Indice. Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo 29 Capitolo terzo 51 Capitolo quarto La storia di Diletta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo 29 Capitolo terzo 51 Capitolo quarto La storia di Diletta"

Transcript

1 Indice Introduzione 7 Capitolo primo Claudia & family (Marina Cometto) 9 Capitolo secondo Walter (Rossella Margherita Mon aco) 29 Capitolo terzo Lulu (Claudio Dardi) 51 Capitolo quarto La storia di Diletta (Fabiana Gianni) 57 Capitolo quinto Simone (Chiara Bonanno Madussi) 85 Capitolo sesto Emanuele (Mauro Ossola) 115 Capitolo settimo Abile, disabile, disabile grave: storia di Silvia e della sua famiglia (Giorgio Genta) 157 Capitolo ottavo Andy (Patrizia de Gregoriis) 187 Decalogo 199 Glossario e indirizzi utili 207

2 Introduzione Mauro Ossola Come tutte le cose, anche questo nacque! Come fa un libro a nascere? Non lo so, ma questo nacque! Lasciate che vi premetta il fattaccio: alcuni maratoneti correvano (e si rincorrono tuttora) in vari gruppi di discussione alla ricerca dell arcana risposta alle bizze, non proprio stabili, della vita. La vita bizzosa non è propriamente la loro, ma, parafrasando Gibran, 1 è della freccia lanciata dall arco: Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell infinito e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane. Affidatevi con gioia alla mano dell Arciere. Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell arco. A furia di correre, prima o poi, o si rallenta o si cade. Così fu per i nostri maratoneti: rallentarono cadendosi addosso (e avevano dei fondati sospetti che qualcuno avesse teso la gambetta ). Da qui, risollevandosi e dopo aver controllato la propria integrità fisica (quella psichica non è dato loro valutare), de- 1 Gibran K. (1996), Il profeta, Milano, San Paolo. 7

3 cisero che forse era giunto il momento di esternare, di buttare fuori e allo stesso tempo di riposare un po le stanche menti e le altrettanto stanche membra. Si scoprì, con la ponderazione e la razionalità del poi, che la gambetta misteriosa, tragica fautrice del rovinoso capitombolo, era attaccata saldamente a uno dei maratoneti, forse il più attivo o forse il più lungimirante. Ella (non la gambetta, ma la proprietaria di quest ultima) propose il progetto! E da qui nacque l avventura ora scritta, ora urlata, ora raccontata. Ve lo anticipai che nacque e qui ve lo dimostrai. Buona lettura. 8

4 CAPITOLO PRIMO Claudia & family Marina Cometto La nostra bella storia i chiamo Marina, Mammamarina, in famiglia l onorevole Angelina, da un famoso personaggio cinematografico degli anni Cinquanta interpretato dall indimenticabile Anna Magnani (i matusa se la ricorderanno certo). La nostra famiglia è composta, oltre che da me, da tre figli e da un papà. Cristina, la nostra primogenita, sognata fin da prima di essere sposati, è stata la mia cavia: da lei ho imparato a fare la mamma e oggi, mamma a sua volta, non si è dimenticata di essere ancora figlia e sorella. Claudia, la principessa dai capelli rossi: mi ha insegnato ad apprezzare la gioia delle piccole cose. Mirko, il figlio della maturità: lo avevamo cullato nel cuore per quattordici anni prima di dare completo sfogo alla volontà di essere nuovamente genitori, senza ascoltare i timori che la ragione ci poneva: sarà sano? Da quando c è lui sembra che il sole sia entrato nella nostra vita: ci rallegra tutti, è un gran bel buffone. Infine c è papà, soprannominato Brontolo, che non prende l iniziativa e appoggia le idee, a volte bislacche, che l onorevole Angelina partorisce. 9

5 Questa sera, bimba mia, siamo sole in questa grande casa. Il tuo fratellone è andato a giocare a pallone, la sua passione, nonostante sia ormai grandicello: ha vent anni ma ha man- tenuto intatta la sua gioia di bambino nel ritrovarsi con gli amici; il tuo papà è andato con lui perché ama condividere le vittorie e le sconfitte del suo principe ereditario; Cristina è a casa sua con i bambini e noi siamo qui a dover passare la serata in attesa di prepararci per la notte. Che fare? Guardare la tv no, leggere no, guardarci negli occhi e scambiare in silenzio i nostri pensieri neppure: questa sera voglio fare una cosa che rimanga per sempre, qualcosa che tu possa tenere sempre con te: i miei ricordi, i ricordi e i pensieri della mia vita con te, mia bella principessa, quindi con la mia mano tra le tue sono qui davanti al pc e scrivo questa mia lettera a te. Qualcuno potrà sempre leggertela e ti parrà di essere ancora insieme, come in questo momento. 28 aprile 1973: il tuo arrivo! uando il medico ci confermò che nella nostra famiglia sarebbe arrivato un altro bimbo, dopo Cristina che aveva allora poco più di due anni, toccammo il cielo con un dito. Eravamo giovani, ci amavamo, avevamo una splendida figlia e ora coronavamo un altro sogno che fin dall infanzia portavo in cuore: avere tanti figli. Eravamo a quota due; chi ben comincia è a metà dell opera, si dice Dopo due mesi giunsero le prime avvisaglie che non tutto procedeva a meraviglia: minaccia d aborto, necessità di riposo assoluto, cure, Cristina che si lamentava; pensavo: «Ma come, non è ancora nato e già mi rovina le giornate?». Poi tutto iniziò ad andare per il verso giusto. Questo si sperava almeno, ma non avendo la sfera di cristallo (con il 10

6 trascorrere degli anni mi sono organizzata), pensavamo che il periodo più nero fosse passato. Facevo passeggiate a più non posso per far svagare la tua sorellina, un po gelosetta di quel pancione ingombrante che non le permetteva più di avere tutte le coccole per sé, ma nonostante tutto anche lei era felice, perché mi vedeva, ci vedeva sereni e pazzerelli come sempre. E finalmente il gran giorno arrivò; è strano come a distanza di trentatré anni io mi ricordi ancora tutto nei minimi particolari. Era una data importante, l inizio di una nuova vita in tutti sensi: mi svegliai verso le due e trenta del mattino con dei dolori lancinanti. Ero tranquilla, però, perché sapevo che di lì a poco avrei stretto tra le braccia un nuovo cucciolo; il mestiere che mi ero scelta, fare la mamma a vita, si stava realizzando. Svegliai il tuo papà, che telefonò alla tua zia preferita perché venisse a tenere compagnia a Cristina e mi preparai a uscire di casa Ma che mi stava succedendo? Permesso corsa al bagno e splash le acque si ruppero, disperazione, che fare? In quei momenti vengono in mente tutte le raccomandazioni di mammà, sorelle, zie: fai così, fai cosà, girati di lì, girati di qua, massaggio, riposo assoluto. Guardai papà in faccia e con un sorriso che mascherava il terrore gli dissi: «Andiamo, presto»; uscimmo senza neanche dare un bacio a Cristina che beata dormiva nel suo lettino. Arrivammo all ospedale, silenzio assoluto (è strano come, nei luoghi in cui dovrebbero esserci attenzione, assistenza, cura, professionalità, tutto sembri sovente piatto, trascurato, nemico). Dopo un po giunse l ostetrica che mi assalì con un interminabile fila di domande. Chissà perché noi donne in preda ai dolori del parto, con la fifa che toglie il fiato e la voglia di piangere di quando eravamo bambine, dovevamo rispondere a tutte quelle domande, tanto inutili quanto inopportune. 11

7 «Data di matrimonio?» ma non me lo puoi chiedere dopo? «Ultima mestruazione?» ma che mestruazione, lo vuoi capire che sto partorendo e sono qui perché tu mi aiuti? «Quanti figli ha?» non me lo ricordo. «Quanti anni hanno?» ma se ti ho detto che non mi ricordo! Guarda, ti prometto che se mi fai partorire bene, in fretta e senza problemi, io domani ti dedico tutta la giornata e ti racconto tutta la mia vita, ma per adesso no: non mi tormentare e fai uscire il mio bimbo da questa pancia che mi sembra proprio lo voglia lanciare fuori a cento all ora. Forse capì mi fece sedere su una sedia a rotelle, una di quelle che sarebbe diventata come una figlia per me. Altra mezz ora di attesa, parlavo con il futuro papà, ma senza riuscire a tirargli su il morale; il mio era ormai sottoterra: come facevo a tirarmi dietro anche il suo? Preferii allora il silenzio. Finalmente sentii qualcuno spingere la sedia a rotelle: per fortuna si era decisa, viaaaa verso la sala parto ed ecco un altra gentile che? Infermiera? Ostetrica? Una due, tre, quattro, tutti mi volevano visitare: già eravamo dei fenomeni. Dottoressa? No, i dottori in sala parto no, «si chiamano solo se c è un emergenza» intanto «signora si metta sul lettino». Signora? E dov è questa signora? Che ridere sai, gioia, mi chiamavano signora, ma non vedevano che ero una ragazzina, terrorizzata da quello che mi stava succedendo (il primo parto era stato una passeggiata e ora invece sentivo solo un tremendo dolore): volevo la mamma, e invece ero sola in mezzo a estranei che se ne infischiavano di me, di te. «Ehi tu che sei nella mia pancia, come stai? Ci sei sempre oppure ci sono riusciti a farti del male con tutte ste chiacchiere?» Nulla, assolutamente non davi segni; io ti parlavo, io quasi ti urlavo; arrivò il dottore, finalmente qualcuno aveva pensato che questa era un emergenza: loro mi dicevano di non spingere, ma io non ce la facevo più e come un tappo di champagne ti 12

8 catapultai in questo mondo, tra queste mani, tra questi esimi professori che invece di aiutarti a nascere bene e senza problemi ti regalarono, ci regalarono, un palcoscenico speciale, dove però, anche se ci abbiamo messo un po di tempo, siamo riuscite a diventare protagoniste, e a dimostrare che non è importante come si nasce, importante è come si vive e noi, cucciola mia, viviamo alla grande. Aspettavo il tuo benaugurato strillo, che però non arrivò. «Dottore non piange!» «Non si preoccupi signora.» Quante volte mi sono sentita dire questa frase, ancora oggi quando capita sento il sangue salire alla a testa Dottore non piange! Poi ecco il tuo flebile, tenero, dolce miagolio: «Ecco signora, sente che piange?». Ma che dottore sei, non ti sei accorto che non è un pianto, sembra più un lamento, ma poverina (intanto mi dissero che eri una femmina, la mia Claudia) non hai la forza di respirare, e loro cosa fanno? Ti portano via, dicendomi che stai bene: «È un po blu ma non si preoccupi tra pochi giorni tutto passerà e diventerà bella e rosea come tutti i neonati». Avevano ragione: dopo dieci giorni circa eri bella, eri rosea, ma non eri come tutti i neonati: eri Claudia, non come eri destinata a essere, ma come i professionisti che ci avevano seguito t avevano fatta diventare, una meravigliosa creatura che però proprio loro consideravano e considerano meno di nulla. La principessa dai capelli rossi ono molti gli episodi della mia vita insieme a te, Claudia, che sono rimasti chiari nella mia mente, nei miei occhi e nel mio cuore; alcuni, forse i più significativi, ancora oggi li rammento sommessamente, nel mio essere più profondo. 13

9 Nel tempo tutto questo provare, chiudere e riaprire un progetto e poi di nuovo richiuderlo mi cambiò radicalmente e definitivamente. Sentivo un fuochino nel cuore. Che lentamente diventava sempre più grande. Mi stavo innamorando di mia figlia, non attraverso la volontà di curarla, ma semplicemente mi innamoravo di lei, di com era, di ciò che mi aveva già insegnato. Stavo accettando la realtà ma non passivamente. Ero entusiasta dei sogni e dei progetti che mi venivano in mente per lei. Cominciavo a sorridere quando nei negozi mi fissavano. Cominciavo a essere io quella che provava compassione per chi era così arido di emozioni da non capire quanto amore e quanta vita portavo con me. Mi stupivo sempre più davanti ad affermazioni errate e sciocche. L ordine dei valori nella mia vita non era cambiato. Era cambiata la mia stessa vita. Solo una persona è forse in grado di capire quanto scrivo. L unica che è sempre stata con me. L unica, pur non essendo madre, che è stata capace con preziosa sensibilità di capire quanto fosse grande il dono della vita a prescindere da ogni logica culturale, da ogni religione: zia Danda. L unica ad avere un rapporto con Diletta fin dai primi tempi. L unica che ha assorbito da me le sfumature di contatto per aiutare me e Diletta. L unica capace di tornare sulle sue idee per il bene di Diletta. L unica a imporsi quando mi vedeva vacillare. L unica a fare rinunce per essere con noi. Per anni ho avuto solo lei, ma ha compensato in gran parte il vuoto che sentivo. La sua funzione era quella di giocoliere, di intrattenitrice, di tata, di amica. L unica che vedeva me e il mio torpore e mi scuoteva per riportarmi a vivere. L unica che ha pianto e riso insieme a me. L unica a far finta di niente quando insieme a me avrebbe voluto dare capocciate al muro. L unica a trattenere le lacrime davanti alle grida di Diletta sdrammatizzando, insegnando a 71

10 Diletta che «lei era la più forte». L unica a difendere Diletta senza remore, senza calcolo delle conseguenze. Mitica zia Danda! Grazie! Centinaia di volte mi sono sentita dire: «Certo che tu con questa tragedia che porti sulle spalle». All inizio pensavo: «Perché dice tragedia?» ma non osavo dirlo apertamente. Dopo un po di tempo iniziai a rispondere con garbo: «Guarda che non è una tragedia, è Diletta!». Poi il mio garbo emigrò e iniziai a stupire, le mie risposte divennero un po più volgari e irrispettose, però ormai è il gioco preferito da Diletta, prendere in giro chi si mostra così stupidino Ha imparato che questa gente non è cattiva ma solo ignorante. Diletta sa che queste persone, in realtà, vedendo pochi bimbi in carrozzina, non hanno la più pallida idea di quanto possa essere sereno un individuo che cammina con le ruote. Spesso le dico di osservare il fatto che di bimbi in carrozza ce ne sono pochi, e per questo i grandi li guardano: perché non sono abituati. Cerco insomma di giustificarli come posso. E mi rendo conto che lei approva. Diletta distingue bene gli sguardi e spesso li commenta, e ci scherziamo insieme. Abbiamo capito che la tragedia, il dramma, la disavventura, il problema, derivano tutti dal fatto che in pochissimi sanno riconoscere una persona oltre l apparenza. Ma questa è una storia più complicata: ma in fondo che ne sanno loro? Che ne sanno che la prima carrozzina di Diletta fu il più bel regalo, per il suo quarto compleanno? Che appena seduta lì disse: «Wow, sto comoda comoda»? Che ne sanno del pacco gigante che arrivò a Diletta, della carrozzina completamente rosa, piena di adesivi, rosa pure quelli, e copertine di 72

11 ogni genere. Come fanno a immaginare che spegnemmo le candeline con tanta gioia per la sedia di Diletta? Non avevo più nessuno vicino con cui festeggiare molti si persero quel pomeriggio di gioia e allegria. Sono scelte. E così ognuno si tiene il suo cervello, e tutti felici e contenti continuiamo a far finta di perseguire l integrazione. I passanti che ci incontrano e che spesso fingono di volerci concedere la loro approvazione dovrebbero iniziare a ringraziare i disabili per il solo fatto che, con la loro esistenza, costringono le menti atrofizzate dal consumismo a elaborare dei pensieri con senso compiuto. I genitori di bambini «abili» dovrebbero imparare a trasmettere ai propri figli l idea della comunità vera, dove ognuno è com è, dove ognuno aiuta l altro per arricchire se stesso prima che per ogni altro scopo. Insegniamo l integrazione multirazziale a scuola e poi non rivolgiamo nemmeno la parola a chi chiede l elemosina perché «sono tutti sfaticati» Nella stessa scuola chi non può usare la penna non scrive, perché la disabilità dell insegnante incapace va rispettata al pari della graduatoria che determina il suo diritto a svolgere questo mestiere (salvando tantissimi ottimi insegnanti). Incontriamo tante scale, ascensori rotti, supplenze e indifferenza che fanno perdere il sorriso. Ma poi loro, i nostri bambini, stravincono su tutto ed è una vittoria senza pari. Perché dimostra che la loro forza è vera. Una volta una persona disabile disse: «Un disabile in carrozzina si sente davvero tale quando davanti a sé incontra un gradino». Sacrosanta verità. In tutto questo, durante questi attimi lunghi un eternità o concentrati in un soffio, passava il tempo e Diletta era sempre più attenta. I nostri equilibri erano ormai consolidati. 73

12 Gli ausili l rapporto con gli ausili stava diventando abituale. Rispetto al primo passeggino avevamo fatto enormi progressi. Fu comica e tragica insieme la prima volta! Ormai Diletta era grandina e passava molto tempo nel passeggino tra cuscini e sostegni casalinghi La sistemavo come un automa ogni minuto, ma scivolava, pendeva, stava storta. Così ci decidemmo a entrare in una «officina» ortopedica. Mi sentii come Geppetto quando costruisce Pinocchio: tanti di quegli attrezzi da mettere paura! Una gentile commessa si avvicinò e cominciò a illustrarci come poteva essere utile quel bellissimo seggiolone orribile a mio avviso tutto di ferro, alto, grosso e pesante. Mentre ci venivano mostrati molti altri ausili, io stringevo Diletta sempre più forte e dentro di me pensavo: «La commessa è pazza, incompetente! Come si permette di dire proprio a me che dovrei far provare a Diletta simili invenzioni?». Poco dopo arrivò il tecnico ortopedico, e io mi chiesi cosa ci dovevamo fare con un tecnico. Diletta non era un televisore rotto, né un lavandino che perdeva! Perché un tecnico? Lo capii appena vidi questo signore con un camice bianco avvicinarsi con un catafalco che chiamò «passeggino» (assicuro ai lettori che non somigliava affatto ai passeggini che tutti siamo abituati a vedere). Mio marito approfittò del mio stupore per prendere Diletta e poggiarla urlante sul catafalco. Diletta fece la cacca: fui così felice. Pensai: fa pure la cacca! Pensa quanto le fa schifo questo coso! Ho ragione io: fa schifo e basta. Scappai. Firmai tutto e scappai. Dopo un mese dovetti tornare a prendere il catafalco: loro spiegavano come regolarlo, come chiuderlo e io annuivo. Non avevo capito niente. Uscii e, in preda a una crisi nervosa, 74

13 ridendo e gridando caricai questo coso enorme in macchina buttando giù tutto ciò che potevo, per fare posto. Con zia Danda lo caricammo e ridemmo isteriche. Non ho mai avuto bisogno di parlare con lei. Non sono mai servite giustificazioni. Ci guardammo e sapevamo già che Diletta su quel mostro non ci sarebbe mai stata. Subimmo quell evento con una rabbia che non può essere spiegata. Ma neanche quello ci avrebbe fatto demordere. Al contrario, passammo ore a parlare degli ausili di Diletta. Giunsi a casa con la nausea, portai su il catafalco e lo chiusi in bagno senza farlo vedere a Diletta. Aveva anche un vassoio! A cosa serviva il vassoio? A niente, in realtà, se non a far credere agli operatori che sia fondamentale la manipolazione anche quando il bambino disabile non può manipolare nulla. Però tutto faceva parte di un progetto ambizioso, così ambizioso da non poter essere raggiunto. Andammo al collaudo. C erano delle modifiche da fare all obbrobrio: tagliare il vassoio perché troppo grande, mettere un po di ovatta ai lati perché la misura del passeggino era sbagliata, sagomare la pedana per bloccare meglio i piedi e creare le condizioni per poter immobilizzare il tronco (cioè rendere Diletta un salame). Chiesi di prendere un caffè, mi allontanai con Diletta in braccio e scappai dall ospedale. Ridemmo a crepapelle in macchina. Dicevo a Diletta che lì c erano dei matti, che quel passeggino non lo avrebbe più rivisto. Con noi in quei momenti c era sempre zia Danda, mitica e insostituibile presenza, prima nella mia vita e poi in quella di Diletta. Una regina mascherata da carabiniere con una corona piena di pietre di mille colori, con gli orli svolazzanti rifiniti a lama, pronta ad accarezzare o distruggere qualunque presenza si scontrasse con le nostre anime sconvolte. Iniziò così il mio studio degli ausili. In un anno Diletta aveva il suo passeggino (dignitoso), la sua statica in legno a forma 75

14 di pinguino per stare in piedi e il suo banchettino di lavoro a forma di leoncino sul quale si esercitava con i suoi giochi. Certo che ero a terra, ma ero anche serena perché mia figlia era tra i giochi come tutti, tra i colori come tutti, bambina tra i bambini e non un diverso in mezzo a ferro, bulloni e tessuti neri. La scuola materna osì, immersa tra mille colori giunse al suo primo anno di scuola materna. Un esperienza che da sola basterebbe per un film Iscrizione, un fiume di parole e tante rassicurazioni. Decidemmo di portarla con una settimana di ritardo così avrebbe evitato i problemi tipici dei primi giorni. C è da ridere, pensando ai problemi meno tipici che ci aspettavano. L assistente assegnata a Diletta soffriva di ernia, quindi non poteva sollevarla. A questa ne seguì un altra con lo schiacciamento delle vertebre; poi un uomo che non aveva mai avuto esperienze simili. Stanca di tante assurdità, alla fine convocai una riunione e comunicai che, pagando un assicurazione, la legge mi consentiva di far entrare a scuola una mia tata. Cioè Diletta sarebbe andata al parco con la tata: l unica differenza era che incontrava sempre gli stessi bimbi. Passarono così i primi due mesi, durante i quali l assistenza non c era più ma era comunque rimasta la maestra di sostegno (nel senso che era una maestra con grande bisogno di sostegno!). Esordì dicendomi che Diletta era grave e che non sapeva come fare. Le chiesi perché pretendeva di essere un sostegno se una minima difficoltà la stava mandando in tilt. Polemiche inutili. Tolsi Diletta da lì, senza che mai avesse potuto consumare un 76

15 imbronciata, il rigonfiamento morbido e liscio delle guance, quella piccola fossetta che si formava al lato destro della bocca. Poi, finalmente, aprì gli occhi e io rimasi senza fiato, estasiata della profondità di quell azzurro intenso. Era così raro che aprisse gli occhi, il mio bambino! Anche in incubatrice succedeva di rado. I primi giorni della sua vita erano riusciti a calmare il suo dolore solo posizionandogli una benda sugli occhi, ma adesso per la prima volta mi guardava! Era uno sguardo strano, assorto, forse un po sognante ma anche sfuggente; in realtà non sembrava proprio che guardasse me, ma oltre me, quasi io fossi trasparente. Un po dispiaciuta distolsi lo sguardo anch io; mi sentii a disagio, rifiutata. Che assurdità mi venivano in testa! Il mio bambino aveva solo bisogno di riconoscermi. Mi chinai su di lui cantando la nenia indiana che aveva accompagnato la mia gravidanza. Sentii il suo corpicino rilassarsi e sorrisi: si era addormentato. * * * La Terapia Intensiva Neonatale era come una tecnologica foresta incantata, formata da teche di cristallo: oltre che dai piccoli ospiti era abitata da diversi personaggi particolari. Alcuni erano scostanti e inaspriti, al punto che ti chiedevi spesso perché continuassero ad aggirarsi fra quel brusio di macchinari se gli era così d incomodo; altri invece sembravano continuamente distratti da altro: passavano velocemente per quelle vie intricate, soffermandosi di volta in volta per leggere qualche valore par- ticolare sui monitor, guardando raramente oltre lo schermo, il viso atteggiato in una cupa espressione. E poi c era lei: me ne avevano parlato i genitori che soggiornavano da più tempo in questo strano ambiente di piccoli addormentati. Lei era la fata buona, quella che spesso era riuscita a prendere per i capelli la vita di un bimbo che stava per sfuggire, quella che, altre volte, aveva 90

16 stretto le mani a mamme e papà singhiozzanti, perché il cuore del loro bimbo aveva cessato di battere. Lei, con i suoi grandi occhi scuri e decisi, che non temevano il confronto, il dolore e la disperazione. Lei, dal linguaggio schietto e sincero. Fu da lei che si rifugiarono le menti agitate di noi genitori, a lei cominciammo a porre le tantissime domande che si accalcavano in gola rischiando di strozzarci. Ci raccontò della sua nipotina, condivise le sue ansie ascoltando le nostre, poi ci diede una formula magica che tutt ora conservo gelosamente: «Nessuno vi può dire quello che il vostro bambino sarà in grado di fare. Forse non camminerà, forse non sarà in grado di fare tante altre cose, ma quello che sarà Simone dipende da voi, dalla fiducia che avrete in lui e nella sua intelligenza». E poi, dopo un attimo di riflessione, ci confidò un altro segreto che aveva imparato ella stessa da poco : «Ricordatevi sempre che Simone è un bambino, non un handicap». Se la prima formula fu assorbita istantaneamente, come se fossimo noi artefici di quest idea, la seconda rimase oscura per molto, molto tempo. Eppure fu da quel momento che, di fatto, prendemmo coscienza che la nostra vita aveva cambiato direzione: ci aspettava un lungo cammino in un mondo sconosciuto e minaccioso. Eravamo spaventati? Sì, molto. Ma anche molto determinati ad aiutare il nostro piccolino a crescere. Apnea alla finestra della cucina la fredda luce di una mattina autunnale si mescolava con i rassicuranti rumori del vialetto di casa. Stringevo i denti al ronzio fastidioso dell ingombrante tiralatte elettrico affittato in farmacia, gli occhi assonnati dopo l allattamento notturno e la colazione preparata all alba a mio marito. 91

17 La Neuropsichiatria Infantile aveva vinto le nostre perplessità al momento delle dimissioni: «Vostro figlio dovrà effettuare dei controlli di follow-up, principalmente per vigilare sul deficit uditivo, ma niente di più: non c è necessità di sottoporlo a sedute di fisioterapia o altro, si rimetterà da sé». Diceva ben altro il referto delle dimissioni che avevo nella borsa gravissima emorragia intracranica, sordità centrale, epilessia, ma per quella specialista mio figlio non era più un vegetale sofferente. Mi aveva fatto notare il modo particolare in cui piagnucolava durante la visita: gaunguuu gaunguuuu, una specie di lallazione, insomma. Il tiralatte ronzava nel silenzio della cucina, mi ero messa in un altra stanza per non disturbare il sonno di Simone. Strano. Sapevo del suo grave deficit uditivo eppure continuavo a comportarmi come se potesse sentirmi perfettamente: gli cantavo le ninnenanne che avevo imparato durante la gravidanza, recitavo le filastrocche, imitavo suoni e rumori; quando ero con lui non smettevo un attimo di raccontare, e lui sembrava proprio ascoltare tutto. Non so come mai, ma a un certo punto decisi di controllare il bambino nell altra stanza. Ci pensai a lungo, dopo: non avevo sentito rumori sospetti, né stavo riflettendo su qualcosa di particolarmente inquietante, eppure avevo avvertito l impellente necessità di sorvegliare il sonno di mio figlio. Forse si trattava solamente di quel sesto senso che si dice abbiano in genere le mamme. La scena che mi si presentò davanti agli occhi mi lasciò impietrita: il visino di Simone era livido, intorno alla bocca un alone biancastro faceva risaltare ancora di più le piccole labbra nere. Sollevai quel corpicino talmente abbandonato da sembrare una bambola di pezza e cominciai a scuoterlo cercando di risvegliarlo. Niente. 92

18 Niente! Il piccino era esanime tra le mie mani. Dio mio: no! Gridai con la voce strozzata: «Svegliati Simo, svegliati!». Lo presi per le gambette e lo misi a testa in giù, poi lo scossi ancora nulla! nulla! nulla! Allora lo colpii con forza sulla schiena, sentii il colpo riecheggiare nel suo torace: temetti di avergli fatto male, ma non mi fermai, lo colpii ancora una volta e poi un altra volta ancora ecco, finalmente, un piccolo, flebile suono mi fece capire che Simone era ancora vivo. Lo strinsi tra le braccia continuando a battere brevi colpi sulla schiena, trattenendo il fiato fin quando non sentii il singulto farsi gemito e poi concitato vagito. Mi aggrappai a lui come un naufrago su uno scoglio, confondendo le mie lacrime con le sue. Era così piccolo e leggero, una delicata piuma bianca e un qualsiasi impercettibile refolo poteva portarmelo via. Quando il medico lo visitò, dopo una precipitosa corsa in ospedale, tutto era tornato nella norma e Simone sgambettava roseo e sorridente nell ambulatorio del Pronto Soccorso. Mi rimandarono a casa con la sensazione di aver fatto solo un brutto sogno, ma quella notte Simone smise di nuovo di respirare, così piantammo le tende in ospedale finché non decisero per il ricovero. * * * Capii all istante che l atmosfera del reparto pediatrico era profondamente diversa da quella della TIN. C era sciatteria e nervosismo da parte di tutto il personale nei riguardi dei piccoli ricoverati e dei loro genitori. La stanza dove avevano messo Simone era circondata da vetrate: mi sentivo così esposta agli sguardi di chiunque che smisi di mungermi. Vero è che il latte mi era diminuito drasticamente dal giorno prima. 93

19 CAPITOLO SESTO Emanuele Mauro Ossola Mi presento i presento: Mauro, 46 anni, in arte Ranocchio31, genitore professionista e, a tempo perso, libero professionista. Stato civile: padre di 4 figli. Star della famiglia: Emanuele, 9 anni, numero tre nella lista dei pargoli, figlio poco meno che abile reduce da sepsi da streptococco betaemolitico di gruppo B. Metodiche riabilitative seguite (in ordine cronologico): fisioterapia presso la ASL, metodo Vojta, metodo Doman, programma Fay, protocollo DAN!, cura Montinari Stato attuale: non dobbiamo scrivere un libro? Che capitolo mi tocca? Ah! Ecco: iniziamo. Tempi e sogni l tempo è sempre tiranno, un po come i sogni, quelli che si inseguono da bambini e che, puntualmente, decidono di cambiare strada al primo incrocio della vita. Fate conto che d incroci, nella mia vita, ne ho passati parecchi, alcuni senza rispettare le precedenze o, addirittura, sbagliando completamente direzione; ma, tutto sommato, mi è sempre andata bene. 115

20 Per conoscermi meglio e per meglio comprendere la mia storia lasciate che vi spieghi, in poche righe, i miei sogni e i miei tempi. Fui paracadutato sulla terra nel lontano Non mi avvisarono che potevo nascere anche sotto un cavolo. Mi sarei risparmiato una caduta libera che mi alterò il metabolismo e alcune capacità di maturazione cerebrale. Sin da bambino dimostrai un certo interesse verso le professioni lucrative: infatti tra i 4 e i 5 anni (non ricordo ma esistono testimonianze affidabili) volevo fare il ginecologo. Raggiunti i 6 anni volevo diventare pediatra, sogno incarnato nella mia indole, maledettamente attratta dal pianeta bambino; così fu fino ai 13 anni. Nell età delle decisioni importanti, i 14 anni (così mi dissero di quell età: l età delle responsabilità), volevo fare il pilota da caccia e questa, ammetto, è la passione che ancora oggi mi entusiasma fra l altro, giustificherebbe i miei voli pindarici tra realtà e fantasia. Dopo questo inseguimento di sogni, fra incroci mancati e precedenze non date, diplomato ragioniere, sono un artigiano che opera nel campo della lavorazione dei materiali lapidei. In breve faccio il marmista, e ho realizzato concretamente tutti i miei sogni! Se la mia vita è stata segnata da grande incertezza nella scelta dell ambito professionale, è stata invece molto determinata nel campo degli affetti: volevo una moglie, dei figli, possibilmente in numero maggiore di uno e minore di trenta, a causa del poco spazio, ed esercitare la professione che ritengo la più entusiasmante della vita di un maschietto, quella di padre. A tal proposito vorrei erudire il lettore su un fatto: nonostante il maschio abbia sempre la tendenza a voler apparire il Tex Willer della situazione, borchiato come un rottweiler e un po maleodorante, con tanto di coltellaccio arrugginito 116

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Tra il dire e il fare PNL e Coaching 2 Titolo Tra il dire e il fare Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Sara. Emily. sbiruline. Rachele Giacalone. Norina Wendy Di Blasio. Sara e le sbiruline di Emily

Sara. Emily. sbiruline. Rachele Giacalone. Norina Wendy Di Blasio. Sara e le sbiruline di Emily La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi; essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo. Gianni Rodari Sara ele sbiruline di Emily

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

...quando nasce un bambino con la sindrome di Down...

...quando nasce un bambino con la sindrome di Down... ...quando nasce un bambino con la sindrome di Down... QUANDO NASCE UN BAMBINO CON LA SINDROME DI DOWN S e state leggendo questo opuscolo è perché un medico vi ha comunicato che probabilmente il vostro

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli