronti dell'autore della violazione stessa. Pagina 17 di 17

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 Nuovo codice della strada. Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 maggio 1992, n. 114, S.O. 23. Pubblicità sulle strade e sui veicoli. D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 (giurisprudenza di legittimità) 1. Lungo le strade

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA Marca da Bollo Al Sindaco di Povegliano Comando Polizia Locale Povegliano RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PUBBLICITA PROVVISORIA da presentarsi almeno 10 giorni prima del periodo di esposizione (barrare la voce

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI Pagina 1 di 16 Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati REGOLAMENTO PUBBLICITA STRADALE 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e campo di applicazione. pag.

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO PER L INSTALLAZIONE Approvato

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi

d) sulle scarpate stradali sovrastanti la carreggiata in terreni di qualsiasi natura e pendenza superiore a 45 ; e) in corrispondenza dei raccordi D.P.R. n. 495/92 Pubblicità sulle strade e sui veicoli 48. (Art. 23 Cod. Str.) Dimensioni. 1. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari previsti dall'articolo 23 del codice e definiti

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI TORRE D ISOLA PROVINCIA DI PAVIA NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Allegato 3 Regolamento insegne e cartelli indicatori Versione C.C. 16/06/06 ALLEGATO 3 INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità. Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Approvato con Delibera C.C. n.64830 del 3/12/2007 1 INDICE Numero Descrizione

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati l installazione della pubblicità stradale (Delibera di C.C. n. 21/64830/07 del 03/12/2007 modificata con Delibera di C.C. n. 23/25406/08 del 12/05/2008 Delibera di C.C. n. 19/97413/2010 del 13/12/2010

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 3 Insegne e cartelli

ALLEGATO 3 Insegne e cartelli Comune di Trivolzio REGOLAMENTO EDILIZIO Allegato 3: Insegne e cartelli ALLEGATO 3 Insegne e cartelli INDICE Art.1 Premessa pag. 2 Art.2 Pubblicità sulle strade pag. 2 Art.3 Cartelli: indicazioni dimensionali

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione Comune di Montecatini Terme Provincia di Pistoia Piano Generale degli Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attuazione Approvate dal C.C. con Deliberazione n. 48 del 13/06/2002, coordinate: - con le

Dettagli

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S.

AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE TITOLO II - COSTRUZIONE E TUTELA DELLE STRADE. Capo I 3. PUBBLICITA' SULLE STRADE E SUI VEICOLI (ART. 23 C.S. AUTOVEICOLI E CIRCOLAZIONE STRADALE Art. 47. - Definizione dei mezzi pubblicitari (art. 23 C.s.). 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da

Dettagli

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari)

Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) Art. 47 (Art. 23 Cod. str.) (Definizione dei mezzi pubblicitari) 1. Si definisce "insegna di esercizio" la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati

Regolamento comunale per l installazione della pubblicità stradale. nei centri abitati l installazione della pubblicità stradale ((Delliibera dii C..C.. n.. 21//64830//07 dell 03//12//2007 modiiffiiccatta ccon Deelliibeerra dii C..C.. n.. 23//25406//08 deell 12//05//2008 ee Deelliibeerra

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CARINI Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento Art. 2

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio 08020 Piazza Giubileo Tel. 0784-844007 Fax. 0784-844420 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MOZZO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MOZZO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA E LE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MOZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA, DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ED EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO CAPO V NUOVE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA

AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Gestione e Sicurezza del Territorio e della Mobilità Servizio Viabilità AREA GESTIONE E SICUREZZA DEL TERRITORIO E DELLA MOBILITA SERVIZIO VIABILITA Area Mobilità e Protezione Civile Servizio Viabilità

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE AI SENSI DELL ART. 23 DEL CODICE DELLA STRADA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 9 del 13/02/2003

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA STRADALE, NEI CENTRI ABITATI. Approvato con delibera di consiglio del commissario straordinario n. 40 del 07.06.2004 1 TITOLO

Dettagli

Comune di Montepulciano Provincia di Siena

Comune di Montepulciano Provincia di Siena Comune di Montepulciano Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI FOLLINA Via Martiri della Libertà n. 5 C.A.P. 31051 PROVINCIA DI TREVISO C.F. 84000810261 - P.IVA 00538080268 Tel. 0438 9733 Fax 0438 970008 mail : segreteria@comune.follina.tv.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO I N D I C

Dettagli

ART.3. MEZZI PUBBLICITARI DESTINATI ALLA PUBBLICITA ESTERNA (Art. 47 REGOLAMEMTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA)

ART.3. MEZZI PUBBLICITARI DESTINATI ALLA PUBBLICITA ESTERNA (Art. 47 REGOLAMEMTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Approvato con delibera di G.M. n. 708 del 28.11.2000 Successivamente modificato con delibere di G.M. n. 17 del 16.01.2007 e n.127

Dettagli

Comune di Sondrio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE E SULLE ALTRE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO

Comune di Sondrio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE E SULLE ALTRE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Comune di Sondrio Comune di Sondrio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE E SULLE ALTRE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione C.C. n 27 del 28/03/2014 ed entrato

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

COMUNE DI SAN PROSPERO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI SAN PROSPERO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SAN PROSPERO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 29/03/2007 Modificato con delibera di Consiglio

Dettagli

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI...

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI... INDICE 1.0 CLASSIFICA FUNZIONALE DELLE STRADE E REGOLAMENTO VIARIO... 2 1.1 PRINCIPALI DEFINIZIONI RELATIVE ALLA VIABILITÀ... 2 1.2 DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE... 4 1.3 DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari.

Regolamento per. l installazione di cartelli, mezzi pubblicitari. P R O V I N C I A d i B A R I SERVIZIO TRIBUTI E IMPIANTI TERMICI Regolamento per l installazione di cartelli, insegne di esercizio e altri mezzi pubblicitari. Approvato con Deliberazione Consiliare n.11

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE Comune di Trieste Area Pianificazione Territoriale REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE INDICE TITOLO I AMBITO APPLICATIVO, DEFINIZIONI

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Art. 1 Ambito di applicazione e definizione dei mezzi pubblicitari 1. Il presente regolamento si applica a tutto il territorio Comunale posto

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI AGGIORNATO ANNO 2013

COMUNE DI MIRANDOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI AGGIORNATO ANNO 2013 COMUNE DI MIRANDOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI AGGIORNATO ANNO 2013 Approvato con delibera di C.C. n.34 del 26.03.2007 Modificato con delibera di C.C.

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO «A» REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE Aggiornate a seguito delle modifiche disposte con:

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO

REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO Regola dell arte e norme tecniche In base alla legge 186/1968, art. 1 tutti gli impianti elettrici devono

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Indice:

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Indice: PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Indice: Articolo 1 - Campo d applicazione, finalità e ambito di applicazione Articolo 2 - Definizione delle zone del territorio comunale Articolo 3 - Definizioni

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI. Approvato con delibera di C.C.

COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI. Approvato con delibera di C.C. COMUNE DI CAVEZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con delibera di C.C. SOMMARIO TITOLO I PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI...4 CAPO I -

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CAPRIOLO PROVINCIA DI BRESCIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 01.06.2012 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI TITOLO

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INSEGNE E DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INSEGNE E DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INSEGNE E DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con delibera di Consiglio Comunale N 78 del 29.9.2008 1 SOMMARIO TITOLO I

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO SETTORE DEMANIO, CONCESSIONI, PATRIMONIO IMMOBILIARE ED ESPROPRI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ SULLE STRADE DELLA PROVINCIA DI TARANTO (approvato con Deliberazione

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E DELL APPLICAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL RILASCIO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. Approvato con atto C.C. n. 11

Dettagli