REGIONE LOMBARDIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO SERVIZIO GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LOMBARDIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO SERVIZIO GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI"

Transcript

1 REGIONE LOMBARDIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO SERVIZIO GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI GARA IN UNIONE TRA LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DELLE PROVINCE DI VARESE, COMO, LECCO, BERGAMO, MONZA BRIANZA, SONDRIO, MILANO, MILANO 1, MILANO 2. CAPOFILA: ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE FORNITURA DI AUSILI PER DISABILI CAPITOLATO SPECIALE 1

2 INDICE PREMESSA CAP.1 OGGETTO DELL APPALTO CAP.2 REQUISITI ESSENZIALI DELLA FORNITURA CAP.3 MODALITA DI EFFETTUAZIONE DELLA FORNITURA CAP.4 CONTROLLO, ESECUZIONE DELLE FORNITURE E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI CAP.5 RESPONSABILITÀ DERIVANTI DALL ESECUZIONE DELLA FORNITURA CAP.6 STIPULA DEL CONTRATTO CAP.7 PENALITA CAP.8 GARANZIA FIDEIUSSORIA CAP.9 CONDIZIONI ECONOMICHE, FATTURAZIONE, PAGAMENTI, REVISIONE PREZZI, CESSIONE DEI CREDITI CAP.10 TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI CAP.11 SUBAPPALTO, CESSIONE DEL CONTRATTO CAP.12 DURATA DEL CONTRATTO CAP.13 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO CAP.14 RECESSO CAP.15 PRIVACY E TRATTAMENTO DATI CAP.16 CONTROVERSIE CAP.17 DISPOSIZIONI FINALI E DI RINVIO Allegati: Allegato 1 - Quantitativi e importi presunti Allegato 2 - Schede Requisiti Ausilio 2

3 PREMESSA La D.G.R. n. IX/2633 del 06/12/2011, avente ad oggetto Determinazioni in ordine alla gestione del servizio Socio-Sanitario regionale per l esercizio 2012, all Allegato 3, nel disciplinare il sistema degli acquisti delle Aziende Sanitarie conferma l obbligo già previsto per le Aziende di adesione ai contratti/convenzioni attivati a livello regionale dalla Centrale Acquisti Regionale, nonché l attivazione di procedure di gara in forma aggregata tra Enti del Sistema Sanitario Regionale. In ottemperanza a quanto stabilito dalla sopracitata D.G.R., l ASL di Varese con proprio provvedimento n. 24 del 18/01/2012 ha approvato l accordo interaziendale tra le Aziende Sanitarie Locali delle Province di Bergamo, Como, Lecco, Monza e Brianza, Sondrio e Varese per le procedure di gara in forma aggregata riguardanti la fornitura di beni e l appalto di servizi. Nell ambito della programmazione degli acquisti per il biennio 2012/2013 tra le suddette Aziende Sanitarie Locali è prevista l effettuazione della procedura per l affidamento di ausili per disabili compresi nell Elenco 2 e 3 del Nomenclatore Tariffario delle Protesi (D.M. 332/99). A tale procedura hanno richiesto di partecipare anche le aziende sanitarie facenti parte del consorzio delle ASL di Milano e cioè Milano, Milano 1 e Milano 2. La ASL di Varese pertanto, individuata come ASL capofila della gara in oggetto, procede, su mandato di ciascuna delle ASL sopra citate, all espletamento della procedura di gara per l aggiudicazione della fornitura di ausili per disabili compresi nell Elenco 2 e 3 del Nomenclatore Tariffario delle Protesi (D.M. 332/99). Successivamente ciascuna Azienda Sanitaria stipulerà con gli aggiudicatari i contratti di fornitura per la parte di competenza. CAP. 1: OGGETTO DELL'APPALTO Il presente capitolato speciale disciplina la fornitura di ausili tecnici per disabili compresi negli Elenchi 2 e 3 (limitatamente ai montascale) del Nomenclatore Tariffario delle Protesi approvato con D.M. n. 332 del occorrenti, per il periodo di quattro anni, agli assistiti delle Aziende Sanitarie Locali delle Province di Varese, Como, Lecco, Bergamo, Monza Brianza, Sondrio, Milano, Milano 1 e Milano 2 (di seguito denominate ASL). La fornitura è suddivisa in 28 lotti indivisibili come di seguito indicati: LOTTO Cuscini antidecubito cuscino in fibra cava siliconata cuscino in gel fluido cuscino in materiale viscoelastico compatto LOTTO Cuscini antidecubito Cuscino composito con base anatomica preformata o base con formazione personalizzata integrata con fluidi automodellanti Cuscino a bolle d aria a microinterscambio Cuscino a bolle d aria a microinterscambio a celle automodellanti e a settori differenziati LOTTO Cuscini antidecubito Cuscino a bolle d aria a microinterscambio a celle automodellanti e a settori differenziati LOTTO Materassi antidecubito Materasso ventilato in espanso Materasso ventilato in espanso composito realizzato con materiali di diversa densità per garantire lo scarico differenziato delle pressioni a livello delle specifiche zone corporee 3

4 LOTTO Materassi antidecubito Materasso in fibra cava siliconata Materasso in fibra cava siliconata ad inserti asportabili con o senza base LOTTO Materassi antidecubito Materasso ad aria con camera a gonfiaggio alternato con compressore Materasso ad elementi interscambiabili con compressore LOTTO Materassi antidecubito Materasso ad elementi interscambiabili con compressore (lesioni fino al II stadio scala NPUAP) LOTTO Materassi antidecubito Materasso ad elementi interscambiabili con compressore (lesioni fino al III stadio scala NPUAP) LOTTO Ausili per evacuazione Sedia per WC e doccia LOTTO Ausili per evacuazione Sedia per WC e doccia con sistema basculante LOTTO Ausili per evacuazione Rialzo stabilizzante per WC LOTTO Ausili per evacuazione /igiene per bambini Rialzo stabilizzante per WC per bambini Sedia per doccia/ vasca per bambini LOTTO Ausili per deambulazione utilizzati con due braccia Deambulatore rigido con appoggio al terreno Deambulatore articolato Deambulatore con due ruote e due puntali di appoggio al terreno Deambulatore scorrevole su quattro ruote con freno di stazionamento sulle ruote Deambulatore scorrevole su quattro ruote con freno azionabile a mano LOTTO Ausili per deambulazione utilizzati con due braccia (per persone obese) Deambulatore con due ruote e due puntali di appoggio al terreno Deambulatore a quattro ruote con freno azionabile a mano LOTTO Carrozzine Carrozzina a telaio rigido manovrabile dall accompagnatore LOTTO Carrozzine Carrozzina a telaio rigido reclinabile manovrata dall accompagnatore Carrozzina a telaio rigido ad autospinta con mani sulle ruote posteriori con WC estraibile Carrozzina a telaio rigido ad autospinta con mani sulle ruote posteriori senza WC estraibile LOTTO Carrozzine Carrozzina a telaio rigido manovrabile dall accompagnatore con regolazione 4

5 servoassistita LOTTO Carrozzine Carrozzina a telaio rigido manovrabile dall accompagnatore con regolazione servoassistita e con sistema basculante LOTTO Ausili per il sollevamento (sollevapersone) Sollevatore mobile oleodinamico o meccanico, Sollevatore mobile a bassa tensione con batteria LOTTO Ausili per il sollevamento (sollevapersone) Sollevatore mobile a bassa tensione con batteria (portata min. 170 kg) LOTTO Ausili per il sollevamento (sollevapersone) Sollevatore mobile a bassa tensione con batteria e con presa laterale LOTTO Ausili per il sollevamento (sollevapersone) Sollevatore mobile a bassa tensione con batteria con presa anteriore verticalizzante LOTTO Letti Letto a due manovelle regolabili manualmente Letto a due manovelle regolabili manualmente con base regolabile in altezza a mezzo pompa oleodinamica Letto articolato elettrico Supporto per alzarsi dal letto Sponde per letto Set di ruote per movimentazione letti LOTTO Sponde universali per letto Supporto per alzarsi dal letto con base LOTTO Letti sovradimensionati Letto articolato elettrico sovradimensionato Materasso ventilato in espanso composito sovradimensionato LOTTO Apparecchiature di sollevamento (montascale) Montascale mobile a cingoli Montascale mobile a cingoli con pedana Montascale mobile a cingoli con aggancio a ruote piccole Montascale a ruote LOTTO Apparecchiature di sollevamento (montascale) Montascale a ruote con aggancio carrozzina LOTTO Apparecchiature di sollevamento (montascale) Montascale a cingoli con portata massima maggiorata (kg 150). Nell Allegato 1 al presente capitolato sono indicati i prezzi base d asta non superabili per ciascuna tipologia di ausilio di ciascun lotto, i fabbisogni per ciascuna ASL e gli importi presunti annuali e complessivi per il quadriennio (IVA esclusa). I quantitativi fanno riferimento ai volumi storici degli acquisti effettuati dalle varie ASL. 5

6 Sia i quantitativi dei beni che il valore delle forniture sono puramente indicativi e potranno essere modificati, sia in aumento che in diminuzione, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. CAP. 2 : REQUISITI ESSENZIALI DELLA FORNITURA Gli ausili dovranno essere nuovi di fabbrica, essere iscritti nel Repertorio dei Dispositivi Medici come previsto dal D.M ed avere le caratteristiche tecniche indicate nel D.M. 332/99 e nelle schede Requisiti Ausilio allegate al presente capitolato (Allegato 2). Tali requisiti si intendono minimi ed obbligatori. Tutti gli elementi previsti come minimi ed obbligatori, nonché i requisiti funzionali ulteriori di prodotto offerti (a meno che non diversamente indicato nelle schede Requisiti Ausilio - Allegato 2) si intendono compresi nel prezzo offerto per l ausilio senza alcun onere aggiuntivo a carico dell ASL. Saranno oggetto di assegnazione di punteggio qualitativo gli elementi indicati, per ciascun lotto, nel disciplinare di gara. Tutti gli ausili dovranno essere conformi alle direttive europee e alle norme tecniche e di sicurezza vigenti, in particolare al D. Lgs. 46/97 con cui è stata recepita la Direttiva Europea 93/42 in materia di dispositivi medici. Tutti gli ausili offerti dovranno avere la garanzia di legge. A ciascun prodotto dovrà essere allegato il manuale d uso in lingua italiana. Gli ausili forniti dovranno essere confezionati in modo da garantire una permanenza anche prolungata a magazzino. Qualora nel periodo di vigenza del presente contratto l impresa aggiudicataria intenda fornire, alle medesime condizioni economiche, un ausilio diverso e tecnologicamente più avanzato rispetto a quello originariamente offerto in sede di gara, sarà facoltà di ciascuna ASL accettare la fornitura del nuovo prodotto a seguito di valutazione della rispondenza del bene a tutti i requisiti di legge e della adeguatezza e qualità tecnico-funzionale. CAP. 3 : MODALITA DI EFFETTUAZIONE DELLA FORNITURA L Impresa aggiudicataria, a seguito di ordinativo emesso da ciascuna ASL, dovrà consegnare gli ausili compresi nei lotti da 1 a 25 presso i magazzini indicati dalle ASL entro e non oltre 10 giorni effettivi dalla data di ricevimento dell ordine. In caso di particolare urgenza, segnalata dagli uffici competenti di ciascuna ASL, potranno essere concordati tempi di consegna abbreviati fino a 5 giorni effettivi. Per quanto riguarda i lotti n. 26, 27 e 28 (montascale), la fornitura degli ausili dovrà intendersi comprensiva del servizio di sopralluogo, consegna, installazione e collaudo presso il domicilio dell assistito. In particolare, l impresa aggiudicataria, su richiesta dell ASL, dovrà procedere, entro tre giorni dalla richiesta, a sopralluogo presso il domicilio dell utente al fine di verificare in via preliminare l idoneità dei locali per la collocazione dell ausilio assegnato. Eventuali problemi riscontrati a seguito di sopralluogo dovranno essere specificati su apposito verbale da trasmettere, entro il giorno successivo al sopralluogo, al competente ufficio della ASL. Nel caso l impresa dovesse accertare impedimenti strutturali che non consentano l utilizzo del dispositivo in sicurezza, nulla sarà dovuto dall ASL per il sopralluogo. A seguito di sopralluogo positivo, da comunicare mediante compilazione ed invio di apposito verbale entro il giorno successivo al sopralluogo al competente ufficio dell ASL e, previa emissione di ordinativo da parte dell ASL, l impresa dovrà provvedere, con propri mezzi e personale tecnico, a : consegnare e installare il presidio presso il domicilio dell assistito; istruire paziente e care givers all utilizzo del dispositivo effettuare collaudo della fornitura. Di tali operazioni (sopralluogo, consegna, istruzione, collaudo) dovrà essere redatto verbale da consegnare all ufficio competente di ciascuna ASL entro il giorno successivo dalle avvenute 6

7 operazioni. La consegna del montascale dovrà avvenire entro e non oltre 7 giorni effettivi dalla data di ricevimento dell ordinativo. All atto della consegna il fornitore, se necessario, dovrà adeguare l ausilio secondo le indicazioni dello specialista. I montascale saranno installati sotto la responsabilità e a cura dell impresa la quale dovrà adottare tutte le misure atte ad evitare qualsiasi danno a persone o cose durante le operazioni sopra indicate. Al riguardo le ASL sono esonerate da qualsiasi responsabilità per infortuni e danni a persone e cose che potrebbero verificarsi. Inoltre l impresa aggiudicataria dei lotti 26, 27, 28, dovrà effettuare, a sei mesi dalla consegna di ciascun prodotto, visita manutentiva di controllo senza oneri a carico dell ASL. Di tale visita dovrà essere redatto verbale da consegnare ai Servizi competenti per ciascuna ASL entro il giorno successivo alla visita. CAP. 4: CONTROLLO, ESECUZIONE DELLE FORNITURE E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI Sono riconosciute a ciascuna ASL ampie facoltà di controllo da attuarsi nelle forme ritenute più opportune nei confronti dell impresa aggiudicataria. I controlli verranno effettuati mediante personale delle ASL o altro personale a tal fine designato. Nel caso in cui l impresa aggiudicataria sospendesse o interrompesse per qualsiasi motivo la fornitura o non fosse in grado di eseguire le prestazioni richieste secondo le modalità indicate nel presente capitolato, ciascuna ASL avrà diritto di applicare una penale per ogni infrazione accertata secondo quanto previsto al capitolo 7 nonchè, previa contestazione delle infrazioni e diffida ad adempiere, di provvedere direttamente all esecuzione delle prestazioni non rese o rifiutate, nei modi giudicati più opportuni, anche rivolgendosi ad altre imprese di propria fiducia, a libero mercato, addebitando all appaltatore inadempiente le spese da ciò derivanti nonché l eventuale maggior costo rispetto a quello che avrebbe sostenuto se la fornitura fosse stata eseguita regolarmente. Quanto sopra fatta salva ogni altra azione che ciascuna Azienda Sanitaria riterrà opportuna in idonea sede intesa all accertamento ed al risarcimento di eventuali danni derivanti dai suddetti inadempimenti nonché quella di risolvere il contratto. CAP. 5: RESPONSABILITÀ DERIVANTI DALL ESECUZIONE DELLA FORNITURA L appaltatore si obbliga ad adottare durante l esecuzione della fornitura tutti i provvedimenti, le misure e le cautele necessarie per garantire la salute e l incolumità delle persone impiegate per il servizio, degli utenti nonché di terzi. L impresa aggiudicataria assume in proprio ogni responsabilità per infortunio, danni relativi a persone e beni, tanto della medesima impresa quanto delle ASL o di terzi, in dipendenza di omissioni, negligenze o altre inadempienze relative all esecuzione delle prestazioni contrattuali ad esso riferibili, anche se eseguite da terzi. A tal fine l impresa dovrà stipulare idonea polizza assicurativa, che deve avere un limite massimale di almeno Euro unico sia per danni a persone che a cose per sinistro, che tiene indenne ciascuna ASL e terzi per qualsiasi danno dovesse occorrere nell esecuzione di tutte le attività di cui al presente appalto. Una copia della polizza dovrà essere consegnata a ciascuna ASL prima dell inizio della fornitura. L aggiudicatario si obbliga ad ottemperare a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti derivanti dalle disposizioni vigenti in materia di lavoro, igiene, sicurezza, previdenza e disciplina infortunistica, assumendo a proprio carico i relativi oneri. L impresa si obbliga altresì ad applicare nei confronti dei propri dipendenti le condizioni normative e retributive previste dai contratti collettivi di lavoro applicabili alla data di stipula del contratto e loro successive modificazioni. A richiesta di ciascuna ASL l appaltatore dovrà fornire le prove di aver regolarmente soddisfatto gli obblighi relativi alle assicurazioni sociali ed infortunistiche obbligatorie nonchè agli obblighi contrattuali nei confronti del personale impiegato nell espletamento dell appalto. 7

8 CAP. 6: STIPULA DEL CONTRATTO I contratti saranno stipulati da ciascuna ASL in forma pubblica o pubblica amministrativa mediante Ufficiale Rogante se d importo superiore alla soglia comunitaria. Se di importo inferiore, mediante scrittura privata ovvero in altra forma idonea ai sensi della normativa vigente (combinato disposto art. 13 del D. Lgs. 163/2006 e art. 19 della L. R. 14/97). Tutte le spese e gli oneri (diritti di segreteria, bolli se ed in quanto dovuti, imposta di registro, ecc.) per la stipula del contratto sono a completo ed esclusivo carico dell impresa aggiudicataria nella misura fissata dalla normativa in vigore. Tutti gli oneri a carico dell aggiudicatario dovranno essere versati entro 20 giorni dalla comunicazione dell avvenuta aggiudicazione con le modalità indicate di seguito dalle ASL. L IVA resterà a carico delle ASL e l aggiudicatario dovrà addebitarla in fattura, ai sensi dell art. 18 della L. 633/1972 e disposizioni successive. CAP. 7: PENALITA In caso di inadempienze nell esecuzione della fornitura, ciascuna ASL, previa contestazione formale e acquisizione delle eventuali giustificazioni del fornitore, avrà facoltà di applicare le seguenti penali: In caso di ritardo nell esecuzione delle prestazioni rispetto ai termini stabiliti al capitolo 3, una penale di Euro 30,00= per ogni giorno di ritardo. in caso di violazione di quanto previsto ai capitoli 2 e 3 del presente capitolato, una penale da Euro 50,00 a Euro 500,00 a proprio insindacabile giudizio; in caso di esecuzione d ufficio della fornitura di cui al capitolo 4 del presente capitolato una penale di Euro 500,00, oltre all addebito all appaltatore dell eventuale maggiore prezzo rispetto a quello convenuto nonchè ogni costo aggiuntivo sostenuto. Le suddette penali verranno scontate mediante decurtazione dal corrispettivo convenuto in sede di pagamento dello stesso, senza obbligo di preventivo esperimento di azione giudiziaria. Nel caso in cui i corrispettivi liquidabili all appaltatore non fossero sufficienti a coprire l ammontare delle penali, ciascuna ASL si rivarrà sul deposito cauzionale definitivo che, in tal caso dovrà essere immediatamente reintegrato. CAP. 8: GARANZIA FIDEIUSSORIA Ai sensi dell art 113 del D. Lgs. 163/2006, l esecutore del contratto è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria del 10% dell importo contrattuale a favore di ciascuna ASL. In caso di aggiudicazione con ribasso d asta superiore al 10%, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%, l aumento è di 2 punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20% (da intendersi: es. sconto 25% garanzia pari al 30% dell importo contrattuale). La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art c. 2 del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta dell ASL. La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell affidamento e l acquisizione della cauzione provvisoria da parte dell ASL che aggiudica l appalto al concorrente che segue nella graduatoria. CAP. 9: CONDIZIONI ECONOMICHE, FATTURAZIONE, PAGAMENTI, REVISIONE PREZZI, CESSIONE DEI CREDITI I corrispettivi della fornitura sono quelli derivanti dallo sconto percentuale unico per ciascun lotto da applicare ai prezzi base d asta stabiliti per ciascun ausilio e aggiuntivi. I prezzi base d asta cui fare riferimento sono quelli indicati nel disciplinare di gara. Ai sensi del DPR n. 633/1972 Tabella A parte II la fornitura degli ausili è soggetta all IVA del 4%. 8

9 Le fatture dovranno essere emesse ed inviate a ciascuna ASL nelle forme e nei termini di legge e dovranno riportare gli estremi dei documenti di trasporto nonchè tutte le indicazioni di legge. Le fatture relative alla fornitura di montascale dovranno riportare anche il nome e indirizzo dell utente assegnatario della fornitura e recare, in allegato, copia dei verbali di sopralluogo, istruzione, consegna e collaudo. Eventuali modalità particolari di fatturazione e relativa reportistica saranno concordate con ciascuna ASL. Il pagamento dei corrispettivi verrà effettuato entro 30 giorni fine mese data ricevimento fattura, previa verifica di regolarità della fornitura da effettuarsi nel termine di 30 giorni da parte dei competenti uffici. L eventuale revisione dei prezzi sarà riconosciuta a decorrere dal 1 di gennaio del secondo anno di contratto in applicazione del combinato disposto di cui agli artt. 115 e 7 comma 4 lett. c) e comma 5 del D. Lgs. 163/2006 testo vigente. Nel caso in cui l Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture non provveda alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana dei dati relativi agli specifici aumenti ISTAT da applicare secondo quanto indicato nella citata normativa, l adeguamento del corrispettivo per la fornitura in oggetto avverrà sulla base delle tabelle ISTAT Indici nazionali dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI). La cessione dei crediti è ammessa con le modalità di cui all art. 117 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. CAP. 10: TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI Al fine di ottemperare alle disposizioni contenute nell art. 3 della L. 136/2010, si informa che, a pena di nullità del contratto, l impresa aggiudicataria si dovrà impegnare a sottoporsi agli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari relativi a lavori, servizi e forniture pubblici. Pertanto, tutte le transazioni dovranno avvenire tramite le banche o la Società Poste Italiane S.p.A., con bonifico bancario o postale, da gestire sui conti correnti dedicati anche non in via esclusiva; il mancato utilizzo del bonifico bancario o postale costituisce causa di risoluzione del contratto. In caso di subappalto, nel contratto tra i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese, deve essere inserita apposita clausola con cui ciascuna parte assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari previsti dalla citata L. 136/2010 e s. m. e i.. CAP. 11: SUBAPPALTO CESSIONE DEL CONTRATTO Al subappalto si applica quanto previsto dall art. 118 del D. Lgs. 163/2006. Il subappalto non comporta alcuna modifica agli obblighi e oneri dell aggiudicatario che rimane unico e solo responsabile nei confronti dell ASL per il servizio in oggetto. L affidamento in subappalto è sottoposto alle seguenti condizioni: il concorrente, all atto dell offerta, deve indicare le attività/servizi che intende subappaltare; l aggiudicatario deve depositare presso l ASL copia autentica del contratto di subappalto venti giorni prima dell inizio dell esecuzione delle prestazioni subappaltate; l aggiudicatario deve allegare alla copia del contratto di subappalto: o la dichiarazione resa dal subappaltatore, in forma di autocertificazione, sottoscritta ed autenticata nei modi stabiliti dalla vigente normativa, attestante il possesso dei requisiti generali di cui all art. 38 del D. Lgs. 163/2006; o la certificazione comprovante che l impresa subappaltatrice possiede i requisiti in materia di qualificazione delle imprese; o la certificazione comprovante il possesso da parte del subappaltatore dei requisiti stabiliti dal capitolato speciale di gara per lo svolgimento delle attività ad esso affidate; o la dichiarazione relativa alla sussistenza o meno di eventuali forme di controllo o collegamento ai sensi dell art del codice civile con l impresa subappaltatrice. 9

10 Inoltre l aggiudicatario deve praticare, per le prestazioni affidate in subappalto, gli stessi prezzi unitari risultanti dall aggiudicazione, con ribasso non superiore al 20%. L impresa aggiudicataria dovrà trasmettere all ASL, entro 20 giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei suoi confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da esso corrisposti al subappaltatore. Salvo quanto previsto dall art. 116 del D. Lgs. 163/2006, è vietata la cessione del contratto. CAP. 12: DURATA DEL CONTRATTO Il contratto decorrerà presumibilmente dal e avrà durata di quattro anni, ferma restando la facoltà di ciascuna Azienda Sanitaria di prorogare il termine di scadenza del contratto di 180 giorni alle stesse condizioni contrattuali, dandone preventivo avviso all appaltatore il quale sarà pertanto tenuto a continuare la fornitura per tutto il periodo di proroga senza interruzione di sorta. CAP. 13 : RISOLUZIONE DEL CONTRATTO In tema di risoluzione del contratto si intendono richiamati gli articoli 135 e successivi del D. Lgs. 163/2006 testo vigente e gli articoli 297 e successivi del D.P.R. 207/2010 testo vigente. Ciascuna ASL potrà procedere di diritto, ex art del codice civile, alla risoluzione del contratto nei seguenti casi: gravi violazioni delle clausole contrattuali e reiterate inadempienze nell esecuzione del contratto tali da compromettere la regolarità della fornitura quali a titolo esemplificativo: interruzione della fornitura senza giustificato motivo; fornitura di prodotti non conformi, inosservanza dei termini essenziali di consegna convenuti; reiterate e gravi inosservanze delle norme di legge e di regolamento applicabili all appalto in oggetto; grave negligenza o frode nell esecuzione degli obblighi contrattuali; mancato reintegro della cauzione in corso di contratto entro 15 giorni; violazione del codice etico di ciascuna ASL e del Codice Etico degli Appalti Regionali ; accertamento della non sussistenza o il venir meno di uno dei requisiti richiesti per la partecipazione alla gara; violazione delle norme in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro; violazione delle norme in materia retributiva e contributiva; almeno tre contestazioni nell anno formalizzate con applicazioni di penali; informazioni positive riguardanti l antimafia. Ove le inadempienze siano ritenute non gravi, cioè tali da non compromettere la regolarità della fornitura, le stesse saranno formalmente contestate dall ASL come previsto ai capitoli 4 e 7. Sarà altresì motivo di risoluzione contrattuale il mancato adempimento degli obblighi previsti dalla Legge 136/2010 testo vigente. CAP. 14: RECESSO Ciascuna ASL ha facoltà di recedere dal contratto stipulato in qualsiasi momento ai sensi della norma di cui all art del codice civile, con un preavviso di 30 giorni da comunicarsi alla impresa appaltatrice con lettera raccomandata A/R. Tale facoltà non è concessa all appaltatore. L ASL si avvarrà di tale facoltà nei seguenti casi: motivi di interesse pubblico; giusta causa; mutamenti di carattere organizzativo sia a livello nazionale che regionale in materia di competenza e modalità di erogazione della fornitura oggetto del presente capitolato; mutamenti nella normativa riguardante la fornitura oggetto del presente appalto; condizioni economiche contrattuali superiori ai limiti di cui al D.L. 95/2012 art. 15 comma 13 lett. c); attivazione a livello nazionale (Consip) o regionale (Centrale Acquisti Regione Lombardia) di convenzioni aventi il medesimo oggetto del presente appalto. 10

11 In caso di recesso dell ASL, l impresa aggiudicataria ha diritto al pagamento delle forniture effettuate, purché correttamente ed a regola d arte, secondo il corrispettivo e le condizioni contrattuali rinunciando espressamente, ora per allora, a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria, ed a ogni ulteriore compenso o indennizzo e/o rimborso delle spese, anche in deroga a quanto previsto dall art del codice civile. CAP. 15: PRIVACY E TRATTAMENTO DATI Ai sensi del D. Lgs. 196/2003, l impresa aggiudicataria ha l obbligo di: Mantenere riservati i dati e le informazioni di cui venga in possesso e a conoscenza; Non divulgare dati e informazioni in alcun modo e sotto qualsiasi forma e di non farne oggetto di utilizzo per scopi diversi da quelli strettamente necessari all espletamento dell appalto; Adottare idonee e preventive misure di sicurezza atte ad eliminare o comunque a ridurre al minimo qualsiasi rischio di distruzione o perdita dei dati personali trattati, di accesso autorizzato o non conforme, nel rispetto delle disposizioni contenute nell art. 31 del D. Lgs. sopra citato. L impresa aggiudicataria è responsabile per l esatta osservanza degli obblighi di segretezza anzidetti da parte dei propri dipendenti, consulenti e collaboratori. CAP. 16: CONTROVERSIE Le eventuali controversie aventi ad oggetto l interpretazione o l esecuzione dei contratti derivanti dal presente appalto, saranno devolute in via esclusiva al Foro territorialmente competente per ciascuna ASL. CAP. 17: DISPOSIZIONI FINALI E DI RINVIO L ASL capofila si riserva la facoltà di sospendere la gara e/o di non procedere ad aggiudicazione nel caso in cui venga meno l interesse pubblico, nel caso in cui nessuna delle offerte sia ritenuta idonea rispetto alle esigenze dell ASL o nel caso in cui i prezzi offerti non siano ritenuti congrui ai sensi della vigente normativa o comunque convenienti. A tutti gli effetti la fornitura disciplinata del presente capitolato viene considerato pubblica fornitura. Per quanto non espressamente previsto dal presente capitolato speciale si applicano le norme di cui al D. Lgs. 163/2006 testo vigente, al D.P.R. 207/2010 testo vigente, alla L. R. n. 14/1997 testo vigente, alla L. R. n. 7 del testo vigente, ai RR.DD. (Regi Decreti) 18/11/1923 n 2240 e 23/05/1924 n 827 e successive integrazioni e modificazioni sulla contabilità generale dello Stato nonché le norme del codice civile. Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e successive modificazioni e integrazioni, i dati di cui l ASL verrà in possesso saranno trattati nel rispetto di quanto disposto dalla citata normativa ed esclusivamente in ordine al procedimento instaurato per l affidamento del presente appalto. Letto, confermato, accettato e sottoscritto. Ai sensi e per gli effetti della norma di cui agli artt e 1342 del c.c. vengono espressamente approvate ed accettate le clausole di cui ai capitoli 7, 9, 13, 14 del presente capitolato. 11

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ICT SERVICE. finale ANNO 20122

ICT SERVICE. finale ANNO 20122 ICT SERVICE Capitolato specia ale d appalto per la fornitura di un servizio di supporto tecnico informatico all utente finale ANNO 20122 INDICE TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DELL APPALTO Articolo 1 Definizioni

Dettagli

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE SOMMARIO: 1. Le attività prodromiche alla stipula del contratto. - 2. La consegna dei lavori, servizi e forniture. - 3. Il corrispettivo del contratto d appalto. L invariabilità

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli