Le periferiche. Corso di Informatica. Stefano Bilotta. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 1 / 42

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le periferiche. Corso di Informatica. Stefano Bilotta. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 1 / 42"

Transcript

1 Le periferiche Stefano Bilotta Corso di Informatica (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 1 / 42

2 Le periferiche La periferica è un dispositivo che si trova alla periferia del calcolatore, esterno dunque al nucleo processore-bus-memorie. Le periferiche sono dei tipi più disparati, possono essere dedicate a svolgere operazioni di raccolta dati, presentazione risultati, ecc... Sono collegate al nucleo del calcolatore tramite un interfaccia al bus di sistema. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 2 / 42

3 Interfacciamento Ogni periferica è collegata a memoria e processore tramite un interfaccia, ovvero un dispositivo capace di ricevere segnali dal bus e tradurli in comandi per la periferica e viceversa. A livello hardware, le interfacce sono schede connesse alla scheda madre. A volte, certe periferiche come tastiere e mouse sono gestite automaticamente da interfacce integrate nella scheda madre stessa. La scheda di interfaccia, a livello hardware, avrà dunque una porta che arriva all esterno del calcolatore, dove sarà possibile l allaccio fisico della componente periferica. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 3 / 42

4 Tipi di porte Esistono molti tipi di porte, corrispondenti a diversi tipi di schede di Input/Output e collegamenti: (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 4 / 42

5 Tipi di periferiche Alcune tipologie di periferiche: Memorie esterne (nastri magnetici, dischi magnetici, dischi fissi portatili, memorie USB), Lettori di dischi ottici (CD/DVD), Dispositivi di input (tastiere, mouse), Dispositivi di output (schermo, stampante, casse audio), Dispositivi per disabili, Dispositivi di comunicazione di rete (modem). (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 5 / 42

6 Nastri magnetici I nastri magnetici sono dispositivi di grande capienza, ma di bassa velocità. Per leggere o scrivere un dato, è necessario avvolgere il nastro per arrivare alla posizione desiderata. L accesso è sequenziale: leggere i dati in ordine sparso sarebbe un operazione estremamente lenta. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 6 / 42

7 Nastri magnetici e backup Per queste limitazioni, i nastri magnetici sono utilizzati quasi esclusivamente per archiviazione e backup Si parla di backup quando viene fatta una copia di alcuni dati importanti, in modo da poterli ripristinare se per qualche motivo vanno perduti. Possibile anche il backup dell intero sistema, in modo da poter ripristinare una configuazione funzionante se si verifica qualche problema. Spesso i nastri magnetici vengono utilizzate da grandi aziende (che adottano elaboratori main-frame) per limitare le perdite di dati in caso di guasti (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 7 / 42

8 Dischi magnetici Il disco magnetico o hard disk è il principale mezzo di archiviazione di massa non volatile sui moderni calcolatori. Esso è formato da una serie di dischi di alluminio ricoperti di materiale magnetico. Il fatto che un punto del disco sia magnetizzato o meno determina se il relativo bit vale 1 o 0. Persistente perchè il materiale resta magnetizzato anche in assenza di un flusso di corrente. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 8 / 42

9 Dischi magnetici: lettura scrittura La lettura e la scrittura sui dischi magnetici viene fatta tramite una testina sospesa appena sopra la superficie del disco. Quando la testina passa sopra un area magnetizzata, viene indotta una corrente che viene misurata, rilevando il dato memorizzato. In fase di scrittura, viene eseguito il processo inverso: viene indotta una corrente che produce la magnetizzazione. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 9 / 42

10 Dischi magnetici: struttura di un disco Vediamo la struttura di un singolo disco magnetico TRACCIA SETTORE (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 10 / 42

11 Dischi magnetici: struttura dei dischi In un disco fisso, molti dischi vengono sovrapposti a formare un cilindro Superficie 1 Superficie 2 Superficie 3 Superficie 4 Superficie 5 Superficie 6 Testine Superficie 7 Superficie 8 (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 11 / 42

12 Prestazioni Molti fattori determinano le prestazioni di un disco rigido: Il tempo di accesso, ovvero il tempo richiesto affinchè si inizi a leggere o scrivere i dati richiesti, suddiviso in: tempo di latenza (Latency Time), per la selezione del settore, tempo di ricerca (Seek Time), per la selezione della traccia. La velocità di trasferimento (in MB/s), che rappresenta la quantità di dati al secondo che possono essere trasferiti dalla lettura del primo byte. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 12 / 42

13 Codici di correzione degli errori E possibile che nei dischi fissi si verifichino errori di memorizzazione o di lettura Per rilevarli, insieme ai bit rappresentanti dati, su disco vengono scritti anche dei bit per la correzione degli errori Il metodo più semplice inserisce un bit ogni byte che rappresenta la parità del numero degli 8 bit, chiamato appunto bit di parità. Così viene sempre rilevato un errore relativo ad un singolo bit Spesso utilizzate metodologie più complesse che permettono anche di correggere l errore, se limitato ad un piccolo numero di bit (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 13 / 42

14 Prestazioni: affidabilità Una caratteristica critica dei dischi fissi è l affidabilità, in quanto un guasto può causare la perdita di tutti i dati memorizzati nel computer. Purtroppo l affidabilità di un singolo disco non sembra migliorare molto con lo sviluppo tecnologico Usate tecniche alternative, come il RAID (Redundant Arrays of Inexpensive Disks): l informazione viene sdoppiata su più dischi, in modo che al fallimento di uno i dati siano recuperabili dall altro. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 14 / 42

15 Memorie di massa USB Per il salvataggio o trasferimento di dati si utilizzano comunemente le memorie USB, ovvero memorie elettroniche persistenti. Capacità: tipicamente 2-64 GB. La porta di interfaccia USB (Universal Serial Bus) è presente ormai praticamente ovunque. Forme varie (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 15 / 42

16 Dischi ottici I dischi ottici (CD/DVD) presentano una tecnologia di memorizzazione basata sulla riflessione ottica, fenomeno per cui un onda impatta su una superficie riflettente. Vengono scritti e letti tramite raggio laser. CD e DVD condividono le dimensioni fisiche del supporto, che per entrambi è costituito da un disco di 12 cm di diametro e spessore 1 mm di materiale riflettente immerso in un contenitore di materiale plastico. Tra le caratteristiche principali dei dischi ottici compare l alta affidabilità. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 16 / 42

17 Compact disc Il compact disc (CD) viene introdotto negli anni 80 da Philips e Sony come un nuovo formato audio di alta qualità, utile a rimpiazzare i dischi in vinile. L informazione è codificata tramite dei fori della grandezza di 0.8 µm detti pit, o dall assenza di essi in zone dette land. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 17 / 42

18 Compact disc: lettura Per la lettura di un CD, un raggio laser viene proiettato sulla superficie riflettente Se il raggio colpisce un pit, viene riflesso in modo leggeremente sfasato Grazie alla precisione del laser è possibile misurare questo sfasamento, e così leggere dove vi siano dei pit e dove non vi sono. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 18 / 42

19 Compact disc: codifica I pit sono posizionati nel CD lungo un percorso a spirale Il bit 1 è codificato con una modifica (pit land o land pit), mentre gli 0 sono codificati con una persistenza pit oppure di land (ovvero non c è presenza di modifica) La capacità di un CD varia da 650MB a 900MB. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 19 / 42

20 CD ROM e CD R I CD ROM (Read Only Mode, modalità di sola lettura) possono contenere dati generici che tuttavia non possono essere più modificati. I CD R (detti anche CD vergini) sono invece cd scrivibili tramite un processo (masterizzazione) possibile in determinati lettori con questa funzionalità (masterizzatori) I CD R sono scrivibili una sola volta, dopodichè diventano a tutti gli effetti di sola lettura Eccezione: alcuni masterizzatori consentono di scrivere un CD in più sessioni; i dati scritti dopo ogni sessione sono comunque permanenti La riflessione di pit e land è simulata durante la scrittura: il laser rompe alcuni legami chimici sulla superficie del disco e si creano delle macchie scure che simulano l effetto di un pit. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 20 / 42

21 CD Riscrivibili Esistono CD scrivibili molteplici volte, detti CD riscrivibili (di solito indicati con il nome CD RW). In questo caso viene utilizzata una lega che può essere alterata più volte. Più costosi dei CD R. Comunque soggetti ad usura, per cui il numero di volte in cui un CD si può riscrivere è limitato. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 21 / 42

22 Digital Versatile Disk Il Digital Versatile Disk (DVD) è un disco ottico il cui funzionamento è simile a quello del CD. Grazie allo sviluppo tecnologico legato all utilizzo del laser, è possibile scrivere dei pit più piccoli e su una spirale più serrata. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 22 / 42

23 Digital Versatile Disk: capacità Per mezzo della maggiore precisione di lettura e scrittura, un DVD ha una capacità tipicamente di 4.7 GB. Mentre il CD nasce per l audio ad alta qualità, il DVD è rivolto al video di alta qualità. Due formati di DVD scrivibili coesistono: i DVD-R ed i DVD+R: I lettori li supportano entrambi, mentre per i masterizzatori è spesso necessario ottenere il DVD di tipo giusto. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 23 / 42

24 Digital Versatile Disk: formati E possibile inoltre creare DVD a doppio strato (double layer). In questo caso, il DVD contiene due strati sovrapposti, ed indirizzando il laser in modo diverso si può selezionare quale leggere. Su questo principio nasce il DVD blu-ray, DVD ad alta capienza spesso utilizzato per il video ad alta definizione. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 24 / 42

25 Tastiere Le tastiere sono le più tipiche e indispensabili periferiche di ingresso del calcolatore. Quando un tasto viene premuto, la tastiera invia un segnale elettrico, che corrisponde al carattere digitato codificato mediante Byte, all unità centrale di elaborazione. Viene inviato quindi un messaggio (interrupt) al sistema per segnalare tale evento. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 25 / 42

26 Mouse Il mouse è il secondo principale dispositivo di ingresso del calcolatore. Tale periferica ha assunto un importanza fondamentale data l esistenza di Sistemi Operativi come Windows con sistema punta e clicca. Ogni volta che si sposta, il mouse invia all elaboratore una sequenza di 3 Byte (Spostamento X, Spostamento Y, Stato pulsanti). Tali coordinate dicono all elaboratore dove sta puntando il mouse e innesca l operazione associata a quella zona. Si chiama sensibilità del mouse il fattore che regola la proporzione tra lo spostamento fisico del mouse e quello del puntatore sullo schermo. Per la rilevazione della pressione dei tasti, viene utilizzata una tecnologia simile a quella legata alla tastiera. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 26 / 42

27 Mouse: rilevazione movimento I primi mouse rilevavano il movimento tramite una sfera, che rotolava scorrendo su una superficie ed il cui movimento veniva misurato da sensori. Largamente diffusi adesso sono i mouse ottici, che rilevano il movimento grazie ad una sorta di telecamera che riprende la zona sottostante al mouse, illuminata da luce proiettata dal mouse stesso. I mouse ottici sono generalmente più precisi e chiaramente non incorrono in guasti meccanici. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 27 / 42

28 Video Lo schermo video o monitor è invece il principale dispositivo di uscita nella comunicazione con l utente. Constituito da una serie di piccoli quadretti che possono assumere qualsiasi colore, detti pixel (PICTure ELements, elemento grafico). Utilizzando un numero sufficiente di punti, e quindi disponendo di punti molto piccoli, l effetto visivo è quello di un immagine continua. Il numero di punti definisce la risoluzione dell immagine. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 28 / 42

29 Risoluzione Vediamo come la bontà di un immagine dipenda dalla sua risoluzione, di seguito sono visualizzate le risoluzioni 20x13, 50x33, 100x67, 768x512: (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 29 / 42

30 Video L immagine viene ridisegnata sullo schermo un elevato numero di volte al secondo, idealmente più di 30 volte al secondo, in un operazione detta refresh. L occhio umano percepisce un numero di fotogrammi paragonabile, quindi vedendo un video si ha la sensazione della stabilità dell immagine. Diversamente, con un numero ridotto di immagini al secondo si ha l impressione che il video proceda a scatti (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 30 / 42

31 Rappresentazione colori Su di uno schermo, tutti colori si ottengono mescolando i tre colori additivi (RGB) in diverse quantità. Si parla di colori additivi in quanto nel fonderli per ottenere altri colori, le loro lunghezze d onda si sommano. Rosso Blu Verde (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 31 / 42

32 Rappresentazione colori, base sottrattiva La base sottrattiva viene utilizzata quando mescolando i colori, le frequenze d onda si sottraggono una all altra Utilizzata per esempio nelle stampanti Magenta Ciano Giallo (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 32 / 42

33 Profondità di colore Il numero di bit utilizzato per rappresentare ogni colore determina la varietà di colori rappresentabili (anche detta profondità di colore o color depth) Utilizzando 24 bit per pixel (8 bit per ogni colore primario) si ottengono circa 16 milioni di colori. Nell elaboratore ogni colore è dunque rappresentato da 3 Byte: il primo corrispondente alla quantità di rosso, il secondo alla quantità di verde e il terzo alla quantità di blu. Immagini per computer più vecchi o a bassa qualità possono contenere solo 256 colori (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 33 / 42

34 Schermi: qualità Molti fattori determinano la qualità di uno schermo: La tecnologia: CRT (Cathod Ray Tube, a raggio catodico), LCD (Liquid Cristal Display) o LED. Dimensione, misurata in pollici (1 pollice = 2.54 cm) lungo la diagonale dello schermo. La risoluzione, cioè il numero dei pixel rappresentabili Schermi più grandi necessitano di risoluzioni più alte, altrimenti pixel troppo grandi creerebbero un immagine quadrettata Tipiche risoluzioni vanno da 1024x768 pixel a 1600x1200 pixel (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 34 / 42

35 Schermi: qualità (2) Capacità di refresh, cioè quante volte uno schermo può ridisegnare un immagine su se stesso al secondo Profondità di colore, rappresentata dal numero di bit utilizzabili per descrivere il colore di un pixel Determina la precisione con cui un colore viene rappresentato Proporzione tra largezza ed altezza; tipicamente era di 4:3, ad oggi i rapporti sono solitamente 16:9 o 16:10 i quali calzano il formato cinematografico. Si noti che i moderni monitor touch-screen sono contemporaneamente dispositivi di input e output. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 35 / 42

36 Stampanti Un altro dispositivo tipico di output di un calcolatore è rappresentato dalle stampanti. Questa risulta più lenta del monitor, tuttavia permette di avere documenti permanenti, e non volatili come le immagini sullo schermo. I due tipi di stampanti più noti sono quelle a getto d inchiostro e laser. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 36 / 42

37 Stampanti a getto d inchiostro Nelle stampanti a getto d inchiostro, una testina scorre orizzontalmente sul foglio spruzzando gocce d inchiostro in modo da comporre l immagine. Una volta terminata una riga, la carta viene fatta scorrere in modo da passare alla riga successiva. Utilizzando gocce più piccole, si ottiene una stampa più precisa a risoluzione maggiore (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 37 / 42

38 Stampante laser Un alternativa sono le stampanti laser In questo caso, un laser carica elettronicamente delle zone di un rullo fotosensibile In un secondo momento, le parti caricate attirano particelle di inchiostro in polvere contenute nel toner Grazie alla precisione del laser, è possibile ottenere una precisione di stampa molto alta Meccanismo simile a quello che avviene nelle fotocopiatrici (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 38 / 42

39 Laser vs getto d inchiostro Le stampanti a getto d inchiostro sono generalmente più economiche delle stampanti laser Il ricambio di inchiostro, considerato il costo a pagina stampata, è invece più oneroso Le stampanti a getto d inchiostro sono spesso vendute sotto costo, l azienda mira a guadagnare sul ricambio delle cartucce Stampando molto, probabilmente sul lungo termine una stampante laser è la scelta più conveniente (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 39 / 42

40 Stampanti: creazione colori Per ottenere i colori, vengono utilizzati i tre colori sottrattivi Ciano Magenta e Giallo (CYM, Cyan Yellow Magenta) Solitamente è anche incluso il colore nero anche se sarebbe ottenibile tramite gli altri colori (systema CYMK, Cyan Yellow Magenta black) Il nero così è più preciso rispetto a quello ottenuto per combinazione Risparmio di inchiostro, visto che altrimenti per stampare in nero sarebbe necessario utilizzare tutti e tre i colori (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 40 / 42

41 Stampanti: prestazioni Una misura della qualità di stampa è la sua risoluzione, misurata in punti per pollice (DPI, Dots Per Inch). Le prestazioni delle stampanti sono spesso misurate anche in base alla loro velocità (a parità di qualità), in pagine al minuto. (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 41 / 42

42 Periferiche per disabili Un settore molto particolare e importante è quello delle periferiche per disabili. Il sintetizzatore della voce ad esempio è un dispositivo che permette di trasformare un testo in suoni che simulano la voce umana. Dispositivo di uscita molto utile per una persona non vedente. Per quanto riguarda l ingresso dei dati, esistono tastiere per i non vedenti, speciali apparecchi per paraplegici e perfino periferiche azionate dal movimento degli occhi. L Informatica può e deve essere un mezzo per mettere in contatto col mondo esterno persone che, altrimenti, non potrebbero comunicare (Hawking è un matematico, fisico e cosmologo britannico, fra i più importanti e conosciuti del mondo, noto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri, pur essendo condannato all immobilità). (Stefano Bilotta) Le periferiche Corso di Informatica 42 / 42

Le periferiche. Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it. Stefano Brocchi Le periferiche 1 / 49

Le periferiche. Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it. Stefano Brocchi Le periferiche 1 / 49 Le periferiche Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Le periferiche 1 / 49 Le periferiche Si dice periferica tutto quello che sta alla periferia del calcolatore, esterno al nucleo processore-bus-memorie

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Video. Lo schermo è costituito da una matrice di punti indirizzabili (pixel) RAM dedicata coprocessori grafici

Video. Lo schermo è costituito da una matrice di punti indirizzabili (pixel) RAM dedicata coprocessori grafici Video dimensione misura in pollici della diagonale risoluzione numero pixel dimensione pixel distanza tra pixel (dot pitch) refresh profondità colore numero di bit per pixel Lo schermo è costituito da

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO. Supporti Magnetici. Dischi Magnetici. Dischi Magnetici 13/03/2009. Dispositivi per la Memoria di Massa

I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO. Supporti Magnetici. Dischi Magnetici. Dischi Magnetici 13/03/2009. Dispositivi per la Memoria di Massa 2 Dispositivi per la Memoria di Massa I COLLEGAMENTI CON L ESTERNO Informatica per le Discipline Umanistiche Dispositivi per la Memoria di Massa Supporti Magnetici 3 4 persistenza (non volatilità) grande

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 5

Esame di INFORMATICA Lezione 5 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati dalla CPU Master

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 3 Periferiche e tipi di computer In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti che permettono

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer.

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer L hardware del Personal computer 2004 Roberto Bisceglia http://www.itchiavari.org/ict Il personal computer è una macchina, costituita principalmente da circuiti elettronici, in grado

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione periferia I dispositivi periferici parte centrale Architettura del calcolatore (terza parte) sottosistema di ingresso-uscita sottosistema unità centrale-memoria

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Nell esempio dell occhio il cervello riceve informazioni dall esterno:

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output)

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (anche dette periferiche), permettono di realizzare l'interazione tra il computer e l'ambiente (compreso l'utente umano) La loro funzione

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 11 Dispositivi periferici Lez. 11 1 Dispositivi periferici Tutte le apparecchiature che si

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di Input Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di output Stampanti Video Emissione dati in forma sonora Istruzioni ad altri

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta:

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta: Test di informatica 1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte 1502 CHE COS'È UN BYTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

1.4d: Periferiche di Output

1.4d: Periferiche di Output 1.4d: Periferiche di Output 2 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 4.10, 4.11, 4.12, 4.13, 4.14 IV ediz.: cap. 3.10, 3.11, 3.12, 14.1, 14.2

Dettagli

Introduzione all uso del Personal Computer

Introduzione all uso del Personal Computer Introduzione all uso del Personal Computer Cenni di storia dei calcolatori Il Personal Computer: Processo di avvio del computer Sistemi Operativi Il computer, invece, è composto da piccoli rettangoli

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

L informatica e il computer

L informatica e il computer Parte 1 L informatica e il computer Informatica Ha rivoluzionato il mondo, ma la sua percezione può essere molto diversa I computer sono inutili, danno solo risposte Pablo Picasso Pensare? Perché pensare!

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Calcolatori elettronici: Hardware

Calcolatori elettronici: Hardware Calcolatori elettronici: Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Macchina di Von Neumann CPU Memoria (centrale) Memoria di massa Interfaccia di I/O Schermo/tastiera Interfaccia di I/O BUS

Dettagli

TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNOLOGIE INFORMATICHE I.I.S.S. FOSSATI DA PASSANO LA SPEZIA PROGRAMMA di TECNOLOGIE INFORMATICHE A.S. 2012/2013 CLASSE : 1^ INDIRIZZO: Tecnologico Argomenti richiesti per sostenere l Esame Integrativo per l ammissione alla

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli