Spirito Europeo ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALLA FAMIGLIA AUSILI LEGGI INFORMAZIONI AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spirito Europeo ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALLA FAMIGLIA AUSILI LEGGI INFORMAZIONI HTTP://WWW.ALIHANDICAP.ORG AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE REGIONE PIEMONTE Spirito Europeo ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALLA FAMIGLIA COMMISSIONE INTERASSESSORILE PER L ATTUAZIONE L.104/92 OSSERVATORIO REGIONALE DISABILITÀ AUSILI LEGGI INFORMAZIONI AUSILIOTECA VIRTUALE AUSILI DALL IDENTIFICAZIONE DEL BISOGNO ALLA SOLUZIONE II EDIZIONE A cura di Asl 16 Mondovi - Ceva e Asl 19 Asti In collaborazione con Asl 1 Torino, Asl 8 Nichelino, Asl 11 Vercelli, Asl 14 Domodossola, Asl 22 Novi Ligure

2 INDICE PREMESSA INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - L AUSILIOTECA VIRTUALE A) Cos è un ausilioteca virtuale Pag. B) A chi si rivolge Pag. C) Campi di intervento Pag. Ausili Pag. Barriere architettoniche Pag. Legislazione su disabilità e handicap Pag. Sport e tempo libero Pag. Informazione formazione Pag. CAPITOLO 2 - COME SI COSTRUISCE UNA AUSILIOTECA VIRTUALE A) Ruoli professionali e loro compiti Pag. B) Organizzazione dell ambiente Pag. C) Strumenti di lavoro Pag. Esperienza e competenze personali dei consulenti Pag. Banche dati su CD-Rom, Internet Pag. Archivio cartaceo Pag. Mostra ausili, videoteca, biblioteca Pag. D) Le ausilioteche piemontesi nell ambito del Progetto A.L.I. Pag. Caratteristiche Pag. Risorse Pag.

3 CAPITOLO 3 - COME SI EFFETTUA UNA CONSULENZA A) Metodologia di lavoro delle ausilioteche Pag. Valutazione Pag. Ricerca Pag. B) Ausilioteche aperte in Piemonte Pag. Sviluppi Pag. Progetti futuri Pag. CAPITOLO 4 - COME SI PRESCRIVE UN AUSILIO A) Iter Prescrittivo Pag. Aventi diritto Pag. Prescrizione preventivo autorizzazione Pag. Collaudo Pag. Rinnovo degli ausili Pag. Fornitura di riserva Pag. Riparazione e manutenzione dell ausilio Pag. Assistiti Inail Pag. B) Obiettivi della prescrizione di un ausilio Pag. C) A chi si rivolge l ausilio Pag. D) Iter clinico prescrittivo di un ausilio Pag. Evidenziazione e identificazione del bisogno Pag. Individuazione e sperimentazione dell ausilio Pag. Addestramento all uso Pag. Follow-up Pag. Riciclo degli ausili Pag. Abbattimento barriere architettoniche Pag. CAPITOLO 5 - IL RICICLO DEGLI AUSILI A) Riciclo: Nomenclatore Tariffario e linee guida della Regione Piemonte Pag. B) Analisi costi/benefici del riciclo Pag. C) L esperienza dell A.S.L. 16 Mondovì Pag. D) Problematiche aperte relative al riciclo degli ausili Pag.

4 EDITORIAL THE PAYOFF PUNY FROM OFFICE COMPUTERS H Special Report THE SLUMP COMPUTER MANAGEMENT THE HUMAN SIDE DISCOVERS OF AUTOMATION ALLEGATI CAPITOLO 6 - COLLABORAZIONE DELLE AUSILIOTECHE VIRTUALI CON LABORATORI/SPORTELLI INFORMATICI E SPORTELLI INFORMAHANDICAP NELL AMBITO DEL PROGETTO A.L.I. A) Collaborazione delle Ausilioteche con Laboratori e Sportelli Informatici Pag. B) Collaborazione delle Ausilioteche con gli sportelli Informahandicap Pag. Special Report MANAGEMENT'S NEWEST STEP Cover Story Depliants Ausili informazioni utili Modulo di prescrizione della Regione Piemonte Profilo dei C.I.A. aperti in Piemonte Statistiche dell attività delle Ausilioteche in Piemonte Esperienze di consulenza Esperienza di collaborazione tra il C.I.A. ASL Torino 1 e il consulente architetto Lo sportello informativo sugli ausili uno strumento per la qualità: l esperienza dell ASL 16 Mondovì Ceva Esperienza di collaborazione C.I.A. Informahandicap ASL 19 Asti: opuscolo La patente di guida Principali leggi italiane/regionali di riferimento su ausili-barriere architettoniche citate nel testo Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. BIBLIOGRAFIA Pag. INDIRIZZI UTILI Pag. A) C.I.A. aperti in Piemonte (Progetto A.L.I.) Pag. B) C.I.A. principali presenti sul territorio italiano Pag. C) Laboratori e Sportelli Informatici in Piemonte (Progetto A.L.I.) Pag. D) Informahandicap in Piemonte (Progetto A.L.I.) Pag.

5 INTERNET L'Edizione elettronica di questo volume, costantemente aggiornata, è disponibile nel sito Internet del progetto A.L.I.: Http: //www.alihandicap.org

6 ELENCO AUTORI La stesura del Volumetto è stata realizzata da: ASL 19 Asti: U.O.A. R.R.F - Asti A.S.T. Dott.ssa TRUSCELLO Maria Pia T.d.R. MARMO Raffaella T.d.R. PIA Silvana Dott.ssa GARRONE Maria Luisa Dott. LANERO Marco ASL 16 Mondovì - Ceva: U.O.A. N.P.I. Dott. FIORETTO Franco Dott. PICCIOLO Stefano T.d.R. BALSAMO Vilma T.d.R. GIACCARDI Elda ASL 22 Novi Ligure - Ovada: U.O.A. R.R.F. Dott.ssa MIRABELLI Carla T.d.R. CASANOVA Paola T.d.R. GRASSANO Armanda T.d.R. CAVATORE Daria A.S.L. 14 Domodossola U.O.A. R.R.F. Dott. VANNI Giorgio Dott.ssa BUTTÈ Marina T.d.R. MANCASTROPPA Lucia A.S.L. 1 Torino U.O.n.A. N.P.I. Dott. MAGGIOROTTI Piergiorgio T.d.R. ASTEGGIANO Caterina Con la collaborazione di: Arch. PONZIO Marité Si ringraziano: Sig.ra TARASCO Alessandra borsista amministrativo Progetto A.L.I. A.S.L. 19 Asti Sig.ra AIRALDI Manuela amministrativo A.S.L. 16 Mondovì Sig.ra BURLOTTI Sonia amministrativo A.S.L. 19 Asti

7 PREMESSA Questo volume rappresenta un ulteriore sviluppo della significativa attività svolta dalla rete dei servizi coinvolti, la cui caratteristica peculiare è di essere risorsa a pieno campo per i cittadini con particolari bisogni. Infatti, il progetto denominato A.L.I., cioè ausili, leggi e informazioni, ha valorizzato modalità di intervento innovative per migliorare la qualità dei servizi offerti alle persone disabili, oltre a favorirne l aggregazione e l integrazione. Sulla base di tali riscontri, l Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte d intesa con l Assessorato alle Politiche Sociali ha interpretato appieno le proprie funzioni di indirizzo per le aziende sanitarie ed è stato perciò promotore di una rete integrata di servizi, unica nel suo genere, in sinergia con le altre istituzioni che si occupano delle problematiche legate all handicap, in particolare con gli Enti gestori delle funzioni socioassistenziali. Questo volume che si aggiunge ai tre precedenti contributi quale riedizione di quello dedicato alla costruzione delle Ausilioteche ed ai percorsi prescrittivi approfondisce tematiche rivolte in modo specifico a favore degli operatori per definire gli elementi utili alla definizione dell ausilioteca virtuale ed alla prescrizione degli ausili. Oltre a una guida pratica, i testi delle équipe sanitarie coinvolte sono pure un prezioso strumento di valutazione e un opportuno mezzo di confronto delle esperienze intraprese. Ciò nello spirito di rendere visibile il lavoro svolto e di farlo diventare patrimonio comune. Desideriamo ringraziare tutti gli operatori che hanno reso possibile tutto questo, con il loro quotidiano impegno e il loro instancabile entusiasmo. L ASSESSORE ALLA SANITÀ Antonio D AMBROSIO L ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI Mariangela COTTO

8 CAPITOLO 1 - L AUSILIOTECA VIRTUALE A) COS È UN AUSILIOTECA VIRTUALE Ausilioteca virtuale è il termine usato per indicare i Centri Informazione Ausili (C.I.A.) nati in Piemonte negli anni 90 nell ambito del Progetto A.L.I. La denominazione è composta da due termini: - Ausilioteca che letteralmente significa luogo in cui è presente una raccolta di ausili, termine che precisa l oggetto dell attività del servizio, gli ausili appunto; - virtuale, termine mutuato dal linguaggio telematico, che indica la disponibilità degli ausili su materiale cartaceo o in forma d immagine su PC. Una definizione di Ausilioteca oggi diffusa è stata data da R. Andrich, Responsabile del SIVA (Servizio Informazione Valutazione Ausili Fondazione Don Gnocchi Milano) nel volume Consigliare gli ausili 1996: Un Centro Informazione Ausili è un nucleo di competenza in grado di svolgere attività di divulgazione e di informazione nel settore degli ausili, nonché di dare un supporto professionale personalizzato alle persone disabili, ai loro familiari e agli operatori che li hanno in carico al momento di affrontare le prospettive di autonomia o di miglioramento della qualità di vita che possono beneficiare dell uso degli ausili. Un Centro Informazione Ausili può essere parte dell attività di un servizio di riabilitazione e in tal caso utilizza operatori, locali e risorse presenti in esso, oppure può nascere come servizio di consulenza autonomo. Nel primo caso rientrano le ausilioteche nate nell ambito del Progetto A.L.I. in Piemonte. Prosegue Andrich nello stesso volume (pag. 8): Ciò che normalmente distingue le due tipologie di C.I.A. è il tipo di rapporto con l utente. Nei primi si tende ad avere una vera e propria presa in carico dell utente per tutti i problemi inerenti la riabilitazione e si ha la massima potenzialità per affrontare la scelta degli ausili in modo coerente e integrato nel protocollo riabilitativo. Le seconde hanno come interlocutore direttamente l utente ; in questo caso l integrazione con il percorso riabilitativo è legato alla volontà dell utente e alla disponibilità delle strutture che lo hanno in carico per quanto attiene la riabilitazione. I C.I.A. che si collocano nel territorio come i nostri devono conoscere la comunità locale, la sua cultura, le strutture presenti, le ditte commerciali del settore, devono inoltre essere visibili, pubblicizzare il servizio e informare/sensibilizzare l opinione pubblica al riguardo attraverso la pubblicazione di materiale illustrativo (es. il depliant informativo sugli ausili vedi allegati) di articoli su riviste e la promozione di incontri e iniziative culturali.

9 E indispensabile che i C.I.A. siano strettamente collegati e collaborino, anche mediante una rete informatica, in particolare con le strutture autorizzative degli ausili forniti dalle ASL (Uffici Protesi) e con i Servizi di Medicina Legale, al fine di adempiere alla loro funzione di divulgazione ed informazione sugli ausili. Sarebbe auspicabile la sperimentazione di procedure concordate tra i servizi al fine di ottimizzare i percorsi del disabile, qualificando con formazione specifica gli operatori dei diversi tipi di sportello. Sono infine importanti i contatti e le relazioni con altri servizi che svolgono la stessa attività, i C.I.A. presenti sul territorio regionale e nazionale e con i centri di ricerca e formazione quali il SIVA con centri riabilitativi, associazioni di disabili, enti locali, scuola, servizi sociali, enti commerciali del settore, tecnici ortopedici, medici di base, specialisti. La creazione di una rete di C.I.A. è anche il principio ispiratore del Progetto A.L.I.: la condivisione e lo scambio di risorse, materiali, strumenti, prodotti elaborati. B) A CHI SI RIVOLGE L ausilioteca si rivolge in modo DIRETTO all utente disabile, alla sua famiglia e agli operatori che lo hanno in carico; INDIRETTAMENTE a operatori sociosanitari (medici, terapisti, educatori e assistenti sociali), al personale delle residenze assistenziali, agli operatori scolastici, ai tecnici, agli studenti che si rivolgono all ausilioteca per progetti di ricerca o studio e a tutti coloro che a titolo personale o per lavoro si occupano di disabilità e di handicap. In relazione alle competenze e figure professionali i C.I.A. possono essere in grado di rispondere in misura maggiore o minore alle diverse disabilità (motorie, sensoriali, psichiche, etc.). Risulta quindi importante la definizione delle competenze presenti nelle équipe, al fine di precisare la domanda a cui ci si propone di rispondere. Sono inoltre particolarmente importanti i rapporti e il coinvolgimento di enti, organizzazioni non commerciali, associazioni di disabili presenti sul territorio. C) CAMPI DI INTERVENTO In generale le aree di competenza di un ausilioteca riguardano l informazione e la consulenza su: - ausili : tipologie, prodotti presenti sul mercato, indicazioni, modalità di utilizzo, reperibilità e iter prescrittivo - barriere architettoniche: eliminazione e legislazione relativa - legislazione su disabilità ed handicap: diritti, agevolazioni finanziarie - sport e turismo accessibile - iniziative di informazione e formazione AUSILI Lo standard internazionale ISO 9999, approvato nel 1998 come norma europea EN ISO 9999 definisce ausilio qualsiasi prodotto, strumento,

10 attrezzatura o sistema tecnologico di produzione specializzata o di comune commercio, utilizzato da una persona disabile per prevenire, compensare, alleviare o eliminare una menomazione, disabilità o handicap. Lo standard ISO divide inoltre gli ausili in 10 classi, in ognuna delle quali vi è un ulteriore suddivisione su 3 livelli. Le classi sono indicate con una numerazione ternaria e sono le seguenti: 03 Ausili per terapia e rieducazione 06 Protesi e ortesi 09 Ausili per la cura e la protezione personale 12 Ausili per la mobilità personale 15 Ausili per la cura della casa 18 Mobilia e adattamenti per la casa o altri edifici 21 Ausili per la comunicazione, l informazione e segnalazione 24 Ausili per manovrare oggetti e dispositivi 27 Ausili per miglioramento ambientale, utensili e macchine 30 Ausili per attività di tempo libero. La classificazione ISO è stata adottata dal nuovo Nomenclatore Tariffario delle protesi D.M. 332 del Le protesi sono invece presidi che sostituiscono in parte o del tutto parti del corpo mancanti (esempio per amputazione di un arto) (ISO 9999). Le ortesi sono presidi che aumentano, migliorano o controllano la funzionalità di parti del corpo presenti ma compromesse (es. scarpe ortopediche, tutori) (ISO 9999). A differenza degli ausili sono indossate direttamente sul corpo. Da quanto detto emerge come l ausilio sia uno STRUMENTO che permette alle persone disabili (o a chi le assiste) di svolgere attività quotidiane che altrimenti non potrebbero svolgere o di farle in modo più sicuro, veloce e accettabile (R. Andrich Ausili per l autonomia). Come verrà detto in seguito, la scelta e adozione di un ausilio richiedono molteplici valutazioni: clinica, tecnico-ambientale, familiare, socioassistenziale, psicologica. L ausilio deve infatti essere adeguato non solo in relazione alla disabilità della persona, ma anche all ambiente in cui viene usato, al contesto familiare e socio-assistenziale. L obiettivo che ci si prefigge con l ausilio è sempre un miglioramento dell autonomia e della qualità di vita delle persone disabili e/o di coloro che le assistono. Pertanto la proposta di un ausilio è un intervento che deve collocarsi in un progetto riabilitativo ed integrarsi con altri interventi: è uno strumento di cui il riabilitatore può avvalersi per perseguire gli obiettivi concordati con la persona disabile. Anche il Nuovo Nomenclatore Tariffario ribadisce questa finalità: La prescrizione costituisce parte integrante di un programma di prevenzione, cura e riabilitazione delle lesioni o loro esiti che ( ) determinano la menomazione o disabilità (art. 4 comma 3). L adozione di un ausilio, permettendo una maggiore autonomia al soggetto, può costituire una molla che innesca un ulteriore spinta all autonomia. Fa nascere nuove esigenze e bisogni nel soggetto e quindi ulteriori obiettivi di un intervento riabilitativo.

11 La proposta di un ausilio è però un momento delicato nel percorso riabilitativo: se migliora l autonomia, sottolinea peraltro agli occhi del soggetto disabile e delle altre persone la disabilità. E inoltre un oggetto esterno all individuo, con il quale il soggetto disabile deve imparare a relazionarsi e convivere. Possono quindi manifestarsi una mancanza o difficoltà di accettazione, perché, in ogni caso, l accettazione presuppone un riconoscimento della propria disabilità e l interiorizzazione dell ausilio. Ancora, l adozione di un ausilio è un intervento che richiede il coinvolgimento in prima persona e in modo attivo del disabile: l operatore può informare, consigliare, proporre, ma è il disabile che deve scegliere l ausilio. Relativamente alla prescrivibilità, gli ausili si collocano in tre categorie secondo la normativa vigente (D.M. 332 del ): a) ausili previsti dal Nomenclatore Tariffario b) ausili riconducibili c) ausili esclusi dal Nomenclatore Tariffario. a) AUSILI PREVISTI DAL NOMENCLATORE TARIFFARIO Il Nuovo Nomenclatore tariffario raggruppa gli ausili prescrivibili. E costituito dal testo di legge Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN: modalità e tariffe e da due allegati. L ALLEGATO 1 suddivide gli ausili in 3 elenchi: ELENCO 1 : NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI SANITARIE PROTESICHE ELENCO 2 : NOMENCLATORE DEGLI AUSILI TECNICI DI SERIE ELENCO 3: NOMENCLATORE DEGLI APPARECCHI ACQUISTATI DIRETTAMENTE DALLE AZIENDE ASL E DA ASSEGNARSI IN USO AGLI INVALIDI

12 ELENCO 1 : NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI SANITARIE PROTESICHE Sono dispositivi (protesi, ortesi e ausili tecnici) individuati ed allestiti su misura o personalizzati da un tecnico abilitato su prescrizione del medico specialista e sono destinati esclusivamente al paziente cui sono prescritti (art. 1 comma 2). Riportiamo l elenco delle classi principali di ausili dell elenco 1, confrontando le classificazioni dei due ultimi Nomenclatori Tariffari. Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE DI PRESIDI SECONDO IL NOMENCLATORE TARIFFARIO EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI PRESIDI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO AUSILI ORTOPEDICI: 28 Ausili addominali 11 Plantari 12 Rialzi 13 Calzature ortopediche predisposte di serie 14 Calzature ortopediche su misura PROTESI E ORTESI Ausili per la terapia dell ernia Ortesi per piede Ortesi per piede Calzature ortopediche di serie Calzature ortopediche su misura 16 Apparecchi ortopedici per arto inferiore 17 Apparecchi ortopedici per arto superiore 18 Apparecchi ortopedici per il tronco 19 Protesi di arto inferiore 20 Protesi di arto superiore 22 Ausili per la deambulazione e carrozzine Apparecchi ortopedici per arto inferiore Apparecchi ortopedici per arto superiore Ortesi spinali Protesi di arto inferiore Protesi di arto superiore Ausili per rieducazione di movimento, forza, equilibrio Biciclette Carrozzine Accessori per carrozzine Veicoli (passeggini) Ausili per il sollevamento Seggioloni Ausili posturali 26 Protesi oculari Sistemi di postura Protesi non di arto: Protesi oculari 21 Ausili per comunicazione, informazione e segnalazione Dispositivi ottici e correttivi Apparecchi acustici

13 ELENCO 2 : NOMENCLATORE DEGLI AUSILI TECNICI DI SERIE Sono dispositivi (ausili tecnici) di serie la cui applicazione o consegna non richiede l intervento del tecnico abilitato (art. 1 comma 3) Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE DI AUSILI SECONDO IL NOMENCLATORE TERIFFARIO EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI AUSILI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO 22 AUSILI PER LA STABILIZZAZIONE, POSTURA E DEAMBULAZIONE 12 AUSILI PER LA MOBILITA PERSONALE 12.9 Ausili per deambulazione stampelle, tripodi, quadripodi, deambulatori) Biciclette (a due ruote) Carrozzine (a telaio rigido, ad autospinta unilaterale, moto-carrozzine) Passeggini (tipo chiudibile ad ombrello) Sollevapersone Seggiolone normale 25 PROTESI PER LARINGECTOMIZZATI Ausili per tracheotomia Cannula 27 ACCESSORI (PER PROTESI E TUTORI DI ARTO) Vestiti e calzature Ausili di protezione del corpo 30 PROTESI FISIOGNOMICHE Protesi non di arto Protesi mammarie 101 AUSILI PER L INCONTINENZA 09 AUSILI PER LA CURA E LA PROTEZIONE PERSONALE ausili per evacuazione ausili per stomia raccoglitori per urina cateteri esterni e vescicali ausili assorbenti l urina 18 FORNITURE ED ADATTAMENTI PER LA CASA letti (traverse assorbenti) 201 AUSILI PER LA FUNZIONE VISIVA 09 AUSILI PER LA CURA E LA PROTEZIONE PERSONALE orologi ausili per la misurazione della temperatura corporea 12 AUSILI PER LA MOBILITÀ PERSONALE ausili per la deambulazione (bastoni per non vedenti)

14 21 AUSILI PER LA COMUNICAZIONE E L INFORMAZIONE ausili ottici elettronici ausili per la scrittura 301 AUSILI PER LA FUNZIONE ACUSTICA 401 AUSILI PER LA FONAZIONE/COMUNICAZIONE 21 AUSILI PER LA COMUNICAZIONE E L INFORMAZIONE sistemi per la trasmissione del suono ausili per la comunicazione interpersonale periferiche di input e output macchine da scrivere e sistemi elaborazione testi telefoni e ausili per telefonare 501 AUSILI PER LA FUNZIONE MOTORIA 18 FORNITURE ED ADATTAMENTI PER LA CASA letti ortopedici 03 AUSILI PER TERAPIA ED ADDESTRAMENTO ausili antidecubito (cuscini e materassi) 09 AUSILI PER LA CURA E LA PROTEZIONE PERSONALE Prevenzione e trattamento lesioni cutanee (bendaggi)

15 ELENCO 3: NOMENCLATORE DEGLI APPARECCHI ACQUISTATI DIRETTAMENTE DALLE AZIENDE ASL E DA ASSEGNARSI IN USO AGLI INVALIDI Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE DI AUSILI SECONDO IL NOMENCLA TORE TARIFFARIO EX D.M. 28/12/92 CLASSI DI AUSILI CORRISPONDENTI SECONDO LA CLASSIFICAZIONE A NORMA ISO 601 APPARECCHI ATTINENTI LA FUNZIONE RESPIRATORIA RESPIRATORI CONCENTRATORI DI OSSIGENO VENTILATORE POLMONARE NEBULIZZATORE APPARECCHIO ASPIRATORE PER LARINGECTOMIZZATI 03 ausili per terapia e addestramento ausili per terapia respiratoria Respiratori/Ventilatori Ossigenatori (inclusi concentratori di ossigeno) Ventilatori Inalatori (inclusi i nebulizzatori codificati nella norma EN 2999:1944 come ) Aspiratori Attrezzature per iniezione 701 APPARECCHI PER IL RECUPERO DELLA FUNZIONE ALIMENTARE APPARECCHIO ALIMENTATORE 22 MONTASCALE MOBILI ausili per mangiare e bere: Apparecchio alimentatore Apparecchiature di sollevamento (montascale) L ALLEGATO 2 contiene: - tempi minimi di rinnovo - tempi massimi di consegna/fornitura - termini di garanzia. b) AUSILI RICONDUCIBILI Qualora l assistito scelga un tipo o un modello di dispositivo non incluso nel nomenclatore allegato al presente regolamento, ma riconducibile, a giudizio dello specialista prescrittore, per omogeneità funzionale a quello prescritto ai sensi dell articolo 4, comma 2, l azienda ASL di competenza autorizza la fornitura e corrisponde al fornitore una remunerazione non superiore alla tariffa applicata o al prezzo determinato dalla stessa azienda per il dispositivo incluso nel nomenclatore e corrispondente a quello erogato (art 1 comma 5 D.M. 332 del ). La riconducibilità è definita in termini di omogeneità funzionale e non tecnica, ampliando quindi le possibilità prescrittive, rispetto al vecchio Nomenclatore Tariffario.

16 Es. i sollevatori per vasca o auto possono essere considerati riconducibili al sollevatore: la funzione di trasferimento e sollevamento è comune mentre diversi sono il luogo di utilizzo e le caratteristiche tecniche dei tre tipi di presidio. Il concetto di riconducibilità in termini funzionali è indipendente da quello economico per cui l ausilio può avere prezzo non solo superiore (per cui è necessaria un integrazione del disabile) a quello previsto nel Nomenclatore tariffario, ma anche inferiore, con costi inferiori per le aziende ASL. c) AUSILI ESCLUSI DAL NOMENCLATORE TARIFFARIO Alcune categorie di ausili non sono contemplate dal Nomenclatore tariffario. Alcuni esempi sono: - adattamento dei comandi di guida per l auto, - sistemi di controllo ambientale, - ausili informatici ad eccezione della stampante braille e del sintetizzatore vocale per PC, - ausili per l alimentazione (posate, bicchieri) e la preparazione dei cibi (es. taglieri, apriscatole), - ausili per la movimentazione dei malati (es. teli di trasferimento e assi di trasferimento), - ausili per i sordi, ad eccezione del comunicatore telefonico e dei trasmettitori. Il nuovo Nomenclatore Tariffario prevede peraltro all articolo 1, comma 6 : In casi particolari, per i soggetti affetti da gravissime disabilità, l azienda ASL può autorizzare la fornitura di dispositivi non inclusi negli elenchi del nomenclatore allegato, sulla base dei criteri fissati dal Ministro della Sanità, d intesa con la conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome, relativi alle condizioni dei soggetti, alle modalità di prescrizione e di controllo e alla tipologia di dispositivi che possono essere autorizzati. Inoltre la Regione Piemonte fin dal 1997 ha stanziato una cifra annuale per l erogazione di alcuni ausili per particolari categorie di disabili (Determina Regionale 222 del ). I criteri generali per la prescrizione sono l indispensabilità e l insostituibilità del presidio. La delibera prevede che l erogazione venga autorizzata, in via prioritaria, non escludendo altri soggetti invalidi, per pazienti: medullolesi, affetti da vescica neurologica o da malattie neoplastiche, enterourostomizzati, gravi ustionati. Gli ausili forniti sono: - ausili tecnici non previsti o riconducibili al nomenclatore; - ausili per incontinenti in misura superiore a quella prevista o non inseriti né riconducibili; - indumenti compressivi, tutori statici e dinamici ai pazienti che hanno riportato gravi ustioni; - erogazione di protesi fonatorie, successive alla prima, e relativo materiale d uso per i soggetti laringectomizzati. L autorizzazione viene concessa solo quando i suddetti presidi sono ritenuti indispensabili e insostituibili da parte dello specialista e previa

17 presentazione all ASL di residenza di almeno due preventivi di spesa relativi al presidio. La fornitura della quota eccedente la qualità e quantità di ausili potrà essere erogata per fabbisogni non eccedenti il trimestre. BARRIERE ARCHITETTONICHE Il D.M. 236/89 (articolo 2a) definisce barriere architettoniche: 1. gli ostacoli che sono fonte di disagio per la mobilità di chiunque e in particolare di coloro che, per qualsiasi causa, hanno capacità motoria ridotta o impedita in forma permanente o temporanea. 2. gli ostacoli che limitano o impediscono a chiunque la comoda e sicura utilizzazione di parti, attrezzature, e componenti. 3. la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque e in particolare per i non vedenti, per gli ipovedenti e per i sordi. Si intendono inoltre con i termini di: ACCESSIBILITA : Il D.M. 236/89 (art. 2 G) definisce accessibilità: la possibilità, anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruirne spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia. Come si comprende, dando giusto rilievo ad ogni parola di tale definizione, il senso con il quale viene utilizzato il termine accessibilità (nel contesto di cui stiamo trattando) va ben oltre il significato di possibilità di entrare in un luogo! Infatti il D.M. 236/89 (art. 3.1) specifica che l accessibilità esprime il più alto livello (considerato in relazione alle proprie finalità) di qualità dello spazio costruito, in quanto ne consente la totale fruizione nell immediato. VISITABILITA : La Legge 13/89 introduce ufficialmente per la prima volta nella normativa italiana la richiesta di questo requisito. Il D.M. 236/89 (art. 2 H) definisce visitabilità: la possibilità, anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di accedere agli spazi di relazione e ad almeno un servizio igienico di ogni unità immobiliare. Sono spazi di relazione gli spazi di soggiorno o pranzo dell alloggio e quelli dei luoghi di lavoro, servizio e incontro, nei quali il cittadino entra in rapporto con la funzione ivi svolta. A tal riguardo il D.M. 236/89 (art. 3.1) specifica che, rispetto ai tre livelli (considerati in relazione alle proprie finalità) di qualità dello spazio costruito, la visitabilità rappresenta un livello di accessibilità limitato ad una parte più o meno estesa dell edificio o delle unità immobiliari, che consente comunque ogni tipo di relazione fondamentale anche alla persona con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. Negli articoli seguenti del D.M. 236/89 e nel D.P.R. 503/96 sono specificati nei dettagli i criteri e modi di applicazione di tale requisito.

18 FRUIBILITA : Il significato di fruibilità non è espressamente richiamato (anche se il vocabolo è più volte utilizzato) nel D.M. 236/89, ma non è difficile intuirne il senso: esso indica la possibilità di usufruire/utilizzare pienamente l ambiente, le attrezzature, gli oggetti. Talora è usato come sinonimo di accessibilità, talaltra è abbinato a questo termine; sovente è ad esso sottinteso. La legislazione italiana sul tema attualmente è costituita da: - legge 13/89 e D.M. 236/99 relative all edilizia privata e residenziale - legge 188/71 e DPR 503/96 relativa all edilizia e spazi pubblici. A queste leggi specifiche sul tema occorre aggiungere la legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate che prevede agevolazioni per opere volte al superamento delle barriere architettoniche e prevede anche sanzioni in caso di inadempienze. Norme precise sono poi state elaborate per interventi specifici (es. piattaforme elevatrici); inoltre sono stati emanati a livello locale (regioni, province, comuni) provvedimenti in merito. Diventa quindi importante conoscere le opportunità e le risorse presenti nel proprio territorio locale. Nonostante le leggi, la progettazione architettonica ha sempre fatto riferimento per lo più al modello antropometrico della persona in piena efficienza fisica e non al criterio dell accessibilità, che propone un architettura adatta alla maggior parte delle persone con bisogni speciali, e nello stesso tempo, anche a quelle dotate di efficienza fisica. Il ruolo e le competenze di una ausilioteca nei confronti del problema delle barriere architettoniche varia a seconda che si tratti di predisporre ambienti di pubblica utilità o ambienti privati che verranno fruiti da persone con bisogni specifici di cui è possibile conoscere esattamente il tipo di disabilità. Nel primo caso il ruolo del consulente è quello di informare il richiedente (esercizio pubblico, Comune...) delle norme di legge sulle barriere architettoniche negli edifici pubblici ed eventualmente indirizzare a tecnici progettisti particolarmente competenti sull argomento (ad es. CERPA Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell Accessibilità). Nel secondo caso occorre in primo luogo un analisi molto dettagliata della situazione e delle esigenze della persona interessata che non può essere lasciata al solo progettista ma, al contrario, deve essere discussa con la persona disabile stessa e con gli operatori che ne seguono la riabilitazione. In questo caso la persona deve essere informata delle specifiche disposizioni di legge in materia di abbattimento delle barriere architettoniche nell edilizia privata e residenziale (legge n 13 del ) ed indirizzata al Comune di competenza per la conseguente richiesta di adattamento. Il riabilitatore consulente interviene nel rapporto tra il disabile e l ambiente e senza diventare di volta in volta progettista, politico, idraulico, mette a disposizione le sue competenze tecnico scientifiche, nell ambito di progetti di superamento di barriere architettoniche.

19 LEGISLAZIONE SU DISABILITA E HANDICAP I Centri Informazione Ausili, in collaborazione con gli sportelli Informahandicap, attivati in diverse città della nostra regione (vedi Indirizzi utili), forniscono informazioni sulla legislazione vigente in campo di disabilità ed handicap, avvalendosi di un archivio cartaceo di leggi e di banche dati informatiche e su Internet (una tra le più note è Handylex, curata dalla UILDM Unione Italiana per la Lotta alla Distrofia Muscolare). Le informazioni legislative che i CIA forniscono riguardano principalmente l ambito degli ausili: aventi diritto, iter e tempi per il conseguimento, rinnovo, agevolazioni finanziarie per l acquisto di ausili, auto, adattamento per l auto, ausili informatici, disposizioni ed agevolazioni per l abolizione delle barriere architettoniche. SPORT E TURISMO ACCESSIBILE Negli ultimi anni è aumentato l interesse nei confronti del disabile turista e/o sportivo. Alcune agenzie turistiche in numero crescente organizzano viaggi e soggiorni per persone disabili. Nel campo dello sport le nuove tecnologie hanno inoltre fornito grande contributo allo sviluppo del settore (i nuovi tipi di monosci per disabili motori, lo sci o il tiro con l arco per non vedenti...). In questo settore il ruolo dell ausilioteca è quello di informare ed indirizzare le persone interessate alle agenzie ed associazioni competenti. INFORMAZIONE - FORMAZIONE Attivare iniziative che contribuiscano a creare la cultura dell ausilio come promotore di autonomia è compito primario di una ausilioteca. Alcuni esempi al riguardo possono essere chiarificatori: - incontri di istruzione su categorie di ausili per specifiche disabilità (ausili antidecubito, sistemi di postura e carrozzine per l anziano...) per fisioterapisti, infermieri professionali, assistenti domiciliari, logopedisti, O.T.A. ed allievi dei suddetti profili professionali - incontri informativi su disabilità e ausili rivolti ad allievi di scuole per infermieri professionali, assistenti domiciliari; - incontri di sensibilizzazione sul tema della disabilità e delle barriere architettoniche, culturali e sociali, con studenti di ogni ordine scolastico (utilizzo di film, racconti, testimonianze dirette) e la popolazione in generale; - produzione di materiale informativo: depliants, opuscoli e questo stesso volumetto.

20 CAPITOLO 2 - COME SI COSTRUISCE UNA AUSILIOTECA VIRTUALE A) RUOLI PROFESSIONALI E LORO COMPITI Il lavoro di un C.I.A. deve essere svolto in équipe, date le molte e diverse competenze richieste dall attività con gli ausili e la grande varietà di domande che ad essa possono essere rivolte (tecnologica, clinica, relazionale, organizzativa, sociale, etc.). L équipe di un ausilioteca si forma abitualmente nel tempo, per mutuo adattamento. Gli operatori di un servizio di riabilitazione, spinti da obiettivi comuni sul versante di una migliore prescrizione degli ausili, possono costituire il primo nucleo di un gruppo di lavoro. A loro possono aggiungersi, compatibilmente con le risorse disponibili, consulenti interni od esterni all équipe (informatico, architetto, tecnici ortopedici, psicologo, assistente sociale, medici autorizzatori, etc.). Il nucleo essenziale è costituito comunque da: - il medico, che coordina le attività ed è il referente per le problematiche gestionali ed organizzative, decide le attività promozionali, organizza l attività di formazione, si occupa della valutazione diagnostica in quanto responsabile delle prescrizioni; - il fisioterapista, che svolge l attività di consulenza ed in particolare si occupa dell analisi preliminare di domanda e bisogno e dell analisi funzionale in prima persona o in collaborazione con i servizi che hanno in carico l utente disabile, individua l ausilio, si occupa del successivo addestramento all uso e del controllo di qualità attraverso follow-up, organizza l archivio dei cataloghi degli ausili, gestisce le attività promozionali e mantiene i contatti con la rete esterna; in relazione ai problemi e agli ausili per la comunicazione l attività di consulenza è svolta dal logopedista; - l amministrativo, che svolge il lavoro di segreteria. B) ORGANIZZAZIONE DELL AMBIENTE La sede dell ausilioteca deve essere accessibile, anche dal punto di vista architettonico alle persone disabili. La sistemazione e l arredamento dei locali sono molto importanti per permettere alle persone che vi accedono, siano esse disabili o no, di sentirsi a proprio agio; la sistemazione di tavoli e sedie deve permettere a tutti di vedersi, l utente deve poter consultare il materiale cartaceo a disposizione del centro. L atmosfera dell ambiente dovrà essere il meno possibile asettica per rendere il colloquio tranquillo e ridurre eventuali resistenze psicologiche.

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia 1. TEMPI MINIMI DI RINNOVO A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Laurea Specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative Insegnamento Metodi

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Pianificazione e Sviluppo dei servizi sociali e socio - sanitari Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Dettagli

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 172 ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 173 ELENCO N. 3: Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità L accessibilità in Piemonte Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità COSA SI INTENDE PER ACCESSIBILITA L accessibilità è la possibilità, anche per persone

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 TIPO DI CONSULENZA 1542 % Servizi di informazione e orientamento Colloquio

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

Come acquistare ALLERT:

Come acquistare ALLERT: Come acquistare ALLERT: da privato (vai alla slide 2) tramite richiesta di contributo ASL come comunicatore simbolico (vai alla slide 3) Da privato: Dopo aver scelto ALLERT, per cui consigliamo vivamente

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni:

La legge individua due diverse tipologie di autorizzazioni: IMPORTANTI NOVITA PER CHI DEVE APRIRE UNO STUDIO PROFESSIONALE Legge regionale n. 10 del 21.07.2006 AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DI ATTIVITA SANITARIE. La Legge Regionale n. 10 del 21.07.2006 ha provveduto

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL

Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL Allegato B Alla c.a. Ufficio Assistenza Protesica ASL RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI SISTEMI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL AUTONOMIA E ALL INTEGRAZIONE ANNO 2007 Il/la sottoscritto/a

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Servizio Disabilità e DSA Centro Supporto Ausili Tecnologici (CSAT) Delegato Rettorale Prof.ssa Alice

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO

In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO Allegato A alla deliberazione n. 16 del 15 gennaio 2015 composto da n. 07 fogli In ottemperanza al Decreto n. 12006 del 10 dicembre 2014, questa ASL pubblica il seguente BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica Percorsi riabilitativi mirati alla valutazione e alla prescrizione degli ausili: l esempio del protocollo carrozzine elettroniche in atto tra ASL di Milano e Fondazione Don Gnocchi Rosa Maria Converti

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico

Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Il Centro Provinciale per l Adattamento dell Ambiente Domestico Un abitare di qualità, per tutti A.S. Annalisa Rolli Come nasce il Centro Delibera Consiglio Regionale n.514/2003 I Centri di informazione

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Disabilità Carta dei servizi Art. 1 Principi Generali Il Servizio Disabilità dell Università di Padova trova il suo fondamento operativo

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

TRA SI CONVIENE E STIPULA

TRA SI CONVIENE E STIPULA CONVENZIONE TRA L ASL VC VERCELLI E L UNIONE ITALIANA CIECHI ED IPOVEDENTI O.N.L.U.S. SEZ. PROVINCIALE DI VERCELLI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOVRAZONALE PER LA PREVENZIONE, DIAGNOSI, RIABILITAZIONE

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli