Indice. Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo 29 Capitolo terzo 51 Capitolo quarto La storia di Diletta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo 29 Capitolo terzo 51 Capitolo quarto La storia di Diletta"

Transcript

1 Indice Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo Walter (Rossella Margherita Mon aco) 29 Capitolo terzo Lulu (Claudio Dardi) 51 Capitolo quarto La storia di Diletta (Fabiana Gianni) 57 Capitolo quinto Simone (Chiara Bonanno Madussi) 85 Capitolo sesto Emanuele (Mauro Ossola) 115 Capitolo settimo Abile, disabile, disabile grave: storia di Silvia e della sua famiglia (Giorgio Genta) 157 Capitolo ottavo Andy (Patrizia de Gregoriis) 187 Decalogo 199 Glossario e indirizzi utili 207

2 Introduzione Mauro Ossola Come tutte le cose, anche questo nacque! Come fa un libro a nascere? Non lo so, ma questo nacque! Lasciate che vi premetta il fattaccio: alcuni maratoneti correvano (e si rincorrono tuttora) in vari gruppi di discussione alla ricerca dell arcana risposta alle bizze, non proprio stabili, della vita. La vita bizzosa non è propriamente la loro, ma, parafrasando Gibran, 1 è della freccia lanciata dall arco: Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell infinito e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane. Affidatevi con gioia alla mano dell Arciere. Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell arco. A furia di correre, prima o poi, o si rallenta o si cade. Così fu per i nostri maratoneti: rallentarono cadendosi addosso (e avevano dei fondati sospetti che qualcuno avesse teso la gambetta ). Da qui, risollevandosi e dopo aver controllato la propria integrità fisica (quella psichica non è dato loro valutare), de- 1 Gibran K. (1996), Il profeta, Milano, San Paolo. 7

3 cisero che forse era giunto il momento di esternare, di buttare fuori e allo stesso tempo di riposare un po le stanche menti e le altrettanto stanche membra. Si scoprì, con la ponderazione e la razionalità del poi, che la gambetta misteriosa, tragica fautrice del rovinoso capitombolo, era attaccata saldamente a uno dei maratoneti, forse il più attivo o forse il più lungimirante. Ella (non la gambetta, ma la proprietaria di quest ultima) propose il progetto! E da qui nacque l avventura ora scritta, ora urlata, ora raccontata. Ve lo anticipai che nacque e qui ve lo dimostrai. Buona lettura. 8

4 CAPITOLO PRIMO Claudia & family Marina Cometto La nostra bella storia i chiamo Marina, Mammamarina, in famiglia l onorevole Angelina, da un famoso personaggio cinematografico degli anni Cinquanta interpretato dall indimenticabile Anna Magnani (i matusa se la ricorderanno certo). La nostra famiglia è composta, oltre che da me, da tre figli e da un papà. Cristina, la nostra primogenita, sognata fin da prima di essere sposati, è stata la mia cavia: da lei ho imparato a fare la mamma e oggi, mamma a sua volta, non si è dimenticata di essere ancora figlia e sorella. Claudia, la principessa dai capelli rossi: mi ha insegnato ad apprezzare la gioia delle piccole cose. Mirko, il figlio della maturità: lo avevamo cullato nel cuore per quattordici anni prima di dare completo sfogo alla volontà di essere nuovamente genitori, senza ascoltare i timori che la ragione ci poneva: sarà sano? Da quando c è lui sembra che il sole sia entrato nella nostra vita: ci rallegra tutti, è un gran bel buffone. Infine c è papà, soprannominato Brontolo, che non prende l iniziativa e appoggia le idee, a volte bislacche, che l onorevole Angelina partorisce. 9

5 Questa sera, bimba mia, siamo sole in questa grande casa. Il tuo fratellone è andato a giocare a pallone, la sua passione, nonostante sia ormai grandicello: ha vent anni ma ha man- tenuto intatta la sua gioia di bambino nel ritrovarsi con gli amici; il tuo papà è andato con lui perché ama condividere le vittorie e le sconfitte del suo principe ereditario; Cristina è a casa sua con i bambini e noi siamo qui a dover passare la serata in attesa di prepararci per la notte. Che fare? Guardare la tv no, leggere no, guardarci negli occhi e scambiare in silenzio i nostri pensieri neppure: questa sera voglio fare una cosa che rimanga per sempre, qualcosa che tu possa tenere sempre con te: i miei ricordi, i ricordi e i pensieri della mia vita con te, mia bella principessa, quindi con la mia mano tra le tue sono qui davanti al pc e scrivo questa mia lettera a te. Qualcuno potrà sempre leggertela e ti parrà di essere ancora insieme, come in questo momento. 28 aprile 1973: il tuo arrivo! uando il medico ci confermò che nella nostra famiglia sarebbe arrivato un altro bimbo, dopo Cristina che aveva allora poco più di due anni, toccammo il cielo con un dito. Eravamo giovani, ci amavamo, avevamo una splendida figlia e ora coronavamo un altro sogno che fin dall infanzia portavo in cuore: avere tanti figli. Eravamo a quota due; chi ben comincia è a metà dell opera, si dice Dopo due mesi giunsero le prime avvisaglie che non tutto procedeva a meraviglia: minaccia d aborto, necessità di riposo assoluto, cure, Cristina che si lamentava; pensavo: «Ma come, non è ancora nato e già mi rovina le giornate?». Poi tutto iniziò ad andare per il verso giusto. Questo si sperava almeno, ma non avendo la sfera di cristallo (con il 10

6 trascorrere degli anni mi sono organizzata), pensavamo che il periodo più nero fosse passato. Facevo passeggiate a più non posso per far svagare la tua sorellina, un po gelosetta di quel pancione ingombrante che non le permetteva più di avere tutte le coccole per sé, ma nonostante tutto anche lei era felice, perché mi vedeva, ci vedeva sereni e pazzerelli come sempre. E finalmente il gran giorno arrivò; è strano come a distanza di trentatré anni io mi ricordi ancora tutto nei minimi particolari. Era una data importante, l inizio di una nuova vita in tutti sensi: mi svegliai verso le due e trenta del mattino con dei dolori lancinanti. Ero tranquilla, però, perché sapevo che di lì a poco avrei stretto tra le braccia un nuovo cucciolo; il mestiere che mi ero scelta, fare la mamma a vita, si stava realizzando. Svegliai il tuo papà, che telefonò alla tua zia preferita perché venisse a tenere compagnia a Cristina e mi preparai a uscire di casa Ma che mi stava succedendo? Permesso corsa al bagno e splash le acque si ruppero, disperazione, che fare? In quei momenti vengono in mente tutte le raccomandazioni di mammà, sorelle, zie: fai così, fai cosà, girati di lì, girati di qua, massaggio, riposo assoluto. Guardai papà in faccia e con un sorriso che mascherava il terrore gli dissi: «Andiamo, presto»; uscimmo senza neanche dare un bacio a Cristina che beata dormiva nel suo lettino. Arrivammo all ospedale, silenzio assoluto (è strano come, nei luoghi in cui dovrebbero esserci attenzione, assistenza, cura, professionalità, tutto sembri sovente piatto, trascurato, nemico). Dopo un po giunse l ostetrica che mi assalì con un interminabile fila di domande. Chissà perché noi donne in preda ai dolori del parto, con la fifa che toglie il fiato e la voglia di piangere di quando eravamo bambine, dovevamo rispondere a tutte quelle domande, tanto inutili quanto inopportune. 11

7 «Data di matrimonio?» ma non me lo puoi chiedere dopo? «Ultima mestruazione?» ma che mestruazione, lo vuoi capire che sto partorendo e sono qui perché tu mi aiuti? «Quanti figli ha?» non me lo ricordo. «Quanti anni hanno?» ma se ti ho detto che non mi ricordo! Guarda, ti prometto che se mi fai partorire bene, in fretta e senza problemi, io domani ti dedico tutta la giornata e ti racconto tutta la mia vita, ma per adesso no: non mi tormentare e fai uscire il mio bimbo da questa pancia che mi sembra proprio lo voglia lanciare fuori a cento all ora. Forse capì mi fece sedere su una sedia a rotelle, una di quelle che sarebbe diventata come una figlia per me. Altra mezz ora di attesa, parlavo con il futuro papà, ma senza riuscire a tirargli su il morale; il mio era ormai sottoterra: come facevo a tirarmi dietro anche il suo? Preferii allora il silenzio. Finalmente sentii qualcuno spingere la sedia a rotelle: per fortuna si era decisa, viaaaa verso la sala parto ed ecco un altra gentile che? Infermiera? Ostetrica? Una due, tre, quattro, tutti mi volevano visitare: già eravamo dei fenomeni. Dottoressa? No, i dottori in sala parto no, «si chiamano solo se c è un emergenza» intanto «signora si metta sul lettino». Signora? E dov è questa signora? Che ridere sai, gioia, mi chiamavano signora, ma non vedevano che ero una ragazzina, terrorizzata da quello che mi stava succedendo (il primo parto era stato una passeggiata e ora invece sentivo solo un tremendo dolore): volevo la mamma, e invece ero sola in mezzo a estranei che se ne infischiavano di me, di te. «Ehi tu che sei nella mia pancia, come stai? Ci sei sempre oppure ci sono riusciti a farti del male con tutte ste chiacchiere?» Nulla, assolutamente non davi segni; io ti parlavo, io quasi ti urlavo; arrivò il dottore, finalmente qualcuno aveva pensato che questa era un emergenza: loro mi dicevano di non spingere, ma io non ce la facevo più e come un tappo di champagne ti 12

8 catapultai in questo mondo, tra queste mani, tra questi esimi professori che invece di aiutarti a nascere bene e senza problemi ti regalarono, ci regalarono, un palcoscenico speciale, dove però, anche se ci abbiamo messo un po di tempo, siamo riuscite a diventare protagoniste, e a dimostrare che non è importante come si nasce, importante è come si vive e noi, cucciola mia, viviamo alla grande. Aspettavo il tuo benaugurato strillo, che però non arrivò. «Dottore non piange!» «Non si preoccupi signora.» Quante volte mi sono sentita dire questa frase, ancora oggi quando capita sento il sangue salire alla a testa Dottore non piange! Poi ecco il tuo flebile, tenero, dolce miagolio: «Ecco signora, sente che piange?». Ma che dottore sei, non ti sei accorto che non è un pianto, sembra più un lamento, ma poverina (intanto mi dissero che eri una femmina, la mia Claudia) non hai la forza di respirare, e loro cosa fanno? Ti portano via, dicendomi che stai bene: «È un po blu ma non si preoccupi tra pochi giorni tutto passerà e diventerà bella e rosea come tutti i neonati». Avevano ragione: dopo dieci giorni circa eri bella, eri rosea, ma non eri come tutti i neonati: eri Claudia, non come eri destinata a essere, ma come i professionisti che ci avevano seguito t avevano fatta diventare, una meravigliosa creatura che però proprio loro consideravano e considerano meno di nulla. La principessa dai capelli rossi ono molti gli episodi della mia vita insieme a te, Claudia, che sono rimasti chiari nella mia mente, nei miei occhi e nel mio cuore; alcuni, forse i più significativi, ancora oggi li rammento sommessamente, nel mio essere più profondo. 13

9 Nel tempo tutto questo provare, chiudere e riaprire un progetto e poi di nuovo richiuderlo mi cambiò radicalmente e definitivamente. Sentivo un fuochino nel cuore. Che lentamente diventava sempre più grande. Mi stavo innamorando di mia figlia, non attraverso la volontà di curarla, ma semplicemente mi innamoravo di lei, di com era, di ciò che mi aveva già insegnato. Stavo accettando la realtà ma non passivamente. Ero entusiasta dei sogni e dei progetti che mi venivano in mente per lei. Cominciavo a sorridere quando nei negozi mi fissavano. Cominciavo a essere io quella che provava compassione per chi era così arido di emozioni da non capire quanto amore e quanta vita portavo con me. Mi stupivo sempre più davanti ad affermazioni errate e sciocche. L ordine dei valori nella mia vita non era cambiato. Era cambiata la mia stessa vita. Solo una persona è forse in grado di capire quanto scrivo. L unica che è sempre stata con me. L unica, pur non essendo madre, che è stata capace con preziosa sensibilità di capire quanto fosse grande il dono della vita a prescindere da ogni logica culturale, da ogni religione: zia Danda. L unica ad avere un rapporto con Diletta fin dai primi tempi. L unica che ha assorbito da me le sfumature di contatto per aiutare me e Diletta. L unica capace di tornare sulle sue idee per il bene di Diletta. L unica a imporsi quando mi vedeva vacillare. L unica a fare rinunce per essere con noi. Per anni ho avuto solo lei, ma ha compensato in gran parte il vuoto che sentivo. La sua funzione era quella di giocoliere, di intrattenitrice, di tata, di amica. L unica che vedeva me e il mio torpore e mi scuoteva per riportarmi a vivere. L unica che ha pianto e riso insieme a me. L unica a far finta di niente quando insieme a me avrebbe voluto dare capocciate al muro. L unica a trattenere le lacrime davanti alle grida di Diletta sdrammatizzando, insegnando a 71

10 Diletta che «lei era la più forte». L unica a difendere Diletta senza remore, senza calcolo delle conseguenze. Mitica zia Danda! Grazie! Centinaia di volte mi sono sentita dire: «Certo che tu con questa tragedia che porti sulle spalle». All inizio pensavo: «Perché dice tragedia?» ma non osavo dirlo apertamente. Dopo un po di tempo iniziai a rispondere con garbo: «Guarda che non è una tragedia, è Diletta!». Poi il mio garbo emigrò e iniziai a stupire, le mie risposte divennero un po più volgari e irrispettose, però ormai è il gioco preferito da Diletta, prendere in giro chi si mostra così stupidino Ha imparato che questa gente non è cattiva ma solo ignorante. Diletta sa che queste persone, in realtà, vedendo pochi bimbi in carrozzina, non hanno la più pallida idea di quanto possa essere sereno un individuo che cammina con le ruote. Spesso le dico di osservare il fatto che di bimbi in carrozza ce ne sono pochi, e per questo i grandi li guardano: perché non sono abituati. Cerco insomma di giustificarli come posso. E mi rendo conto che lei approva. Diletta distingue bene gli sguardi e spesso li commenta, e ci scherziamo insieme. Abbiamo capito che la tragedia, il dramma, la disavventura, il problema, derivano tutti dal fatto che in pochissimi sanno riconoscere una persona oltre l apparenza. Ma questa è una storia più complicata: ma in fondo che ne sanno loro? Che ne sanno che la prima carrozzina di Diletta fu il più bel regalo, per il suo quarto compleanno? Che appena seduta lì disse: «Wow, sto comoda comoda»? Che ne sanno del pacco gigante che arrivò a Diletta, della carrozzina completamente rosa, piena di adesivi, rosa pure quelli, e copertine di 72

11 ogni genere. Come fanno a immaginare che spegnemmo le candeline con tanta gioia per la sedia di Diletta? Non avevo più nessuno vicino con cui festeggiare molti si persero quel pomeriggio di gioia e allegria. Sono scelte. E così ognuno si tiene il suo cervello, e tutti felici e contenti continuiamo a far finta di perseguire l integrazione. I passanti che ci incontrano e che spesso fingono di volerci concedere la loro approvazione dovrebbero iniziare a ringraziare i disabili per il solo fatto che, con la loro esistenza, costringono le menti atrofizzate dal consumismo a elaborare dei pensieri con senso compiuto. I genitori di bambini «abili» dovrebbero imparare a trasmettere ai propri figli l idea della comunità vera, dove ognuno è com è, dove ognuno aiuta l altro per arricchire se stesso prima che per ogni altro scopo. Insegniamo l integrazione multirazziale a scuola e poi non rivolgiamo nemmeno la parola a chi chiede l elemosina perché «sono tutti sfaticati» Nella stessa scuola chi non può usare la penna non scrive, perché la disabilità dell insegnante incapace va rispettata al pari della graduatoria che determina il suo diritto a svolgere questo mestiere (salvando tantissimi ottimi insegnanti). Incontriamo tante scale, ascensori rotti, supplenze e indifferenza che fanno perdere il sorriso. Ma poi loro, i nostri bambini, stravincono su tutto ed è una vittoria senza pari. Perché dimostra che la loro forza è vera. Una volta una persona disabile disse: «Un disabile in carrozzina si sente davvero tale quando davanti a sé incontra un gradino». Sacrosanta verità. In tutto questo, durante questi attimi lunghi un eternità o concentrati in un soffio, passava il tempo e Diletta era sempre più attenta. I nostri equilibri erano ormai consolidati. 73

12 Gli ausili l rapporto con gli ausili stava diventando abituale. Rispetto al primo passeggino avevamo fatto enormi progressi. Fu comica e tragica insieme la prima volta! Ormai Diletta era grandina e passava molto tempo nel passeggino tra cuscini e sostegni casalinghi La sistemavo come un automa ogni minuto, ma scivolava, pendeva, stava storta. Così ci decidemmo a entrare in una «officina» ortopedica. Mi sentii come Geppetto quando costruisce Pinocchio: tanti di quegli attrezzi da mettere paura! Una gentile commessa si avvicinò e cominciò a illustrarci come poteva essere utile quel bellissimo seggiolone orribile a mio avviso tutto di ferro, alto, grosso e pesante. Mentre ci venivano mostrati molti altri ausili, io stringevo Diletta sempre più forte e dentro di me pensavo: «La commessa è pazza, incompetente! Come si permette di dire proprio a me che dovrei far provare a Diletta simili invenzioni?». Poco dopo arrivò il tecnico ortopedico, e io mi chiesi cosa ci dovevamo fare con un tecnico. Diletta non era un televisore rotto, né un lavandino che perdeva! Perché un tecnico? Lo capii appena vidi questo signore con un camice bianco avvicinarsi con un catafalco che chiamò «passeggino» (assicuro ai lettori che non somigliava affatto ai passeggini che tutti siamo abituati a vedere). Mio marito approfittò del mio stupore per prendere Diletta e poggiarla urlante sul catafalco. Diletta fece la cacca: fui così felice. Pensai: fa pure la cacca! Pensa quanto le fa schifo questo coso! Ho ragione io: fa schifo e basta. Scappai. Firmai tutto e scappai. Dopo un mese dovetti tornare a prendere il catafalco: loro spiegavano come regolarlo, come chiuderlo e io annuivo. Non avevo capito niente. Uscii e, in preda a una crisi nervosa, 74

13 ridendo e gridando caricai questo coso enorme in macchina buttando giù tutto ciò che potevo, per fare posto. Con zia Danda lo caricammo e ridemmo isteriche. Non ho mai avuto bisogno di parlare con lei. Non sono mai servite giustificazioni. Ci guardammo e sapevamo già che Diletta su quel mostro non ci sarebbe mai stata. Subimmo quell evento con una rabbia che non può essere spiegata. Ma neanche quello ci avrebbe fatto demordere. Al contrario, passammo ore a parlare degli ausili di Diletta. Giunsi a casa con la nausea, portai su il catafalco e lo chiusi in bagno senza farlo vedere a Diletta. Aveva anche un vassoio! A cosa serviva il vassoio? A niente, in realtà, se non a far credere agli operatori che sia fondamentale la manipolazione anche quando il bambino disabile non può manipolare nulla. Però tutto faceva parte di un progetto ambizioso, così ambizioso da non poter essere raggiunto. Andammo al collaudo. C erano delle modifiche da fare all obbrobrio: tagliare il vassoio perché troppo grande, mettere un po di ovatta ai lati perché la misura del passeggino era sbagliata, sagomare la pedana per bloccare meglio i piedi e creare le condizioni per poter immobilizzare il tronco (cioè rendere Diletta un salame). Chiesi di prendere un caffè, mi allontanai con Diletta in braccio e scappai dall ospedale. Ridemmo a crepapelle in macchina. Dicevo a Diletta che lì c erano dei matti, che quel passeggino non lo avrebbe più rivisto. Con noi in quei momenti c era sempre zia Danda, mitica e insostituibile presenza, prima nella mia vita e poi in quella di Diletta. Una regina mascherata da carabiniere con una corona piena di pietre di mille colori, con gli orli svolazzanti rifiniti a lama, pronta ad accarezzare o distruggere qualunque presenza si scontrasse con le nostre anime sconvolte. Iniziò così il mio studio degli ausili. In un anno Diletta aveva il suo passeggino (dignitoso), la sua statica in legno a forma 75

14 di pinguino per stare in piedi e il suo banchettino di lavoro a forma di leoncino sul quale si esercitava con i suoi giochi. Certo che ero a terra, ma ero anche serena perché mia figlia era tra i giochi come tutti, tra i colori come tutti, bambina tra i bambini e non un diverso in mezzo a ferro, bulloni e tessuti neri. La scuola materna osì, immersa tra mille colori giunse al suo primo anno di scuola materna. Un esperienza che da sola basterebbe per un film Iscrizione, un fiume di parole e tante rassicurazioni. Decidemmo di portarla con una settimana di ritardo così avrebbe evitato i problemi tipici dei primi giorni. C è da ridere, pensando ai problemi meno tipici che ci aspettavano. L assistente assegnata a Diletta soffriva di ernia, quindi non poteva sollevarla. A questa ne seguì un altra con lo schiacciamento delle vertebre; poi un uomo che non aveva mai avuto esperienze simili. Stanca di tante assurdità, alla fine convocai una riunione e comunicai che, pagando un assicurazione, la legge mi consentiva di far entrare a scuola una mia tata. Cioè Diletta sarebbe andata al parco con la tata: l unica differenza era che incontrava sempre gli stessi bimbi. Passarono così i primi due mesi, durante i quali l assistenza non c era più ma era comunque rimasta la maestra di sostegno (nel senso che era una maestra con grande bisogno di sostegno!). Esordì dicendomi che Diletta era grave e che non sapeva come fare. Le chiesi perché pretendeva di essere un sostegno se una minima difficoltà la stava mandando in tilt. Polemiche inutili. Tolsi Diletta da lì, senza che mai avesse potuto consumare un 76

15 imbronciata, il rigonfiamento morbido e liscio delle guance, quella piccola fossetta che si formava al lato destro della bocca. Poi, finalmente, aprì gli occhi e io rimasi senza fiato, estasiata della profondità di quell azzurro intenso. Era così raro che aprisse gli occhi, il mio bambino! Anche in incubatrice succedeva di rado. I primi giorni della sua vita erano riusciti a calmare il suo dolore solo posizionandogli una benda sugli occhi, ma adesso per la prima volta mi guardava! Era uno sguardo strano, assorto, forse un po sognante ma anche sfuggente; in realtà non sembrava proprio che guardasse me, ma oltre me, quasi io fossi trasparente. Un po dispiaciuta distolsi lo sguardo anch io; mi sentii a disagio, rifiutata. Che assurdità mi venivano in testa! Il mio bambino aveva solo bisogno di riconoscermi. Mi chinai su di lui cantando la nenia indiana che aveva accompagnato la mia gravidanza. Sentii il suo corpicino rilassarsi e sorrisi: si era addormentato. * * * La Terapia Intensiva Neonatale era come una tecnologica foresta incantata, formata da teche di cristallo: oltre che dai piccoli ospiti era abitata da diversi personaggi particolari. Alcuni erano scostanti e inaspriti, al punto che ti chiedevi spesso perché continuassero ad aggirarsi fra quel brusio di macchinari se gli era così d incomodo; altri invece sembravano continuamente distratti da altro: passavano velocemente per quelle vie intricate, soffermandosi di volta in volta per leggere qualche valore par- ticolare sui monitor, guardando raramente oltre lo schermo, il viso atteggiato in una cupa espressione. E poi c era lei: me ne avevano parlato i genitori che soggiornavano da più tempo in questo strano ambiente di piccoli addormentati. Lei era la fata buona, quella che spesso era riuscita a prendere per i capelli la vita di un bimbo che stava per sfuggire, quella che, altre volte, aveva 90

16 stretto le mani a mamme e papà singhiozzanti, perché il cuore del loro bimbo aveva cessato di battere. Lei, con i suoi grandi occhi scuri e decisi, che non temevano il confronto, il dolore e la disperazione. Lei, dal linguaggio schietto e sincero. Fu da lei che si rifugiarono le menti agitate di noi genitori, a lei cominciammo a porre le tantissime domande che si accalcavano in gola rischiando di strozzarci. Ci raccontò della sua nipotina, condivise le sue ansie ascoltando le nostre, poi ci diede una formula magica che tutt ora conservo gelosamente: «Nessuno vi può dire quello che il vostro bambino sarà in grado di fare. Forse non camminerà, forse non sarà in grado di fare tante altre cose, ma quello che sarà Simone dipende da voi, dalla fiducia che avrete in lui e nella sua intelligenza». E poi, dopo un attimo di riflessione, ci confidò un altro segreto che aveva imparato ella stessa da poco : «Ricordatevi sempre che Simone è un bambino, non un handicap». Se la prima formula fu assorbita istantaneamente, come se fossimo noi artefici di quest idea, la seconda rimase oscura per molto, molto tempo. Eppure fu da quel momento che, di fatto, prendemmo coscienza che la nostra vita aveva cambiato direzione: ci aspettava un lungo cammino in un mondo sconosciuto e minaccioso. Eravamo spaventati? Sì, molto. Ma anche molto determinati ad aiutare il nostro piccolino a crescere. Apnea alla finestra della cucina la fredda luce di una mattina autunnale si mescolava con i rassicuranti rumori del vialetto di casa. Stringevo i denti al ronzio fastidioso dell ingombrante tiralatte elettrico affittato in farmacia, gli occhi assonnati dopo l allattamento notturno e la colazione preparata all alba a mio marito. 91

17 La Neuropsichiatria Infantile aveva vinto le nostre perplessità al momento delle dimissioni: «Vostro figlio dovrà effettuare dei controlli di follow-up, principalmente per vigilare sul deficit uditivo, ma niente di più: non c è necessità di sottoporlo a sedute di fisioterapia o altro, si rimetterà da sé». Diceva ben altro il referto delle dimissioni che avevo nella borsa gravissima emorragia intracranica, sordità centrale, epilessia, ma per quella specialista mio figlio non era più un vegetale sofferente. Mi aveva fatto notare il modo particolare in cui piagnucolava durante la visita: gaunguuu gaunguuuu, una specie di lallazione, insomma. Il tiralatte ronzava nel silenzio della cucina, mi ero messa in un altra stanza per non disturbare il sonno di Simone. Strano. Sapevo del suo grave deficit uditivo eppure continuavo a comportarmi come se potesse sentirmi perfettamente: gli cantavo le ninnenanne che avevo imparato durante la gravidanza, recitavo le filastrocche, imitavo suoni e rumori; quando ero con lui non smettevo un attimo di raccontare, e lui sembrava proprio ascoltare tutto. Non so come mai, ma a un certo punto decisi di controllare il bambino nell altra stanza. Ci pensai a lungo, dopo: non avevo sentito rumori sospetti, né stavo riflettendo su qualcosa di particolarmente inquietante, eppure avevo avvertito l impellente necessità di sorvegliare il sonno di mio figlio. Forse si trattava solamente di quel sesto senso che si dice abbiano in genere le mamme. La scena che mi si presentò davanti agli occhi mi lasciò impietrita: il visino di Simone era livido, intorno alla bocca un alone biancastro faceva risaltare ancora di più le piccole labbra nere. Sollevai quel corpicino talmente abbandonato da sembrare una bambola di pezza e cominciai a scuoterlo cercando di risvegliarlo. Niente. 92

18 Niente! Il piccino era esanime tra le mie mani. Dio mio: no! Gridai con la voce strozzata: «Svegliati Simo, svegliati!». Lo presi per le gambette e lo misi a testa in giù, poi lo scossi ancora nulla! nulla! nulla! Allora lo colpii con forza sulla schiena, sentii il colpo riecheggiare nel suo torace: temetti di avergli fatto male, ma non mi fermai, lo colpii ancora una volta e poi un altra volta ancora ecco, finalmente, un piccolo, flebile suono mi fece capire che Simone era ancora vivo. Lo strinsi tra le braccia continuando a battere brevi colpi sulla schiena, trattenendo il fiato fin quando non sentii il singulto farsi gemito e poi concitato vagito. Mi aggrappai a lui come un naufrago su uno scoglio, confondendo le mie lacrime con le sue. Era così piccolo e leggero, una delicata piuma bianca e un qualsiasi impercettibile refolo poteva portarmelo via. Quando il medico lo visitò, dopo una precipitosa corsa in ospedale, tutto era tornato nella norma e Simone sgambettava roseo e sorridente nell ambulatorio del Pronto Soccorso. Mi rimandarono a casa con la sensazione di aver fatto solo un brutto sogno, ma quella notte Simone smise di nuovo di respirare, così piantammo le tende in ospedale finché non decisero per il ricovero. * * * Capii all istante che l atmosfera del reparto pediatrico era profondamente diversa da quella della TIN. C era sciatteria e nervosismo da parte di tutto il personale nei riguardi dei piccoli ricoverati e dei loro genitori. La stanza dove avevano messo Simone era circondata da vetrate: mi sentivo così esposta agli sguardi di chiunque che smisi di mungermi. Vero è che il latte mi era diminuito drasticamente dal giorno prima. 93

19 CAPITOLO SESTO Emanuele Mauro Ossola Mi presento i presento: Mauro, 46 anni, in arte Ranocchio31, genitore professionista e, a tempo perso, libero professionista. Stato civile: padre di 4 figli. Star della famiglia: Emanuele, 9 anni, numero tre nella lista dei pargoli, figlio poco meno che abile reduce da sepsi da streptococco betaemolitico di gruppo B. Metodiche riabilitative seguite (in ordine cronologico): fisioterapia presso la ASL, metodo Vojta, metodo Doman, programma Fay, protocollo DAN!, cura Montinari Stato attuale: non dobbiamo scrivere un libro? Che capitolo mi tocca? Ah! Ecco: iniziamo. Tempi e sogni l tempo è sempre tiranno, un po come i sogni, quelli che si inseguono da bambini e che, puntualmente, decidono di cambiare strada al primo incrocio della vita. Fate conto che d incroci, nella mia vita, ne ho passati parecchi, alcuni senza rispettare le precedenze o, addirittura, sbagliando completamente direzione; ma, tutto sommato, mi è sempre andata bene. 115

20 Per conoscermi meglio e per meglio comprendere la mia storia lasciate che vi spieghi, in poche righe, i miei sogni e i miei tempi. Fui paracadutato sulla terra nel lontano Non mi avvisarono che potevo nascere anche sotto un cavolo. Mi sarei risparmiato una caduta libera che mi alterò il metabolismo e alcune capacità di maturazione cerebrale. Sin da bambino dimostrai un certo interesse verso le professioni lucrative: infatti tra i 4 e i 5 anni (non ricordo ma esistono testimonianze affidabili) volevo fare il ginecologo. Raggiunti i 6 anni volevo diventare pediatra, sogno incarnato nella mia indole, maledettamente attratta dal pianeta bambino; così fu fino ai 13 anni. Nell età delle decisioni importanti, i 14 anni (così mi dissero di quell età: l età delle responsabilità), volevo fare il pilota da caccia e questa, ammetto, è la passione che ancora oggi mi entusiasma fra l altro, giustificherebbe i miei voli pindarici tra realtà e fantasia. Dopo questo inseguimento di sogni, fra incroci mancati e precedenze non date, diplomato ragioniere, sono un artigiano che opera nel campo della lavorazione dei materiali lapidei. In breve faccio il marmista, e ho realizzato concretamente tutti i miei sogni! Se la mia vita è stata segnata da grande incertezza nella scelta dell ambito professionale, è stata invece molto determinata nel campo degli affetti: volevo una moglie, dei figli, possibilmente in numero maggiore di uno e minore di trenta, a causa del poco spazio, ed esercitare la professione che ritengo la più entusiasmante della vita di un maschietto, quella di padre. A tal proposito vorrei erudire il lettore su un fatto: nonostante il maschio abbia sempre la tendenza a voler apparire il Tex Willer della situazione, borchiato come un rottweiler e un po maleodorante, con tanto di coltellaccio arrugginito 116

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE L amore nell amore Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo Rimola Tutti i diritti riservati L amore è: passione, possessione, ossessione, liberazione

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli