COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BOTTICINO Provincia di Brescia"

Transcript

1 DETERMINAZIONE N. 166 DATA DI EMISSIONE 21/05/2013 NUMERO DI SETTORE 53 ORIGINALE OGGETTO : IMPEGNO DI SPESA PER IL SERVIZIO DI PULIZIA IN VARI PRESIDI PER GLI ANNI ALLA APPRODO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS A R.L. EX ART.5 C. 1 L. 08/11/91 N. 381 IL RESPONSABILE U.O.C. TECNICA VISTO il decreto sindacale prot. 668 del 10/01/2013, con il quale ai sensi di quanto disposto dall art. 50, comma 10 e dell art. 109, comma 2, del D.Lgs 18/08/2000, n. 267, il sottoscritto è stato nominato Responsabile dell area sopra indicata, con attribuzione delle funzioni di cui all art. 107, commi 2 e 3 dello stesso D.Lgs 267/2000; RICHIAMATE: - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 69 del 27/10/2006, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il Regolamento di contabilità; - la deliberazione del Consiglio Comunale n. 32 in data 13/06/2012, esecutiva ai sensi di legge, di approvazione del Bilancio di Previsione 2012 e il Bilancio Pluriennale 2012/2014; - la deliberazione della Giunta Comunale n. 126 del 13/06/2012, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il PEG ed assegnati al sottoscritto i capitoli di spesa ai sensi dell art. 169 del D.Lgs 267/2000; RICHIAMATI: - l art. 1, comma 381 della legge 24/12/2012, n. 228 (legge di stabilità 2013) che dispone il differimento al 30/06/2013 del termine per l approvazione del Bilancio di Previsione per gli Enti Locali; - l art. 163, comma 1 e 3 del TUEL approvato con D.Lgs 267/2000; RICHIAMATA la deliberazione Giunta Comunale n 57 del 24/04/2013 con la quale è stata approvata la Convenzione con la Approdo Cooperativa Sociale Onlus ai sensi della L. 08/11/91 n 381 per lo svolgimento del servizio di pulizia in vari presidi per gli anni , sul presupposto che la legge n. 381/1991 all art.5 e la L.R. 16/93 agli articoli 8,9,10 prevedono per gli

2 Enti Pubblici possibilità di stipulare convenzioni, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, con cooperative che finalizzino lo svolgimento della loro attività all inserimento lavorativo di persone svantaggiate; PRESO ATTO che i prezzi offerti dalla la Approdo Cooperativa Sociale Onlus sono in linea con i prezzi di mercato e raffrontabili con i costi ad oggi sostenuti per l effettuazione del servizio dall Amministrazione Comunale; VISTI gli allegati: disciplinare del servizio di che trattasi, che prevede un importo annuo di ,24 + IVA per gli anni 2013/1015; documento unico valutazione rischi da interferenze (DUVRI); VISTO l art. 151, comma 4 e 183 del D.Lgs. n. 267 del 18/08/2000; D E T E R M I N A 1. di impegnare per il servizio di pulizia in vari presidi per gli anni alla Approdo Cooperativa Sociale Onlus con sede in viale Mazzini, Mazzano (BS) C.F. e P. IVA e conseguentemente, di impegnare a suo favore, l importo complessivo annuo di ,70 inclusa IVA, imputandolo ai seguenti capitoli: 1421 codice meccanografico avente per oggetto Appalto pulizie edifici per ,70 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 6850 codice meccanografico avente per oggetto Spese di funzionamento Lascito Balduzzi per 1.452,00 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 4507 codice meccanografico avente per oggetto Spese pulizia palestra per 3.750,00 della gestione in conto competenza del Bilancio per l esercizio finanziario 2013; 2. di approvare il: disciplinare del servizio, documento unico valutazione rischi da interferenze (DUVRI), 3. di comunicare, ai fini del rispetto dell art. 3, comma, 5 della legge n. 136/2010, all area finanziaria quanto segue: - il CIG corrisponde a DA3, - il creditore è identificato al punto 1 della presente determinazione, - i pagamenti relativi al presente affidamento avverranno sul conto corrente bancario indicato con successiva comunicazione (in forma riservata); 4. di dare esecuzione alla presente dopo l apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria, ai sensi dell art. 151, comma 4 del D.Lgs 267 del 18/08/2000 e la relativa registrazione della spesa; 5. di dare atto che, ai fini dell osservanza della legge 136 del 13/08/2010, verrà richiesto al terzo creditore adeguata autocertificazione indicante il conto corrente dedicato nonché i dati IBAN corrispondenti, prima della liquidazione della spesa; 6. di inviare la presente per competenza all ufficio segreteria per i conseguenti adempimenti;

3 7. di dare atto che con la pubblicazione della presente determinazione, vengono assolti gli obblighi di cui agli articoli 26 e 27 del D. Lgs. 33/2013 recante il Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni. IL RESPONSABILE U.O.C. Peruzzi Arch. Mauro

4 Visto si attesta la regolarità contabile e la copertura finanziaria della determinazione di cui all'oggetto ai sensi dell'art. 151, comma 4, del D.L. 18 Agosto 2000 n IMPEGNO ESERC. CAPITOLO DESCRIZIONE CAPITOLO IMPORTO APPALTO PULIZIE EDIFICI COMUNALI , SPESE DI FUNZIONAMENTO E 1.452,00 MANUTENZIONE LASCITO BALDUZZI PREST. SERVIZI SPESE PULIZIA PALESTRA VIA UDINE - SERV. RILEV. AI FINI IVA 3.750,00 Osservazioni : Data visto di regolarità Contabile Esecutività: 28/05/2013 IL RESPONSABILE U.O.C. Quecchia rag. Giacoma CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Copia della presente determinazione viene pubblicata mediante affissione all' Albo pretorio del Comune in data odierna per rimanervi quindici giorni consecutivi. Dal 13/06/2013 al 28/06/2013 Il Messo Comunale Giovanna Romano

5 Ufficio Tecnico settore LL.PP. DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI ALCUNI EDIFICI PUBBLICI ANNI Botticino, marzo \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

6 ART. 1 OGGETTO ED IMPORTO DELL AFFIDAMENTO Il presente disciplinare regola il servizio di pulizia ordinaria e straordinaria di alcuni edifici pubblici come indicati nel successivo articolo, assumendo a carico dell appaltatore ogni spesa relativa alla mano d opera, alla fornitura del materiale (detersivi, scope, strofinacci, ecc), nonché a tutto quanto necessario per l esecuzione dello stesso (scaletti, scale, trabatelli, ecc.). Il valore stimato annuo dell appalto è di Euro ,24 + iva, pari a complessivi Euro ,15 + iva comprensivo dell onere per la sicurezza dell 0,5% (Euro 905,00 totali), come da allegata tabella riepilogativa. ART. 2 EDIFICI E PRESTAZIONI Le prestazioni relative al servizio di cui al presente disciplinare comprendono, per gli edifici elencati e per le relative superfici, suddivise in tre tipologie determinate in base alla presenza o meno, di arredi: a) Pulizia ordinaria Edificio 2 Superfici (mq.) vuoto bagni arredato TOTALE 1 Municipio * 576,14 40,21 641, ,40 2 Uffici pubblici di Via Udine 234,90 12,58 154,47 401,95 3 Biblioteca comunale 175,13 23,67 288,98 487,78 4 Sala pubblica San Gallo e Ambulatorio San Gallo 51,66 13,75 64,00 128,75 5 Sala pubblica Via Carini 143,53 12,00 69,54 225,07 6 Pesa pubblica di Via Del Marmo 4,56 8,84 13,40 7 Museo del Marmo 244,50 244,50 8 Palestra Scuola Elementare Botticino Sera** 199,00 8,50 207,50 9 Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina** 722,35 63,55 785,90 10 Scuola materna San Gallo 107,00 23,60 88,90 219,50 11 Miniappartamenti Via D Azeglio (parti comuni) (*) = I prezzi che saranno offerti si intendono comprensivi anche delle pulizie del porticato, della corte. Il solaio, sarà eseguito a richiesta per l importo di Euro 350,00. (**) = Gli interventi sono riferiti all effettivo utilizzo della struttura in base al calendario scolastico, le comunicazioni sono effettuate dall Ufficio LL.PP. su indicazione dell Ufficio Pubblica Istruzione. Nel servizio di pulizia ordinaria è compresa la pulizia dei vetri ad altezza d uomo delle finestre del Municipio ed uffici di Via Udine con relativi sopraluce, Biblioteca, Pesa pubblica, che verrà svolto a rotazione durante il lavoro ordinario almeno due volte l anno. a) Pulizia straordinaria Edificio Tipo di intervento Frequenza interventi a) Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina Pulizia vetri interni ed esterni Semestrale b) Palestra Scuola Elementare Botticino Sera Pulizia vetri interni ed esterni Compreso in pulizie ordinarie c) Lascito Balduzzi Pulizia vetri interni ed esterni Annuale d) Scuola materna San Gallo Pulizia vetri interni ed esterni Semestrale e) Miniappartamenti Via D Azeglio Pulizia tunnel e scivolo esterno Trimestrale ART. 3 DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI a) Pulizia ordinaria Si intendono tutte quelle operazioni volte a mantenere ordinato e pulito l edificio interessato ed i suoi arredi, comprendendo: \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

7 - Spazzatura, vuotatura cestini, portacenere, ecc. con separazione e conferimento differenziato del rifiuto; - Spolveratura e lavaggio con detergente igienico sanificante di tutti i piani di lavoro, scrivanie, cassettiere; - Scopatura pavimenti, pianerottoli e corridoi con scope elettrostatiche e con altre attrezzature idonee in rapporto alla tipologia e alle condizioni, qualunque esse siano delle superfici da trattare; - Lavaggio con acqua e manutenzione appropriata dei pavimenti con l eliminazione di eventuali macchie nei corridoi, uffici, atri, con spostamento e riposizionamento delle cassettiere e delle poltroncine presenti negli uffici; - Lavaggio delle scale; - Spolveratura di tutti i mobili, suppellettili, apparecchiature video e stampanti; - Lavaggio con idoneo prodotto disinfettante dei telefoni; - Eliminazione delle impronte sulle porte a vetro; - Accurata pulizia delle vetrate relative agli sportelli (ad esempio Ufficio Servizi Sociali, Ufficio Anagrafe); - Lavaggio accurato, con appropriati prodotti di disinfezione, di tutti i servizi igienici; - Pulizia del pavimento del portico di ingresso; - Approntamento Sala Consiglio; - Deragnatura (quindicinale); - Pulizia dei vetri ad altezza d uomo svolta a rotazione, una/due volte l anno. b) Pulizia straordinaria Comprende tutte quelle operazioni non ripetitive che venissero ordinate in via speciale dall Amministrazione Comunale nonché la pulizia delle superfici vetrate che necessitano dell uso di trabatelli. c) Interventi straordinari Approntamento e sistemazione sedie nonché posa impianto voci o altro, per manifestazioni varie effettuate in locali diversi (es. 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, 1 novembre, ecc.), pulizie di fine cantiere, traslochi. ART. 4 FREQUENZE DI INTERVENTO Le prestazioni di pulizia ordinaria si svilupperanno di massima con le frequenze sotto indicate che potranno variare secondo specifiche esigenze dell Amministrazione Comunale previo accordo con la ditta assuntrice del servizio: Edificio n. passaggi alla settimana - Municipio 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi - Uffici pubblici di Via Udine 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi - Biblioteca comunale** 4 passaggi per 39 settimane / 2passaggi per 13 settimane - Sala pubblica Via Carini 1 passaggio - Sala pubblica e ambulatorio San Gallo 3 passaggi edificio, mentre per i bagni 5 passaggi Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina A richiesta dell ufficio P.I. Palestra Scuola Elementare Botticino Sera A richiesta dell ufficio P.I. Museo del Marmo 1 passaggio al mese Pesa pubblica di Via Del Marmo 1 passaggio alla settimana Scuola materna San Gallo 5 passaggi alla settimana per 45 settimane annue Miniappartamenti Via D Azeglio 2 passaggi al mese * per il servizio presso la Biblioteca, in ragione della diminuzione dell affluenza alla fine del periodo scolastico,la frequenza viene ridotta a 2 passaggi durante i 3 mesi estivi. 3 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

8 ART. 5 CONTABILIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di pulizia ordinaria viene compensato a misura, secondo la tabella di cui al precedente art. 2, distinguendo tra le superfici dei locali destinati ad ufficio arredati e quelle di locali non arredati. Il dettaglio di ciascun edificio è contenuto nelle tabelle allegate. Costo per pulizia ordinaria con passaggio quotidiano: Euro/mq. 0,15 per locali arredati e bagni; Euro/mq. 0,07 per locali vuoti. Detto costo è fisso ed invariabile sino ad una frequenza di n. 3 passaggi settimana; al di sotto di tale frequenza il costo unitario dovrà essere aumentato del 20%. Il servizio di pulizia delle palestre viene contabilizzato ad ore di effettivo servizio, reso a richiesta dell Ufficio Pubblica Istruzione ed il costo orario è pari ad Euro/ora 15,36. La pulizia straordinaria dei vetri viene compensata come segue: Municipio mq. 246,32 Uffici pubblici di Via Udine mq. 84,11 Biblioteca comunale mq. 115,09 Sala pubblica Via Carini mq. 118,04 Sala ed ambulatorio pubblica San Gallo mq. 494,80 Palestra Scuola Elementare Botticino Mattina mq. 116,43 Palestra Scuola Elementare Botticino Sera mq. 50,00 Museo del Marmo mq. 238,20 Pesa pubblica di Via Del Marmo mq. 14,48 Il costo orario del personale è pari ad Euro 15,65 per servizi occasionali richiesti in occasione di festività. Art. 6 Personale addetto Il personale disporrà delle chiavi di accesso ai locali e pertanto gli incaricati del servizio dovranno essere opportunamente selezionati. All uopo la ditta, all assunzione del servizio ed in occasione di ogni cambiamento, dovrà depositare l elenco del personale addetto; l Amministrazione Comunale si riserva di approvare detto elenco e potrà comunque chiedere la sostituzione di coloro che non fossero ritenuti idonei, per fondate e motivate ragioni. Il personale impiegato dovrà essere munito di idoneo tesserino di riconoscimento che consentirà l accesso agli edifici comunali. Per ragioni di sicurezza il personale è tenuto ad esporre il suddetto tesserino sulla divisa di lavoro (che deve riportare il nominativo dell Impresa aggiudicataria). Sarà compito del responsabile degli addetti di provvedere alla chiusura di tutti i locali e dei cancelli esterni ove esistenti. L Impresa aggiudicataria dovrà nominare un suo referente a cui il Comune possa fare riferimento durante tutto l orario di servizio, che dovrà inoltre essere sempre reperibile telefonicamente per coordinare il lavoro di pulizia e le diverse attività accessorie. L Impresa dovrà documentare che il suo Referente sia stato formato in materia di sicurezza e prevenzione come previsto dalla vigente legislazione. Il Referente dell Impresa avrà il compito di programmare, coordinare, controllare e far osservare al personale impiegato le funzioni ed i compiti stabiliti, di intervenire, decidere e rispondere direttamente riguardo ad eventuali problemi che dovessero sorgere in merito alla regolare esecuzione delle prestazioni appaltate ed accertare gli eventuali danni. Pertanto, tutte le comunicazioni e contestazioni di inadempienza fatte in contraddittorio con il Referente dell Impresa, dovranno intendersi fatte direttamente all Impresa stessa. 4 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

9 L impresa dovrà compilare quotidianamente un Registro presenza, indicando il personale presente in ciascuna sede facendone pervenire copia all Amministrazione Comunale ogni mese o a semplice richiesta dell UTC LL.PP. Il Comune nominerà un proprio Responsabile per il coordinamento e la vigilanza sul servizio di pulizia e sui servizi accessori ricompresi nel presente appalto, Responsabile che sarà l unico referente dell Impresa per i servizi affidati in appalto. Il Responsabile nominato dal Comune avrà facoltà e diritto, in ogni momento, di eseguire accertamenti sulle attrezzature ed i prodotti utilizzati per la pulizia che dovranno risultare corrispondenti alle specifiche tecniche. Il controllo si esplicherà mediante controlli sul rispetto di quanto indicato nel piano di lavoro e, più in generale, in tutta la documentazione presentata in sede di offerta. Non saranno riconosciuti all Impresa corrispettivi relativi a lavori straordinari non espressamente autorizzati dal Responsabile comunale. MATERIALE D USO E ATTREZZATURE I materiali impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia (ad esempio: biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità). L Impresa aggiudicataria dovrà sottoporre al Responsabile comunale, prima del loro utilizzo, le schede tecniche e le schede di sicurezza, redatte in lingua italiana, di tutti i prodotti (detergenti, disinfettanti, ecc.) che intende impiegare, comprendenti: - il nome del produttore, - le caratteristiche del prodotto - il contenuto in percentuale dei principi attivi, - il dosaggio di utilizzo, - il ph della soluzione in uso, - i simboli di pericolo, le frasi di rischio e prudenza e le indicazioni per il primo intervento. E vietato l uso di prodotti tossici e/o corrosivi ed in particolare acido cloridrico e ammoniaca. I detergenti ed i disinfettanti devono essere utilizzati ad esatta concentrazione e devono essere preparati di fresco. E vietato l uso di sostanze acide ed eccessivamente alcaline e contenenti ammoniaca o coloranti sui pavimenti di marmo, piastrelle, conglomerati; sulle superfici di grès si potranno usare dei detergenti lievemente acidi; sui pavimenti in PVC, linoleum e gomma, non potranno essere usati prodotti contenenti idrocarburi, detersolventi o prodotti all anilina che li danneggerebbero irreparabilmente. Per il pavimento in cotto dovranno essere utilizzati detergenti specifici. Tutti i servizi oggetto del presente appalto dovranno essere eseguiti con strumenti ed attrezzature proprie, nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza del lavoro e dei criteri generali di sicurezza antincendio. Tutte le macchine, i componenti di sicurezza le attrezzature impiegate nell espletamento del servizio dovranno essere conformi a quanto stabilito dal T.U. 81/08. L Impresa sarà responsabile della custodia sia delle macchine che delle attrezzature tecniche. Il Comune non sarà responsabile nel caso di eventuali danni o furti di macchine ed attrezzature. ART. 7 - ONERI ED OBBLIGHI Sono a carico della ditta, senza diritto di rivalsa, i seguenti oneri ed obblighi: a) tutte le spese derivanti dalla stesura del contratto. b) l'osservanza delle norme derivanti dalle vigenti leggi e decreti relativi all'assicurazione del personale contro gli infortuni sul lavoro. c) l'applicazione ai lavoratori dipendenti delle condizioni normative non inferiori a quelle stabilite dai contratti di lavoro collettivo vigenti al momento dell'esecuzione delle prestazioni. d) l'assunzione di una polizza assicurativa per danni a cose e persone procurati dal personale della ditta durante l'espletamento del servizio, sollevando da qualsiasi responsabilità l'amministrazione Comunale. e) il rimborso di tutti i danni derivanti da incapacità, imperizia o comunque non imputabili all'appaltatore del servizio. f) la fornitura di attrezzature di lavoro e dei materiali di consumo richiesti per lo svolgimento del servizio. Il Comune mette a disposizione gratuitamente l acqua e l energia elettrica necessaria per l espletamento del servizio, nonché un locale ripostiglio o magazzino per il deposito del materiale. 5 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

10 Per quanto non compreso nel presente disciplinare si fa riferimento alle disposizioni di legge ed ai regolamenti vigenti in materia. ART. 8 DURATA DEL CONTRATTO - RINNOVO Il contratto d opera di cui al presente disciplinare avrà durata di 2 anni a partire dal 01/04/2013 fino al 31/12/2015 ed è rinnovabile, per un periodo non superiore al primo, alle stesse condizioni. La ditta appaltatrice se richiesto dall Amministrazione Comunale con preavviso di almeno 3 mesi sulla scadenza stabilita, è tenuta a prorogare il servizio alle stesse condizioni economiche previste nel presente disciplinare, al fine di garantire la continuità del servizio, nelle more di una nuova aggiudicazione ART. 9 - REVISIONE PREZZI Ai sensi delle norme vigenti è ammessa la revisione dei prezzi per tutto il periodo di validità del contratto, in base all andamento dell indice generale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati quale risulta dalle pubblicazioni ISTAT in base all andamento dell indice generale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati (ex costo vita) quale risulta dalle pubblicazioni ISTAT con base = 100. I prezzi delle prestazioni e delle somministrazioni riportati nell'offerta, verranno adeguati annualmente secondo i criteri di cui sopra. Non si applica l'art del Codice Civile. ART RESCISSIONE DEL CONTRATTO L'inosservanza delle norme di cui al presente disciplinare, con particolare riguardo all'inefficienza riscontrata, nonché la provata frode o grave negligenza nell adempimento degli obblighi contrattuali od ancora nel caso di subappalto del contratto, dà facoltà all'amministrazione Comunale, previa costituzione in mora della ditta mediante tre richiami scritti, di recedere dal contratto con escussione della cauzione ex art. 13, senza che l'appaltatore possa pretendere alcunché per rivalsa, danni, mancato guadagno, ecc.; allo stesso verranno riconosciute le sole prestazioni maturate fino alla data di rescissione al netto delle eventuali penali. ART MODALITÀ DI PAGAMENTO Le prestazioni di cui al presente disciplinare saranno liquidate ogni mese, con pagamento della fattura a 30 giorni fine mese data fattura e previo visto di controllo dell'ufficio Tecnico e complete del calendario con specificate le prestazioni effettuate. Le fatture dovranno essere separate e così distinte: 1) edifici pubblici 1.a) municipio 1.b) uffici di Via Udine 1.c) sala Via Carini 2) biblioteca 3) sala Via San Gallo 3.a) ambulatorio San Gallo 3.b) museo del marmo 4) palestra Botticino Mattina 5) palestra Botticino Sera 6) pesa pubblica 7) scuola materna San Gallo 8) miniappartamenti Via D Azeglio 8.a) pulizia mensile parti comuni 8.b) pulizia trimestrale tunnel e scivolo Sulla fattura potrà essere operata d'ufficio la penale di cui al successivo articolo. 6 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

11 ART PENALI Per ogni inadempienza riscontrata e contestata alla ditta verrà applicata una penale di Euro 100,00 (cento) che sarà detratta, previa notifica alla ditta, sulla prima fattura in pagamento nel periodo successivo. ART CAUZIONE All'atto del contratto la ditta affidataria dovrà depositare nelle forme e nei modi previsti dalle norme vigenti, una cauzione pari al 10% dell'importo contrattuale in ragione d'anno, ex art.113 D.Lgs. 163/06. Detta cauzione sarà restituita alla conclusione del contratto e sulla stessa l'amministrazione Comunale potrà rivalersi nelle forme di legge per inadempienze, danni e quanto altro imputabile alla ditta medesima. ART. 14 SUBAPPALTO - DIVIETI È vietato all'appaltatore subappaltare in tutto od in parte le prestazioni di cui al presente disciplinare, se non espressamente autorizzato dall Amministrazione Comunale. Gli è altresì vietato variare per qualsiasi ragione il servizio affidato; tutte le modifiche che si dovessero rendere necessarie dovranno essere concordate con l Amministrazione Comunale che dovrà preventivamente approvarle. ART. 15 INTERVENTI AGGIUNTIVI O STRAORDINARI Alla ditta appaltatrice potranno essere affidati interventi straordinari od aggiuntivi ai prezzi e condizioni di cui al presente disciplinare od a quelli che saranno definiti di volta in volta, per ogni singolo intervento. ART INVARIABILITÀ DEI PREZZI Il prezzo offerto dalla ditta sarà comprensivo di ogni onere riflettente le diverse assicurazioni del personale, gli adempimenti prescritti in tema di fornitura vestiario, attrezzature di lavoro, materiali di consumo e rimborso spese di trasporto e trasferimento, le garanzie e le polizze richieste o comunque prescritte dalle leggi vigenti e sarà formulato in base a calcoli di convenienza propria dell'appaltatore medesimo, a tutto suo rischio, e quindi esso è fisso ed invariabile, salvo che per gli aggiornamenti annuali previsti in convenzione. Le superfici di cui alle allegate tabelle presente elenco ed alla specifica indicata all art. 2 sono da ritenersi standardizzate ed accettate dalle parti come unico riferimento attendibile, senza variazione alcuna che non sia dovuta ad aumento o diminuzione degli spazi stessi. L Amministrazione Comunale La ditta 7 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\disciplinare pulizia edifici 2013.doc

12 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA all art. 26 comma 1 lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Servizio di pulizia edifici comunali anni 2013/2014/2015 \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 1 di 11

13 PREMESSA NORMATIVA Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 in attuazione dell art. 1 della legge 3 Agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Il presente documento di valutazione contiene le principali informazioni/prescrizioni in materia di sicurezza per fornire all impresa appaltatrice o ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività in ottemperanza all art. 26 comma 1 lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 che cita: a) al comma 3: Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile ridurre al minimo i rischi da interferenze. Tale documento è allegato al contratto di appalto o d opera. Le disposizioni del presente comma non si applicano ai rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. Tale documento e' allegato al contratto di appalto o d'opera. b) Per quanto concerne i costi della sicurezza per i contratti di lavori pubblici (e per il settore privato), il presente DOCUMENTO DI VALUTAZIONE si attiene a quanto previsto nelle Linee Guida per l applicazione del DPR 222/2003, approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data 1 marzo In tale documento viene evidenziano come i costi della sicurezza per i lavori sono solo e soltanto quelli individuati nell art. 7 del DPR 222/2003, così come ribadito anche dalla determinazione n. 4/2006 dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici. I costi della sicurezza non possono essere soggetti a ribasso in sede di gara. c) La ditta appaltatrice dovrà produrre un proprio piano operativo sui rischi connessi alle attività specifiche, coordinato con il DVR unico definitivo Secondo la Determinazione n.3 del 5 marzo 2008 Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture. Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, predisposizione del documento unico di valutazione dei rischi (DUVRI) e determinazione dei costi della sicurezza (GU n. 64 del ): Deve, inoltre, essere sottolineato che la valutazione dei rischi da interferenze, in particolare negli edifici quali, a titolo esemplificativo, ospedali e scuole, deve avvenire con riferimento non solo al personale interno ed ai lavoratori delle imprese appaltatrici, ma anche agli utenti che a vario titolo possono essere presenti presso la struttura stessa quali degenti, gli alunni ed anche il pubblico esterno. Contratto di appalto o contratto d'opera 1. I datori di lavoro, ivi compresi i subappaltatori, devono promuovere la cooperazione ed il coordinamento, in particolare: a) cooperano all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto; b) in caso di subappalto, coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva; c) attuano misure di prevenzione e protezione dai rischi derivanti dall attività oggetto dell appalto Prima dell affidamento dei lavori si provvederà: a verificare l idoneità tecnico-professionale dell impresa appaltatrice (art. 39 D.Lgs. 163/06); e in caso di subappalto delle imprese subappaltatrici; del lavoratore autonomo, attraverso la acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato e dell'autocertificazione dell'impresa appaltatrice; dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale o fornire in allegato al contratto il documento unico di valutazione dei rischi che sarà costituito dal presente \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 2 di 11

14 documento preventivo, eventualmente modificato ed integrato con le specifiche informazioni relative alle interferenze sulle lavorazioni che la ditta appaltatrice dovrà esplicitare in sede di gara. INDICAZIONI DI BASE SULL IMPOSTAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO IN APPALTO PER QUANTO RIGUARDA LA SICUREZZA Si ritiene opportuno ricordare a tutti coloro che saranno chiamati a fornire o partecipare ad un lavoro, quanto sia importante svolgere ogni attività nelle migliori condizioni operative, onde ridurre al minimo incidenti e/o infortuni. Le imprese esterne o lavoratori autonomi che hanno in appalto o subappalto lavori hanno l obbligo di considerare la sicurezza come una priorità assoluta, per salvaguardare sia il proprio personale ed i propri beni, sia quelli dell Amministrazione che le ospita. Ne consegue la necessità di mettere in atto tutte le misure necessarie a prevenire incidenti ed infortuni. A tale scopo l impresa appaltatrice (azienda o lavoratore autonomo) deve: manifestare espressamente ai propri dipendenti il proprio impegno prioritario per la sicurezza; predisporre attrezzature adeguate allo svolgimento di lavori; preparare i piani di lavoro in sicurezza; provvedere ad addestrare il proprio personale sui rischi insiti nella propria mansione e su quelli rappresentati dagli impianti su cui lavora e dai prodotti che manipola. Le imprese appaltatrici ed i lavoratori autonomi saranno pienamente responsabili, a tutti gli effetti civili e penali, per danni al proprio personale, a terzi o a beni del committente causati dalla inosservanza, da parte delle imprese stesse e del loro personale, delle disposizioni di legge che regolano la materia. La Direzione Lavori ed il Servizio di Prevenzione e Protezione del committente potranno intervenire presso le imprese esterne richiamandole all osservanza delle norme di sicurezza, rimanendo comunque le imprese stesse pienamente responsabili del loro operato. CONTENUTI DELL ELABORATO Il presente documento di valutazione dei rischi, specifico per l attività di Pulizia degli edifici comunali affidata a ditte/lavoratori esterni, analizza i rischi a cui sono complessivamente soggetti, con l obbiettivo di promuovere la cooperazione e il coordinamento al fine di individuare ed eliminare eventuali interferenze nel rispetto dei disposti di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81/08. Il Servizio comprende anche occasionalmente, piccoli lavori di facchinaggio per spostamento di arredi o documenti da una sede all altra di proprietà comunale, approntamento di sedie e microfoni per manifestazioni presso il Municipio o la Biblioteca, in occasione di ricorrenze. PRIMA PARTE Criteri e metodi di valutazione adottati SECONDA PARTE Informazione sui rischi presenti TERZA PARTE Richiesta dei rischi specifici da parte dei soggetti esterni QUARTA PARTE Esame della valutazione e misure di sicurezza da applicare, suddivisa per tipologia di intervento: QUINTA PARTE Norme generali da rispettare. Costi sulla sicurezza. PRIMA PARTE CRITERI E METODO DI VALUTAZIONE ADOTTATI (art. 15 comma a) \\ \uffici\LLPP\Opere Lavori Pubblici\Servizi\pulizia ord. e straord. edifici\2013\duvri.doc Pagina 3 di 11

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli