COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia"

Transcript

1 DETERMINAZIONE N. 166 DATA DI EMISSIONE 21/05/2013 NUMERO DI SETTORE 53 ORIGINALE OGGETTO : IMPEGNO DI SPESA PER IL SERVIZIO DI PULIZIA IN VARI PRESIDI PER GLI ANNI ALLA APPRODO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS A R.L. EX ART.5 C. 1 L. 08/11/91 N. 381 IL RESPONSABILE U.O.C. TECNICA VISTO il decreto sindacale prot. 668 del 10/01/2013, con il quale ai sensi di quanto disposto dall art. 50, comma 10 e dell art. 109, comma 2, del D.Lgs 18/08/2000, n. 267, il sottoscritto è stato nominato Responsabile dell area sopra indicata, con attribuzione delle funzioni di cui all art. 107, commi 2 e 3 dello stesso D.Lgs 267/2000; RICHIAMATE: - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 69 del 27/10/2006, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il Regolamento di contabilità; - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 in data 13/06/2012, esecutiva ai sensi di legge, di approvazione del Bilancio di Previsione 2012 e il Bilancio Pluriennale 2012/2014; - la deliberazione della Giunta Comunale n. 126 del 13/06/2012, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il PEG ed assegnati al sottoscritto i capitoli di spesa ai sensi dell art. 169 del D.Lgs 267/2000; RICHIAMATI: - l art. 1, comma 381 della legge 24/12/2012, n. 228 (legge di stabilità 2013) che dispone il differimento al 30/06/2013 del termine per l approvazione del Bilancio di Previsione per gli Enti Locali; - l art. 163, comma 1 e 3 del TUEL approvato con D.Lgs 267/2000; RICHIAMATA la deliberazione Giunta Comunale n 57 del 24/04/2013 con la quale è stata approvata la Convenzione con la Approdo Cooperativa Sociale Onlus ai sensi della L. 08/11/91 n 381 per lo svolgimento del servizio di pulizia in vari presidi per gli anni , sul presupposto che la legge n. 381/1991 all art.5 e la L.R. 16/93 agli articoli 8,9,10 prevedono per gli

2 Enti Pubblici possibilità di stipulare convenzioni, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, con cooperative che finalizzino lo svolgimento della loro attività all inserimento lavorativo di persone svantaggiate; PRESO ATTO che i prezzi offerti dalla la Approdo Cooperativa Sociale Onlus sono in linea con i prezzi di mercato e raffrontabili con i costi ad oggi sostenuti per l effettuazione del servizio dall Amministrazione Comunale; VISTI gli allegati: disciplinare del servizio di che trattasi, che prevede un importo annuo di ,24 + IVA per gli anni 2013/1015; documento unico valutazione rischi da interferenze (DUVRI); VISTO l art. 151, comma 4 e 183 del D.Lgs. n. 267 del 18/08/2000; D E T E R M I N A 1. di impegnare per il servizio di pulizia in vari presidi per gli anni alla Approdo Cooperativa Sociale Onlus con sede in viale Mazzini, Mazzano (BS) C.F. e P. IVA e conseguentemente, di impegnare a suo favore, l importo complessivo annuo di ,70 inclusa IVA, imputandolo ai seguenti capitoli: 1421 codice meccanografico avente per oggetto Appalto pulizie edifici per ,70 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 6850 codice meccanografico avente per oggetto Spese di funzionamento Lascito Balduzzi per 1.452,00 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 4507 codice meccanografico avente per oggetto Spese pulizia palestra per 3.750,00 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 2. di approvare il: disciplinare del servizio, documento unico valutazione rischi da interferenze (DUVRI), 3. di comunicare, ai fini del rispetto dell art. 3, comma, 5 della legge n. 136/2010, all area finanziaria quanto segue: - il CIG corrisponde a DA3, - il creditore è identificato al punto 1 della presente determinazione, - i pagamenti relativi al presente affidamento avverranno sul conto corrente bancario indicato con successiva comunicazione (in forma riservata); 4. di dare esecuzione alla presente dopo l apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria, ai sensi dell art. 151, comma 4 del D.Lgs 267 del 18/08/2000 e la relativa registrazione della spesa; 5. di dare atto che, ai fini dell osservanza della legge 136 del 13/08/2010, verrà richiesto al terzo creditore adeguata autocertificazione indicante il conto corrente dedicato nonché i dati IBAN corrispondenti, prima della liquidazione della spesa; 6. di inviare la presente per competenza all ufficio segreteria per i conseguenti adempimenti;

3 7. di dare atto che con la pubblicazione della presente determinazione, vengono assolti gli obblighi di cui agli articoli 26 e 27 del D. Lgs. 33/2013 recante il Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni. IL RESPONSABILE U.O.C. Peruzzi Arch. Mauro

4 Visto si attesta la regolarità contabile e la copertura finanziaria della determinazione di cui all'oggetto ai sensi dell'art. 151, comma 4, del D.L. 18 Agosto 2000 n IMPEGNO ESERC. CAPITOLO DESCRIZIONE CAPITOLO IMPORTO APPALTO PULIZIE EDIFICI COMUNALI , SPESE DI FUNZIONAMENTO E 1.452,00 MANUTENZIONE LASCITO BALDUZZI PREST. SERVIZI SPESE PULIZIA PALESTRA VIA UDINE - SERV. RILEV. AI FINI IVA 3.750,00 Osservazioni : Data visto di regolarità Contabile Esecutività: 28/05/2013 IL RESPONSABILE U.O.C. Quecchia rag. Giacoma CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Copia della presente determinazione viene pubblicata mediante affissione all' Albo pretorio del Comune in data odierna per rimanervi quindici giorni consecutivi. Dal 13/06/2013 al 28/06/2013 Il Messo Comunale Giovanna Romano

5 Ufficio Tecnico settore LL.PP. DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI ALCUNI EDIFICI PUBBLICI ANNI Botticino, marzo \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

6 ART. 1 OGGETTO ED IMPORTO DELL AFFIDAMENTO Il presente disciplinare regola il servizio di pulizia ordinaria e straordinaria di alcuni edifici pubblici come indicati nel successivo articolo, assumendo a carico dell appaltatore ogni spesa relativa alla mano d opera, alla fornitura del materiale (detersivi, scope, strofinacci, ecc), nonché a tutto quanto necessario per l esecuzione dello stesso (scaletti, scale, trabatelli, ecc.). Il valore stimato annuo dell appalto è di Euro ,24 + iva, pari a complessivi Euro ,15 + iva comprensivo dell onere per la sicurezza dell 0,5% (Euro 905,00 totali), come da allegata tabella riepilogativa. ART. 2 EDIFICI E PRESTAZIONI Le prestazioni relative al servizio di cui al presente disciplinare comprendono, per gli edifici elencati e per le relative superfici, suddivise in tre tipologie determinate in base alla presenza o meno, di arredi: a) Pulizia ordinaria Edificio 2 Superfici (mq.) vuoto bagni arredato TOTALE 1 Municipio * 576,14 40,21 641, ,40 2 Uffici pubblici di Via Udine 234,90 12,58 154,47 401,95 3 Biblioteca comunale 175,13 23,67 288,98 487,78 4 Sala pubblica San Gallo e Ambulatorio San Gallo 51,66 13,75 64,00 128,75 5 Sala pubblica Via Carini 143,53 12,00 69,54 225,07 6 Pesa pubblica di Via Del Marmo 4,56 8,84 13,40 7 Museo del Marmo 244,50 244,50 8 Palestra Scuola Elementare Botticino Sera** 199,00 8,50 207,50 9 Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina** 722,35 63,55 785,90 10 Scuola materna San Gallo 107,00 23,60 88,90 219,50 11 Miniappartamenti Via D Azeglio (parti comuni) (*) = I prezzi che saranno offerti si intendono comprensivi anche delle pulizie del porticato, della corte. Il solaio, sarà eseguito a richiesta per l importo di Euro 350,00. (**) = Gli interventi sono riferiti all effettivo utilizzo della struttura in base al calendario scolastico, le comunicazioni sono effettuate dall Ufficio LL.PP. su indicazione dell Ufficio Pubblica Istruzione. Nel servizio di pulizia ordinaria è compresa la pulizia dei vetri ad altezza d uomo delle finestre del Municipio ed uffici di Via Udine con relativi sopraluce, Biblioteca, Pesa pubblica, che verrà svolto a rotazione durante il lavoro ordinario almeno due volte l anno. a) Pulizia straordinaria Edificio Tipo di intervento Frequenza interventi a) Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina Pulizia vetri interni ed esterni Semestrale b) Palestra Scuola Elementare Botticino Sera Pulizia vetri interni ed esterni Compreso in pulizie ordinarie c) Lascito Balduzzi Pulizia vetri interni ed esterni Annuale d) Scuola materna San Gallo Pulizia vetri interni ed esterni Semestrale e) Miniappartamenti Via D Azeglio Pulizia tunnel e scivolo esterno Trimestrale ART. 3 DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI a) Pulizia ordinaria Si intendono tutte quelle operazioni volte a mantenere ordinato e pulito l edificio interessato ed i suoi arredi, comprendendo: \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

7 - Spazzatura, vuotatura cestini, portacenere, ecc. con separazione e conferimento differenziato del rifiuto; - Spolveratura e lavaggio con detergente igienico sanificante di tutti i piani di lavoro, scrivanie, cassettiere; - Scopatura pavimenti, pianerottoli e corridoi con scope elettrostatiche e con altre attrezzature idonee in rapporto alla tipologia e alle condizioni, qualunque esse siano delle superfici da trattare; - Lavaggio con acqua e manutenzione appropriata dei pavimenti con l eliminazione di eventuali macchie nei corridoi, uffici, atri, con spostamento e riposizionamento delle cassettiere e delle poltroncine presenti negli uffici; - Lavaggio delle scale; - Spolveratura di tutti i mobili, suppellettili, apparecchiature video e stampanti; - Lavaggio con idoneo prodotto disinfettante dei telefoni; - Eliminazione delle impronte sulle porte a vetro; - Accurata pulizia delle vetrate relative agli sportelli (ad esempio Ufficio Servizi Sociali, Ufficio Anagrafe); - Lavaggio accurato, con appropriati prodotti di disinfezione, di tutti i servizi igienici; - Pulizia del pavimento del portico di ingresso; - Approntamento Sala Consiglio; - Deragnatura (quindicinale); - Pulizia dei vetri ad altezza d uomo svolta a rotazione, una/due volte l anno. b) Pulizia straordinaria Comprende tutte quelle operazioni non ripetitive che venissero ordinate in via speciale dall Amministrazione Comunale nonché la pulizia delle superfici vetrate che necessitano dell uso di trabatelli. c) Interventi straordinari Approntamento e sistemazione sedie nonché posa impianto voci o altro, per manifestazioni varie effettuate in locali diversi (es. 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, 1 novembre, ecc.), pulizie di fine cantiere, traslochi. ART. 4 FREQUENZE DI INTERVENTO Le prestazioni di pulizia ordinaria si svilupperanno di massima con le frequenze sotto indicate che potranno variare secondo specifiche esigenze dell Amministrazione Comunale previo accordo con la ditta assuntrice del servizio: Edificio n. passaggi alla settimana - Municipio 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi - Uffici pubblici di Via Udine 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi - Biblioteca comunale** 4 passaggi per 39 settimane / 2passaggi per 13 settimane - Sala pubblica Via Carini 1 passaggio - Sala pubblica e ambulatorio San Gallo 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina A richiesta dell ufficio P.I. Palestra Scuola Elementare Botticino Sera A richiesta dell ufficio P.I. Museo del Marmo 1 passaggio al mese Pesa pubblica di Via Del Marmo 1 passaggio alla settimana Scuola materna San Gallo 5 passaggi alla settimana per 45 settimane annue Miniappartamenti Via D Azeglio 2 passaggi al mese * per il servizio presso la Biblioteca, in ragione della diminuzione dell affluenza alla fine del periodo scolastico,la frequenza viene ridotta a 2 passaggi durante i 3 mesi estivi. 3 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

8 ART. 5 CONTABILIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di pulizia ordinaria viene compensato a misura, secondo la tabella di cui al precedente art. 2, distinguendo tra le superfici dei locali destinati ad ufficio arredati e quelle di locali non arredati. Il dettaglio di ciascun edificio è contenuto nelle tabelle allegate. Costo per pulizia ordinaria con passaggio quotidiano: Euro/mq. 0,15 per locali arredati e bagni; Euro/mq. 0,07 per locali vuoti. Detto costo è fisso ed invariabile sino ad una frequenza di n. 3 passaggi settimana; al di sotto di tale frequenza il costo unitario dovrà essere aumentato del 20%. Il servizio di pulizia delle palestre viene contabilizzato ad ore di effettivo servizio, reso a richiesta dell Ufficio Pubblica Istruzione ed il costo orario è pari ad Euro/ora 15,36. La pulizia straordinaria dei vetri viene compensata come segue: Municipio mq. 246,32 Uffici pubblici di Via Udine mq. 84,11 Biblioteca comunale mq. 115,09 Sala pubblica Via Carini mq. 118,04 Sala ed ambulatorio pubblica San Gallo mq. 494,80 Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina mq. 116,43 Palestra Scuola Elementare Botticino Sera mq. 50,00 Museo del Marmo mq. 238,20 Pesa pubblica di Via Del Marmo mq. 14,48 Il costo orario del personale è pari ad Euro 15,65 per servizi occasionali richiesti in occasione di festività. Art. 6 Personale addetto Il personale disporrà delle chiavi di accesso ai locali e pertanto gli incaricati del servizio dovranno essere opportunamente selezionati. All uopo la ditta, all assunzione del servizio ed in occasione di ogni cambiamento, dovrà depositare l elenco del personale addetto; l Amministrazione Comunale si riserva di approvare detto elenco e potrà comunque chiedere la sostituzione di coloro che non fossero ritenuti idonei, per fondate e motivate ragioni. Il personale impiegato dovrà essere munito di idoneo tesserino di riconoscimento che consentirà l accesso agli edifici comunali. Per ragioni di sicurezza il personale è tenuto ad esporre il suddetto tesserino sulla divisa di lavoro (che deve riportare il nominativo dell Impresa aggiudicataria). Sarà compito del responsabile degli addetti di provvedere alla chiusura di tutti i locali e dei cancelli esterni ove esistenti. L Impresa aggiudicataria dovrà nominare un suo referente a cui il Comune possa fare riferimento durante tutto l orario di servizio, che dovrà inoltre essere sempre reperibile telefonicamente per coordinare il lavoro di pulizia e le diverse attività accessorie. L Impresa dovrà documentare che il suo Referente sia stato formato in materia di sicurezza e prevenzione come previsto dalla vigente legislazione. Il Referente dell Impresa avrà il compito di programmare, coordinare, controllare e far osservare al personale impiegato le funzioni ed i compiti stabiliti, di intervenire, decidere e rispondere direttamente riguardo ad eventuali problemi che dovessero sorgere in merito alla regolare esecuzione delle prestazioni appaltate ed accertare gli eventuali danni. Pertanto, tutte le comunicazioni e contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con il Referente dell Impresa, dovranno intendersi fatte direttamente all Impresa stessa. 4 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

9 L impresa dovrà compilare quotidianamente un Registro presenza, indicando il personale presente in ciascuna sede facendone pervenire copia all Amministrazione Comunale ogni mese o a semplice richiesta dell UTC LL.PP. Il Comune nominerà un proprio Responsabile per il coordinamento e la vigilanza sul servizio di pulizia e sui servizi accessori ricompresi nel presente appalto, Responsabile che sarà l unico referente dell Impresa per i servizi affidati in appalto. Il Responsabile nominato dal Comune avrà facoltà e diritto, in ogni momento, di eseguire accertamenti sulle attrezzature ed i prodotti utilizzati per la pulizia che dovranno risultare corrispondenti alle specifiche tecniche. Il controllo si esplicherà mediante controlli sul rispetto di quanto indicato nel piano di lavoro e, più in generale, in tutta la documentazione presentata in sede di offerta. Non saranno riconosciuti all Impresa corrispettivi relativi a lavori straordinari non espressamente autorizzati dal Responsabile comunale. MATERIALE D USO E ATTREZZATURE I materiali impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia (ad esempio: biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità). L Impresa aggiudicataria dovrà sottoporre al Responsabile comunale, prima del loro utilizzo, le schede tecniche e le schede di sicurezza, redatte in lingua italiana, di tutti i prodotti (detergenti, disinfettanti, ecc.) che intende impiegare, comprendenti: - il nome del produttore, - le caratteristiche del prodotto - il contenuto in percentuale dei principi attivi, - il dosaggio di utilizzo, - il ph della soluzione in uso, - i simboli di pericolo, le frasi di rischio e prudenza e le indicazioni per il primo intervento. E vietato l uso di prodotti tossici e/o corrosivi ed in particolare acido cloridrico e ammoniaca. I detergenti ed i disinfettanti devono essere utilizzati ad esatta concentrazione e devono essere preparati di fresco. E vietato l uso di sostanze acide ed eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o coloranti sui pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerati; sulle superfici di grès si potranno usare dei detergenti lievemente acidi; sui pavimenti in PVC, linoleum e gomma, non potranno essere usati prodotti contenenti idrocarburi, detersolventi o prodotti all anilina che li danneggerebbero irreparabilmente. Per il pavimento in cotto dovranno essere utilizzati detergenti specifici. Tutti i servizi oggetto del presente appalto dovranno essere eseguiti con strumenti ed attrezzature proprie, nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza del lavoro e dei criteri generali di sicurezza antincendio. Tutte le macchine, i componenti di sicurezza le attrezzature impiegate nell espletamento del servizio dovranno essere conformi a quanto stabilito dal T.U. 81/08. L Impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine che delle attrezzature tecniche. Il Comune non sarà responsabile nel caso di eventuali danni o furti di macchine ed attrezzature. ART. 7 - ONERI ED OBBLIGHI Sono a carico della ditta, senza diritto di rivalsa, i seguenti oneri ed obblighi: a) tutte le spese derivanti dalla stesura del contratto. b) l'osservanza delle norme derivanti dalle vigenti leggi e decreti relativi all'assicurazione del personale contro gli infortuni sul lavoro. c) l'applicazione ai lavoratori dipendenti delle condizioni normative non inferiori a quelle stabilite dai contratti di lavoro collettivo vigenti al momento dell'esecuzione delle prestazioni. d) l'assunzione di una polizza assicurativa per danni a cose e persone procurati dal personale della ditta durante l'espletamento del servizio, sollevando da qualsiasi responsabilità l'amministrazione Comunale. e) il rimborso di tutti i danni derivanti da incapacità, imperizia o comunque non imputabili all'appaltatore del servizio. f) la fornitura di attrezzature di lavoro e dei materiali di consumo richiesti per lo svolgimento del servizio. Il Comune mette a disposizione gratuitamente l acqua e l energia elettrica necessaria per l espletamento del servizio, nonché un locale ripostiglio o magazzino per il deposito del materiale. 5 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

10 Per quanto non compreso nel presente disciplinare si fa riferimento alle disposizioni di legge ed ai regolamenti vigenti in materia. ART. 8 DURATA DEL CONTRATTO - RINNOVO Il contratto d opera di cui al presente disciplinare avrà durata di 2 anni a partire dal 01/04/2013 fino al 31/12/2015 ed è rinnovabile, per un periodo non superiore al primo, alle stesse condizioni. La ditta appaltatrice se richiesto dall Amministrazione Comunale con preavviso di almeno 3 mesi sulla scadenza stabilita, è tenuta a prorogare il servizio alle stesse condizioni economiche previste nel presente disciplinare, al fine di garantire la continuità del servizio, nelle more di una nuova aggiudicazione ART. 9 - REVISIONE PREZZI Ai sensi delle norme vigenti è ammessa la revisione dei prezzi per tutto il periodo di validità del contratto, in base all andamento dell indice generale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati quale risulta dalle pubblicazioni ISTAT in base all andamento dell indice generale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati (ex costo vita) quale risulta dalle pubblicazioni ISTAT con base = 100. I prezzi delle prestazioni e delle somministrazioni riportati nell'offerta, verranno adeguati annualmente secondo i criteri di cui sopra. Non si applica l'art del Codice Civile. ART RESCISSIONE DEL CONTRATTO L'inosservanza delle norme di cui al presente disciplinare, con particolare riguardo all'inefficienza riscontrata, nonché la provata frode o grave negligenza nell adempimento degli obblighi contrattuali od ancora nel caso di subappalto del contratto, dà facoltà all'amministrazione Comunale, previa costituzione in mora della ditta mediante tre richiami scritti, di recedere dal contratto con escussione della cauzione ex art. 13, senza che l'appaltatore possa pretendere alcunché per rivalsa, danni, mancato guadagno, ecc.; allo stesso verranno riconosciute le sole prestazioni maturate fino alla data di rescissione al netto delle eventuali penali. ART MODALITÀ DI PAGAMENTO Le prestazioni di cui al presente disciplinare saranno liquidate ogni mese, con pagamento della fattura a 30 giorni fine mese data fattura e previo visto di controllo dell'ufficio Tecnico e complete del calendario con specificate le prestazioni effettuate. Le fatture dovranno essere separate e così distinte: 1) edifici pubblici 1.a) municipio 1.b) uffici di Via Udine 1.c) sala Via Carini 2) biblioteca 3) sala Via San Gallo 3.a) ambulatorio San Gallo 3.b) museo del marmo 4) palestra Botticino Mattina 5) palestra Botticino Sera 6) pesa pubblica 7) scuola materna San Gallo 8) miniappartamenti Via D Azeglio 8.a) pulizia mensile parti comuni 8.b) pulizia trimestrale tunnel e scivolo Sulla fattura potrà essere operata d'ufficio la penale di cui al successivo articolo. 6 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

11 ART PENALI Per ogni inadempienza riscontrata e contestata alla ditta verrà applicata una penale di Euro 100,00 (cento) che sarà detratta, previa notifica alla ditta, sulla prima fattura in pagamento nel periodo successivo. ART CAUZIONE All'atto del contratto la ditta affidataria dovrà depositare nelle forme e nei modi previsti dalle norme vigenti, una cauzione pari al 10% dell'importo contrattuale in ragione d'anno, ex art.113 D.Lgs. 163/06. Detta cauzione sarà restituita alla conclusione del contratto e sulla stessa l'amministrazione Comunale potrà rivalersi nelle forme di legge per inadempienze, danni e quanto altro imputabile alla ditta medesima. ART. 14 SUBAPPALTO - DIVIETI È vietato all'appaltatore subappaltare in tutto od in parte le prestazioni di cui al presente disciplinare, se non espressamente autorizzato dall Amministrazione Comunale. Gli è altresì vietato variare per qualsiasi ragione il servizio affidato; tutte le modifiche che si dovessero rendere necessarie dovranno essere concordate con l Amministrazione Comunale che dovrà preventivamente approvarle. ART. 15 INTERVENTI AGGIUNTIVI O STRAORDINARI Alla ditta appaltatrice potranno essere affidati interventi straordinari od aggiuntivi ai prezzi e condizioni di cui al presente disciplinare od a quelli che saranno definiti di volta in volta, per ogni singolo intervento. ART INVARIABILITÀ DEI PREZZI Il prezzo offerto dalla ditta sarà comprensivo di ogni onere riflettente le diverse assicurazioni del personale, gli adempimenti prescritti in tema di fornitura vestiario, attrezzature di lavoro, materiali di consumo e rimborso spese di trasporto e trasferimento, le garanzie e le polizze richieste o comunque prescritte dalle leggi vigenti e sarà formulato in base a calcoli di convenienza propria dell'appaltatore medesimo, a tutto suo rischio, e quindi esso è fisso ed invariabile, salvo che per gli aggiornamenti annuali previsti in convenzione. Le superfici di cui alle allegate tabelle presente elenco ed alla specifica indicata all art. 2 sono da ritenersi standardizzate ed accettate dalle parti come unico riferimento attendibile, senza variazione alcuna che non sia dovuta ad aumento o diminuzione degli spazi stessi. L Amministrazione Comunale La ditta 7 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

12 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA all art. 26 comma 1 lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Servizio di pulizia edifici comunali anni 2013/2014/2015 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 1 di 11

13 PREMESSA NORMATIVA Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 in attuazione dell art. 1 della legge 3 Agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Il presente documento di valutazione contiene le principali informazioni/prescrizioni in materia di sicurezza per fornire all impresa appaltatrice o ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività in ottemperanza all art. 26 comma 1 lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 che cita: a) al comma 3: Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile ridurre al minimo i rischi da interferenze. Tale documento è allegato al contratto di appalto o d opera. Le disposizioni del presente comma non si applicano ai rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. Tale documento e' allegato al contratto di appalto o d'opera. b) Per quanto concerne i costi della sicurezza per i contratti di lavori pubblici (e per il settore privato), il presente DOCUMENTO DI VALUTAZIONE si attiene a quanto previsto nelle Linee Guida per l applicazione del DPR 222/2003, approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data 1 marzo In tale documento viene evidenziano come i costi della sicurezza per i lavori sono solo e soltanto quelli individuati nell art. 7 del DPR 222/2003, così come ribadito anche dalla determinazione n. 4/2006 dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici. I costi della sicurezza non possono essere soggetti a ribasso in sede di gara. c) La ditta appaltatrice dovrà produrre un proprio piano operativo sui rischi connessi alle attività specifiche, coordinato con il DVR unico definitivo Secondo la Determinazione n.3 del 5 marzo 2008 Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture. Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi (DUVRI) e determinazione dei costi della sicurezza (GU n. 64 del ): Deve, inoltre, essere sottolineato che la valutazione dei rischi da interferenze, in particolare negli edifici quali, a titolo esemplificativo, ospedali e scuole, deve avvenire con riferimento non solo al personale interno ed ai lavoratori delle imprese appaltatrici, ma anche agli utenti che a vario titolo possono essere presenti presso la struttura stessa quali degenti, gli alunni ed anche il pubblico esterno. Contratto di appalto o contratto d'opera 1. I datori di lavoro, ivi compresi i subappaltatori, devono promuovere la cooperazione ed il coordinamento, in particolare: a) cooperano all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto; b) in caso di subappalto, coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva; c) attuano misure di prevenzione e protezione dai rischi derivanti dall attività oggetto dell appalto Prima dell affidamento dei lavori si provvederà: a verificare l idoneità tecnico-professionale dell impresa appaltatrice (art. 39 D.Lgs. 163/06); e in caso di subappalto delle imprese subappaltatrici; del lavoratore autonomo, attraverso la acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato e dell'autocertificazione dell'impresa appaltatrice; dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale o fornire in allegato al contratto il documento unico di valutazione dei rischi che sarà costituito dal presente \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 2 di 11

14 documento preventivo, eventualmente modificato ed integrato con le specifiche informazioni relative alle interferenze sulle lavorazioni che la ditta appaltatrice dovrà esplicitare in sede di gara. INDICAZIONI DI BASE SULL IMPOSTAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO IN APPALTO PER QUANTO RIGUARDA LA SICUREZZA Si ritiene opportuno ricordare a tutti coloro che saranno chiamati a fornire o partecipare ad un lavoro, quanto sia importante svolgere ogni attività nelle migliori condizioni operative, onde ridurre al minimo incidenti e/o infortuni. Le imprese esterne o lavoratori autonomi che hanno in appalto o subappalto lavori hanno l obbligo di considerare la sicurezza come una priorità assoluta, per salvaguardare sia il proprio personale ed i propri beni, sia quelli dell Amministrazione che le ospita. Ne consegue la necessità di mettere in atto tutte le misure necessarie a prevenire incidenti ed infortuni. A tale scopo l impresa appaltatrice (azienda o lavoratore autonomo) deve: manifestare espressamente ai propri dipendenti il proprio impegno prioritario per la sicurezza; predisporre attrezzature adeguate allo svolgimento di lavori; preparare i piani di lavoro in sicurezza; provvedere ad addestrare il proprio personale sui rischi insiti nella propria mansione e su quelli rappresentati dagli impianti su cui lavora e dai prodotti che manipola. Le imprese appaltatrici ed i lavoratori autonomi saranno pienamente responsabili, a tutti gli effetti civili e penali, per danni al proprio personale, a terzi o a beni del committente causati dalla inosservanza, da parte delle imprese stesse e del loro personale, delle disposizioni di legge che regolano la materia. La Direzione Lavori ed il Servizio di Prevenzione e Protezione del committente potranno intervenire presso le imprese esterne richiamandole all osservanza delle norme di sicurezza, rimanendo comunque le imprese stesse pienamente responsabili del loro operato. CONTENUTI DELL ELABORATO Il presente documento di valutazione dei rischi, specifico per l attività di Pulizia degli edifici comunali affidata a ditte/lavoratori esterni, analizza i rischi a cui sono complessivamente soggetti, con l obbiettivo di promuovere la cooperazione e il coordinamento al fine di individuare ed eliminare eventuali interferenze nel rispetto dei disposti di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81/08. Il Servizio comprende anche occasionalmente, piccoli lavori di facchinaggio per spostamento di arredi o documenti da una sede all altra di proprietà comunale, approntamento di sedie e microfoni per manifestazioni presso il Municipio o la Biblioteca, in occasione di ricorrenze. PRIMA PARTE Criteri e metodi di valutazione adottati SECONDA PARTE Informazione sui rischi presenti TERZA PARTE Richiesta dei rischi specifici da parte dei soggetti esterni QUARTA PARTE Esame della valutazione e misure di sicurezza da applicare, suddivisa per tipologia di intervento: QUINTA PARTE Norme generali da rispettare. Costi sulla sicurezza. PRIMA PARTE CRITERI E METODO DI VALUTAZIONE ADOTTATI (art. 15 comma a) \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 3 di 11

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO PULIZIA UFFICI COMUNALI, UFFICI GIUDIZIARI, R.S.A. L. ACCORSI

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI COMUNE DI CAROSINO AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26, comma 3,

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia DETERMINAZIONE N. 5 DATA DI EMISSIONE 28/01/2014 NUMERO DI SETTORE 1 ORIGINALE OGGETTO : ASSUNZIONE IMPEGNO DI SPESA PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I.

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I. AFFIDAMENTO GESTIONE, IN VIA TEMPORANEA E SPERIMENTALE, DEL SERIVIZO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PER IL PERIODO DAL 01.03.2012 AL 30.06.2012 DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA COMUNE DI BROGLIANO SETTORE 3 - TECNICO U.O. 1: Edilizia Privata Urbanistica Ambiente Piazza Roma n. 8 36070 BROGLIANO (VI) c.f. 00267040244 ; tel. 0445-947570 ; fax 0445-947682 Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO FEDERICO DA PRATA Prata di Pordenone Scuole Primaria e Secondaria di 1 grado Codice fiscale 80007050935 Direzione: Via Martiri della Libertà 32-33080 PRATA DI PORDENONE N. tel.0434/425211

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia DETERMINAZIONE N. 125 DATA DI EMISSIONE 09/04/2013 NUMERO DI SETTORE 35 ORIGINALE OGGETTO : GESTIONE INTEGRATA DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO EX D.LGS. 81/08

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. N AN.... DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 9 Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, artt. 26 e 28 D.Lgs 81/2008 Stazione appaltante/ Committente:

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP

FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL COMPUTER DESKTOP Agente della Riscossione per le province siciliane DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (ai sensi dell art. 26, Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) FORNITURA IN NOLEGGIO DI PERSONAL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Di RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

AVVISO PUBBLICO PER AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Di RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE ISTRUZIONE SECONDARIA G. TASSINARI COD. NAIS09100C VIA FASANO,13 POZZUOLI 80078 TEL 081 5265754 FAX 081 5266762 E-MAIL NAIS09100C@istruzione.it SITO WEB www.itispozzuoli.it Prot. 3145/c14

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923

APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923 APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923 Tra la, con sede in Parma, Strada Garibaldi 16/a - CF e P.IVA 02208060349 e l Impresa appaltatrice

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, MISURE ADOTTATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari - Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 LOTTO 1 CIG. 634030378C Responsabilità civile terzi Responsabilità civile verso prestatori d opera

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIOASSISTENZIALE, CULTURALE, SCOLASTICO E TRIBUTI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 53 DEL 30/01/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA M.I.U.R. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA M.I.U.R. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA APPALTO PER LO SVILUPPO E GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DVRI STANDARD) (AI

Dettagli

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L'appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali della sede dell Istituto di Santa Margherita. Art. 2 - LUOGO DI ESECUZIONE DELL'APPALTO I servizi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 L obbiettivo di tale documento è quello di fornire all amministratore chiarezza proprio sulle responsabilità specifiche del suo ruolo e, non meno importante, di proporre

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26)

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26) Modulo A.1: Organizzazione sanitaria (Formazione di base) sanzionatoria (applicata all art. 26) Dlgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Consigliere con delega alla SSLL fulvi.francesco@gmail.com

Dettagli

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012.

Prot. n. 5059 San Marzano di San Giuseppe, 01/12/2012. Istituto Comprensivo Statale A.Casalini Via Lazio 3 74020 S.Marzano di S.G. (TA) TEL. 099/9574163 FAX:099/9571309 C.F.: 90121500731 Email:taic822009@istruzione.it Cod. mecc. TAIC822009 Sito internet: www.scuolacasalini.it

Dettagli

C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO

C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO C O M U N E D I SAN BENEDETTO DEL TRONTO PROCEDURA APERTA PER APPALTO DEL SERVIZIO BIENNALE DI DERATTIZZAZIONE-DISINFESTAZIONE-FUMIGAZIONE RETE FOGNARIA - DEL TERRITORIO ED EDIFICI COMUNALI- CIG. 2474953BD0

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DEL TEVERE E AGRO ROMANO. Servizio di Prevenzione e Protezione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

CONSORZIO DI BONIFICA DEL TEVERE E AGRO ROMANO. Servizio di Prevenzione e Protezione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e successive modifiche e integrazioni Rappresentante legale FEDERICA LOPEZ Responsabile del servizio di prevenzione e protezione NICOLA RICCIO Timbro e firma Timbro e firma SCHEDA

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Allegato 2 Documento contenente:

Allegato 2 Documento contenente: COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO - UNITÀ ECONOMATO PROTOCOLLO DI GESTIONE PER L'ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO GLI STABILI SEDI DI UFFICI E DIPENDENZE COMUNALI PER UN PERIODO DI TRE ANNI

Dettagli

10040 - Provincia di TORINO. Ufficio del Responsabile dei lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio e-mail roberto.racca@comune.volvera.to.

10040 - Provincia di TORINO. Ufficio del Responsabile dei lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio e-mail roberto.racca@comune.volvera.to. Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/08 art. 26 comma 3. Servizio di sgombero

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN) Codice Fiscale: 81018040931 Codice Meccanografico: PNIC81000P E-mail: pnic81000p@istruzione.it PEC: pnic81000p@pec.istruzione.it

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER Prot. N. 5338/C14 GARA AD INVITO SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (ex art.17, comma 1, lettera b, D. Lgs. 9.4.2008, n 81 e smi) NONCHÉ ESPLETAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A DETERMINAZIONE : AREA LAVORI PUBBLICI E AMBIENTE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE CONFERIMENTO INCARICO RELATIVO AGLI ADEMPIMENTI DI COORDINATORE

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca UTC D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO U.O.C. G.U.M. - ECONOMATO tel. 0825/292157 - fax. 0825/292022

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO U.O.C. G.U.M. - ECONOMATO tel. 0825/292157 - fax. 0825/292022 ALLEGATO C) REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO U.O.C. G.U.M. - ECONOMATO tel. 0825/292157 - fax. 0825/292022 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI CONSUMABILI PER MACCHINE D

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento FORMAZIONE OBBLIGATORIA SICUREZZA D. LGS. 81/08 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI MORI

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il Progettista Coordinatore Ing. VITO MARCHIONNA STEP ENGINEERING VIA PERSICETANA VECCHIA,

Dettagli

Marta Dalla Vecchia - Sezione di Padova. LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA

Marta Dalla Vecchia - Sezione di Padova. LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA LEGGE 123/07 MODIFICA: l art. 7 D.Lgs.. 626/94 l art. 86 del D.Lgs 163/06 PROCEDURA APPLICATIVA CAMPO DI APPLICAZIONE ART. 7 DECRETO LEGISLATIVO 19 SETTEMBRE 1994 n. 626 Affidamento di lavori ad imprese

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZIO DI PULIZIA PALESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE, AUDITORIUM, CENTRO POLIFUNZIONALE, CENTRO ANZIANI E AULA CONSILIARE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

SERVIZIO IGIENE URBANA Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza

SERVIZIO IGIENE URBANA Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza Considerazioni generali: Il presente documento viene redatto in ottemperanza alle disposizioni dell art. 26 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i.., secondo cui le stazioni appaltanti sono tenute a redigere il presente

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli