Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista"

Transcript

1 Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti e successivi alla liquidazione stessa. Ilenia Errico Dottore Commercialista 1 Roma, 11/05/2013

2 Punti da sviluppare e Normativa di riferimento 1. INTRODUZIONE ALLA LIQUIDAZIONE 2. ASPETTI CIVILISTICI 3. ASPETTI CONTABILI 4. ASPETTI FISCALI 2 Artt e ss. del Codice Civile Principio Contabile OIC 5 Art. 182 D.P.R. 917/1986 Art. 5 D.P.R. 322/1998

3 1. Introduzione La liquidazione rappresenta la fase conclusiva della vita della società, quella in cui si procede alla dismissione e chiusura della stessa. Questa fase di dissoluzione societaria è composta da tre diversi periodi: a) Accertamento del verificarsi di una causa di scioglimento e relativa pubblicità (artt e 2485). In questa fase la gestione dell impresa è affidata agli amministratori fino alla data di pubblicazione della nomina dei liquidatori (art e 2487-bis); b) Procedimento di liquidazione, che va dalla data di pubblicazione della nomina dei liquidatori fino al deposito del bilancio finale di liquidazione ed all esecuzione del piano di riparto (art ); c) Estinzione della società a seguito della sua cancellazione dal registro delle imprese e deposito dei libri contabili e sociali (artt ). 3

4 1. Introduzione Sequenza del procedimento di liquidazione: A- Nomina dei liquidatori (o del liquidatore unico) B- Effettuazione delle consegne dagli amministratori ai liquidatori; C- Redazione da parte dei liquidatori del primo bilancio della fase di liquidazione D- Redazione, per ogni esercizio successivo, del relativo bilancio annuale E- Eventuale ripartizione, in corso di liquidazione, di acconti sulle quote finali F- Redazione e deposito del bilancio finale di liquidazione e del relativo piano di riparto G- Cancellazione della società dal registro delle imprese 4

5 2. Aspetti civilistici Cause di scioglimento (Art comma 1 e 2 c.c.): 1. Per il decorso del termine; 2. Per il conseguimento dell oggetto sociale o la sopravvenuta impossibilità di conseguirlo, salvo che l assemblea, all uopo convocata senza indugio, deliberi le opportune modifiche statutarie; 3. Per l impossibilità di funzionamento o per la continuata inattività dell assemblea; 4. Per la riduzione del capitale al di sotto del minimo legale, salvo quanto è disposto dagli artt e 2482-ter; 5. Nelle ipotesi previste dagli artt quater e 2473; 6. Per deliberazione dell assemblea; 7. Per le altre cause previste dall atto costitutivo o dallo statuto. 5

6 2. Aspetti civilistici L effetto dello scioglimento si determina (art comma 3 c.c.): Dalla data di iscrizione presso l Ufficio del registro delle imprese della dichiarazione degli amministratori che accerta il verificarsi di una delle cause di scioglimento, qualora l assemblea sia impossibilitata a provvedere - ipotesi 1), 2), 3), 4) e 5). Dalla data di iscrizione presso l Ufficio del registro delle imprese della delibera dell assemblea che decide lo scioglimento - ipotesi 6). 6 Accertata la causa di scioglimento, gli amministratori debbono redigere apposito verbale; il quale dovrà essere trasmesso all ufficio del registro delle imprese per l iscrizione: solo a decorrere da tale momento si determinano gli effetti dello scioglimento.

7 2. Aspetti civilistici Obblighi e poteri degli amministratori (artt e 2486 c.c.): Accertare senza indugio lo scioglimento e di procedere all iscrizione nel registro delle imprese del relativo atto, pena la loro responsabilità nei confronti della società, dei soci, dei creditori sociali e dei terzi, per i danni derivanti dalla mancata conoscenza dello scioglimento. Tale esigenza, è altresì assicurata dalla legittimazione dei singoli soci, amministratori e dei sindaci a proporre, in caso di inerzia, istanza al tribunale perché accerti lo scioglimento. Al verificarsi di una causa di scioglimento gli amministratori sono tenuti a svolgere una attività strettamente conservativa del patrimonio sociale. 7

8 La gestione della società subisce delle trasformazioni di rilievo: Cambia l interesse dei soci; il loro interesse non è più quello volto ad incrementare il valore del patrimonio della società e di conseguire dividendi, senza pregiudicare la redditività futura dell impresa, bensì un nuovo e diverso interesse: quello di monetizzare, nel minor tempo possibile, il loro investimento, tutelando anche gli interessi dei creditori. Il capitale investito nell impresa: non è più uno strumento di produzione del reddito, bensì un semplice insieme di beni destinato alla conversione in denaro liquido, al pagamento dei creditori ed alla ripartizione ai soci dell attivo netto residuo. 8

9 2. Aspetti civilistici Nomina e revoca dei liquidatori; criteri di svolgimento della liquidazione (art c.c.): salvo che nei casi previsti dai numeri 2), 4) e 6) del primo comma dell art non abbia già provveduto l assemblea e salvo che l atto costitutivo o lo statuto non dispongano in materia, gli amministratori, contestualmente all accertamento della causa di scioglimento, debbono convocare l assemblea dei soci perché deliberi, con le maggioranze previste per le modificazioni dell atto costitutivo o dello statuto, su: Il numero dei liquidatori e le regole di funzionamento del collegio in caso di pluralità di liquidatori; La nomina dei liquidatori, con indicazione di quelli cui spetta la rappresentanza della società; I criteri in base ai quali deve svolgersi la liquidazione; i poteri dei liquidatori, con particolare riguardo alla cessione dell azienda sociale, di rami di essa, ovvero anche di singoli beni o diritti, o blocchi di essi; gli atti necessari per la conservazione del valore dell impresa, ivi compreso il suo esercizio provvisorio, anche di singoli rami, in funzione del miglior realizzo. 9

10 Criticità - Nomina o revoca dei liquidatori di una Srl La delibera di nomina o revoca dei liquidatori ad opera dell assemblea dei soci di una S.r.l. è necessariamente soggetta a verbalizzazione notarile? L art c.c. prevede che la deliberazione di nomina e revoca dei liquidatori sia adottata dai soci in assemblea e con le maggioranze previste per le modificazioni dell atto costitutivo o dello statuto. La deliberazione in esame, non si configura quale modificazione statutaria, con conseguente esclusione dell assoggettamento al controllo di legalità contemplato dall art c.c. Inoltre, secondo l art bis c.c., Pubblicità della nomina dei liquidatori ed effetti, sono gli stessi liquidatori a dover provvedere all iscrizione della loro nomina e dei loro poteri nel registro delle imprese, e non invece il notaio verbalizzante, come avviene in riferimento alle assunzioni di modificazioni statutarie ex art c.c., e per il caso espressamente previsto dall art ter c.c che richiama l art in riferimento alla particolare ipotesi di revoca dello stato di liquidazione. 10

11 2. Aspetti civilistici Nomina e revoca dei liquidatori; criteri di svolgimento della liquidazione (art comma 4 c.c.): Quanto alla revoca dell incarico, essa può avvenire anche senza giusta causa su deliberazione assembleare, o può essere disposta dal tribunale, quando sussista una giusta causa, su richiesta dei soci, dei sindaci e del pubblico ministero. Oltre alla pubblicità della nomina e della revoca dei liquidatori, l art bis, comma 2, impone di aggiungere alla denominazione sociale l indicazione dello stato di liquidazione. 11

12 2. Aspetti civilistici Poteri, obblighi e responsabilità dei liquidatori (art c.c.): salvo che lo statuto o la delibera di nomina dispongano diversamente, i liquidatori possono compiere tutti gli atti utili per la liquidazione della società. Essi nell adempiere il loro compito devono agire con la professionalità e diligenza richieste dalla natura dell incarico, altrimenti rispondono dei danni provocati per la mancanza di un comportamento qualificato rispetto allo specifico contesto gestionale. 12 Poteri e doveri particolari dei liquidatori (art c.c.): i liquidatori sono autorizzati a richiamare i versamenti ancora dovuti dai soci qualora i fondi disponibili siano insufficienti per soddisfare i creditori. La norma, inoltre, fa divieto di ripartire tra i soci acconti sul risultato di liquidazione se dal bilancio non emerga l esistenza di disponibilità finanziarie sufficienti a garantire l integrale e tempestiva soddisfazione dei creditori sociali. Naturalmente, i liquidatori che vengano meno a tale dovere saranno responsabili, a titolo risarcitorio, nei confronti dei creditori stessi.

13 3. Aspetti contabili Avvenuta l iscrizione della delibera di nomina dei liquidatori nel registro delle imprese, gli amministratori cessano dalla carica e consegnano ai liquidatori: 1. i libri sociali 2. una situazione dei conti alla data di effetto dello scioglimento 3. un rendiconto sulla loro gestione relativo al periodo successivo all ultimo bilancio approvato. (Art bis comma 3 c.c.) Tale passaggio di consegne, da formalizzare mediante apposito verbale, non può avvenire prima dell iscrizione nel registro delle imprese della nomina e dei poteri dei liquidatori. 13

14 3. Aspetti contabili Per LIBRI SOCIALI devono intendersi non solo quelli di cui all art c.c., ma anche i libri e le altre scritture contabili d impresa indicati nell art c.c., cioè l intero impianto contabile della società; La SITUAZIONE DEI CONTI secondo quanto precisato nel PC n. 5 dell OIC consiste nel tradizionale prospetto contabile volto a rappresentare i saldi attivi e passivi dei vari conti aziendali, rilevati sino alla data di effetto dello scioglimento, desumibili dal bilancio di verifica, senza procedere ad alcuna scrittura rettificativa o di assestamento valutativo in generale; 14 Il RENDICONTO DELLA GESTIONE degli amministratori è un vero e proprio bilancio di esercizio infrannuale che riguarda la frazione di esercizio sociale intercorrente tra la data di chiusura del precedente bilancio (anteriore alla data di scioglimento) e la data di pubblicazione della nomina dei liquidatori.

15 I criteri di valutazione CRITERI DI FUNZIONAMENTO CRITERI DI LIQUIDAZIONE 15 Dal momento in cui si verifica una causa di scioglimento e fino al momento dell inizio della liquidazione i criteri di valutazione da adottare continuano ad essere quelli di funzionamento, mentre è solo dalla data di inizio della gestione liquidatoria che il capitale investito nell impresa muta destinazione e si passa dal funzionamento alla liquidazione. Pertanto: Il rendiconto sulla gestione degli amministratori si fonda su criteri valutativi di funzionamento, seppur tenendo presente il venir meno della prospettiva di continuazione dell attività; Il bilancio iniziale di liquidazione, da redigersi a cura dei liquidatori alla data di inizio della gestione di liquidazione, si fonda su criteri valutativi coerenti con la diversa destinazione del patrimonio sociale individuabili nei presumibili valori di realizzo per le attività e nei valori di estinzione delle passività.

16 3. Aspetti contabili I BILANCI IN FASE DI LIQUIDAZIONE (art c.c.) I liquidatori devono redigere il bilancio d esercizio e sottoporlo all approvazione dei soci. La nota integrativa deve indicare e motivare i criteri di valutazione adottati. La relazione di gestione deve illustrare l andamento della liquidazione, le prospettive, anche temporali, della liquidazione, ed i principi e criteri adottati per realizzarla. 16 Più complessa è la disciplina della redazione del primo bilancio successivo alla nomina dei liquidatori, poiché il segmento temporale che tale prospetto contabile deve rappresentare si caratterizza per una gestione svolta da soggetti diversi e dotati di poteri differenti (gli amministratori, prima, i liquidatori, poi). Essi devono indicare nella nota integrativa le variazioni nei criteri di valutazione adottati rispetto all ultimo bilancio approvato, e le ragioni e conseguenze di tali variazioni. Al medesimo bilancio deve essere allegata la documentazione consegnata dagli amministratori a norma del terzo comma dell articolo 2487-bis, con le eventuali osservazioni dei liquidatori.

17 3. Aspetti contabili Il BILANCIO INIZIALE DI LIQUIDAZIONE Le differenze che emergeranno fra i valori di funzionamento e i valori di liquidazione delle attività e passività devono essere imputate ad uno specifico conto denominato Rettifiche di liquidazione, il cui saldo andrà a diminuire o ad aumentare il patrimonio netto. 17 Inoltre sorgerà una nuova posta Fondo per costi ed oneri di liquidazione, indicante i costi ed oneri presunti del procedimento di liquidazione al netto dei proventi che si prevede di conseguire, i quali forniscono una copertura, sia pure parziale, di quei costi ed oneri. Il Fondo per costi ed oneri di liquidazione figura fra le passività del bilancio iniziale di liquidazione e fra le passività di tutti i bilanci intermedi di liquidazione, fino alla sua completa estinzione.

18 3. Aspetti contabili Ultimata la liquidazione, i liquidatori devono redigere il BILANCIO FINALE, indicando la parte spettante a ciascun socio o azione nella divisione dell attivo. Tale bilancio, accompagnato dalla relazione dei sindaci e del soggetto incaricato della revisione contabile, è depositato presso l ufficio del registro delle imprese (art commi 1 e 2 c.c.). Composto da uno stato patrimoniale, da un conto economico e da un PIANO DI RIPARTO Durante i 90 giorni successivi all iscrizione dell avvenuto deposito, ogni socio può proporre reclamo davanti al tribunale in contraddittorio dei liquidatori (art comma 3 c.c.). 18

19 19 3. Aspetti contabili Composizione del BILANCIO FINALE: STATO PATRIMONIALE Assumerà la forma più semplice con l indicazione delle voci inerenti le disponibilità liquide nell attivo e l importo da distribuire ai soci nel passivo. ATTIVO DELLA LIQUIDAZIONE Depositi e conti correnti bancari/postali Denaro e valori in casa PN DELLA LIQUIDAZIONE Capitale sociale Riserve +/- Rettifiche di liquidazione - Acconti ai soci + Utili (-perdite) di liquidazione dei precedenti esercizi + Utili (-perdite) dell ultimo periodo di liquidazione

20 Si potrebbero riscontrare anche situazioni meno lineari Passività: Debiti ancora da pagare come ad esempio compensi spettanti ai liquidatori o debiti di natura tributaria. I liquidatori procedono alla redazione del bilancio finale di liquidazione iscrivendo il debito tra le passività dello stato patrimoniale, con la contestuale appostazione nell attivo di un deposito vincolato di pari importo, o alternativamente tendo conto di tale situazione nella redazione del piano di riparto. Attività: Crediti di natura tributaria non realizzati. Le differenti soluzioni proposte: Cessione del credito a terzi; Assegnazione ai soci (con relativa previsione nel piano di riparto); Attesa del rimborso alla scadenza da parte del soggetto 20 legittimato.

21 3. Aspetti contabili Composizione del BILANCIO FINALE: CONTO ECONOMICO E un conto economico di periodo, riferito solo al periodo intercorrente tra la data di chiusura dell ultimo bilancio intermedio di liquidazione e la data di completamento delle attività liquidatorie. Il principio contabile OIC 5 raccomanda, la redazione di un conto economico generale, riferito cioè all intera procedura di liquidazione, e precisa che il bilancio finale di liquidazione debba essere corredato, come i bilanci intermedi, di una nota integrativa e di una relazione sulla gestione. 21

22 3. Aspetti contabili Composizione del BILANCIO FINALE: PIANO DI RIPARTO Ciò che può essere ripartito ai soci (ed agli altri soggetti che eventualmente abbiano diritto ad una quota finale in sede di liquidazione, come i titolari di strumenti finanziari partecipativi ai sensi dell art comma 6 c.c.) è l attivo netto residuo (al netto degli eventuali acconti sulle quote di riparto già corrisposti) costituito nella normalità dei casi da disponibilità liquide. Il riparto, secondo la dottrina prevalente, non può avvenire se non dopo l approvazione da parte di tutti i soci, espressa o tacita, del bilancio finale di liquidazione. 22

23 3. Aspetti contabili APPROVAZIONE DEL BILANCIO FINALE Tacita (art comma 1 c.c.): decorso il termine di novanta giorni senza che siano stai proposti reclami, il bilancio finale di liquidazione s intende approvato. Espressa (art comma 2 c.c.): indipendentemente dalla decorrenza del termine, la quietanza, rilasciata senza riserve all atto del pagamento dell ultima quota di riparto, importa approvazione del bilancio. L art c.c. impone ai liquidatori, una volta approvato il bilancio finale di liquidazione, di chiedere la cancellazione della società dal registro delle imprese. 23

24 4. Aspetti fiscali: Imposte dirette L apertura della fase di liquidazione comporta l interruzione del periodo d imposta: Periodo ante liquidazione (compreso tra inizio esercizio e data inizio liquidazione) determinato Singolo periodo d imposta: reddito d impresa è determinato in base ad apposito conto economico. Periodo post liquidazione (compreso tra la data di inizio e chiusura liquidazione) Unico periodo d imposta: reddito d impresa è determinato in base al bilancio finale 24

25 4. Aspetti fiscali: ante liquidazione Il reddito d impresa del periodo antecedente la liquidazione è determinato secondo le regole fiscali ordinarie. Per la sua determinazione deve essere redatto un apposito conto economico. Per le società di capitali si tratta del rendiconto di gestione previsto dall art c.c. 25

26 4. Aspetti fiscali: post liquidazione 26 L art. 182 comma 3 TUIR, stabilisce i criteri per la determinazione del reddito relativo al periodo tra l inizio e la chiusura della liquidazione; si possono verificare tre situazioni: A. La liquidazione si chiude nello stesso esercizio in cui ha avuto effetto: il reddito si determina in base al bilancio finale. B. La liquidazione si protrae oltre l esercizio in cui ha avuto inizio, ma non oltre il quinto esercizio: il reddito relativo alla residua frazione di tale esercizio e ciascun successivo esercizio intermedio è determinato in via provvisoria in base al rispettivo bilancio, liquidando la relativa imposta salvo conguaglio in base al bilancio finale. C. La liquidazione si protrae per più di cinque esercizi, compreso quello in cui ha avuto inizio, o è omessa la presentazione del bilancio finale: i redditi degli esercizi intermedi determinati in via provvisoria si considerano definitivi.

27 4. Aspetti fiscali Se la liquidazione avviene nel periodo in cui opera la trasparenza o il consolidato fiscale, il risultato di ciascun esercizio è imputato ai soci per trasparenza e tassato in capo agli stessi in via definitiva; pertanto non dovrà formare oggetto di conguaglio finale. 27

28 4. Aspetti fiscali: Imposte dirette Per quanto riguarda l IRAP, questa si applicherà secondo le modalità tipiche di tale tributo, ai medesimi periodi d imposta individuati precedentemente. Tuttavia, per le liquidazioni di durata superiore all esercizio in cui sono dichiarate, non vige la regola della determinazione provvisoria dei redditi. Pertanto, la tassazione IRAP durante le liquidazioni è dovuta a titolo definitivo senza alcun conguaglio finale indipendentemente dalla durata della procedura. 28

29 4. Aspetti fiscali: Adempimenti La società in liquidazione deve presentare, esclusivamente in via telematica, le seguenti dichiarazioni (Art. 5 D.P.R. 322/1998): 29 Periodo di riferimento Periodo ante liquidazione Residua frazione del periodo in cui la liquidazione ha inizio e successivi periodi d imposta Intero periodo di liquidazione Soggetto obbligato/termini Liquidatore, o in mancanza, rappresentante legale, entro l ultimo giorno del 9 mese successivo alla data in cui ha effetto la delibera di messa in liquidazione Liquidatore, nei termini ordinari Liquidatore, sulla base del bilancio finale, entro l ultimo giorno del 9 mese successivo alla chiusura della liquidazione stessa o al deposito del bilancio finale, se prescritto

30 4. Aspetti fiscali: Utilizzo delle perdite Le perdite di esercizi anteriori alla data di effetto della liquidazione e quelle realizzate nei singoli periodi di liquidazione sono utilizzabili a scomputo dei redditi eventualmente conseguiti nei periodi intermedi secondo le regole ordinarie. Le perdite non utilizzate in compensazione in quanto non hanno trovato copertura negli esercizi provvisori, sono ammesse in diminuzione in sede di conguaglio in base al bilancio finale di liquidazione, a condizione che la liquidazione venga chiusa entro il quinto esercizio e venga presentato il bilancio finale di liquidazione (Art. 182 comma 3 TUIR). 30

31 31 4. Aspetti fiscali Revoca dello stato di liquidazione (Art ter c.c.): La società può in ogni momento revocare lo stato di liquidazione, previa eliminazione della causa di scioglimento, con deliberazione dell assemblea presa con le maggioranze richieste per le modificazioni dell atto costituivo o dello statuto. La revoca comporta la definitività, con effetto retroattivo, dei redditi precedentemente tassati in via provvisoria. Inoltre non è previsto alcun obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo tra l inizio dell esercizio e la data di iscrizione nel registro delle imprese della delibera di revoca della liquidazione.

32 32 4. Aspetti fiscali: Imposte indirette IVA: per tutta la durata della liquidazione l IVA è calcolata in via definitiva in ciascun anno solare con le modalità e i termini ordinari. Le assegnazioni fatte ai soci a seguito della ripartizione dell attivo scontano l imposta, in quanto assimilate a cessioni di beni o a prestazioni di servizi a seconda dei casi; Imposta di registro: lo scioglimento della società configura una semplice modifica statutaria che sconta l imposta in misura fissa. L assegnazione dei beni ai soci sconta l imposta fissa di registro, qualora l attribuzione sia soggetta ad IVA altrimenti sconta l imposta in misura proporzionale; Imposte catastali e ipotecarie, le assegnazioni ai soci di beni immobili scontano l imposta in misura fissa nel caso di beni soggetti ad IVA altrimenti in misura proporzionale.

33 Inizio liquidazione Presentazione del bilancio e della dichiarazione per ogni esercizio intermedio Presentazione dichiarazione e bilancio finale a conguaglio delle imposte liquidate negli esercizi intermedi 1/1 1/2 31/12 31/12 (+1) 31/12 (+n) Intervallo periodo ante liquidazione Presentazione dichiarazione periodo ante liquidazione Chiusura della liquidazione 33

34 Grazie per l attenzione 34

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LIQUIDAZIONE 1 Con la liquidazione si estingue l azienda, estinzione che avviene mediante lo svolgimento di operazioni non di normale

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività LA LIQUIDAZIONE LIQUIDAZIONE AZIENDA Termina la sua vita scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico Conversione attività in denaro Estinzione passività Restituzione residuo ai soci TIPOLOGIE VOLONTARIA

Dettagli

La Liquidazione delle società. a cura di Selmi Dott.re Stefano Dottore Commercialista & Revisore Contabile.

La Liquidazione delle società. a cura di Selmi Dott.re Stefano Dottore Commercialista & Revisore Contabile. La Liquidazione delle società a cura di Selmi Dott.re Stefano Dottore Commercialista & Revisore Contabile. Profili civilistici La liquidazione è una fase della vita societaria durante la quale l attività

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 15 Il procedimento di liquidazione di una Spa Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO AGENDA Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO Agenda Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista 1 modulo Le cause di scioglimento LE CAUSE DI SCIOGLIMENTO Le due categorie di cause di scioglimento

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda FACOLTÀ DI ECONOMIA Metodologie e determinazioni quantitative d azienda La liquidazione volontaria Aspetti civilistici, contabili e fiscali Filippo Salvardi Dottore Commercialista in Reggio Emilia Profili

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Matteo POZZOLI Professore associato presso l Università degli Studi di Napoli Parthenope, Ricercatore area aziendale Fondazione Nazionale dei Commercialisti

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati Seconda Parte La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati indicati nell' articolo 2501-septies. Si

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE 1 Operazione di natura straordinaria modificazione della forma giuridica senza che consiste nella -mutamento del soggetto

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 07 22.04.2014 Liquidazione Srl e Unico Categoria: Sottocategoria: Scadenze La messa in è una vicenda societaria piuttosto frequente in questo

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 30 05.07.2013 Liquidazione di srl e presentazione di Unico Categoria: Sottocategoria: Scadenze Nelle società di capitali la fase di è un procedimento

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili:

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili: RISOLUZIONE 353/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Imposta di bollo art. 1, comma 1-bis.1 della tariffa.

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi.

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. 1) La destinazione dell utile: a) aspetti normativi L art. 2364, comma 2, c.c. dispone che L assemblea ordinaria deve essere convocata

Dettagli

Stazione di Erba - Anni 30

Stazione di Erba - Anni 30 1 Stazione di Erba - Anni 30 2 3 Eurocombi S.r.l. in liquidazione Liquidatore Massimo Stoppini BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 6 BILANCIO DI ESERCIZIO 31.12.2013 _ Situazione Patrimoniale

Dettagli

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento Iscrizione in apposita sezione dei soggetti che esercitano attività di direzione e coordinamento e dei soggetti che vi sono sottoposti, e relativa cessazione (2497 bis c.c.) gli amministratori della società

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Convocazione dell Assemblea degli Azionisti Bilancio consolidato: utile netto di 1,29 miliardi; Bilancio di esercizio: utile netto di

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 Il conferimento Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 1 Agenda 21 febbraio: Aspetti generali, legali e valutativi 22 febbraio: Aspetti contabili e fiscali 2 Indice

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

L LI L Q I UID I AZI Z O I NE

L LI L Q I UID I AZI Z O I NE LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA La Liquidazione Volontaria è detta anche ordinaria E distinta dalla liquidazione cosidddetta forzata o giudiziaria o concorsuale. Consiste di tre fasi:

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale

Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale Le seguenti procedure sono costituite dal Principio Generale e dalle Linee Guida e Tabelle, che formano parte integrante delle Procedure stesse. Le seguenti

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Insegnamento di Ragioneria Applicata (a. a. 2012-2013) Corso di Laurea in Economia e Commercio Applicazione

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) Agenda Presupposti di un associazione

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD -

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Via Berga, 21-35044 MONTAGNANA (PD) C.F. 82000370286 Tel. (0429) 800228-800670 Fax (0429) 800671 P.I. 00736180282 Posta certificata:

Dettagli

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00 Parte ordinaria 4 Punto Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 4 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 Le Società

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

CALTAGIRONE S.p.A. Sede legale in Roma - Via Barberini n. 28. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 00433670585, R.E.A. n.

CALTAGIRONE S.p.A. Sede legale in Roma - Via Barberini n. 28. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 00433670585, R.E.A. n. CALTAGIRONE S.p.A. Sede legale in Roma - Via Barberini n. 28 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 00433670585, R.E.A. n. 365 Capitale Sociale di Euro 109.200.000 i.v. RELAZIONE DEL RAPPRESENTANTE

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti)

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) La riforma del Diritto Societario, avvenuta con l entrata in vigore del D.Lgs.

Dettagli

La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali

La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * La revoca della liquidazione: problematiche contabili e fiscali Nell attuale fase di crisi economica, la revoca della liquidazione è un operazione sempre più

Dettagli

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Dott.ssa Silvia Bocci SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Aspetti pratici e fiscali Giovedì 11 novembre 2004 Auditorium della Cultura e della Economia - Prato

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

Il bilancio corrisponde alle scritture contabili regolarmente tenute e così si riassume:

Il bilancio corrisponde alle scritture contabili regolarmente tenute e così si riassume: Bilancio finale di liquidazione ex art. 2492 c.c. (al 30/09/2011)) ATTIVITA' Cassa Contanti C/deposito liquidatori 572,00 Crediti v/erario IVA Crediti v/erario IRES Crediti v/erario IRAP TOTALE ATTIVITA'

Dettagli

Iter di formazione del bilancio

Iter di formazione del bilancio Iter di formazione del bilancio Redazione e approvazione del bilancio di esercizio Art. 2423, primo comma, del Codice civile Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo

Dettagli

Termini di dichiarazione e versamento per le operazioni straordinarie

Termini di dichiarazione e versamento per le operazioni straordinarie Termini di dichiarazione e versamento per le operazioni straordinarie PREMESSA 1 In caso di operazioni straordinarie, la disciplina della presentazione delle dichiarazioni fiscali ai fini delle imposte

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione

PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione Giugno 2008 PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 04 29.01.2014 Srl a capitale minimo Studio n. 892-2013 del Consiglio Nazionale del Notariato Categoria: Società Sottocategoria: Varie Come noto, il D.L.

Dettagli

Nota integrativa nel bilancio abbreviato

Nota integrativa nel bilancio abbreviato Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 120 23.04.2014 Nota integrativa nel bilancio abbreviato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La redazione del bilancio in forma

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

Diritti patrimoniali e diritti amministrativi negli strumenti finanziari partecipativi

Diritti patrimoniali e diritti amministrativi negli strumenti finanziari partecipativi Diritti patrimoniali e diritti amministrativi negli strumenti finanziari partecipativi Avv. Matteo Deboni Milano, 17 giugno 2014 Art. 2346, comma 6, c.c. "Resta salva la possibilità che la società, a seguito

Dettagli

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Procedure per le Operazioni sul capitale

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Procedure per le Operazioni sul capitale AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale Procedure per le Operazioni sul capitale 6 ottobre 2014 3 marzo 2014 Procedure per le Operazioni sul capitale Le seguenti procedure sono costituite dal Principio

Dettagli

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla

RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE. A cura di Andrea Silla e Flavia Silla RECESSO DEL SOCIO DI SOCIETA DI PERSONE A cura di Andrea Silla e Flavia Silla Generalità I soci possono recedere dalla società di persone in qualsiasi momento: se la società è a tempo indeterminato; quando

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 II Prova scritta Tema 1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 Premessi brevi cenni sulle operazioni di trasferimento di

Dettagli

Dichiarazioni e versamenti delle società in liquidazione Edoardo Sesini e Donatella Cerone, Dottori commercialisti in Bergamo

Dichiarazioni e versamenti delle società in liquidazione Edoardo Sesini e Donatella Cerone, Dottori commercialisti in Bergamo Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. SOCIETA IN LIQUIDAZIONE Dichiarazioni e versamenti delle società in liquidazione Edoardo Sesini e Donatella Cerone, Dottori commercialisti in Bergamo

Dettagli

UFFICIO REGISTRO IMPRESE

UFFICIO REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA TRENTO UFFICIO REGISTRO IMPRESE ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO AL REGISTRO DELLE IMPRESE DEI BILANCI FINALI DI LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETA DI CAPITALE

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione)

Assemblea degli Azionisti. 28 aprile 2015 (prima convocazione) 30 aprile 2015 (seconda convocazione) Esprinet S.p.A. Sede sociale in Vimercate (MB), Via Energy Park n. 20 Capitale Sociale euro 7.860.651,00 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Monza e Brianza n. 05091320159 Codice Fiscale n. 05091320159

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL VALSUGANA SPORT SRL Sede sociale: Borgo Valsugana (TN) Piazza Degasperi n. 20 Capitale sociale: 10.000,00 interamente versato. Registro Imprese di Trento N. 02206830222 C.C.I.A.A. di Trento R.E.A TN -

Dettagli