A OMUNICAZIONE ERIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A OMUNICAZIONE ERIALE"

Transcript

1 A OMUNICAZIONE ERIALE 1

2 INDICE Capitolo 1 Introduzione alla Comunicazione Seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo MODBUS Pag. 35 2

3 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE SERIALE 3

4 CONTENUTI - Introduzione alla Comunicazione Seriale pag. 5 - Interfaccia HW pag. 6 - Standard Seriale R232 pag. 6 - Standard Seriale RS485 pag. 6 - Standard Seriale RS485-4fili pag. 6 - Collegamento Seriale Current Loop Passivo pag. 7 - Configurazioni Più Complesse pag. 7 - Protocollo Asincrono pag. 9 - Problemi di Comunicazione? pag RS232 pag RS485 pag RS485-4fili pag Current Loop pag Interfaccia Current Loop Negli Strumenti Gefran pag Collegamento pag Glossario pag Collegamenti elettrici (PC,convertitori,strumentazione) pag. 23 4

5 Introduzione alla Comunicazione Seriale Personal Computer Industriale ( Master ) Strumentazione ( Slave ) Con il termine comunicazione digitale si intende il complesso delle operazioni attraverso le quali viene realizzato il collegamento tra apparati elettronici, quali strumenti, plc o terminali ed un personal computer ( di seguito chiamato PC ). Il PC ( che ha la funzione di Master ) interroga i dispositivi connessi ( Slaves ) chiedendo loro di fornire le informazioni richieste quali: il valore misurato in ingresso, lo stato degli allarmi ecc. Per implementare questa funzionalità è indispensabile verificare le seguenti condizioni: Il PC ( Master ) ed i dispositivi ( Slaves ) devono possedere uno stesso tipo di interfaccia Hardware; esistono infatti diversi standard con caratteristiche elettriche differenti ( ricordiamo, tra i più comuni, gli standard RS232, RS485,RS422, Current Loop ). Se il Master e gli Slaves possiedono interfacce HW differenti, è necessario utilizzare un adeguato convertitore ( quale il Gefran CLB94 ) che svolge anche il compito di optoisolare la linea di comunicazione. Il PC ( Master ) ed i dispositivi ( Slaves ) devono utilizzare uno stesso protocollo di comunicazione ( in pratica devono parlare la stessa lingua ); il protocollo utilizzato da GEFRAN è un protocollo proprietario, ovvero sviluppato dalla stessa GEFRAN per ottimizzare la comunicazione seriale con i propri strumenti e denominato CENCAL. Sui modelli più avanzati è disponibile anche il protocollo MODBUS, uno standard 5

6 riconosciuto. Interfaccia HW Gli standard HW utilizzati da GEFRAN per la comunicazione seriale sono i seguenti: RS232 RS 485 RS 485-4fili Current Loop(non prevista nei nuovi strumenti) Nota importante: I nostri strumenti prevedono il collegamento multi-point a 4 fili (RS485 a 4 fili) potendo supportare anche lo standard RS422 che si differenzia dalla RS485 a 4 fili per il fatto che si limita ad un collegamento di trasmissione/ricezione tra due sole unità ( un Master ed uno Slave ) non prevedendo la condizione di terzo stato della linea (open collector). La possibilità di avere più di uno Slave è solo del collegamento in RS485 (2 o 4 fili). Da questo momento in poi defineremo con RS485 lo standard a 2 fili e con RS485 4-fili lo standard RS485 a 4 fili. Standard Seriale RS232 E uno standard EIA che definisce le caratteristiche elettrico/funzionali dell interfaccia seriale per il collegamento tra due sistemi. L informazione viene trasmessa mediante un segnale in tensione riferito ad un filo di massa ( il valore del singolo bit viene decodificato dal ricevitore sulla base del valore in tensione rilevato ). Questa soluzione permette il collegamento diretto di un PC con uno strumento dotato di interfaccia seriale RS232 entro brevi distanze. Le velocità di trasmissione utilizzabili sono: 1200, 2400, 4800, 9600 e bauds. I limiti sono nella massima velocità che non supera i 20 Kb/sec e nella distanza massima tra gli apparati non superiore ai 15 metri per la scarsa immunità ai disturbi elettromagnetici. Prevede il collegamento di una sola unità Slave. L unico vantaggio è nel basso costo. Standard Seriale RS485 e RS485 4-fili La caratteristica del segnale che porta l informazione è la tensione, ma a differenza della RS232 dove la tensione è rilevata rispetto ad un filo di massa, qui viene rilevata in modo differenziale tra due fili dei quali l uno porta il segnale e l altro porta il segnale negato. In questo modo si ottiene una maggiore immunità ai disturbi e si riescono a coprire distanze maggiori. Per questi 2 standard occorre utilizzare PC e strumenti dotati dell opportuna interfaccia RS485 o RS485 4-fili, ovvero utilizzare moduli di conversione CLB94(solo 4 fili) o ADAM(2 e 4 fili) che convertano da una parte ( lato PC ) la RS232 in RS485 o RS485 4-fili verso il lato strumenti. Le velocità di trasmissione selezionabili sono: 1200, 2400, 4800,9600 e bauds. 6

7 Si possono considerare valide le caratteristiche dello standard EIA RS485 previsto per protocolli half-duplex: data rate massimi di 10 Mbps entro i 12 metri distanze sino ad 1.2 Km con velocità di 100 Kb/sec un massimo di 32 unità collegate su un unica linea terminazione di linea con due resistenze da 220 Ohm agli estremi trasmissione differenziale con conseguente bassa emissione elettromagnetica Collegamento Seriale Current Loop Passivo La caratteristica del segnale ricevuto che porta l informazione è la corrente. Questa soluzione richiede, per il collegamento con un PC di supervisione, un modulo di conversione RS232/Current Loop Passiva ( ad esempio modulo Gefran CLB94 ). Il convertitore, che deve essere posto entro una distanza di metri dal PC e fornisce la corrente necessaria sia in ricezione che in trasmissione ( per questo il collegamento è detto passivo ), può collegare fino a 10 unità Slave poste entro una distanza di 100 metri. La velocità di trasmissione standard è 1200 bauds. Calcolo del numero massimo di strumenti collegabili in rete a seconda del collegamento elettrico scelto utilizzando un convertitore CLB/94. Uscita CLB/94 V uscita CLB/94 I max CLB/94 Impedenza max CLB/94 Impedenza ingresso RX+/RXstrumento Gefran I singolo strumento N massimo strumenti RS485-4fili 10V 30mA - 12Kohm 0.83mA 36 Current loop parallela 24V 240mA - 1Kohm 24mA 10 Current loop serie 24V 20mA 1200ohm 90ohm - 13 I valori di tensione,corrente,impedenza riportati nella tabella servono per valutare eventuali altri convertitori seriali da utilizzare in futuro o che si trovano già inseriti in una rete. Configurazioni Più Complesse Ove le distanze lo richiedano, ovvero sia necessario collegare un numero di strumenti in rete maggiore del n massimo indicato, è possibile raggiungere l obiettivo distinguendo 3 casi: a) Current loop serie(clb) : è necessario aggiungere un altro CLB94 al posto del 10mo strumento e collegare da questo punto in poi gli strumenti successivi. 7

8 b) Current loop parallela(clb): fino a tre CLB94 in cascata ( il primo di conversione RS232/Current loop e gli altri due in Current Loop ), arrivando a coprire complessivamente una distanza di 300 metri. c) Utilizzando il convertitore ADAM 4520 si possono collegare fino a 32 strumenti in RS485 e in RS485-4fili. Nel caso sia necessario collegare più di 32 strumenti si può utilizzare un repeater ADAM 4510 che estende la rete di altri 32 strumenti aumentando inoltre la distanza di altri 1200mt. E pure possibile collegare in un unica struttura multidrop ( una struttura cioè costituita da più oggetti collegati in seriale ) varie unità dotate di interfacce fisiche di comunicazione diverse, utilizzando gli opportuni moduli CLB di conversione. 8

9 Protocollo Asincrono La trasmissione asincrona non richiede la contemporanea trasmissione di un segnale di riferimento necessario al ricevitore per il campionamento del segnale stesso. Un sistema di trasmissione asincrona trova nel formato stesso un elemento di sincronizzazione ( esempio: il sempre presente bit di Start ). Si desidera ricordare il formato di una trasmissione asincrona. Nel seguente schema è rappresentata la struttura di un byte con 5, 6, 7, 8 bit di dato, con o senza bit di parità. Sequenza temporale dei dati Stato Logico 1 ( MARK ) LSB MSB bit Logico 0 ( SPACE ) Bit di Start del successivo byte 1, 1.5, 2 bit di Stop Bit di Parità ( opzionale ) 5,..., 8 bit di dato Bit di Start 9

10 Problemi di Comunicazione? Si propongono semplici indicazioni per una rapida verifica di un corretto funzionamento per Linee di comunicazione RS232, RS485,RS485-4fili, Current Loop. Per verificare collegamenti e valori di tensione e di resistenza è sufficiente un multimetro. Se fossero necessarie verifiche approfondite quali il rilevamento di forme d onda si deve poter disporre di un semplice oscilloscopio. RS232 La linea è costituita da tre conduttori, un riferimento GND e due segnali Rx e Tx. I nomi dei segnali sono assegnati e riferiti all apparato PC o strumenti, cioè il segnale Rx è per ricevere dati e il segnale Tx è per trasmettere dati. Da quanto detto, si giustifica il tipo di collegamento tra due unità che prevede che il segnale Tx di uno si colleghi al segnale Rx dell altro. Apparato 1 Apparato 2 Rx Rx Tx Tx GND GND Principali controlli per un corretto funzionamento: a. Verificare il collegamento elettrico, individuando i segnali Tx, Rx, GND b. In uno stato di inattività della linea è presente lo stato logico 1 ( MARK ) che corrisponde a una tensione negativa V, è una misura da poter fare con semplice tester. c. Con comunicazione attiva, la forma d onda presenta variazioni di stato logico a 0 ( SPACE ) corrispondente a un valore di tensione V. d. Disponendo di un semplice oscilloscopio possiamo individuare la conformità della forma d onda al seguente modello: V 0 ( SPACE ) 0V +3V V 1 ( MARK ) -3V Max. 1 msec e. La resistenza di ingresso misurata tra Rx e GND deve essere inferiore ai KOhm. 10

11 Segnale rilevato tra RX+ e RX- sullo strumento 600. (Massa sonda su RX-) Assenza di comunicazione sulla linea = -12V Messaggio analizzato = $02 = B Segnale rilevato tra TX+ e TX- sullo strumento 600. (Massa sonda su TX-) Strumento non selezionato = 0V Strumento selezionato = -6V Messaggio analizzato = $FFFE = B 11

12 RS485 La linea è costituita da due conduttori più uno opzionale di riferimento di massa, il segnale è di tipo differenziale. Questo tipo di collegamento prescinde dal ruolo che svolge l apparato collegato alla linea. E da osservare che il collegamento RS485 a 2-fili si può ottenere da un interfaccia a 4-fili collegando Rx+ con Tx+ e Rx- con Tx-. E necessario provvedere ad una polarizzazione della linea per evitare uno stato indeterminato quando questa si trova in alta impedenza. La polarizzazione deve essere tale da imporre uno stato MARK. In questo caso l unità Master trasmette un messaggio, tutti gli Slaves lo ricevono, al termine se uno di questi deve dare risposta si pone come Master ad inviare il proprio messaggio. Caratteristica di questo collegamento è che tutti gli apparati collegati alla linea ricevono ciò che transita sulla stessa. R = 220 Ohm Tx+ Tx- Rx+ Rx- Tx+ Tx- Rx+ Rx- Tx+ Tx- R+ R- Lo standard RS485 prevede un massimo di 32 unità collegate sulla stessa linea. Ogni unità collegata pone la porta Tx in alta impedenza, cioè non impone alcun stato elettrico alla linea stessa; quando un elemento deve trasmettere attiva la propria linea di trasmissione normalmente tramite un segnale RTS ( richiesta di trasmissione ), anche chi trasmette riceve i dati che invia in trasmissione. Note: Il collegamento in RS485 2-fili con schede PC/AT è il seguente: PC/AT ( Master ) Strumentazione Gefran A+ ( RXD/TXD+ ) Tx/Rx- B- ( RXD/TXD- ) Tx/Rx+ Il collegamento in RS485 2-fili tramite convertitore ADAM è il seguente: PC/AT ( Master ) ADAM Strumentazione Gefran IN(RS232) OUT(RS485) RX TX DATA + A TX RX DATA - B GND GND 12

13 Principali controlli per un corretto funzionamento: ( I riferimenti Tx e Rx sono relativi ai collegamenti di strumentazione Gefran ) a. Verificare il collegamento elettrico, individuando il segnale Tx+/Tx- ( Rx+/ Rx- ) b. In uno stato di inattività della linea, se è inserita la polarizzazione della stessa, è presente lo stato logico 1 ( MARK ) che corrisponde ad una tensione negativa ( V+ ) - ( V- ) normalmente V ( che rientra nell intervallo ammesso ); è una misura da poter fare con un semplice tester c. Con comunicazione attiva, la forma d onda presenta variazioni di stato logico a 0 ( SPACE ) corrispondente ad un valore di tensione positiva ( V+ ) - ( V- ) Tx+ Tx- +12V V V Indeterminazione +/-0.2V V+ V- Rx+ Rx- SPACE +11.8V -7V +12V V- -6.8V MARK -6.8V -7V d. Disponendo di un semplice oscilloscopio possiamo individuare la conformità della forma d onda al seguente modello: ( V+ ) - ( V- ) V 0 ( SPACE ) 0V t V 1 ( MARK ) Bit-time = 1000/baud msec e. La resistenza di linea misurata tra + e - deve essere superiore a 60 Ohm, togliendo le terminazioni deve essere superiore a 12 KOhm/n. apparati collegati. 13

14 Collegamento: PC->ADAM->600 Protocollo Modbus: Segnale rilevato tra A e B sullo strumento 600. (Massa sonda su B) Assenza di comunicazione sulla linea = 1V Messaggio analizzato = $02-$03-$00 = B B B Segnale rilevato tra A e B sullo strumento 600. (Massa sonda su B) Strumento selezionato = 1V Messaggio analizzato = $02-$03_$02 = B 14

15 RS485 4 fili La linea è costituita da quattro conduttori più uno opzionale di riferimento di massa, due segnali differenziali Rx+/Rx- e Tx+/Tx-. I nomi dei segnali sono assegnati e riferiti all apparato PC o strumenti, cioè il segnale Rx è per ricevere dati ed il segnale Tx è per trasmettere dati. Da quanto detto, si giustifica il tipo di collegamento tra le unità che prevede che il segnale Tx del Master ( PC ) si colleghi ai segnale Rx degli Slaves ( strumenti ) e viceversa. E da osservare che il collegamento RS422 si limita ad un collegamento di trasmissione/ricezione tra due sole unità ( un Master ed uno Slave ), le possibilità di avere più di uno Slave sono solo del collegamento in RS485-4fili. Master(CLB) Slave1(standard) Slave 2(standard) Slave n(standard) Rx+ R Rx- Rx- R Rx- Rx- Rx+ Rx+ Rx+ Tx+ Tx- Tx- Tx- Tx- Tx+ Tx+ Tx+ Resistenza di terminazione R = 220 Ohm Master(CLB) Slave1(Gefran) Slave 2(Gefran) Slave n(gefran) Rx+ R Rx+ Rx+ R Rx+ Rx- Rx- Rx- Rx- Tx+ Tx+ Tx+ Tx+ Tx- Tx- Tx- Tx- Resistenza di terminazione Note: R = 220 Ohm Il collegamento in RS485 4-fili con schede PC/AT è il seguente: PC/AT (Master) Strumentazione Standard Strumentazione Gefran RXD+ Tx+ Tx- RXD- Tx- Tx+ TXD+ Rx+ Rx- TXD- Rx- Rx+ Principali controlli per un corretto funzionamento: ( I riferimenti Tx e Rx sono relativi ai collegamenti di strumentazione Gefran ) a. Verificare il collegamento elettrico, individuando i segnali Tx+/Tx-, Rx+/Rxb. In uno stato di inattività della linea è presente lo stato logico 1 ( MARK ) che corrisponde a una tensione negativa ( VRx+ - VRx- ) normalmente V ( che rientra nell intervallo ammesso V ); è una misura da poter fare con un semplice tester 15

16 c. Con comunicazione attiva, la forma d onda presenta variazioni di stato logico a 0 ( SPACE ) corrispondente a un valore di tensione positiva ( VRx+ - VRx- ) +12V VRx V Indeterminazione +/-0.2V VRx+ Rx+ ( A ) SPACE +11.8V VRx- Rx- ( B ) -7V +12V VRx- -6.8V MARK -6.8V -7V d. Disponendo di un semplice oscilloscopio possiamo individuare la conformità della forma d onda al seguente modello: ( VRx+ ) - ( VRx- ) V 0 ( SPACE ) 0V t V 1 ( MARK ) Bit-time = 1000/baud msec e. La resistenza di ingresso di ogni ricevitore misurata tra Rx+ e Rx- deve essere superiore a 12 KOhm, senza resistenza di terminazione deve essere superiore a 12 KOhm/n. apparati collegati Collegamento: PC->CLB94->600 Protocollo Cencal: Configurazione jumper CLB94: Lato componenti: S15 S16 S14 fondo scatola In Cencal questa polarizzazione serve per segnalare l eventuale rilascio della linea ed è opposta al livello del bit di stop del dato ritrasmesso. 16

17 Segnale rilevato tra RX+ e RX- sullo strumento 600. (Massa sonda su RX-) Assenza di comunicazione sulla linea = -4V Messaggio analizzato = $02 = B Segnale rilevato tra TX+ e TX- sullo strumento 600. (Massa sonda su TX-) Strumento selezionato = -3V Messaggio analizzato = $FFFE = B Protocollo Modbus: Configurazione jumper CLB94: Lato componenti: S15 S16 S14 fondo scatola 17

18 In Modbus la polarità deve seguire il bit di stop del dato in caso di linea rilasciata (segnale RTS disattivo). Con polarità opposta si avrebbe un cambio di stato a fine dato che andrebbe a generare un bit di start non voluto spedendo sulla linea un carattere in più. Segnale rilevato tra RX+ e RX- sullo strumento 600. (Massa sonda su RX-) Assenza di comunicazione sulla linea = -4V Messaggio analizzato = $02-$03-$00 = B B B Segnale rilevato tra TX+ e TX- sullo strumento 600. (Massa sonda su TX-) Strumento selezionato = -3V Messaggio analizzato = $02-$03_$02 = B 18

19 Current Loop La linea è costituita da quattro conduttori, due segnali Rx+/Rx- e Tx+/Tx-. I nomi dei segnali sono assegnati e riferiti all apparato PC o strumenti, cioè il segnale Rx è per ricevere dati ed il segnale Tx è per trasmettere dati. Da quanto detto, si giustifica il tipo di collegamento tra le unità che prevede che il segnale Tx del Master (PC) si colleghi ai segnale Rx degli Slaves ( strumenti ). Gli strumenti Gefran dispongono di interfaccia seriale passiva in corrente, il collegamento può essere di tipo serie o di tipo parallelo, consigliato è quest ultimo in modo da poter mantenere la continuità e funzionare anche in caso di esclusione di un elemento Slave: Collegamento tipo serie: +Tx- +Rx- +Rx- +Tx- +Rx- +Tx- +Rx- +Tx- Master Slave1 Slave 2 Slave n Il Master attivo in trasmissione è un generatore di corrente modulato on-off: stato logico 1 ( MARK ), corrente 20mA stato logico 0 ( SPACE ), corrente 0mA Il Master attivo in ricezione dispone di un generatore di corrente 20mA, la modulazione on-off è effettuata dallo Slave selezionato, gli Slaves non selezionati mantengono lo stato logico 1 ( MARK ) consentendo la circolazione della corrente. Collegamento tipo parallelo: +Tx- +Rx- +Rx- +Tx- +Rx- +Tx- +Rx- +Tx- Master Slave1 Slave 2 Slave n Il Master attivo in trasmissione è un generatore di tensione modulato on-off: stato logico 1 ( MARK ), tensione 20V, corrente ( 20mA * n.slave ) stato logico 0 ( SLAVE ), tensione 0V, corrente 0mA Il Master attivo in ricezione dispone di un generatore di corrente 20mA, la modulazione on-off è effettuata dallo Slave selezionato, gli Slaves non selezionati si posizionano in uno stato di alta impedenza. 19

20 Interfaccia Current Loop negli Strumenti Gefran Gli strumenti prevedono in ricezione, in serie all ingresso passivo isolato due resistenze selezionabili per un collegamento serie o parallelo: Rx+ R = 1KOhm R = 100 Ohm Rx- Ponticello chiuso in caso di collegamento serie La trasmissione prevede un interruttore statico isolato: Tx+ Tx- R = 100 Ohm E presente ed indicato nei manuali il jumper aperto in caso di collegamento serie La linea ricezione Rx è isolata da quella di trasmissione Tx. Gefran propone il convertitore CLB94 per l adattamento RS232/Current Loop. Le principali caratteristiche sono: isolamento elettrico tra linea RS232 e la linea in corrente per un collegamento parallelo dispone in trasmissione di un generatore a 20V protetto contro il cortocircuito ( max. 300mA ) per alimentare un massimo di 10 strumenti in parallelo per un collegamento serie dispone in trasmissione di un generatore di corrente di 20mA su carico massimo di 600 Ohm in ricezione possiede un generatore di corrente 20mA su un carico massimo di 1.6 KOhm Principali controlli per un corretto funzionamento: a. Verificare il collegamento elettrico, individuando i segnali Tx, Rx b. In uno stato di inattività della linea è presente lo stato logico 1 ( MARK ) che corrisponde a corrente: una misura da poter fare con un semplice tester da porre in serie nella linea In collegamento serie nella linea di trasmissione Master la corrente è 20mA In collegamento parallelo nella linea di trasmissione Master la corrente è 20mA*n.Slave Nella linea di ricezione Master la corrente è 20mA c. Con comunicazione attiva, la forma d onda presenta variazioni di stato logico a 0 ( SPACE ) corrispondente a corrente nulla 20

21 d. Disponendo di un semplice oscilloscopio possiamo individuare la conformita della forma d onda al seguente modello misurando la corrente tramite una resistenza di shunt da porre in serie sui morsetti di collegamento della linea: V Rx+/Tx+ Rx-/Tx- R = 100 Ohm I V V 1 ( MARK ) 0V 0 ( SPACE ) t Bit-time = 1000/baud msec Collegamento Il collegamento può essere eseguito con cavo a coppie twistato, possibilmente schermato Collegare lo schermo a terra solo da un lato tramite apposite fascette e dove possibile si consiglia di vincolarlo tramite capacità al riferimento di terra. Non inserire il cavo di collegamento seriale in canaline dove siano già presenti cavi con correnti elevate ed impulsive come ad esempio motori con azionamento inverter. All interno di un quadro elettrico, dove possibile utilizzare canaline metalliche ed intersecare linee di potenza in modo ortogonale. 21

22 Glossario A-Z baud - unità di misura della velocità di una trasmissione seriale, equivale al numero di bit trasmessi in un secondo. bit - elemento base di un sistema numerico binario ( binary digit ), assume valore 0 o 1 byte - insieme di 8 bit ( 8 binary digit ), un byte assume valori binari compresi tra 0 e 255 capacità - elemento fisico con caratteristica prevalente di accumulare carica elettrica, se ai suoi capi si applica una tensione continua si comporta come circuito aperto, sottoposto a tensione alternata ad alte frequenze si comporta come un corto circuito. data rate - velocità di trasmissione dati. digitale - si associa ad un evento o grandezza fisica che può essere descritta da un numero finito di stati ( es. ingresso digitale, segnale digitale ). forma d onda - rappresentazione grafica ( ampiezza-tempo ) dell andamento temporale di una grandezza fisica. full duplex - sistema di trasmissione che permette ad un apparato di effettuare contemporaneamente la trasmissione e la ricezione di dati. gnd - o ground, identifica il potenziale di riferimento delle misure di tensione presenti in un circuito elettrico. half duplex - sistema di trasmissione che permette ad un apparato di effettuare in fasi alterne la trasmissione e la ricezione di dati. impedenza - rapporto tra tensione e corrente misurabile ai capi di una rete elettrica, composta da una parte reale ed una immaginaria. master - apparato che ha il controllo di un altro ( Slave ). parallelo ( collegamento ) - in un collegamento parallelo l informazione raggiunge contemporaneamente tutti gli apparati connessi parità - caratteristica di una trasmissione seriale per il controllo dell integrità dei dati, può essere pari ( even ) o dispari ( odd ); da ciò dipende lo stato di un bit aggiunto ad altri per portare il numero di bit = 1 al valore di parità dichiarato. polarizzazione - impone un definito stato elettrico ad una linea quando questo non è imposto da elementi ad essa collegati. stato logico - elemento per descrivere grandezze digitali. resistenza ( elettrica ) - parte reale di un impedenza, elemento che dissipa potenza attiva dove la corrente è in fase con la tensione applicata ai capi, si misura in Ohms. serie ( collegamento ) - in un collegamento serie l informazione raggiunge gli apparati in modo sequenziale, entra ed esce da uno per entrare in quello successivo. slave - apparato connesso ad un altro ( Master ), lo Slave è controllato dal Master. shunt - elemento per convertire la misura di una corrente in una misura di tensione. tensione ( elettrica ) - grandezza misurabile come differenza di potenziale tra due punti di una rete elettrica, si misura in Volts. terminazione - elemento che impone un definito valore di impedenza ad una linea di trasmissione. word - insieme di due byte ( 16 bit ), una word assume valori binari compresi tra 0 e

23 Collegamenti elettrici (PC,convertitori,strumentazione) Nelle pagine seguenti vengono descritti tutti i possibili collegamenti tra PC di supervisione e strumenti Gefran in RS232, RS485-4fili e RS485. Il protocollo usato nella comunicazione è indipendente dal collegamento elettrico tranne nel caso di RS485 dove il protocollo Cencal non può essere utilizzato. Nota importante: nel momento in cui si utilizza il convertitore CLB94 è necessario settare i jumper di configurazione interni a seconda del collegamento effettuato in ingresso ed in uscita al CLB stesso. Queste settature sono indicate sul manuale del CLB94. Se si utilizza il convertitore ADAM è necessario selezionare il baud_rate ed il tipo di collegamento in uscita (RS485 o RS422) semplicemente settando un dip-switch interno la cui descrizione è riportata sulla scatola del convertitore stesso. L uscita RS422 del convertitore ADAM si interfaccia con la RS485-4fili degli strumenti Gefran come indicato nella configurazione relativa riportata in seguito. 23

24 Strumenti Gefran Configurazione Seriale di default (protocollobaud-paritàcodice) RS232 RS485 (A-B) RS485-4fili Protocollo Modbus Protocollo Cencal Connettore per cavetto Winstrum 600/601 Modbus X X X X X X nessuna T Modbus X X X X X X nessuna- 1 40TB Cencal X X X X X X GEFLEX Modbus X X X nessuna Cencal X X X X X X 1600 Cencal X X X X X X 1800 Cencal X X X X X X 2301 Cencal X X X X 2300 Cencal X X X X 2308 Cencal X X X X 1000 Cencal X X X 1001 Cencal X X X 1101 Cencal X X X 3500 Cencal X X X X X 4500 Cencal X X X X X 3400 Cencal X X X 4400 Cencal X X X 2351 Cencal X X X N.B.: Negli strumenti 600 e 4-40T ordinati senza interfaccia seriale la configurazione di default diventa : Cencal codice 1. 24

25 Collegamento punto-punto Strumenti con seriale RS232 GND RX TX GND T+ R GND T+ R+ 8-10A 11A 9A GND T+ R+ 8-10A 11A 9A GND T+ R PC RS232 Ad ogni master è possibile collegare un solo strumento per volta GND T+ R GND T+ R GND T+ R+ 8-10A 11A 9A GND T+ R+ 8-10A 11A 9A GND T+ R GND T+ R GND T+ R

26 Collegamento PC RS232 CLB - Strumenti con seriale Current Loop Passiva T+ 2 RX 2 GND RX TX TX 3 21 T- 3 R R- 5 GND Connettore frontale A 11A 8A 9A Connettore fondoscatola A 11A 8A 9A 10A 11A 8A 9A A 11A 8A 9A

27 Collegamento PC RS232 CLB - Strumenti con seriale RS485 4 fili T+ 6 RX 2 GND RX TX TX 3 21 T- 7 R R- 5 GND Connettore frontale A 11A 8A 9A Connettore fondoscatola A 11A 8A 9A 10A 11A 8A 9A A 11A 8A 9A

28 Collegamento PC RS232 CLB - Strumenti con seriale RS485 4 fili T+ 6 GND RX TX RX 2 21 TX GND T- 7 R+ 4 R Connettore frontale Connettore fondoscatola 28

29 Collegamento PC RS485 CLB - Strumenti con seriale RS485 4 fili T+ 6 DATA- DATA+ T- 7 R+ 4 T-/R R- 5 T+/R Connettore frontale A 11A 8A 9A Connettore fondoscatola A 11A 8A 9A 10A 11A 8A 9A A 11A 8A 9A

30 Collegamento PC RS485 CLB - Strumenti con seriale RS485 4 fili T+ 6 DATA- DATA+ T- 7 T-/R R+ 4 R- 5 T+/R Connettore frontale Connettore fondoscatola 30

31 Collegamento seriale RS485 DATA DATA+ PC RS485 Strumenti con DATA + DATA A-11A 8A-10A A-11A 8A-10A A-10A 9A-11A

32 Collegamento PC RS232 ADAM - Strumenti con seriale RS485 GND RX TX RX 3 TX DATA + 2 DATA - GND Connettore DB A-11A 8A-10A A-11A 8A-10A A-10A 9A-11A

33 Collegamento PC RS232 ADAM - Strumenti con seriale RS485 4 fili TRX 3 GND RX TX TX 2 T+ RR+ GND Connettore DB A 11A 8A 9A A 11A 8A 9A 10A 11A 8A 9A A 11A 8A 9A

34 Collegamento PC RS232 ADAM - Strumenti con seriale RS485 4 fili T- GND RX TX RX 3 TX 2 GND 5 Connettore DB 9 poli T+ R- R

35 Collegamento Chatty - Strumenti con seriale RS485 Chatty 14 (CHA + 6 (CHA -)

36 CAPITOLO 2 PROTOCOLLO MODBUS 36

37 CONTENUTI - Protocollo MODBUS pag Modi di Trasmissione pag Rilevamento degli Errori pag Operazioni di Lettura pag Operazioni di Scrittura pag Mappe di memoria (legenda) pag

38 Protocollo MODBUS Il Modbus è uno standard adottato da diversi costruttori, il che rende in molti casi intercambiabili, dal punto di vista della programmazione seriale, strumenti differenti. L anello di comunicazione è composto da un Master ed un massimo di 255 Slaves sulla stessa linea. Solo il Master è abilitato ad inizializzare le transazioni, che possono essere del tipo: domanda/risposta ( query/response ), nel quale un solo Slave risponde al Master, o senza risposta ( no response ) dove tutti gli Slaves presenti sono indirizzati. Una transazione è composta da un frame ( unità di informazione ) di singola domanda e da uno di singola risposta o da un singolo frame di broadcast. Nell anello di comunicazione digitale l utente ha la possibilità di cambiare solo alcuni parametri: il mezzo tramissivo ( RS232, Current Loop, RS485 due o quattro fili ), il baud rate ( 1200, 2400, 4800 o 9600 bauds ) o la parità; altri invece sono prefissati su standard Gefran: il formato del frame, il modo di trasmissione ( RTU ), la sequenza dei frames, i codici di errore, le condizioni di eccezione ecc. Nel caso di protocollo Modbus, ogni comunicazione è ritenuta a termine dopo che sulla linea non sono presenti transizioni per un tempo detto di time out, pari a 3.5 volte il tempo di trasmissione di un carattere. Quando devono essere inviate delle informazioni sulla linea dati, il messaggio deve essere contenuto in una busta. La busta esce attraverso una porta ed è trasportata sulla linea all indirizzo specificato. Nel caso in esame, il Modbus definisce la busta sottoforma di frame di messaggio o sequenza strutturata di byte. Le informazioni contenute nel messaggio sono: Formato del Messaggio Il destinatario ( Slave address ) Cosa il destinatario deve fare ( Function ) I dati necessari per effettuare il Range Byte compito ( Data ) Una parola di Slave address 1 test ( CRC ) per controllare la presenza di Function 1 eventuali errori ( Error Check ) Data n Error check ( CRC-16 ) 2 Quando un messaggio è ricevuto da uno Slave, lo strumento provvede a restituire un frame di dati della stessa struttura ma contenente le informazioni richieste. 38

39 Elenco dei comandi implementati : 01, 02 Lettura n Bit 03, 04 Lettura n Word ( registri ) 05 Scrittura di un Bit 06 Scrittura di una Word ( registro ) 15 Scrittura di n Bit 16 Scrittura di n Word ( registri ) Modi di Trasmissione: Il modo di trasmissione è la struttura dell unità singola di informazione in un messaggio. Dei due modi possibili nello standard Modbus ( ASCII e RTU ), la Gefran ha adottato quello che prevede la codifica binaria dei dati, denominato RTU ( Remote Terminal Unit ). E inoltre previsto un meccanismo di detenzione degli errori attraverso il CRC ( Cyclic Redundancy Check ) Rilevamento degli Errori: Solitamente a causa del rumore elettrico, le trasmissioni digitali possono essere affette da errori. Sono stati previsti due meccanismi di tutela per individuare e gestire le situazioni di errore: il controllo di parità che verifica la consistenza di ogni byte ed il CRC. Attraverso il CRC Error Check vengono identificate le situazioni di incongruenza di frame, in questo caso il messaggio inviato è inconsistente ed il ricevente lo ignora. Calcolo del CRC: I bits di dati sono considerati come un numero binario continuo, la cui parte più significativa ( MSB ) viene trasmessa per prima. Il messaggio viene prima moltiplicato per x 16 ( cioè shiftato a destra 16 volte ), quindi diviso per x 16 + x 15 + x espresso come numero binario, cioè Il quoziente intero è ignorato ed il resto a 16 bit costituisce il CRC. Quando il ricevente dividerà il CRC per il polinomio x 16 + x 15 + x dovrà ottenere resto zero in assenza di errori. 39

40 Il seguente diagramma di flusso illustra come organizzare un algoritmo di calcolo del CRC a 16 bit: CRC16 = CRC16 = CRC16 xor VALUE ( 8 bits ) N = 0 CRC16 right shift 0 Carry Carry over CRC16 = CRC16 xor n = n + 1 No n > 7 Yes Next byte No Message completed Yes END 40

41 Operazione MSB Carry FFFF hex hex Or esclusivo Shift ( n. 1 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 2 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 3 ) Shift ( n. 4 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 5 ) Shift ( n. 6 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 7 ) Shift ( n. 8 ) Polinomio Or esclusivo hex Or esclusivo Shift ( n. 1 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 2 ) Polynomial Or esclusivo Shift ( n. 3 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 4 ) Shift ( n. 5 ) Polinomio Or esclusivo Shift ( n. 6 ) Shift ( n. 7 ) Shift ( n. 8 ) Esempio di calcolo del CRC per il messaggio esadecimale : Il risultato finale è 41hex ( msb ) 12 hex ( lsb ), il frame trasmesso è: ( primo byte trasmesso )

42 Operazioni di Lettura Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 1-2 ) 1 Bit starting address ( MSB ) 1 Bit starting address ( LSB ) 1 Number of bits ( MSB ) 1 Number of bits ( LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 1-2 ) 1 Byte count ( n ) 1 Data ( LSb ),... n Error check ( CRC-16 ) 2 Slave Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 3-4 ) 1 Word starting address ( MSB ) 1 Word starting address ( LSB ) 1 Number of words ( MSB ) 1 Number of words ( LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 3-4 ) 1 Byte count ( n ) 1 Data ( Word MSB ) n Data ( Word LSB ) Error check ( CRC-16 ) 2 Slave 42

43 Operazioni di Scrittura Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 5 ) 1 Bit address ( MSB ) 1 Bit address ( LSB ) 1 Data ( 00 = OFF, 255 = ON ) 1 Data ( 00 ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 5 ) 1 Bit address ( MSB ) 1 Bit address ( LSB ) 1 Data 1 Data ( 00 ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Slave Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 15 ) 1 Bit starting address ( MSB ) 1 Bit starting address ( LSB ) 1 Number of bits ( MSB ) 1 Number of bits ( LSB ) 1 Byte counter ( n ) 1 Data ( LSB ),... n Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 15 ) 1 Bit starting address ( MSB ) 1 Bit starting address ( LSB ) 1 Number of bits ( MSB ) 1 Number of bits ( LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Slave 43

44 Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 6 ) 1 Word address ( MSB ) 1 Word address ( LSB ) 1 Data ( Word MSB ) 1 Data ( Word LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 6 ) 1 Word address ( MSB ) 1 Word address ( LSB ) 1 Data ( Word MSB ) 1 Data ( Word LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Slave Master Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 16 ) 1 Word starting address ( MSB ) 1 Word starting address ( LSB ) 1 Number of words ( MSB ) 1 Number of words ( LSB ) 1 Byte counter ( n ) 1 Data ( Word MSB ) n Data ( Word LSB ) Error check ( CRC-16 ) 2 Range Byte Slave address ( ) 1 Function code ( 16 ) 1 Word starting address ( MSB ) 1 Word starting address ( LSB ) 1 Number of words ( MSB ) 1 Number of words ( LSB ) 1 Error check ( CRC-16 ) 2 Slave 44

45 Mappe di Memoria Legenda: Addr.: indirizzo Item: nome mnemonico della variabile. L item prende origine dalla denominazione originale del manuale operatore dello strumento, opportunamente depurato degli eventuali punti., non accettabili nella sintassi dei programmi di supervisione. Descrizione: commento che spiega il significato del dato, con riferimento al MANUALE degli strumenti. R/W: modalità di accesso alle variabili abilitate in lettura/scrittura. Un altra categoria di variabili contrassegnate con la sola R è quella relativa a set up che è bene eseguire localmente, dal tastierino dello strumento, avendo piena visibilità dello strumento e degli elementi ( sensori, attuatori, ecc. ) ad esso collegati. Rientrano in questo caso, ad esempio, i parametri relativi al tipo di sonda. Range: intervallo numerico di accettabilità del dato. In alcuni casi si rimanda al contenuto di altre variabili. Dp: ( Punto decimale ), numero di cifre decimali del dato. In alcuni casi si rimanda al contenuto di un altra variabile. Def.: ( Default ) impostazione predefinita in fase di fabbricazione. U. di Mis.: Unità di misura P.s.: punti scala pc: punti convertitore min: minuti sec: secondi 45

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica.

Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica. Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica.com Sommario 1 Installazione... 1 1.1 Verifica della confezione...1

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Aldo Romani A.a. 2005-2006 UART UART Universal Asynchronous Receiver/Transmitter Clock implicito e trasmissione

Dettagli

E-Box Quadri di campo fotovoltaico

E-Box Quadri di campo fotovoltaico Cabur Solar Pagina 3 Quadri di campo fotovoltaico Quadri di stringa con elettronica integrata per monitoraggio e misura potenza/energia CABUR, sempre attenta alle nuove esigenze del mercato, ha sviluppato

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Sommario! Chiarimenti! Comandi implementati! Esempi di comandi o frames! Calcolo dell area logica! Lettura di variabile con segno! Esempi di comando con Ech200B!

Dettagli

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 1 PROFESSIONAL ELECTRONIC INSTRUMENTS VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 2 SOMMARIO 1. Descrizione dello strumento 1.1 Frontale 1.2 Retro 2.

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

INDICATORE DI TEMPERATURA, INGRESSO TERMOCOPPIA CON PORTA SERIALE RS485 (PROTOCOLLO MODBUS) RTU

INDICATORE DI TEMPERATURA, INGRESSO TERMOCOPPIA CON PORTA SERIALE RS485 (PROTOCOLLO MODBUS) RTU E2X_0D E2X00D E2X10D E2X20D E2X30D E2X30DDCI = 115 Vac = 230 Vac = 24 Vac = 24 Vdc non isolato = 24 Vdc Isolato INDICATORE DI TEMPERATURA, INGRESSO TERMOCOPPIA CON PORTA SERIALE RS485 (PROTOCOLLO MODBUS)

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232

ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232 ISOLATORE FOTOELETTRICO DI INTERFACCIA SERIALE RS-232 Manuale dell'utente DA-70163 I. Indice Grazie all adozione della tecnologia di isolamento fotoelettrico avanzato, l isolatore fotoelettrico di interfaccia

Dettagli

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase USER MANUAL v1.0 Importanti informazioni di sicurezza sono contenute nella sezione Manutenzione.. L utente quindi dovrebbe familiarizzare

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli

DATA LINK CONVERTER RS 232 / RS 485

DATA LINK CONVERTER RS 232 / RS 485 Via M.E. Lepido, 182-40132 BOLOGNA - Casella postale 4052 BorgoPanigale Tel.: 051 404140 - Fax: 051 402040 - WEB: www.ducat ien ergia.com DATA LINK CONVERTER RS 232 / RS 485 MANUALE UTENTE Indice 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Modulo plug&play MKMB-3-e-3 Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Informazioni generali Il modulo MKMB-3-e-3 realizza un interfaccia seriale RS485 con protocollo Modbus/RTU. Limitazioni

Dettagli

Bus RS-232. Ing. Gianfranco Miele April 28, 2011

Bus RS-232. Ing. Gianfranco Miele  April 28, 2011 Ing. Gianfranco Miele (g.miele@unicas.it) http://www.docente.unicas.it/gianfranco_miele April 28, 2011 Alcune definizioni Comunicazione seriale Bit trasmessi in sequenza Basta una sola linea Più lenta

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet APICE S.r.l. Via G.B. Vico, 45/b - 50053 Empoli (FI) Italy www.apice.org support@apice.org BUILDING AUTOMATION CONTROLLO ACCESSI RILEVAZIONE PRESENZE - SISTEMI

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione PORTE SERIALI ISOLATE RS,RS Manuale d uso e manutenzione Codice ordine: Data: / - Rev:. Sommario. Generalità............................................ Caratteristiche tecniche.................................

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus

L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus L importanza della diagnostica e della ricerca guasti per l efficienza nella gestione di reti Profibus Micaela Caserza Magro Genoa Fieldbus Competence Centre srl Via Greto di Cornigliano 6r/38 16152 Genova

Dettagli

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Domino Domino Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Versione 1.2 - Giugno 2002 srl Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Domino - DFTS: Manuale d'uso r.1.2 Indice 1-

Dettagli

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari

Sistema domotico MassaBus. Marco Massari Istituto Tecnico Industriale per l Elettronica e le Telecomunicazioni Istituto Salesiano "Beata Vergine di San Luca - Via Jacopo della Quercia, 1 - Bologna Sistema domotico MassaBus Di Marco Massari Anno

Dettagli

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8 Ultimo aggiornamento: 12.11.2004 albatros ALBRE24R2M3A Descrizione pagina 2 Specifiche tecniche pagina 3 Layout pagina 4, 5 Mappe di cablaggio pagine 6, 7 Dimensioni pagina 8 Autodiagnosi pagina 9 tel.

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi TELECONTROLLO BIG-WIFI CON MODULI GSM E WIFI INTEGRATI Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi Rev.1312 Pag.1 di 9 www.carrideo.it INDICE 1. IL BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE...

Dettagli

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO 3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð Ã 0DQXDOHG XVR Ã 8VHUPDQXDO 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso.

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere wireless a raggi infrarossi per porte e finestre (0,5 1 1,5 2 2,5 m)

BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere wireless a raggi infrarossi per porte e finestre (0,5 1 1,5 2 2,5 m) PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

Manuale Cavi. ver.1 rev. 12/'08. Allegato al Manuale di Servizio di: McbNET Digital TM Magnum400 TM MiniMagnum400 TM

Manuale Cavi. ver.1 rev. 12/'08. Allegato al Manuale di Servizio di: McbNET Digital TM Magnum400 TM MiniMagnum400 TM ) Speeder One VIALE STAZIONE - 0 MONTEBELLO VIC. - VI - ITALY Phone (+9) 0 01 - Fax (+9) 0 01 www.axorindustries.com - INFO@AXORINDUSTRIES.COM Manuale Cavi ver.1 rev. 1/'0 Allegato al Manuale di Servizio

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo IPSES S.r.l. Scientific Electronics MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo La gamma più completa per il controllo intelligente dei motori passo passo I nostri sistemi sono la soluzione

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

Descrizione dell Applicazione

Descrizione dell Applicazione IC00B01DMXFI01010004 Descrizione dell Applicazione Gateway KNX / DMX IC00B01DMX 1/12 DESCRIZIONE GENERALE Il Gateway KNX/DMX è un interfaccia tra il bus KNX ed il bus DMX512. Combina elementi building

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

Sistemi Domotici Parte 1 1 Concetti base di Elettronica Digitale

Sistemi Domotici Parte 1 1 Concetti base di Elettronica Digitale Perito Ind. Marco Dal Prà Sistemi Domotici Parte 1 1 Concetti base di Elettronica Digitale SEMINARIO TECNICO Novembre 2005 1 Segnale Analogico segnale elettrico che assume un qualunque valore (nel tempo)

Dettagli

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it Il WIZ-903-A8 è un radiomodem stand-alone, completo di antenna integrata su PCB, che consente la ricetrasmissione half-duplex di dati digitali in formato TTL RS-232. E possibile interfacciarlo direttamente

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

DUEMMEGI. ISD Interfaccia per Scambio Dati. Manuale d Uso SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

DUEMMEGI. ISD Interfaccia per Scambio Dati. Manuale d Uso SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE DUEMMEGI SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISD Interfaccia per Scambio Dati Manuale d Uso DUEMMEGI s.r.l. - Via Longhena, 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Rel.: 1.0 Contatto ISD - Manuale

Dettagli

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: TELECOMUNICAZIONI Traccia n 2 Sessione ordinaria 2000 Seconda prova scritta

Dettagli

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl Sistema ATM con rete NetRail Divisione elco srl Introduzione Verrà di seguito descritto un sistema di gestione degli impianti automotore di tipo evoluto. Questo sistema si basa sull'utilizzo di una rete

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313)

Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313) Istruzioni per l'uso Sieger System 57 Kit modulo interfaccia Modbus RS422/485 (05701-a-0312) Kit modulo interfaccia Modbus RS232 (05701-a-0313) ITA0502.PM6 Edizione 03 ottobre 97 Per un mondo più sicuro

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

EK-LOAD: Convertitore per STRAIN GAUGE programmabile via Software comunicante su RS485 con protocollo ModBus-RTU

EK-LOAD: Convertitore per STRAIN GAUGE programmabile via Software comunicante su RS485 con protocollo ModBus-RTU EK-LOAD: Convertitore per STRAIN GAUGE programmabile via Software comunicante su RS485 con protocollo ModBus-RTU DESCRIZIONE GENERALE Il dispositivo EK-LOAD converte, con elevata precisione, un segnale

Dettagli

Lettore RFID con tastiera. (Foto) Manuale d installazione e d uso

Lettore RFID con tastiera. (Foto) Manuale d installazione e d uso Lettore RFID con tastiera (Foto) Manuale d installazione e d uso Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

HD9008.T17S Trasmettitore di umidità e temperatura con uscita RS485 MODBUS-RTU

HD9008.T17S Trasmettitore di umidità e temperatura con uscita RS485 MODBUS-RTU ITALIANO Rev. 1.0 27/11/2014 HD9008.T17S Trasmettitore di umidità e temperatura con uscita RS485 MODBUS-RTU Trasmettitore di umidità e temperatura per applicazioni nei campi HVAC, monitoraggio ambientale,

Dettagli

Interfacciamento DCREG via PROFIBUS- DP

Interfacciamento DCREG via PROFIBUS- DP 16B0221A3 Interfacciamento via PROFIBUS- DP Agg. 03/05/04 R.00 Versione D3.09 Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze contenute

Dettagli

Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate.

Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate. Corso di BASCOM AVR - (36) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate. Un tipico utilizzo delle linee di I/O, presenti

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014 24807470/12-11-2014 Manuale di posa e installazione 1. CARATTERISTICHE Ogni singolo fascio è formato da due raggi paralleli distanti 4 cm, questo sistema consente di eliminare tutti i falsi allarmi dovuti

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

DLC - Ethernet MANUALE UTENTE USER'S MANUAL

DLC - Ethernet MANUALE UTENTE USER'S MANUAL DLC - Ethernet MANUALE UTENTE USER'S MANUAL 06/2004 INDICE 1. Introduzione...1 2. Descrizione del convertitore...2 2.1 Connettore Ethernet... 3 2.2 Connettore di Alimentazione... 3 2.3 Connettore linea

Dettagli

Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali

Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali www.microscan.com Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali Gli ambienti di produzione industriale presentano rischi in termini di pulizia, umidità e picchi di temperatura molto significativi

Dettagli