INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE"

Transcript

1 INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007)

2 INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDICE INTRODUZIONE PAG. IL QUADRO GENERALE PAG. L ESAME DEI QUESTIONARI PAG. 10 a) le motivazioni PAG. 11 b) motivi familiari PAG. 14 c) utilizzo congedi e supporto del/la partner PAG. 17 d) valutazione dell esperienza PAG. 0 e) possibili miglioramenti PAG. 1 La ricerca, promossa dalla Dott.sa Maria Grazia Maestrelli, è stata realizzata dall Ufficio della Consigliera di Parità in collaborazione con l Ufficio Concorsi e Dotazione Organica, che ringraziamo per l aiuto prestato.

3 Introduzione La ricerca effettuata dall Ufficio della Consigliera di Parità ha l obiettivo di fornire uno sguardo complessivo sull utilizzo del part time all interno dell Amministrazione Provinciale, sia dal lato strettamente statistico, sia sul piano della testimonianza personale delle e dei dipendenti che usufruiscono di un orario ridotto. La base della nostra indagine è stata costituita dai dati messi a disposizione dall Ufficio Concorsi e Dotazione Organica, per cui a luglio 007 risultavano in regime di part time 68 lavoratrici e lavoratori (circa l 8,6 % della dotazione organica totale). Ad essi abbiamo somministrato, tramite o in formato cartaceo, un questionario volto a comprendere più nel dettaglio le motivazioni che hanno portato a tale scelta e, più in particolare, se la decisione è stata determinata dall impossibilità di trovare soluzioni alternative. Abbiamo inoltre invitato i protagonisti della ricerca ad esprimere, tramite alcune domande, il grado di apprezzamento della propria esperienza. Le risposte ricevute sono state 49 (il 7 % dei soggetti interpellati): un riscontro, dunque, soddisfacente e adeguato a far emergere un efficace quadro conoscitivo sull utilizzo di questo strumento. La prima parte della ricerca prende in considerazione le informazioni trasmesse dall Ente, al fine di illustrare le principali caratteristiche riguardanti la natura del part time in Provincia e ottenere un iniziale profilo di chi se ne avvale. Nella seconda parte verranno esaminate le risposte contenute nei questionari - con uno specifico focus sulle persone che segnalano motivi familiari alla base della propria valutazione in modo da evidenziare i percorsi di scelta, le difficoltà incontrate, l esigenza di altre forme di conciliazione, ed infine alcune proposte di miglioramento organizzativo.

4 Il quadro generale I 68 dipendenti in part time - 47 donne (il 69% del totale) e 1 uomini (il 1%), per un età media di 44 anni risultano così distribuiti secondo la qualifica e il profilo professionale: si trovano nella categoria B (di cui 1 amministrativi e 9 tecnici), 0 nella categoria C ( amministrativi, 8 tecnici) e 16 appartenenti alla categoria D. DISTRIBUZIONE PER QUALIFICA PROFESSIONALE 4% % Categoria B Categoria C Categoria D 44% Opportuno mostrare la ripartizione fra femmine e maschi per qualifica ed età media, nonché l incidenza del part time su ogni categoria: DISTRIBUZIONE PER CATEGORIA Femmine Maschi Categoria B Categoria C Categoria D

5 ETA' MEDIA PER CATEGORIA 46,6 Femmine 4,8 45,9 Categoria B Categoria C 4,7 Categoria D Maschi 4,4 4,0 % PERSONALE PART TIME PER CATEGORIA Categoria B Categoria C Categoria D Femmine 14,4% 1,7% 11,4% Maschi 4,6% 5% 5,% Totale 8,6% 9,8% 7,6% I settori di provenienza riguardano nell ordine: Direzione Servizi alla Persona (5 unità); Direzione Servizi Interni (1); Direzione Infrastrutture (1); Direzione Territorio (5); Circondario Empolese Valdelsa (4); altri uffici (8). DISTRIBUZIONE PER SETTORE 1% 6% 7% 19% 7% PERSONA INTERNI INFRASTRUTTURE TERRITORIO CIRCONDARIO ALTRI UFFICI 19% 5

6 Scomponendo i dati appena mostrati in base al sesso e all età, abbiamo i seguenti valori: DISTRIBUZIONE PART TIME PER SETTORE CIRCONDARIO 4 INFRASTRUTTURE 10 SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI INTERNI 10 Femmine Maschi TERRITORIO ALTRI UFFICI 6 ETA' MEDIA PER SETTORE TERRITORIO SERVIZI INTERNI SERVIZI ALLA PERSONA INFRASTRUTTURE CIRCONDARIO 48,5 8,7 45,6 49,0 44,5 48,7 4,7 40,7 9,5 Femmine Maschi ALTRI UFFICI 44,8 44,0 6

7 La durata media del part time è di 5,4 anni (5, per le donne e 5,7 per gli uomini), a sottolineare che le motivazioni determinanti per tale scelta sembrano sussistere per un tempo significativamente lungo. Interessante osservare la durata media del part time (in anni) suddivisa per sesso e settore: DURATA MEDIA PART TIME PER SETTORE Settori Femmine Maschi Totale INFRASTRUTTURE 4,5 5, 5,1 PERSONA 5, 8,4 5,6 INTERNI 6,0 6,7 6, TERRITORIO 4,1,9,4 CIRCONDARIO,4 --,4 ALTRI UFFICI 7,5 6,9 7, Il personale della Provincia di Firenze beneficia dell orario ridotto secondo varie modalità. Come noto, la normativa prevede tre tipologie di part time, che si differenziano per la collocazione temporale dell attività lavorativa, su cadenza giornaliera, settimanale o altro. Abbiamo dunque rapporti di tipo orizzontale (riduzione di orario distribuita su ogni giorno lavorativo), verticale (prestazione a tempo pieno limitata ad alcuni periodi), misto (combinazione delle modalità precedenti). Si parla inoltre di part-time verticale su base annua quando la riduzione della prestazione lavorativa si verifica con l'interruzione dell'attività per periodi di tempo continuato (frequente la pausa nei mesi estivi per assistere i figli durante le vacanze scolastiche). All interno delle tipologie ora descritte, la riduzione di orario può effettuarsi con percentuali variabili, fermo restando il limite minimo indicato dai contratti collettivi, che nel caso degli Enti Locali è il 0% del tempo pieno. Le principali opzioni sono rappresentate dalle 18 ore (50%) e dalle 0 ore settimanali rispetto all orario normale. Per la Provincia la situazione è la seguente: TIPOLOGIA DEL PART TIME ORIZZONTALE 9 VERTICALE 4 MISTO ANNUO 1 7

8 DISTRIBUZIONE ORARIO SETTIMANALE Fino a 18 ore 50 % (18 ore) ore 4 0 ore Oltre 0 ore 6 Variabile 1 In termini percentuali, le tipologie di part time utilizzate risultano: TIPOLOGIA PART TIME 19% % 4% ORIZZONTALE VERTICALE MISTO BASE ANNUA 5% 8

9 La suddivisione per sesso di orario qui calcolato su base annua e tipologia è la seguente: DISTRIBUZIONE PART TIME PER SESSO Femmine Maschi Totale Fino a 18 ore 18 ore (50%) Fra 18 e 0 ore 0 ore Oltre 0 ore 6 TIPOLOGIA PART TIME PER SESSO 17 1 Femmine Maschi 7 1 ORIZZONTALE VERTICALE MISTO BASE ANNUA Come si vede, gran parte delle dipendenti ricorre ad un orario di 0 ore distribuito orizzontalmente, mentre fra i colleghi maschi prevale il part time al 50% di tipo verticale (ovvero, svolgimento dell attività lavorativa solo per alcuni giorni alla settimana). 9

10 Incrociando i dati sopra esposti, si rendono più esplicite le differenti scelte delle lavoratrici e dei lavoratori. DISTRIBUZIONE PART TIME PER ORARIO E TIPOLOGIA Fino a 18 ore 18 ore (50%) Fra 18 e 0 ore FEMMINE 0 ore Oltre 0 ore Orizzontale Verticale Misto Base annua DISTRIBUZIONE PART TIME PER ORARIO E TIPOLOGIA Fino a 18 ore 18 ore (50%) 0 ore MASCHI Oltre 0 ore Orizzontale Verticale Misto Base annua E chiaro che, se per le donne una minima riduzione di orario quotidiana risulta in molti casi sufficiente a garantire un equilibrio fra esigenze economiche e di conciliazione (non senza sacrifici), gli uomini mostrano di avere in maggioranza necessità legate alla presenza di un altro lavoro. A questo proposito appare significativo osservare la concentrazione di determinate tipologie in specifici settori: nell area Servizi alla Persona 14 donne su utilizzano un orario pari o superiore alle 0 ore di tipo orizzontale, mentre nell area Infrastrutture 10 uomini su 10 scelgono il part time verticale al 50%. 10

11 L esame dei questionari Passiamo ora ad esaminare i questionari pervenuti all ufficio (come detto 49 in tutto: 9 donne quasi l 8% delle interessate - e 10 uomini il 47,6 %), ricordando che rispetto ai dati ricevuti dall Ente è stato richiesto ai soggetti interpellati di fornire ulteriori particolari sulla propria situazione ed esperienza personale. Le prime informazioni sono relative alla durata media del rapporto di lavoro (pari a 14 anni), mentre lo stesso valore riferito al part time si conferma di 5 anni. Lo stato civile vede 4 persone nella condizione di celibi/nubili, 44 coniugate o conviventi, mentre una non risponde. Per i figli (età media 9 anni) il quadro è il seguente: NUMERO FIGLI NESSUN FIGLIO/A 10 UN FIGLIO/A 14 DUE FIGLI/E TRE O PIU' FIGLI/E Riguardo al titolo di studio risultano dipendenti in possesso di licenza media, diplomati/e, 14 laureati/e: PERCENTUALI TITOLO DI STUDIO LAUREA 9% DIPLOMA 65% LICENZA MEDIA 6% 11

12 DISTRIBUZIONE TITOLO DI STUDIO Femmine 9 7 Laurea Diploma Maschi 5 5 Licenza media a) le motivazioni Con l analisi delle motivazioni entriamo nella fase centrale della ricerca, essenziale per comprendere come si arriva alla richiesta del part time e se questa modalità di lavoro risponde in maniera efficace ai bisogni delle e dei dipendenti. Abbiamo fornito come opzione quattro principali gruppi di motivazioni, che risultano così distribuiti: MOTIVAZIONI ALTRO LAVORO 9 SALUTE 5 MOTIVI FAMILIARI ALTRO DISTRIBUZIONE PER MOTIVAZIONI 4% 18% 68% 10% ALTRO LAVORO SALUTE MOTIVI FAMILIARI ALTRO 1

13 DISTRIBUZIONE MOTIVAZIONI PER SESSO Altro lavoro 1 8 Salute 5 Femmine Motivi familiari 1 Maschi Altro Un analisi delle motivazioni e della tipologia di part time che ne consegue, conferma fra le donne la prevalenza dei motivi familiari e la scelta di un orario vicino o pari alle 0 ore settimanali, con distribuzione perlopiù orizzontale. Per gli uomini è invece determinante la presenza di un altro lavoro, e dunque l opzione per un orario al 50%. Viene dunque ribadita la tendenza che vede i compiti di cura assegnati alla sfera femminile (spesso a scapito della crescita professionale), mentre il lavoro maschile permane come fonte di reddito primaria. TIPOLOGIA DEL PART TIME SECONDO LE MOTIVAZIONI Femmine Maschi Orizzontale Verticale Orizzontale Verticale Orizzontale Verticale Misto Base annua Orizzontale Verticale Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro 1

14 DONNE altro salute motivi altro totale lavoro familiari Fino a 18 ore ore Fra 18 e 0 ore ore Oltre 0 ore TOTALE UOMINI altro motivi totale lavoro familiari 18 ore ore 1 TOTALE 8 10 Per un ultimo approfondimento, evidenziamo il legame fra motivazioni e numero di figli, con una tabella riassuntiva della suddivisione per sesso, che rivela di nuovo per le lavoratrici - una stretta interdipendenza fra necessità del part time e cura dei figli: RAPPORTO MOTIVAZIONI - NUMERO DI FIGLI Nessun figlio/a 1 figlio/a figli/e o più figli/e Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro 14

15 DONNE Nessun 1 figlio/a figli/e o più figli/e figlio/a Altro lavoro Salute Motivi familiari Altro UOMINI Nessun 1 figlio/a figli/e o più figli/e figlio/a Altro lavoro 4 - Salute Motivi familiari Altro b) motivi familiari Al fine di raccogliere utili elementi per una riflessione specifica sulle esigenze di conciliazione che portano a richiedere il part time, andiamo ad osservare in dettaglio i casi contrassegnati da motivi familiari. Fra di essi abbiamo incluso quelle situazioni in cui il soggetto interpellato ha indicato la compresenza di più motivi (es. assistenza genitori e attività di studio). Pertanto il totale considerato corrisponde a 9 casi (6 donne e uomini), nel dettaglio: MOTIVI FAMILIARI Cura dei figli 1 Cura figli e genitori Assistenza genitori 4 Altro 1 15

16 La tipologia di part time adottata è invece la seguente: TIPOLOGIA PART TIME ORIZZONTALE VERTICALE 6 MISTO BASE ANNUA 8 La ricerca di una possibile alternativa al part time ha riguardato persone, mentre le restanti 17 dichiarano di non aver tentato strade diverse. In entrambi i casi vengono comunque segnalate eventuali soluzioni, che abbiamo riassunto in quattro grandi categorie: POSSIBILI ALTERNATIVE Maggiore disponibilità 5 economica Diversa organizzazione 7 del lavoro Aiuto domestico 10 Altro/non risponde 17 POSSIBILI ALTERNATIVE AL PART TIME 4% 1% 18% Maggiore disponibilità economica Diversa organizzazione del lavoro Aiuto domestico 6% Altro/non risponde 16

17 Importante osservare, all interno dei gruppi, alcune importanti distinzioni. Nei 5 casi contraddistinti da problemi di natura economica, due donne affermano che, se il coniuge potesse contare su uno stipendio maggiore, loro si dimetterebbero, mentre una terza, pur indicando in alternativa generiche disponibilità finanziarie, fa supporre la medesima volontà. Solo una quarta vorrebbe guadagnare di più per delegare ad altri il lavoro di cura. La quinta persona, un uomo, è l unica fonte di entrata in famiglia ed ha un secondo impiego, che abbandonerebbe a patto di ricevere un maggiore stipendio a full time in Provincia. Fra coloro che hanno evidenziato necessità legate all organizzazione del lavoro, il riferimento più comune è ad una diversa distribuzione e maggiore flessibilità dell orario a tempo pieno. Due persone richiamano invece la distanza dalla sede di lavoro come elemento determinante. Per il terzo gruppo le segnalazioni si dividono fra l assenza di un supporto familiare ed il ricorso a babysitter, collaboratrici domestiche o asili nido, ipotesi scartate perché troppo onerose. Alla domanda su un possibile ritorno al full time abbiamo ottenuto una risposta favorevole da 10 persone e negativa per le altre 9, con le seguenti giustificazioni: POSSIBILE RITORNO AL FULL TIME 7 organizzazione familiare cura figli motivi economici altro/non risponde 6 6 si no Di nuovo analizziamo in modo elaborato le categorie sopra esposte. Le persone propense al ritorno al normale orario di lavoro effettuano tale scelta essenzialmente per l esigenza di uno stipendio maggiore, oppure perché a breve termine i figli andranno a scuola. In un caso il desiderio di ritorno è giustificato anche con la percezione di un trattamento più sfavorevole dei dipendenti in part time. Dall altro lato, chi presume di rimanere in regime di tempo parziale continua ad affrontare aspetti legati all organizzazione familiare (compreso l accudimento dei genitori) o alla cura dei figli (che in molte circostanze non si interrompe con l ingresso nel mondo della scuola). Tre dipendenti sottolineano invece che la loro permanenza è dovuta ad una migliore qualità della vita. 17

18 c) utilizzo congedi e supporto del/la partner Tornando a considerare il complesso dei questionari pervenuti, sono state effettuate alcune domande relative all utilizzo di forme di conciliazione supplementari e sulla ripartizione dei carichi familiari con il/la partner. Frequente è il ricorso al congedo parentale, come qui illustrato: UTILIZZO CONGEDO PARENTALE SI NO 1 NON RISPONDE 4 UTILIZZO CONGEDO PARENTALE SI 4 8 NO 6 7 Femmine Maschi Non risponde 4 Sottolineiamo inoltre che, delle 8 donne ricorse al congedo parentale, ben 4 hanno richiesto il part time per motivi familiari, mentre uomini - sui 4 totali - svolgevano già un altro lavoro. Una situazione che nuovamente riconosce nella donna il soggetto destinatario dei compiti di cura, con risvolti anche sui differenziali retributivi. 18

19 L analisi relativa ai/alle partner si apre con la professione svolta: LAVORO PARTNER Settore pubblico 14 Settore privato 1 Lav. autonomo/a 8 Lib. professionista Inoccupato/a 6 Sulla possibilità di fruire del congedo parentale e del part time, nonché sull effettivo utilizzo, le risposte hanno prodotto il seguente quadro: CONGEDO PARENTALE PARTNER Può utilizzare Non può utilizzare 19 Non risponde 7 Nel caso di risposta affermativa (per 5 partner femminili e 18 partner maschili), 10 partner si sono poi serviti del congedo parentale, mentre 1 persone vi hanno rinunciato. Vediamo come queste scelte si sono distribuite fra donne e uomini per settore di occupazione: UTILIZZO CONGEDO PARENTALE 1 1 Utilizzato Non utilizzato Pubblico Privato PARTNER DONNA 19

20 UTILIZZO CONGEDO PARENTALE 6 9 Utilizzato Non utilizzato Pubblico Privato PARTNER UOMO Se per le donne solo in un caso si è rinunciato al congedo parentale, il numero aumenta considerevolmente fra i partner maschi. Comunque positivo che nel settore pubblico 6 uomini abbiano richiesto il congedo. Passiamo ora all esame del part time: UTILIZZO PART TIME PARTNER Può utilizzare 14 Non può utilizzare 0 Non risponde 5 In casi il part time è stato poi utilizzato, mentre in ben 11 casi questa possibilità non è stata sfruttata. Nuovamente mostriamo la suddivisione per sesso: UTILIZZO PART TIME PARTNER partner uomo 1 8 utilizzato partner donna non utilizzato Sebbene in modo meno marcato rispetto ad altri indicatori, sembrano trovare conferma le difficoltà a stabilire un equilibrata ripartizione dei carichi familiari fra donne e uomini. Statisticamente, il maggiore stipendio percepito in media dagli uomini costituisce senza dubbio un fattore disincentivante affinché siano essi a ricorrere a forme di conciliazione vita-lavoro. 0

21 d) valutazione dell esperienza Ultimo aspetto considerato è il grado di apprezzamento della propria esperienza di part time, condizionato o meno dal manifestarsi di problemi organizzativi, e la richiesta di eventuali proposte migliorative. Il livello generale di soddisfazione appare molto elevato, con solo casi (relativi a donne) di risposta negativa: GRADO DI SODDISFAZIONE SODDISFATTO/A INSODDISFATTO/A NON RISPONDE 44 L invito a segnalare questioni organizzative emerse durante il part time ha prodotto i seguenti risultati: PROBLEMI ORGANIZZATIVI Nessun problema 4 Segnala problemi 14 organizzativi Non risponde 11 4 degli interpellati non rilevano dunque nessuna difficoltà organizzativa nel periodo del part time; in 14 situazioni si avvertono invece delle criticità di vario genere e rilievo. Di queste, 4 sono relative ai carichi di lavoro, a difficoltà di collocazione lavorativa, 4 imputabili alla rigidità dell orario e ad altri motivi: TIPOLOGIA DEI PROBLEMI Carichi di lavoro 4 Difficoltà di collocazione Rigidità orario 4 Altro 1

22 Riguardo ai carichi di lavoro, i commenti indicano scarsa differenza con le quantità di compiti svolti a full time o aumenti di mansioni dovuti alla contemporanea assenza di altri colleghi. Dal tono delle parole sembra inoltre di percepire un clima di rapporti non sempre cordiale ed una faticosa accettazione da parte dei colleghi dello stato di diversità di chi si serve del tempo ridotto. Discorso simile per chi dichiara difficoltà di attribuzione dei compiti in seguito alla scelta del part time, anche se il problema si presenta solo nel periodo iniziale di adozione del nuovo orario. La rigidità di orario spesso rappresenta un problema quando si creano situazioni non prevedibili (in buona parte eventi legati ai figli), oppure a causa della distribuzione non sempre uniforme del lavoro durante le giornate. Infine, le altre motivazioni si riferiscono ai tempi lunghi per l accettazione della domanda di part time, al rifiuto verso la richiesta di ritorno al full time e, viceversa, agli inviti ricevuti per riprendere il full time. e) possibili miglioramenti I suggerimenti (9 in totale) per migliorare la disciplina attuale del part time si concentrano quasi esclusivamente sulla concessione di una maggiore flessibilità e sull ottenere pari considerazione e diritti rispetto ai/alle dipendenti ad orario normale. Nei questionari restituiti le due proposte si trovano spesso collegate, evidenziando l opportunità di allineare al resto del personale le fasce orarie di entrata ed uscita, nonché le norme per il riconoscimento del buono pasto ed il recupero delle ore. Altri richiedono invece la possibilità di organizzare gli orari diversamente rispetto alla normale distribuzione dell Ente, oppure manifestano la necessità di ulteriore personale per alleggerire i propri carichi di lavoro. Non manca chi sottolinea che una gestione più elastica del part time verrebbe incontro anche alle esigenze degli stessi uffici, sia nei casi già ricordati - dove la quantità di lavoro varia a seconda dei periodi, sia nelle situazioni in cui il ruolo ricoperto dal/la dipendente richiede una presenza esterna (riunioni, sopralluoghi su cantieri, ecc.).

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME

MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME MOD. 03C - VARIAZIONE RAPPORTO DI LAVORO A PART TIME AL RESPONSABILE DEL SETTORE PERSONALE AL RESPONSABILE DEL SETTORE/SERVIZIO (per il parere di competenza) LORO SEDI OGGETTO: Domanda di variazione del

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 11 Part-time Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 1. Definizione e specifica disciplina... 446 2. Tipologie di contratto part-time... 447 2.1. Compatibilità con le diverse tipologie di rapporto di lavoro...

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese

I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese I costi percepiti della maternità per le madri lavoratrici e per le imprese FEBBRAIO 2012 Indice Introduzione 2 1. I costi diretti 2 2. I costi diretti e indiretti della maternità percepiti dai datori

Dettagli

guida ai diritti dall A alla Z

guida ai diritti dall A alla Z FUNZIONE PUBBLIC A FRIULI VENEZIA GIULIA COMPARTO MINISTERI guida ai diritti dall A alla Z a cura della segreteria regionale Fp Cgil Fvg - novembre 2010 Comparto ministeriali SOMMARIO A -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative...1 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli