Anno scolastico Lombry A 360. Notizie e curiosità dalla Scuola Agraria Salesiana di Lombriasco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2005 2012-2006 - 2013. Lombry A 360. Notizie e curiosità dalla Scuola Agraria Salesiana di Lombriasco"

Transcript

1 A N. N. 11 Anno scolastico Lombry A 360 Notizie e curiosità dalla Scuola Agraria Salesiana di Lombriasco

2 Carissimo lettore, a distanza di un mese dall inizio dell anno scolastico possiamo fare il punto della situazione. Ci sono state delle partenze, ci sono stati dei nuovi arrivi. Mi pare doveroso rivolgere un saluto cordiale e riconoscente a don Sergio Accornero, che i Superiori hanno destinato a Casale Monferrato, quale aiuto al parroco di quella parrocchia. Ci mancherà il suo entusiasmo missionario e la sua genuina presenza salesiana in mezzo ai giovani ed alla gente della nostra zona, sempre disponibile a venire incontro a qualsiasi urgenza e soprattutto preoccupato che i suoi ragazzi fossero dei buoni cristiani. Grazie don Sergio: Ti portiamo nel cuore con affetto e nostalgia. Un altra partenza che in qualche modo ha cambiato la vita della nostra Scuola è quella del chierico Mario Viano. Dopo tre anni di permanenza in mezzo a noi, in cui lui ha imparato a fare il salesiano ed ha sperimentato la bellezza di spendere una vita per i giovani e noi ad apprezzare la natura e gli animali anche i più strani, è entrato nello studentato teologico salesiano della Crocetta a Torino, dove perfezionerà i suoi studi per poter diventare sacerdote. Gli facciamo i migliori auguri rassicurandolo che lo ricordiamo con affetto e riconoscenza e lo aspettiamo di nuovo in mezzo a noi, perché possa offrirci le primizie del suo sacerdozio. Sono invece approdati alla nostra Casa don Giancarlo Casati, che ha esercitato il servizio di economo negli anni ottanta e novanta proprio qui a Lombriasco e con lui è pure tornato, perché di ritorno si tratta, il signor Brizio Arlian già consigliere ed assistente del Biennio e apprezzatissimo docente di lingua francese. Oggi continua il suo lavoro di insegnante e nello stesso tempo sostituisce don Sandro Barra nella cura degli Exallievi. Con loro è anche arrivato il chierico Regies Manuel Amal, giovane salesiano che ha lasciato la sua patria, lo stato di Madras in India, per venire a perfezionare i suoi studi proprio alle sorgenti salesiane della Congregazione, con la possibilità di essere a stretto contatto con i luoghi di don Bosco. A tutti diamo un caloroso benvenuto e formuliamo l augurio più sincero che possano coronare i desideri che portano in cuore, confortati dalla nostra vicinanza ed amicizia. A seguito della giornata della Scuola, promossa dal nostro Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia e celebrata il 21 aprile u. s., in cui è maturata l idea che la scuola paritaria di ogni ordine e grado è innanzitutto espressione della cattolicità del popolo di Dio e quindi legata profondamente al territorio su cui insiste, sto facendo una campagna di sensibilizzazione presso i parroci, gli amministratori pubblici più sensibili, gli exallievi, gli amici ed i simpatizzanti perché sostengano e propagandino il progetto educativo che la nostra Scuola promuove. La permanenza dei Salesiani a Lombriasco e la vivacità della nostra Opera è legata alle iscrizioni dei ragazzi, alle cui famiglie è stato fatto passare il messaggio che la nostra non è la scuola di chi può permettersi di pagare, ma di chi riconosce che in essa fa la differenza la fatica di costruire il buon cristiano e

3 l onesto cittadino, con una professionalità che sappia affrontare il mercato del lavoro e la concorrenza spietata di chi ci sta intorno. Affido anche a Te la propaganda di Porte Aperte comunicando a quanti Ti chiedono informazioni le date in cui si svolgeranno, e che trovi pubblicate su questo stesso numero. Affido poi al buon Dio, alla Vergine Ausiliatrice a don Bosco, il desiderio di bene che non vogliamo lasciar spegnere per contingenze puramente numeriche od economiche, ma che sulla scia di san Giovanni Bosco spingiamo fino alla temerarietà, quando si tratta della salvezza dei giovani. Il 10 ottobre u.s. è iniziato l anno della fede, il sostenere la Tua scuola è un modo concreto per dare spazio alle Tue convinzioni religiose ed una forma di riconoscenza per quel bene che certamente hai imparato a riconoscere, giorno dopo giorno, frequentando la casa di Don Bosco. RicordandoTi affettuosamente nella preghiera, Ti auguro un buon cammino di maturazione e di presa di coscienza del Tuo essere cristiano. Lombriasco 18 ottobre 2012 Festa di san Luca Sac. Genesio Tarasco direttore Da qualche mese, la Casa Salesiana di Lombriasco ha riabbracciato un caro amico: don Giancarlo Casati che già aveva risieduto in queste contrade un po di anni fa. Lombry a 360 non poteva certo lasciarsi scappare l occasione di intervistare don Giancarlo e dare a tutti i suoi lettori l occasione per conoscerlo meglio. Ecco cosa ci ha raccontato: Dati anagrafici: nato il 17(ahi!) settembre 1934 (secolo scorso!); maggiorenne a 21 anni (così si costumava allora); celibe (nella vita reale, non in quella virtuale; e per i ben pensanti!); laureato in Lettere; pensionato felicemente, vivo e vegeto! Dati salesiani: catapultato in una casa salesiana insieme ad un cugino per studiare e per fargli compagnia, senza la minima idea sui Salesiani (non sapevo nemmeno che ci fossero!); inoltre, non avevo la minima idea di farmi prete. Poi, più grandicello, colpito e conquistato dall ambiente famigliare della casa salesiana e della figura poliedrica di don Bosco, scelsi di farmi salesiano, non senza ostacoli. Da salesiano ho fatto un po di tutto: assistente, insegnante, incaricato della disciplina, il catechista o animatore formativo e religioso dei giovani, responsabile di un collegio universitario, economo, incaricato di oratorio, direttore, delegato Ex-allievi. Penso che basti! Sono felice di essere tornato a Lombriasco dopo venticinque anni circa. E un ambiente sereno, dove vivono persone schiette e cordiali, con senso pratico non comune e capaci di solidarietà. Quindi W Lombry e coloro che ci vivono.

4 Tra i diversi volti nuovi che da inizio anno abitualmente incontriamo in cortile, lungo i corridoi o in mensa, ce n è uno che per lineamenti e colore della pelle spicca: stiamo parlando del chierico Amal che dalla lontana India è giunto in Italia per completare il cammino che lo porterà all ordinazione clericale. Amal è giovane e simpatico: parla benissimo l inglese ma ancora molto poco l italiano. Quindi abbiamo chiesto a Miss Prato che, insieme a Mrs Saccheggiani, lo sta aiutando ad apprendere la nostra lingua, di intervistarlo per noi e darci così la possibilità di conoscerlo meglio. Ecco a voi, cari lettori, Amal: Come ti chiami e da dove vieni? Il mio nome completo è Thirukudumba Regis Manuel Amlan: tutti però mi chiamano Amal. Vengo dall India, da una città che si chiama Kuttapuli, che si trova a circa 800 Km da Madras, anche conosciuta come Chennai. Ho ventisei anni. Quali lingue conosci? E quali studi hai frequentato? Parlo Tamil e Telugu, che sono due dialetti regionali; e poi ovviamente l inglese e un pochino di italiano. Per quanto riguarda gli studi ho frequentato il liceo scientifico in una scuola salesiana, la facoltà di lingua e letteratura inglese all Università gesuita e, infine, filosofia in un istituto salesiano. Quali esperienze hai avuto? Ho insegnato per due anni matematica, scienze, geografia, storia, educazione civica, inglese, il dialetto regionale e il catechismo agli orfani di un collegio salesiano. Contemporaneamente, ero l assistente di 120 orfani nel convitto. Raccontaci perché sei giunto a Lombriasco, come ti trovi con gli italiani e se stai faticando ad apprendere la nostra lingua. Sono arrivato qui per imparare la lingua, per studiare Teologia a Torino Crocetta e per offrire il mio aiuto dove occorre. A Lombriasco mi trovo bene, mi sento a casa, anche se sono lontano dalla mia famiglia. Gli italiani sono persone stupende che io amo profondamente; la lingua mi crea qualche difficoltà, però voglio e devo impararla, perché è la lingua di don Bosco. Hai parlato di famiglia: ti manca? Sì mi mancano molto i miei genitori e i miei fratelli maschi; però, qui in Italia ne ho trovata un altra. Per concludere: manda un messaggio ai nostri ragazzi. Amate Dio che vi ha creati, i vostri genitori che vi hanno generato e tutta l umanità che vi circonda. Miss Valentina Prato Da inizio anno scolastico, la nostra scuola si avvale di una nuova quanto preziosa collaborazione: stiamo parlando di Claudia Sola che, con competenza e sorrisi smaglianti, gestisce la segreteria in sostituzione di Elvira Carena che è in maternità. Claudia non è nuova a Lombriasco: è infatti una ex-allieva, diplomatasi al Liceo Scientifico nell anno scolastico ; qualche mese fa si è brillantemente laureata in Economia Aziendale. Nel darle il nostro benvenuto, augurandole anche un buon lavoro, vi ricordiamo che Claudia è presente in segreteria dal Lunedì al Venerdì, dalle 8:30 alle 11:30.

5 Brizio Arlian Abita: Lombriasco Insegna: Francese nelle medie Ama: andare in montagna Non ama: improvvisare Come insegnante si definisce: non ho definizioni sul mio metodo di insegnamento Mario Cantore Abita: Val Susa Insegna: Informatica dalla II alla V Liceo e nelle I ITA e ITG; Fisica in I e II ITG e in I ITA; Matematica in II e III ITA; Ama: la montagna e il volo; Non ama: la televisione, gli ingorghi e i benzinai; Come insegnante si definisce: più che un insegnante mi sento un allievo: a scuola imparo molto più di quello che insegno Maria Rubio Gomez Abita: Torino Insegna: spagnolo in II Liceo Ama: leggere e scrivere, viaggiare, la musica, fare sub, dormire Non ama: cucinare, alzarmi molto presto e il cioccolato Come insegnante si definisce: inquieta, aperta e motivata Pier Giacomo Toselli Abita: Cavallermaggiore Insegna: Topografia in III ITG Ama: l attività fisica, lo sport in generale Non ama: le chiacchiere inutili Come insegnante si definisce: buono ma non troppo

6 Il giorno 28 del mese di settembre alle ore squilla il cellulare. È arrivato un sms dai prof Racca e Toselli, non una richiesta di aiuto per impaginare il giornalino (come avremmo sperato), bensì per chiederci di scrivere un articolo per salutare tutti voi. Ma che articolo! È già tanto se riusciamo a scrivere qualche riga a 4 mani. Eccoci allora davanti alla pagina vuota di un documento Word con il cursore che lampeggia e aspetta. Ci guardiamo negli occhi e sorridiamo: come si possono trovare le parole adatte a descrivere le emozioni che stiamo provando? Nella mente si affollano tanti ricordi, tanti pensieri, tanti volti da dove iniziamo? Ci guardiamo nuovamente negli occhi e dalle nostre bocche esce un nome: Don Sandro. Ripensiamo ai nostri primi giorni a Lombry: eravamo giovani (non ridete, lo siamo state anche noi e lo siamo tuttora), alle prime armi, spaesate, impaurite ed abbiamo incontrato lui che ci ha sostenute, incoraggiate, suggerendoci ed insegnandoci qualche segreto del mestiere. Che sollievo poter contare su di lui sempre; bastava scendere in cortile ed era lì pronto ad ascoltare i nostri sfoghi, a trovare le parole giuste per darci un aiuto. È stato per noi un punto di riferimento importante in tutti questi anni: ci ha aiutate a crescere, non solo come insegnanti, ma come persone, mogli e mamme. Ma Don Sandro non è stato il solo che ci ha fatto sentire parte di questa grande famiglia: anche Don Bianchi, con poche parole ma grandi gesti, ci ha rincuorato nei momenti di crisi come potrebbe fare un nonno affettuoso. Non da ultimo ringraziamo il direttore Don Tarasco per averci dato la possibilità di vivere questa esperienza, accogliendoci con affetto nella famiglia salesiana. Davanti ai nostri occhi passano anche i volti di tutti i colleghi, salesiani e laici, con i quali abbiamo condiviso gran parte del tempo trascorso a Lombriasco. Ore di lavoro, di grande impegno, di fatica ma soprattutto tanti momenti di condivisione e di svago grazie ai quali abbiamo instaurato veri rapporti di amicizia che speriamo possano continuare nel tempo. Tra i tanti ricordi che affiorano nelle nostre menti ci siete anche voi, allievi ed ex-allievi, che abbiamo conosciuto e con i quali abbiamo condiviso non solo ore scolastiche (a volte noiose, ma inevitabili), ma soprattutto tanti momenti di riflessione nei ritiri e durante gli esercizi spirituali, di svago in cortile o durante le gite, di gioia e condivisione nelle cene da voi abilmente preparate... Il tempo trascorso a Lombriasco ci ha lasciato il dono più prezioso che portiamo via: questo legame che si è creato con tutti voi e che esula dal contesto scolastico; siamo consapevoli che altrove non avremo la possibilità di trovare altrettanto. Anche i momenti trascorsi durante la realizzazione di Lombry a 360 sono un bel ricordo. Giorni frenetici, con allievi e colleghi da rincorrere per recuperare gli articoli, altri da supplicare per avere un aiuto nell impaginazione, tante ore trascorse davanti al monitor per gli ultimi ritocchi, le corse per stampare e distribuire le copie del giornalino in tempo ; tutto ciò, nonostante le fatiche, ha contribuito a creare un legame profondo e forte tra noi due e con tutti coloro che hanno partecipato alla redazione. Adesso poter sfogliare i vecchi numeri ci permette di rivivere esperienze importanti e ricordare momenti di svago ed allegria passati insieme. Il consiglio che vogliamo dare a tutti voi, allievi ed ex-allievi, è di continuare a partecipare e collaborare con questa bella iniziativa. Immerse nei ricordi siamo andate ben oltre le poche righe, è quasi un articolo! Non ci resta che salutare la grande famiglia di Lombriasco con tanto affetto! A presto, Simona Martoia e Raffaella Monchiero

7 Frammenti utili per la vita Nella foresta che si estende tra il lago Winnipeg e la baia di Hudson, in una radura fantastica per la varietà floreale e per una sorgente di acqua pura e cristallina, il vecchio Bill viveva nella sua capanna, corredata di stalla per gli animali, fedeli compagni di tante avventure. L'anziano cacciatore aveva un fisico statuario, con il viso flagellato dal clima assai difficile dei lunghi inverni canadesi. Le sue mani parevano dei badili, capaci di afferrare una alce e trascinarla per un certo tragitto, come fosse un fuscello. Egli conosceva tutti i segreti del bosco, era in grado di distinguere qualsiasi orma identificandone l'autore e assai difficilmente la selvaggina poteva scampare al tiro del suo fucile, un Winchester a ripetizione risalente alla guerra di secessione. Bill era, come si suol dire, un lupo solitario e l'unica persona cui concedeva udienza era un ragazzo, Clem, un orfano quindicenne che viveva con i suoi nonni materni nel villaggio di Norwak. L'aveva incontrato casualmente durante una delle sue rarissime visite all'emporio commerciale, dove si recava per acquistare i generi alimentari indispensabili per la sua sopravvivenza, assai frugale ed aliena alle comodità. La sua abitazione era quasi interamente in legno, ad eccezione delle fondamenta e del tetto, rigorosamente in pietra, con lastre molto simili alle lose utilizzate nella baite sulle nostre montagne. Quel pomeriggio Bill era seduto sulla sedia a dondolo presso l'ingresso della sua rustica dimora. Teneva in braccio Carmen, una gatta dal pelo a squama di tartaruga che gli faceva un'ottima compagnia facendo finta di dormire, con gli occhi socchiusi nell'atto di fare le fusa, in realtà sempre vigile nei confronti dell'ambiente circostante. A due metri di distanza, su una stuoia ormai logora, ronfava Farfui, un possente Terranova di 95 chili, solerte accompagnatore del suo padrone nelle battute venatorie. La pipa dell'esperto trapper era accesa, perchè questo era il momento favorevole per la siesta pomeridiana, quando poteva rilassarsi un pochino e meditare sulle alterne vicende della vita. Nel frattempo giunse il giovincello, che lasciò il mulo del nonno a pascolare nel prato insieme a Purilu, il cavallo baio dai muscoli d'acciaio utilizzato per qualsiasi lavoro dal padrone di casa e Guendalina, una vacca pezzata rossa valdostana acquistata alla fiera di Aspen da alcuni coloni provenienti dall'italia. Sono venuto a salutarti, perche vado in città a proseguire i miei studi, disse con un pizzico di emozione l'adolescente perennemente spettinato. Bill osservò per alcuni istanti il volto emozionato del ragazzo, rivide se stesso negli anni della sua giovinezza, allorché si era ritrovato privo dei genitori a causa di un attacco degli indiani Irochesi ed era stato salvato miracolosamente da zio John, il quale lo aveva iniziato all'arte della dea Diana (protettrice della caccia). L'uomo, esperto di animali nonché di esseri umani, fece due tiri con la pipa, si grattò la testa e poi parlò così: Non gettare al vento quest'opportunità che ti viene data. Probabilmente a scuola non troverai nessuno che ti insegnerà le regole della foresta, come ho fatto io con te. Tuttavia, gli insegnanti ti aiuteranno a sviluppare le tue capacità e così potrai formarti come persona pronta ad operare positivamente nella società. Non sprecare mai il tuo tempo e riponi fiducia non in chi appare più furbo, ma in chi si dimostra più virtuoso e sincero. Lo sbarbatello non poteva ancora comprendere pienamente lo spessore delle parole dell'amico già avanti negli anni. Un velo di malinconia venne ad offuscare la serenità che sempre rendeva solare il suo volto. Sarebbe stato volentieri ancora a lungo ad ascoltare le meditazioni del canuto esploratore, ma il tempo si era fatto breve, per cui con una fugace lacrima sulla guancia destra salutò Bill, promettendogli che avrebbe conservato nel cuore tutti i suoi preziosi consigli.

8 Nella cittadina di Sherbrook da alcuni decenni era stato aperto un istituto scolastico dei Padri Dottrinari provenienti dalla Francia, con percorsi formativi corrispondenti alla scuola primaria e secondaria presente nella penisola italiana. In tale struttura era presente anche il convitto e Clem approdò in quel luogo con l'entusiasmo del condannato che sta varcando la porta del penitenziario, non pensando in quel momento che la permanenza in quell'ambiente sarebbe stata la migliore preparazione alla sua esistenza di adulto. Gli alunni di quel plesso didattico erano di provenienza assai assortita, sia dal punto di vista geografico, sia da quello morale. Il nostro giovanotto, a dispetto della giovane età e della preparazione non perfetta acquisita precedentemente, forte dei suggerimenti del vecchio Bill e dei nonni, intraprese con determinazione l'attività studentesca, non curandosi degli inviti più o meno suadenti di alcuni compagni, i quali trascorrevano le ore nel pensare al fine settimana (cosa mai vita a Lombri, vero?). Quando qualcuno gli proponeva qualcosa di losco o, più semplicemente, lo invitava ad unirsi ai cattivi compagni, Clem rimembrava i discorsi del rude maestro residente nei boschi, consapevole che solo colui il quale ha la schiena dritta ed è disposto a realizzare un progetto importante, anche a costo di rinunce e sacrifici, potrà diventare un vero uomo. Ehi, sbarbino, non fare il leccapiedi dei superiori. Unisciti al nostro gruppo e fregatene di tutto e di tutti, tuonò il capoccia della ciurma giovanile presente in quella contrada, che nascondeva la sua inconsistenza strutturale con una cospicua dose di spavalderia aggressiva. Voi non sapete quale sia stato il mio passato né i motivi del mio sopraggiungere in questo collegio. Io so dove voglio arrivare e ho fiducia che i missionari mi aiuteranno a diventare maturo e responsabile. Non perdete il vostro tempo con me. Il tono di voce particolarmente serio delle sue parole colpì nel segno ed i branco di lupacchiotti non infastidì ulteriormente il giovanotto, anche perchè Clem era di costituzione gracile e i suoi muscoli suggerivano ai suoi compagni miti sentimenti di fraternità. Negli intervalli lungo la giornata, quando non praticava qualche attività sportiva, il nostro giovane amico chiacchierava volentieri con padre Alain, uno dei religiosi che seguiva più da vicino i convittori dell'istituto superiore. Superato il blocco che lo aveva spinto a dubitare dell'esistenza di Dio a motivo della morte prematura dei genitori, egli si aprì con fiducia alla fede, che divenne una realtà importante nel suo cammino verso l'età adulta. Nei tempi di vacanza, Clem ritornava dai nonni e immancabilmente frequentava la capanna di Bill, completando la sua preparazione umana grazie alla saggezza non comune del vigoroso cacciatore. E tu, amico studente a Lombry, che cosa vuoi costruire per il futuro? Datti una mossa!! Paulus Agricola Il nostro Istituto nei mesi di Aprile e Maggio ha partecipato alla raccolta punti INSIEME PER LA SCUOLA promossa dai supermercati Conad- Leclerc. Comunichiamo che sono stati raccolti 705 buoni che danno diritto a 2 TASTIERE e a 2 MOUSE TRUST che saranno consegnati gratuitamente alla nostra scuola. Ringraziamo tutti i ragazzi e i genitori che hanno dimostrato interesse ed impegno verso questa iniziativa.

9 Boschi, oceano, montagne innevate: questo è il panorama che si presenta davanti ai vostri occhi, quando varcate i confini della terra conosciuta come Canada Occidentale. Ho attraversato l Atlantico da sola e da sola sono giunta nel Nuovo Mondo, col timore di restare ancora da sola, almeno per i primi giorni di permanenza a Vancouver - è qui che mi sono diretta per una vacanza studio che è durata 6 settimane, sulla costa del Pacifico-. Il mio timore si è dissolto il mattino seguente il mio arrivo; della musica in bagno mi ha segnalato la presenza di un altra anima viva. Le mie compagne di avventura sono state una ragazza messicana e due venezuelane, che ora vivono in Belgio. Con loro ho vissuto l esperienza più incredibile della mia vita. Rievocare quei ricordi mi emoziona, vorrei poter chiudere gli occhi qui, nella mia stanza e riaprirli laggiù, nel salottino del nostro piccolo appartamento, con la vista su parte della British Columbia University, un pezzo di foresta ed il mare immenso. Ogni giorno, dal lunedì al venerdì eravamo impegnate a scuola dalle 9.00 am alle pm poi: libertà! Terminate le lezioni potevamo fare tutto ciò che volevamo: andare a Downtown, fare delle gite tra di noi, visitare l università ed i suoi musei, andare a fare la spesa per la cena, che fortunatamente potevamo cucinarci essendo il nostro alloggio attrezzato. Ogni sera, quindi, piatto tipico from Venezuela, Italy, Mexico or Belgium! Le gite più belle le abbiamo fatte durante i weekend: Whistler, un minuscolo paesino di montagna, dove ho provato per la prima volta il rafting, Stanley Park, il parco del Canyon e le cascate in North Vancouver (scortate da Tom, the coolest canadian teacher in the World!) e ancora Seattle, in cui siamo state ospitate da un amico ed ex compagno di stanza del padre delle mie roomie, che viveva su un isola. Magnifico! Altra giornata memorabile è stata quella in cui siamo andate con l istituto a fare una gita in canoa, accompagnate dai tamburi delle First Populations, alcuni membri della tribù dei Takaya (la tribù del lupo), che ci hanno insegnato alcune loro leggende, credenze e parte della loro cultura. Esperienza unica!

10 Con la scuola, durante le ora di lezione, talvolta andavamo in Downtown per intervistare i proprietari di negozi o attività e migliorare il nostro inglese, talvolta abbiamo visitato un paio di musei della UBC e qualche mostra. In pratica, la scuola dei sogni! Ma nonostante ciò, la tagliata di un giorno c è stata, meta la spiaggia con le mie insostituibili compagne di stanza. Le mie amiche ed io abbiamo riservato l ultima serata per noi: THE TOP OF VANCOUVER ( I should say THE TOP OF THE TOP! cit. Isabel), ristorante di lusso collocato in un palazzo a forma di torre, la cui TOP gira su se stessa, offrendo agli ospiti la vista sulla Vancouver notturna, tutta illuminata. Ma il fato aveva di meglio in serbo per noi: fuochi d artificio per concludere Con un brindisi abbiamo suggellato il nostro patto: tra 5 anni si replica tutte noi, stesso posto, stessa ora. Promesso. Mi occorrerebbero settimane per descrivere tutto quello che ho vissuto in quel mese e mezzo, che è durato come un battito ali, le stesse ali che mi hanno riportato alla realtà, al termine di quella magnifica esperienza. L unica cosa che posso dire adesso è la frase che ho pronunciato la mia ultima sera a Vancouver: Non vedo l ora di ritornare in Canada, per fare tutto quello che non sono riuscita a fare questa volta! Alessandra Poma (V LS) Dopo la tanto attesa fine della scuola occorrevano le vacanze per riprendersi dalla fatica di un intero anno passato sui banchi Destinazione Croazia, meta ideale per una settimana di completo relax sotto il sole. Purtroppo la maggior parte delle spiagge non sono sabbiose, ma il mare è molto limpido e l acqua calda. Io sono stato a Rovigno, cittadina situata nella parte occidentale dell Istria, in cui sembra di trovarsi in Italia per l alto numero di italiani e gli usi e costumi presenti. Nei giorni trascorsi in Croazia ho avuto modo di visitare altre due cittadine a poca distanza (il modo più veloce di spostarsi è sicuramente via mare): Novigrad e Parenzo due località risalenti al tempo dei Romani, divenuti poi centri di pescatori. Oggi, oltre all attività della pesca sempre presente, sono mete per numerosi turisti e vantano antiche vie che si intersecano nel centro della città ed arrivano generalmente a convergere nelle piazze. I paesini dell Istria hanno in comune la loro ubicazione in una piccola penisola, solitamente c è poi nella parte più alta una chiesa e infine le abitazioni, alcune delle quali arrivano a pochissimi metri dal mare. Purtroppo, però il tempo delle vacanze è trascorso molto velocemente, ora restano i ricordi delle belle giornate vissute. Alberto Tina (IV LS)

11 n agosto sono andato in vacanza a bordo della Costa Favolosa. Quando insieme alla mia famiglia abbiamo deciso di passare le vacanze in crociera, non ero molto entusiasta ma, appena imbarcato, tutto è cambiato. Una volta a bordo, sembra di staccarsi dal mondo e di vivere quasi in un sogno, dove tutto è magnifico. La giornata passa in fretta ed è sempre piena di intrattenimenti, musica e divertimento, dal mattino presto con l inizio delle escursioni fino a tarda notte con la discoteca. Sicuramente la cosa che più mi è rimasta di questo viaggio è la compagnia di amici che ho trovato, persone stupende e simpaticissime con cui ho passato i momenti migliori e con le quali sono ancora in contatto. La cosa curiosa è che a parlare tutto il giorno con persone che hanno un altro accento,soprattutto milanese, alla fine si parla come loro!! Un altra particolarità è che si può mangiare tutto il giorno, con pizze buonissime sfornate praticamente in serie dalle sei del mattino fino a mezzanotte. Inoltre si mangiava benissimo anche nei due ristoranti presenti sulla nave, dove ci sono state anche due cene di gala, una di benvenuto e una di arrivederci, veramente emozionanti anche perché alla fine della cena iniziava la musica che coinvolgeva tutti i partecipanti. Tra i diversi posti che ho visitato, due in particolare mi hanno colpito per le loro caratteristiche. Il primo è lo stadio delle rovine dell antica Olimpia, sede dei primi giochi olimpici; a quel tempo si interrompevano tutte le guerre per partecipare ai giochi e ciò rivela veramente l importanza di questa manifestazione. Il secondo è Istanbul, la capitale turca che divide Europa e Asia. È un incrocio di diverse culture e costumi e la sua popolazione è pari a 15 milioni. Il traffico è veramente impressionante poiché, come spiegava la guida, si dorme nella parte asiatica e si lavora nella parte europea dove ci sono le fabbriche e gli uffici. Inoltre è un importante snodo commerciale quindi tutto il giorno ci sono continuamente numerose imbarcazioni che attraversano lo stretto del Bosforo. Ultimamente è stato costruito anche un tunnel che passa sotto il mare per permettere il passaggio delle auto ma non è ancora agibile. Camminando per le strade di Istanbul ho visto delle ragazze all incirca mie coetanee con il velo e i vestiti lunghi quando la temperatura era circa di 32 gradi!! Inoltre è impressionante la visita del Gran Bazar, un mercato al coperto grandissimo dove si vendono soprattutto prodotti tipici del luogo come le spezie. Mi hanno colpito molto sia la Moschea Blu ( il cui nome deriva dalle migliaia piastrelle coloro turchese nelle pareti e nella cupola) e la Basilica di S. Sofia tipico esempio di architettura bizantina. Insomma, è stata un esperienza bellissima ed arricchente sotto tutti i punti di vista. Luca Aimaretti (IV LS) Quest'estate mi sono recata con la mia famiglia in una bellissima città... Londra!! Appena ho messo piede fuori dall'aeroporto mi sembrava di essere in un altro mondo: macchine con il volante a destra, cabine telefoniche rosse in stile "Harry Potter", altissimi palazzi affiancati da casette che sembravano uscite da un film degli anni '70. Ma ciò che mi ha colpito di più è stata la varietà di persone che abitano questa città! Arabi, italiani, cinesi, africani, jamaicani, tedeschi.. e naturalmente inglesi. Tutte queste persone da molti anni vivono a Londra, occupando interi quartieri, che hanno assunto molte delle caratteristiche dei loro paesi d'origine.

12 Così, camminando nel quartiere cinese, ho ammirato lanterne colorate, dragoni rossi arrampicati sui muri e moltissimi sushibar. Il quartiere giamaicano di Notting Hill, il giorno del loro carnevale, era animato da musica e colori, in un turbine di persone che suonavano e ballavano su ritmi sudamericani. Gli stranieri a Londra sono così integrati che anche la Guardia della Regina è formata da ufficiali con la pelle scura! Sembrerà scontato, ma è questo l'aspetto che mi ha colpito di più della gente di Londra, soprattutto perchè non è comune che in una città ci sia questo tipo di integrazione tra persone provenienti ognuna da un diverso angolo di mondo. Ho visitato moltissimi monumenti e luoghi d'interesse: Buckingam Palace, The National Gallery, The British Museum, London Bridge, il Big Ben, The Tower of London, The London Eye (un'enorme ruota panoramica). Ognuno di questi luoghi racconta un pezzetto della storia inglese, ed è stato molto interessante poterli vedere ricavandone anche forti emozioni come quella provata alla vista dei gioielli della Corona! Naturalmente ho anche trascinato la mia famiglia nelle vie e nei quartieri più moderni, girovagando per moltissimi negozi d'abbigliamento, ai Magazzini Harrods (il più grande centro commerciale al mondo) nel negozio di M&M's (uno dei quattro esistenti al mondo) dove ho fatto scorta di coloratissimi confetti, anche per chi era rimasto a casa! Francesca Lombardo (III LS) Il cielo d Irlanda è un oceano di nuvole e luce il cielo d Irlanda è un tappeto che corre veloce il cielo d Irlanda ha i tuoi occhi se guardi lassù ti annega di verde e ti copre di blu ti copre di verde e ti annega di blu... La cantante italiana Fiorella Mannoia, nella sua famosa canzone Il cielo d Irlanda, canta e racconta di uno splendido Paese, con un meraviglioso cielo che non può far altro che rimanere nel cuore. Ed è proprio quello che è successo a noi, che a luglio abbiamo avuto la possibilità di andarci per perfezionare e aumentare la padronanza della lingua inglese. Per la nostra vacanza studio ci siamo appoggiate a Don Cipriano Demarie (per noi il mitico Don Cip ), docente di lingua latina e greca nel liceo classico di Valsalice. O- gni estate, da ormai più di trent'anni, organizza vacanze-studio in questo Paese non solo per gli allievi del suo Istituto, ma anche per quelli della nostra scuola: quest anno, infatti, eravamo nove ragazzi di Lombriasco a partecipare a questa iniziativa (nella foto a partire da sinistra: Paolo Ronco, Giuseppe Rosso, Giacomo Monge, Chiaffredo Rosso, Francesca Barbieri, Jessica Rosso, Lorenzo Lombardo, Mattia Bollati, Lorenzo Pacchiardi). Si tratta di tre splendide settimane a Dublino, divise tra college, gite e tempo libero. In Irlanda siamo stati ospitati da famiglie, le host families, che sono diventate un po' come la nostra vera famiglia. Questo permette di creare legami anche molto forti e di conoscere usi e costumi di un Paese a noi estraneo.

13 All'inizio, proprio durante le prime ore di permanenza, sembra di essere catapultati in un universo parallelo, esattamente come accadde ad Alice nel Paese delle Meraviglie. Tutto è nuovo, interessante ed eccitante: il cibo (non sempre così invitante, per la verità ), le strade, la guida a sinistra (quante volte abbiamo rischiato di farci investire!!!), gli irlandesi... Si è attratti da volti nuovi, colori nuovi, e clima nuovo. Le nostre tre settimane di vacanza studio sono state eccezionali: abbiamo imparato espressioni che non conoscevamo e migliorato la nostra grammatica. Tutto questo grazie anche alle tante persone di altre nazionalità che abbiamo incontrato. Il college che abbiamo frequentato, il BlackRock College, ospitava ragazzi da diversi Paesi europei e non. Abbiamo avuto modo di fare amicizia con francesi, spagnoli, ragazzi provenienti dalla Repubblica Ceca e arabi di Dubai. Gli insegnanti erano molto professionali e preparati e ci hanno spiegato argomenti di grammatica anche noiosi tramite giochi e laboratori. Insomma, si imparava l'inglese divertendosi. Alla fine delle tre settimane di permanenza bisognava preparare un progetto e si avevano molteplici possibilità di scelta: i piatti tipici irlandesi, la città di Dublino, la Guinness, gli sport e addirittura le leggende. I giorni sembravano volare e tra la breeze (che noi italiani rinominavamo bora di Trieste ) e centri commerciali megagalattici il tempo non voleva proprio fermarsi. In un battito di ciglia era improvvisamente sera. Per noi è stata davvero una fortuna aver partecipato a questa vacanza-studio e ci sentiamo di consigliarla a tutti, perché le emozioni che si provano sono indescrivibili. Non è solo un occasione per migliorare la conoscenza dell inglese, ma è una vera e propria esperienza di vita che insegna ad arrangiarsi da soli nelle situazioni più difficili. Jessica Rosso, Francesca Barbieri, (III LS) In una fredda mattina di novembre mentre, addormentata più che mai, facevo colazione dopo una notte passata a pensare il da farsi della mia vita da diciassettenne, confidai a mio papà un'idea che già da qualche tempo assillava la mia mente: partire. Volevo andare alla scoperta del mondo, per cercare di colorare le mie giornate che, da qualche tempo, mi sembravano troppo grigie: la meta prescelta era la Nuova Zelanda. Scelsi quel luogo per due ragioni principali: vi ero già stata per un mese durante l estate precedente ed era al di là del globo, a ben km di distanza dalle mie abitudini Inizialmente la mia proposta venne rifiutata; però, essendo io una persona testarda, dopo solo un mese tutto era pronto per la partenza. Così il 20 gennaio, dopo aver festeggiato con gli amici più cari, mi imbarcai per questa nuova esperienza. L'inizio del mio soggiorno mi demoralizzò tantissimo, perché i giorni a scuola sembravano eterni: non riuscivo ad abituarmi a portare la divisa, conoscevo poche persone, ero l'unica italiana in una scuola di "solo" duemila persone. Col passare del tempo, però, la situazione è migliorata: infatti, ho conosciuto tantissimi giovani provenienti da tutto il mondo, con cui ho passato momenti indimenticabili; alla fine anche la "Takapuna Grammar School" ha iniziato a piacermi. Poi, in un batter d occhio, è arrivato il momento di tornare a casa: dopo tanto tempo lontani da casa e dalle solite abitudini, è strano essere catapultati di nuovo nel mondo in cui hai sempre vissuto. Dopo ben quarantadue ore d'aereo ero a Milano Malpensa a correre incontro a mio papà, saltargli al collo e illuminargli il volto con la mia chioma gialla. I primi giorni sono stati pieni di abbracci, baci, domande; quindi, dopo essermi rilassata nel mese di luglio, eccomi sui libri per prepararmi a superare i sette esami previsti per essere ammessa in V Liceo. La domanda che mi hanno rivolto più spesso è: "Ripartiresti?" La mia risposta è stata e sempre sarà, con un sorrisone: "Sì, ripartirei in questo preciso momento, cambiando posto!" Viola Vallesi (V LS)

14 Quest'estate siamo stati invitati a partecipare al convegno nazionale della Coldiretti a Roma, nei giorni 4 e 5 luglio. L'invito ha rappresentato per noi una novità, in quanto non avevamo mai partecipato ad eventi di questo genere. Siamo partiti in pullman, insieme ad un gruppo di agricoltori, da Carmagnola alle 4 del mattino, alla volta di Roma. Dopo circa dieci ore di viaggio siamo finalmente arrivati nella capitale. Una volta scesi dal pullman, abbiamo visitato il centro storico soprattutto i luoghi più caratteristici: dalla fontana di Trevi al Pantheon e, ovviamente, il Colosseo (si può andare a Roma e non visitare il teatro delle imprese dei gladiatori?). Alla fine della visita, coronata con la basilica di S. Pietro, ci siamo ritirati nel nostro albergo, alla periferia di Roma, dove risiedevano gli altri gruppi della Coldiretti, provenienti da tutta Italia. Il giorno dopo ci siamo recati nel luogo dell'assemblea, il Palalottomatica, sede di numerosi congressi e concerti nella capitale. Nel cortile dell'edificio c'era un enorme assembramento di persone che arrivavano da ogni parte d'italia, uniti però dagli stessi colori, il giallo e il verde, caratteristici proprio della bandiera della Coldiretti. Entrati nella sede del congresso ci siamo disposti per regioni di appartenenza, sventolando le bandiere distribuiteci all'ingresso. L'assemblea è stata introdotta dalla fanfara dei bersaglieri e, successivamente, da un messaggio del Papa che, purtroppo, non è potuto essere presente per altri impegni, ma che comunque attraverso un video registrato in precedenza, ha espresso l'importanza dei valori trasmessi dall'agricoltura, sia dal punto di vista morale (duro lavoro, sacrificio, dedizione e passione) sia dal punto di vista economico. "L'Italia che fa l'italia" era il motto dell'assemblea, che puntava a valorizzare i prodotti, ma soprattutto gli agricoltori italiani. Erano presenti figure molto importanti come: Sergio Marini (Presidente nazionale della Coldiretti), Mariano Crociata (Segretario Generale della Conferenza episcopale Italiana), Gianni Alemanno (Sindaco di Roma), Carlo Petrini (Presidente internazionale del presidio Slow Food), Corrado Passera (Ministro dello Sviluppo economico), Mario Catania (Ministro delle Politiche agricole), nonché agricoltori, il vero volto dell'agricoltura italiana, uniti per discutere dei problemi attuali del primo settore. Il tema principale era la valorizzazione dei prodotti agricoli italiani, perché essi hanno una forte incidenza sul bilancio economico dello Stato. Per tutelarne la qualità, l'italia chiede infatti l'etichettatura obbligatoria per evitare la contraffazione. Sergio Marini inoltre affermava che in Italia l'agricoltura è poco considerata nonostante essa sia molto importante, essendo uno dei settori portanti per l'economia italiana. Altri argomenti trattati sono state le quote latte, la sicurezza alimentare, la tracciabilità e la valorizzazione dell'ambiente e del paesaggio. Conclusa l'assemblea ci siamo radunati al pullman per ritornare, purtroppo, a casa. Questa è stata una esperienza fantastica, un modo per noi di legarci di più all'agricoltura, suscitandoci un forte interesse e una gran voglia di conoscere, sapere e far di tutto per migliorare la situazione attuale. Speriamo vivamente di poter rivivere questa bellissima esperienza, per comprendere un po' di più il mondo in cui viviamo. Roberto Mana, Andrea Mastrantuono (IV ITA)

15 FORMAZIONE PROFESSIONALE PER IM- PRENDITORI, TECNICI ED ADDETTI DEL SETTORE AGRICOLO. (finanziato dalla Misura 111 del PSR ) L'Istituto Salesiano di Lombriasco, in collaborazione con ENFIP Piemonte, organizza un corso di Formazione Professionale presso l'aula Magna dell' Istituto, via San Giovanni Bosco n.7 - Lombriasco (TO). Il corso è rivolto a Imprenditori Agricoli, Tecnici ed Addetti al settore agricolo, con l'obiettivo di affrontare e approfondire le principali tematiche di largo e moderno interesse del comparto agricolo. Sono previsti nove incontri a partire dal 16 novembre 2012 al 25 gennaio Per informazioni ed iscrizioni: ISTITUTO SALESIANO di LOMBRIASCO Via San Giovanni Bosco LOMBRIASCO Data e orario 16/11/2012 (Venerdì) h /11/2012 (Venerdì) h /11/2012 (Venerdì) h Argomenti e docenti Il controllo funzionale delle macchine per la distribuzione dei prodotti fitosanitari: analisi di casi pratici (Prof. Dott. Gianluca Oggero) La produzione di energia con le biomasse: short rotation forestry (Prof. Dott. Marco Manzone) L'evoluzione tecnologica delle macchine agricole e le applicazioni elettroniche in agricoltura (Prof. Dott. Marco Manzone) 07/12/2012 (Venerdì) h /12/2012 (Venerdì) h /12/2012 (Mercoledì) h /01/2013 (Mercoledì) h /01/2013 (Mercoledì) h /01/2013 (Venerdì) h L'impiego corretto dei prodotti fitosanitari in agricoltura per la sicurezza ambientale e dell'operatore (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin) La direttiva nitrati e gli impianti per la produzione di biogas (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin) I principali insetti di interesse agrario di recente o temuta introduzione. Gli insetti ausiliari ed i benefici economici degli impollinatori delle colture agrarie (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin) Agricoltura biologica ed integrata (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin) Il benessere negli allevamenti zootecnici intensivi (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin) La sicurezza in agricoltura: prevenzione dei rischi ed adeguamento aziendale alla normativa vigente (Prof. Dott.ssa Cristina Visentin)

16 Sabato 13 e domenica 14 ottobre 2012 ho partecipato ad una gara di equitazione, categoria salto ad ostacoli, svoltasi presso l Associazione Ippica Alessandrina ad Alessandria. La competizione è iniziata sabato verso le 14:00 con le categorie ad ostacoli più alti (C130, C120, C115, ecc..) concludendo la giornata di gara con le categorie più semplici. Il giorno dopo, invece, i campi gara sono stati aperti dalle categorie inferiori, salendo poi con l altezza. Essendo la mia prima gara con la nuova cavalla, che monto da poco tempo, ho preso parte alla categoria C100, aggiudicandomi la settima posizione su 20 binomi il sabato, mentre la domenica ho guadagnato una posizione arrivando sesta su 30 concorrenti. È stata un esperienza molto significativa e costruttiva per me, voglio ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in particolare il mio istruttore Manuel, i miei genitori e la mia nuova compagna d avventure a quattro zampe Why Carla P. Carlotta Cavaglià (III ITA) Nei giorni ottobre 12, presso il circolo ippico Lo Sperone a Caravino (TO), si sono svolti i campionati italiani completo e combinata attacchi 2012, oltre al campionato piemontese In questa competizione il nostro compagno A- LESSANDRO FORMIA, di 5 I.T.A, si è aggiudicato diversi titoli nella categoria brevetti qualificati: medaglia d oro nel campionato italiano completo, medaglia d argento nel campionato italiano combinata e ancora medaglia d argento nel campionato piemontese La gara di combinata si è svolta su tre prove: dressage, maratona e coni. Nel dressage Alessandro ha conquistato la piazza d onore, mentre nelle due prove successive ha ottenuto il primo posto aggiudicandosi così la vittoria definitiva Il dressage è una prova in cui il driver deve far svolgere al proprio cavallo diverse andature che vanno dai vari tipi di trotto, passo, galoppo e cerchi ad una mano. La maratona è la prova più spettacolare: le prime due fasi si svolgono in campagna l ultima si svolge passando dentro degli ostacoli numerati dalla lettera A alla F in minor tempo possibile: vengono chiamati ostacoli fissi e sono in media 7 per gara. L ultima prova è quella dei coni : la carrozza e il cavallo devono passare in mezzo ai coni sormontati da palline senza toccarli, evitando così di far cadere la pallina. Tantissimi complimenti, quindi, al bravo Alessandro che, pur così giovane, ha saputo districarsi in una serie di prove difficili e aggiudicarsi, meritatamente, il titolo di campione d Italia. La redazione

17 Lunedi 8 ottobre, noi alunni della V a- graria ci siamo recati, accompagnati dai prof. Bollati, Bianchi e Remogna nelle Langhe, dove abbiamo visitato la Cantina Sardo, un'attività che, di anno in anno, sta ampliandosi e perfezionandosi. Arrivati, siamo stati condotti in un vigneto dove, con l'aiuto di un tecnico esperto, abbiamo potuto approfondire le nostre conoscenze sulla vite e sul vino. Prima di tornare in azienda per visitarne i diversi ambienti, abbiamo gustato anche qualche acino d'uva succulenta. Per prima cosa abbiamo visto la pigiadiraspatrice: qui, abbiamo incontrato il Dott. Abellonio, anch'egli ex-allievo di Lombriasco; la visita è proseguita con un sopralluogo ai tini di fermentazione, in un ambiente ricco di C02 in cui si faceva fatica a respirare e poi in cantina, dove sono custodite moltissime botti dalla capacità di hl l'una. Ovviamente, la cantina è scavata nel tufo, roccia tipica delle Langhe. A fine visita, ci è stato offerto un bicchiere di un ottimo vino prodotto dalla cantina: sapientemente guidati, ne abbiamo apprezzato la qualità attraverso una degustazione che ha coinvolto la vista, l'olfatto e ovviamente il gusto. E' stata una visita alquanto piacevole, interessante e gustosa : un modo diverso di fare lezione, applicando al concreto le nozioni apprese in classe. Alberto Giraudo (V ITA) Ingredienti Ricetta di Halloween: biscottini zucche e fantasmi 100 g di zucchero 100 g di farina 100 g di burro 100 g di cioccolato per la decorazione 3 albumi Procedimento Sciogliere il burro, aggiungere gli albumi montati a neve, la farina. Stendere il composto su carta da forno dando ai biscotti una forma di zucca o fantasma. Cuocere a 180 per 20 minuti. Sfornare i biscotti, con la siringa e il cioccolato fuso decorarli Buon Halloween!

18

19 Questo bel giovanotto non è un primino, o almeno non ancora Si chiama Pietro ed è il secondogenito della prof. Raffaella Monchiero, storica redattrice del giornalino. A Pietro, alla sorellina Lucia, alla mamma e al papà Fabrizio i migliori auguri da parte di tutta la scuola!

20 Ciao ragazzi! Anche quest anno la scuola organizza una seria di attività extradidattiche interessanti, divertenti e soprattutto utili cui ci auguriamo vi iscriviate e partecipiate in massa, non solo per provare nuove esperienze e stringere nuove amicizie, ma anche per ampliare il vostro bagaglio culturale e la vostra capacità critica. Per avere ulteriori informazioni sulle varie proposte, potete contattare gli insegnanti di riferimento, che saranno ben lieti di chiarire i vostri dubbi e soddisfare le vostre curiosità. Non tardate a dare la vostra disponibilità!!!! Giornalino scolastico, Lombry a 360 (referenti proff. Racca, Toselli) Compagnia teatrale Don Bosco (ref proff. Bollati, Monchiaro MC, Racca, Saccheggiani) Cineforum (ref proff. Borlengo, Toselli) Corso degustazione vini (ref prof. Bollati) Corso PET (ref prof. Saccheggiani) Corso Ket (ref proff. Saccheggiani, Capello) Corso Spagnolo DELE (ref prof. Rubio Gomez) Corso tedesco Fit in Deutsch (ref prof. Prato) Giochi matematici (ref prof Monchiero MC) Concorso Color your life (ref prof. Prato) Concorso Movimento per la Vita (ref prof. Bollati) Corso ECDL (ref prof. Cantore) Serate astronomiche (ref prof. Don Allasia) Trofeo AGESC e tornei calcio e pallavolo (ref prof. Ottenga) Attività sportiva (ref prof. Ottenga)

21 La matematica è la tua passione? Dai spesso i numeri? Le stranezze della lingua e del parlare stuzzicano i tuoi interessi? Questa, allora, è la rubrica che fa per te. Ti misurerai su quesiti scientifici di diversa difficoltà e soddisferai alcune curiosità sui modi di dire, sulle etimologie e su altri aspetti della lingua italiana. Se vuoi inviare le soluzioni, proposte di giochi matematici e domande sulla lingua italiana, scrivi una a oppure rivolgiti alla redazione di Lombry a 360. I tre problemi Un rettangolo è inscritto in un quarto di circonferenza. Date le distanze indicate, sapreste determinare con esattezza la lunghezza della diagonale AE? Utilizzando le quattro operazioni fondamentali (+,-,x,:) e le cifre 1,3,4,5 sapreste ottenere il numero 15? Regola 1 : le operazioni possono essere utilizzate illimitatamente. Regola 2 : le cifre si possono utilizzare una volta sola. Una stanza rettangolare ha le dimensioni mostrate in figura. Una lucertola, si trova al centro di una delle due pareti di fondo a un metro dal soffitto (alto). Una zanzara, si trova invece immobile sulla parete opposta, a un metro dal pavimento (basso). Qual è la distanza più breve che la lucertola deve percorrere per raggiungere la zanzara? La curiosità: Il numero 73. Nel decimo episodio della quarta stagione della sit-com The Big Bang Theory, intitolato L'ipotesi del parassita alieno, il Dr. Sheldon Cooper afferma : "Il numero più completo è il 73. Sheldon non ha tutti i torti, infatti: 73 è il 21 numero primo, dopo il 71 e prima del 79, 21 è anche il prodotto delle sue cifre. Il numero che si ottiene invertendo le sue cifre, 37, è inoltre il 12 numero primo. Nel sistema binario il 73 è , numero palindromo in base 2. Ogni numero naturale è la somma di al più 73 seste potenze (teorema di Hilbert-Waring).

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli