Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 16

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 16"

Transcript

1 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 16

2 Lipidi Concetti chiave: Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono acidi grassi esterificati al glicerolo. Gli sfingolipidi sono simili ai glicerofosfolipidi, ma possono includere grossi gruppi oligosaccaridici. Gli steroidi e altri lipidi svolgono svariate funzioni.

3 Lipidi I lipidi (dal greco lìpos, grasso) oltre ad essere componenti importanti delle membrane biologiche, svolgono una funzione strutturale, di riserva di energia (sotto forma di trigliceridi o triacilgliceroli) e agiscono da messaggeri intracellulari (e.g. ormoni). Presentano una varietà strutturale maggiore rispetto alle altre macromolecole biologiche. Chimicamente, sono sostanze eterogenee limitatamente solubili in acqua per la presenza di gruppi apolari.

4 Lipidi I lipidi si dividono in due gruppi principali: I gruppo: comprende composti a catena aperta con una testa polare e lunghe code apolari (acidi grassi, triacilgliceroli, fosfolipidi, sfingolipidi e glicolipidi) II gruppo: comprende composti ad anelli fusi, gli steroidi (tra cui il colesterolo). Esistono poi lipidi associati a proteine (lipoproteine) e polisaccaridi (lipopolisaccaridi).

5 Acidi grassi Gli acidi grassi sono acidi carbossilici con una catena idrocarburica composta da 4 a 36 atomi di carbonio. Sono composti anfipatici perché contengono il gruppo carbossilico idrofilo e una catena idrocarburica idrofobica. Il gruppo carbossilico può ionizzare. La catena idocarburica può contenere solo legami singoli (acidi grassi saturi) o può contenere uno (acidi grassi insaturi) o più (acidi grassi polinsaturi) doppi legami. Negli acidi grassi insaturi la stereochimica del doppio legame è spesso cis con una torsione nella coda idrocarburica.

6 Convenzioni per la nomenclatura: acidi grassi saturi La convenzione per la nomenclatura degli acidi grassi indica il numero degli atomi di carbonio e il numero di doppi legami. Acido palmitico: 16: Acido stearico: 18:

7 Convenzioni per la nomenclatura: acidi grassi insaturi Acido oleico cis

8 Alcuni acidi grassi a 18 atomi di carbonio (C18)

9 Acidi grassi insaturi 3 e 6 Gli 3 e 6 sono acidi grassi essenziali (vitamina F, fatty) che gli esseri umani devono assumere con gli alimenti per mantenere uno stato di buona salute. Acido linoleico ( 6) 18:2 9,12 Acido linolenico ( 3) 18:3 9,12,15

10 Acidi grassi insaturi 3 e 6 Gli acidi grassi essenziali svolgono diverse funzioni fisiologiche importanti: Ostacolano la deposizione di trigliceridi e colesterolo nelle arterie, prevenendo l'aterosclerosi; Favoriscono l'integrità della pelle e dei capelli; Favoriscono la riduzione di peso; Stimolano l'attività delle ghiandole a secrezione interna. Alcuni alimenti ricchi di vitamina F sono: oli vegetali (olio di girasole, olio di mais, olio di soia, olio di arachide) arachidi noci mandorle pesce

11 Integratori a base di acidi grassi insaturi 3 e 6

12 Acidi grassi rappresentativi

13 Acidi grassi saturi I punti di fusione (pf) degli acidi grassi saturi aumentano con la loro massa molecolare. Differenza dei pf ( C)

14 Acidi grassi insaturi Gli acidi grassi insaturi hanno punti di fusione più bassi di bassi di quelli saturi in quanto si addensano con minore efficienza rispetto a quelli saturi.

15 Acidi grassi insaturi Gli oli vegetali sono liquidi a temperatura ambiente perché hanno un contenuto più elevato di acidi grassi insaturi rispetto ai grassi animali che tendono ad essere solidi.

16 Acidi grassi insaturi La doppi legami in conformazione cis impongono un ripiegamento rigido di 30 nella catena idrocarburica. Le ridotte interazioni di van der Waals determinano una diminuzione dei pf. Tale fenomeno comporta importanti implicazioni per le membrane biologiche.

17 Triacilgliceroli I grassi e gli oli presenti nelle piante e negli animali sono costituiti per la maggior parte da miscele di triacilgliceroli (o trigliceridi) triesteri di acidi grassi del glicerolo, un composto che contiene tre gruppi ossidrilici.

18 Triacilgliceroli Gli acidi grassi dei trigliceridi possono essere uguali o diversi tra loro. I gruppi esterei costituiscono la porzione polare della molecola, le code degli acidi grassi sono apolari.

19 Triacilgliceroli I trigliceridi si accumulano nel tessuto adiposo negli adipociti e costituiscono una riserva concentrata di energia metabolica. L ossidazione completa dei grassi produce circa 9 kcal/g rispetto alle 4 kcal/g dei carboidrati e proteine.

20 Triacilgliceroli I trigliceridi sono idrolizzati dalle lipasi. La stessa reazione può avvenire utilizzando come catalizzatori acidi o basi (idrossido di sodio o potassio) nel processo di saponificazione formando glicerolo e sali di sodio o potassio degli acidi grassi (saponi).

21 Fosfolipidi Quando uno dei gruppi alcolici del glicerolo è esterificato con una molecola di acido fosforico anziché con un acido carbossilico si ottiene l acido fosfatidico o diacilglicerolo 3 fosfato.

22 Fosfolipidi L acido fosfatidico, essendo triprotico, può formare più di un legame estereo sia con il glicerolo sia con altri alcoli generando esteri fosfatidici classificati come fosfolipidi (o fosfoacilgliceroli).

23 I glicerofosfolipidi più comuni

24 I glicerofosfolipidi più comuni Etanolammina Colina Serina

25 I glicerofosfolipidi più comuni Glicerolo Inositolo

26 I glicerofosfolipidi: le catene insature sono ripiegate Nei fosfoacilgliceroli la natura degli acidi grassi può variare molto. Tutti questi composti sono anfipatici in quanto hanno lunghe code idrofobiche apolari e teste polari idrofile.

27 Le fosfolipasi idrolizzano i glicerofosfolipidi La fosfolipasi A2 taglia per via idrolitica il residuo di acido grasso in C2 di un fosfolipide formando il lisofosfolipide. Altre fosfolipasi idrolizzano altri legami sulla base della loro specificità.

28 La fosfolipasi A2 èun glicerofosfolipide La fosfolipasi A2 ottenuta da veleno di cobra presenta un sito attivo in cui si lega la testa polare di una molecola di glicerofosfolipide. I lisofosfolipidi che si generano sono potenti detergenti che disgregano le membrane biologiche determinando la lisi delle cellule.

29 Cere Le cere sono miscele complesse di esteri di acidi carbossilici a lunga catena e alcoli a lunga catena. Fungono da rivestimento protettivo per piante (rivestimento di fusto, foglie e frutti) e animali (pelliccie, piume e pelle). Triacontanilpalmitato

30 I composti più semplici di questa classe sono i ceramidi che hanno un acido grasso legato al gruppo amminico della sfingosina mediante un legame amminico. Sfingolipidi Gli sfingolipidi contengono l alcool amminico a lunga catena sfingosina al posto del glicerolo. Si trovano negli animali e nei vegetali e sono particolarmente abbondanti nel sistema nervoso.

31 Sfingomielina Nelle sfingomieline il gruppo alcolico primario della sfingosina è esterificato con l acido fosforico che a sua volta è esterificato con un altro alcool amminico, la colina.

32 Sfingomielina Esistono notevoli somiglianze strutturali tra la sfingomielina ed altri fosfolipidi. In entrambi i casi due lunghe catene idrocarburiche sono attaccate ad uno scheletro contenente gruppi alcolici, di cui uno esterificato con acido fosforico. Le sfingomieline si trovano nelle membrane cellulari del sistema nervoso. Fosfatidilcolina Sfingomielina

33 Glicolipidi Nei glicolipidi un carboidrato è legato ad un gruppo alcolico di un lipide mediante un legame glicosidico. Di frequente essi si originano dai ceramidi in cui il legame glicosidico è formato dal gruppo alcolico primario della ceramide ed un residuo di zucchero (e.g.: glucosio o galattosio). Il composto che ne risulta è chiamato cerebroside, componenti dei nervi e delle membrane delle cellule cerebrali. Glucocerebroside

34 Gangliosidi I gangliosidi sono glicolipidi con porzione glicidica molto complessa che può contenere più di tre zuccheri di cui uno è sempre un acido sialico. I gangliosidi sono presenti in grandi quantità nel tessuto nervoso.

35 Steroidi Gli steroidi sono composti con funzioni molto diverse tra loro e struttura di ciclopentanoperidrofenantrene costituita da un sistema di anelli fusi contenente tre anelli a 6 atomi ed un anello a 5 atomi.

36 Colesterolo Lo steroide di maggiore interesse è il colesterolo, molecola altamente idrofobica in cui l unico gruppo idrofilo èil gruppo ossidrilico in posizione 3. Il colesterolo èmolto diffuso nelle membrane biologiche animali mentre non è presente nelle membrane delle cellule procariotiche. E il precursore di altri steroli. La vitamina D3 (colecalciferolo) si forma a partire dal colesterolo per azione dei raggi UV.

37 Colecalciferolo La vitamina D3 (colecalciferolo) si forma a partire dal colesterolo per azione dei raggi UV. Derivati idrossilati di questa vitamina sono le forme metabolicamente attive di questa vitamina che promuovono l assorbimento nell intestino del calcio introdotto con la dieta, reso così disponibile per le ossa.

38 Colesterolo Il colesterolo è conosciuto anche per i suoi effetti dannosi sulla salute quando è presente in eccesso nel sangue. E implicato nell insorgenza dell aterosclerosi, una condizione in cui depositi lipidici bloccano i vasi sanguigni e portano a malattie cardiache. Arteria normale Placca aterosclerotica

39 Ormoni steroidei Una classe di steroidi importanti comprende diversi ormoni tra cui quelli sessuali.

40 Vitamine liposolubili Le vitamine liposolubili sono idrofobiche. Svolgono diversi ruoli fisiologici.

41 Prostaglandine L acido arachidonico, un acido grasso insaturo con 20 atomi di C, è il precursore di prostaglandine e leucotrieni, composti con svariate attività fisiologiche. Le prostaglandine sono coinvolte nel controllo della pressione sanguigna, nella stimolazione delle contrazioni della muscolatura liscia, nell induzione della risposta infiammatoria e nell inibizione dell aggregazione delle piastrine. L aspirina, il cortisone ed altri farmaci steroidei devono gli effetti antinfiammatori all inibizione della sintesi di prostaglandine.

42 Leucotrieni I leucotrieni, tra cui il leucotriene C, controllano la contrazione della muscolatura liscia specialmente nei polmoni. Gli attacchi di asma provocano tali contrazioni nei polmoni a causa della sintesi di leucotriene C nelle reazioni allergiche come quelle causate dai pollini. Per il trattamento dell asma si utilizzano farmaci che inibiscono la sintesi del leucotriene C oppure i suoi recettori.

43 Doppi strati lipidici e proteine di membrana Concetti chiave: Alcune molecole anfifiliche formano doppi strati. Il doppio strato è una struttura fluida in cui i lipidi diffondono lateralmente in modo molto veloce. Le proteine integrali di membrana contengono una struttura transmembrana costituita da α eliche o da barili la cui superficie è idrofobica.

44 Doppi strati lipidici I doppi strati lipidici composti da fosfolipidi sono stabilizzati da interazioni idrofobiche tra le code idrocarburiche polari che si dispongono all interno del doppio strato. Le teste idrofiliche sono disposte sulla superficie esterna. Teste idrofiliche Code idrofobiche Teste idrofiliche

45 Doppi strati lipidici La forza trainante per la formazione dei doppi strati lipidici è l esclusione dell acqua dalla regione idrofobica dei lipidi. Si possono creare strutture simili a membrane artificiali (liposomi) che sono costituite da vescicole sferiche contenenti un compartimento acquoso interno.

46 Liposomi I liposomi possono essere preparati in laboratorio in modo tale che ospitino al loro interno agenti terapeutici da veicolare verso un tessuto bersaglio. Glicina Fosfolipide Sonicazione Filtrazione su gel Glicina intrappolata nel liposoma

47 Le membrane biologiche Le membrane biologiche contengono i glicolipidi oltre ai fosfolipidi come componente lipidica e una componente proteica. In aggiunta, gli steroidi sono presenti negli eucarioti: il colesterolo è presente nelle membrane animali e composti simili (fitosteroli) sono presenti nelle piante.

48 Asimetria del doppio strato lipidico Lo strato interno ed esterno del doppio strato contengono miscele di lipidi con diversa composizione. Le molecole più voluminose si trovano all esterno mentre le molecole più piccole si trovano nello strato interno. La struttura della parte idrocarburica può essere ordinata e rigida o disordinata e fluida. La fluidità del doppio strato dipende dalla sua composizione

49 Asimetria del doppio strato lipidico Le membrane presentano una distribuzione asimmetrica dei fosfolipidi

50 Distribuzione asimmetrica dei fosfolipidi nella membrana plasmatica degli eritrociti

51 Composizione lipidica nelle membrane di epatocita di ratto

52 Composizione e proprietà delle membrane Negli acidi grassi saturi una disposizione lineare delle catene idrocarburiche porta ad un impaccamento ravvicinato delle molecole del doppio strato (> rigidità). Negli acidi grassi insaturi, la torsione delle catene idrocarburiche provoca disordine nell assetto delle catene con conseguente maggiore fluidità.

53 Composizione e proprietà delle membrane Anche il colesterolo può favorire l ordine e la rigidità. La struttura ad anelli fusi è molto rigida e stabilizza la struttura estesa a catena dritta degli acidi grassi saturi mediante interazioni di van der Waals. Le membrane animali sono più rigide di quelle vegetali e procariotiche che non contengono colesterolo.

54 Diffusione dei fosfolipidi in un doppio strato lipidico I componenti lipidici di un doppio strato si trovano sempre in movimento. La migrazione (flipflop, giravolta) di molecole lipidiche da uno strato all altro avviene anche se con bassa frequenza. Il movimento laterale ha luogo frequentemente specialmente nei doppi strati più fluidi.

55 Diffusione dei fosfolipidi in un doppio strato lipidico Fluorescence Recovery After Photobleaching (FRAP). La spettroscopia a fluorescenza può essere utilizzata seguire il movimento delle molecole in un doppio strato lipidico. Le molecole lipidiche possono essere marcate con sonde fluorescenti in maniera tale da seguire la loro diffusione laterale.

56 Fluorescence Recovery After Photobleaching

57 Transizione di fase delle membrane Con il calore i doppi strati lipidici diventano più disordinati. Tale transizione è cooperativa ed avviene a temperature caratteristiche. La temperatura di transizione èpiùelevata per membrane rigide ed ordinate. Nella transizione di fase l area superficiale aumenta e lo spessore diminuisce.

58 Proteine di membrana Le proteine di una membrana biologica possono essere periferiche, sulla superficie della membrana, o integrali, all interno del doppio strato lipidico. Le proteine anfitropiche si trovano sia ne citosol che in associazione con le membrane.

59 Proteine di membrana Le proteine periferiche possono essere rimosse con trattamenti blandi come l aumento di forza ionica del mezzo. Le particelle cariche del mezzo ad elevata forza ionica stabiliscono maggiori interazioni elettrostatiche con il lipide e con la proteina. La rimozione delle proteine integrali avviene con trattamenti drastici come l utilizzo di denaturanti o sonicazione.

60 Proteine di membrana Le proteine integrali sono molecole anfifiliche orientate asimmetricamente

61 Proteine di membrana Quando una proteina attraversa completamente la membrana si trova spesso nella conformazione ad α elica o a foglietto. Tali strutture rendono minimo il contatto tra le parti polari dello scheletro peptidico e i lipidi apolari del doppio strato.

62 Proteine di membrana La Batteriorodopsina contiene sette segmenti ad α elica che attraversano il doppio strato

63 Proteine di membrana Le catene laterali delle eliche trans membrana contengono residui amminoacidici con catene laterali idrofobiche che permettono l interazione con la porzione apolare del doppio strato.

64 Proteine di membrana I tratti di proteine che prendono contatto con la membrana si possono prevedere mediante valutazione dell idrofobicità dei residui amminoacidici di una proteina. Grafici di Kyte e Doolittle

65 Proteine di membrana Le proteine possono anche essere ancorate ai lipidi mediante legami covalenti tra cisteine o gruppi amminici liberi della proteina e ancore lipidiche (N Miristilazione ed S Palmitazione) o glicolipidiche (ancora GPI, glicosilfosfatidilinositolico).

66 Proteine di membrana Il movimento di alcune proteine di membrana è limitato dal loro ancoraggio a strutture interne costituite da proteine strutturali (anchirina e spettrina).

67 Modello a mosaico fluido e funzioni delle membrane Concetti chiave: Il modello a mosaico fluido descrive i riarrangiamenti dinamici e le interazioni tra i lipidi e le proteine di membrana. I lipidi non sono distribuiti in modo uniforme nella membrana e possono formare zattere lipidiche. La via di secrezione descrive il passaggio attraverso le membrane delle proteine transmembrana e di quelle secrete. Diversi tipi di vescicole rivestite mediano il trasporto delle proteine tra i compartimenti cellulari.

68 Modello a mosaico fluido Il modello ad oggi accettato per le membrane biologiche è il modello a mosaico fluido in cui lipidi e proteine si associano a formare le cosiddette zattere lipidiche (rafts). Le proteine galleggiano nel doppio strato lipidico e si possono muovere lungo il piano della membrana.

69 Modello a mosaico fluido Con la tecnica congelamento frattura (freeze fracture) è possibile dividere il doppio strato lipidico parallelamente alla superficie della membrana. Le code idrocarburiche sono separate e l interno della membrana appare granulare a causa della presenza delle proteine integrali di membrana.

70 Funzioni delle membrane Le membrane biologiche svolgono importanti funzioni: Ruolo strutturale come confine e contenitore di tutte le cellule e degli organelli delle cellule eucariotiche. Trasporto di sostanze In alcuni casi le proteine di membrana svolgono ruoli catalitici e di recettori

71 Trasporto attraverso le membrane Il trasporto di una sostanza all interno o esterno della cellula può avvenire mediante trasporto passivo se la sostanza si muove da una regione a concentrazione più elevata ad una a concentrazione inferiore. In tal caso la sostanza si muove nella direzione del gradiente di concentrazione e la cellula non consuma energia. Il trasporto passivo può avvenire mediante diffusione semplice se piccole molecole neutre (O 2, N 2, H 2 O e CO 2 ) attraversano la membrana senza interagire con altre molecole.

72 Trasporto attraverso le membrane Il trasporto passivo può anche avvenire mediante diffusione facilitata se le molecole più grandi e polari attraversano la membrana mediante proteine trasportatrici. Il trasporto del glucosio negli eritrociti avviene attraverso una proteina di trasporto (glucosio permeasi, GLUT). I trasportatori GLUT sono formati da 12 segmenti ad α elica idrofobici disposti in modo da formare un canale internamente rivestito di residui amminoacidici idrofilici che consentono il passaggio del glucosio attraverso la membrana degli eritrociti.

73 Trasporto attraverso le membrane Diffusione passiva e diffusione facilitata si possono distinguere dall andamento delle curve della velocità del trasporto (v) in funzione della concentrazione del substrato trasportato (S).

74 Trasporto attraverso le membrane Nel trasporto attivo una sostanza si muove contro gradiente di concentrazione e tale processo richiede la presenza di una specifica proteina di trasporto ed un consumo di energia d parte della cellula. Nel trasporto attivo primario il trasporto contro gradiente è collegato all idrolisi dell ATP come avviene nel caso della pompa ionica sodio potassio.

75 Trasporto attraverso le membrane Il modello proposto per il meccanismo di funzionamento della pompa ionica sodiopotassio ATPasi suppone che esistano due conformazioni E1 ed E2. Il legame di ioni Na + ad E1 èseguito da fosforilazione. Gli ioni Na + sono trasportati e rilasciati all esterno e gli ioni K + si legano all enzima. A seguito della defosforilazione di E2 la conformazione dell enzima cambia nuovamente ad E1 ed il rilascio di ioni K + all interno completa il ciclo.

76 Trasporto attraverso le membrane Nel trasporto attivo secondario il trasporto contro gradiente non è collegato all idrolisi dell ATP ma sfrutta l energia derivante dal concomitante passaggio di ioni H + nel verso del loro gradiente di concentrazione come avviene nel caso della galattoside permeasi dei batteri. Altri trasportatori primari (pompe protoniche) mantengono la concentrazione di ioni idrogeno più elevata all esterno

77 Trasporto attraverso le membrane Una pompa protonica è una proteina integrale di membrana capace di spostare protoni attraverso la membrana di una cellula, un mitocondrio, o altri compartimenti sub cellulari.

78 Trasporto attraverso le membrane Le ATPasi di tipo F catalizzano il trasporto di protoni contro gradiente, guidato dall idrolisi di ATP. Il gradiente protonico può fornire energia per la sintesi di ATP. Si parla in questo caso di ATP sintasi presente nei mitocondri e nei cloroplasti. L'enzima si attiva quando un protone percorre il canale secondo gradiente: ciò induce un movimento rotatorio nell'enzima, energia meccanica sufficiente per generare ATP da ADP e Pi.

79 Trasporto attraverso le membrane L'uniporto èil trasporto secondario di una sola sostanza che si muove sfruttando la differenza di potenziale elettrochimico creato da trasportatori primari. Il cotrasporto è il trasporto contemporaneo di due specie ioniche o di altri soluti che può avvenire in direzioni diverse (antiporto) o nella stessa direzione (simporto).

80 Trasporto attraverso le membrane

81 Recettori di membrana: recettore per le LDL

La classificazione dei lipidi

La classificazione dei lipidi La classificazione dei lipidi Concetti chiave Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono

Dettagli

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15

CHIMICA BIOLOGICA. Seconda Università degli Studi di Napoli. DiSTABiF. Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Insegnamento di. Anno Accademico 2014-15 Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Corso di Laurea in Scienze Biologiche Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Antimo Di Maro Anno Accademico 2014-15 Lezione 9 I LIPIDI Funzione - Strutturale

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

«Macromolecole» Lipidi

«Macromolecole» Lipidi LIPIDI (1) «Macromolecole» Lipidi Biotecnologie Miscellanea di molecole biologiche che condividono la proprietà di non essere solubili in acqua. Molecole idrofobiche. Es: Grassi Oli (grasso liquido a temperatura

Dettagli

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua I LIPIDI I LIPIDI - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua - ruolo fondamentale di fornitori di energia (circa 9 kcal/grammo),

Dettagli

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI Lipidi I lipidi sono i principali costituenti delle membrane biologiche. Sono biomolecole insolubile in acqua ma solubili in solventi organici. La loro idrofobicità

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare.

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. Membrana Plasmatica La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. La sua funzione principale è quella

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana. Membrana cellulare Proteine inserite nella membrana cellulare: Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

Membrane Biologiche preservano l individualità della cellula hanno permeabilità altamente selettiva pompe confine attivo canali controllano il flusso di informazione recettori specifici movimento verso

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Il punto di fusione della molecola diminuisce proporzionalmente al suo grado di insaturazione : la molecola è + rigida, Ridotta capacità di muoversi

Il punto di fusione della molecola diminuisce proporzionalmente al suo grado di insaturazione : la molecola è + rigida, Ridotta capacità di muoversi LIPIDI Biomolecole insolubili in H 2 O e solubili in solventi apolari: etere, cloroformio FUNZIONI: Componenti strutturali delle membrane Forme di deposito e di trasporto di molecole ricche di energia

Dettagli

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole

FUNZIONI DEI LIPIDI. Energetica Strutturale Precursori di biomolecole I LIPIDI I parte FUNZIONI DEI LIPIDI Energetica Strutturale Precursori di biomolecole CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA DEI LIPIDI a) Lipidi di deposito: a) trigliceridi o triacilgliceroli (TAG) b) Lipidi strutturali:

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Costituzione dei viventi

Costituzione dei viventi Costituzione dei viventi La materia e costituita da elementi chimici in forma pura o in combinazioni dette composti 25 dei 92 elementi naturali sono costituenti essenziali dei viventi 4 (C, O,, N) costituiscono

Dettagli

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz LA MEMBRANA www.fisiokinesiterapia.biz Struttura della membrana Le membrane sono fondamentali per la vita della cellula Racchiudono la cellula definendone i confini e mantenendo le differenze fondamentali

Dettagli

Proprietà della membrana plasmatica

Proprietà della membrana plasmatica Proprietà della membrana plasmatica Delimita il citoplasma formando una barriera meccanica Controlla l accesso dei soluti e dei solventi permettendo che le caratteristiche del citoplasma differiscano da

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma

Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma Lezione 4 *membrana cellulare *trasporti *specializzazioni del plasmalemma Lezione 3 membrana cellulare Le membrane, sia quelle che delimitano e costituiscono gli organuli cellulari che quelle che rivestono

Dettagli

MEMBRANE. struttura: fosfolipidi e proteine

MEMBRANE. struttura: fosfolipidi e proteine MEMBRANE struttura: fosfolipidi e proteine I lipidi sono sostanze di origine biologica insolubili in acqua. Vi fanno parte: trigliceridi, fosfolipidi, colesterolo, sfingolipidi, alcoli alifatici, cere,

Dettagli

Lipidi. Funzioni biologiche

Lipidi. Funzioni biologiche Lipidi Funzioni biologiche -I lipidi che contengono catene di idrocarburi fungono da riserva di energia. -Le molecole lipidiche, sotto forma di doppi strati, sono componenti essenziali delle membrane biologiche.

Dettagli

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Lipidi Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua Grasso animale, Colesterolo Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Divisi in due gruppi: con legami esterei idrolizzabili e non

Dettagli

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Lipidi Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua Grasso animale, Colesterolo Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Divisi in due gruppi: con legami esterei idrolizzabili e non

Dettagli

Schemi delle lezioni

Schemi delle lezioni Schemi delle lezioni Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratterestica comune: sono insulubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti

Dettagli

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa I carboidrati I carboidrati (o saccaridi o glucidi) hanno formula bruta (CH 2 O) n, dove n è maggiore di 3. Chimicamente sono poli-idrossi chetoni o aldeidi ed esistono sia in forma semplice (monosaccaridi)

Dettagli

a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE)

a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE) a cura di : Gaia,Giulia, Lorenzo e Simone 2^ B ( LA MIGLIORE) I grassi nella piramide alimentare Forniscono molta ENERGIA!!! Danno gusto al cibo Trasportano alcune vitamine o LIPIDI Però se se ne mangiano

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

I lipidi. As the largest animal in the world, the blue whale (Balaenoptera musculus) also has the most fat (>35%).

I lipidi. As the largest animal in the world, the blue whale (Balaenoptera musculus) also has the most fat (>35%). Modulo 8: I lipidi I lipidi I lipidi sono componenti essenziali di tutti gli organismi viventi. Sono sostanze eterogenee dal punto di vista chimico accomunate dal fatto di avere bassa solubilità in acqua

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I BIOFISICA DELLE MEMBRANE BIOFISICA DELLE MEMBRANE Le funzioni biologiche di tutti gli organismi viventi si svolgono mediante

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari Biologia e sistematica vegetale Le membrane cellulari Le cellule richiedono le membrane per la loro esistenza La membrana plasmatica è quella che definisce i confini della cellula e aiuta a creare e mantenere

Dettagli

Le membrane cellulari

Le membrane cellulari Le membrane cellulari Tutte le cellule, procariote ed eucariote, sono delimitate da una membrana (MEMBRANA PLASMATICA) Molti organelli intracellulari degli eucarioti sono circoscritti da membrane (MEMBRANE

Dettagli

LIPIDI. Classe eterogenea di di sostanze organiche caratterizzate dall essere insolubili in in acqua ma solubili in in solventi non polari aprotici

LIPIDI. Classe eterogenea di di sostanze organiche caratterizzate dall essere insolubili in in acqua ma solubili in in solventi non polari aprotici LIPIDI Classe eterogenea di di sostanze organiche caratterizzate dall essere insolubili in in acqua ma solubili in in solventi non polari aprotici 1.Acidi grassi 2.Trigliceridi 3.Fosfolipidi 4.Prostaglandine

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi 2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Diffusione semplice e mediata da

Dettagli

Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo. funzioni della membrana

Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo. funzioni della membrana Processi di trasporto: Trasporto passivo Diffusione facilitata Trasporto attivo funzioni della membrana Le proteine sono responsabili delle diverse funzioni di membrana : Proteine di trasporto: facilitano

Dettagli

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine

Lipidi. Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua. Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Lipidi Piccole molecole organiche di scarsa solubilità in acqua Grasso animale, Colesterolo Grassi, oli, cere, alcuni ormoni, alcune vitamine Divisi in due gruppi: con legami esterei idrolizzabili e non

Dettagli

- lipidi strutturali, costituenti fondamentali delle membrane cellulari ed intracellulari (fosfolipidi, glicolipidi e colesterolo)

- lipidi strutturali, costituenti fondamentali delle membrane cellulari ed intracellulari (fosfolipidi, glicolipidi e colesterolo) I lipidi, o grassi, costituiscono un gruppo eterogeneo di sostanze accomunate dalla proprietà fisica della insolubilità nei solventi polari (es. acqua) (idrofobicità) e dalla solubilità nei soventi organici

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

La chimica della vita

La chimica della vita La chimica della vita -Elementi : Carbonio (C), Ossigeno (O), Idrogeno (H), Calcio (Ca), Fosforo (P), Magnesio (Mg), Sodio(Na), Potassio (K), Zolfo (S), Cloro (Cl), Ferro (Fe), Zinco (Zn), Rame (Cu), Iodio

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 BIOFISICA DELLE MEMBRANE Negli organismi pluricellulari, a parte i tessuti tegumentari e gli epiteli assorbenti

Dettagli

Le idee della chimica

Le idee della chimica G. Valitutti A.Tifi A.Gentile Seconda edizione Copyright 2009 Zanichelli editore Capitolo 25 Le basi della biochimica 1. I carboidrati 2. I lipidi 3. Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine 4. La struttura

Dettagli

LIPIDI. Steroidi Acidi grassi Trigliceridi Fosfolipidi Prostaglandine Vitamine liposolubili

LIPIDI. Steroidi Acidi grassi Trigliceridi Fosfolipidi Prostaglandine Vitamine liposolubili LIPIDI Classe eterogenea di di sostanze organiche caratterizzate dal fatto di di non essere solubili in in acqua ma solubili in in solventi non polari aprotici. 1. 1. Acidi grassi 2. 2. Trigliceridi 3.

Dettagli

Proprieta dei lipidi

Proprieta dei lipidi I LIPIDI 1 Proprieta dei lipidi Alta variabilita strutturale Non sono polimeri (cfr. acidi.nucl., proteine, polisaccaridi) Scarsa solubilita in acqua (estratti in fase organica) Presenti in olii & grassi

Dettagli

Le Molecole Biologiche (2/3) I Lipidi

Le Molecole Biologiche (2/3) I Lipidi Le Molecole Biologiche (2/3) I Lipidi Lipidi sostanze organiche insolubili in acqua forniscono 9 calorie per grammo. Lipidi o Grassi Dal greco lipos = grasso Diverse categorie : Acidi grassi Trigliceridi

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli acidi carbossilici

CHIMICA ORGANICA. Gli acidi carbossilici 1 E7-AIDI ARBOSSILII IMIA ORGANIA AIDI ARBOSSILII Formula generale R Desinenza -oico Gli acidi carbossilici Questi composti organici si possono ottenere dalle aldeidi, energici riducenti, che vengono facilmente

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

Acidi grassi. Catena alifatica atomi di carbonio terminante con carbossile (-COOH)

Acidi grassi. Catena alifatica atomi di carbonio terminante con carbossile (-COOH) Acidi grassi Catena alifatica atomi di carbonio terminante con carbossile (-COOH) Testa polare e coda idrofobica molecole amfipatiche La catena alifatica può essere satura o contenere uno o più legami

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 3 Le proprietà fisiche dell acqua Concetti chiave: Le molecole d'acqua, che sono polari, possono formare legami idrogeno

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

Alterazioni processo infiammatorio

Alterazioni processo infiammatorio Obesità Ipertensione Aterosclerosi Malattie cardiovascolari Alterazioni processo infiammatorio Cancro MAMMELLA, COLON, ENDOMETRIO, PANCREAS, PROSTATA I lipidi influenzano le varie tappe della cancerogenesi

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

LIPIDI. Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici)

LIPIDI. Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici) LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive (carboidrati, proteine, acidi nucleici) INSOLUBILI IN ACQUA, SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI APOLARI Differenza fra Grassi e

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Quando la sfingosina è legata ad 1 ac. grasso si forma il CERAMMIDE.

Quando la sfingosina è legata ad 1 ac. grasso si forma il CERAMMIDE. SFINGOLIPIDI (costituenti delle membrane biologiche) Lo scheletro degli sfingolipidi è la SFINGOSINA (amminoalcol) con una lunga catena idrocarburica monoinsatura che parte dal C-3, gruppi OH legati in

Dettagli

I lipidi. Semplici Complessi

I lipidi. Semplici Complessi Lipidi I lipidi I lipidi sono sostanze non polari (idrofobiche) solubili in solven8 organici. Mol8 dei lipidi che compongono le membrane biologiche sono anfipa8ci, hanno una parte polare ed una apolare

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE?

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente Per queste lezioni si assume che gli studenti siano già familiari alla reazione di saponificazione e con il tipo di sostanze che compongono

Dettagli

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame.

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame. 1 ACIDI GRASSI Gli acidi grassi sono acidi carbossilici con una catena alifatica (idrocarburica) con almeno 8 atomi di carbonio. Sono gli ingredienti costitutivi di quasi tutti i lipidi complessi e dei

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

Lipidi e Micelle. Generalità Classificazione dei lipidi Doppi strati lipidici. Francesca Anna Scaramuzzo, PhD

Lipidi e Micelle. Generalità Classificazione dei lipidi Doppi strati lipidici. Francesca Anna Scaramuzzo, PhD Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Complementi di Chimica e Biochimica per le Tecnologie Biomediche Lipidi e Micelle Generalità Classificazione dei lipidi Doppi strati lipidici Francesca

Dettagli

Le MEMBRANE in biologia

Le MEMBRANE in biologia Le MEMBRANE in biologia Le membrana plasmatica Delimitazione delle cellule Genesi del potenziale elettrico trans-membrana Mantenimento delle differenze tra l ambiente intra ed extracellulare Trasferimento

Dettagli

Con il termine generico di lipidi si definisce una classe. eterogenea dal punto di vista chimico di composti

Con il termine generico di lipidi si definisce una classe. eterogenea dal punto di vista chimico di composti on il termine generico di lipidi si definisce una classe eterogenea dal punto di vista chimico di composti presenti nei tessuti animali e vegetali, accomunati dalla somiglianza di proprietà fisiche, come

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

Sfingolipidi. Ceramidi SEMINARIO!!! 20/12/2013 SFINGOLIPIDI

Sfingolipidi. Ceramidi SEMINARIO!!! 20/12/2013 SFINGOLIPIDI SEMINARIO!!! SFINGOLIPIDI Sfingolipidi Ceramidi Lipidi derivati dall aminoalcool sfingosina. Un acido grasso è legato al gruppo aminico della sfingosina. I diversi gruppi polari (R) legati al gruppo OH

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

https://sites.google.com/site/colcito/ Polimeri (non i lipidi)

https://sites.google.com/site/colcito/ Polimeri (non i lipidi) Monomeri Polimeri (non i lipidi) Grassi o Lipidi: Un gruppo eterogeneo di composti insolubili in acqua (idrofobici) e solubili in solventi organici non polari, come l etere etilico o l acetone. I lipidi

Dettagli

LIPIDI. I lipidi sono suddivisi in due gruppi principali.

LIPIDI. I lipidi sono suddivisi in due gruppi principali. LIPIDI I lipidi sono una classe eterogenea di composti organici, raggruppati sulla base della loro solubilità. Sono insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici non polari, quali l etere dietilico,

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

MODALITA DI TRASPORTO ATTRAVERSO LE MEMBRANE BIOLOGICHE LA MEMBRANA CELLULARE E SELETTIVAMENTE PERMEABILE, CIOE SOLO DETERMINATI TIPI DI MOLECOLE POSSONO AT= TRAVERSARLA LIBERAMENTE (PICCOLE MOLECOLE POLARI;

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

Lipidi: funzioni. Strutturale. Riserva energetica. Segnale.

Lipidi: funzioni. Strutturale. Riserva energetica. Segnale. Lipidi: funzioni. Strutturale. Riserva energetica. Segnale. Lipidi:classificazione. Saponificabili Non saponificabili Semplici Complessi Prostaglandine Steroidi Cere Trigliceridi Fosfogliceridi Sfingolipidi

Dettagli

LIPIDI LIPIDI SEMPLICI: LIPIDI COMPLESSI:

LIPIDI LIPIDI SEMPLICI: LIPIDI COMPLESSI: LIPIDI Sostanze di origine biologica, solubili nei solventi organici (es. cloroformio), ma praticamente insolubili in acqua LIPIDI SEMPLICI: acidi grassi terpeni steroidi LIPIDI COMPLESSI: acilgliceroli:

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Metabolismo dei lipidi a) Ossidazione degli acidi grassi Triacilgliceroli (90% del totale) Gruppi metilenici o metilici Richiedono molto O 2 per essere

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 26 La gluconeogenesi Concetti chiave: Il fegato e il rene possono sintetizzare glucosio da lattato, piruvato e amminoacidi.

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli