I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI GEOMETRI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI GEOMETRI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 I.I.S. FABIO BESTA SEDE DI ORTE ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI DI GEOMETRI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELEMENTI INDICATIVI PER LA DEFINIZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA E DEL COLLOQUIO CLASSE V SEZIONE C Indirizzo Tecnico Costruzioni Ambiente e Territorio ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Coordinatore del Consiglio di Classe Prof. Adriano Terzoli 1

2 Maria Grazia Elmi Religione Cinzia Gialloreti Italiano e Storia Lucia Carletti Lingua Inglese Angela Sorbara Matematica Valter Borghesi Adriano Terzoli Adriano Terzoli Geopedologia, Economia e Estimo Progettazione, Costruzioni e Impianti Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Virgilio Pandimiglio Topografia Rita Francesco Scienze Motorie Fidenzi Massimo Istruttore Tecnico Pratico Ciula Daniele Istruttore Tecnico Pratico DOCENTI COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE V SEZIONE C 2

3 Alla Commissione d esame Agli studenti candidati interni Ai candidati privatisti Sintetica descrizione della scuola Orte è un paese di circa abitanti in cui il settore trasporto e l attività alberghiera giocano un importante ruolo nell economia locale; il 5% della popolazione è dedita all agricoltura, il 60% è occupata nel terziario e il 35% nell industria. In questo contesto opera l Istituto di Istruzione Superiore F. Besta con sede in un edificio all avanguardia costruito nel Attualmente, a seguito del recente trasferimento avvenuto nel mese di aprile, l edificio ospita il corso del Liceo, dell indirizzo tecnico Finanza e Marketing e l indirizzo tecnico Costruzioni Ambiente e Territorio. La struttura è dotata di moderne attrezzature idonee a permettere agli allievi un accoglienza ed una permanenza adeguate. La scuola è dotata di numerosi laboratori destinati all informatica, alla linguistica, alla videoscrittura. Purtroppo gran parte della strumentazione in dotazione dei laboratori dedicati al disegno, al settore chimico-fisico e soprattutto la strumentazione topografica è stata deteriorata da una recente esondazione del fiume Tevere che ha allagato completamente il piano interrato. L Istituto dispone di una biblioteca di circa trecento volumi di varia tipologia e di una videoteca di argomenti didattici, films vari e spettacoli teatrali. Il piano dell'offerta formativa approvato dal Collegio dei Docenti è ampio, articolato e coinvolge numerose attività integrative quali la scuola lavoro, l orientamento, la prevenzione del disagio giovanile, l'educazione all'ambiente e alla salute. Le opportunità presenti nell Istituto consentono dunque di affrontare un proficuo e stimolante percorso formativo. Stabilità dei docenti nell arco del triennio Indirizzo Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio 1. Italiano e Storia anni Lingua straniera anni Matematica anni Geop., Ec. ed Estimo anni Gestione del Cantiere anni Progettazione anni Topografia anni Scienze Motorie anni

4 Studenti Caratteristiche dell ambiente socio economico e culturale di provenienza Tutti gli alunni provengono da nuclei familiari residenti nel paese di Orte e nei comuni limitrofi. L ambiente di estrazione socio-economico è caratterizzato dalla prevalenza di attività relative al settore terziario e agricolo. Composizione originaria della classe (all inizio del triennio) ed attuale Nel corso dell attuale anno scolastico la classe risulta composta da 13 studenti di cui 10 di sesso maschile e 3 di sesso femminile. Nella terza e quarta classe gli alunni frequentanti erano 11. La variazione del numero degli alunni, nell ultimo anno di corso, è stata determinata dall inserimento di due studenti di cui uno proveniente da un altra scuola con lo stessoindirizzo di studi eduno, anch esso proveniente da un altra scuola, che ha ripreso la frequenza dopo l interruzione di due anni. Carriera scolastica La classe ha avuto una carriera scolastica uniforme nell ultimo triennio. I due alunni provenienti da una diversascuola, ma dallo stesso corso di studi, si sono inseriti con successo nel gruppo classe. Partecipazione alla vita scolastica La partecipazione all attività scolastica è stata regolare e costruttiva per la totalità degli studenti. Tutti, anche se con diversi livelli, hanno partecipato attivamente al dialogo educativo. ANDAMENTO DIDATTICO DISCIPLINARE La classe 5 sezione C dell indirizzo tecnico corso Costruzioni, Ambiente e Territorio fin dal primo trimestre ha seguito nel complesso i corsi con interesse adeguato e sufficiente partecipazione al dialogo educativo. Anche l impegno nelle singole discipline è stato fin dall inizio dell anno scolastico nella media adeguato ed i risultati del primo trimestre mostrano insufficienze e carenze limitate tra gli studenti. In positivo si registra la presenza di un gruppo di studenti, interessati agli argomenti proposti e costanti nello studio, che fin dall inizio dell attività didattica hanno raggiunto e mantenuto un profitto buono nella generalità delle materie. Per gli studenti che presentavano alla fine del primo trimestre debiti formativi, il profitto risultava insufficiente principalmente a causa della scarsa propensione per il lavoro a casa e dell inadeguato metodo di studio. 4

5 La necessità di tener conto dei diversi tempi di apprendimento e di rielaborazione di tali studenti ha condizionato in parte il regolare ritmo di esposizione degli argomenti trattati nelle singole discipline causando un rallentamento nello svolgimento dei programmi in alcune discipline. Nel secondo pentamestre l interesse e la partecipazione al dialogo educativo sono diminuite e, di conseguenza, è diminuito il rendimento generale. L intera classe ha partecipato al progetto La scuola per EXPO 2015 con il lavoro di progettazione Energie rinnovabili per un agricoltura sostenibile concluso all inizio del pentamestre nel mese di gennaio. Durante la fase finale dell anno scolastico, nei mesi di aprile e maggio, la classe ha partecipato attivamente alle attività previste nel progetto Geoschool, in collaborazione con il Collegio dei Geometri di Viterbo, che ha visto gli studenti impegnati in attività di stage presso studi professionali del territorio per un periodo di due settimane,per metà in orario pomeridiano e per metà in orario antimeridiano, e un corso di Autocad avanzato 3D in orario pomeridiano tenuto da un esperto del Collegio dei Geometri di Viterbo. Tali attività, benché valide sotto il profilo della formazione professionale e condivise con entusiasmo dall intera classe, hanno contribuito, insieme alla gita scolastica che ha interrotto l attività didattica per una settimana ad aprile, a distrarre gli studenti e ne hanno condizionato il ritmo di apprendimento giustificando il calo di attenzione registrato alla fine dell anno scolastico. Il comportamento è risultato nel complesso corretto sia nei confronti del corpo docente che tra gli studenti, anche se condizionato da una tendenza alla distrazione e alla perdita di concentrazione durante le lezioni frontali. Metodi e strumenti usati dai Docenti per acquisire informazioni utili per l elaborazione del piano dell offerta formativa Riflessione tra gli insegnanti (nell ambito del Consiglio di Classe) SI Colloqui con le famiglie SI Questionari per la raccolta dei dati NO Consultazione dei servizi sociali del territorio NO Analisi di dati già in possesso della scuola SI Colloqui con gli studenti SI 5

6 Metodi e strumenti usati dai Docenti per diagnosticare le competenze in ingresso degli studenti Riflessione tra gli insegnanti (nell ambito del Consiglio di Classe).. SI Analisi dei risultati scolastici dell anno precedente SI Somministrazione di prove di ingresso...si Altro: discussioni e domande flash..si ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI TIPOLOGIE DI LAVORO COLLEGIALE: Consigli di Classe Nell arco dell anno scolastico i docenti si sono riuniti in cinque consigli di classe, durante i quali hanno curato collegialmente una programmazione che ha tenuto conto di obiettivi a breve, medio e lungo termine, che sono stati pienamente raggiunti solo da una parte della classe e solo parzialmente dal resto. I Docenti hanno verificato periodicamente il raggiungimento degli obiettivi educativi didattici prefissati, affrontando quando necessario, strategie di interventi e modalità di recupero. AREE DISCPLINARI Sono state effettuate riunioni per materie per concordare obiettivi disciplinari ed educativi comuni alle stesse discipline, i contenuti minimi, le modalità di attuazione e di valutazione. Svolgimento delle attività curriculari ed organizzazione della didattica A) PROCEDURE TRADIZIONALI SI B) ORGANIZZAZIONI MODULARI SI C) VERTICALIZZAZIONE DELLE DISCIPLINE SI 6

7 Attività extra curriculari (la partecipazione degli studenti è rilevata dalle caselle alcuni molti tutti): All interno della scuola 1 Partecipazione al corso di Autocad 3D Progetto Geoschool 2 Partecipazione ad attività di orientamento professionale 3 Partecipazione a stage aziendali Progetto Geoschool 4 Partecipazione al concorso La scuola per EXPO 2015 alcuni molti tutti X X X X Sul territorio Alcuni molti tutti 1 Visita alla Fiera Universitaria di Roma e di Viterbo X 2 Partecipazione ad attività di orientamento X 4 Partecipazione al viaggio di istruzione a Berlino X Comunicazioni con gli studenti E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Gli studenti hanno avuto sempre conoscenza dei risultati e del lavoro in itinere, tale rapporto è stato aperto anche alle famiglie con numero 2 incontri e con ricevimenti settimanali. Per gli alunni meno motivati, per quelli con scarso impegno o frequenza irregolare il Consiglio di classe ha provveduto ad avvisare le famiglie con informazioni scritte e contatti telefonici ; non sono stati inoltre attivati corsi di recupero pomeridiani e le attività di recupero sono state svolte in itinere. 7

8 Tipologia delle attività formative ITALIAN O E STORIA LINGUA STRANIERA Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi X Mezzi audio visivi X Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato X Lezioni in laboratorio Lezioni in laboratorio MATEM ATICA GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA E ESTIMO Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi Mezzi audio visivi X Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo X Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato X Lezioni in laboratorio Lezioni in laboratorio X GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIEN TE DI LAVORO TOPOGRAFIA Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi Mezzi audio visivi Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo X Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato X 8

9 Lezioni in laboratorio X Lezioni in laboratorio X PROGETTA ZIONE, COSTRUZI ONI E IMPIANTI SCIENZE MOTORIE Lezione frontale X Lezione frontale X Mezzi audio visivi Mezzi audio visivi X Lavoro di gruppo X Lavoro di gruppo X Insegnamento individualizzato X Insegnamento individualizzato Lezioni in laboratorio X Lezioni in laboratorio Criteri e strumenti di valutazione adottati (cfr. Carta dei Servizi) Tipologia degli strumenti di valutazioneadottati nelle diverse materie ITALIANO Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate Temi, saggi brevi e analisi del testo STORIA Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate Temi 9

10 LINGUA STRANIERA Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate MATEMATICA Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate Risoluzione di problemi GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA E ESTIMO Interrogazioni tradizionali Prove strutturate Risoluzione di problemi estimativi Esercitazioni grafiche o pratiche GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO Interrogazioni tradizionali Questionari Risoluzione di problemi Esercitazioni grafiche o pratiche PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate Risoluzione di problemi Esercitazioni grafiche o pratiche TOPOGRAFIA Interrogazioni tradizionali Questionari Prove strutturate Risoluzione di problemi 10

11 Esercitazioni grafiche o pratiche SCIENZE MOTORIE Interrogazioni tradizionali Questionari Risoluzione di problemi Esercitazioni pratiche Standards di valutazione adottati dai docenti della classe Valutazioni iniziali Si è raggiunta l intesa per esprimere i voti nelle diverse materie con un unico metro. La valutazione quadrimestrale e di fine anno ha tenuto conto dei risultati delle prove sommative, della progressione dell apprendimento, dell impegno, della partecipazione, dell interesse e del metodo di studio. La scala di valutazione adottata dal consiglio di classe, comprende voti dall'uno al dieci. GRIGLIA DI VALUTAZIONE VOTO 1-3 scarso-molto scarso VOTO 4 insufficiente VOTO 5 mediocre Non conosce gli argomenti e commette gravi errori; Dimostra scarsa partecipazione, ha conoscenze frammentarie e superficiali, manca di autonomia di giudizio; Partecipa; conosce ed espone in modo disorganico con errori non gravi; manca di autonomia sulla rielaborazione; VOTO 6 Partecipa e conosce le basi della disciplina; comprende i contenuti, sa sufficiente risolvere situazioni problematiche semplici ed effettuare analisi parziali; VOTO 7 discreto Si impegna, comprende ed espone in modo ordinato; sa applicare ed è autonomo nella sintesi anche se con qualche imprecisione: 11

12 VOTO 8 buono VOTO 9-10 ottimo -eccellente Mostra iniziativa personale; possiede conoscenze approfondite, comprende e sintetizza correttamente valutando autonomamente; applica le regole senza errori. Mostra impegno assiduo; conosce in modo ampio e completo, comprende e rielabora con correttezza formale, logica e con coerenza; attua collegamenti applicando quanto appreso e si impegna in modo propositivo. OBIETTIVI RAGGIUNTI Distinti per: A) CONOSCENZE Generali e specifiche Nella classe possono essere distinte due fasce di livello: alla prima, di consistenza minoritaria, appartengono alunni che hanno conseguito un buon livello di preparazione; alla seconda alunni che hanno conseguito un profitto sufficiente. B) COMPETENZE In quanto in possesso di abilità anche a carattere applicativo Per quel che concerne le competenze, la classe presenta due livelli. Il primo gruppo di alunni si esprime con codici linguistici chiari ed appropriati e dimostra di saper elaborare i contenuti appresi. Il secondo gruppo ha dimostrato di possedere codici linguistici accettabili e sufficiente rielaborazione dei contenuti. C) CAPACITA Di elaborare in modo logico- critico le conoscenze acquisite. Con riferimento ai due livelli di competenze rilevati anche per le capacità si distinguono due gruppi. Gli studenti che costituiscono il primo gruppo sanno elaborare in modo logico-critico le conoscenze acquisite, il secondo gruppo presenta sufficienti capacità organizzative ed esecutive. 12

13 OBIETTIVI COMUNI O TRASVERSALI ALLE DIVERSE DISCIPLINE A) CONOSCENZE Conoscenza minima dei contenuti trattati nelle singole discipline. B) COMPETENZE Minima utilizzazione di strumenti di analisi e di sintesi mutuati da altre discipline. Acquisizione delle abilità minime necessarie per affrontare e organizzare le varie fasi di un incarico professionale. C) CAPACITA Partecipare all attività didattica in modo ordinato. Eseguire puntualmente i lavori assegnati e rispettare le scadenze. Operare collegamenti interdisciplinari. Comunicare in modo chiaro e con linguaggio appropriato secondo il lessico specifico delle varie discipline. ITALIANO E STORIA OBIETTIVI SPECIFICI DELLE SINGOLE DISCIPLINE CONOSCENZE ITALIANO Conoscenza dei vari movimenti letterari e degli autori più significativi che sono stati espressione della cultura che va dalla seconda metà del XIX secolo alla prima metà del XX. Conoscenza delle opere degli autori più rappresentativi. STORIA Conoscenza dello svolgimento cronologico dei fatti storici, economici, sociali e politici più significativi che del periodo che va dalla fine dell 800 al COMPETENZE ITALIANO Proprietà linguistica e forma logica nell esposizione orale e scritta. Interventi appropriati nelle discussioni a carattere letterario e non. 13

14 Abilità nel prendere appunti. Lettura di testi di narrativa STORIA Concetti fondamentali e lessico specifico Analisi storica attraverso dati, fonti e documenti Collocazione dei fatti nel tempo. Visione della storia come mezzo per motivare lo sviluppo civile e culturale CAPACITA La maggioranza degli alunni è in grado di effettuare collegamenti tra i vari argomenti e di rielaborare i contenuti in modo personale e critico. 14

15 MATEMATICA CONOSCENZE L obiettivo della materia è stato quello di fornire agli studenti quel bagaglio di nozioni e quella mentalità tecnica che consentiranno loro di inserirsi più efficacemente nel mondo professionale o di affrontare studi tecnico-scientifici a livello superiore. La composizione della classe risulta eterogenea, pertanto è possibile dividerla in gruppi differenti per capacità e impegno. Un primo gruppo dedicatosi costantemente allo studio ha raggiunto un buon bagaglio di conoscenze relative alla teoria e al calcolo integrale e differenziale. Un secondo gruppo, impegnandosi in modo non sempre costante ha raggiunto un livello di conoscenze soltanto sufficiente. COMPETENZE In generale la classe sa utilizzare in modo sufficientemente corretto le tecniche del calcolo integrale e differenziale, pur non mancando differenziazione riguardo alla rielaborazione di contenuti didattici. CAPACITA Solo alcuni studenti sono in grado di utilizzare le tecniche, i metodi e i modelli matematici in situazioni diverse, altri presentano sufficienti capacità di organizzare ed eseguire i lavori. SCIENZE MOTORIE CONOSCENZE Regole dei vari sport. Nozioni generali di fisiologia e di anatomia del corpo umano. COMPETENZE Saper compiere azioni semplici e complesse in diverse situazioni motorie. Pratica di varie discipline sportive. CAPACITA Autocontrollo. Affrontare e valutare i risultati delle azioni svolte nelle situazioni di gioco sportmovimento. Relazionarsi con gli altri in modo corretto. 15

16 INGLESE CONOSCENZE Soltanto una parte dei discenti, grazie alla partecipazione continua e vivace, ha raggiunto risultati soddisfacenti. Codesti hanno mostrato molto interesse per la materia e una continua interazione con l insegnante ha permesso una produzione propria in lingua. Tuttavia alcuni studenti non hanno manifestato lo stesso interesse, pertanto la loro preparazione risulta ancora non del tutto sufficiente. COMPETENZE Alcuni studenti hanno raggiunto una conoscenza discreta della costruzione del periodo in lingua inglese e pertanto una buona attività di speaking. CAPACITA Soltanto una piccola parte di studenti mostra la capacità di esprimere uno stesso concetto in vari modi e questo è dovuto, come citato precedentemente ad una scarsa conoscenza del vocabolario della lingua inglese. GEOPEDOLOGIA, ECONOMIA E ESTIMO CONOSCENZE Un buon numero di studenti ha raggiunto un discreto livello culturale, grazie ad un interesse costante e ad una costruttiva partecipazione al lavoro di classe, ad un impegno crescente, e ad un metodo di lavoro organico. Un altro consistente gruppo, ha conseguito un livello di padronanza sufficiente, derivante da un adeguato impegno ed applicazione, sia in classe che a casa e ad un interesse costante COMPETENZE Un gruppo di studenti possiede la padronanza dei linguaggi o competenze personali della disciplina, sapendosi orientare nelle nuove problematiche proposte; la maggior parte degli studenti ha raggiunto competenze più che sufficienti CAPACITA Un buon gruppo di studenti è in grado di effettuare collegamenti tra i vari argomenti proposti e di motivare giudizi e fare valutazioni personali e ragionati; un gruppo di studenti dimostra di saper procedere nelle applicazioni, pur commettendo, talvolta, errori non gravi; i restanti tendono a memorizzare dati e conoscenze, più che a riflettere in maniera personale, sulle problematiche proposte 16

17 GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO CONOSCENZE Il percorso formativo ha mirato all apprendimento degli aspetti operativi di gestione del cantiere e sicurezza dell ambiente di lavoro con cui deve confrontarsi la figura professionale del geometra ed in particolare: soluzione dei problemi relativi alla redazione e gestione di un piano di sicurezza nell ambito di cantieri per la costruzione di opere civili e di interventi di riuso del patrimonio edilizio. Al termine degli studi, la maggior parte degli alunni ha acquisito le seguenti conoscenze dei principi generali della gestione del cantiere e la conoscenza delle norme che regolano la sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli allievi sono stati stimolati all acquisizione della consapevolezza delle diverse sensibilità ed abilità necessarie allo svolgimento di tali compiti. Mediamente il livello di conoscenze acquisite dagli studenti può ritenersi discreto. COMPETENZE Le competenze sono da ritenersi acquisite per buona parte della classe. In particolare quasi tutti gli alunni sono in grado di intervenire nel processo di progettazione edilizia applicando le conoscenze e le tecniche afferenti l area disciplinare, acquisite nel corso degli studi. Gli obiettivi raggiunti, rispetto alle competenze, sono da ritenersi mediamente più che sufficienti, anche se l impegno non è sempre stato costante. CAPACITA Capacità di interpretare e saper applicare un piano di sicurezza e coordinamento per un cantiere per la costruzione di opere civili. Capacità di argomentazione e di esposizione con terminologia appropriata ed adeguata alla disciplina. Capacità organizzativa nella fase operativa scritto-grafica. La capacità di elaborare le competenze acquisite è diversa tra i vari soggetti all interno della classe: la maggior parte ha acquisito capacità individuali essenziali per lo sviluppo degli obiettivi disciplinari di base, alcuni hanno capacità di elaborare criticamente e produttivamente le conoscenze e le competenze acquisite. 17

18 PROGETTAZIONE,COSTRUZIONI E IMPIANTI CONOSCENZE L obiettivo del corso è stato quello di fornire allo studente gli elementi di conoscenza fondamentali e di sicura validità per la formazione del geometra, fornendo contemporaneamente gli strumenti che consentiranno approfondimenti successivi in campo professionale o in un corso di studi universitario. Particolare attenzione è stata posta all esposizione del quadro normativo, con l illustrazione dei contenuti generali della principale legislazione tecnica vigente e dei limiti di competenza a cui il geometra dovrà fare riferimento nell attività professionale. Un gruppo che ha seguito con costanza ed interesse il corso ha raggiunto livelli di conoscenza pienamente sufficienti, un secondo gruppo impegnandosi in modo non sempre costante ha raggiunto un livello di conoscenze sufficiente. COMPETENZE Acquisizione delle abilità necessarie per affrontare e organizzare le varie fasi di una progettazione con la produzione degli idonei elaborati preliminari ed esecutivi. Consolidamento e potenziamento delle abilità acquisite negli anni di corso precedenti. CAPACITA Capacità di comprendere il completo sviluppo di una progettazione edilizia. Comunicare in modo chiaro e con un linguaggio tecnico appropriato. Sufficiente capacità di operare collegamenti interdisciplinari. Capacità di rappresentare graficamente in scala e con la corretta applicazione delle conoscenze e competenze acquisite edifici di vario tipo (civile abitazione, servizi, ecc..) secondo le varie fasi di progettazione edilizia, il tutto con l uso di strumenti e metodologie adeguate. Capacità organizzativa nella fase operativa scritto-grafica. La capacità di elaborare le competenze acquisite è diversa tra i vari soggetti all interno della classe: la maggior parte ha acquisito capacità individuali essenziali per lo sviluppo degli obiettivi disciplinari di base, alcuni hanno capacità di elaborare criticamente e produttivamente le conoscenze e le competenze acquisite. TOPOGRAFIA CONOSCENZE L obiettivo del corso è stato quello di fornire allo studente gli elementi di conoscenza che gli permettono di eseguire le operazioni topografiche tipiche del geometra; e che gli consentono approfondimenti in campo professionale o in un corso di studi universitario. Particolare attenzione è stata posta alla risoluzione dei problemi fornendo una casistica che potrà rivelarsi utile anche per il futuro. COMPETENZE Acquisizione delle abilità necessarie per affrontare ed organizzare un lavoro topografico, di tipo planetario, altimetrico e di computo dei movimenti terra. CAPACITA Capacità di comprendere il completo sviluppo di un lavoro topografico e redigere, con appropriato linguaggio tecnico, la relativa documentazione. 18

19 AL DOCUMENTO VENGONO ALLEGATI: I PROGRAMMI E LE RELAZIONI FINALI DELLE SINGOLE DISCIPLINE LA PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE E DEL COLLOQUIO ORALE I TESTI E I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE DUE SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA SCRITTA ESEGUITE DURANTE L ANNO SCOLASTICO. RELAZIONI AREA DI PROGETTO. Orte, 15 maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Luca Damiani) Il Coordinatore del Consiglio della classe V sez. C (Prof. Adriano Terzoli) 19

20 PROGRAMMA DI RELIGIONE I.I.S. FABIO BESTA - Orte Classe V C Anno Scolastico 2014/2015 LA LEGGE NATURALE IL PECCATO, LA COSCIENZA - Il peccato nella Bibbia. - Il senso del peccato oggi. - La legge morale naturale. - Il perdono secondo il pensiero dei santi LA MORALE CRISTIANA E I VALORI DI OGGI - La legislazione ordinaria regola alcune problematiche morali - Il matrimonio religioso e il matrimonio civile. - L omosessualità dei PACS - I recenti pronunciamenti della chiesa attraverso i discorsi di Papa Francesco. - La clonazione - L etica cristiana in relazione ai comportamenti dei giovani, discussione guidata e dibattiti. IL MESSAGGIO CRISTIANO NEI DISCORSI DEI PAPI - La figura di Papa Francesco attraverso i discorsi e le testimonianze. - Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II santi il 27 aprile I miracoli che hanno portato alla santificazione. I discorsi più significativi di Papa Francesco su alcuni temi particolarmente importanti nella società attuale (crisi economica, pedofilia, omosessualità, coppie di fatto e separati che chiedono di potersi avvicinare all eucarestia ) L Insegnante Prof.ssa Maria grazia Elmi Gli Alunni 20

21 PROGRAMMA DI ITALIANO I.I.S. FABIO BESTA - Orte Classe V C Anno Scolastico 2014/2015 L'età del Positivismo e del Realismo L'affermazione della civiltà industriale Le linee generali della cultura europea La cultura filosofica e scientifica Charles Darwin e l'evoluzionismo Il letterato e il pubblico di massa I movimenti letterari Il Naturalismo Il Simbolismo Le linee generali della cultura italiana L'emergere di nuove tendenze nella cultura dell'italia postunitaria Il diffondersi del Positivismo in Italia Lo scrittore e il pubblico Il Verismo L'evoluzione della lingua italiana dopo l'unità Giovanni verga La vita L'evoluzione poetica: il periodo preverista L'adesione al Verismo Vita dei campi T3 Fantasticheria: solo introduzione T4 Rosso Malpelo I malavoglia La trama Le caratteristiche e i temi dell'opera La lingua La prima parte del romanzo: gli antefatti che portano alla catastrofe T6 La famiglia Toscano T9 'Ntoni tradisce l'ideale dell'ostrica Mastro-don Gesualdo La morte di Gesualdo 21 L'età del Decadentismo La società industriale moderna e l'imperialismo Le linee generali della cultura europea La cultura agli albori dell'imperialismo

22 Il decadentismo La poetica decadente T4 Il verso è tutto (da Il piacere, Gabriele D'Annunzio) Le linee generali della cultura italiana La peculiarità del Decadentismo Italiano Lo sviluppo dell'industria culturale Decadentismo e produzione letteraria Giovanni Pascoli La vita La poetica Lo sperimentalismo stilistico di Pascoli Myricae T5 Novembre T6 L'Assiuolo T7 X Agosto I Poemetti I Canti di Castelvecchio Gabriele D'Annunzio La biografia: una vita vissuta come un'opera d'arte La poetica Il superuomo dannunziano Il piacere T2 La filosofia del dandy D'Annunzio e la società di massa Alcyone T4 La pioggia nel pineto T5 I pastori Notturno (caratteri generali) Il primo Novecento L'età dell'imperialismo Le linee generali della cultura europea La scoperta dell'inconscio: Freud e la psicoanalisi Il termine avanguardia Società di massa e generi letterari Le linee generali della cultura italiana I movimenti letterari, le poetiche T4 Il manifesto del Futurismo Luigi Pirandello La biografia La visione del mondo La poetica: dall' umorismo ai miti T2 Il sentimento del contrario I romanzi (solo nomi delle opere) Uno, nessuno e centomila T4 La conclusione del romanzo Le novelle per un anno Il teatro 22

23 Enrico IV Il tema della follia Il fu Mattia Pascal di luigi Pirandello L'opera nel percorso poetico dell'autore e nel contesto della narrativa europea La trama e la struttura del romanzo I temi Lo stile T6 La conclusione Italo Svevo La biografia La poetica Una vita Senilità La coscienza di Zeno Il significato dell'opera nel percorso poetico di Svevo I contenuti e la scrittura T3 La doppia Introduzione: la Prefazione e il Preambolo T5 Lo schiaffo del padre morente Il monologo interiore e il flusso di coscienza L'età dei totalitarismi e della guerra Giuseppe Ungaretti La vita e le opere Le linee fondamentali della poetica Il porto sepolto L'allegria Lo stile, il linguaggio, struttura e temi T3 Veglia T5 Soldati T6 San Martino del Carso Le raccolte di poesie: Sentimento del tempo (caratteri generali) Il dolore (caratteri generali) Eugenio Montale La vita La visione del mondo e i temi delle prime tre raccolte I caratteri della poesia nelle prime tre raccolte e la tecnica del correlativo oggettivo Ossi si seppia T2 Meriggiare pallido e assorto Le occasioni (struttura) T6 La casa dei doganieri La bufera (caratteri generali) L Insegnante Gli Alunni Prof.ssa Cinzia Gialloreti 23

24 PROGRAMMA DI STORIA I.I.S. FABIO BESTA - Orte Classe V C Anno Scolastico 2014/2015 MODULO 1: L'età dell'imperialismo e la prima guerra mondiale Unità 1: L'imperialismo e la crisi dell'equilibrio europeo Caratteri generali Unità 2: Lo scenario extraeuropeo Caratteri generali Unità 3: L'Italia giolittiana 1. La legislazione sociale di Giolitti e lo sviluppo industriale dell'italia 2. La politica interna tra socialisti e cattolici 3. La politica estera e la guerra di Libia Unità 4: La prima guerra mondiale 1. Le cause della guerra : il fallimento della guerra lampo 3. L'entrata dell'italia nel conflitto : la guerra di posizione 5. Dalla caduta del fronte russo alla fine della guerra (1917) Unità 5: La rivoluzione russa Caratteri generali Unità 6: L'Europa e il mondo dopo il conflitto 1. La conferenza di pace e la Società delle Nazioni 2. I trattati di pace e il nuovo volto dell'europa 3. Il controllo dell'impero turco e la spartizione del Vicino Oriente 4. I paesi afroasiatici verso l'indipendenza 5. Il crollo dell'impero cinese e la rivoluzione maoista MODULO 2: L'età dei totalitarismi e la seconda guerra mondiale Unità 7: L'unione sovietica fra le due guerre e lo stalinismo 1. La Russia fra guerra civile e comunismo di guerra 2. La nuova politica economica e la nascita dell'urss 3. L'ascesa di Stalin e l'industrializzazione dell'urss 4. Il regime del terrore e i gulag 5. Il consolidamento dello Stato totalitario Unità 8: Il dopoguerra in Italia e l'avvento del fascismo 1. Le difficoltà economiche e sociali della ricostruzione 2. Nuovi partiti e movimenti politici nel dopoguerra 3. La crisi del liberalismo: la questione di fiume e il biennio rosso 4. L'ascesa del fascismo 5. La costruzione del regime 24

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli