Rendiamo il gioco accessibile a tutti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiamo il gioco accessibile a tutti."

Transcript

1 Rendiamo il gioco accessibile a tutti.

2

3 La vita di un bambino dovrebbe essere semplice. Dovrebbe essere piena di giochi e risate. Una volta diventati adulti, dovremmo conservare per tutta la vita gli amici di infanzia ed i ricordi felici. Noi alla HAGS desideriamo dare a tutti questa possibilità. Le aree gioco e i parchi da noi progettati sono pertanto accessibili a persone di ogni età e con qualsiasi livello di abilità fisica. Il diritto dei bambini al riposo e al tempo libero, al gioco e alle attività ricreative è sancito dalla Convenzione sui Diritti dell'infanzia dell'onu. E i bambini con disabilità fisiche o mentali hanno il diritto di partecipare attivamente alla vita della comunità*. I nostri prodotti vengono progettati e studiati con grande attenzione. Vogliamo creare opportunità di gioco e di svolgimento di attività fisica indipendentemente dal livello di abilità del bambino. Vogliamo che il gioco sia un'esperienza che arricchisca e accompagni la persona per tutta la vita. Il Cerchio del gioco HAGS è il punto di partenza del nostro lavoro. Questo cerchio dimostra che il gioco è molto più di un breve momento di svago. Dimostra che l'attività fisica migliora l'intelligenza, l'empatia e la forza dei bambini. In questa brochure verrà illustrato come creare un parco giochi accessibile a tutti. * I fanciulli mentalmente o fisicamente handicappati devono condurre una vita piena e decente, in condizioni che agevolino una loro attiva partecipazione alla vita della comunità. I fanciulli hanno il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative. Articoli 23 e 31 della Convenzione sui Diritti dell'infanzia delle Nazioni Unite.

4 Cosa si intende per gioco accessibile a tutti? Quando si chiede ad un bambino cosa significa per lui il gioco, di solito la risposta è correre, inseguire, andare in bici e giocare con la palla. Il concetto di gioco è associato a quelli di attività, amicizia e sfide. Tutti i bambini di solito danno risposte simili, indipendentemente dal loro livello di abilità fisica. Il termine accessibilità assume significati diversi in contesti diversi e un parco giochi va progettato in base ai bambini che lo useranno. I bambini con una disabilità fisica possono, e vogliono, giocare esattamente come tutti gli altri bambini. Leggendo questa brochure scoprirete con quanto impegno e attenzione HAGS progetta i parchi giochi. Scoprirete in che modo aiutiamo i nostri clienti a creare parchi giochi che rendono il gioco davvero accessibile a tutti. Purtroppo, molti parchi giochi pubblici o collocati all'interno di scuole non sono accessibili ai bambini con disabilità fisiche. Come gli adulti, anche i bambini devono avere la possibilità di muoversi liberamente al meglio delle loro capacità. Nelle scuole frequentate da bambini con disabilità chiaramente definite possono essere necessari significativi interventi di modifica che dovranno essere pianificati fin dall'inizio del progetto, mentre nelle aree gioco ospitate all'interno di parchi pubblici possono rendersi necessarie modifiche specifiche volte a semplificare e migliorare l'accessibilità del parco giochi. HAGS è presente nel settore dei prodotti per parchi giochi da oltre 60 anni. In questo arco di tempo abbiamo accumulato una vastissima esperienza e conoscenza su come progettare i parchi giochi al fine di ottenere i migliori risultati possibili. Nel corso degli anni abbiamo approfondito le nostre conoscenze sul tema dell'accessibilità lavorando a stretto contatto con numerose organizzazioni ed esperti operanti nei vari campi delle disabilità fisiche. E, naturalmente, teniamo conto delle opinioni e delle idee più brillanti dei bambini. Questo impegno concertato ci ha permesso di realizzare soluzioni che consentono a tutti i bambini di accedere all'esperienza del gioco.

5 Cosa valutare durante la progettazione di un parco giochi Un parco giochi per tutti diventa il punto d'incontro naturale per i bambini e i loro genitori. Durante la progettazione di un parco giochi è fondamentale considerare quanto segue: Oltre alle attrezzature ludiche, nel parco giochi devono essere presenti aree accoglienti con panchine e tavoli in cui gli adulti e i bambini, con o senza disabilità, possono sedersi e rilassarsi. I cestini per i rifiuti sono un altro elemento importantissimo. Devono essere presenti superfici compatte per offrire ai bambini e agli adulti a mobilità ridotta un accesso completo o parziale al parco giochi. I percorsi che portano alle altalene ed alle attrezzature da gioco devono presentare una superficie compatta per consentire ai bambini e agli adulti in sedia a rotelle o con altri problemi di mobilità di raggiungere e utilizzare le attrezzature. Occorre valutare l'impiego di pavimentazione antitrauma con piastrelle di gomma morbida o gomma gettata in opera nelle aree occupate dalle attrezzature ludiche e dalle altalene per creare una superficie stabile. Contrasti di colori, suoni e luci possono agevolare l'orientamento dei bambini all'interno dell'ambiente di gioco. Utilizzate panchine, attrezzature da gioco e superfici di sicurezza con colori diversi per denotare aree diverse. È possibile combinare attrezzature da gioco adattate a esigenze specifiche con prodotti standard, ad esempio altalene tradizionali con altalene progettate per i bambini con disabilità. I parchi giochi per persone di tutte le età e con diversi livelli di abilità devono offrire l'opportunità di divertirsi giocando insieme. I bambini su sedia a rotelle devono poter accedere alle strutture chiuse e alle costruzioni presenti nel parco giochi. Tali ambienti potranno essere progettati con due entrate senza pavimenti e soglie sulle porte. Contattate HAGS per discutere i vostri requisiti specifici ed esigenze di adattamento delle attrezzature ludiche, come schienali per le altalene o giochi a molla. Saremo lieti di aiutarvi a trovare le soluzioni migliori per il vostro parco giochi. Non è indispensabile installare gli scivoli su una struttura da gioco, spesso possono essere installati su collinette o pendii naturali. Valutate la possibilità di installare qualche forma di barriera antirumore se il parco giochi si trova in prossimità di una strada trafficata. La disponibilità di un angolo raccolto è un'altra caratteristica apprezzata dei parchi giochi. Ci sono bambini che preferiscono giocare in un luogo più tranquillo, pertanto può essere una buona idea schermare parte dell'area di gioco. Non dimenticate che a volte piove o che d'estate può fare molto caldo sotto i raggi diretti del sole. Prevedete quindi la presenza di tettoie e luoghi per ripararsi dal sole e dalla pioggia. Prevedete la presenza di un bagno per disabili vicino al parco o al parco giochi. HAGS sarà lieta di aiutarvi a progettare un parco giochi efficiente e funzionale. Sappiamo come creare un ambiente che consenta a tutti di socializzare e partecipare alle attività. Anche se non possiamo produrre attrezzature in grado di soddisfare le esigenze di tutti, potremo aiutarvi a creare un parco giochi in grado di offrire qualcosa a ogni utente e in cui tutti i bambini possono giocare insieme in tanti modi diversi.

6 Un parco giochi all'insegna dell'attività Non esistono due ambienti o parchi giochi uguali tra loro. Per questo ogni progetto e ogni cambiamento è di per sè assolutamente unico. Noi di HAGS siamo sempre lieti di dimostrare ai nostri clienti come è facile modificare i parchi giochi esistenti con i nostri prodotti e possiamo aiutarvi a progettarne anche l'accessibilità. Le superfici compatte consentono ai bambini di camminare, correre, cadere e rotolarsi a terra tutti insieme nel parco giochi. Vari componenti stimolanti e divertenti permettono ai bambini di saltare, arrampicarsi, cadere, scivolare, ruotare e correre al meglio delle loro capacità. Grazie alla cura con cui vengono progettati i punti di trasferimento come le rampe, le superfici compatte ed il layout del gioco, anche i bambini con disabilità possono divertirsi e giocare. Nella sabbiera i bambini possono giocare tutti insieme. Proponiamo una gamma straordinaria di giochi per acqua e sabbia che permettono ai bambini di partecipare alle attività insieme.

7 Includete elementi che incoraggino i bambini a osservare, ascoltare e toccare. Estendete le attrezzature esistenti e migliorate l'accessibilità aggiungendo punti di trasferimento, sedili speciali per altalene, schienali, rampe e scalini. Ogni volta che salgono sull'altalena, stanno in equilibrio o vanno in bicicletta, i bambini sviluppano la loro capacità di coordinazione e la concentrazione. Prevedete tavoli e sedie in abbondanza su cui adulti e bambini potranno fare un picnic tutti insieme.

8 I giochi a integrazione non devono essere noiosi Nicole è un'allegra bambina di otto anni che presto andrà in seconda elementare. Come tutti i bambini della sua età, è molto curiosa e le piace giocare all'aperto con i suoi amici. L'unica differenza tra lei e i suoi compagni di classe è il fatto che Nicole è in sedia a rotelle. Nicole ha una malattia muscolare che le impedisce di usare le gambe e indebolisce le sue braccia. Nicole vive ad Årsta, a sud di Stoccolma, con i genitori Anneli e Micke and e le sue sorelle Estelle e Celine. Nicole e la sua famiglia amano la vita all'aria aperta e frequentano spesso i parchi giochi della zona. Ora hanno un parco giochi preferito e hanno smesso di frequentare tutti gli altri. Dato che Nicole non può usare i giochi e le strutture presenti negli altri parchi, non ha senso frequentarli. Gli altri bambini non hanno mai escluso Nicole dal gioco. Il problema è solo il fatto che Nicole non riesce proprio a giocare insieme a loro, spiega Anneli. Molti parchi giochi sono ospitati all'interno di un'area piena di sabbia completamente circondata da bordi rialzati di legno. Nicole non riesce neppure ad avvicinarsi alle attrezzature ludiche. È una vista struggente. Basterebbe una pedana di gomma per permettere anche a lei di giocare. Integrare le caratteristiche dell'ambiente Facendo parte del Consiglio dell'associazione svedese per i bambini e i ragazzi disabili (RBU) di Stoccolma, Anneli ha potuto partecipare alla

9 progettazione di numerosi parchi giochi e a vari progetti gestiti in collaborazione con Bygg Klokt, un'organizzazione cui fanno capo altre sette organizzazioni per i disabili. A chi si occupa di progettazione di aree di gioco, Anneli consiglia innanzitutto di integrare le caratteristiche dell'ambiente naturale nell'area di gioco. Ad esempio come è stato fatto in un parco sulla costa occidentale della Svezia, in cui la pendenza naturale del terreno è stata sfruttata per permettere ai bambini di raggiungere tutti i livelli delle attrezzature ludiche. Anneli osserva: È stata un'ottima scelta progettuale che consente a Nicole di accedere alle attrezzature come tutti gli altri bambini. Non bisogna mai dare per scontato che un parco giochi smetta di essere divertente solo perché è stato modificato per i disabili. La Giunta provinciale e l'ufficio dei trasporti urbani hanno dato alla famiglia un sostegno straordinario e risposte positive nel corso degli anni. Ma Anneli auspica che si presti maggiore attenzione a queste tematiche fin dalla progettazione iniziale. Se un bilico è già dotato di schienali nel momento in cui viene installato nel parco giochi, non dovrà essere modificato in seguito. E una volta terminati i lavori di adattamento di un parco, sarebbe logico applicare le stesse idee ai parchi che vengono adattati in seguito, anziché riprogettare tutto da zero. Anneli osserva tuttavia che alcune cose proprio non possono essere cambiate. I bambini sono sempre eccitati all'idea di salire in alto e non si possono eliminare le corde da arrampicata e le attrezzature ludiche in posizione elevata. A Nicole ovviamente fa piacere che le sue sorelle e i suoi amici possano arrampicarsi e scivolare giù, ma le piacerebbe anche poter giocare insieme a loro. Anneli ci racconta che Nicole spesso dice: Non posso andare sullo scivolo, ma posso fare altre cose e mi diverto lo stesso. Il gioco deve far vivere emozioni Decidiamo di andare in un parco giochi vicino a casa e il divertimento inizia appena usciti di casa. Nicole prende l'ascensore ed Estelle corre giù dalle scale. Fanno a gara per vedere chi arriva prima in fondo alle tre rampe di scale. Entrambe sanno come raggiungere il parco e si precipitano a tutta velocità, Estelle in bicicletta e Nicole con la sua sedia a rotelle. Nicole e gli altri bambini si divertono un mondo con il Cumulus, uno dei loro giochi preferiti nel parco. Si divertono anche al tavolo per la sabbia. Anneli vorrebbe che ci fossero sempre dei giochi che permettono a Nicole di giocare ai negozi o al fornaio, a tris o con le automobiline con i suoi amici. La creatività è fondamentale. I parchi giochi non devono trasformarsi in un luogo scontato e noioso quando vengono modificati. È essenziale che il parco giochi continui a far vivere ai bambini delle emozioni, spiega Anneli. E per quanto riguarda la gara tra ascensore e scale, beh, questa volta ha vinto Estelle. Ma con un vantaggio di pochissimi secondi, concordano le sorelle.

10 Un vero parco giochi L'attenzione di HAGS è sempre incentrata su un obiettivo fondamentale: rendere il gioco stimolante, interessante e divertente per tutti i bambini, indipendentemente dal loro livello di abilità fisica. Abbiamo maturato una lunga esperienza internazionale nella creazione di parchi giochi, dalla progettazione all'installazione e l'inaugurazione. Non esitate a contattarci per chiedere la nostra assistenza. Insieme possiamo creare un parco giochi accessibile e divertente per tutti.

11 Ci sono tantissimi parchi giochi eccellenti in tutto il mondo che vale la pena visitare per trovare idee e ispirazione. I parchi giochi che vedete in queste pagine si trovano negli USA, in Australia, in Svezia, in Spagna, in Francia e in Norvegia. Se vi interessa visitarli, fatecelo sapere e vi forniremo tutti i dettagli. Saremo lieti di aiutarvi a modificare un parco giochi per renderlo più accessibile in molti modi diversi.

12

13

14

15 IO CAPACITÀ PERSONALI Il gioco fa sviluppare il senso di identità permettendo alla personalità del bambino di formarsi. Il bambino impara ad affrontare le diverse situazioni osservando il comportamento degli altri e sognando, pianificando e pensando. NOI CAPACITÀ SOCIALI Quando i bambini giocano insieme sviluppano le loro capacità sociali. I giochi di ruolo e il lavoro di squadra nascono in modo quasi automatico tra i bambini che giocano insieme in un parco giochi. I NUMERI CAPACITÀ MATEMATICHE Quando i bambini imparano ad arrampicarsi, sviluppano la coordinazione fisica e mentale e imparano anche a contare. Il gioco pone inoltre le basi per imparare a risolvere problemi matematici concreti, pratici e astratti. LO SPAZIO CAPACITÀ VISIVE I bambini sviluppano la consapevolezza dello spazio attraverso il gioco e l'attività fisica, guardando e immaginando le cose. Imparano inoltre a vedere in prospettiva e a mettere in correlazione oggetti di dimensioni diverse. CORPO C e RC H Io de L GIo Co H AG S PAROLE IO NOI NUMERI SPAZIO IL RAPPORTO CON LA NATURA Il gioco all'aperto permette ai bambini di vivere e capire il mondo naturale. I bambini sono curiosi di conoscere la natura e si sentono a proprio agio nei luoghi aperti. Inoltre, imparano a osservare i fenomeni naturali e a fare nuove scoperte. LA VITA CAPACITÀ ESISTENZIALI Il gioco aiuta i bambini a capire che tutte le persone hanno diritto alla libertà e alla scelta. I giochi di ruolo contribuiscono inoltre a far conoscere la vita ai bambini. MUSICA SENSI VITA NATURA I SENSI CAPACITÀ INTUITIVE I bambini sviluppano la capacità di pensare liberamente, usando idee, situazioni e storie di fantasia mentre giocano. Durante la simulazione di una situazione, i bambini imparano a fidarsi delle loro capacità e del loro istinto e a pensare in modo astratto. LA MUSICA CAPACITÀ MUSICALI La musica, in forma di canzoni e ritmi, fa spesso parte dell'esperienza di gioco tra i bambini. Per i bambini che si esercitano con il ritmo, i suoni e le melodie, sarà più facile in seguito apprendere concetti linguistici, grammaticali e matematici. IL CORPO CAPACITÀ FISICHE E MOTORIE Negli anni della crescita, i bambini imparano a conoscere le loro capacità fisiche e motorie e come usare le diverse parti del corpo. L'attività fisica contribuisce inoltre a stimolare l'intelligenza. LE PAROLE CAPACITÀ LINGUISTICHE Quando i bambini giocano insieme sviluppano la capacità di pensare, parlare, usare le parole e imparare altre lingue. Le capacità linguistiche continuano a svilupparsi durante tutta l'infanzia, quando i bambini incontrano gli adulti e altri bambini in contesti diversi. non solo gioco e divertimento HAGS si impegna a creare opportunità di gioco e divertimento illimitato per i bambini di tutto il mondo. Ma il gioco è molto più di un semplice svago. È una vera e propria scienza. Il gioco è molto più di un piacere momentaneo. È anche uno strumento educativo quasi impareggiabile che trasmette al bambino un'infinità di lezioni e conoscenze preziose che lo accompagneranno per tutta la vita. Il Cerchio del gioco HAGS è stato creato per illustrare le diverse capacità che i bambini apprendono quando giocano. Questo modello viene usato durante lo sviluppo e la presentazione dei nostri prodotti di gioco. Esiste un chiaro collegamento tra il Cerchio del gioco HAGS e l'accessibilità. Affinché i bambini possano trarre beneficio dal gioco, è essenziale progettare le attrezzature da gioco in modo che offrano ai tutti i bambini lo stesso livello di accessiblità. Il Cerchio del gioco HAGS è suddiviso in dieci parti, ognuna delle quali illustra in che modo i bambini imparano attraverso il gioco.

16 Costruire con saggezza fin dall'inizio Le sette organizzazioni rappresentate da Bygg Klokt (Costruire con saggezza) si occupano delle esigenze di persone con limitazioni funzionali e si sono unite per migliorare l'accessibilità e la facilità d'uso per le persone con problemi di vista, udito o mobilità. HAGS si avvale della preziosa consulenza e assistenza di Bygg Klokt al fine di sviluppare prodotti che creano opportunità di gioco per tutti. Lavoriamo in conformità con la legislazione di settore applicabile e con le disposizioni del Piano nazionale a lungo termine per le disabilità, avvalendoci inoltre della nostra vasta esperienza in materia di compromissioni funzionali. Karin Månsson è Direttore esecutivo di Bygg Klokt e architetto. Karin spiega: Intratteniamo un dialogo continuo con HAGS, che ci sottopone le nuove idee e le prova insieme a noi. Condividiamo le nostre conoscenze e diamo all'azienda il nostro feedback sulle idee che funzionano e su quelle che devono essere perfezionate. Rendere accessibili le attrezzature ludiche è leggermente diverso rispetto a rendere accessibili altri ambienti. Diamo suggerimenti su come si potrebbero progettare le attrezzature per favorire una maggiore accessibilità. Qualcosa per tutti... Bo Göransson, Product Manager di HAGS, è tra i principali protagonisti della collaborazione con Bygg Klokt. Bygg Klokt ci insegna molte cose su come si deve pensare quando si progettano le attrezzature per i parchi giochi. Bo spiega che è difficile trovare un'unica risposta per tutte le domande. È importante usare colori contrastanti, che aumentano l'accessibilità ai bambini con problemi di vista. Il giallo e il blu creano un ottimo contrasto cromatico. Va tuttavia detto che i bambini con ADHD hanno difficoltà a concentrarsi quando vedono il giallo. Per questi bambini occorre usare colori più rilassanti. Questo è solo un esempio di quanto possa essere difficile trovare un'unica soluzione che vada bene per tutti. Secondo noi gli enti locali dovrebbero modificare tutti i parchi giochi esistenti, grandi o piccoli che siano, anziché investire tutti il loro budget per un solo parco giochi enorme. Se tutti potessero fare tutto non sarebbe divertente, ma ogni bambino dovrebbe poter trovare qualcosa con cui giocare in tutti i parchi giochi.... Anche per i nonni Karin spiega che non sono solo i bambini ad avere qualche impedimento funzionale. I genitori, i nonni e altri adulti che devono poter accedere al parco giochi possono avere anch'essi capacità fisiche ridotte. Il miglioramento dell'accessibilità ai parchi giochi dovrebbe essere visto come un'opportunità di sviluppo. In fondo, l'essenza stessa del gioco è il fatto che è stimolante, eccitante e definisce limiti più ambiziosi, afferma Karin. UNA COLLABORAZIONE SICURA E AFFIDABILE Per tutte le vostre esigenze di modifica di parchi giochi esistenti o di progettazione di nuove aree di gioco, rivolgetevi con sicurezza a HAGS. Grazie a 60 anni di esperienza nel settore dei parchi giochi, possediamo tutte le competenze necessarie per aiutarvi ad adattare il vostro parco giochi con professionalità e affidabilità. Studieremo i requisiti e le caratteristiche del sito insieme a voi, analizzando le aree, i budget, le età dei bambini e/o le loro compromissioni funzionali. Bygg Klokt (Costruire con saggezza) è un'organizzazione ombrello che raggruppa sette associazioni svedesi: La federazione svedese delle persone con mobilità ridotta (DHR) L'associazione svedese delle persone con problemi di udito (HRF) L'associazione svedese per le persone con disabilità neurologiche (NHR) L'associazione nazionale per i bambini e i ragazzi disabili (RBU) L'associazione malati reumatici svedese L'associazione svedese dei sopravvissuti agli incidenti stradali e alla polio (RTP) L'associazione svedese degli ipovedenti (SRF)

17

18 Manutenzione del parco giochi

19 Un parco giochi ben mantenuto e curato durerà più a lungo. I prodotti HAGS sono fabbricati con materiali di qualità superiore. Ma per garantire il mantenimento di un livello di sicurezza elevato sono altrettanto importanti la cura e la manutenzione del parco giochi. Per qualsiasi domanda in merito, contattate il vostro distributore HAGS. Il team di installatori HAGS viaggia in tutto il mondo per installare i prodotti per parchi giochi HAGS. Indipendentemente dalle dimensioni delle attrezzature ordinate dai clienti, nulla è troppo grande o troppo piccolo per noi. Montaggio I nostri team di installatori assemblano di tutto, dagli arredi per parchi alle altalene, dalle strutture UniMini ai percorsi di corsa a ostacoli, dall'agito alle grandi strutture UniPlay. Il prodotto standard più grande che installiamo è un'arena per sport multipli. Talvolta effettuiamo installazioni di grandi dimensioni, ad esempio un cliente ha ordinato una struttura da gioco progettata ad hoc. Gli installatori HAGS hanno sviluppato e creato strumenti speciali che semplificano le procedure di montaggio. Questo agevola la messa in opera dei parchi giochi e riduce il tempo impiegato per le attività di montaggio, il che, a sua volta, si traduce in un risparmio economico per i nostri clienti. Tutti i nostri prodotti sono ispezionati e certificati TÜV. Gli installatori HAGS conoscono bene l'importanza del corretto montaggio in conformità alle istruzioni di assemblaggio. Inoltre si attengono alle disposizioni dello standard europeo SS-EN 1176 su cui è basata la certificazione. Gli installatori HAGS lavorano in modo professionale ed efficiente e possiedono tutte le quattro qualità fondamentali: precisione, specializzazione, anni di esperienza e un altissimo livello di competenza tecnica. Manutenzione È essenziale che le attrezzature da gioco siano state installate conformemente alle istruzioni HAGS e che vengano sottoposte a regolari interventi di assistenza, manutenzione, ispezione per garantirne la sicurezza e il funzionamento corretto. Le attrezzature devono essere installate da professionisti qualificati in conformità con le specifiche del produttore. L'assistenza, la manutenzione e l'ispezione delle attrezzature devono essere affidate a professionisti qualificati e in possesso dell'esperienza e delle competenze necessarie, nonché avvenire in conformità alle specifiche del produttore e ad intervalli di tempo prestabiliti, se non più frequentemente. Il tempo massimo che può intercorrere tra un'ispezione e l'altra dipende anche da fattori quali intensità d'uso, atti vandalici, clima costiero, età delle attrezzature, ecc. Funzionamento e responsabilità della proprietà I proprietari o le persone responsabili del funzionamento delle attrezzature da gioco sono tenuti a garantire il rispetto della programmazione degli interventi di assistenza, manutenzione e ispezione e delle relative procedure. La persona responsabile del funzionamento delle attrezzature deve garantire che il personale abbia ricevuto una formazione appropriata sulle attività da svolgere e informazioni adeguate sulle proprie responsabilità. La persona responsabile del funzionamento delle attrezzature è tenuta a mantenere aggiornato il libretto di bordo con i dettagli degli interventi di assistenza, manutenzione e ispezione e a creare, conservare e rendere disponibili i documenti agli interessati. Qualora un'attrezzatura presenti difetti che potrebbero provocare lesioni personali agli utenti, l'attrezzatura deve essere resa inaccessibile al pubblico finché il problema non è stato risolto.

20 HAGS UniMini UniMini è una gamma completa di attrezzature da gioco progettate per i bambini più piccoli. Questo sistema esclusivo e versatile consente di combinare i vari componenti in molti modi diversi. È possibile includere in un'area di piccole dimensioni numerose funzioni di gioco per stimolare bambini di tutte le età nelle varie fasi del loro sviluppo. Per aumentare l'accessibilità è possibile installare banchi di sabbia, banchi di vendita, cassette per sabbia e altri giochi fuori dalle strutture da gioco e a un'altezza raggiungibile anche dai bambini su sedia a rotelle. I parapetti, i balconi e le torrette con periscopio del sistema UniMini consentono ai bambini di esplorare e giocare insieme o da soli. Alcune delle strutture UniMini sono state progettate appositamente per offrire una migliore accessibilità: Le arrampicate con appigli colorati a forma di frutta incoraggiano i bambini a tentare di raggiungere la sommità nei modi più semplici e più faticosi. Sono anche un ottimo modo per imparare a conoscere i colori e le forme! Clav include un tunnel che richiede equilibrio e coordinazione nei movimenti. Omber è dotato di un particolare ponte di connessione. Bexy è dotato di un citofono a cornetta che permette ai bambini di parlare tra loro. Gli scivoli in posizione più bassa sono accessibili anche da parte dei bambini che hanno poca forza nelle gambe. Zelles include un banco di vendita e giochi facilmente raggiungibili dall'esterno e da parte dei bambini su sedia a rotelle. Vindra è dotato di giochi e grù per la sabbia che aiutano a migliorare il coordinamento dei movimenti delle braccia. I bambini su sedia a rotelle possono raggiungere i giochi e le attrezzature posizionati all'esterno di altre strutture. Grù per sabbia Giochi di ruolo/sviluppo muscolare Paratia con foro Movimento strisciante/sfida Cucina Giochi di ruolo/ socializzazione Tavoli per sabbia Socializzazione/creazione Banco di vendita Socializzazione/ giochi di ruolo V i n dr a Area 6,2 x 6,1 metri Ponte Coordinazione/equilibrio Ponte con arrampicata Arrampicata/equilibrio Giochi a coppie Concentrazione/esperienza tattile Citofono a cornetta Ascolto/ comunicazione verbale In questa pagina è illustrata una selezione della nostra gamma di prodotti. Visitate il sito hags.com per vedere l'intera gamma di prodotti del catalogo HAGS.

21 C l av Area 6,2 x 4,9 metri R D B e x y Area 6,0 x 5,4 metri R D Om b e r Area 5,9 x 4,1 metri O gr i p Area 7,8 x 5,5 metri Py r a l l i Area 6,2 x 6,0 metri R D+L A pi sta Area 8,3 x 5,1 metri A b by Area 4,9 x 4,8 metri R D Z e l l e s Area 4,7 x 4,7 metri R D Ba l l e ro Area 4,7 x 4,3 metri

22 HAGS UniPlay UniPlay stimola i bambini a muoversi e giocare. Le attrezzature di questa serie possono essere organizzate in modo semplice per creare un ambiente di gioco che i bambini adoreranno esplorare. Il sistema può inoltre essere adattato in base a differenti budget, ubicazioni ed esigenze dei bambini! UniPlay è un modo eccellente per stimolare l'interesse per i colori e le forme. Abbiamo adattato la profondità degli scalini e aggiunto punti di trasferimento per consentire ai bambini con poca forza nelle gambe di accedere alla struttura, muoversi ed esplorare camminando o scivolando. Il pavimento della struttura da gioco al livello del terreno può essere rimosso per rendere la combinazione standard più accessibile. Un'altra scelta è quella di posizionare i giochi le funzioni ludiche con la sabbia all'esterno dei parapetti. Alcune delle strutture UniPlay sono state appositamente progettate per offrire una migliore accessibilità: Molti prodotti includono punti di trasferimento e/o rampe progettati per semplificare il movimento e l'esplorazione da parte dei bambini su sedia a rotelle. L'ampio pavimento della struttura e i giochi con la sabbia, il posto di guida e il labirinto offrono ore di divertimento assicurato. I giochi possono essere raggiunti sia dall'interno che dall'esterno. I giochi e i giochi di figure all'esterno della struttura hanno personaggi di diversi colori. Il tunnel a rete permette ai bambini di esercitare i muscoli e la capacità di coordinazione. Dentro la rete, i bambini possono riposarsi oppure giocare. Gioco di selezione Contare/logica Gioco di figure Concentrazione/logica Posto di guida Giochi di ruolo/socializzazione Labirinto Coordinazione/concentrazione Cucina Giochi di ruolo/socializzazione Punto di trasferimento Accesso semplice Periscopio Osservazione/ giochi di ruolo Pavimento ampio Accesso semplice per sedie a rotelle Tunnel a rete Movimento strisciante/ equilibrio Rampa Accesso semplice Telescopio Osservazione/giochi di ruolo Z a pata Area 11,1 x 10,1 metri Scivolo Emozione/equilibrio In questa pagina è illustrata una selezione della nostra gamma di prodotti. Visitate il sito hags.com per vedere l'intera gamma di prodotti del catalogo HAGS.

Progetto e sicurezza

Progetto e sicurezza Progetto e sicurezza Consigli per la realizzazione di un buon ambiente gioco Noi della TLF siamo consapevoli del fatto che gli ambienti riservati al gioco dei bambini dovrebbero offrire, oltre alla sicurezza

Dettagli

Sistema Modulare Moments. Novitá! Gioca a modo tuo

Sistema Modulare Moments. Novitá! Gioca a modo tuo Sistema Modulare Moments Novitá! Gioca a modo tuo CLASSICI DI OGGI Oltre 40 anni di impegno nel gioco dei bambini, dedicati alla creazione dei Sistemi Modulari MOMENTS. Il futuro di ogni bambino dipende

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE RIMINI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE RIMINI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE RIMINI Assessorato allo Sport ATTIVITA MOTORIE E SPORTIVE CON BAMBINI E RAGAZZI (fascia d età 3-11 anni) : LA PALESTRA IDEALE Rimini, Maggio 2005 I BAMBINI IN PALESTRA : LA

Dettagli

curatore: Marco Barla

curatore: Marco Barla ad utilizzo degli Istruttori della PGS Tam Tam curatore: Marco Barla Ottobre 2000 Indicazioni generali L attività proposta deve conseguire l obiettivo di dare una educazione sportiva ai bambini, di sviluppare

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Il gioco è l attività più naturale ed importante del bambino. Nel gioco il bambino

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

Atlha Onlus è felice di presentare l area ludica accessibile Beautiful Park, dove tutti i bambini disabili e non possono giocare e divertirsi

Atlha Onlus è felice di presentare l area ludica accessibile Beautiful Park, dove tutti i bambini disabili e non possono giocare e divertirsi Atlha Onlus è felice di presentare l area ludica accessibile Beautiful Park, dove tutti i bambini disabili e non possono giocare e divertirsi insieme! Beautiful Park un esperienza di co-progettazione

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento OBIETTIVI GENERALI Il progetto offre a tutti gli alunni, l'opportunità di praticare attività motoria nella scuola dell infanzia, secondo itinerari e processi organici graduali di apprendimento commisurati

Dettagli

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry Learning through Inquiry Creating a Community based on Respect Demonstrating International Mindedness The International School of Milan is committed to high standards in learning and the promotion of international

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia

CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia Il secondo numero del bollettino approfondisce la tematica riguardante l' organizzazione degli spazi all'interno e all'esterno

Dettagli

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA

PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA PROGETTO PSICOMOTRICITA per una SCUOLA CHE PROMUOVE INTERCULTURA 1 Circolo Didattico - Sondrio Scuola dell infanzia G. Segantini L attività psicomotoria consente ai bambini di mettere in moto contemporaneamente

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

arene MULTISPORT Porta la palla in campo e incomincia a giocare!

arene MULTISPORT Porta la palla in campo e incomincia a giocare! arene Porta la palla in campo e incomincia a giocare! indice ARENA PANNA 4-5 Campi da gioco Panna a forma ottagonale. ARENA MINI 6-7 Campo da gioco leggermente più ampio e con pannelli bassi per praticare

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO

SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO Pianificare, arredare e gestire correttamente un parco giochi significa proteggere i bambini dai pericoli che difficilmente sono in grado di riconoscere, affinché possano giocare

Dettagli

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE

USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE USARE LE LINGUE PER APPRENDERE E APPRENDERE A USARE LE LINGUE Gisella Langé Il futuro non accade per caso, ma siamo noi a dargli forma con le nostre azioni. 2 Una introduzione al CLIL per genitori e giovani

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Parchi giochi upi Ufficio prevenzione infortuni I parchi giochi sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini. Possono però presentare un alto rischio d infortunio a causa di vizi di costruzione

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English!

I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! I bambini amano parlare inglese con Pingu s English! Nella vita poche cose contano di più dell educazione e del futuro di tuo figlio. Pingu s English gli insegnerà le nozioni fondamentali della lingua

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO COMBINARE LO SPORT CON LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE E LA PROMOZIONE SOCIALE, CERCANDO DI EDUCARE LE PERSONE ALL ATTIVITÀ MOTORIA E ALL ESPLORAZIONE DEL TERRITORIO, IN COMPLETA ARMONIA CON L AMBIENTE CIRCOSTANTE,

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Comune di Udine LUDOTECA

Comune di Udine LUDOTECA Comune di Udine LUDOTECA RISULTATI QUESTIONARI CARTACEI Riposte: 53 8.a Può motivare la sua risposta? Buona alternativa alla giornata (domenica) che molti passano nei negozi C'è molto poco per i

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) LABORATORIO RIMICO - MOTORIO ( bambini di 3 anni ) di VISCONTI Ileana Anno Scolastico 2007-2008 Da Gennaio 2009 a Maggio 2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50?

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? Con il supporto di I. Introduzione 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? L'idea di questo progetto, basato sull esperienza di Euronet 50/50, è quella di diffonderne la metodologia

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

Corsi vela, windsurf e SUP Camp estivi per ragazzi Team building e feste aziendali Cultura, eventi e tanto altro

Corsi vela, windsurf e SUP Camp estivi per ragazzi Team building e feste aziendali Cultura, eventi e tanto altro Centro Velico Uisp Suviana Querceti di Bargi Camugnano, Bologna Estate 2015 Corsi vela, windsurf e SUP Camp estivi per ragazzi Team building e feste aziendali Cultura, eventi e tanto altro CENTRO VELICO

Dettagli

La realizzazione di questi laboratori richiedeva la realizzazione di materiali, la riorganizzazione degli spazi.

La realizzazione di questi laboratori richiedeva la realizzazione di materiali, la riorganizzazione degli spazi. Diapositiva 1 PRESENTAZIONE DEL NIDO Dove si trova: IN PERIFERIA, VIA FIORNETINA ZONA SUD Quanti bambini: 44 suddivisi in tre gruppi: 30 grandi, 8 medi, 6 piccoli Quanti educatori: 11 educatori (due sono

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

"Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter."

Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter. "Basketball players are made in the summer, but basketball teams are made in the winter." A tutte le giocatrci In vista di un lungo ed intenso campionato di basket,che affronteremo insieme, nella prossima

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

NOVITÀ RIDER. Il navigatore per i motociclisti. Sviluppato dai motociclisti, per i motociclisti.

NOVITÀ RIDER. Il navigatore per i motociclisti. Sviluppato dai motociclisti, per i motociclisti. NOVITÀ RIDER Il navigatore per i motociclisti. Sviluppato dai motociclisti, per i motociclisti. TomTom RIDER Goditi il tuo viaggio in moto Immagina: una perfetta giornata d'estate. La strada ti attende.

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO INSEGNANTI: BUSSO M.Teresa VIZIO Loredana (sez. A) BERRONE Rosella RAVIOLA Elvira (sez. B) La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Durata e articolazione delle attività

Durata e articolazione delle attività IL PARCO ESTIVO CAMPI ESTIVI PER RAGAZZI 2012 Premessa L accordo stipulato tra l Ente Parco Nazionale Dell Appennino Lucano Val D Agri Lagonegrese, la Regione Basilicata - Dipartimento Ambiente, Territorio,

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria ISTITUTO COMPRENSIVO ALFANO QUASIMODO SCUOLA DELL INFANZIA a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria 1 Motivazione Guido Petter afferma che : L educazione motoria ha un importanza assai maggiore

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Linee guida per Nonni Fondazione Mondo Digitale Linee guida per Nonni Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale con la supervisione del prof. Alfonso Molina.

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

Esercizio fisico nelle prime età. Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli

Esercizio fisico nelle prime età. Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli Esercizio fisico nelle prime età Giuliana Valerio Università «Parthenope» Napoli Il movimento è un comportamento naturale Principali ansie dei genitori relative allo SPM: Gattona? Cammina? Parla? e in

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

Servoscala a poltroncina

Servoscala a poltroncina Servoscala a poltroncina per muoversi da un piano all altro in tutta libertà e sicurezza. L esperienza insegna. Garaventa Lift Leader nell accessibilità. La leadership tecnologica Garaventa arriva dall

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

POPULLAR PARTE 1. GUIDA DELLO STUDENTE UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO

POPULLAR PARTE 1. GUIDA DELLO STUDENTE UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO POPULLAR GUIDA DELLO STUDENTE PARTE 1. UNA GUIDA PASSO DOPO PASSO CONTENUTO INTRODUZIONE ALLA GUIDA DELLO STUDENTE...2 1 PER INIZIARE POPULLAR...3 1.1 PopuLLar per Passi... 4 1.2 Fase 1 Selezionare e Registrare

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli