INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE"

Transcript

1 INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007)

2 INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDICE INTRODUZIONE PAG. IL QUADRO GENERALE PAG. L ESAME DEI QUESTIONARI PAG. 10 a) le motivazioni PAG. 11 b) motivi familiari PAG. 14 c) utilizzo congedi e supporto del/la partner PAG. 17 d) valutazione dell esperienza PAG. 0 e) possibili miglioramenti PAG. 1 La ricerca, promossa dalla Dott.sa Maria Grazia Maestrelli, è stata realizzata dall Ufficio della Consigliera di Parità in collaborazione con l Ufficio Concorsi e Dotazione Organica, che ringraziamo per l aiuto prestato.

3 Introduzione La ricerca effettuata dall Ufficio della Consigliera di Parità ha l obiettivo di fornire uno sguardo complessivo sull utilizzo del part time all interno dell Amministrazione Provinciale, sia dal lato strettamente statistico, sia sul piano della testimonianza personale delle e dei dipendenti che usufruiscono di un orario ridotto. La base della nostra indagine è stata costituita dai dati messi a disposizione dall Ufficio Concorsi e Dotazione Organica, per cui a luglio 007 risultavano in regime di part time 68 lavoratrici e lavoratori (circa l 8,6 % della dotazione organica totale). Ad essi abbiamo somministrato, tramite o in formato cartaceo, un questionario volto a comprendere più nel dettaglio le motivazioni che hanno portato a tale scelta e, più in particolare, se la decisione è stata determinata dall impossibilità di trovare soluzioni alternative. Abbiamo inoltre invitato i protagonisti della ricerca ad esprimere, tramite alcune domande, il grado di apprezzamento della propria esperienza. Le risposte ricevute sono state 49 (il 7 % dei soggetti interpellati): un riscontro, dunque, soddisfacente e adeguato a far emergere un efficace quadro conoscitivo sull utilizzo di questo strumento. La prima parte della ricerca prende in considerazione le informazioni trasmesse dall Ente, al fine di illustrare le principali caratteristiche riguardanti la natura del part time in Provincia e ottenere un iniziale profilo di chi se ne avvale. Nella seconda parte verranno esaminate le risposte contenute nei questionari - con uno specifico focus sulle persone che segnalano motivi familiari alla base della propria valutazione in modo da evidenziare i percorsi di scelta, le difficoltà incontrate, l esigenza di altre forme di conciliazione, ed infine alcune proposte di miglioramento organizzativo.

4 Il quadro generale I 68 dipendenti in part time - 47 donne (il 69% del totale) e 1 uomini (il 1%), per un età media di 44 anni risultano così distribuiti secondo la qualifica e il profilo professionale: si trovano nella categoria B (di cui 1 amministrativi e 9 tecnici), 0 nella categoria C ( amministrativi, 8 tecnici) e 16 appartenenti alla categoria D. DISTRIBUZIONE PER QUALIFICA PROFESSIONALE 4% % Categoria B Categoria C Categoria D 44% Opportuno mostrare la ripartizione fra femmine e maschi per qualifica ed età media, nonché l incidenza del part time su ogni categoria: DISTRIBUZIONE PER CATEGORIA Femmine Maschi Categoria B Categoria C Categoria D

5 ETA' MEDIA PER CATEGORIA 46,6 Femmine 4,8 45,9 Categoria B Categoria C 4,7 Categoria D Maschi 4,4 4,0 % PERSONALE PART TIME PER CATEGORIA Categoria B Categoria C Categoria D Femmine 14,4% 1,7% 11,4% Maschi 4,6% 5% 5,% Totale 8,6% 9,8% 7,6% I settori di provenienza riguardano nell ordine: Direzione Servizi alla Persona (5 unità); Direzione Servizi Interni (1); Direzione Infrastrutture (1); Direzione Territorio (5); Circondario Empolese Valdelsa (4); altri uffici (8). DISTRIBUZIONE PER SETTORE 1% 6% 7% 19% 7% PERSONA INTERNI INFRASTRUTTURE TERRITORIO CIRCONDARIO ALTRI UFFICI 19% 5

6 Scomponendo i dati appena mostrati in base al sesso e all età, abbiamo i seguenti valori: DISTRIBUZIONE PART TIME PER SETTORE CIRCONDARIO 4 INFRASTRUTTURE 10 SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI INTERNI 10 Femmine Maschi TERRITORIO ALTRI UFFICI 6 ETA' MEDIA PER SETTORE TERRITORIO SERVIZI INTERNI SERVIZI ALLA PERSONA INFRASTRUTTURE CIRCONDARIO 48,5 8,7 45,6 49,0 44,5 48,7 4,7 40,7 9,5 Femmine Maschi ALTRI UFFICI 44,8 44,0 6

7 La durata media del part time è di 5,4 anni (5, per le donne e 5,7 per gli uomini), a sottolineare che le motivazioni determinanti per tale scelta sembrano sussistere per un tempo significativamente lungo. Interessante osservare la durata media del part time (in anni) suddivisa per sesso e settore: DURATA MEDIA PART TIME PER SETTORE Settori Femmine Maschi Totale INFRASTRUTTURE 4,5 5, 5,1 PERSONA 5, 8,4 5,6 INTERNI 6,0 6,7 6, TERRITORIO 4,1,9,4 CIRCONDARIO,4 --,4 ALTRI UFFICI 7,5 6,9 7, Il personale della Provincia di Firenze beneficia dell orario ridotto secondo varie modalità. Come noto, la normativa prevede tre tipologie di part time, che si differenziano per la collocazione temporale dell attività lavorativa, su cadenza giornaliera, settimanale o altro. Abbiamo dunque rapporti di tipo orizzontale (riduzione di orario distribuita su ogni giorno lavorativo), verticale (prestazione a tempo pieno limitata ad alcuni periodi), misto (combinazione delle modalità precedenti). Si parla inoltre di part-time verticale su base annua quando la riduzione della prestazione lavorativa si verifica con l'interruzione dell'attività per periodi di tempo continuato (frequente la pausa nei mesi estivi per assistere i figli durante le vacanze scolastiche). All interno delle tipologie ora descritte, la riduzione di orario può effettuarsi con percentuali variabili, fermo restando il limite minimo indicato dai contratti collettivi, che nel caso degli Enti Locali è il 0% del tempo pieno. Le principali opzioni sono rappresentate dalle 18 ore (50%) e dalle 0 ore settimanali rispetto all orario normale. Per la Provincia la situazione è la seguente: TIPOLOGIA DEL PART TIME ORIZZONTALE 9 VERTICALE 4 MISTO ANNUO 1 7

8 DISTRIBUZIONE ORARIO SETTIMANALE Fino a 18 ore 50 % (18 ore) ore 4 0 ore Oltre 0 ore 6 Variabile 1 In termini percentuali, le tipologie di part time utilizzate risultano: TIPOLOGIA PART TIME 19% % 4% ORIZZONTALE VERTICALE MISTO BASE ANNUA 5% 8

9 La suddivisione per sesso di orario qui calcolato su base annua e tipologia è la seguente: DISTRIBUZIONE PART TIME PER SESSO Femmine Maschi Totale Fino a 18 ore 18 ore (50%) Fra 18 e 0 ore 0 ore Oltre 0 ore 6 TIPOLOGIA PART TIME PER SESSO 17 1 Femmine Maschi 7 1 ORIZZONTALE VERTICALE MISTO BASE ANNUA Come si vede, gran parte delle dipendenti ricorre ad un orario di 0 ore distribuito orizzontalmente, mentre fra i colleghi maschi prevale il part time al 50% di tipo verticale (ovvero, svolgimento dell attività lavorativa solo per alcuni giorni alla settimana). 9

10 Incrociando i dati sopra esposti, si rendono più esplicite le differenti scelte delle lavoratrici e dei lavoratori. DISTRIBUZIONE PART TIME PER ORARIO E TIPOLOGIA Fino a 18 ore 18 ore (50%) Fra 18 e 0 ore FEMMINE 0 ore Oltre 0 ore Orizzontale Verticale Misto Base annua DISTRIBUZIONE PART TIME PER ORARIO E TIPOLOGIA Fino a 18 ore 18 ore (50%) 0 ore MASCHI Oltre 0 ore Orizzontale Verticale Misto Base annua E chiaro che, se per le donne una minima riduzione di orario quotidiana risulta in molti casi sufficiente a garantire un equilibrio fra esigenze economiche e di conciliazione (non senza sacrifici), gli uomini mostrano di avere in maggioranza necessità legate alla presenza di un altro lavoro. A questo proposito appare significativo osservare la concentrazione di determinate tipologie in specifici settori: nell area Servizi alla Persona 14 donne su utilizzano un orario pari o superiore alle 0 ore di tipo orizzontale, mentre nell area Infrastrutture 10 uomini su 10 scelgono il part time verticale al 50%. 10

11 L esame dei questionari Passiamo ora ad esaminare i questionari pervenuti all ufficio (come detto 49 in tutto: 9 donne quasi l 8% delle interessate - e 10 uomini il 47,6 %), ricordando che rispetto ai dati ricevuti dall Ente è stato richiesto ai soggetti interpellati di fornire ulteriori particolari sulla propria situazione ed esperienza personale. Le prime informazioni sono relative alla durata media del rapporto di lavoro (pari a 14 anni), mentre lo stesso valore riferito al part time si conferma di 5 anni. Lo stato civile vede 4 persone nella condizione di celibi/nubili, 44 coniugate o conviventi, mentre una non risponde. Per i figli (età media 9 anni) il quadro è il seguente: NUMERO FIGLI NESSUN FIGLIO/A 10 UN FIGLIO/A 14 DUE FIGLI/E TRE O PIU' FIGLI/E Riguardo al titolo di studio risultano dipendenti in possesso di licenza media, diplomati/e, 14 laureati/e: PERCENTUALI TITOLO DI STUDIO LAUREA 9% DIPLOMA 65% LICENZA MEDIA 6% 11

12 DISTRIBUZIONE TITOLO DI STUDIO Femmine 9 7 Laurea Diploma Maschi 5 5 Licenza media a) le motivazioni Con l analisi delle motivazioni entriamo nella fase centrale della ricerca, essenziale per comprendere come si arriva alla richiesta del part time e se questa modalità di lavoro risponde in maniera efficace ai bisogni delle e dei dipendenti. Abbiamo fornito come opzione quattro principali gruppi di motivazioni, che risultano così distribuiti: MOTIVAZIONI ALTRO LAVORO 9 SALUTE 5 MOTIVI FAMILIARI ALTRO DISTRIBUZIONE PER MOTIVAZIONI 4% 18% 68% 10% ALTRO LAVORO SALUTE MOTIVI FAMILIARI ALTRO 1

13 DISTRIBUZIONE MOTIVAZIONI PER SESSO Altro lavoro 1 8 Salute 5 Femmine Motivi familiari 1 Maschi Altro Un analisi delle motivazioni e della tipologia di part time che ne consegue, conferma fra le donne la prevalenza dei motivi familiari e la scelta di un orario vicino o pari alle 0 ore settimanali, con distribuzione perlopiù orizzontale. Per gli uomini è invece determinante la presenza di un altro lavoro, e dunque l opzione per un orario al 50%. Viene dunque ribadita la tendenza che vede i compiti di cura assegnati alla sfera femminile (spesso a scapito della crescita professionale), mentre il lavoro maschile permane come fonte di reddito primaria. TIPOLOGIA DEL PART TIME SECONDO LE MOTIVAZIONI Femmine Maschi Orizzontale Verticale Orizzontale Verticale Orizzontale Verticale Misto Base annua Orizzontale Verticale Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro 1

14 DONNE altro salute motivi altro totale lavoro familiari Fino a 18 ore ore Fra 18 e 0 ore ore Oltre 0 ore TOTALE UOMINI altro motivi totale lavoro familiari 18 ore ore 1 TOTALE 8 10 Per un ultimo approfondimento, evidenziamo il legame fra motivazioni e numero di figli, con una tabella riassuntiva della suddivisione per sesso, che rivela di nuovo per le lavoratrici - una stretta interdipendenza fra necessità del part time e cura dei figli: RAPPORTO MOTIVAZIONI - NUMERO DI FIGLI Nessun figlio/a 1 figlio/a figli/e o più figli/e Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro 14

15 DONNE Nessun 1 figlio/a figli/e o più figli/e figlio/a Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro UOMINI Nessun 1 figlio/a figli/e o più figli/e figlio/a Altro lavoro 4 - Salute Motivi familiari Altro b) motivi familiari Al fine di raccogliere utili elementi per una riflessione specifica sulle esigenze di conciliazione che portano a richiedere il part time, andiamo ad osservare in dettaglio i casi contrassegnati da motivi familiari. Fra di essi abbiamo incluso quelle situazioni in cui il soggetto interpellato ha indicato la compresenza di più motivi (es. assistenza genitori e attività di studio). Pertanto il totale considerato corrisponde a 9 casi (6 donne e uomini), nel dettaglio: MOTIVI FAMILIARI Cura dei figli 1 Cura figli e genitori Assistenza genitori 4 Altro 1 15

16 La tipologia di part time adottata è invece la seguente: TIPOLOGIA PART TIME ORIZZONTALE VERTICALE 6 MISTO BASE ANNUA 8 La ricerca di una possibile alternativa al part time ha riguardato persone, mentre le restanti 17 dichiarano di non aver tentato strade diverse. In entrambi i casi vengono comunque segnalate eventuali soluzioni, che abbiamo riassunto in quattro grandi categorie: POSSIBILI ALTERNATIVE Maggiore disponibilità 5 economica Diversa organizzazione 7 del lavoro Aiuto domestico 10 Altro/non risponde 17 POSSIBILI ALTERNATIVE AL PART TIME 4% 1% 18% Maggiore disponibilità economica Diversa organizzazione del lavoro Aiuto domestico 6% Altro/non risponde 16

17 Importante osservare, all interno dei gruppi, alcune importanti distinzioni. Nei 5 casi contraddistinti da problemi di natura economica, due donne affermano che, se il coniuge potesse contare su uno stipendio maggiore, loro si dimetterebbero, mentre una terza, pur indicando in alternativa generiche disponibilità finanziarie, fa supporre la medesima volontà. Solo una quarta vorrebbe guadagnare di più per delegare ad altri il lavoro di cura. La quinta persona, un uomo, è l unica fonte di entrata in famiglia ed ha un secondo impiego, che abbandonerebbe a patto di ricevere un maggiore stipendio a full time in Provincia. Fra coloro che hanno evidenziato necessità legate all organizzazione del lavoro, il riferimento più comune è ad una diversa distribuzione e maggiore flessibilità dell orario a tempo pieno. Due persone richiamano invece la distanza dalla sede di lavoro come elemento determinante. Per il terzo gruppo le segnalazioni si dividono fra l assenza di un supporto familiare ed il ricorso a babysitter, collaboratrici domestiche o asili nido, ipotesi scartate perché troppo onerose. Alla domanda su un possibile ritorno al full time abbiamo ottenuto una risposta favorevole da 10 persone e negativa per le altre 9, con le seguenti giustificazioni: POSSIBILE RITORNO AL FULL TIME 7 organizzazione familiare cura figli motivi economici altro/non risponde 6 6 si no Di nuovo analizziamo in modo elaborato le categorie sopra esposte. Le persone propense al ritorno al normale orario di lavoro effettuano tale scelta essenzialmente per l esigenza di uno stipendio maggiore, oppure perché a breve termine i figli andranno a scuola. In un caso il desiderio di ritorno è giustificato anche con la percezione di un trattamento più sfavorevole dei dipendenti in part time. Dall altro lato, chi presume di rimanere in regime di tempo parziale continua ad affrontare aspetti legati all organizzazione familiare (compreso l accudimento dei genitori) o alla cura dei figli (che in molte circostanze non si interrompe con l ingresso nel mondo della scuola). Tre dipendenti sottolineano invece che la loro permanenza è dovuta ad una migliore qualità della vita. 17

18 c) utilizzo congedi e supporto del/la partner Tornando a considerare il complesso dei questionari pervenuti, sono state effettuate alcune domande relative all utilizzo di forme di conciliazione supplementari e sulla ripartizione dei carichi familiari con il/la partner. Frequente è il ricorso al congedo parentale, come qui illustrato: UTILIZZO CONGEDO PARENTALE SI NO 1 NON RISPONDE 4 UTILIZZO CONGEDO PARENTALE SI 4 8 NO 6 7 Femmine Maschi Non risponde 4 Sottolineiamo inoltre che, delle 8 donne ricorse al congedo parentale, ben 4 hanno richiesto il part time per motivi familiari, mentre uomini - sui 4 totali - svolgevano già un altro lavoro. Una situazione che nuovamente riconosce nella donna il soggetto destinatario dei compiti di cura, con risvolti anche sui differenziali retributivi. 18

19 L analisi relativa ai/alle partner si apre con la professione svolta: LAVORO PARTNER Settore pubblico 14 Settore privato 1 Lav. autonomo/a 8 Lib. professionista Inoccupato/a 6 Sulla possibilità di fruire del congedo parentale e del part time, nonché sull effettivo utilizzo, le risposte hanno prodotto il seguente quadro: CONGEDO PARENTALE PARTNER Può utilizzare Non può utilizzare 19 Non risponde 7 Nel caso di risposta affermativa (per 5 partner femminili e 18 partner maschili), 10 partner si sono poi serviti del congedo parentale, mentre 1 persone vi hanno rinunciato. Vediamo come queste scelte si sono distribuite fra donne e uomini per settore di occupazione: UTILIZZO CONGEDO PARENTALE 1 1 Utilizzato Non utilizzato Pubblico Privato PARTNER DONNA 19

20 UTILIZZO CONGEDO PARENTALE 6 9 Utilizzato Non utilizzato Pubblico Privato PARTNER UOMO Se per le donne solo in un caso si è rinunciato al congedo parentale, il numero aumenta considerevolmente fra i partner maschi. Comunque positivo che nel settore pubblico 6 uomini abbiano richiesto il congedo. Passiamo ora all esame del part time: UTILIZZO PART TIME PARTNER Può utilizzare 14 Non può utilizzare 0 Non risponde 5 In casi il part time è stato poi utilizzato, mentre in ben 11 casi questa possibilità non è stata sfruttata. Nuovamente mostriamo la suddivisione per sesso: UTILIZZO PART TIME PARTNER partner uomo 1 8 utilizzato partner donna non utilizzato Sebbene in modo meno marcato rispetto ad altri indicatori, sembrano trovare conferma le difficoltà a stabilire un equilibrata ripartizione dei carichi familiari fra donne e uomini. Statisticamente, il maggiore stipendio percepito in media dagli uomini costituisce senza dubbio un fattore disincentivante affinché siano essi a ricorrere a forme di conciliazione vita-lavoro. 0

21 d) valutazione dell esperienza Ultimo aspetto considerato è il grado di apprezzamento della propria esperienza di part time, condizionato o meno dal manifestarsi di problemi organizzativi, e la richiesta di eventuali proposte migliorative. Il livello generale di soddisfazione appare molto elevato, con solo casi (relativi a donne) di risposta negativa: GRADO DI SODDISFAZIONE SODDISFATTO/A INSODDISFATTO/A NON RISPONDE 44 L invito a segnalare questioni organizzative emerse durante il part time ha prodotto i seguenti risultati: PROBLEMI ORGANIZZATIVI Nessun problema 4 Segnala problemi 14 organizzativi Non risponde 11 4 degli interpellati non rilevano dunque nessuna difficoltà organizzativa nel periodo del part time; in 14 situazioni si avvertono invece delle criticità di vario genere e rilievo. Di queste, 4 sono relative ai carichi di lavoro, a difficoltà di collocazione lavorativa, 4 imputabili alla rigidità dell orario e ad altri motivi: TIPOLOGIA DEI PROBLEMI Carichi di lavoro 4 Difficoltà di collocazione Rigidità orario 4 Altro 1

22 Riguardo ai carichi di lavoro, i commenti indicano scarsa differenza con le quantità di compiti svolti a full time o aumenti di mansioni dovuti alla contemporanea assenza di altri colleghi. Dal tono delle parole sembra inoltre di percepire un clima di rapporti non sempre cordiale ed una faticosa accettazione da parte dei colleghi dello stato di diversità di chi si serve del tempo ridotto. Discorso simile per chi dichiara difficoltà di attribuzione dei compiti in seguito alla scelta del part time, anche se il problema si presenta solo nel periodo iniziale di adozione del nuovo orario. La rigidità di orario spesso rappresenta un problema quando si creano situazioni non prevedibili (in buona parte eventi legati ai figli), oppure a causa della distribuzione non sempre uniforme del lavoro durante le giornate. Infine, le altre motivazioni si riferiscono ai tempi lunghi per l accettazione della domanda di part time, al rifiuto verso la richiesta di ritorno al full time e, viceversa, agli inviti ricevuti per riprendere il full time. e) possibili miglioramenti I suggerimenti (9 in totale) per migliorare la disciplina attuale del part time si concentrano quasi esclusivamente sulla concessione di una maggiore flessibilità e sull ottenere pari considerazione e diritti rispetto ai/alle dipendenti ad orario normale. Nei questionari restituiti le due proposte si trovano spesso collegate, evidenziando l opportunità di allineare al resto del personale le fasce orarie di entrata ed uscita, nonché le norme per il riconoscimento del buono pasto ed il recupero delle ore. Altri richiedono invece la possibilità di organizzare gli orari diversamente rispetto alla normale distribuzione dell Ente, oppure manifestano la necessità di ulteriore personale per alleggerire i propri carichi di lavoro. Non manca chi sottolinea che una gestione più elastica del part time verrebbe incontro anche alle esigenze degli stessi uffici, sia nei casi già ricordati - dove la quantità di lavoro varia a seconda dei periodi, sia nelle situazioni in cui il ruolo ricoperto dal/la dipendente richiede una presenza esterna (riunioni, sopralluoghi su cantieri, ecc.).

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Conciliazione Famiglia - Lavoro

Conciliazione Famiglia - Lavoro Conciliazione Famiglia - Lavoro Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è quello di analizzare l'attuale

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE

CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE LETTERA DI ADESIONE AL BANDO CERTIFICAZIONE PARITA DI GENERE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA COMUNE DI BIBBIENA Al Comune di Bibbiena Commissione Pari Opportunità Il/la sottoscritto/a in qualità di rappresentante

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici A cura di Sabrina Gallinelli La realizzazione del sondaggio online e del

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 202 La presente relazione costituisce la prima analisi della situazione del personale ISPRA effettuata dal CUG, riferita all anno 202, riguardante

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO 1^ INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il Servizio di Assistenza Domiciliare Dicembre 21 Report finale Servizio Gestione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA. Anno 2009

COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA. Anno 2009 COMUNE DI ROVIGO RELAZIONE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DELL UTENZA SERVIZI ALLA PRIMA INFANZIA Anno 2009 1. CARATTERISTICHE E DATI QUANTITATIVI DELLA RICERCA OBIETTIVO DELL INDAGINE L obiettivo dell indagine

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO INTRODUZIONE Anche quest anno, Piscine Forlì S.S.D. A.R.L. ha proposto ai suoi utenti un questionario per rilevarne la soddisfazione. L intento del gestore è stato molto ambizioso, non si è limitato infatti

Dettagli

L integrazione sociale delle persone con disabilità

L integrazione sociale delle persone con disabilità 4 luglio 2005 L integrazione sociale delle persone con disabilità Anno 2004 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI -

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - 1) L INDAGINE La legge quadro 328/2000, Per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali,

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze Comunicato La Svizzera soffre, come altri paesi, di mancanza di personale qualificato. La diagnosi è chiara e

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Conferenza stampa Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Daniele Di Nunzio (IRES-CGIL) Presentazione n. 06/2011 Roma, 27 aprile 2011 I gruppi professionali Questionario on-line: per

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

Stato dell arte a livello nazionale

Stato dell arte a livello nazionale Ogni anno il Dipartimento della Funzione Pubblica e il Dipartimento per le Pari Opportunità redigono un rapporto di sintesi sull attuazione della direttiva Misure per attuare parità e pari opportunità

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO CITTA DI MORTARA (Provincia di Pavia) UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE INDAGINE CONOSCITIVA SUI SERVIZI DI: REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO Elaborazione dati questionario 2009 Realizzato

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Emanato con D.R. n. 38 del 29 gennaio 2015 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione... 2 Art. 2 - Definizione...

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7,

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, 5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, La distribuzione dei questionari è stata progettata in una serie di luoghi che abbiamo definito ad alta frequentazione femminile, come le scuole, gli ambulatori

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti IL REPORTING Caratteristiche generali La rilevazione ed elaborazione dei dati La progettazione del reporting L analisi degli scostamenti CARATTERISTICHE GENERALI DEFINIZIONE Il report è uno strumento di

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Università degli Studi di Milano Bicocca Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Bologna Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Quinta rilevazione Questionario e istruzioni per

Dettagli

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi Ires Lucia Morosini - Fondazione Vera Nocentini - Enfap Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

Il marchio di genere

Il marchio di genere Il marchio di genere Iniziative intraprese ai fini della RSI Assessorato al Welfare I Piano di azione Famiglie al futuro II Piano di azione Famiglie al futuro Marchio Famiglie al futuro Bozza Linee guida

Dettagli

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna

Caro Papà. Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Caro Papà Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna Le Consigliere di Parità della Provincia di Ravenna Fato Luwanga Nuru e Gisella Casali Ufficio della Consigliera di Parità della

Dettagli

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca L inchiesta sui salari viene condotta dall ASIB ogni due anni. Il salario è una parte essenziale del contratto di lavoro. Nelle banche, gli stipendi vengono

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016

PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 pag. 1/9 PIANO AZIONI POSITIVE 2014 2016 Data applicazione: 04/12/2014 Elaborazione: Dott. Stefania Bertoldo - Presidente CUG Copia: CONTROLLATA Condivisione con i componenti del CUG, tramite e-mail il

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli