PER UN EXPO 2015 APERTA, INCLUSIVA E ACCESSIBILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER UN EXPO 2015 APERTA, INCLUSIVA E ACCESSIBILE"

Transcript

1 PER UN EXPO 2015 APERTA, INCLUSIVA E ACCESSIBILE CONVEGNO MILANO SI APRE TAVOLO ACCESSIBILITA Il tavolo è stato coordinato da: Pier Luigi Emiliani (CNR) Isabella Ippoliti (consulente Consorzio Sociale Light) hanno partecipato e lavorato: Rosa Garofolo, Carla Mondolfo (ANS) Mara Paola Domini, Luigi Mattiato, Carlo Di Biase, Consuelo Agnesi (ENS) Giovanni Del Zanna (Ledha) Michela Vassena (UICI) Eliana Masoero, Francesca Pozzi (ASF Italia Onlus) Claudio Carcano (Comune di Milano) Anna Lyford (Consorzio Sociale Light)

2 Premessa a cura di Isabella Ippoliti Il lavoro che andiamo a presentare è promosso dal Consorzio Sociale Light e vuole testimoniare un'esperienza concreta di un gruppo di lavoro sul tema accessibilità, all'interno di un progetto finanziato dal piano Emergo della Provincia di Milano. Obiettivo Non un manuale di riferimento dettagliato e formale, ma un documento agile per: - raccogliere i punti di vista delle persone con disabilità - sensibilizzare sugli ostacoli percettivi, informativi ed architettonici che si rendono difficoltosa o impossibile la fruizione di Expo 2015, ed in generale degli Eventi, alle persone con disabilità, specie quelle sensoriali - indicare le linee di intervento Metodologia 1. Richiesta alle associazioni di rappresentanza dei disabili delle informazioni sulle loro necessità, delle percezioni e delle attese 2. Discussione in un tavolo comune 3. Raccolta e ri-organizzazione dei punti di vista, senza forzare la sintesi in modo innaturale Nello spirito del progetto, l elenco non intende essere esaustivo, ma offrire un approccio condiviso ed una facile lettura. La risposta Interesse e pronta collaborazione da parte delle associazioni che, dimostrando profonda conoscenza delle problematiche anche tecnologiche collegata a una problematica complessa come quella della partecipazione ad un evento come EXPO, riaffermano una volta di più il principio metodologico per cui non c è soluzione efficace senza coinvolgere il soggetto che vive il problema. Lo scopo di tale lavoro non è quello di fornire un manuale di riferimento dettagliato e formale, ma un documento agile per sensibilizzare al problema che non esistono solo barriere architettoniche ma anche barriere informative, corredato da suggerimenti concreti degli utenti. Il lavoro eseguito ha visto, quindi, la costituzione di un tavolo di lavoro sensibile al tema dell'accessibilità che ha permesso la partecipazione dei membri delle associazioni dei disabili sensoriali Ans, Ens, Ledha e UICI, di Architetti Senza Frontiere Italia Onlus e della testimonianza del Comune di Milano. L'obiettivo del Tavolo di lavoro è quello di poter scrivere alcune raccomandazioni generali che possano servire da suggerimento e consulenza per coloro che andranno ad accogliere in spazi complessi come Expo per persone con disabilità sensoriali. Osservazioni generali La mancanza di barriere e ostacoli è importante anche per le persone con mancanza di abilità sensoriali Fra le barriere informative possono essere citate, in modo da chiarire l argomento della discussione: - I banchi di accoglienza ed le altre interfacce della mostra con l utente - La segnaletica per la navigazione e per l uso dei servizi - Il materiale informativo e della mostra - Le apparecchiature e servizi di distribuzione automatica di merci (es. cibo e bevande) e d informazione (chioschi e sistemi di guida elettronica) - I sistemi di comunicazione e ricezione di allarmi Le raccomandazioni non vogliono essere complete, ma si intende dare al lettore veloce un idea della classe di problemi d interesse. 1

3 Il documento è articolato in due sezioni distinte: la prima sezione è introduttiva al percorso generale del tema accessibilità a cura del Prof. Pier Luigi Emiliani. Essa ci mostra il percorso sistemico relativo alla pianificazione di una visita presso il contesto di expo. La sezione seguita con la presentazione di alcune raccomandazioni generali sviluppate dalle esperienze e dagli studi sul tema accessibilità che possano essere prese in considerazione come ausilio a fare una progettazione sensibile e attenta alla disabilità sensoriale. La seconda sezione inoltre raccoglie le schede tecniche contenenti le buone prassi di attenzioni elaborate dalle associazioni dei disabili sensoriale. (Ledha, Ans, Ens, Uicim, Cnr). Ringraziamo tutti i membri che hanno partecipato e lavorato con molto impegno ed entusiasmo al tavolo di lavoro. Ans (Rosa Garofolo, Carla Mondolfo) Ens (Luigi Mattiato, Mara Paola Domini, Carlo Di Biase, Consuelo Agnesi) Ledha (Giovanni Del Zanna) Uici (Michela Vassena) ASF Italia Onlus (Eliana Masoero, Francesca Pozzi) Comune di Milano (Claudio Carcano) CNR (Prof. Pier Luigi Emiliani) La coordinatrice di progetto Anna Lyford del Consorzio Sociale Light La coordinatrice del tavolo Isabella Ippoliti consulente del Consorzio Sociale Light 2

4 LA CATENA DEL VALORE ACCESSIBILITA Per sei mesi Milano, la Lombardia e l'italia saranno al centro di un irripetibile evento globale. Per dimensioni, visitatori, imprese, EXPO 2015 offrirà un'occasione unica di incontro universale, scambio, apertura all'altro da noi. Nazioni, culture, studiosi, associazioni, profit e no profit, persone, offriranno la loro visione del mondo, condividendo il tema strategico dell'alimentazione e della lotta all'esclusione e del Cibo come risorsa per affermare il diritto universale alla vita ed alle pari opportunità. Ci chiediamo: EXPO 2015 sarà aperta, inclusiva, rispettosa delle chance per tutti ed in tutti i sensi? Le persone con limitazioni di attività 1 chiedono: sarà accessibile a tutti? offrirà a tutti opportunità lavorative? affronterà il tema del cibo per tutti? si ispirerà al principio del Design for all? sarà agevole visitarla per ognuno di noi? le sue strutture materiali ed immateriali saranno aperte? sarà attrattiva per chiunque o sarà escludente, privando della sua opportunità milioni di persone a Milano, in Lombardia, in Italia e nel mondo? A 12 mesi dall'avvio della nostra Esposizione Universale, il tema della capacità inclusiva dell'evento, in tutte le sue dimensioni, non può essere trascurato. La città, l'area metropolitana, la regione, le imprese, la cooperazione sociale e l'associazionismo, le pubbliche amministrazioni devono focalizzare assieme il tema, condividere principi, strategie, interventi e risorse, per fare di EXPO 2015 la prima esposizione davvero universale perché davvero inclusiva. Serve una forte iniziativa di comunicazione, informazione, sensibilizzazione e confronto. Questo è lo scopo del gruppo di lavoro sull accessibilità, che si propone non di proporre un manuale sull accessibilità ma di suggerire alcune linee guida generali come suggerimento a interventi per rendere EXPO 2015 realmente inclusiva, con la diretta partecipazione degli utenti finali. Gli uomini sono uguali nei diritti, ma hanno capacità cognitive, comportamenti, abilità diverse: esprimono sentimenti ed emozioni differenti. E' questo quello che viene definito un approccio inclusivo e di integrazione che punta ad offrire a tutti le condizioni migliori per partecipare alle attività sociali, con un ambiente fruibile e sicuro che cerca il più possibile di evitare situazioni di discriminazione e di esclusione. Tuttavia l'esperienza, da sola, non porta alla soluzione. Esperienza e Competenza devono essere coniugate. La prima come espressione del sapere individuale, dell'esperienza di vita diretta nelle diverse azioni che svolgiamo all'interno degli ambienti. La seconda come capacità tecnica - di esperti qualificati - in grado di fare sintesi, anche rispetto alle diverse istanze, per sistematizzare le indicazioni prestazionali in modo che possano diventare soluzioni di progetto. Nel seguito viene dapprima presentata una breve descrizione delle attività necessarie per pianificare ed effettuare una visita a EXPO 2015, anche se non compreso nel compito specifico del gruppo di lavoro, principalmente incaricato dell analisi dei problemi di accessibilità di uno specifico padiglione (cascina Triulza). 1 In questo documento si usa la nomenclatura introdotta dall Organizzazione Mondiale della Sanità, per cui la disabilità è un fenomeno complesso causato dalla capacità delle persone e dal contesto in cui agiscono. Lo schema di ragionamento è il seguente: (i) per vivere devono essere svolte attività (ad esempio, muoversi o nutrirsi); (ii) per questo sono necessarie abilità; (iii) alcune persone hanno limitazioni in queste abilità; (iv) in alcuni ambiti queste possono provocare difficoltà (disabilità). Quindi non si parla di persone disabili, ma di persone con limitazioni di attività. L enfasi è messa su quello che le persone possono fare e che può essere utilizzato per recuperare in tutto o in parte la possibilità di agire in un determinato ambiente e in connessione con un attività specifica (http://www.who.int/classifications/icf/en/). 3

5 1. Attività e funzioni generali di un percorso Figura 1 Attività utente e funzionalità da garantire Quando parto per andare a visitare Expo a Milano che cosa faccio? Lo schema propedeutico di Figura 1 mi aiuta a pensare ad un percorso mentale... La fruizione di un evento come l esposizione universale di Milano (come mostrato in Figura.1) da parte di persone con limitazioni di attività comporta la possibilità di svolgere un insieme di attività complesse: Pianificazione della visita alla mostra (Decidere se andare) Viaggio verso Milano (Andare a Milano) Permanenza a Milano (Vivere a Milano) Trasferimento alla mostra (Andare alla mostra) Navigazione nella mostra (Muoversi nella mostra) Visita di un padiglione (Visitare un padiglione) Per svolgere tali attività deve essere garantita alle persone: 1. L accessibilità fisica degli spazi (aperti e chiusi) e dei mezzi di trasporto 2. Accesso all informazione in generale e sull accessibilità in particolare. 1.1 Accessibilità fisica Da questo punto di vista è necessario garantire l accessibilità fisica dei luoghi d interesse, cioè garantire che non esistano barriere architettoniche e percettive, in tutti gli spazi individuati in Figura 2. 4

6 Figura 2 Accessibilità fisica Quindi devono esistere percorsi accessibili nella città e negli edifici e devono essere disponibili ambienti accessibili e mezzi di trasporto accessibili. 1.2 Accessibilità all informazione Inoltre deve essere garantito un accesso all informazione che permetta una corretta e consapevole (Figura 3): 1. Pianificazione della visita (scelta dei mezzi di trasporto, della sistemazione alberghiera, dei ristoranti e di eventuali visite addizionali ad esempio musei); 2. Navigazione attraverso la città e la mostra; 3. Valutazione dell accessibilità fisica e informativa dei diversi padiglioni e stands al loro interno. 5

7 Figura 3 Accesso all informazione Questo può essere ottenuto sia garantendo accessibilità ai sistemi informativi di tipo generale, che producendo e distribuendo materiali appositamente preparati tenendo conto delle abilità delle persone cui sono diretti. 2 Attività dell utente 2.1 Pianificazione della visita alla mostra Figura 4 Decidere se andare Questa attività richiede essenzialmente l accesso a risorse di tipo informativo e precisamente (Figura 4): 1. alle informazioni sui contenuti della mostra (padiglioni e loro contenuto, manifestazioni collaterali) e su eventuali eventi collegati nella città, per individuare le parti d interesse e pianificare la visita; 2. alle informazioni sulle caratteristiche di accessibilità fisica alla mostra (navigazione attraverso i luoghi nei quali la mostra è localizzata). Se mi muovo usando una carrozzina, non avrò barriere architettoniche? Se non ci vedo, non troverò nel cammino ostacoli non segnalati? ; 6

8 3. alle informazioni sulle possibilità di accesso al contenuto informativo dei singoli stand (ad esempio: i video sono sottotitolati?). Devono essere considerate due casi: persone in grado di usare mezzi tecnologici (ad esempio un calcolatore con accesso a Internet) e persone non in grado di farlo (come la maggior parte delle persone anziane). Nel primo caso, dando per scontato che la persona abbia a disposizione la tecnologia di supporto necessaria (ad esempio un lettore di schermo se non ci vede o un emulatore di mouse se non in grado di controllare i movimenti in maniera fine), devono essere considerate, con riferimento ai tre punti elencati precedentemente, le seguenti possibilità: Punto 1 Il sito web dell Esposizione dovrebbe essere accessibile. I criteri di accessibilità sono fissati nei regolamenti applicativi della Legge Stanca (per i riferimenti si può far riferimento a che riporta non solo i riferimenti alla normativa, ma anche informazioni generali sulla situazione). Recentemente le linee guida WAI (Web Accessibility Initiative alla cui prima versione (WCAG 1.0) si ispirano i regolamenti attuativi della legge Stanca, sono state generalizzate con la pubblicazione delle Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) 2.0 (http://www.w3.org/tr/wcag20/), che sono state anche accettate come Standard ISO (ISO/IEC 40500). Tali linee guida sono supportate anche dalla Commissione Europea (http://ec.europa.eu/ipg/standards/accessibility/wcag-20/standard_wcag_en.htm). Si deve osservare che la condizione di rispettare le linee guida è sufficiente ma non necessaria, cioè è sufficiente che siano rispettate perché i siti siano accessibili, ma molte persone riescono ad accedere anche a siti web che non le rispettano completamente. Il rispettare le linee guida non comporta importanti costi aggiuntivi, ma solo che siano conosciute da che realizza il sito. Una seconda possibilità è quella della disponibilità di applicazioni dedicate per i sistemi operativi più diffusi (Apple, Android e Microsoft), eventualmente disponibili anche su dispositivi mobili e quindi anche durante il viaggio e la visita. In tali sistemi operativi sono disponibili supporti d interazione che rendono possibile un accesso ragionevole con i supporti disponibili nei sistemi operativi corrispondenti, se i contenuti sono prodotti in modo opportuno. Da questo punto di vista, per le applicazioni WEB valgono le linee guida WAI. Nel caso di applicazioni specifiche le linee guida valgono a livello generale, ma si devono tenere presenti le caratteristiche del sistemo operativo. Una discussione di questi problemi è in corso all interno del W3C WAI (http://www.w3.org/wai/mobile/). Un report sull accessibilità dei dispositivi mobili, prodotto da IFAC CNR, può essere scaricato all indirizzo Il punto 2 richiede, non solo che la costruzione dei padiglioni e dei percorsi all interno dell esposizione tenga conto delle regole di accessibilità, ma anche che il sito web contenga queste informazioni. Progetti finanziati dalla Commissione Europea hanno considerato il problema della rappresentazione dell informazione per caratterizzare l accessibilità dei luoghi e la segnaletica necessaria. (Per informazioni dettagliate vedere i riferimenti presenti nella sezione documenti del sito dell ONG C.E.R.P.A. Il punto 3 richiede una discussione approfondita nell ambito del gruppo di lavoro che saranno riportati nella sezione 4.6 di questo documento. 2.2 Viaggio verso Milano E chiaro che la possibilità effettiva di viaggiare in modo indipendente verso Milano dipende dalla disponibilità di un infrastruttura con mezzi di trasporto (aereo, nave, treno, autobus) e luoghi (aeroporti, stazioni, porti) accessibili e all esistenza di un opportuna segnaletica fissa o basata sulla tecnologia di telecomunicazione che ne permetta l uso indipendente. Questo aspetto è al di fuori delle possibilità d intervento in rapporto a EXPO e il contenuto di questa sezione è solo una serie non esaustiva d indicazioni di dove sia possibile trovare informazioni rilevanti per decidere 7

9 individualmente se il viaggio è possibile. Per questo è necessario avere accesso (Figura 5): 1. Alle informazioni sui mezzi di trasporto (treni, aerei, etc.). I treni sono tutti accessibili o devo preoccuparmi di individuare quali lo sono e prenotare in anticipo? Le stazioni di fermata sono annunciate a voce o esistono anche annunci scritti? 2. Accesso alle informazioni sulle caratteristiche degli accessi alla città (stazione, aeroporto). I luoghi sono accessibili? Mi è possibile navigare da solo se non ci vedo? Figura 5 - Andare a Milano I siti Web (accessibili?) degli aeroporti di Milano Linate (http://www.milanolinate-airport.com/it/guida-peril-passeggero/passeggeri-a-ridotta-mobilita) e di Milano Malpensa (http://www.milanomalpensaairport.com/en/passenger-guide/passengers-with-reduced-mobility) possiedono una sezione dedicata al supporto delle persone con limitazioni di attività. Si rivolge essenzialmente alle persone con limitata mobilità, ma il servizio è basato su accompagnamento personale da parte di un incaricato e quindi si può probabilmente estendere a persone con differenti limitazioni di attività. Nel sito Web dell aeroporto di Orio al Serio (http://www.sacbo.it/airpor/portalprocess.jsp) esiste una finestra di ricerca dal titolo Hai bisogno d aiuto attraverso la quale si accede ad una pagina relativa alle problematiche della mancanza di abilità. Nel sito Alitalia (http://www.alitalia.com/it_it/), nella sezione Informazioni e supporto Organizza il tuo 8

10 viaggio esiste una voce Assistenze speciali che porta ad una pagina con informazioni per persone con limitazioni di attività. Nel sito Web di Trenitalia esiste una pagine in cui viene dichiarato che è stato realizzato secondo le linee guida della Legge Stanca e dà informazioni dettagliate su come migliorare la navigazione. Sulla pagina principale c è un link ad una pagina sulla quale vengono spiegate le modalità di prenotazione per le persone con mobilità ridotta. Sui treni a lunga percorrenza (frecce) esistono segnalazioni uditive e visive. Nel libretto di presentazione di Italo (http://www.italotreno.it/sitecollectiondocuments/guida_viaggiatore_italo.pdf), esiste una sezione che si riferisce ai viaggiatori con mobilità ridotta. L informazione è disponibile anche nel sito Web (http://www.italotreno.it/it/scopri-italo/servizi-per-disabili/pagine/overview.aspx). Non sembra che vi sia riferimento ad altri tipi di limitazioni di abilità. 2.3 Permanenza a Milano Anche la disponibilità di strutture ricettive, di ristoranti e luoghi d interesse accessibili non ricade sotto le responsabilità di Expo, che però può curare la disponibilità d informazione d interesse per persone con limitazioni di attività, sia con apposite pagine all interno del sito web, che con materiali appositamente prodotti (per esempio in Braille). Figura 6 - Vivere a Milano In particolare è necessario garantire (Figura 6) l accesso a: 1. Informazioni sulla sistemazione alberghiera. Esistono alberghi con stanze accessibili? 2. Informazioni sui servizi di ristorazione 9

11 3. Informazioni sui mezzi di trasporto fra i luoghi di accesso alla città ai luoghi d interesse. Quali mezzi esistono (autobus, metropolitana, )? Sono accessibili? Se solo alcuni lo sono dove posso trovare gli orari? Devo prenotarmi? 4. Informazioni rilevanti per la navigazione nella città e verso la mostra. Esistono segnalazioni esplicite nel cammino o supporti alla navigazione? I punti 1 e 2 sono responsabilità dei gestori e delle organizzazioni di supporto al turismo. Ad esempio, per la zona di Milano è possibile effettuare ricerche di alberghi accessibili sia sul sito della Provincia di Milano e sui siti Il sito ha l accessibilità fra i filtri di selezione degli alberghi. Il problema fondamentale è che la dichiarazione di accessibilità è lasciata molto spesso alla responsabilità del gerente con linee guida molto generali. E comune esperienza che molte camere dichiarate accessibili non lo sono, almeno non da tutti. Esistono criteri più dettagliati, prodotti in progetti Europei e nazionali) per le informazioni da fornire agli utenti perché possano decidere individualmente l accessibilità, ma non sono molto diffusi (http://www.cerpa.it). Il punto 3 è responsabilità delle aziende di trasporto. Il sito web di ATM (http://www.atm.it/it/pagine/default.aspx) ha un pulsante Passeggeri con disabilità, attraverso il quale si accede ad una serie di pagine con informazioni dettagliate e non limitate a mancanze di abilità motorie). Contiene anche un riferimento telefonico per informazioni in tempo reale. Cominciano ad apparire applicazioni mobili la cui accessibilità e utilità è comunque da accertare Il punto 4 presuppone l esistenza di percorsi adattati (senza barriere architettoniche) e di servizi di supporto (per esempio indicazioni sonore della situazione dei semafori per persone cieche). Dal punto di vista dell informazione possono essere considerati due possibilità: Supporto attraverso segnaletica fissa (vedere sezione 2.6) Supporto tecnologico: sistema di navigazione eventualmente aumentato con un sistema di rilevamento della posizione e trasmissione automatica o a richiesta d informazione aggiuntiva. E necessario osservare che i sistemi di navigazioni attuali (per esempio quello basato su Google maps o quello offerto da Nokia) hanno la possibilità di tracciare percorsi pedonali, ma non hanno alcuna informazione della percorribilità dei cammini individuati (ad esempio se ci si muove in carrozzina). Esistono mappe open source, quelle di OpenStreetMap (http://www.openstreetmap.org) che prevedono la possibilità di aggiungere informazioni sull accessibilità, ma questa informazione non è largamente disponibile. Nel caso in cui le persone non siano in grado di usare la tecnologia necessaria per accedere a sorgenti d informazione segnalate l unica soluzione sembra l uso di centri servizi messi a disposizione dalla città (per esempio dal Comune, dalla Regione - Sportello regionale disabili, dall Azienda di soggiorno, dalla Provincia e i gestori dei servizi di trasporto), dai gestori dei servizi a livello nazionale (ad esempio, Trenitalia e Alitalia) o da Expo stessa. 10

12 2.4 Trasferimento all esposizione Figura 7 - Andare alla mostra Valgono in linea generale le stesse considerazioni fatte al punto 3 della sezione precedente, salvo il fatto che non si riferiscono alla città in generale, ma ad un sottoinsieme di percorsi (Figura 7). Questa circostanza rende concepibile, vista la dimensione del problema (numero di persone che li dovranno percorrere) la possibilità di attrezzarli in modo tale da essere percorribili da tutti. 2.5 Navigazione nell esposizione La navigazione all interno della esposizione è una responsabilità di Expo, che deve curare: 1. La disponibilità di mezzi di trasporto accessibili 2. L esistenza di percorsi accessibili 3. L informazione per individuarli e utilizzarli 4. Il supporto alla navigazione 11

13 Figura 8 - Muoversi nella mostra. Vedere anche sezione 5. 3 Visita di un padiglione della esposizione Figura 9 - Visitare un padiglione 12

14 Per dare concretezza all esposizione è stato deciso di presentare le raccomandazioni sull accessibilità con un riferimento ad un padiglione specifico, quello di Cascina Triulza, che presenta una complessità sufficiente da poter essere rappresentativa delle funzionalità prevedibili nei diversi padiglioni. Con riferimento alla Figura 9, sono stati considerate le problematiche seguenti: 1. Problemi trasversali (cioè comuni ai diversi ambienti) 1.1. Segnaletica 1.2. Percorsi accessibili 1.3. Ricezione 2. Ambienti 2.1. Ristorazione 2.2. Bagni 2.3. Sala convegni 2.4. Spazi espositivi 2.5. Mercato 2.6. Spazio bambini ludoteca 2.7. Spazio co-working 2.8. Corte centrale 2.9. Picnic Figura 10 - La cascina Triulza 13

15 Le raccomandazioni specifiche, organizzate secondo la struttura precedente, sono riportate nei dettagli nelle appendici. Appendice 1 Documento prodotto dall Associazione Lega per i diritti delle persone con disabilità. Appendice 2 Documento prodotto dall Associazione Nazionale Subvedenti. Appendice 3 Documento prodotto da Ente Nazionale Sordi Appendice 4 Documento prodotto dall Unione Italiana Ciechi. Appendice 5 - Documento prodotto dal CNR 4 Raccomandazioni generali Rimandando alle appendici per informazioni dettagliate, pensiamo che sia importante riassumere alcune considerazioni generali, in modo che il lettore possa avere un idea immediata del tipo d intervento necessario. Questo riassunto non vuole essere esaustivo nell esposizione dei problemi e delle possibili soluzioni, ma solo contribuire a sviluppare la consapevolezza che l organizzazione di un evento inclusivo richiede attenzione ai singoli problemi che le persone possono incontrare nella fruizione dell evento stesso e che molti problemi, anche se non tutti, possono essere risolti con interventi che richiedono solo una reale attenzione alle necessità di tutti. Raccomandazione 1. Il problema di accessibilità degli spazi fisici è normalmente considerato in funzione delle problematiche delle persone che si muovono in carrozzina. Appare evidente dalle raccomandazioni specifiche raccolte che la mancanza di barriere architettoniche è importante anche per altri gruppi di persone (ad esempio la mancanza di scalini facilita anche le persone con problemi della vista, ma anche quelle con problemi di udito che anno la necessità di guardare l interlocutore per la comunicazione interpersonale). Inoltre appare evidente come gli spazi, se non bene organizzati e strutturati, possono provocare problemi di affaticamento sensoriale (se troppo rumorosi, possono interferire con abilità residue di alcuni gruppi di utenti abbagliamento acustico) e di disagio psicologico. Infine, particolare cura deve essere posta nell illuminazione degli ambienti. In definitiva, chi progetta gli spazi deve tener conto di tutte le persone che li dovranno utilizzare. Raccomandazione 2. Un altra importante componente in relazione agli spazi è quella che fa riferimento alle possibilità di ottenere informazioni sugli stessi, necessaria per la navigazione. Oltre alla normale segnaletica, che deve essere organizzata e prodotta in modo da essere utilizzata da tutti (dimensioni, colori, contrasto) per favorire l acquisizione d informazione lungo il cammino, è necessario che i percorsi siano organizzati in modo semplice in modo da poter visualizzarli mentalmente, che si ponga cura ai materiali in cui sono realizzati (ad esempio variando la qualità della superficie per distinguere varie componenti e quindi verificare che lo si segua correttamente), che si utilizzino accorgimenti speciali per alcune classi di utenti (per esempio indicatori tattili).tale informazione deve essere resa disponibile in mappe (anche ingrandite e tattili) e in tempo reale attraverso sistemi elettronici di guida adattati. Raccomandazione 3. Particolare attenzione deve essere posta nella scelta e installazione di tutte le componenti di arredamento degli spazi: ad esempio, gli accessori dei bagni che devono essere non solo usabili da persone con disabilità motorie, ma con sufficiente contrasto da non creare problemi alle persone ipovedenti; le tavole delle mense e dei bar con forme e materiali che non 14

16 creino confusione o sfavoriscano la loro identificazione; i banchi dei distributori di cibo che devono essere ordinati, con i diversi cibi ben identificabile e così via. Ogni singolo oggetto può avere impatto positivo o negativo e deve essere scelto e posizionato in modo accurato, tenendo conto anche delle giuste combinazioni di colore e dei materiali utilizzati per realizzarli Raccomandazione 4. Particolare cura deve essere dedicata alle attrezzature tecnologiche. In questo gruppo rientrano i distributori (di denaro, di bevande etc.), gli impianti audio video, i totem informativi etc. Questi dovrebbero utilizzare informazioni multimediali non ridondanti, in modo che la stessa informazione possa essere veicolata in modo differente a seconda dell utente: ad esempio, in forma sonora per le persone cieche e visiva per le persone sorde (testo, linguaggio dei segni). Dovrebbero essere controllabili attraverso modalità diverse: ad esempio schermo tattile, ma anche tastiera o riconoscimento della voce. Dovrebbero anche essere in grado di accettare periferici esterni come cuffie o tastiere speciali. Raccomandazione 5. Fra le attrezzature possono essere considerati anche i materiali informativi che saranno resi disponibili nell esposizione. Questi dovrebbero essere accessibili e usabili: (1) siti Web, accessibili secondo le linee guida esistenti (legge Stanca o WAI WCAG 2.0) e facili da usare; (2) materiali a stampa: linguaggio semplice, buona qualità visiva scelta opportuna del font e della dimensione di caratteri, carta non lucida, buon contrasto, attento uso dei colori, peso limitato, disponibilità di una versione digitale (solo testo, versione con grafica); (3) video con sottotitolazione per le persone sorde e descrizione delle scene per le persone cieche. Raccomandazione 6. I banchi informativi dovrebbero essere in una posizione visibile e accessibile, forniti almeno di una sedia e di un tavolo adattato per la carrozzina. Dovrebbe inoltre avere anche un anello d induzione (collegamento con ausili uditivi). Dovrebbe essere in grado di fornire informazione e documentazione in Braille, stampa ingrandita etc. e in forma elettronica. La compilazione dei documenti dovrebbe essere possibile anche in forma elettronica. E inoltre necessario che il personale al banco sia formato per gestire eventuali problemi di persone con limitazioni di attività o, comunque, far riferimento ad un centro servizi fornito delle necessarie risorse, anche umane. Raccomandazione 7. La segnaletica, intesa a dare indicazioni per raggiungere locazioni particolari e indicazioni della funzione di ogni stanza, dovrebbe essere chiara, consistente e coerente con le mappe distribuite e dovrebbe essere disponibile: (1) in forma visiva, utilizzando font senza grazie, caratteri grandi e colore con cautela (combinazioni che siano compatibili con difetti della vista, come il daltonismo, e diano un buon contrasto); (2) in forma visiva ingrandita (probabilmente semplificata); (3) in forma tattile (ad esempio mappe a rilievo e segnali tattili nell ambiente). Le mappe tattili dovrebbero essere supportato da un sistema di guida tattile sul pavimento (guida lungo il corridoio e pietre con rilievi per segnalare ad esempio la curva verso una stanza) e sui corrimani. Potrebbe essere utile utilizzare sistemi di guida simili alle audio guide dei musei, con rappresentazioni delle informazioni e interazioni adattate alle abilità dei diversi gruppi di utenti Raccomandazione 8. Nelle sale convegni, accessibili dal punto di vista delle barriere architettoniche, è necessario curare la distribuzione dei sedili e i colori in modo tale che sia agevole l individuazione dei posti, se la persona deve ascoltare, o del palco, se deve parlare. Spazi strutturati in modo opportuno devono essere disponibili per la traduzione in linguaggio dei segni. Le persone devono essere messe in condizione di accedere all informazione. Quindi la sala deve essere fornita di sistemi di presentazione multimediale, di sistemi di amplificazione, di sottotitolazione in tempo reale o traduzione in linguaggio dei segni. E necessario istruire gli oratori 15

17 a comunicare con tutti e supportarli, se privi di alcune abilità. Negli stand della mostra, dato il crescente uso di materiali di presentazione multimediale per la presentazione dei prodotti, è necessario che questi materiali siano resi disponibili nelle forme alternative descritte precedentemente. Raccomandazione 9. La sicurezza è un problema fondamentale. Particolare cura deve essere dedicata ai sistemi di allarme, che devono essere non solo sonori, ma anche visivi e, possibilmente, non tanto invasivi da aumentare l agitazione delle persone. Dovrebbero essere ripetuti anche sui sistemi elettronici, fissi e mobili, di diffusione dell informazione, in una forma adattata ai diversi canali informativi disponibili ai visitatori. Nel caso di richiesta di aiuto da parte dei visitatori, dovrebbe essere reso disponibile un chiaro segnale di conferma del ricevimento dell allarme. Raccomandazione 10. Gli interventi nella fase di progetto e di supporto tecnologico non possono prescindere dalla consapevolezza che esistono situazioni che possono essere affrontate e sperabilmente risolte solo dall intervento di esperti formati alla gestione delle problematiche delle persone con limitazioni di attività: quindi l esposizione dovrebbe dotarsi di un servizio, distribuito o centralizzato, formato da esperti i grado d intervenire, ad esempio, per tradurre da o verso il linguaggio dei segni per persone sorde o per guidare persone cieche nell esplorazione di percorsi complessi. Un supporto implicito è anche collegato al fatto che i servizi per persone con limitazioni di attività (ad esempio, i bagni) dovrebbero essere ben visibili e raggiungibili. 16

18 5 Bibliografia BAGNARA, Sebastiano, FAILLA Angelo, MAZZOTTI Stefano: Il valore della diversità Asphi, Fondazione IBM, Bologna 2006 CWST - Progetto Europeo Conferences, Workshops, Seminars, Tutorials, Accessible Event Handbook scaricabile da EMILIANI, Pier Luigi, STEPHANIDIS, Constantine: Universal access to ambient intelligence environments: opportunities and challenges for people with disabilities, IBM Systems Journal 44(3) 2005 EMILIANI, Pier Luigi, BURZAGLI, Laura, BILLI, Marco, GABBANINI, Francesco, PALCHETTI Enrico, Report on the impact of technological developments on eaccessibility, (2008) Project, D2.1, 2008 scaricabile da ROE Patrick (Ed.), Towards an Inclusive Future, COST, Brussels, 2007, scaricabile da 17

19 Schede Tecniche Linee Guida per l'accessibilità della mobilità, della fruizione e dell'informazione In relazione ad un possibile padiglione di EXPO (e in particolare con riferimento a Cascina Triulza) Compilato da In relazione a questa specifica caratteristica di disabilità (schemi e funzioni corporee - ICF) Giovanni del Zanna testo introduttivo, con riferimento alle disabilità sensoriali Linee Guida per l'accessibilità in relazione alla mobilità, alla fruibilità ed alla percezione dell'informazione dei padiglioni di EXPO 2015 per il maggior numero di persone, anche con disabilità. Proporre delle linee guida è cosa diversa dal redigere un manuale: il manuale vincola, impone, obbliga al rispetto di parametri e misure. L'approccio delle linee guida, invece, come suggerisce il termine stesso, indica una direzione, fornisce un supporto a chi - soggetto promotore, progettista o gestore di servizi - debba organizzare la meglio una struttura, in questo caso un padiglione per EXPO Un approccio corretto alla Progettazione Accessibile non è quello prescrittivo (indicazioni, minimi obbligatori, misure da rispettare), ma quello prestazionale che anzitutto indica le prestazioni, ovvero le esigenze delle diverse persone per una corretta fruizione dello spazio. Prima della soluzione tecnica - la rampa adeguata, la scritta contrastata, il percorso tattile - deve esserci una comprensione e una valutazione progettuale delle esigenze di chi sarà il fruitore dello spazio. Non l'uomo astratto, idealizzato e standardizzato dai manuali, ma la popolazione reale, fatta di uomini e donne, di bambini e ragazzi, di adulti ed anziani. Di mamme con il passeggino, di presone accompagnate, di soggetti diversi con esigenze e abilità diverse. A volte con alcune difficoltà - dovute a mille diverse situazioni - che richiedono attenzione e comprensione delle esigenze. Ma queste difficoltà non sono da considerare in sé, da sole, astratte dalla persona, a prescindere dal soggetto: ogni persona è un insieme ricco di elementi, a fronte di difficoltà ci sono sempre altre risorse: abilità residue, desiderio di superare le difficoltà, impegno per fare la meglio, voglia di sperimentare e di partecipare alla vita sociale. E' su questi presupposti che si innesta la Progettazione Accessibile, non per imporre soluzioni speciali per un gruppo ristretto di persone (quelli che identifichiamo come disabili, spesso in modo limitativo, riferendosi solo alle difficoltà motorie), ma per analizzare le reali esigenze di fruibilità delle persone - del maggior numero di persone - per fare in modo che l'ambiente costruito sia il più possibile favorevole alle persone senza creare - in modo inutile e gratuito, specie nelle nuove costruzioni - ostacoli alle persone. E' questo quello che viene definito un approccio inclusivo che punta ad offrire a tutti le condizioni migliori per partecipare alle attività sociali, con un ambiente fruibile e sicuro che cerca il più possibile di evitare situazioni di discriminazione e di esclusione. Purtroppo nella mentalità corrente l'accessibilità è spesso considerata un vincolo normativo. Ed anche se la norma in sé presenta delle positività (per chi la conosce con attenzione) assistiamo spesso a realizzazioni di scarsa qualità, basate su conoscenze superficiali e soluzioni stereotipate che risultano del tutto insoddisfacenti per i reali fruitori (cittadini/utenti con disabilità o con difficoltà). Ci troviamo così ad avere soluzioni formalmente a norma, ma non realmente fruibili, questo perché il progetto a norma è considerato in modo astratto, a prescindere dalla conoscenza delle esigenze delle persone con disabilità, a prescindere dall'attenzione alle scelte di progetto. Questo produce un'accessibilità sulla carta, che 18

20 risponde solo ad alcuni requisiti normativi e solo per alcune dimensioni di fruibilità del progetto. Diventa quindi fondamentale coinvolgere direttamente le persone interessate, attraverso le diverse associazioni in piena sintonia con lo slogan niente su di noi senza di noi 2 per riuscire a raccogliere - da chi ha esperienza diretta di vita - le diverse esigenze e i requisiti necessari, questo per cogliere al meglio la dimensione prestazionale dell'accessibilità. Tuttavia l'esperienza, da sola, non porta alla soluzione. Esperienza e Competenza devono essere coniugate. La prima come espressione del sapere individuale, dell'esperienza di vita diretta nelle diverse azioni che svolgiamo all'interno degli spazi costruiti. La seconda come capacità tecnica - di esperti qualificati - in grado di fare sintesi, anche rispetto alle diverse istanze, per sistematizzare le indicazioni prestazionali in modo che possano diventare soluzioni di progetto. Solo così arriviamo a considerare l'accessibilità come una delle qualità del costruito e non più come un'indicazione speciale, ponendo il rispetto della norma come valido punto di partenza, da rispettare e oltrepassare, per definire i requisiti necessari per assicurare una reale accessibilità degli edifici e dei servizi, con soluzioni non più minimali, ma di qualità. Nelle linee guida proposte l'attenzione è rivolta in particolare ai requisti di accessibilità per a persone che hanno limitazioni di tipo sensoriali della vista e dell'udito (ipovedenti, ciechi, sordi), che si aggiungono alle attenzioni per le persone con disabilità motorie, maggiormente trattate dalla normativa e più spesso riportate nei manuali (di cui si riporto alcuni riferimenti bibliografici 3 ). Pertanto, oltre alle attenzioni ai percorsi, al superamento dei dislivelli, alle attenzioni alle pavimentazioni, alla dotazione di servizi igienici, alla fruibilità di componenti e attrezzature (porte, maniglie, arredi, ecc.) si considerano quelle dimensioni che hanno maggiori risvolti con le esigenze delle persone con disabilità sensoriale: l'informazione, la sicurezza, le segnalazioni di emergenza, l'orientamento. E, in generale, la traduzione delle informazioni/comunicazioni nella forma più percepibile da parte di chi, privo di alcune capacità sensoriale, utilizza altri canali sensoriali per relazionarsi con l'ambiente e le persone. A livello metodologico, per facilitare il compito delle diverse associazioni che hanno partecipato alla lavoro di ricerca, si è cercato di organizzare le diverse indicazioni - frutto della ricchezza dell'esperienza diretta - secondo diverse tipologie: ATTENZIONI: rappresentano le indicazioni primarie che portano ad individuare quelle condizioni/soluzioni da evitare perché decisamente negative per le diverse disabilità; possono essere relative sia alla presenza di elementi di ostacolo, ma anche - e a volte soprattutto - alla mancanza di accorgimenti che risultano indispensabili per una fruibilità autonoma da parte della persona con disabilità. REQUISITI: a questo livello, invece, vengono esplicitate tutte quelle indicazioni che emergono dalle diverse esperienze delle persone e che possono fornire (a chi progetta o organizza lo spazio) le richieste espresse in relazione alle diverse situazioni e necessità INDICAZIONI DI SOLUZIONI: là dove alcune soluzioni sono già consolidate e sperimentate vengono 2 E' questo l'enunciato di sintesi della Dichiarazione di Madrid promulgata in occasione dell'anno Internazionale della Disabilità (2003), con questa dichiarazione si sposta l'attenzione da una visione eminentemente medico/scientifica della disabilità ad una maggiormente attenta alla dimensione sociale. 3 ARENGHI, Alberto, Design for all - Progettare senza barriere architettoniche, UTET 2007 DEL ZANNA, Giovanni, Cultura e progetto dell accessibilità, Rima editrice, Milano, 199 DEL ZANNA, Giovanni, Uomo, disabilità, ambiente, Abitare Segesta, Milano, 1996 DEL ZANNA, Giovanni, et al., Progettare l accessibilità, Grafill, Palermo, 2005 FANTINI, Leris, Progettare la normalità, Maggioli, Rimini, 1999 FANTINI, Leris, (a cura di) Superare le barriere architettoniche migliorando il comfort e la sicurezza. Schede tecniche per progettare la normalità, Maggioli, Rimini, 2001 VESCOVO, Fabrizio, Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli, Rimini,

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali LINEE GUIDA PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI LUOGHI

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia Nuovi ascensori per edifici preesistenti ThyssenKrupp Elevator Italia Chiedete il meglio Tecnologia Design Servizio Qualità ThyssenKrupp Elevator Italia offre il proprio know-how tecnico al servizio di

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Indice. Introduzione...4. Capitolo 1...8. Capitolo 2... 19

Indice. Introduzione...4. Capitolo 1...8. Capitolo 2... 19 Indice Introduzione...4 Capitolo 1...8 La rivoluzione digitale può essere davvero per tutti?...8 Tecnologia e disabilità: le opportunità...9 Tecnologie diverse per soluzioni diverse...10 Tecnologia e disabilità:

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità ATM RETE DI TRASPORTO guida per i passeggeri con disabilità PREMESSA Nel corso degli anni gli investimenti per l abbattimento delle barriere architettoniche legate al trasporto pubblico cittadino sono

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli