Rosso porpora. Gianluca Frangella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rosso porpora. Gianluca Frangella"

Transcript

1

2 Rosso porpora Gianluca Frangella II

3 Rosso porpora è una storia inventata. Il riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti, è puramente casuale. III

4 IV Dedicato con affetto a Sabrina V. una tenera Tomboy

5 Basta un solo istante. Non si sa quando arriverà, se arriverà. Non è lontano, né vicino. È solo un istante, a cambiare la tua vita. Gianluca Frangella V

6 INDICE Il tempo dei ricordi 1. Il teatrino dal mio studio flat 2. Appare, scompare 3. Ricordi 4. Il tempo scorre come un fiume 5. Il tempo che ritorna 6. Era un capriccio, quel tradimento 7. L energia di una mamma 8. Una prostituta Note VI

7 Rosso porpora

8

9 Il tempo dei ricordi Il tempo se ne va inseguendo una poesia, nel vento di malinconia, come un fiume, il tempo, se ne andrà. E col tempo, dolce, se ne andrà un ricordo che vola via, in fondo al cuore la nostalgia, mentre il ricordo, lento, se ne va. Nel tempo lascialo riposare quieto nel suo nido d amore, fin quando non ritorna nel cuore, fin quando quel tempo non tornerà. Gianluca Frangella 1

10 1. Il teatrino dal mio studio flat Era un venerdì. Il ventotto gennaio. Era passato molto tempo dal mio arrivo a Londra. Il monolocale mi era sembrato troppo piccolo, quando lo visitai la prima volta: una stanza di appena venti metri quadri e un piccolo bagno. Dopo otto mesi mi ero abituato. Il bagno, senza specchi né finestre, non dava più quel fastidioso senso di assenza di spazio. Avevo imparato a girarmi senza urtare i pochi oggetti che lo rendevano ancor più piccolo. Nella stanza, invece, per renderla più spaziosa, avevo dovuto modificare l arredamento. Avevo spostato un mobile contro la parete, tra la porta d ingresso e quella del bagno: sembrava essere disegnato proprio per quel piccolissimo angolo. Il tavolino di legno, bianco, dal design semplice, che precedentemente occupava 2

11 quello spazio, lo sistemai lungo la parete opposta, sotto l unica finestra che dava sul retro della corte in cui vivevo. Di fianco al tavolino, da una parte, c era un armadio un poco instabile che poggiava contro l angolo delle due pareti e sembrava dovesse smontarsi per cadermi addosso da un momento all altro; nell angolo opposto una piccola libreria, dove sistemai i pochi libri portati con me e un lettore cd audio. Davanti alla libreria c era il letto a piazza singola. Di fianco alla porta del bagno, lungo la parete, si estendeva la piccola cucina a vista, che era composta da un lavello, da quattro fornelli per cucinare e una specie di banco tavolino sotto il quale era sistemato il frigorifero. Tutto sembrava essere piccolo nel mio studio flat; tutto ad eccezione di me stesso, che iniziavo a sentirmi grande in un monolocale dove non vi era posto per cose voluminose. Con il tempo mi adattai a quegli spazi. Mi trovai bene nel piccolo 3

12 bagno; mi trovai bene nel piccolo letto; mi trovai bene seduto sulla piccola sedia al piccolo tavolino che si appoggiava alla grande finestra. Così, quella mattina del ventotto gennaio, un freddo venerdì sotto il grigio cielo londinese, mi svegliai di buon umore, pronto sin da subito per una buona colazione tipica inglese. Tagliai i funghi, li misi nel forno; di fianco ad essi le salsicce. In un pentolino misi a cuocere i baked beans e, in un tegamino, a friggere due uova; infine preparai un toast con sopra del cheddar. Sulla tavola misi un tovagliolo, una forchetta e il succo di arancia: mentre attendevo che la mia colazione fosse pronta, guardavo fuori dalla finestra. Mi dava piacere. Era come aprire il sipario del palcoscenico di un teatrino. Tiravo la cordicella e la tendina, fatta di finissime cannucce di legno, si avvolgeva 4

13 lentamente su se stessa e all improvviso lo spettacolo iniziava. Dalla mia finestra vedevo il tetto della stanza del ragazzo che viveva di sotto. Lì trovai Mike, il gatto di uno dei ragazzi che abitava nel gruppo di appartamenti adiacenti al mio. Si avvicinò. Con la zampetta bianca toccò il vetro: voleva giocare. Mike mi guardò. Si sdraiò sul tetto, si rotolò e di nuovo mi chiamò con la zampetta. Mi fece sorridere. Mi alzai e andai a tirar fuori dal forno la colazione. Riempii il piatto e mi rimisi seduto a tavola, al mio posto da spettatore, ma Mike non era più lì. Si era acquattato sul recinto che fa da confine tra i giardini delle varie abitazioni. Si mosse lentamente. Aveva puntato qualcosa. Era Fred, un grosso piccione, tanto grasso da sembrare un tacchino. Mike si avvicinava lentamente a lui, ma Fred abitava in quei giardini ancor prima che arrivassi io. Conosceva molto bene 5

14 Mike e sapeva che era sempre in agguato. Così volò via sul ramo di un platano e, nel posarsi, lo fece dondolare per un po. Tra i rami spuntarono, subito dopo, Molly e Ted, due scoiattoli che abitavano anche loro nei giardini delle corti. Ad essi si aggiungeva di rado un altro scoiattolo che chiamai Drake. Lui era dispettoso: inseguiva sempre la piccola Molly. Ted scese velocemente dall albero inseguito da Molly. Di ramo in ramo, di albero in albero, correvano, s inseguivano e, sul recinto sotto di loro, seduto a guardare, c era Mike, che non avrebbe mai saputo raggiungerli: erano tanto leggeri da poter saltare ovunque, per sottrarsi alle sue grinfie. Ogni tanto veniva anche una volpe che, per mancanza di fantasia, decisi di chiamare Foxy e, con essa, terminava l elenco di questi attori che recitavano ogni giorno nel mio teatrino privato. Mentre mangiavo la mia colazione lietamente, volsi lo 6

15 sguardo alle finestre delle case di fronte. Mi domandai se qualcun altro, come me, avesse scoperto quel dolce spettacolo e se si fosse mai soffermato a guardare quel buffo teatrino. In alto si accese una luce. Dietro una tenda rosso porpora intravidi la sagoma di una persona dai lineamenti sensuali, nascosti nel gioco d'ombre che la luce creava sulla tendina. Conoscevo bene quell ombra. In quella casa abitava Liza, la ragazza che aveva stregato la mia fantasia e che in segreto amai per molto tempo; tempo che lentamente andava via. 7

16 2. Appare, scompare La mia storia inizia da qui. Un piccolo studio flat nella grigia e fredda Londra, dalla cui finestra mi affacciavo su un altro mondo, come fosse qualcosa d inventato, ma sicuramente fantastico. Ogni mattino, verso le sette, le giornate avevano ancora poca luce e c era chi continuava a dormire, mentre mi preparavo per uscire. Poco dopo le sette, puntuale come ogni giorno, si svegliava la ragazza che abitava nell appartamentino di fronte al mio. Me ne accorgevo quando dietro la tenda rosso porpora vedevo accendersi la luce. Poco dopo si vedeva la sua ombra avvicinarsi. Scansava la tenda. Guardava pochi istanti fuori, ora al cielo ora nelle corti e, dopo essersi stirata per bene, iniziava a correre per la casa preparandosi alla svelta, anche lei per 8

17 uscire. Spesso, la bruna sconosciuta aveva il sorriso sulle labbra. Era bellissima con i suoi capelli mossi che le ondeggiavano sul collo. La vedevo andare avanti e indietro da quella finestra: ora compariva e ora scompariva e poi, di nuovo, riappariva. Ora in reggiseno, ora con la maglia, ora si pettinava e poi si metteva gli orecchini. Si abbassava, scompariva. Si alzava indossando un cappello. Spariva dietro la parete e ricompariva con il cardigan addosso e, poi, ricompariva con addosso un giubbotto. La luce si spegneva. Lei scompariva. Ogni tanto accadeva che ci fosse un uomo con lei, sempre lo stesso, che la abbracciava e la baciava, ma lei sembrava essere pensierosa, come triste e, in quelle occasioni, perdeva il magnifico sorriso. La particolarità che mi affascinava della ragazza senza nome, era il suo apparire e sparire nel nulla, come per magia. 9

18 Appariva nella sua bellezza, m incantava e volava via chissà dove. Così, quando lei spegneva la luce, io finivo di prepararmi e uscivo per andare a cercarmi un lavoro. Impiegai molti mesi per imparare un poco d inglese e ogni giorno cercavo di imparare di più, perché speravo di poter cambiare il lavoro che avevo. In quel periodo lavoravo come kitchen porter per un ristorante italiano chiamato La Forchetta. Lavoravo durante le ore in cui la gente pranzava e cenava per un totale di circa sette, otto ore. Non lo disprezzavo come impiego e anche il posto mi piaceva abbastanza; avrei voluto, però, trovare qualcosa che mi permettesse di essere più a contatto con le persone, che mi aiutasse a migliorare il mio inglese. Per questo, di buonora al mattino, giravo per Londra lasciando curriculum ovunque e cercando il più possibile di comunicare e apprendere espressioni e parole nuove. 10

19 Abitavo nel quartiere di Arsenal, zona nord della città. Avvicinandomi alla fermata dell underground, durante il tragitto che facevo a piedi, pensavo esclusivamente in inglese, preparandomi mentalmente quello che dovevo dire presentando il curriculum. Leggevo cartelli pubblicitari, insegne, scritte sui muri. Prendevo giornali gratis dove ne trovavo, ascoltavo musica inglese e leggevo molti libri. Capitava sempre più spesso di parlare con me stesso in inglese; e, sempre più spesso, capitava di parlare in inglese anche con lei nella mia mente. Arrivavo, con questi pensieri per la testa, all incrocio con la strada principale: Blackstock Road. Lì potevo decidere di andare verso sinistra, alla fermata underground di Arsenal, oppure in quella di Finsbury Park che si trova dalla parte opposta. Sono entrambe fermate della Piccadilly Line, ma a Finsbury passa anche la Victoria Line. Se non avevo necessità 11

20 di prendere la Victoria Line, alternavo le due fermate, ma solo per cercare di imbattermi in Elizabeth, il nome che diedi alla ragazza della finestra di fronte. Liza, il suo diminutivo, la incontravo spesso alla fermata dell autobus diciannove, verso Arsenal: quando io arrivavo lì, lei puntualmente saliva sull autobus che chiudeva le porte e partiva. Altrettanto spesso la incontravo dalle parti di Finsbury Park, a volte la vedevo di sfuggita da dentro l underground che lasciava la stazione, altre volte andava via lei, nell underground, mentre io arrivavo di corsa. Insomma, Liza appariva e scompariva nel nulla, ed io non riuscivo a fermarla per conoscerla. Un giorno salutai un tale, per chiedergli un informazione: Excuse me Sir. Could you lend me just an information, please? 12

21 Il signore mi guardò annuendo con un sorriso. Io continuai a parlargli indicandogli un indirizzo che avevo segnato su di un foglio di carta: Do you know how can I get this address, please? Let me think mi disse l uomo. Mise gli occhiali. Prese il bigliettino in mano. Si guardò intorno e, voltandosi, indicò un punto lontano con il dito. Seguii con lo sguardo la direzione del suo indice. La mia mente si svuotò d improvviso: Liza era di nuovo apparsa. Aveva un libro fra le mani, sembrava avesse la passione per la fotografia. Parlava al telefono. Mi guardò. Sorrise. I nostri sguardi s incrociarono e pensai che lei stesse sorridendo a me. L uomo continuava a parlare. Lo guardavo annuendo con il capo. Desideravo finisse di spiegare, in modo tale da poter raggiungere Liza e parlarle, ma il buon uomo mi distrasse voltandosi nella parte opposta alla direzione in cui la ragazza 13

22 stava andando. You could also take this street, you know? But, I think, yes, of course, it s better this other one... indeed mi disse ritornando a guardare in direzione di Liza, ma lei non c era già più. Lo ringraziai e mi congedai. Non avevo ben capito dove mi avesse indicato di andare, ma mi incamminai con passo veloce; benché di lei non vedessi la presenza, speravo di raggiungerla o, ad ogni modo, di trovarla in qualche negozio lungo la via, ma nulla: Liza era di nuovo apparsa e, subito dopo, scomparsa. 14

23 3. Ricordi Le giornate trascorrevano così: tra un apparizione e l altra di Liza, il teatrino e le mattinate a cercare una nuova occupazione da sostituire a quella che già avevo. Capitava saltuariamente che mi unissi ad un gruppo di colleghi di lavoro per una serata in compagnia e, rare volte, per una partita di calcetto. Iniziai a frequentare una ragazza italiana di nome Roberta, con la quale mi trovavo bene a parlare di tutto, in più, spesso, lei mi aiutava con il mio inglese correggendomi là dove sbagliavo. Liza continuava a restare fra i miei pensieri. Se non la pensavo, appariva e, quando scompariva, mi ritrovavo a pensarla. Tutto questo divenne pressoché un bel gioco nel quale iniziai a trovarmi a mio agio, anche se erano brevissimi gli istanti in cui mi capitava di vederla. 15

24 Un giorno ero nello studio flat con Roberta; seduto al tavolino guardavo alcune foto scattate per la città, quando lei esclamò: Guarda quei due come discutono animatamente! Mi voltai a guardare: Liza parlava, gesticolando nervosamente, con il suo compagno. Mentre continuavo a guardare, Roberta mi chiese: Da quanto tempo frequento la tua casa? Un paio di mesi? Sì, all incirca un paio di mesi. Perché? Perché, ogni volta che vengo qua, non posso fare a meno di notare quei due che litigano. Non mi vorrei impicciare degli affari altrui, ma mi fanno tornare in mente la storia che avevo con il mio ex, quella che ho avuto in Italia; era un continuo discutere e mi domando: che senso ha stare insieme quando non si va d accordo? Forse c è l amore che impedisce di trovare il coraggio per 16

25 lasciarsi supposi, ma subito Roberta continuò dicendo: Amore o non amore, quando fra due persone si discute sempre, vuol dire che fondamentalmente c è un problema che non si riesce a risolvere e, secondo me, è meglio troncare. Poi lei avrà poco più di vent anni e lui sembra averne almeno trentacinque, se non di più. Secondo me, lei è la sua amante. Da cosa lo deduci? Lei mi sembra la tipica ragazzina ingenua che s innamora degli uomini brillanti che prima t illudono con belle parole e poi ti fanno soffrire. Ti sembra brillante lui? Beh veste bene, è elegante. Ha portamento. Comunque non mi sembra agitarsi molto. Guardalo: sembra sia calmo, nonostante stia discutendo con lei. Già! Sembrerebbe. Come si fa a stare insieme quando si litiga in 17

26 continuazione?. Me lo domandavo anch io e mi domandavo anche quanto fosse giusto stare con una persona, mentre si ha per la testa il pensiero di un altra. Mi sentivo in colpa nei confronti di Roberta. Liza sta ancora litigando pensai non fanno altro che discutere ultimamente: l ha notato anche Roberta. Lui ora si volterà, prenderà il suo cappotto e se ne andrà, lasciandola sola nel suo dolore. Voi uomini siete senza cuore asserì Roberta nel guardare l uomo lasciare Liza in lacrime. Mi diede anche un colpetto sulla spalla, sorridendo e finendo con il dire: Sapete essere così crudeli delle volte che vi odierei tutti, ma poi per noi donne è tutta una sorta di odi et amo Catulliano: ci chiedete come facciamo a provare due sentimenti opposti e non sappiamo rispondervi, eppure è così e ce ne tormentiamo. 18

27 Da quel giorno l uomo non comparve più nella casa di Liza. Lei passava sempre più tempo a guardare il cielo dalla sua finestra e, immobile, a fissare le scie degli aerei che passavano, con una mano sul petto, all altezza del cuore, e l altra sulla pancia. Mesi dopo anche il mio studio flat tornò ad essere vuoto: Roberta aveva deciso di tornare in Italia e, nonostante si fosse sforzata di convincermi a seguirla, non avevo avuto il coraggio di andare con lei. Le mie giornate, da quel momento, si legarono alla vita della bellissima Liza, che ammiravo guardare il cielo con tristezza da una finestra, e a quella di Roberta, di cui sentivo la mancanza. Alternavo la sofferenza che provavo nel vedere la triste Liza, alla sofferenza per il desiderio di risentire Roberta che, da quando era arrivata in Italia, si era fatta sentire raramente. 19

28 Il tempo continuava a scorrere come un fiume. Udivo il ticchettio delle lancette di un orologio da parete regalatomi da Roberta; sembrava scandire i battiti cardiaci della vita che trascorreva. Liza era di nuovo davanti alla finestra. Aveva lo sguardo rivolto alla sua pancia questa volta, la stava accarezzando. Stava piangendo. Liza era rimasta incinta. Piangeva anche Roberta, che aveva ripreso a cercarmi con messaggi in cui diceva che le mancavo molto. Piangeva anche il mio animo che, nell ascoltare il cuore, non capiva che lingua stesse parlando, né la direzione che mi stava indicando di prendere. Tra sogno e realtà, tra bugie e verità, capii che a Londra non potevo più restare. Avevo bisogno di partire, di andare in una città dove avrei potuto ricominciare tutto da capo, con un nuovo lavoro, nuove amicizie. Speravo di poter cancellare il passato e dimenticare. Speravo di trovare una risposta ai miei 20

29 dubbi. Un mattino mi svegliai e mi accorsi che Liza tardava ad alzarsi, per tutto il giorno non ebbi modo di vederla. Altri giorni guardai in quella finestra, ma nulla: dopo tanti mesi Liza sembrava non essere più in quella casa. Passarono altre settimane, quando una sera, all improvviso, la luce si accese e la tenda si aprì di nuovo: vidi un uomo che parlava a una coppia che annuiva senza aprire bocca. Liza era andata davvero via, persa per sempre. Iniziai a sentirmi sempre più triste sapendo che lei non era più lì. Iniziai a camminare pensieroso per le strade di Londra, sperando forse di poterla rivedere almeno un ultima volta. Camden Town, King s Cross St Pancras, Green Park e così Embankment e St Jame s Park; lungo il Thames e in Greenwich Park e, poi, ancora a Bank: Londra sembrava diventare triste e vuota. 21

30 Anche London Bridge, Tower Bridge o Millennium Bridge, sembravano essersi spogliati del loro fascino, come accadde per Buckingham Palace e The Palace of Westminster. Era davvero giunta l ora di lasciare l Inghilterra. Giorni dopo presentai una lettera di dimissioni a Luca, il mio manager il quale chiese: Sei sicuro di quello che fai? Sono stato bene a Londra e anche qui con voi mi sono trovato bene. Una bellissima esperienza. Ora ho bisogno di sperimentare qualcosa di nuovo. Dammi la mano mi tirò a sé e mi abbracciò forte; poi continuò: Tornerai in Italia? Non lo so ancora a dire il vero. Allora in bocca al lupo e mi raccomando, se passi di nuovo per Londra, qui c è la tua famiglia che ti aspetta. 22

31 Lo terrò a mente e crepi il lupo. Seguì un altro abbraccio e ci salutammo. Salutai anche gli altri colleghi e mi congedai. Quella stessa sera, seduto vicino alla grande finestra, la passai interamente a domandarmi di Liza. Vedevo il riflesso di me e della mia stanza sul vetro: si andava ad incastrare perfettamente con le finestre illuminate che spuntavano nel buio, dando l idea di un pittore che si ritrae segretamente nel dipingere quel che scorge. La valigia era pronta. La casa era spogliata dei miei oggetti. Gli armadi vuoti. Il mattino seguente riguardai ancora fuori dalla finestra. C erano Mike e Fred. Poi arrivarono Molly e anche Ted. Erano tutti lì pronti a recitare di nuovo per me in quel teatrino. Erano tutti lì, eccetto Liza. Passò anche quel giorno pieno di ricordi, e anche quello seguente. Allo scadere del secondo il sipario si 23

32 abbassò: Liza ed io eravamo definitivamente usciti di scena. Mi dirigevo all aeroporto di London Gatwick: lei era chissà dove, lontana da me. Continuai a camminare, pieno di ricordi, mentre sul viso soffiava il freddo vento della malinconia. 24

33 4. Il tempo scorre come un fiume Pioveva, quando atterrai a Dublino. Avevo deciso di trascorrere un periodo in Irlanda. Andai alla fermata degli autobus; ne trovai uno che portava al centro città: era il 16a. Davanti alla fermata c erano molti turisti con trolley e zaini, tutti vestiti con giubbotti pesanti, avvolti in calde sciarpe di lana e cappelli. Si potevano vedere solo il naso e gli occhi. Era freddo e la pioggia, aiutata dal vento, irrigidiva tutti noi che aspettavamo con ansia che l autista ci aprisse le porte. I m sorry boss mi domandò un ragazzo dai capelli castani e ricci. Era accompagnato da un gruppo di amici: mi accorsi subito che erano italiani. Ne avevo conosciuti molti a Londra e mi ero abituato a riconoscerne la provenienza. Hi there lo salutai do you need a help? chiesi imbarazzato per il mio inglese non ancora fluente. 25

34 Yes, thank you. Do you know how we can arrive Siete italiani? lo interruppi. Guardò gli amici e mi sorrise. Sì. Anche tu sei italiano? Meno male! Sai come si arriva in città da qui? Ho chiesto a un tale e mi ha detto che il 16a porta fino allo Spire. Costa solamente due euro e venti centesimi. Oppure c è un autobus diretto per il centro senza fare fermate, che costa sei euro. Dove si trova lo Spire? In pratica al centro. A noi hanno dato appuntamento in un posto che si chiama dove ha detto di arrivare Mirco? chiese al suo gruppo. Tempo al bar mi sembra che abbia detto tempo al bar rispose uno di loro. 26

35 Temple bar. Sì è vicino aggiunsi io che conoscevo abbastanza Dublino. C ero stato altre volte in Irlanda e mi era piaciuta anche molto, per questo avevo deciso di ritornare lì. E' un locale italiano? No, è semplicemente una via di Dublino. Poi c è anche un pub che ne prende il nome. Tempo al bar fece il giovane hanno chiamato una strada con un nome italiano? Temple bar scandii le lettere t e m p l e b a r e poi corressi loro la pronuncia. Mi unii a loro fino a Dublino. Li aiutai a raggiungere il pub dove avrebbero dovuto incontrare i loro amici e, di lì, mi diressi verso Camden Street: avevo appuntamento con un amico in Harrington Street, poco distante dal luogo dove avevo lasciato quei ragazzi. M incontrai con Marco. Ci fermammo a bere una birra in un 27

36 locale nei dintorni. Parlammo molto e di tutto. Si era offerto di ospitarmi per un breve periodo, così, poco dopo, ci dirigemmo verso casa dove preparò un abbondante cena accompagnata da un buon vino italiano. Tra una battuta, uno scherzo e un bicchiere di vino, arrivò la stanchezza. Mi preparò il letto aprendo il divano che aveva in soggiorno. Mi diede il necessario per dormire e quella fu la mia prima notte irlandese. L indomani andai subito in cerca di un lavoro. Vagava nella mia mente il pensiero di Roberta, inseguito dal pensiero di Liza con quelle lacrime amare sul viso, mentre la calda mano si accarezzava il grembo. Quei pensieri, con il trascorrere dei giorni, se ne andarono in fondo al cuore. Roberta mi aveva detto che si era fidanzata di nuovo con il suo ex e che si sentiva felice. Liza la accantonai nell angolo dei ricordi sbiaditi dal tempo, aiutato da un nuovo 28

37 lavoro e dai nuovi amici che avevo iniziato a frequentare. Anche il mio inglese migliorò e finalmente iniziai a frequentare anche irlandesi o persone di altre nazioni, e non solo italiani. Tra queste persone, conobbi Jasmijn, una ragazza di origine olandese. Era a Dublino per studio. I genitori le avevano dato la possibilità di studiare all estero e lei aveva scelto l Irlanda: paese affascinante, pensava. Con lei mi trovai in perfetto accordo sui molti aspetti positivi e negativi di Dublino. In my opinion diceva it s not right to come to Dublin just for drinking, you know? I hear the most of my friends speak about nothing else that when they have drunk in that pub or in that other pub. I find it so boring. I have never met someone that he liked the museums before you. My friends prefer to drink only drink rideva. 29

38 Jasmijn ed io ci incontravamo spesso per un hot whisky. Si parlava della sua passione per l arte e la pittura in generale. Mi parlava dei suoi gruppi musicali preferiti e, sinceramente, anche se non avevo visitato molti musei e non ero molto attratto dalla pittura, non mi dispiaceva accompagnarla alle mostre, e da lei imparavo sempre nuove cose molto interessanti. Così ci allontanammo un po entrambi dai nostri amici, che si limitavano a preferire il bere esclusivamente al bere, come diceva Jasmijn, e ci ritrovammo a spendere molto tempo libero insieme. Anche a Dublino trascorse il tempo. Di stagione in stagione, il passato si proiettava nella mia mente come fotografie ingiallite, facendomi ripercorrere i giorni vissuti nella verde Irlanda. Tra questi flashback ricomparve anche Roberta, che soffriva 30

39 per via dell ennesima rottura con il suo fidanzato; Jasmijn ed io che facevamo l amore; Luca che mi avvisava di essere diventato papà. E di nuovo Roberta che si riappacificava con il suo ex; Jasmijn che tornava in Olanda. E ancora Roberta, che aveva di nuovo desiderio di vedermi e che, poi, si allontanava da me e, a tratti, Liza, che era ancora presente fra quei ricordi impolverati dal tempo. I giorni trascorsero. Mi accorsi di sentirmi sereno. Avevo ampliato le mie conoscenze e migliorato di molto la lingua e, nonostante mi sentissi soddisfatto di me, sentii desiderio di qualcos altro: sentii la necessità di tornare in Italia. Infatti, mi resi conto che conoscevo meglio l estero del mio paese. Sapevo bene dei problemi presenti a Dublino e a Londra. Dei problemi in Olanda o in Spagna o in Francia che mi raccontavano i miei amici, ma mi sembrava di conoscere così poco della mia Italia che ne sentii la nostalgia. 31

40 Così, anche se a Dublino non avevo trovato la finestra dalla quale scorgere il teatrino, decisi di abbassare nuovamente il sipario e due settimane dopo atterrai all aeroporto di Orio al Serio, Bergamo, per dirigermi verso Milano, dove Roberta mi stava aspettando. Valutammo insieme la possibilità di riprovare e decidemmo di ricominciare tutto da capo nella città dove lei viveva con i suoi genitori. Una nuova vita mi attendeva. Avrei dovuto cercare un lavoro, farmi nuove amicizie, cambiare abitudini. Mi resi conto che il tempo continuava a scorrere sempre più velocemente verso il suo domani come un fiume verso il suo mare. E c era sempre qualcosa di atteso, ma allo stesso tempo di inaspettato. 32

41 5. Il tempo che ritorna Per quanto si cambi città, stato, casa e lavoro molte volte, e per quanto le persone possano invidiare questa vita dinamica confrontandola con la loro monotonia, non potevo fare a meno di pensare che, quando i cambiamenti diventano regolari nel tempo, quella stessa dinamicità, presa in un intervallo maggiore, si trasforma anch essa in monotonia. Dovevo ricominciare da zero, ma era sempre un dover trovare lavoro, casa, amici e cambiare di nuovo abitudini. Quella volta iniziai da Milano e di nuovo con Roberta, pronta a riaprire un capitolo chiuso. Riuscii, grazie a lei, a trovare un alloggio in affitto in un quartiere da tutti sconsigliato per la cattiva nomea, ma nel quale mi ambientai senza tanti problemi e senza che alcuno m infastidisse con atti di delinquenza o cose simili. 33

42 Pagavo ottocento euro mensili per un appartamento composto di una stanza, cucina, un piccolo soggiorno e un bagno: il tutto semi arredato. Roberta veniva a trovarmi frequentemente e quelle volte si fermava a dormire con me in quella casa che, a differenza del monolocale di Londra, era assai grande e malinconica. Mi venne così da pensare per un istante al mio studio flat e al teatrino che guardavo da quella finestra. Mi ritornò in mente anche la finestra dalla quale avevo visto comparire per la prima volta Liza. Sentii per un istante nostalgia. Roberta stava parlando al telefono. Ogni tanto si voltava di spalle o si allontanava da me. Poi si avvicinava sorridendomi, mi dava una carezza e di nuovo si allontanava, girando per l appartamento dondolandosi sui passi che faceva. Quella situazione si ripresentò nei mesi a seguire, fino a giungere allo scadere del quinto dove la novità fu l assemblea condominiale: 34

43 la prima da quando ero entrato in quel condominio. Quella stessa sera il mio vicino di casa presentò a tutti noi la ragazza alla quale aveva ceduto in affitto il suo appartamento. Si chiamava Sabrina. Mi voltai e, seppure la realtà a volte sia surreale e raggiunga le soglie dell impossibile, capii che era molto difficile negare che tra quella Sabrina e Liza c era una fortissima somiglianza ed era venuta ad abitare di fianco al mio appartamento. Il tempo che se ne era andato ritornò a bussare alla porta del mio destino e aveva riportato con sé tutti quei ricordi da cui mi aveva allontanato. Sabrina non era sola, aveva una biondissima bambina in braccio che si lamentava e che lei consolava asciugandole le lacrime. Parlavano inglese con un accento londinese. Lo riconobbi dalle U pronunciate simili alle A, tipiche di Londra. La riunione di condominio ebbe termine. Ci fu chiesto di 35

44 pagare la quota condominiale per l acqua e per gli altri servizi comuni come la luce delle scale o la manutenzione del giardino. Chi di voi ha problemi nel pagare oggi, potrà farlo questo giovedì disse l amministratore. Se posso andare a prelevare io vorrei pagare ora disse Sabrina rivolta al suo proprietario di casa che prontamente le rispose: Non ne hai bisogno. Sei appena arrivata: pagherò io la prima tassa. Da oggi scatta il periodo in cui sarai tu a pagare le successive quote. Ah! Sabrina si rilassò un poco perfetto disse al proprietario. Poi rivolgendosi alla bambina: Come on Elenoire! Are you sleeping? Come on mommy! I m tired mum. I know dearly, we re going home. 36

45 Salutò tutti scusandosi e si ritirò a casa. Anch io mi ritirai dietro di lei, ma già era scomparsa per le scale e potei sentire solo la porta chiudersi nel pianerottolo del secondo piano, dove avevamo i nostri appartamenti. Stetti lunghe ore a pensare. Liza, Sabrina, la loro somiglianza. Sabrina era identica a Liza. Temetti fosse un curioso scherzo del destino, un innocente effetto illusorio. Mi convinsi di essere stato soggiogato dalla forte somiglianza fra le due ragazze e finii con l addormentarmi sul divano. Mi svegliai il mattino seguente con la luce del sole che mi accarezzava il viso. Mi preparai per uscire al mio solito. Spensi le luci in bagno e quelle del soggiorno. Bevvi velocemente il mio caffè. Presi le chiavi e uscii, tirandomi dietro la porta di casa. Buongiorno udii, seguito dal rumore dell altra porta che si chiudeva contemporaneamente alla mia. 37

46 Ciao risposi io. Realizzai che la somiglianza, se tale si poteva definire, era straordinaria, ma decisi di dimenticare Liza e iniziai con il farlo da quel giorno, dalla nuova vicina di casa di nome Sabrina. Non ci siamo presentati ieri sera, perdonami, mi chiamo Sabrina e lei è Elenoire. Dai su, saluta il signore. Elenoire, dai non fare la timida. Good morning Sir arrossì la bimba che, subito dopo, si nascose dietro le gambe della mamma. Sorrisi, mentre indicavo loro di andare avanti, e insieme iniziammo a scendere gli scalini. Non mi hai detto come ti chiami? mi domandò. Perdonami piacere mi chiamo Fabrizio. Sei qui da tanto Fabrizio? Qualche mese. Come sono le persone? 38

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli