DISPOSITIVI ED ADATTAMENTI COMPLEMENTARI ALLA GUIDA PER DISABILI (ANALISI DELLA MOVIMENTAZIONE DI UN SOGGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPOSITIVI ED ADATTAMENTI COMPLEMENTARI ALLA GUIDA PER DISABILI (ANALISI DELLA MOVIMENTAZIONE DI UN SOGGETTO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio di Bioingegneria Industriale Tesi di Laurea DISPOSITIVI ED ADATTAMENTI COMPLEMENTARI ALLA GUIDA PER DISABILI (ANALISI DELLA MOVIMENTAZIONE DI UN SOGGETTO DISABILE DA CARROZZINA A SEDILE D AUTOVEICOLO) Relatore Prof. Paolo Pascolo Laureando Andrea Bolzan Correlatori Sergio Raimondo Giovanni De Piero Anno Accademico 2007/08

2

3 SOMMARIO L obbiettivo di questa tesi è lo studio cinematico delle fasi di accesso ad un autoveicolo da parte di soggetti disabili, nella fattispecie mielolesi, ed una prima valutazione delle tecniche impiegate per tale studio. È stata compiuta una iniziale ricerca per comprendere i problemi patologici di tali soggetti e le difficoltà, dipendenti dalle capacità residue soggettive, che essi incontrano nello svolgimento del gesto considerato. Inoltre, si sono esaminati gli ausili e gli adattamenti per gli autoveicoli attualmente esistenti in commercio. In particolare si è trattato il problema del passaggio da carrozzina a sedile d autoveicolo e viceversa, tralasciando di proposito i cosiddetti sistemi "up & go" che permettono la guida direttamente da carrozzina, richiedendo però veicoli di una particolare tipologia e modifiche consistenti ed irreversibili agli stessi. Per lo studio si è fatto ricorso ad un sistema optocinetico che ha permesso l acquisizione dei dati delle varie fasi dell atto motorio ed una loro successiva elaborazione ed analisi. Infine, si è cercato di interpretare i dati rilevati e la bontà delle misure eseguite confrontandoli con quelli acquisiti nel caso di soggetti normodotati e con quanto presente in letteratura riguardante prove analoghe. III

4

5 INDICE INDICE GENERALE SOMMARIO INDICE III V INDICE GENERALE INDICE DELLE TABELLE INDICE DELLE FIGURE V VII VII INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO INTRODUZIONE SISTEMA NERVOSO CENTRALE LA COLONNA VERTEBRALE SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO AUTONOMO 15 CAPITOLO 2 LE LESIONI DEL MIDOLLO SPINALE GENERALITÀ RELAZIONE TRA LIVELLO NEUROLOGICO E POSSIBILITÀ DI RECUPERO FUNZIONALE LESIONI COMPLETE ED INCOMPLETE DEL MIDOLLO SPINALE LESIONI INCOMPLETE LESIONI COMPLETE 29 CAPITOLO 3 AUSILI ED ADATTAMENTI DEFINIZIONI E CONCETTI GENERALI CLASSIFICAZIONE DEGLI AUSILI MOBILITÀ E GUIDA LA CARROZZINA MATERIALI PER LA COSTRUZIONE DEL TELAIO ADATTAMENTI COMPLEMENTARI ALLA GUIDA PRESENTI SUL MERCATO MANIGLIA RIMOVIBILE RIBALTINA MANUALE OD ELETTRICA PIASTRA GIREVOLE CON AVANZAMENTO PIASTRA GIREVOLE ELETTRICA GRUETTA SOLLEVA PERSONE CARROZZINA AUTOTRASLANTE 47 V

6 INDICE 3.4 CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA SCELTA DELL AUSILIO ALCUNI SISTEMI BREVETTATI APPARATO PER LA MOVIMENTAZIONE DI UNA CARROZZINA VERSO L INTERNO E L ESTERNO DI UN AUTOMOBILE [LANIER J., 1985] APPARATO PER IL TRASFERIMENTO DI DISABILI [SUMRALL J.L., 1992] SEDILE D AUTOMOBILE PER DISABILI [ZALEWSKI W., 1992] SEDIA A ROTELLE SMONTABILE [CHUNG TIEN-TUNG, SU YUN-CHIN, HUANG CHUN-SHUO, 2007] AUTOVEICOLO ADATTATO PER GUIDATORI DISABILI [TODD R.E., 1984] MECCANISMO DI ROTAZIONE PER SEDILE D AUTOMOBILE [CHUNG TIEN-TUNG, SHEN HSIU-CHU, 2006] SEDILE GIREVOLE PER AUTOVEICOLO [YUNDT N.K., KINKAID D., 2000] TRASPORTO DI DISABILI O DI PERSONE INVALIDE [SOUTHWARD L.B., SIMPSON C.J., TUMBRIDGE C.R., 1979] ALCUNE RICERCHE E STUDI 57 CAPITOLO 4 TECNICHE PER L ANALISI DEL MOVIMENTO INTRODUZIONE LO STUDIO DEL MOVIMENTO E L APPROCCIO BIOMECCANICO MISURE SPERIMENTALI PER L ANALISI DEL MOVIMENTO MISURE CINEMATICHE MISURE DINAMICHE ELETTROMIOGRAFIA ANALISI MEDIANTE MODELLI BIOMECCANICI MODELLO A SEGMENTI RIGIDI DEL CORPO UMANO DEFINIZIONE E CALCOLO DEL CENTRO DI MASSA CORPOREO DEFINIZIONE DI ANGOLO ANATOMICO ED ARTICOLARE MODELLAZIONE DEL MOVIMENTO: ISTANTI DI INIZIO E DI FINE DELL ATTO MOTORIO IL SISTEMA ACMOTION GENERALITÀ IL RICONOSCIMENTO DEI MARKER L ANALISI BIDIMENSIONALE E TRIDIMENSIONALE 83 CAPITOLO 5 ANALISI DEL TRASFERIMENTO GENERALITÀ IL TRASFERIMENTO E LE SUE FASI RISULTATI OPTOCINETICI E CINEMATICI METODOLOGIA SPERIMENTALE ADOTTATA RISULTATI SPERIMENTALI CONSIDERAZIONI 106 CAPITOLO 6 CONCLUSIONI 111 RINGRAZIAMENTI 115 BIBLIOGRAFIA 117 VI

7 INDICE INDICE DELLE TABELLE TABELLA 2-1: LIVELLO NEUROLOGICO E COMPLETEZZA DEL DANNO AL MIDOLLO SPINALE [P. O CONNOR, 2002]...18 TABELLA 2-2: TIPO DI LESIONE SULLA BASE DEI VARI FATTORI CHE CARATTERIZZANO L INCIDENTE STRADALE [P. O CONNOR, 2002]...18 TABELLA 2-3: CLASSIFICAZIONE DEI CASI SULLA BASE DEL LUOGO DELL INCIDENTE, DEL NUMERO D AUTO COINVOLTE E DEL TIPO DI INCIDENTE [P. O CONNOR, 2002]...19 TABELLA 2-4: CLASSIFICAZIONE DEI CASI SULLA BASE DEL LUOGO D INCIDENTE, DEL TIPO D AUTO E DEL TIPO D INCIDENTE PER UNA SINGOLA AUTO COINVOLTA [P. O CONNOR, 2002]...19 TABELLA 3-1: E = MODULO ELASTICO; RS = CARICO DI SNERVAMENTO; RM = CARICO DI ROTTURA; P.SPC = PESO SPECIFICO; A% = ALLUNGAMENTO PERCENTUALE...42 TABELLA 3-2: DATI TECNICI CARONY AUTOADAPT...49 TABELLA 3-3: CATALOGAZIONE AUTOVETTURE IN FUNZIONE DELL AUSILIO DA INSTALLARE (MOBILITY-TREND )...50 TABELLA 4-1: CONFRONTO FRA VARI METODI DI RAPPRESENTAZIONE DEL COLORE...80 TABELLA 5-1: SPOSTAMENTO ANGOLARE E VELOCITÀ ANGOLARE DEL TRONCO [GAGNON ET AL., 2008]...97 TABELLA 5-2: MISURE RILEVATE SUI VOLONTARI E LORO AUTOVEICOLI...99 TABELLA 5-3: VELOCITÀ ANGOLARI, DURATE E PAUSE DEL GESTO INDICE DELLE FIGURE FIGURA 1-1: NEURONE...3 FIGURA 1-2: NEURONE E CELLULE GLIALI...3 FIGURA 1-3: SISTEMA NERVOSO...4 FIGURA 1-4: SISTEMA NERVOSO CENTRALE E NERVI SPINALI...5 FIGURA 1-5: FIBRE NERVOSE ASCENDENTI E DISCENDENTI...5 FIGURA 1-6: SEZIONE TRASVERSALE DEL MIDOLLO SPINALE...6 FIGURA 1-7: COLONNA VERTEBRALE...7 FIGURA 1-8: SEGMENTO DI COLONNA VERTEBRALE: A) VISTA DI UNA VERTEBRA LOMBARE DALLA PARTE POSTERIORE VERSO LA PARTE ANTERIORE DELLA COLONNA VERTEBRALE; B) VISTA LATERALE DI UNA VERTEBRA LOMBARE...7 FIGURA 1-9: RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DELL ORIENTAZIONE DELLE FACCETTE ARTICOLARI DI UNA TIPICA VERTEBRA A) CERVICALE, B) DORSALE, C) LOMBARE...8 FIGURA 1-10: RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DELLE VISTE ANTEROPOSTERIORE, LATERALE E CRANICOCAUDALE DI UNA VERTEBRA A) CERVICALE, B) TORACICA, C) LOMBARE...8 FIGURA 1-11: LEGAMENTI DELLA COLONNA VERTEBRALE...9 FIGURA 1-12: DISCHI INTERVERTEBRALI...9 FIGURA 1-13: CANALE VERTEBRALE...9 FIGURA 1-14: RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DELLA SEZIONE TRASVERSALE DI UNA VERTEBRA CERVICALE...10 FIGURA 1-15: SUDDIVISIONE DELLE VERTEBRE...10 FIGURA 1-16: FORMAZIONE DEL NERVO SPINALE...11 FIGURA 1-17: RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEI PUNTI D'USCITA DELLE RADICI DEI NERVI CERVICALI...12 FIGURA 1-18: NATURA ELETTRICA DEI MESSAGGI CHE DETERMINANO L AZIONE RIFLESSA...12 FIGURA 1-19: SCHEMATIZZAZIONE DELL AZIONE RIFLESSA...13 FIGURA 1-20: NERVI SPINALI...14 FIGURA 1-21: RELAZIONE TRA SEGMENTO MIDOLLARE ED AREA DEL CORPO CONTROLLATA...14 FIGURA 2-1: LESIONI MIDOLLARI DA EVENTI TRAUMATICI: LE CAUSE [GISEM, 2000]...17 FIGURA 2-2: LESIONI MIDOLLARI DA EVENTI TRAUMATICI NEI DUE SESSI [GISEM, 2000]...17 FIGURA 2-3: FRATTURA VERTEBRALE...19 FIGURA 2-4: COMPRESSIONE DEL MIDOLLO DA PARTE DELLA FRATTURA VERTEBRALE...20 VII

8 INDICE FIGURA 2-5: TABELLA ASIA...21 FIGURA 2-6: AREE DEL MIDOLLO SPINALE...25 FIGURA 2-7: SINDROME DEL MIDOLLO ANTERIORE...26 FIGURA 2-8: SINDROME DELL'ARTERIA ANTERIORE...26 FIGURA 2-9: SINDROME DEL MIDOLLO POSTERIORE...27 FIGURA 2-10: SINDROME DEL MIDOLLO CENTRALE...27 FIGURA 2-11: SINDROME DI BROWN-SÉQUARD...28 FIGURA 2-12: SINDROMI DEL CONO E DELLA CAUDA EQUINA...28 FIGURA 2-13: SINDROME SACRALE PARZIALE...28 FIGURA 2-14: EMIPLEGIA...29 FIGURA 2-15: TETRAPLEGIA...30 FIGURA 2-16: PARAPLEGIA...31 FIGURA 3-1: CARROZZINA LEGGERA PER USO QUOTIDIANO...39 FIGURA 3-2: ANGOLO DI CAMBER...40 FIGURA 3-3: MANIGLIA HANDYBAR (KIWI )...43 FIGURA 3-4: RIBALTINA MANUALE (KIWI )...44 FIGURA 3-5: RIBALTINA ELETTRICA (KIWI )...45 FIGURA 3-6: VERTICALIZATORE...45 FIGURA 3-7: PIASTRA GIREVOLE CON AVANZAMENTO (HANDYTECH )...46 FIGURA 3-8: PIASTRA GIREVOLE ELETTRICA (HANDYTECH )...46 FIGURA 3-9: GRUETTA SOLLEVA PERSONE (HANDYTECH )...47 FIGURA 3-10: ROTAZIONE DELLA PIASTRA FINO ALLA FUORIUSCITA DALL'ABITACOLO (CARONY, AUTOADAPT )...48 FIGURA 3-11: AGGANCIO DELLA BASE DELLA CARROZZINA ALLA PIASTRA GIREVOLE ED INGRESSO SEDILE (CARONY, AUTOADAPT )...48 FIGURA 3-12: SGANCIAMENTO DELLA BASE DELLA CARROZZINA DALLA PIASTRA GIREVOLE E ROTAZIONE DEL SEDILE ALL'INTERNO DELL'ABITACOLO(CARONY, AUTOADAPT )...48 FIGURA 3-13: SEDILE ANATOMICO RIBASSATO (BEV-SEAT AUTOADAPT )...49 FIGURA 3-14: MISURE DA RILEVARE PER L INSTALLAZIONE (MOBILITY-TREND )...51 FIGURA 3-15: MOVIMENTAZIONE CARROZZINA...52 FIGURA 3-16: IMBARCO CARROZZINA...52 FIGURA 3-17: DISPOSITIVO DI CARICO...52 FIGURA 3-18: SEDILE PER DISABILI...53 FIGURA 3-19: SEDIA A ROTELLE SMONTABILE...53 FIGURA 3-20: SCORRIMENTO DEL SEDILE VERSO L'ESTERNO...54 FIGURA 3-21: IMBARCO CARROZZINA SULLA PORTIERA...54 FIGURA 3-22: MECCANISMO DI ROTAZIONE PER SEDILE D AUTOMOBILE...55 FIGURA 3-23: SEDILE GIREVOLE...56 FIGURA 3-24: SISTEMA DI TRASPORTO PER DISABILI...56 FIGURA 3-25: IMMAGINI DAL SIMULATORE 3D, SOLUZIONE SERVOASSISTITA [CAMBIAGHI ET AL., 2002]...57 FIGURA 3-26: SERVOMECCANISMO SOLLEVATORE [CAMBIAGHI ET AL., 2002]...58 FIGURA 3-27: SEQUENZA D INGRESSO AL POSTO GUIDA [CAMBIAGHI ET AL., 2002]...58 FIGURA 3-28: SEQUENZA D'ACCESSO PROGETTO MARGO [CAMBIAGHI ET AL., 2002]...59 FIGURA 3-29: PEDANA ABBASSABILE [CAMBIAGHI ET AL., 2002]...59 FIGURA 4-1: ORGANIZZAZIONE AD ANELLO CHIUSO DEL MOVIMENTO VOLONTARIO...62 FIGURA 4-2: PIATTAFORMA DINAMOMETRICA...67 FIGURA 4-3: SINAPSI TRA MOTONEURONE E FIBRA MUSCOLARE...68 FIGURA 4-4: MODELLO CINEMATICO A SEGMENTI RIGIDI...71 FIGURA 4-5: SISTEMA DI RILEVAMENTO ANTROPOMETRICO [GRIECO E MASALI, 1972]...72 FIGURA 4-6: PESI E DISPOSIZIONI DEI BARICENTRI DEI SINGOLI SEGMENTI CORPOREI...74 FIGURA 4-7: SISTEMA DI PIANI PERPENDICOLARI UTILIZZATO PER LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI MOVIMENTO DI CIASCUNA ARTICOLAZIONE [WINTER, 1990]...75 FIGURA 4-8: ANGOLI DI EULERO...77 FIGURA 4-9: VISUALIZZAZIONE DEI PIXEL AVENTI IL COLORE IMPOSTATO NEL RANGE DI TOLLERANZA, ESPRESSO DAI TRE VALORI DEL PANNELLO A DESTRA (TARATURA DEL ROSSO, DEL BLU E DEL VERDE)...79 FIGURA 4-10: VELOCITÀ ED ACCELERAZIONI. L'ERRORE DATO DAL NON PERFETTO RICONOSCIMENTO VIII

9 INDICE DEL BARICENTRO DEL MARKER SI TRADUCE IN UN RUMORE SOVRAPPOSTO ALL ANDAMENTO DELLA TRAIETTORIA NEL TEMPO. TALE RUMORE VIENE AMPLIFICATO NEL CALCOLO DELLE VELOCITÀ (A SINISTRA) E DELLE ACCELERAZIONI (A DESTRA)...82 FIGURA 4-11: STICK DIAGRAM...85 FIGURA 4-12: VISUALIZZAZIONE DI UN FRAME DEL FILMATO RICOSTRUITO DA ACMOTION...85 FIGURA 4-13: TRAIETTORIA DI UN SINGOLO MARKER...86 FIGURA 4-14: SVOLGIMENTO DELLA TRAIETTORIA DEL MARKER LUNGO L ASSE DEL TEMPO...87 FIGURA 4-15: ANGOLO ASSOLUTO DI UN MEMBRO...88 FIGURA 4-16: ANGOLO RELATIVO TRA DUE MEMBRI...89 FIGURA 4-17: VELOCITÀ ED ACCELERAZIONE ANGOLARE: È VISIBILE COME IL RUMORE DATO DAL CATTIVO RICONOSCIMENTO DEL BARICENTRO DEL MARKER VENGA AMPLIFICATO NEL PROCESSO DI DERIVAZIONE...90 FIGURA 5-1: FASI DI CARICAMENTO SUGLI ARTI INFERIORI E DI ALZATA...92 FIGURA 5-2: FASI DI ROTAZIONE E SALITA...92 FIGURA 5-3: INTRODUZIONE DEGLI ARTI INFERIORI E SUCCESSIVAMENTE DEL TRONCO...92 FIGURA 5-4: PRESA SUL MONTANTE ESTERNO...93 FIGURA 5-5: FASI DEL TRASFERIMENTO [GAGNON ET AL., 2008]...94 FIGURA 5-6: GRAFICI DEGLI SPOSTAMENTI ANGOLARI MEDI TEMPO-NORMALIZZATI PER TRONCO E ARTI SUPERIORI PER SEDUTA FISSATA A TRE DIVERSE ALTEZZE. LE FASI DI PRE-ALZATA, ALZATA E ROTAZIONE E SEDUTA SONO INDICATE CON LINEE VERTICALI TRATTEGGIATE [GAGNON ET AL., 2008]...96 FIGURA 5-7: GRAFICI DELLE VELOCITÀ ANGOLARI MEDIE TEMPO-NORMALIZZATE PER TRONCO E ARTI SUPERIORI PER SEDUTA FISSATA A TRE DIVERSE ALTEZZE. LE FASI DI PRE-ALZATA, ALZATA E ROTAZIONE E SEDUTA SONO INDICATE CON LINEE VERTICALI TRATTEGGIATE [GAGNON ET AL., 2008]...97 FIGURA 5-8: SCHERMATA DI ACQUISIZIONE DI ACMOTION...98 FIGURA 5-9: TRAIETTORIA DEI TRE MARKER DEL BRACCIO DI UN SOGGETTO NORMODOTATO DURANTE LA FASE DI SALITA (LATO GUIDA) FIGURA 5-10: TRAIETTORIA DEI TRE MARKER DEL BRACCIO DI UN SOGGETTO DISABILE DURANTE LA FASE DI SALITA (LATO GUIDA) FIGURA 5-11: STICK DIAGRAM DEL TRONCO DI UN SOGGETTO NORMODOTATO DURANTE LA FASE DI SALITA (LATO GUIDA) FIGURA 5-12: STICK DIAGRAM DEL TRONCO DI UN SOGGETTO DISABILE CHE ADOTTA LA PRIMA STRATEGIA DI SALITA DESCRITTA (LATO GUIDA) FIGURA 5-13: STICK DIAGRAM DEL TRONCO DI UN SOGGETTO DISABILE CHE ADOTTA LA SECONDA STRATEGIA DI SALITA DESCRITTA (LATO GUIDA) FIGURA 5-14: CONVENZIONE PER GLI ANGOLI ADOTTATA IN ACMOTION FIGURA 5-15: VELOCITÀ ANGOLARE DEL TRONCO DURANTE LA FASE DI SALITA NEL CASO DEL SOGGETTO DISABILE NUMERO 9 (LATO GUIDA) FIGURA 5-16: VELOCITÀ ANGOLARE DEL TRONCO DURANTE LA FASE DI SALITA NEL CASO DEL SOGGETTO DISABILE NUMERO 10 (LATO GUIDA) FIGURA 5-17: VELOCITÀ ANGOLARE DEL TRONCO DURANTE LA FASE DI SALITA NEL CASO DI SOGGETTO NORMODOTATO (LATO GUIDA) FIGURA 5-18: INTERDIPENDENZA TRA CAPACITÀ RESIDUA, AUSILIO E TIPOLOGIA DI VETTURA FIGURA 5-19: LARGHEZZA DEL BORDO INFERIORE D'ACCESSO PER VOLKSWAGEN GOLF PLUS IX

10

11 INTRODUZIONE Esistono numerose tipologie di disabilità, caratterizzate da capacità residue variabili da caso a caso, nonostante le quali è possibile la guida di veicoli a motore (in particolare di automobili di normale produzione) od anche il semplice accesso al veicolo come passeggero, senza l utilizzo di particolari ausili che comportino interventi significativi sull abitacolo o sulla carrozzeria. Per un disabile il momento più critico della fase dello spostamento è l ingresso o l uscita dall autovettura, momento in cui perde parte dell autonomia conseguita, arrivando, in taluni casi (soprattutto per i soggetti tetraplegici) ad essere completamente dipendente dall accompagnatore. Ciò va ad ostacolare quello che è il bisogno di muoversi insito in ogni individuo e la sua autonomia. L obbiettivo del presente lavoro è quello di analizzare la fase di passaggio da carrozzina a sedile d autoveicolo (e viceversa) e gli ausili attualmente presenti progettati per facilitare tale gesto. L analisi compiuta ha come scopo ultimo l ottenimento di informazioni utili al benessere umano tramite un processo di ottimizzazione del gesto, rilevando, se possibile, eventuali errori nella strategia motoria adottata. Per lo sviluppo di tale indagine, ci si è quindi indirizzati verso un tipo di disabilità che consentisse di ottenere risultati la cui validità potesse essere estesa ad un numero non troppo ristretto di casi. La scelta pertanto è caduta su soggetti tetra e paraplegici, caratterizzati da diverse capacità residue. Grazie alla collaborazione con l Associazione Tetra-Paraplegici del Friuli Venezia Giulia e con il centro di riabilitazione sociale e sanitario Progetto Spilimbergo, è stato possibile intervistare ed analizzare dieci soggetti volontari. Si è inoltre cercato di comprendere se l approccio adottato per lo studio del problema e gli strumenti utilizzati per svolgere un analisi quantitativa del fenomeno, fossero adeguati o meno allo scopo prefisso, non essendo stato purtroppo possibile reperire in letteratura molte informazioni riguardanti tale problematica, a causa della scarsità di materiale presente sull argomento. L atto motorio considerato è stato sottoposto ad analisi optocinetica utilizzando il software ACMOTION. Tale sistema è stato sviluppato in collaborazione col laboratorio di meccanica funzionale dell ospedale Gervasutta di Udine. Le modalità e le strategie d accesso all autoveicolo da parte di un soggetto disabile, così come la scelta di un particolare adattamento, sono strettamente legate a quelle che sono le capacità residue dell individuo che, pur potendo variare da caso a caso, dipendono innanzitutto dalla patologia esistente. Tale patologia, nel caso di soggetti tetra e paraplegici, riguarda le lesioni al midollo spinale che possono essere di natura traumatica o meno. Pertanto, per inquadrare la natura e le cause del problema affrontato, nel Primo Capitolo viene descritta innanzitutto l anatomia del sistema nervoso umano. Vengono brevemente passati in rassegna i suoi componenti, le sue proprietà, le sue caratteristiche e modalità di funzionamento. Ciò è necessario per poter comprendere quanto successivamente esposto nel Secondo Capitolo, che tratta in modo specifico le lesioni del midollo spinale. Esse vengono suddivise principalmente in due gruppi: 1

12 INTRODUZIONE lesioni complete e lesioni incomplete. In funzione della zona del midollo interessata, tali lesioni possono andare ad intaccare la funzionalità di diverse aree del corpo umano, in modo più o meno marcato, e quindi da loro discende l entità e la tipologia di capacità residua presente. Essa può tuttavia, entro certi limiti, migliorare con specifiche terapie e con l allenamento, così come, d altro canto, peggiorare con l età del soggetto o l aggravarsi della patologia. Nel Terzo Capitolo si definisce il concetto d ausilio, facendo riferimento anche alla definizione data dallo standard internazionale ISO 9999, aggiornato nel Viene illustrata una classificazione degli ausili basata su tale standard ed una ad essa parallela. Nel seguito del capitolo, viene poi presentato un elenco degli ausili e dei dispositivi progettati e commercializzati per cercare di risolvere il problema in esame, partendo però da alcune valutazioni su quello che è e resta l ausilio principale per la classe di disabili considerata, nonché il punto di partenza dell atto motorio esaminato, ovvero la carrozzina. Tale elenco ragionato è frutto di ricerche ed interviste presso alcuni rivenditori ed installatori. Il Quarto Capitolo è dedicato alle tecniche ed alle metodologie per l analisi del movimento umano. Si illustrano le diverse tipologie di misurazioni sperimentali, il modello biomeccanico del corpo umano a segmenti rigidi a cui si è fatto riferimento ed alcune problematiche connesse a tali misurazioni. Viene infine descritto il sistema optocinetico ACMOTION, esaminandone caratteristiche, modalità di funzionamento, potenzialità e limiti. Tali limiti sono dovuti innanzitutto alle difficoltà di riconoscimento dell esatta posizione del baricentro del marker. L analisi è stata condotta nel Capitolo Quinto. Essa è stata affrontata secondo un duplice approccio. Un primo approccio qualitativo, basato sull analisi dei vari filmati, ha permesso una iniziale comprensione dell azione motoria ed una sua possibile scomposizione. Questo ci ha permesso di porre le basi per una successiva trattazione più rigorosa del fenomeno, condotta con il sistema optocinetico già citato sopra. Vengono riportate le misurazioni effettuate sui volontari ed i risultati ottenuti sottoforma di grafici delle velocità angolari di alcuni segmenti corporei. Per avere un termine di paragone, i risultati ottenuti sono stati confrontati con quelli acquisiti nel caso di soggetti normodotati. Seguono alcune considerazioni sugli esiti ottenuti e su possibili sviluppi. 2

13 Capitolo 1 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO 1.1 INTRODUZIONE Il sistema nervoso gestisce tutte le nostre funzioni: sia quelle della "vita di relazione", come pensare, ricordare, parlare, muoversi, sia quelle della "vita vegetativa", come la circolazione del sangue, la digestione, la respirazione, ecc.. Il sistema nervoso dell uomo è costituito da una rete di milioni di cellule che comunicano tra di loro mediante impulsi elettrici. Queste cellule si chiamano neuroni. La loro dimensione va da 4 a 140 millesimi di millimetro e le loro forme sono assai diverse. Osservando un neurone (Figura 1-1) al microscopio si nota che esso possiede alcuni piccoli prolungamenti che si chiamano dendriti (che ricevono informazioni da altri neuroni), ed un prolungamento lungo e semplice che si chiama neurite o assone (che trasmette il messaggio ricevuto ad un altro neurone o verso le cellule di destinazione, ad esempio le fibre muscolari, per mezzo di un singolo impulso). Figura 1-1: Neurone I neuroni sono cellule eccitabili specializzate nella ricezione di stimoli e nella conduzione degli impulsi provenienti dai nervi e servono a trasmettere informazioni ad altre parti del corpo. Essi usano impulsi elettrici e segnali chimici per la trasmissione di informazioni tra le diverse aree del cervello e tra il cervello ed il resto del sistema nervoso. Tutto ciò che l uomo pensa e sente non sarebbe possibile senza il lavoro dei neuroni e delle loro cellule di sostegno: le cellule gliali (dal greco colla), chiamate astrociti e oligodendrociti (Figura 1-2). Figura 1-2: Neurone e cellule gliali 3

14 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO Tali cellule hanno la funzione di sostenere, nutrire e difendere dalle infezioni il sistema nervoso, ma non quella di trasmettere messaggi nervosi. All interno del corpo cellulare c è un nucleo che controlla l attività della cellula e contiene il suo materiale genetico. I neuroni comunicano tra di loro attraverso l invio di composti chimici, chiamati neurotrasmettitori, in un piccolo spazio, chiamato sinapsi, tra assoni e dendriti di neuroni adiacenti. Ci sono tre classi di neuroni: neuroni sensoriali: portano informazioni dagli organi di senso al cervello; neuroni motori: hanno lunghi assoni e portano le informazioni dal sistema nervoso centrale ai muscoli ed alle ghiandole del corpo; interneuroni: hanno assoni corti e comunicano solo all interno della loro immediata regione. All interno di queste tre classi vi sono centinaia di tipi diversi di neuroni, ognuno con specifiche abilità in base al messaggio da trasmettere. Il sistema nervoso si suddivide in due parti principali: il sistema nervoso centrale ed il sistema nervoso periferico. Il primo è costituito dal cervello e dal midollo spinale (possiamo pensare al midollo spinale come ad un estensione del cervello), il secondo invece è composto dai nervi craniali, che fuoriescono dalle cellule neurali, e dai nervi spinali che si propagano dal midollo spinale. Sebbene i neuroni possono essere di varie grandezze e tipologie, come altre cellule, essi hanno una dimensione ed una funzione ben caratteristica, ovvero quella di trasportare stimoli ed impulsi. Una delle differenze principali tra i neuroni e le altre cellule è che i primi non si possono dividere e non possono formare nuove cellule: ciò impedisce che la struttura equilibrata del sistema nervoso venga distrutta dalla creazione di nuovi circuiti, ma significa anche che, se un nervo viene danneggiato, questo non può essere sostituito in alcun modo. Ci sono due tipi di neuroni: mielinico e non mielinico. La mielina è una guaina protettiva di materiale bianco isolante che circonda alcuni assoni. Le fibre degli assoni isolate dalla mielina possono trasmettere messaggi elettrici a una velocità di 90 metri al secondo, mentre le fibre senza mielina possono solo inviare messaggi a una velocità di uno o due metri al secondo. Una delle conseguenze di una lesione midollare è la demielinizzazione degli assoni. 1.2 SISTEMA NERVOSO CENTRALE Il sistema nervoso centrale è costituito dall'encefalo (cioè il cervello) e dal midollo spinale (Figura 1-3). Figura 1-3: Sistema nervoso 4

15 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO Come dice il suo stesso nome, è la "centrale" di comando del corpo, dove vengono analizzate le informazioni in arrivo e organizzate le risposte. Nell encefalo si elaborano le reazioni agli stimoli (fame, dolore, ecc.), le sensazioni ed i fenomeni dell intelligenza, della volontà, del sentimento. L encefalo si prolunga all indietro in un cordone chiamato midollo spinale, che è lungo circa 45 cm, ha un diametro di circa 1 cm ed è situato nel canale rachidiano. Il midollo spinale è collegato a sua volta con la periferia del corpo mediante dei lunghi "fili" cilindrici che si chiamano nervi spinali (ce ne sono 31 paia ed escono dal midollo ad intervalli regolari) che si diramano nelle varie parti dell organismo (Figura 1-4). Figura 1-4: Sistema nervoso centrale e nervi spinali Il midollo spinale assolve quindi soprattutto alle funzioni di collegamento tra il cervello e le parti periferiche del corpo. Per svolgere quest attività è percorso dai prolungamenti delle cellule nervose che, come si è detto prima, sono chiamati assoni o neuriti: alcuni di essi trasportano segnali nervosi in uscita dal cervello (fibre discendenti) ed altri, invece, segnali che salgono verso il cervello (fibre ascendenti) provenienti, mediante i nervi periferici, da ogni regione del nostro organismo (Figura 1-5). Figura 1-5: Fibre nervose ascendenti e discendenti 5

16 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO L encefalo ed il midollo spinale sono protetti da tre membrane: la dura madre, la quale ricopre la superficie interna del cranio e del canale rachidiano; è fibrosa ed è piuttosto spessa e resistente e con dei prolungamenti si interpone fra gli emisferi e fra il cervello ed il cervelletto, contribuendo a mantenere fissi i rapporti di ogni parte dell encefalo e del midollo; l aracnoide, membrana sottile che avvolge l encefalo ed il midollo passando come ponte sulla superficie di ogni depressione; la pia madre, membrana cellulo-vascolare sottilissima che copre tutta la superficie dell encefalo e del midollo spinale. Il suo carattere principale è quello di insinuarsi nei fori, nelle depressioni e nei solchi che limitano le circonvoluzioni. I vasi sanguinei della pia madre sono molto numerosi: si può dire che è una vastissima rete vascolare. Fra la meninge aracnoide e la pia madre circola un liquido che si chiama liquido cefalo-rachidiano, destinato alla protezione dell asse nervoso centrale. Detto liquido si forma nei ventricoli da alcuni prolungamenti della pia madre che penetrano in essi. Dai ventricoli laterali si diffonde lungo tutto il sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale) inframmentendosi non solo fra aracnoide e pia madre ma anche penetrando nei ventricoli del cervello e nel canale dell ependima (di cui si parlerà più sotto) del midollo spinale. Se noi pratichiamo un taglio trasversale del midollo spinale, notiamo che esso presenta una specie di farfalla grigia nella parte centrale, circondata da un area di colore bianco (Figura 1-6). Nella parte grigia centrale risiedono soprattutto le cellule nervose (neuroni), mentre la parte bianca è occupata soprattutto dagli assoni. Il colore bianco di questa zona è dovuto alla presenza della mielina che è una sostanza isolante la quale avvolge come un manicotto gli assoni e, come già accennato precedentemente, consente una trasmissione più veloce e sicura del segnale nervoso, ricevendo i segnali elettrici dagli organi sensoriali e trasmettendoli a quelli effettori del sistema nervoso periferico. 6 Figura 1-6: Sezione trasversale del midollo spinale La sezione orizzontale del midollo mette in evidenza un solco anteriore ed uno posteriore che dividono il midollo nella parte destra e sinistra, tenute però insieme dalla sostanza grigia posta al centro, la quale tuttavia è attraversata da un canalino detto "canale dell ependima" che risale fino al cervello ed è in rapporto coi ventricoli cerebrali.

17 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO La colonna vertebrale Proprio per l importante funzione svolta, il midollo spinale è circondato e protetto da una robusta struttura ossea: la colonna vertebrale (Figura 1-7). La colonna vertebrale (o spina dorsale) è formata dalla sovrapposizione di 31 ossa chiamate vertebre, e si estende dalla base del cranio sino alla regione glutea. La colonna vertebrale è il centro di controllo della nostra postura e fornisce la nostra stabilità quando stiamo in piedi. A causa delle sue numerose funzioni, la colonna vertebrale è molto vulnerabile e possono verificarsi lesioni alle ossa stesse, ai legamenti che collegano le ossa, ai dischi che separano ciascuna vertebra dall altra, od ai muscoli che conferiscono il movimento alla spina dorsale. Figura 1-7: Colonna vertebrale La colonna vertebrale presenta quattro curve: la curva anteriore convessa sacrale che curva verso il ventre o regione pelvica; la lordosi lombare verso il retro; la cifosi toracica che curva verso la parte anteriore del torace; la lordosi cervicale che curva verso la parte posteriore del collo. Figura 1-8: Segmento di colonna vertebrale: A) Vista di una vertebra lombare dalla parte posteriore verso la parte anteriore della colonna vertebrale; B) Vista laterale di una vertebra lombare 7

18 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO Figura 1-9: Rappresentazione schematica dell orientazione delle faccette articolari di una tipica vertebra A) cervicale, B) dorsale, C) lombare Figura 1-10: Rappresentazione schematica delle viste anteroposteriore, laterale e cranicocaudale di una vertebra A) cervicale, B) toracica, C) lombare 8

19 ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO I legamenti della colonna vertebrale sono tessuti fibrosi che mantengono le ossa e le articolazioni in allineamento (Figura 1-11). Sotto stress, ad esempio in caso di ferite, questi legamenti si possono allungare o rompere. Una lacerazione parziale o totale di un legamento prende il nome di distorsione. Figura 1-11: Legamenti della colonna vertebrale I dischi intervertebrali sono situati tra le vertebre ed agiscono come ammortizzatori della colonna vertebrale. I dischi sono costituiti da strati fibrosi, detti appunto anelli fibrosi, che circondano una sostanza gelatinosa chiamata nucleo polposo (Figura 1-12) Figura 1-12: Dischi intervertebrali Ogni vertebra è composta anteriormente da un corpo e posteriormente da un arco osseo che delimitano un apertura, chiamata forame vertebrale, la quale contribuisce, grazie alla sovrapposizione delle 31 vertebre, a formare un canale (il canale vertebrale o spinale) al cui interno è collocato il midollo spinale (Figura 1-13 e Figura 1-14). Figura 1-13: Canale vertebrale 9

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO V.d.S. I.P. Franco Onere ANATOMIA E FISIOLOGIA Il sistema nervoso si distingue

Dettagli

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale federazione italiana onlus per il superamento dell'handicap PROGETTO SULLA PREVENZIONE DEI TRAUMI AL MIDOLLO SPINALE Su iniziativa dell Associazione Libera

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE TRAUMA approccio e trattamento EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI - Cos è il TRAUMA - TRAUMA SPINALE - TRAUMA CRANICO - TRAUMA al TORACE - TRAUMA all ADDOME -

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate

Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate Le infiltrazioni epidurali (o peridurali) di cortisone sono una terapia utilizzata per molti tipi lombalgia e per il dolore alle gambe causato

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Apparecchio di terapia del movimento per bambini

Apparecchio di terapia del movimento per bambini Apparecchio di terapia del movimento per bambini Novità Apparecchio a motore per movimento e terapia ideato per le esigenze dei bambini. VIVABIMBO consente: 1 2 3 l allenamento passivo con motore l allenamento

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

Meglio informati sul mal di schiena

Meglio informati sul mal di schiena Meglio informati sul mal di schiena 11309-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Armonia alterata Quando i tendini, i legamenti, i muscoli e le articolazioni cessano di funzionare

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona IMBRACATURE Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara

Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara L Istituto Romano di Medicina Osteopatica / Deforest Osteopathy School fa parte degli istituti

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale VALUTAZIONE CURVE COLONNA Il rachide per definizione è l insieme delle vertebre che compongono quella struttura di sostegno alla quale si ancorano,

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

CICL.O.PE RUOTINO AGGIUNTIVO PER CARROZZINA

CICL.O.PE RUOTINO AGGIUNTIVO PER CARROZZINA INTRODUZIONE Il presente manuale d uso deve essere attentamente letto dal personale che installa, utilizza o cura la manutenzione di questo ausilio. Lo scopo di questo manuale è quello di fornire le istruzioni

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso C O M U N I C A T O S T A M P A Red! Edizioni presenta LA NECK SCHOOL UN PROGRAMMA COMPLETO PER PREVENIRE E CURARE LA CERVICALGIA di Benedetto Toso Collana: STD 041 Formato: 17x24 cm Pagine: 142 Prezzo:

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

E caratterizzata da 2 processi fondamentali:

E caratterizzata da 2 processi fondamentali: LA QUARTA SETTIMANA EVENTI IV a SETTIMANA E caratterizzata da 2 processi fondamentali: 1) la crescita e l organizzazione dei derivati dei tre foglietti embrionali, che portano alla formazione degli abbozzi

Dettagli

Letti e Materassi antidecubito

Letti e Materassi antidecubito Letti e Materassi antidecubito Allegato alla Delib.G.R. n. 51/16 del 28.12.2012 Codifica CND Y18.12 18.12 Letti 18.12.07 Letti e reti smontabili a regolazione manuale Y181207 18.12.07.006 (1) 501.01.03

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA LESIONI DA ELETTRICITA PROF.SSA A. SCAFURO Le lesioni dovute all elettricità sono eventi relativamente rari, ma le manifestazioni

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI Diego Sarto GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ALGIE VERTEBRALI Impara a conoscere e difendere la tua schiena Casa editrice PROGETTO MENS SANA IN CORPORE SANO ENTI PROMOTORI AUSER AVAS APIEF Associazione Provinciale

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI APPARATO LOCOMOTORE COLONNA VERTEBRALE Vertebre cervicali 7 VII a vertebra cervicale Atlante Vertebre toraciche 12 Epistrofeo Vertebre lombari

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

PARADIGM SPINE. Impianto Interspinoso

PARADIGM SPINE. Impianto Interspinoso PARADIGM SPINE Impianto Interspinoso Stabilizzazi Non Fusion La tendenza che sta prendendo piede nella comunità scientifica di spostarsi dalle tecniche chirurgiche di fusione verso tecniche di non-fusione

Dettagli

Sedute/STINGRAY pagina 14. stingraytm

Sedute/STINGRAY pagina 14. stingraytm Sedute/STINGRAY pagina 14 stingraytm Stingray è un sistema per consentire una appropriata postura seduta, personalizzabile, ai bambini con gravi problemi motori, prevalentemente per gli spostamenti esterni.

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere formetric 3D/4D Analisi posturale tridimensionale tramite Spinometria veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE Un largo spettro applicativo

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Quattro chiacchere sul Mal di Schiena

Quattro chiacchere sul Mal di Schiena Quattro chiacchere sul Mal di Schiena INTRODUZIONE Il mal di schiena è una delle più comuni malattie dell uomo ed è la causa più comune di assenza dal lavoro, ma anche la causa più comune di inabilità

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

Entriamo ora nel vivo dell argomento: come star bene,

Entriamo ora nel vivo dell argomento: come star bene, Capitolo 3 Cosa fai della tua salute: gli stili di vita sani Vivi la tua vita con stile Entriamo ora nel vivo dell argomento: come star bene, come vivere sani e felici almeno fino a cento anni. Per conseguire

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Balder. Carrozzine elettroniche

Balder. Carrozzine elettroniche Balder Carrozzine elettroniche Le carrozzine elettroniche Balder ti permettono di "andare più in alto" Una carrozzina elettronica deve poter soddisfare molte esigenze. Deve potersi muovere sia all esterno

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME OSTEOPATIA III Il Rachide cervicale superiore (C0-C1-C2) o Test analitici di mobilità delle vertebre cervicale. o Test di mobilità articolare.

Dettagli

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico?

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico? ALCUNE DOMANDE DEL COMPITO SCRITTO DI NEUROLOGIA DEL 31 GENNAIO Mielite trasversa, caratteristiche cliniche. SLA Lobo più colpito nel morbo d Alzheimer Sede più frequente di emorragia intraparenchimale

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli