Definizione e caratteristiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione e caratteristiche"

Transcript

1 Esoscheletri

2 Introduzione Circa l 1% della popolazione mondiale si avvale di sedie a rotelle per muoversi. Con l invecchiamento della popolazione questo numero sta salendo vertiginosamente. Ciò significa che, approssimativamente, 3 milioni di americani, 5 milioni di europei, un totale di circa 10 milioni di cittadini dei paesi sviluppati e 60 milioni di persone nel mondo si affidano alla sedia a rotelle. La qualitàdelle sedie a rotelle èmigliorata enormemente nel corso degli ultimi decenni, ma la diffusione in commercio di esoscheletri potrebbe ulteriormente migliorare la qualità di vita di molte persone con disabilità motorie.

3 Introduzione Diversi produttori di esoscheletri stanno immettendo prodotti sul mercato. Camminare èfondamentale non soltanto per l ovvio miglioramento della qualitàdella vita ma anche per il miglioramento della salute delle persone affette da disturbi del movimento. Gli esseri umani non sono stati creati per stare seduti per ore.le conseguenze del rimanere seduti continuamente sono lesioni da pressione, muscoli delle gambe atrofizzati e l osteogenesi imperfetta. Tuttavia, l impatto dell uso della sedia a rotelle non èsolo dovuto allo stare seduti: per esempio, gli utilizzatori di sedie a rotelle pagano anche un alto prezzo solo per spingere le proprie sedie a rotelle. Coloro che utilizzano sedie a rotelle sono ad elevato rischio di sviluppare la sindrome del tunnel carpale o il disturbo degli arti superiori da lavoro (RSI) a causa del costante impatto delle mani contro i cerchi delle ruote.

4 Definizione e caratteristiche Che cos èun esoscheletro? Exoèuna parola greca che significa fuori. Contrariamente al normale scheletro umano che sostiene il corpo dall interno, un esoscheletro sostiene il corpo dall esterno. Gli esoscheletri sono normalmente progettati per permettere allepersone affette da disturbi del movimento di camminare o di aumentare laforza e la resistenza. Gli esoscheletri hanno 5 componenti chiave: Struttura Batterie Sensori Regolatore Attuatori

5 Struttura Realizzata normalmente con materiali leggeri, la struttura deve essere sufficientemente forte da sostenere il peso del corpo e il peso dell esoscheletro e dei suoi componenti. La struttura deve inoltre essere in grado di tenere il corpo in piedi in maniera sicura senza il rischio che colui che lo indossa possa cadere. La struttura saràformata normalmente da una serie di articolazioni corrispondenti alle articolazioni del corpo, presso l anca, il ginocchio e la caviglia.

6 Batterie Le batterie devono alimentare l esoscheletro per gran parte della giornata o essere facilmente sostituibili in modo tale che le batterie scariche possano essere velocemente rimosse e sostituite con batterie cariche nel corso della giornata. Le batterie devono essere leggere e piccole per non rendere l esoscheletro pesante o voluminoso. Le batterie devono inoltre potere essere ricaricate rapidamente per consentire all esoscheletro di essere pronto a funzionare di nuovo il giorno dopo.

7 Sensori I sensori raccolgono informazioni su come l utilizzatore vuole muoversi. I sensori possono essere manuali, come un joystick, o bioelettrici, oppure possono essere una combinazione di dispositivi come un telecomando e un rilevatore di movimento che permette a colui che indossa l esoscheletro di cambiare il movimento dalla camminata alla salita. Le informazioni raccolte dai sensori sono inviate ad un computer per essere analizzate.

8 Regolatore Agendo come il cervello del dispositivo, il regolatore èun computer interno che utilizza le informazioni raccolte dai sensori e controlla gli attuatori. Il computer coordina i vari attuatori presenti nell esoscheletro e permette all esoscheletro e al suo utilizzatore di alzarsi, camminare, salire o scendere.

9 Attuatori Se la struttura ècome le ossa del corpo e il regolatore èil cervello, gli attuatori sono i muscoli che guidano il movimento. Gli attuatori sono solitamente motori elettrici o idraulici. Sfruttando l energia delle batterie e le informazioni inviate dal computer, gli attuatori muovono l esoscheletro e la persona che lo indossa.

10 Controllo dell equilibrio e dell andatura La gran parte degli esoscheletri attuali non prevedono il controllo dell equilibrio o dell andatura. Gli esoscheletri odierni richiedono all utilizzatore di avere sufficiente forza negli arti superiori per far sìche l esoscheletro e l utilizzatore stesso non cadano. L equilibrio negli esoscheletri moderni ènormalmente controllato tramite l utilizzo di stampelle. Inoltre, la maggior parte degli esoscheletri attuali non imitano la normale andatura umana.

11 Controllo dell equilibrio e dell andatura L atto del camminare èstato descritto come caduta in avanti controllata. Ad ogni passo, portiamo il nostro corpo avanti e spostiamo l altro piede per fermarci e impedire al nostro corpo di cadere a terra. Il normale passo umano si sposta dal tallone al piede ed infine alla punta quando camminiamo. La nostra andatura cambia quando camminiamo avanti o indietro, saliamo o scendiamo una salita. Gli esoscheletri attuali non possono imitare queste funzioni e sono meno efficienti e comodi. Gli esoscheletri del futuro saranno sicuramente dotati di sistemi di controllo dell equilibrio incorporati, come giroscopi, che impediranno all utilizzatore di cadere e di sistemi di controllo dell andatura incorporati che imiteranno il normale movimento fisiologico umano.

12 EsoscheletroReWalk Prodotto da: Argo MedicalTechnologies (YokneamIlit, Israele) Significato del nome ReWalk: Consente all utente di camminare di nuovo. Il controllo dell esoscheletro ReWalksi basa su sensori di movimento. Tramite sofisticati algoritmi, i movimenti degli arti superiori sono analizzati e utilizzati per innescare e mantenere gli schemi di andatura e le altre modalitàdi funzionamento (quali, il salire le scale e lo spostamento da una posizione seduta ad una in piedi). In altre parole, l esoscheletro ReWalkpercepisce i movimenti degli arti superiori. I pulsanti su un telecomando permettono all utilizzatore di selezionare varie impostazioni di programma e di scegliere la modalitàdi movimento: camminare, salire le scale, sedersi, alzarsi ecc.

13 Peso: 18 kg ReWalk: altre caratteristiche Velocità massima: 3 km/h Durata della batteria: fino ad 8 ore al giorno di uso continuo. Si ricarica durante la notte. Movimenti: Camminare, alzarsi, sedersi, salire le scale, salire/scendere pendii. Stampelle: Necessarie durante l utilizzo dell esoscheletro ReWalk. Da chi può essere utilizzato : ReWalkèdedicato ad adulti con disabilitàagli arti inferiori che hanno mani, braccia e spalle funzionanti e lacapacitàdi stare in piedi (un sistema scheletrico e cardiovascolare sano). Altezza: cm; peso: non superiore a 100 Kg

14 EsoscheletroHAL Prodotto da: Cyberdyne(Ibaraki, Giappone) Significato del nome: HAL sta per "arto assistente ibrido". (Sia il nome della società"cyberdyne", che il nome dell esoscheletro "HAL" sono presi da computer fittizi. Cyberdyne era la societàche nella serie Terminator realizzò skynet). HAL era il computer di bordo della navicella DiscoveryOnein 2001: Odissea nello spazio. L esoscheletro "HAL" utilizza elettrodi attaccati alla pelle di colui che lo indossa per leggere gli impulsi elettrici provenienti dalla contrazione muscolare. In base ai segnali ottenuti, l attuatore viene azionato per spostare l articolazione unitamente al movimento muscolare dell utilizzatore.

15 Cybernic Voluntary Control (Bio-Cybernic Control System)

16 Cybernic Voluntary Control (Bio-Cybernic Control System)

17 Robotic Autonomous Control System A human motion (for example standing up from a chair) can be recognized as an aggregate of several elemental movements. It is similar to a sentence that consists of several words. For a given motion, "HAL" assembles small movements from the database, just as words from a dictionary are concatenated to form a sentence. Using the database (which is also automatically augmented by the information that sensors collect from the body) "HAL" autonomously coordinates each motion to be assisted smoothly by power units. Furthermore, in the case that no good bio-electrical signals are detectable due to some problems in the central nervous system or in the muscles, "HAL" can be of use through the Robotic Autonomous Control.

18 HAL: altre caratteristiche Peso: Tipo corpo intero 23 kg ; tipo arti inferiori 15 kg Durata della batteria: 2 ore e 40 minuti di funzionamento continuativo Movimenti: Alzarsi da una sedia, camminare, salire e scendere scale. Stampelle: Necessarie per l esoscheletro HAL Da chi può essere utilizzato : attualmente HAL èusato da persone con muscoli indeboliti e da alcune persone affette da disabilitàcausate da ictus e/o lesioni della colonna vertebrale.

19 EsoscheletroRex Prodotto da: Rex Bionics(Auckland, Nuova Zelanda) Significato del nome: Rex sta per Esoscheletro Robotico. A differenza degli altri esoscheletri Rex viene controllato tramite un joystick, non tramite sensori. Ciò significa che non ènecessario nessun movimento o funzionamento di nervi per azionare l esoscheletro Rex.

20 Peso: 38 kg Rex: altre caratteristiche Velocità massima: 3 metri al minuto. Durata della batteria: 2 ore Movimenti: alzarsi, camminare, muoversi lateralmente, girarsi, salire e scendere scalini e camminare su superfici dure comprese rampe e salite. Stampelle: Non necessarie. Da chi può essere utilizzato: da chiunque possa spostarsi autonomamente e utilizzare un joystick. Gli utilizzatori devono essere alti tra 1.46 m e 1.95 m 95, con un peso minore di 100 kg e una larghezza dei fianchi non superiore a 380mm.

21 Esoscheletro Ekso Prodotto da: Esko Bionics(Richmond, California, USA) Il controllo dell esoscheletro Eksoavviene attraverso sensori di forza e di movimento. L esoscheletro Eksoadotta un interfaccia uomo-macchina basata sulla gestualitàche, sfruttando i sensori, osserva i gesti compiuti per determinare le intenzioni ed agire conseguentemente. Per consentire all esoscheletro Eksodi funzionare naturalmente e rispondere agli input, un computer ricorre ai sensori e ai dispositivi di input per orchestrare ogni aspetto di un singolo passo in tempo reale.

22 Ekso: altre caratteristiche Peso: 23 kg Velocità massima: 1.6 km/h Durata della batteria: oltre 6 ore Movimenti: cammina in linea retta, si alza da una posizione seduta, rimane alzato per un lungo periodo di tempo e si siede da una posizionealzata. Stampelle: necessarie per l esoscheletro Ekso. Da chi può essere utilizzato: persone che possono spostarsi autonomamente da una sedia a rotelle ad una sedia e hanno un altezza tra 1.50 m e 1.90 m e un peso non superiore a 100 kg.

EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE

EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE COSA E EKSO? Ekso è un esoscheletro che permette a chi lo indossa, indipendentemente dal grado di difficoltà motoria, di stare in piedi

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Lo sviluppo autonomo dei movimenti del bambino

Lo sviluppo autonomo dei movimenti del bambino Lo sviluppo autonomo dei movimenti del bambino Dopo aver descritto e riportato, spero abbastanza dettagliatamente, alcune ricerche e i risultati ottenuti da Emmi Pikler, e dai suoi collaboratori, in quest

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

LE COMPONENTI ELETTRONICHE PER LE PROTESI

LE COMPONENTI ELETTRONICHE PER LE PROTESI LE COMPONENTI ELETTRONICHE PER LE PROTESI Autore: T.O. R. Pellegrini RESPONSABILE Reparto Protesi ITOP SpA Officine Ortopediche Via Prenestina Nuova, 163 Palestrina (RM) LA BIONICA NELLE SOLUZIONI PROTESICHE

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Antropometria e posture. Nicola Magnavita

Antropometria e posture. Nicola Magnavita Antropometria e posture Nicola Magnavita Antropometria E la scienza che misura le dimensioni del corpo dall arte all industria Le misurazioni antropometriche consentono di progettare macchine e arredi

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Imbragatura Liko HygieneVest, mod. 50, 55 Imbragatura per la Toilette Orsetto HygieneVest, mod. 50, 55 Istruzioni per l uso Italiano 7IT160167-03 Mod. 50 Mod. 55 Descrizione del prodotto Le presenti istruzioni

Dettagli

Il peso corporeo si misura con :

Il peso corporeo si misura con : Il peso corporeo si misura con : la bilancia elettronica la bilancia ad ago La bilancia a pesi mobili Bilancia a pesi mobili Standardizzazione : Operazioni da effettuare: 1-Contollare che la bilancia sia

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Agnese Teruzzi, 78 anni Ex consulente d'azienda Operata 5 anni fa di protesi alle anche Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare L'attività fisica è ai primi posti nella prevenzione del mal di schiena, ma oltre a ciò è indispensabile adottare alcuni accorgimenti posturali nei

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO. Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica

POLITECNICO DI MILANO. Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica POLITECNICO DI MILANO Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica Tesi di laurea: Progettazione di un tutore per ginocchio attivo Relatore:

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Caratteristiche principali. Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli

Caratteristiche principali. Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli uastro Caratteristiche principali Zero Gravity (Gravità Zero) Massaggio Totale con Aria e Rulli La Poltrona Massaggio Zero Gravity con Sistema Ibrido Poltrona con 3-Sistemi di Massaggio 3 Sistemi Indipendenti

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

4Statica. 158 serie STRUZZO: presentazione iniziale. 160 Le regolazioni della serie STRUZZO. 162 serie STRUZZO: 2 versioni

4Statica. 158 serie STRUZZO: presentazione iniziale. 160 Le regolazioni della serie STRUZZO. 162 serie STRUZZO: 2 versioni 4Statica 158 serie STRUZZO: presentazione iniziale 160 Le regolazioni della serie STRUZZO 162 serie STRUZZO: 2 versioni 164 serie EASY UP: presentazione iniziale 166 Le regolazioni della serie EASY UP

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

IPO-V SEZIONE A PISTA

IPO-V SEZIONE A PISTA IPO-V Approvato dalla Commissione Utilità FCI riunitasi il 12 settembre 2005 a Breda (NL) Recepito dal Consiglio Direttivo ENCI del 30 gennaio 2006 Recepito dal Consiglio Direttivo del SAS il 16 Gennaio

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it)

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani DEFINIZIONE L ESIGENZA DI UNO STUDIO DELLA CORSA L IMPORTANZA

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

I...Imbragature ABC Guldmann

I...Imbragature ABC Guldmann I..........Imbragature ABC Guldmann I.........Imbragature ABC Guldmann Codice Articolo xxxxx-xxx ACTIVE Micro Plus Poliestere Dimensione: XS-XXL ACTIVE Trainer Poliestere Dimensione: Kid (bambino) -XXL

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni

Movimentazione Manuale dei Carichi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni Rev. 0 del 22/10/2010 Ravenna/Lugo/Faenza Aprile/Maggio 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della

Dettagli

Sez. 3 - Oscar Compact - 1

Sez. 3 - Oscar Compact - 1 Sez. 3 - Oscar Compact - 1 OSCAR Compact effettua la rasatura dell area delimitata da pavimentazioni e/o da barriere (staccionate, muri, ecc.). Quando il Robot rileva la mancanza di erba o incontra un

Dettagli

L USO DEI BASTONCINI IN ESCURSIONE. Perché vengono usati? Sono veramente utili? Possono essere utilizzati da tutti? Possono causare qualche problema?

L USO DEI BASTONCINI IN ESCURSIONE. Perché vengono usati? Sono veramente utili? Possono essere utilizzati da tutti? Possono causare qualche problema? L USO DEI BASTONCINI IN ESCURSIONE Perché vengono usati? Sono veramente utili? Possono essere utilizzati da tutti? Possono causare qualche problema? UTILITÀ AIUTANO L ANDATURA IN SALITA E IN DISCESA DIMINUISCONO

Dettagli

Guida e Manuale d uso

Guida e Manuale d uso Guida e Manuale d uso Grazie per aver scelto igo, l originale smartboard. igo è un veicolo elettrico auto-bilanciato a due ruote. Prima dell utilizzo consigliamo una lettura attenta del manuale di istruzioni

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

COPYRIGHT A BETTER LIFE. G-EO System

COPYRIGHT A BETTER LIFE. G-EO System G-EO System For a better life. «Reha Technology ha portato il G-EO System a un elevato livello tecnicoscientifico. Ha le potenzialità per produrre un forte impatto terapeutico e sociale.» Prof. Edoardo

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Movimento e benessere per la nostra schiena

Movimento e benessere per la nostra schiena Movimento e benessere per la nostra schiena Siamo fatti così... Corso di ginnastica posturale correttiva Sciolze 2011 La colonna vertebrale rappresenta la struttura portante del nostro corpo ed è capace

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

ESERCIZI PER IL RECUPERO ARTICOLARE E MUSCOLARE DOPO INTERVENTO DI PROTESI DI ANCA

ESERCIZI PER IL RECUPERO ARTICOLARE E MUSCOLARE DOPO INTERVENTO DI PROTESI DI ANCA SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Tel.: 030-3709750 Fax.: 030-3709403 Dirigente: Dr.ssa Carla Calabretto Aiuto: Dr. Emilio Walter Passeri Assistente: Dr. Luciano Bissolotti Assistente: Dr.ssa

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

GINOCCHIO ELETTRONICO

GINOCCHIO ELETTRONICO GINOCCHIO ELETTRONICO Il primo ginocchio elettronico èstato il C-Leg, presentato dalla ditta tedesca Otto Bock Orthopedic Industry introduced the C-Leg durante ilworld Congress on Orthopedicstenutosia

Dettagli

Architetture e modelli per un invecchiamento inclusivo: la tecnologia al servizio dell anziano

Architetture e modelli per un invecchiamento inclusivo: la tecnologia al servizio dell anziano SERIES OF WORKSHOPS ON THE AGEING SOCIETY Organized under the auspices of the United Nations University by ISMB!Politecnico di Torino and Hokkaido University, in cooperation with CSAI@Università di Milano!Bicocca

Dettagli

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI.

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. VARIABLE tm LA PREVENZIONE PER LA VOSTRA SCHIENA MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. Ecco il segreto per mantenere in forma la vostra colonna vertebrale. La prevenzione è la prima e più efficace arma contro il

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Servoscala a poltroncina

Servoscala a poltroncina Servoscala a poltroncina per muoversi da un piano all altro in tutta libertà e sicurezza. L esperienza insegna. Garaventa Lift Leader nell accessibilità. La leadership tecnologica Garaventa arriva dall

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

ELECTRIC BALANCE SCOOTER A DUE RUOTE MANUALE D USO

ELECTRIC BALANCE SCOOTER A DUE RUOTE MANUALE D USO ELECTRIC BALANCE SCOOTER A DUE RUOTE MANUALE D USO Leggere attentamente il manuale di istruzioni prima dell uso. Conservare per utilizzi futuri. Questo articolo è un veicolo elettrico a due ruote che,

Dettagli

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Inizio Programma delle Esercitazioni Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London

Dettagli

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Equilibrio Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Mantenimento della verticale del capo in appoggio monopodalico Studi fatti dal Prof. Dario Riva Violetta evidenziano che una delle caratteristiche

Dettagli

La Ginnastica Dolce e Posturale

La Ginnastica Dolce e Posturale La Ginnastica Dolce e Posturale Utilizza una metodologia flessibile, a orientamento psicomotorio, con una plasticità di adattamento alle esigenze dell individuo e del gruppo E finalizzata principalmente

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Infermiera Margarita Pamela Cividale del Friuli, 30 gennaio 2012 Margarita Pamela 1 Tra il 1943 e il 1954 lo psicologo

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Protesi mioelettriche. utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie.

Protesi mioelettriche. utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie. Le protesi mioelettriche sono protesi elettromeccaniche ad energia extracorporea, quindi dispositivi che realizzano vari movimenti utilizzando l'energia fornita da accumulatori elettrici e batterie.

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale SCHEDA D SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale Data (gg/mm/aaaa).. Cognome (in chiaro) Data di nascita (gg/mm/aaaa) Sesso (1. M; 2. F) Nome (in chiaro).. Indirizzo (in

Dettagli

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca Si consiglia di

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

Fatturare a : Spedire a: Ragione sociale: Via: Città: C.A.P. Data Ordine: Num. Ordine: (ripetere su tutte le pagine) Tel: Fax: Quantità richiesta:

Fatturare a : Spedire a: Ragione sociale: Via: Città: C.A.P. Data Ordine: Num. Ordine: (ripetere su tutte le pagine) Tel: Fax: Quantità richiesta: Fatturare a : Spedire a: Ragione sociale: Via: Città: C.A.P. Data Ordine: Provincia Num. Ordine: (ripetere su tutte le pagine) Tel: Fax: Quantità richiesta: Qualora non venissero effettuate scelte nella

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

Manuale di istruzioni Sedia a rotelle per doccia e toilette Elexo

Manuale di istruzioni Sedia a rotelle per doccia e toilette Elexo Manuale di istruzioni Sedia a rotelle per doccia e toilette Elexo Italiano 4 Importante: leggere attentamente queste istruzioni prima di utilizzare la barella Elexo! Spiegazione dei simboli Si prega di

Dettagli

The new era. La nuova linea Active

The new era. La nuova linea Active Agosto 2013 / IT The new era. La nuova linea Active www.the-new-era.com Robert Bosch GmbH Bosch ebike Systems Postfach 1342 72703 Reutlingen Germany www.bosch-ebike.com www.facebook.com/boschebikesystems

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi)

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi) La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi). L argomento della patologia da sovraccarico biomeccanico lavorativo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli