Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa Condizioni oggettive per il rilascio del visto Soggetti abilitati al rilascio del visto...

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2. 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto..."

Transcript

1 Circolare n. 5 Guida al visto di conformità (art. 10 D.L , n. 78) Indice 1 Premessa Condizioni oggettive per il rilascio del visto Soggetti abilitati al rilascio del visto Adempimenti preliminari Polizza assicurativa Comunicazione alla DRE Tenuta della contabilità e predisposizione delle dichiarazioni Elaborazione contabile da parte di soggetti non abilitati Tipologia di controlli Sanzioni per infedele rilascio del visto di conformità... 15

2 1. Premessa Come già anticipato nella precedente Circolare n. 2, dal 1 gennaio 2010, a seguito dell introduzione delle disposizioni normative di cui all art. 10, co. 1, lettera a), numero 1, del D.L. 78/2008, per le compensazioni <<orizzontali>> del credito Iva annuale di importo superiore ad è obbligatoria l apposizione del c.d. visto di conformità (ex art. 35, co. 1, lettera a), D.Lgs. 241/1997 c.d. visto leggero). L intento del Legislatore nazionale è, quindi, quello di contrastare, attraverso una serie di controlli, l abuso di crediti Iva inesistenti, con conseguente danno per le casse erariali, coinvolgendo in tale attività di controllo anche soggetti terzi rispetto all Amministrazione Finanziaria. Obiettivo della presente circolare è di illustrare gli aspetti prettamente operativi relativi all apposizione del visto di conformità, partendo dagli adempimenti preliminari necessari per l apposizione del citato visto, non tralasciando comunque i chiarimenti di cui alle C.C.M.M. n. 57/E del e n. 1/E del Condizioni oggettive per la richiesta di apposizione del visto Come anticipato, nell ipotesi in cui il contribuente intenda procedere alla compensazione orizzontale di crediti Iva per importi superiori ad annui, oltre al preventivo invio del modello dichiarativo Iva, lo stesso deve essere <<corredato>> dal richiamato visto di conformità. Nella richiamata ipotesi con riferimento alla volontà di utilizzare in compensazione orizzontale il credito iva annuale per un importo superiore ad il contribuente deve preventivamente richiedere ed ottenere l apposizione del visto di conformità nel modello dichiarativo iva da cui emerge il credito Iva che si intende compensare con altri tributi. In alternativa, per i soggetti sottoposti al controllo contabile ex art bis del codice civile, la sottoscrizione di detta dichiarazione con riferimento al modello dichiarativo Iva può essere richiesta ed ottenuta dai soggetti che esercitano il controllo contabile. In tale ipotesi, infatti, i soggetti incaricati del controllo contabile, al fine dell apposizione del visto di conformità, vengono equiparati ai soggetti di cui all art. 3, co. 3, lettera a), D.P.R. n. 322/1998, in quanto, entrambi eseguono i medesimi controlli previsti dall art. 2, co. 2 del D.M n Per quanto riguarda i crediti Iva di natura trimestrale emergenti dalle istanze trimestrali c.d. modelli Iva TR come chiarito dalla C.M. n. 57/E/2009, la preventiva apposizione del visto di 2

3 conformità non risulta essere necessaria. In altre parole, un contribuente titolare di un credito Iva trimestrale può procedere all utilizzo in compensazione orizzontale dello stesso anche per importi superiori ad senza il preventivo rilascio del visto di conformità o dell attestazione dei richiamati modelli TR da parte dei soggetti che esercitano i controlli contabili. Tipologia di credito Condizioni necessarie per la compensazione orizzontale Preventiva apposizione del visto di conformità o attestazione della dichiarazione da parte dei soggetti che esercitano il controllo contabile ex art bis del codice civile Credito Iva superiore ad risultante da dichiarazione annuale Preventivo invio della dichiarazione Iva Compensazioni a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di invio della dichiarazione Credito Iva superiore ad risultante da istanza trimestrale (Mod. Iva TR) Preventiva presentazione dell istanza (Mod. TR) 3. Soggetti abilitati al rilascio del visto Per quanto riguarda i soggetti <<abilitati>> al rilascio del visto di conformità di cui all art. 35, co. 1, lettera a) del D.Lgs. n. 241/1997, come stabilito dall art. 10, co. 1, lettera a) del D.L. n. 78/2009 e chiarito dalla citata C.M. 57/E/2009, risultano essere: a) i soggetti iscritti all Albo dei dottori commercialisti 1 e degli esperti contabili o in quello dei consulenti del lavoro; 1 Si ricorda che risultano essere legittimati al rilascio del visto di conformità risultano essere anche gli esperti contabili, iscritti nella sezione B dell Albo unico. L art. 1, co. 4, lettera c) del D.Lgs , infatti, riconosce a detti soggetti la competenza tecnica per l espletamento di alcune attività, tra cui anche il rilascio dei visti di conformità. 3

4 b) i soggetti iscritti alla data dal nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalla Camere di commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per la sub categoria tributi, in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti ovvero di diploma di ragioneria; c) i responsabili dell assistenza fiscale dei CAF-imprese (c.d. R.A.F.), da individuare tra gli iscritti all albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, anche assunti con rapporto di lavoro subordinato. La C.M. 57/E/09 riprendendo quanto già stabilito dalla C.M. n. 13/E del ha fornito un ulteriore importante precisazione stabilendo che il visto di conformità non può essere rilasciato né dall associazione professionale di cui il professionista fa parte, né dalla società di servizi composta esclusivamente o per la maggior parte da professionisti. Per quanto riguarda, invece, i CAF, il soggetto preposto al rilascio del visto di conformità non è, nemmeno in questa circostanza, il soggetto giuridico rappresentato dal Centro di Assistenza Fiscale a rilasciare il visto, bensì risulta essere il responsabile dell assistenza fiscale a rilasciare, su richiesta del contribuente, un visto di conformità dei dati riportati nelle dichiarazioni predisposte dal CAF. In conseguenza, il visto di conformità non può essere rilasciato da soggetti diversi da quelli di cui sopra, anche nel caso in cui gli stessi siano abilitati all invio telematico dei modelli dichiarativi. In particolare, non è consentito l apposizione del visto per: i soggetti che esercitano abitualmente l attività di consulenza fiscale ex D.M ; i soggetti iscritti esclusivamente al registro dei revisori contabili di cui al D.Lgs n. 88 nel caso in cui gli stessi non esercitino il controllo contabile; i soggetti iscritti negli Albi degli Avvocati ex D.M Tuttavia, l appartenenza ad una delle <<categorie>> di cui sopra dottori commercialisti, consulenti del lavoro, responsabili dell assistenza fiscale o iscrizione nei ruoli di periti ed esperti di cui alla C.C.I.A.A. risulta essere un requisito necessario, ma non sufficiente per il rilascio del visto di conformità. Infatti, secondo quanto stabilito dall art. 8 D.M n. 164 il soggetto che intende apporre il visto di conformità deve essere in possesso dei seguenti requisiti soggettivi: non aver riportato condanne, anche non definitive, o sentenze emesse ex art. 444 c.p.p. per reati di natura finanziaria; 4

5 non aver procedimenti penali pendenti nella fase di giudizio per reati di natura finanziaria; non aver commesso violazioni gravi e ripetute, per la loro natura ed entità, alle disposizioni in materia di imposte si redditi e sul valore aggiunto; non trovarsi in una delle condizioni penalmente rilevanti che escludono la possibilità di candidarsi alle elezioni regionali, provinciali, comunali ex art. 15, co. 1, L n. 55, come sostituito dall art. 1, L , n. 16, ossia non aver riportato condanne definitive per delitti di associazione mafiosa, di peculato, di malversazione a danno dello Stato, di concussione, di corruzione o per altri delitti commessi con abuso di potere o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio. Soggetti NON abilitati al rilascio del visto di conformità Soggetti che esercitano abitualmente l attività di consulenza fiscale ex D.M Soggetti iscritti esclusivamente al registro dei revisori contabili di cui al D.Lgs n. 88 nel caso in cui gli stessi non esercitino il controllo contabile Necessità di adempimenti preliminari per il rilascio del visto di conformità Soggetti iscritti all Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili o in quello dei consulenti del lavoro Soggetti iscritti alla data dal nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalla Camere di commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per la sub categoria tributi, in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti ovvero di diploma di ragioneria Requisiti soggettivi indispensabili per i soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità non aver riportato condanne, anche non definitive, o sentenze emesse ex art. 444 c.p.p. per reati di natura finanziaria; non aver procedimenti penali pendenti nella fase di giudizio per reati di natura finanziaria; non aver commesso violazioni gravi e ripetute, per la loro natura ed entità, alle disposizioni in materia di imposte si redditi e sul 5

6 valore aggiunto; Soggetti iscritti negli Albi degli Avvocati ex D.M Responsabili dell assistenza fiscale dei CAF-imprese (c.d. R.A.F.), da individuare tra gli iscritti all albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, anche assunti con rapporto di lavoro subordinato non trovarsi in una delle condizioni penalmente rilevanti che escludono la possibilità di candidarsi alle elezioni regionali, provinciali, comunali ex art. 15, co. 1, L n. 55, come sostituito dall art. 1, L , n. 16, ossia non aver riportato condanne definitive per delitti di associazione mafiosa, di peculato, di malversazione a danno dello Stato, di concussione, di corruzione o per altri delitti commessi con abuso di potere o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio. 4. Adempimenti preliminari L apposizione del visto di conformità non e subordinata alla sola presenza delle condizioni soggettive di cui sopra con riferimento all iscrizione all albo dei dottori commercialisti ed esperi contabili, all iscrizione alla sub categoria tributi dei ruoli tenuti dalla C.C.I.A.A. in quanto, in capo ai richiamati soggetti, sussiste la necessità di porre in essere alcuni adempimenti <<burocratici>> necessari per l abilitazione al rilascio del visto di conformità. Gli adempimenti oggetto di analisi nel presente paragrafo, invece, non sono richiesti per i responsabili dell assistenza fiscale dei CAF-imprese, in quanto, è lo stesso CAF ad essere tenuto ad effettuare gli adempimenti previsti per coloro che intendono svolgere l attività di assistenza fiscale in via professionale. 6

7 Soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità Necessità di adempimenti preliminari per il rilascio del visto di conformità Soggetti iscritti all Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili o in quello dei consulenti del lavoro SI Soggetti iscritti alla data dal nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalla Camere di commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per la sub categoria tributi, in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti ovvero di diploma di ragioneria SI Responsabili dell assistenza fiscale dei CAFimprese (c.d. R.A.F.), da individuare tra gli iscritti all albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, anche assunti con rapporto di lavoro subordinato NO adempimenti a carico dei CAF 4.1. Polizza assicurativa Il primo adempimento <<burocratico>> a carico dei primi due soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità (dottori commercialisti ed esperti contabili e soggetti iscritti al nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle C.C.I.A.A.) consiste nella necessità di stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile 2. In particolare, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella C.M. 57/E/09 la richiamata polizza assicurativa deve essere caratterizzata dai seguenti elementi: 1. la copertura assicurativa deve avere ad oggetto la prestazione di assistenza fiscale mediante apposizione del visto di conformità sulle dichiarazioni, ai sensi dell articolo 35 del d.lgs. n. 241 del 9 luglio 1997, senza alcuna limitazione della garanzia ad un solo specifico modello di dichiarazione. In altri termini, la copertura assicurativa deve riguardare <<l attività>> di attestazione di sussistenza del credito Iva emergente dalla 2 Con riferimento ai soggetti iscritti all albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili si segnala che con la nota 75/09 il CNDC ha comunicato di aver stipulato con il proprio broker una convenzione, riservata a tutti gli iscritti, per la stipula della polizza assicurativa. 7

8 anche dichiarazione vistata da parte del professionista assicurato. La polizza assicurativa, quindi, non deve prevedere la copertura assicurativa per il visto apposto in un particolare modello dichiarativo, in quanto, i soggetti legittimati ad apporre il richiamato visto possono apporlo in tutti i modelli dichiarativi; 2. il massimale della polizza, come stabilito dall articolo 6 del decreto n. 164 del 1999, deve essere adeguato al numero dei contribuenti assistiti, nonché al numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciati, e comunque, non deve essere inferiore a euro ,80; 3. la copertura assicurativa non deve contenere franchigie o scoperti tali da non garantire la totale copertura degli eventuali danni subiti dal contribuente; 4. la polizza assicurativa deve prevedere, per gli errori commessi nel periodo di validità della polizza stessa, il totale risarcimento del danno denunciato nei cinque anni successivi alla scadenza del contratto, indipendentemente dalla causa che ha determinato la cessazione del rapporto assicurativo. Si ricorda, quindi, che la polizza assicurativa non deve contenere la clausola c.d. claim made 3 ; Per i professionisti: già in possesso di una copertura assicurativa per i rischi professionali; o che svolgono l attività nell ambito di uno studio associato come stabilito dal richiamato documento di prassi con riferimento alla C.M. 57/E/2009 è consentito nel primo caso, in alternativa alla stipula di una polizza assicurativa ex novo specifica per l apposizione del visto di conformità, l integrazione di quella già in possesso con il relativo adeguamento alle caratteristiche di cui sopra. Nella seconda ipotesi con riferimento allo svolgimento all attività professionale all interno di uno studio associato l utilizzo della polizza assicurativa stipulata dallo studio, sempre che la stessa sia caratterizzata dagli elementi di cui sopra e che nella polizza assicurativa di studio siano elencati i singoli professionisti che si intende coprire per l attività di apposizione del visto. 3 La clausola claim made espressione inglese che potrebbe tradursi con "a richiesta fatta secondo cui il sinistro viene "attivato" dalla richiesta di risarcimento che l assicurato riceve, e pertanto le relative garanzie operano dal momento in cui tale richiesta è ricevuta 8

9 4.2. Comunicazione alla DRE Un secondo adempimento posto a carico dei soggetti interessati all apposizione del visto di conformità, ad eccezione dei soggetti esplicitamente esclusi sopra indicati 4, consiste nella necessità di trasmettere apposita comunicazione alla direzione Regionale dell Agenzia delle entrate competente, con la quale si rende edotta l Amministrazione finanziaria circa la volontà di voler procedere all apposizione di eventuali visti di conformità e viene richiesto l inserimento nell elenco centralizzato dei soggetti abilitati al rilascio del richiamato visto. Per quanto riguarda la presentazione della richiamata comunicazione, la stessa può avvenire a mano o a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Circa la necessità di attendere o meno l inserimento nell elenco dei soggetti abilitati prima di poter rilasciare il visto di conformità, la normativa di riferimento nulla dispone. A tal proposito, in prima battuta intervenuta la DRE Lombardia stabilendo che: le pratiche trasmesse alle DRE da parte dei singoli professionisti saranno evase secondo l ordine cronologico di arrivo; seppur l inserimento nell elenco informatico di cui sopra avverrà sulla base della data di presentazione della domanda, il professionista dovrà attendere la ricezione della raccomandata di conferma dell avvenuto inserimento nell elenco centralizzato prima di poter apporre il visto di conformità sulle dichiarazioni annuali Iva relative al L Agenzia delle Entrate con la C.M. 57/E/2009, invece, ha chiarito che a seguito della presentazione della comunicazione, la DRE verifica la sussistenza dei requisiti previsti dalla legge e, in caso di esito positivo, iscrive il richiedente nell elenco informatizzato dei soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità dalla data di presentazione della comunicazione. In tal caso, infatti, come chiarito dalla C.M. 57/E/2009, l abilitazione decorre dalla data di presentazione della comunicazione, per cui a partire da tale data il soggetto può presentare assistenza fiscale. 4 Si ricorda che tra i soggetti esonerati dall obbligo di preventivo invio della comunicazione, come indicato dalla C.M. 57/E/2009, rientrano anche i soggetti che esercitano il controllo contabile ex art bis del codice civile. 9

10 Presentazione della domanda e della documentazione alla DRE Verifica della correttezza e della completezza della documentazione da parte della DRE Momento di abilitazione al rilascio del visto di conformità 5. Tenuta della contabilità e predisposizione delle dichiarazioni Per poter apporre il visto di conformità è necessario inoltre che le scritture contabili siano tenute e la dichiarazione sia predisposta dal soggetto che appone il visto. In altri termini, deve esservi coincidenza tra il soggetto che predispone la dichiarazione ed appone il visto di conformità. Come disposto dall art. 23 D.M. n. 164/1999 le scritture contabili si intendono tenute e la dichiarazione si intende predisposta dal professionista abilitato anche quando effettuate: direttamente dal contribuente; da una società di servizi controllata da uno o più professionisti abilitati. L Agenzia delle Entrate con la C.M. n. 57/E/2009 ha stabilito inoltre che se il visto di conformità: è apposto dal responsabile di un CAF imprese la dichiarazione annuale può essere trasmessa telematicamente anche da una società di servizi il cui capitale sociale è posseduto, a maggioranza assoluta, dalle associazioni che hanno costituito il Centro, ovvero, interamente dagli associati di tali associazioni, a condizione che ciò sia effettuato sotto il controllo diretto e la responsabilità del Centro stesso. 10

11 è apposto da un professionista la dichiarazione annuale può essere trasmessa telematicamente anche da una società di servizi di cui uno o più professionisti posseggono la maggioranza assoluta del capitale sociale, a condizione che ciò sia effettuato sotto il diretto controllo e la responsabilità del professionista stesso. 6. Elaborazione contabile da parte di soggetti non abilitati Un ulteriore chiarimento fornito dall Agenzia Entrate con il richiamato documento di prasi riguarda il trattamento da riservare nel caso in cui le scritture contabili siano tenute da un soggetto che non può apporre il visto di conformità. Secondo l Agenzia, in questo caso il contribuente potrà comunque rivolgersi ad un CAF imprese o a un professionista abilitato all apposizione del visto. In ogni caso, i soggetti che appongono il visto di conformità sulla base delle elaborazioni contabili non da loro effettuate, sono comunque tenuti a svolgere i controlli per la corretta apposizione del visto e a predisporre la relativa dichiarazione Iva. Predisposizione della dichiarazione e tenuta delle scritture contabili I CASI Il professionista abilitato al rilascio del visto di SI. Se il professionista è tra quelli abilitati al conformità che tiene la contabilità del cliente rilascio del visto di conformità non vi sono e redige la dichiarazione Iva dello stesso, può preclusioni. sulla stessa rilasciare il visto di conformità?. Il professionista abilitato al rilascio del visto di SI. Non ci sono ostacoli al rilascio del conformità che NON tiene la contabilità del visto di conformità. Le dichiarazioni e le cliente, perché gestita dal cliente stesso può scritture contabili si intendono predisposte e redige la dichiarazione Iva di tale cliente ed tenute dal professionista anche quando sono apporre il visto di conformità?. predisposte e tenute dal contribuente a condizione che tali attività siano effettuate sotto il diretto controllo e la responsabilità dello stesso professionista. Lo studio professionale, i cui soci sono per SI. Se il professionista è tra quelli abilitati al 11

12 più della metà abilitati al rilascio del visto di conformità, che tiene la contabilità del cliente e redige la dichiarazione dello stesso può su quest ultima apporre il visto di conformità?. Il contribuente che fa elaborare la contabilità a un soggetto terzo (non iscritto ad Albi) munito di partita IVA ma non abilitato al rilascio del visto di conformità, può farsi assistere per la compilazione della sola dichiarazione Iva e farsi rilasciare il visto di conformità da altro soggetto abilitato. rilascio del visto di conformità non vi sono preclusioni. SI. Nelle ipotesi in cui le scritture contabili siano tenute da un soggetto che NON può apporre il visto di conformità, il contribuente potrà comunque rivolgersi un CAF-imprese o a un professionista abilitato all apposizione del visto. Resta fermo che tali soggetti sono comunque tenuti a svolgere i controlli sopra indicati e a predisporre la dichiarazione Iva. Un professionista abilitato al visto di conformità che partecipi a un centro elaborazione dati, cui è affidata la mera elaborazione contabile, in misura inferiore a quella di maggioranza può fare effettuare la trasmissione telematica dalla medesima società di servizi?. NO. Se il visto di conformità è apposto da un professionista la trasmissione telematica può essere effettuata anche da una società di servizi ma solo nel caso in cui il professionista possegga la maggioranza assoluta del capitale sociale. Un professionista abilitato al visto di conformità NO. Valgono le considerazioni del punto che NON partecipi a un centro elaborazione dati precedente. ma se ne avvalga per le mere attività di registrazione può fare effettuare la trasmissione telematica dalla medesima società di servizi?. Lo studio professionale, i cui soci sono per più SI. Non ci sono ostacoli al rilascio del della metà abilitati al rilascio del visto di visto di conformità. Le dichiarazioni e le conformità, che NON tiene la contabilità del scritture contabili si intendono predisposte e cliente perché gestita dal cliente stesso ma tenute dal professionista anche quando sono redige la dichiarazione Iva dello stesso può su predisposte e tenute dal contribuente a quest ultima apporre il visto di conformità?. condizione che tali attività siano effettuate sotto il diretto controllo e la responsabilità dello stesso professionista. Una società di servizi i cui soci sono per meno NO. Il ced non può rilasciare il visto di 12

13 del 51% abilitati al rilascio del visto di conformità e che tiene la contabilità del cliente e redige la dichiarazione Iva può apporre il visto di conformità?. conformità. Resta la possibilità per il contribuente di farlo apporre ad uno dei professionisti ( soci del ced) abilitati al rilascio. Tale soggetto sarà colui che è tenuto a svolgere i controlli sopra indicati e a predisporre la dichiarazione Iva. 7. Tipologia di controlli Con l apposizione del visto di conformità, viene attestata l esecuzione dei controlli indicati dall'art. 2 del D.M. 31 maggio 1999, n. 164; norma su cui è intervenuta l Agenzia delle Entrate con la circolare n.134/e/1999 e n.57/e/2009 Per quanto riguarda, in particolare, le dichiarazioni presentate ai fini dell'iva, ancorché unificate, i controlli devono essere finalizzati: ad evitare errori materiali e di calcolo nella determinazione dell imponibile, al corretto riporto delle eccedenze di credito; a verificare la regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai fini dell Iva. Da un punto di vista <<operativo>> i controlli connessi al rilascio del visto di conformità consistono: 1. nella verifica della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai fini dell IVA (controllo delle relative fatture di acquisto, vendita, corrispettivi, registri, ecc.); 2. nella verifica della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazioni delle risultanze delle scritture contabili; 3. nella verifica della corrispondenza dei dati esposti nelle scritture contabili con la relativa documentazione. Relativamente alla corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione Iva e della corrispondenza delle scritture contabili, tale verifica non comporta valutazioni di merito, ma il solo riscontro formale della loro corrispondenza, in ordine all'ammontare delle componenti positive e negative relative all'attività di impresa esercitata e rilevanti ai fini Iva. 13

14 Con la C.M. n.57/e/09 è stato, infatti, osservato che: tale verifica non comporta valutazioni di merito, ma il solo riscontro formale della loro corrispondenza in ordine all'ammontare delle componenti positive e negative relative all'attività esercitata e rilevanti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto. Tipologie di controlli di merito che NON debbono essere fatti verifica dell errata applicazione delle regole di detrazione dell Iva (si pensi ad esempio alle fatture delle auto, dei telefonini, delle spese di rappresentanza, ecc.); verifica dell inerenza delle fatture con l attività svolta: necessità di interrogarsi sulla veridicità delle fatture e delle operazioni sottostanti verifica della correttezza della aliquota Iva applicata; verifica dell obbligo di applicazione o non applicazione del riverse charge. Tipologie di controlli che debbono essere fatti verifica dell eventuale doppia registrazione di una fattura di acquisto la mancata registrazione di una fattura emessa, riscontrabile dal salto di protocollo piuttosto che dalla presenza fisica del documento mancante invece sui registri l errata registrazione di una nota di credito, registrata come fattura di acquisto l errata applicazione della percentuale di pro rata derivante dalla dichiarazione dell anno precedente La C.M. 57/E/2009 ha stabilito anche altre tipologie di controllo che il soggetto abilitato deve eseguire. In particolare, secondo l Agenzia il soggetto preposto per il rilascio del visto di conformità deve essere verificata la sussistenza di una delle fattispecie che, in linea generale, sono idonee a generare un credito Iva: la prevalente presenza di operazioni attive soggette ad aliquote più basse rispetto a quelle gravanti sugli acquisti e sulle importazioni; la presenza di operazioni non imponibili; la presenza di operazioni di acquisto o importazione di beni ammortizzabili; la presenza di operazioni non soggette all imposta; 14

15 le operazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli. Altre ipotesi dalle quali può emergere un credito Iva possono essere: l esistenza di versamenti periodici o in acconto eccedenti rispetto all effettivo debito riscontrato; l esistenza di assestamenti di pro-rata che determinino una posizione di credito; l esistenza di rettifiche della detrazione a favore del contribuente; l esistenza di un elevato volume di acquisti (approvvigionamento per magazzino) non seguito da un incremento delle operazioni attive di vendita; l esistenza di un riporto di credito dalla dichiarazione precedente. 8. Sanzioni per infedele rilascio del visto di conformità Per quanto concerne l eventuale rilascio di visto infedele, ovverosia l attestazione della sussistenza di un credito Iva inesistente o difforme rispetto a quello reale, comporta l applicazione di una sanzione amministrativa che va da un minimo di 258 ad un massimo di Nel caso in cui vi sino ripetute violazioni concernenti il rilascio del visto di conformità, ovvero di violazioni particolarmente gravi, è prevista a carico del soggetto abilitato la sospensione dalla facoltà di rilasciare il visto per un periodo da uno a tre anni. Qualora, il soggetto abilitato al visto di conformità, anche a seguito del periodo di sospensione, provveda a rilasciare visti infedeli è prevista l inibizione dalla facoltà di rilasciare il visto. I livello II livello III livello Tipo di violazione Rilascio di visto di conformità infedele Ripetuto rilascio di visti di conformità infedeli Rilascio di visto infedele anche a seguito del periodo di sospensione Sanzione Da 258 ad Sospensione dalla facoltà di rilasciare il visto di conformità per un periodo da 1 a 3 anni Inibizione dalla facoltà di rilasciare il visto di conformità L Agenzia delle Entrate, sempre con riferimento alle sanzioni applicabili per il rilascio infedele del visto di conformità, ha anche chiarito che non tutte le circostanza che possono dar luogo ad una rettifica della dichiarazione Iva sono oggetto di controllo o rilevazione da parte del 15

16 soggetto che rilascia il visto o l attestazione. Di conseguenza, alla luce del principio di consapevolezza sancito dall art. 5 del D.Lgs. n. 472/1997, la sanzione a carico dei responsabili dell assistenza fiscale dei CAF e degli altri soggetti abilitati deve essere applicata soltanto se vi sia discordanza tra quanto attestato tramite il rilascio del visto di conformità e i dati derivanti dall attività di liquidazione e di controllo. 16

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PARTNERS OLIVIERO PERNI LUCA DORENTI OF COUNSEL GIOVANNI INTRIGLIOLO BARBARA BONSIGNORI INTERNATIONAL PARTNERS LUCA SOLDATI LINDA MULLER MAURO BRAMBILLA MARCO GUBLER MASSIMO SOMMARUGA Milano, 2 marzo 2010

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DAMIA ADRIANI 1/10 OGGETTO VISTO DI CONFORMITÀ O SOTTOSCRIZIONE DELL ORGA DI CONTROLLO SULLA DICHIARAZIONE IVA ANNUALE PER LA COMPENSAZIONE DI CREDITI IVA PER IMPORTI SUPERIORI A 15.000,00 EURO ANNUI RIFERIMENTI

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto l'obbligo del visto di conformità

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93.

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93. VIA E MAIL Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione tributi Bologna, 16 novembre 2009 Agli Ordini Dei Commercialisti e degli Esperti contabili dell Emilia Romagna

Dettagli

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA Dott. Enrico Zanetti DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dott. Alessandro COTTO DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 06 17.02.2014 Visto di conformità La Legge di Stabilità 2014 estende il visto di conformità alle compensazioni orizzontali

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

OGGETTO: Check list visto di conformità

OGGETTO: Check list visto di conformità Informativa per la clientela di studio N. 29 del 18.02.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check list visto di conformità Per poter effettuare compensazioni orizzontali del credito IVA annuale,

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST»

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Check list per l abilitazione al rilascio del visto di conformità; 2. Fac simile comunicazione a D.R.E. da parte del professionista; 3. Fac simile

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO

LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA LA MANOVRA ESTIVA E LE NOVITA IN MATERIA DI ACCERTAMENTO Roma, 22 ottobre 2009 NUOVE COMPENSAZIONI

Dettagli

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO A cura di Fabio Napoli e Davide Sapienza VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE OTTOBRE 2014 1 PREMESSA L art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA (a cura di Renzo Radicioni, Antonella Finazzi, Eleonora Borzani, Carlo Sergi, Giancarlo Modolo e Corrado Sanvito) L art. 1, comma 574 della Legge 27 dicembre 2013

Dettagli

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @ RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO (da compilare, sottoscrivere e inviare in originale a mezzo posta al CAF in Via Ontani 48, 36100 Vicenza, o a mezzo telefax al n. 0444-349 501 o via mail a vistoiva@cafinterregionale.it)

Dettagli

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013)

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013) Visto di conformità La normativa e la sua applicazione (testo aggiornato al 04/02/2013) A cura di: Marco Sigaudo Sommario Introduzione e novità 2013... 3 Comunicazione dati iva... 4 Compensazioni... 5

Dettagli

Guida al visto di conformità ai fini delle compensazioni dei crediti Iva superiori a 15.000

Guida al visto di conformità ai fini delle compensazioni dei crediti Iva superiori a 15.000 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno ( Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Dicembre 28.12.2009 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371 A

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti 2 SOMMARIO Cos è il visto di conformità?.. 5 Chi è legittimato a rilasciare il visto di conformità?.......... 5 Un professionista senza partita

Dettagli

STUDIO BOIDI & PARTNERS

STUDIO BOIDI & PARTNERS & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. ALESSANDRO MARTINI Dott. CAROLA ALBERTI Dott. GIULIANA

Dettagli

TOMASSETTI & PARTNERS Studio di consulenza commerciale tributaria e del lavoro www.tomassetti-partners.it

TOMASSETTI & PARTNERS Studio di consulenza commerciale tributaria e del lavoro www.tomassetti-partners.it CIRCOLARE APPROFONDIMENTO NR. 2 DEL 13.02.2013 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA 2013 RIF. DI LEGGE: DL 78/2009 ; Premessa Condizioni e termini per la Compensazione del credito IVA In periodi di

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E

Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E Primi chiarimenti in merito alle disposizioni stabilite dall'articolo 10 del decreto-legge n. 78 del 1 luglio 2009, convertito con modificazioni

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa.

Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa. Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa. a cura di Vittorio Di Guida Pagina 1 di 16 Sommario 1. Premessa....3 2. Assistenza fiscale

Dettagli

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012

Corso di Aggiornamento 730/2013. Dichiarazione dei Redditi 2012 Corso di Aggiornamento 730/2013 Dichiarazione dei Redditi 2012 A cura di Ansanelli Francesco Il visto di conformità rilasciato sui modelli 730 Il visto di conformità Il modello 730 è un modello diverso

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI INIZIALE ABILITAZIONE - E DI MANTENIMENTO - AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ NORMATIVA DI RIFERIMENTO La disciplina

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Documento di ricerca n. 149 SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento ha l obiettivo di riassumere la disciplina sulla

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012

Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012 Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012 Responsabilità negli appalti. Ammessa l autocertificazione dell avvenuto adempimento degli obblighi fiscali Responsabilità negli appalti: ammessa l autocertificazione

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 febbraio 2015 OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 2 INDICE 1. ADEMPIMENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 58/2015 Aprile/15/2015 (*) Napoli 28 Aprile 2015 Entro il prossimo 30 aprile 2015, i contribuenti, che risultano in possesso dei requisiti

Dettagli

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali !!" " # " " # # # Milano, 23 luglio 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Dettagli

QUADERNI n 92 di Schede di Aggiornamento. 512 pagine euro 35,00 (IVA inclusa)

QUADERNI n 92 di Schede di Aggiornamento. 512 pagine euro 35,00 (IVA inclusa) QUADERNI n 92 di Schede di Aggiornamento 512 pagine euro 35,00 (IVA inclusa) per acquisti: EUTEKNE S.p.A. Corso Vinzaglio, 35-10121 TORINO telefono +39.011.562.89.70 fax +39.011.562.76.04 e-mail: info@eutekne.it

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI QUALITÀ E SOLUZIONI Dott. PAOLO VIANO Dott. ROMINA BELLELLI Dott. ALESSANDRO BELTRAMI Dott. UMBERTO BARBOLINI Rag. DANIELA CAVALCA Dott. DANIELA GUALTIERI

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione;

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 21 febbraio 2014 Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Contrasto indebiti rimborsi modello 730 Deducibilità

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n. CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 25 settembre 2014 OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n. 4 del 14/1/2014 OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Con la presente vogliamo rammentare ai contribuenti le modalità di utilizzo del credito onde evitare errate,

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n.

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n. Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 Scadenza presentazione domande: ore 12,00 del 09/01/2012 A.S.P. CITTA DI SIENA Via Campansi n. 18 - SIENA AVVISO

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott. Fausto Braglia Dott. Paolo Caprari Reggio Emilia, lì 12 gennaio 2016 CIRCOLARE

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Gestione Credito IVA Annuale

Gestione Credito IVA Annuale HELP DESK Nota Salvatempo 0004 MODULO Gestione Credito IVA Annuale Quando serve La normativa Novità 2012 La funzione consente di gestire in modo automatico i vincoli sull utilizzo del credito introdotti

Dettagli

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. Circolare n. 15 Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. 633/1972) Indice 1 Premessa... 2 2 I rimborsi Iva trimestrali per i soggetti

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 8

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA'

VISTO DI CONFORMITA' VISTO DI CONFORMITA' IL RILASCIO DA PARTE DEI PROFESSIONISTI I venerdì con l'agenzia delle Entrate: pillole di fiscalità Roma, 13 aprile 2012 I soggetti abilitati 2 I professionisti che possono rilasciare

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana IL REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13 legge n. 388/2000) GENNAIO 2008 SOGGETTI AMMESSI Possono beneficiare del regime agevolato in esame: le

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2014

NOTA OPERATIVA N. 11/2014 NOTA OPERATIVA N. 11/2014 OGGETTO: compensazione di crediti tributari. - Introduzione Mediante il meccanismo della compensazione, i contribuenti hanno la possibilità di pagare le imposte e i contributi

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta CIRCOLARE A.F. N. 131 del 4 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE IVA Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 10, D.L. 1 LUGLIO 2009 N. 78 CONV. IN L. 3 AGOSTO 2009 N. 102 - ARTT. 30, 3 COMMA, 38-BIS, D.P.R. 26.10.1972 N. 633;

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Marzo 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

L ATTIVITA DEL CAF Asseverazione degli studi di settore

L ATTIVITA DEL CAF Asseverazione degli studi di settore C A F I M P R E S E F E D E R C E D S. r. l. Unipersonale Centro di assistenza fiscale alle Imprese Autorizzato dall Agenzia delle Entrate all esercizio di attività di Assistenza Fiscale alle Imprese in

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA E TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI

FATTURAZIONE ELETTRONICA E TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 27/2015 Del 15 ottobre 2015 FATTURAZIONE ELETTRONICA E TRASMISSIONE TELEMATICA

Dettagli